RASSEGNA STAMPA FALCRI 29 APRILE 2010 A cura di Manlio Lo Presti Associazione Falcri Banca Monte dei Paschi di Siena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA FALCRI 29 APRILE 2010 A cura di Manlio Lo Presti Associazione Falcri Banca Monte dei Paschi di Siena"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA FALCRI 29 APRILE 2010 A cura di Manlio Lo Presti Associazione Falcri Banca Monte dei Paschi di Siena ESERGO Meglio che non ci rubino niente. Almeno così non si avranno guai con la polizia. KARL KRAUS, Detti e contraddetti, Adelphi, 1972, p &btng=cerca+immagini&gbv=2&aq=f&aqi=&aql=&oq=&gs_rfai= Ora si teme per il futuro dell'euro Colpita la Grecia, la crisi lambisce Portogallo e Spagna 29 apr :03 di ALFONSO TUOR - L onda d urto della crisi greca, che non sta toccando solo i Paesi deboli dell Unione monetaria europea, ma i mercati finanziari di tutto il mondo, è destinata a piegare le resistenze tedesche e a sbloccare il piano di 45 miliardi di euro di aiuti dell UE e del Fondo monetario internazionale. L attivazione di questo piano permetterà di guadagnare un po di tempo, ma non di cambiare la conclusione di questa tragedia greca né di risolvere la crisi che ha cominciato a lambire Spagna e Portogallo. Ma procediamo con ordine. Ieri le obbligazioni statali greche sono state declassate al livello di titoli spazzatura (è la prima volta per un Paese di Eurolandia) e i rendimenti sono ulteriormente saliti. Ciò vuol dire che per il Governo di Atene è chiuso l accesso ai mercati dei capitali. Atene non è più in grado di raccogliere i capitali per finanziare le proprie attività quotidiane né di rifinanziare l obbligazione di 9 miliardi di euro che giunge a scadenza il prossimo 19 maggio. In parole povere, lo Stato greco è insolvente e può rinviare la propria dichiarazione di insolvenza solo se arriveranno i capitali promessi dagli altri Paesi europei e dal Fondo monetario internazionale. È probabile che le pressioni degli altri Paesi di Eurolandia e la volatilità dei mercati finanziari pieghino le resistenze tedesche e che al

2 vertice europeo straordinario convocato dalla presidenza spagnola il 10 maggio venga attivato il piano d aiuti. Ciò permetterà di guadagnare qualche settimana, ma non muterà i termini della crisi che oramai ha colpito anche Portogallo e Spagna. Questi 45 miliardi di euro basteranno alla Grecia solo per i bisogni più immediati e saranno esauriti nel giro di alcune settimane. Come ha cominciato a riconoscere ufficialmente anche il Fondo monetario internazionale, per traghettare la Grecia fuori dalla crisi occorrono stanziamenti di ben altra dimensione, poiché la prevista forte contrazione dell economia del Paese mediterraneo è destinata a ridurre drasticamente il gettito fiscale e a rendere irrealistiche le previsioni di riduzione del disavanzo pubblico. Per Atene diventa quindi una missione impossibile rifinanziare circa 200 miliardi di euro di obbligazioni in scadenza nei prossimi due anni. In altri termini, o Atene riceverà altri aiuti dall Unione Europea e dall FMI o la questione dell insolvenza dello Stato greco è solo rinviata di qualche settimana. La credibilità del piano è minata dalla mancanza di volontà di procedere ad una ristrutturazione del debito pubblico greco, ad esempio con una significativa decurtazione del valore facciale delle obbligazioni statali. Questa strada è per il momento chiusa. In primo luogo, per l opposizione delle banche europee che registrebbero significative perdite sui 272 miliardi di euro (stando ai dati della BRI di Basilea) di esposizione nei confronti della Repubblica ellenica. Basti pensare che le banche francesi sono esposte per 80 miliardi di euro e quelle tedesche per 45 miliardi. In secondo luogo, per l opposizione della Banca centrale europea, che si troverebbe a dover a fare i conti con una crisi del sistema bancario greco, con nuove difficoltà delle banche europee e con consistenti perdite dirette, poiché le obbligazioni statali greche sono utilizzate dalle banche europee come pegno in cambio dei finanziamenti della Bce. In terzo luogo, ed è sicuramente l ostacolo più importante, per la strenua opposizione dei Paesi deboli di Eurolandia. Una ristrutturazione del debito greco, che equivarrebbe di fatto ad una dichiarazione di insolvenza, farebbe infatti lievitare ancor più i tassi di interesse che i Governi di Portogallo, Spagna, Irlanda ed Italia devono pagare per finanziarsi: i mercati riterrebbero che la ristrutturazione del debito pubblico sia una strada obbligata anche per questi Paesi. Il dramma è che la tragedia greca si protratta talmente a lungo da aver già cominciato ad intaccare la credibilità degli altri PIGS. Infatti i titoli portoghesi sono stati declassati e i rendimenti sono aumentati fortemente a tal punto da rendere problematico (o in ogni caso molto costoso) il rifinanziamento di 25 miliardi di euro che scadono quest anno. Lo stesso vale per la Spagna, alle prese non solo con un disavanzo pubblico superiore al 10% del PIL, ma anche con le conseguenze sull economia e sui bilanci delle banche iberiche dello scoppio della bolla immobiliare. E proprio ieri le agenzie di rating hanno declassato anche le obbligazioni spagnole. Pure i rendimenti dei titoli del debito pubblico italiano hanno cominciato a risentire degli effetti della crisi greca. Questi Paesi stanno dunque esercitando forti pressioni sulla Germania per l attivazione del piano di aiuti, sperando di uscire dal vortice provocato dalla crisi greca, e sono contrari a qualsiasi ipotesi di ristrutturazione del debito ellenico che non farebbe altro che accrescere i timori dei mercati sulla loro credibilità. Ma giocare sulle aspettative dei mercati non basta. La recente pesante recessione ha messo in luce che le economie di questi Paesi hanno perso competitività. Le previsioni di una debole ripresa mettono in dubbio la capacità di Portogallo, Spagna, Irlanda e anche dell Italia di onorare i debiti pubblici accumulati nel corso degli anni. In conclusione, il piano UE/FMI non risolverà né la crisi greca né appianerà le difficoltà degli altri Paesi europei in difficoltà. Questo indica quanto fallace sia l idea che la moneta unica europea possa essere salvata dal dirottamento di enormi risorse verso i Paesi mediterranei. La riprova sono le resistenze politiche che si sono già manifestate in Germania nei confronti degli aiuti alla Grecia. Dunque è in forse lo stesso futuro dell euro.

3 Washington val bene una messa Stretta del Consiglio federale su bonus e banche 29 apr :01 di MORENO BERNASCONI - Quello che sarebbe stato impensabile ancora all apice della crisi dei subprime, ieri è accaduto. Nel 2008 il ministro delle finanze Hans Rudolf Merz aveva dichiarato che lo Stato non deve intervenire in nessun modo sulle decisioni salariali delle aziende. Neppure su quelle delle aziende aiutate dalla Confederazione. Ieri il Consiglio federale ha deciso: 1. di tassare come utili i bonus superiori ai due milioni di franchi corrisposti dalle grandi banche ai loro manager; 2. di limitare i salari delle aziende che ricevono un aiuto statale; 3. che le opzioni per l acquisto di azioni corrisposte ai collaboratori di una banca non saranno più tassate al momento dell assegnazione ma a quello della loro monetizzazione. Inoltre l UBS dovrà pagare la totalità delle spese (stimate a 40 milioni) generate dalle richieste di assistenza amministrativa indirizzate alla Confederazione dagli Stati Uniti dopo la scoperta delle malefatte di UBS negli USA. Come questo miracolo ha potuto accadere? Alla vigilia di un voto fondamentale del Parlamento per l approvazione dell Accordo extragiudiziale fra UBS e gli Stati Uniti, il Consiglio federale deve essersi detto che...washington val bene una messa. Ovviamente il Governo nega che queste decisioni regolatorie del settore bancario siano state prese sotto la pressione di un ricatto socialista (e dell indignazione dell opinione pubblica verso la tracotanza di alcuni banchieri). Ma la realtà è questa: il Governo ha accettato obtorto collo di pagare alla piazza e soprattutto al PS (che aveva avanzato immediatamente buona parte di queste richieste) il prezzo di un accordo con gli USA, da cui dipendono interessi vitali del nostro Paese. Ciò detto, il PS non si dichiara ancora soddisfatto. Avendo posto precise condizioni per garantire il proprio sostegno all accordo USA-UBS, si ritrova in una posizione di forza e di debolezza nel contempo. Una posizione di forza perché può dichiarare pubblicamente che il merito delle nuove norme volte a regolare il settore bancario è in gran parte suo. Una posizione di debolezza, perché se non otterrà posta piena (vale a dire una tassa dell 8,5% sui bonus superiori a 1 milione) si vedrà costretto a votare come promesso solennemente contro l accordo USA-UBS, assumendosi la responsabilità delle gravi conseguenze economiche e politiche che ciò potrebbe comportare per la Svizzera. È probabile che il PS faccia di tutto nelle prossime settimane per riproporre e far passare in sede di commissione parlamentare le sue proposte inascoltate (per riuscirvi ha bisogno del sostegno, oltre a quello acquisito dei Verdi, anche di quello non acquisito del PPD). Non riuscisse a spuntarla in commissione, potrebbe ritrovarsi solo soletto (con i Verdi) durante la sessione di giugno a combattere l accordo USA-UBS, per ragioni che a ben guardare esulano dall accordo stesso. Posizione disagevole, soprattutto se l UDC che finora ha dichiarato di volere anch essa la bocciatura dell accordo, ma per motivi opposti a quelli del PS (la difesa blindata del segreto bancario) dovesse decidere alla fine di astenersi. Le poche settimane che ci separano dal voto parlamentare sull accordo UBS-USA saranno particolarmente movimentate. A complicare il braccio di ferro fra i partiti e con il Consiglio federale sarà infatti, entro fine maggio, il rapporto della Commissione della gestione sull operato del Governo durante la fase di salvataggio dell UBS nel Oltre alla messa celebrata ieri per il PS, il Governo ha interesse ad accendere un cero. Grande grande.

4 PAPANDREOU: «L'UE FERMI L'INCENDIO». MERKEL: «EVITARE UNA NUOVA LEHMAN» Grecia, l'appello di Trichet: «La Germania decida in fretta» Il governatore della Bce a Berlino per sbloccare il prestito ad Atene. Intanto S&P abbassa il rating della Spagna MILANO - Pressing di Ue e Bce su Berlino per gli aiuti alla Grecia: il presidente della Commissione Ue, Jose Manuel Barroso, assicura che l'unione europea e la Banca centrale europea sono «determinate a garantire la stabilità» dell'eurozona e quindi gli aiuti alla Grecia arriveranno. Il governatore della Bce, Jean-Claude Trichet, invita la Germania a «decidere in fretta». Trichet è volato a Berlino insieme al direttore generale dell'fmi Dominique Strauss-Kahn. «Sono pienamente fiducioso che avremo una buona conclusione e che tutte le decisioni saranno prese», ha aggiunto Trichet, secondo il quale «i negoziati ad Atene saranno conclusi in pochi giorni. E quel negoziato è la chiave di tutto». «Ogni giorno perso è un giorno in cui la situazione peggiora e peggiora» ha detto invece Strauss-Khan per il quale «è in gioco la fiducia nell'eurozona». CONTRIBUTI FMI - Il Fondo monetario internazionale potrebbe erogare ad Atene contributi supplementari per 10 miliardi di euro, sotto forma di un prestito triennale, nel timore che il pacchetto da 45 miliardi già deliberato non riesca a riportare sotto controllo la situazione del debito pubblico di Atene. Lo scrive il 'Financial Times' riportando fonti ufficiali e bancarie di Washington e Atene. Il contributo supplementare andrebbe ad aggiungersi ai 15 miliardi di euro che il Fondo si è già impegnato ad erogare. BOCCIATA ANCHE LA SPAGNA - Ad aggravare il clima di incertezza nei Paesi dell'euro, arriva però la notizia che Standard & Poor's ha tagliato il merito di credito della Spagna portandolo ad 'AA' dal precedente 'AA+'. Lo comunica in una nota l'agenzia di rating. Le prospettive sul rating spagnolo - aggiunge S&P - sono «negative». Martedì era già stato declassato il Portogallo. Si rinforza insomma la paura di contagio. MERKEL: «NON DIVENTI NUOVA LEHMAN» - Le attenzioni, al momento, sono però concentrate soprattutto sulla crisi greca. Anche il presidente americano, Barack Obama, sta monitorando la situazione, dopo aver espresso «forte preoccupazione». Nel frattempo la Fed, la Banca Centrale americana, ha lasciato invariati i tassi tra 0 e 0,25% aggiungendo di voler mantenere i tassi a bassi livelli «per un periodo esteso». Per il presidente dell'fmi, che ha parlato in una conferenza stampa nella serata di mercoledì a Berlino, dopo un vertice con il cancelliere tedesco Angela Merkel, la crisi greca «non sfocerà in una nuova recessione». La Merkel, dal suo canto, ha detto che «non si può consentire che con la Grecia si arrivi a una nuova crisi come quella innescata dal fallimento della banca americana Lehman Brothers» e che l'esperienza dimostra che occorrono «soluzioni di lungo termine e che ora si sta percorrendo la strada giusta». LA POLITICA SI MUOVE - Sul fronte politico l'ostacolo più grosso a un rapido intervento di ristrutturazione del debito greco - attraverso prestiti a tassi più bassi di quelli di mercato da parte dei paesi della zona euro e dell'fmi - rimane la posizione della Germania, contraria a finanziare Atene senza ulteriori, pesanti impegni sul fronte della spesa pubblica oltre al pacchetto di misure già votato dal Parlamento greco. Misure però che, secondo molti analisti, rischiano di deprimere ulteriormente la già fragile economia ellenica. La Germania si trova del resto ad affrontare le elezioni e ha un'opinione pubblica in larga parte contraria a finanziare il debito greco. Così una riunione dell'eurozona è stata fissata solo per il 10 maggio, il giorno dopo le elezioni tedesche. Ma occorre far presto, visto che il 19 maggio vanno a scadenza titoli greci per 9 miliardi di euro. Berlino però, dopo il colloquio con Trichet e Strauss-Khan, sembra pronta a dare una mano. Se i negoziati con Atene avranno successo, il governo tedesco è pronto ad adottare un disegno di legge per autorizzare la partecipazione della Germania al piano di aiuti. Lo ha detto a Berlino il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble. Il governo tedesco chiederà al parlamento l'approvazione di aiuti alla Grecia fino a 8,4 miliardi nel 2010 e per un

5 ulteriore ammontare non specificato nel 2011 e nel I dettagli del progetto di legge, compresi gli importi, saranno definiti domenica quando la Grecia dovrebbe terminare i negoziati col Fmi e la Commissione Europea sul piano triennale di riduzione dell'indebitamento. IL PUNTO SULLA CRISI ELLENICA - La crisi greca continua però ad aggravarsi. Per la prima volta da quando esiste l'euro oggi il rendimento dei tassi dei titoli di Stato di un paese dell'eurozona ha superato l'11%. Si tratta dei titoli di stato greci a 10 anni che, tra l'altro, hanno fatto registrare oggi un differenziale rispetto ai titoli di stato tedeschi fino a 847 punti base dai 690 di martedì, livello massimo dal Nel frattempo il rendimento del biennale ellenico è schizzato al 24,2% (15% nella vigilia), segnando un differenziale rispetto al titolo tedesco di punti base (con un incremento di oltre punti base rispetto alla chiusura). Il Cds (la sigla sta per credit default swap ed è un accordo tra un acquirente ed un venditore per mezzo del quale il compratore paga un premio periodico a fronte di un pagamento da parte del venditore in occasione di un evento relativo ad un credito, come ad esempio il fallimento del debitore, cui il contratto è riferito) sui cinque anni della Grecia si è allargato a 865,4 punti base dagli 823,8 di martedì sempre rispetto all'equivalente tedesco. Un valore che, spiegano gli esperti, riconosce ormai al 50,3% la probabilità di un fallimento della Grecia. Per contrastare possibili speculazioni la Consob greca ha vietato per due mesi le vendite allo scoperto alla Borsa di Atene. La decisione fa seguito al declassamento deciso martedì dall'agenzia di rating S&P che ha tagliato il rating della Grecia a «junk» (spazzatura). La vendita allo scoperto è un'operazione finanziaria che consiste nella vendita, effettuata nei confronti di uno o più soggetti, di titoli non direttamente posseduti dal venditore. PAPANDREOU - Il premier Giorgio Papandreou ha quindi invitato l'europa ad assumersi «le sue responsabilità» per evitare che «l'incendio si propaghi». Parlando al consiglio dei ministri il premier ha assicurato che per quanto la riguarda, la Grecia «si è assunta la sua parte di responsabilità storica per sè e per l'europa». COMMISSIONE UE - Intanto da Tokyo parla il presidente della Commissione Ue Barroso secondo il quale gli Stati dell'ue, la Commissione europea e la Bce sono «determinati a garantire la stabilità della zona euro». «Al momento non vediamo rischi di contagio»: ha detto invece il portavoce del commissario Ue agli Affari Economici e Monetari, Olli Rehn, a proposito delle preoccupazione che la crisi greca possa diffondersi all'interno di Eurolandia. «Non si può assolutamente paragonare - ha sottolineato il portavoce - la situazione della Grecia con quella di altri Paesi della zona Euro». In particolare, il portavoce ha evidenziato la differenza tra la situazione greca e quella del Portogallo, spiegando come Lisbona abbia presentato un programma di risanamento dei conti «concreto, ambizioso e realizzabile» dicendosi anche disposto a valutare il varo eventuale di nuove misure correttive. «Nessun ritardo o rinvio. Anzi, al contrario, stiamo accelerando»: aveva detto in precedenza Rehn, a proposito dei tempi per attivare il piano di aiuti in favore della Grecia. «Il lavoro va avanti - aveva spiegato il portavoce - e dall'ultimo venerdì la sequenza che ci porterà all'attivazione del meccanismo di aiuti ha subito un'accelerazione. Non c'è nessuno che sta aspettando niente, e il lavoro sarà finalizzato nei prossimi giorni». Redazione online Deficit Eurozona, l'allarme della Bce Ai timori per la crisi greca, si aggiunge l'allarme della Bce sul deficit dell'eurozona. "Fino al non ci sarà nessun miglioramento negli squilibri notevoli dei bilanci dei Paesi della zona euro" ha detto Lucas Papademos, vicepresidente della Bce parlando al Parlamento europeo. Il numero due della Banca centrale europea ha anche ricordato che su sedici Paesi di Eurolandia, tredici hanno già in corso procedure per deficit eccessivo, e "quest'anno tutti registreranno una deficit superiore al 3 per cento di Pil". Per il

6 vicepresidente Bce si tratta di "squilibri di bilancio notevoli che si estenderanno ancora per parecchio tempo". Banca d'italia: Fondo pensione critico Ancora criticità per il mercato dei fondi pensione in Italia. " quanto emerge da uno studio della Banca d'italia che sottolinea pure l'importanza di questa "categoria di investitori fondamentale per la crescita delle economie moderne". Il motivo è presto detto: contribuiscono ad accrescere la dimensione dei mercati finanziari, ad aumentarne l'efficienza e a migliorare la governance delle società nelle quali investono. I problemi rimangono soprattutto perché manca una chiara ripartizione dei ruoli e delle responsabilità. Spagna, avanti con programma di riduzione del deficit dopo taglio S&P 28/04/ Il declassamento da parte di Standard & Poor's non mette in discussione il programma di riduzione del deficit della Spagna, dice il ministro dell'economia iberico Jose Manuel Campa. "L'importante ora è sostenere le misure per stabilizzare nel medio e lungo termine il percorso di crescita, che è la base, poiché la revisione del rating non mette in discussione il programma di consolidamento del deficit", ha detto Campa all'agenzia di stampa Reuters. La Spagna punta a ridurre il deficit dall'11,2% del 2009 al 3% entro il La Grecia non sia una nuova Lehman, dice la Merkel. Il taglio del rating per la Spagna e un po di spazzatura in casa Bce Ora anche la Germania fa la faccia buona verso Atene L Unione europea deve intervenire presto, oppure l incendio rischia di propagarsi. L appello per sbloccare il piano di aiuti che consentirà alle finanze greche di tirare un po il fiato è stato lanciato ieri dal primo ministro di Atene, Georges Papandreou, ed era rivolto a Bruxelles perché Berlino intendesse. La cancelliera Angela Merkel, in risposta, ha fatto sapere che la Germania non vuole evitare le proprie responsabilità e che non possiamo permettere che la Grecia diventi una nuova Lehman Brothers. Perciò è necessario che i negoziati con la Grecia possano concludersi entro pochi giorni. A patto ovviamente che il paese in difficoltà accetti un piano esigente di risanamento, visto che la prima economia europea come ha fatto capire nei giorni scorsi non è disposta a correre in aiuto di nessuno che non si impegni preliminarmente a contenere la spesa pubblica. I mercati però sono impazienti e ogni giorno che passa le turbolenze aumentano, non foss altro per l esposizione che le banche dell area euro hanno nei confronti dell Ellade: i dati della Banca dei regolamenti internazionali parlano di 75 miliardi di euro per le banche francesi, 34 miliardi per quelle tedesche e 5,27 per quelle italiane. Vista la situazione, ieri

7 anche i vertici della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale hanno deciso di aumentare il pressing nei confronti del governo tedesco. Vi è la necessità assoluta che la Germania si decida in fretta, ha detto Jean-Claude Trichet, presidente della Bce, nel corso di una sua visita al Bundestag. Insieme a Dominique Strauss-Kahn, numero uno del Fmi, hanno voluto confrontarsi direttamente con i parlamentari della prima economia europea. E dall esecutivo guidato da Merkel sono arrivati segnali di apertura: La Germania è pronta a sborsare con urgenza fondi per l indebitata Grecia ha dichiarato il ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble durante il fine settimana dovrebbe essere raggiunto un accordo e lunedì dovrebbe essere presentato un disegno di legge che approderà poi al voto della Camera bassa. Molti condizionali, eppure sono bastati perché l euro a metà giornata iniziasse a recuperare un po del terreno perso nei confronti del dollaro. La ripresa dei listini si è ulteriormente rafforzata non appena si è saputo che l entità del pacchetto di aiuti destinato alla Grecia, per ora pari a 45 miliardi di dollari, potrebbe aumentare; si è parlato di un intervento di circa 120 miliardi in tre anni. Risultato: i tassi di rendimento dei titoli governativi greci sono calati, dopo i picchi raggiunti in mattinata, e lo spread dei bond greci a dieci anni, rispetto ai bund tedeschi, è sceso sotto i 700 punti da oltre quota 800. A fine giornata però è stata Madrid a far scivolare ancora le Borse: Standard & Poor s ha infatti tagliato il merito di credito della Spagna, da AA+ a AA, spingendo l euro a 1,31 dollari, il punto più basso da un anno a questa parte. Le agenzie di rating tornano dunque sotto i riflettori. Non a caso Jean-Claude Trichet, parlando del programma coraggioso che la Grecia dovrà predisporre, ha detto di attendersi che gli osservatori ne tengano conto, incluse le agenzie di rating. Il riferimento non è casuale: due giorni fa infatti è stata proprio la decisione di Standard & Poor s di declassare il debito pubblico greco al rango di titoli spazzatura (BB+) a turbare ulteriormente la situazione. E a far suonare un campanello d allarme sostengono gli analisti perfino a Francoforte. Nel bilancio della Bce, infatti, figurano una quantità indefinita di bond del governo greco, depositati come garanzia di operazioni di rifinanziamento richieste da banche private elleniche e europee. Ma ora gli stessi bond di Atene, se anche Fitch e Moody s si allineassero sul giudizio dato da Standard & Poor s, rischierebbero di non poter garantire più un bel nulla. In questo caso il patrimonio della Bce, che nel corso della crisi era venuta incontro agli stati, subirebbe un contraccolpo. Per non parlare delle possibilità delle banche greche di accedere a ulteriore liquidità. - FOGLIO QUOTIDIANO di Marco Valerio Lo Prete La crisi greca e le colpe dei mercati Ci sono nel mondo alcune società che campano dando i voti (rating, il termine tecnico) a imprese, banche e perfino stati sovrani. Krugman, premio Nobel per l'economia, alcuni giorni fa ha ricordato che il 93% delle obbligazioni alle quali era stato assegnato il massimo dei voti, oggi sono diventate junk, cioè spazzatura: non valgono niente. In altre

8 parole le società di rating non si erano accorte che dietro quelle obbligazioni c'era il nulla. O meglio, c'erano i mutui subprime che hanno trascinato il sistema globale nella più grave crisi finanziaria dal grande crollo del Solo con gli stati le società di rating sono da sempre spietate e la prova si è avuta ieri: le obbligazioni della Grecia sono state dichiarate spazzatura da Standard&Poor's. Ma non è solo la Grecia nel mirino delle società di rating: anche al Portogallo sono stati ridotti i «voti». E questo significa che Lisbona dovrà dovrà pagare maggiori interessi sul debito pubblico, aggravando una situazione già difficile. Duque, il Portogallo è a rischio, mentre la Grecia è già sull'orlo dell'abisso: non riesce a finanziarsi sui mercati. Oltre all'annuncio della S&P è stata una dichiarazione di George Papaconstantinou a scatenare il terremoto. Il ministro delle finanze ha fatto un appello disperato: la Grecia ha bisogno dei prestiti dell'unione europea e del Fmi entro il 19 maggio perché «non è in grado» di finanziarsi sui mercati. E poi ha aggiunto che la «mancanza di chiarezza» sulla posizione dell'europa «non è di aiuto» al Paese. Non ha torto: l'europa appare profondamente divisa e, Germania in testa, molti paesi premono perché alla Grecia nulla sia «regalato». E anche se Trichet, il presidente della Bce, ha cercato di tranquillizzare, sostenendo che è «fuori questione un default Atene o dell'eurozona», le reazioni dei mercati sono state violentemente al ribasso. Anche perché lo stesso Trichet non ha fornito spiegazioni né voluto commentare l'andamento dei negoziati tra il governo di Atene e Bruxelles sull'attivazione del pacchetto di prestiti. La borsa di Atene ieri ha ceduto quasi il 7% (milano è andata giù di oltre il 3%) e l'intera Ue ha bruciato in borda oltre 160 miliardi: l'impressione è che la crisi si stia propagando a altri paesi «periferici». I forti allargamenti accusati sia dagli spread (rispetto al titolo di riferimento tedesco) sia dai Cds, ovvero il costo assicurativo contro il rischio default, testimoniano i crescenti timori vissuti dai mercati in questo senso. Nelle ultime battute i differenziali hanno accentuato il trend. Per quanto riguarda gli spread del segmento del decennale, quello greco si è portato a 718 punti base (come dire il 7,18%% in più rispetto al rendimento di quelli di Berlino). Si tratta del nuovo massimo dal febbraio Lo spread del Portogallo è salito a 263 punti base; quello della Spagna a 102,7, quello dell'irlanda a 198,2 e quello dell'italia a 101. Per quanto riguarda i Cds a cinque anni, il greco ha toccato un nuovo record di 814 punti base (8,14%), il portoghese a 355, lo spagnolo a 200, l'irlandese a 240 e l'italiano a 160. Una situazione già precaria che è ulteriormente peggiorata nella parte finale della seduta: l'annuncio da parte di Standard and Poor's prima del dowgrade del Portogallo e poi del taglio del rating della Grecia a livello di junk hanno rappresentato un'ulteriore tegola sui mercati del debito. L'origine della crisi è la Grecia, sulla cui capacità di onorare i propri impegni (scadenze e interessi) in vista delle scadenze di metà maggio pochi ormai sono pronti a scommettere. Mentre nelle scorse settimane a vendere titoli del debito greco erano soprattutto i fondi ellenici, ora a cedere il debito sono anche le banche greche in forte difficoltà perché chi può ritira i soldi e li spedisce all'estero. Di più: in queste ultime giornate ad abbandonare sono soprattutto i possessori stranieri di debito greco che, secondo alcuni, è, o meglio era, distribuito soprattutto in Francia, Germania Austria. Non di meno, hanno osservato nelle sale operative, ad alleggerire le posizioni ci hanno pensato anche le banche greche e gli istituzionali locali nel timore di non riuscire più a dare alla Bce in garanzia i propri titoli per partecipare alle aste di rifinanziamento. A questo punto i mercati non sono più tanto interessati a quello che succederà alla Grecia, ma sembrano temere sempre di più l'ipotesi di contagio. E alcuni operatori, pur sottolineando che altrove il bilancio della seduta è stato ben peggiore, hanno fanno l'esempio di come sia andato ieri il mercato del debito italiano. Il Tesoro ieri mattina ha effettuato un'asta di Cts, Certificati del Tesoro, titoli indicizzati a

9 due anni e nel pomeriggio questo titolo veniva trattato sul mercato secondario già 20 centesimi sotto il prezzo di aggiudicazione. Un brutto segnale che prelude a un rialzo dei tassi anche in Italia. «Sono segnali - ha commenta un analista - che negli ultimi giorni non avevamo mai visto: segnali di contagio». Crisi Grecia, 135 miliardi da Europa e Fmi Spagna declassata, Ue contro agenzie rating Sì Germania agli aiuti. Angela Merkel: «Non possiamo permettere una nuova Lehman Brothers». Rendimento titoli Stato Atene sopra il 10%. Borse giù, euro ai minimi. In Portogallo patto governo-opposizione ROMA (28 aprile) - Unione Europea e Fondo Monetario Internazionale hanno deciso che il pacchetto di aiuti in favore della Grecia ammonterà a circa 135 miliardi di euro per il trienno Lo ha annunciato a San Paolo del Brasile il ministro dell'economia tedesco, Rainer Bruderle, dopo il sì al piano di slavataggio giunto da Angela Merkel, secondo la quale non si possono lasciar fallire gli stati come se fossero la Lehman Brothers. Intanto una brutta notizia per la Spagna: Standard & Poor's ha tagliato il merito di credito di Madrid portandolo ad AA dal precedente AA+. Le prospettive sono «negative», potrebbe cioè esserci un ulteriore declassamento. La nuova decisione, dopo quelle su Grecia e Portogallo, ha spinto la Ue ad attaccare le agenzie di rating. Accuse alle agenzie di rating. Secondo Dominique Strauss-Kahn, direttore generale del Fmi, «non bisogna credere troppo» a quello che dicono le agenzie di rating. E il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, spiegando che il programma di risanamento del governo greco dovrà essere coraggioso e convincente, si aspetta «che gli osservatori ne tengano conto, incluse le agenzie di rating». Le accuse alle agenzie sono di lavorare spesso in conflitto di interessi visto che vengono pagate dalle stesse società di cui emettono i rating, di compiere gravi errori nei giudizi e di condizionare le politiche degli stati imponendo, con ogni taglio del rating, un aumento dei tassi di interessi. Già sotto tiro nella crisi subprime per aver agevolato i prodotti tossici (molti dei quali si fregiavano della tripla A), le agenzie tornano nel mirino per i tagli a Grecia, Portogallo e Spagna, fomentando di fatto la speculazione. Le agenzie, in specie Standard and Poor's, non rilasciano commenti ufficiali ma nei comunicati su ogni taglio di rating si attribuisce la decisione al peggioramento delle stime macroeconomiche. In specie Standard and Poor's prevede una crescita zero della Grecia da qui al 2016 e con un debito oltre il 130% del Pil nel 2011, un debito che non scenderà per il Portogallo fino al 2013 mentre per la Spagna vi è un ritocco dall'1% allo 0,7% della crescita media annua del Pil nel periodo Angela Merkel: «Non possiamo permettere che la Grecia diventi una nuova Lehman Brothers». La Cancelliera tedesca ha parlato in una conferenza stampa a Berlino. «Nel caso degli stati - ha spiegato - non si può permettere una situazione come quella della Lehman Brothers». La Merkel ha sottolineato che Atene deve accettare un «programma esigente» per il consolidamento del bilancio e deve ristabilire la fiducia dei mercati nel Paese. «C'è un processo doloroso davanti a noi ma si stanno gettando le basi in modo che possano esserci finanze sostenibili - ha aggiunto la Merkel - Siamo sulla strada giusta, adesso è necessario velocizzare gli aiuti». il suo esecutivo, come annunciato dal ministro

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA

QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA 174 OXFAM BRIEFING PAPER SETTEMBRE 2013 Manifestanti contro le misure di austerità a Madrid, maggio 2011. Miguel Parra QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA Il vero costo dell austerità e della disuguaglianza

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 Documentazione per le Commissioni ATTIVITÀ DELL'UNIONE EUROPEA Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 7 marzo 2012

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli