OTIZIARIO ISCALE. Pag. 21 Anche le visure catastali sono online

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OTIZIARIO ISCALE. www.notiziariofiscale.it. Pag. 21 Anche le visure catastali sono online"

Transcript

1 N F DEL OTIZIARIO ISCALE CAF UIL PERIODICO A CURA DEL CAF UIL S.P.A Anno 20 Aprile numero 4 Pag. 5 Arriva il Def: carico di stime, strategie, riforme, tagli e privatizzazioni Poste Italiane S.p.A. spedizione in abbonamento postale 70% - DCB Roma Pag. 8 Crediti IVA: rimborsi più veloci dal 2015 Pag. 13 Voluntary Disclosure: c è la beffa dietro l angolo? Pag. 14 L acquisto di titoli di Stato rimette in moto la crescita Pag. 16 Cedolare secca, affitti in nero e possibili effetti Pag. 19 Iscrizione delle ONG nell anagrafe delle Onlus Pag. 21 Anche le visure catastali sono online Pag. 23 Più contratti a tempo indeterminato o disoccupazione in aumento? Pag. 27 Il 5 per mille da provvisorio diventa stabile Pag.29 Vendita online e obblighi fiscali per le società residenti

2 2 N F OTIZIARIO ISCALE Mensile d informazione fiscale Notiziario Fiscale Caf Uil on line c O n t cedolare secca, affitti in nero e possibili effetti ARRIVA IL DEF: CARICO DI STIME, STRATEGIE, RIFORME, TAGLI E PRIVATIZZAZIONI Direttore Responsabile Sergio Scibetta Redazione a cura del CAF UIL s.p.a Via di San Crescenziano, Roma Direzione, Amministrazione e Pubblicità Via di San Crescenziano, Roma Tel: 06/ Editore Caf Uil s.p.a Via di San Crescenziano, Roma Tel: 06/ Fax: 06/ L acquisto di titoli di Stato rimette in moto la crescita Impaginazione: MARKETING GROUP MILANO S.r.l Stampa: CSR S.R.L Via Pietralata, 157, Roma Iscrizione al Tribunale di Roma sez.stampa n Si ringrazia Claudio Abbate per la gentile collaborazione Crediti IVA: RIMBORSI PIù VELOCI DAL 2015 Voluntary disclosure: c è la beffa dietro l angolo?

3 3 e n u t i APRILE 2015 anche le visure catastali sono online il 5 per mille da provvisorio diventa stabile iscrizione delle ong nell anagrafe delle onlus vendita online e obblighi fiscali per le società residenti più contratti a tempo indeterminato o disoccupazione in aumento?

4

5 Economia NOTIZIARIO FISCALE 5 IL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA Arriva il Def: carico di stime, strategie, riforme, tagli e privatizzazioni DI SERGIO SCIBETTA èstato pubblicato lo scorso 11 aprile il testo con gli allegati del Documento di economia e finanza, approvato la sera prima dal Consiglio dei Ministri: è previsto un impatto positivo dalle riforme di 0,4 punti di Pil. Il Def non contiene alcuna misura esecutiva da subito, perché è un testo di natura programmatica con le linee guida di politica economica, l aggiornamento delle principali variabili macroeconomiche tra le quali il Pil, il deficit, il tasso di disoccupazione e le previsioni sull occupazione - per l anno in corso e per il triennio seguente. Dopo l approvazione del Consiglio dei Ministri, il Documento viene trasmesso in Parlamento per l esame di merito da parte della Camera e del Senato, e due delle sezioni che lo compongono - il Programma di Stabilità e il Programma Nazionale di Riforma - saranno inviate al Consiglio dell Unione europea e alla Commissione. La data di scadenza per il varo del Def viene stabilita dalla Ue Bruxelles e vale per tutti gli Stati membri. Lo scenario rappresentato nel Def mostra un ritorno della crescita dopo un lungo periodo di recessione. L azione congiunta del Quantitative Easing della Bce e del miglioramento del clima di mercato sull esborso per interessi permettono si quantificare un calo delle uscite per il debito: dai 75,1 miliardi del 2014 ai 69,3 miliardi del 2015, per poi risalire leggermente nel 2016 a 71,2 miliardi e quindi riprendere un percorso in discesa. Nel 2019 la quota sul Pil è vista al 3,7%: un punto percentuale in meno dell anno scorso. In sintesi obiettivi della politica di bilancio del governo presentata nel Def 2015: sostenere la ripresa evitando aumenti del prelievo fiscale e rilanciando gli investimenti; ridurre il debito pubblico in rapporto al Pil, in modo da consolidare la fiducia del mercati e diminuire la spesa per interessi; favorire le iniziative per avviare un forte recupero dell occupazione nel prossimo triennio. Le aree di intervento Per quanto concerne gli enti locali Regioni, Comuni e aziende sanitarie è previsto: a) l allineamento delle regole del patto di stabilità interno a quelle europee; b) l utilizzo di sistemi di costi standard e fabbisogni standard per determinare le risorse disponibili alle singole amministrazioni; c) disponibilità on line e facilità di consultazione dei dati di performance e di costo delle singole amministrazioni. Per le aziende pubbliche partecipate saranno attuati interventi legislativi mirati a un ulteriore razionalizzazione e miglioramento dell efficienza, con particolare attenzione ai settori del trasporto pubblico locale e della raccolta rifiuti. Queste le priorità per la Pubblica amministrazione centrale: a) una profonda revisione, con verifica di utilità ed efficienza, dei quasi capitoli di spesa;

6 6 Economia Aprile 2015 Si aggiunge il piano di tagli di spesa b) la riorganizzazione delle strutture periferiche dello Stato centrale, utilizzando la legge delega di riforma della PA, con la creazione di un nuovo modello di servizio più efficiente ed efficace; c) per gli acquisti della PA sarà completato il processo di razionalizzazione delle stazioni appaltanti e delle centrali di acquisto. E previsto il completamento dell attuazione della delega fiscale, con la creazione di un sistema di tracciabilità telematica delle transazioni di fatture e corrispettivi giornalieri. Gli incentivi alle imprese saranno oggetto di una razionalizzazione. Le privatizzazioni Sono già stati emanati i decreti per vendere il 40% delle Poste e il 49% dell Enav. Ulteriori novità riguardano la cessione di STMicroelectronics (semiconduttori e chip), che dovrà essere ceduta a un soggetto pubblico, che nel Def è stato individuato nel Fondo Strategico Italiano (Società del Gruppo Cdp) o sue controllate e le Ferrovie dello Stato. Le privatizzazioni annunciate porteranno 0,4 punti percentuali di Pil nel 2015, 0,5 nel 2016 e 2017 e 0,3 nel Tasse e tagli Grazie allo scampato pericolo dell aumento di IVA e accise sulla benzina e alla revisione delle detrazioni fiscali in pratica, è stata disinnescata la clausola di salvaguardia - e alla classificazione del bonus da 80 euro come effettivo sgravio fiscale (che è stata definita corretta dal Governo - la sempre più insostenibile pressione fiscale dovrebbe progressivamente ridursi nei prossimi anni. Il condizionale è più che mai d obbligo, perché secondo le previsioni quest anno calerà (ma molto, molto poco) sotto il 43% (!), scendendo ancora fino al 2018, quando dovrebbe essere inferiore al 42% (ma di quanto?...). Per quanto riguarda i tagli, la strategia del Governo prevede sempre il rispetto delle regole europee, sfruttando però al massimo la flessibilità che nel frattempo la Commissione ha deciso di accordare. Detto questo, l Esecutivo intende imporre tagli per 10 miliardi di euro, che rispetto a quanto sarebbe necessario per far quadrare i conti sono pochi, se consideriamo che la clausola di salvaguardia per il 2016, in assenza di interventi di copertura, prevede un aumento di tasse per oltre 16 miliardi. Resta però il dubbio di dove reperire questi 10 miliardi, anche perché sono state escluse sforbiciate a pensioni e spesa sociale. Il Governo sfoltirà le oltre 700 agevolazioni fiscali (sperando che non si taglino quelle di grande valenza sociale): nel mirino potrebbero essere inquadrate le spese per invalidità, al fine di eliminare differenze regionali non giustificate, gli incentivi alle imprese, che saranno ridotti (dovrebbero essere confermati nel 2016, anche se rimodulati, gli sgravi alle aziende che assumono), come pure le spese dei singoli ministeri, le consulenze e i premi immeritati, oltre a una stretta sulle amministrazioni locali. Per quanto riguarda la revisione della spesa, l obiettivo è quello di recuperare efficienza nell azione della Pubblica Amministrazione e di riallocare e contenere la spesa pubblica secondo una visione organica. Al decreto sul bonus Irpef e alla Legge di stabilità 2014 si aggiunge il piano di tagli di spesa e di riduzioni di agevolazioni fiscali che è in corso di approvazione da parte del Governo. Si è ipotizzato che l ammontare delle somme coinvolte in tale intervento consista in e di riduzioni di agevolazioni fiscali che è in corso di approvazione da parte del Governo. Si è ipotizzato che l ammontare delle somme coinvolte in tale intervento consista in un taglio strutturale di spese pubbliche per un importo pari a circa 0,45 punti percentuali di Pil dal 2016 in poi, mentre per quanto riguarda la riduzione delle agevolazioni fiscali si è ipotizzato un risparmio di 0,15 punti percentuali di Pil

7 Economia NOTIZIARIO FISCALE 7 LOCAL TAX GIULIANO POLETTI Ministro del Lavoro un taglio strutturale di spese pubbliche per un importo pari a circa 0,45 punti percentuali di Pil dal 2016 in poi, mentre per quanto riguarda la riduzione delle agevolazioni fiscali si è ipotizzato un risparmio di 0,15 punti percentuali di Pil : da queste misure dovrebbero arrivare i 10 miliardi di cui si parlava. Via Imu e Tasi, arriva la Local Tax Semplificazioni in vista per la giungla delle tasse sulla casa: Imu e Tasi saranno sostituite da un unico tributo sulla casa, nel 2016, la Local Tax. Un impegno importante per i Comuni, visto che questa assorbirà tutti i tributi comunali sugli immobili e permetterà (si spera) di approvare bilanci di previsione credibili. Spuntano 1,6 miliardi e tante polemiche Dal fatto che, secondo le stime, entro la fine dell anno il deficit sarà lievemente inferiore a quello programmato, deriva quello che è stato definito il tesoretto di 1,6 miliardi di euro, che sarà utilizzato per rafforzare l attivazione delle riforme strutturali già avviate. Quale sarà la destinazione di questi soldi? Nel momento in cui scriviamo non è dato sapere, anche se le voci si susseguono con un ENRICO MORANDO Vice Ministro dell Economia Lo useremo per trasferire risorse a poveri ritmo notevole: Renzi non scopre le carte coperte e smentisce di aver già preso una decisione, mentre i rumors più diffusi parlano di un piano anti povertà da approvare entro le elezioni regionali di fine maggio, per fornire un sostegno alle famiglie escluse dal bonus degli 80 euro. Il Ministro del Lavoro, Poletti, aveva parlato proprio di un piano anti-povertà entro giugno, il deputato Pd Speranza aveva dichiarato che Se c è qualcosa da spendere penserei a una misura universale per il contrasto alla povertà e sulla stessa linea era il vice Ministro dell Economia, Morando, che affermava: Lo useremo per trasferire risorse a poveri. Dai dati Istat risulta che in Italia vivono in uno stato di povertà assoluta circa 6 mi- ROBERTO SPERANZA Deputato del PD Se c è qualcosa da spendere penserei a una misura universale per il contrasto alla povertà lioni di persone, ovvero una su dieci e che le famiglie relativamente povere sono quasi il 6% del totale, oltre 3 milioni. Un semplice calcolo aritmetico dice che dalla suddivisione di questi 1,6 miliardi di euro a questa platea arriverebbero circa 500 euro, ma la soluzione non è ancora sul tavolo. Ovviamente la faccenda ha dato il via a una serie di reazioni, altrettanto ovviamente contrastanti: da parte sindacale si chiedono investimenti sull occupazione, Confcommercio chiede di ridurre le tasse, dalle opposizioni si prospetta il rischio di un aumento dell IVA, si chiede di impiegare il denaro per gli esodati e si boccia il Documento perché affossa i comuni.

8 8 Semplificazioni Aprile 2015 MENO ADEMPIMENTI E TEMPI PIU BREVI Crediti IVA: rimborsi più veloci dal 2015 Con le novità introdotte dal DL n.175/2014 è stata semplificata la disciplina dei rimborsi IVA annuali e trimestrali: sale da 5.164,57 a euro il limite dei rimborsi che si possono eseguire senza prestare alcuna garanzia e senza altri adempimenti, per i quali sarà sufficiente il visto di conformità e una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà. Per quanto riguarda il calcolo del nuovo limite, deve essere riferito non alla singola richiesta, ma alla somma delle richieste di rimborso effettuate per l intero periodo d imposta. L eliminazione della garanzia comporta costi minori per ottenere i rimborsi e tempi di erogazione più brevi, visto che scompare la fase amministrativa di richiesta e di riscontro della validità delle garanzie. La garanzia è richiesta per i rimborsi superiori a euro solo nelle ipotesi di situazioni di rischio e può essere fornita anche con cauzione in titoli di Stato: continua a essere obbligatoria per chi esercita attività di impresa da meno di due anni (escluse le start up innovative), per chi presenta la dichiarazione o l istanza priva del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa (o senza dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà) e per chi chiede il rimborso dell eccedenza detraibile risultante all atto della cessazione dell attività. L obiettivo della norma è di semplificare e accelerare l erogazione dei rimborsi IVA, sulla base delle raccomandazioni espresse in materia dalla Commissione europea. Vediamo meglio queste novità, illustrate nella circolare 32/E del 30/12/2014. La data di presentazione della dichiarazione La norma stabilisce che i rimborsi previsti nell articolo 30 sono eseguiti, su richiesta fatta in sede di dichiarazione annuale, entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione. Nel caso di presentazione di più dichiarazioni per lo stesso periodo d imposta, ad esempio correttive nei termini o integrative, i tre mesi si calcolano a partire dall ultima dichiarazione presentata. Adempimenti più snelli I rimborsi annuali fino a euro sono eseguiti in base alla sola presentazione della dichiarazione, mentre per quelli relativi a periodi inferiori all anno basterà soltanto presentare l istanza di rimborso. Per quelli superiori alla soglia dei euro, vengono eseguiti senza presentazione di garanzia, purché siano congiuntamente rispettati i seguenti adempimenti : - presentazione della dichiarazione annuale o dell istanza trimestrale da cui emerge il credito che supera la soglia di euro, recante il visto di conformità (art. 35, D.Lgs. n. 241/1997) o la sottoscrizione alternativa (art. 10, comma 7, DL n. 78/2009); - dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art. 47, DPR n. 445/2000) attestante la sussistenza di alcune precise condizioni in relazione alle caratteristiche soggettive del contribuente (solidità patrimoniale, continuità aziendale e regolarità dei versamenti contributivi). La prestazione della garanzia esonera il contribuente dall apporre il visto di conformità (o la sottoscrizione alternativa) sulla dichiarazione o sull istanza di rimborso.

9 Semplificazioni NOTIZIARIO FISCALE 9 I contenuti della dichiarazione sostitutiva In aggiunta all apposizione del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa, il contribuente deve rendere una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante che: a) il patrimonio netto non è diminuito, rispetto alle risultanze dell ultimo periodo di imposta, di oltre il 40%; la consistenza degli immobili iscritti non si è ridotta, rispetto alle risultanze dell ultimo periodo di imposta, di oltre il 40% per cessioni non effettuate nella normale gestione dell attività esercitata; l attività stessa non è cessata né si è ridotta per effetto di cessioni di aziende o rami di aziende compresi nelle suddette risultanze contabili; b) non risultano cedute, se la richiesta di rimborso è presentata da società di capitali non quotate nei mercati regolamentati, nell anno precedente la richiesta, azioni o quote della società stessa per un ammontare superiore al 50% del capitale sociale; c) sono stati eseguiti i versamenti dei contributi previdenziali e assicurativi. In pratica, le condizioni da attestare riguardano la solidità patrimoniale, la continuità aziendale e la regolarità dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali. La dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà è resa nell apposito riquadro presente nella dichiarazione IVA o nel modello IVA TR. Gli uffici delle Entrate effettuano controlli anche a campione sulle dichiarazioni sostitutive. Quando serve la garanzia Per i rimborsi di importo superiore a euro occorre la presentazione della garanzia quando il rimborso è richiesto: Il visto di conformità I soggetti che possono apporre il visto di conformità sono i responsabili dell assistenza fiscale dei Caf-imprese, che già svolgono l attività di assistenza fiscale; gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e in quelli dei consulenti del lavoro; gli iscritti, al 30/9/1993, nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle Camere di commercio in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria. In alternativa al visto di conformità è prevista, per i soggetti dotati dell organo di revisione contabile, la sottoscrizione della dichiarazione, anche dai componenti dell organo di controllo che sottoscrivono la relazione di revisione. L apposizione del visto o la sottoscrizione alternativa è in ogni caso collegata all utilizzo e non all ammontare complessivo del credito: la soglia di euro, dunque, deve essere calcolata separatamente per le compensazioni e per i rimborsi. Ad esempio, se l importo del credito IVA in compensazione e quello richiesto a rimborso siano di euro ciascuno, non è necessario apporre il visto anche se la somma dei due crediti supera il limite dei euro. a) da soggetti che esercitano un attività di impresa da meno di due anni, requisito che non si applica nei confronti delle imprese start-up innovative (art. 25, DL n. 1792/2012); b) da soggetti passivi ai quali, nei due anni precedenti la richiesta di rimborso, sono stati notificati avvisi di accertamento o di rettifica da cui risulti, per ciascun anno, una differenza tra gli importi accertati e quelli dell imposta dovuta o del credito dichiarato superiore: - al 10% degli importi dichiarati, se questi non superano euro; - al 5% degli importi dichiarati, se questi superano euro ma non euro; - all 1% degli importi dichiarati, o comunque a euro, se gli importi dichiarati superano euro; c) da soggetti passivi che presentano la dichiarazione o l istanza priva del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa o non presentano la dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà; d) da soggetti passivi che richiedono il rimborso dell eccedenza detraibile risultante all atto della cessazione dell attività. In riferimento all assenza di avvisi di accertamento o di rettifica (punto b), l intervallo dei due anni deve essere calcolato dalla data di richiesta del rimborso; inoltre, gli atti da considerare non sono solo gli avvisi di accertamento e rettifica ai fini IVA, ma anche quelli

10 10 Semplificazioni Aprile 2015 Fideiussione e polizza fideiussoria Per regolare i rapporti tra la società o la banca che presta la fideiussione o la polizza fideiussoria e l Amministrazione finanziaria, con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate sono stati approvati il modello di fideiussione e polizza fideiussoria e le relative Condizioni Generali di assicurazione. Per quanto riguarda l importo oggetto della garanzia, deve essere pari all imposta chiesta a rimborso maggiorato degli interessi del 2% annuo. In relazione alla quantificazione dell importo garantito, si devono distinguere i rimborsi chiesti in procedura ordinaria da quelli chiesti attraverso la procedura semplificata.per i rimborsi richiesti in procedura oreuro relativi agli altri tributi amministrati dall Agenzia delle Entrate. I rimborsi over euro In caso di rimborso superiore a euro già richiesto alla data di entrata in vigore del decreto legislativo il contribuente, in presenza di dichiarazione con visto di conformità o sottoscrizione alternativa e in assenza delle condizioni soggettive di rischio indicate, presenta la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà all ufficio finanziario o all agente della riscossione competente, allegando la fotocopia del documento di identità del soggetto legittimato alla firma. In questo caso la sussistenza dei requisiti e delle condizioni previste per l apposizione del visto di conformità e la presentazione della dichiarazione sostitutiva deve essere verificata con riferimento alla data di entrata in vigore del decreto legislativo e non alla data di richiesta del rimborso, in modo che la valutazione del rischio tenga conto della situazione attuale del contribuente. Sospensione del rimborso in caso di reati La nuova norma prevede che Nel caso in cui nel periodo relativo al rimborso sia stato constatato uno dei reati di cui agli articoli 2 e 8 del decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74, l esecuzione dei rimborsi di cui al presente articolo è sospesa, fino a concorrenza dell ammontare dell imposta indicata nelle fatture o in altri documenti illecitamente emessi od utilizzati, fino alla definizione del relativo procedimento penale. La sospensione agisce nei limiti di seguito indicati: - le tipologie delittuose di cui agli articoli 2 e 8 del D.Lgs. n. 74 devono essere state constatate in riferimento allo stesso periodo d imposta per il quale è stata presentata richiesta di rimborso dell IVA; - la sospensione del rimborso non può essere disposta per un importo superiore a quello dell IVA indicata nelle fatture o negli altri documenti illecitamente emessi o utilizzati. L ufficio che viene a conoscenza dei reati sospende l esecuzione del rimborso, senza poter eseguire alcuna valutazione discrezionale; la sospensione vige fino alla definizione del procedimento penale, indipendentemente dall esito. Le garanzie La garanzia riguarda anche i crediti IVA vantati dall Amministrazione finanziaria per annualità precedenti maturati nel periodo di validità della garanzia stessa. La durata della garanzia deve essere di tre anni a partire dalla data di erogazione del rimborso o, se inferiore, al periodo compreso tra la data di effettiva erogazione e il termine di decadenza dell accertamento, che è fissato al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione o al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata (art. 57, DPR n. 633/1972). Per quanto concerne le diverse modalità con le quali la garanzia può essere prestata, sono individuate le seguenti forme: - fideiussione rilasciata da una banca o da un impresa commerciale che a giudizio dell Amministrazione finanziaria offra adeguate garanzie di solvibilità; - polizza fideiussoria rilasciata da un impresa di assicurazione; - cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al valore di borsa. Inoltre, è previsto che: - per le piccole e medie imprese, le garanzie possono essere prestate anche dai consorzi o cooperative di garanzia collettiva; - per i gruppi di società con patrimonio risultante dal bilancio consolidato superiore a 250 milioni di euro, la garanzia può essere prestata mediante la diretta assunzione dell obbligazione di restituzione da parte della società capogruppo o controllante, anche nel caso di cessione della partecipazione nella società controllata o collegata. E poi prevista una particolare forma di garanzia, la cosiddetta garanzia sine die : se dopo la corresponsione del rimborso o la compensazione viene notificato un avviso di rettifica o accertamento, entro 60 giorni il contribuente deve versare all ufficio finanziario le somme che secondo l atto risultano indebitamente rimborsate o compensate, insieme agli interessi, a meno che non presenti in alternativa un regolare ricorso assistito dalla garanzia prevista fino a quando l accertamento non sia divenuto definitivo.

11 Semplificazioni NOTIZIARIO FISCALE 11 dinaria, l importo da rimborsare è aumentato degli interessi che decorrono, per i rimborsi annuali, dal novantesimo giorno successivo alla data di presentazione della richiesta in dichiarazione e, per i rimborsi infrannuali, dal giorno di scadenza del termine del loro pagamento, fino alla presunta data di esecuzione del rimborso. Nel calcolo degli interessi è prevista la non computabilità del periodo compreso tra la data della notifica della richiesta di documenti e la data della loro consegna quando superi 15 giorni. Per i rimborsi richiesti in procedura semplificata, gli interessi per il ritardo nell esecuzione dei rimborsi devono essere calcolati a decorrere dal sessantunesimo giorno successivo alla data di presentazione della richiesta fino alla presunta data di esecuzione del rimborso; per questi è prevista una franchigia nell obbligo di presentazione della garanzia pari al 10% dell ammontare complessivo dei versamenti effettuati sul conto fiscale nei due anni precedenti la data della richiesta, al netto dei versamenti conseguenti ad iscrizione a ruolo e dei rimborsi già erogati. All importo richiesto, aumentato degli interessi o eventualmente decurtato della franchigia, devono essere aggiunti, sia per i rimborsi richiesti in procedura semplificata che per quelli in procedura ordinaria, gli interessi che i contribuenti sono tenuti a pagare nel caso in cui il rimborso effettuato risulti non spettante: questi interessi sono calcolati per tre anni a partire dalla data di erogazione del rimborso o per il minor periodo compreso tra la data di erogazione e la scadenza del termine di decadenza dell accertamento.l ammontare del rimborso può essere assistito da due distinte garanzie non solidali, eventualmente rese da soggetti diversi, che garantiscano cumulati- La sospensione opera nei limiti della somma risultante dall atto o dalla decisione della commissione tributaria ovvero dalla decisione di altro organo vamente l intero importo anche se richiesto con un unica procedura (semplificata o ordinaria).nella circolare 32/E si ricorda, infine, che rientra nella facoltà degli uffici finanziari sospendere il rimborso IVA in presenza di carichi pendenti anche relativi a tributi diversi dall IVA: in particolare, in tema di sospensione dei rimborsi, l art. 23, comma 1, del D.Lgs. n. 472/1997 dispone che nei casi in cui l autore della violazione o i soggetti obbligati in solido, vantano un credito nei confronti dell amministrazione finanziaria, il pagamento può essere sospeso se è stato notificato atto di contestazione o di irrogazione della sanzione, ancorché non definitivo. La sospensione opera nei limiti della somma risultante dall atto o dalla decisione della commissione tributaria ovvero dalla decisione di altro organo. Resta ferma, tuttavia, la possibilità per il contribuente di presentare apposite garanzie al fine di ottenere l esecuzione del rimborso (circolare n. 19/E del 12/2/1993, ripresa dalla circolare n. 143/E del 9/8/1994 e dalla risoluzione n. 86/E del 2001). Omessa o tardiva presentazione della garanzia Nei casi in cui deve essere presentata, la garanzia costituisce un documento preliminare alla fase di liquidazione del rimborso, per cui la sua mancata presentazione determina la non erogazione del rimborso e non influisce ai fini della proroga del termine di decadenza dell accertamento, a differenza della mancata consegna dei documenti (art. 57, DPR n. 633/1972). Poiché è un documento necessario ai fini dell erogazione del rimborso, in caso di ritardo nella consegna superiore a 14 giorni, il periodo tra la data di notifica della richiesta e la data della consegna non si conteggia ai fini della maturazione degli interessi. La garanzia non deve essere più prestata una volta decorso il termine per l accertamento. In caso di rimborso richiesto in procedura semplificata, il contribuente che si trovi in ritardo nelle condizioni di prestare le garanzie - secondo quanto chiarito dalla circolare n. 17/E del potrà sollecitare, con un ulteriore istanza, diretta all Agente della riscossione competente, la liquidazione del rimborso : questa ulteriore istanza non può essere considerata una nuova istanza di rimborso, ma solo una richiesta in forma libera di sollecito di pagamento. Anche la presentazione tardiva della garanzia è equiparabile all istanza di sollecito di pagamento, per cui una tardiva presentazione della garanzia, in assenza di altri elementi ostativi, rende erogabile il rimborso secondo l originario ordine cronologico. Fonte:

12 730 ON LINE e ADESSO? CON IL NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO NASCE UN NUOVO RAPPORTO TRA CITTADINI E FISCO. NON SBAGLIARE, VIENI AL CAF UIL! Presso i nostri uffici puoi richiedere il tuo Modello 730 precompilato dall Agenzia delle Entrate. Verifichiamo insieme l aggiornamento dei dati per eventuali modifiche o integrazioni. Con il Caf UIL avrai la garanzia della correttezza dei dati esposti nella tua dichiarazione dei redditi. I SERVIZI Al Caf Uil trovi, inoltre, tutta l assistenza per le pratiche relative all Isee, Iseu, Colf e Badanti, Successioni e Locazioni e per i rapporti con l Agenzia delle Entrate, l Inps e la Pubblica Amministrazione. Per conoscere la sede Caf Uil più vicina chiama: CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE

13 Evasione fiscale Aprile RIENTRO DEI CAPITALI, I DUBBI SULL EFFICACIA DELLO SCUDO Voluntary Disclosure: c è la beffa dietro l angolo? A più di tre mesi dall entrata in vigore della legge n. 186 del 15/12/2014, sono ancora molti i dubbi circa la reale praticabilità dello strumento pensato dal Governo per far rientrare in Italia i capitali detenuti all estero. Ad aggiungersi agli ostacoli evidenziati fin da subito dagli operatori del diritto, infatti, ve ne sarebbe un altro, e non meno agevole da superare. A ben vedere, nel caso in cui il contribuente ammetta la violazione di reati tributari per spiegare l origine dei beni oggetto della disclosure, lo scudo previsto dalla normativa non annulla il rischio di vedersi confiscato quanto rimpatriato. Le cause di esclusione della punibilità inserite nell art. 5-quinquies del D.L. n. 167/1990, invero, se proteggono il contribuente dall avvio di un procedimento penale, nulla possono rispetto alla procedura di prevenzione contenuta nel Codice delle leggi antimafia (D.lgs n. 159/2011). Misure di sicurezza di natura sia personale che patrimoniale, i provvedimenti di prevenzione a partire dal 2011 sono applicabili non più solo ai mafiosi ma a tutti i soggetti socialmente pericolosi come sono, appunto,gli evasori fiscali. La procedura di prevenzione, peraltro, risulta assai severa: non sono previste le garanzie tipiche del processo penale e, soprattutto, è attivabile indipendentemente dalla pendenza di un procedimento penale. di Francesco Bomba e Dario De Santis Le cause di esclusione della punibilità Venendo al caso in esame, pertanto, il procedimento penale definito per la sussistenza di una causa di esclusione della punibilità non impedisce l applicazione della confisca di prevenzione. Anzi e senza la pretesa di affrontare il tema ex professo occorre segnalare come l autodenuncia prevista dalla legge n. 186/2014 (ovvero, l ammissione di aver evaso il fisco) contribuisce a documentare la pericolosità sociale del contribuente, così soddisfacendo il presupposto per l applicazione della misura di prevenzione. Il recente arresto delle Sezioni Unite della Cassazione, poi, sembra confermare l assunto: Alla stregua della vigente normativa, la precipua finalità della confisca di prevenzione è, dunque, quella di sottrarre i patrimoni illecitamente accumulati alla disponibilità di determinati soggetti, che non possano dimostrarne la legittima provenienza (Sez. Un., 26 giugno 2014, n. 18). Sulla inefficacia delle clausole di esclusione della punibilità, d altra parte, può essere utile evidenziare come le misure di prevenzione patrimoniali abbiano sempre aggirato i condoni fiscali, orientamento ribadito da ultimo dalla Cassazione: È escluso che un eventuale condono fiscale possa incidere sulla determinazione del giudicante in favore del proposto (alla misura di prevenzione patrimoniale). Il cosiddetto condono tombale non sposta i termini della questione: ed infatti non rileva che a seguito del perfezionamento dell iter amministrativo le somme di cui all evasione fiscale entrino a far parte legittimamente del patrimonio del proposto, dal momento che l illiceità originaria del comportamento con cui quest ultimo se le era procurate continua a dispiegare i suoi effetti ai fini della confisca (Sez. Un., 29/5/2014, n. 13).

14 14 Europa Aprile 2015 LA BANCA CENTRALE EUROPEA A SOSTEGNO DELLA RIPRESA L acquisto di titoli di Stato rimette in moto la crescita Nel numero precedente vi abbiamo illustrato il programma Quantitative Easing (Qe) della Banca Centrale Europea, con l acquisto di 60 miliardi di bond governativi al mese a partire da marzo, che durerà fino al settembre 2016: obiettivo dichiarato, mettere l Europa al riparo dai rischi di deflazione. Il piano consiste in un allentamento quantitativo della politica monetaria da realizzare non abbassando i tassi d interesse, che sono già a zero, ma aumentando la quantità di moneta in circolazione, ovvero stampare moneta per comprare titoli e debiti di Paesi ultra indebitati: in pratica, più denaro previsioni per il 2015 e 2016 rispetto alle precedenti proiezioni di dicembre, rispettivamente a 0,5% e 0,4%. Questo è dovuto in particolare al calo dei prezzi del petrolio, al graduale consolidamento della domanda esterna, al miglioramento delle condizioni di finanziamento grazie alla nostra politica monetaria accomodante e al deprezzamento dell euro. E un Draghi soddisfatto quello che dichiara: L acquisto di titoli di Stato funziona. I miglioramenti non possono essere attribuiti solamente all allentamento monetario, ma la nostra politica monetaria sta certamente sostenendo la ripresa. La crescita e più inflazione. nell Eurozona ha invertito la rotta e il Qe Presentando l iniziativa il Presidente MARIO DRAGHI contribuirà a far risalire l inflazione verso Presidente BCE della Bce, Mario Draghi, ne ha l obiettivo della Bce, ossia vicino ma sotto annunciato la durata fino a settembre 2016 e in ogni caso fino a quando ci sarà una sostenuta correzione dell inflazione, con l obiettivo di un livello dei prezzi sotto ma vicino al 2% nel medio termine, E in una conferenza a Francoforte, alla sua prima uscita pubblica dopo aver lanciato il maxi-piano di acquisto di bond, lo stesso Draghi ha affermato che C è una evoluzione nella giusta direzione, con gli effetti del piano e delle altre misure messe in campo già visibili. Gli ultimi indicatori positivi mostrano Christine Lagarde Direttore Generale del Fondo Monetario al 2%. L inflazione nell area euro rimarrà molto bassa o negativa nei prossimi mesi a causa del calo del prezzo del petrolio, che continuerà a influenzare il tasso fino alla fine dell anno ma tornerà ad aumentare gradualmente verso la fine dell anno. Il numero uno della Bce riafferma che la politica espansiva lanciata dall istituto rientra nel mandato perché l acquisto di titoli non è niente di nuovo ma una misura che è stata adottata abitualmente dalle banche centrali fin da quando queste che la frenata della crescita dell Eurozona ha iniziato a invertire la rotta. Il Pil della zona euro ha segnato una crescita dello 0,3% nell ultimo trimestre del 2014, un po più di quanto ci attendavamo e i dati puntano verso un ulteriore miglioramento della congiuntura all inizio di quest anno e quindi la ripresa dovrebbe gradualmente rafforzarsi. La crescita europea sta prendendo slancio e la base per la ripresa economica nell Eurozona si è chiaramente rafforzata, ha detto il Presidente Draghi: sono state riviste al rialzo le istituzioni sono state create. Inoltre, aggiunge che il programma di Qe può proteggere i Paesi dell Eurozona dal contagio greco, ribadendo al contempo che tutti i Paesi devono comunque fare la loro parte per la crescita portando avanti le riforme strutturali. Si affianca al numero uno della Bce il Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde: l Europa ha voltato pagina e per la prima volta da molto tempo vediamo delle notizie positive.

15 Europa NOTIZIARIO FISCALE 15 Un clima favorevole Contemporaneamente si registrano altri fattori importanti: l euro è vicino alla parità con il dollaro, ai minimi da marzo anni! - e i tassi sui titoli di Stato, sotto la spinta del Qe, ai nuovi minimi storici. Il ministero dell Economia è riuscito a piazzare tutti i 6,5 miliardi del nuovo Bot a 12 mesi con scadenza marzo 2016, con un tasso dello 0,079% e nuovo minimo storico sulla scadenza annuale; lo spread tra il Btp e il Bund continua la discesa ed è arrivato a 91,5 punti base, col tasso sul decennale al nuovo minimo record, l 1,12%. Inoltre si registra il calo dell euro, il cui indebolimento preannuncia dei vantaggi per l export e per le Borse dell Eurozona. Col piano Bce l Italia guadagnerà un punto di Pil nel 2016 Nel corso di una recente audizione presso la Camera dei Deputati, Draghi ha ripetuto che la politica monetaria da sola non basta, che servono le riforme strutturali e che l inflazione tornerà a valori prossimi al 2%: Sappiamo che la politica monetaria non può assicurare da sola una ripresa stabile e d altra parte quella che abbiamo di fronte è solo congiunturale. Quando sarà finita, torneremo al punto di partenza, ricordando inoltre che lo spread a 500 punti base è quello che l Italia pagava prima di entrare nell euro. Questo dato è un elemento utile per chi volesse fare paragoni sull utilità e i vantaggi della moneta unica per la nostra economia. In vari Paesi la crescita potenziale si è smorzata già prima dell introduzione dell euro : in Italia è scesa dal 2,5% dell inizio degli anni 90 all 1,5% del 1999, riducendosi ora a quasi zero, secondo il Fmi. Secondo Draghi, Trincerarci nuovamente nei confini nazionali non risolverebbe nessuno dei problemi che abbiamo di fronte. In Italia vi è un alta concentrazione di micro-imprese a produttività inferiore alla media, con una regolamentazione che le incentiva a rimanere piccole. La Bce guarda con favore alle iniziative per ridurre il peso delle partite deteriorate delle banche perché ciò libera risorse a beneficio delle imprese. Serve un settore bancario sano, i prestiti deteriorati devono emergere rapidamente e devono essere cercate soluzioni che facciano emergere il problema. La Bce è favorevole a una bad bank. Il calo dei tassi d interesse a lungo termine e il deprezzamento dell euro, conseguenza del Quantitative easing, dovrebbero spingere la crescita italiana di un punto percentuale entro il Le prospettive di crescita sono in questo momento più favorevoli che negli ultimi anni, ha proseguito il Presidente della Bce, aggiungendo che ci sono segnali che la ripresa debole e disomogenea acquisti forza e stabilità. Tra i principali motivi ci sono gli effetti positivi del crollo dei prezzi dei prodotto energetici, la politica monetaria espansiva e le riforme strutturali varate in diversi Paesi dell area che cominciano a fare sentire i propri effetti. L intervento di politica monetaria sta dando i suoi frutti: Intendiamo continuare con questi acquisti fino alla fine di settembre del 2016 o fino a quando l inflazione non si avvicini durevolmente ai nostri obiettivi, le misure fino ad ora adottate si sono dimostrate efficaci. Rispondendo a delle critiche provenienti da Berlino, secondo le quali il piano di acquisti di titoli di stato della Bce avrebbe funzionato da elemento demotivante per gli Stati a realizzare riforme strutturali, Draghi ha affermato che Noi la pensiamo esattamente all opposto, la politica monetaria della Bce crea condizioni migliori per le riforme che sono molto più difficili da fare durante le fasi di difficoltà economica e di recessione. Germania e Grecia In riferimento, poi, ai problemi che continuano a esistere tra la Germania e la Grecia, secondo il Presidente L Unione non è stata pensata come uno spazio dove coesistono creditori permanenti e debitori permanenti. Non è pensabile che le divergenze fra le economie della zona dell euro siano affrontate con trasferimenti permanenti. La crescita non è un fine a se stesso, il suo obiettivo è dare opportunità alle persone. Occorre che efficienza ed equità siano conciliate, che nessuno resti indietro. Le regole di bilancio nell Eurozona sono state disattese più volte sottoponendo la fiducia reciproca a forte tensione. Parlando al Parlamento greco Draghi si è detto fiducioso che i colloqui in corso, con la buona fede di entrambe le parti, ristabiliranno il processo necessario per avere un dialogo sulla Grecia. È necessario ristabilire un dialogo tra il Governo greco e le istituzioni in modo da avere una prospettiva credibile per il positivo completamento della review.

16 16 Evasione Aprile 2015 LA SENTENZA DELLA CONSULTA Cedolare secca, affitti in nero e possibili effetti Di massimo ricciardi La materia delle locazioni immobiliari per uso abitativo è notoriamente tra quelle più esposte all evasione fiscale, considerata la diffusa prassi dei cosiddetti affitti in nero, con proventi facilmente sottratti in tutto o in parte alla tassazione. In tale prospettiva si giustifica il regime legislativo (delineato con la legge delega n. 42 del 2009 e del conseguente decreto legislativo n. 23 del 2011) di favore per il locatore, attraverso la previsione della cosiddetta cedolare secca. Il locatore può infatti optare, all atto della stipula del contratto, per il regime ordinario o per l applicazione di un aliquota fissa sul canone, sostitutivo anche dell imposta di registro e di bollo. Meccanismo, questo, che in presenza di redditi alti comporta un significativo beneficio fiscale. Inoltre, il legislatore adottando la politica del conflitto di interessi tra le parti - ha inteso premiare il conduttore in modo tale da indurre il locatore a effettuare tempestivamente la registrazione del contratto e a non mantenere il rapporto in nero. Si tratta, dunque, di un meccanismo particolarmente severo, ma da più parti ritenuto efficace, funzionale agli interessi del Fisco e non irragionevole. sa; Le sanzioni per i proprietari Deve essere rammentato che per far emergere gli affitti in nero, l inquilino che denunciava la locazione totalmente non dichiarata al Fisco poteva avvalersi di un canone annuo pari al triplo della rendita catastale. Se invece la locazione era solo parzialmente occultata (la cifra sul contratto registrata era inferiore a quella effettivamente pattuita e pagata), l inquilino denunciante poteva beneficiare di un canone di locazione pari alla somma dichiarata in chiaro. Inoltre il contratto, qualsiasi fosse la sua durata originaria, poteva trasformarsi in 4+4 anni. Con la sentenza 50/2014, dichiarando illegittimo l art. 3, commi 8 e 9, del citato decreto legislativo 23/2011, la Corte Costituzionale ha di fatto bocciato le disposizioni secondo le quali gli inquilini potevano registrare di propria iniziativa il contratto d affitto presso un qualsiasi ufficio delle Entrate, denunciando di fatto il proprietario di casa che non aveva registrato il contratto o aveva indicato un importo inferiore rispetto a quello reale o, ancora, aveva registrato un comodato d uso simulato. La registrazione poteva essere effettuata anche dai funzionari del Fisco o della Guardia di Finanza. Le argomentazioni della Corte La Consulta ha diffusamente argomentato le ragioni giuridiche che l hanno portata ad accogliere le questioni sollevate da numerosi tribunali italiani investiti dalle controversie insorte tra proprietari e inquilini. Il tema dominante della censura costituzionale riguarda il cosiddetto eccesso di delega. Infatti, a proposito dei rapporti che devono correlare la legge di delegazione approvata dal Parlamento e il decreto legislativo emanato dal Governo, la Corte, in varie occasioni (in particolare sentenze n. 293 del 2010, n. 80 del 2012 e n. 219 del 2013) ha avuto modo di sottolineare come il sindacato di legittimità costituzionale sulla delega legislativa si esplichi attraverso un confronto tra gli esiti di due processi interpretativi paralleli. Il primo riguarda le disposizioni che determinano l oggetto, i principi e i criteri direttivi indicati dalla legge di delegazione, tenuto conto del contesto normativo in cui si collocano e si individuano le ragioni e le finalità relative. Il secondo riguarda le disposizioni stabilite dal legislatore delegato, da interpretarsi nel significato compatibile con i principi e i criteri direttivi della delega. Scaturisce da ciò che,

17 Evasione NOTIZIARIO FISCALE 17 contrattuale in via automatica, solo a seguito della mancata tempestiva registrazione del contratto. In definitiva la Consulta ha ritenuto che le sanzioni fiscali non possono comprimere oltre ogni limite il diritto di proprietà con misure che si presentano sproporzionate e limitative dell autonomia contrattuale. agli effetti dell anzidetto sindacato, occorre, da un lato, considerare la ratio complessiva della delega (per individuare gli ineludibili punti di riferimento e i limiti indicati al legislatore delegato) e, dall altro, tenere in conto la possibilità che il legislatore delegato introduca disposizioni che costituiscano un coerente sviluppo e un completamento delle indicazioni fornite dal legislatore delegante, nel rigoroso ambito dei confini stabiliti. Ebbene, alla luce dei rilievi sollevati, è stato ritenuto che la disciplina oggetto di censura sotto numerosi profili rivoluzionaria sul piano del sistema civilistico vigente si presentava del tutto priva di copertura da parte della legge di delegazione: in riferimento sia al relativo ambito oggettivo, sia alla sua riconducibilità agli stessi obiettivi perseguiti dalla delega. Con la legge n. 42 del 2009, infatti come emblematicamente enunciato dalla disposizione programmatica di cui all art. 1, comma 1, il Parlamento ha inteso introdurre disposizioni volte a stabilire in via esclusiva i principi fondamentali del coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, a disciplinare l istituzione ed il funzionamento del fondo perequativo per i territori con minore capacità fiscale per abitante nonché l utilizzazione delle risorse aggiuntive e l effettuazione degli interventi speciali..perseguendo lo sviluppo delle aree sottoutilizzate nella prospettiva del superamento del dualismo economico del Paese. Si tratta, dunque, di un ambito normativo rispetto al quale il tema di cui alla disciplina denunciata risulta del tutto estraneo, essendo questa destinata ad introdurre una determinazione legale di profili essenziali del contratto di locazione ad uso abitativo (canone e durata), in ipotesi di ritardata registrazione dei contratti o di simulazione oggettiva dei contratti medesimi, pur previste ed espressamente sanzionate nella disciplina tributaria di settore. Il tema della lotta all evasione fiscale, che costituisce un chiaro obiettivo dell intervento normativo in discorso, puntualizza la Corte, non può essere configurato anche come criterio per l esercizio della delega: il quale, per definizione, deve indicare lo specifico oggetto sul quale interviene il legislatore delegato, entro i previsti limiti. Né il riferimento alle «forme premiali» anzidette può ritenersi in alcun modo correlabile con il singolare meccanismo sanzionatorio oggetto di censura. Del resto, nella citata legge di delegazione si formula un preciso enunciato, (formalmente e sostanzialmente evocabile quale principio e criterio direttivo generale), secondo il quale l esercizio della delega avrebbe dovuto essere attuato nel «rispetto dei principi sanciti dallo statuto dei diritti del contribuente di cui alla legge 27 luglio 2000, n. 212». Statuto che, a sua volta prevede, all art. 10, comma 3, ultimo periodo, che «Le violazioni di disposizioni di rilievo esclusivamente tributario non possono essere causa di nullità del contratto»: con l ovvia conseguenza che la mera inosservanza del termine per la registrazione di un contratto di locazione non può legittimare addirittura una novazione quanto a canone e a durata. La Corte Costituzionale ha, inoltre, sottolineato che gli obblighi di informazione del contribuente, parimenti prescritti dal predetto Statuto, risultano nella specie totalmente negletti, operando la denunciata sostituzione Le possibili conseguenze E evidente che la sentenza è stata accolta con differente favore dai soggetti contrapposti interessati alla controversia: gli organismi collettivi a tutela della proprietà edilizia hanno apprezzato la decisione della Corte Costituzionale con la quale è stato ripristinato il principio della proporzionalità delle sanzioni. Sull altro versante, invece, i sindacati degli inquilini hanno invocato un chiarimento del Governo e sollecitato un azione parlamentare rapida ed efficace per ripristinare le norme sanzionatorie nei confronti dei proprietari che affittano al nero o in maniera irregolare e adeguare le norme di salvaguardia per gli inquilini che intendono uscire da questa condizione di illegalità. Rimane il punto nodale delle conseguenze giuridiche che colpiranno gli inquilini che avvalendosi della norma, ora dichiarata incostituzionale, avevano beneficiato di notevoli vantaggi in termini di importo di canoni di locazione da corrispondere. Secondo il consolidato indirizzo interpretativo sugli effetti delle decisioni della Consulta, i contratti di locazione registrati dopo la denuncia degli inquilini devono ritenersi annullati e, pertanto, da sostituire con nuove ipotesi contrattuali. Sono immaginabili ulteriori numerose controversie civilistiche che potranno essere scongiurate soltanto con un ponderato nuovo intervento legislativo.

18

19 Settore no profit NOTIZIARIO FISCALE 19 ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE E ONLUS Iscrizione delle ONG nell anagrafe delle ONLUS L agenzia delle Entrate ha ricevuto numerose richieste di chiarimenti da parte di organizzazioni non governative (ONG), riconosciute idonee in base alla legge n. 49/1987, in relazione alle modalità da seguire per l iscrizione nell Anagrafe delle ONLUS ai sensi dell art. 32, comma 7, della legge n. 125/2014 ( Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo ). In particolare, il comma 7 dell art. 32 prevede che le organizzazioni non governative già riconosciute idonee ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49, e considerate organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) ai sensi dell art. 10, comma 8, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, alla data di entrata in vigore della presente legge sono iscritte nell Anagrafe unica delle ONLUS, su istanza avanzata dalle stesse presso l Agenzia delle entrate. In ogni caso, per i primi sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge ovvero fino al momento dell avvenuta iscrizione, rimangono validi gli effetti del riconoscimento dell idoneità concessa ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49. Cosa stabilisce, in pratica, la disposizione? Che le ONG già riconosciute idonee in base alla legge n. 49/1987, alla data di entrata in vigore della legge n. 125/2014 nel caso in cui vogliano mantenere la qualifica di ONLUS - devono presentare una istanza di iscrizione all Anagrafe delle ONLUS, tenuta presso le Direzioni regionali dell Agenzia. Ai sensi della nuova normativa, inoltre, per i primi sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge 125 quindi, fino al 28 febbraio o fino al momento dell avvenuta iscrizione, restano validi gli effetti del riconoscimento dell idoneità concessa dal Ministero degli Affari Esteri (ora Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale). Il dubbio interpretativo manifestato da alcune organizzazioni è se, per effetto delle nuove disposizioni della citata legge n. 125, le ONG già riconosciute idonee al 29 agosto 2014 (data di entrata in vigore della legge n. 125), devono o meno adeguare gli statuti o gli atti costitutivi, ai fini del riconoscimento come ONLUS, a tutti i requisiti previsti dall articolo 10 del D.Lgs. n. 460/1997. In proposito, nella risoluzione n. 22/E del 24 febbraio 2015, si legge che d intesa con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l Agenzia delle Entrate precisa che le ONG che presentano l istanza di iscrizione all Anagrafe delle ONLUS, non sono tenute ad adeguare statuti o atti costitutivi ai requisiti previsti dall art. 10 del D.Lgs. n. 460/1997. In sostanza, con la richiesta di iscrizione ai sensi dell art. 32, comma 7, della legge n. 125/2014, le ONG costituiscono, nell ambito dell Anagrafe unica delle ONLUS, una particolare categoria ad esaurimento e mantengono le agevolazioni fiscali previste per le ONLUS, la possibilità di accedere al beneficio del 5 per mille dell IRPEF e di ricevere erogazioni liberali deducibili e/o detraibili in capo ai soggetti eroganti senza obbligo di adeguare gli statuti o atti costitutivi.

20 20 Settore no profit Aprile 2015 L iscrizione L iscrizione all Anagrafe delle ONLUS si realizza presentando alla Direzione Regionale dell Agenzia delle Entrate nel cui ambito territoriale si trova il domicilio fiscale della ONG richiedente, l apposito modello di comunicazione (approvato con decreto del Ministro delle finanze 19 gennaio 1998 e reperibile sul sito internet dell Agenzia delle Entrate, nella sezione riservata al non profit). Al riguardo l Agenzia precisa che, ai fini della compilazione di questo modello, in corrispondenza della casella 14 riguardante il settore di attività, deve essere indicato l acronimo ONG. Considerato che, come si è già detto, l iscrizione avviene senza dover conformare gli statuti o atti costitutivi ai requisiti previsti dall art. 10 del citato D.Lgs. n. 460, al modello di comunicazione non dovrà essere allegato lo statuto o l atto costitutivo. Per quanto concerne le modalità di presentazione, il modello può essere spedito in plico senza busta raccomandato con avviso di ricevimento o consegnato in duplice copia alla Direzione Regionale competente, che provvederà all iscrizione all Anagrafe delle ONLUS comunicandolo all Organizzazione interessata. Nella risoluzione viene infine precisato che l iscrizione nell Anagrafe delle ONLUS secondo la procedura illustrata è prevista esclusivamente per le ONG riconosciute idonee al 29 agosto Le organizzazioni non governative già riconosciute idonee ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49, e considerate organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) ai sensi dell art. 10, comma 8, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, alla data di entrata in vigore della presente legge sono iscritte nell Anagrafe unica delle ONLUS, su istanza avanzata dalle stesse presso l Agenzia delle entrate. In ogni caso, per i primi sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge ovvero fino al momento dell avvenuta iscrizione, rimangono validi gli effetti del riconoscimento dell idoneità concessa ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli