Alessandro Scopelliti.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it"

Transcript

1 Alessandro Scopelliti

2 La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti dei tassi di interesse sul debito pubblico La crisi in Grecia e il contagio ad altri paesi Gli effetti della crisi del debito sovrano sul sistema bancario Gli interventi attuati dalle istituzioni europee La situazione negli Stati Uniti

3 Il vincolo di bilancio del governo Il disavanzo di bilancio nell anno t è: disavanzo rbt 1 G t T t B t-1 = debito pubblico alla fine dell anno t-1 r = tasso di interesse reale (costante) r B t-1 = tassi di interesse reali corrisposti sui titoli pubblici in circolazione G t = spesa pubblica in beni e servizi nell anno t T t = imposte al netto di trasferimenti La spesa pubblica, G, non include i trasferimenti. I trasferimenti vengono sottratti dalle imposte T.

4 Il vincolo di bilancio del governo Nell ipotesi che il finanziamento monetario sia inesistente, il vincolo di bilancio del governo afferma che la variazione del debito pubblico nel corso dell anno t deve essere uguale al disavanzo nell anno t. Bt Bt 1 rb t 1 G t T t Nel termine di destra troviamo: - interessi sul debito; - disavanzo primario (o avanzo primario).

5 Il vincolo di bilancio del governo Riordinando i termini otteniamo: Bt (1 r) Bt 1 G t T t Il debito alla fine dell anno t è uguale a (1+r) per il debito alla fine dell anno t-1, più il disavanzo primario, che è uguale a G-T.

6 Il rimborso del debito pubblico Rimborso nell anno 1. Supponiamo che - il bilancio sia in pareggio al tempo 0 - il debito sia nullo al tempo 0 Qual e l effetto sull evoluzione del debito e delle imposte future di una riduzione delle imposte nell anno 0? B1 ( 1 r) B0 ( G1 T1 ) A seguito della riduzione delle imposte, il debito alla fine dell anno 0 è 1 Se il debito è rimborsato per intero alla fine dell anno 1, allora B 1 =0

7 Il rimborso del debito pubblico Per rimborsare il debito nell anno 1, il governo deve produrre, nell anno 1, un avanzo primario pari a (1+r). Questo può avvenire tramite un aumento delle imposte o tramite una riduzione della spesa. T G r

8 Il rimborso del debito pubblico Rimborso dopo t anni. Supponiamo che il governo decida di aspettare t anni prima di aumentare le imposte per ripagare il debito. Dall anno 1 all anno t, il disavanzo primario è pari a 0. Nell anno 1, il disavanzo primario è nullo. Il debito alla fine dell anno 1 è: B ( 1 r) 0 1 B Nell anno 2, il debito diventa: B2 ( 1 r) B1 0 (1 r)( 1 r) 0

9 Il rimborso del debito pubblico Il debito cresce a un tasso pari al tasso di interesse. Il debito alla fine dell anno t-1 è: B t r t 1 (1 ) 1 Nell anno in cui il governo decide di rimborsare il debito, il vincolo di bilancio è dato da: B t ( 1 r) Bt 1 ( G1 T1 ) Sostituendo B t con zero e B t-1 con la sua precedente espressione, si ottiene: T G (1 r) t t t

10 Il rimborso del debito pubblico Se la spesa pubblica resta invariata, una riduzione delle imposte oggi deve essere compensata da un aumento delle imposte future. Quanto più tempo il governo aspetta ad aumentare le imposte o quanto maggiore è il tasso di interesse reale, tanto maggiore sarà l aumento delle imposte future.

11 Avanzo primario e interessi sul debito pubblico Supponiamo che il governo decida di stabilizzare il debito dall anno 1 in poi a un livello pari a 1. Il vincolo di bilancio del governo diventa: 1 (1 r) ( G 1 T1 ) L eredità dei disavanzi del passato consiste in un maggior debito corrente. Per stabilizzare il debito, il governo deve registrare un avanzo primario uguale agli interessi sul debito esistente.

12 Il vincolo di bilancio del governo in termini del PIL Il vincolo di bilancio del governo in termini del Pil può essere scritto come: L equazione precedente può essere riscritta come: t t t t t t t t t Y T G Y B Y Y r Y B ) (1 t t t t t t t t t Y T G Y B g r Y B Y B ) (

13 Il vincolo di bilancio del governo in termini del PIL Il rapporto debito/pil è uguale alla somma di due termini: spesa per interessi, in termini reali, corretta per la crescita della produzione rapporto tra il disavanzo primario e il Pil.

14 Il rapporto Debito Pubblico/ PIL in Italia Rapporto debito/pil: anni 70: approssimativamente costante anni 80: crescente anni 90: maggiore del 100%. A partire dal 1994, si registra un inversione di tendenza 1981: separazione tra Tesoro e Banca d Italia 1992: con l approvazione del Trattato di Maastricht, l Italia intraprese la strada del risanamento del bilancio e della riduzione del debito.

15 Il rapporto Debito Pubblico/ PIL in Italia L andamento del rapporto debito/pil in Italia Il rapporto debito/pil è rimasto approssimativamente costante negli anni Settanta, è andato via via crescendo negli anni Ottanta e ha superato la soglia del 100% nel A partire dal 1994 si registra un inversione di tendenza.

16 I pericoli di un debito pubblico molto elevato Maggiore è il livello del debito pubblico, maggiore è l avanzo primario necessario per sostenere quel debito, cioè per evitare che esso continui a crescere. Un rapporto debito/pil particolarmente elevato: - deprime gli investimenti privati, limitando il processo di accumulazione del capitale - richiede imposte elevate e quindi elevate distorsioni - aumenta il rischio di crisi finanziarie. Ciò può rendere difficile la condotta della politica monetaria e compromettere il perseguimento dei suoi obiettivi in termini di stabilità dei prezzi.

17 Politiche per ridurre il debito pubblico Come ridurre un elevato debito pubblico? - Generando avanzi primari sufficientemente ampi - Ricorrendo al finanziamento monetario della banca centrale - Ripudiando il debito pubblico, interamente o anche solo parzialmente.

18 Politiche per ridurre il debito pubblico Il finanziamento monetario del debito pubblico è vietato nell ambito dell Unione Economica e Monetaria. Per aumentare l avanzo primario, il governo deve tagliare la spesa e/o aumentare le imposte. La riduzione di un elevato rapporto debito/pil può richiedere molti anni, forse anche decenni, di consistenti avanzi primari (e quindi di austerità fiscale). Quando il livello del debito è molto elevato, il ripudio del debito può diventare una soluzione attraente.

19 Debito, deficit e tassi di interesse Riprendiamo l equazione del disavanzo disavanzo rbt 1 G t T t Finora abbiamo assunto che il tasso r fosse dato Ora vogliamo considerare le determinanti del tasso r I titoli emessi dagli Stati sono obbligazioni,, con un rendimento predeterminato

20 Debito, deficit e tassi di interesse Cosa può determinare una variabilità del rendimento: L emittente fallisce (rischio di default) La valuta in cui il titolo è denominato si svaluta (rischio di cambio) Non consideriamo il secondo rischio (esiste per i paesi europei solo in caso di fine dell Euro) Da cosa dipende la probabilità di essere insolventi? L ammontare di debito pubblico preesistente L entità del disavanzo pubblico, tale da richiedere l emissione di nuovo debito pubblico

21 Debito, deficit e tassi di interesse Se un soggetto ha più debiti e/o ha un elevato differenziale fra uscite e entrate è più rischioso Ciò vale anche per gli Stati, che presentano un rischio di default più alto se hanno un debito elevato e/o un deficit (differenza fra uscite e entrate) elevato Cosa accade se un emittente è più rischioso? Per vendere un titolo più rischioso sul mercato devo pagare un maggior rendimento Il tasso di interesse sul debito aumenta

22 Debito, deficit e tassi di interesse Cosa implica l aumento dei tassi? Tassi alti implicano una maggior spesa per interessi ( r B). Ciò fa crescere il disavanzo. Si produce un pericoloso circolo vizioso: - Aumento del debito pubblico - Incremento del rischio di default - Aumento ulteriore dei tassi d interesse sul debito

23 Il ruolo delle agenzie di rating Chi valuta il rischio di credito di un soggetto emittente? Esistono dei soggetti privati che svolgono specificamente questo compito agenzie di rating In particolare le agenzie di rating: acquisiscono informazioni sui diversi emittenti di titoli (privati o pubblici) emettono un giudizio, periodicamente aggiornato,sulla solvibilità (AAA, AA+,, BBB, ecc..)

24 Il ruolo delle agenzie di rating

25 Il ruolo delle agenzie di rating I giudizi delle agenzie di rating sono pubblici e influenzano l andamento dei tassi di interesse. Un abbassamento ( downgrade ) del giudizio ( rating ) su un titolo determina un aumento dei tassi di interessi pagati dall emittente. E quanto successo per Grecia, Irlanda, Portogallo, e, in parte, Stati Uniti I tassi pagati sono però influenzati anche da altro, fra cui i movimenti speculativi Vediamo cosa è accaduto ai conti pubblici nell ultimo periodo distinguendo Europa e Stati Uniti

26 La crisi del debito nell Eurozona: le origini La crisi del debito sovrano nell Area Euro è dovuta alle preoccupazioni per la sostenibilità del debito pubblico di diversi paesi europei ed ha origine a fine 2009 in Grecia. Ad Ottobre 2009 cominciano ad emergere significative differenze tra le previsioni del governo uscente e la realtà dei conti pubblici. Il rapporto deficit / PIL per il 2009 non è il 6%, come dichiarato, ma il 12,7%, stima successivamente rivista fino al 13,6%.

27 La crisi del debito nell Eurozona: le origini Dal 2001, anno della sua entrata nell Euro, il governo greco ha stipulato accordi di swap con diverse banche d investimento. Tali operazioni hanno consentito anche di eludere i vincoli imposti dal trattato di Maastricht, relativamente al rapporto deficit/pil Per anni le statistiche sull andamento del deficit (e conseguentemente del debito) greco sono state falsate e sottostimate. A Gennaio 2010 il debito greco era valutato 216 miliardi di euro. Il rapporto debito / P.I.L. superava il 140% alla fine del 2010, il livello più elevato in Europa. Il 70% del debito greco è detenuto da investitori esteri.

28 La crisi del debito nell Eurozona: le origini A causa dell aumento del rischio di default, la Grecia vede i tassi sui suoi titoli crescere rapidamente: circa 2,5% nel maggio 2008 circa 4% nel maggio 2009 circa 7% nel maggio 2010 ulteriori incrementi in seguito Diventa molto probabile che la Grecia divenga insolvente Sono necessari interventi che consentano di evitare un default che avrebbe conseguenze molto negative per la moneta unica.

29 La crisi del debito nell Eurozona: le origini Gli interventi sono realizzati da tre diversi soggetti: Il nuovo Governo greco predispone interventi molto forti per risanare i conti (taglio dipendenti pubblici, aumento IVA, aumento età pensionabile) Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) interviene in aiuto della Grecia, con un programma di prestiti I paesi europei e le istituzioni europee intervengono, subordinando il programma di aiuti all approvazione del piano di risanamento fiscale in Grecia

30 La crisi del debito nell Eurozona: le origini L intervento dei paesi europei avviene tramite la costituzione di un fondo salva-stati (EFSF, European Financial Stability Facility). L istituzione dell EFSF non implica un impegno finanziario diretto dei singoli stati. I governi europei offrono delle garanzie in favore di questa società- veicolo, che a sua volta emette titoli obbligazionari. Con i proventi di queste emissioni obbligazionarie, l EFSF finanzia un programma di aiuti finanziari in favore della Grecia (e in seguito anche di Irlanda e Portogallo)

31 La crisi del debito sovrano: il contagio agli altri stati Alla crisi in Grecia seguono problemi di altri paesi negli ultimi mesi del 2010 Irlanda A fine 2010 si registra il fallimento di Anglo Irish Bank Il Governo salva la banca, con un costo di circa 30 miliardi di euro Il deficit irlandese supera il 30% Portogallo deficit abbastanza elevato (circa 7%) ridotte prospettive di crescita difficoltà a ripagare il debito

32 La crisi del debito sovrano: il contagio agli altri stati Nel corso del 2011 la crisi si estende rapidamente ad altri paesi europei: Italia e Spagna in particolare Spagna deficit elevato (11% del PIL nel 2009, 9% nel 2010) fondamentali non buoni (crescita in forte rallentamento, elevata disoccupazione) Italia debito elevato (119% del PIL nel 2010) crescita molto bassa

33 La crisi del debito sovrano: il contagio agli altri stati Deficit/PIL Debito/PIL Deficit/PIL Debito/PIL Deficit/PIL Debito/PIL Italia 5.31% % 4.49% 119.1% 3.89% % Portogallo 10.12% 83% 9.17% 93% 5.89% % Irlanda 14.27% 65.63% 32.42% 96.17% 10.10% % Grecia 15.59% 127.1% 10.41% % 7.53% % Spagna 11.13% 53.26% 9.25% 60.11% 6.28% 67.59%

34 La crisi del debito sovrano: il contagio agli altri stati Il debito pubblico nei PIIGS ( ) It aly Greece Ireland Port ugal Spain

35 La crisi del debito sovrano: il contagio agli altri stati Seppure in misura differente, l aumento del rischio di insolvenza riguarda diversi paesi: i cosiddetti PIIGS (Portugal,, Italy o Ireland, Greece, Spain) Un maggiore rischio di insolvenza implica maggiori tassi di interesse da pagare I tassi d interesse pagati sui titoli di stato dei PIIGS mostrano un significativo aumento del differenziale di tasso rispetto ai titoli di stato tedeschi ( spread rispetto al Bund)

36 Gli spread rispetto al Bund M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M07 Ireland Greece Spain Italy Portugal France

37 La crescita dei tassi d interesse Cosa determina la crescita dello spread rispetto ai titoli tedeschi? Il calo del prezzo dei titoli di stato dei PIIGS rispetto a quelli tedeschi sul mercato secondario Il mercato secondario è quello in cui vengono scambiati titoli di stato che si trovano nei portafogli di famiglie, banche e imprese. Un analogo meccanismo opera anche sul mercato delle nuove emissioni (titoli collocati tramite asta competitiva)

38 Rendimento dei BOT nel corso del 2011

39 La crisi del debito in Europa Quali sono i rischi dell aumento dei tassi? Si può produrre un meccanismo circolo vizioso deficit- spesa per interessi-deficit A seguito di ciò, I PIIGS rischiano il default Le cause dell incremento dei tassi sul debito risiedono nella debolezza strutturale dei PIIGS per ragioni differenti (deficit e/o debito e/o crescita)

40 La crisi del debito in Europa A questi elementi se ne aggiungono altri che hanno accelerato/peggiorato la crisi 1) L incremento dell incertezza derivata dalla crisi dei subprime (fallimenti inaspettati come Lehman Brothers e crisi del sistema bancario) 2) La scelta delle agenzie di rating di rivedere con estremo rigore i giudizi sul debito sovrano di molti governi (In Europa ma anche per gli Stati Uniti) 3) I limiti nella costruzione dell Unione Monetaria Europea

41 La crisi del debito in Europa Già dalla crisi della Grecia si sono evidenziati alcuni limiti dell Unione Monetaria Europea Essa si caratterizza per l esistenza di una moneta unica (l Euro) e quindi di una politica monetaria comune La Banca Centrale Europea determina la politica monetaria per tutti i paesi dell area Euro. Ma le politiche fiscali sono lasciate ai singoli Governi Da ciò deriva un asimmetria fra politica monetaria unica e politiche fiscali nazionali

42 La crisi del debito in Europa La politica monetaria della BCE è volta a preservare la stabilità dei prezzi nell area Euro nel medio periodo. La BCE non può, per previsione del Trattato di Maastricht, effettuare acquisti di titoli di Stato sul mercato primario, quindi non può monetizzare il debito pubblico dei paesi dell area Euro. La BCE ha avviato, a partire dal Maggio 2010, un programma di acquisti sul mercato secondario di titoli del debito pubblico (Securities Market Programme).

43 La crisi del debito in Europa Tuttavia la BCE, non potendo attuare politiche di quantitative easing,, deve sterilizzare l impatto sulla base monetaria di tali operazioni di acquisto. Ogni settimana, la BCE attua operazioni di riassorbimento della liquidità per un importo corrispondente al valore dei titoli detenuti nel proprio portafoglio. Gli acquisti della BCE sul mercato secondario possono limitare le tensioni sui mercati, ma non possono risolvere il problema in modo strutturale. Sono i Governi nazionali, responsabili per le politiche fiscali, a dover procedere con rigore nella riduzione del deficit. Ma i programmi di risanamento fiscale richiedono un certo tempo e, soprattutto, gli effetti sulla riduzione del debito si producono dopo diversi anni.

44 La crisi del debito in Europa Inoltre, la vicenda dalla Grecia ha inoltre mostrato che i paesi più virtuosi (in particolare la Germania) sono restii ad aiutare i paesi in difficoltà La ragione principale è la mancanza di fiducia: un paese in crisi ha gestito male i propri conti pubblici l aiuto (o la garanzia) di un paese virtuoso può salvarlo dal fallimento d altra parte, una volta ricevuto l aiuto il paese in difficoltà potrebbe continuare a gestire male i propri conti pubblici perché la politica fiscale rimane sotto la sua sovranità

45 La crisi del debito in Europa In conclusione: la politica monetaria unica sottrae uno strumento di intervento agli Stati membri dell area Euro L attribuzione delle competenze in materia di politica fiscale ai singoli Stati sfavorisce la cooperazione fra paesi Ciò ha reso i paesi più deboli dell UME più deboli favorendo un attacco sui mercati L attacco speculativo ha rafforzato gli effetti sui tassi di interesse dei problemi strutturali dei PIIGS, favorendo un ulteriore aumento degli spread

46 Gli effetti sulle borse Al peggioramento degli spread si è affiancato un crollo degli indici di borsa Variazione percentuale degli indici di borsa tra Gennaio 2010 e Luglio 2011 Italia -13,71% Portogallo -8,11% Irlanda -5,01% Grecia -42,56% Spagna -18,32%

47 Gli effetti sulle borse Il crollo ha riguardato in particolare i titoli azionari degli istituti di credito Variazione percentuale del prezzo delle azioni dei principali istituti di credito italiani tra la fine del 2010 e il i Luglio 2011

48 Gli effetti sulle banche La spiegazione è associata agli effetti a catena dell eventuale default di uno Stato. Se uno Stato va in default non ripaga i propri creditori Le banche detengono nel proprio attivo molti titoli di Stato, tipicamente del proprio paese Se il prezzo dei titoli in portafoglio diminuisce, si riduce il valore dell attivo delle banche e si determinano perdite per il capitale delle stesse.

49 Gli effetti sulle banche Le banche possono risultare sottocapitalizzate ed aver bisogno di ridurre la loro leva finanziaria. Il default di una economia implicherebbe dunque il fallimento di molte delle sue banche I mercati anticipano questo rischio per cui gli investitori vendono azioni delle banche dei paesi a rischio. Il valore di borsa di queste azioni crolla. Le agenzie di rating, a seguito del declassamento del rating sul debito sovrano di un paese, spesso procedono a declassare anche il rating delle banche di quello stato.

50 Gli effetti sulle imprese Qualora si verificasse il fallimento di molte banche in un economia, inoltre, anche le imprese avrebbero grandi difficoltà (in particolare per mancanza di credito) Anche senza il fallimento di singole banche, il processo di de-leveraging del sistema bancario causato della crisi del debito sovrano viene spesso realizzato attraverso una riduzione dell ammontare di credito al settore privato. Perciò, anche la recente decisione dell EBA (European( Banking Authority) di imporre la ricapitalizzazione delle banche più esposte al rischio di credito del debito sovrano può indurre un ulteriore contrazione del credito.

51 Gli effetti ulteriori sul debito Al fine di limitare l effetto di contrazione del credito e i suoi effetti in termini di rallentamento della crescita economica, gli stati possono decidere di intervenire. Così come accaduto in Irlanda, il settore pubblico può garantire i fondi necessari a salvare le banche Quello che era debito privato diventa in questo modo debito pubblico, se lo stato deve reperire i fondi necessari al salvataggio emettendo nuovi titoli Ciò di nuovo aumenta lo stock di debito.

52 La crisi dei conti pubblici in Europa In questo contesto vediamo più in dettaglio la situazione dell Italia Premessa: vediamo i tassi di interessi pagati dal debito italiano nell ultimo ventennio Consideriamo lo spread con il Bund tedesco

53 Differenziale BTP-Bund Bund a 10 anni

54 Tre periodi: 1) l instabilità prima dell Euro

55 2) La fase di allineamento con l euro

56 3) Le turbolenze dovute alla crisi

57 3 Vediamo ora l andamento nel corso del M M M M M M M M M M M M M M M M M M M07

58 La crisi in Europa: quali prospettive? Abbiamo visto in precedenza i problemi derivanti dalla debolezza dei conti pubblici di diversi paese dell UME Quali sono le prospettive di questi paesi e dell Area per il futuro? Quali soluzioni sono state proposte?

59 La crisi del debito in Europa: quali prospettive? 1) Ristrutturazione del debito e crisi dell Euro I paesi in difficoltà ristrutturano il proprio debito La ristrutturazione indica un default parziale e selettivo e/o un allungamento delle scadenze La ristrutturazione può riguardare solo alcuni paesi (es., Grecia e Portogallo) oppure tutti i PIIGS La ristrutturazione comporta probabilmente l uscita dall Euro

60 La crisi del debito in Europa: quali prospettive? I PIIGS hanno diversa dimensione l uscita dei più grandi determinerebbe la fine dell Euro

61 La crisi in Europa: quali prospettive? 2) Emissione di titoli europei Emissione di titoli europei, garantiti dall Unione Monetaria Europea e non dai singoli paesi (Eurobond( Eurobond) Tale proposta, su cui anche la Commissione Europea ha recentemente avanzato delle ipotesi di lavoro, è però avversata da alcuni paesi, quali la Germania, la Finlandia e l Olanda. Necessità un coordinamento delle politiche fiscali e/o un controllo forte sulle politiche fiscali nazionali

62 La crisi in Europa: quali prospettive? Il primo scenario è caratterizzato dalla fine del coordinamento della politica economica in Europa Sia la politica monetaria che quella fiscale ritornano nazionali (almeno per alcuni paesi) Il secondo scenario è caratterizzato da un maggior coordinamento della politica economica in Europa Sia la politica monetaria che (in parte) quella fiscale vengono coordinate In entrambi i casi si va verso il superamento dell attuale asimmetria tra politica monetaria centralizzata e politiche fiscali decentrate

63 La crisi dei conti pubblici negli USA I problemi relativi alla dinamica del debito pubblico hanno riguardato di recente anche gli Stati Uniti Nel 2011, il debito pubblico statunitense ha raggiunto il 99,5% del Pil, mentre il deficit è risultato pari al 10,7% del PIL. A fine luglio 2011 si è avuto (almeno formalmente) il rischio di un default del Governo americano

64 La crisi dei conti pubblici negli USA Le ragioni erano di natura legale. Negli Stati Uniti esiste un vincolo legale alla dimensione massima del debito pubblico La dinamica del debito rendeva necessario un innalzamento del limite entro il 2 Agosto 2011 Il rischio di default derivava sopratutto dal non poter più emettere titoli per vincoli di legge Anche gli USA sono coinvolti nella crisi del debito sovrano.

65 Debito Federale USA (% Pil) Prima di esaminare la soluzione adottata vediamo qualche dato sulla storia del debito statunitense

66 La crisi dei conti pubblici negli USA Come si è risolta la possibile crisi del 2 Agosto? Dopo lungo dibattito fra democratici e repubblicani (il cui voto favorevole era necessario): Innalzamento del debito di circa miliardi di $ in due fasi Riduzione di spesa per 3000 miliardi in 10 anni miliardi da definire In questo modo il problema degli USA è risolto?

67 La crisi dei conti pubblici negli USA Rimangono molte difficoltà: Il debito statunitense ha dimensioni enormi in termini assoluti Anche dopo i tagli il debito continuerà a crescere nel 2012 (attestandosi intorno al 103% del pil) La lentezza con cui il vincolo legale è stato rimosso e le perduranti difficoltà dell economia hanno sollevato dubbi sull affidabilità del debito pubblico statunitense.

68 La crisi dei conti pubblici negli USA Per queste ragioni Standard and Poor s (una delle più importanti agenzie di rating) ha ridotto il giudizio sul debito americano da AAA (livello di massima affidabilità) ad AA+. E la prima volta che ciò accade nella storia degli USA Il rischio di default degli Stati Uniti è ora superiore a quello di Germania e Gran Bretagna.

69

70 La crisi dei conti pubblici negli USA Molti titoli di stato USA sono detenuti dalla Cina (per il 7,5%) Le pressioni della Cina hanno indotto gli USA ad agire

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

I mercati non azionari

I mercati non azionari II 1 I titoli di Stato Nel 213 i mercati dei titoli pubblici dell Area euro si sono progressivamente stabilizzati per effetto della riduzione del rischio di disintegrazione della moneta unica. I rendimenti

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Economia degli Intermediari Finanziari

Economia degli Intermediari Finanziari Economia degli Intermediari Finanziari Finanziamento Indiretto Società A Emette L Obbligazione 1 ( Passività nel suo Bilancio A) Intermediario B Compral Obbligazione 1 di A (Attività nel suo Bilancio

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani in Europa

La crisi dei debiti sovrani in Europa La crisi dei debiti sovrani in Europa Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Una crisi che viene da lontano La crisi attuale è la conseguenza diretta dei provvedimenti di politica economica presi

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14 Politica Economica Europea 2 Costi di aderire ad un UM Aderendo ad una UM si perde: la propria moneta; la possibilità di gestire la politica monetaria in modo indipendente; la gestione del tasso di cambio

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna

DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna DOPO LA GRANDE CRISI. PER UNA NUOVA ECONOMIA DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna Responsabile dell Ufficio Analisi Quantitativa e Innovazione Finanziaria della CONSOB * Le opinioni

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO Siamo corsi dietro un elemento che induce valutazioni sbagliate per gli investimenti di lungo termine. Parola di Fitch 25 marzo 2013 a cura del Gruppo

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI DEBITO EUROZONA LA FUGA DEGLI STRANIERI PIGS, EUROPA ABBIAMO UN PROBLEMA. SALVATAGGI IN CORSO Portogallo 78 miliardi Irlanda 85 miliardi Grecia

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

TRASFERISCI legalmente i tuoi RISPARMI FUORI dall EUROZONA

TRASFERISCI legalmente i tuoi RISPARMI FUORI dall EUROZONA TRASFERISCI legalmente i tuoi RISPARMI FUORI dall EUROZONA La crisi iniziata nel 2009, per quanto ci dicano che sia prossima alla fine, avrà dei risvolti ancora negativi e probabilmente imprevedibili e

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI PROF. MARCELLO MINENNA 1 UNIVERSITÀ BOCCONI DI MILANO Andamento tassi di interesse a 10 anni nel periodo 1993-2007 35% 30% Determinazione

Dettagli

A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it)

A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 9 A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1 Esercizi 1.1 ) Al primo gennaio 2070 l Italia ha un debito di 900 miliardi di euro in titoli pubblici

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Lezioni Lincee di Economia Milano -15 febbraio 2012 1/49 I prodromi della crisi attuale: il

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

QUANTI CAPITALI DOVRÀ REPERIRE L EFSF?

QUANTI CAPITALI DOVRÀ REPERIRE L EFSF? 1 THE EUROPEAN FINANCIAL STABILITY FACILITY (EFSF) IL CASO DELL IRLANDA, DEL PORTOGALLO E DELLA SPAGNA CHE COS E IL EFSF? Lo European Financial Stability Facility è un fondo di diritto lussemburghese istituto

Dettagli

Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona

Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona Le tre crisi del mercato monetario creditizio Euro interbank risk USA interbank Rirk Sovereign rates: PIIGS-Germ. TARGET2: saldi

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Perché il debito sia sostenibile nel lungo periodo occorrerebbe un costo del finanziamento dell ordine

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata)

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 994 ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 11 gennaio 2016 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli