PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO"

Transcript

1 PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO 1. Il razionale del Progetto 2. Progetto di Cardioprotezione sul Territorio 3. I Partners 4. Fasi del Progetto: 4a 4b 4c Formazione dei laici Installazione dei defibrillatori sul territorio La Tecnologia al Servizio del Progetto Casole D Elsa Comune Cardioprotetto : I e II fase 5. Monitoraggio dell Attività 6. Attività Scientifica e Comitato Scientifico

2 1. Il razionale del Progetto In Italia muoiono persone ogni anno di arresto cardiaco, spesso improvvisamente e senza nessun sintomo o segno premonitore. Per quanto i noti fattori di rischio cardiovascolare giochino un ruolo determinante nell esposizione a tale evento tragico, tuttavia l arresto cardiaco può colpire chiunque. Pertanto, la sensibilizzazione della Comunità nei confronti della prevenzione primaria e secondaria svolge un ruolo fondamentale ed il potenziamento della catena della sopravvivenza rappresenta uno strumento di assoluta utilità. 2. Il Progetto Casole D Elsa Comune Cardioprotetto Il Progetto Casole D Elsa Comune Cardioprotetto nasce come il primo progetto strutturato di defibrillazione precoce Open Public sul territorio nella Provincia di Siena, con l obiettivo di prevenire la morte cardiaca improvvisa. La realizzazione del progetto si articola in tre punti principali: - l installazione di una rete di defibrillatori semiautomatici sul territorio, in punti strategici della Città, con posizionamento basato sul concetto di Open Public AED : i defibrillatori saranno cioè posizionati con accesso pubblico a tutta la cittadinanza, al fine di permettere una tempestiva defibrillazione sul territorio da parte di tutto il personale, sanitario e laico, formato a tali manovre rianimatorie. - la formazione del personale laico, al fine di garantire il maggior numero di operatori disponibili alla defibrillazione precoce. - Sensibilizzazione dell opinione pubblica all importanza della prevenzione primaria e secondaria della morte cardiaca improvvisa attraverso incontri e corsi nelle scuole, nelle associazioni, nella comunità. L obiettivo principale del progetto è intervenire con le manovre rianimatorie e la defibrillazione precoce entro i primi minuti dall insorgenza dell arresto cardiaco, a prescindere da dove si verifichi l evento, prima dell arrivo del personale del 118 ed in assistenza a questo, al fine di limitare o addirittura annullare le tragiche conseguenze causate dall arresto cardiaco. 3. I Partners

3 Comune di Casole d Elsa, Servizio di Emergenza 118, Ordine dei Medici di Siena, Cardiologia Universitaria e Università degli Studi di Siena. Associazione Onlus CardioTrapiantati di Siena, il cui scopo è quello di promuovere iniziative atte a sensibilizzare la cittadinanza alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e dell arresto cardiaco, deputato alla raccolta fondi per realizzare il progetto. 4. Fasi del Progetto: 4a. Formazione dei laici Un punto fondamentale per la realizzazione del progetto è rappresentato dalla formazione e dalla certificazione del personale laico alla defibrillazione precoce. Ciò rappresenta l essenza culturale del progetto, con l obiettivo di diffondere progressivamente la sensibilità non solo sulla defibrillazione precoce e sulle manovre di rianimazione, ma anche sulla prevenzione primaria e sull importanza dell educazione alla salute. Obiettivo del progetto è, infatti, coinvolgere tutta la cittadinanza, non solo i laici che frequenteranno i corsi, ma anche le loro famiglie e la popolazione di giovani, al fine di sensibilizzare tutti alla prevenzione primaria e secondaria, alla solidarietà nei confronti del prossimo e, più in generale, alla promozione della salute. Per quanto riguarda il personale laico, questo sarà istruito alle manovre di BLS- D mediante un apposito corso della durata di 5 ore, come previsto dalle norme vigenti in materia, tenuto da istruttori certificati. Al termine del corso il personale sarà valutato mediante un esame dagli istruttori incaricati; in caso di valutazione positiva, al personale laico sarà rilasciato un certificato di abilitazione al BLS- D che consentirà l esecuzione della defibrillazione e delle manovre di rianimazione sul territorio, in accordo alle norme vigenti in materia. L Ordine dei Medici di Siena e il Centro Formazione del 118, cooperando con le associazioni, costituiscono i garanti di tale progetto. L Ordine dei Medici di Siena, inoltre, garantirà la gratuità dei corsi a tutti i partecipanti. 4b. Installazione dei defibrillatori sul territorio I defibrillatori semiautomatici saranno installati sul territorio in accordo ad una strategia di open public AED, ovvero con accesso pubblico a tutta la cittadinanza. I defibrillatori saranno

4 presenti in Città e nelle zone limitrofe con installazioni esterne, visibili e facilmente accessibili a tutti. I punti di installazione degli apparecchi saranno scelti da una apposita commissione, sulla base in particolar modo di: numero di abitanti e densità demografica, accessibilità della zona, flusso stagionale di turisti, distanza dai P.E.T. e dalle Associazioni di Volontariato che si occupano di assistenza; distanza ottimale fra gli apparecchi installati. Ad oggi una prima valutazione congiunta ha permesso di identificare alcuni punti strategici della Città. La fattibilità di tali installazioni sarà nuovamente rivalutata alla luce delle disponibilità finanziarie e di eventuali nuove valutazioni basate sulle necessità territoriali. 1) Centro di Casole 2) Zona sportiva 3) Monteguidi 4) Cavallano 5) Mensano 6) Pievescola 7) Il Merlo 8) Corsina L eventuale posizionamento di defibrillatori semiautomatici in altre zone o in esercizi commerciali sarà valutata in accordo con le Aziende e le Società in questione, sottolineando l importanza di un posizionamento strategico che possa servire a tutta la cittadinanza e a cui si possa accedere senza limiti di tempo né di luogo. 4c. La Tecnologia al Servizio del Progetto Casole D Elsa Comune Cardioprotetto La defibrillazione precoce sul territorio non può prescindere non solamente da una capillare formazione del personale laico, ma anche dalla tempestiva attivazione degli stessi e dalla conoscenza della localizzazione sul territorio dei defibrillatori. Per fare questo, il progetto Casole D Elsa Comune Cardioprotetto si vuole avvalere delle più nuove tecnologie attualmente disponibili. I fase del Progetto: Conoscenza della localizzazione dei defibrillatori sul territorio Un punto cardine del progetto è indubbiamente rappresentato della conoscenza dei luoghi nei quali i defibrillatori semiautomatici disponibili al pubblico sono stati installati. Tale obiettivo può essere raggiunto attraverso i seguenti passaggi:

5 1) campagna di pubblicizzazione per comunicare il luogo di installazione ( conoscenza per notorietà ) 2) disponibilità su tutte le cartine del Comune (in formato cartaceo, digitale ed online) di una localizzazione degli apparecchi (conoscenza per informazione ) 3) cartelli e segnalazioni stradali che identifichino chiaramente la localizzazione (conoscenza per visibilità ) 4) utilizzazione di mappe ed applicativi su smartphone che consentano non solo di registrare il luogo di interesse, ma che, attraverso l utilizzo di app dedicate, siano in grado di guidare con un sistema di navigazione le persone interessate al luogo dove è presente il defibrillatore ad accesso pubblico (conoscenza avanzata ). II fase del Progetto: Attivazione del personale laico formato alla defibrillazione La conoscenza della localizzazione dei defibrillatori può tuttavia non essere sufficiente per portare soccorso alla persona in arresto cardiaco poiché, pur in presenza di personale laico adeguatamente formato e di defibrillatori semiautomatici presenti sul territorio, il personale stesso può non essere a conoscenza del fatto che l evento si sta verificando in quel momento, magari vicino al soccorritore stesso, in quel determinato luogo. Pertanto, obiettivo del Progetto è avvalersi della tecnologia al fine di attivare il personale abilitato alla defibrillazione. In base alle disponibilità finanziarie, nella II fase del progetto sarà possibile installare all interno della teca contenente il defibrillatore un device che consenta, al momento dell attivazione del defibrillatore (rimozione dell apparecchio dalla teca), di inviare un segnale di attivazione sia per la Centrale Operativa del 118 che per il personale laico, tramite un sms con informazioni dettagliate sul luogo dell accaduto. L attivazione di 118 e personale laico sarà inoltre resa possibile anche utilizzando una app dedicata che consenta di avvisare il personale presente nelle vicinanze dell accaduto. Inoltre, in base alla disponibilità dei fondi, sarà possibile ampliare la rete di installazioni presenti sul territorio, fino al raggiungimento di un rapporto ottimale fra popolazione, territorio e sistema di defibrillazione. 5. Monitoraggio dell attività L attività del sistema di defibrillazione Open Public sarà costantemente monitorare dal 118, dall Ordine dei Medici di Siena e dalla Cardiologia Universitaria, al fine di valutare la validità

6 del progetto e di apportare eventuali modifiche necessarie ad un efficace prosieguo del progetto stesso. 6. Attività Scientifica e Comitato Scientifico Nell attività di monitoraggio, la raccolta e l analisi dei dati rappresenta uno strumento fondamentale per supportare e valutare il progetto. Obiettivo scientifico del progetto è registrare, fra i vari parametri, il numero di eventi per anno, il numero di rianimazioni eseguite con successo, i tempi di risposta al momento dell evento, i ritmi di presentazione dell arresto cardiaco e le cause dello stesso. Il monitoraggio scientifico dei dati include, inoltre, il follow- up dei pazienti sopravvissuti teso a valutare la loro qualità della vita e le loro condizioni cliniche a distanza dall evento. I dati raccolti saranno analizzati dal Comitato Scientifico del Progetto che provvederà inoltre a presentare i risultati del progetto non solo alla cittadinanza, ma anche a Congressi Nazionali ed Internazionali, provvedendo inoltre alla pubblicazione dei dati ottenuti su riviste internazionali. Tale attività permetterà non solo di monitorare scientificamente l efficacia del sistema, ma anche avrà anche l obiettivo di far conoscere il Progetto in Italia e all Estero. All interno dell attività scientifica si pone il progetto Un Ricercatore in Comune, finalizzato ad avere a disposizione del Comune e dei Partners che partecipano al progetto un Ricercatore che raccolga, analizzi ed interpreti i dati, divulgandoli poi alla Cittadinanza ed alla Comunità Scientifica Nazionale ed Internazionale. Si propone un Comitato Scientifico così composto: Comitato Scientifico del Progetto Casole D Elsa Comune Cardioprotetto A) Prof. Sergio Mondillo, Professore in Cardiologia, Università degli Studi di Siena B) Dott. Roberto Monaco, Presidente Ordine dei Medici di Siena, Direttore della Centrale Operativa del 118 C) Dott. Flavio D Ascenzi, Ricercatore in Cardiologia, Università degli Studi di Siena D) Dott. Marcello Montomoli, Responsabile Formazione 118

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BURTONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BURTONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1021 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BURTONE Introduzione di corsi di primo soccorso nella scuola secondaria di primo grado e

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] 2015 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] Il presente documento è stato approvato dal consiglio direttivo di Robbio Nel Cuore riunitosi il 03/04/2015.

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

Firmato il protocollo di intesa tra le due realtà

Firmato il protocollo di intesa tra le due realtà COMUNICATO STAMPA L'ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TORINO E PIEMONTE CUORE ONLUS INSIEME PER DIFFONDERE LA CULTURA DELLA CARDIOPROTEZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Firmato il protocollo di intesa

Dettagli

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE i l t ui ol tdue of idber iflil ba rt oi lrlea. ti to r e. i t Cometech, azienda giovane, dinamica e creativa con sede a Jesi (AN), è specializzata nella progettazione e sviluppo di programmi di Cardio-Protezione;

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI Il progetto BLSD CRI si pone come finalità la diffusione della cultura della rianimazione cardiopolmonare e delle competenze necessarie ad intervenire su persone

Dettagli

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE Relatore dr roberto carlin In Italia, le malattie cardiovascolari sono la causa

Dettagli

Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio,

Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio, Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio, come operatori certificati di manovre BLS-D, PBLS-D e disostruzione

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

momentum momentum.dos-group.com DOS Group Via Besazio 21 CH-6863 Besazio +41 91 630 20 11 info@dos-group.com www.dos-group.com THE RESCUE NETWORK

momentum momentum.dos-group.com DOS Group Via Besazio 21 CH-6863 Besazio +41 91 630 20 11 info@dos-group.com www.dos-group.com THE RESCUE NETWORK momentum THE RESCUE NETWORK momentum.dos-group.com Momentum deriva dal latino e rimanda all idea di istante, velocità, impulso, slancio. La soluzione Momentum nasce, da questi presupposti, con l intento

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

PREMESSO. che ogni anno in Italia e nel mondo un numero assai rilevante di persone sono colpite da arresto cardiaco;

PREMESSO. che ogni anno in Italia e nel mondo un numero assai rilevante di persone sono colpite da arresto cardiaco; Allegato B) PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO SPORT SICURO TRA IL COMUNE DI MIRANO E I SEGUENTI GRUPPI SPORTIVI MIRANESI: Pallacanestro Mirano CAI Mirano Polisportiva Antares Campocroce Miranese Volley Officina

Dettagli

Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di Roma. Arturo Masucci Tel. 338.89.53.826 a.masucci@volontarioperte.org

Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di Roma. Arturo Masucci Tel. 338.89.53.826 a.masucci@volontarioperte.org PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO: Il Progetto Scuola di Viva! 2015 Adottiamo gli insegnanti AMBITO DI AZIONE: EDUCAZIONE E FORMAZIONE SANITA AMBITO TERRITORIALE: Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 463 del 31/05/2014. Oggetto: Corsi di emergenza sanitaria - quote di iscrizione per partecipanti esterni.

Delibera del Direttore Generale n. 463 del 31/05/2014. Oggetto: Corsi di emergenza sanitaria - quote di iscrizione per partecipanti esterni. Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian

Dettagli

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca Ricerca si cura meglio dove si fa ricerca Si cura meglio dove si fa ricerca Il grande impegno del Centro CARDIOLOGICO Monzino nella ricerca permette di ottenere risultati che tempestivamente possono essere

Dettagli

La Fondazione UMG e la Cattedra di Anestesia e Rianimazione dell Università Magna Graecia di Catanzaro in collaborazione con il Traing Center dell

La Fondazione UMG e la Cattedra di Anestesia e Rianimazione dell Università Magna Graecia di Catanzaro in collaborazione con il Traing Center dell La Fondazione UMG e la dell Università Magna Graecia di Catanzaro in collaborazione con il Traing Center dell ISMETT, promuovono corsi BLS Heartcare Provider. L obiettivo generale del corso BLS è quello

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2011]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2011] 2011 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2011] Robbio Nel Cuore - Via Mortara 5 Robbio C/o Croce Azzurra Robbiese Il presente documento è stato approvato

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

PROGETTO REGIONALE DAE. Defibrillatore Semiautomatico Esterno

PROGETTO REGIONALE DAE. Defibrillatore Semiautomatico Esterno Allegato alla Delib.G.R. n. 48/28 del 1.12.2011 PROGETTO REGIONALE DAE Defibrillatore Semiautomatico Esterno 1/18 Progetto Regionale DAE Il seguente progetto viene elaborato in ottemperanza al Decreto

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE n 241 del 05.06.2009 OGGETTO: Adozione progetto formativo aziendale - Corso Basic Life Support and Defibrillation tipo B (BLS-D). IL DIRETTORE GENERALE Su proposta del Responsabile del S.

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE SCHEDA (C1) SERVIZI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOCIALE, DI PROGETTI DI SVILUPPO O DI PROGETTI DI RILEVANZA SOVRA-PROVINCIALE CENTRO DI SERVIZI DI RAVENNA PROGETTO: N. 16 Defibrillatori A) PRESENTAZIONE

Dettagli

Curriculum vitae. Antonio.mantero@ao-anpaolo.it; mantero.antonio@fastwebnet.it

Curriculum vitae. Antonio.mantero@ao-anpaolo.it; mantero.antonio@fastwebnet.it Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità ANTONIO MANTERO Antonio.mantero@ao-anpaolo.it; mantero.antonio@fastwebnet.it Italiana Data di nascita 8-6-1952 ESPERIENZA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Dipartimento per l Istruzione ALL.N.1 PROGETTO A SCUOLA DI A.S.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Dipartimento per l Istruzione ALL.N.1 PROGETTO A SCUOLA DI A.S. ALL.N.1 PROGETTO A SCUOLA DI A.S. 2010-11 In attuazione del Protocollo d intesa MIUR-SIC (Società Italiana di Cardiologia) stipulato il 19-12-2007 PROGETTO A SCUOLA DI CUORE Premessa. Il Ministero dell

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2393 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI Disposizioni concernenti l obbligo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

DGR n. 39-9947 del 14.7.2003

DGR n. 39-9947 del 14.7.2003 DGR n. 39-9947 del 14.7.2003 Individuazione della funzione di Coordinamento Regionale delle donazioni e dei prelievi. Nomina del Coordinatore Regionale delle donazioni e dei prelievi. Consolidamento funzioni

Dettagli

Regolamento per gli utenti del servizio di First Responder Ticino Cuore

Regolamento per gli utenti del servizio di First Responder Ticino Cuore Regolamento per gli utenti del servizio di First Responder Ticino Cuore Indice Capitolo 1: Scopo e definizioni Art. 1 Scopo e premesse Art. 2 Definizioni e terminologia Capitolo 2: Organizzazione e ammissione

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Repertorio Atti n. 1626 del 27 febbraio 2003 Oggetto:Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria.

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria. Programma della Regione Calabria per la diffusione e l utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) secondo il decreto interministeriale 18 marzo 2011 Definizione e dati statistici della Morte

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI IMPERIA Via T.Schiva, 56 18100 IMPERIA Tel/Fax 0183.297179 www.csenimperia.com / www.csen.it email: info@csenimperia.

COMITATO PROVINCIALE DI IMPERIA Via T.Schiva, 56 18100 IMPERIA Tel/Fax 0183.297179 www.csenimperia.com / www.csen.it email: info@csenimperia. CENTRO SPORTIVO EDUCATIVO NAZIONALE ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA RICONOSCIUTO DAL ENTE NAZIONALE CON FINALITA ASSISTENZIALI RICONOSCIUTO DAL MINISTERO DEGLI INTERNI ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE -

Dettagli

VIVA! LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

VIVA! LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE Presentazione della Campagna di Sensibilizzazione 2014 Pagina 1 di 9 VIVA! LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE 13-19 OTTOBRE 2014 Premessa Il 14 giugno 2012 il Parlamento Europeo, prendendo

Dettagli

Il DAE neiluoghidi lavoro

Il DAE neiluoghidi lavoro Il DAE neiluoghidi lavoro IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE dott.ssa Milena Perini INCONTRO SPISAL ULSS 6 MEDICI COMPETENTI VICENZA 18 NOVEMBRE 2015 I numeri: L arresto cardiaco extra ospedaliero è responsabile

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1014 DEL 30 MAGGIO 2014 PREMESSA Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

CORSO: RCP Hands Only (approvato e riconosciuto dall associazione Progetto Vita di PC)

CORSO: RCP Hands Only (approvato e riconosciuto dall associazione Progetto Vita di PC) IL COMITATO PROVINCIALE FIASP DI PIACENZA IN COLLABORAZIONE CON LA PUBBLICA ASSISTENZA VALNURE ORGANIZZA PER IL GIORNO 8 MAGGIO 2014 ALLE ORE 21,00 PRESSO LA SEDE DELLA P.A. VALNURE A PONTE DELL OLIO CORSO

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA TRA SDS PISA, SDS VALDERA, SDS ALTA VAL DI CECINA, SDS VALDARNO E FONDAZIONE A.N.D.I. Onlus

PROTOCOLLO D' INTESA TRA SDS PISA, SDS VALDERA, SDS ALTA VAL DI CECINA, SDS VALDARNO E FONDAZIONE A.N.D.I. Onlus PROTOCOLLO D' INTESA TRA SDS PISA, SDS VALDERA, SDS ALTA VAL DI CECINA, SDS VALDARNO E FONDAZIONE A.N.D.I. Onlus PREMESSO che la Fondazione ANDI onlus, Fondazione della Associazione Nazionale Dentisti

Dettagli

è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato

è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato oppure perché lo si è usato troppo tardi Cos è Arresto

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. "La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti..." (Kierkegaard) PROGETTO PBLSD CRI

CROCE ROSSA ITALIANA. La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti... (Kierkegaard) PROGETTO PBLSD CRI V.1/2009 pg. 1-16 "La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti..." (Kierkegaard) PROGETTO PBLSD CRI A. REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO PBLSD CRI pg. 2 B. FIGURE pg. 4 C. REGOLAMENTO

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti e la Medical Assistance Regione Abruzzo in collaborazione con il: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO ( Corso ) BASIC LIFE SUPPORT ESECUTORE PER SANITARI (AHA) 1

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO ( Corso ) BASIC LIFE SUPPORT ESECUTORE PER SANITARI (AHA) 1 SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO ( Corso ) BASIC LIFE SUPPORT ESECUTORE PER SANITARI (AHA) 1 RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL PROGETTO FORMATIVO ROSARIO SPINA ANDREA ZIPOLI RESPONSABILE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 28 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 28 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 28 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O ADESIONE ALL INIZIATIVA NOCI CITTA CARDIOPROTETTA TRAMITE CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. L anno duemilaquindici il giorno ventitre

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Regione: Friuli Venezia Giulia Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali

Dettagli

Scuola sicura. Programma corsi primo soccorso e BLSD non. sanitari per Insegnanti e Studenti di Istituti scolastici. d ordine superiore e inferiore

Scuola sicura. Programma corsi primo soccorso e BLSD non. sanitari per Insegnanti e Studenti di Istituti scolastici. d ordine superiore e inferiore Scuola sicura Programma corsi primo soccorso e BLSD non sanitari per Insegnanti e Studenti di Istituti scolastici d ordine superiore e inferiore La scuola è una struttura educativa che vede coinvolti al

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

FAC SIMILE ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA)

FAC SIMILE ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) FAC SIMILE ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) ACCORDO FRA LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE.. La Società della Salute di Firenze (codice fiscale 94117300486), in seguito denominata anche

Dettagli

Roberto Fantozzi. Università di Torino. Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Roberto Fantozzi. Università di Torino. Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Roberto Fantozzi Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Università di Torino Comitato Etico Interaziendale A.O.U. Maggiore della Carità, Novara Regione Piemonte D.R.G. n. 25 6008 del 2013 Art.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via della Mattonaia 31 Firenze Telefono 335-6349326; 0544-285745 Fax 0544/285395 E-mail m.margheri@ausl.ra.it

Dettagli

MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015

MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015 MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015 Una rete di oltre 400 professionisti psicologi e psicoterapeuti aprono i loro studi per offrire a tutta la cittadinanza, per l intero mese di ottobre,

Dettagli

Date Pescara 5-26 Settembre 2015 OGNI CORSO HA LA DURATA DI UN (1) SOLO GIORNO

Date Pescara 5-26 Settembre 2015 OGNI CORSO HA LA DURATA DI UN (1) SOLO GIORNO C.O.N.I. CIRCOLARE INTERNA STRUTTURE/ISCRITTI Con rilascio di certificato BLSD Provider emesso da DAN EUROPE, fondazione medico-scientifica internazionale Date Pescara 5-26 Settembre 2015 OGNI CORSO HA

Dettagli

13-19 Ottobre 2014. www.settimanaviva.it

13-19 Ottobre 2014. www.settimanaviva.it 13-19 Ottobre 2014 www.settimanaviva.it info@settimanaviva.it facebook.com/settimanaviva @settimanaviva Un evento promosso da Italian Resuscitation Council e IRC-Comunità in attuazione della dichiarazione

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE

LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE 1. Premesse LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE Il Programma Nazionale della Ricerca 2011-13 (PNR) evidenzia come le patologie legate allo stile di vita ed

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Soccorso, solidarietà, assistenza: basta poco

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Soccorso, solidarietà, assistenza: basta poco ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Direzione Servizi Amministrativi 2014 01278/010 Area Sport e Tempo Libero Servizio Gestione Sport MP 5 CITTÀ DI TORINO

Direzione Servizi Amministrativi 2014 01278/010 Area Sport e Tempo Libero Servizio Gestione Sport MP 5 CITTÀ DI TORINO Direzione Servizi Amministrativi 2014 01278/010 Area Sport e Tempo Libero Servizio Gestione Sport MP 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 18 marzo 2014 Convocata la Giunta presieduta dal

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

REFERTO ONLINE LIBRETTO SANITARIO ELETTRONICO TI PRESENTIAMO IL NUOVO SPORTELLO ULSS9: CASA TUA

REFERTO ONLINE LIBRETTO SANITARIO ELETTRONICO TI PRESENTIAMO IL NUOVO SPORTELLO ULSS9: CASA TUA REFERTO ONLINE LIBRETTO SANITARIO ELETTRONICO TI PRESENTIAMO IL NUOVO SPORTELLO ULSS9: CASA TUA Con Postesalute, il centro servizi gestito da Postecom, società del Gruppo Poste Italiane, il ritiro dei

Dettagli

Public Access Defibrillation P.A.D.

Public Access Defibrillation P.A.D. DEFIBRILLAZIONE PRECOCE: UNA REALTA! Public Access Defibrillation P.A.D. Pagina 1 di 11 Aeroporto di Chicago: un passeggero in attesa di imbarcarsi improvvisamente perde coscienza e si accascia a terra.

Dettagli

APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA

APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA La collaborazione dell e della Croce Rossa Italiana, Comitato locale di Aprilia, rappresenta un opportunità per

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Decreto Ministeriale 24 aprile 2013. DECRETO BALDUZZI pubblicato sulla GU n. 169 del 20/07/2013. Disciplina della certificazione dell attivit

Decreto Ministeriale 24 aprile 2013. DECRETO BALDUZZI pubblicato sulla GU n. 169 del 20/07/2013. Disciplina della certificazione dell attivit Decreto Ministeriale 24 aprile 2013 DECRETO BALDUZZI pubblicato sulla GU n. 169 del 20/07/2013 Disciplina della certificazione dell attivit attività sportiva non agonistica e linee guida sulla dotazione

Dettagli

Standard e Procedure Generali Corso OPERATORI BLS con AED

Standard e Procedure Generali Corso OPERATORI BLS con AED Standard e Procedure Generali Corso OPERATORI BLS con AED Introduzione Questi Standard si riferiscono al sistema didattico del corso Operatori BLS con AED. Quando conduci il corso per Esecutori BLS con

Dettagli

Il Villaggio del Benessere

Il Villaggio del Benessere XII Edizione Il Villaggio del Benessere e Ingresso gratuito 20-21 22 novembre 2015 Palazzo dei Congressi Piazzale Kennedy, 1 Roma, Eur Con il patrocinio di Direzione Scientifica Segreteria Organizzativa

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 PREMESSA 2bite adotta questa Carta dei Servizi in osservanza dei principi stabiliti dalla direttiva sulla qualità e carta dei servizi di telecomunicazione stabiliti

Dettagli

Chi salva un bambino salva il mondo intero

Chi salva un bambino salva il mondo intero Progetto Chi salva un bambino salva il mondo intero Premessa-chi siamo La Salvamento Academy (www.salvamentoacademy.it) ha come obiettivo principale quello di contribuire a diffondere la cultura del Primo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART

DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART CHE COS E UN DEFIBRILLATORE? Il defibrillatore semiautomatico (spesso abbreviato con DAE, defibrillatore automatico esterno, o AED, Automated External Defibrillator)

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d

L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d MoVimento Cinque Stelle Nardò Via S. Gentile, 18 www.nardo5stelle.it m5stellenardo@gmail.com FB: Movimento Cinque Stelle

Dettagli

APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA

APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA DELIBERAZIONE N. VII/10306 DEL 16 SETTEMBRE 2002 Oggetto: APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA VISTA la legge regionale 11.7.1997, n. 31 Norme per il riordino del Servizio

Dettagli

SMART BRUSHING. Ti aiuta a monitorare la salute orale

SMART BRUSHING. Ti aiuta a monitorare la salute orale SMART BRUSHING Ti aiuta a monitorare la salute orale VISION Noi crediamo in un mondo dove le persone si prendono cura del loro benessere personale in modo cosciente e responsabile. IL PRESENTE Le nuove

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

APERTURA DEL CONTO CORRENTE SALUTE

APERTURA DEL CONTO CORRENTE SALUTE REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE n. 4 CHIAVARESE Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari CONTO CORRENTE SALUTE Progetto sperimentale INFORMATIVA PER CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI per APERTURA

Dettagli

Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali

Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali Genova Robot s.r.l. www.genovarobot.com info@genovarobot.com Genova Robot s.r.l fornisce un sistema intelligente con

Dettagli

Mansioni a rischio nel settore del TPL:

Mansioni a rischio nel settore del TPL: Mansioni a rischio nel settore del TPL: A. Conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida delle categorie C-D-E. B. Personale direttamente addetto alla circolazione

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail FABRIZIO ZORZAN Nazionalità ITALIANA Data di nascita 28/05/1973 ESPERIENZA

Dettagli

COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9001 2013 /2014

COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9001 2013 /2014 COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9 /4 Si presentano all attenzione della Giunta comunale i principali risultati della gestione del Sistema Qualità certificato

Dettagli

REGOLAMENTO. 1. Il concorso. 2. Obiettivi. 3. Soggetti ammissibili

REGOLAMENTO. 1. Il concorso. 2. Obiettivi. 3. Soggetti ammissibili REGOLAMENTO 1. Il concorso Il Concorso La casa ideale si situa nell ambito delle azioni di Leroy Merlin Italia a beneficio della comunità, per riaffermare l impegno dell azienda nel promuovere e sostenere

Dettagli

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Focus di pratica professionale di Cristina Aprile Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Premessa Con circolare n.30/e del 25 giugno 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 31 agosto 2012 Decreto ministeriale 18 marzo 2011 Gazzetta Ufficiale 6 giugno 2011, n. 129 Determinazione dei criteri e delle modalità di diffusione dei defibrillatori automatici esterni

Dettagli

CORSI DI EMERGENZA SANITARIA

CORSI DI EMERGENZA SANITARIA CORSI DI EMERGENZA SANITARIA BLS- d esecutore cat. A (per laici) Finalità: Scopo del corso è trasmettere agli allievi un metodo che consenta di gestire il soccorso in caso di arresto cardiaco, con il supporto

Dettagli

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011;

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011; Bergamo, 19/05/2011 Decreto Prot. n. 10328/II/024 OGGETTO: Riapertura termini avviso pubblico per la sponsorizzazione dei servizi di servizi pubblici per l a.a. 2010/2011. VISTA la delibera del Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 107 Prot. 24623/2015 adottata nella seduta del 19 agosto 2015

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 107 Prot. 24623/2015 adottata nella seduta del 19 agosto 2015 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 107 Prot. 24623/2015 adottata nella seduta del 19 agosto 2015 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente A ČERNIC

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE DEL PROGETTO 1.2 FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

MODALITA ATTUATIVE DEL PROGETTO 1.2 FORMAZIONE DEGLI OPERATORI L.R. 10 dicembre 2010, n. 58 Contributo per la prosecuzione del servizio ponte regionale realizzato dall'ente nazionale per la protezione e l'assistenza dei sordi (ENS) per favorire il superamento delle

Dettagli

8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento

8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale,

Dettagli