BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011"

Transcript

1 FONDAPI - FONDO PENSIONE NAZIONALE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011 Piazza Cola Di Rienzo, 80A Roma 1

2 Organi del Fondo: Consiglio di Amministrazione Presidente: Alessandro Cocirio Vice Presidente: Giovanni Battista Quaglia Consiglieri: Ambrogio Cason Alberto Castelli Luciano Falchi Gianni Ferrante Giuseppe Francesco Alberto Granata Carlo Magani Giorgio Martini Bruno Rivetta Walter Simonetti Luciano Scapolo Carlo Testa Collegio sindacale Presidente: Vito Rosati Sindaci effettivi: Edoardo Cintolesi Franco Grieco Maurizio Monteforte 2

3 Fondapi - Fondo Pensione Piazza Cola Di Rienzo, 80 A Roma c.f Iscritto al n.116 dell'albo istituito ai sensi dell'art.4, D.Lgs. n. 252/05 Indice RELAZIONE SULLA GESTIONE 1 - STATO PATRIMONIALE 2 - CONTO ECONOMICO 3 - NOTA INTEGRATIVA 3.0 RENDICONTO COMPLESSIVO Stato Patrimoniale Conto Economico I COMPARTI RENDICONTO COMPARTO PRUDENTE Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Informazioni sullo Stato Patrimoniale Informazioni sul Conto Economico RENDICONTO COMPARTO GARANZIA Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Informazioni sullo Stato Patrimoniale Informazioni sul Conto Economico RENDICONTO COMPARTO CRESCITA Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Informazioni sullo Stato Patrimoniale Informazioni sul Conto Economico 3

4 Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione dell anno

5 Signori Delegati, Sottoponiamo al Vostro esame e alla Vostra approvazione il bilancio del Il bilancio è stato redatto secondo i criteri definiti dalla Covip con deliberazioni del e del Tutti i proventi e gli oneri sono stati registrati per competenza, le contribuzioni sono state registrate secondo il criterio di cassa Nel corso del 2011 il Fondo ha implementato il controllo degli investimenti finanziari con l obiettivo di assicurare una più ampia diversificazione del rischio finanziario complessivo del portafoglio di investimento e una maggiore flessibilità della gestione in scenari con un grado crescente di incertezza determinata anche dalla scomparsa di investimenti Risk Free Sono stati introdotte alcune variazioni dei mandati tecnici vigenti : Un allargamento del canale di ribilanciamento dal 2% al valore del 5 % in termini relativi tra obbligazioni e azioni rispetto all assetto neutrale dei profili finanziari puri ( prudente e Crescita) per un periodo di 18 mesi a far data da gennaio (per canale di ribilanciamento si intende la variazione in eccesso o in difetto dei valori complessivi di azioni e obbligazioni rispetto al rapporto neutrale dei profili - 75% obbligazioni e 25% azioni per il comparto Prudente oppure 50% obbligazioni e 50% azioni per il comparto Crescita). aumento del tetto massimo di attivo obbligazionario investibile per i gestori obbligazionari del comparto Crescita fino al 2% per esigenze di liquidità. aumento del tetto massimo investibile di un singolo attivo azionario per il gestore azionario del comparto Crescita fino ad un massimo del 4.5%. di attivare lo strumento future per il gestori BNP Paribas in occasione di movimenti repentini del mercato di riferimento per dare maggiore flessibilità al portafoglio in caso di disinvestimento ; di attivare la facoltà all acquisto di Agencies e Supranationals per i gestori obbligazionari che rispondono agli stessi standard di rating già previsti in convenzione ; di autorizzare, a partire dal 2012 e per il solo gestore Unipol, il superamento dei limiti di liquidità in concomitanza dell avvicinarsi della scadenza del mandato previsto per luglio E stato ultimato il sistema di monitoraggio diretto dei titoli oggetto delle gestioni finanziarie, tramite accesso riservato della banca depositaria, che consente una conoscenza diretta dei titoli oggetto dell investimento da parte di Fondapi. Il progetto che è già parzialmente attivo nei primi mesi del 2012 consentirà, la lettura degli indici di rischio, l analisi diretta del portafoglio titoli, l esame delle transazioni effettuate dai gestori in lettura diretta. Nel corso dell anno è stato rinnovata la macchina di controllo delle attività del Fondo. Al termine delle selezioni è stato assegnato l attività di controllo interno alla società BIEMMECI e l attività di controllo finanziario a PROMETEIA. E stato anche rinnovato il contratto con il Service amministrativo del Fondo, Previnet, che è risultato anche assegnatario del mandato previsto per la gestione documentale e il controllo dei processi delle procedure amministrative più importanti. Il progetto, che consiste in una completa riorganizzazione della strumentazione operativa si sviluppa in un periodo di tre anni e comporta un significativo investimento delle risorse a tutto vantaggio di un miglioramento qualitativo del livello di servizio verso i soci : lavoratori e aziende. Nel mese di aprile 2011 si è conclusa con l archiviazione e conseguente totale soddisfazione l istruttoria della vigilanza in merito alla procedura di infrazione che era stata avviata nell anno precedente. La procedura riguardava tutte le attività principali con un focus particolare su tempi e modalità di erogazione delle prestazioni : riscatti, anticipazioni, trasferimenti. Al termine dell esame la Commissione aveva inoltrato un atto di contestazione in relazione ad alcuni superamenti dei limiti di tempo previsti dalla norma cui il Fondo aveva dato risposta con un documento di approfondimento inviato in data 11 ottobre

6 Nel corso del 2011 si porta a compimento l allargamento della base iscrivibile dei soci mediante l approvazione di due importanti modifiche dello statuto sociale : 1. la cancellazione della parafrasi non in prova per consentire a tutti i lavoratori anche in prova di aderire alla previdenza Fondapi; 2. la estensione per i soci dell iscrizione anche ai soggetti fiscalmente a carico. La prima misura sana definitivamente una limitazione alle iscrizioni che operava sin dall avvio della vita di Fondapi perché, facendo coincidere il periodo di prova con il periodo di silenzio assenso previsto dalla norma, facilitava la proposta di forme di previdenza alternative della banche e delle assicurazioni. Il Fondo pensione, in ultimo, proprio con il fine di dare sempre maggiore risalto al valore della previdenza complementare e in particolare quella rivolta alle PMI, ha sviluppato negli ultimi mesi del 2011 una forte interlocuzione su tutto il territorio nazionale con i lavoratori interessati aprendo, con l ausilio di un provider, un profilo istituzionale su Facebook. L iniziativa, che ha avuto un notevole successo in termini di contatti e apprezzamenti è stata indirizzata a far conoscere in modo più ampio il valore della proposta Fondapi. Nel corso dell anno, inoltre, si è fatta più intensa l opera di dialogo con gli iscritti intensificando le note di riflessione contenute nelle newsletter del Fondo che sono inviate regolarmente anche in forma cartacea a una rete più ampia di interlocutori, rappresentanze dei lavoratori e delle aziende associate. Nell Assemblea tenutati a novembre sono stati rinnovati per la gran parte i Consiglieri di Amministrazione nominati dalle imprese; Il Consiglio di Amministrazione, così ricomposto, ha eletto, alla Presidenza del Fondo, Alessandro Cocirio in sostituzione del dimissionario Fabrizio Cellino. Nel mese di dicembre, quindi sono state ricomposte le tre commissioni consultive di ausilio all attività del Consiglio : commissioni finanziaria, amministrativa, della comunicazione. Gestione previdenziale La situazione degli associati a Fondapi al 31 dicembre 2011 è la seguente: Aziende Associate Lavoratori Associati Nel corso del 2011 gli effetti della crisi industriale ed economica hanno determinato cali importanti di iscrizioni alla previdenza complementare, l arretramento del numero di iscritti ben superiore alla media di mercato, pressoché stabile, registra una riduzione dei lavoratori del 3.65 % del totale. Forte la diminuzione del numero delle aziende associate che si riducono di oltre l 11% rispetto al totale. La diminuzione delle adesioni nette nell anno è il risultato della somma di entrate per nuove adesioni (esplicite e silenti), trasferimenti in ingresso e riattivazioni per un totale di a cui vanno sottratte uscite (trasferimenti in uscita, riscatti e annulli). La differenza è ovviamente pari alla variazione del numero di iscritti tra l anno 2011 e l anno 2010 (-1.537). Si riportano di tabelle indicative della distribuzione delle iscrizioni per sesso, per età e per contratto di lavoro. 6

7 Tabella e grafico: Distribuzione degli iscritti per sesso e classi di età Classe età F % M % Totali <20 0,00% 15 0,04% 15 > ,12% 56 0,14% ,20% 482 1,19% ,35% ,27% ,20% ,70% ,29% ,68% ,94% ,59% ,35% ,50% ,13% ,52% ,19% ,39% ,41% 327 0,81% 495 Totale ,19% ,81% classe di età Totale % < ,04% > ,25% ,39% ,63% ,90% ,97% ,53% ,86% ,65% ,57% ,22% Totale ,00% La distribuzione vede il massimo di concentrazione nella classe anni, mostrando un valore medio marginalmente inferiore alla media del settore dei Fondi pensione contrattuali. 7

8 DISTRIBUZIONE ISCRITTI PER CONTRATTO DI LAVORO (CCNL) CCNL Iscritti 2011 % Iscritti 2010 % Meccanico ,00% ,60% Chimico ,58% ,09% Tessile % ,53% Grafico % ,76% Servizi % ,01% Altri CCNL % ,67% Non specificato % ,34% Totale % ,00% Altri CCNL Iscritti 2011 % Iscritti 2010 % Alimentare % 772 1,83% Edile % 590 1,40% Laterizi % 63 0,15% Lapidei % 29 0,07% Informatica % 6 0,01% Gomma Plastica % 87 0,21% Totale % ,67% DISTRIBUZIONE ISCRITTI PER CONTRATTO DI LAVORO (CCNL)

9 Nel corso del 2011 si conferma l andamento già registrato nel corso del 2010 di una crescita relativa del settore dei servizi accompagnata quest anno da una modesta crescita del settore dei grafici. Cedono quota relativa di iscritti i due settori chimico e tessile con una sostanziale parità del settore metalmeccanico. La distribuzione degli iscritti per regioni del 2011 non presenta rilevanti modificazioni rispetto a quella rilevata nel L attività amministrativa di sollecito per il recupero delle contribuzioni mancate o ritardate si è intensificata ed ampliata andando a ricomprendere la storia contributiva dell azienda e processando in modo più incisivo anche i mancati abbinamenti dovuti alla mancanza della scheda di adesione, alla mancata segnalazione di posizioni silenti, alla mancanza di comunicazione inerente la prosecuzione della contribuzione. Gestione amministrativa L importo complessivo dei contributi incassati nell anno, al netto delle quote associative, è pari a Gli importi delle contribuzioni dovute da lavoratori ed aziende sono differenziati in relazione al contratto nazionale di lavoro applicato, sempre nel rispetto della normativa di riferimento che prevede per i lavoratori di prima occupazione successiva al 28/4/1993, ai sensi del d.lgs. 124/93, l obbligo di versamento del 100% del Tfr. Considerata la maggiore complessità di Fondapi, quale Fondo multi-categoriale, pare utile rammentare le aliquote minime di contribuzione attualmente previste dai vigenti contratti collettivi di categoria, in percentuale della retribuzione presa a base per il calcolo del Tfr (salvo specifiche modifiche riportate nella Nota informativa sul sito del Fondo pensione): Settore metalmeccanico (su retribuzione convenzionale Fondapi) Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda * Lavoratore * TFR 1,20 % 1,20 % 40 % * Per gli apprendisti è prevista una contribuzione minima pari all 1.50% dal Settore carta, cartone e cartotecnici, grafico-editoriale ed affini Lavoratori on 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,20 % 28,94 % Settore chimico, gomma - plastica Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,06 % 1,06 % 33 % Settore abrasivi Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,65 % 1,20 % 33 % 9

10 Settore ceramica Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,60 % 1,60 % 33 % Settore vetro Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,30 % 1,30 % 33 % Settore alimentare Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,00 % 27,06 % Settore tessile abbigliamento, calzature, pelli, cuoio e succedanei, occhiali, giocattoli, penne e spazzole (su elemento retributivo nazionale) Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,50 % 1,50 % 27,00 % Settore pulizia e servizi integrati multiservizi Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,00 % 1,00 % 14,47 % Settore edile Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,10 % 1,10 % 18,00 % Settore cemento calce e gesso Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,30 % 1,30 % 40,00 % 10

11 Settore lapidei Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,40 % 1,40 % 40,00 % Settore laterizi e manufatti cemento Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,20 % 40,00 % Settore informatica, telematica e affine Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,20 % 28,94 % N.B.: Nei casi non specificati il versamento del Tfr corrisponde al 100%. I dati di dettaglio sono riportati nella circolare operativa per la aziende presente sul sito del Fondo Pensione In relazione alle differenti fonti contributive il dettaglio dei contributi versati a FONDAPI e investiti al netto della quota associativa nell anno 2011, è così composto: Fonte contributiva Anno 2011 Contributi azienda Contributi lavoratori TFR Totale contributi L andamento dei flussi di contribuzione ha risentito nel corso dell esercizio di per trasferimenti in ingresso di iscritti (n. 312) provenienti da altri Fondi; di per richieste di riscatto di posizioni individuali a favore di dipendenti che hanno perso i requisiti di partecipazione al Fondo (n ); di (n. 446) per richieste di anticipazione di posizioni individuali, di posizioni individuali trasferite in uscita ad altri Fondi pensione pari a (n. 685) e per pensionamenti per (n. 438). L effetto algebrico complessivo è stato un importo totale in entrata pari a I contributi sospesi in attesa di riconciliazione e attribuzione alle singole posizioni individuali, in misura pari a alla chiusura dell esercizio 2011, si sono ridotti a alla data di stesura della presente, pari allo 0,10% circa dell attivo netto destinato alle prestazioni. Si riportano di seguito i costi di gestione amministrativa e l incidenza relativa rispetto all attivo netto destinato alle prestazioni. 11

12 Incidenza costi gestione amministrativa Oneri di gestione 2011 % 2010 % 2009 % amministrativa Spese generali e amministrative , , ,17 Servizi amministrativi acquistati. da terzi , , ,10 Altri oneri amministrativi , , ,11 TOTALE , , ,38 Nel 2011 il valore complessivo degli oneri di gestione amministrativa rappresenta circa l 1,62% del totale dei contributi versati al Fondo e investiti al netto della quota associativa. Nel corso del 2011 la forte crisi internazionale ha prodotto un rallentamento significativo dell efficienza del livello di abbinamento delle contribuzioni dell anno che ha registrato un aumento delle contribuzioni sospese rispetto al precedente anno Questa situazione di difficoltà, registratasi in concomitanza di una riduzione dei fallimenti registrati (66 contro 74 del precedente anno e 80 del 2009), risultava già evidente nel primo periodo dell esercizio. Per questo motivo oltre a mantenere l impianto automatico dei solleciti alle aziende per correggere le anomalie (circa solleciti inviati complessivamente nell anno) è stato attivato un servizio di accertamento delle situazioni di difficoltà aziendali ( fallimenti, procedure concorsuali) per consentire un più efficiente e tempestivo invio ai lavoratori degli estratti fallimentari per l insinuazione al passivo. Esponenziale è stata poi l attività legata al Fondo di garanzia INPS, di recente istituzione, che ha riassegnato agli iscritti un valore complessivo di circa euro. Scenario macroeconomico Il 2011, iniziato con buone previsioni di crescita si è caratterizzato, a partire dal 2 trimestre ed accentuando dal terzo trimestre per una sensibile riduzione dei ritmi di espansione della crescita economica mondiale e del commercio internazionale. In linea generale, le origini dell andamento sfavorevole devono esser ricercate nella crisi finanziaria del e nelle successive politiche che i policy-makers sono stati costretti ad adottare, in primis il trasferimento di parte del costo per il salvataggio del sistema creditizio sui bilanci pubblici dei principali Stati, in uno scenario già contraddistinto da bassa crescita ed alto indebitamento. Se negli Stati Uniti le ragioni della minore crescita economica risiedono prevalentemente nelle difficoltà del mercato del lavoro e dei consumi, in Europa l evoluzione della crisi dei debiti sovrani ha portato l area sull orlo della recessione. Situazione peraltro che dovrebbe concretizzarsi nel 2012, anno in cui è previsto il punto di minimo dell attuale ciclo economico mondiale. Analizzando nel dettaglio le principali aree geografiche, negli Usa, il Pil reale per l intero 2011 è cresciuto dell 1.7 per cento, in deciso rallentamento rispetto al 3 per cento del Le difficoltà del mercato del lavoro e la relativa stagnazione del reddito delle famiglie sono stati i fattori principali della debolezza dei consumi interni; il mercato immobiliare si è mostrato ancora debole, pur nell ambito di un miglioramento negli ultimi mesi dell anno che ha favorito una leggera accelerazione del Pil rispetto ai trimestri precedenti. A fronte di una congiuntura che appare più favorevole e che potrebbe determinare per il 2012 un incremento del ritmo di crescita, permangono tuttavia alcune debolezze strutturali legate agli squilibri interni ed esterni che determineranno nei prossimi anni una crescita strutturalmente inferiore a quella potenziale. Nell Uem le difficoltà delle istituzioni nella gestione della crisi del debito sovrano, oltre ad intensificare le difficoltà dei mercati finanziari, hanno condizionato le scelte di politica economica e il clima di fiducia di famiglie e imprese. Già nel terzo trimestre il Pil si era 12

13 contratto non solo in alcuni paesi periferici dell Unione ma anche in Belgio e Olanda. Il calo dell attività economica registrato anche negli ultimi tre mesi dell anno ha portato diversi paesi nella situazione di recessione tecnica. La crescita media del Pil nel 2011 dovrebbe attestarsi all 1.5 per cento rispetto all 1.8 per cento dell anno precedente. In questo quadro, l economia italiana, ha registrato una crescita media dello 0.4 per cento dopo l 1.4 per cento del Gli andamenti degli ultimi trimestri evidenziano già una recessione tecnica, destinata a protrarsi anche nel 2012, in larga misura per gli effetti delle misure di riequilibrio dei conti pubblici oltre che della crisi di fiducia degli operatori e delle perduranti difficoltà sui mercati finanziari e creditizi. In Giappone l attività produttiva nel settore industriale, condizionata dal rallentamento della domanda estera, legata anche all apprezzamento dello yen, si è ulteriormente indebolita negli ultimi mesi dell anno. Il Pil nell intero 2011 dovrebbe quindi essersi ridotto dello 0.9 per cento, dopo il +4.5 per cento sperimentato nel Anche le economie emergenti si trovano costrette ad adottare politiche restrittive per riequilibrare le componenti di crescita. In tale contesto, tuttavia, non sembra profilarsi il rischio di una recessione globale, bensì un rallentamento ciclico, presumibilmente circoscritto al Sullo scenario internazionale pesa in particolare la debolezza dell Europa, che potrebbe diventare anche più marcata se si verificassero nuove battute d arresto nel lento e accidentato processo istituzionale per la risoluzione della crisi con potenziali effetti sui mercati finanziari mondiali. Nella tabella seguente sono mostrati i tassi di crescita annuale delle principali variabili macroeconomiche internazionali (in alcuni casi per il 2011 si tratta di stime Prometeia). le principali variabili internazionali (var.% media annuale) Pil reale mondiale commercio internazionale prezzo in dollari dei manufatti prezzo brent: $ per barile - livello medio tasso di cambio $/ - livello medio Pil reale Usa Giappone Uem (17 paesi) Germania It alia Francia Spagna Uk inflazione al consumo Usa Giappone Uem (17 paesi) Germania* It alia* Francia* Spagna* Uk * armonizzat o Uem Font e: Thomson Reut ers, elaborazioni e dat i previsionali Promet eia Mercati finanziari La dinamica dei mercati finanziari nel 2011 è stata caratterizzata da frequenti situazioni di turbolenza che hanno raggiunto i momenti topici nelle fasi di maggiore difficoltà di gestione dei debiti pubblici dell area Uem. Se nella prima metà del 2011 i mercati 13

14 azionari avevano evidenziato una dinamica mediamente positiva, pur con fasi alterne, a partire dai mesi estivi i sempre più concreti rischi di contagio della crisi dei debiti pubblici hanno favorito una crescente sfiducia negli operatori finanziari, che ha colpito in particolare i mercati azionari e dei titoli di Stato dei paesi periferici, con conseguente nuova fase di generale avversione al rischio. Le tensioni sui debiti sovrani hanno infatti progressivamente coinvolto un maggior numero di paesi dell Uem e anche il Portogallo, dopo la Grecia e l Irlanda, ha dovuto far ricorso al sostegno internazionale per il rifinanziamento del proprio debito. Nonostante la definizione delle misure di sostegno dei paesi in difficoltà, che prevedevano l estensione della capacità effettiva di prestito dell European Financial Stability Facility (Efsf) a 440 miliardi di euro, grazie a un aumento delle garanzie fornite dai singoli stati membri, e la istituzione dell Esm European stability mechanism in coincidenza con la fine del mandato della precedente Facility, non si sono attenuate le tensioni. Gli spread decennali rispetto al Bund dei paesi periferici, incluse Italia e Spagna, hanno continuato ad aumentare, insieme ai CDS sui titoli sovereign, raggiungendo per alcuni paesi i nuovi massimi storici dall introduzione dell euro. L andamento negativo del mercato del debito sovrano ha penalizzato in particolare i titoli azionari bancari, soprattutto dell Uem. Ai timori per l esposizione delle banche europee ai titoli di Stato della Grecia si sono sommate le tensioni sui titoli degli altri paesi periferici, che rappresentavano una quota ben più importante dei portafogli titoli delle banche. L accordo a luglio per un nuovo piano di aiuti alla Grecia, mediante un altro prestito da 109 miliardi di euro - tramite l European Financial Stability Facility (Efsf) e il Fmi - a tassi più bassi e con tempi di rimborso più lunghi, e le misure per fermare il contagio con la riforma dell European Financial Stability Facility, non ha fermato le sofferenze sui titoli di Stato dei Paesi periferici sulla seconda metà del 2011, in parte anche per la decisione presa nel Summit di luglio di coinvolgere il settore privato nella ristrutturazione del debito greco. Il contesto di debolezza delle prospettive macroeconomiche, di difficoltà nel trovare una soluzione definitiva alla crisi del debito sovrano e di minori pressioni inflazionistiche che ne sono derivate ha indotto la Banca Centrale Europea a riportare i tassi ufficiali all 1 per cento e ad ampliare le misure di supporto alla liquidità, in particolare con l introduzione di un asta con scadenza a tre anni, in cui sono stati poi allocati fondi per quasi 500 miliardi di euro contribuendo ad allentare le tensioni sui mercati finanziari. Il bilancio degli andamenti dei mercati a fine anno resta però piuttosto pesante; sui titoli di Stato italiani si sono registrate perdite sulle quotazioni di oltre il 10%, soprattutto sulle scadenze a più lungo termine; l intero indice obbligazionario dell area Uem ha registrato un rendimento complessivo solo leggermente positivo grazie al flight-to-quality verso i titoli di Stato tedeschi, ma in ogni caso molto inferiore a quello degli altri paesi extra- Uem. Sui mercati azionari, mentre negli Stati Uniti il recupero dell ultima parte dell anno ha consentito di annullare le perdite accumulate nei mesi precedenti, nell area Uem si sono registrate ovunque perdite a doppia cifra; l indice azionario italiano ha subito una flessione dei prezzi di oltre il 20%, con particolare pressione sui titoli bancari che hanno raggiunto nuovi minimi storici. Ad inizio 2012, la sensazione di una maggiore coerenza nelle scelte politiche dell area Uem, associata ad un miglioramento statunitense, possibile preludio di una ripresa del ciclo nei prossimi anni anche nella altre aree avanzate, sembra aver modificato il clima sui mercati finanziari. I cosi azionari hanno registrato un sensibile miglioramento e anche gli spread sui titoli di Stato dell area Uem si sono ridotti, soprattutto nel caso italiano, anche in funzione delle misure a sostegno del contenimento del deficit intraprese dal nuovo governo. Nella tabella seguente sono elencati i rendimenti annuali delle principali classi di attività per il biennio e le prime settimane del

15 variazioni % in valuta locale (indici total return) classi di attività 23-feb liquidità e strumenti a breve Uem indici obbligazionari governativi Uem Usa Giappone Uk paesi emergenti (in u$) indici obbligazionari corporate I.G. Uem Usa indici obbligazionari corporate H.Y. Uem Usa indice inflation linked Uem indici obbligazionari convertibili Uem globale (in u$) indici azionari Italia Uem Usa Giappone Uk paesi emergenti (in u$) commodities (S&P GSCI Commodity Index in U$) cambi (*) dollaro yen sterlina (* ) i segni negativi indicano un deprezzamento della valuta fonte: Thomson Reuters, elaborazioni Prometeia Andamento della gestione finanziaria FONDAPI è strutturato secondo una gestione Multicomparto basata su tre comparti differenziati di investimento, ciascuno dei quali caratterizzato da una propria combinazione di rendimento-rischio. I tre comparti, che consentono all aderente una adeguata e opportuna possibilità di scelta, a partire dal 2008, sono così caratterizzati: - il Comparto Garantito denominato GARANZIA (con garanzia di restituzione del capitale nei casi previsti da regolamento, si veda la sezione notiziario, - 92% obbligazioni e 8% azioni; - il Comparto Bilanciato denominato PRUDENTE 75% obbligazioni e 25% azioni; - il Comparto Bilanciato denominato CRESCITA 50% obbligazioni e 50% azioni. Le scomposizioni dei benchmark di riferimento che riflettono l attività di investimento sono rappresentati di seguito: COMPARTO PRUDENTE OBBLIGAZIONI AZIONI 75% 25% ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ALPHA GOV BOND CORPORATE EQUITY 45% 30% 25% 15

16 COMPARTO CRESCITA COMPARTO GARANZIA OBBLIGAZIONI AZIONI 50% 50% ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ECPI ITALY GOV BOND CORPORATE ALPHA EQUITY Smes EQUITY 35% 15% 40% 10% OBBLIGAZIONI AZIONI 92% 8% JPM GVB EMU 1-5 YEARS IG Msci EMU Net 92% 8% I mercati di riferimento hanno registrato i seguenti profili di rischiosità complessiva, identificati tramite la volatilità dei rendimenti: OBBLIGAZIONI AZIONI PRUDENTE ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ALPHA GOV BOND CORPORATE EQUITY VOLATILITA 4.45% 3.55% 22.34% OBBLIGAZIONI AZIONI CRESCITA ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ECPI ITALY GOV BOND CORPORATE ALPHA EQUITY Smes EQUITY VOLATILITA 4.45% 3.55% 22.34% 25.49% OBBLIGAZIONI AZIONI GARANZIA JPM GVB EMU 1-5 YEARS IG Msci EMU Net VOLATILITA 2.34% 28.02% Si presentano di seguito i risultati degli anni 2011, 2010, 2009 e 2008 (avvio del multicomparto): 2008 PRUDENTE RENDIMENTO (2) ; (3) BMK (1) PRUDENTE CRESCITA BMK CRESCITA GARANZIA BMK GARANZIA -6.56% -7.20% % % +0.35% +2.28% VOLATILITA (4) 7.61% 6.74% 14.53% 12.87% 3.94% 2.59% 2009 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 12.47% 11.75% 15.88% 15.16% 7.21% 5.95% 5.83% 5.42% 11.27% 10.51% 1.98% 2.26% 16

17 2010 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 2.49% 2.49% 1.50% 1.76% 1.55% 1.24% 4.18% 4.33% 7.99% 7.58% 2.51% 3.09% 2011 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 0.50% 0.16% -2.80% -4.47% 0.21% 0.60% 5.18% 4.97% 10.32% 9.76% 3.31% 3.25% Note: (1) BMK = Benchmark: indica un parametro di riferimento oggettivo che rappresenti il mercato di riferimento nel quale opera il gestore. E un paniere di titoli che viene valorizzato giornalmente quale elemento di confronto per comprendere se il gestore ha catturato migliori rendimenti del mercato e/o se ha assunto maggiori o minori rischi finanziari. (2) Il rendimento è calcolato come variazione del valore di quota. (3) Il rendimento del Benchmark è reso comparabile con il rendimento di Fondapi (al netto della tassazione degli investimenti). (4) La volatilità esprime la variabilità attorno alla media di prezzo degli investimenti in essere e viene comunemente utilizzata quale indicatore di rischio finanziario. e la relativa politica di gestione seguita per ciascun comparto : COMPARTO: PRUDENTE Finalità: rivalutazione del capitale investito attraverso investimenti finalizzati a cogliere le opportunità offerte dai mercati obbligazionari e azionari europei ed esteri, privilegiando i mercati obbligazionari. Le obbligazioni sono di tipo governativo e in parte aziendali. L indice di riferimento comprende le emissioni che rispettano criteri di investimento etico positivi e negativi. Orizzonte temporale consigliato: medio (da 3 a 10 anni ) Grado di rischio: basso Politica di investimento: prevede una composizione bilanciata tra titoli di debito e titoli di capitale: 75% obbligazioni + 25% azioni. Categorie di emittenti e settori industriali: obbligazioni di emittenti pubblici e privati con rating medio/alto (rating minimo singola BBB- di Standard & Poors). Le obbligazioni oggetto dell investimento sono in prevalenza di Paesi OCSE nel rispetto di criteri etici positivi e negativi. Gli investimenti in titoli di natura azionaria sono indirizzati a titoli che rispettano criteri etici positivi. Aree geografiche di investimento: prevalentemente area OCSE; gli investimenti azionari sono indirizzati a titoli del mercato globale che hanno correlazione non elevata con il mercato di riferimento. Rischio cambio: solo per la parte azionaria esposizione al rischio cambio massima 5%. Benchmark: 45% ECPI ETHICAL EURO GOV BOND + 30% ECPI Euro Corporate + 25% ECPI GLOBAL ALPHA EQUITY

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE.

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. Whitehall Reply ha supportato INPS nell arricchimento dell offerta online di servizi al cittadino rendendo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli