Il meccanismo dei Certificati Bianchi e il ruolo del GSE. Ing. Davide Valenzano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il meccanismo dei Certificati Bianchi e il ruolo del GSE. Ing. Davide Valenzano"

Transcript

1 Il meccanismo dei Certificati Bianchi e il ruolo del GSE Ing. Davide Valenzano Roma, 27 novembre 2013

2 Agenda Cosa sono i titoli di efficienza energetica Contesto normativo di riferimento Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 e il ruolo del GSE Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Descrizione Le Linee guida per la presentazione dei progetti (Delibera AEEG EEN 9/11) Cumulabilità Casi studio Allegato 1 Schede tecniche in vigore - 2 -

3 Descrizione del meccanismo dei Certificati Bianchi Cosa sono: I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), o Certificati Bianchi, rappresentano un meccanismo di promozione dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili negli usi finali. Il meccanismo si basa sull obbligo di raggiungimento di una quota minima di risparmio energetico in capo ai distributori di energia elettrica e gas naturale con più di clienti allacciati alla propria rete (Soggetti Obbligati). Per adempiere a tale obbligo i distributori possono realizzare progetti di efficienza energetica ottenendo direttamente i certificati bianchi, oppure possono decidere di acquistare i certificati bianchi da altri (Soggetti Volontari), che avendo realizzato progetti di efficienza energetica e non essendo soggetti all obbligo, sono in condizione di poter offrire e negoziare i TEE. L incentivo economico è erogato tramite l adozione di strumenti di mercato ovvero tramite l emissione di titoli negoziabili. Il valore economico dell incentivo unitario non è predefinito, ma varia in funzione del mercato

4 Contesto normativo di riferimento (1/3) Decreti Legislativi n. 79/99 e n. 164/00 Le concessioni alle imprese distributrici di energia elettrica e gas naturale devono prevedere, tra l'altro, misure di incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia secondo obiettivi quantitativi determinati con successivi decreti ministeriali. Decreti Ministeriali 24 aprile 2001 Individuano, per la prima volta, gli obiettivi quantitativi nazionali per l incremento dell efficienza energetica negli usi finali di energia con riferimento agli anni Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 Aggiornano gli obiettivi quantitativi per l incremento dell efficienza energetica negli usi finali di energia previsti dai Decreti ministeriali 24 aprile 2001 e individuano i nuovi obiettivi quantitativi con riferimento agli anni dal 2005 al 2009, confermando l obbligo di conseguimento di tali obiettivi in capo ai distributori di energia elettrica e gas naturale alla cui rete sono allacciati più di clienti finali alla data del 31 dicembre

5 Contesto normativo di riferimento (2/3) Decreto Ministeriale 21 Dicembre 2007 Aggiorna gli obiettivi quantitativi previsti dai DDMM 20 luglio 2004 con riferimento agli anni e definisce i nuovi obiettivi Estende gli obiettivi quantitativi, per ciascuno degli anni successivi al 2007, ai distributori che, alla data del 31 dicembre di due anni antecedenti a ciascun anno d'obbligo, abbiano connessi alla propria rete di distribuzione più di clienti finali; la quota degli obiettivi assegnata a ciascuna impresa di distribuzione, è determinata dall AEEG, tramite il rapporto tra l'energia elettrica/quantità di gas naturale (GJ) complessivamente distribuita dal medesimo distributore ai clienti finali connessi alla propria rete, e da esso autocertificata, e l'energia elettrica/quantità di gas naturale (GJ) complessivamente distribuita sul territorio nazionale. Per ciascun anno di obbligo, qualora un soggetto obbligato sia inadempiente, ossia non possegga almeno il 60% dei TEE equivalenti alla sua quota d obbligo, è soggetto alle sanzioni previste dall AEEG

6 Contesto normativo di riferimento (3/3) Decreto Legislativo 28/11 Stabilisce il passaggio al GSE dell attività di gestione del meccanismo di certificazione relativo ai Certificati Bianchi Rende ammissibili gli interventi di efficientamento delle reti elettriche e del gas per il raggiungimento degli obiettivi in capo alle imprese di distribuzione. Per tali interventi non sono rilasciabili i certificati bianchi. Decreto Ministeriale 28 dicembre 2012 Dispone il passaggio al GSE dell attività di gestione del meccanismo di valutazione e certificazione dei risparmi di energia. Definisce gli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico nel periodo Approva 18 nuove schede tecniche per la valutazione standard e analitica dei risparmi energetici

7 Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 Obblighi quantitativi nazionali annuali Per adempiere agli obblighi nazionali, ciascun distributore di energia elettrica e gas naturale è tenuto, nel periodo , a realizzare progetti che concorrano a una riduzione dei consumi di energia primaria, espressa in numero di Certificati Bianchi, secondo le seguenti quantità e cadenze annuali: Anno di obbligo Distributori di energia elettrica (Milioni di Titoli) Distributori di gas naturale (Milioni di Titoli) ,03 2, ,71 3, ,26 3, ,23 4,28-7 -

8 Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 Il ruolo del GSE Il D.M. 28/12/2012 stabilisce che il GSE: è responsabile, a partire dal 3 febbraio 2013, dell attività di gestione, valutazione e certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetica (art. 5); svolge, avvalendosi di ENEA e RSE, l attività di valutazione e certificazione della riduzione dei consumi di energia primaria (art. 6) Presentazione progetti Valutazione GSE Certificazione GSE Emissione TEE PPPM RVC Istruttoria tecnico amministrativa Istruttoria e assegnazione esito definitivo alla richiesta Invio lettera di esito al soggetto proponente - 8 -

9 Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 Il ruolo del GSE Il D.M. 28/12/2012 stabilisce che il GSE: Pubblica sul portale le schede tecniche utili ai fini dell accesso al meccanismo, ivi comprese le nuove schede approvate Sono state messe a disposizione di 17 nuove schede tecniche, che rientrano nelle 18 schede approvate con il Decreto 28 dicembre Difficoltà di implementazione della scheda 47 E relativa alla diffusione di elettrodomestici ad alta efficienza - 9 -

10 Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 Il ruolo del GSE Nel corso dei primi otto mesi di gestione, sono state implementate numerose evolutive al processo tra cui: la completa dematerializzazione del processo di presentazione delle nuove richieste e progetti; la riapertura della possibilità di presentare le Richieste di Verifica Preliminare (RVP); Ulteriori prossime evolutive: dematerializzazione del processo di chiusura dei procedimenti amministrativi con esito positivo (rilascio previsto per la prossima settimana); pubblicazione di una procedura per la presentazione delle richieste di cambio titolarità dei progetti funzionalità a supporto della gestione adempimento obblighi

11 Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 Il ruolo del GSE Il D.M. 28/12/2012, inoltre, stabilisce che il GSE: dà comunicazione, tramite il proprio sito internet, dei progetti approvati e dei CB rilasciati (art. 6); Mensilmente il GSE predispone apposite News con le comunicazioni sullo stato dell arte dei progetti approvati e dei TEE rilasciati. Tipologia di titoli corrispondenti a risparmi certificati dal GSE Dati in ktee Titoli attestanti risparmi diversi dall'energia elettrica e il gas (TIPO III) 896 Titoli attestanti risparmi di energia elettrica (TIPO I) Titoli attestanti risparmi di gas (TIPO II) Risparmi totali certificati dal GSE Risparmi suddivisi per tipologia

12 Le novità introdotte dal D.M. 28 dicembre 2012 Il ruolo del GSE Il D.M. 28/12/2012 stabilisce che il GSE: predispone l istruttoria per la verifica preliminare di conformità (RVP) dei progetti al D.M. 28 dicembre 2012 e alle Linee Guida di AEEG (art. 6); La verifica di conformità alle disposizioni del Decreto è eseguita dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare sulla base dei risultati ottenuti dall istruttoria predisposta dal GSE. Il GSE ha implementato, a decorrere dal 18 aprile 2013, la gestione del procedimento amministrativo inerente le RVP attraverso il portale «Efficienza Energetica» e ha predisposto una FAQ sull argomento, reperibile sul sito GSE, nella sezione dedicata ai Certificati Bianchi

13 I CERTIFICATI BIANCHI e il ruolo del GSE Il D.M. 28/12/2012 stabilisce che il GSE: Il GSE, avvalendosi di Enea o di RSE, sottopone al Ministero dello sviluppo economico la valutazione tecnica ed economica delle schede tecniche standard e analitiche proposte al GSE dai soggetti interessati (art.12); Proposta di nuove di schede tecniche standard e analitiche da parte degli operatori FAQ sul sito GSE Alcuni tavoli tecnici aperti: Illuminazione LED in ambito domestico; Applicazione di pellicole solari per vetri nel settore delle costruzioni; Ventole più efficienti per sistemi di refrigerazione; Scaldacqua SMART Lavora alla predisposizione di schede tecniche in ambiti specifici individuati dal Decreto: IT, TLC, depurazione acque etc

14 I CERTIFICATI BIANCHI e il ruolo del GSE Il D.M. 28/12/2012 stabilisce che il GSE: coadiuvato da ENEA, esegue i necessari controlli per la verifica della corretta esecuzione tecnica e amministrativa dei progetti che hanno ottenuto TEE (art. 14). Possono essere eseguiti sopralluoghi in corso d opera e ispezioni nel sito di realizzazione del progetto, durante la realizzazione del progetto stesso e comunque durante la sua vita utile, al fine di verificare il corretto adempimento degli obblighi derivanti dal riconoscimento dei certificati Entro il 31 gennaio di ciascun anno d obbligo il GSE sottopone all attenzione del Ministero dello sviluppo Economico e del Ministero dell Ambiente un programma annuale di verifiche corredato dei relativi costi. Tale programma deve prevedere controlli in situ per progetti che generano risparmi di energia primaria superiori a tep/annui E allo studio la definizione del programma annuale di verifiche per l anno

15 Il Meccanismo dei Titoli di efficienza energetica Descrizione L attuale meccanismo è regolato dal D.M. 28/12/2012 e dalle linee guida AEEG (Deliberazione EEN 9/11) entro il 31 maggio di ogni anno, a partire dal 2006 (per l obiettivo 2005), i distributori obbligati devono consegnare all Autorità TEE equivalenti, in volume e tipologia al proprio obiettivo annuale. I TEE, iscritti nel conto proprietà di ciascun soggetto, sono commercializzabili: nel mercato organizzato dal GME secondo regole approvate dall Autorità; attraverso contratti bilaterali; La possibilità di scambiare titoli di efficienza energetica consente ai distributori che incorrerebbero in costi marginali relativamente elevati per il risparmio di energia attraverso la realizzazione diretta di progetti, di acquistare titoli di efficienza energetica da quei soggetti che invece presentano costi marginali di risparmio energetico relativamente inferiori e che pertanto hanno convenienza a vendere i propri titoli sul mercato

16 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica I Soggetti ammessi Soggetti obbligati Distributori di energia elettrica che, alla data del 31 dicembre di due anni antecedenti a ciascun anno d obbligo, abbiano connessi alla propria rete di distribuzione più di clienti; Distributori di gas naturale che, alla data del 31 dicembre di due anni antecedenti a ciascun anno d obbligo, abbiano connessi alla propria rete di distribuzione più di clienti finali. Soggetti volontari Società controllate dai distributori obbligati; Distributori di energia elettrica o gas non soggetti all obbligo; Società di Servizi Energetici (SSE) ovvero «società che alla data di avvio del progetto hanno come oggetto sociale, anche non esclusivo, l offerta di servizi integrati per la realizzazione e l eventuale successiva gestione di interventi» Società con obbligo di nomina dell Energy Manager (SEM)- art. 19 L. 10/91; Imprese ed Enti pubblici con un sistema di gestione dell energia in conformità alla certificazione ISO o che abbiano nominato volontariamente un Energy Manager nuovi soggetti

17 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Richieste tramite il «Sistema Efficienza Energetica» I soggetti ammessi che vogliano presentare un progetto di efficienza energetica devono: 1. accreditarsi al Sistema Efficienza Energetica del GSE; 2. compilare la sezione dedicata alla trasmissione telematica della proposta/richiesta; 3. effettuare l upload della lettera di conferma di invio della proposta/richiesta debitamente compilata, sottoscritta, unitamente ai documenti allegati richiesti. A partire dalla data di caricamento sul portale «efficienza energetica» della lettera di conferma decorrono i tempi del procedimento amministrativo: a) 60 giorni per la valutazione delle richieste di verifica e certificazione (RVC) e per la valutazione delle proposte di progetto e programma di misura (PPPM). Se la valutazione delle RVC o delle PPPM necessita di ulteriore documentazione integrativa, i tempi del procedimento amministrativo sono così ridefiniti: a) 90 gg complessivi per la valutazione delle RVC. b) 45 gg dalla ricezione della documentazione integrativa per le PPPM

18 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica: Certificazione, emissione e attività di verifica dei progetti La verifica e certificazione dei risparmi energetici è effettuata: sulla base della documentazione trasmessa con la richiesta; Dopo la certificazione dei risparmi energetici il GSE: comunica al soggetto titolare del progetto l esito della valutazione; richiede al GME di emettere a favore del medesimo soggetto TEE corrispondenti ai risparmi certificati (in numero e tipologia); i TEE vengono iscritti nel conto proprietà intestato al soggetto titolare e possono essere commercializzabili. L attività di verifica dei progetti di risparmio energetico è effettuata: sulla base della documentazione trasmessa con la richiesta; sulla base della documentazione che il titolare del progetto deve conservare; con controlli in situ sugli impianti, sistemi e apparecchi installati

19 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Metodologie di valutazione Sono previste le seguenti tre metodologie di valutazione delle richieste di verifica e certificazione (RVC) dei risparmi: standardizzata, che consente di definire a priori il risparmio ottenibile per ogni unità fisica di riferimento installata, senza necessità di misurazione dei consumi energetici prima e dopo l intervento; analitica, che consente di quantificare il risparmio energetico conseguibile da un intervento sulla base di un algoritmo di valutazione predefinito e della misurazione diretta di un numero limitato di parametri di funzionamento; a consuntivo, che consente di quantificare il risparmio attraverso il confronto dei consumi misurati prima e dopo l intervento in base ad una proposta di progetto e programma di misura (PPPM) precedentemente proposta dal soggetto titolare del progetto e approvato dal GSE. I metodi di valutazione standardizzata e analitica si basano sulle procedure di calcolo semplificate dei risparmi, riportate nelle schede tecniche, mentre il metodo a consuntivo è applicabile esclusivamente alle tipologie di intervento per le quali non sono disponibili le schede tecniche

20 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Dimensione minima dei progetti I progetti devono avere una dimensione minima tale da permettere il riconoscimento di una quota di risparmio netto integrale non inferiore a: Ai fini dell ottenimento dei certificati bianchi possono essere considerati solo i risparmi energetici addizionali, ossia quelli che vanno oltre la media di mercato. Non sono quindi riconosciuti quei risparmi che si sarebbero ottenuti dalla spontanea evoluzione del mercato e della tecnologia, anche in assenza del provvedimento. I TEE generati vengono riconosciuti per 5 anni, salvo per gli interventi di isolamento termico degli edifici per i quali vengono riconosciuti per un periodo di 8 anni

21 Delibera AEEG n. EEN 9/11 - Linee Guida Definizioni Risparmio netto (RN): il risparmio lordo, depurato dei risparmi energetici non addizionali, cioè di quei risparmi energetici che si stima si sarebbero comunque verificati, anche in assenza di un intervento o di un progetto, per effetto dell evoluzione tecnologica, normativa e del mercato; Risparmio netto integrale (RNI): il risparmio netto che si stima venga conseguito nell arco della vita tecnica di un intervento e applicando il tasso di decadimento annuo di cui al presente comma; esso è costituito dalla somma di due componenti: il risparmio netto conseguito nel corso della vita utile (risparmio netto contestuale, RNc) e il risparmio netto conseguito dal termine della vita utile al termine della vita tecnica dell intervento stesso (risparmio netto anticipato, RNa); Addizionalità: le condizioni di pre-installazione non rappresentano, in generale, la soluzione «media di mercato». Solo la quota di minor consumo dei componenti rispetto a quello «medi» disponibili sul mercato che siano idonei a svolgere le medesime funzioni è utile ai fini della quantificazione dei risparmi

22 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Il contributo tariffario per i soggetti obbligati Delibera AEEG n. 219/04: il contributo è erogato a fronte della consegna dei titoli di efficienza energetica per contribuire alla copertura dei costi sostenuti dai distributori soggetti agli obblighi (sia attraverso la realizzazione di progetti sia attraverso l acquisto di TEE). Fino all anno d obbligo 2008, il valore del contributo è 100 /tep. Deliberazione AEEG n. 36/08, per ogni anno d obbligo successivo al 2008 il valore del contributo tariffario unitario riconosciuto è definito dall Autorità entro il 30 novembre dell anno precedente. Il valore riferito all anno n+1 è determinato in base al valore del contributo tariffario in vigore per l anno n e alle variazioni intervenute nei prezzi dell energia per i clienti finali domestici (energia elettrica, gas naturale e prezzo del gasolio per riscaldamento). L art. 9 del D.M. 28/12/2012 stabilisce che la copertura dei costi sostenuta dai soggetti obbligati è effettuata secondo modalità operative e criteri definiti dall Autorità, in misura tale da riflettere l andamento del prezzo dei TEE riscontrato sul mercato e con la definizione di un valore massimo di riconoscimento. Nel DCO 485/2013/R/EFR l Autorità definisce gli orientamenti inerenti la definizione del contributo tariffario. Secondo la formulazione proposta, il valore è determinato sulla base delle variazioni attese nei prezzi dell energia per i clienti finali domestici e del valore medio ponderato dei prezzi di scambio dei titoli in Borsa nel medesimo anno d obbligo

23 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Categorie di titoli di efficienza energetica I titoli di efficienza energetica si differenziano in otto diverse categorie in funzione della forma di energia primaria risparmiata: TIPO I II III IV V II CAR IN Riduzione dei consumi finali di energia elettrica. Riduzione dei consumi di gas naturale. DESCRIZIONE Riduzione di forme di energia primaria diverse dall elettricità e dal gas naturale non destinate all impiego per autotrazione. Riduzione di forme di energia primaria diverse dall elettricità e dal gas naturale, realizzati nel settore dei trasporti e valutati con le schede di cui all articolo 30 del D.Lgs. 28/11. Riduzione di forme di energia primaria diverse dall elettricità e dal gas naturale, realizzati nel settore dei trasporti e valutati attraverso modalità diverse da quelle previste per titoli IV. Riduzione di energia conseguiti in attuazione del decreto ministeriale 5 settembre 2011 (impianti di cogenerazione ad alto rendimento). Titoli emessi a seguito dell'applicazione di quanto disposto dall'art. 8, comma 3, del D.M. 28 dicembre 2012 in materia di premialità per l'innovazione tecnologica (Grandi Progetti). E Titoli emessi a seguito dell'applicazione di quanto disposto dall'art. 8, comma 3, del D.M. 28 dicembre 2012 in materia di premialità per riduzione delle emissioni in atmosfera (Grandi Progetti)

24 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Andamento del prezzo dei TEE Il prezzo medio di scambio di un TEE in Borsa per l anno d obbligo 2012 è stato di circa 104 /TEE. A maggio il valore economico dei TEE ha raggiunto i

25 Procedimenti amministrativi conclusi positivamente e TEE rilasciati dal GSE al 31 ottobre 2013 Il GSE, in attuazione all art. 5 del DM 28 dicembre 2012, ha concluso positivamente a decorrere dal 4 febbraio 2013 al 31 ottobre, avvalendosi di Enea ed RSE, l istruttoria tecnica di progetti, di cui 353 Proposte di Progetto e Programma di Misura (PPPM) e Richieste di Verifica e Certificazione (RVC). La conclusione delle istruttorie tecniche delle succitate RVC di competenza del GSE ha generato l emissione di TEE. A valle della chiusura dei succitati procedimenti amministrativi nonché delle istruttorie tecniche svolte dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas durante il periodo transitorio, in coerenza a quanto previsto all art. 5, comma 2 del DM 28 dicembre 2012, il GSE ha autorizzato il GME ad emettere complessivamente TEE

26 Procedimenti amministrativi conclusi positivamente e TEE rilasciati dal GSE al 31 ottobre 2013 TEE rilasciati dal GSE per procedimenti conclusi positivamente TEE rilasciati [ktee] TEE rilasciati cumulati [ktee] feb mar apr mag giu lug ago set ott Dal mese di febbraio 13 al 31 ottobre 13, sono stati rilasciati dal GSE circa TEE, ivi incluse le emissioni trimestrali standard relative ad RVC-S approvate nella precedente gestione del meccanismo Al 1 giugno 2013, dopo l annullamento dei TEE per l assolvimento all obbligo 2012, sono risultati disponibili sui conti proprietà degli operatori TEE (ca. 8% obiettivo 2013 pari a 5.51 MTEE) Con riferimento all anno d obbligo 2012 restano da conseguire, da parte dei distributori obbligati, obiettivi per circa il 35% della quota d obbligo complessiva al 2012, pari a 2,1 MTEP

27 Procedimenti amministrativi conclusi positivamente e TEE rilasciati dal GSE al 31 ottobre 2013 Ripartizione dei TEE rilasciati dal GSE per tipo di titolo e metodo di valutazione Titoli attestanti risparmi di energia elettrica (TIPO I) TEE rilasciati [ktee] 896 Tipologia di titoli corrispondenti a risparmi certificati dal GSE Dati in ktee Titoli attestanti risparmi di gas (TIPO II) Titoli attestanti risparmi diversi dall'energia elettrica e il gas (TIPO III) Titoli attestanti risparmi diversi dall'energia elettrica e il gas (TIPO III) Titoli attestanti risparmi di energia elettrica (TIPO I) Titoli attestanti risparmi nel settore trasporti, di cui al Dlgs 28/11 (TIPO IV) 0 Titoli attestanti risparmi nel settore trasporti, diversi dal Dlgs 28/11 (TIPO V) 0, Titoli attestanti risparmi di gas (TIPO II) TEE rilasciati [ktee] Risparmi totali certificati dal GSE Risparmi suddivisi per tipologia RVC standard 139 RVC analitiche 192 RVC a consuntivo Il 91% dei TEE rilasciati è stato realizzato da progetti afferenti alla metodologia a consuntivo

28 Procedimenti amministrativi avviati Procedimenti amministrativi avviati nel periodo di competenza del GSE (febbraio-ottobre 2013) ata avvio istruttoria RVC-S avviate RVC-A avviate RVC-C avviate PPPM avviate feb mar apr mag giu lug ago set ott Dal 4 febbraio sono state avviati i procedimenti amministrativi di oltre RVC, oltre RVC-S sono stata avviate nel periodo aprile-giugno

29 Distribuzione per schede standard: RVC-S avviate Distribuzione per schede standard delle oltre RVC-S avviate nel periodo febbraio-ottobre 2013 scheda 6T isolamento pareti e coperture Percentuale sul totale avviato 28% Pacchetto civile (1) 27% 5T doppi vetri 24% 3T caldaia 4 stelle a gas naturale 8% 8T solare termico 6% Nuove schede (2) 3% 4T Sostituzione di scaldacqua a gas 20T isolamento pareti e coperture per raffr. 1% 1% Multischeda 1% Altro 1% 28% interventi relativi alla scheda 6T (isolamento pareti); 27% multi-scheda afferenti al pacchetto civile; 24% interventi relativi alla scheda 5T (doppi vetri) (1) Pacchetto civile: RVC-S multi scheda con almeno due interventi afferenti alle schede: 2T, 3T, 4T, 5T, 6T, 7T, 8T, 20T (2) Nuove schede: schede, di cui all art.12, comma 1 del DM 28 dicembre

30 Distribuzione per schede analitiche: RVC-A avviate Distribuzione per schede analitiche delle oltre RVC- A avviate nel periodo febbraio-ottobre 2013 Scheda Percentuale sul totale avviato 26T: sistemi centralizzati RAFF e RISC 86,7% 22T: teleriscaldamento 9,9% 21T: cogenerazione 1,7% 16T: inverter per sistemi pompaggio P<22kW 1,3% altro 0,3% La categoria denominata «altro» è quasi interamente composta da interventi afferenti alla nuove schede tecniche, di cui all art.12, comma 1 del DM 28 dicembre In particolare riguardano interventi relativi alle schede analitiche: 31E - inverter per la produzione di aria compressa (3 RVC presentate), 32E - inverter per motori elettrici (5 RVC presentate), 35E - refrigeratori condensati ad aria per applicazioni in ambito industriale (2 RVC presentate)

31 Procedimenti avviati per le nuove schede tecniche Procedimenti avviati per RVC-S e RVC-A per interventi afferenti alle nuove schede tecniche, di cui all art.12, comma 1 del D.M. 28 dicembre 2012 Le nuove schede rappresentano il 4% dei procedimenti avviati per RVC-S ed RVC-A ID schede Numero Pratiche % sul complessivo 36E: UPS + 8T % % 22 4% % 36E;8T 36E: UPS % 36E 37E: impianti riscaldamento a biomassa 40E: generatori a biomassa per serre % 5 1% % 37E ALTRO 30E: motori elettrici 5 1% 32E: inverter sistemi ventilazione 5 1% Altro 6 1% 70% interventi relativi alla scheda 36 E: installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS); 26% interventi relativi alla scheda 37 E: nuova installazione di impianti di riscaldamento unifamiliare a biomassa legnosa;

32 Casi Studio

33 Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri: Descrizione della scheda tecnica Scheda tecnica 5T Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri Esempi/ Immagini Metodologia di valutazione: Standard Categoria di intervento: interventi finalizzati alla riduzione dei fabbisogni per climatizzazione invernale. Settore di intervento: domestico e terziario (uffici, Infisso in alluminio con taglio termico e doppi vetri commercio, istruzione, ospedaliero). Unità fisica di riferimento (UFR): 1 m 2 di superficie di vetro sostituito. Vita Utile: 8 anni - Vita Tecnica: 30 anni. Coefficiente di durabilità (tau): 2,91 Dimensione minima del progetto: 20 tep/anno Risparmio specifico lordo (RSL): dipende dalla zona climatica del Comune, dalla destinazione d uso dell immobile. Tipologia di TEE: II o III in funzione del tipo di Infisso in PVC e doppi vetri combustibile utilizzato dal generatore di calore

34 Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri: Esempio di calcolo dell incentivo Ipotesi: Riqualificazione energetica di un edificio nel comune di Roma (zona climatica D); Destinazione d uso: Uffici Dimensione minima del progetto Risparmio netto integrale RNI = (tau) x (a) x (RSL) x (NUFR) 20 tep/anno = (2,91) x (1) x (8*10-3 ) x NUFR NUFR = 860 m 2 Valore economico dell incentivo minimo: Dimensione minima del progetto: 20 tep/anno. Valore economico medio dei TEE: circa 100. Valore economico minimo del progetto = 20 tep/anno x 100 /tep /anno

35 Isolamento termico degli edifici: Descrizione della scheda tecnica Scheda tecnica 6T Isolamento termico delle pareti e delle coperture Esempi/ Immagini Metodologia di valutazione: Standard Categoria di intervento: interventi finalizzati alla riduzione dei fabbisogni per climatizzazione invernale ed estiva. Settore di intervento: domestico e terziario (uffici, commercio, istruzione, ospedaliero). Unità fisica di riferimento (UFR):1 m 2 di superficie isolata. Vita Utile: 8 anni - Vita Tecnica: 30 anni. Coefficiente di durabilità (tau): 2,91 Dimensione minima del progetto: 20 tep/anno Risparmio specifico lordo (RSL): dipende dalla zona climatica del Comune, dalla destinazione d uso dell immobile e dalla tipologia edilizia della struttura che viene isolata termicamente. Tipologia di TEE: II o III in funzione del tipo di Isolamento coperture a falda o piane Pannelli in fibra di legno Isolamento parete dall interno Pannelli in polistirene combustibile utilizzato dal generatore di calore

36 Isolamento termico degli edifici: Esempio di calcolo dell incentivo Ipotesi: Riqualificazione energetica di un edificio nel comune di Roma (zona climatica D); Destinazione d uso: Uffici Trasmittanza media ante-operam: 1,2 W/m 2 *K Dimensione minima del progetto Risparmio netto integrale RNI = (tau) x (a) x (RSL) x (NUFR) 20 tep/anno = (2,91) x (1) x (1,9*10-3 ) x NUFR NUFR = m 2 Valore economico dell incentivo minimo: Dimensione minima del progetto: 20 tep/anno. Valore economico medio dei TEE: circa 100. Valore economico minimo del progetto = 20 tep/anno x 100 /tep /anno

37 Sistemi centralizzati per la climatizzazione di edifici Descrizione della scheda tecnica Scheda tecnica 26T Installazione di sistemi centralizzati per la climatizzazione invernale ed estiva di edifici ad uso civile Esempi/ Immagini Metodologia di valutazione: Analitica Categoria di intervento: interventi finalizzati alla riduzione dei fabbisogni per la climatizzazione invernale ed estiva, per la produzione di a.c.s. e per applicazioni informatiche. Settore di intervento: civile (residenziale, commerciale Esempio di centrale termica e terziario) Vita Utile: 5 anni Vita Tecnica: 10 anni (CIV-T) - 15 anni (CIV-INF). Coefficiente di durabilità (tau): 1,87 2,65 Dimensione minima del progetto: 40 tep/anno Risparmio specifico lordo (RN): dipende dalla quantità Combustibile di alimentazione fossile o rinnovabile di energia primaria. Tipologia di TEE: I, II o III in funzione del tipo di combustibile utilizzato dal generatore di calore

38 Isolamento termico degli edifici: Esempio di calcolo dell incentivo Ipotesi: Periodo di riferimento: 1 anno solare, Ore di utilizzo del generatore di calore = h/anno; Zona climatica: E; L immobile si trova in ambito metanizzato; Pt_risc = 884 kw, n_risc = 84,2%, EF_risc = 622 MWht; -> EPservizi= 76 tep; EPcomb= 50 tep; EPe= 3 tep; Dimensione del progetto Risparmio netto contestuale RNC = 23 tep Risparmio netto anticipato RNA = ( -1) x RNC = 38 tep Risparmio netto integrale RNI = RNC + RNA RNI = 61 tep/anno Valore economico dell incentivo minimo: Dimensione minima del progetto: 40 tep/anno. Valore economico medio dei TEE: circa 100. Valore economico del progetto = 61 tep/anno x 100 /tep /anno

39 Assistenza agli operatori Per assistenza tecnico-informatica sull applicativo efficienza energetica Numero Verde: Per assistenza generali e informazioni sullo stato delle richieste e delle proposte di progetto: Numero Verde:

40 Non solo energia elettrica Grazie per l attenzione!

41 Allegato 1 Schede tecniche in vigore

42 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Le schede standard e analitiche in vigore (1/4) Nr 2T 3T 4T 5T 6T 7T 8T 9T 10T Descrizione Sostituzione di scaldacqua elettrico con scaldacqua a metano a camera stagna e accensione piezoelettrica. Installazione di caldaia unifamiliare a 4 stelle di efficienza alimentata a gas naturale e di potenza termica nominale non superiore a 35 kw Sostituzione di scaldacqua a gas, a camera aperta e fiamma pilota con scaldacqua a gas, a camera stagna e accensione piezoelettrica Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri Isolamento delle pareti e delle coperture Impiego di impianti fotovoltaici di potenza inferiore a 20 kw Installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori elettrici operanti su sistemi di pompaggio con potenza inferiore a 22 kw Recupero di energia elettrica dalla decompressione del gas naturale

43 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Le schede standard e analitiche in vigore (2/4) Nr 16T 17T 19T 20T 21T 22T 26T 28T 29T-A Descrizione Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori operanti su sistemi di pompaggio con potenza superiore o uguale a 22kW Installazione di regolatori di flusso luminoso per lampade a vapori di mercurio e lampade a vapori di sodio ad alta pressione negli impianti adibiti ad illuminazione esterna Installazione di condizionatori ad aria esterna ad alta efficienza con potenza frigorifera inferiore a 12kWf Isolamento termico delle pareti e delle coperture per il raffrescamento estivo in ambito domestico e terziario Applicazione nel settore civile di piccoli sistemi di cogenerazione per la climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria Applicazione nel settore civile di sistemi di teleriscaldamento per la climatizzazione di ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria Installazione di sistemi centralizzati per la climatizzazione invernale ed estiva di edifici ad uso civile Installazione di pompa di calore elettrica per produzione di acqua calda sanitaria in impianti nuovi ed esistenti Realizzazione di nuovi sistemi di illuminazione ad alta efficienza per strade destinate al traffico motorizzato

44 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Le schede standard e analitiche in vigore (3/4) Nr 29T-B Descrizione Installazione di corpi illuminati ad alta efficienza in sistemi di illuminazione esistenti per strade destinate al traffico motorizzato 30 Installazione di motori elettrici a più alta efficienza 31 Installazione di sistemi elettronici di regolazione della frequenza (inverter) in motori operanti su sistemi per la produzione di aria compressa con potenza superiore o uguale a 11kW 32 Installazione di sistemi elettronici di regolazione della frequenza (inverter) in motori elettrici operanti sui sistemi di ventilazione 33 Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze 34 Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni 35 Installazione di refrigeratori condensati ad aria e ad acqua per applicazioni in ambito industriale 36 Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) 37 Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza inferiore o uguale a 35 kwt

45 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Le schede standard e analitiche in vigore (4/4) Nr Descrizione 39 Installazione di schermi termici interni per l isolamento termico del sistema serra 40 Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura 41 Utilizzo di biometano (BM) nei trasporti pubblici in sostituzione del metano 42 Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri 43 Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri 44 Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il trasporto di passeggeri 45 Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il trasporto di passeggeri 46 Pubblica illuminazione a LED in zone pedonali: sistemi basati su tecnologia a LED in luogo di sistemi preesistenti con lampade a vapori di mercurio 47 Sostituzione di frigoriferi, frigocongelatori, congelatori, lavabiancheria, lavastoviglie con prodotti analoghi a più alta efficienza

Il meccanismo dei certificati bianchi. Risultati ottenuti. Ing. Davide Valenzano

Il meccanismo dei certificati bianchi. Risultati ottenuti. Ing. Davide Valenzano Il meccanismo dei certificati bianchi Risultati ottenuti Ing. Davide Valenzano Rimini, 8 novembre 2013 Agenda Il ruolo del GSE nel meccanismo dei Certificati Bianchi Risultati ottenuti nei primi 10 mesi

Dettagli

COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1 COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Il meccanismo dei TEE è stato introdotto con i Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 e recentemente modificato con il Decreto Ministeriale 28 dicembre 2012 che

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250

CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250 CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250 mitigazione efficientamento mitigazione adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione adattamento Divisione Energia

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

Guida ai Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi. Luglio 2013 - Confidenziale

Guida ai Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi. Luglio 2013 - Confidenziale Guida ai Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi Luglio 2013 - Confidenziale Cosa sono i titoli di efficienza energetica I TEE sono un meccanismo di incentivazione introdotto in Italia a

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica Chi siamo Siamo una società dinamica e flessibile con esperienza pluriennale nel settore delle energie rinnovabili. La nostra

Dettagli

L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020

L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020 L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020 Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Monitoraggio PAEE ENEA ha sempre sostenuto che il meccanismo dei CB riveste un importanza cruciale

Dettagli

Ing. Marco Giuseppe Ferruccio. Padova, 10 settembre 2014 - FLORMART

Ing. Marco Giuseppe Ferruccio. Padova, 10 settembre 2014 - FLORMART L incentivazione i del comparto agroindustriale i tramite il meccanismo dei TEE Ing. Marco Giuseppe Ferruccio Unità Certificati Bianchi Padova, 10 settembre 2014 - FLORMART Non sol o energia el ettrica

Dettagli

I Certificati Bianchi Risultati raggiunti

I Certificati Bianchi Risultati raggiunti I Certificati Bianchi Risultati raggiunti Costantino Lato Direttore Efficienza e Energia Termica Seminario FIRE 19 e 20 marzo 2015 Il gruppo GSE Autorità per l energia elettrica, il gas ed il sistema idrico

Dettagli

mitigazione efficientamento mitigazione adattamento adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione

mitigazione efficientamento mitigazione adattamento adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione CERTIFICATI BIANCHI mitigazione efficientamento mitigazione adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione adattamento come trasformare questa confusione in un vantaggio? quale opportunità? etica come

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Normativa di riferimento Decreti ministeriali del 24 Aprile 2001 (elettrico e termico) Decreti ministeriali del 20 Luglio 2004 (elettrico e termico)

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Efficienza Energetica e FER termiche: le politiche. 8 febbraio 2013 Enrico Bonacci Obiettivi SEN al 2020: Fonti Rinnovabili Obiettivo sviluppo rinnovabili al 2020 Incidenza energia rinnovabile su consumi

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

LE NOVITA NEL SISTEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI TEE

LE NOVITA NEL SISTEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI TEE LE NOVITA NEL SISTEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI TEE 22.02.2013 Rupert Rosanelli Legale rappresentante SYNECO srl Offerta: consulenza - progettazione - servizi Team interdisciplinare CONSULTING Team TECNICO

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi KEY ENERGY RIMINI 9 NOVEMBRE 2012 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Luigi De Sanctis, luigi.desanctis@enea.it ENEA-UTEE/IND ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso razionale

Dettagli

INCENTIVI: Titoli di Efficienza Energetica, Conto Termico, altri strumenti finanziari

INCENTIVI: Titoli di Efficienza Energetica, Conto Termico, altri strumenti finanziari INCENTIVI: Titoli di Efficienza Energetica, Conto Termico, altri strumenti finanziari Strumenti di incentivazione a favore delle P.A. Ing. Francesco Pradella Direttiva 2012/27/UE Formulare obiettivo nazionale

Dettagli

I certificati bianchi e il risparmio energetico nel settore edilizio

I certificati bianchi e il risparmio energetico nel settore edilizio La sfida energetica: un opportunità per le imprese di costruzioni Convegno ANCE 21 settembre 2010, Roma I certificati bianchi e il risparmio energetico nel settore edilizio Marcella Pavan Responsabile

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia: focus strumenti di incentivazione

Efficienza energetica nell edilizia: focus strumenti di incentivazione Efficienza energetica nell edilizia: focus strumenti di incentivazione Davide Valenzano 1a GIORNATA NAZIONALE DELL ENERGIA EFFICIENZA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO Roma, 19 giugno 2015 Agenda

Dettagli

Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche

Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche Anie Energia Napoli, Energy Med - 28 marzo 2014 Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche I certificati bianchi per l efficienza energetica in ambito industriale

Dettagli

VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R.

VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R. VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R. Relatore Ing. Massimo Lazzarini massimo.lazzarini@ecomenergia.it Contenuti Detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia Detrazione fiscale Riqualificazione

Dettagli

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs. n.102 del 4 luglio 2014 Il 19 luglio 2014 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n.102 del 4 luglio 2014 di "Attuazione

Dettagli

Le responsabilità gestionali del GSE nell ambito del meccanismo dei certificati bianchi

Le responsabilità gestionali del GSE nell ambito del meccanismo dei certificati bianchi Le responsabilità gestionali del GSE nell ambito del meccanismo dei certificati bianchi Davide Valenzano Responsabile Unità Attività Regolatorie e Monitoraggio 14 Workshop del Programma T.A.C.E.C.: Come

Dettagli

I TEE come strumento per riqualificare i processi industriali

I TEE come strumento per riqualificare i processi industriali I TEE come strumento per riqualificare i processi industriali Domenico Santino ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica 3 a Conferenza annuale FIRE Roma 10 aprile 2014 Sommario Evoluzione dei TEE

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEI CERTIFICATI BIANCHI E DEL NUOVO CONTO ENERGIA TERMICO

LE PROSPETTIVE DEI CERTIFICATI BIANCHI E DEL NUOVO CONTO ENERGIA TERMICO LE PROSPETTIVE DEI CERTIFICATI BIANCHI E DEL NUOVO CONTO ENERGIA TERMICO La normativa di riferimento Ing. Loris Morsucci Ancona, 05/04/2013 IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI Politica energetica nazionale

Dettagli

DM Certificati bianchi 2013-2016

DM Certificati bianchi 2013-2016 DM Certificati bianchi 2013-2016 Certificati bianchi Bilanci e proposte a sette anni dall avvio ENEA 20 dicembre 2012 Div. Efficienza Energetica - DGENRE Dipartimento per l Energia Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica

Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica Pavia, 18 dicembre 2014 Efficienza Energetica e Certificati Bianchi per interventi nell ambito del servizio aria compressa Inquadramento generale

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: TEE- TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. BELOTTI GIORGIO ING. BERARDI MARA ING. GAGLIOTTI GIOVANNA

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere La gestione dei TEE. Aspetti contrattuali e criticità per ESCO ed Energy Manager Alessandra Mari Rödl & Partner Smart Energy Expo - Verona, 9.10.2014 Rödl & Partner 11.03.2013 1 I

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

EFFICIENZ@ ENERGETICA OGGI E DOMANI. finanziamenti, tecnologie per l efficienza energetica: focus industria

EFFICIENZ@ ENERGETICA OGGI E DOMANI. finanziamenti, tecnologie per l efficienza energetica: focus industria Anie Energia - EnergiaMedia Modena 29 aprile 2014 EFFICIENZ@ ENERGETICA OGGI E DOMANI finanziamenti, tecnologie per l efficienza energetica: focus industria Marco De Min Direzione Mercati Unità Produzione

Dettagli

Regole applicative per il rilascio dei TEE. Gabriele Susanna Direzione Efficienza ed Energia Termica

Regole applicative per il rilascio dei TEE. Gabriele Susanna Direzione Efficienza ed Energia Termica Regole applicative per il rilascio dei TEE Gabriele Susanna Direzione Efficienza ed Energia Termica Roma 20 marzo 2015 AGENDA Cosa sono i :toli di efficienza energe:ca (TEE) Il meccanismo di incen:vazione

Dettagli

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE I nuovi incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l

Dettagli

I Certificati Bianchi: la gestione del meccanismo e i risultati ottenuti

I Certificati Bianchi: la gestione del meccanismo e i risultati ottenuti STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 I Certificati Bianchi: la gestione del meccanismo e i risultati ottenuti Domenico

Dettagli

I fondamenti del meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica e le opportunità per un accelerazione degli investimenti in efficientizzazione

I fondamenti del meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica e le opportunità per un accelerazione degli investimenti in efficientizzazione I fondamenti del meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica e le opportunità per un accelerazione degli investimenti in efficientizzazione Enrico Biele, FIRE I NUOVI CERTIFICATI BIANCHI PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica)

CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica) Energia: istruzioni per l uso Mezzacorona (TN), 13 dicembre 2005 Certificati bianchi, verdi e neri Polo Tecnologico per l Energia l srl - Trento CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica)

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici Bolzano 28.03.2015 sulla strada dell efficienza energetica Molti concetti! Energia sostenibile Energy Management Aziendale

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi energy Day Peschiera del Garda 12 GIUGNO 2014 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Daniele Ranieri, daniele.ranieri@enea.it ENEA-UTEE-EEAP ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso

Dettagli

3 PARTE I - 5 1.1 I 5 1.2 I 6 1.3 8 PARTE II - 12 PARTE III

3 PARTE I - 5 1.1 I 5 1.2 I 6 1.3 8 PARTE II - 12 PARTE III PAS 18/11 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (certificati bianchi) dal 1 gennaio al 31 maggio 2011 Secondo Rapporto Statistico Intermedio relativo all anno d obbligo 2010, predisposto ai

Dettagli

AEIT. sez. Trentino Alto Adige Sudtirol. Marco De Min direzione Mercati Elettricità e Gas Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici

AEIT. sez. Trentino Alto Adige Sudtirol. Marco De Min direzione Mercati Elettricità e Gas Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici AEIT sez. Trentino Alto Adige Sudtirol Efficienza energetica e Conto Termico nuovi obiettivi per i certificati bianchi il DCO dell AEEG sul rimborso in tariffa Marco De Min direzione Mercati Elettricità

Dettagli

Certificati Bianchi Bilanci e proposte a sette anni dall avvio

Certificati Bianchi Bilanci e proposte a sette anni dall avvio Certificati Bianchi Bilanci e proposte a sette anni dall avvio 1 Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Ing. Domenico Santino domenico.santino@enea.it Roma ENEA Sede 20/12/2012 Sommario Attività ENEA

Dettagli

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL 1 - Presentazione FAREFFICIENZA SRL - Titoli di efficienza energetica - Tipologia di interventi ammissibili - Esempi economici

Dettagli

TEE tra esperienza e governance Stefano Besseghini Presidente e AD RSE Spa Gruppo GSE

TEE tra esperienza e governance Stefano Besseghini Presidente e AD RSE Spa Gruppo GSE 01 Ottobre 2015 TEE tra esperienza e governance Stefano Besseghini Presidente e AD RSE Spa Gruppo GSE Il gruppo GSE I CERTIFICATI BIANCHI Lo stato dell arte Certificati Bianchi I Titoli di Efficienza

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: TEE CASE STUDY DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. BELOTTI GIORGIO ING. BERARDI MARA ING. GAGLIOTTI GIOVANNA CORSO TEE - TITOLI

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi Il ruolo del GSE, i risultati e le opportunità. Ing. Davide Valenzano

Il meccanismo dei certificati bianchi Il ruolo del GSE, i risultati e le opportunità. Ing. Davide Valenzano Il meccanismo dei certificati bianchi Il ruolo del GSE, i risultati e le opportunità Ing. Davide Valenzano Roma 27 novembre 2013 AGENDA La politica energetica nazionale: incentivi all efficienza energetica

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi Villafranca 22 ottobre 2014 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Daniele Ranieri, daniele.ranieri@enea.it ENEA-UTEE-EEAP ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso razionale dell energia

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

certificati bianchi o TEE

certificati bianchi o TEE COMUNE DI POLVERARA conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico nascono in Italia nel 2004 con due decreti ministeriali ad hoc

Dettagli

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) Domenico Santino Gruppo di Lavoro ENEA sui CB ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica Roma 26/03/2012 Decreti efficienza energetica Prima emanazione aprile

Dettagli

Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia

Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia I soggetti obbligati al raggiungimento degli obbiettivi

Dettagli

Rapporto Annuale sul meccanismo dei Certificati Bianchi

Rapporto Annuale sul meccanismo dei Certificati Bianchi Rapporto Annuale sul meccanismo dei Certificati Bianchi 2014 Gestore dei Servizi Energetici Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A Divisione Operativa Direzione Efficienza e Energia Termica Unità Certificati

Dettagli

5 PARTE I - 7 1.1 I 7 1.2 I 8 1.3 10 PARTE II - 14 PARTE III

5 PARTE I - 7 1.1 I 7 1.2 I 8 1.3 10 PARTE II - 14 PARTE III Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (certificati bianchi) dal 1 giugno al 31 dicembre 2009 Primo Rapporto Statistico Intermedio relativo all anno d obbligo 2009, predisposto ai sensi dell

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) ing. Filippo Colorito, ENEA-UTEE/GRT BARI filippo.colorito@enea.it Bari, 18 Aprile 2012 ENEA-UTEE 1 ENEA. La missione ENEA è l Agenzia nazionale per

Dettagli

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Opportunità per gli Energy manager per l attuazione dei Decreti sull Efficienza Energetica Ing. Franco Canci - Italgas Proposte di un Azienda Distributrice di Gas

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

3 PARTE I - 5 1.1 I 5 1.2 I 6 1.3 8 PARTE II - 12 PARTE III

3 PARTE I - 5 1.1 I 5 1.2 I 6 1.3 8 PARTE II - 12 PARTE III PAS 9/11 Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (certificati bianchi) dal 1 giugno al 31 dicembre 2010 Primo Rapporto Statistico Intermedio relativo all anno d obbligo 2010, predisposto ai sensi

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

Sandro Picchiolutto Consulente Comitato Termotecnico Italiano

Sandro Picchiolutto Consulente Comitato Termotecnico Italiano Progetto 20-20-20 Traguardo Condomini Con il contributo di: Sponsor dell iniziativa: Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Bologna, 5 novembre 2012 Sandro Picchiolutto

Dettagli

Progettare un mondo migliore

Progettare un mondo migliore La Energy Service Company soci del sole srl è una società di servizi energetici operante su tutto il territorio nazionale. Grazie alla collaborazione di ingegneri esperti nel settore, la E.S.Co. soci del

Dettagli

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti Enrico Biele, FIRE Convegno Efficienza energetica: normative ed opportunità per P.A. ed imprese 27 giugno 2013, Lomazzo (CO) Cos è la FIRE La

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA LA MIGLIORE OPPORTUNITA D INVESTIMENTO IN AZIENDA

EFFICIENZA ENERGETICA LA MIGLIORE OPPORTUNITA D INVESTIMENTO IN AZIENDA BIOENERGY ITALY - 05 MARZO 2014 - CREMONA EFFICIENZA ENERGETICA LA MIGLIORE OPPORTUNITA D INVESTIMENTO IN AZIENDA Fiorenzo Rainone Romano CHI SIAMO Elettrogreen Power Fondata a Genova nel 2006; qualificata

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese Mod. E03 Certificati bianchi TEE Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese ing. Fabio Minchio, Ph.D. 4 giugno 2013 f.minchio@3f-engineering.it Efficienza energetica Efficienza energetica

Dettagli

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Pasquale Monti Responsabile Efficienza Energetica Rozzano(MI) 21 Febbraio 2013 Enel.si srl Unità Sviluppo ed Efficienza Energetica

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo 16 marzo 1999, n.79 (di seguito: d.lgs. 79/99) ed in

Dettagli

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11 Presupposti e fondamenti per la determinazione del valore del contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2012 di cui ai decreti ministeriali 20 luglio

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 PROCEDURE E MODALITÀ OPERATIVE PER CONSENTIRE ALLA SOCIETÀ GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI S.P.A. L ACCESSO ALLE INFORMAZIONI NECESSARIE PER LE VERIFICHE DEL DIVIETO DI CUMULO

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

L andamento del valore dei titoli

L andamento del valore dei titoli L andamento del valore dei titoli Anna Autore Gestione Mercati per l Ambiente FIRE Roma, 10 aprile 2014 Dal progetto ai TEE Definizione del progetto 0 1 2 3 4 5 Approvazione del progetto da parte di GSE*

Dettagli

ELETTROGREEN POWER S.r.l.

ELETTROGREEN POWER S.r.l. PRESENTAZIONE ATTIVITA Latina, 18 settembre 2012 PRESENTAZIONE ATTIVITA Elettrogreen Power fondata a Genova nel 2006; qualificata come E.S.Co. dal 2006; costituita da un team di ingegneri e dottori in

Dettagli

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) )per le imprese agricole

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) )per le imprese agricole I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) )per le imprese agricole Domenico Santino ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica L EFFICIENZA ENERGETICA, LE RINNOVABILI AGRICOLTURA Rimini 4 novembre 2010

Dettagli

RN = a RL = RNt + RNf + RNe

RN = a RL = RNt + RNf + RNe Scheda tecnica n. 21T Applicazione nel settore civile di piccoli sistemi di cogenerazione per la climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria 1. ELEMENTI

Dettagli

4 1-5 1.1 5 1.2 L 2005-2009 6 1.3 L 18 2 - I 2009) 21 2.1 I 21 2.2 2009 22 2.3 I 27 2.4 I

4 1-5 1.1 5 1.2 L 2005-2009 6 1.3 L 18 2 - I 2009) 21 2.1 I 21 2.2 2009 22 2.3 I 27 2.4 I PAS 7/11 Quinto Rapporto Annuale sul meccanismo dei titoli di efficienza energetica Situazione al 31 maggio 2010 23 marzo 2011 1 2 Quinto rapporto annuale sul meccanismo dei titoli di efficienza energetica

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 28 dicembre 2012. Determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell energia elettrica e il gas per gli

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA L offerta di E.ON Energia Titoli di Efficienza energetica: COSA SONO Definizione I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), detti anche Certificati Bianchi attestano il risparmio

Dettagli

CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO. Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA

CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO. Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA Ottenere e valorizzare i Certificati Bianchi per i propri progetti di Efficienza Energetica

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

Gli incentivi per l efficienza energetica

Gli incentivi per l efficienza energetica Gli incentivi per l efficienza energetica Il recepimento della Direttiva sull efficienza energetica FIRE 2014 Ing. Emanuela Peruzzi Milano, 25 giugno 2014 Agenda Il Gestore dei Servizi Energetici-GSE S.p.A.

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi: schema e mercato

Il meccanismo dei certificati bianchi: schema e mercato dei certificati bianchi: schema e mercato Dario Di Santo, FIRE Corso GovernEE Bologna, 24 giugno 2013 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

Certificati bianchi: le nuove proposte dell Autorità per potenziare l efficacia del meccanismo

Certificati bianchi: le nuove proposte dell Autorità per potenziare l efficacia del meccanismo Fonti rinnovabili ed efficienza energetica: le prospettive per le Aziende dei servizi pubblici locali Convegno Federutility 10 dicembre 2010, Roma Certificati bianchi: le nuove proposte dell Autorità per

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 Principali innovazioni negli strumenti di policy

Dettagli

Certificati bianchi: il concetto e le esperienze

Certificati bianchi: il concetto e le esperienze Certificati bianchi: il concetto e le esperienze Enrico Biele, FIRE Klimaenergy 2012 20 settembre 2012, Bolzano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

I Certificati Bianchi. Consulenze energetiche www.studiobaldini.net 1

I Certificati Bianchi. Consulenze energetiche www.studiobaldini.net 1 I Certificati Bianchi Consulenze energetiche www.studiobaldini.net 1 I due Decreti 20 Luglio 2004 del MAP hanno introdotto il meccanismo dei Certificati Bianchi (Titoli di Efficienza Energetica o TEE)

Dettagli

Risposte a domande frequenti (FAQ) relative all applicazione delle nuove Linee guida per il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica

Risposte a domande frequenti (FAQ) relative all applicazione delle nuove Linee guida per il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica Risposte a domande frequenti (FAQ) relative all applicazione delle nuove Linee guida per il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica 1. Quanto vale il coefficiente di durabilità per il mio progetto?...2

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

IL MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DELL'ARTIGIANATO E DEL COMMERCIO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE

IL MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DELL'ARTIGIANATO E DEL COMMERCIO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE Decreto 24 aprile 2001 Individuazione degli obiettivi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili di cui all'art.16, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164. IL

Dettagli

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE:

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE: RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE: GLI INCENTIVI PER LE COOPERATIVE DI ABITANTI Sara Zoni, Finabita Legacoop Abitanti RIMINI, 6 NOVEMBRE 2015 I PRINCIPALI SCHEMI DI FINANZIAMENTO E DI INCENTIVO Le principali

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per T.E.E. (certificati bianchi) Energy MAnagement COmpany Chi siamo Siamo Energia&Progetti Srl una Energy MAnagement

Dettagli

Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità. FederUtility Valeria Zingarelli

Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità. FederUtility Valeria Zingarelli Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità FederUtility Valeria Zingarelli Sintesi delle principali modifiche al meccanismo dei TEE Aumento obiettivi esistenti (anni 2008/2009); Introduzione

Dettagli

I recenti sviluppi nella disciplina dei titoli di efficienza energetica

I recenti sviluppi nella disciplina dei titoli di efficienza energetica Efficienza energetica, cogenerazione e TEE: novità normative e opportunità manageriali, 9 Workshop TACEC Milano, 26 gennaio 2012 I recenti sviluppi nella disciplina dei titoli di efficienza energetica

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Finanziaria e detrazioni del 55%

Finanziaria e detrazioni del 55% Finanziaria e detrazioni del 55% Le detrazioni del 55% saranno valide fino al 31 dicembre 2012 alle stesse condizioni. In dettaglio ecco cosa prevede la normativa a sostegno degli interventi di risparmio

Dettagli