Le parole dell Economia e della Finanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le parole dell Economia e della Finanza"

Transcript

1 indirizzare i propri risparmi verso l economia produttiva, verso investimenti in attività che abbiano ricadute positive sul lavoro, l ambiente, la coesione sociale. Lo abbiamo imparato facendo la spesa: farci domande per scegliere i prodotti più sani, etici e sostenibili. Con il denaro dobbiamo fare lo stesso. Le parole dell Economia e della Finanza a cura di Nadia Lambiase e Paolo Piacenza Austerità In inglese austerity. Si chiama anche politica del rigore. È la politica economica adottata da un governo per ridurre il deficit pubblico (vedi sotto) attraverso il taglio delle spese pubbliche e/o l aumento delle imposte, ma pure, in certi casi, per limitare i consumi. L effetto depressivo sui consumi di solito si produce comunque. In teoria il governo fa come quando il buon padre di famiglia taglia le spese: niente pranzi o cene al ristorante, niente smartphone per il figlio, niente parrucchiere una volta a settimana per la moglie, niente auto nuova per sé. Restano solo le spese necessarie: i libri di scuola, il cibo e così via. Purtroppo a volte i governi sono più ingiusti o più incapaci di molti padri di famiglia. Azione Le azioni sono frazioni identiche e omogenee del capitale di una società per azioni, o di una società in accomandita per azioni. Dunque ne rappresentano una quota di proprietà: il titolare (si chiama così...) di una o più azioni di una società è socio della stessa società. Sono anche detti titoli azionari, mentre quando si parla di mercato dei titoli a proposito di una borsa si fa riferimento non solo alle azioni ma anche alle obbligazioni (v.). Le azioni nascono all epoca di Elisabetta I, per finanziare la

2 Compagnia delle Indie che aveva bisogno di molte risorse per un attività redditizia ma rischiosa: la Regina concesse l autonomia patrimoniale (ai soli nobili), cioè la separazione del patrimonio dell impresa da quello dei singoli investitori ai fini della responsabilità verso i debitori, e venne creata una cassa comune suddivisa in quote. Le azioni sono di norma trasferibili e con esse si trasferiscono i diritti connessi, patrimoniali (il dividendo dell azionista), amministrativi (il diritto di voto) e di controllo (azioni di responsabilità). Per le società per azioni il meccanismo di voto è legato al numero delle azioni: tante azioni, tanti voti. Per le società cooperative per azioni invece il diritto di voto resta individuale: una testa, un voto. Le azioni delle società quotate in borsa possono essere scambiate sul mercato regolamentato dei titoli di borsa a un prezzo che emerge dalla libera contrattazione. Chi è più bravo a capire se il prezzo sale o scende si porta a casa più soldi. Azzardo morale È la condizione di chi, messo al riparo dalle eventuali conseguenze economiche negative di un rischio, si comporta in modo diverso da come farebbe se dovesse subirle. Il caso classico è quello in campo assicurativo: c è azzardo morale se chi è assicurato non è incentivato, almeno in parte, a ridurre al minimo, per quello che dipende da lui, il rischio che si verifichi l evento a cui è connesso il pagamento del capitale. In pratica c è l azzardo morale quando qualcuno dice: tanto paga un altro... Per le banche l azzardo morale descrive l assunzione di rischi eccessivi quando ci si ritiene troppo grandi per fallire ; a pagare sarà lo Stato, costretto a intervenire a tutela dei risparmiatori. Guarda caso, è proprio quello che è successo. Banca La banca è quell impresa la cui attività consiste nella raccolta (con obbligo di restituzione) del risparmio e nell esercizio del credito. Cosa significa che ha carattere di impresa? Che si assume un rischio e quindi, come conseguenza, può generare profitti o perdite. Il rischio che la banca si assume è quello di decidere a chi e per cosa imprestare i soldi che i risparmiatori le hanno affidato. Questo è il compito delle banche commerciali (che hanno sportelli sul territorio) e si differenziano dalle banche d affari che non prevedono l attività di raccolta da parte dei risparmiatori privati e si caratterizzano per un attività fortemente speculativa. Il problema è che negli anni 90 la distinzione tra le due forme di banca è andata via via a perdersi e molte banche commerciali hanno cominciato a fare profitti non grazie alla classica attività di intermediazione del credito, ma attraverso grandi operazioni finanziarie. Banca centrale europea o Bce (in inglese European Central Bank o Ecb) È la Banca centrale incaricata di emettere moneta e di indirizzare la politica monetaria per i Paesi che hanno aderito all euro e formano la cosidetta Zona Euro o Eurozona. In Europa il Trattato di Maasstricht del 1992 ha istituito il Sistema europeo delle Banche centrali, costituito dalla Bce e dalle banche centrali nazionali dei singoli Paesi membri dell Unione monetaria. In Italia è presente la Banca d Italia. Quando la Bce fu creata hanno pesato molto, sulla definizione dei suoi poteri e dei suoi indirizzi, le richieste della Germania, costretta a rinunciare al marco per aderire a una moneta condivisa con Paesi molto indisciplinati nel rigore monetario (come l Italia). Per questo il principale obiettivo della Bce è la stabilità

3 dei prezzi che passa attraverso un contenimento dell inflazione sotto al 2%. In caso di recessione (v.), a differenza delle altre banche centrali ha quindi dei limiti nella promozione di una politica monetaria espansiva (che come possibile effetto ha l aumento dell inflazione) al fine di stimolare la piena occupazione e la ripresa. È stata criticata con durezza, oppure osannata per aver salvato l euro durante la crisi dei debiti europei. In realtà fa quello che può: la Bce, in base ai Trattati, non può infatti coprire con emissione di moneta i debiti dei paesi membri dell Eurozona, né garantire la loro solvibilità. L Unione monetaria soffre quindi di un evidente limite di natura istituzionale. Inoltre è difficile che un area monetaria alla lunga possa reggere senza una politica economica e fiscale comuni. Che in Europa non ci sono. Bolla speculativa (o finanziaria) È una fase economica caratterizzata dal rialzo continuo del prezzo di azioni, titoli, immobili o altri beni, che si alimenta perché tutti si aspettano un ulteriore aumento del prezzo. Passo dopo passo, la spirale si autoalimenta e i prezzi crescono fino a livelli assolutamente irragionevoli. Finisce con il crollo dei prezzi (si dice che la bolla scoppia, o si sgonfia), il che comporta gravi perdite per gli investitori. Tutti sanno che una bolla prima o poi scoppia, ma nessuno vuole sembrare così fesso da perdere il treno dei guadagni facili. Il risultato è che alla fine, di solito, a rimetterci sono soprattutto i piccoli risparmiatori, più sprovveduti o più lenti a disinvestire. Cartolarizzazione È una operazione finanziaria che serve a cedere un credito o un altra attività (cioè un qualcosa che posso mettere nella colonna degli attivi nel mio bilancio) che non era negoziabile, trasformandola e suddividendola in titoli di credito negoziabili sui mercati. È un meccanismo utilizzato da soggetti privati, ma anche dai governi. Nel caso delle banche, per esempio, un istituto di credito può cartolarizzare i mutui immobiliari che ha erogato e che tanti Jack o Mario Rossi gli devono restituire, emettendo una serie di titoli che hanno come garanzia quei mutui. I titoli sono venduti sul mercato a degli investitori e così la banca rientra in anticipo dei soldi che ha prestato. Ma soprattutto incassa con sicurezza e scarica il rischio di insolvenza sugli investitori. Potendo fare questo giochino, nel periodo della bolla immobiliare, le banche si sono messe a prestare soldi a tutti (tanto il rischio lo scaricavano...). Anche a chi non avrebbe mai potuto restituire il prestito (clientela subprime, da cui mutui subprime, v.). Credit crunch Parola inglese che significa stretta creditizia o stretta del credito. E non si capisce perché non si possa chiamarla così. È il forte e rapido calo dell offerta di credito sul mercato (o un peggioramento delle condizioni dell offerta), al termine di una fase di crescita. Ha effetti negativi sull andamento dell economia, ovviamente: meno soldi disponibili (o molto più cari) dalle banche, più difficile fare investimenti per produrre beni, o avere il mutuo per comprare casa. A volte è un evento legato all innalzamento dei tassi di interesse da parte della Banca centrale verso le banche minori. Altre volte, invece, nonostante la Banca centrale mantenga tassi bassi per continuare a favorire il credito, le banche riducono comunque l offerta. Per mancanza di fiducia, ma anche, negli ultimi tempi, perché preferiscono utilizzarli per operazioni finanziarie

4 Debito pubblico È il debito contratto da uno Stato attraverso l emissione di titoli di credito di Stato; per esempio, in Italia, i Bot (Buoni ordinari del Tesoro) o i Btp (Buoni del Tesoro polinennali). Lo Stato si fa prestare i soldi dagli investitori ammessi all asta per il debito pubblico (le banche e gli investitori istituzionali) e li ripaga con il pagamento degli interessi concordati e l impegno a restituire il capitale. Le banche e gli altri investitori piazzano poi i titoli di debito pubblico sul cosiddetto mercato secondario ai risparmiatori che vogliono investire. Così facendo lucrano sulla differenza di prezzo. Il debito pubblico serve a finanziare investimenti utili a tutti, e secondo l economista britannico John M. Keynes lo Stato non solo può, ma addirittura deve indebitarsi per rilanciare l economia in caso di recessione. Ripartito il ciclo di crescita, lo Stato incamera maggiori entrate e rientra dal debito. Evidentemente molti decisori pubblici che si dicono keynesiani non hanno letto Keynes. Default Parola inglese che significa assenza, mancanza. Viene usata in informatica per definire una condizione operativa automatica di un programma o di un sistema senza necessità di indicazione dell operatore. In senso traslato è passata a indicare un azione abituale, quasi automatica: L aperitivo è di default. In finanza la parola default, simile al termine fallimento, indica invece qualcosa di molto negativo: la condizione di insolvenza, quando cioè non si riescono a onorare le condizioni di un finanziamento. Nel caso dello Stato, non si possono pagare gli interessi sul debito, o più in generale, quando il deficit pubblico (v.) non trova copertura. Si chiama allora default dello Stato sovrano. Ed è una condizione piuttosto brutta, specie per i cittadini (chiedere ad Argentini o Greci). Deficit pubblico Parola latina che significa manca. A mancare sono i soldi. L espressione indica infatti un fenomeno contabile che si realizza quando, in un esercizio economico-finanziario, le uscite della pubblica amministrazione superano le entrate, calco-lando anche gli interessi pagati sul debito pubblico. Il suo contrario è l avanzo pubblico. Il saldo tra entrate e uscite pubbliche al netto degli interessi sul debito si chiama invece avanzo primario (se positivo) o disavanzo primario (se negativo). Deregulation Parola inglese che indica il progressivo allentarsi di regole. Nel caso dell economia e della finanza indica il progressivo allentarsi delle regole e dei limiti imposti a imprese, banche, operatori. Visti i risultati potrebbe essere utile un ripensamento. Derivati (o strumenti derivati) Sono complessi strumenti finanziari il cui valore deriva, appunto, da un altro prodotto, chiamato sottostante. Il sottostante può essere qualsiasi cosa: materie prime, tassi di interesse, valuta, titoli finanziari. Nascono nuovi derivati praticamente ogni giorno, con diversi profili finanziari e diversi gradi di sofisticazione. E con nomi strani: Cds, Cdo ecc. In gergo, i derivati standard sono detti plain vanilla (solo vaniglia, come il gelato base in America), mentre i tipi più complessi sono chiamati esotici. Le tipologie più note e diffuse sono i futures, i forward rate agreement, gli swap e le opzioni

5 I derivati sono nati inizialmente come strumento di copertura dai rischi legati a investimenti, ma molto più spesso oggi sono utilizzati come strumento speculativo. Un esempio? Nel 1996 i derivati sul frumento erano utilizzati nell 88% dei casi come strumento di copertura dal rischio (rischio che il raccolto potesse andare male o che i prezzi subissero variazioni per cause estranee al mercato); nel 2011 il 70% dell utilizzo era ormai a fini speculativi (guadagnare dal rialzo o ribasso del prezzo del grano). Fed o Federal Reserve Sigla e nome abbreviato del Federal Reserve System, che è di fatto la Banca centrale degli Stati Uniti d America, creato nel In generale il principale compito delle banche centrali è quello di emettere moneta e di regolarne la circolazione. In passato questa funzione era affidata a una o più banche (banca di emissione), ma a un certo punto ci si è accorti che era meglio dare un indirizzo unitario alla cosiddetta politica monetaria e sono nate le banche centrali. In alcuni Paesi, come appunto gli Stati Uniti, vi è ancora una pluralità di istituti abilitati a emettere moneta ma le decisioni sono prese di concerto dal Federal Reserve System. Fiscal Compact Nome inglese (come capita spesso) per il Patto di bilancio europeo o Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell unione economica e monetaria. È stato siglato il 12 marzo 2012 da 25 Stati su 27 membri dell Unione europea ed è entrato in vigore il 1º gennaio 2013: contiene alcune nuove regole sulla disciplina di bilancio per gli Stati dell Eurozona, tra cui l inserimento del vincolo al pareggio di bilancio negli ordinamenti degli Stati, sanzioni quasi automatiche per i Paesi in deficit eccessivo, l impegno alla riduzione del debito pubblico sotto al 60% del Pil. L Inghilterra e la Danimarca non hanno siglato questo accordo e quindi il Fiscal Compact non è tecnicamente una modifica dei Trattati dell Unione, ma una integrazione dei Trattati adottata solo da alcuni Stati. Era già successo con il Patto Euro Plus del 11 marzo 2011, riedizione più stringente del Patto di Stabilità e crescita. Durante la crisi la difficoltà nel mettere d accordo tutti i governi dei singoli Stati ha messo in luce la debolezza del principio di unanimità che governa tantissime cose a Bruxelles, mentre il Parlamento europeo continua a non contare niente. Finanziarizzazione dell economia Termine di recente introduzione per indicare il peso assunto dalle attività finanziarie sul complesso delle attività di un sistema economico. Facciamo due esempi: tra 2000 e 2009 il Pil mondiale (Prodotto interno lordo, ossia la somma dei beni e servizi prodotti in un anno) è cresciuto del 26%, mentre il valore dei derivati è cresciuto del 642%; oggi circa il 60% delle operazioni compiute sui mercati finanziari avvengono tramite un computer e senza l intervento umano. Fondi etici Si tratta di strumenti di investimento responsabile che intendono far incontrare i classici obiettivi economici di un investitore con l attenzione alle questioni ambientali, sociali e di governo societario. L atto di nascita dei primi fondi etici è fatto risalire nel 1758, a Philadelphia, quando i quaccheri (movimento religioso protestante) nella loro riunione annuale proibirono ai propri membri ogni forma di partecipazione economica nella

6 tratta degli schiavi. Successivamente si svilupparono, sempre all interno di movimenti religiosi, altre manifestazioni del genere: rifiuto di investimento in settori legati al fumo, al sesso o alla violenza. Se i tradizionali fondi etici si caratterizzano per stringenti criteri di esclusione (criteri negativi ) di alcuni investimenti, negli anni 90 del secolo scorso si sono affermati anche fondi etici con criteri di selezione positiva, cioè che selezionano titoli di imprese che maggiormente si distinguono per l elevato profilo sociale o ambientale. Oltre, ovviamente, per la bontà dell investimento. Inflazione Termine con cui si indica l aumento progressivo del livello medio generale dei prezzi o la perdita di valore della moneta. Viene rappresentato da una percentuale che indica appunto l apprezzamento di valore di beni o servizi rispetto alla moneta. Può avere molteplici cause, sia reali sia monetarie, e assumere forme differenti. Sull inflazione sono stati scritti fiumi di inchiostro dagli economisti: i monetaristi contro i keynesiani, ma anche la teoria dell inflazione da costi e quella di Phillips che ne connette l andamento soprattutto al mercato del lavoro. In generale, se contenuta, non crea grossi problemi, ma se è alta sono davvero dolori e in generale è lo spauracchio delle banche centrali. Il suo contrario è la deflazione, che si determina quando si assiste a una diminuzione generalizzata del livello dei prezzi. Quando, negli anni 70 del Novecento, l inflazione si è accompagna alla stagnazione economica si è parlato di stagflazione. I tedeschi, che negli anni 20 del XX secolo hanno sperimentato una inflazione record (si parla di iperinflazione tedesca ) con effetti tragici (il 15 novembre 1923 un dollaro americano valeva 4200 miliardi di marchi, e per comperare un chilo di pane ci voleva più di un chilo di banconote...), hanno un timore molto forte dell inflazione: a volte probabilmente eccessivo, ma comprensibile. Leverage (o leva finanziaria) Il solito termine inglese con cui si indica una fattore economico o finanziario che in Italia viene definito leva finanziaria o rapporto di indebitamento. Così, diventa più chiaro: è infatti un indicatore usato per misurare il livello di indebitamento di un azienda. Tuttavia il suo contenuto è diverso a seconda che sia usato dall economia o dalla finanza aziendale. Mutuo a tasso fisso/variabile Il mutuo è un contratto con il quale una parte (di solito una banca) consegna all altra (il mutuatario) una determinata quantità di denaro (il capitale) che il mutuatario si obbliga a restituire con gli interessi entro una certa data e mediante rimborsi periodici (rate). A parità di capitale una rata più bassa prevederà anche un maggior esborso di interessi perché il tempo del rimborso sarà più lungo. L ammortamento è il termine tecnico che indica l estinzione graduale del prestito attraverso il rimborso periodico di una quota di debito. Meglio un mutuo a tasso fisso o variabile? Difficile dare una risposta valida per ogni momento. Il tasso fisso permette di avere la certezza che, una volta definita la percentuale del tasso, questa non cambierà più per tutta la durata del rimborso. Di conseguenza le rate da pagare saranno sempre uguali. Al contrario con un mutuo a tasso variabile l importo delle rate si modificherà nel tempo a seconda del variare del tasso d interesse. Generalmente il tasso variabile scelto è un tasso

7 indicizzato, cioè uno legato ad un parametro certo, verificabile e non modificabile a piacimento dalla banca: le indicizzazioni possono essere consultate tutti i giorni sui principali quotidiani economici ( Euribor 3/6 mesi, tasso Bce...). Obbligazioni Sono dette anche titoli obbligazionari, perché sono titoli di credito. Sono uno strumento in mano a imprese e Stati (in Italia, come detto sopra, i Btp) per ricevere in prestito dei soldi. Invece che chiederli a una banca li si chiede al mercato, e quindi direttamente ai risparmiatori, grandi e piccoli. Il risparmiatore che compra un obbligazione di fatto impresta dei soldi alla società che ha emesso tale obbligazione per un periodo di tempo definito. Per il risparmiatore quest operazione si configura a tutti gli effetti come un investimento: a fronte di un impiego odierno del proprio capitale spera di avere dei guadagni futuri. Le obbligazioni, infatti, hanno due diritti: la cedola periodica che può essere fissa o variabile (e costituisce il guadagno dell investimento) e il rimborso del capitale alla scadenza fissata da chi la ha emessa. Se chi ha emesso l obbligazione fallisce (va in default) il risparmiatore ci rimette il proprio investimento, a seconda della gravità del fallimento (totale o parziale) dell emittente. Ne sanno qualcosa i risparmiatori che hanno investito nei titoli Parmalat o Cirio. Prodotto interno lordo Cifra che indica il valore dei beni e dei servizi prodotti da uno Stato nel corso di un anno. È utilizzato come variabile per misurare la crescita economica dei Paesi e fare le relative comparazioni. Molto spesso è riferito come cifra percentuale, che è in realtà la variazione del Pil rispetto all anno precedente. Oggi è sempre più condivisa l idea che il Pil sia un numero relativamente poco significativo per misurare compiutamente il benessere effettivo di un Paese. Sono infatti sempre più diffusi studi e proposte di indicatori alternativi volti a misurare accanto a variabili puramente economiche anche variabili ambientali, sociali, seppure più difficilmente quantificabili. In Italia, per esempio, su iniziativa del Cnel e dell Istat, è partito nel 2013 un progetto per quantificare il Benessere Equo e Sostenibile del Paese. PIGS/PIIGS Acronimi dispregiativi coniati e utilizzati dalla stampa economica, soprattutto di lingua inglese, nel corso della crisi post per riferirsi ai Paesi dell Eurzona caratterizzati da una situazione finanziaria non virtuosa: Portogallo, Italia, Grecia e Spagna (PIGS) o Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna (PIIGS). Che l intento sia dispregiativo risulta evidente per il fatto che pigs, in inglese, significa maiali : per questi Paesi si arriva a parlare di porcine economy, economia suina. I fattori che vengono maggiormente presi di mira sono il rapporto tra debito pubblico (v.) e Pil (v.), la debole crescita economica e il deficit commerciale. Di recente, in alcuni casi si è utlizzato l acronimo PIIGGS, includendo anche la Gran Bretagna. Peggio ancora, per la forte connotazione razzista, è l utilizzo alternativa dell acronimo GIPSI, simile a gipsy, zingaro. Il Portogallo ha protestato per l utlizzo di questa espressione, insultante e sostanzialmente razzista, e sia il quotidiano economico Financial Times che la banca Barclay Capital hanno deciso di bandire l uso del termine

8 Rating/agenzie di Rating Sono società specializzate nella classificazione di titoli azionari e obbligazionari (sia di imprese che di Stati) in base alla loro rischiosità. Hanno il compito di valutare il rischio di credito dell emittente, cioè la probabilità dell effettiva restituzione del capitale investito da parte degli investitori e il pagamento degli interessi previsti. Tale rischio di credito è espresso in un vero e proprio voto che va da un massimo (AAA) a un minimo (D). Un emittente caratterizzato da maggior rischiosità (declassamento nella scala del rating) dovrà essere disposto a pagare maggiori interessi ai creditori-investitori rispetto a un emittente a minor rischio. Il giudizio assegnato dalle agenzie di rating è una bussola importante che gli investitori istituzionali utilizzano per prendere le proprie decisioni. Un po come la Guida Michelin sui ristoranti per i buongustai di tutto il mondo. Le agenzie di rating più conosciute a livello internazionale sono le tre sorelle americane Standard & Poor s, Moody s e Fitch. Una delle critiche che si muove a queste agenzie è quella del conflitto di interesse: i soggetti che devono essere valutati dalle agenzie sono gli stessi che pagano tali agenzie per il lavoro di analisi e giudizio. Il giorno prima del fallimento della Lehman Brothers i titoli emessi dalla stessa banca erano giudicati: A da Standard & Poor s, A2 da Moody s, A+ da Fitch. Recessione Termine con cui, nel linguaggio economico, si indica una flessione nello sviluppo o un regresso nel ciclo economico. Si dice che l economia è in recessione quando per due trimestri di seguito il Pil (v.) ha una variazione negativa. Questo calo, se di breve durata, può considerarsi un oscillazione del movimento d ascesa, oppure può preludere a una vera e propria depressione, cioé alla fase discendente finale del ciclo economico: Grande Depressione è il nome che si usa, per esempio, per la crisi generalizzata che investì l economia mondiale negli anni 30 del XX secolo. Secondo alcune analisi (Rapporto Cer 2/2013) l Italia alla fine del 2013 non vive una semplice recessione, ma proprio la sua Grande Depressione. Sovranità monetaria Termine con cui si indica il potere di un soggetto di emettere moneta e di regolarne il flusso in una certa area. Generalmente appartiene agli Stati (nel Medioevo è stata spesso rivendicata dai grandi signori feudali), che l hanno attribuita via via alle loro banche centrali, concendendo loro grande autonomia per garantire alla moneta un andamento il più possibile indipendente dalle politiche dei governi e limitare, ad esempio, il rischio di iperinflazione. In Europa, in relazione all adozione dell euro, la sovranità monetaria è stata trasferita dal 1 gennaio 1999 al Sistema europeo delle Banche centrali, al cui vertice è la Bce (v.). Oggi sono diffuse le tesi dei cosiddetti sovranisti monetari che invocano il ritorno della sovranità monetaria ai singoli Stati. Alcune argomentazioni sono sensate, altre meno, ma soprattutto occorre guardarsi dalle bufale che spesso imperversano in rete e nei dibattiti. Speculazione Il termine speculazione ha origine dalla voce latina specula (vedetta, e anche specere, osservare, scrutare), ovvero colui che compiva l attività di guardia tra i legionari. Da qui guardare lontano, guardare nel futuro o prevedere il futuro. Questa è (o almeno dovrebbe essere) la caratteristica principale di chi fa un investimento: il saper guardar lontano e trasformare

9 l idea che ha in testa in una realtà produttiva in grado di ripagare il debito e generare nuova ricchezza. Oggi, invece, il termine speculazione indica, in maniera dispregiativa, l utilizzo di soldi presi a prestito, non per far un investimento produttivo, ma per fare scommesse di guadagno futuro investendo in titoli finanziari. Spread Letteralmente significa diffusione, espansione. Indica la differenza tra due valori percentuali, nel nostro caso i tassi di interesse. Un sinonimo italiano può essere forbice. Generalmente in passato lo spread era riferito alla differenza percentuale che le banche applicano, quando prestano il denaro, rispetto al tasso al quale loro lo hanno avuto. Tale differenza costituisce il guadagno delle banche. Tuttavia recentemente il termine spread viene utilizzato soprattutto in riferimento alla diversità di rendimento tra titoli italiani a dieci anni (Btp a dieci anni) e gli analoghi titoli tedeschi (Bund decennali), presi a riferimento dal sistema finanziario internazionale perché a basso rischio. In questo senso lo spread è diventato un barometro della crisi perché indica quanto i titoli di Stato italiani devono pagare in più (in termini di rendimento promesso) rispetto ai Bund per trovare investitori disposti ad acquistarli. Più sale lo spread e più l Italia viene percepita come un Paese rischioso e dunque deve pagare tassi più alti che rendono più onerosa l emissione di titoli di Stato e peggiorano il debito pubblico. A volte però a questo indice è stata data un importanza eccessiva. Subprime Termine inglese con cui si indicano quei prestiti (ad esempio i mutui) che vengono concessi a un soggetto che per la sua storia di debitore o la sua condizione non può accedere ai tassi di interesse di mercato. Sono quindi molto rischiosi, sia per chi li riceve che per chi li concede. Titoli tossici Negli ultimi anni sono stati definiti così i titoli di credito derivati dalla cartolarizzazione di mutui e prestiti subprime. Come detto parlando della cartolarizzazione, le banche hanno scaricato il rischio sui propri clienti attraverso questi titoli tossici. Richard S. Fuld Jr., presidente e amministratore delegato della banca d affari Lehman Brothers il cui fallimento ha dato l avvio alla crisi finanziaria mondiale è considerato l inventore dei titoli tossici. Forse anche per questo nel 2003 era stato premiato come banchiere dell anno. Trojka (o Troika) In origine termine russo che indica il traino a tre cavalli per carrozze o slitte, è stato utilizzato più volte in senso traslato. Durante la crisi post 2008 il termine è stato utilizzato in senso traslato per indicare i rappresentanti di Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione europea impegnati a intervenire nella crisi dei debiti in diversi Paesi europei e quindi anche a controllare l applicazione di eventuali misure concordate in cambio di aiuti economici. I Greci, comprensibilmente, non li amano molto

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

L Italia: una crisi nella crisi

L Italia: una crisi nella crisi Moneta e Credito, vol. 64 n. 255 (2011), 189-227 L Italia: una crisi nella crisi CARLO D IPPOLITI e ALESSANDRO RONCAGLIA * 1. Introduzione La nostra rivista ha offerto e continua ad offrire contributi

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati CAPIRE LA FINANZA I Derivati Indice Introduzione 1. Cosa sono i derivati 1.1 Tipi di strumenti derivati 2. Il mercato dei derivati 2.1 Le dimensioni e i trend internazionali 2.2 I derivati scambiati nei

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli