BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010"

Transcript

1 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINSTRAZIONE BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO CASSA DI RISPARMIO DI CESENA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI GRUPPI BANCARI). SOGGETTA ALL'ATTIVITÀ DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA.

2 ORGANI DELLA BANCA DI ROMAGNA SPA Consiglio di Amministrazione Presidente Vice Presidente Consiglieri Atos Billi Giovanni Tampieri Vittorio Farabegoli Donatella Callegari Ciani Giancarlo Fulvio Colletti Paolo Fabbri Gianluca Giovannetti Bruno Piraccini Collegio Sindacale Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti Enrico Piombini Giovanni Della Bella Carlo Lugaresi Cesare Bedeschi Matteo Montini Direzione Direttore Dirigente Francesco Pinoni Filomena Gottarelli

3 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010

4 Signori Azionisti, l esercizio appena concluso coincide con il dodicesimo anno di attività del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Cesena di cui Banca di Romagna è parte. Nel 2010, in un contesto di crescita contenuta delle economie avanzate, si sono evidenziati i problemi collegati al debito pubblico di alcuni Stati sovrani, cui hanno contribuito anche politiche di sostegno ai rispettivi sistemi bancari. In particolare, è emersa la fragilità di Irlanda, Grecia, Portogallo e Spagna arrivando a mettere in dubbio il rapporto di sostenibilità dell Unione Europea, che pare manifestarsi più come un unione monetaria che politica. Gli effetti della forte turbolenza finanziaria iniziata nell estate 2008, proseguita poi a livello di economia reale, ha causato la crisi di diverse realtà aziendali e ad esse collegate contribuendo anche a deteriorare i bilanci del settore bancario. In questo contesto, la nostra Banca ha saputo differenziarsi per l affidabilità della gestione dei risparmi riaffermando il proprio ruolo di banca territoriale, rispettosa delle esigenze dell economia reale. Prima di esaminare la relazione sulla gestione e sui risultati conseguiti delineiamo, in maggior dettaglio, il quadro operativo nell'ambito del quale si è svolta l'attività delle banche appartenenti al Gruppo. 1) QUADRO OPERATIVO DI RIFERIMENTO 1.1) Economia Internazionale Si illustra l andamento dell economia internazionale sulla base dei dati desunti dalla relazione annuale della Banca d Italia e della relazione annuale dell Associazione Bancaria Italiana. Dopo la crisi iniziata nell estate del 2007 nel mercato dei mutui immobiliari americani che ha progressivamente esteso i suoi effetti negativi sull economia reale dei principali Paesi e il cui punto ciclico di minimo è stato toccato nel corso del primo trimestre 2009, il 2010 è stato un anno di robusta crescita nelle principali economie emergenti e in misura meno accentuata in quelle avanzate. La dinamica del Prodotto Interno Lordo nelle principali economie ha registrato un deciso aumento. Secondo le proiezioni dell OCSE, nella media del 2010 il prodotto mondiale è aumentato del 4,6%. Dall estate 2010 il prezzo del petrolio ha ripreso ad aumentare riflettendo il deprezzamento della valuta comune nei confronti del dollaro e il rafforzamento della domanda, soprattutto da parte di Stati Uniti e Cina. Le prospettive restano tuttavia incerte, in particolare nelle economie avanzate, dove i consumi privati risentono della debolezza del mercato del lavoro e della necessità di risanare i bilanci pubblici in alcuni paesi, in un contesto caratterizzato da mercati immobiliari ancora assai vulnerabili. Sulla base delle informazioni contenute nei bollettini della Banca d Italia e della Banca Centrale Europea, lo scorso anno gli Stati Uniti hanno registrato una crescita del prodotto interno lordo pari al 2,9%, rispetto al calo del 2,6% del 2009; l attività è stata sostenuta principalmente dai consumi privati e dall accumulo di scorte. La ripresa dell attività produttiva statunitense è spiegata in primo luogo dalla crescita degli investimenti fissi, aumentati lo scorso anno del 5,5% (-17,1% nel 2009). Anche i

5 consumi privati sono tornati a crescere (+1,8%), così come le esportazioni (+11,7% rispetto al -9,5% nel 2009) e le importazioni (+12,6% contro il -13,8% nel 2009). Al fine di consolidare la ripresa, il governo statunitense ha varato in dicembre un nuovo programma di stimolo fiscale, con nuove misure a sostegno dei redditi e degli investimenti con effetti positivi attesi sulla crescita del PIL, sulla crescita dei consumi privati e delle esportazioni. In prospettiva, sull intensità della ripresa continuano tuttavia a gravare rilevanti fattori di rischio; infatti, il recupero dell occupazione è stato sinora modesto e le prospettive restano deboli. Alla debolezza del mercato del lavoro si aggiunge la perdurante stasi del settore immobiliare, con il volume delle compravendite di abitazioni che ha ristagnato. Nel corso del 2010 l andamento dell indice generale dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è tornato a crescere: il tasso medio d inflazione è passato, infatti, dal -0,3% del 2009 al +1,6% del In Giappone, il Prodotto interno lordo è risultato nel 2010 in deciso aumento con una crescita del 4,0% rispetto al calo marcato dello scorso anno (-6,3%), nonostante una flessione nell ultimo trimestre dell anno. Un contributo positivo alla crescita l hanno portato gli investimenti privati non residenziali e le scorte. In Giappone, dopo il calo dell 1,1% dei prezzi al consumo nel 2009, il 2010 è stato caratterizzato da un aumento dell inflazione dell 1%. L attività economica nei principali Paesi emergenti nella seconda metà del 2010 ha mostrato una crescita generalmente solida, pur con segni di moderazione, soprattutto in Brasile. Dall autunno le pressioni inflazionistiche si sono accentuate nel complesso dei paesi emergenti, soprattutto per effetto del rincaro dei prodotti alimentari in connessione con l accelerazione dei prezzi delle corrispondenti materie di base sui mercati internazionali. Per questo le autorità monetarie sono intervenute con politiche restrittive quali aumenti dei coefficienti di riserva obbligatoria (in Cina), rialzo dei tassi di interesse (in India); alcuni paesi hanno poi introdotto misure di controllo sugli afflussi di capitale a breve termine. Nel Regno Unito il PIL è aumentato del 2,9% nel terzo trimestre in ragione d anno, contro il 4,6% nel secondo. La crescita è stata sostenuta dalla domanda interna, a fronte di una flessione delle esportazioni nette. L inflazione ha segnato un ulteriore incremento in novembre al 3,3%. La Banca d Inghilterra ha mantenuto invariato il tasso di riferimento della politica monetaria allo 0,5% e non ha modificato l obiettivo di acquisizione di attività finanziarie. Nell Area Euro, il 2010 si è chiuso con una crescita media del PIL dell 1,7%, in deciso aumento rispetto al calo del 2009 (-4,0%). Gli investimenti fissi lordi hanno mostrato una caduta nei primi tre trimestri (-1,9%), mentre i consumi privati sono aumentati dello 0,7% nello stesso periodo rispetto all anno precedente; le esportazioni, nei primi tre trimestri del 2010 sono aumentate del 9,6%, contro il calo del 13,1% complessivo del 2009, mentre la produzione industriale dell Eurozona ha fatto registrare nel 2010 una crescita media del 7,1%. Nel corso del 2010 l inflazione dell area, misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, è gradualmente aumentata; questa tendenza è attribuibile in gran parte all accelerazione dei prezzi dei beni energetici e degli alimentari, accompagnati dal progressivo incremento delle quotazioni delle materie di base. Nell Area Euro, in media d anno, si è manifestata un inflazione al consumo pari all 1,6% (0,3% nel 2009).

6 Quanto ai diversi Paesi aderenti all Euro, secondo i dati armonizzati forniti dall Eurostat, si è registrata la seguente dinamica nel tasso di inflazione: in Germania una crescita dell 1,2% (contro lo 0,2% del 2009), in Italia una crescita dell 1,6% (+0,8% nel 2009) e in Francia una crescita dell 1,7% (+0,1% nel 2009). 1.2) Economia Italiana Sulla base delle informazioni contenute nei bollettini della Banca d Italia e nella relazione annuale ABI, la performance macroeconomica italiana nel 2010 ha visto una ripresa del Prodotto Interno Lordo pari all 1,3% dopo l andamento annuo nel 2009 marcatamente negativo (-5,2%). I dati trimestrali mostrano un andamento migliore nella prima parte dell anno, mentre il terzo e quarto trimestre hanno evidenziato una nuova frenata. L indice della produzione industriale ha registrato nel 2010 una crescita media del 5,4% dopo il forte calo del 2009 (-18,2%); con l eccezione dei mesi di settembre e ottobre, nel resto dell anno l indice è sempre cresciuto su base mensile. Dal lato della domanda, al modesto incremento dei consumi delle famiglie si è affiancata la decelerazione degli investimenti. Sostenuta dal comparto non residenziale, l attività del settore delle costruzioni ha registrato un aumento degli investimenti di circa lo 0,6% rispetto all anno precedente, interrompendo una flessione che perdurava dall inizio del Il clima di fiducia delle imprese operanti nel comparto edile ha segnato un recupero in ottobre e in novembre, sia nella componente attuale che in quella prospettica. Nel terzo trimestre 2010 è continuato il recupero della produttività oraria del lavoro (+2,0% nei primi 9 mesi dell anno nel settore privato). La redditività delle imprese (secondo stime basate sui conti nazionali) ha continuato a migliorare nei dodici mesi terminanti a settembre 2010, consolidando la ripresa della prima metà dell anno. Nello stesso periodo il fabbisogno finanziario (calcolato come differenza tra investimenti lordi e autofinanziamento) è leggermente aumentato, riflettendo il recupero degli investimenti avviato in giugno. Nei primi 9 mesi del 2010 i consumi medi delle famiglie hanno registrato un lieve recupero (+0,7% rispetto allo stesso periodo del 2009), grazie alla crescita della spesa in beni durevoli, pur continuando a risentire della debolezza del reddito disponibile reale. Dopo essere peggiorato nella prima metà del 2010, dallo scorso agosto si registra una lieve crescita della fiducia delle famiglie per quanto riguarda la convenienza degli acquisti di beni durevoli e le possibilità future di risparmio. Nel terzo trimestre 2010 il debito delle famiglie in rapporto al reddito disponibile è aumentato, portandosi al 65%. L incidenza resta comunque largamente inferiore a quella registrata nel complesso dell area euro (98% in giugno). Si è registrato in Italia nel 2010 un aumento del tasso d inflazione; l incremento annuo dell indice dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale è stato pari all 1,5% (+0,8% nell anno precedente), assistendo ad un progressivo rialzo nel corso dell anno. Le esportazioni nei primi tre trimestri del 2010 hanno evidenziato una variazione media tendenziale positiva pari al 6,9%, rispetto a una flessione media del 19,1% nel 2009; l aumento ha riguardato tutti i settori merceologici, soprattutto i comparti della meccanica, dei mezzi di trasporto e del made in Italy (tessile e abbigliamento)

7 Le importazioni sono cresciute del 7,8 % (-14,6% nel 2009), sostenute in particolare dall incremento delle importazioni di prodotti elettronici e di autoveicoli. Nei primi 10 mesi del 2010 il disavanzo corrente della bilancia dei pagamenti è stato pari a 43,0 miliardi di euro, in aumento rispetto allo stesso periodo del 2009 (28,8 miliardi). Il saldo commerciale è peggiorato con un disavanzo di 13,1 miliardi, in relazione all ampliamento del deficit energetico e alla riduzione dell avanzo negli altri prodotti. L'andamento del mercato del lavoro è stato uno dei principali elementi negativi dello scenario economico dello scorso anno; secondo l Istituto Nazionale di Statistica, il tasso di occupazione medio italiano del 2010 è stato del 56,8%, in calo dal 57,5% del Il tasso di disoccupazione è aumentato nel confronto tendenziale: il dato si è attestato all 8,5% (7,8% nello stesso periodo dello scorso anno) e si è mostrato in aumento soprattutto tra settembre ed ottobre, un livello comunque inferiore rispetto ai Paesi dell'area Euro (ancora prossimo al 10%). Il tasso di disoccupazione giovanile ha registrato un aumento più marcato attestandosi al 27,8% (25,4% nel corrispettivo periodo del 2009). Nel 2010 le ore di Cassa integrazione guadagni (CIG) autorizzate dall INPS sono cresciute del 31,7% rispetto all anno precedente. Nei primi 9 mesi del 2010 le retribuzioni unitarie di fatto sono rimaste sostanzialmente invariate (+0,1% rispetto allo stesso periodo del 2009, +0,6% nel settore privato non agricolo) crescendo ad un ritmo inferiore rispetto a quello dei prezzi al consumo. 1.3) Economia della Regione Emilia-Romagna I dati del rapporto annuale dell Unioncamere confermano che anche per l Emilia- Romagna la fase più acuta della crisi dovrebbe essere ormai alle spalle. Il 2010 è previsto chiudersi con un incremento reale del Prodotto Interno Lordo regionale pari all 1,5%, recuperando solo in minima parte le flessioni dell 1,5% e del 5,9% rilevate rispettivamente nel 2008 e Il settore industriale, dopo aver risentito della netta inversione di segno negativo della congiuntura mondiale nel corso del 2009, a partire dalla primavera ha mostrato una moderata ripresa. La previsione elaborata da Unioncamere e Prometeia stima il valore aggiunto in aumento del 4,1% a fine 2010, rispetto alla riduzione del 15,0% fatta segnare lo scorso anno. La ripresa pare essersi avviata prima per le imprese maggiori e poi essersi progressivamente diffusa alle imprese più piccole, grazie all esternalizzazione dell attività. Nei primi nove mesi dell anno il fatturato è salito del 2,1% per le imprese regionali medio-grandi (dai 50 ai 499 dipendenti), dello 0,6% per quelle piccole (dai 10 ai 49 dipendenti), ma è risultato ancora in calo dell 1,7% per le imprese minori (da 1 a 9 dipendenti). L evoluzione del fatturato estero è risultata più marcata in tutti i settori, in particolare per quelli della moda. Anche l andamento delle esportazioni regionali nei primi nove mesi del 2010 (+2,6%) è risultato lievemente migliore rispetto a quanto registrato in Italia (+2,0%) e nel Nord-Est (+2,3%). Analizzando i vari settori emerge che l industria alimentare e delle bevande, nonostante il suo carattere di settore anticiclico, ha risentito della pressione negativa sui consumi delle famiglie con il fatturato in calo dello 0,6%.

8 L industria del settore moda - tessile, abbigliamento, cuoio, calzature ha registrato un fatturato che, a settembre 2010, si era ridotto del 3,2%, mentre l esportazione, in contro tendenza, ha segnato un aumento dell 1,0%. Anche l industria del legno e del mobile ha attraversato per tutto l anno una fase congiunturale avversa, con la sola eccezione del secondo trimestre. Nei primi nove mesi dell anno il fatturato è salito appena dello 0,3%, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, il valore delle esportazioni è sceso del 3,2% nei primi sei mesi dell anno e la produzione è rimasta sostanzialmente invariata, con un aumento dello 0,2%. L industria meccanica, elettrica e dei mezzi di trasporto dopo essere stata pienamente investita dalla crisi internazionale nel corso del 2009, che ha determinato una forte caduta della spesa in beni d investimento e di consumo durevole, non ha registrato una ripresa particolarmente forte. Il settore, da sempre trainante dell industria regionale, ha conseguito nei primi nove mesi dell anno un aumento del 2,2% sia del fatturato, sia della produzione. Per l industria delle costruzioni, continua la crisi avviata nel 2008 e, per il 2010, è prevista una diminuzione reale del valore aggiunto pari al 2,3%, più contenuta rispetto alla pesante flessione dell 8,3% registrata nel Nei primi nove mesi del 2010 il volume di affari è diminuito del 3,3% rispetto all analogo periodo del 2009, consolidando la tendenza negativa in atto dall estate del L occupazione è apparsa in calo, consolidando la tendenza negativa avviata nel Secondo l indagine Istat sulle forze di lavoro, nel primo semestre del 2010 la consistenza degli occupati è diminuita mediamente del 2,8% rispetto all analogo periodo del 2009, in contro tendenza rispetto a quanto avvenuto in Italia e nel Nord-est. Il calo è stato essenzialmente determinato dagli addetti dipendenti (-4,2%), a fronte di un più moderato calo degli autonomi (-1,4)%. La disoccupazione nel primo semestre 2010 è stata pari al 6,0%, in aumento dal 4,3% dell anno precedente. Secondo lo scenario di previsione predisposto da Unioncamere Emilia-Romagna e Prometeia, il 2010 si chiuderà con un tasso di disoccupazione del 6,2%, destinato a salire ulteriormente al 7,5% nel 2011 e all 8,2% nel Per il commercio nei primi nove mesi del 2010 si è registrata una diminuzione media nominale del fatturato pari all 1,0% rispetto all analogo periodo dell anno precedente. Nello stesso periodo del 2009 le vendite erano diminuite del 3,2%. La dimensione più contenuta è quella maggiormente penalizzata. Infatti, mentre la piccola distribuzione (da 1 a 5 addetti) registra una diminuzione delle vendite pari al 3,1% (in miglioramento rispetto alla flessione del 5,8% dell anno passato), la media distribuzione (da 6 a 19 addetti) registra una diminuzione pari all 1,9% (-5,0% nel 2009), la grande distribuzione (20 addetti ed oltre) fa segnare una crescita dello 0,9% (-1,0% il dato del 2009, unica variazione negativa del decennio). Secondo le stime dell Assessorato dell Agricoltura della Regione, l andamento della produzione lorda vendibile del settore agricolo per il 2010 dovrebbe salire di oltre il 5%, invertendo il trend negativo che aveva caratterizzato lo scorso biennio. A determinare la ripresa sono stati, in particolare modo, i comparti dei cereali e della frutta, oltre alla ripresa delle colture industriali, mentre è risultato negativo il saldo del comparto degli ortaggi. Il valore della produzione lorda vendibile della zootecnia da carne bovina dovrebbe risultare sostanzialmente invariato, a causa della debolezza delle quotazioni. L andamento dell annata per gli allevamenti avicunicoli dovrebbe risultare negativo: l avicunicoltura da carne dovrebbe vedere diminuire il proprio valore del 6%, a causa della riduzione delle quotazioni.

9 Per quanto riguarda il settore turistico, dai dati di ottobre 2010 è emerso in Emilia- Romagna un andamento di segno leggermente positivo per gli arrivi (+0,3%), e negativo per le presenze (-0,8%); in flessione i dati relativi alla clientela italiana (-2,8% per gli arrivi e - 3,1% per le presenze) mentre il turismo straniero segna una ripresa (con la Germania che continua ad essere il paese più rappresentato). Nei primi nove mesi del 2010 l artigianato manifatturiero dell Emilia - Romagna ha evidenziato qualche segnale di ripresa, dopo la fase recessiva che aveva caratterizzato il 2009, ma il bilancio complessivo è risultato ancora negativo. Nel periodo considerato la produzione è scesa, mediamente, del 2,2% (-15,4% nel 2009), con i primi tre mesi dell anno particolarmente negativi (-7,8% su base tendenziale), seguiti da una ripresa (+1,8%) nell ultimo trimestre. Per quanto riguarda i prezzi al consumo il 2010 è iniziato con una crescita tendenziale dell 1,1%. Il moderato rialzo dell inflazione è maturato in un contesto di ripresa dei prezzi industriali alla produzione che sono aumentati tendenzialmente ad ottobre 2010 del 3,8%, consolidando la tendenza espansiva avviata a febbraio. La causa è da ricercarsi principalmente nel forte aumento delle materie prime che ha contraddistinto i primi dieci mesi del 2010 (+34,9% il dato di ottobre). L export dei primi sei mesi del 2010 ha evidenziato un aumento dell 11,7%, dopo la forte flessione dello stesso periodo del 2009 (-23,3%), allineandosi a quanto registrato nelle altre regioni italiane, in particolare nel Nord-Est (+11,4%) e in Italia (+12,4%). L Emilia- Romagna è risultata comunque la terza regione esportatrice, alle spalle di Lombardia e Veneto. L export continua ad essere fortemente caratterizzato dai prodotti metalmeccanici, che nel primo semestre 2010 hanno rappresentato il 55,0% del totale delle vendite all estero; seguono i prodotti agro-alimentari (10,0%), la moda e i prodotti della trasformazione dei minerali non metalliferi (8,3%). 1.4) Economia della Provincia di Ravenna Sulla base dei dati resi disponibili dalla Camera di Commercio di Ravenna si evince che dopo la crisi internazionale e nazionale che nel 2009 ha colpito anche la provincia di Ravenna, nel secondo trimestre 2010 i dati della produzione hanno mostrato una variazione positiva tracciando un profilo coerente di risalita del ciclo congiunturale. A settembre 2010 la produzione dell industria manifatturiera, pur segnando un calo tendenziale nel primo trimestre del 3,5%, ha registrato una variazione positiva alla fine del terzo trimestre al 2,4%. Dall analisi settoriale, nei primi tre trimestri del 2010, emerge il progressivo diffondersi della ripresa tra i diversi settori manifatturieri. Il terzo trimestre 2010 mostra una crescita della produzione particolarmente rilevante nel settore metalmeccanico e nei settori del tessile e dell abbigliamento. L andamento del fatturato rispecchia quello della produzione. Nella provincia, il fatturato dell industria manifatturiera era sceso nel 2009 mediamente dell'11,3%, inferiore al dato regionale. Nella prima parte del 2010 la diminuzione di fatturato è stata del 3,6%; a partire dal secondo trimestre la variazione si è portata in positivo e il terzo trimestre si chiude con un aumento dello 0,5%, inferiore rispetto al dato regionale. Anche il comparto manifatturiero artigiano ha mostrato segnali di inversione ciclica, con la produzione che nei primi nove mesi del 2010 è aumentata del 4,0%, il fatturato del 4,1% e gli ordinativi del 3,6%.

10 Per quanto riguarda il settore delle costruzioni, non si registra ancora una chiara inversione di tendenza evidenziando nel primo trimestre 2010 un risultato leggermente positivo (+0,6%) per poi mantenersi pressoché stabile nei due trimestri successivi (+0,3% e -0,3% nel secondo e terzo trimestre). Le esportazioni (fonte Istat) delle imprese della provincia di Ravenna a giugno 2010 registravano un aumento del 30,0% rispetto allo stesso periodo del 2009, dato superiore a quello regionale e nazionale. Nel dettaglio settoriale, il 95% dell export provinciale è costituito da prodotti dell industria manifatturiera. Sotto il profilo dei mercati di sbocco, le esportazioni verso i Paesi dell Unione Europea sono aumentate del 14,2%, mentre da segnalare è la crescita straordinaria delle merci e dei servizi destinati all Asia Centrale. Per quanto riguarda l agricoltura, la situazione provinciale del 2010 si presenta con luci ed ombre e con carenze strutturali molto importanti; infatti le avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio hanno inciso negativamente sulle rese qualitative-produttive. Nel settore dell attività portuale, si è registrato un aumento delle movimentazioni di merci del 19,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per il turismo, il 2010 è stato un anno di leggera flessione rispetto al dato del I dati progressivi al 31 ottobre evidenziano un calo del 2,9% sugli arrivi e del 3,8% sulle presenze. I dati Unioncamere sulle vendite del commercio al dettaglio indicano una parziale ripresa nel terzo trimestre dell anno, dopo una contrazione di circa il 2% nei primi due trimestri. Infatti, nel terzo trimestre 2010 la variazione delle vendite ha segnato un +0,4% rispetto al calo del 4,0% del I prezzi al consumo nei primi nove mesi del 2010 risultano stabili intorno all 1%, mezzo punto al di sotto della media nazionale. Per quanto riguarda l occupazione, nei primi nove mesi del 2010 il mercato del lavoro registra una ripresa, in particolare nel terzo trimestre (+5,8%) rispetto a settembre ) Mercato Monetario, Finanziario e Creditizio I tassi di interesse In merito alle politiche monetarie nelle principali aree economiche mondiali, in presenza di una domanda interna ancora fragile e di rischi inflazionistici contenuti, si è mantenuto un orientamento fortemente espansivo, con tassi ufficiali ai minimi storici. Agli inizi di novembre la Federal Reserve americana ha varato un nuovo programma che prevede l acquisto di titoli di Stato a lungo termine e ha mantenuto, nel corso del 2010, il tasso sui Federal Funds a un livello compreso tra lo 0% e lo 0,25%. Presso la BCE, il tasso di rifinanziamento principale è stato mantenuto durante tutto l anno al livello minimo dell 1%. In Italia il tasso Euribor a 3 mesi ha manifestato nel corso del 2010 un assestamento sui bassi livelli raggiunti a fine 2009, dopo aver registrato il minimo storico dello 0,64% ad aprile 2010, seguito da un leggero rialzo verso fine anno, che lo ha posizionato all 1,02% a dicembre, rispetto allo 0,71% dello scorso anno. Peraltro, dall inizio dell anno 2011 il trend a rialzo è proseguito portando, alla fine del primo trimestre, il tasso Euribor a 3 mesi all 1,24% e quello a 6 mesi all 1,56%.

11 Negli ultimi mesi del 2010 i rendimenti dei titoli pubblici a lungo termine delle maggiori economie avanzate sono aumentati. Da novembre si sono acuite le tensioni sul debito sovrano di alcuni paesi dell area euro. Vi hanno concorso le gravi difficoltà del sistema bancario irlandese e le incertezze sulle nuove regole per la risoluzione della crisi del debito sovrano in Europa, in particolare per alcuni paesi (Grecia, Irlanda, Portogallo). Nel corso del quarto trimestre 2010 la rischiosità delle maggiori banche internazionali europee e statunitensi è tornata ad aumentare. I premi sui credit default swap (CDS), che erano scesi rispetto ai massimi registrati in primavera in connessione con la crisi greca, sono tornati a salire in novembre, collocandosi a metà gennaio 2011 mediamente attorno ai 210 punti base. Il mercato interbancario Condizione dei mercati e andamento degli scambi. Le condizioni sui mercati interbancari (e-mid) sono rimaste nel complesso stabili con volumi in lieve contrazione rispetto a quelli scambiati nel corso del 2009 (-6,09%). Si sono tuttavia riscontrati segnali di nervosismo in prossimità delle scadenze delle aste straordinarie della Banca Centrale, con fenomeni di repentini rialzi dei tassi e concentrazione degli scambi sulle scadenze più brevi (tipicamente overnight). Analizzando la distribuzione delle scadenze dei contratti interbancari nel corso del 2010 si nota una netta preferenza degli intermediari a negoziare depositi a breve termine rispetto alle scadenze superiori al mese: i volumi complessivamente scambiati con scadenza da un mese a sei mesi è passato, infatti, dal 1,113 miliardi del 2009 ai 299 milioni di euro del 2010 (-73,16%). Anche sul segmento collateralizzato (MIC), che ha senza dubbio contribuito all allungamento delle scadenze dei depositi, si è assistito, sulla parte finale dell anno, ad una rarefazione degli scambi e ad una diminuzione degli intermediari disposti a prestare liquidità. La Banca Centrale Europea ha continuato a fornire abbondante liquidità al mercato attraverso le operazioni di politica monetaria, ovvero finanziamenti collateralizzati a breve termine a tasso fisso all 1% con piena soddisfazione della domanda. Marginale è stata invece la liquidità fornita attraverso l acquisto in via definitiva di obbligazioni garantite (covered bond), come pure mediante acquisti di Titoli di Stato dei paesi periferici dell area (in primis emissioni governative di Grecia, Irlanda e Portogallo) che sono stati sterilizzati attraverso operazioni settimanali di drenaggio di liquidità per evitare pressioni inflazionistiche e favorire la stabilità dei prezzi. Pur mantenendo una politica monetaria espansiva la Banca Centrale Europea ha iniziato a dettare tempi e modi della cosiddetta exit strategy, cioè il progressivo rientro da misure di politica monetaria non convenzionale quali, a titolo esemplificativo, il meccanismo del tasso fisso in luogo dell asta competitiva, le aste straordinarie con scadenza a 6 e 12 mesi introdotte nel corso del 2009 e l estensione temporanea del collaterale. Per quel che riguarda quest ultimo aspetto, ovvero i requisiti minimi delle attività stanziabili depositabili presso l Eurosistema, era stato previsto un inasprimento dei requisiti per gli ABS a partire dal 1 marzo 2011 (almeno due rating). L 8 aprile 2010 il Consiglio Direttivo ha rivisto ulteriormente la propria strategia operativa: infatti è stata mantenuta la soglia minima di rating accettabile pari a BBB-/Baa3, mentre è stato annunciato che dal 1 gennaio 2011 non sarebbero più stati ammessi, quali

12 collaterali, alcuni strumenti finanziari in precedenza accettati. Nel contempo sono stati introdotti limiti di valutazione dei titoli (haircut) più elevati. Nella riunione del Consiglio direttivo della BCE svoltasi il 3 marzo scorso, la Banca Centrale Europea, pur mantenendo invariato il tasso di riferimento all 1%, ha sottolineato che eserciterà una forte vigilanza affinché il recente rialzo del saggio d inflazione non generi pressioni inflazionistiche. Pertanto è altamente probabile che un aumento dei tassi avvenga già nel corso del secondo trimestre 2011, anziché nella seconda parte dell anno. In un ottica di piena separazione fra politica monetaria convenzionale e misure non convenzionali, la Banca Centrale ha invece deciso di estendere il tasso fisso e la piena allocazione sulle operazioni di rifinanziamento principale fino a quando sarà necessario e almeno sino alla fine del periodo di riserva che terminerà il 12 luglio prossimo. Andamento dei tassi interbancari. In presenza di un ampia offerta di liquidità da parte delle banche centrali, i rendimenti sui mercati interbancari sono rimasti nel complesso stabili. La media mensile del tasso interbancario a un giorno Eonia (Euro OverNight Index Average) è stata pari allo 0,438% in calo rispetto ad un 0,708% del Analizzando le medie mensili si nota che solo a partire dal secondo semestre dell anno il tasso Eonia ha iniziato ad aumentare. EONIA media mensile Variazione Gennaio 0,344 1,812-1,468 Febbraio 0,341 1,257-0,917 Marzo 0,348 1,062-0,714 Aprile 0,353 0,842-0,489 Maggio 0,344 0,782-0,438 Giugno 0,354 0,698-0,344 Luglio 0,481 0,358 +0,124 Agosto 0,426 0,347 +0,078 Settembre 0,454 0,363 +0,090 Ottobre 0,701 0,359 +0,343 Novembre 0,593 0,362 +0,230 Dicembre 0,498 0,355 +0,144 Media Annua 0,438 0,708-0,270 Rendimenti medi mensili EONIA: confronto (Fonte: Bloomberg) Eonia: Euro OverNight Index Average La media dell Euribor a 3 mesi nel 2010 è stata pari allo 0,82% contro l 1,24% del 2009 (4,70% nel 2008). L Euribor a 6 mesi medio del 2010 è stato pari all 1,09% rispetto all 1,45% dell anno precedente (4,78% nel 2008).

13 Medie mensili Euribor 3M Medie mensili Euribor 6M Variazion Variazion Variazion Variazion e e e e Gennaio 0,689 2,491 4,544-1,801-2,053 0,991 2,574 4,564-1,583-1,990 Febbraio 0,671 1,970 4,423-1,299-2,453 0,978 2,062 4,417-1,085-2,355 Marzo 0,654 1,658 4,660-1,004-3,002 0,965 1,799 4,657-0,834-2,858 Aprile 0,654 1,442 4,850-0,789-3,408 0,968 1,631 4,862-0,662-3,231 Maggio 0,696 1,300 4,925-0,603-3,625 0,996 1,501 4,965-0,505-3,465 Giugno 0,738 1,245 5,009-0,507-3,764 1,026 1,456 5,159-0,430-3,703 Luglio 0,860 0,989 5,030-0,128-4,041 1,120 1,230 5,220-0,110-3,990 Agosto 0,908 0,872 5,034 0,035-4,162 1,163 1,131 5,232 0,032-4,101 Settembr e 0,893 0,783 5,089 0,110-4,306 1,153 1,057 5,292 0,097-4,235 Ottobre 1,012 0,748 5,184 0,264-4,437 1,241 1,031 5,250 0,210-4,219 Novembr e 1,057 0,726 4,297 0,330-3,571 1,287 1,007 4,354 0,280-3,347 Dicembre 1,036 0,722 3,338 0,314-2,616 1,268 1,010 3,412 0,258-2,403 Media Annua 0,822 1,245 4,699-0,423-3,454 1,096 1,457 4,782-0,361-3,325 Rendimenti medi mensili Euribor a 3M e 6 M: confronto (Fonte: Bloomberg) Nel corso del 2010 il tasso BCE (Refi rate) è stato fermo all 1% rispetto ad un valore medio del 2009 pari all 1,23%. Mercato azionario L indice generale della borsa FTSE Italia (ex Mibtel) è sceso nel 2010 del 11,5% (+19,2% nel 2009). A livello europeo l indice DAX della Germania ha registrato una crescita del 16,1%, l indice CAC della Francia un calo del 3,3%, l indice IBEX della Spagna un calo del 17,4% e l indice SMI della Svizzera un calo dell 1,7%. I mercati azionari internazionali hanno mostrato le seguenti dinamiche: l indice Standard & Poor s 500 della Borsa di New York ha registrato un aumento su base annua del 12,8% e l indice Nikkei 225 della Borsa di Tokio una flessione del 3,0%.

14 FTSE Italia (ex Mibtel) -11,5% 19,2% -48,6% -7,8% 19,1% FTSE Mib (ex S&P Mib) -13,2% 19,5% -49,5% -6,5% 17,5% D J Stoxx50-5,8% 21,1% -43,4% -0,4% 10,4% Germania DAX 30 16,1% 23,8% -40,4% 22,3% 22,0% Francia CAC 40-3,3% 22,3% -42,7% 1,5% 17,5% Spagna IBEX 35-17,4% 29,8% -39,4% 7,3% 31,8% Svizzera SMI -1,7% 18,3% -34,8% -3,4% 15,3% UK FTSE 100 9,0% 22,1% -31,3% 3,8% 10,7% USA S&P ,8% 23,5% -38,5% 3,5% 13,6% USA Dow Jones 11,0% 18,8% -33,8% 6,4% 16,3% USA Nasdaq 16,9% 43,9% -40,5% 9,8% 9,5% Giapp. Nikkei 225-3,0% 19,0% -42,1% -11,1% 6,9% La capitalizzazione complessiva della borsa italiana a fine 2010 è risultata pari a 425,1 miliardi, circa 32 miliardi in meno rispetto a fine All'interno dell'eurozona, il peso della capitalizzazione del mercato azionario italiano è pari al 10,2% (11,4% nel 2009). Osservando la ripartizione a livello di macro-settori del mercato di Borsa principale si osserva che la riduzione ha riguardato principalmente il settore finanziario, la cui capitalizzazione si è attestata a 126,2 miliardi di euro a fine 2010, in riduzione di 41,3 miliardi di euro rispetto a 12 mesi prima (33,2 miliardi di tale calo sono da attribuire al settore bancario). Mercato valutario Nel corso del 2010 l euro si è svalutato nei confronti delle altre principali valute del panorama internazionale. Il cambio dell euro verso la valuta statunitense si è attestato, in termini di media annua, a quota 1,326 rispetto a 1,394 del 2009 (-4,9%). Rispetto alla sterlina, l euro ha toccato la quotazione media di 0,858 nel 2010, contro lo 0,891 nel 2009 (-3,7%). Verso lo yen giapponese l euro è stato mediamente quotato a 116,4 nel 2010 (contro i 130,4 del 2009), mentre nei confronti del franco svizzero la quotazione media è passata nel 2010 a 1,381 (contro l 1,510 del 2009). Variazione cambio euro: 2010 su 2009 Media annua cambi ( contro valuta) Var. ass. Var. % $ USA 1,326 1,394-0,068-4,9% Sterlina Inglese 0,858 0,891-0,033-3,7% YEN 116,4 130,4-14,0-10,7% Franco Svizzero 1,381 1,510-0,129-8,5% Fonte: ABI Tuttavia nel corso del primo trimestre 2011, l euro ha invertito la tendenza portando il cambio verso il dollaro Usa a ridosso di 1,45.

15 Prestiti bancari Sulla base dei dati dell'associazione Bancaria Italiana, nel corso del 2010, la dinamica dei prestiti bancari ha manifestato un recupero dopo la fase di forte rallentamento ciclico dell economia italiana. Prestiti bancari al settore privato I prestiti a residenti in Italia al settore privato hanno segnato a fine anno un tasso di crescita tendenziale pari al 4,25 (+1,68% a fine 2009). A fine dicembre 2010 l'ammontare dei prestiti al settore privato è risultato pari 1.683,5 miliardi di euro (1.552,1 a fine 2009). Rispetto a fine 2009 il flusso netto di nuovi prestiti è stato di quasi 66 miliardi di euro. Prestiti a società non finanziarie e famiglie In particolare, i prestiti a famiglie e società non finanziarie sono risultati pari a miliardi, in crescita tendenziale del 3,78% (+0,53% a fine 2009) contro la crescita media dell'area euro del 2,0%. Ove si consideri la disaggregazione per durata, si rileva come il segmento con durata oltre un anno abbia segnato un ritmo di crescita tendenziale del 4,90% rispetto al 3,97% di fine 2009; il segmento a breve termine (fino a un anno) ha registrato un incremento dello 0,84% rispetto al calo del 7,47% di fine Prestiti a società non finanziarie Alla fine del 2010 la dinamica dei finanziamenti destinati alle società non finanziarie è risultata in aumento dell 1,6% rispetto al calo del 2,4% registrato nel L aumento italiano è in controtendenza rispetto alla flessione registrata nell'area Euro (-0,4%), nella Germania (-0,9%) e nella Spagna (-1,9%). Elevata rimane la quota degli impieghi alle imprese non finanziarie sul totale (59,4%), un valore notevolmente superiore alla media dell'area Euro (47,2%). Da rilevare che il rapporto fra l'utilizzo dei finanziamenti delle imprese non finanziarie rispetto all'accordato da parte del sistema bancario è pari, a settembre 2010, al 68,6% (67,5% a settembre 2009), a conferma dei margini di crescita tuttora esistenti e che l allocazione del credito non registra particolari tensioni. L incremento degli impieghi a breve termine è risultato a fine 2010 pari allo 0,5% rispetto al calo dell 8,7% a fine L incremento degli impieghi nel medio termine, oltre i cinque anni, è risultato in crescita del 5% in linea con l andamento del 2009 (+5,2%). In particolare, i finanziamenti bancari alle piccole imprese hanno segnato a novembre 2010 un tasso di crescita pari all 1,5% e, per le famiglie produttrici, un aumento del 2,4%. Il contributo rilevante offerto dal sistema bancario al finanziamento delle imprese di minori dimensioni, è confermato dall ammontare degli impieghi fino a 1 milione di euro la cui quota sul totale degli impieghi è pari al 23% (tale percentuale salirebbe al 43,5%, qualora si considerassero i finanziamenti fino a 5 milioni di euro ed al 52% qualora si considerassero i finanziamenti all intero comparto delle piccole e medie imprese con fatturato sino a 50 milioni di euro, così come previsto dall accordo di Basilea 2).

16 Prestiti a famiglie In ripresa è risultata la dinamica dei finanziamenti al settore famiglie con una crescita nel 2010 del 7,6%, superiore a quella registrata nel 2009 (+5,9%). In particolare, si è registrata una dinamica in accelerazione dei finanziamenti oltre i cinque anni, pari al 7,6% nel 2010, rispetto al 6,4% del Per quanto riguarda i mutui per l acquisto di abitazioni, la dinamica ha visto una marcata accelerazione nel corso del 2010, posizionandosi a fine anno al +8,0% (dal +6,1% di fine 2009); crescita maggiore rispetto alla media area euro (+4,4% a fine 2010, rispetto a +1,7% del 2009). Credito al consumo Il credito al consumo finalizzato all acquisto di beni e servizi da parte delle famiglie ha segnato un tasso di crescita tendenziale di circa il 2%, rispetto al 4,9% di fine 2009 ed in linea con l andamento dell area euro (+1,50%). Raccolta bancaria Con riferimento all attività di raccolta, rappresentata dai depositi a clientela residente e dalle obbligazioni, gli ultimi dati mostrano, a fine 2010, un lieve rallentamento della sua dinamica. La raccolta è pari a 2.191,3 miliardi e il tasso di crescita tendenziale è risultato pari al 3,0%, (rispetto al 9,2% registrato a dicembre 2009), di cui +6,3% nei depositi e -1,7% nelle obbligazioni. 1.6) I principali provvedimenti normativi dell esercizio 2010 Nell anno 2010 il sistema creditizio è stato interessato da diversi provvedimenti di cui se ne illustrano quelli più significativi: - il provvedimento di Banca d Italia, d intesa con Isvap e Consob, emanato il 31 dicembre 2009 ha dettato nuove disposizioni per la tenuta dell archivio unico informatico antiriciclaggio (AUI). Il provvedimento disciplina le modalità per la registrazione dei rapporti e delle operazioni poste in essere dagli intermediari bancari e finanziari e introduce alcuni elementi di novità rispetto al passato; in particolare, si segnalano: la registrazione dei dati inerenti al titolare effettivo dei rapporti continuativi; nuovi criteri che prevedono l obbligo di registrazione nell AUI a carico degli intermediari presso cui sono accesi rapporti continuativi o a cui le operazioni sono riferibili. - Il Decreto legislativo 27 gennaio 2010 n. 21, ha fissato norme dettagliate relative all acquisizione di partecipazioni in banche e società operanti nel settore finanziario, al fine di realizzare una disciplina uniforme a livello comunitario. - Il Decreto legislativo n. 39 del 27 gennaio 2010, emanato in attuazione della Direttiva 2006/43/CE, è intervenuto sulla disciplina della revisione contabile, riscrivendo le regole e riorganizzando in modo organico l intera materia. - La Legge n. 25 del 26 febbraio 2010, di conversione del Decreto legge 30 dicembre 2009 n. 194, ha riaperto i termini dello scudo fiscale, con una nuova finestra temporale (1

17 gennaio/30 aprile 2010) per effettuare le operazioni di emersione tramite pagamento di un imposta forfetaria. - In data 1 marzo 2010 è entrato in vigore il decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 11, che ha recepito nell ordinamento giuridico italiano la direttiva comunitaria (2007/64/CE) sui Servizi di Pagamento (PSD). La direttiva si propone di: creare un mercato unico europeo dei servizi di pagamento al dettaglio, introducendo un quadro normativo omogeneo dei servizi di pagamento nell'unione Europea (soggetti abilitati, informazioni, contenuto dei contratti, modi di esecuzione dei pagamenti, etc.); migliorare la tutela degli utenti, la trasparenza delle operazioni e delle relative condizioni, l'accesso alle informazioni, nonché definire tempi certi e brevi di esecuzione; rendere uniformi i diritti e gli obblighi, sia degli utenti, sia dei soggetti che prestano servizi di pagamento; esigere una maggiore efficienza operativa del sistema bancario, anche imponendo la riduzione dei tempi di esecuzione delle operazioni. - Il 28 aprile 2010 la Consob ha emanato la delibera n in materia di Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti vigilati. Il documento, in vigore dal 1 luglio scorso, disciplina le informazioni e i dati che gli intermediari finanziari sono tenuti ad inviare alla Consob. - Il Decreto legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito nella Legge 30 luglio 2010 n. 122 e noto come manovra economica aggiuntiva e correttiva alla finanziaria 2010, ha disposto misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica riducendo, tra l altro, il limite all uso del contante e dei titoli al portatore da euro ,00 a euro 5.000,00. - La Consob, con delibera n del 23 giugno 2010, ha introdotto il Regolamento in materia di operazioni con parti correlate. Tale disposizione definisce i principi che assicurano la trasparenza e la correttezza sostanziale e procedurale delle operazioni con parti correlate poste in essere dagli intermediari. - Con decreto legislativo n. 141 del 13/08/2010 è stata recepita nell ordinamento italiano la direttiva 2008/48/CE sui contratti di credito al consumo. Obiettivo delle nuove regole è consentire a chi vuole ottenere un prestito o un apertura di credito di confrontare le offerte in modo più agevole e consapevole. Inoltre, nell assicurare condotte responsabili nella concessione del credito, i finanziatori devono verificare il merito creditizio del consumatore al fine di garantire a quest ultimo la tipologia di finanziamento più appropriata. Contestualmente, il decreto ha introdotto significative modifiche al Capo I del Titolo VI del Testo Unico Bancario (TUB) che disciplina le operazioni e servizi bancari diversi dal credito al consumo. Tra le novità introdotte vi è quella che modifica in misura rilevante l articolo 118 del TUB che regola l esercizio del diritto di variazione unilaterale delle condizioni economiche da parte dell intermediario. 2) ASSETTI SOCIETARI DEL GRUPPO CASSA DI RISPARMIO DI

18 CESENA L attuale Cassa di Risparmio di Cesena SpA è originariamente derivante da un ente creditizio a base associativa fondato nel Negli anni la Banca ha partecipato ad operazioni societarie, finalizzate ad un progetto di aggregazione con Banca di Romagna SpA, che hanno portato alla nascita del Gruppo Bancario Unibanca, operativo dal 1 gennaio Unibanca SpA fungeva da società Capogruppo con funzioni di indirizzo e controllo, accentramento amministrativo, compiti di tesoreria di gruppo, mentre Cassa di Risparmio di Cesena SpA e Banca di Romagna SpA, erano focalizzate sull attività commerciale. Nel settembre 2009, il Consiglio ha approvato il Piano strategico elaborato congiuntamente alla società di consulenza Prometeia. Dal Piano sono emerse le seguenti linee strategiche: rafforzamento del patrimonio, come presupposto per una crescita autonoma sostenibile e per poter svolgere con più efficacia un eventuale ruolo aggregante sul territorio; evoluzione del modello di Gruppo, per conseguire una più elevata efficienza operativa garantendo i livelli di servizio attualmente raggiunti; ricerca di una redditività sostenibile nel tempo, attraverso l evoluzione del modello di business (clienti, prodotti, canali) verso soluzioni che generino maggior valore per i clienti ; ottimizzazione del funding, per garantire la stabilità nel tempo delle fonti di provvista del Gruppo. In sintesi, il progetto ha espresso l obiettivo di rafforzare il proprio ruolo autonomo ed anche aggregante, mantenendo la propria mission di raccolta del risparmio e finanziamento a famiglie ed imprese attraverso la distribuzione di prodotti evoluti propri e di partner qualificati. Sulla base del progetto strategico sopra descritto: in data 7 aprile 2010 è stato attuato in Unibanca SpA l aumento di capitale per un valore di 24,3 milioni interamente sottoscritto dai soci attuali; in data 4 ottobre 2010 è stata realizzata la fusione per incorporazione della Cassa di Risparmio di Cesena SpA nella controllante Unibanca SpA e contestualmente la Società post fusione ha assunto la denominazione sociale Cassa di Risparmio di Cesena SpA acquisendone il codice ABI. Il progetto di fusione è stato redatto in forma semplificata, conformemente agli art ter e 2505 primo comma, del Codice civile, in quanto Unibanca SpA partecipava al capitale della Cassa di Risparmio di Cesena SpA in misura totalitaria: non vi è stato pertanto alcun concambio. Le operazioni dell incorporata sono state imputate al bilancio della Banca incorporante a far data dal 1 gennaio 2010; analoga decorrenza è stata stabilita anche ai fini fiscali. La società risultante dalla fusione esercita i compiti propri di una Capogruppo e, nel contempo, opera come banca commerciale con la rete attuale di sportelli e con la denominazione di Cassa di Risparmio di Cesena SpA. Dopo tale operazione societaria, Cassa di Risparmio Cesena SpA detiene direttamente il controllo di Banca di Romagna SpA (99,99%), di Romagna Finance Srl (80,00%) e di Carice Immobiliare SpA (51,00%); indirettamente, tramite la controllata

19 Banca di Romagna SpA, detiene il controllo della Società Agricola Le Cicogne Srl (50,01%). Ai sensi dell art. 3 del D. Lgs. 87/92 si comunica che al 31/12/2009 l allora Unibanca SpA non deteneva azioni proprie ed anche le sue controllate Cassa di Risparmio di Cesena SpA e Banca di Romagna SpA non detenevano azioni della controllante Unibanca SpA. Al 31/12/2010 la controllata Banca di Romagna SpA non deteneva azioni della controllante Cassa di Risparmio di Cesena SpA, mentre quest ultima deteneva n azioni proprie pari allo 0,057% del capitale sociale, in attesa della relativa vendita. La configurazione del capitale sociale della Capogruppo Cassa di Risparmio di Cesena SpA si presenta al 31/12/2010 come segue: Numero azioni % Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena ,027% Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo ,575% Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza ,462% Azionisti Privati ,879% Azioni proprie in portafoglio acquistate tramite Fondo ,057% ,000% Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Cesena al 31 dicembre 2010 è così composto: Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza Privati + Fondo Acquisto Azioni Proprie 48,027% 11,575% 6,462% 33,936% Cassa di Risparmio di Cesena SpA Holding Capogruppo 99,99% 80,00% Banca di Romagna SpA Romagna Finance Srl Il perimetro di consolidamento comprende anche altre società controllate direttamente dalla Capogruppo (Carice Immobiliare SpA controllata al 51%) e indirettamente (Società Agricola Le Cicogne Srl controllata al 50,01% da Banca di Romagna SpA).

20 Di conseguenza le società consolidate con il metodo integrale al 31/12/2010 sono le seguenti: Capitale sociale Numero azioni Valore nominale Unitario - Cassa di Risparmio di Cesena SpA , ,16 - Banca di Romagna SpA , ,16 - Romagna Finance Srl , ,00 - Carice Immobiliare SpA , ,00 - Società Agricola Le Cicogne Srl , ,00

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO CASSA DI RISPARMIO DI CESENA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI GRUPPI BANCARI). SOGGETTA ALL'ATTIVITÀ

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o C R E D I T O 1 S e c o n d o i dati elaborati da Bankitalia per local i z z a z i o - ne della clientela, a fine giugno 2004 è stata registrata in provincia una crescita tendenziale degli impieghi 1 pari

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

rappor r to t sul leasing anno 2013

rappor r to t sul leasing anno 2013 rapporto sul leasing anno chiuso per la stampa il 26 aprile 2014 edito a cura dell Area Studi e Statistiche Assilea Servizi S.u.r.l. responsabile del progetto Beatrice Tibuzzi realizzato con la collaborazione

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Economie regionali. Bologna aprile 2010

Economie regionali. Bologna aprile 2010 Economie regionali Bologna aprile 21 L'andamento del credito in Emilia-Romagna nel quarto trimestre del 29 2 1 3 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30/06/2006 76 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 30 GIUGNO 2006 Signori Partecipanti,

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 -

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - L analisi congiunturale di TRENDER: indicatori di domanda fatturato totale - totale settori fatturato interno - totale settori 115 105,00 113,74 102,97 115,55 108,51

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli