Sviluppo e Gestione di Progetti. La squadra di progetto. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo e Gestione di Progetti. La squadra di progetto. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici"

Transcript

1 Sviluppo e Gestione di Progetti La squadra di progetto docente: Filippo Ghiraldo Panoramica dei modelli organizzativi Struttura dell'impresa; Organizzazione del team di lavoro. Materiale didattico sottoposto a copyright ad uso esclusivo degli studenti del corso Sviluppo e Gestione Progetti Università di Padova A.A L utilizzo con altre finalità, in particolare a scopo commerciale, verrà perseguito penalmente ai sensi della normativa vigente a tutela del diritto d autore. L autore è a disposizione degli aventi diritto per inserire o correggere citazioni mancanti o erronee. Materiale didattico sottoposto a copyright ad uso esclusivo degli studenti del corso Sviluppo e Gestione Progetti Università di Padova A.A L utilizzo con altre finalità, in particolare a scopo commerciale, verrà perseguito penalmente ai sensi della normativa vigente a tutela del diritto d autore. L autore è a disposizione degli aventi diritto per inserire o correggere citazioni mancanti o erronee. Organizzazioni e Progetti 1 Organizzazioni e Progetti 2 La gestione delle risorse umane è un fattore cruciale per il successo di un progetto, particolarmente in progetti critici (es. R&S e Sviluppo Nuovo Prodotto); La struttura dell'organizzazione deputata allo SNP è uno dei fattori più importanti per garantire tassi elevati di successo; Questo è stato sottolineato in un certo numero di imprese sin dagli studi classici (anni 80) condotti da: Stanford Innovation Project Booz, Allen & Hamilton Galbraith and the MIT group Larson & Gobeli Kerznere altri autori Le risorse umane e la loro organizzazione: Rappresentano l aspetto più importante e decisivo per il successo di un progetto; Il successo di un progetto non dipende da un fuoriclasse, ma da un team affiatato, motivato, costruttivo; Per questo, come vedremo, il Project più che un bravo tecnico deve essere: un bravo comunicatore e motivatore; in grado di trasformare i momenti di conflitto del progetto in momenti di crescita e confronto. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 1

2 Organizzazioni e Progetti 3 Organizzazioni e Progetti 4 Poiché i progetti sono sviluppati all interno di un impresa o organizzazione è importante comprendere: I diversi modelli organizzativi adottati nel tempo; Il rapporto tra tali modelli e lo sviluppo di progetti. I diversi modelli organizzativi più o meno adatti allo sviluppo di progetti. I modelli adottati dipendono da molti fattori come: La dimensione dell impresa (PMI vs. Grande Impresa); Il contesto in cui opera (hi-tech vs. settore maturo); Il tipo di progetto (innovazioni radicali vs. incrementali); La cultura, il paese in cui opera, etc.; Il periodo storico ed il contesto socio-economico. Fino agli anni 90 circa Mercati in generale statici e "monolitici" non esigenti Produzioni rigide scarsamente adattabili alla domanda Time-to-market lungonello sviluppo di progetti Organizzazioni "productiondriven". L'offerta (bassa) condiziona la domanda (alta) Organizzazioni "nazionali" Scarsa incidenza dei servizi e delle tecnologie ICT Nuovo millennio Mercati molto dinamici e frammentati ed esigenti Produzioni flessibili orientate alla "mass customization" Time-to-market cortonello sviluppo di progetti Organizzazioni "marketdriven". La domanda detta le regole all'offerta (alta) Organizzazioni "globalizzate" Forte incidenza di Web, Social forum e comunicazione Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Panoramica sui modelli organizzativi Struttura organizzativa funzionale - 1 Larson & Gobeli hanno studiato differenti modelli manageriali per lo sviluppo di prodotti. Identificandone 5: Funzionale A Matrice: Debole (Functional) Bilanciata (Balanced) Forte (Project Matrix) Project Team Lo studio dimostra come non esista in assoluto il modo migliore di organizzare un progetto di sviluppo nuovo prodotto. Tuttavia lo studio evidenzia come alcune strutture di management funzionino meglio di altre. E funzionale, cioè basata su funzioni distinte, specializzate, ad es. Produzione, Acquisti, Marketing; Si basa sulla divisione del lavoro per raggiungere l efficienza, evitando ridondanze dei ruoli; La responsabilità è accentrata su pochi individui che gestiscono le situazioni fuori standard ; Rappresenta una struttura rigida e quindi poco reattiva ai cambiamenti; E adatta ad ambiti operativi stabili, poco competitivi, con dinamiche di mercato limitate; E dunque del tutto inadeguata alla gestione dei progetti. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 2

3 Struttura organizzativa funzionale - 2 Struttura organizzativa funzionale 3 Amministrat. Acquisti Stabilimento A La catena di comando è articolata con centri decisionali di alto livello lontani dalle aree operative Generale Produzione Stabilimento B Assemblaggio Manutenzione Progettazione CED Stabilimento C Italia Commerciale Struttura organizzativa funzionale Estero Anche per un informatico è fondamentale comprendere le caratteristiche dell organizzazione al servizio della quale opererà: Come interno, ad es. nell area CED; Come esterno, per implementare una software Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Struttura organizzativa funzionale 4 Struttura funzionale: esempio ICT 1 Caratteristiche L organigramma è tipico di una struttura gerarchico a piramide; Sottintende una catena del comando chiara nella quale ogni dipendente ha chiaro chi sia il suo diretto superiore; E una struttura scarsamente collaborativa: i manager tendono a riconoscersi sempre più con la funzione di appartenenza e perdono la visione globale ; Il principale difetto risiede nella rigidità e nella scarsa reattività al cambiamento. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 3

4 Struttura funzionale: esempio ICT 2 Struttura funzionale: esempio ICT 3 Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Struttura organizzativa divisionale - 1 Struttura organizzativa divisionale - 2 Divisione Prodotti Propri Acquisti Produzione Commerciale Controllo di Gestione Risorse umane Acquisti Generale Divisione Prodotti Acquisto Amministrazione Logistica Distribuzione Italia Estero Divisione Servizi Servizi postvendita Italia Estero E il caso del Gruppo IPSOA Ogni Business Unit si occupa di una linea di prodotti distinti, spesso veicolati attraverso canali distributivi distinti A: SW per imprese Generale B: SW per studi professionali B: Servizi di banche dati per studi professionali Prodotto A Prodotto B Prodotto C Engineering Produzione Marketing / Commerciale Engineering Produzione Engineering Produzione Marketing / Commerciale Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 4

5 Struttura organizzativa divisionale - 3 L organizzazione del CNR - 1 Caratteristiche Questa struttura prevede la suddivisione ed aggregazione delle funzioni in unità organizzative chiamate divisioni o Business Unit. Ogni Business Unit è specializzata per prodotto, mercato di riferimento, mercato geografico. A differenza della struttura a piramide, favorisce lo sviluppo di competenze manageriali trasversali. E una struttura scarsamente collaborativa quando le Business Unit non sono coordinate con gli obiettivi globali dell organizzazione e agendo come aziende indipendenti perdono la visione globale. Il principale difetto risiede nella duplicazione delle funzioni con un incremento dei costi di struttura. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L organizzazione del CNR - 2 Struttura organizzativa per progetti Dipartimento Agroalimentare Dipartimento Energia e Trasporti Dipartimento ICT - Tecnologie dell'informazione e delle Comunicazioni Apparati e tecnologie per reti telematiche Data Mining, ontologie e web semantico Grid e high performance computing Modellistica e simulazione di sistemi complessi Multimodal and multidimensional content and media Progetto interdipartimentale: Bioinformatica Progetto interdipartimentale: Sicurezza Dipartimento Identità Culturale Dipartimento Materiali e Dispositivi Dipartimento Medicina Dipartimento Patrimonio Culturale E interfunzionale, deve superare le barriere funzionali e gerarchiche; Prevede due tipi manager, quello di funzione e quello temporaneo di progetto : Il manager di funzione ha il compito di assicurare la specializzazione e le competenze della risorsa tipica della funzione; Al project manager spetta invece il compito di sfruttare al meglio le competenze della risorsa all interno del progetto. Si basa sulla condivisione dell obiettivo di progetto e sulla motivazione del team per raggiungere l efficienza; La responsabilità è condivisa a vari livelli dal project manager con tutto il team; Se il team è ben formato e gestito, rappresenta una struttura flessibile in grado di adattarsi prontamente ai cambiamenti tipici di un progetto. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 5

6 Struttura per progetti pura - 1 Struttura per progetti pura - 2 Un Project coordina un team composto da risorse provenienti da diverse aree funzionali Caratteristiche L organizzazione per progetti pura modifica profondamente la struttura, ruoli e poteri delle funzioni permanenti; I manager di funzione non hanno coinvolgimento formale; I Project teams sono anche definiti tiger teams or venture teams Questa configurazione può essere modificata inserendo in staff alla Generale una funzione di Project Management per migliorare il coordinamento tra i vari progetti. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Struttura per progetti pura - 3 Struttura per progetti: esempio ICT 1 I principali vantaggi sono: La forte interazione tra i membri del team di progetto che fisicamente risiedono nello stesso ufficio; La capacità di rispondere prontamente alle criticità del progetto grazie alla formale autorità ed autonomia del Project. I principali svantaggi sono: La duplicazione di competenze all interno dei vari progetti (come nella struttura divisionale), che comporta un incremento dei costi della struttura; Spesso uno scarso coordinamento tra i vari progetti; Necessità di pianificare al meglio il reinserimento dei membri del team nel progetto successivo o nella funzione di appartenenza. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 6

7 Struttura per progetti: esempio ICT 2 Tipi di struttura a matrice - 1 Le strutture che prevedono due tipi di manager vengono anche dette strutture organizzative a matrice. In funzione del peso del project manager rispetto al manager di funzione esistono tre tipi di strutture: Debole, nella quale i ruoli ed i poteri della struttura permanente non vengono modificati ed il project manager è solo un coordinatore; Equilibrata, nella quale il project manager assume maggiori poteri e parte del controllo sul budget di progetto; Forte, nella quale il project manager assume il controllo delle risorse rispetto al manager di funzione Esiste anche una struttura per progetti pura, nella quale viene costituita una task-force completamente dedicata al progetto. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Tipi di struttura a matrice - 2 Struttura a matrice: esempio ICT 1 STRUTTURA DEBOLE MISTA O EQUILIBRATA FORTE Compiti dei di funzione Sviluppare il piano di progetto; Controllare l avanzamento; Gestire le risorse. Assegnare le risorse al progetto; Definire le interfacce; Gestire le risorse; Presidiare gli impegni del piano. Assegnare le risorse al progetto; Prendere in carico le risorse al termine del progetto. Compiti del di Progetto Comunicazione e facilitazione; Supportare la struttura permanente. Sviluppare l architettura; Definire il piano di progetto; Negoziare l assegnazione delle risorse; Controllare l avanzamento; Coordinare il lavoro delle interfacce. Sviluppare l architettura; Definire il piano di progetto; Controllare l avanzamento; Gestire le risorse. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 7

8 Struttura a matrice: esempio ICT 2 Struttura per progetto: Matrice debole - 1 Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Struttura per progetto: Matrice debole - 2 Struttura per progetto: Matrice equilibrata -1 L organizzazione a matrice debole non modifica la struttura, ruoli e poteri delle funzioni permanenti: Le risorse coinvolte nel progetto sono semplicemente coordinate dal Project ; Le risorse coinvolte nel progetto rispondono ai manager di funzione e danno quindi priorità alle attività ordinarie. Il rischio principale è un Project coordinatore, dotato di autorità teorica sulle risorse coinvolte nel progetto, senza possederne l autorità formale. Questa soluzione funziona se il Project è una figura carismatica, la cui competenza, correttezza, affidabilità e naturalmente esperienza sia riconosciuta dal team di progetto e dei manager di funzione. La situazione è mitigata nella struttura a matrice equilibrata. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 8

9 Struttura per progetto: Matrice forte - 1 Struttura per progetto: Matrice forte - 2 L organizzazione a matrice forte modifica la struttura, ruoli e poteri delle funzioni permanenti: L autorità formale sulle risorse coinvolte nel progetto è in capo al Project e non al della funzione che fornisce la risorsa stessa. Il principale svantaggio è il rischio di conflitti tra Project e di Funzione Questa configurazione può essere modificata inserendo in staff alla Generale una funzione di Project Management per Prevenire i conflitti tra di Progetto e di Funzione; Migliorare il coordinamento tra i vari progetti. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Struttura ed influenza sul progetto Criteri per la scelta della struttura - 1 Autorità del Project Responsabile del controllo del budget di progetto FUNZIONALE Scarsa o nulla funzionale A MATRICE Debole Equilibrata Forte Limitata funzionale Bassa - Moderata Misto Moderata - Alta Project PROJECT TEAM Alta - Quasi Totale Project Ruolo del Project Part-time Part-time Full-time Full-time Full-time Personale Amministrativo del Project Management Part-time Part-time Part-time Full-time Full-time % di tempo che il team dedica al progetto Comitato di indirizzo Importanza Dimensioni Tecnologia Durata Progetto Tempi Attività Rischio Complessità BASSA < 5 STANDARD BREVE AMPI BASSO LIMITATA Matrice ELEVATA 5-20 COMPLESSA MEDIA STRETTI ELEVATO NORMALE Progetti pura MOLTO ELEVATA > 20 NUOVA LUNGA MOLTO STRETTI E VINCOLATI MOLTO ELEVATO ELEVATA La struttura organizzativa influenza drasticamente la conduzione del progetto! A sua volta il tipo di progetto definisce la struttura organizzativa E importante che il e lo Sponsor del progetto siano consapevoli dei vantaggi e degli svantaggi delle possibili strutture organizzative. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 9

10 Criteri per la scelta della struttura - 2 Modelli organizzativi a confronto: ICT Grimmel e Apple hanno identificato 5 situazioni tipiche nelle quali le strutture a matrice sono più adatte: Quando il principale output dell organizzazione sono prodotti complessi con uno schedulingvincolato; Quando una progettazione complessa richiede innovazione ed una rapido completamento dei compiti del progetto; Quando diverse e sofisticate competenze sono richieste nella progettazione, sviluppo e test dei prodotti; Quando le competenze devono essere continuamente aggiornate e sviluppate; Quando un mercato molto dinamico richiede cambiamenti significativi in alcune caratteristiche dei prodotti tra le fasi di progettazione e distribuzione Un interessante analisi è riportata in questo articolo (in inglese): The Matrix Organization for Information Technology Departments A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica 37 Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Business Case: BMW Hybrid Veichle Conclusione I freni rigenerativi sono un componente fondamentale in ogni veicolo ibrido; Rispetto ad un veicolo tradizionale, i freni rigenerativi catturano l energia e la re-immettono nel circuito; Nonostante disponibilità di specialisti, lo sviluppo del progetto stentava; Il capo progetto Chris Bangle è riuscito ad accellerare lo sviluppo cambiando: la struttura organizzativa tradizionale; i processi di comunicazione tra le aree chiave del progetto. E importante considerare che: Ogni modello organizzativo presenta vantaggi e svantaggi; Non esiste un modello organizzativo in assoluto migliore degli altri: Strutture funzionali rendono più difficoltoso lo sviluppo di progetti; Strutture per progetti portano a sviluppare in modo meno completo le tecnologie; Ogni organizzazione deve mettere a punto il proprio modello che sia in grado un compromesso tra: Il motore della performance (attività ordinarie) Il motore aziendale dell innovazione (progetti) A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica 39 Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 10

11 La squadra di progetto Ruolo del project manager Alcuni consigli pratici Il del Progetto - 1 Il Project è al vertice dell organigramma del progetto detta Project Organization Breakdown Structure; All interno del progetto il Project svolge un ruolo di grande complessità non solo tecnica ma anche politica. Individua, impegna e coordina le risorse per raggiungere l obiettivo QTC di progetto; Possiede un autorità gerarchica più o meno forte, a seconda della struttura organizzativa; Mantenendo la visione generale del progetto, deve essere in grado di mediare tra differenti aspetti del progetto; E in grado di fare delle scelte, ad esempio, accontentarsi di una progettazione meno accurata, nel rispetto dei tempi. Il Project si occupa di progetti fattibili e non perfetti. Materiale didattico sottoposto a copyright ad uso esclusivo degli studenti del corso Sviluppo e Gestione Progetti Università di Padova A.A L utilizzo con altre finalità, in particolare a scopo commerciale, verrà perseguito penalmente ai sensi della normativa vigente a tutela del diritto d autore. L autore è a disposizione degli aventi diritto per inserire o correggere citazioni mancanti o erronee. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Il del Progetto - 2 Competenze del Project - 1 Responsabilità Per definizione il manager gestisce in modo efficace ed efficiente l attività affidatagli nell interesse dell organizzazione. Autorità Deve avere discrezionalità di utilizzare le risorse affidategli e quindi il potere di manovrare le leve gestionali che influenzano l utilizzo efficace ed efficiente delle risorse. Coerenza Deve inoltre esistere consonanza tra gli obiettivi concordati, leve gestionali manovrabili e parametri di valutazione delle prestazioni. Il manager di progetto deve possedere tre tipologie di competenze: Tecniche Approfondite quanto basta per essere in grado di comunicare con i tecnici specialisti e di capire le loro esigenze; Gestionali Per essere in grado di impostare il progetto suddividendolo in un insieme di attività più semplici (WBS); Relazionali / Comunicazione Per coordinare e motivare risorse eterogenee, per appianare i conflitti e per comunicare agli interessati i dati sul progetto; Il mix di competenze varia in funzione del contesto organizzativo nel quale egli opera e del progetto. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 11

12 Competenze del Project - 2 Competenze del Project - 3 Nei progetti complessi ed economicamente importanti: giocano un ruolo importante tecnologie che il project manager difficilmente può conoscere in dettaglio; si coinvolgono tecnici di provata esperienza. Per questo: gli aspetti gestionali e relazionali sono più importanti degli aspetti tecnici; sono più importanti le conoscenze tecniche generali ed ampie piuttosto che dettagliate ma limitate a specifici settori. Dall impostazione della WBS, nascono tutti gli altri aspetti gestionali del progetto. TECNICHE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI PERSONALI Competenze e profilo del Project Competenze tecniche generali e multidisciplinari piuttosto che specialistiche; Conoscenza di tutti i metodi e strumenti di PM per la pianificazione di un progetto; Conoscenza di tutti i metodi e strumenti di PM per la gestione degli obiettivi di Tempo, Qualità, Costo. Abilità nella pianificazione e capacità di visione globale; Propensione a cogliere opportunità, attivando nel concreto iniziative importanti ed innovative; Capacità di selezionare e coordinare risorse tecniche ed umane; Abilità nel risolvere i problemi e nel risolverli; Capacità di leadership riconosciuta sul campo ; Senso pratico nelal comunicazione e gestione dei conflitti. Flessibilità e capacità di adattamento al cambiamento; Decisione e sicurezza di sé; Capacità di comunicazione e di persuasione; Dinamismo, energia ed un pizzico di sana ambizione; Equilibrio, ma anche entusiasmo, fantasia e spontaneità; Ampia gamma di interessi personali. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Il ruolo del Project Le 6 regole d oro per gestire bene le relazioni Per semplificare la vita al Project è importante porre attenzione a due aspetti: Pianificazione del progetto Gestione delle relazioni Un progetto ben pianificato definisce chiaramente ruoli e responsabilità evitando al PM di svolgere costantemente il ruolo di pompiere o fustigatore La gestione umana del team consente di identificare in tempo mal di pancia delle varie risorse, consente di motivare il gruppo Il Project deve Dirigere le persone singolarmente, oltre che come membri del team Accrescere e stimolare l impegno sul progetto Costruire il consenso per stimolare il team Condividere l autorità informale con i collaboratori Incoraggiare la creatività e la propensione al rischio Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 12

13 Matrice dei Compiti/Responsabilità - 1 Matrice dei Compiti/Responsabilità - 2 Sviluppare e gestire in modo efficace un progetto significa utilizzare in modo intelligente il potere di delega; Attraverso la delega il Project investe la risorsa del team di compiti specifici e responsabilità; Uno strumento formale che consente di mettere nero su bianco il concetto del chi fa che cosa è la matrice dei compiti e responsabilità Amm. Delegato Direttore Generale Project Project Controller R&D Resp. UT Preparazione Offerta F A B C D E D Approvazione Offerta A G G D D D Negoziazione Contratto A B E D E Firma Contratto B D E Marketing Resp. Produzione Pianificazione Progetto A B C B D D D Definizione Specifiche A B B E Controllo Specifiche E A D C Definizione Esecuzione A G D D E E E Riunioni Valutazione A B D D E Riunioni Validazione F B E G Contatti con cliente E B F D D Resp. Acquisti Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Matrice dei Compiti/Responsabilità - 3 Per saperne di più A Responsabilità generale del progetto e rispetto a chi svolge adempimenti su delega; B Responsabilità operativa per svolgere adempimenti organizzativo-gestionale su delega; C Responsabilità specifica riguardanti attività della WBS; D Consultazione necessaria quando è necessario prendere decisioni in una certa fase; E Consultazione possibile opportuna, ma non necessaria, per una decisione, parere, etc.; F Comunicazione obbligatoria alla persona specificata; G Approvazione necessaria da parte della persona coinvolta. I riferimenti al testo adottato di questa lezione sono: Capitolo 4 Aspetti organizzativi della gestione dei progetti Ulteriori approfondimenti sono disponibili sul web: Su Wikipedia alle voci: Project Management Systems development life-cycle Sul web: White Paper-The Matrix Organization for Information TechnologyDepartments di RJ Goodman Technologies Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione Progetti per Studenti di Informatica A.A L'organizzazione delle risorse nei progetti 13

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it La squadra di progetto Struttura dell'impresa; Organizzazione del team di lavoro; Ruolo del project manager; La negoziazione

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - Sviluppo e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti ed attività ordinarie Le aree di conoscenza del PM Processi

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Economia e gestione delle imprese. Argomenti IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE. Prof. Arturo Capasso

Economia e gestione delle imprese. Argomenti IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE. Prof. Arturo Capasso Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Il ciclo direzionale La funzione organizzativa Struttura organizzativa Scelte di organizzazione Progettazione dell organizzazione Modelli

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti

Sviluppo e Gestione di Progetti Sviluppo e Gestione di Progetti docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Il presente materiale è utilizzabile esclusivamente a fini didattici con la citazione della fonte. Qualsiasi uso a fini

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

Management: perchè, dove, come e quando

Management: perchè, dove, come e quando Management: perchè, dove, come e quando Il corso si propone di far conoscere il set degli strumenti che ogni manager deve portarsi in ogni viaggio/sfida aziendale, far comprendere dove il viaggio manageriale

Dettagli

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto Tecniche Di Project Management Le Architetture Organizzative di progetto 1 La struttura organizzativa E la configurazione degli organi aziendali e degli insiemi di compiti e di responsabilità loro assegnati

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti

Sviluppo e Gestione Progetti Sviluppo e Gestione Progetti docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Business Case: lo studio del mercato Materiale didattico sottoposto a copyright ad uso esclusivo degli studenti del corso

Dettagli

Psicologia delle organizzazioni

Psicologia delle organizzazioni Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia delle organizzazioni LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1 La struttura Struttura come configurazione formale dell organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore)

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) PROGRAMMA WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) - Il comportamento dei costi aziendali: costi variabili vs. costi fissi, costi diretti vs. costi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO

ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO ESPRIME LA PREDISPOSIZIONE E LA RIUNIONE DI CONDIZIONI E FATTORI AVENTI UNA FUNZIONE STRUMENTALE DUREVOLE PER LA VITA DELL AZIENDA IN SENSO STRETTO RIGUARDA I CRITERI DI:

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA

LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA SOSTITUZIONE DEL PERSONALE SUL LUNGO (TAVOLE DI RIMPIAZZO), MEDIO (ASSENZE PROGRAMMATE) O BREVE PERIODO (ASSENTEISMO) MARIO ROSSI: Buongiorno,

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli

Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli La comunicazione in azienda Gli strumenti di comunicazione complessi: Co-branding e co-marketing Valorizzazione delle sponsorizzazioni

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale Convegno Nazionale CERGAS «25 anni di ricerca e formazione al servizio della salute dei cittadini» Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

COMPETENZE TRASVERSALI

COMPETENZE TRASVERSALI GESTIRE IL CAMBIAMENTO STILI DI LEADERSHIP FACILITARE LA COMUNICAZIONE GESTIRE LE SITUAZIONI DI CRISI CREATIVITÀ E PROBLEM SOLVING GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO PROJECT MANAGEMENT IN PRATICA FORMARE IL PROPRIO

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

DIVISIONE RISORSE UMANE

DIVISIONE RISORSE UMANE DIVISIONE RISORSE UMANE! COVECO SRL - R.I. di UD 02640890303 Cap. Soc. 15.000 i.v. - C.F. E P.I. 02640890303 PROGRAMMI E INTERVENTI PER LA CRESCITA, LO SVILUPPO E L EMPOWERMENT DI PERSONE, GRUPPI E ORGANIZZAZIONI

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato.

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato. CHI SIAMO La PROGETTI S.r.l., con sede a Mantova, è stata creata nel marzo del 1993, da professionisti che sin dal 1987 hanno operato all interno del Gruppo Eni (Stabilimenti di Mantova, Ferrara, Porto

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Corso di Economia e Gestione delle Imprese Lezione 7 (rif. (rif. cap.. 6 Sciarelli) Corso di Economia e Gestione delle Imprese elena.cedrola@unimc.it a.a. 2009-2010 2010 Prof. Elena Cedrola http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Contenuti

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Organizzazione Agenda Una definizione di Organizzazione Microstruttura Organizzativa Ruoli, mansioni, compiti Specializzazione

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Obiettivi Il Corso di Specializzazione, attraverso metodologie innovative e interattive, intende fornire ai partecipanti gli strumenti e le tecniche per creare:

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale.

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili Modulo 0 Aree nelle quali operiamo Contrattualistica Internazionale Contabilità Generale Analitica Consulenza Tributaria Fiscale Certificazioni Processi Prodotti Perizie Giurate Organizzazione Produttiva

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Prato, 25 Settembre 2009 1 Programma 15:00 15:10 Benvenuto e apertura lavori 15:10 15:20 Presentazione del

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Struttura del corso - ID CONTENUTI TEORIA PROJ. WORK DATA WORK SHOP Conoscenza dei principi di base, metodi e tecniche

Dettagli

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Struttura organizzativa Le tre componenti chiave della struttura organizzativa sono: i rapporti di dipendenza formale, compresi il numero

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI PERSONNEL ORGANIZATION HUMAN RESOURCES TOOLKIT I temi e l evoluzione delle competenze chiave nel mondo dell HR Management Percorso formativo per HR Junior, HR Assistant e Consulenti HR Junior MILANO 10

Dettagli

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t Governance delle istituzioni no profit gestione interna e adempimenti amministrativi gestionali codice etico Art. 1 Il presente Codice disciplina i rapporti tra la Regione Piemonte e le Istituzioni no

Dettagli

GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN AZIENDA. La funzione sistemi informativi

GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN AZIENDA. La funzione sistemi informativi GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN AZIENDA La funzione sistemi informativi Le persone come componente del sistema informativo aziendale Gli addetti allo sviluppo, alla gestione, alla manutenzione del

Dettagli