Economia Politica 101 Stelle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia Politica 101 Stelle"

Transcript

1 Economia Politica 101 Stelle Fondamenti di economia politica per capire le reali cause della crisi Italiana e dell'unione Monetaria Europea Possibili soluzioni per salvare vite, benessere, diritti e democrazia in Italia ed Europa Staff Economia 5 Stelle Gruppo Facebook Economia 5 Stelle

2 Fermati e ascolta... Non sottovalutate il problema della crisi finanziaria attuale. Questa crisi non è una questione di ordinaria politica. Questa crisi é un prodigioso strumento di lotta di classe e redistribuzione del reddito fra classi lavoratrici e classi dominanti in Europa. Se lasciamo fare, perderemo democrazia, sicurezza sociale, beni comuni e ogni altra conquista sociale Le classi dominanti europee usano giornali, televisioni ed economisti autorevoli per darci sempre un unica versione dei fatti. Il loro intento è convincerci che il nostro unico dovere è obbedire e pagare, non importa se la disoccupazione cresce, se i servizi si riducono, se la previdenza sociale e la stessa democrazia scompaiono Non possiamo sperare che sia la classe politica attuale ad arrestare questo lento declino. Per convinzione, ignoranza o per mero interesse, i politici sono alleati dell oligarchia finanziaria. Discorso analogo per quasi tutte le forze sindacali Gli intellettuali europei, specie quelli delle cosiddette sinistre alternative, hanno coperto e incentivato questo stato di cose e sono altrettanto colpevoli Solo una grande opposizione popolare e una capillare e minuziosa divulgazione informativa potrà salvarci. Ma per costruirla ci vuole il contributo di tutti

3 Fermati e ascolta (2)... Vi invito caldamente a NON fidarvi di quanto esposto qui. Citeremo dati e fonti. Verificatele tutte. Possiam sempre sbagliarci Il punto di vista economico di chi scrive é keynesiano. Rifiutiamo la teoria neoclassica e monetarista che é alla base dei costrutti economici e politici errati che andremo a descrivere e che hanno portato alla creazione dell'unione Monetaria Europea (UME). Sosteniamo il diritto al lavoro garantito, la crescita sostenibile, la green economy e il progresso tecnologico. Apprezziamo parte della visione di Marx, cui va riconosciuta una notevole capacità predittiva sulla crisi attuale e sulle conseguenze della deregolamentazione del movimento dei capitali Siamo europeisti convinti e crediamo nella pace e collaborazione tra popoli. Rifiutiamo l'idea di una pace basata sulla sofferenza, sull'ignoranza o sull'oppressione di altri popoli Quanto esposto non ha alcuna parentela con teorie del complotto. Lobby e organizzazioni sovranazionali sono una realtà accertata, ma per il bene del dibattito e della divulgazione vi sconsiglio di fidarvi di chi menziona con troppa disinvoltura Club Bilderberg, Trilaterale, Massoneria, Illuminati, signoraggio bancario, etc.

4 Leggi, Documentati, Divulga, Arrabbiati La credibilità della vostra divulgazione deriva dalla calma, dalla padronanza dei contenuti e dalla citazione di fonti attendibili. Un titolo universitario o una pubblicazione valgono poco, se servono solo a rendere autorevoli menzogne e luoghi comuni fasulli anche troppo diffusi Ricordate che, al bar come in parlamento, siete responsabili delle persone cui divulgate il vostro parere. Disinformare, specie su questioni essenziali come la politica economica e la disoccupazione, é equiparabile a un crimine In tutta Europa, ma soprattutto in Italia e Germania, il dibattito é influenzato da una capillare disinformazione da parte di media e politica. Tenete presente che una persona che non sa o non capisce non necessariamente é in malafede. Spiegate con calma, argomentare pazientemente é il modo migliore per ottenere fiducia. Se arrivate all'insulto, avete perso su tutta la linea L'economia mondiale é un sistema in continua evoluzione. Leggete continuamente, curiosate, approfondite, confrontate più fonti. Queste slides non sono sufficienti Dopo e solo dopo, se tutto fallisce, potete permettervi di arrabbiarvi :)

5 Fonti e Letture Siti web e blogosfera Testi divulgativi Alberto Bagnai - Goofynomics S.Cesaratto, M.Pivetti Oltre l'austerità (Micromega) Orizzonte 48 Marino Badiale - Il-main-stream A.Bagnai Il tramonto dell'euro (Imprimatur) Carmen Gallus - Voci dall'estero Voci dalla Germania Quadrante futuro Tempesta perfetta Sergio Cesaratto Emiliano Brancaccio Claudio Borghi Gennaro Zezza Gustavo Piga Paul Krugman Modern Money Theory (ITA/INGL/EPIC) Keynesblog Centro nuovo modello sviluppo A.Bagnai Modelli empirici di aggiustamento e crescita (Aracne) M. Badiale - F. Tringali - La trappola dell'euro (Asterios) G.Grossi Il Tallone d'achille (libro online ) E.Brancaccio L'Austerità é di destra (Il Saggiatore)

6 Fonti e Letture (2) Basi dati statistici: AMECO ( ) Banca Mondiale ( ) Eurostat ( Fondo monetario internazionale - WEO ( ) Istat ( ) OCSE ( ) Trattato sul funzionamento dell'unione Europea - TFUE ( https://www.ecb.int/ecb/legal/1341/1342/html/index.it.html )

7 Fonti e Letture (3) Non si possiede né si rivendica la proprietà intellettuale di nessuno dei lavori, dei paper, delle slide, dei dati né dei grafici qui citati La posizione politico - economica qui manifestata NON é quella ufficiale del Movimento 5 Stelle - beppegrillo.it, rispecchia però il pensiero di una parte dei suoi attivisti che studiano approfonditamente e divulgano la materia Ove é stato possibile é stata citata la fonte, inclusa citazione dell'autore dell'elaborazione dei dati originali La citazione di una fonte NON comporta necessariamente l'appoggio dello staff del gruppo a ogni posizione economica o politica dell'autore stesso e viceversa Eventuali refusi o mancanze su dati, concetti e fonti segnalati sul gruppo Economia 5 Stelle (https://www.facebook.com/groups/ /) saranno prontamente corretti e il materiale eventualmente coperto da diritti d'autore sarà rimosso Lavoro distribuito sotto licenza Creative Commons To the extent possible under law, Staff Economia 5 Stelle has waived all copyright and related or neighboring rights to Economia Politica 101 Stelle. This work is published from: Italia.

8 Indietro nel tempo : Bretton Woods. Gli USA impongono un sistema monetario a cambi fissi basato sul dollaro, convertibile in oro (gold standard). Il dollaro diventa valuta di riserva mondiale. I paesi mondiali dovevano mantenere fisso il cambio della loro valuta col dollaro. Creazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI), per aiutare gli stati in difficoltà con i pagamenti 1960: il dilemma di Triffin. Gli USA stampano moneta solo per sé stessi (ma allora il mondo in crisi del secondo dopoguerra non avrà di che comprare i loro prodotti) oppure stampano per tutti per favorire la ripresa mondiale e le loro esportazioni (e allora rinunciano alla convertibilità in oro)? 1961: Mundell (uno dei padri dell'euro) pubblica la teoria delle Aree Valutarie Ottimali (AVO) che gli varrà il Nobel. Un'AVO deve avere perfetta flessibilità di prezzi e salari e perfetta mobilità di capitali e fattori produttivi. Altrimenti in caso di crisi é destinata a crollare. In pratica, in un'unione monetaria di paesi diversi in cui sopraggiunga una di crisi, o i paesi in difficoltà accettano deflazione salariale e/o emigrazione, o l'unione crolla. Vi ricorda qualcosa? 1971: Nixon shock. Si avvera la previsione di Triffin. Nixon abolisce il gold standard, tutte le monete mondiali si sganciano dal dollaro e il loro cambio comincia a fluttuare (situazione attuale). Fu il ragnarok valutario? Mhhhh...No!

9 Indietro nel tempo... (2) 1973: primo shock petrolifero. La guerra in Yom Kippur fa quadruplicare il prezzo del greggio e provoca recessione e inflazione a due cifre in tutto il mondo. Inizia l'austerità energetica. Nel 1976 la lira per difendersi svaluta del 50% e l'italia torna a crescere 1979: l'italia entra nel Sistema Monetario Europeo (SME). Ovvero una piccola Bretton Woods. Gli stati europei membri si impegnavano a mantener fisso il cambio rispetto all'ecu (European Currency Unit). L'ECU era un'unità di conto il cui valore era dato dalla media dei cambi valutari dei paesi membri. NON viene previsto alcun ente per aiutare i paesi in difficoltà. Rivoluzione iraniana e secondo shock petrolifero. Il prezzo del greggio triplica, con le stesse conseguenze recessive e inflazionistiche del '73. Eh sì, la superiflazione non era dovuta alla nostra stampa difensiva di moneta : divorzio tesoro-banca d'italia. Il ministro del tesoro Andreatta, per bloccare l'inflazione, cancella l'obbligo per la banca centrale di acquistare titoli di stato italiani. Viene abolito il vincolo di portafoglio (obbligo per le banche italiane di detenere una quota minima di titoli di stato italiani), il che rende oggi lo stato ricattabile dalle banche stesse ( o fai xxx o noi vendiamo i tuoi titoli. E salutaci lo spread... ). L'inflazione cala, ma solo perché il prezzo del petrolio cala del 75%... In compenso esplodono tassi di interesse, spesa pubblica per interessi, debito pubblico e disoccupazione

10 Indietro nel tempo... (3) 1987: entrata nello SME credibile. Nello SME erano previsti periodici aggiustamenti dei cambi valutari, che dovevan fluttuare intorno alla media ( serpentone monetario ), ora non é più possibile. Di fatto é come un'unione monetaria completa. L'elevata inflazione italiana inizia a logorare la competitività dei nostri prodotti rispetto al centro europa. Né SME credibile né divorzio furono decisioni prese dal parlamento né dal consiglio dei ministri. NESSUNA legittimazione democratica! 1992: la lira esce dallo SME. Il governo Amato, dopo aver abolito le ultime vestigia di indicizzazione dei salari (la scala mobile, già pensionata da Craxi nell'85), é costretto a svalutare la lira del 20% (dall'insostenibilità di un cambio fisso sopravvalutato rispetto ai fondamentali economici italiani e non certo dalla speculazione di Soros né da mistiche svalutazioni competitive...). L'inflazione cala di 1 punto, la crescita del PIL é sul 3% 1992: viene emanata la legge numero 35/1992 (Legge Carli - Amato) per la privatizzazione di istituti di credito ed enti pubblici. Essi vengono trasformati in S.p.a. (Società per azioni). In altre lingue, più trasparenti, vengono chiamate società anonime, ad indicare chiaramente la non responsabilità e la non visibilità delle persone coinvolte

11 Indietro nel tempo... (4) Gli enti pubblici di erogazione dei servizi pubblici trasformati in aziende (S.p.a.), in nome della indimostrata ma scontata superiore efficienza dei privati, diventano invisibili alla Corte dei Conti, sottratti al suo controllo sugli atti, amplificando conflitto di interesse e dinamiche corruttive e/o illecite Uno dei principi cardini sui quali è fondata l'unione Europea è nel divieto di aiuti di Stato alle aziende. Lo Stato viene limitato nella possibilità di intervenire a ricapitalizzare le sue banche. Alcuni europei hanno ancora una presenza pubblica importante nel sistema finanziario, ed hanno interpretato in maniera un po' elastica quei principi di non ingerenza. Noi, sempre in maniera rigorosa. Risultato? Ad ogni successiva ricapitalizzazione delle nostre banche si ha un sempre maggiore passaggio ai mercati privati della proprietà del sistema finanziario, ex pubblico 1994: abolizione in Italia della distinzione fra banca ordinaria e banca d'affari (viene abolito l'equivalente del famoso Glass-Steagall act del 1933). Diviene possibile operare sui mercati a fini speculativi anche per enti bancari che dovrebbero occuparsi unicamente di garantire il credito e il risparmio dei cittadini. I salvataggi statali di istituti in sofferenza in Europa non si conteranno più, con grave ricaduta sui debiti pubblici e sul risparmio privato...

12 Indietro nel tempo... (5) 1996: la lira rientra nello SME. Il premier Prodi ottiene il riallineamento con i parametri di Maastricht con la durissima tassa sull'europa, promettendo prosperità per tutti e credibilità internazionale in cambio di una valuta sopravvalutata e dal valore rigido e prefissato. Nonsense : entrata dell'italia nell'euro. Vi ricordate il meraviglioso cambio 1000 lire=1 euro regalatovi dal pressapochismo nei controlli del governo Berlusconi sulla transizione lira-euro? Si, in teoria era 1 euro=1936,27 lire... in teoria. Conseguente crollo del potere d'acquisto in Italia 2003: prime riforme Hartz del mercato del lavoro tedesco. Vengono offerti minijobs pagati 400 euro al mese senza contributi, finanziando i necessari ammortizzatori sociali con la spesa pubblica, sforando i parametri di Maastricht. Politica feroce di deflazione salariale competitiva e repressione della domanda interna tedesca. Ora più di 7 milioni di lavoratori tedeschi hanno un minijob (di cui 5 come unica occupazione). Il 20% della loro forza lavoro é sottopagata e l'iniquità sociale é ai massimi storici 2007: crisi dei mutui subprime negli USA e fallimento della banca Lehman Brothers (2008). Poi la crisi ha colpito duro anche qui. Ma cosa sapete DAVVERO sulla crisi finanziaria?

13 Quale crisi finanziaria? Il debito di qualcuno é sempre il credito di qualcun altro. L economia esiste perché esiste lo scambio, ogni scambio presuppone l esistenza di due parti, con interessi contrapposti: l acquirente vuole spendere di meno, il venditore vuole guadagnare di più. Nessun complotto! La morale non é semplicemente contemplata. Laddove non c'é regola, conta solo il profitto Se stiamo parlando di crisi finanziaria è perché qualcuno ha preso in prestito dei soldi che non riesce a restituire, e la crisi è internazionale perché creditore e debitore risiedono in paesi diversi. Per definizione quindi il problema esiste perché esistono i movimenti internazionali di capitali, cioè perché i risparmi accumulati in un paese possono essere impiegati in un altro paese Si ha importazione di capitali quando i capitali affluiscono in un paese. Questo significa che il paese in questione si sta indebitando con l'estero, e quindi accumula passività. All'afflusso di capitale farà riscontro il deflusso di un reddito nei periodi successivi, visto che sui debiti si paga un interesse. La fuoriuscita di capitali è invece un'esportazione di capitali: in questo caso il paese sta accumulando crediti, cioè attività, e al deflusso di un capitale farà riscontro il successivo afflusso di redditi, visto che sulle somme prestate si esige il pagamento di un interesse

14 Quale crisi finanziaria? (2) Nessun paese ha solo debiti o crediti. Si valuta il netto (attivi meno passivi). La variazione di questa posizione netta sull'estero è il saldo delle partite correnti della bilancia dei pagamenti. Concorrono ad esso il saldo commerciale e quello dei redditi Un paese si indebita con l'estero se spende (per importazioni e pagamenti di interessi) più di quello che guadagna (per esportazioni e riscossione di interessi). Viceversa un paese, per avere risorse da prestare all'estero, dovrà aver guadagnato (esportando) più di quanto ha speso (importando) Un paese importatore netto di beni (cioè con deficit delle partite correnti) è anche un importatore netto di capitali, e simmetricamente un paese esportatore netto di beni è anche esportatore netto di capitali La comunicazione dei fatti economici tende a essere sempre schermata da valutazioni moralistiche fuorvianti, un errore da evitare! Il medesimo fenomeno può essere presentato come positivo o negativo a seconda di quale termine (sempre tecnicamente corretto) si decida di adottare. Esempio: quando i giornali lamentano il fatto che il nostro paese non attira sufficienti capitali esteri, stanno in effetti deplorando che il nostro paese non si stia indebitando abbastanza con l'estero!

15 Quale crisi finanziaria? (3) Uno dei limiti, ampiamente riconosciuti e ammessi, della scienza economica è proprio quello di non essere riuscita a fornire una definizione scientificamente fondata da un lato, e operativa dall altro, del concetto di sostenibilità del debito Vedi ad es. Bagnai (1996) La sostenibilità del debito pubblico: definizioni e criteri di verifica empirica, Economia Politica, pp Una rassegna più recente è quella di Nigel Chalk e Richard Hemming (2000) Assessing fiscal sustainability in theory and practice Proposte di regole di politica economica che hanno per scopo quello di garantire la sostenibilità del debito pubblico non hanno alcun senso economico (soglie di Maastricht, procedure di rientro del Fiscal Compact) Un paese non coincide con il suo settore pubblico e quindi, ad esempio, il debito estero italiano (cioè i soldi che il sistema paese riceve dal resto del mondo), non coincide con il debito pubblico (cioè con i soldi che il governo prende a prestito, in Italia e all'estero) In media un punto di indebitamento pubblico si scarica sull'estero solo per un terzo, il che significa che di norma e in media i due terzi degli afflussi di capitale di un paese sono debito del settore privato

16 Come si finanzia uno stato? Uno stato che batte la sua moneta sovrana non é un'azienda o una famiglia, e ha molteplici modi per finanziarsi, che decide in totale autonomia: Tassando la popolazione Vendendo cespiti (ovvero beni/asset di sua proprietà). Naturalmente questa tecnica non é reiterabile, e solitamente alla vendita corrisponde poi una passività persistente (es. se vendo la società acqua pubblica poi devo pagare l'acqua dall'acquirente privato...). Vendere cespiti senza risolvere i problemi dell'economia equivale a riavere gli stessi problemi, peggiorati, in futuro Tramite la sua partecipazione in aziende in attivo (incasso di dividendi). Meglio valorizzare un'azienda partecipata che venderne le quote... Prendendo a prestito (ad es. mediante vendita di titoli di stato) Emettendo direttamente moneta (potere di signoraggio, avviene ad es. acquistando i suoi stessi titoli di stato o con creazione di moneta dal nulla) La prima e l'ultima fonte sono le più importanti, ma lo stato a moneta sovrana NON é affatto obbligato a tassare, vender cespiti o crear debito per spendere! Decidere in che misura farlo é una scelta politica!

17 Come si finanzia uno stato? (2) Un'azienda o una famiglia non han potere di battere moneta!!! La capacità di battere moneta equivale alla capacità di creare ricchezza dal nulla. Da quando é entrata nell'euro, l'italia ha perso questo potere, ed é ridotta al rango di famiglia o paese in via di sviluppo (con valuta agganciata ad una valuta estera). L'euro é per noi una valuta estera, che costringe il nostro stato a tassare o a finanziarsi sui mercati per poter spendere! Lo stato a moneta sovrana può vender titoli alla sua stessa banca centrale (monetizzazione del debito), oppure sui mercati finanziari (e si produce debito ). Se anche i mercati non volessero i titoli (ad es. se il paese é in crisi ) o esigessero un interesse troppo alto, la banca centrale potrebbe sempre intervenire per acquistare i titoli e abbattere i tassi di interesse (fa da acquirente di ultima istanza) Prima del divorzio con il ministero del tesoro la banca centrale italiana poteva acquistare illimitatamente i nostri titoli del debito e abbattere tassi e di conseguenza spesa per interessi (avete mai sentito parlare di spread prima?). Di fatto, così facendo decideva il tasso di interesse obiettivo e fissava anche quello del mercato overnight interbancario

18 Come si finanzia uno stato? (3) Dopo il divorzio tesoro-banca d'italia (deciso da Nino Andreatta e Carlo Azeglio Ciampi per abbattere l'inflazione (!!!!)) la banca centrale italiana era di fatto bloccata nel suo potere di monetizzazione del debito Di fatto il mercato DECIDEVA il tasso di interesse che riteneva equo, commisurato al rischio dell'investimento o alla semplice volontà speculativa Uno stato a moneta sovrana non potrà mai dichiarare bancarotta (o default) sul suo debito, in caso di problemi può intervenire la banca centrale. Ricordo che non é ancora stata determinata una soglia di sostenibilità del debito. Uno stato che non batte moneta invece può essere insolvente. Per lui il debito pubblico può diventare velocemente insostenibile. E con rischio di insolvenza, i tassi impostigli saranno progressivamente più onerosi! L'esistenza del debito richiede il pagamento di un interesse, il che comporta, a seconda del metodo, una redistribuzione del reddito dei cittadini a beneficio di: Signoraggio: tutti contenti, non esiste interesse Titoli di stato con controllo dei tassi: favoriti i proprietari di titoli Titoli di stato con tassi in mano ai mercati: favoriti smaccatamente i proprietari di titoli e gli speculatori (vedremo dopo chi sono...)

19 Signoraggio in Italia Fonte: O.Blanchard - Macroeconomia (Il Mulino) Il potere di emissione diretta della moneta (signoraggio) ha comunque dei limiti Si deve usare tenendo conto della crescita prevista, dell'inflazione prevista e del ciclo economico E' consigliabile ricorrervi di più in fasi di stagnazione o recessione!

20 Stampare moneta provoca inflazione!!! Anche NO! Tasso di crescita della massa monetaria M3 e inflazione nell'eurozona Fonte: Elaborazione su dati FMI (2010) Il tramonto dell'euro (A.Bagnai) fig. 35 Nella storia dell'euro, la BCE non é MAI riuscita ad avere alcun controllo sulla massa monetaria M3 circolante L'inflazione segue una dinamica del tutto diversa! La moneta é un fattore endogeno del sistema economico (ovvero non controllabile direttamente dalla banca centrale) La banca centrale garantisce solo il livello necessario di moneta per non bloccare il credito nel sistema, agendo sulle riserve bancarie

21 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! La moneta é un titolo di credito emesso dallo stato. Un Io ti devo beni e servizi per un valore di TOT, acquistabili solo sul mio territorio. Ah, si, con questa moneta (e solo con lei) puoi pagare le tasse che ti impongo La convertibilità in oro della moneta non esiste più dal 1971, il suo valore é una convenzione che dipende esclusivamente dall'autorità dello stato che la emette e dalla possibilità di pagare tasse di quello stato SOLO con essa Già da qui dovreste capire che nessuno vorrebbe un io ti devo di uno stato con fondamentali economici devastati, o che vive pretendendo di importare tutto ciò che serve e pagare i suoi dipendenti con la stampa di moneta. Motivo? Quello stato produce poco o nulla che interessi comprare, men che meno i suoi titoli di stato che saranno considerati rischiosi e inaffidabili di conseguenza (il vincolo esterno di cui parla Anthony Thirwall in Modelli di crescita limitata dalla bilancia dei pagamenti: storia e panoramica, riprendendo il lavoro di Kaldor). In sostanza, la spesa a deficit di uno stato a moneta sovrana é limitata dalla sua bilancia dei pagamenti Ergo, un limite pratico all'indebitamento esiste. La Modern Money Theory (MMT) sostiene di no, ma porta ad esempio il caso degli USA, che detiene la valuta di riserva mondiale e un notevole arsenale nucleare a garanzia

22 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! (2) Tutti concordano, MMT inclusa, che uno stato a moneta sovrana non potrà mai dichiarare bancarotta sul suo debito sovrano, a meno che non lo desideri (es. il Giappone del secondo dopoguerra, onde non ripagare i debiti agli USA) o che parte del suo debito sia denominato in valuta estera Repetita juvant, la moneta é un fattore endogeno del sistema economico (ovvero non controllabile direttamente dalla banca centrale né dal governo) Si dice base monetaria (M0) la moneta legale ad alto potenziale creata direttamente dalla banca centrale (banconote e monete metalliche) La base monetaria arriva al pubblico attraverso diversi canali: Il canale del Tesoro (finanziamento monetario della spesa pubblica, se c'è: la Banca centrale accredita direttamente la spesa sul conto corrente del beneficiario) Il canale estero (l'esportatore riceve un dollaro per la sua merce, va in banca centrale e si fa dare l'equivalente in euro) Il rifinanziamento del sistema bancario (la Banca centrale presta l'euro direttamente alla banca commerciale)

23 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! (3) Questo sistema secondo i monetaristi neoclassici ha due caratteristiche: I depositi (di base monetaria, effettuati da famiglie e imprese, presso le banche commerciali) generano i prestiti (delle banche commerciali a famiglie e imprese) La moneta bancaria (prestiti) è in un rapporto fisso (moltiplicatore) con la base monetaria, rapporto determinato dal coefficiente di riserva obbligatoria, cioè dalla quantità di base monetaria che le banche devono trattenere presso di sé rispetto ai depositi. Dato r il coefficiente di riserva obbligatoria, il moltiplicatore nel caso più semplice é 1/r Se r é basso, una piccola emissione di base monetaria può creare un enorme credito complessivo nel sistema. Viceversa se é alto. Se é 1 (il massimo possibile, ovvero riserva integrale, il credito nel sistema crollerebbe SUBITO...) Bene. Le cose in effetti NON stanno affatto così Eh? Ma la stampa di moneta non serviva per finanziare cose? Ma stampandone una quota prefissata non determinavi l'inflazione? Ma non basta tassare per controllare la quantità di moneta circolante? NO!

24 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! (4) Nell'accordare un prestito il funzionario di banca non controlla MAI la quantità di riserve disponibili presso il suo istituto, esattamente come nel fissare il prezzo un negoziante non controlla la quantità di M3 in circolazione in quel giorno. Dunque sono i prestiti a creare i depositi, e non viceversa La Banca centrale ha l'obbligo statutario di fornire moneta di banca centrale (base monetaria) per evitare il collasso del sistema dei pagamenti, quindi l'emissione di questo strumento, in larga misura, non è decisa da lei (ma il costo al quale fornirlo sì). Di conseguenza, la Banca centrale non controlla l'offerta di moneta, che deve invece adattare alle condizioni del mercato interbancario per evitare il collasso del sistema dei pagamenti. La Banca centrale si limita a definire il tasso di interesse (o costo del denaro) Ci sono anche sistemi nei quali il coefficiente di riserva obbligatoria è nullo, cioè le banche possono prestare tutto quello che viene loro depositato. Possono farlo, perché la Banca centrale interviene come lender of last resort in caso di problemi. In questi sistemi però la massa monetaria non è infinita, come sarebbe se valesse la regola 1/r Di conseguenza, la Banca centrale non ha alcun mezzo di controllo diretto ed efficace sulla massa monetaria in senso ampio (base monetaria e depositi), come non ce l'ha sulla moneta in senso stretto (base monetaria)

25 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! (5) Le riserve bancarie non determinano il massimo credito erogabile dalle banche (che invece é correlato al capitale bancario come da accordi Basilea III) Esse sono emesse esclusivamente dalle Banche Centrali e sono il principale mezzo di pagamento utilizzato dal settore bancario per finalizzare i pagamenti. Questa è una regola ben precisa dei sistemi di pagamento: nessuno può pagare un proprio debito con moneta emessa da se stesso ma è necessario utilizzare un mezzo di pagamento emesso da un agente differente. E quindi laddove il settore privato non bancario si serve della moneta emesse dalle banche commerciali, le banche commerciali si servono della moneta emessa dalle Banche Centrali. Chiaro? Son le banche commerciali ad emettere credito! Le banche centrali svolgono da tempo il ruolo di camera di compensazione. Spesso ciò comportava solo che esse regolassero le posizioni nette delle banche commerciali, risultanti dalla compensazione dei rispettivi saldi (relativamente piccole). Ciò accadeva solo una volta al giorno, alla fine della giornata. Con la diffusione del regolamento lordo in tempo reale (RTGS), col quale ogni pagamento è regolato in tempo reale nel corso della giornata, le banche centrali e la moneta di banca centrale hanno assunto un ruolo più ampio e più attivo e più sicuro

26 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! (6) Le banche commerciali detengono riserve bancarie per due motivi principali: il regolamento dei pagamenti nel mercato interbancario e soddisfare la riserva obbligatoria dove richiesta (molti paesi come per esempio Canada, Regno Unito, Australia, Svezia, Norvegia hanno una riserva obbligatoria pari a 0) Non c è dubbio quindi che il ruolo ultimo delle riserve bancarie sia quello di rendere sicuro e stabile il sistema dei pagamenti nazionale (e internazionale), evitando che i pagamenti vengano regolati tramite promesse di pagamento di agenti privati. Non a caso quindi le riserve bancarie prendono il nome di settlement balances, proprio per via del loro ruolo di mezzo di pagamento definitivo nell interbancario. Ma cosa sono concretamente? Sono dei depositi che le banche commerciali mantengono in Banca Centrale, e sono anche le banconote cartacee Durante il giorno, i depositi presso la banca centrale possono essere utilizzati per effettuare pagamenti interbancari, il cui regolare compimento è un attività cruciale per il funzionamento del sistema economico. Se il saldo giornaliero disponibile per i pagamenti è troppo piccolo rispetto al valore dei pagamenti da effettuare in un dati momento, potrebbe risultarne un blocco che impedirebbe la regolare esecuzione dei pagamenti. Infatti, siccome una maggior riserva facilita il credito, esse sono anche un mezzo di controllo dei tassi di interesse a breve termine

27 Quelli che... Potremmo stampar moneta!!1!1!! (7) I sistemi RTGS (Real-Time Gross Settlement) non sono altro che dei sistemi di trasferimento di fondi in tempo reale, cioè sono trasferimenti non soggetti a un tempo di attesa. Le transazioni vengono completate immediatamente. Il Gross significa che i pagamenti vengono regolati su base lorda, cioè operazione per operazione, anziché su base netta in cui debiti e crediti delle controparti si compensano e poi si regolano le posizioni rimaste. Il sistema TARGET2 dell'ume ad esempio è un sistema RTGS, difatti TARGET2 significa Trans-European Automated Real-Time Gross La Banca Centrale, dal momento che detiene il monopolio dell emissione di riserve bancarie (base monetaria) ha l obbligo giuridico di promuovere e garantire il buon funzionamento dei sistemi di pagamento. Essa reagisce OBBLIGATORIAMENTE alla concessione di credito agendo sulle riserve bancarie ad esempio mediante compravendita di titoli di stato, ma non lo provoca!!! Una banca commerciale crea moneta all atto del prestito e POI si procura le riserve necessarie a finalizzare i pagamenti (Kaldor-Moore). Quindi, la banca centrale non finanzia direttamente nulla stampando moneta! La riserva obbligatoria, peraltro, non è detto che sia uno strumento necessario (BCE e FED la prevedono, anche se piccola)

28 Banca centrale vs BCE La BCE presta SOLO alle banche. Lo stato può solo farsi PRESTARE dai mercati (es. banche che decidono il tasso) il denaro che gli serve. Il resto lo ottiene tassando. E' vincolato al pareggio di bilancio, ergo O riesce come la Germania ad avere una posizione sull'estero positiva che compensi la spesa per interessi (indebitando l'estero) O deve sistematicamente sottrarre risorse al settore privato! Con la sovranità monetaria, non esiste alcun vincolo stringente sull'indebitamento dello stato (la ricchezza privata può aumentare perché la spesa pubblica può superare le entrate fiscali). E in ogni caso il default é impossibile perché la banca centrale garantisce sempre il debito pubblico. E' una scelta politica

29 Ma la riserva frazionaria?!? La teoria del signoraggio bancario e la teoria monetarista (della moneta esogena), la vedono come un limite iniquo alla concessione di credito. Sono entrambe posizioni infondate! La capacità delle banche di espandere il proprio stato patrimoniale non è vincolata dalla quantità di riserve che essa detiene, né da qualunque requisito di riserva frazionaria. La banca espande il proprio stato patrimoniale semplicemente prestando a chi offre garanzie! La riserva é solo una garanzia obbligatoria che la banca deve rispettare per funzionare Sono i prestiti a creare i depositi, e non viceversa!

30 Svalutare la moneta provoca inflazione!!! Anche NO! Fonte: Elaborazione su dati FMI (2010) Il tramonto dell'euro (A.Bagnai) fig. 11

31 Svalutazione, inflazione e quotazione petrolifera In quest'altro esempio, riguardante la Polonia, possiamo osservare come il prezzo del petrolio in zloty (il secondo grafico) sia del tutto scorrelato dalle due enormi svalutazioni dello zloty sull'euro e con l'inflazione negli stessi anni. Discorso estensibile per le altre materie prime, specie per le economie che soddisfano le condizioni di MarshallLerner (vedi slide apposita) Fonte: Elaborazione su dati NYMEX tratta da

32 Svalutare la moneta provoca inflazione!!! Anche NO! (2) L'inflazione é l'aumento dell'indice generale dei prezzi al consumo. Si, perché ci sia inflazione é necessario che ci sia stata una SPESA... Nella sua storia, l'inflazione Italiana non ha MAI avuto a che fare con la stampa di moneta o con la svalutazione della sua valuta (nemmeno con l'euro, l'euro ha svalutato anche del 20% anni fa!! Ve ne siete accorti?) L'inflazione segue una dinamica diversa e dipende anzitutto da shock esogeni che impattano sull'economia (shock petroliferi, costo dell'energia che importiamo, costo delle merci che importiamo), ma anche da tasse e imposte con effetti inflattivi (come l'iva, che impatta direttamente sui prezzi, o le accise sui carburanti, che impattano sui costi di tutta la filiera produttiva). Infine, dipende dalla produttività del sistema (alti costi di produzione, alti pezzi finali) L'inflazione é redistributiva del reddito, e penalizza i CREDITORI... nessuno vuole che un debito sia ripagato in moneta deprezzata... specie la Germania... L'inflazione, specie in regime di moneta unica, penalizza il cambio reale italiano e quindi anche la competitività delle nostre merci rispetto all'estero L'inflazione é strettamente correlata anche alle meccaniche del mercato del lavoro, specialmente al tasso di disoccupazione. Se non lavori, non spendi. Niente spesa, niente inflazione...

33 Curva di Phillips e Inflazione Fonte: Wikipedia Nel breve periodo, il modo più veloce per abbassare l'inflazione (e migliorare competitività e export) é aumentare la disoccupazione. A QUESTO servono le riforme, la deflazione salariale e la precarizzazione del mercato del lavoro (Fornero e c.) Naturalmente l'accresciuta disoccupazione abbatte la domanda interna e ha effetti recessivi sul PIL e di grave iniquità sociale Purtroppo i mercati si fidano della curva di Philips e la usano nelle valutazioni ( Occorre avere il coraggio e la pazienza di agire su ben altri fattori per essere competitivi, la piena occupazione é un diritto da garantire SPECIE in una repubblica fondata sul lavoro!!

34 Si, ma almeno ora siamo credibbbbbili......e quindi perdoneremo alla nostra classe politica le scelte scellerate fatte su deflazione salariale, tassazione e disoccupazione? Come pure ci rassegneremo che popoli considerati affidabili ci mangino in testa? NO! La competitività di un'economia cresce al diminuire del CAMBIO REALE Dove P é il livello dei prezzi italiani, Pf quello del concorrente estero e E il cambio nominale (ovvero il costo in moneta estera di 1 ) Uno studio della Commissione europea recita che: "se il tasso di cambio reale italiano avesse avuto la stessa evoluzione di quello tedesco fin dall'inizio del 1999, il tasso di crescita delle esportazioni italiane sarebbe stato quasi identico a quello delle esportazioni tedesche, mentre in realtà è stato meno di un terzo" Ovvero nella spiegazione degli squilibri dell'eurozona, in particolare per la parte che riguarda noi, la competitività "non di prezzo" (cioè il fatto che i tedeschi sono affidabili e biondi e noi abbiamo il bunga bunga) non c'entra NULLA!

35 Tirando le somme... Se la competitività dipende dal cambio reale, in moneta unica (E=1), a parità di prezzi esteri l'unico modo per essere competitivi é abbattere i prezzi nazionali Ciò é stato fatto (malamente) aumentando la disoccupazione e deprimendo welfare e salari nel VANO tentativo di abbattere l'inflazione Perseverare in questa tecnica conduce alla Grecia. Un meccanismo di aggiustamento sistematico del cambio reale fra vari paesi che tenga conto dei loro fondamentali macroeconomici è del tutto indispensabile Il trattato di Maastricht prevedeva la convergenza verso un tasso di inflazione del 2%, con sanzioni per chi l'avesse sforato in eccesso (ma non in difetto!!!) Inflazionare in un'unione monetaria é tanto pericoloso quanto deflazionare Deflazionare nell'area euro é a tutti gli effetti un meccanismo di crescita della competitività basato sulla miseria e le privazioni della classe lavoratrice, contrario allo spirito dei trattati stesso e da condannare aspramente! Ma i monetaristi euroentusiasti ci dissero tranquilli, stessa moneta = stessa inflazione, e infatti...

36 Differenziali di inflazione nell'eurozona Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati del Fondo Monetario Internazionale

37 Quali conseguenze? Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati del Fondo Monetario Internazionale

38 Quali conseguenze? (2) Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati del World Economic Outlook Uno studio della Banca Mondiale riporta i fattori di conversione a parità dei poteri di acquisto, cioè la quantità di valuta locale necessaria per comprare sul mercato interno lo stesso ammontare di beni che si sarebbero potuti comprare con un dollaro negli USA Nel 1980 per comprare quello che a New York si sarebbe comprato con un dollaro, a Roma bastava l equivalente di 44 centesimi di euro, e a Berlino ci voleva quasi un euro e venti centesimi (e ad Atene circa 10 centesimi). Oggi la situazione é quasi alla pari NB: nel 1980 l'euro non c'era. I calcoli sono fatti convertendo in euro la valuta locale con i noti tassi di conversione, e convertendo in dollari il valore in euro usando i tassi dell'ecu/dollaro - per i tecnici)

39 Quali conseguenze? (3) Chi esporta merci esporta capitali, ricordate? C'é un solo creditore, ma MOLTI debitori! E ai creditori non piace l'inflazione che deprezza il loro credito, e nemmeno la mutualizzazione del debito (eurobonds...). Ergo, non li avremo MAI Ovviamente, sono le banche dei paesi europei ad essere indebitate con quelle del centro, per conto di privati forse insolventi Fonte: Banca Centrale Europea, Saldi Target 2

40 Meditate... Le politiche di moderazione salariale tedesca hanno provocato squilibri esterni fra paesi dell Eurozona, corrispondendo a una svalutazione reale competitiva che ha danneggiato i principali concorrenti, come afferma la Commissione Europea. Ora i concorrenti sono i mercati di sbocco dell'export tedesco (tra cui NOI...). Politica del beggar thy neighbour... Esse sono state condotte in violazione di precisi obblighi stabiliti dai Trattati Europei, come l obbligo di coordinamento delle politiche economiche stabilito dall articolo 5 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea, e lo stesso obbligo di non sforare il 3% del rapporto deficit/pil, che invece la Germania ha sforato per prima, in chiara connessione con l implementazione delle riforme Hartz del mercato del lavoro, come dimostra la dinamica di entrate e uscite e soprattutto la natura di queste ultime (ammortizzatori sociali...) In Germania lo sanno (vedi ad es. una ricerca dell'università di Duisburg) Copiare il modello mercantilista tedesco non risolverebbe nulla degli squilibri dell'eurosistema, e andrebbe a penalizzare i nostri mercati di sbocco con la stessa logica. Inoltre é fisicamente impossibile che il mondo possa assorbire il surplus che ne conseguirebbe. E se tutti esportassero, CHI assorbirebbe il nostro surplus? MARTE?

41 Ce lo siamo meritati! Non siamo abbastanza produttivi!!1!1!.. e quindi i nostri politici, poverini, son stati costretti ad agire così. Del resto siamo i famigerati PIIGS. Andiamo a verificare la fondatezza della suddetta corbelleria... Fonte: Elaborazione Goofynomics sul Labour productivity index del sito OCSE (base 2005=100), ribasato sul 1970 per comodità espositiva

42 Ce lo siamo meritati! Non siamo abbastanza produttivi!!1!1! (2) La produttività è un indice fondamentale, dal momento che influenza il costo del lavoro per unità di prodotto o CLUP (=redditi medi da lavoro dipendente/produttività media del lavoro) e di conseguenza la competitività dei nostri prodotti sul mercato La produttività italiana fino al 1990 è totalmente allineata se non a tratti superiore a quella tedesca. Nel 1990 l Italia entra nello SME credibile, ovvero decide di fissare il proprio cambio valutario in un intorno ristretto del valor medio delle valute europee. Ed ecco che la forbice si apre per la prima volta, dando un duro colpo alla nostra competitività Nel 1992 la lira italiana, uscendo dallo SME, torna libera di fluttuare sul mercato assestandosi su un valore consono alla nostra capacità di esportatori. E immediatamente torniamo a crescere sugli stessi livelli tedeschi, se non di più Il colpo di grazia lo riceviamo però nel 1996, quando l Italia rientra definitivamente nello SME e poi nell euro. Da allora, non sembriamo più capaci di competere Tutte le volte che l Italia ha in qualche modo irrigidito la propria politica valutaria, e quindi compromesso le proprie esportazioni, prima entrando nello SME, poi entrando nella banda di oscillazione ristretta, poi rientrando nello SME, poi entrando nell euro, la sua produttività si è appiattita. Altro che fannulloni...

43 Ce lo siamo meritati! Non siamo abbastanza produttivi!!1!1! (3) L appiattimento è stato irreversibile quando la decisione di irrigidirsi ha comportato l ingresso nell euro. Che guarda caso é tarato sui fondamentali economici tedeschi! (ed ecco perché loro non ne soffrono) Si consideri che gli aggiustamenti delle valute sulla base della loro domanda sono un fenomeno del tutto naturale in economia, che nulla ha a che vedere con mitologiche svalutazioni competitive che avrebbero permesso colpevolmente all Italia di sopravvivere sul mercato senza effettuare le riforme necessarie a tempo debito In realtà, in un paese forte esportatore si ha una GRANDE domanda della sua valuta, che pertanto si apprezza per la legge della domanda e dell offerta, viceversa in un paese importatore essa si deprezza, e l intervento umano c entra assai poco (ricordo che chi esporta merci esporta anche capitali!). Questo almeno in regime di cambi flessibili e fluttuanti, com era prima dello SME e dell'euro. Ora capite perché la Germania ha voluto un modello di europa che le consentisse di esportare molto senza subire un apprezzamento valutario che ne avrebbe riequilibrato verso il basso l'export? L Italia del cambio fisso affronta da anni sacrifici durissimi su welfare e mercato del lavoro col fine dichiarato di migliorar la produttività, ma come avrete capito tali misure sono inutili, mal indirizzate o del tutto dannose

44 Inoltre la produttività NON é esogena!!!...ovvero non é un fattore su cui si possa agire efficacemente per modificare la competitività del sistema e la crescita economica Nel periodo dal 1970 al 1995 le variazioni delle esportazioni precedono visivamente quelle della produttività, e non viceversa (quindi la produttività non ha affatto aumentato l'export) Nel periodo completo, un test di correlazione di Granger condotto dal prof. Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati OCSE (dati e A. Bagnai conferma che la statistica su ) produttività non causa export, bensì il contrario!

45 Inoltre la produttività NON é esogena!!! (2) E' piuttosto ovvio. Gli aumenti di produttività rispondono storicamente ad aumenti della DOMANDA di beni. In fase di contrazione della domanda aggregata (come ora), aumentare la produttività, ammesso che ci si riesca, fa solo aumentare l'invenduto! (provato empiricamente da molti studi) Una maggior offerta NON crea la propria domanda! Qualunque proposta anticrisi basata esclusivamente sull'aumento della produttività é fasulla e fuorviante Legge di Thirlwall (1979): la crescita di un economia è direttamente proporzionale a quella delle sue esportazioni Legge di Verdoorn (1949): la crescita della produttività è proporzionale alla crescita dell economia Corollario:se un paese riesce (ad esempio adottando un tasso di cambio sostenibile) a promuovere le proprie esportazioni, il suo prodotto cresce, il che determina un incremento della produttività, il che determina una riduzione del CLUP, il che determina un aumento della competitività, il che determina un ulteriore aumento delle esportazioni, e si ricomincia! (il modello è esposto in dettaglio da Anthony Thirlwall, 2002, The Nature of Economic Growth, Cheltenham: Edward Elgar)

46 Inoltre la produttività NON é esogena!!! (3) Il presupposto del decollo di un sistema economico è che si riesca ad allentare il vincolo della domanda, NON che si aumenti oltremisura l'offerta! L'offerta non genera MAI DOMANDA!!! Caso delle commissioni Finmeccanica all'india per poter vendere elicotteri: Caso Thyssenkrupp che corrompe i Greci affinché acquistino sommergibili: Politiche di vincolo esterno basate su un cambio sopravvalutato come l'eurosistema ovviamente vanno nella direzione opposta, e del resto l imposizione (o la calda raccomandazione ) di adottare un cambio sopravvalutato alle economie periferiche è sempre il primo imprescindibile passo della strategia di colonizzazione finanziaria messa in pratica dalle potenze mercantiliste egemoni (come ampiamente descritto da Roberto Frenkel e Martin Rapetti, 2009, A developing country view of the current global crisis, Cambridge Journal of Economics) Un'infinità di casi storici ce lo ricordano: Cile (1982), Italia (1992), Messico (1994), Tailandia (1997), Corea (1997), Russia (1998), Brasile (1999), Argentina (2001), Turchia (2001), Eurozona (2010)

47 No! Non siamo efficienti perché CORROTTI!!! E vediamoli questi costi dello stato corrotto rispetto ai costi che ci siamo impegnati a sostenere annualmente per aderire ai trattati europei (e mi limito al MES e al Fiscal Compact). Si ringrazia Fiscal compact: 50 miliardi l'anno per i prossimi 20 anni MES: 125 miliardi, con possibile richiesta di altri fondi senza preavviso Stato corrotto: ehmmmm...

48 No! Non siamo efficienti perché CORROTTI!!! (2) Fonte: Elaborazione di A.Bagnai su dati della Banca Mondiale

49 No! Non siamo efficienti perché CORROTTI!!! (3) Dal grafico si nota che le dinamiche corruttive in Italia sono oggettivamente in aumento nell'età dell'euro, TUTTAVIA... La loro dinamica non ha evidentemente NULLA a che vedere con l'aumento del debito pubblico (negli stessi anni esso era in diminuzione!) Fino al 1999, ingresso nell'euro, la corruzione era in DIMINUZIONE... Notare anche come la corruzione aumenti indipendentemente dalla forza politica in carica (eh, il buon Grillo ha ragione da vendere su questo...) Il processo segue di pari passo la ritirata dello stato, tutte le norme sul federalismo fiscale e la deregulation finanziaria liberista che ci é stata richiesta dall'aderenza ai trattati europei (sin da quello di Roma), così come alcune norme espressamente pro-corruzione come la depenalizzazione del falso in bilancio (D.L 18/8/2000 n.267, Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, ma anche legge Bassanini, n.127 del 15/5/1997 sullo snellimento dell'attività e controlli burocratici e amministrativi) Le aziende anche pubbliche vengono trattate come società di capitali (di diritto privato), i controlli preventivi di legittimità sugli atti principali vengono aboliti

50 No! Non siamo efficienti perché CORROTTI!!! (4) Tutto in nome dei principi di sussidiarietà e federalismo europei (riforma del titolo V della costituzione) Si apre un gigantesco spazio di trattativa fra privati e politica, nel quale la corruzione diventa un fatto conforme alle regole, anche perché nessuno capisce più bene quali esse siano, stanti le stratificazioni successive delle normative europee (A. Di Pietro) In Italia la corruzione ha assunto una natura sistemica che oltre al prestigio, all'imparzialità e al buon andamento della pubblica amministrazione pregiudica l'economia della nazione (Presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino) Assolutamente bisogna rivederlo (il titolo V della costituzione n.d.r.). Le regioni hanno avuto un ruolo straordinario ma devono riassumere una coerenza in un'organizzazione statale. (P. Bersani) Infatti la corruzione é in aumento continuo in quasi tutta Europa (Banca Mondiale). Vedi anche lo studio del prof. F. Schneider dell'univ. di Linz secondo cui nella Germania stessa la corruzione costa 250 MILIARDI all'anno! Capito? Più Europa, meno stato, PIU' CORRUZIONE!!! La cura? Più Italia!!! E ora ditelo a chi vi parla di italiani corrotti e meritevoli di ogni sacrificio!

51 I VERI problemi delle PMI italiane ed europee... Fonte: BCE, Report semestrale sullo stato delle PMI europee Il loro VERO problema non é l'accesso alla finanza o la competenza del personale (italiani cialtroni e improduttivi tsé!), bensì l'assoluta carenza di domanda causata dall'austerità eurista!!!!! Ah, il problema di regole é peggiorato nel tempo, grazie alle regole europee!!!

52 Il debito pubblico Estratti di slide di

53 Debito e deficit Il debito pubblico é la somma (o stock) dei fabbisogni (o deficit) dello stato nel tempo, ossia dei (dis)avanzi che si creano ogni anno fra entrate e uscite Estratti di slide di L'Italia ha una storia di tipo D. Nel dopoguerra tutto é cresciuto: il PIL, il gettito fiscale, la spesa pubblica. Quest'ultima é cresciuta più delle entrate e ci ha indebitato E' dunque vero che abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità? NO! Ciò che ha stravolto davvero gli equilibri é la spesa per interessi!!!

54 Basi di bilancio pubblico Estratti di slide di

55 Ruolo degli interessi e deficit Estratti di slide di

56 Tasso di interesse nominale e reale, atteso e effettivo I titoli di stato vengono acquistati sulla base del tasso d'interesse REALE atteso ra (ovvero quello nominale di vendita meno l'inflazione ATTESA...) ra = i pa L'inflazione effettiva é spesso diversa (e spesso maggiore...) da quella attesa! r = i p ( i = tasso di interesse nominale, pa = inflazione attesa) ( i = tasso di interesse nominale, p = inflazione effettiva) Se p é diverso da pa la rendita per l'acquirente é diversa da quella promessa dallo stato venditore. Se uno stato non controlla adeguatamente l'inflazione (pa< p), privati e investitori tenderanno a non acquistare I suoi titoli volentieri, pretendendo interessi nominali ben più alti per cautelarsi dall'inflazione (con conseguente salita dello spread) E guarda caso l'inflazione dei piigs (spread alto) é stata nella storia dell'euro sempre maggiore che quella del centro europa (specie Germania...) La Germania si finanzia ad interessi reali NEGATIVI! (ma c'é il trucco...)

57 Il debito si forma per accumulo di disavanzi Se Bt-1é il debito dell'anno precedente, Gt é la spesa pubblica dell'anno corrente e Tt sono le imposte nette dell'anno corrente, in termini nominali si ha: Disavanzot = i Bt-1 + Gt Tt In termini reali si ha: Disavanzot = r Bt-1 + Gt Tt Bt - Bt-1 = i Bt-1 Bt = i Bt-1 + Bt-1 Bt = (1+i) Bt-1 + Gt Tt + Gt Tt + Gt Tt Senza sovranità monetaria né possibilità di monetizzare il debito come nell'ume, creare nuovo debito equivale a creare tasse (o vendite di patrimonio pubblico) per i tempi futuri! Eh, ma ce lo chiede l'europa...

58 Cosa sapete dello spread? Estratti di slide di

59 Spesa primaria vs interessi Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati della Banca d'italia Il percorso di unione monetaria europea, di cui il divorzio tesorobanca d'italia é stato l'esordio, ha avuto come danno collaterale l esplosione del debito pubblico La spesa primaria influisce poco o nulla, perché mentre il debito raddoppiava, essa restava costante in rapporto al Pil (32% nel 1980, 36% nel 2000) Conta invece quella per interessi, che raddoppiava (dal 5% nel 1980 fino a oltre l 11% a metà degli anni 90, per poi ridiscendere quando il debito si stabilizza e la BCE abbatte i tassi Ci han tolto prima le armi per difenderci per poi imporci la loro eurosoluzione

60 E gli interessi altrui?

61 Il debito pubblico Italiano Fonte: Relazione della Banca d'italia varie annate-per il periodo

62 E i mercati che oggi decidono l'interesse sono... Fonte: Ministero del tesoro co_specialisti_in_titoli_di_strato_-_dal_6_luglio_2012.pdf

63 E casualmente i proprietari del debito sono... Estratti di slide di

64 E casualmente i proprietari del debito sono... (2) NON é stato sempre così! "Nel corso del 2007 è proseguito l obiettivo di penetrazione del debito pubblico italiano nei portafogli degli investitori internazionali" (Dip. del Tesoro) Il processo é stato INTENZIONALE, ma lento e occulto, affinché fosse poco percepibile Come é potuto accadere? Fonte: Dipartimento del Tesoro - Linee guida della gestione del debito pubblico (2008) elazioni/linee-guida-2008.pdf

65 E casualmente i proprietari del debito sono... (3) Scende progressivamente la quota dei titoli del debito italiano posseduta da famiglie e aziende italiane, consigliate in questo dagli intermediari finanziari. La quota va dal 50% del 1995 a poco più del 10% del 2006 Nello stesso periodo gli intermediari finanziari italiani continuano a tenere i titoli in portafoglio. Anzi, prima aumentano la quota, fino al 1998, poi, pressati dall'ottimo lavoro del Ministero del tesoro, devono arrendersi, per il bene della Patria, e cedono il passo allo straniero. Conclusione: il settore estero (essenzialmente finanziario), fa man bassa e vede salire la sua quota dal 14% iniziale a ben oltre il 50% finale, diventando ovviamente destinatario anche della stessa quota della nostra spesa per interessi! Bot e cct restano al più in Italia (rendono poco, gli stranieri preferiscono i ben più fruttuosi BTP) Ovviamente, fino a quando la spesa pubblica totale (comprensiva quindi anche degli interessi) resta in Italia, quei soldi girano nelle nostre tasche: cittadini, aziende, banche, italiani. Sono soldi disponibili per consumi o investimenti privati nel circuito dell'economia domestica. La fanno crescere, si trasformano in lavoro e beni reali. Se prendono la via dell'estero, ciò non avviene, e arricchiranno le economie degli acquirenti! Attirare capitali dall'estero per piazzare titoli italiani comporta inevitabilmente l'impoverimento della nostra economia!

66 Collocamento dei titoli di stato, German style! Il trattato di Maastricht (comma 1 art. 101) impedisce alle banche centrali degli stati europei di acquistare titoli di stato sul mercato primario onde calmierare i tassi di interesse e di conseguenza la spesa per interessi L'Agenzia per il debito tedesca (Finanzagentur) vende i titoli come di consueto alle aste all'interesse che desidera In caso gli investitori li rifiutino, essa trattiene costantemente invenduta, ad ogni asta, la quota variabile di titoli che viene rifiutata (nel grafico i titoli emessi ma non collocati in miliardi di euro) La Bundesbank agisce per conto dell Agenzia per il debito tedesca in qualità di banca custode di tali titoli

67 Collocamento dei titoli di stato, German style! (2) Dice la PIMCO, una delle più importanti società private di investimento a livello internazionale: La Finanzagentur ha emesso solamente 3,6 miliardi in cambio di liquidità. Loro hanno collocato 3,6 miliardi sul mercato ed hanno trattenuto 2,4 miliardi sui loro libri contabili. In futuro potranno vendere l ammontare trattenuto sul mercato secondario, ottenendo la corrispondente liquidità. Potreste aver letto che la Bundesbank ha acquistato la quota dell emissione che non è stata collocata in asta; ciò non è corretto. La Bundesbank non sta finanziando la Germania; opera semplicemente come un agenzia per la Finanzagentur. (asta bund 23 novembre 2011) ECCO la fregatura! I titoli trattenuti vengono re-immessi sul mercato SECONDARIO (parificati ai titoli già venduti), ergo diventano legalmente acquistabili dalla Bundesbank senza limiti di sorta! Che può così di fatto controllare a piacere l'interesse sui bund (come noi prima del divorzio) Il processo di emissione dei titoli pubblici tedeschi sopprime di fatto la distinzione tra mercato primario e mercato secondario, aprendo lo spazio per il finanziamento del debito pubblico tramite la banca centrale spazio negato agli altri paesi membri dell eurozona (es. Grecia, Italia) Sul mercato secondario l azione della banca centrale implica una domanda in teoria infinita per i titoli pubblici. La BUBA ne copre ora il 20%! (ansa.it)

68 I conti non tornano... Estratti di slide di Dicono che siamo un popolo di spreconi. In realtà siamo un popolo di risparmiatori indebitati dall'usura dei mercati finanziari. L'Italia ha quasi sempre avuto un AVANZO PRIMARIO!!!!

69 Italiani PIIGS spendaccioni, imparate dai tedeschi!!1!1! Fonte: DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni Come si nota, la spesa pubblica italiana negli anni post-divorzio é SEMPRE stata in linea se non inferiore a quella dei partner europei (es. Francia) Sì, NONOSTANTE la maggior spesa per interessi!!!!

70 Italiani, spendete comunque troppo!!!

71 Sì, ma senza interessi? La spesa pubblica italiana al netto degli interessi é del tutto in linea con i partner europei. Altro che spendaccioni! Si potrà fare di meglio? Dove agire?

72 Una voce a caso: le pensioni! Sacrilegio! Spendiamo troppo! Vanno riformate sembra ma... non le abbiamo CONTINUAMENTE riformate al ribasso? (l'ultima é la riforma Fornero)

73 Una voce a caso: le pensioni! (2) Fonte: Commissione Europea Fiscal Sustainability Report (2012) Un recente studio della Commissione Europea conferma che le pensioni Italiane sono completamente sostenibili (le seconde migliori!) La nostra sostenibilità é tra le migliori anche in futuro (crescita prevista <<2%) Lo sarebbero state con ogni probabilità anche senza la recente riforma... Le pensioni di paesi virtuosi come la Germania non solo sono MOLTO meno sostenibili di noi, ma son destinate a peggiorare in futuro! Ne parla qualcuno?

74 Allora tagliamo altrove!!!1!1 La nostra spesa primaria (esclusi i quasi ineludibili interessi e le sostenibili pensioni) é tra le più misere in Europa!!! NON é consigliabile tagliare oltre la spesa pubblica, come minimo va conservata, possibilmente va AUMENTATA! Rivedere le voci di spesa SI, tagliare NO! Le conseguenze sul PIL, sul risparmio privato e sul debito pubblico sarebbero disastrose!!!

75 E Monti disse: Tagliamo o privatizziamo la sanità!!! La sanità italiana sarebbe insostenibile e di conseguenza da tagliare e/o privatizzare? L'informazione terroristica di famose testate italiane ci ha parlato di costi raddoppiati negli ultimi 5 anni!!!! Anche in questo caso Mr. Monti Sachs ha preso un bell'abbaglio... Non solo la sanità italiana é tra le meno costose al mondo, ma il suo trend medio annuo di crescita in costo (1.9%) é assai inferiore alla media (4.4%)

76 E Tre-Monti disse: Tagliamo l'istruzione!!1!!1!! La spesa per l'istruzione in Italia era già tra le più basse al mondo La riforma Tremonti-Gelmini l'ha portata a decimo posto fra gli ultimi paesi al mondo (dati UNESCO 2013), quasi tutti paesi con gravissimi problemi democratici e sociali. Ora siamo al collasso Dieci miliardi di tagli al bilancio di scuola e università tra il 2008 e il Otto miliardi e cinquecento milioni di tagli alla scuola [...] e 1,3 miliardi di euro all'università (su un totale di 7,4 miliardi nel 2007, 9,2%), per la precisione. A tanto ammonta il salasso delle politiche dell'austerità volute dall'ex ministro dell'economia Tremonti per rispondere all'imperativo del pareggio di bilancio.

77 Vi chiedete perché? Il peggiore analfabeta è l analfabeta politico. Egli non sente, non parla,nè s importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell affitto, delle scarpe e delle medicine dipendono dalle decisioni politiche. L analfabeta politico è così somaro che si vanta e si gonfia il petto dicendo che odia la politica. L insegnante mediocre racconta. Il bravo insegnante spiega. L insegnante eccellente dimostra. Il maestro ispira. (Socrate) Non sa l imbecille che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta,il bambino abbandonato, l assaltante, il peggiore di tutti i banditi, che è il politico imbroglione, il mafioso corrotto,il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali. (Bertolt Brecht)

78 Spesa pubblica in dettaglio Fonte: Bilancio dello stato 2013 estratto dal sito senato.it Documento ED_2040_20_ed._20definitiva_.pdf

79 Spesa pubblica in dettaglio (2) I big 4 \m/ del bilancio dello stato sono: 1. Trasferimenti ad enti pubblici / sanità pubblica 109 miliardi 2. Previdenza sociale / pensioni 72 miliardi 3. Politiche finanziarie - interessi debito pubblico (è un dato aggregato con altre voci che fa un totale di 59 miliardi ma "solo" 40 sono interessi sul debito pubblico) 4. Istruzione pubblica 40 miliardi Come abbiam visto, la 1, 3 e 4 sono incomprimibili o comunque in linea con il servizio fornito (volete seriamente eliminare la scuola pubblica in ginocchio dopo le riforme Gelmini?), la 3 restando nell'euro sarà quasi incomprimibile senza un accordo su scala comunitaria (che non ci sarà) I costi della casta sono fra quelle voci quasi trascurabili in fondo a destra... Scagliarsi contro di essi come causa della crisi italiana vuol dire non aver capito granché...e un loro taglio, per quanto moralmente giusto e doveroso, non risolverà NULLA... creando pure disoccupazione da gestire!

80 Ok, costa poco... Ma il servizio fa schifo!1!!1! La sanità italiana all'ultima verifica dell'oms (1997) risultava la seconda migliore al mondo Se la privatizzassimo o tagliassimo, la situazione peggiorerebbe notevolmente I tagli compiuti irresponsabilmente nell'era euro hanno mandato in forte crisi la sanità pubblica, che ha dovuto aumentare le tariffe subendo così la concorrenza privata e peggiorando la sua crisi Il trend va INVERTITO!

81 La speculazione peggiora il tutto... Estratti di slide di

82 ...ma non é solo colpa sua, anzi! Non bastano il divorzio tesoro-banca d'italia e la speculazione per spiegare la salita degli interessi (altrimenti sarebbero stati alti anche nei primi anni dell'euro dove invece eran molto bassi). Se il mercato compra volentieri i titoli, il tasso rimane basso. E gli speculatori son sempre attivi Il tasso di interesse sale se (1) c'è il "divorzio", e (2) per qualche motivo lo stato deve invogliare il mercato a comprare i suoi titoli. Quando avevamo sovranità monetaria, anche dopo il divorzio, potevamo di fatto DECIDERE di offrire un tasso di interesse maggiorato per invogliare l'acquisto All'inizio degli anni '80 il motivo era che occorreva attirare capitali dall'estero (o tenerli in patria) per "difendere" le parità di cambio via via concordate all'interno dello Sme, in un contesto nel quale il differenziale di inflazione, come oggi, penalizzava la nostra economia. Con il solo divorzio la situazione sarebbe stata subottimale, ma molto migliore Si noti che le valute rispondono alla legge della domanda e dell'offerta, e alto tasso di interesse vuol dire grande domanda della valuta per acquistare titoli di stato, il che implica rivalutazione della valuta stessa Alla scadenza dei titoli, non potendo più monetizzare l'interesse, si faceva il rollover del debito (lo stato emetteva nuovi titoli per coprire capitale e interesse)

83 ...ma non é solo colpa sua, anzi! (2) Fonte: Elaborazione di su dati Fondo Monetario Internazionale

84 ...ma non é solo colpa sua, anzi! (3) Il tasso d'interesse é stato calmierato dall'ingresso nell'euro (1999) poiché non eravamo più noi e gli altri stati membri a dover follemente garantire la stabilità del cambio rispetto al riferimento (Ecu/Marco), ma la BCE In quegli anni abbiamo sperimentato una riduzione della spesa per interessi e conseguentemente del debito pubblico (l'italia ha quasi sempre avuto avanzo primario). E' il famigerato dividendo dell'euro... Approfittando degli interessi reali negativi del centro europa, molti privati si sono indebitati in questa fase (in Italia il debito privato é aumentato di 30 punti di PIL), senza verifiche di sorta dei prestatori sulla loro solvibilità E dal ? In quegli anni abbiam subito gli effetti della crisi dei mutui subprime negli USA che ha portato al fallimento della Lehman Brothers Molte banche e privati europei si sono scoperti pieni di titoli tossici, specie le banche centro-europee. I governi hanno dovuto intervenire per salvarle, iniziando la spirale di indebitamento. Le perdite private son state socializzate mediante tagli alla spesa e tasse fortemente recessive Senza moneta sovrana e dopo il divorzio, la bancarotta dello stato é diventata una possibilità reale. E chi compra i nostro debito pretende (giustamente) un interesse più alto!

85 Debito come rapporto sul PIL Il valore assoluto del debito é un dato scarsamente significativo, occorre rapportarlo alle dimensioni e dalla ricchezza dell'economia considerata, rappresentate correntemente dal Prodotto Interno Lordo (PIL) Estratti di slide di

86 Cosa sapete del PIL? Il Prodotto Interno Lordo (o PIL) rappresenta il valore di mercato dei beni e dei servizi finali (non intermedi, ovvero venduti come tali, non intervengono nella produzione di un altro bene) prodotti nell'economia in un dato periodo di tempo Per il nostro bene è necessario che tale indice al netto dell inflazione cresca ogni anno, o al limite non diminuisca, e che il suo calo per 2 trimestri consecutivi (meglio noto come recessione) significa brutte notizie per i conti dello stato Il PIL é anche la somma del valore aggiunto (la retribuzione dei fattori produttivi capitale e lavoro) di tutte le imprese (private e pubbliche / grandi e piccole) nell'economia in un dato periodo di tempo Il PIL é anche la somma dei redditi nell'economia in un dato periodo di tempo Avete già indovinato le conseguenze: QUALUNQUE politica di decurtazione salariale, licenziamento o precarizzazione del mercato del lavoro, pubblico o privato che sia, è una sentenza di MORTE (o meglio di recessione) per la nostra economia nazionale nonché una PRECISA scelta politica

87 Cosa sapete del PIL? (2) Nell'intervallo di tempo considerato (es. un anno).il PIL (indicato con Y) é pari a: Y = C + I + G + (X M) Dove C è il valore dei consumi (somma dei beni e dei servizi acquistati dalle persone residenti nel paese), I è la somma degli investimenti privati lordi, esclusi gli ammortamenti, G è la famigerata spesa pubblica (somma degli acquisti di beni e servizi da parte della pubblica amministrazione più gli stipendi dei dipendenti pubblici che non include i trasferimenti alle famiglie ed alle imprese né la spesa per interessi), (export import) è la differenza fra i beni e servizi esportati e importati. Notare come la gran maggioranza delle scelte politiche anticrisi intraprese in questi anni sia andata nella direzione di ridurre a tutti i costi la spesa pubblica G, specialmente riducendo stipendi pubblici e/o licenziando i dipendenti in esubero, oppure ad aumentare la tassazione Non solo questo fa calare direttamente il PIL peggiorando pure servizi pubblici e welfare, ma deprime irrimediabilmente anche i consumi C (poiché gente meno pagata o licenziata spenderà assai meno) e gli investimenti privati I (per lo stesso motivo), il che ha conseguenze devastanti sul PIL stesso. La cura è di gran lunga peggiore del male

88 Cosa sapete del PIL? (3) Ci sono però buone notizie per le importazioni. Se la gente e le imprese son più povere (per la conseguente crisi di risparmio privato), calerà la domanda di prodotti esteri M e il saldo X-M migliorerà, come sta ora capitando nell Unione Monetaria Europea (UME) Per la legge della domanda e dell offerta che regola le valute mondiali, una situazione simile comporta necessariamente una rivalutazione della moneta dell UME (il nostro EURO ), il che naturalmente comporta che i beni prodotti nell unione stessa diventano più cari e meno appetibili per l estero Ops, ma questo vuol PROPRIO dire che le esportazioni X son destinate a calare inesorabilmente, annullando il beneficio. Fallimento TOTALE delle politiche di austerità. Ed é una cosa comprensibile ad ogni studente del primo anno di economia. Vero Giannino di Accelerare il Declino? Nessuna politica di taglio della spesa pubblica (anche se improduttiva ), di licenziamento dei dipendenti pubblici o di aumento della tassazione avrà effetto, se il denaro risparmiato non verrà rispeso in attività di altro genere o in politiche di piena occupazione, aumentando la ricchezza privata del sistema Spendere meglio, SI. Spendere meno, NO! Aumentare disoccupazione MAI!

89 Al Giannino non far sapere... Un recente studio del fondo monetario internazionale ha finalmente ammesso la correlazione negativa fra stretta fiscale (riduzione della spesa dello stato/tassazione) e crescita. Non esiste alcuna austerità espansiva! Per ogni punto di PIL di contrazione, il PIL cala di 1.6 punti E per i 2.5 punti di PIL annui del fiscal compact il calo sarà -4!!!!

90 Spread e rapporto debito/pil Fonte: Elaborazione del prof. G.Rinaldi su dati Financial Times R=0. NESSUNA correlazione esiste tra depito pubblico e spread!!!! Ma il debito pubblico italiano non era l'insostenibile causa della CRISI??

91 Rapporto debito/pil e crisi Negli anni precedenti alla crisi, con l'eccezione del Portogallo, tale rapporto era in DIMINUZIONE nei PIIGS e in AUMENTO in Francia e Germania che spesso ci han bacchettato in materia! Eh, ma direte voi... noi eravamo COMUNQUE più alti... partivamo da un debito maggiore... e infatti... Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati World Economic Outlook

92 Rapporto debito/pil e crisi (2) E infatti una bella SEGA! La crisi é di fatto iniziata nei paesi con il debito pubblico inferiore (Grecia a parte) e pure in trend di diminuzione La colpa della crisi NON é il debito pubblico, tutto ciò che si vuol fare per abbatterlo (incluso il fiscal compact) é una soluzione mal posta che non risolverà NULLA della crisi in sé... Nei PIIGS si nota invece un ENORME problema di indebitamento PRIVATO!!! Fonte: elaborazione di su dati delle banche centrali europee (2009)

93 Rapporto debito/pil e crisi (3) Fonte: Commissione Europea - Fiscal Sustanaibility Report 2012 La conferma arriva dalla Commissione Europea stessa!!! La Commissione europea ha studiato la sostenibilità dei debiti europei in funzione dell'invecchiameno della popolazione previsto (pensioni, sanità, disoccupazione, etc.) Rispettando il fiscal compact, il debito pubblico italiano é il terzo più sostenibile in Europa a medio termine!!!

94 Rapporto debito/pil e crisi (4) E se ignorassimo la tremenda austerità fiscale ventennale del fiscal compact (50 miliardi di esborso annuo...)? Fonte: Commissione Europea - Fiscal Sustanaibility Report 2012 In questo caso, secondo la Commissione, il debito pubblico italiano é IN ASSOLUTO IL PIU' SOSTENIBILE A LUNGO TERMINE in Europa!!! Solo Italia e Lettonia sono sostenibili, il resto d'europa no! Il Fiscal Compact va RIGETTATO!

95 Lavoro e capitale Le nazioni non si scambiano solo merci (X-M), ma anche fattori di produzione: lavoratori e capitali. E questi scambi hanno un risultato economico, cioè producono dei redditi, che quindi, ovviamente, devono entrare nel conto del reddito della nazione stessa (o PIL) Se un lavoratore italiano va a lavorare in Francia, restando però italiano, verrà pagato in Francia, ma di norma porterà in Italia (dove vive) i soldi che guadagna. Questi soldi, dal punto di vista italiano, sono redditi da lavoro attivi (perché entrano). Per la Francia sono passivi (perché escono). Se invece è un francese che viene a lavorare in Italia, succede la cosa uguale e contraria E se invece è un capitale italiano che va all'estero? Se un risparmiatore italiano acquista un obbligazione emessa dalla società francese Total, questa prende i soldi, li fa fruttare oculatamente e poi paga gli interessi al risparmiatore italiano. Quando Total paga gli interessi, questi sono redditi da capitale attivi per l Italia. Altro esempio: un risparmiatore tedesco acquista un Btp italiano. Quando lo Stato italiano gli paga gli interessi, questi sono redditi da capitale passivi per l Italia Come il saldo degli scambi di merci X M si dice bilancia commerciale o saldo commerciale o esportazioni nette, il saldo dei redditi da lavoro e da capitale si chiama redditi netti dall estero o RNE

96 Saldo delle partite correnti La variabile più importante per valutare le condizioni di salute finanziaria di un paese è data dal saldo delle partite correnti o CA, dall inglese current account balance. Esso è la somma algebrica dei saldi commerciale e dei redditi: CA = X M + RNE Esempio: un paese esporta 10, importa 5, ma siccome ha molti debiti con l estero paga all estero 7 di interessi sui suoi debiti. Risultato? Si avrà CA = ( 7) = -2 In più accade che i lavoratori transfrontalieri riportano a casa un reddito pari a 4. In questo caso i redditi netti dall estero sono RNE = 4 7 = - 3 (quattro di redditi da lavoro in entrata e sette di redditi da capitale in uscita). Il CA diventa: CA = = 2 Un paese può trovarsi a dipendere dall estero, pur essendo competitivo commercialmente, semplicemente perché si è indebitato troppo in passato (oggi dipende finanziariamente dall estero perché ieri era dipeso commercialmente dall estero). Potrebbe esportare forza lavoro, ma oltre ai nefasti effetti sociali, la remunerazione dei capitali è ben più variabile e rischiosa di quella dei lavoratori (gli stipendi non raddoppiano in un anno!)

97 Saldo delle partite correnti (2) Il saldo delle partite correnti CA sintetizza la dipendenza di un economia dal resto del mondo. Infatti, se è negativo, ciò significa che: il paese dipende troppo dalle merci del resto del mondo (cioè importa più merci di quelle che esporta) oppure il paese dipende troppo dai fattori produttivi del resto del mondo, e quindi paga più stipendi, profitti, interessi all estero di quanti non ne riceva dall estero oppure entrambe le cose (importa troppe merci e troppi fattori produttivi) Ora, si dà il caso che quando una famiglia, o un paese, non ce la fanno con le proprie forze, fatalmente devono indebitarsi... Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati del Fondo Monetario Internazionale

98 Il reddito delle nazioni In cosa differisce il prodotto INTERNO da quello NAZIONALE? Il prodotto INTERNO fa riferimento a un concetto geografico: redditi prodotti/percepiti all interno di territorio, indipendentemente dalla nazionalità/residenza di chi li ha prodotti/percepiti. Il prodotto NAZIONALE fa riferimento a un concetto di residenza: redditi prodotti/percepiti dai cittadini di una nazione indipendentemente da dove li hanno prodotti/percepiti. La differenza è proprio RNE, i redditi netti dall estero. Si ha: YN = Y + RNE Di norma i paesi con redditi nazionali minori di quelli interni sono molto dipendenti dall'estero e/o indebitati con esso. Ricordiamo che il PIL era: Y=C+I+X M Il reddito nazionale è allora: YN = C + I + X M + RNE cioè la somma di consumi, più investimenti, più saldo delle partite correnti! YN = C + I + CA

99 Il reddito delle nazioni (2) Il risparmio di una nazione si definisce come saldo di reddito meno consumo S N = YN C Ma se YN = C + I + CA si ha, portando C a sinistra YN C = I + CA ovvero: SN - I = CA Il saldo delle partite correnti CA, è uguale alla differenza fra risparmio nazionale e investimento In economia chiusa, per intermediazione della finanza, risparmio e investimento coincidono S = I. Se una nazione vuole comprare macchinari o costruire capannoni industriali deve risparmiare abbastanza da poterselo permettere. Ma in economia aperta i soldi possono venire da un altro paese CA, che sintetizza la dipendenza relativa di un paese dalle merci e dai fattori del resto del mondo, misura anche il suo indebitamento (se negativa) o accreditamento netto (se positiva) La dipendenza di un paese dal resto del mondo ha quindi anche una dimensione finanziaria: dipendo dagli altri anche se genero poco risparmio rispetto alle mie necessità, o voglio finanziare troppi progetti rispetto alle mie possibilità

100 La posizione netta sull'estero Quando un soggetto presta soldi all estero (ad es. a un azienda estera comprando una sua obbligazione, a un governo estero comprando un suo titolo, o direttamente facendo credito a un fornitore estero), le sue attività finanziarie sull estero (AFE) aumentano: ha più crediti verso l estero, che é suo debitore Viceversa, se i soldi se li fa prestare (se vende un obbligazione privata o un titolo pubblico all estero, se compra beni esteri a credito, ecc.) aumenterà le sue passività finanziarie sull estero (PFE), che ora é suo creditore La posizione netta sull'estero PNE é data da PNE = AFE PFE Si parla di debito estero quando un paese ha una posizione netta sull estero negativa. Ad esempio se un paese ha 100 di crediti verso l estero (AFE=100) e 120 di debiti verso l estero (PFE=120), la sua posizione netta sarà PNE = AFE PFE = = -20 Ha poco senso soffermarsi su AFE e PFE singolarmente, conta il loro saldo A livello macroeconomico la PNE rappresenta perciò l'ammontare netto del debito (o del credito) di uno stato col settore estero nell'istante considerato

101 La posizione netta sull'estero (2) Se il paese risparmia, riesce a ridurre il proprio debito o ad aumentare il proprio credito. Se invece spende troppo, aumenterà il debito o si ridurrà il credito Quindi il saldo delle partite correnti sta al debito estero come il fabbisogno (o deficit) pubblico sta al debito pubblico Esempio: nel 2010 hai una PNE2010 = -30 (valutata a fine anno). Durante il 2011 risparmi 20 e investi 15, quindi CA2011 = = 5. A fine anno la tua PNE migliora: sarà PNE2011= -30+5=-25. Passi da un debito estero di 30 (cioè da una PNE di -30) a un debito estero di 25 (cioè a una PNE di 25), e hai meno debiti con l estero perché hai risparmiato Si ha quindi CA = SN - I = PNE PNE-1 Il saldo delle partite correnti coincide con la differenza fra risparmio e investimento, cioè con la variazione della posizione netta con l estero. Se è positiva, il nostro debito netto si riduce o il nostro credito netto aumenta. Se è negativa, il contrario Per i dettagli sulla metodologia di calcolo della PNE si rimanda a

102

103 Tirando le somme... Tutti gli stati principali dell'unione monetaria europea (tranne Germania e Olanda) hanno posizione netta sull'estero negativa, cioé ogni anno si indebitano progressivamente di più verso l'estero Come vedremo, i debiti verso l'esterno dell'eurozona sono trascurabili Il creditore é in pratica solo uno...la Germania, che ha beneficiato di più di 20 anni di differenziali di inflazione e tassi di interesse favorevoli verso il resto dell'ume, che ha perso la difesa della svalutazione I tassi di interesse ridotti hanno comportato per il centro una grande esportazione di capitali (ad es. mutui e finanziamenti) verso i PIIGS, che si sono indebitati sempre di più verso il centro Europa Fonte: Elaborazione Goofynomics su dati del Fondo Monetario Internazionale

104 Spread e PNE (NIIP in ingl.) Fonte: Elaborazione del prof. G.Rinaldi su dati Wikipedia 2009 R=0.76. Lo spread dipende all'80% dalla posizione netta sull'estero!!! Non certo dal debito pubblico o da Berlusconi! E' chiaro. Se in Italia c'é un flusso di soldi in ingresso, é più probabile che riusciremo a rimborsare debito e interesse e meno che dichiariamo DEFAULT!!!

105 La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti (BDP) é uno schema contabile che registra le transazioni ed i trasferimenti economici intervenuti tra i residenti ed i non residenti di un'economia ECCEZIONI:le attività o passività finanziarie nei riguardi dell'estero (vedasi il saldo delle partite correnti per quelle) e le transazioni valutarie tra banche italiane La BDP analizza quindi l'identità contabile: Conto Corrente + Conto capitale + Conto Finanziario = 0 Conto Corrente: porta all'acquisizione o perdita di ricchezza sull'estero. Comprende le transazioni in beni, servizi, redditi e in parte dei trasferimenti unilaterali (quelli con finalità di finanziamento del consumo e denominati correnti) Conto capitale: le transazioni aventi per oggetto la parte residua dei trasferimenti unilaterali (definiti in conto capitale, in quanto connessi ad aumenti del capitale fisso di un'economia) e le acquisizioni o cessioni di attività non prodotte, non finanziarie (quali ad esempio brevetti e licenze). Voce secondaria. Conto Finanziario: le transazioni su attività e passività finanziarie, divise in vari livelli classificatori. Il primo livello è di tipo funzionale e prevede la ripartizione dei flussi in investimenti diretti, di portafoglio, derivati e altri investimenti

106 La bilancia dei pagamenti (2) Il deficit/surplus nel Conto Corrente é l'unico che determina una variazione nella ricchezza dello stato considerato (partite correnti...) Conto capitale e Conto Finanziario non determinano invece alcuna variazione Si registrano tra i crediti in BDP: le esportazioni di beni e servizi il percepimento di redditi da lavoro/capitale e di trasferimenti unilaterali dall'estero le cessioni di attività non prodotte non finanziarie Le transazioni che determinano una riduzione delle attività finanziarie sull'estero o un aumento delle passività Si registrano tra i debiti in BDP le transazioni relative ai casi opposti Fonte: Banca d'italia MANUALE DELLA BDP E DELLA POSIZIONE CON L'ESTERO DELL'ITALIA, pag. 11

107 La bilancia dei pagamenti (3) Fonte: Banca d'italia MANUALE DELLA BDP E DELLA POSIZIONE CON L'ESTERO DELL'ITALIA

108 L'Italia ha un fondamentale problema di spesa in prodotti energetici, da cui dipendiamo molto dall'estero Abbiamo servizi piuttosto inefficienti Troppi redditi e trasferimenti verso l'estero Eccessivi investimenti diretti esteri su cui paghiamo oneri di vario genere Fonte: Banca d'italia MANUALE DELLA BDP E DELLA POSIZIONE CON L'ESTERO DELL'ITALIA

109 La situazione non va migliorando col tempo La BDP in deficit persistente é un grosso ostacolo alla crescita della nostra economia (legge di KaldorThirwall) Fonte: Banca d'italia 2005 MANUALE DELLA BDP E DELLA POSIZIONE CON L'ESTERO DELL'ITALIA

110 BDP: impatto della spesa energetica Secondo i criteri del FMI e del Sec95 le esportazioni e le importazioni devono essere valutate fob (franco frontiera nazionale) Le importazioni vengono quindi depurate delle spese di trasporto e assicurazione gravanti sulle merci al di là del punto di valutazione Fonte: Banca d'italia (solito)

111

112 BDP: dipendenza commerciale dall'estero Il nostro bilancio commeciale con il resto dell'eurozona é quasi nullo (siamo leggeri importatori) La Francia é il destinatario principale del nostro export, la Germania é invece il nostro principale fornitore (per i motivi di cambio reale di cui si é discusso) Invece siamo in deficit verso l'esterno dell'eurozona Cina, OPEC e Russia sono i nostri principali fornitori (principalmente di prodotti energetici) Stati Uniti e Svizzera apprezzano invece il nostro export Tolte le spese energetiche, restiamo un paese ESPORTATORE, nonostante tutto. Con un cambio fisso e sopravvalutato del 20% circa. Pensate SENZA...

113 BDP: impatti della crisi sull'export La crisi economica ha DEMOLITO la competitività del nostro export, specie in alcuni settori: Made in Italy (osteggiato dall'ume in ogni modo) Mezzi di trasporto (ehhh, il caso FIAT...) Non é solo crisi, é anche stata una serie di precise scelte economiche!

114 BDP: costo dei servizi I servizi sono un altro punto su cui porre attenzione! Si notano eccessivi costi dei trasporti (costi elevati dei carburanti, costi delle autostrade) Elevati costi delle assicurazioni (si pensi alle RCA) Elevati costi dell'informatizza zione (occorre puntare sul software libero)

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Cambio fisso, svalutazione e austerità

Cambio fisso, svalutazione e austerità Cambio fisso, svalutazione e austerità Le ricadute negative per la nostra economia dell adozione del cambio fisso e della conseguente rinuncia ad uno strumento come la svalutazione monetaria sono ben chiarite

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Teoria dell Unione Monetaria

Teoria dell Unione Monetaria Teoria dell Unione Monetaria Gli elementi costitutivi di un unione monetaria sono: LA PIENA ED IRREVOCABILE CONVERTIBILITÀ DI TUTTE LE VALUTE: Prima di entrare in un unione monetaria ogni paese aveva la

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Ancora sui falsi miti del Divorzio tra Banca Italia e Ministero del Tesoro del Luglio 1981. (edizione Filippo Abbate, revisione Marco Cavedon)

Ancora sui falsi miti del Divorzio tra Banca Italia e Ministero del Tesoro del Luglio 1981. (edizione Filippo Abbate, revisione Marco Cavedon) Ancora sui falsi miti del Divorzio tra Banca Italia e Ministero del Tesoro del Luglio 1981. (edizione Filippo Abbate, revisione Marco Cavedon) Come già abbiamo ribadito varie volte nel corso dei nostri

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops 16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops A fine maggio si terranno le elezioni per il rinnovo del

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

24 Lo stato non ha bisogno di vendere BTP per finanziarsi

24 Lo stato non ha bisogno di vendere BTP per finanziarsi 24 Lo stato non ha bisogno di vendere BTP per finanziarsi La vera funzione dell emissione di titoli di Stato sul mercato da parte del governo è di consentire alla Banca Centrale di mantenere i tassi di

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Crisi finanziaria dalla A alla Z

Crisi finanziaria dalla A alla Z Crisi finanziaria dalla A alla Z Focus La crisi economica scoppiata nel 2008 in seguito alla caduta di Lehman Brothers, una banca di investimenti americana, ha contagiato tutto il pianeta, risultando nel

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15 Politica Economica Europea 3 Altre fonti di asimmetria Diversità strutturali Le istituzioni che governano i mercati possono essere diverse tra stati (diversità strutturali). Shock simmetrici in origine

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Il consolidamento del debito italiano del 1926: una strada percorribile oggi?

Il consolidamento del debito italiano del 1926: una strada percorribile oggi? Il consolidamento del debito italiano del 1926: una strada percorribile oggi? di Michele Fratianni Indiana University e Università Politecnica delle Marche Mentre i nostri politici stanno cercando la soluzione

Dettagli

Facoltà di Scienze della Comunicazione

Facoltà di Scienze della Comunicazione Lezione 10 L integrazione monetaria e aree valutarie ottime Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione Integrazione europea Dichiarazione di Schuman: CECA (1952)

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 1 Introduzione al corso Nozioni di base Struttura del corso Lezioni frontali: 36 ore Lavoro di gruppo: 4 ore Strumenti Testi: G. Ferri, V. D Apice,

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Euro sì, euro no, euro forse. 29/6/2012

Euro sì, euro no, euro forse. 29/6/2012 La crisi dell eurozona: un film già visto Debito sovrano? Debito sovrano!? Alberto Bagnai Dipartimento di Economia Università Gabriele d Annunzio CREAM Université de Rouen http://goofynomics.blogspot.it/

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi.

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Moneta e Debito (di Josef Hasslberger) Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Alcuni personaggi importanti che si misero a cambiare la situazione furono

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia Le manovre fiscali stanno sottraendo 200 miliardi all'economia. La repressione dell'evasione la deprime L'euro è troppo alto per l'italia e

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi Il sistema monetario internazionale e le istituzioni di Bretton Woods: 1944-1971 Argomenti 1. Cambi, finanziamento, politiche economiche 2. La caduta del sistema di cambi fissi di Bretton 1 Ancor prima

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Ma di cosa stiamo parlando?

Ma di cosa stiamo parlando? Ma di cosa stiamo parlando? Spiegare l'economia e la finanza Trento, 19 novembre 2014 Roberto Tamborini Università di Trento, Dipartimento di Economia e Management Spread Lo spread è la differenza tra

Dettagli

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento INDICE XVII 1 2 4 5 Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento 1.1 1.2 1.3 1.4 L'oggetto della macroeconomia

Dettagli

economiapericittadini.it

economiapericittadini.it economiapericittadini.it UNA VEA ECONOMIA PE I CITTADINI S Documento di progettazione economica e fiscale LA GENTE È IL MOTOE info@economiapericittadini.it PEMESSA Il manifesto programmatico di EPIC si

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli