STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia. Roma, 26/03/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia. Roma, 26/03/2013"

Transcript

1 STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia Overview of meteo data policy in the international organization and the role of ITAF Meteorological Service WORKSHOP DATA POLICY WORKSHOP DATA POLICY Roma, 26/03/2013

2 Argomenti trattati:. Data Policy Global level. Data Policy European level. Data Policy National level. Categorie di Utenza. Tipologie di forniture dati

3 DATA POLICY - GLOBAL LEVEL (WMO) RISOLUZIONE 40 (Cg-XII) WMO policy and practice for the exchange of meteorological and related data and products including guidelines on relationships in commercial meteorological activities. i Paesi Membri devono fornire on a free and unrestricted basis i dati ed i prodotti essenziali.. (elencati nell Annesso 1) Nota: free and unrestricted significa non-discriminatory and without charge; without charge (nel contesto della risoluzione 40) significa a non più del costo di riproduzione e di rilascio, senza oneri per i dati ed i prodotti stessi (onerosità propria)

4 DATA POLICY - European level (ECOMET) European COoperation in METerology, raggruppamento di Interesse Economico tra i Servizi Meteorologici di 25 Paesi europei che si propone di: - salvaguardare il libero scambio di dati/prodotti meteo fra i membri del gruppo, nel quadro delle regole dell OMM; - prevenire, nelle attività economiche associate allo sviluppo della meteorologia, la concorrenza sleale fra Servizi Meteorologici Nazionali, Enti Pubblici e Agenzie private.

5 DATA POLICY - European level (ECOMET) L Assemblea Generale è l organo decisionale, a cui partecipano i Direttori dei Servizi Meteorologici Nazionali dei Paesi Membri. L ECOMET Working Group (ECOWG) è stato istituito dall Assemblea Generale per ricevere opinioni e raccomandazioni su tematiche richieste dalla stessa Assemblea o da singoli Membri. The ECOMET Catalogue e le Internal Rules of Operation regolano la cessione di dati/prodotti direttamente attraverso i singoli stati membri.

6 DATA POLICY - European level (ECMWF) European Centre for Medium-Range Weather Forecast IL CONSIGLIO è l organo decisionale. Per l Italia partecipa un rappresentante del MIUR ed un rappresentante (Capo Reparto Meteorologia di SMA-USAM) del Servizio Meteo dell A.M. Il Comitato consultivo per la data policy (ADCP) è stato istituito dal Consiglio nel Dicembre 2001 (55^ sessione). Il suo compito è quello di preparare raccomandazioni da sottoporre al Consiglio su argomenti relativi alla ECMWF data policy ed alla sua implementazione The Catalogue of ECMWF Real-Time Products e la Guide to the Catalogue of ECMWF Products regolano la cessione di dati/prodotti direttamente attraverso i singoli stati membri.

7 DATA POLICY - European level (EUMETSAT) Il CONSIGLIO è l organo decisionale. Il Capo Reparto Meteorologia di SMA-USAM è il rappresentante nazionale. Il Data Policy Group (DPG) ha il compito di considerare gli argomenti relativi alla policy di distribuzione dei dati e prodotti satellitari. The EUMETSAT Principles on Data Policy e le Implementing Rules regolano la cessione di dati/prodotti direttamente attraverso i singoli stati membri.

8 DATA POLICY National level Il Servizio Meteo dell A.M. è de facto il Servizio Meteorologico Nazionale e quindi è l interfaccia nazionale verso le varie organizzazioni meteorologiche internazionali. Nell ambito dello scambio internazionale dei dati: accentra e distribuisce dati e prodotti di origine nazionale e internazionale presenti sul GTS (RTH); distribuisce dati/prodotti/servizi dell ECMWF;

9 DATA POLICY National level Il Servizio Meteo dell A.M./SMN nell ambito della data policy internazionale: cura l aggiornamento dell elenco dei dati/prodotti nazionali da inserire nel catalogo ECOMET; rappresenta l Italia nei gruppi di lavoro relativi alla data policy (ECOWG, DPG EUMETSAT, ACDP ECMWF);

10 DATA POLICY National level Il Servizio Meteo A.M., al fine della fornitura dei dati/prodotti, ha definito: - l elenco dei dati/prodotti/servizi meteo da rendere disponibili all Utenza nazionale; - le procedure tecnico/amministrative e gli articolati contrattuali (Convenzioni, Protocolli d Intesa, ecc.) per la formalizzazione delle cessioni dati/prodotti/servizi di cui sopra. C.U.S.T.O.ME.R. (Condizioni Unificate e Sistemi Tariffari Orientati alle MEteo-Risorse), Listino del Servizio Meteorologico dell, regola la cessione di dati/prodotti/servizi in linea con tutte le normative nazionali ed internazionali (viene aggiornato annualmente, prima approvato ed emanato da TELEDIFE, ora dallo SMA).

11 Tipologie di fornitura dati/prodotti/servizi Fornitura di dati di base, sia d archivio sia in tempo reale; Fornitura di prodotti/servizi tramite la propria commercial branch (società Difesa Servizi S.p.A.); Fornitura dati/prodotti/servizi nell ambito di Collaborazioni mutual benefit con enti istituzionali (Official duty); Rilascio di licenze d uso EUMETSAT, SecurID (ECMWF), ecc.;

12 DATA POLICY National level Il Servizio Meteo dell A.M., in qualità di SMN de facto cura l elenco dei dati/prodotti nazionali da inserire nel catalogo ECOMET; rappresenta l Italia nei gruppi di lavoro internazionali relativi alla data policy (ECOWG, DPG EUMETSAT, ACDP ECMWF); è quindi è pienamente disponibile a coordinare, con le altre entità originatrici di dati/prodotti meteorologici, la data policy meteorologica nazionale;

13 STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia Overview of meteo data policy in the international organization and the role of ITAF Meteorological Service Col. Giovanni MARESCA

Ministero della Difesa. Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R.

Ministero della Difesa. Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R. Ministero della Difesa Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R. Condizioni Unificate e Sistemi Tariffari Orientati alle MEteo-Risorse

Dettagli

Ministero della Difesa. Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R.

Ministero della Difesa. Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R. Allegato D Ministero della Difesa Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R. Condizioni Unificate e Sistemi Tariffari Orientati alle

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2013-14 del 09/01/2013 Oggetto CIG N. 479412D17 Servizio Idro-Meteo-Clima.

Dettagli

Gli enti aeronautici internazionali

Gli enti aeronautici internazionali N O E S Gli enti aeronautici internazionali Approfondimenti 1 L ICAO L ICAO è un organismo internazionale permanente con sede a Montreal, creato dalla Convenzione di Chicago per promuovere ed assicurare

Dettagli

LA PREVISIONE E MONITORAGGIO METEOROLOGICO: GLI STRUMENTI E LE FINALITÀ DEL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE LIGURIA GESTITO DA ARPAL

LA PREVISIONE E MONITORAGGIO METEOROLOGICO: GLI STRUMENTI E LE FINALITÀ DEL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE LIGURIA GESTITO DA ARPAL LA PREVISIONE E MONITORAGGIO METEOROLOGICO: GLI STRUMENTI E LE FINALITÀ DEL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE LIGURIA GESTITO DA ARPAL Elisabetta Trovatore, Roberto Cresta, Davide Sacchetti, Mauro Damonte,

Dettagli

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni Sistema Rilevamento del Wind - Shear per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo 1 Sommario Obiettivi e punti chiave del Programma; Stato Attuale dei Sistemi Installati a Palermo; Sistema in realizzazione Palermo

Dettagli

Tariffe di fornitura energia elettrica - Mercato Maggior Tutela 01 ottobre - 31 dicembre 2015. Clienti NON DOMESTICI

Tariffe di fornitura energia elettrica - Mercato Maggior Tutela 01 ottobre - 31 dicembre 2015. Clienti NON DOMESTICI Tariffe di fornitura energia elettrica - Mercato Maggior Tutela 01 ottobre - 31 Clienti NON DOMESTICI A) Utenze con potenza disponibile fino a 16,5 kw - per potenze impegnate inferiori o uguali a 1.5 kw

Dettagli

Servizio Clima di Copernicus Operatore ECMWF

Servizio Clima di Copernicus Operatore ECMWF Servizio Clima di Copernicus Operatore ECMWF Copernicus Climate Change Service CCCS 1 Copernicus Workshop 27 Giugno 2014, Roma B.Gen. De Leonibus (delegato ECMWF e WMO PR ) Servizio Meteorologico Nazionale

Dettagli

Quadro complessivo Componente In-situ e Componente Servizi

Quadro complessivo Componente In-situ e Componente Servizi Programma europeo per l osservazione della Terra Workshop Nazionale Quadro complessivo Componente In-situ e Componente Servizi Prof. Bernardo De Bernardinis Presidente ISPRA Co-Delegato Nazionale Comitato

Dettagli

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Elenco Enti: ICAO - FAA IATA EUROCONTROL EASA ENTI NAZIONALI ICAO (International

Dettagli

I Convegno OSN Centro Alti Studi per la Difesa, Roma 25 Ottobre 2005. I Confini, le Città, le Infrastrutture Critiche

I Convegno OSN Centro Alti Studi per la Difesa, Roma 25 Ottobre 2005. I Confini, le Città, le Infrastrutture Critiche I Convegno OSN Centro Alti Studi per la Difesa, Roma 25 Ottobre 2005 I Confini, le Città, le Infrastrutture Critiche Infrastrutture Aeroportuali Critiche: criteri di classificazione e metodologie di analisi

Dettagli

Un sistema informativo ambientale per la gestione del mare: uso del free software Ocean Data View

Un sistema informativo ambientale per la gestione del mare: uso del free software Ocean Data View ANNO ACCADEMICO 2010-11 Un sistema informativo ambientale per la gestione del mare: uso del free software Ocean Data View Relatore: Chiar. mo Prof. Giuseppe M. R. Manzella Candidata: Dott.ssa Chiara Romano

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli

RELAZIONE SUL PROGETTO METEOLAB DVD-ROM Laboratorio multimediale di meteorologia

RELAZIONE SUL PROGETTO METEOLAB DVD-ROM Laboratorio multimediale di meteorologia RELAZIONE SUL PROGETTO METEOLAB DVD-ROM Laboratorio multimediale di meteorologia Contenuti Introduzione al progetto Il problema affrontato gli obiettivi modalità di realizzazione contenuti innovativi prodotti

Dettagli

Che cos è? MosaicoX è open source ed è distribuito con licenza GPL: al momento dell acquisto l utente riceverà il codice sorgente del programma.

Che cos è? MosaicoX è open source ed è distribuito con licenza GPL: al momento dell acquisto l utente riceverà il codice sorgente del programma. Che cos è? MosaicoX è un software gestionale di natura web, semplice da utilizzare, dedicato alle piccole e medie imprese, liberi professionisti e artigiani, che hanno la necessità di gestire la propria

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

TOTALE Oneri *** Quota energia ( /kwh) fascia F1 fascia F2 fascia F3 di rete** fascia F1 fascia F2 fascia F3 luglio 2015 0,08012 0,07670 0,06301

TOTALE Oneri *** Quota energia ( /kwh) fascia F1 fascia F2 fascia F3 di rete** fascia F1 fascia F2 fascia F3 luglio 2015 0,08012 0,07670 0,06301 Tariffe fornitura energia elettrica - Mercato Maggior Tutela 01 luglio 30 Clienti NON DOMESTICI A. Utenze con potenza disponibile fino a 16,5 kw per potenze impegnate inferiori o uguali a 1.5 kw fascia

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Finalità e governance del servizio

Finalità e governance del servizio Il documento AIB per il #nuovo SBN, approvato dal CEN dell Associazione italiana biblioteche nel dicembre 2013 e che indica alcune linee di intervento per rilanciare il Servizio bibliotecario nazionale,

Dettagli

La standardizzazione e i progetti internazionali

La standardizzazione e i progetti internazionali La standardizzazione e i progetti internazionali Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione La gestione

Dettagli

ANTEOS. La soluzione APR per operazioni specializzate critiche. Paolo Marras, CTO - Modena, 20.02.2014. www.aermatica.com

ANTEOS. La soluzione APR per operazioni specializzate critiche. Paolo Marras, CTO - Modena, 20.02.2014. www.aermatica.com ANTEOS La soluzione APR per operazioni specializzate critiche Paolo Marras, CTO - Modena, 20.02.2014 Sommario L azienda Aermatica Il SAPR ANTEOS Gli Scenari e le Applicazioni La proposta per gli Operatori

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL 1 22.03.2002 Rev. Generale

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA STANDARD DI PRODOTTO PIANO DI QUALITA' DI PROGETTO

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA STANDARD DI PRODOTTO PIANO DI QUALITA' DI PROGETTO SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA STANDARD DI PRODOTTO PIANO DI QUALITA' DI PROGETTO Pag. I INDICE pag. 1. INTRODUZIONE...1 1.1 PREMESSA...1 1.2 SCOPO DEL DOCUMENTO...1

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Alla luce della crescente convergenza delle minacce nei confronti del Web e della posta elettronica, oggi è più importante che mai poter contare su una

Dettagli

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica 14 ottobre 2013 REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione Modello operativo di verifica MARCO CHIESA 1 GLI OBIETTIVI DEL MODELLO PREMESSA Negli ultimi anni i più eclatanti

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 Il Consiglio Direttivo dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, riunito in Roma il giorno 23 gennaio 2015, alla presenza

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Bologna, 29 aprile SAFER, SMARTER, GREENER Scenario normativo La prima edizione della norma ISO 9001 è stata pubblicata

Dettagli

RAPPORTI CONTRATTUALI

RAPPORTI CONTRATTUALI Emesso il:.03.200 Pagina di 5 Emesso il:.03.200 I N D I C E. SCOPO 2. GENERALITÀ 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. LISTA DI DISTRIBUZIONE 5. 5. Rapporti con Enti Pubblici statali, regionali e locali 5.2 Rapporti

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ISMS OR / RESPONSABILI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA TECNICA

SCHEDA INFORMATIVA TECNICA SCHEDA INFORMATIVA TECNICA 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA Al fine di procedere all ammodernamento della strumentazione impiegata nelle stazioni della rete A.M. per le osservazioni meteorologiche al suolo e

Dettagli

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATION ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATIONS Cosa sono? Le stazioni sono realizzate conformemente alla direttiva mondiale WMO (World Meteorological Organization), Annex n.8, e sono utilizzate

Dettagli

Le informazioni. Meteorologica. portuali di Gian Carlo Ruggeri. Ciò che è e come vorremmo si trasformasse

Le informazioni. Meteorologica. portuali di Gian Carlo Ruggeri. Ciò che è e come vorremmo si trasformasse Le informazioni meteorologiche portuali di Gian Carlo Ruggeri Ciò che è e come vorremmo si trasformasse L Organizzazione Meteorologica Mondiale (O.M.M.), organismo del - le Nazioni Unite, comprende 189

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 Privacy Policy Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 BE WITH US ONLUS, considera di fondamentale importanza la "privacy" dei propri utenti e garantisce

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI. Commissioni riunite VI e X Finanze e Attività produttive. Legge annuale per il mercato e la concorrenza A.C.

CAMERA DEI DEPUTATI. Commissioni riunite VI e X Finanze e Attività produttive. Legge annuale per il mercato e la concorrenza A.C. CAMERA DEI DEPUTATI Commissioni riunite VI e X Finanze e Attività produttive Legge annuale per il mercato e la concorrenza A.C. 3012 Direttore Generale dell ABI Giovanni Sabatini 10 giugno 2015 AUDIZIONI

Dettagli

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag.

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag. Newsletter SITAD Agosto 2008 numero 13 Sommario INSPIRE: Call for comments e Metadata Editor DT Data Specifications: on-line il draft per la codifica dei dati spaziali INSPIRE Metadata Editor: disponibile

Dettagli

OGGETTO: Procedura Aperta per l affidamento della gestione in service del Laboratorio di AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI

OGGETTO: Procedura Aperta per l affidamento della gestione in service del Laboratorio di AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI Via Unità Italiana, 28-81100 Caserta SERVIZIO PROVVEDITORATO/ECONOMATO Tel. 0823/44.5226 Fax 0823/279581 OGGETTO: Procedura Aperta per l affidamento della gestione in service del Laboratorio di Emodinamica

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES (proposta deliberata dal Senato Accademico nella seduta del 23 maggio 2013 e approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23 maggio

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti BUDGET ICT SCG-L11 Pagina 0 di 17 OBIETTIVI DELLA LEZIONE SPIEGARE LE LOGICHE DI COSTRUZIONE DEL BUDGET ICT

Dettagli

LA PROMOZIONE DELL INTEGRITA DEGLI APPALTI PUBBLICI PER LA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE E GRANDI EVENTI.

LA PROMOZIONE DELL INTEGRITA DEGLI APPALTI PUBBLICI PER LA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE E GRANDI EVENTI. LA PROMOZIONE DELL INTEGRITA DEGLI APPALTI PUBBLICI PER LA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE E GRANDI EVENTI. LA VIGILANZA DEGLI APPALTI PUBBLICI DI EXPO MILANO 2015 Presentazione Martedì 31 marzo

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

Produzione e Validazione. del progetto MINNI. Lina Vitali, Massimo D Isidoro ENEA- UTVALAMB-AIR

Produzione e Validazione. del progetto MINNI. Lina Vitali, Massimo D Isidoro ENEA- UTVALAMB-AIR Produzione e Validazione dei campi Meteorologici nell ambito del progetto MINNI Lina Vitali, Massimo D Isidoro ENEA- UTVALAMB-AIR Incontro ENEA LaMMA Bologna, 27 settembre 212 Il Progetto MINNI http://www.minni.org/

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

SISTEMA PER LA TRASMISSIONE TELEMATICA DI DATI

SISTEMA PER LA TRASMISSIONE TELEMATICA DI DATI CONVENZIONE INTERBANCARIA PER I PROBLEMI DELL AUTOMAZIONE (CIPA) SISTEMA PER LA TRASMISSIONE TELEMATICA DI DATI REQUISITI TECNICI, FUNZIONALI E DI SICUREZZA E STANDARD DI COLLOQUIO Il presente documento

Dettagli

Osservazioni generali

Osservazioni generali Documento di consultazione n. 1/2014 Schema di Regolamento 20/2008 recante nuove disposizioni in materia di controlli interni, gestione dei rischi ed esternalizzazione Legenda Nella riga Commentatore i

Dettagli

Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems

Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems Le presenti Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems ( Condizioni Integrative ) si

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese CHIAVARI

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese CHIAVARI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese CHIAVARI Oggetto: accordo quadro per fornitura di materiale elettrico, per la manutenzione ordinaria da parte degli

Dettagli

COMUNE DI LAUREANA CILENTO. Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA E L UTILIZZO DI SPAZI PUBBLICITARI SUL SITO INTERNET COMUNALE

COMUNE DI LAUREANA CILENTO. Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA E L UTILIZZO DI SPAZI PUBBLICITARI SUL SITO INTERNET COMUNALE COMUNE DI LAUREANA CILENTO Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA E L UTILIZZO DI SPAZI PUBBLICITARI SUL SITO INTERNET COMUNALE Art. 1 - "CONDIZIONI GENERALI" Art. 2 - "DURATA" Art. 3 - "PAGAMENTI"

Dettagli

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 enav.it Hotel Hilton Aeroporto Fiumicino SOMMARIO: Quadro normativo; Contenuto del Reg. 73/2010 e date di applicabilità;

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2 Garantire la continuità operativa in caso di interruzioni, siano esse dovute a incidenti gravi o inconvenienti minori, rappresenta oggi un requisito fondamentale per qualsiasi organizzazione che opera

Dettagli

Èormai diffusa la consapevolezza che

Èormai diffusa la consapevolezza che L OSSERVAZIONE DELLA TERRA PER LA METEOROLOGIA Stato attuale e prospettive in Europa e in Italia BRIG. GEN. CARLO FINIZIO Premessa Èormai diffusa la consapevolezza che l Era dell Informazione è iniziata

Dettagli

GUIDA OPERATIVA E MODULISTICA. D.Lgs. 185/2000 Franchising

GUIDA OPERATIVA E MODULISTICA. D.Lgs. 185/2000 Franchising GUIDA OPERATIVA E MODULISTICA D.Lgs. 185/2000 Franchising Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa S.p.A. GR MO SQ 0035 016 01 1 INDICE INTRODUZIONE ALLA

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

Presupposti tecnici e aspetti procedurali dell'interoperabilità tra ILL-SBN e Aleph500

Presupposti tecnici e aspetti procedurali dell'interoperabilità tra ILL-SBN e Aleph500 Presupposti tecnici e aspetti procedurali dell'interoperabilità tra ILL-SBN e Aleph500 Immagine sede evento Liliana Bernardis Roma, 12 maggio 2014 Le origini della collaborazione Roma, 18 settembre 2007

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Silvano Pecora Servizio Idro-Meteo-Clima ARPA Emilia-Romagna

Silvano Pecora Servizio Idro-Meteo-Clima ARPA Emilia-Romagna La piattaforma a WMO Italia a per la disponibilità, condivisione, interoperabilità in tempo quasi reale di dati ed informazioni per lo svolgimento dei servizi di idrologia Silvano Pecora Servizio Idro-Meteo-Clima

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

Il perché della ricerca

Il perché della ricerca LA DOMANDA DI INFORMAZIONE AMBIENTALE VERSO LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Roberta Cucca Workshop: Informazione ambientale nella pubblica amministrazione. Esperienze a confronto. Università Bocconi, 27 settembre

Dettagli

Tecnico grafico. Standard della Figura nazionale

Tecnico grafico. Standard della Figura nazionale Tecnico grafico Standard della Figura nazionale 1 Denominazione della figura TECNICO GRAFICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT

Dettagli

COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA

COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA SCOR / INTEROPERABILITA VERBALE DELLA RIUNIONE DELL'8 NOVEMBRE 2001 L anno duemilauno il giorno otto del mese di novembre alle ore 10.30 si è riunito a Roma, Via

Dettagli

Specifica dei requisiti

Specifica dei requisiti Specifica dei requisiti Contenuto: Cosa sono i requisiti Specifica col metodo classico Standard IEEE 830-1998 Cenni su altri standard 1 Cosa sono i requisiti Con la parola requisito si intende una caratteristica

Dettagli

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo La previsione meteo 1 I dati della rete di monitoraggio 2 Le immagini satellitari 3 Le immagini radar 4 I radiosondaggi 5 Le carte di analisi al suolo Nuovi metodi di osservazione e calcolo (1960-1980

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Agristransfer-in-Sudha sperimentato metodologie utili per PSR regionali 2014-2020 (network, azioni integrate, interregionalità).

Agristransfer-in-Sudha sperimentato metodologie utili per PSR regionali 2014-2020 (network, azioni integrate, interregionalità). IL PUNTO DI VISTA DELLA RETE SERVIZI LUIGI TROTTA REGIONE PUGLIA Segreteria Rete interregionale Servizi di Sviluppo Agricolo I temi dell'innovazione e del suo trasferimento sono centrali nella programmazione

Dettagli

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA 1. Che cos è la consulenza giuridica La consulenza giuridica dell Aeronautica Militare si esplica come attività di supporto all azione di comando, volta ad assistere

Dettagli

ILL-SBN un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti su Internet. Milano, 12 maggio 2009 Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn.

ILL-SBN un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti su Internet. Milano, 12 maggio 2009 Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn. ILL-SBN un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti su Internet Milano, 12 maggio 2009 Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn.it 1 ILL-SBN: un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura

Dettagli

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI 5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI Responsabile: Dott. Parrinello Antonio Giuseppe Tel.: 0917076039 E-mail: agri1.areaaffarigenerali@regione.sicilia.it Assegnazione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma

Iniziativa : Sessione di Studio a Roma Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

METEOROLOGA METEOROLOGO

METEOROLOGA METEOROLOGO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 METEOROLOGA METEOROLOGO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4

Dettagli

Il futuro dei Social Network: ricadute economiche e sociali per il sistema Paese. Profili giuridici

Il futuro dei Social Network: ricadute economiche e sociali per il sistema Paese. Profili giuridici Il futuro dei Social Network: ricadute economiche e sociali per il sistema Paese. Profili giuridici Prof. Avv Maurizio Mensi 1 Internet come commodity? Social Network: piattaforma di aggregazione, ricerca

Dettagli

Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines

Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines Lo standard ISO 31000 nel sistema di controllo interno e di gestione dei rischi ex art. 7 del Codice di Autodisciplina

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il modello OAIS SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Creare la massa critica Building critical mass

Creare la massa critica Building critical mass SWIFTNet Funds Workshop Creare la massa critica Building critical mass Hotel Michelangelo Via Scarlatti 33 20124 Milan Italy Giovedí, 30 marzo 2006 Thursday, 30 March 2006 Venite a sentire cosa ne pensano

Dettagli

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Agenda dell incontro 2 A. Premesse: 1. Introduzione e sintesi del quadro normativo 2. Stato di avanzamento dei

Dettagli

Management e certificazione: valori per le reti di impresa

Management e certificazione: valori per le reti di impresa ACCREDIA L ente italiano di accreditamento ACCREDIA Management e certificazione: valori per le reti di impresa Roma, 9 maggio 2013 Documento sviluppato da: Accredia Via G. Saliceto, 7/9 00161 Roma Rif.

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

Nuove regole per il trattamento dei pazienti critici in Italia

Nuove regole per il trattamento dei pazienti critici in Italia Intensive Care Med (2004) 3:239-240 Ed. Italiana Pubblicato online il 15 Giugno 2004 Springer-Verlag 2004 N. Zamperetti G. Conti Nuove regole per il trattamento dei pazienti critici in Italia N. Zamperetti

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4. TECNICO GRAFICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Slovenia. Disaster Management. System in

Slovenia. Disaster Management. System in Cristiana Vittorini E S T E R O Disaster Management 1 System in Slovenia Ce ne parlano Milena Dobnik Jeraj, Amministrazione della Repubblica di Slovenia per la Protezione Civile e il Soccorso nei Disastri,

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Classe: 3 Disciplina: Diritto

Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Classe: 3 Disciplina: Diritto Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Classe: 3 Disciplina: Diritto Prof. Competenze disciplinari: 1. Individuare e accedere alla normativa civilistica 2. Individuare

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI 10 U FFICI RELAZIONE CON IL PUBBLICO

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI 10 U FFICI RELAZIONE CON IL PUBBLICO MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI 10 U FFICI La pubblicazione è stata realizzata da: Lorenzo MARCHESI, Antonella SCOTTO, Vincenzo GESUALDI

Dettagli

Data Privacy Policy. Novembre 2013. Pagina 1 di 10

Data Privacy Policy. Novembre 2013. Pagina 1 di 10 Data Privacy Policy Novembre 2013 Pagina 1 di 10 INDICE I) PRINCIPI... 3 1 Obiettivi... 3 2 Requisiti e Standards minimi... 3 3 Ruoli e Responsabilità... 4 4 Consapevolezza e formazione... 5 5 Processi

Dettagli

A Declaration of the Independence of Cyberspace

A Declaration of the Independence of Cyberspace 9 Indice... 1. Internet: aspetti tecnici e giuridici di base 1.1. La società dell informazione in Svizzera 1.2. Internet e i suoi principali attori 1.2.1. Definizione e funzionamento di Internet 1.2.2.

Dettagli