CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI"

Transcript

1 CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI Alberto Franco Pozzolo Università degli Studi del Molise Scuola superiore dell economia e delle finanze Ezio Vanoni Roma, 12 febbraio 2013

2 Introduzione Gli effetti della crisi finanziaria iniziata nell estate 2007 sono ancora evidenti in quasi tutti i paesi più sviluppati Le cause della crisi, la piùforte dalla Grande Depressione degli anni Trenta, sono tuttora oggetto di analisi e discussione Vi èforte consenso che le lacune dell assetto istituzionale e regolamentare del sistema finanziario siano tra le cause principali, anche se non le sole, della crisi finanziaria Le iniziative di politica economica concordate a livello internazionale stanno modificando radicalmente il quadro istituzionale e regolamentare del sistema finanziario, con l obiettivo di evitare che una crisi analoga si possa ripetere In questa lezione cercheremo di capire quali sono state la causedella crisi finanziaria e quali sono i principi ispiratori delle riforme, evidenziandone poi i punti di forza e le possibili debolezze

3 Piano della presentazione I fatti: l evoluzione dei mercati finanziari nel periodo precedente la crisi finanziaria del 2007 lo scoppio della crisi e le prime reazioni di politica economica il fallimento di Lehman e la crisi finanziaria sistemica dal crollo dell economia reale ai primi segnali di ripresa dalla crisi finanziaria alla crisi del debito sovrano Gli interventi: le linee di riforma della regolamentazione del sistema finanziario i nessi tra crisi bancaria e crisi del debito sovrano le recenti decisioni in ambito europeo Le sfide aperte

4 Le condizioni prima della crisi finanziaria Prima del 2007: l inflazione era bassa e stabile la crescita economica era sostenuta e stabile si discuteva di come il sistema economico avesse raggiunto una fase di grande moderazione Vi era inoltre un diffuso consenso (con poche voci critiche) che: il rischio finanziario era contenuto (come evidenziato dai premial rischio) la vigilanza sugli intermediari finanziari era sofisticata ed efficace le assicurazioni sui depositi limitavano fortemente i rischi di una corsa agli sportelli le banche centrali erano in grado di intervenire efficacemente in caso di una crisi di liquidità

5 Le cause macroeconomiche della crisi (1) Le principali cause macroeconomiche della crisi iniziata nel 2007 sono state individuate: negli elevati squilibri finanziari globali nella politica monetaria espansiva degli Stati Uniti, a fronte del timore di deflazione e della contenuta dinamica dei prezzi Gli squilibri globali sono legati all elevato livello del debito pubblico e privato negli Stati Uniti e al forte risparmio nei paesi emergenti e in quelli esportatori di petrolio Nei paesi emergenti, l elevato livello di risparmio è dovuto: alle ridotte opportunità di investimento interne al limitato sviluppo dei mercati finanziari e delle ridotte opportunitàdi diversificazione dei portafogli al desiderio di assicurarsi contro il rischio del ripetersi di una crisi finanziaria come quella della fine degli anni Novanta

6 Le cause macroeconomiche della crisi (2) La disponibilitàdi finanziamenti a basso costo, garantiti dagli afflussi di risparmio dall estero, ha favorito: il finanziamento dei mutui per l acquisto e la costruzione di abitazioni e beni durevoli (i prezzi delle abitazioni negli Stati Uniti trail 1996 e il 2007 sono cresciuti del 124%) l emergenza di bolle sui prezzi delle attivitàfinanziarie (legate ai bassi tassi di interesse e ai bassi premi al rischio) La crescita della domanda di abitazioni ha determinato un aumento dei prezzi, favorendo la crescita dei consumi attraverso l effetto ricchezza Le distorsioni finanziarie hanno favorito i prestiti e gli investimenti in settori con una produttività attesa superiore a quella reale Parallelamente, la fortissima crescita dei volumi lordi di attività e passività sull estero ha amplificato il contagio internazionale in seguito alla revisione della composizione dei portafogli da parte degli investitori

7 Le cause microeconomiche della crisi Gli squilibri macroeconomici sono stati possibili, e forse amplificati, a causa di alcune forti distorsioni di natura microeoconomica: le famiglie non hanno prestato la dovuta attenzione a come venivano investiti i loro risparmi i managersdelle societàfinanziarie hanno sottovalutato i rischi degli investimenti e privilegiato i ritorni di breve periodo, anche a causa di incentivi salariali distorti (e.g., le stock options) le agenzie di rating hanno utilizzato modelli di valutazione delrischio basati su dati storici inadeguati per valutare strumenti innovativi con elevati rischi nelle code della distribuzione gli intermediari hanno avuto incentivi distorti nel valutare il rischio di credito perché potevano trasferirlo sui titoli cartolarizzati l azione delle autoritàdi vigilanza si èrivelata, ex-post, fortemente inadeguata

8 Dalla crisi finanziaria alla crisi del debito sovrano Dall esplosione della crisi finanziaria del 2007 possono essere identificate almeno 5 diverse fasi: : la crisi dei mutui subprimee il crollo degli investimenti di portafoglio : la crisi sistemica e il crollo della liquidità : la crisi economica, gli stimoli fiscali e gli stabilizzatori automatici : la crisi del debito sovrano : la crisi di fiducia in Europa

9 2007: la crisi dei mutui subprime(1) Il 16 luglio 2007, Bear Stearns rivelò che due suoi sub-prime hedge funds avevano registrato ingenti perdite; dopo pochi giorni il mercatodegli Asset Backed Commercial Papers (ACBP) l chiuse di fatto le contrattazioni La banca tedesca IKB, incapace di rinnovare i suoi finanziamenti a breve termine, venne salvata con un piano organizzato da Bundesbank e BaFin Il crollo della fiducia nel mercato interbancario, non garantito, portò a una crisi di liquidità, che spinse la BCE a intervenire il 9 agosto con un intervento di finanziamento per 95 miliardi di euro, seguito in dicembre da un nuovo intervento per 300 miliardi Gli investitori iniziarono a liquidare le posizioni in Residential Mortgage Backed Securities (RMBS), determinando un crollo dei prezzi (fire sales) pari in alcuni casi all 80% del valore iniziale (il 60% anche per alcune tranches AAA) Il 16 marzo 2008 la FED favorìl acquisto di Bearn Sterns, oramai fallita, da parte di JP Morgan Chase

10 2007: la crisi dei mutui subprime(2) Le banche europee non erano direttamente esposte nel mercato dei mutui subprime americani, ma furono ugualmente colpite dalla crisi perché: molte banche europee detenevano ingenti quantitàdi RMBS nel portafoglio di negoziazione (trading book), classificati come magazzino per il market-making(le cui perdite possono essere non registrate fino a 12 mesi in base agli IFRS) ma consistenti di fatto in posizioni di carry tradecon l obiettivo di favorire la redditivitàdel portafoglio obbligazionario l incertezza sul valore delle attivitàdi queste banche rese impossibile rinnovare i finanziamenti a breve termine sui mercati interbancari La BCE supplìalla carenza di liquiditàcon operazioni straordinarie di finanziamento e, successivamente, riducendo la qualitàdelle garanzie richieste

11 2008: la crisi sistemica e il crollo della liquidità(1) Il salvataggio di Bearn Sterns aveva ridotto i timori nei mercati finanziari, ma a giugno emersero nuove difficoltàda parte delle assicurazioni, che coprivano il rischio di credito delle banche per permettere minori accantonamenti di capitale Tra luglio e settembre la situazione delle agenzie pubbliche americane (Freddie Mac e Fannie Mae) si deteriorò ulteriormente, fino al loro commissariamento Il 12 settembre il fallimento di Lehman Brothers aprìla fase piùacuta della crisi, che divenne sistemica A parte l effetto diretto del fallimento di Lehman sul mercato dei derivati, le conseguenze maggiori derivarono dalla convinzione degli investitori che un istituzione finanziaria globale poteva fallire

12 2008: la crisi sistemica e il crollo della liquidità(2) Le fonti di finanziamento si esaurirono per tutte le banche, redendo in molti casi insufficienti anche le iniezioni di liquiditàdecise dalle banche centrali L assenza di limitazioni nelle esposizioni interbancarie aveva portato molte banche, anche di media e piccola dimensione, ad avere ingenti esposizioni anche internazionali, superiori al loro capitale L entitàdella crisi rese necessari in molti paesi interventi pubblici per la ricapitalizzazione delle banche Anche i fondi monetari, in particolare negli Stati Uniti, vennero colpiti dalla crisi si confidenza e subirono una corsa agli sportelli che rese necessario un nuovo intervento governativo In Europa, il sistema delle assicurazioni sui depositi si rivelòin molti casi inadeguato, rendendo necessaria la copertura da parte dello Stato

13 2009: la crisi economica e gli interventi fiscali A partire dall inizio del 2008, gli effetti della crisi finanziaria avevano iniziato ad estendersi all economia reale, a causa: del crollo dei prezzi delle attività mobiliari e immobiliari delle crescenti difficoltàdi finanziamento degli investimenti e dei consumi L effetto della crisi sistemica del 2008 sull andamento del PIL fu fortissimo, amplificato da un crollo senza precedenti del commercio internazionale La situazione dei mercati finanziari iniziava invece a migliorare, con le fonti di finanziamento si esaurirono per tutte le banche, redendo in molti casi insufficienti anche le iniezioni di liquidità decise dalle banche centrali La crescita dei corsi delle attivitàfinanziarie permise alle banche di migliorare la redditività, ritornando in alcuni casi a distribuire utili e bonus

14 2010: la crisi del debito sovrano Il debito pubblico complessivo dell area dell euro ammontava nel 2011 all 87% del PIL, un livello comparabile con quello degli Stati Unitie significativamente inferiore a quello del Giappone Tuttavia, alcuni paesi dell area dell euro hanno livelli di assai piùelevati della media, e l area non èun unione fiscale Nel 2009 il governo greco annunciò che il livello del debito pubblico del paese era molto superiore a quanto annunciato in precedenza, creando forti tensioni sul mercato dei titoli di stato europei Nel maggio 2010 la Grecia ottenne il primo di una lunga serie dipacchetti di aiuti finanziari, nel novembre 2010 ottenne aiuti anche l Irlanda, nell aprile 2011 il Portogallo L aumento dei tassi di interesse si estese alle banche, che oltre a registrare perdite a causa della caduta dei corsi obbigazionari,iniziarono ad avere forti problemi di finanziamento a medio e a lungo termine

15 2011: la crisi di fiducia in Europa (1) Nell estate 2011 la crisi del debito sovrano si estese alla Spagna, soprattutto a causa della debolezza del sistema bancario, e all Italia Gli investitori esteri, in particolare i fondi americani, ridussero la loro esposizione verso l Europa, determinando forti tensioni anche sui corsi azionari delle banche Di fronte alle difficoltàdi finanziamento e alla crescente incertezza sulla stabilitàdel sistema bancario europeo, le banche hanno ridotto le loro esposizioni internazionali, determinando un ampiamento dei differenziali tra i paesi europei nel costo del credito al dettaglio e all ingrosso

16 2011: la crisi di fiducia in Europa (2) Le politiche fiscali restrittive introdotte in Spagna e in Italia hanno favorito un allentamento delle tensioni sul mercato dei titoli di Stato apartire dai primi mesi del 2012 Gli accordi sul ruolo dello European Financial Stability Mechanism (EFSF), dello European Stability Mechanism (ESM), l approvazione del Fiscal compact e gli ingenti finanziamenti a medio termine della BCE hanno avuto un ulteriore effetto positivo sui mercati finanziari La decisione nel giugno 2012 di creare la European banking unione la dichiarazione del presidente della BCE di difendere con ogni mezzo l euro ebbe ulteriore effetti positivi sui mercati finanziari Tra il 2008 e ottobre 2011, i governi dei paesi europei hanno impegnato oltre miliardi di euro (il 36.7% del PIL della UE) per sostenere il sistema bancario Gli aiuti effettivamente utilizzati ammontavano a fine 2010 e 409 miliardi per le ricapitalizzazioni e il sostegno al valore delle attività, e miliardi sotto forma di garanzie e altri contributi alla liquidità

17 Le lezioni della crisi La crisi finanziaria iniziata nel 2007 e i successivi effetti sulla sostenibilità dei debiti sovrani hanno evidenziato numerose lacune dell assetto istituzionale e regolamentare del sistema finanziario internazionale Nel 15 novembre 2008 nel meeting di Washington, i paesi del G20 concordarono di 'realizzare riforme che rendano piùsolidi i mercati finanziari e strutture di regolamentazione che permettano di evitare crisi future, con particolare attenzione alla cooperazione internazionale tra le autorità di vigilanza nazionali Le linee di riforma decise negli anni successivi dal Comitato dibasilea e dalle principali autoritàdi vigilanza sono il frutto di una serie di evidenze emerse dalla crisi

18 La crisi e i problemi del sistema finanziario La crisi ha evidenziato numerosi problemi del precedente assettodei mercati finanziari: gli intermediari troppo grandi (too-big-to-fail) o troppo complessi (too-complex-to-fail) per poter fallire il rischio di contagio in seguito al fallimento di intermediari con un ruolo centrale nel sistema (too-interconnected-to-fail) o soggetti a shock troppo correlati (too-many-to-fail) l arbitraggio regolamentare e il ruolo del sistema finanziario ombra la scarsa capitalizzazione gli incentivi distorti delle strutture di governance i costi eccessivi dei salvataggi per i contribuenti lo scarso coordinamento internazionale delle autorità di vigilanza la scarsa attenzione al rischio sistemico e alla vigilanza macroprudenziale Le riforme del sistema finanziario sono andate nella direzione di limitare questi problemi

19 Le banche che non possono fallire Il problema di evitare che vi siano banche che per motivi diversi non possono essere lasciate fallire è alla base delle riforme volte a: ridurre la dimensione delle banche, anche richiedendo una maggiore capitalizzazione alla banche più grandi penalizzare le banche eccessivamente interconnesse, soprattutto a livello internazionale semplificare le strutture di controllo separare le attivitàpiùrischiose da quelle piùtradizionali (depositi, prestiti e gestione dei pagamenti) semplificare le procedure fallimentari Per ridurre i costi per il contribuente, sono stati aumentati gli incentivi affinchégli azionisti controllino le attivitàdei managers, imponendo che subiscano il costo di eventuali salvataggi

20 Le autorità di vigilanza La responsabilitàdelle attivitàdi vigilanza èstata rivista in quasi tutti i principali paesi, con un generale rafforzamento della posizione delle banche centrali, il cui ruolo è stato centrale nelle fasi più acute della crisi In particolare: èstato rafforzato il coordinamento tra le diverse autoritàdi vigilanza presenti nei singoli paesi èstato rafforzato il potere discrezionale delle singole autoritàin caso di crisi è stata accresciuto il ruolo della vigilanza macroprudenziale sono stati estesi i poteri e le competenze delle autoritàdi vigilanza a settori di mercato in precedenza più liberi si sono trovate linee di fondo della riforma ispirate a principicondivisi a livello internazionale

21 La riforma del sistema finanziario in Europa In Europa, il primo passo nel processo di riforma del sistema divigilanza è stato ispirato dal rapporto del Gruppo de Larosiere Seguendo in buona parte le indicazioni del Gruppo, la vigilanza europea dei mercati finanziari èorganizzata nello European System of Financial Supervision, composto da: European Banking Authority (EBA), che ha il compito di coordinare le attività di vigilanza bancaria European Securities and Markets Authority (ESMA), responsabile della vigilanza sui mercati European Insurance and Occupational Pensions Authority (EIOPA) Presso la BCE èinsediato inoltre lo European Systemic Risk Board (ESRB), responsabile della vigilanza macroprudenziale

22 Le riforme recenti in Europa Tre importanti riforme sono state recentemente proposte in Europa: la Capital Requirement Directive (CRD IV), che recepisce in larga misura le riforme proposte dal Comitato di Basilea (Basilea III) la Recovery and Resolution Directive la proposta di introdurre un Single Supervisory Mechanism (SSM),che attribuisce alla BCE la responsabilitàdella vigilanza su tutte le banche dell area dell euro L approvazione dello European Financial Stability Mechanism (EFSF) e dello European Stability Mechanism (ESM) hanno inoltre reso piùincisivo il ruolo delle autorità europee nel fronteggiare le crisi bancarie

23 La Capital Requirement Directive (CRD IV) La CRD IV recepisce le indicazione di Basilea III in materia di: liquidità, fissando un Liquidity Coverage Ratio dal 2015 e valutando l introduzione di un Net Stable Funding Ratio dal 2018 capitale, rendendo piùstringenti le definizioni di Common Equity Tier 1 Capital (CERT1), prevedendo un graduale incremento dei minimi regolamentari al 4,5% e al 6% entro il 2015 e introducendo buffers per il mantenimento del capitale minimo (2,5%) e anticiclici rischio di controparte, con livelli di capitalizzazione piùelevati e incentivi a utilizzare controparti centralizzate Prevede inoltre una maggiore armonizzazione della regolamentazione, attraverso la stesura di un single rule book per le attività di vigilanza

24 La Recovery and Resolution Directive Il 6 giugno 2012 la Commissione europea ha adottato una proposta legislativa per le procedure di salvataggio e risoluzione delle banche in difficoltà L obiettivo della direttiva èdi creare un assetto normativo e istituzionale in grado di: limitare gli effetti sulla stabilità finanziaria del sistema assicurare che gli azionisti contribuiscano adeguatamente al processo di risanamento minimizzare i costi per i contribuenti

25 Il Single Supervisory Mechanism (SSM) Facendo seguito alle deliberazioni del Summit dei capi di stato e di governo del 29 giugno 2012, il 12 settembre 2012 la Commissione europea ha avanzato una proposta per la creazione di un unione bancaria Il 12 dicembre i ministri delle finanze dell'ue hanno concordatoun pacchetto di interventi che istituisce un meccanismo di vigilanza unico degli enti creditizi In base alla proposta: i compiti di vigilanza bancaria sono attribuiti alla (BCE) il sistema di rappresentanza all interno dell EBA viene ridefinito

26 I compiti di vigilanza della BCE In base alle decisioni del Consiglio europeo: la BCE saràresponsabile dal 1 marzo 2014 o 12 mesi dopo l'entrata in vigore della normativa se tale data èposteriore dell'efficace funzionamento globale del meccanismo di vigilanza unico ed eserciterà la vigilanza diretta sulle banche della zona euro i compiti di politica monetaria e di vigilanza della BCE saranno rigorosamente separati la vigilanza saràdifferenziata e la BCE la eserciteràin cooperazione con le autorità di vigilanza nazionali Il meccanismo di vigilanza unico èil primo passo verso l unione bancaria, che includerà anche: un corpus unico di norme un sistema comune di garanzia dei depositi un meccanismo di risoluzione unico per le crisi

27 La European Financial Stability Facility (EFSF) La European Financial Stability Facility (EFSF) èun fondi di diritto privato approvato dai paesi dell area dell euro il 9 maggio 2010 con il fine di erogare aiuti finanziari agli stati membri L EFSF può emettere obbligazioni, coperte da garanzie fornite dagli Stati membri della zona euro, o altri strumenti di debito sul mercato finanziario per raccogliere i fondi necessari a: fornire prestiti ai paesi della zona euro in difficoltà finanziarie ricapitalizzare le banche acquistare sul mercato primario titoli del debito sovrano degli stati membri La concessione di finanziamenti ècondizionale all accettazione di un piano nazionale di stabilità, concordato con la Commissione europea e l FMI Dopo gli ultimi accordi del 2011, l EFSF ha una capacitàcomplessiva di garanzia pari a miliardi di euro Attualmente, l EFSF ha erogato prestiti a favore di Irlanda, Portogallo e Grecia

28 Lo European Stability Mechanism (ESM) Lo European Stability Mechanism (ESM) èun organizzazione intergovernativa con sede in Lussemburgo nata nel luglio 2012 L ESM ha un capitale sottoscritto di 700 miliardi di euro, di cui 80 miliardi effettivamente erogati La funzione dell ESM èdi: emettere prestiti per assicurare assistenza finanziaria ai paesiin difficoltà acquistare titoli di Stato sul mercato primario e secondario subordinatamente a condizioni quali l accettazione di un programma di correzioni macroeconomiche La capacità di prestito effettiva dell ESM è di 500 miliardi di euro

29 Il Liikanen report La definizione della nuova architettura di vigilanza del sistemabancario e finanziario europeo è ancora in fieri Nel febbraio 2012 il Commissario per il mercato interno e i servizi finanziari Michel Barnier ha incaricato un gruppo presieduto dal governatore della Banca di Finlandia Erkki Liikanen di preparareun rapporto sulla riforma del sistema bancario europeo Il rapporto, pubblicato il 2 ottobre 2012 propone quattro principali linee di intervento: la separazione delle attività di negoziazione per conto proprio i meccanismi di salvataggio e risoluzione la capitalizzazione la corporate governance

30 Le attività di negoziazione per conto proprio Secondo il Gruppo Liikanen, le attivitàdi negoziazione per conto proprio devono essere separate dalle attività bancarie tradizionali La separazione, simile a quella prevista dalla Volker Rule contenuta nel Dodd- Frank Act degli Stati Uniti, garantirebbe l isolamento delle attività bancarie tradizionali, la cui cessazione potrebbe creare forti effetti sistemici, dai rischi legati alle attività di negoziazione Le attivitàdi negoziazione dovrebbero essere in capo a unitàcon capitalizzazione separata rispetto al resto della banca quando superano un certo ammontare e non sono collegate alle attivitàdi negoziazione per conto della clientela Barclays, BNP Paribas, Deutsche Bank, Nordea, Royal Bank of Scotland e Société Générale hanno oltre il 30% delle attivitàtotali nel portafoglio di negoziazione Le garanzie esplicite e implicite sui depositi che si stima abbiano l effetto di accrescere di 3 gradi il rating delle banche sarebbero in questo modo limitate alle attività tradizionali

31 I piani di risanamento e la capitalizzazione Il gruppo enfatizza inoltre che èfondamentale prevedere dei piani di recupero e risoluzione (recovery and resolution) efficaci e realistici A questo proposito, ritiene importante che venga definito un insieme di strumenti che consentono di ampliare automaticamente la capitalizzazione delle banche in caso di necessità(bail-in) I titoli convertibili dovrebbero essere collocati al di fuori del sistema bancario, preferibilmente presso investitori a lungo termine Il grado di capitalizzazione delle banche dovrebbe essere accresciuto e il trattamento dei rischi nei modelli interni dovrebbe essere reso più severo Il rapporto tra attivitàponderate per il rischio e attivitàtotali èassai eterogeneo, e inferiore proprio per le banche con un piùampio portafoglio di titoli negoziabili e derivati

32 La corporate governance Le preoccupazioni espresse nel Liikanen report in relazione ai problemi di corporate governance riguardano: la scarsa rappresentanza degli stakeholdersnei consigli di amministrazione delle banche l eccessivo potere degli amministratori rispetto al presidente e ai responsabili della gestione dei rischi la scarsa trasparenza dei trasferimenti intra-gruppo l insufficienza delle verifiche dell adeguatezza professionale degli amministratori la scarsa incisività delle sanzioni

33 Gli obiettivi raggiunti dalle riforme Una parte degli obiettivi del progetto di riforma europeo sono in procinto di essere raggiunti, attraverso le azioni già decise o programmate: rafforzare la capacitàdelle banche di assorbire shock idiosincratici e sistemici, soprattutto nelle aree maggiormente esposte a tali rischi (maggiore capitalizzazione, separazione delle attività, requisiti per le SIBs) ridurre la prociclicità dei requisiti regolamentari (buffers prociclici) ridurre il rischio di bolle speculative nei mercati delle attività finanziari (vigilanza macroprudenziale) eliminare le corse agli sportelli, soprattutto nei mercati all ingrosso (finanziamenti a breve della BCE e prestiti a medio termine dell ESM) assicurare la possibilitàdi risolvere efficacemente e rapidamente le banche in difficoltà con costi limitati sui contribuenti (recovery and resolution directive)

34 Gli obiettivi ancora in discussione Una parte degli obiettivi non paiono essere invece ancora oggetto di azioni specifiche: accrescere la soliditàdelle infrastrutture di mercato e degli intermediari non bancari accrescere la capacitàdi gestione dei rischi e migliorare gli incentivi dei managers e delle autorità di vigilanza Un ulteriore aspetto nodale rispetto al quale non pare si sia ancora trovato l accordo per un percorso di riforma condiviso a livello europeo è il grado di centralizzazione delle procedure di vigilanza e di intervento all interno dell unione bancaria

35 Alcune questioni aperte sull unione bancaria L unione bancaria europea è un passo essenziale: per spezzare il circolo vizioso tra crisi bancaria a crisi del debito sovrano per facilitare la risoluzione dei fallimenti di banche multinazionali, contribuendo al completamento del mercato unico Due elementi fondamentali di un unione bancaria sono: un quadro comune di vigilanza un meccanismo per amministrare le situazioni di crisi Nell attuale dibattito, tre importanti aspetti sono oggetto di discussione: la configurazione delle istituzioni che devono essere create per l assicurazione sui depositi e le procedure di risoluzione la ripartizione dei costi (il burden sharing) dei salvataggi da parte dei governi e le connesse implicazioni per un unione fiscale la gestione della fase di transizione e la ripartizione dei costi già sostenuti

36 Le sfide ancora irrisolte L unione bancaria europea riduce radicalmente gli effetti delle esternalità negative del fallimento di un intermediario finanziario, diminuendo il grado di rischiosità sistemica Il grado di coordinamento internazionale pare invece ancora insufficiente rispetto all elevata interconnessione del sistema finanziario mondiale Nonostante il sostanziale successo delle azioni decise per fronteggiare la crisi finanziaria, le soluzioni oggi proposte paiono spingere verso una maggiore segmentazione dei mercati anzichéverso un maggiore coordinamento delle autorità di vigilanza Per evitare una simile deriva è fondamentale: ridurre il margine per l arbitraggio regolamentare accrescere con forza il grado di trasparenza dei mercati e il grado di esposizione al rischio di ciascun agente migliorare il sistema di governance e allineare gli incentivi di managers e azionisti

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici Introduzione Stefano Micossi LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Nascita e obiettivi dell unione bancaria Giugno 2012:

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Il completamento dell Unione bancaria e il finanziamento dell economia reale

Il completamento dell Unione bancaria e il finanziamento dell economia reale Camera dei Deputati Conferenza interparlamentare di cui all articolo 13 del Fiscal Compact Il completamento dell Unione bancaria e il finanziamento dell economia reale Intervento del Governatore della

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi Costantino Di Carlo Alberto Camporesi PREMESSA Fino alla metà degli Anni 90 prevaleva nel dialogo Banca Impresa l attenzione su fatti patrimoniali (prevalentemente immobiliari) e relazioni interpersonali

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Sommario Le nuove regole europee sulla gestione delle crisi (BRRD)... 1 Perché sono state introdotte le nuove regole europee?... 2 Che cos è la risoluzione

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Unione bancaria: a che punto siamo?

Unione bancaria: a che punto siamo? Unione bancaria: a che punto siamo? Angelo Baglioni Intervento alla tavola rotonda: Crisi in Europa: la risposta dell Unione Europea e degli Stati membri SSEF - Milano, 9 dicembre 2013 UBE: building blocks

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 26 ottobre 2014 Risultati dell esercizio di valutazione approfondita (Comprehensive Assessment)

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Le società finanziarie

Le società finanziarie IV 1 La rilevanza del settore bancario nell economia La stretta interconnessione tra banche ed emittenti sovrani ha continuato a condizionare, anche nel corso del 212, l evoluzione della congiuntura nei

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

L Unione Bancaria Europea vista da Londra

L Unione Bancaria Europea vista da Londra L Unione Bancaria Europea vista da Londra 3 luglio 2013 Andrea Enria, Chairperson of the European Banking Authority 2013 EBA European Banking Authority 1. La necessità di riparare l architettura istituzionale

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Basilea 3: verso un sistema finanziario più sicuro

Basilea 3: verso un sistema finanziario più sicuro Basilea 3: verso un sistema finanziario più sicuro Discorso di Jaime Caruana Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali alla 3 a Conferenza bancaria internazionale Santander Madrid,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA

DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA 18 aprile 2012 DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA A QUELLE CHE FISSANO I TASSI DI INTERESSE) Aprile 2012 Operazioni di mercato Requisito informativo riguardante le modifiche

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 22 maggio 2014 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci OGGETTO: Proposta di legge al Parlamento

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale HYUN SONG SHIN Chiara De Napoli Cinzia Ilardi Giovanni Soardo Introduzione 1866 => Overend Gurney - l assicurazione

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

Il sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

Il sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Andrea Enria, Presidente dell Autorità Bancaria Europea - EBA Senato della Repubblica 6ª Commissione permanente (Finanze e Tesoro) Roma, 3 marzo 2015 Il sistema bancario italiano nella prospettiva della

Dettagli

BANKING UNION: una nuova Maginot?

BANKING UNION: una nuova Maginot? BANKING UNION: una nuova Maginot? SIENA, NOVEMBRE 2014 M.ESPOSITO L origine dell idea di banking union La crisi finanziaria iniziata nel 2007 ed esplosa nel 2008 con il fallimento di Lehman ha messo in

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Audizione. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

SENATO DELLA REPUBBLICA. Audizione. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea SENATO DELLA REPUBBLICA Audizione Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 6ª Commissione permanente Senato (Finanze e tesoro) Audizione del Presidente

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com www.freenewsonline. 768 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE E NESSUNO VI HA MAI DETTO 20 dicembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nel

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica VI Commissione Finanze Schemi di decreto legislativo relativi all attuazione della Direttiva 2014/59/UE che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti creditizi

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 762 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Delega al Governo per la riforma dell ordinamento

Dettagli

3) Cronologia della crisi

3) Cronologia della crisi Parte II La crisi 3) Cronologia della crisi La crisi finanziaria: origini, effetti e risposte Carlo Milani Corso in CORPORATE & INVESTMENT BANKING La cronologia della crisi finanziaria Si possono individuare

Dettagli

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione FLASH REPORT Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Novembre 2013 Quadro normativo Il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno approvato il nuovo meccanismo

Dettagli

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 1 SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 2 BRRD: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) N. 2015/63

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future.

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Perché Basilea 3: dai mutui Subprime alla crisi dei debiti sovrani. Origini ed evoluzione dell

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Delega al Governo per la riforma dell ordinamento bancario mediante la separazione

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO

DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/02/2015 20/02/2021 TASSO FISSO 2.75% SUBORDINATO TIER II/CLASSE 2 EMISSIONE N. 26/2015 CODICE lsln

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli