Globalizzazione, crisi economica e crisi dei debiti sovrani. Crisi del credito immobiliare degli USA (mutui sub-prime)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Globalizzazione, crisi economica e crisi dei debiti sovrani. Crisi del credito immobiliare degli USA (mutui sub-prime)"

Transcript

1 Gloalizzazione, crisi economica e crisi dei deii sovrani 2008 La maggiore crisi economica gloale dalla grande depressione degli anni rena del secolo scorso Crisi del credio immoiliare degli USA (muui su-prime) Diffusione a crisi finanziaria gloale Diffusione all economa reale Crisi dei deii sovrani

2 Gloalizzazione e crisi economica Come nasce Crescia anorme e crollo dei muui su-prime ) Bolla dei prezzi delle aiazioni in USA, se i prezzi sono previsi in crescia il muuo è poco rischioso per ui; vengono offeri muui anche a deiori poco affidaili (muui su Prime) 2) I prezzi delle case cominciano a diminuire e cominciano i primi defauls queso fa uleriormene diminuire i prezzi delle case 3) Il valore dei ioli derivai che conenevano i SuPrime crolla 4) Le isiuzioni finanziarie suiscono perdie e vanno in crisi di liquidià vendono aivià comprese quelle che dei derivai dai muui (sono soocapializzae rispeo al deio) 5) Scende uleriormene il prezzo dei ioli che conengono i muui (circolo vizioso noo come paradox of deleveraging ) 6) Falliscono anche imporani (Lehman Brohers) 7) La crisi divena sisemica

3 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio In asrao i muui su-prime non sono negaivi, la loro crescia eccessiva e senza conrollo, ha compromesso la sailià del sisema Aondane liquidià disponiile e fori spine compeiive fra gli operaori finanziari che offrivano i muui Poliica monearia foremene e lungamene espansiva della FED Deole domanda inerna anche a causa degli effei redisriuivi della gloalizzazione Afflusso di capiali sranieri (Paesi in fore surplus (Cina), produori di perolio) Lieralizzazione e deregolamenazione delle isiuzioni finanziarie

4 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Redisriuzione del reddio

5 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Deregulaion negli USA Innovazioni legislaive hanno indoo una fore deregulaion del seore finanziario con un forissimo sviluppo di srumeni finanziari di ipo nuovo 999 Gramm-Leach-Bliley Ac, noo come he G.L.B. Financial Services Modernizaion Ac Aroga (pare) del 933 Glass-Seagall Ac

6 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Deregulaion negli USA Glass-Seagall Ac Sailiva la separazione fra: Banche commerciali che acceavano deposii Banche d Invesimeno che non acceavano deposii Banche commerciali erano soopose a regole rigide e a conrolli da pare della FED, ma avevan accesso al credio della FED (Banca delle Banche) e i deposii erano garanii dallo Sao Banche d Invesimeno avevano una regolamenazione inferiore

7 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Glass-Seagall Ac Deregulaion negli USA Aveva lo scopo di impedire le crisi finanziarie sisemiche eliminando le corse agli sporelli (riserve e garanzia dei deposii), e la diffusione del conagio da anca malaa a anca sana Gramm-Leach-Bliley Ac, Banca Universale Il clima di sempre maggiore deregulaion pora pure alla creazione di un seore ancario omra ovvero di un insieme di socieà che svolgono funzioni ancarie sfuggendo ad ogni conrollo

8 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Innovazioni legislaive hanno indoo una fore deregulaion del seore finanziario con un forissimo sviluppo di srumeni finanziari di ipo nuovo Muuo Tradizionale di ipo ancario La anca (crediore) assume informazioni su a) valore dell immoile, che è il collaerale del presio (ipoeca), ) richiedene il muuo (deiore) e la sua affidailià finanziaria decide se concedere il muuo assumendosi il rischio di fallimeno del deiore ovvero non pagameno delle rae del muuo. poi Conserva queso rischio fino all esinzione del muuo

9 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Derivai Srumeni o conrai finanziari il cui valore deriva dal valore di qualcos alro (deo soosane) Soosane Il soosane può essere o un aivià (eni, azioni, muui ipoecari, ec.), o un indice (assi d ineresse, di camio, indici di orsa), o qualsiasi alra cosa Uilizzo Coprirsi dai rischi del camio di valore inaeso del soosane hedging Oenere profii se il soosane si muove nella direzione aesa speculazione

10 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Esempio Fuure perolio Hedging un impresa ialiana che dea acquisare una deerminaa quanià di perolio fra re mesi può acquisare perolio a ermine coprendosi dal rischio di variazione nel prezzo del perolio Speculazione se un operaore si aspea che il prezzo del perolio fra re mesi sarà minore del prezzo del perolio a ermine vende perolio a ermine Noa Con un invesimeno minimo nei derivai ci si può assicurare, ad esempio, la possiilià di comprare o vendere grandi quanià di ioli o value: il guadagno o la perdia dell invesimeno sarà realizzao sulla differenza di valore del paniere soosane, di dimensioni molo maggiori rispeo all invesimeno iniziale. Si ha così l effeo di moliplicare l invesimeno, effeo chiamao leva finanziaria. si possono realizzare grandi speculazioni ma anche di accollarsi ingeni rischi

11 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Negli ulimi anni grazie alla deregulaion e la gloalizzazione finanziaria, il volume dei derivai è sraordinariamene aumenao

12 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Solo una pare dei derivai sono scamiai in mercai regolamenai in cui I prodoi sono sandardizzai (generalmene, fuures e opzioni) Prolemi Esise però un alra caegoria di derivai: si raa di srumeni finanziari non sandardizzai né regolamenai, fruo della creaivià di socieà ra le più disparae (e dalla diversa affidailià), il cui commercio non è sooposo ad alcun conrollo ma si svolge a livello mondiale con un semplice accordo ra chi compra e chi vende. Si raa dei c.d. Oc over he couner, cioè da anco - Inolre i derivai regolamenai, grazie all azione di conrollo degli organismi che regolano i mercai, consenono di ridurre i rischi di insolvenza dei parecipani alle ransazioni. In caso di mancao rispeo degli impegni assuni in uno qualsiasi di quesi scami, lo speculaore viene loccao araverso l immediao incamerameno delle garanzie che ha versao, finché non ha assolo ai propri olighi. Si evia così che un invesiore possa coninuare a raddoppiare la posa delle sue punae per coprire uchi precedeni, finendo in ancaroa Casino Economics.

13 Carolarizzazione dei muui: MBS & CDO A morgage-acked securiy (MBS) is a ond whose cash flows are acked y he principal and ineres paymens of a se of morgage loans. Collaeralized de oligaions (CDOs) are an unregulaed ype of asseacked securiy and srucured credi produc. CDOs are consruced from a porfolio of fixed-income asses. These asses are divided y he raings firms ha assess heir value ino differen ranches.

14 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Non ci sono solo i CDOs ma anche i CDOs squared (al quadrao) che hanno come soosani CDOs e anche i CDOs cued che hanno come soosani i CDOs squared In queso modo divena sempre più complicao valuare il valore nozionale e il rischio effeivo di quesi srumeni finanziari

15 3) Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva

16 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva Noa In sé la carolarizzazione del muuo non è necessariamene negaiva perché permee una maggiore diffusione del rischio fra vari soggei e quindi amplia le possiilià di concedere muui anche a persone con poche risorse MA Prolema I Se io vendo conrai di muuo e posso facilmene scaricare il rischio d insolvenza su qualcun alro perché mai mi dovrei preoccupare roppo di accerare correamene ale rischio Soovaluazione dei rischi di insolvenza Prolema II Grazie all uso massiccio di derivai e di derivai dei derivai, il rischio divena sisemico e di diffonde in modo imprevediile

17 Gloalizzazione e crisi economica Cause della crisi del credio Ingegneria finanziaria e finanza creaiva socieà di raing Un ruolo posiivo e sailizzane avreero dovuo giocarlo le socieà di raing che poevano aiuare gli invesiori ad analizzare correamene i rischi a) Non osservavano i dai grezzi: ovvero nulla sapevano sulla possiilià che Mr Smih fosse davvero in grado di pagare le rae del muuo. ) Si accorsero ardi dei rischi sisemici: ad esempio del peggiorameno medio del condizioni dei presii o dell aumeno delle frodi c) Prolemi di incenivi perversi: sono pagae dalle socieà che emeono i ioli e realizzano profii elevai da queso monioraggio

18 Gloalizzazione e crisi economica Propagazione all economia reale ) Cadua drammaica dei corsi azionari 2) Crollo della fiducia: paralisi o semiparalisi del mercao inerancario 3) Credi Crunch: riduzione del credio per le imprese sane o meno sane 4) Speculazione al riasso sulle maerie prime 5) Crollo della fiducia dei consumaori: crollo del mercao delle auo

19 Gloalizzazione e crisi economica Crisi e gloalizzazione La crisi non è saa cero deerminaa dalla inegrazione dei mercai finanziari, al conrario ha avuo un origine locale Tuavia, a) la gloalizzazione avree dovuo rendere i mercai più saili e meno permeaili alle crisi locali ) l inegrazione dei mercai ha reso più facile la propagazione della crisi e il passaggio da crisi locale a crisi sisemica c) la deregulaion che ha favorio la crisi fa pare della sessa culura che ha sempre proposo la lieralizzazione finanziaria e l inegrazione ai mercai finanziari mondiali come un prerequisio per lo sviluppo d) la gloalizzazione della finanza ha, a sua vola, reso più difficile il conrollo e il monioraggio dei mercai finanziari

20 Il PIL mondiale diminuisce per la prima vola dalla fine della II guerra mondiale Variazione PIL Paesi OCSE anno 2009 Ialia Area Euro

21 Gloalizzazione e crisi economica Risposa dei governi Eviare che la crisi di liquidià del sisema finanziario porasse al fallimeno a caene delle anche e delle alre isiuzioni finanziarie Fori immissioni di liquidià e poliica monearia espansiva Riduzione dei assi d ineresse

22 Gloalizzazione e crisi economica Risposa dei governi La poliica monearia ha sailizzao il seore finanziario eviando l avviameno della crisi su se sessa. Ma la poliica monearia non è efficace nel rilanciare la domanda in periodi di fore recessione: - in presenza di incerezza aumena la preferenza per la liquidià (le anche raenevano la liquidià); - la spesa per consumi ed invesimeni è poco reaiva al asso d ineresse in periodi aspeaive negaive sul fuuro - rappola della liquidià (Keynes) Occorreva anche: Poliica fiscale espansiva aumeno del defici pulico

23 Gloalizzazione e crisi economica Risposa dei governi USA

24 Gloalizzazione e crisi economica Risposa dei governi Giappone

25 Gloalizzazione e crisi economica Risposa dei governi Eurozona

26 Crisi dei deii sovrani

27 Crisi dei deii sovrani Andameno Spread più recene

28 Defici pulico Crisi dei deii sovrani Arimeica del deio Finanziameno con monea G T ib (B B) (M M) p Finanziameno con deio D ib (B B ) (M M ) Defici primario Al neo della spesa per ineressi

29 Crisi dei deii sovrani Arimeica del deio p p Y M m Y B e Y B Y D d m g g i d p Quello che è più ineressane è vederne una versione focalizzaa sui assi di variazione e con le quanià espresse in rapporo al reddio Alla fine del file sono riporai i passaggi algerici necessari Idenià che mosra come aumena il rapporo deio pulico/pil

30 Crisi dei deii sovrani dinamica del deio d p i g g m Il rapporo deio/pil diminuisce Δ < 0 quando ) c è un surplus primario (la spesa pulica non per ineressi è minore delle enrae fiscali) quindi d p <0 2) il asso di crescia dell economia è maggiore del asso d ineresse (il Pil cresce più velocemene del deio che di suo cresce al asso i) 3) il asso di crescia della monea è maggiore del asso di crescia del PIL (moneizzazione del deio)

31 Crisi dei deii sovrani Arimeica del deio d p i g g m Se si ha uno sock di deio elevao e principalmene un elevao rapporo deio/pil (un - elevao) ) Vi sono prolemi di soseniilià del deio (proailià di defaul) 2) Il deio acquisisce via propria ovvero ha una dinamica che dipende da variaili che non sono conrollae dal governo (o solo molo indireamene) i e g 3) Divena difficile e rischioso uilizzare la poliica fiscale sia con finalià di sailizzazione del ciclo che di simolo della crescia

32 Crisi dei deii sovrani Dinamica del deio d p i g g m Srumeni di poliica economica direa per rendere il deio soseniile ) Poliiche fiscali (spesa pulica e assazione) 2) Poliica monearia (moneizzazione del deio) signoraggio I paesi della zona Euro non hanno lo srumeno della moneizzazione del deio

33 Crisi dei deii sovrani moneizzazione del deio Moneizzare il deio può essere una soluzione? ) Nel lungo periodo e in maniera sisemaica, ovviamene no, alrimeni avremmo scopero la piera filosofale 2) Se è una delle opzioni possiili per una deerminaa quanià di deio e nel reve periodo per affronare crisi di liquidià poree essere uile (uno srumeno in più per governare il deio) Se si finanzia il defici con monea: aumena l inflazione (ameno che non serilizzi) si deprezza il asso di camio (il ché può addiriura aumenare il deio se è denominao in valua sraniera) Se il mercao si aspea che il defici venga finanziao con monea: Aumenano i assi d ineresse perché aumena l inflazione aesa e vi sono aspeaive di deprezzameno del asso di camio La possiilià di moneizzare può ridurre il rischio di defaul

34 Crisi dei deii sovrani inizio Grecia La crisi comincia nei primi mesi del 200 quando appare evidene che con l aiuo di grandi anche il governo greco aveva ruccao i coni presenai alla comunià europea Il suo defici effeivo passava dal 6% al 3% del Pil. Il suo deio 2009 veniva rivaluao al 27% del Pil, con una percenuale del 70% deenua all esero La Grecia è un piccolo Paese dell Unione con il 2.5 % del PIL comuniario

35 Crisi dei deii sovrani La crisi si aggrava nell esae del 20 quando emerge che a) La siuazione dei coni pulici Greci è drammaica e il paese è sull orlo del fallimeno ) La risposa comuniaria è lena, indecisa, foremene condizionaa da ineressi poliico eleorali di reve periodo (varie elezioni locali in Germania) c) Si meono a disposizione della Grecia poche ardive risorse e le si condizionano a richiese di poliiche sempre più rigide da pare greca. Pare il conagio

36 Crisi dei deii sovrani La srada greca (ialiana?) Poliiche foremene resriive: riduzione drasiche della spesa pulica, licenziameni nel seore pulico, inasprimeni fiscali fanno si diminuire il defici ma hanno effei depressivi sul reddio d p i g g E l effeo sulla dinamica del deio è incero e dipende da cosa succederà al asso d ineresse Se il mercao non crede al risanameno e il asso d ineresse aumena, allora l effeo può essere perverso

37 Crisi dei deii sovrani il conagio Perché avviene il conagio a) La comunià europea si è dimosraa indecisa, divisa e deole ) Si è confermaa la linea che in nessun caso si sareero resi comuniari i deii nazionali e quindi un defaul di un Paese dell eurozona era possiile. Ma se è possiile per un Paese lo è anche per gli alri. c) I paesi dell eurozona non dispongono di valua propria e non possono sampare monea per eviare il defaul d) le aspeaive dei mercai sono auorealizzanesi: se ci aspea che il paese aia difficolà, aumenano i assi d ineresse e queso aumena le difficolà del Paese.

38 Crisi dei deii sovrani il conagio: PIIGS Porogallo, Irlanda, Ialia, Grecia, Spagna Quesi Paesi vedono aumenare drammaicamene gli spread rispeo ai Bund edeschi Fino alla meà 2008 i differenziali erano pressoché nulli Lo spread dei BOT rimane asso fino allo scoppio della crisi

39 Crisi dei deii sovrani il conagio: due paradossi I paradosso Ialia Se si confrona la siuazione dei coni pulici ad inizio 200 e alla fine del 20 è evidene che la siuazione dei coni pulici è miglioraa sia in ermini di defici che di endenza della spesa pulica nel fuuro Eppure gli spread alla fine del 20 sono maggiore del 400% circa rispeo a quelli di inizio 200 Possiile spiegazione Effeo psicologico ipico delle crisi finanziarie Effeo di auorealizzaione delle aspeaive Aumeno dell incerezza sisemica

40 Crisi dei deii sovrani il conagio: due paradossi II paradosso Ialia Se si confrona la siuazione dei coni pulici ialiani con quella di alcuni alri Paesi (ad esempio Giappone e USA) la siuazione dei coni pulici ialiani appare se non migliore almeno pari a quella degli alri paesi con una ricchezza privaa pari a quasi 7 vole il deio pulico (cifra molo superiore a quella USA) eppure gli spread sono molo maggiori per i BOT ialiani USA & J Possiile spiegazione Diverso peso poliico e minore auonomia di poliica economica Maggior insailià poliica dell Ialia Mancanza dell auonomia monearia

41 Crisi dei deii sovrani Ialia L adesione alla UME ha permesso la riduzione dei cosi dell indeiameno e della spesa per ineressi

42 Crisi dei deii sovrani Ialia Ora semra essersi innescao un circolo vizioso, Aumenaa la spesa pulica in risposa alla crisi aumena il rapporo Deio/PIL, le aspeaive peggiorano queso fa aumenare il servizio del deio, la conrazione della spesa pulica fa diminuire il PIL, e queso fa ancora peggiorare il rapporo Deio/PIL le aspeaive peggiorano e in assi d ineresse aumenano il coso del deio aumena e queso fa di nuovo peggiorare il rapporo

43 Crisi dei deii sovrani Ialia Come si avvia e persise in Europa? Auserià PIL Spread Crisi Defici Deio/ PIL Circolo vizioso Krugman: L Europa muore di auserià

44 Crisi dei deii sovrani Ialia Alri meccanismi che conriuiscono ad alimenare il circolo vizioso il prezzo dei ioli di Sao a lunga media scadenza è foremene diminuio e queso incide sui ilanci e sullo sao parimoniale di mole anche europee ed ialiane che hanno crisi di liquidià e riducono i presii i corsi azionari sono depressi anche dalla diminuzione del valore della azioni delle aziende ancarie che dovranno sosenere io cosi del defaul conrollao della Grecia e della diminuzione del prezzo dei ioli in porafoglio, effei ricchezza, aumeno dell incerezza sisemica

45 Crisi dei deii sovrani Spread fra ioli europei e edeschi fondamenale differenziale di rischiosià dei ioli Da cosa dipende: variaili nazionali: soseniilià del deio; variaili sisemiche: sailià area euro

46 Il rilemma della Economia Europea Gloalizzazione Il processo di inegrazione ECONOMICA è quasi PERFETTO Il processo di inegrazione POLITICA è quasi ASSENTE Sao nazionale Democrazia Vince il modello Camicia di forza Monea unica e BC indipendene (oieivo sailià monearia) Fiscal compac Limii all inerveno nazionale in economia Modello camicia di forza doraa Washingon Consensus

47 Il rilemma della Economia Europea Gloalizzazione Il processo di inegrazione ECONOMICA è quasi PERFETTO Il processo di inegrazione POLITICA è quasi ASSENTE Sao nazionale Democrazia Possiile modello Governo Europeo EuroBonds Poliica fiscale comune Maggiore inegrazione poliica

48 Crisi dei deii sovrani Srumeni e manovre fuure EuroBonds Vi sono varie versioni degli euroonds. Prendiamo la più semplice: un nuovo ene europeo emee ond che sono garanii ineramene e in solido da ciascun paese. I Bonds che sareero emessi se esisesse una un governo federale. Rendereero l Unione più simile ai paesi con cui compee USA, Cina e Giappone. La Germania si oppone: poree deerminare un peggiorameno del suo raing, poree rendere i conriuene edeschi responsaili per i defici di Paesi dalla spesa facile (creando un prolema di azzardo morale) apra le pore ad un poliica monearia meno aena al conenimeno dell inflazione

49 Crisi dei deii sovrani Poliiche comuniarie European Financial Sailiy Faciliy è una socieà asaa in Lussemurgo fondaa dai 6 sai memri dell'eurozona. È essenzialmene un emiene di oligazioni. La raccola ramie il collocameno sui mercai inernazionali degli EFSF-ond viene uilizzaa unicamene per aiuare emporaneamene gli sai dell'eurozona in difficolà. 470 Miliardi di Euro L'aiuo consise nell'erogazione di un presio allo sao che lo richiede: l'oieivo è preservare la sailià finanziaria dell'unione monearia. Nel novemre del 20, si è concordao di espandere il ruolo del EFST rendendolo più efficace. I ioli emessi araverso l EFST sono garanii dai Paesi memri in proporzione alla loro conriuzione alla BCE (quindi al loro reddio) EFSM l'european Financial Sailizaion Mechanism mee a disposizione degli sai in difficolà 60 miliardi di euro della Commissione europea, garanii dal udge dell'unione europea. La concessione di quesi aiui è condizionaa all adozione di poliiche nazionali rienue in grado di diminuire di sailizzare il rapporo deio/pil

50 Crisi dei deii sovrani Poliiche comuniarie BCE Vincolaa dal suo sauo che pone come unico e solo suo oieivo la sailizzazione monearia (un asso asso d inflazione) il ruolo della anca Cenrale si è ridoo a: immeere liquidià nel sisema per garanire la liquidià delle anche acquisare piccole quanià di ioli pulici dei paesi soo aacco sempre serilizzando gli inerveni

51 ESM (European Sailiy Mechanism) Crisi dei deii sovrani Srumeni e manovre fuure Sosiuirà l EFST e l EFSM sarà aivo a parire da luglio 202 e avrà una capacià di 500 miliardi di euro compresi i fondi residui dal fondo emporaneo europeo, pari a miliardi. Si discue ancora sull enia dei fondi che gli sanno messi a disposizione Unione Fiscale Europea (modifica dei raai di Lisona) Dovree essere oramai ovvio che l inegrazione economica priva di una maggiore inegrazione poliica rende l Europa drammaicamene deole. Un esempio è una poliica fiscale comune, che poree eviare anche una compeizione fiscale al riasso. Occorre però che i paesi acceino una perdia almeno parziale della sovranià nazionale Caso UK Toin Tax

52 Y Y Y dove g ) g ( Y Y ) Y M ( ) ) g ( Y B Y B ( ) g ( Y B i Y D p Crisi dei deii sovrani Arimeica del deio (appendice) p m ) ) g ( ( ) g ( i d p p Y M m, Y B, Y B, Y D d ) M (M ) B (B ib D p Dividiamo enrami i memri per Y noando che Usando quesa noazione oeniamo

53 p m ) ) g ( ( ) g ( i d g g ) g ( g ) g ( p m g g g i d Crisi dei deii sovrani Arimeica del deio (appendice) Prendiamo queso elemeno e ci sommiamo e soraiamo - Sosiuiamo quesa nella [] e oeniamo Da cui riarrangiando i ermini in - si oiene la relazione prima ciaa

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO DEFICIT E DEITO PULICO Defici e debio pubblico Se il governo di uno Sao spende più di quano incassa, si genera un defici pubblico. Viceversa, si parla di surplus. Il defici è finanziao dallo Sao ricorrendo

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e finanza Tesi di Laurea Il mercao immobiliare sauniense Un approccio araverso l uilizzo dei Dynamic model average Relaore Ch. Prof.

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W:

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W: Il Monearismo Il mercao del lavoro secondo i monearisi Conrai a breve ermine si aggiusano velocemene I): informazione perfea: lavoraori e imprese conoscono e W: W i prezzi : da a = 2 W - domanda: da a

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Agricoltura Biologica. IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i controlli e la coversione

Agricoltura Biologica. IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i controlli e la coversione Agricolura Biologica IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i conrolli e la coversione IL SISTEMA DEI CONTROLLI Reg. CE 834/2007 D.Lgs.220/95 Organismi di Conrollo (auorizzai dal MiPAF) Minisero Regioni

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a.2014-15

Politica Economica Europea. a.a.2014-15 Poliica Economica Europea 8 Il Traao di Maasrich Voluo da Mierand, Delors, Khol E firmao a Maasrich il 7 febbraio 1992 ed enrao in vigore il 1 novembre 1993. L'Unione europea da esso creaa compora re pilasri:

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it)

Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it) Universià Poliecnica delle Marche Diparimeno di Economia Corso di Economia Monearia Inernazionale Il crollo dei regimi di cambio fisso (Do. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.i) Dopo il crollo

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

Il Project Financing - Aspet t i finanziari

Il Project Financing - Aspet t i finanziari Parenariao Pubblico Privao Le modalià di coinvolgimeno dei capiali privai nel seore pubblico e gli srumeni finanziari di invesimeno Il Projec Financing - Aspe i finanziari Roma, 21 Febbraio 2006 Gabriele

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

6 IL TASSO DI CAMBIO

6 IL TASSO DI CAMBIO Il asso di cambio 111 6 IL TASSO DI CAMBIO Il sisema economico silizzao dal quale siamo parii nel capiolo 1 si basa sul barao. In esso quindi non roviamo monea né ano meno la necessià di converire grandezze

Dettagli

165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap

165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap 165. Considerazioni sulla valuazione di un ineres rae swap Gabriella D Agosino, Anonio Guglielmi gabriella.dagosino@unisaleno.i; anonio.guglielmi@isruzione.i Absrac The aim of his paper is o pren an inroducory

Dettagli

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti Prof. R.R. Cerciara La Riassicurazione Prof. Cerciara Rocco Robero email: rocco.cerciara@unical.i Maeriale e Riferimeni 1. Lucidi disribuii in aula. Daboni, pagg. 13-17 e 137-148 (Leggere Riassicurazione

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia 2007-2013 in applicazione del Regolameno Comunià Europea n. 1698 del 2005, aricolo 43 1. DEFINIZIONE 2.

Dettagli

4. IL SETTORE PUBBLICO. Il moltiplicatore. 4.1.1. Il moltiplicatore della spesa pubblica

4. IL SETTORE PUBBLICO. Il moltiplicatore. 4.1.1. Il moltiplicatore della spesa pubblica 4. IL SETTORE PUBBLICO 4.. La poliica fiscale di sabilizzazione 4.. Il vincolo ineremporale del bilancio pubblico 43 4.3. Regole di poliica fiscale 4.4. L inerazione sraegica fra banca cenrale e governo

Dettagli

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì hp://www.affiasi-dolomii.i/ MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affia?sì Comunià Monana del FRIULI OCCIDENTALE 1 hp://www.affiasi-dolomii.i/ o «Affi a?sì! ENTI FINANZIATORI Regione Friuli

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

All. B Parte Entrata COMUNE DI ERNI CONO DEL BILANCIO - Esercizio 2013 - GESIONE DELLE ENRAE Valuta: EURO Pag.1 DESCRIZIONE Residui conservati e Stanziamenti definitivi di bilancio Residui (A) N di riferimento

Dettagli

Appunti di Matematica e tecnica finanziaria. Ettore Cuni, Luca Ghezzi

Appunti di Matematica e tecnica finanziaria. Ettore Cuni, Luca Ghezzi Appuni di Maemaica e ecnica finanziaria Eore Cuni, Luca Ghezzi Universià Carlo Caaneo LIUC Casellanza 2010 Universià Carlo Caaneo LIUC C.so Maeoi, 22-21053 Casellanza (VA) Tel. +39-0331-572.1 www.liuc.i

Dettagli

Finanza pubblica in Italia

Finanza pubblica in Italia Finanza pubblica in Ialia Aggregazioni di eni pubblici Nelle saisiche e nei documeni ufficiali di poliica economica si fa riferimeno a deerminae aggregazioni di eni pubblici. Tali aggregazioni possono

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico.

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico. LA POLITICA FISCALE Poliica fiscale: l insieme delle misure messe in ao dal policy-maker concerneni le enrae e le spese del seore pubblico. Sruura: - alcune definizioni isiuzionali; - il modus operandi

Dettagli

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Ialia Relaore Ch. Prof. Domenico Sarore Laureanda Francesca

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a. 2012-2013 Dott.ssa Simona Scabrosetti

Bilancio dello Stato e Debito pubblico. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a. 2012-2013 Dott.ssa Simona Scabrosetti Bilancio dello Sao e Debio pubblico Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Universià Bocconi a.a. 2012-2013 Do.ssa Simona Scabrosei Il bilancio dello Sao Due versioni alernaive: - bilancio di previsione:

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Città di Palermo SETTORE BILANCIO E TRIBUTI

Città di Palermo SETTORE BILANCIO E TRIBUTI ALLEGAO B ESO EMENDAO Città di Palermo SEORE BILANCIO E RIBUI BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 201-2016 Elaborato dalla SISPI S.p.a. - Sistema Palermo informatica BILANCIO PLURIENNALE 201-2016 PAGINA

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano WORKING PAPER n.0.07 Seembre 00 Un modello economerico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercao azionario ialiano R. Casarin a,b P. Guderzo c a. Universià Ca Foscari, Venezia. b. GRETA, Venezia.

Dettagli

= 1,4 (rischiosità sistematica)

= 1,4 (rischiosità sistematica) Analisi degli invesimeni n.b.: ui i valori moneari sono in euro Nel corso del 4 al managemen della socieà MPRESA vengono proposi due invesimeni alernaivi. Nel seguio vengono fornie informazioni in merio

Dettagli

Buono Fruttifero Postale P70

Buono Fruttifero Postale P70 Foglio Informaivo delle principali caraerisiche dei Buoni Fruiferi Posali e Regolameno del presio Pare I - Informazioni sull'emiene e sul Collocaore Emiene: Cassa deposii e presii socieà per azioni (di

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

MODULO 1 UD2. Principi ed Istituzioni di Economia MACROECONOMIA

MODULO 1 UD2. Principi ed Istituzioni di Economia MACROECONOMIA MODULO 1 UD2 Principi ed Isiuzioni di Economia MACROECONOMIA 1 INDICE Macroeconomia: concei di base...3 1. Inroduzione...3 Prodoo e reddio...4 La domanda aggregaa...7 Crescia e inflazione...7 Occupazione,

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 INDICE INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 1.1 INTRODUZIONE...4 1.2 LA DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider L inegrazione europea e il mercao del lavoro: un analisi eorica ed empirica in un coneso insider/ousider Michela Marinoia Doorao in Scienze Economiche Universià degli Sudi di Milano Via Conservaorio, 7

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Lezione 6. Anno accademico 2005-06. Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente a contratto: Dott. Marianna Brunetti

Lezione 6. Anno accademico 2005-06. Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente a contratto: Dott. Marianna Brunetti Inrouzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M (Prooi Derivai Lezione 6 Anno accaemico 005-06 Tiolare corso: Prof. Cosanza Torricelli Docene a conrao: Do. Marianna Brunei L'immunizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facolà di Scienze Saisiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA RELAZIONE FINALE: INFLUENZA DI ALCUNI CARATTERI SOCIOECONOMICI NELLE SCELTE DI PORTAFOGLIO

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli