Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno 2011-2012"

Transcript

1 Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno a cura di SCUOLA EDILE NOVARESE Scuola Edile Novarese Pagina 1 di 17

2 1. Introduzione p Obiettivi p Dati statistici relativi alle imprese edili della Provincia di Novara p Metodologia d indagine p I fabbisogni professionali e formativi nel settore edile p Dati di adesione p L indagine p. 9 Scuola Edile Novarese Pagina 2 di 17

3 1. Introduzione 1.1 Obiettivi Come ogni anno Scuola Edile Novarese ha effettuato l indagine dei fabbisogni formativi per il settore delle costruzioni nella Provincia di Novara con l obiettivo di migliorare le professionalità che intervengono nella filiera edile e rispondere in modo adeguato alle esigenze espresse dal settore stesso. La Scuola Edile Novarese, quale ente paritetico bilaterale del settore edile, ha infatti il ruolo contrattuale di proporre un offerta formativa in linea con le reali necessità che emergono dalle imprese. In questi anni di attività la Scuola ha individuato due ambiti su cui concentrare l attenzione: 1. FORMAZIONE PER L IMPIEGABILITA a. Formazione per l inserimento di disoccupati adulti da riqualificare e da reinserire b. Corsi post diploma destinati a giovani tecnici da aggiornare e qualificare c. Formazione per l inserimento di extracomunitari 2. FORMAZIONE PER LA PROGRESSIONE PROFESSIONALE a. Formazione per l apprendistato b. Lavoratori occupati da aggiornare e qualificare anche attraverso percorsi di crescita culturale c. Tecnici occupati e imprenditori da aggiornare Per concludere l obiettivo della presente indagine è anche offrire un sostegno più puntuale a tutto il sistema formativo edile, ponendosi come punto di riferimento sia per le Parti Sociali che per i soggetti che attuano politiche attive del lavoro. Scuola Edile Novarese Pagina 3 di 17

4 1.2 Dati statistici relativi alle imprese edili della Provincia di Novara Il primo passo per svolgere un attenta analisi dei bisogni formativi consiste nel osservare i dati del settore. I numeri relativi alle imprese e ai lavoratori edili della Provincia di Novara sono forniti dalla Cassa Edile 1 e sintetizzati nel seguente grafico: Imprese e lavoratori iscritti alla Cassa Edile Imprese Lavoratori Il numero di imprese edili iscritte alla Cassa sono passate dalle 876 del 2000 alle del 2009, per arrivare a nel I Lavoratori hanno avuto un forte incremento dal 2000 al 2005 passando da a 6.570, nel corso del 2006 hanno avuto una flessione che li ha portati al numero di e si sono mantenuti per lo più stabili nei successivi due anni fino ad arrivare nel 2009 a per poi scendere gradualmente, in conseguenza della crisi del settore, a Altro dato significativo da analizzare è relativo alle dimensioni delle aziende, informazione che suggerisce alcune riflessioni sulla struttura delle imprese del settore edile. 1 Dati forniti dalla Cassa Edile di Novara e aggiornati al 31/12/2011 Scuola Edile Novarese Pagina 4 di 17

5 Dal grafico che segue risulta evidente che la stragrande maggioranza delle imprese edili sono microimprese. Possiamo infatti individuare una distinzione di questo tipo: 0,1 % sono grandi imprese, ossia con più di 50 addetti; 0,4 % è rappresentato da aziende medio grandi, che vanno dai 50 ai 35 dipendenti; 3,8 % sono medio piccole, dai 34 a 16 dipendenti; 16,1 % sono piccole imprese, con un numero di dipendenti che varia tra i 15 e i 6; 79,5 % sono microimprese, che comprendono le aziende che hanno dai 5 a 0 dipendenti. Dimensioni aziende (fonte Cassa Edile di Novara anno 2011) 16,1% 3,8% 0,4% 0,1% Microimprese Piccole imprese 79,5% Imprese medio piccole Imprese medio grandi Grandi imprese A loro volta le microimprese si possono dividere in due gruppi: un gruppo composto dalle imprese con 1 o 0 dipendenti, che rappresenta il 40% sul totale, e un gruppo che comprende le imprese dai 5 ai 2 dipendenti (60%). Scuola Edile Novarese Pagina 5 di 17

6 Composizione microimprese 40% 60% Da 0 a 1 dipendente Da 2 a 5 dipendenti Facendo un paragone rispetto agli anni precedenti risulta che i dati sono rimasti pressoché invariati rispetto agli anni 2008/09 e 2009/10, mentre si nota una certa flessione rispetto all anno 2005/06 durante il quale le grandi imprese rappresentavano l 1,4% mentre le medio grandi rappresentavano l 1%. I dati sopra riassunti confermano quanto già indicato nelle precedenti indagini: ossia la compresenza, o meglio concentrazione, di più ruoli in una sola figura. In tal modo il titolare di un impresa ricoprirà non solo la funzione commerciale e direttiva, ma anche quella organizzativa e svolgerà gran parte delle attività operative; lo stesso vale per gli eventuali dipendenti. Ci troviamo di fronte quindi ad aziende non strutturate e tale situazione diventa un elemento discriminante nella valutazione dell offerta formativa e della relativa indagine. Scuola Edile Novarese Pagina 6 di 17

7 2. Metodologia d indagine L analisi dei bisogni formativi è un processo di raccolta e valutazione dei dati finalizzato alla realizzazione di percorsi coerenti con le esigenze delle aziende o del mercato. Di fatto si tratta di un attività diagnostica finalizzata a individuare carenze e lacune professionali presenti nelle imprese edili della Provincia di Novara. L obiettivo immediato e dichiarato di tale indagine è l individuazione delle esigenze formative delle aziende e di conseguenza la circoscrizione di alcune professionalità maggiormente richieste e necessarie al settore. Scopo finale consiste nel proporre ai lavoratori occupati, e soprattutto disoccupati, dei percorsi formativi adeguati alle necessità delle imprese, favorendo in tal modo l incontro di domanda e offerta di lavoro nel settore edile. Il processo è stato organizzato nelle seguenti fasi: 1) un fase generale che prevedeva la raccolta di dati presso la Cassa Edile Novarese e la richiesta dell elenco delle aziende; 2) contatto con le aziende tramite questionari; 3) raccolta ed elaborazione dei dati. Una volta raccolto l elenco della aziende fornito dalla Cassa Edile di Novara, si è proceduto alla spedizione via posta dei questionari alle imprese con più di 3 dipendenti (comprendono pertanto grandi, medio grandi, medio piccole, piccole e una buona parte delle microimprese). I questionari, piuttosto brevi, sono stati strutturati in domande chiuse per facilitare la compilazione e garantire in tal modo una maggiore possibilità di risposta. I destinatari erano i titolari delle imprese o i responsabili del personale. La struttura del questionario si divide in due parti: 1) dati sull azienda e 2) analisi fabbisogni. I dati relativi all azienda sono utili a individuare gli ambiti di attività e collocare in modo generale l impresa nella realtà in cui lavora. È stata inoltre mantenuta la domanda relativa all intenzione o meno di assumere dei dipendenti nel corso dell anno al fine di capire l andamento generale del lavoro, dato che l inserimento di nuovo personale presuppone l aumento delle attività o nuove commesse e solitamente è segno di crescita. Scuola Edile Novarese Pagina 7 di 17

8 La parte dei fabbisogni è invece incentrata effettivamente sulle figure professionali e le competenze carenti o richieste dalle aziende. Terminata la fase di raccolta dei questionari pervenuti, si è proceduto all analisi dei dati che sono stati elaborati nella presente relazione. 3. I fabbisogni professionali e formativi nel settore edile 3.1 Dati di adesione Ad aprile 2012 sono stati spediti 271 questionari via posta, fax o mail alle imprese con più di 3 dipendenti. Hanno risposto 42 aziende con una partecipazione del 15%, come risulta evidente dal grafico sotto riportato. Percentuale di adesione delle aziende all'indagine 15% 85% Imprese che hanno risposto Imprese che non hanno risposto Scuola Edile Novarese Pagina 8 di 17

9 3.2 L indagine Le aziende che hanno risposto al questionario sono per lo più attive nell edilizia residenziale (26%), il 19% svolgono attività di manutenzioni ordinarie, sempre il 19% si occupano di restauro/ristrutturazione, il 14% lavorano nelle opere pubbliche e 11% si occupano di movimento terra. 2 5% 1% 2% Settore di attività Edilizia residenzale Edilizia opere pubbliche Manutenzioni ordinarie 11% 26% Restauro/ristrutturazione 3% Costruzioni idrauliche Movimento terra Costr. e manutenzione stradali/ferroviarie 19% 19% 14% Costruzioni linee/condotte Produzione/distribuzione calcestruzzo Altro Tali imprese operano per lo più nella Provincia di Novara e in province limitrofe, come risulta evidente dal grafico sotto riportato. Il 10% delle imprese considerate lavora su tutto il territorio nazionale. 2 Ovviamente le percentuali sono approssimative anche perché molte aziende svolgono più attività. Scuola Edile Novarese Pagina 9 di 17

10 10% Zona di attività 43% Esclusivamente in Novara e provincia Anche in province limitrofe Sul territorio nazionale 47% Le imprese che dichiarano di prevedere nuove assunzioni nel corso dell anno sono il 12%, tra queste una metà pensa di assumere un solo dipendente e l altra 2. Previsione di assunzione nuovi dipendenti per l'anno % 12% Si No Non risponde 83% Per quanto riguarda le motivazioni principali che renderebbero necessaria la formazione: il 30% delle imprese ritiene che la motivazione prima sia l introduzione di nuove disposizioni legislative, il 26% concorda nell indicare il miglioramento delle prestazioni dei lavoratori, il 16 % ritiene sia necessaria all assunzione di nuovi dipendenti, mentre il 14% pensa che i corsi siano utili per istruire all uso di nuove procedure o regolamenti. Scuola Edile Novarese Pagina 10 di 17

11 Motivo principale per la formazione 26% 2% 16% 0% 12% 30% 14% Assunzione nuovi dipendenti Uso di nuove attrezzature/tecnologie Nuove disposizioni legislative Nessuno, i lavoratori si formano in azienda Trasferimenti o promozioni Uso di nuove procedure/regolamenti Miglioramento delle prestazioni dei lavoratori Inoltre la formazione è ritenuta particolarmente utile per operai specializzati/qualificati da aggiornare (34%) e per giovani disoccupati da avviare come operai (33%), quindi per giovani diplomati da avviare come tecnici di cantiere (18%). La formazione è più utile per: 34% 33% 15% 18% Giovani disoccupati da avviare come operai Giovani diplomati da avviare come tecnici di cantiere Operai comuni da qualificare Operai specializzati/qualificati da aggiornare Scuola Edile Novarese Pagina 11 di 17

12 La maggior parte delle aziende dichiara che lo stage sia un strumento abbastanza utile per l inserimento dei giovani (86%), ma solo il 43% degli intervistati si dimostra disponibile ad accogliere i ragazzi in stage e la maggioranza lo farebbe a patto che non vi siano oneri a carico dell impresa. Lo stage è uno strumento utile per inserire i giovani in azienda? 46% 40% si no 14% abbastanza E' disponibile ad accogliere ragazzi in stage? 5% 2% no si 36% 55% solo senza oneri per l'azienda con oneri ridotti 2% non risponde Scuola Edile Novarese Pagina 12 di 17

13 A questo punto rimangono da analizzare le figure professionali maggiormente richieste dalle imprese del settore. Per ottenere questa informazione si è strutturata la ricerca su due livelli in modo che l incrocio dei dati potesse dare una visione più precisa e realistica delle necessità formative. Il primo dato inserito nel questionario riguarda la reperibilità o meno di determinate figure professionali sul Mercato del Lavoro. La difficoltà a reperire tali figure sarebbe indicativa di una loro mancanza e indirizzerebbe alla formazione di personale che sopperisca tale carenza. Il secondo passo è stato definire le competenze principali relative alle varie figure professionali e chiedere alle aziende quanto tali competenze fossero utili alla loro attività, in questo modo sarebbero emerse le necessità delle imprese. L incrocio dei suddetti dati fornisce un idea delle esigenze del settore. Ad esempio, se più imprese dichiarano che la movimentazione di macchine movimento terra è molto utile ed emerge che gli operatori MMT si trovano difficilmente sul mercato, ne consegue che formare operatori MMT rappresenta una scelta formativa corretta. I dati desunti dai questionari individuano nel Tecnico di gestione del restauro la figura professionale più difficilmente reperibile sul Mercato, subito seguita dal Tecnico di gestione del cantiere, muratori/ intonacatori, addetti alla conduzione apparecchi di sollevamento e impiegati tecnici addetti alla contabilità. Le figure professionali più facile da reperire sono invece l imbianchino/decoratore e il piastrellista. 3 3 Si faccia riferimento all allegato A Scuola Edile Novarese Pagina 13 di 17

14 (Allegato A) Figure professionali 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Tecnici di gestione del cantiere Tecnici di gestione del restauro Impiegati amministrativi e di gestione personale Impiegati tecnici addetti alla contabilità Carpentieri/ferraioli Muratori/intonacatori Addetti alla conduzione apparecchi di sollevamento Imbianchini/decoratori Operatori macchine movimento terra Piastrellisti e/o posatori materiali lapidei Scuola Edile Novarese Pagina 14 di 17 non risponde difficile trovarli abb. difficile trovarli si trovano facilmente

15 Utilità delle competenze poco utile abbastanza utile molto utile Gestione del cantiere Contabilità amministrativa e trattamento del personale Esecuzione preventivi e contabilità tecnica Esecuzione carpenteria in legno/ferro Esecuzione di murature, riquadrature e intonaci Utilizzo e conduzione apparecchi di sollevamento Utilizzo di macchine movimento terra Decorazione/verniciatura Posa di pavimenti/rivestimenti Posa paramano Esecuzione ponteggi Realizzazione impermeabilizzazioni e isolamenti Funzionamento centrali di betonaggio Rimozione amianto Progettazione tramite autocad Utilizzo di altri progammi informatici Edilizia eco-sostenibile Per quel che riguarda l utilità delle competenze, si denota da una parte l interesse per un area strettamente tecnico-operativa, come la gestione del cantiere, l esecuzione di murature/intonaci e l esecuzione di ponteggi, mentre dall altra parte è aumentata la richiesta per figure amministrative e addette alla contabilità. Abbastanza utili invece sono ritenute le competenze relative all utilizzo di macchine movimento terra e apparecchi di sollevamento, l esecuzione di carpenteria in legno/ferro e la realizzazione di impermeabilizzazioni e isolamenti. La richiesta più alta in assoluto riguarda comunque le competenze nella gestione del cantiere, che rimane l attività strategica per le imprese del settore, sempre alle prese con problematiche organizzative di vario genere, in particolare legate al coordinamento tra i vari ruoli e alla programmazione non sempre agevole delle attività. Infatti il ricorso al subappalto ha come conseguenza la convivenza nello stesso cantiere di molteplici realtà che spesso non riescono ad interagire e comunicare nel modo migliore. Inoltre le imprese si trovano molto spesso a gestire più cantieri, anche distanti tra loro, fatto questo che comporta una maggiore difficoltà nel coordinamento e nella gestione delle risorse e delle attività. Scuola Edile Novarese Pagina 15 di 17

16 Infine i dati desunti dai grafici precedenti vengono incrociati secondo la seguente matrice: Grado di difficoltà nel reperire le figure professionali B M A U T I L I T A B M A Le figure professionali, quindi, sono raccolte e ordinate in base al valore dell indice di reperibilità sul Mercato del Lavoro e in base al valore dell indice di utilità delle competenze, secondo tre ordini di valutazioni: bassa (B), media (M) e alta (A). Tale metodo dà origine all elenco si seguito riportato: Figure professionali Punteggio Tecnici di gestione del cantiere 40 Tecnici di gestione del restauro 50 Impiegati amministrativi e di gestione personale 20 Impiegati tecnici addetti alla contabilità 30 Carpentieri/ferraioli 20 Muratori/intonacatori 30 Addetti alla conduzione apparecchi di sollevamento 30 Imbianchini/decoratori 10 Operatori macchine movimento terra 20 Piastrellisti e/o posatori materiali lapidei 10 Scuola Edile Novarese Pagina 16 di 17

17 Le figure con il punteggio più alto risultano essere le più richieste dal Mercato edile. Come si nota dalla tabella precedente, tali figure risultano essere: il tecnico della gestione del cantiere e il tecnico gestione del restauro. Scuola Edile Novarese Pagina 17 di 17

Ottobre 2014 NEWS LETTER. Buongiorno, Il primo giorno di ottobre inizia il nuovo anno formativo!

Ottobre 2014 NEWS LETTER. Buongiorno, Il primo giorno di ottobre inizia il nuovo anno formativo! Ottobre 2014 Volume 1, Numero 1 Ottobre 2014 NEWS LETTER Buongiorno, Il primo giorno di ottobre inizia il nuovo anno formativo! A partire da questo mese invieremo a mezzo posta elettronica le maggiori

Dettagli

SCUOLA EDILE NOVARESE

SCUOLA EDILE NOVARESE SCUOLA EDILE NOVARESE SEDE: Viale Manzoni 18 - Novara Tel 0321.627012 Fax 0321.640222 e.mail: gestionecorsi@scuolaedilenovarese.it SITO INTERNET: www.scuolaedilenovarese.it COMPITI Scuola edile Novarese,

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti MASTER FORMAZIONE S.r.l. Sede legale : Via Panaro, 16 0015 MONTEROTONDO (RM) Sede Direzione : Via Petrarca, 5 57023 CECINA (LI) Tel. 0586 632282 - Fax 0586 681865 Cecina, 6 Maggio 2010 Analisi Fabbisogni

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLA SOCIETA Work Experience è una piccola società di servizi per il lavoro, autorizzata a livello nazionale per le attività di Ricerca & Selezione e per le attività di Outplacement e accreditata

Dettagli

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI Modello per la formazione dei tutor aziendali Allegato alla deliberazione della Giunta provinciale P.V. n. del /0/00 Il Rapporto CFP-imprese nella formazione esterna

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

14/09/2010. Condino, 11 settembre 2010. Maura Gasperi -

14/09/2010. Condino, 11 settembre 2010. Maura Gasperi - Progetto pilota - ricerca per la valorizzazione del legno in Valle del Chiese Condino, 11 settembre 2010 Maura Gasperi - 1 Obiettivi ricerca Dare avvio alla sperimentazione in Valle del Chiese del Piano

Dettagli

Progetto. TRANSALP Lavoro senza frontiere. Analisi delle competenze. profilo professionale: CAPO CANTIERE

Progetto. TRANSALP Lavoro senza frontiere. Analisi delle competenze. profilo professionale: CAPO CANTIERE Progetto TRANSALP Lavoro senza frontiere Analisi delle competenze profilo professionale: CAPO CANTIERE Analisi a cura di CARTESA Data a seguito dell intervista: Persona intervistata: Ruolo: indirizzo,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi: Sicurezza sul lavoro analisi dei bisogni formativi SPEDIMAR 2015

Analisi dei Fabbisogni Formativi: Sicurezza sul lavoro analisi dei bisogni formativi SPEDIMAR 2015 Analisi dei Fabbisogni Formativi: Sicurezza sul lavoro analisi dei bisogni formativi SPEDIMAR 2015 Sistema di rilevazione: Progetto Ambiente in collaborazione con Spedimar, Associazione tra le imprese

Dettagli

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 1 La valutazione L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 Esiti occupazionali a 24 dalla partecipazione Vengono qui riassunti i risultati della

Dettagli

Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti

Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti Comunicato stampa Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti In forte calo la difficoltà di reperimento nel 2014:

Dettagli

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Roma, Dicembre 2006 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Premessa. Le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che la seguente

Dettagli

N. Revisione Data Descrizione della modifica

N. Revisione Data Descrizione della modifica 1.Introduzione... 2 2.Presentazione della società... 2 3.Struttura della carta dei servizi... 3 4.Principi fondamentali... 4 4.1.Principi generali di riferimento... 4 4.2.Diritti e doveri dell utente...

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO PER

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore Scuola Edile di Reggio Emilia Ente di Formazione Professionale Edile Claudio Cigarini Alberto Zanni Formare alla sicurezza I presupposti

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014;

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014; Richiamate le delibera del Cda n. 20 del 30/12/2010 e dell Assemblea n. 5 del 13/06/2013 con le quali si recepisce il trasferimento all Unione dei Comuni il servizio per la gestione in forma associata

Dettagli

Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008

Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008 Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008 Cod. Denominazione del corso Ore Pag. SI1 Formazione per operai/ primo ingresso in edilizia 16 2 SI2 RSPP/ASPP - Responsabili del

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE ESIGENZE FORMATIVE IN EDILIZIA SOSTENIBILE A FERRARA

QUESTIONARIO SULLE ESIGENZE FORMATIVE IN EDILIZIA SOSTENIBILE A FERRARA Ferrara, 14/04/2008 PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA QUESTIONARIO SULLE ESIGENZE FORMATIVE IN EDILIZIA SOSTENIBILE A FERRARA ANALISI DEI DATI Responsabile di progetto Dott.ssa Cristina Barbieri Tecnici:

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORI IN FASE DI PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE DEI LAVORI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORI IN FASE DI PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE DEI LAVORI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORI IN FASE DI PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE DEI LAVORI Premessa L Allegato XIV del D.Lgs. 81/08 prevede che per poter continuare ad esercitare i compiti di Coordinatori

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

FLSS Flatmates life support system. Report Usability Test. Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca

FLSS Flatmates life support system. Report Usability Test. Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca FLSS Flatmates life support system Report Usability Test Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca INDICE 1. Campione 2. Analisi dei risultati 2.1 Task analysis 2.2 Valutazioni soggettive 3. Errori 4. Possibili

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2013

DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2013 DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2013 1. Analisi dei dati per l anno 2013 L analisi dei dati sulla formazione svolta in tutto l anno, prende in considerazione tre ambiti o aree differenti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2014

DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2014 Certificazione ISO 9001:2008 n. 501009386 DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2014 DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2014 1. Analisi dei dati per l anno 2014 L analisi dei

Dettagli

Esiti delle misurazioni degli indici di gradimento delle attività di stage 2011 espressi dalle aziende e dell analisi dei fabbisogni professionali

Esiti delle misurazioni degli indici di gradimento delle attività di stage 2011 espressi dalle aziende e dell analisi dei fabbisogni professionali Regione Umbria PROVINCIA DI PERUGIA Esiti delle misurazioni degli indici di gradimento delle attività di stage 2011 espressi dalle aziende e dell analisi dei fabbisogni professionali ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI E DELLE COMPETENZE. INFORMATICHE DI BASE e/o AVANZATE

RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI E DELLE COMPETENZE. INFORMATICHE DI BASE e/o AVANZATE RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI E DELLE COMPETENZE INFORMATICHE DI BASE e/o AVANZATE 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 METODOLOGIA... 3 OBIETTIVI... 4 RISULTATI... 4 AZIENDE... 4 PRIVATI... 6 CONCLUSIONI... 7 2 L Indagine,

Dettagli

14 marzo 2012 Ore 15,00 18,00 Sala Biagi, piano 0 - sede provinciale CNA Viale Aldo Moro 22 - Bologna

14 marzo 2012 Ore 15,00 18,00 Sala Biagi, piano 0 - sede provinciale CNA Viale Aldo Moro 22 - Bologna Unione Servizi alla Comunità Politiche Ambiente Energia Politiche del Lavoro e della Formazione Bologna, lì 27 Febbraio 2012 Prot. n. 105/12 Alle Imprese di pulizia Le opportunità offerte dai prodotti

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA ALLEGATO 2 Premessa Le Valli Brembana e Imagna sono oggi tra le aree più problematiche in Provincia di Bergamo, per quanto riguarda l occupazione. La crisi della

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE I corsi di formazione professionale permettono di integrare le conoscenze scolastiche o di acquisire nuove conoscenze e competenze in ambiti diversi dall indirizzo di studio

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

Figura 1 - Imprese che intendono assumere nuovo personale nel 2010 per consorzio o distretto (valori percentuali) 60,7 66,7 71,0 72,6 76,5 84,4 85,0

Figura 1 - Imprese che intendono assumere nuovo personale nel 2010 per consorzio o distretto (valori percentuali) 60,7 66,7 71,0 72,6 76,5 84,4 85,0 Dopo la crisi, primi segnali di ripresa in provincia di Udine Nel 2010, un impresa industriale su quattro prevede nuove assunzioni I dati dell indagine promossa dalla Provincia e realizzata dall IRES FVG

Dettagli

ORMATICA DI BAS MURATO OSQUADRA RESTAURO STENTE EDILE INFORMATICA DI CAPOSQUADRA MURATORE ASSISTENTE ED RESTAURO MATICA DI BASE

ORMATICA DI BAS MURATO OSQUADRA RESTAURO STENTE EDILE INFORMATICA DI CAPOSQUADRA MURATORE ASSISTENTE ED RESTAURO MATICA DI BASE MURATO ORMATICA DI BAS SSISTENTE EDILE OSQUADRA RESTAURO STENTE EDILE INFORMATICA DI CAPOSQUADRA MURATORE ASSISTENTE ED RESTAURO MATICA DI BASE CORSI GRATUITI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO PER CAPOSQUADRA

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ.

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. SOGGETTO PROPONENTE/CAPOFILA: ITALIAINDUSTRIA s.r.l. SOGGETTI PARTNER ATTUATORI:

Dettagli

Corsi di formazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Corsi di formazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 101 Corsi di formazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Cod. Denominazione del corso Ore Pag. SI1 RSPP/ASPP Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione 112 2

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

INDAGINE CNA LE PREVISIONI OCCUPAZIONALI PER IL 2011 ED I FABBISOGNI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELL UMBRIA IL CAMPIONE

INDAGINE CNA LE PREVISIONI OCCUPAZIONALI PER IL 2011 ED I FABBISOGNI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELL UMBRIA IL CAMPIONE INDAGINE CNA LE PREVISIONI OCCUPAZIONALI PER IL 2011 ED I FABBISOGNI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELL UMBRIA IL CAMPIONE Nel mese di gennaio 2011 la CNA ha condotto un indagine sulle previsioni

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE CORSO/I

DOMANDA DI ISCRIZIONE CORSO/I DOMANDA DI ISCRIZIONE CORSO/I...l... sottoscritto/a...... nato/a il a..... (...) Stato...... In qualità di: IMPRENDITORE LIBERO PROFESSIONISTA Nome Azienda Recapito telefonico Indirizzo e mail Referente

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO CONDUZIONE CANTIERE: gestione tecnico amministrativa

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Schema metodologico per la valutazione del personale del comparto addetto agli uffici di diretta collaborazione

Schema metodologico per la valutazione del personale del comparto addetto agli uffici di diretta collaborazione Schema metodologico per la valutazione del personale del comparto addetto agli uffici di diretta collaborazione Sommario Premessa... 2 1. Introduzione... 3 2. Criteri generali della metodologia di valutazione...

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Procedura Selezione del Personale

Procedura Selezione del Personale Pag. 1 di 9 PROCEDURA SELEZIONE DEL PERSONALE ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Pag. 2 di 9 SCOPO... 3 1. RESPONSABILITA... 4 2. BANCA DATI ISMEA LAVORA CON NOI... 4 3. MODALITA'...

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO PER LA GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

Dettagli

REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI

REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI - Area informatica - Area linguistica - Area commerciale e vendita - Area amministrazione e controllo - Area produzione e logistica - Area energia e ambiente

Dettagli

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione BANDO PER L EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio 2002 Parte I e II) Misura di sistema: Ricerche e analisi finalizzate

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: TERZIARIO COMMERCIO - TURISMO In collaborazione con Enti Bilaterali Commercio Enti Bilaterali Turismo Genova, 2 ottobre 2002 Osservatorio sui fabbisogni

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEGLI ASSOCIATI

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEGLI ASSOCIATI ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEGLI ASSOCIATI 7 GIUGNO 2012 RELAZIONE E.S.P.E. Stimati Associati e Colleghi, rivolgo a tutti Voi il mio cordiale saluto. La relazione di quest anno mi vede portavoce dei risultati

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno 2006-2007 a cura di SCUOLA EDILE NOVARESE Scuola Edile Novarese Pagina 1 di 21 1. Introduzione p. 3 1.1 Contesto di riferimento

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA Proveniente dall'impresa: Tel. Fax E mail

SCHEDA INFORMATIVA Proveniente dall'impresa: Tel. Fax E mail SCHEDA INFORMATIVA Proveniente dall'impresa: Tel. Fax E mail Sede Legale Numero dipendenti Persona di riferimento dell Impresa ISCRIZIONE A FONDI INTERPROFESSIONALI (FONDIMPRESA, FONCOOP, FONDARTIGIANATO,

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni "La vigilanza sulla sicurezza e salute dei lavoratori nella realizzazione delle grandi opere infrastrutturali: risultati e prospettive." Azienda Sanitaria Firenze Il ruolo del coordinatore alla sicurezza:

Dettagli