CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI"

Transcript

1 CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI Alberto Franco Pozzolo Università degli Studi del Molise Scuola superiore dell economia e delle finanze Ezio Vanoni Roma, 12 febbraio 2013

2 Introduzione Gli effetti della crisi finanziaria iniziata nell estate 2007 sono ancora evidenti in quasi tutti i paesi più sviluppati Le cause della crisi, la piùforte dalla Grande Depressione degli anni Trenta, sono tuttora oggetto di analisi e discussione Vi èforte consenso che le lacune dell assetto istituzionale e regolamentare del sistema finanziario siano tra le cause principali, anche se non le sole, della crisi finanziaria Le iniziative di politica economica concordate a livello internazionale stanno modificando radicalmente il quadro istituzionale e regolamentare del sistema finanziario, con l obiettivo di evitare che una crisi analoga si possa ripetere In questa lezione cercheremo di capire quali sono state la causedella crisi finanziaria e quali sono i principi ispiratori delle riforme, evidenziandone poi i punti di forza e le possibili debolezze

3 Piano della presentazione I fatti: l evoluzione dei mercati finanziari nel periodo precedente la crisi finanziaria del 2007 lo scoppio della crisi e le prime reazioni di politica economica il fallimento di Lehman e la crisi finanziaria sistemica dal crollo dell economia reale ai primi segnali di ripresa dalla crisi finanziaria alla crisi del debito sovrano Gli interventi: le linee di riforma della regolamentazione del sistema finanziario i nessi tra crisi bancaria e crisi del debito sovrano le recenti decisioni in ambito europeo Le sfide aperte

4 Le condizioni prima della crisi finanziaria Prima del 2007: l inflazione era bassa e stabile la crescita economica era sostenuta e stabile si discuteva di come il sistema economico avesse raggiunto una fase di grande moderazione Vi era inoltre un diffuso consenso (con poche voci critiche) che: il rischio finanziario era contenuto (come evidenziato dai premial rischio) la vigilanza sugli intermediari finanziari era sofisticata ed efficace le assicurazioni sui depositi limitavano fortemente i rischi di una corsa agli sportelli le banche centrali erano in grado di intervenire efficacemente in caso di una crisi di liquidità

5 Le cause macroeconomiche della crisi (1) Le principali cause macroeconomiche della crisi iniziata nel 2007 sono state individuate: negli elevati squilibri finanziari globali nella politica monetaria espansiva degli Stati Uniti, a fronte del timore di deflazione e della contenuta dinamica dei prezzi Gli squilibri globali sono legati all elevato livello del debito pubblico e privato negli Stati Uniti e al forte risparmio nei paesi emergenti e in quelli esportatori di petrolio Nei paesi emergenti, l elevato livello di risparmio è dovuto: alle ridotte opportunità di investimento interne al limitato sviluppo dei mercati finanziari e delle ridotte opportunitàdi diversificazione dei portafogli al desiderio di assicurarsi contro il rischio del ripetersi di una crisi finanziaria come quella della fine degli anni Novanta

6 Le cause macroeconomiche della crisi (2) La disponibilitàdi finanziamenti a basso costo, garantiti dagli afflussi di risparmio dall estero, ha favorito: il finanziamento dei mutui per l acquisto e la costruzione di abitazioni e beni durevoli (i prezzi delle abitazioni negli Stati Uniti trail 1996 e il 2007 sono cresciuti del 124%) l emergenza di bolle sui prezzi delle attivitàfinanziarie (legate ai bassi tassi di interesse e ai bassi premi al rischio) La crescita della domanda di abitazioni ha determinato un aumento dei prezzi, favorendo la crescita dei consumi attraverso l effetto ricchezza Le distorsioni finanziarie hanno favorito i prestiti e gli investimenti in settori con una produttività attesa superiore a quella reale Parallelamente, la fortissima crescita dei volumi lordi di attività e passività sull estero ha amplificato il contagio internazionale in seguito alla revisione della composizione dei portafogli da parte degli investitori

7 Le cause microeconomiche della crisi Gli squilibri macroeconomici sono stati possibili, e forse amplificati, a causa di alcune forti distorsioni di natura microeoconomica: le famiglie non hanno prestato la dovuta attenzione a come venivano investiti i loro risparmi i managersdelle societàfinanziarie hanno sottovalutato i rischi degli investimenti e privilegiato i ritorni di breve periodo, anche a causa di incentivi salariali distorti (e.g., le stock options) le agenzie di rating hanno utilizzato modelli di valutazione delrischio basati su dati storici inadeguati per valutare strumenti innovativi con elevati rischi nelle code della distribuzione gli intermediari hanno avuto incentivi distorti nel valutare il rischio di credito perché potevano trasferirlo sui titoli cartolarizzati l azione delle autoritàdi vigilanza si èrivelata, ex-post, fortemente inadeguata

8 Dalla crisi finanziaria alla crisi del debito sovrano Dall esplosione della crisi finanziaria del 2007 possono essere identificate almeno 5 diverse fasi: : la crisi dei mutui subprimee il crollo degli investimenti di portafoglio : la crisi sistemica e il crollo della liquidità : la crisi economica, gli stimoli fiscali e gli stabilizzatori automatici : la crisi del debito sovrano : la crisi di fiducia in Europa

9 2007: la crisi dei mutui subprime(1) Il 16 luglio 2007, Bear Stearns rivelò che due suoi sub-prime hedge funds avevano registrato ingenti perdite; dopo pochi giorni il mercatodegli Asset Backed Commercial Papers (ACBP) l chiuse di fatto le contrattazioni La banca tedesca IKB, incapace di rinnovare i suoi finanziamenti a breve termine, venne salvata con un piano organizzato da Bundesbank e BaFin Il crollo della fiducia nel mercato interbancario, non garantito, portò a una crisi di liquidità, che spinse la BCE a intervenire il 9 agosto con un intervento di finanziamento per 95 miliardi di euro, seguito in dicembre da un nuovo intervento per 300 miliardi Gli investitori iniziarono a liquidare le posizioni in Residential Mortgage Backed Securities (RMBS), determinando un crollo dei prezzi (fire sales) pari in alcuni casi all 80% del valore iniziale (il 60% anche per alcune tranches AAA) Il 16 marzo 2008 la FED favorìl acquisto di Bearn Sterns, oramai fallita, da parte di JP Morgan Chase

10 2007: la crisi dei mutui subprime(2) Le banche europee non erano direttamente esposte nel mercato dei mutui subprime americani, ma furono ugualmente colpite dalla crisi perché: molte banche europee detenevano ingenti quantitàdi RMBS nel portafoglio di negoziazione (trading book), classificati come magazzino per il market-making(le cui perdite possono essere non registrate fino a 12 mesi in base agli IFRS) ma consistenti di fatto in posizioni di carry tradecon l obiettivo di favorire la redditivitàdel portafoglio obbligazionario l incertezza sul valore delle attivitàdi queste banche rese impossibile rinnovare i finanziamenti a breve termine sui mercati interbancari La BCE supplìalla carenza di liquiditàcon operazioni straordinarie di finanziamento e, successivamente, riducendo la qualitàdelle garanzie richieste

11 2008: la crisi sistemica e il crollo della liquidità(1) Il salvataggio di Bearn Sterns aveva ridotto i timori nei mercati finanziari, ma a giugno emersero nuove difficoltàda parte delle assicurazioni, che coprivano il rischio di credito delle banche per permettere minori accantonamenti di capitale Tra luglio e settembre la situazione delle agenzie pubbliche americane (Freddie Mac e Fannie Mae) si deteriorò ulteriormente, fino al loro commissariamento Il 12 settembre il fallimento di Lehman Brothers aprìla fase piùacuta della crisi, che divenne sistemica A parte l effetto diretto del fallimento di Lehman sul mercato dei derivati, le conseguenze maggiori derivarono dalla convinzione degli investitori che un istituzione finanziaria globale poteva fallire

12 2008: la crisi sistemica e il crollo della liquidità(2) Le fonti di finanziamento si esaurirono per tutte le banche, redendo in molti casi insufficienti anche le iniezioni di liquiditàdecise dalle banche centrali L assenza di limitazioni nelle esposizioni interbancarie aveva portato molte banche, anche di media e piccola dimensione, ad avere ingenti esposizioni anche internazionali, superiori al loro capitale L entitàdella crisi rese necessari in molti paesi interventi pubblici per la ricapitalizzazione delle banche Anche i fondi monetari, in particolare negli Stati Uniti, vennero colpiti dalla crisi si confidenza e subirono una corsa agli sportelli che rese necessario un nuovo intervento governativo In Europa, il sistema delle assicurazioni sui depositi si rivelòin molti casi inadeguato, rendendo necessaria la copertura da parte dello Stato

13 2009: la crisi economica e gli interventi fiscali A partire dall inizio del 2008, gli effetti della crisi finanziaria avevano iniziato ad estendersi all economia reale, a causa: del crollo dei prezzi delle attività mobiliari e immobiliari delle crescenti difficoltàdi finanziamento degli investimenti e dei consumi L effetto della crisi sistemica del 2008 sull andamento del PIL fu fortissimo, amplificato da un crollo senza precedenti del commercio internazionale La situazione dei mercati finanziari iniziava invece a migliorare, con le fonti di finanziamento si esaurirono per tutte le banche, redendo in molti casi insufficienti anche le iniezioni di liquidità decise dalle banche centrali La crescita dei corsi delle attivitàfinanziarie permise alle banche di migliorare la redditività, ritornando in alcuni casi a distribuire utili e bonus

14 2010: la crisi del debito sovrano Il debito pubblico complessivo dell area dell euro ammontava nel 2011 all 87% del PIL, un livello comparabile con quello degli Stati Unitie significativamente inferiore a quello del Giappone Tuttavia, alcuni paesi dell area dell euro hanno livelli di assai piùelevati della media, e l area non èun unione fiscale Nel 2009 il governo greco annunciò che il livello del debito pubblico del paese era molto superiore a quanto annunciato in precedenza, creando forti tensioni sul mercato dei titoli di stato europei Nel maggio 2010 la Grecia ottenne il primo di una lunga serie dipacchetti di aiuti finanziari, nel novembre 2010 ottenne aiuti anche l Irlanda, nell aprile 2011 il Portogallo L aumento dei tassi di interesse si estese alle banche, che oltre a registrare perdite a causa della caduta dei corsi obbigazionari,iniziarono ad avere forti problemi di finanziamento a medio e a lungo termine

15 2011: la crisi di fiducia in Europa (1) Nell estate 2011 la crisi del debito sovrano si estese alla Spagna, soprattutto a causa della debolezza del sistema bancario, e all Italia Gli investitori esteri, in particolare i fondi americani, ridussero la loro esposizione verso l Europa, determinando forti tensioni anche sui corsi azionari delle banche Di fronte alle difficoltàdi finanziamento e alla crescente incertezza sulla stabilitàdel sistema bancario europeo, le banche hanno ridotto le loro esposizioni internazionali, determinando un ampiamento dei differenziali tra i paesi europei nel costo del credito al dettaglio e all ingrosso

16 2011: la crisi di fiducia in Europa (2) Le politiche fiscali restrittive introdotte in Spagna e in Italia hanno favorito un allentamento delle tensioni sul mercato dei titoli di Stato apartire dai primi mesi del 2012 Gli accordi sul ruolo dello European Financial Stability Mechanism (EFSF), dello European Stability Mechanism (ESM), l approvazione del Fiscal compact e gli ingenti finanziamenti a medio termine della BCE hanno avuto un ulteriore effetto positivo sui mercati finanziari La decisione nel giugno 2012 di creare la European banking unione la dichiarazione del presidente della BCE di difendere con ogni mezzo l euro ebbe ulteriore effetti positivi sui mercati finanziari Tra il 2008 e ottobre 2011, i governi dei paesi europei hanno impegnato oltre miliardi di euro (il 36.7% del PIL della UE) per sostenere il sistema bancario Gli aiuti effettivamente utilizzati ammontavano a fine 2010 e 409 miliardi per le ricapitalizzazioni e il sostegno al valore delle attività, e miliardi sotto forma di garanzie e altri contributi alla liquidità

17 Le lezioni della crisi La crisi finanziaria iniziata nel 2007 e i successivi effetti sulla sostenibilità dei debiti sovrani hanno evidenziato numerose lacune dell assetto istituzionale e regolamentare del sistema finanziario internazionale Nel 15 novembre 2008 nel meeting di Washington, i paesi del G20 concordarono di 'realizzare riforme che rendano piùsolidi i mercati finanziari e strutture di regolamentazione che permettano di evitare crisi future, con particolare attenzione alla cooperazione internazionale tra le autorità di vigilanza nazionali Le linee di riforma decise negli anni successivi dal Comitato dibasilea e dalle principali autoritàdi vigilanza sono il frutto di una serie di evidenze emerse dalla crisi

18 La crisi e i problemi del sistema finanziario La crisi ha evidenziato numerosi problemi del precedente assettodei mercati finanziari: gli intermediari troppo grandi (too-big-to-fail) o troppo complessi (too-complex-to-fail) per poter fallire il rischio di contagio in seguito al fallimento di intermediari con un ruolo centrale nel sistema (too-interconnected-to-fail) o soggetti a shock troppo correlati (too-many-to-fail) l arbitraggio regolamentare e il ruolo del sistema finanziario ombra la scarsa capitalizzazione gli incentivi distorti delle strutture di governance i costi eccessivi dei salvataggi per i contribuenti lo scarso coordinamento internazionale delle autorità di vigilanza la scarsa attenzione al rischio sistemico e alla vigilanza macroprudenziale Le riforme del sistema finanziario sono andate nella direzione di limitare questi problemi

19 Le banche che non possono fallire Il problema di evitare che vi siano banche che per motivi diversi non possono essere lasciate fallire è alla base delle riforme volte a: ridurre la dimensione delle banche, anche richiedendo una maggiore capitalizzazione alla banche più grandi penalizzare le banche eccessivamente interconnesse, soprattutto a livello internazionale semplificare le strutture di controllo separare le attivitàpiùrischiose da quelle piùtradizionali (depositi, prestiti e gestione dei pagamenti) semplificare le procedure fallimentari Per ridurre i costi per il contribuente, sono stati aumentati gli incentivi affinchégli azionisti controllino le attivitàdei managers, imponendo che subiscano il costo di eventuali salvataggi

20 Le autorità di vigilanza La responsabilitàdelle attivitàdi vigilanza èstata rivista in quasi tutti i principali paesi, con un generale rafforzamento della posizione delle banche centrali, il cui ruolo è stato centrale nelle fasi più acute della crisi In particolare: èstato rafforzato il coordinamento tra le diverse autoritàdi vigilanza presenti nei singoli paesi èstato rafforzato il potere discrezionale delle singole autoritàin caso di crisi è stata accresciuto il ruolo della vigilanza macroprudenziale sono stati estesi i poteri e le competenze delle autoritàdi vigilanza a settori di mercato in precedenza più liberi si sono trovate linee di fondo della riforma ispirate a principicondivisi a livello internazionale

21 La riforma del sistema finanziario in Europa In Europa, il primo passo nel processo di riforma del sistema divigilanza è stato ispirato dal rapporto del Gruppo de Larosiere Seguendo in buona parte le indicazioni del Gruppo, la vigilanza europea dei mercati finanziari èorganizzata nello European System of Financial Supervision, composto da: European Banking Authority (EBA), che ha il compito di coordinare le attività di vigilanza bancaria European Securities and Markets Authority (ESMA), responsabile della vigilanza sui mercati European Insurance and Occupational Pensions Authority (EIOPA) Presso la BCE èinsediato inoltre lo European Systemic Risk Board (ESRB), responsabile della vigilanza macroprudenziale

22 Le riforme recenti in Europa Tre importanti riforme sono state recentemente proposte in Europa: la Capital Requirement Directive (CRD IV), che recepisce in larga misura le riforme proposte dal Comitato di Basilea (Basilea III) la Recovery and Resolution Directive la proposta di introdurre un Single Supervisory Mechanism (SSM),che attribuisce alla BCE la responsabilitàdella vigilanza su tutte le banche dell area dell euro L approvazione dello European Financial Stability Mechanism (EFSF) e dello European Stability Mechanism (ESM) hanno inoltre reso piùincisivo il ruolo delle autorità europee nel fronteggiare le crisi bancarie

23 La Capital Requirement Directive (CRD IV) La CRD IV recepisce le indicazione di Basilea III in materia di: liquidità, fissando un Liquidity Coverage Ratio dal 2015 e valutando l introduzione di un Net Stable Funding Ratio dal 2018 capitale, rendendo piùstringenti le definizioni di Common Equity Tier 1 Capital (CERT1), prevedendo un graduale incremento dei minimi regolamentari al 4,5% e al 6% entro il 2015 e introducendo buffers per il mantenimento del capitale minimo (2,5%) e anticiclici rischio di controparte, con livelli di capitalizzazione piùelevati e incentivi a utilizzare controparti centralizzate Prevede inoltre una maggiore armonizzazione della regolamentazione, attraverso la stesura di un single rule book per le attività di vigilanza

24 La Recovery and Resolution Directive Il 6 giugno 2012 la Commissione europea ha adottato una proposta legislativa per le procedure di salvataggio e risoluzione delle banche in difficoltà L obiettivo della direttiva èdi creare un assetto normativo e istituzionale in grado di: limitare gli effetti sulla stabilità finanziaria del sistema assicurare che gli azionisti contribuiscano adeguatamente al processo di risanamento minimizzare i costi per i contribuenti

25 Il Single Supervisory Mechanism (SSM) Facendo seguito alle deliberazioni del Summit dei capi di stato e di governo del 29 giugno 2012, il 12 settembre 2012 la Commissione europea ha avanzato una proposta per la creazione di un unione bancaria Il 12 dicembre i ministri delle finanze dell'ue hanno concordatoun pacchetto di interventi che istituisce un meccanismo di vigilanza unico degli enti creditizi In base alla proposta: i compiti di vigilanza bancaria sono attribuiti alla (BCE) il sistema di rappresentanza all interno dell EBA viene ridefinito

26 I compiti di vigilanza della BCE In base alle decisioni del Consiglio europeo: la BCE saràresponsabile dal 1 marzo 2014 o 12 mesi dopo l'entrata in vigore della normativa se tale data èposteriore dell'efficace funzionamento globale del meccanismo di vigilanza unico ed eserciterà la vigilanza diretta sulle banche della zona euro i compiti di politica monetaria e di vigilanza della BCE saranno rigorosamente separati la vigilanza saràdifferenziata e la BCE la eserciteràin cooperazione con le autorità di vigilanza nazionali Il meccanismo di vigilanza unico èil primo passo verso l unione bancaria, che includerà anche: un corpus unico di norme un sistema comune di garanzia dei depositi un meccanismo di risoluzione unico per le crisi

27 La European Financial Stability Facility (EFSF) La European Financial Stability Facility (EFSF) èun fondi di diritto privato approvato dai paesi dell area dell euro il 9 maggio 2010 con il fine di erogare aiuti finanziari agli stati membri L EFSF può emettere obbligazioni, coperte da garanzie fornite dagli Stati membri della zona euro, o altri strumenti di debito sul mercato finanziario per raccogliere i fondi necessari a: fornire prestiti ai paesi della zona euro in difficoltà finanziarie ricapitalizzare le banche acquistare sul mercato primario titoli del debito sovrano degli stati membri La concessione di finanziamenti ècondizionale all accettazione di un piano nazionale di stabilità, concordato con la Commissione europea e l FMI Dopo gli ultimi accordi del 2011, l EFSF ha una capacitàcomplessiva di garanzia pari a miliardi di euro Attualmente, l EFSF ha erogato prestiti a favore di Irlanda, Portogallo e Grecia

28 Lo European Stability Mechanism (ESM) Lo European Stability Mechanism (ESM) èun organizzazione intergovernativa con sede in Lussemburgo nata nel luglio 2012 L ESM ha un capitale sottoscritto di 700 miliardi di euro, di cui 80 miliardi effettivamente erogati La funzione dell ESM èdi: emettere prestiti per assicurare assistenza finanziaria ai paesiin difficoltà acquistare titoli di Stato sul mercato primario e secondario subordinatamente a condizioni quali l accettazione di un programma di correzioni macroeconomiche La capacità di prestito effettiva dell ESM è di 500 miliardi di euro

29 Il Liikanen report La definizione della nuova architettura di vigilanza del sistemabancario e finanziario europeo è ancora in fieri Nel febbraio 2012 il Commissario per il mercato interno e i servizi finanziari Michel Barnier ha incaricato un gruppo presieduto dal governatore della Banca di Finlandia Erkki Liikanen di preparareun rapporto sulla riforma del sistema bancario europeo Il rapporto, pubblicato il 2 ottobre 2012 propone quattro principali linee di intervento: la separazione delle attività di negoziazione per conto proprio i meccanismi di salvataggio e risoluzione la capitalizzazione la corporate governance

30 Le attività di negoziazione per conto proprio Secondo il Gruppo Liikanen, le attivitàdi negoziazione per conto proprio devono essere separate dalle attività bancarie tradizionali La separazione, simile a quella prevista dalla Volker Rule contenuta nel Dodd- Frank Act degli Stati Uniti, garantirebbe l isolamento delle attività bancarie tradizionali, la cui cessazione potrebbe creare forti effetti sistemici, dai rischi legati alle attività di negoziazione Le attivitàdi negoziazione dovrebbero essere in capo a unitàcon capitalizzazione separata rispetto al resto della banca quando superano un certo ammontare e non sono collegate alle attivitàdi negoziazione per conto della clientela Barclays, BNP Paribas, Deutsche Bank, Nordea, Royal Bank of Scotland e Société Générale hanno oltre il 30% delle attivitàtotali nel portafoglio di negoziazione Le garanzie esplicite e implicite sui depositi che si stima abbiano l effetto di accrescere di 3 gradi il rating delle banche sarebbero in questo modo limitate alle attività tradizionali

31 I piani di risanamento e la capitalizzazione Il gruppo enfatizza inoltre che èfondamentale prevedere dei piani di recupero e risoluzione (recovery and resolution) efficaci e realistici A questo proposito, ritiene importante che venga definito un insieme di strumenti che consentono di ampliare automaticamente la capitalizzazione delle banche in caso di necessità(bail-in) I titoli convertibili dovrebbero essere collocati al di fuori del sistema bancario, preferibilmente presso investitori a lungo termine Il grado di capitalizzazione delle banche dovrebbe essere accresciuto e il trattamento dei rischi nei modelli interni dovrebbe essere reso più severo Il rapporto tra attivitàponderate per il rischio e attivitàtotali èassai eterogeneo, e inferiore proprio per le banche con un piùampio portafoglio di titoli negoziabili e derivati

32 La corporate governance Le preoccupazioni espresse nel Liikanen report in relazione ai problemi di corporate governance riguardano: la scarsa rappresentanza degli stakeholdersnei consigli di amministrazione delle banche l eccessivo potere degli amministratori rispetto al presidente e ai responsabili della gestione dei rischi la scarsa trasparenza dei trasferimenti intra-gruppo l insufficienza delle verifiche dell adeguatezza professionale degli amministratori la scarsa incisività delle sanzioni

33 Gli obiettivi raggiunti dalle riforme Una parte degli obiettivi del progetto di riforma europeo sono in procinto di essere raggiunti, attraverso le azioni già decise o programmate: rafforzare la capacitàdelle banche di assorbire shock idiosincratici e sistemici, soprattutto nelle aree maggiormente esposte a tali rischi (maggiore capitalizzazione, separazione delle attività, requisiti per le SIBs) ridurre la prociclicità dei requisiti regolamentari (buffers prociclici) ridurre il rischio di bolle speculative nei mercati delle attività finanziari (vigilanza macroprudenziale) eliminare le corse agli sportelli, soprattutto nei mercati all ingrosso (finanziamenti a breve della BCE e prestiti a medio termine dell ESM) assicurare la possibilitàdi risolvere efficacemente e rapidamente le banche in difficoltà con costi limitati sui contribuenti (recovery and resolution directive)

34 Gli obiettivi ancora in discussione Una parte degli obiettivi non paiono essere invece ancora oggetto di azioni specifiche: accrescere la soliditàdelle infrastrutture di mercato e degli intermediari non bancari accrescere la capacitàdi gestione dei rischi e migliorare gli incentivi dei managers e delle autorità di vigilanza Un ulteriore aspetto nodale rispetto al quale non pare si sia ancora trovato l accordo per un percorso di riforma condiviso a livello europeo è il grado di centralizzazione delle procedure di vigilanza e di intervento all interno dell unione bancaria

35 Alcune questioni aperte sull unione bancaria L unione bancaria europea è un passo essenziale: per spezzare il circolo vizioso tra crisi bancaria a crisi del debito sovrano per facilitare la risoluzione dei fallimenti di banche multinazionali, contribuendo al completamento del mercato unico Due elementi fondamentali di un unione bancaria sono: un quadro comune di vigilanza un meccanismo per amministrare le situazioni di crisi Nell attuale dibattito, tre importanti aspetti sono oggetto di discussione: la configurazione delle istituzioni che devono essere create per l assicurazione sui depositi e le procedure di risoluzione la ripartizione dei costi (il burden sharing) dei salvataggi da parte dei governi e le connesse implicazioni per un unione fiscale la gestione della fase di transizione e la ripartizione dei costi già sostenuti

36 Le sfide ancora irrisolte L unione bancaria europea riduce radicalmente gli effetti delle esternalità negative del fallimento di un intermediario finanziario, diminuendo il grado di rischiosità sistemica Il grado di coordinamento internazionale pare invece ancora insufficiente rispetto all elevata interconnessione del sistema finanziario mondiale Nonostante il sostanziale successo delle azioni decise per fronteggiare la crisi finanziaria, le soluzioni oggi proposte paiono spingere verso una maggiore segmentazione dei mercati anzichéverso un maggiore coordinamento delle autorità di vigilanza Per evitare una simile deriva è fondamentale: ridurre il margine per l arbitraggio regolamentare accrescere con forza il grado di trasparenza dei mercati e il grado di esposizione al rischio di ciascun agente migliorare il sistema di governance e allineare gli incentivi di managers e azionisti

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. sulla segnalazione e la trasparenza delle operazioni di finanziamento tramite titoli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. sulla segnalazione e la trasparenza delle operazioni di finanziamento tramite titoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.1.2014 COM(2014) 40 final 2014/0017 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla segnalazione e la trasparenza delle operazioni di finanziamento

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

La transizione verso un sistema finanziario più stabile

La transizione verso un sistema finanziario più stabile Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa in collaborazione con l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Le scelte strategiche per l industria bancaria italiana La transizione verso

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il rapporto tra BCE e autorità nazionali nell esercizio della vigilanza

Il rapporto tra BCE e autorità nazionali nell esercizio della vigilanza LUISS Guido Carli Convegno Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici Il rapporto tra BCE e autorità nazionali nell esercizio della vigilanza Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli