PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE"

Transcript

1 ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 IN STAMPATELLO BREGOLI PATRIZIA DONATO ANTONINO PERICO SILVIA RAFFAINI ROSSANA VITALI ROBERTO ZAMBOTTO MARISA FIRMA Presezzo, 10 SETTEMBRE 2015 Programmazione di economia aziendale 2 biennio-quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto

2 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AFM - TURISMO OBIETTIVI SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E MARKETING E SUE ARTICOLAZIONI IN TERMINI DI COMPETENZE DI BASE Le competenze d indirizzo indicate dalle Linee Guida ( direttive M.I.U.R. n.4 del 16/01/2012) Allegato B sono le seguenti: AREA DI ISTRUZIONE GENERALE RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato consegue i risultati di apprendimento descritti nei punti 2.1 e 2.2 dell Allegato A), di seguito specificati in termini di competenze. Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilita di studio e di lavoro. Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente. Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo. Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione. Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete. Padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER). Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell espressività corporea e l importanza che riveste la pratica dell attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo. Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative. Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni. Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento. Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento. Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 2

3 B1 - indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativofinanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, e in grado di: - rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; - redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; - gestire adempimenti di natura fiscale; - collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; - svolgere attività di marketing; - collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; - utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. Nell articolazione Relazioni internazionali per il marketing, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della comunicazione aziendale con l utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing consegue i risultati di apprendimento descritti nel punto 2.2 dell Allegato A), di seguito specificati in termini di competenze. Riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 3

4 umane. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. Analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. Nelle articolazioni: Relazioni internazionali per il marketing e Sistemi informativi aziendali, le competenze di cui sopra sono differentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del profilo di riferimento. Link OBIETTIVI SECONDO BIENNIO IN TERMINI DI ABILITA E CONOSCENZE Classe 3^ Amministrazione Finanza Marketing COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE L azienda e la sua organizzazione Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, Individuare gli elementi costitutivi del sistema azienda in alcuni casi concreti Riconoscere le tipologie cui appartengono le specifiche realtà aziendali Individuare il soggetto giuridico e il soggetto economico di aziende note o operanti in ambito locale Riconoscere i principali organi in diverse tipologie aziendali Costruire schemi organizzativi Riconoscere l'assetto strutturale di un'impresa attraverso l'analisi dei suoi organigrammi. La gestione ed i suoi risultati. Collegare le principali operazioni aziendali alle varie L'azienda come sistema, i suoi elementi costitutivi e i suoi rapporti con l ambiente I diversi tipi di aziende in relazione a vari criteri di classificazione Il governo dell'azienda, i suoi momenti e le discipline economico-aziendali l organizzazione aziendale e la centralità del fattore umano Le funzioni aziendali, gli organi e le strutture organizzative I problemi organizzativi della fase di costituzione dell'azienda. La gestione, le sue aree e i suoi aspetti Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 4

5 processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese aree gestionali Redigere il prospetto degli investimenti e dei finanziamenti iniziali Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle varie "aree gestionali Determinare la durata dei cicli aziendali, Classificare e rappresentare gli elementi del patrimonio Analizzare la struttura finanziaria e patrimoniale dell'azienda Individuare la competenza economica dei costi e dei ricavi e determinare il reddito d'esercizio Valutare l economicità della gestione Il sistema informativo e le contabilità aziendali. Leggere e interpretare alcuni documenti tipici delle principali contabilità elementari Eseguire registrazioni nella contabilità Iva L'equilibrio monetario e l equilibrio economico I cicli dell'attività aziendale Il patrimonio e i suoi elementi: la valutazione e l'inventario La correlazione tra investimenti e finanziamenti Il reddito d'esercizio e la competenza economica dei costi e dei ricavi L economicità della gestione e il suo significato L importanza delle informazioni nei processi decisionali Il sistema informativo aziendale: concetto, elementi costituivi, funzioni, evoluzione Alcune tipiche contabilità elementari Gli obblighi contabili delle imprese. La contabilità generale delle imprese mercantili. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi Classificare secondo il sistema del patrimonio e del risultato economico i principali conti tipici di un'impresa mercantile Analizzare ai fini della rilevazione in Partita doppia i principali fatti di gestione Utilizzare gli strumenti delle I fondamenti del metodo della Partita doppia e la logica del sistema contabile Il metodo della Partita doppia applicato al sistema del patrimonio e del risultato economico La classificazione dei conti: conti finanziari e conti economici (di reddito e di capitale) Il funzionamento delle varie Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 5

6 Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi. registrazioni in Partita doppia: il giornale e il mastro rilevare in P.D. la costituzione di un impresa individuale e l acquisto di un azienda funzionante rilevare a P.D. le fatture di acquisto e di vendita e il regolamento delle stesse rappresentare e documentare procedure e flussi informativi rilevare a P.D. le operazioni con le banche rilevare a P.D. i rapporti con il personale dipendente: dalla liquidazione al pagamento delle retribuzioni rilevare le altre operazioni d esercizio ( es. locazioni, liquidazioni IVA, ecc )e i componenti straordinari di reddito Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi Redigere l'inven1ario d'esercizio applicando i criteri di valutazione delle varie classi di elementi patrimoniali Registrare in Partita doppia gli assestamenti di fine esercizio (completamenti, integrazioni, rettificazioni e ammortamenti) Eseguire contabilmente la determinazione del reddito e tipologie di conti Gli strumenti della contabilità generale: il Piano dei conti, il libro giornale e il mastro La struttura del Piano dei conti I principali problemi amministrativi e contabili relativi alla costituzione di un impresa individuale gli aspetti contabili degli scambi e le modalità di regolamento degli acquisti e delle vendite i modi di acquisizione dei beni strumentali gli aspetti fondamentali dei rapporti con le banche e la contabilizzazione di alcune operazioni bancarie i concetti di base relativi alle retribuzioni e ai rapporti con gli enti di previdenza e con l Erario i componenti straordinari di reddito e i prelievi del titolare la natura dei conti da utilizzare nella rilevazione delle principali operazioni d esercizio. L'inventario di funzionamento: scopo, contenuto e criteri di valutazione La procedura contabile con cui si determina il reddito d'esercizio e si chiudono i conti Le modalità con cui si esegue la riapertura dei conti Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 6

7 Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali la chiusura generale dei conti Redigere le scritture relative alla riapertura dei conti Valutare gli elementi patrimoniali applicando il principio della prudenza Riconoscere la competenza economica dei costi e dei ricavi Passare dalla Situazione di diretta derivazione contabile ai prospetti del bilancio d esercizio Redigere lo Stato patrimoniale in forma abbreviata Redigere il Conto economico Il bilancio d'esercizio come strumento di informazione e di comunicazione La struttura del Bilancio d esercizio Il processo di formazione dello Stato patrimoniale e del Conto economico La gestione della logistica aziendale. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali Individuare i principali costi relativi alla gestione delle scorte Determinare il lotto economico di approvvigionamento, il punte di riordino e l'indice di rotazione delle scorte Compilare le schede di magazzino con i metodi LIFO, FIFO, costo medio Operare la valorizzazione civilistica delle rimanenze di magazzino Rappresentare in bilancio le rimanenze di magazzino e le loro variazioni Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle varie aree gestionali La gestione delle vendite e il marketing. La logistica: concetto e caratteristiche L organizzazione lima del magasino e la funzione delle scorte nei vari tipi di azienda Gli obiettivi della politica delle scorte e i suoi strumenti (piani di acquisto, lotto economico di acquisto, punto di riordino e indice di rotazione) Gli scopi della contabilità di magazzino, la documentazione dei movimenti e i principali metodi di valutazione degli scarichi La valutazione delle rimanenze di magazzino: aspetti civilistici Le fondamentali caratteristiche delle varie modalità di trasporto Inquadrare l'attività di Analizzare i costi di II sistema distributivo: Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 7

8 marketing nel ciclo di vita dell'azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato Riconoscere ed interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda distribuzione, con riguardo: - all'analisi strutturale e ai diagrammi di redditività - all'analisi per segmenti operativi Individuare criteri, metodi e tecniche per i vari tipi di ricerche di mercato Cogliere, rispetto a casi concreti, le attività promozionali, le politiche di vendita, i canali di distribuzione, per il lancio di nuovi prodotti Rappresentare graficamente, con riferimento a casi concreti o ipotizzati, gli andamenti delle vendite e individuare le fasi del ciclo di vita di un prodotto funzioni, soggetti e canali di distribuzione I costi dei processi distributivi: concetto; metodologia dell'analisi dei costi di distribuzione Le principali norme che regolano l'esercizio del commercio in Italia IL marketing: concetto, tipologia e funzioni Il piano di marketing: concetto, elaborazione, attuazione e verifica Gli strumenti di marketing: ciclo di vita del prodotto, politiche di vendita, attività promozionali Classe 4^ Amministrazione Finanza Marketing COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE La gestione dei beni strumentali. Classificare i beni strumentali con riferimento a situazioni aziendali concrete Comporre le scritture d esercizio, di assestamento e chiusura, relative ai beni strumentali ( operazioni di acquisizione, di leasing, ammortamenti, manutenzioni, dismissioni,..) Costruire un piano d ammortamento Iscrivere in bilancio i valori relativi ai beni strumentali con riferimento a prospettare situazioni concrete Eseguire valutazioni di convenienza in alcuni problemi di scelta relativi ai Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie d imprese. I beni strumentali: loro funzione strategica e principali classificazioni I concetti layout, di grado di utilizzo e di elasticità dei beni strumentali I problemi economicoaziendali, la normativa civilistica, e gli aspetti contabili relativi ai beni strumentali, in particolare: - le varie modalità di acquisizione - l ammortamento e le manutenzioni - la dismissione Il concorso dei beni strumentali alla formazione del reddito d esercizio e la rappresentazione dei relativi valori nel bilancio di fine periodo Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 8

9 beni strumentali Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi. Alcuni metodi di valutazione delle scelte relative agli investimenti in beni strumentali, La gestione delle risorse umane e il mercato del lavoro. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese Saper cogliere le caratteristiche del mercato del lavoro in un dato contesto ambientale Individuare le forme di reperimento e di formazione del personale Saper redigere un curriculum vitae Eseguire la liquidazione delle retribuzioni e determinare il TFR Rilevare in P.D. le operazioni relative al personale Collocare in bilancio le voci ed i valori che si ricollegano ai rapporti con il personale Calcolare il costo orario del lavoro Forme e strutture aziendali. Individuare i vari tipi di società Rilevare in P.D. le operazioni tipiche delle società di persone e delle società di capitali, con particolare riguardo a: costituzione della società e relativi conferimenti riparto degli utili e copertura delle perdite variazioni di capitale sociale finanziamenti dei soci prestiti obbligazionari (nelle società che hanno la facoltà di emetterli) Eseguire i calcoli relativi ai riparti degli utili e alle variazioni di capitale Il ruolo delle risorse umane in azienda e gli stili di direzione Il mercato del lavoro e le sue particolarità Il concetto di lavoro subordinato e le principali categorie di lavoratori dipendenti Le nuove forme contrattuali e la flessibilità del mercato del lavoro Le fasi della pianificazione delle risorse umane, le modalità di reperimento e di selezione del personale Gli aspetti amministrativi, contabili, previdenziali e fiscali della gestione del personale Le procedure per il calcolo del costo del lavoro. Le forme giuridiche delle imprese e la loro correlazione con le dimensioni aziendali Le società: concetto e classificazioni Le società di persone: costituzione e conferimenti; riparto degli utili e copertura delle perdite; variazioni del capitale sociale; finanziamenti dei soci; bilancio d'esercizio Le società di capitali: costituzione, conferimenti; riparto degli utili e copertura delle perdite; aumenti e diminuzioni di capitale sociale; prestiti Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 9

10 Redigere il bilancio d'esercizio secondo gli schemi previsti dal Codice Civile. La gestione finanziaria e il mercato dei capitali. obbligazionari; riserve e loro classificazione; bilancio d'esercizio Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese Orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativifinanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. Orientarsi nel mercato dei prodotti finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. Classificare gli investimenti e le fonti di finanziamento e cogliere le opportune correlazioni Calcolare i principali indicatori finanziari e cogliere la situazione di equilibrio o di disequilibrio della struttura finanziaria Riconoscere i diversi comparti del mercato dei capitali e saper classificare gli strumenti finanziari oggetto di negoziazione Eseguire i conteggi relativi: - a titoli di debito e ai titoli azionari - ai principali strumenti del mercato monetario La gestione delle imprese bancarie. Correlare le varie tipologie di credito alle diverse esigenze aziendali Classificare le operazioni bancarie e individuare le aree tipiche della gestione nonché i relativi componenti di reddito Riconoscere i caratteri della struttura patrimoniale dell impresa bancaria Tenere un conto corrente con il metodo scalare, procedimento amburghese. Le operazioni di raccolta fondi. Gli investimenti e i finanziamenti: varie tipologie; correlazione tra fonti ed impieghi Le condizioni per una struttura finanziaria e patrimoniale equilibrata L analisi della struttura finanziaria e patrimoniale e i relativi indicatori Il mercato dei capitali e i suoi comparti La Borsa valori e gli altri mercati mobiliari I principali strumenti del mercato mobiliare: le tipiche negoziazioni dei del debito e dei titoli di capitale Il mercato monetario: operatori e strumenti. I concetti di sistema finanziario e di attività bancaria La gestione delle banche, i suoi obiettivi e le norme tecniche che la regolano Le operazioni e le aree della gestione bancaria: la formazione del reddito e i risultati intermedi che lo determinano La struttura del patrimonio dell impresa bancaria L aspetto fiscale e l aspetto computistico delle operazioni bancarie. Orientarsi nel mercato dei prodotti finanziari, anche per collaborare nella ricerca Calcolare i più significativi parametri relativi ai depositi Compilare, analizzare e Le varie classificazioni dei depositi bancari Gli aspetti giuridici, tecnico- Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 10

11 di soluzioni economicamente vantaggiose. Orientarsi nel mercato dei prodotti finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. interpretare i documenti connessi ai depositi a risparmio e al rapporto di conto corrente di corrispondenza Eseguire correttamente i calcoli per la determinazione degli interessi sui depositi a risparmio e delle competenze periodiche sui conti correnti Il fido e i finanziamenti all impresa. Impostare una procedura di richiesta di fido Esaminare una richiesta di fido ed effettuare una prima valutazione Eseguire i conteggi connessi alle principali operazioni di finanziamento Riconoscere, analizzare, e interpretare i documenti bancari relativi alle varie operazioni di impiego creditizio. operativi ed economicoaziendali delle varie categorie di deposito a risparmio I parametri significativi relativi ai depositi Gli aspetti giuridici, tecnicooperativi ed economicoaziendali del rapporto di conto corrente di corrispondenza Gli altri strumenti di raccolta Il fido bancario: concetto e tipologie La procedura per la concessione del fido Le aperture di credito: varie tipologie Lo sconto cambiario Il portafoglio salvo buon fine gli anticipi su effetti e ricevute e le loro forme tecniche Gli anticipi su fatture Il factoring e le altre forme innovative di finanziamento. Classe 5^ Amministrazione Finanza Marketing COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di Riconoscere e classificare le imprese industriali Individuare, in casi concreti, il tipo di struttura patrimoniale delle imprese industriali Individuare i tipici settori della gestione delle imprese industriali e i processi che li determinano Redigere le tipiche scritture d'esercizio delle imprese industriali Comporre le scritture di assestamento e di chiusura delle imprese industriali I caratteri della produzione industriale Le principali classificazioni delle imprese industriali I settori e le scelte operative che caratterizzano la gestione delle imprese industriali La contabilità generale: alcune scritture d'esercizio tipiche delle imprese industriali Le scritture di assestamento dei conti a fine esercizio Il bilancio d'esercizio: richiamo dei concetti Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 11

12 contabilità integrata Redigere o concorrere alla redazione del bilancio d'esercizio secondo le norme del Codice Civile e nel rispetto dei fondamentali principi contabili internazionali IAS/IFBS Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle varie tipologie di imprese Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa per realizzare attività comunicative in relazione a differenti contesti Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l'ausilio di programmi di contabilità integrata Riclassificare il bilancio in funzione delle analisi Calcolare i principali indici di bilancio Coordinare gli indici a sistema e redigere una relazione interpretativa Determinare il flusso finanziario prodotto dalla gestione reddituale Ricostruire e rappresentare le variazioni finanziarie patrimoniali Redigere il rendiconto finanziario dei flussi di Ccn e dei flussi di cassa Redigere una relazione interpretativa del rendiconto finanziario Leggere e interpretare una relazione di revisione del bilancio Individuare i soggetti ai quali sono imputabili i redditi d'impresa Cogliere le cause delle divergenze tra reddito di bilancio e reddito fiscale Applicare il metodo LIFO a scatti per la valutazione fiscale delle rimanenze Calcolare gli ammortamenti fiscalmente deducibili Valutare la deducibilità fiscale delle spese di manutenzione, riparazione, ammodernamento, ecc. Individuare e determinare le principali variazioni fiscali Calcolare IRES dovuta e quella di competenza fondamentali Il processo di formazione del bilancio d'esercizio delle imprese industriali Le funzioni e gli obiettivi delle analisi per indici e per flussi Le fasi dei processi di analisi e i criteri di riclassificazione dei bilanci I diversi tipi di indicatori: la classificazione, il calcolo e l'impiego degli stessi Il coordinamento degli indici di bilancio e la loro lettura unitaria La metodologia di analisi dei flussi di Ccn e di cassa e la formazione dei relativi rendiconti finanziari Le tipologie di auditing e la funzione dei revisori La revisione legale dei conti: procedure e tipi di giudizio sul bilancio Il concetto di reddito d'impresa ai fini fiscali I principi ai quali si ispirano le norme fiscali sui componenti del reddito d'impresa La relazione tra il reddito contabile e il reddito fiscale Le norme del TUIR relative ai principali componenti del reddito d'impresa Le imposte che colpiscono il reddito d'impresa Variazioni temporanee: imposte differite e imposte anticipate La dichiarazione dei redditi d'impresa e i versamenti IRES e IRPEF Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 12

13 Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività, comunicative con riferimento a differenti contesti Riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali per coglierne le ripercussioni in un dato contesto Inquadrare l'attività di marketing nel ciclo di vita dell'azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e a diverse politiche di mercato Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. Riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati finanziari nazionali e internazionali Orientarsi nel mercato dei Calcolare l IRAP di una S.p.A. industriale Individuare, con riferimento ad alcuni casi concreti, le strategie adottate Classificare i costi secondo vari criteri Rappresentare graficamente i costi fissi e i costi variabili Calcolare i costi di prodotto e di processo secondo configurazioni a costi pieni e a costi variabili Applicare la break-even analysis a concreti problemi aziendali Risolvere alcuni problemi di scelta Redigere i budget settoriali e il budget d'esercizio Analizzare gli scostamenti tra dati standard e dati effettivi e individuare interventi correttivi Costruire business plan Raccogliere dati, elaborarli e interpretarli per studiare il comportamento dei consumatori e delle imprese concorrenti Collaborare all'elaborazione di piani di marketing in relazione alle politiche di mercato di un'azienda Individuare, in casi ipotizzati, il marketing mix per il lancio di nuovi prodotti Rappresentare graficamente in casi concreti gli andamenti delle vendite e individuare le fasi del ciclo di vita di un prodotto Compiere scelte razionali in merito al finanziamento degli investimenti aziendali Effettuare ricerche ed elaborare proposte in L'IRAP: nozioni generali e base imponibile Il processo di pianificazione strategica e le sue fasi Alcuni dei principali modelli di strategia aziendale La programmazione e il controllo della gestione L'oggetto della contabilità analitica (COAN) e le differenze con la contabilità generale (COGE) Le principali classificazioni e la metodologia di calcolo dei costi La break-even analysis I costi standard e il sistema di budgeting Il sistema di reporting Il business plan Il marketing: concetto, tipologia e funzioni Il piano di marketing: concetto, elaborazione, attuazione e verifica Gli strumenti di marketing: ciclo di vita del prodotto, politiche di vendita, attività promozionali Varie tipologie di strumenti finanziari: 1. I finanziamenti a titolo di capitale proprio, con particolare riferimento alle Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 13

14 prodotti assicurativofinanziari, anche per collaborare alla ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti Analizzare e produrre documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d'impresa relazione a specifiche situazioni finanziarie d'impresa e a vari contesti di mercato Leggere e interpretare casi concreti di bilanci di sostenibilità Confrontare i bilanci sociali e ambientali di alcune imprese e commentarne le caratteristiche e i contenuti Prendendo spunto dai casi studiati o da ricerche effettuate, redigere, report differenziati in relazione ai destinatari delle informazioni IPO ( offerta pubblica iniziale) 2. I finanziamenti a titolo di prestito Il ruolo delle banche d'investimento Il concetto di private equity Principali situazioni che motivano il ricorso ai finanziamenti di capitale nell'ambito delle strategie industriali e finanziarie dell'impresa I diversi stakeholder dell'impresa La responsabilità sociale e ambientale dell'impresa Il concetto di sostenibilità dell'attività d'impresa Il concetto di Creating shared value Gli strumenti, le forme, i contenuti e i destinatari della rendicontazione sociale e ambientale d'impresa Analisi di casi aziendali Analisi di casi aziendali Analisi di casi aziendali DEFINIZIONE DELLA SOGLIA DELLA SUFFICIENZA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Lo studente svolge compiti semplici in situazioni note. Lo studente possiede le abilità essenziali e sa applicare regole e procedure fondamentali. Lo studente possiede conoscenze essenziali. METODOLOGIE E STRUMENTI Utilizzo del testo Lezioni frontali Schemi riepilogativi Esercitazioni applicative degli argomenti trattati Soluzione di problemi e studio di casi pratici Utilizzo della modulistica in VERIFICHE Prove scritte Colloqui orali Test sommativi RECUPERO Recupero in itinere attraverso la ripetizione ed il ripasso di argomenti già trattati Assegnazione di compiti personalizzati per studenti che presentano lacune o incertezze in particolari Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 14

15 uso presso le aziende argomenti Eventuali corsi di recupero e/o tutoring Contenuti scanditi per anno classe 3^ AFM classe 4^ AFM classe 5^ AFM CONTENUTI CONTENUTI CONTENUTI L azienda e la sua organizzazione La gestione ed i suoi risultati. La gestione dei beni strumentali. La gestione delle risorse umane e il mercato del lavoro. Aspetti economicoaziendali delle imprese industriali Il bilancio d esercizio Predisposizione con dati a scelta del bilancio d esercizio. Analisi di bilancio per indici e per flussi e la revisione legale dei conti Il sistema informativo e le contabilità aziendali La contabilità generale delle imprese mercantili. La gestione della logistica aziendale. Forme e strutture aziendali. La gestione finanziaria e il mercato dei capitali La gestione delle imprese bancarie. Le imposte sul reddito d impresa La pianificazione strategica e il sistema di programmazione e controllo di gestione Politiche di mercato e piani di marketing La gestione delle vendite e il marketing. Le operazioni di raccolta fondi. L utilizzo di strumenti finanziari in prospettiva strategica Rendicontazione sociale e ambientale Analisi di casi aziendali Il fido e i finanziamenti all impresa. Analisi di casi aziendali Analisi di casi aziendali INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E MARKETING ARTICOLAZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI OBIETTIVI SECONDO BIENNIO IN TERMINI DI ABILITA E CONOSCENZE CLASSE 3^ AFM R.I. COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE L'organizzazione e la gestione dell'impresa Riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati nazionali e globali per coglierne le ripercussioni in un Individuare gli effetti dei cambiamenti geopolitici Analizzare i diversi aspetti dello sviluppo globale Concetto di impresa e sue classificazioni Cambiamenti geopolitici mondiali e globalizzazione Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 15

16 dato contesto: i macrofenomeni economici per connetterli alla specificità di un'azienda; i cambiamenti nei sistemi economici attraverso il confronto tra epoche, aree geografiche e culture diverse. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. Individuare i macro fenomeni internazionali e coglierne l'interdipendenza Reperire, rappresentare e commentare dati economici in funzione di specifiche esigenze conoscitive Riconoscere le interdipendenze tra i sistemi economici e le strategie di localizzazione, delocalizzazione e globalizzazione Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi Riconoscere l'assetto strutturale di un'impresa attraverso i suoi organigrammi e funzionigrammi Individuare e analizzare le operazioni di gestione Individuare le fonti di finanziamento Correlare finanziamenti e impieghi Redigere e interpretare i documenti aziendali Analizzare e commentare i risultati ottenuti in funzione delle specifiche esigenze conoscitive Contesto ambientale interno ed esterno all'impresa Scelte imprenditoriali per i mercati nazionali e internazionali Sistemi produttivi locali, nazionali e internazionali Concetto di organizzazione Modelli e strutture organizzative per le imprese che operano nei mercati nazionali e internazionali Operazioni e cicli della gestione aziendale Aspetto finanziario ed economico della gestione Fonti e impieghi di finanziamenti Componenti del reddito e del patrimonio Situazione economica e patrimoniale Equilibrio patrimoniale, finanziario ed economico Il sistema informativo dell impresa. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi Riconoscere e rappresentare l'architettura di un sistema informativo aziendale Redigere i documenti e la contabilità IVA per le operazioni di compravendita internazionale Redigere la contabilità utilizzando programmi applicativi integrati Strumenti di rappresentazione, descrizione e documentazione delle procedure e dei flussi informativi Finalità, concetti e tipologie della comunicazione d'impresa Architettura del sistema informativo aziendale Adempimenti della compravendita internazionale Regole e tecniche di contabilità generale Modelli, strumenti e forme di comunicazione aziendale integrata Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 16

17 riferimento a differenti contesti. La rilevazione contabile delle operazioni aziendali Interpretare i sistemi aziendali nei loro flussi informativi Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali Interpretare i sistemi aziendali nei loro flussi informativi Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei princìpi contabili Individuare e analizzare sotto il profilo finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali Tenere la contabilità aziendale Il bilancio d'esercizio Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei princìpi contabili Individuare e analizzare le operazioni di assestamento Tenere la contabilità aziendale Redigere i prospetti eli Stato patrimoniale e di Conto economico in forma abbreviata Casi aziendali. Princìpi contabili Regole e tecniche di contabilità generale Contabilizzazione della costituzione e delle operazioni di gestione Principi contabili Regole e tecniche di contabilità generale Scritture di assestamento, epilogo e chiusura dei conti Normativa civilistica in materia di bilancio in relazione alla forma giuridica di azienda Scritture di riapertura dei conti Classe 4^ Amministrazione Finanza Marketing Relazioni internazionali COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Dalle scritture di assestamento al bilancio Individuare le fonti e Principi contabili. analizzare i contenuti dei principi contabili. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l'ausilio di programmi di contabilità integrata. Utilizzare i sistemi Redigere la contabilità utilizzando programmi Regole e tecniche di contabilità generale. Aspetti economici e finanziari delle diverse Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 17

18 informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. applicativi integrati. Redigere e commentare i documenti che compongono il sistema di bilancio. aree di gestione aziendale. Normative e tecniche di redazione del sistema di bilancio. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Inquadrare l'attività di marketing nel ciclo di vita dell'azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti Riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e La finanza aziendale e le decisioni di investimento Individuare le possibili Correlazioni, calcolo, fonti di finanziamento analisi relative al nazionali e internazionali fabbisogno finanziario e in relazione alla forma alle connesse fonti di giuridica d'impresa. finanziamento nelle Correlare e comparare diverse forme giuridiche finanziamenti e impieghi. d'impresa. Il marketing Ricercare e descrivere le Principi, teoria e tecniche caratteristiche di mercati di marketing di beni o servizi. internazionale. Costruire strumenti di Analisi e politiche di indagine, raccogliere dati, mercato nazionale e elaborarli interpretarli per internazionale. individuare in un dato Leve di marketìng. contesto il comportamento Struttura del piano di dei consumatori e delle marketing. imprese concorrenti. Finalità, concetti e Riconoscere l'evoluzione tipologie della delle strategie di comunicazione d'impresa. marketing. Elaborare piani di marketing in relazione alle politiche di mercato nazionale e internazionale. Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali. Utilizzare codici e tecniche della comunicazione funzionali a contesti interni ed esterni all'azienda. Il ciclo degli scambi internazionali Riconoscere e analizzare i Norme, documentazione, diversi elementi che aziende ed enti a supporto caratterizzano gli scambi degli importatori e degli Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 18

19 globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un'azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Individuare le caratteristiche del mercato dei lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l'ausilio di programmi di contabilità integrata, Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. interni e internazionali, i principali documenti commerciali e bancari in ambito nazionale e internazionale. Riconoscere il ruolo delle aziende di servizi e degli enti a supporto degli importatori e degli esportatori. Riconoscere gli strumenti gli copertura dei rischi derivanti dall'operatività internazionale. esportatori nel commercio interno ed estero, Aspetti tecnici, economici, giuridici e contabili dei regolamenti internazionali. Analisi dei rischi e criteri di copertura delle operazioni commerciali nazionali e internazionali. La gestione delle risorse umane Raffrontare tipologie Caratteristiche del diverse di rapporti di mercato del lavoro, lavoro nazionali e Struttura, contenuto e internazionali e indicare aspetti economici dei criteri di scelta in contratti di lavoro. relazione a economicità, Politiche, strategie, efficienza, contesto sociale amministrazione nella e territoriale. gestione delle risorse Calcolare la umane. remunerazione del lavoro Tecniche di selezione del in relazione alla tipologia personale e curriculum contrattuale e redigerei europeo. connessi documenti amministrati Redigere il curriculum vitae big e simulare colloqui di selezione anche in lingua straniera. Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziarie ed economico le operazioni delle aree Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 19

20 Casi aziendali Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientate, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d'impresa. Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento. gestionali. Riconoscere e rappresentare l'architettura di un sistema informativo aziendale. Utilizzare codici e tecniche della comunicazione funzionali a contesti interni ed esterni all'azienda. Elaborare piani di comunicazioni integrata rivolti ai differenti soggetti interessati. Utilizzare lessico e fraseologia specifici di settore. Architettura del sistema informativo aziendale. Modelli, strumenti e forme di comunicazione aziendale integrata. Finalità, concetti e tipologie della comunicazione d'impresa. Lessico e fraseologia specifici di settore, anche in lingua inglese. Classe 5^ Amministrazione Finanza Marketing Relazioni internazionali COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Comunicazione economico-finanziaria Individuare le fonti e Principi contabili. analizzare i contenuti dei Normative e tecniche di principi contabili. redazione del sistema di Redigere e commentare i bilancio. documenti che Analisi di bilancio per compongono il sistema di indici e per flussi. bilancio. Interpretare la realtà aziendale attraverso l'analisi di bilancio Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. per indici e per flussi e comparare bilanci di aziende diverse. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del Contabilità generale Delineare il processo di pianificazione, programmazione e Strumenti e processo di pianificazione strategica e di controllo di gestione. Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 20

21 controllo di gestione, analizzandone i risultati. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione a del controllo di gestione, analizzandone i risultati. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. Inquadrare l'attività di marketing nel ciclo di vita dell'azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. controllo individuandone i tipici strumenti e il loro utilizzo, con particolare riferimento alle imprese che operano nei mercati internazionali. Strategie, pianificazione e programmazione aziendale Delineare il processo di Strumenti e processo di pianificazione, pianificazione strategica e programmazione e di controllo di gestione. controllo individuandone i Tecniche di reporting tipici strumenti e il loro realizzate con il supporto utilizzo, con particolare informatico. riferimento alle imprese che operano nei mercati internazionali. Costruire il sistema di budget; comparare e commentare gli indici ricavati dall'analisi dei dati. Predisporre report differenziati in relazione ai destinatari, anche in lingua straniera. Piani strategici Delineare il processo di pianificazione, programmazione e controllo individuandone i tipici strumenti e il loro utilizzo, con particolare riferimento alle imprese che operano nei mercati internazionali. Costruire un business plan. Elaborare piani di marketing in riferimento alle politiche di mercato negli scambi con l'estero. Strumenti e processo di pianificazione strategica e di controllo di gestione. Business plan di imprese che operano nel mercato interno ed estero. Politiche di mercato e piani di marketing nazionali e internazionali. Programmazione di economia aziendale 2 biennio -quint anno ITE A.S. 2015/2016 coordinatore Prof.ssa Marisa Zambotto 21

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico AREA DI ISTRUZIONE GENERALE RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Economia aziendale secondo biennio SIA

Economia aziendale secondo biennio SIA Economia aziendale secondo biennio SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA (^) classe terza SIA MODULO DISCPLINARE Modulo 1 IL SISTEMA AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE (**) CONOSCENZE

Dettagli

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A.

PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A. PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A. Tomo 1 Modulo1 1. Le società di persone. Gestire il sistema delle rilevazioni con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale.

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. Falcone e Borsellino Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale. Anno scolastico 2015 2016 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe: IV I.T.E. Insegnante: CAVICCHIOLI MARZIA Materia: ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Marzia Cavicchioli

Dettagli

Futuro e impresa per il secondo biennio

Futuro e impresa per il secondo biennio Lucia Barale, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Futuro e impresa per il secondo biennio Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente del volume Futuro

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ( in base alle linee guida) : ECONOMIA AZIENDALE Classi Quarte indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE ( in base alle linee guida) : ECONOMIA AZIENDALE Classi Quarte indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE ( in base alle linee guida) : ECONOMIA AZIENDALE Classi Quarte indirizzo AFM Tomo 1 Modulo1 1. Le società di persone Individuare e accedere alla normativa attività. Gestire il sistema delle

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

Roma, ITIS G. GALILEI 28 ottobre 2010

Roma, ITIS G. GALILEI 28 ottobre 2010 Roma, ITIS G. GALILEI 28 ottobre 2010 PROFILO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il Diplomato ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali e internazionali, della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, con le sue due articolazioni, si riferisce ad ambiti e processi essenziali

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

MODELLO PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISCIPLINA Economia aziendale. classe quinta AFM/SIA

MODELLO PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISCIPLINA Economia aziendale. classe quinta AFM/SIA MODELLO PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISCIPLINA Economia aziendale classe quinta AFM/SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA TOMO 1 MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Professionale Economia Aziendale Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/67.90.18 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 5^ SI DOCENTE: BONOMINI MIRELLA A B C D Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture I CARATTERI DELLE Le

Dettagli

L Istituto Tecnico Vittorio Emanuele II ha attivato fino all anno scolastico in corso 2009-2010 i seguenti tre indirizzi:

L Istituto Tecnico Vittorio Emanuele II ha attivato fino all anno scolastico in corso 2009-2010 i seguenti tre indirizzi: L Istituto Tecnico Vittorio Emanuele II ha attivato fino all anno scolastico in corso 2009-2010 i seguenti tre indirizzi: Perito aziendale e corrispondente in lingue estere ( P.A.C.L.E.) Perito aziendale

Dettagli

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Aree gestionali e loro riflessi contabili e di bilancio [29 agosto 2013] Riclassificazione e analisi di bilancio di un impresa turistica [29

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Liceo classico. Liceo Linguistico

Liceo classico. Liceo Linguistico quadri orari definitivi degli indirizzi presenti nell Istituto De Sanctis, in vigore dal 2010-2011 Liceo classico 1 2 3 4 Lingua e cultura latina 5 5 4 4 4 Lingua e cultura greca 4 4 3 3 3 Lingua e cultura

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Annalisa Butturini MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 A AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Classe: 4^ AFM a. s. 2014/2015 Libro di testo: Entriamo in azienda oggi 2 ed. Tramontana METODOLOGIA La trasmissione

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Indirizzo: Classe: Quarta Amministrazione,Finanza e Marketing. Disciplina: Economia aziendale ABILITA

Indirizzo: Classe: Quarta Amministrazione,Finanza e Marketing. Disciplina: Economia aziendale ABILITA Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: DAL FARRA EDI MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico Area di istruzione generale RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo

Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo Istituto Tecnico Tecnologico In Primo 33 ore alla settimana Orario dalle 8:00 alle ore 13:30 Dal Secondo al Quinto 32 ore alla settimana Orario : Lunedì

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R 1 CLASSE II R U.D. I credito e i relativi calcoli finanziari - I finanziamenti dell attività economica - Remunerazione del credito: l interesse - Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo

Dettagli

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE ISTITUTO TECNICO STATALE P. BRANCHINA ADRANO (CT) Programma Classe Quinta Sez. B IGEA Anno Scolastico 2013 2014 Prof. Angelo Leocata Materia d Insegnamento Economia Aziendale LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO Settore Servizi SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SERVIZI COMMERCIALI 1-2 Articolazioni 1-2 SERVIZI di ENOGASTRO- NOMIA SERVIZI di SALA e VEN-

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. BRACCINI

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le Gruppo di Insegnanti di Economia Aziendale e di Informatica Coordinatore: prof. Pellegrini Claudio Contenuti e obiettivi minimi previsti per il percorso didattico relativo alle discipline di economia a

Dettagli

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento.

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. MODULO 0 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO E LA CHIUSURA DEI CONTI RISULTATI DI APPRENDIMENTO Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. Elaborare le scritture di chiusura CONOSCENZE Il concetto di

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

CLASSE QUINTA. Modulo 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO. Prerequisiti Contenuti Sussidi e Logistica Metodi Verifiche Obiettivi Minimi. Obiettivi: COMPETENZA

CLASSE QUINTA. Modulo 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO. Prerequisiti Contenuti Sussidi e Logistica Metodi Verifiche Obiettivi Minimi. Obiettivi: COMPETENZA CLASSE QUINTA Modulo 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO Sapere:La normativa civilistico e le funzioni del Bilancio d Esercizio, il contenuto dei documenti che compongono il Bilancio e dei documenti che lo compongono,

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica.

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. L azienda e i suoi elementi costitutivi. Concetti di: patrimonio, investimento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING CLASSE TERZA AFM Correlazioni, calcolo e analisi del fabbisogno Fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa Teoria e principi di organizzazione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO A.S. 2012/2013 Pagina 1 di 6 Conoscenze Abilità Competenze professionali MODULO 1 L azienda e la sua organizzazione 1. 1. L azienda, il contesto in cui opera, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

CLASSE QUARTA Modulo 4 LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CLASSE QUARTA Modulo 4 LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CLASSE QUARTA Modulo 4 LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Sapere:Concetto di lavoro subordinato e principali categorie di lavoratori dipendenti; organizza del lavoro e nuove tendenze, amministra del personale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ALLEGATO N AL VERBALE N. PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI ANNO

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Socio-Sanitari

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Socio-Sanitari PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA 4 a Tecnico dei Servizi Commerciali ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Piraino Domenico Materia: Tecniche Prof.li dei serv. comm.li Classe: 4^ Sez. B tsc Situazione iniziale

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015 PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015 Prof.ssa Bisognin Paola Materia: Economia Aziendale e geo-politica: classe 5^ B RIM CLASSE QUINTA TESTO/I ADOTTATO/I: : Eugenio Astolfi, Lucia Nazzaro, Stefano

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore industria e artigianato

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore industria e artigianato Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore industria e artigianato Area di istruzione generale RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA-WEISSE ROSE PIANI DI STUDIO PRIMO BIENNIO ECONOMIA AZIENDALE INDIRITTO MARKETING E FINANZA E TURISTICO

ISTITUTO D'ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA-WEISSE ROSE PIANI DI STUDIO PRIMO BIENNIO ECONOMIA AZIENDALE INDIRITTO MARKETING E FINANZA E TURISTICO ISTITUTO D'ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA-WEISSE ROSE PIANI DI STUDIO PRIMO BIENNIO ECONOMIA AZIENDALE INDIRITTO MARKETING E FINANZA E TURISTICO Economia aziendale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1A 2A 3A 4A 5A

Dettagli