26 Conoscere la borsa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "26 Conoscere la borsa"

Transcript

1 26 Conoscere la borsa

2 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 27 Economia e Finanza. Due anni fa e tra due anni Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta Buongiorno a tutti. Mi fa molto piacere essere qui con voi. È la seconda volta che sono in questa sala; ero venuto a ottobre del 2007, quindi proprio all inizio della crisi economica. Ma adesso non dite che porto scalogna perché in tal caso me ne vado via subito. Anzi, oggi parliamo di ripresa e mi auguro che la mia presenza qui a Salerno marchi sia l inizio che la fine di questa crisi. L esperienza passata è stata per me di particolare interesse, perché il mio discorso è stato registrato per essere poi pubblicato. Quindi sono stato costretto a rileggere quello che avevo scritto e a rimetterlo più o meno in italiano: operazione che è sempre difficile perché mettere per scritto quello che uno ha detto a parole è una vera fatica; ve ne accorgerete quando capiterà a voi. Ma lo sforzo è stato ricompensato dal fatto che ho riflettuto ulteriormente su quello che avevo detto e alla fine l ho utilizzato per un libro che sto finendo di scrivere. È così che, partendo da quella esperienza, pubblicherò prossimamente un libro. Quindi è possibile che quello che voi sentirete oggi magari fra due anni sarà riportato su un nuovo libro. Ma entriamo nel vivo del discorso di oggi. Io credo che parlare di crisi sia un po stantio ormai, dopo due anni che ci stiamo dentro. Se si inizia dicendo adesso vi dico come è nata e quali sono state le cause della crisi economica, credo che l attenzione cada immediatamente. In effetti, si ha l impressione di aver sentito tante di quelle volte questa storia, sicché le parole fanno assonanza e non hanno più un significato profondo.

3 28 Conoscere la borsa Io invece vorrei utilizzare la sequenza della crisi soprattutto per entrare, insieme con voi, all interno dei meccanismi di funzionamento dell economia. L obiettivo è quello di ragionare su quali sono stati i meccanismi che hanno prodotto la crisi, sul perché questi meccanismi hanno funzionato in quella direzione, per sapere se domani essi funzioneranno anche per la ripresa o per altre evoluzioni. Quello che è importante dall esperienza che abbiamo vissuto è come trarne un insegnamento su come funziona l economia in maniera tale da poter in futuro intervenire magari per evitare che si ripeta una crisi come l attuale. L obiettivo è quello di sapere come fare per cambiare il funzionamento di certi meccanismi, perché altrimenti credo che la conoscenza del passato, semplicemente come cronaca, abbia un interesse molto limitato. A noi interessa parlare del passato per trovare quegli insegnamenti che ci servono per operare nel futuro. Del futuro dell economia italiana ne parlerà poi Pasquale Capretta che è specialista di previsioni. Quindi io mi fermerò prima che inizi il futuro. La crisi ha avuto tante cause specifiche. Se leggiamo i giornali, sentiamo la televisione, vediamo i libri che sono stati scritti, troviamo una moltitudine di cause. Fra di esse: le banche colpevoli di eccessi nel tentativo di fare profitti; i bonus dei banchieri che hanno guadagnato un sacco di soldi; l assenza di regole nei mercati finanziari; oppure l incapacità o la non volontà delle authority che non sono state in grado di controllare. Abbiamo una caterva di soggetti che, in qualche maniera, si palleggiano la responsabilità della crisi. A me piace sottolineare, dal punto di vista dell economista, che la crisi avviene perchè ci sono delle condizioni che la determinano. Quindi il problema è sapere quali sono state le condizioni che hanno determinato questa grande crisi. Esse possono essere riassunte nel grande squilibrio nei pagamenti internazionali che si è determinato negli anni precedenti,

4 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 29 sui mercati mondiali. In particolare, lo squilibrio più forte è avvenuto fra gli USA, che hanno importato prodotti a quantità elevate e consumato ben al di là della propria capacità di spesa, e paesi come la Cina, l India e il Brasile che hanno esportato questi prodotti. Si è determinato uno squilibrio di pagamenti nel senso che alcuni paesi hanno vissuto al di sopra del proprio reddito. È come se una famiglia che in un anno guadagna 100 mentre spende 150. Se non ha un risparmio a cui attingere, questa famiglia si indebita perché spende più di quello che guadagna. Per potersi indebitare deve trovare qualcuno che sia disposto a dargli i soldi e a tal fine deve avere qualche cosa da dare in garanzia o deve impegnare la sua reputazione. Lo stesso è successo ai paesi che sono vissuti al di sopra del proprio livello di reddito. Si sono indebitati. Non tutti si sono potuti indebitare indefinitivamente, tranne uno: gli Stati Uniti d America. La domanda allora è come mai questo è stato possibile e chi ha prestato tutti quei soldi. In effetti gli Stati Uniti d America sono riusciti ad indebitarsi in maniera così rilevante perché battono una moneta, il dollaro, che è anche una moneta di riserva, ossia una moneta che viene tesorizzata dagli altri paesi, per garantirsi quando ci sono momenti di difficoltà. Un tempo, prima della seconda guerra mondiale, era l oro essenzialmente a costituire la base delle riserve, e tutti i paesi erano obbligati a limitare il proprio indebitamento fino al massimo costituito dall ammontare di oro che avevano nelle loro riserve. Quell oro funzionava da garanzia per il debito contratto. L oro disponibile nel mondo è però una quantità limitata, e quindi succedeva che anche gli scambi internazionali finivano per essere limitati dalla disponibilità di oro. In effetti, quando non c era più oro nelle casse di uno stato, questo era costretto a fermare le sue importazioni con il risultato di far crollare la sua economia e quella degli altri. Ed è così che si producevano frequenti crisi

5 30 Conoscere la borsa economiche con risvolti devastanti. Per ridurre il rischio di queste crisi e per far crescere di più le economie occidentali, alla vigilia della fine della seconda guerra mondiale si arrivò ad un accordo tra le potenze che stavano vincendo la guerra per un nuovo assetto monetario internazionale. Artefice di questo accordo fu John Maynard Keynes che propose di sostituire l oro con il dollaro USA. Il dollaro veniva garantito dall oro detenuto dagli Stati Uniti d America attraverso un cambio fisso (che costituiva il prezzo dell oro in dollari) e poteva così costituire una moneta di riserva. Un sistema di cambi fissi legava tra di loro le principali monete dell epoca, sicché ogni moneta era legata all oro non direttamente ma attraverso il suo rapporto di cambio con il dollaro. Questo significava che le banche centrali di tutti i paesi non avevano più bisogno di mettere da parte riserve di oro per fare fronte ad eventuali squilibri nei pagamenti (quando le esportazioni erano inferiori alle importazioni). Bastava che mettessero da parte riserve in dollari e/o in valute convertibili per garantire eventuali debiti contratti. In questa maniera, il commercio internazionale (ossia la somma di tutte le importazioni dei vari paesi) non era più limitato dall ammontare complessivo di oro disponibile nel mondo, ma dall ammontare di dollari stampati dalla banca centrale americana. Quindi le riserve mondiali potevano crescere fin tanto che la banca centrale americana (la Federal Reserve) avesse stampato dollari. Ovviamente, anche l ammontare di dollari non poteva essere illimitato perché avrebbe significato un forte squilibrio nei pagamenti americani e rischi di inflazione mondiale. Ma sicuramente le riserve in dollari potevano essere più elastiche e di maggiori dimensioni di quelle in oro, ciò che poteva garantire un maggiore spazio all indebitamento internazionale e, quindi, alla crescita dell economia mondiale. Tuttavia, con questo sistema si determina un vantaggio re-

6 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 31 lativo per il paese che stampa la moneta di riserva, ossia i dollari. Infatti, gli USA possono stampare dollari che verranno poi tesaurizzati nelle riserve degli altri paesi, ciò che significa che gli altri paesi fanno un prestito permanente agli USA che possono così acquistare all estero più beni e servizi. Ne deriva che gli USA possono vivere al di sopra del proprio reddito grazie a questo prestito permanente. Il sistema va bene fino a che c è un controllo sulla quantità di moneta stampata, perché se l America stampa troppi dollari la domanda americana e quella mondiale crescono eccessivamente e si profila il rischio dell inflazione. In effetti, se cresce troppo la domanda americana poi cresce anche quella europea, quella cinese e così via. Poiché la quantità di beni che sono disponibili sui mercati è limitata, se la domanda di beni è più elevata del volume dei beni disponibili, allora aumentano i prezzi dei beni in modo vorticoso. Cioè c è l inflazione. L inflazione è stata per anni il termometro che ha impedito agli Stati Uniti D America di stampare moneta fino a che voleva, perché rischiava di generare inflazione con tutti i risvolti di instabilità e di redistribuzione del reddito che l inflazione comporta. Perché allora negli ultimi anni, quelli precedenti questa crisi, gli USA hanno potuto indebitarsi senza limiti? In effetti, è successo in quegli anni che il termometro dell inflazione si è rotto. Nel senso che la domanda mondiale di beni è cresciuta a dismisura, ma essa non ha prodotto inflazione. Questo novità in campo economico è stata accolta con entusiasmo perché, come detto, l inflazione è una gran brutta cosa. Qualcuno ha anche detto che l inflazione era ormai un ricordo del passato e che non c erano più limiti alla crescita economica dei paesi. Ma questo entusiasmo e queste analisi erano sbagliati. In effetti, l inflazione non è una malattia, ma è il segnale di una malattia. Come abbiamo detto, era un termometro che misurava la febbre. Se si rompe il termometro,

7 32 Conoscere la borsa non posso dire che non c è più la febbre, ma solo che non riesco a misurarla. E anche la febbre, come sappiamo, non è una malattia, ma il sintomo di una malattia. Se noi eliminiamo la febbre senza eliminare la malattia che l ha prodotta, noi rischiamo solo di morire senza accorgerci di nulla. Non possiamo più operare per salvarci la vita. Per il sistema economico è successa una cosa analoga. È cresciuta a dismisura la domanda mondiale e quella americana provocando molti squilibri nel sistema dei pagamenti internazionali, ma non abbiamo avuto inflazione. L assenza di inflazione ha ridotto l attenzione dei paesi a curare gli squilibri, che avrebbero generato l inflazione. Ma alla fine questi squilibri ci hanno precipitato in una crisi senza che ce ne accorgessimo. Ma perché non c è stata più inflazione per un periodo di tempo così lungo malgrado una massa di dollari stampati dalla Federal Reserve? Perché il modello di produzione mondiale si è scomposto e ricomposto. È entrato un nuovo paese sul mercato della produzione mondiale con una grandissima potenza di produzione a costi bassissimi. Stiamo parlando della Cina. La Cina è un paese di un miliardo e trecento milioni di abitanti, un paese strutturato con un educazione relativamente buona, con scuole che funzionano, dove c è una popolazione urbana che, anche se è tuttora minoritaria, rappresenta sempre tre-quattrocento milioni di persone. L ingresso della Cina nel commercio mondiale, l ha presto trasformata nella più grande fabbrica di prodotti manufatti del mondo. Diventando la fabbrica del mondo, la Cina ha cominciato a produrre beni in quantità gigantesca a prezzi molto bassi, perché i costi di produzione della Cina sono estremamente limitati. È così che il crescente disavanzo nei conti con l estero americano e la grande massa di dollari stampati e messi in circolazione non hanno prodotto inflazione perché

8 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 33 la crescente domanda di beni da parte degli americani e di tutti gli altri paesi è stata soddisfatta dalle produzioni cinesi a costi così bassi da non suscitare inflazione. Anzi si è finito per temere una deflazione (caduta dei prezzi) proprio grazie ai bassi costi di produzione cinese. L America ha continuato a stampare i dollari e questi dollari hanno prodotto una forte crescita dell economia americana e mondiale. È come nel paese di Bengodi, dove puoi trovare tutto quello che vuoi senza mai pagare niente. Di fronte ad una tale novità, nessun governante se l è sentita di fermare la corsa. E l economia mondiale è cresciuta a un ritmo mai conosciuto prima. Non dimentichiamoci che prima di questa crisi il sistema economico mondiale è cresciuto a tassi che mai avevamo conosciuto. L Italia, con la sua bassa crescita, è stato un caso a parte. Ma noi siamo soltanto 60 milioni di abitanti, mentre il globo fa 6 miliardi di abitanti. E se per 6 miliardi di abitanti c è stata una crescita gigantesca, allora vuol dire che la crescita è stata mondiale anche se noi siamo rimasti indietro. Paesi come la Cina, l India che da soli fanno oltre 2 miliardi e mezzo di abitanti, più di 1/3 della produzione mondiale, sono cresciuti a tassi dell ordine del 10-15% all anno. Quindi abbiamo effettivamente conosciuto una crescita gigantesca senza inflazione. Ma noi che studiamo l economia avevamo sempre in mente un sistema economico che, se cresceva troppo, generava degli squilibri. Uno di questi squilibri era proprio l inflazione che ci indicava la necessità di intervenire per frenare la crescita e ridurre così gli squilibri. Senza più inflazione, non abbiamo fermato la crescita dell economia mondiale e così non abbiamo neanche sanato i molti squilibri che comunque si andavano producendo. Come dicevamo prima, l inflazione non è una malattia, ma è un sintomo della presenza di squilibri nel sistema economico. Se io sopprimo il sintomo, ma non sopprimo le cause

9 34 Conoscere la borsa degli squilibri, questi scoppiano da qualche altra parte. È così che abbiamo avuto quelle che abbiamo chiamato bolle speculative, che sono squilibri scoppiati senza che fossimo intervenuti. Se c è un eccesso di moneta (dollari) vuol dire che i tassi di interesse (ossia il costo per prendere a prestito il denaro) sono bassi, proprio perché ci sono molti denari sul mercato disponibili per essere prestati. Ma se i tassi di interesse sono bassi, allora conviene indebitarsi per prendere il denaro a basso costo e andarlo ad investire dove si possono fare dei guadagni. E il primo posto dove si possono avere dei guadagni (lo dice l istituto scolastico che ha vinto anche questo anno in questa gara) è la Borsa. Voi mi direte che le azioni vanno su e vanno giù e quindi non è sempre conveniente investire nella borsa. Sì, ma se il denaro costa poco ed è molto disponibile, molti operatori sono spinti a prendere soldi in prestito e ad investirli nella borsa. E se molti operatori sono spinti a fare investimenti in titoli, allora la borsa sale sempre perché la domanda di azioni supera l offerta delle stesse, e se io ho investito, ne ricavo un guadagno quasi certo. E se guadagno, cosa faccio? Torno alla banca, mi faccio dare altri soldi in prestito e li reinvesto nella borsa, e quella sale ancora. Il meccanismo va avanti fino a che non si ferma, può andare avanti a lungo ma non per sempre. In altre parole, si prendono i soldi dalla banca a tassi dell uno o due per cento e si va a giocare in borsa investendo su qualche titolo. Poiché con bassi tassi di interesse sono molti coloro che prendono a prestito i soldi per investire nella borsa e quindi è elevato il volume di capitali investito a fronte di un volume comunque limitato di titoli. E questo produce un generale rialzo dei titoli in borsa. E così il guadagno è assicurato dal fatto che tutti vanno a giocare in borsa provocando un rialzo di tutte o quasi le azioni. Ovviamente una bolla speculativa non riguarda solo le azio-

10 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 35 ni quotate in borsa. Se c è eccesso di moneta a bassi tassi di interesse, conviene anche indebitarsi per acquistare case, materie prime, oro, ecc.. È così che, accanto alla bolla azionaria si è prodotta anche una bolla speculativa sugli immobili, sulle case. Il meccanismo è stato lo stesso. Se il denaro costa poco, io mi indebito, prendo questo denaro a prestito e compro una abitazione che è un bene reale. Se anche molte altre persone fanno così, avviene un fenomeno simile a quello della borsa: tutti comprano una casa indebitandosi e i prezzi delle case salgono, perché le case sono comunque un numero limitato. A questo punto, chi si è indebitato per una somma proporzionale al valore della casa che ha acquistato, vede che il valore della sua casa è cresciuto, e che il suo debito è diventato più basso, non perché esso si sia ridotto, ma perché è cresciuto il valore della casa che lui ha comprato. Facciamo un esempio. Se una persona si indebita per un valore pari a 100 per acquistare una casa che vale sempre 100, ha un debito pari al valore della casa. Quest ultima è la garanzia che il debitore rimborserà il prestito contratto oppure cederà la casa al creditore. Ma se, dopo qualche tempo, il prezzo della casa sale ed essa raggiunge, mettiamo, un valore di 200, allora il peso del debito si è dimezzato, perché esso è pari alla metà del valore della casa. Non solo, ma poiché il debito ora copre solo la metà del valore della casa, il proprietario potrebbe indebitarsi ulteriormente di un altro valore pari a 100 per tornare ad avere un debito pari al valore della casa. Questo è quanto è successo negli USA prima della crisi globale. Il basso costo del denaro e una politica a favore degli acquisti di case con mutui concessi anche senza garanzie, ha fatto esplodere la domanda di case. Ne è derivata una crescita dei prezzi delle case che ha favorito un ulteriore indebitamento delle famiglie, in una spirale che sembrava non avere mai fine.

11 36 Conoscere la borsa Questa è la situazione che ha reso possibile la crisi globale. Poi è certo che all interno di questo marasma, c è anche chi ha approfittato vendendo strumenti finanziari poco conosciuti; chi si è fatto dare un bonus elevato; chi, come le authority, non ha capito il meccanismo e quindi non l ha bloccato. Ma soprattutto non si è voluta fermare questa spirale per la paura di cadere in una recessione. Infatti, la spirale del debito è un meccanismo infernale da bloccare, perché se io blocco improvvisamente la macchina che ha prodotto la crescita, questa mi si rovescia addosso e crea una situazione di depressione gigantesca. E questo perché se io mi sono indebitato per dei valori elevati per fare un acquisto di un ammontare di valore analogo, poi se il valore di quanto ho acquistato scende, mi ritrovo in difficoltà a restituire il mio debito. Rimaniamo sempre nell esempio della casa, acquistata al prezzo di 100 da parte di uno che poi si è indebitato fino a 400 perché il valore della casa aveva raggiunto tale prezzo. Ebbene, se improvvisamente il valore della casa non cresce più ed anzi scende sotto i 400 a cui era arrivata, il proprietario si trova in imbarazzo perché ha un debito di 400 e una casa che vale, mettiamo, 300. A questo punto egli deve cominciare a restituire almeno 100, perché chi ha fatto il prestito, non si sente più garantito dal valore della casa, e gli dice: guarda che tu hai un debito di 400 ma garantito da un valore di 300; ti dispiace abbassare il debito e restituirmi almeno 100? E come fa quella persona ad abbassare il debito? Perchè si è indebitato sul valore di una casa che è indivisibile, può solo vendere la casa, incassare 300 e restituire una parte del debito. Il meccanismo, a questo punto, gira totalmente alla rovescia. Perché tutti insieme quelli che si sono indebitati si trovano nella condizione di voler vendere la casa, così come tutti insieme ci sono quelli che vogliono vendere le azioni sul mercato della borsa per rientrare del debito che è stato contratto. A questo punto i valori (delle

12 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 37 case e delle azioni) scendono. E più essi scendono più si è costretti a vendere quello che si ha ad un prezzo sempre più basso per ridurre il proprio debito. A questo punto l economia del debito diventa un economia di depressione, mentre prima era un economia di espansione. Questo è quello che abbiamo conosciuto fra il 2007, quando ero venuto in questa sede a parlare, e il 2008 fino al fallimento della Lehman Brothers, la banca americana crollata a settembre del E a questo punto il sistema economico si è totalmente rovesciato. Mentre prima giocava sul debito, puntando su valori che crescevano sempre di più, a partire dal settembre 2008, ha giocato sulla restituzione del debito su valori che andavano a scendere sempre più in basso. Questi comportamenti non hanno riguardato solo le famiglie. Essi hanno interessato anche e soprattutto le imprese. Infatti, le banche, a fronte dello scoppio delle bolle speculative sulla casa (mutui subprime) e della borsa hanno dovuto ridurre i crediti perché si sono trovate esposte a troppi rischi di insolvenza da parte delle famiglie indebitate. Le imprese, dal canto loro, hanno avuto timore di trovarsi di fronte ad una riduzione di credito da parte delle banche o a una richiesta di restituzione dei crediti concessi. Un impresa che ha paura di non avere credito o addirittura di dover restituire il prestito avuto dalla banca, cosa fa? Banalmente la prima cosa che fa, è di rinviare tutti i piani di investimento che non sono urgenti, poi cerca di abbassare il livello delle scorte del magazzino, liquidando il magazzino per cercare di ridurre la necessità di credito. E lo stesso fa una famiglia di fronte a un rischio di perdita di reddito o di lavoro a causa di difficoltà economiche. Anche lei fa delle azioni molto banali, azioni che ciascuno di noi farebbe se si trova in difficoltà economica. Se una famiglia pensa che il futuro non è più roseo, comincia a frenare

13 38 Conoscere la borsa le spese meno urgenti. Se ha un auto che funziona ancora, anche se desidererebbe cambiarla, la tiene lo stesso e rinvia la sostituzione di qualche mese. Per una famiglia o per un singolo individuo, aspettare sei mesi e tenersi la vecchia auto non cambia la vita in nessunissima maniera. Infatti, l acquisto di una nuova auto non avviene perché si è formata una nuova famiglia che ha bisogno di un auto o perché l auto vecchia si è improvvisamente scassata e la dobbiamo buttare via. Questi sono casi limitati nei nostri paesi. L acquisto di un auto è soprattutto un acquisto di sostituzione di una vecchia auto. Si compra una nuova auto perché quella vecchia comincia a darci dei fastidi, non ci piace più, c è un modello nuovo che vendono ad un prezzo buono. E quindi che si fa? Si vende la vecchia auto o la si dà a un figlio e se ne compra una nuova. Oltre il 90% delle vendite di auto è per sostituzione. Se però, per timore di dover contrarre un debito, si prende la decisione di rinviare l acquisto, questa decisione non cambia la vita di nessuno. Si tratta solo di aspettare, mettiamo, sei mesi per avere una nuova auto. Ma questa decisione, se è presa da tutti i consumatori allo stesso tempo, fa precipitare il mercato delle automobili. Se per sei mesi nessuno cambia più l auto, la produzione di auto rischia di calare del 50%. E lo stesso vale per molti altri beni di consumo. Io sono stato Presidente della Marzotto (un azienda che produce tessuti ed abiti) per tre anni e dicevo ai miei colleghi in azienda: attenzione, se gli italiani, aprendo i loro armadi a casa e vedendo i vestiti che già hanno, decidessero per sei mesi di non acquistare più un nuovo vestito, ma di continuare a indossare gli stessi, la vita dei cittadini italiani non muterebbe di una virgola, anzi forse migliorerebbe perché la gente non avrebbe più il problema di andare in negozio, provare un vestito, scegliere cosa comprare. Ma se questo avvenisse, l industria italiana dell abbigliamento sarebbe di-

14 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 39 strutta. Si perderebbe il 50% della produzione con questo semplice atto di rinunciare ad un rinnovo del guardaroba, una rinuncia che non cambierebbe la vita dei consumatori. Cosa significa tutto questo? Che nelle nostre società, che sono società mature, una gran parte dei consumi non sono impellenti o necessari, ossia consumi che non si possono rinviare, come ad esempio il mangiare. Ci sono molti consumi che non sono essenziali e che hanno una certa elasticità. In una situazione normale, se c è una famiglia che decide di non rinnovare l acquisto di un auto o di un abito perché ha problemi economici, c è sicuramente anche un altra famiglia che guadagna un po di più e che le piace spendere, sicché in media queste scelte si compensano. Se però improvvisamente tutti decidono di rinviare gli acquisti, l economia precipita nella depressione. Questo è quello che è successo nel corso del Improvvisamente le imprese hanno rinviato i loro piani di investimento, hanno ridotto le loro scorte nei magazzini, lo hanno fatto anche sopratutto i negozi che non hanno riassortito la merce ed hanno detto: cominciamo a vendere quello che abbiamo e dopo ci pensiamo a riassortire il negozio. Lo stesso hanno fatto le famiglie rinviando l acquisto dei beni durevoli (l auto, gli elettrodomestici, i mobili, i vestiti) tutte cose il cui acquisto può aspettare. E così abbiamo avuto una recessione da aspettative negative, perché imprese e famiglie hanno avuto paura dell arrivo di forti difficoltà economiche. Voi direte: va bene, ma basta invertire le aspettative e tutto cambia. Però quando la produzione crolla del 20-25%, come è successo nel primo semestre del 2009, la recessione nata da aspettative negative, diventa poi recessione reale, perché a questo punto noi abbiamo meno occupazione, la gente perde il salario, perde il posto di lavoro, i giovani non trovano il lavoro quando terminano gli studi. Quindi quella che era una recessione da aspettative negative, si trasforma

15 40 Conoscere la borsa molto rapidamente, purtroppo, in una recessione reale per una mancanza di reddito. È quello che noi stiamo vivendo in questa fase. Le aspettative sono migliorate, ma l economia non riprende, perché non c è il reddito, perché stiamo scontando la caduta di produzione che abbiamo avuto nel passato e che ha prodotto una riduzione di reddito, per cui la spesa per consumi è oggi più bassa. Questa è la situazione attuale. La recessione si è fermata ma la ripresa non c è ancora. La produzione non scende più, anzi è risalita seppure di poco grazie a due fattori. Il primo è un fattore automatico. Chi aveva rinunciato a rinnovare il parco dei propri beni, a un certo punto ha dovuto per forza acquistare qualche cosa, posto che alla fine la macchina si rompe, il vestito diventa veramente vecchio, l elettrodomestico non funziona più. Quindi, se sono stati ritardati alcuni acquisti, poi si rimette in moto il meccanismo e i consumi ritornano a crescere seppure lentamente. In più v è quello che gli economisti chiamano il gioco delle scorte. Se i negozi hanno venduto tutto quello che avevano in magazzino perché non hanno voluto fare acquisti nuovi, ad un certo punto quando hanno finito di vendere quello che hanno, devono per forza cominciare a comprare qualche cosa e quindi riparte un po l economia. Il secondo aspetto che ha giocato in termini positivi, è la grande forza dei paesi emergenti, ossia la Cina, l India e il Brasile. Questi paesi, che sono diventati la fabbrica del mondo e che sono cresciuti grazie alle loro esportazioni, sono paesi che hanno avviato anche una crescita della domanda interna, grazie allo sviluppo che hanno conosciuto in questi anni. Chi viaggia in Cina, (ed io ho avuto l occasione di andarci di recente) vede un paese che costruisce strade, case, ferrovie, aeroporti, porti. Un paese dove il livello di vita della popolazione sta aumentando e dove la gente consuma prodotti nuovi. Quindi questo paese sta continuando

16 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 41 a crescere, malgrado abbia subito un rallentamento delle esportazioni verso il mondo occidentale. Questa vitalità dei paesi emergenti è la novità del momento. Questi paesi stanno diventando il motore della crescita mondiale. Quindi noi ci dobbiamo aspettare da questo motore, oltre che dalla ripresa del ricambio dei nostri prodotti, quella crescita che alla fine verrà, ma sulla cui intensità e capacità io non mi pronuncio e vi lascio nelle mani di Pasquale Capretta. Grazie. Pasquale Capretta Io cercherò di illustrarvi il quadro economico internazionale, con una descrizione degli indicatori economici principali, per poi passare alla presentazione delle previsioni che noi abbiamo fatto ultimamente in Confindustria. Le previsioni riguardano i prossimi due anni. Non vi è dubbio ormai che i segnali complessivi che ci giungono da vari indicatori, sia qualitativi che quantitativi, vanno nella direzione di un consolidamento della ripresa. Tra gli indicatori qualitativi, il leading indicator dell OCSE, che anticipa l andamento del PIL di circa sei mesi (+1% rispetto a ottobre) è in crescita continua da fine 2008 ed è tornato a novembre al di sopra della media di lungo periodo in pressoché tutti i maggiori paesi avanzati (con l eccezione del Canada e del Regno Unito). Il volume degli scambi internazionali si è ripreso fortemente già a partire dalla scorsa estate. Dopo quattro trimestri di caduta continua, il commercio mondiale ha ripreso a correre e fatto registrare un + 0,8% a ottobre, dopo aver addirittura segnato un +5,3% a settembre. Nelle nostre previsioni, il commercio mondiale, cioè gli scambi complessivi di beni e servizi a livello internazionale, dovrebbe crescere del 9,5 % nel 2010, e del 7% nel 2011, questo dopo essere crollato del 14-14,5% nel corso del 2009.

17 42 Conoscere la borsa Sono risaliti ovunque, secondo i direttori responsabili degli acquisti delle aziende, i livelli di attività nel settore manifatturiero. Gli indici hanno ormai superato quota 50, il valore che separa una fase recessiva da una fase espansiva dell attività. In recupero è anche la fiducia delle imprese in tutta l area dell Euro, anche se resta ancora ben al di sotto dei livelli che aveva raggiunto prima della crisi. Migliorano ovunque le aspettative: anche in Italia le imprese si attendono un accelerazione della crescita dell attività produttiva nei prossimi mesi, sia per soddisfare una domanda in espansione, sia per la necessità di ripristinare un livello di scorte adeguato. La ripresa dell economia dei paesi avanzati è al momento alimentata dalla rinnovata vivacità degli scambi internazionali e dalla ripresa del ciclo delle scorte e sostenuta dagli eccezionali stimoli monetari e fiscali forniti da banche centrali e governi. Nel corso della recessione, in cui il settore manifatturiero è stato tra i più colpiti, le imprese hanno ridotto al minimo le scorte di magazzino e si trovano ora nella situazione di dover ripristinare in fretta un livello di scorte adeguato a soddisfare una domanda in graduale ripresa. Specialmente negli Stati Uniti si è allargato il gap fra la domanda finale, cioè le vendite complessive sul territorio e la produzione, cioè il prodotto interno lordo. È evidente quindi che nei prossimi trimestri la produzione dovrà aumentare proprio per tenere il passo con la domanda. Nel terzo trimestre di quest anno, il pil è cresciuto a buon ritmo sia negli Stati Uniti, dov è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente, sia, anche se più lentamente (dello 0,4% complessivamente nell area dell Euro) in Europa, dove la crescita è stata tra l altro molto differenziata tra i vari paesi (0,7% in Germania, 0,6% in Italia, 0,3% in Francia). Resta ancora negativa la crescita in Spagna e Regno Unito, che hanno entrambi registrato un -0,3%. In

18 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 43 questi paesi il peso dei settori immobiliare e finanziario è molto più forte che altrove e quindi l aggiustamento richiede tempi più lunghi. Dai dati del terzo trimestre 2009 si evince che la ripresa ha finora toccato solo marginalmente i consumi, che tra l altro sono ancora in flessione in Germania, e gli investimenti. Sui primi grava principalmente la riduzione dell occupazione e l incertezza sulle prospettive future, che hanno determinato una diminuzione della propensione al consumo delle famiglie e un aumento del tasso di risparmio. Sui secondi pesa, almeno in parte, l eccesso di capacità produttiva che caratterizza ancora la gran parte delle economie, una delle conseguenze più gravi della recessione. La capacità utilizzata nel settore manifatturiero è infatti ai minimi storici. Sugli effetti del livello di capacità utilizzata sugli investimenti è bene ricordare che se è vero che la caduta del grado di utilizzo degli impianti rappresenta un ostacolo alla ripresa degli investimenti è, però, altrettanto vero che questo effetto dovrebbe essere limitato agli investimenti per l ampliamento della capacità produttiva. Quelli volti alla razionalizzazione, riorganizzazione, rinnovamento di prodotti e produzioni, dovrebbero essere indipendenti dalla capacità utilizzata e rispondere quindi immediatamente alla ripresa della domanda e del commercio mondiale. Potrebbe tra l altro anche essere che la recessione e l aumento di incertezza e del rischio abbiano spinto le imprese a sospendere e a rimandare questo tipo di investimento; sicchè, potrebbe ora esserci un esigenza inevasa di completamento delle razionalizzazioni e ristrutturazioni che verrebbe soddisfatta con la riduzione dell incertezza circa le prospettive del ciclo economico. Almeno in Italia, nelle più pesanti recessioni passate, il grado di utilizzo degli impianti molto basso non ha impedito una rapida ripresa del flusso di investimento non appena la domanda è ripartita. Questo è successo specialmente nella recessione dell 82 e

19 44 Conoscere la borsa 83, ma anche in quella del 92 e 93, le due maggiori recessioni con forte riduzioni della capacità utilizzata. Gli investimenti dipendono anche e in modo cruciale da altri fattori, quali le aspettative di profitto e, in genere, di crescita di domanda e produzione, il costo d uso del capitale, vale a dire il tasso di interesse, la disponibilità e l accesso al credito, l esistenza e la disponibilità di fonti di finanziamento esterno. La correlazione tra profitti e investimenti è sicuramente molto forte e l andamento dei primi determina le decisioni sui secondi. I profitti, in netta e graduale ripresa negli Stati Uniti, dove sono stati favoriti dal calo del costo del lavoro per unità di prodotto, sono invece ancora molto depressi nell Area dell Euro e in Italia dove sono leggermente risaliti soltanto nel terzo trimestre del Il forte aumento del clup in Europa, tra il quarto trimestre del 2008 e il primo del 2009, è da imputarsi quasi interamente alla caduta della produzione manifatturiera non accompagnata, come negli Stati Uniti, da una analoga riduzione dell occupazione. Da inizio 2008, la produttività nel manifatturiero, diminuita del 4,6 % negli Stati Uniti, è crollata del 15,6 % nell Area dell Euro e 16,6% in Italia. Nel 2009 la riduzione dei costi dell energia ha parzialmente compensato l effetto dell aumento del costo del lavoro sui margini delle imprese. Con l esaurirsi di questo contributo molto imprese saranno costrette nel 2010 a ridurre drasticamente l occupazione per poter sopravvivere. In genere dunque il quadro macroeconomico sembra abbastanza positivo. Nel 2010 le politiche economiche continueranno a rimanere espansive, i tassi di interesse resteranno storicamente bassi ed i deficit pubblici saranno in aumento. La fiducia è in aumento quasi ovunque. Rimangono però le conseguenze della crisi e molti sono gli ostacoli alla ripresa. Ad esserne più colpiti sono stati quei paesi, quali la Germania, l Italia e il Giappone, specializzati nella produzione di

20 Innocenzo Cipolletta, Pasquale Capretta 45 beni di investimento e beni durevoli e in cui il peso del settore manifatturiero e delle esportazioni sul totale dell economia è più elevato. Questi paesi hanno visto i loro settori manifatturieri ridursi drasticamente. Solo i comparti meno affetti dal ciclo economico (quali quelli di largo consumo, della farmaceutica e dell alimentare) hanno tenuto sufficientemente bene. Tra i settori che usciranno più ridimensionati dalla crisi ci saranno la metallurgia, gli autoveicoli e le moto e gli elettrodomestici, cioè quei settori che vedranno ridursi in modo permanente la loro domanda. In termini di produzione, l Italia riuscirà a recuperare i livelli produttivi pre-crisi soltanto nel In termini di prodotto interno lordo, l Italia è tornata nel 2009 sui livelli del Occorreranno ben quattro anni prima che il PIL ritorni sui livelli del Tra le conseguenze più gravi ma inevitabili della crisi produttiva vi è stato l aumento dei disoccupati. Il tasso di disoccupazione salirà al 9% della forza lavoro nel 2011, un livello elevato ma inferiore a quello atteso per l area dell Euro. L allargamento della cassa integrazione a molte categorie di lavoratori e l introduzione di molti programmi di sostegno all occupazione, hanno determinato, almeno per ora, un aumento del numero dei disoccupati significativamente inferiore a quello che ci si sarebbe potuto attendere in condizioni del genere. Solo in Spagna, Regno Unito e Stati Uniti, dove le rigidità del mercato del lavoro sono meno stringenti ed il mercato del lavoro è molto più flessibile, il tasso di disoccupazione osservato è stato superiore a quello atteso, anche probabilmente per una reazione troppo rapida delle imprese al calo della domanda e della produzione. In questi paesi, ora che l economia riparte, l occupazione dovrebbe reagire più rapidamente all aumento di domanda e, così come essa è caduta più rapidamente, essa si riprenderà anche più rapidamente.

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale Cos è l Oro? 1. L oro è il metallo più prezioso, è sinonimo di ricchezza ed eccellenza. 2. L oro non dipende dai governi. 3. L oro non è tassato. 4. L oro non ha scadenza e non si deteriora. 5. L oro non

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 6 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 6 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario globale è ulteriormente peggiorato. EinItalia la diminuzione del PIL proseguirà: il secondo trimestre

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014)

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) Non ho bisogno spiegare quanto sia drammatica la situazione economica in Europa, e in Italia in particolare.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa

ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa https://www.youtube.com/watch?v=gehzmldt-fe Trascrizione a cura di Francesca De Munari [ 00:00-00:44 ] Alberto Bagnai, professore di politica economica all università

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) QUELLO CHE NON SI DICE SULLE CAUSE DELL ATTUALE GRANDE RECESSIONE Vicenç

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli