Edizioni L Informatore Agrario.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it"

Transcript

1 Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da quello personale e privato è tassativamente vietato. Edizioni L Informatore Agrario S.p.A. non potrà comunque essere ritenuta responsabile per eventuali malfunzionamenti e/o danni di qualsiasi natura connessi all uso dell opera.

2 INCONTRI ZOOTECNICI S Transizione, gli accorgimenti che fanno la differenza Il benessere animale e le nuove diete a energia controllata sembrano oggi le carte vincenti del periodo di transizione. Sono necessari strumenti e capacità che permettano un applicazione intelligente, efficiente e adeguata a ciascun allevamento È una scelta molto importante per il successo del nostro lavoro, soprattutto dopo le più recenti ed efficaci indicazioni nutrizionali di Drackley (Illinois University): talvolta ha più probabilità di sucdi Michele Campiotti Il periodo di transizione è la chiave di volta del reddito nell allevamento del bovino da latte. La competenza di un tecnico o di un allevatore può essere misurata dalla capacità e dell intelligenza con cui si muove su questo argomento. In questo articolo si vogliono riproporre tutti i dieci punti chiave nella gestione della transizione, sintesi di un approfondita esperienza di campo in numerosi allevamenti e di un incessante e assetata ricerca bibliografica sull argomento arricchita dalle ultime novità sull argomento. Comfort vacche Creare luoghi ottimali per vacche in asciutta e close-up è un investimento che ripaga sempre. Rimando per i dettagli e l approfondita documentazione ad altri articoli recentemente usciti sul tema (Supplemento Stalle da latte n. 1 a L Informatore Agrario n. 35/2007 pag. 5). In sintesi è importante sottolineare come sia necessario dare adeguato spazio alle vacche: se sono in cuccetta, almeno 1 cuccetta per vacca; se sono, meglio, su lettiera devono avere almeno 10 m 2 /vacca e 15 m 2 /vacca nel close-up. Non rispettare questi parametri si traduce in un costo più o meno ingente per l allevamento. È importante, quindi, evitare quindi, assolutamente il sovraffollamento, anche dei posti in greppia (1 per vacca o 70 cm di spazio a testa) e gestire con la massima attenzione e precisione le lettiere o le cuccette. La lettiera deve avere una capacità assorbente elevata (gli stocchi di mais non vanno bene) e deve essere aggiunta frequentemente. Soprattutto la zona parto deve essere assolutamente pulita, senza eccezioni. Questi luoghi inoltre devono essere raffrescati efficacemente. Le perdite economiche per la mancanza di impianti di reffrescamento in questa fase sono ingenti. Nella figura 1 viene riportata un immagine che fa ben capire come i fattori di stress nella vacca abbiano un effetto tra loro sommatorio. Questo è particolarmente vero nella transizione dove si aggiungono anche stress già legati ai grandi cambiamenti metabolici cui l animale è sottoposto. Gestione dei gruppi COMPOSIZIONE DELLA DIETA (SULLA S.S.) PER VACCA ASCIUTTA CHE SODDISFI L ENERGIA NETTA LATTE (*) Sostanza secca ingerita: 11,3-12,2 kg/giorno Densità energetica: 1,30-1,39 Mcal di energia netta latte/giorno Contenuto proteico: 12-14% proteine grezze, di cui g/giorno di proteine metabolizzabili Contenuto di amido: 12-16% NDF: 40-50% sul totale o 4,5-5,5 kg/giorno. Limite più alto se fonti di fibra solubile diverse, più basso se paglia Contenuto di sostanza secca: < 55%. Aggiungi acqua se necessario per evitare la demiscelazione e aumentare l appetibilità (*) Holstein di 680 kg; Mcal/giorno. cesso un gruppo unico alimentare con, se possibile, un doppio gruppo asciutta e close-up che abbia come unico scopo di dare maggiore spazio possibile alle vacche in pre parto. Il gruppo unico alimentare ha il grosso vantaggio di diminuire gli errori nella preparazione dei carri. Nella maggior parte dei casi, l esperienza (l invito è di misurare con analisi e setacci nei vari gruppi) porta a pensare che quello che si ha intenzione di fare è abbastanza distante da quello che si sta facendo realmente. Per questo è meglio qualche compromesso dal punto di vista nutrizionale ma che abbia come fine ultimo una razione fatta 3/2008 supplemento a L Informatore Agrario 13

3 S INCONTRI ZOOTECNICI meglio, più controllata e più costante, riducendo gli stress incontrollabili determinati da variazioni alimentari. Avere un gruppo unico alimentare può consentire anche di ridurre i giorni di spostamento da 21 a 15 nel gruppo closeup, che dovrebbe essere attiguo al gruppo asciutta (foto 1), potendo così rispettare più facilmente le regole di spazio esposte precedentemente. È quindi importante ricordare questa regola: «Più è semplice, più è facile e spesso più è efficace». Misurare l ingestione La misurazione dell ingestione di sostanza secca nell asciutta e nel close-up (anche un solo dato tra i due, o la media dei due) è ormai diventato un «dovere». Questo dato, se rilevato con precisione, ha un valore enorme e permette innanzitutto di bilanciare la razione. Se si è al corrente della quantità di sostanza secca ingerita si può decidere cosa dare da mangiare agli animali, in caso contrario si può solo approssimare grossolanamente. Inoltre, l ingestione è un informazione estremamente proattiva, anticipa una situazione che potrà generare dei problemi, permettendo di correggerla per tempo; è inutile infatti aspettare di avere problemi sanitari post partum, o di eliminare le vacche sotto i 30 giorni di lattazione, per sapere che qualcosa non sta funzionando nell impostazione della transizione. Contenere l energia FIGURA 1 - Gli stress nella bovina Foto 1 - Gruppi di vacche in asciutta e close-up attigui al fine di minimizzare gli stress Allo scopo occorre tenere presente il grande insegnamento sviluppato nell ultimo periodo da Drackley. Sovralimentare, particolarmente per l energia, aumenta l insulino-resistenza, che causa di conseguenza una maggiore mobilizzazione delle riserve corporee, avendo una potenziale minore ingestione di sostanza secca durante l immediato periodo pre e post parto. Questo espone le vacche a maggiori rischi di problemi metabolici correlati all energia. È importante focalizzare l attenzione sull energia somministrata alle vacche asciutte quando si formulano le razioni e si gestisce la miscelata. I fabbisogni di energia netta, secondo Drackley, nel periodo di asciutta oscillano tra le 14 e le 15 Mcal/giorno. A volte capita di vedere gruppi di vacche asciutte che consumano anche 13 kg di sostanza secca ingerita di una razione formulata per contenere 1,5 Mcal/kg di sostanza secca ingerita al giorno. Questo vuol dire che una vacca consuma circa il 40% in più dell energia che le serve (circa 20 Mcal al giorno). Punto di non ritorno Stress da caldo Sovraffollamento Stress sociali Struttura inadeguata Cambiamenti metabolici Contenere l energia complessiva tra le 14 e le 15 Mcal/giorno Non è tutto: una singola vacca può consumare molta più energia di questa perché l ingestione di sostanza secca varia da animale ad animale. Drackley raccomanda da 1,30 a 1,39 Mcal/kg di sostanza secca ingerita come punto di partenza per un gruppo che ha accesso al cibo 24 ore su 24. Spesso questo significa includere da 2 a 4 kg per capo di foraggio a bassa energia (paglia) nella dieta dell asciutta e limitare l insilato di mais a kg. I livelli di ingestione di energia per le vacche in close-up sono simili alle raccomandazioni di Drackley per le vacche asciutte. Con questa impostazione dell energia occorre tenere d occhio l ingestione delle manze e analizzare i dati sanitari divisi per vacche e manze. Le manze, infatti, potrebbero essere un pò svantaggiate se sono insieme alle vacche perché ingeriscono meno sostanza secca. In questo caso i valori potrebbero essere leggermente aumentati. Inoltre, somministrando questo tipo di razione alle vacche in close-up è consigliabile I fattori di stress hanno effetto sommatorio. Nella transizione si aggiungono agli stress metabolici quelli dovuti a management e strutture inadeguati utilizzare una fonte di proteine indegradabili per aiutare le vacche a soddisfare i loro fabbisogni di proteine metabolizzabili (> g/ giorno) importanti per ottenere brillanti picchi di lattazione. Seguire l approccio di Drackley di alimentare in modo simile le vacche in asciutta e in close-up può portare alla formulazione di una sola razione per un gruppo unico di asciutta (asciutta + close-up) facilitando la vita sia alle vacche sia all allevatore (tabella 1). 14 3/2008 supplemento a L Informatore Agrario

4 INCONTRI ZOOTECNICI S TABELLA 1 - Esempio di dieta per vacche in asciutta ( 1 ) Alimento Quantità % s.s. kg di s.s. kg di tal quale Insilato di mais 35,3 4,236 12,103 Paglia di frumento trinciata 31,8 3,816 4,336 Fieno di medica trinciato 17,1 2,052 2,332 Farina di mais 3,6 0,432 0,491 Farina di soia (48% proteine grezze) 5,1 0,612 0,695 SoyPlus (fonte di proteine by-pass) 4 0,48 0,545 Urea 0,9 0,109 0,123 Minerali, vitamine 2,2 0,264 0,300 Acqua 2,000 Totale (tal quale) ,926 S.s. (%) 52,3 Composizione Foraggio NDF (%) 50,4 NFC (Carboidrati non fibrosi) (%) 25,4 Contenuto proteico (%) 14,4 NRC proteine metabolizzabili a 12 kg s.s. ingerita (g/giorno) Energia netta latte (Mcal/kg s.s.) ( 2 ) 1,30 ( 1 ) Suggeriti da Drackley, adattato da The Manager, ( 2 ) Calcolato per la dieta totale secondo il modello Cncps (versione 5) e analizzando la composizione chimica di insilato di mais, paglia di frumento, fieno di medica e concentrati nell unifeed. Foto 2 - Il controllo della demiscelazione deve essere attento. Possono essere utili i setacci. Bisogna pulire bene la mangiatoia e somministrare gli avanzi ad altri gruppi (rimonta) Scegliere bene gli alimenti Per impostare al meglio questo tipo di razioni sono presenti negli alimenti spesso disponibili nei nostri allevamenti alcuni elementi facilitanti. Il riferimento è principalmente alla paglia e al silomais. Innanzitutto la qualità degli alimenti deve essere di alto livello. La verifica della qualità degli alimenti deve essere accurata. Deve essere ben chiaro che il vecchio pensiero per cui alle vacche asciutte si possono somministrare alimenti non eccellenti deve essere definitivamente «sepolto». Al contrario, è necessario dare gli alimenti migliori della stalla. Migliori non vuol dire concentrati, ma sani e anche un foraggio a bassa energia come la paglia deve essere sano, senza muffe o danni causati dal maltempo e ben trinciato (5 cm). Per essere sicuri di avere fatto un buon lavoro si può setacciare un campione di 50 g di paglia. Il risultato ottimale è ritrovare 1/3 di parte trinciata per ogni setaccio. Con questa attenzione le vacche in asciutta possono ingerire senza problemi anche 4 kg di paglia al giorno senza limitare per questo i livelli di ingestione complessivi. Anche il silomais deve essere controllato per le fermentazioni. Risulta, infatti, un alimento ottimale per l asciutta, che si sposa bene con la paglia per i bassi contenuti in potassio e il discreto livello di energia. Il resto del foraggio deve essere di qualità, appetibile e deve favorire il recupero di una quota proteica. La fonte proteica è ben rappresentata dalla farina di estrazione di soia. Se si vuole essere perfetti in questa impostazione è ottimale una fonte di proteine indegradabili, quale per esempio glutine di mais o concentrato di patate per alzare il livello delle proteine metabolizzabili. Gestire ottimamente l unifeed TABELLA 2 - Esami di 126 campioni di foraggio per rilevare il potassio Foraggi Campioni (n.) Potassio (g/100 g) Dev. standard Su queste basi bisogna scegliere i foraggi da destinare alle asciutte. I valori complessivi di potassio devono essere più bassi possibili e comunque inferiori a 1,4%. Per utilizzare con successo un approccio a energia controllata usando voluminose diete per vacche asciutte è assolutamente necessario prevenire la demiscelazione e assicurare un continuo e non sovraffollato accesso all unifeed. Nelle aziende dove si riscontrano problemi utilizzando queste razioni generalmente le cause sono uno o più di questi fattori. In alcuni casi fieno e paglia non sono trinciati a sufficienza per prevenire la demiscelazione. Un altra utilissima strategia per prevenire la demiscelazione è aggiungere acqua nell unifeed, se non c è caldo eccessivo la percentuale di sostanza secca può arrivare utilmente anche al 50%. Monitorare la percentuale di sostanza secca degli alimenti è un punto critico a causa della possibile variazione dei nutrienti contenuti nella razione. Minimo Max Cpm (*) Fieno di medica 16 2,9 0,8 1,1 4,4 2,7 Fasciato di medica 2 2,5 0,2 2,4 2,7 2,6 Fieno di loiessa 20 2,9 0,8 1,6 5,1 3,3 Loiessa insilata-fasciata 8 2,2 0,9 0,9 3,2 3,3 Fieno di panico 2 3,6 1,3 2,6 4,5 Fieno di prato stabile 59 2,1 0,7 0,6 3,6 2,6 Fieno di prato stabile fasciato 3 2,5 0,2 2,3 2,7 Frumento insilato 2 2,4 0,1 2,3 2,5 2,3 Paglia 2 1,4 0,2 1,3 1,5 1,6 Silomais 12 1,4 0,9 0,7 3,7 1,2 (*) Cmp-Dairy, programma di alimentazione. Fonte: Laboratorio ARAL, Crema. È quindi necessario analizzare costantemente e accuratamente i foraggi umidi. La gestione dell unifeed deve essere simile a quella adottata nelle vacche in lattazione: miscelata corta, ben umida, spinta spesso vicino alle vacche e sempre disponibile. Il controllo della demiscelazione deve essere attento (foto 2). Ci si può aiutare utilmente con i setacci, ricordando di pulire bene le mangiatoie e di somministrare gli avanzi (che ci devono essere alla rimonta). 3/2008 supplemento a L Informatore Agrario 15

5 S INCONTRI ZOOTECNICI TABELLA 3 - Bilanciamento della razione dal punto di vista minerale Magnesio: > 0,4% della sostanza secca Calcio: 0,6% (0,5-0,8%) della sostanza secca Fosforo: 0,27% della sostanza secca Potassio: più basso possibile DCAD (*): se il calcio è basso può non servire bilanciare; se è alto bilanciarlo a circa 0 meq/100 g Vitamina E: minimo U/giorno (*) Bilancio anioni-cationi. Fonte: Drackley, adattato da The Manager, Zona per asciutta: 10 m 2 /vacca Zona per close-up: 15 m 2 /vacca Controllare il metabolismo del calcio Altro fattore importante è la conoscenza dei valori di calcio, fosforo, potassio e magnesio dei foraggi che stiamo utilizzando per avere sotto controllo il metabolismo del calcio, chiave del successo della nostra impostazione. Il controllo del potassio nella razione dell asciutta e del close-up è fondamentale per avere possibilità di successo e PRODUZIONE DI LATTE NEI PRIMI 150 GIORNI: OBIETTIVI Eccellente: > 35% dei capi produce più di 45 kg/giorno Allarme: < 20% dei capi produce più di 45 kg/giorno Eccellente: < 1% dei capi produce meno di 23 kg/giorno Allarme: > 5% dei capi produce meno di 23 kg/giorno Media eccellente: se > 40 kg/giorno Media allarme: se < 35 kg/giorno permette a volte di evitare il non semplicissimo uso dei sali anionici. Usare la paglia e il silomais è un primo facile modo di contenere questi valori. Nella tabella 2 possiamo vedere i valori di 126 campioni di foraggi diversi analizzati presso il laboratorio dell Aral di Crema per il contenuto in potassio raffrontati ai loro valori tabellari contenuti nella libreria del Cpm (Cmp-Dairy, programma di alimentazione). È chiara la necessità di «scegliere» i foraggi aziendali perché il loro valore di potassio può variare di molto. I valori di potassio complessivi nella razione devono essere più bassi possibili e comunque inferiori all 1,4%. L analisi del calcio nel sangue al parto (campione da effettuarsi entro 12 ore dal parto e prima di qualsiasi trattamento) è Capacità assorbente elevata (NO stocchi di mais) un utilissimo modo per valutare «a valle» la nostra situazione e decidere come intervenire. Il nostro obbiettivo deve essere quello di avere almeno il 75% dei campioni con più di 8 mg/dl di calcio. Qualora i dati ne sottolineino la necessità e ci sia contemporaneamente l impossibilità di contenere il potassio nella razione, esistono oggi sul mercato sali anionici composti appetibili che usati in modo anche non necessariamente aggressivo possono aiutarci a migliorare la nostra impostazione e a contenere i problemi nel post parto. In questo caso è sicuramente consigliabile un buon monitoraggio del ph delle urine nelle vacche in asciutta o close-up e l aiuto di un bravo tecnico. Comunque occorre bilanciare con attenzione la razione dal punto di vista minerale e vitaminico come indicato nella tabella 3 da Drackley. Gestione dei parti VACCHE ELIMINATE NEI PRIMI 90 GIORNI DI LATTAZIONE (% SUI PARTI): OBIETTIVI < 5% nei primi 30 giorni < 10% nei primi 90 giorni La gestione dei parti e della zona parto è un punto cruciale della transizione che spesso, ancora oggi, viene data per scontata. L ottimale sarebbe avere un box parto singolo in cui spostare la vacca al momento del parto. In ogni caso, il luogo dove le vacche partoriscono non deve essere assolutamente sovraffollato e deve essere pulitissimo. Le vacche in prossimità del parto devono essere controllate continuamente; questo non significa essere interventisti, al contrario, occorre sempre aspettare 2-3 ore dall inizio delle spinte prima di iniziare ad aiutare perché se lo si fa troppo presto si può peggiorare la situazione. Occorre sempre e comunque controllare l igiene di mani e strumenti e formare correttamente il personale che deve assistere ai parti. Fallire su questi punti può voler dire spesso maggiore mortalità dei vitelli, maggiori lacerazioni e un numero molto superiore di metriti nel post parto con infine minor produzioni di latte e più bassi tassi di gravidanza. Sono tutte perdite economiche molto ingenti. Controllare inoltre che ci sia disponibilità di acqua pulita e ottimo fieno per il giorno del parto. Gestione delle vacche fresche Per avere un ottimo risultato complessivo è sicuramente consigliabile, se possibile, avere un piccolo gruppo di partenza in cui si mettono le vacche che hanno appena partorito solo per una decina di giorni. Lo scopo di questo gruppo è innanzitutto quello di avere bene sott occhio le vacche, controllarle tutte le mattine quando si scarica la miscelata se vengono a mangiare, come ruminano, com è il loro aspetto per prevenire al massimo qualsiasi problema. Inoltre è necessario che ci sia anche qui la disponibilità di almeno 1 cuccetta per vacca, o meglio ancora un ottima lettiera simile a quella descritta per il close-up. Se si ha la possibilità di diversificare la razione, può essere utile somministrare un 80% della miscelata delle vacche in lattazione (che però deve avere un alto contenuto di proteine almeno pari al 17%), con l aggiunta di 2 kg di medica o, a volte, anche un po di paglia, ma sempre tutto nel 16 3/2008 supplemento a L Informatore Agrario

6 INCONTRI ZOOTECNICI S INCIDENZA DI EVENTI SANITARI (% DEI PARTI): OBIETTIVI Dislocazioni abomaso: < 5% Ritenzioni placenta: < 10% Chetosi cliniche: < 5% Collassi puerperali: < 1% carro. È l allevatore che deve scegliere ciò che mangiano le vacche e non loro, che spesso fanno la scelta sbagliata. Questa impostazione favorisce la sanità del rumine, decisiva in particolare per quei giorni difficili. Le vacche non devono mai rimanere in questo gruppo per più di 14 giorni. Dopo quel periodo ed eventualmente anche prima, se stanno bene, mangiano e ruminano, hanno gli occhi svegli e la temperatura a posto, devono passare nel gruppo lattazione, altrimenti devono andare in infermeria ed essere trattate. Ritengo molto importante tenere sotto controllo gli animali, osservandoli spesso, poiché il loro aspetto dice molto di come stanno andando le cose. Il pelo, gli occhi e le orecchie, come camminano, come mangiano e ruminano, sono tutti indici importanti che testimoniano lo stato di salute dell animale e che possono anticipatamente segnalare eventuali errori nel risultato finale. Molto utili in questi 10 giorni possono essere i protocolli post parto che prevedono la misurazione giornaliera della Una buona composizione della miscelata è a base di silomais, farina di soia, glutine di mais o concentrato di patate Fino a 4 kg di paglia/giorno non limitano l ingestione complessiva se ben trinciata Metriti: < 10% nelle primipare; < 5% nelle pluripare temperatura, un modo molto proattivo di notare e intervenire sulle anomalie. Per esperienza la percentuale di vacche con febbre varia sensibilmente da allevamento ad allevamento. Per chi possiede i lattometri elettronici è molto utile tenere d occhio la produzione di latte durante questi primi 10 giorni, che dovrebbe costantemente aumentare. Analizzare i dati tecnici e sanitari VALORI OTTIMALI DI CALCIO E MAGNESIO AL PARTO Obiettivo: più del 75% delle vacche con Ca > 8 mg/dl di latte e più del 90% con Mg > 2 mg/dl di latte Le vacche in asciutta necessitano degli alimenti migliori Il silomais si abbina bene con la paglia per i bassi livelli di potassio Il foraggio a bassa energia deve essere di qualità e trinciato a 5 cm INGESTIONE SOSTANZA SECCA NELL ASCIUTTA E NEL CLOSE-UP: OBIETTIVI Manze 11,5 kg Vacche 13 kg Media > 12 kg Registrare tutti i dati relativi agli eventi sanitari e analizzarli insieme ai dati tecnici con programmi efficaci (quali DairyComp SATA) è il punto attraverso cui valutare continuamente se abbiamo fatto un buon lavoro e in che cosa possiamo ancora migliorare. In azienda a volte il periodo di transizione generalmente è valutato attraverso la presenza o l assenza di problemi metabolici (che ancora troppo raramente vengono raccolti e valutati con precisione). Valutare il successo della transizione solo in base agli eventi sanitari sottostima le opportunità nascoste di una migliore gestione della transizione. È necessario anche considerare la variazione nei livelli di produzione di latte come risultato economicamente decisivo della gestione della transizione. Nei riquadri obiettivo è possibile vedere i principali dati su cui valutare la transizione. A questi occorre aggiungere anche i valori di tasso di gravidanza su cui la transizione può avere un grosso impatto. Esistono stalle con oltre il 50% di vacche che producono più di 45 kg sotto i 150 giorni di lattazione; i picchi arrivano intorno a kg. Si tratta di valori eccellenti. Senza una complessiva ottimizzazione della transizione queste performance non sono possibili. Risulta significativo riportare i dati di un azienda particolarmente problematica. Dislocazioni (2008): febbraio-luglio 13%, agosto-novembre 3,3%, chetosi (anche leggere) rilevate con le cartine sul totale delle vacche: febbraio-luglio 30,1% e agosto-novembre 9,8%. In questa azienda a partire dall agosto 2008 si è passati da un impostazione tradizionale al sistema di nutrizione a energia controllata con gruppo unico suggerito da Drackley. Il risultato in termini di eventi sanitari è stato eclatante. Crollo della percentuale di dislocazioni e di chetosi che da tempo erano un problema aziendale. Benessere e nuove diete, elementi vincenti Gli elementi su cui lavorare, si può oggi dire, sono sempre più chiari. Qualsiasi tecnico o allevatore può far proprie queste esperienze. Il punto chiave sta proprio nel riuscire ad applicare quello che si conosce. Spesso qui sta il problema, la differenza tra ciò che si crede di fare o si vorrebbe fare e ciò che si sta facendo. In questo quadro l attenzione al benessere degli animali e queste nuove diete a energia controllata suggerite dal Drackley possono essere gli elementi vincenti. Le diete a energia controllata diminuiscono notevolmente i problemi sanitari legati alla transizione. Questa impostazione è particolarmente importante soprattutto nel primo periodo di asciutta e comunque consente facilmente la gestione di un solo gruppo alimentare per tutto il periodo di asciutta. Come sempre ci vuole attenzione e precisione, le diete devono essere miscelate e somministrate correttamente. Con questo metodo la bontà del nostro sistema alimentare e della nostra gestione vengono messi alla prova. Da questa sfida però oggi nessun allevamento può più tirarsi indietro. Michele Campiotti Tecnico specialista SATA gestione aziendale Caposervizio tecnico APA Bergamo 3/2008 supplemento a L Informatore Agrario 17

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Prof. Paolo Berzaghi Dipartimento di Medicina Animale Produzioni

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Bilancio Per contenere il costo alimentare

Bilancio Per contenere il costo alimentare Consigli tecnici e gestionali per ridurre questo tipo di costo di produzione, dal campo alla mangiatoia Bilancio Per contenere il costo alimentare Le autrici sono del servizio tecnico della Comazoo di

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Aspetti pratici dell'integrazione minerale nella vacca da latte: un lustro di esperienza con l'xrf (fluorescenza a raggi X) nel territorio

Aspetti pratici dell'integrazione minerale nella vacca da latte: un lustro di esperienza con l'xrf (fluorescenza a raggi X) nel territorio Aspetti pratici dell'integrazione minerale nella vacca da latte: un lustro di esperienza con l'xrf (fluorescenza a raggi X) nel territorio italiano Milk Village - Fiera Cremona 31 Ottobre L integrazione

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

Gestione Se l asciutta è breve

Gestione Se l asciutta è breve Ricercatori canadesi, statunitensi e olandesi indagano su come mantenere le bovine produttive e sane anche con un periodo di asciutta inferiore a 60 giorni Gestione Se l asciutta è breve di Roberta Sguerrini

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali

Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali 13 Meeting AIA LSL Roma 4 dicembre 2013 BHB e acetone nelle analisi individuali dei CCFF: valutazioni preliminari del rischio di chetosi Dott.ssa Nicoletta Rizzi - Responsabile laboratorio Diego Vairani

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte.

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40 e FSC400 La soluzione giusta per te...... ogni giorno Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Cristian Bolzonella Contagraf, Università di Padova Steven Taff Dipartimento Economia Applicata, Università

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti

PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI Sistemi pratici di calcolo per fare più reddito in stalla Il Sata ha sperimentato su 62 aziende un semplice strumento informatico, «Dairy Economics», per

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Maccarana L. 1, Cattani M. 1, Lerose D. 1, Bailoni L. 1 1 Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti Alfonso Zecconi Whittlestone 1958 A questo stadio dello sviluppo dell industria la2ero- casearia, due sono le cose più importan8: 1. Migliorare

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Tabella 1 - Modalità di utilizzo del colostro

Tabella 1 - Modalità di utilizzo del colostro DA ESPERIENZE SATA SU 50 ALLEVAMENTI LOMBARDI Un nuovo metodo per un efficiente gestione del vitello Lo studio condotto dal Sata ha evidenziato che la tradizionale alimentazione dei vitelli, tipica degli

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

GR 2 Control Fiber Supplement. 84 tavolette

GR 2 Control Fiber Supplement. 84 tavolette GR 2 Control Fiber Supplement 84 tavolette Contiene glucomannano (dalla farina di Konjak) che, in acqua, è in grado di aumentare di 50 volte il proprio peso, più altre 5 fonti di fibra alimentare. La sua

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati A. Formigoni & A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 9 InfoBiogas- Montichiari- 24-1- 2013 Indici di efficienza biologica Utilizzo

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE

HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE È il cibo studiato appositamente per il tuo cane se ha un fegato molto sensibile ed è di conseguenza soggetto al rischio di epatiti. Con Hepatic puoi evitare problemi a questo

Dettagli

Un generatore di energia di prima qualità

Un generatore di energia di prima qualità NOVITà Un generatore di energia di prima qualità Un generatore di energia di prima qualità Nel 2014 Syngenta presenta SY QUALITAT*, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità.

Dettagli

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ottobre 2014 Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ali Yavuz, Senior Technical Service Manager and Dr. Antonio Kalinowski, Nutritionist Sommario Il controllo del peso dell uovo nella fase tardiva

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

Per un mais trinciato di prima qualità

Per un mais trinciato di prima qualità Per un mais trinciato di prima qualità Il mais trinciato di prima qualità Nel 2014 Syngenta ha lanciato SY QUALITAT, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità. Classe: FAO

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE MANUALE DI USO Documento: Manuale R01 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE Ultima revisione 25 Novembre 2015 ManR01 Sintetico collettivo e individuale 25 novembre 2015 Pag. 1 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

Metodologia di indagine

Metodologia di indagine Istituto di Ingegneria Agraria Benessere e produttività delle bovine da latte: il ruolo della stalla Risultati di uno studio in Lombardia Elisabetta Riva Istituto di Ingegneria Agraria Scopo del progetto

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Essere consapevoli del proprio livello di sicurezza per agire di conseguenza A cura di Alessandro Da Re CRISC, Partner & CEO a.dare@logicalsecurity.it

Dettagli

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Convegno Regionale A.D.I. Dall alimento al nutriente: dal pesce agli Omega 3 Vicenza, 17 dicembre 2011 Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Lucia Bailoni Dipartimento di Scienze Animali

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

Rimettiamo le vacche al centro di GIOVANNI DE LUCA

Rimettiamo le vacche al centro di GIOVANNI DE LUCA Luciano e Mauro Comino hanno ribaltato l allevamento di famiglia situato a Rocca de Baldi (Cn) per abbattere i costi di alimentazione e ridare spazio alle foraggere aziendali. Tagliando sul silomais e

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini

Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini SILOMAIS: Foraggio base di molte aziende irrigue da latte e da carne della pianura padana grazie al suo elevato potenziale

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Periodo dell asciutta e preparto

Periodo dell asciutta e preparto Periodo dell asciutta e preparto Il periodo dell asciutta Messa in Asciutta Parto Ultime settimane di lattazione ASCIUTTA 8-9 settimane Vacche fresche ~2sett. PERIODO DI ASCIUTTA ULTIMI 45 60 d DI GRAVIDANZA

Dettagli