Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, LODI C.F

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156"

Transcript

1 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, LODI C.F Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma Corsi ECDL Corsi Serali: Sirio Ragionieri Sirio Geometri Sirio Informatico Gestionale Corso di Economia Aziendale Classe 2^ E A.F.M. 2014/15 Classe 3^ E S.I.A. 2015/2016 Dispensa a cura del Prof. F. Banderali 0

2 ESERCIZIO 1 Per ognuna delle seguenti operazioni di gestione, indica se si tratta di un fatto interno o esterno di gestione, quindi individua l eventuale aspetto tecnico- produttivo, finanziario, economico. 1. Ricevuta fattura per l acquisto di merci; pagamento differito. 2. Pagati ai dipendenti salari e stipendi tramite bonifico bancario. 3. La banca accredita interessi sul c/c. 4. Pagato premio assicurativo. 5. Emessa fattura per la vendita di prodotti finiti; in pagamento riceviamo un pagherò a tre mesi. 6. Ottenuto un mutuo bancario. 7. Pagato con assegno un canone di leasing. 8. Riscosso un fitto attivo. 9. Versato ad un fornitore un acconto per l acquisto di merci. 10. Ricevuta fattura Telecom; pagamento a fine mese. 11. Prelevato denaro dal c/c, che viene versato in cassa. 12. Pagato vettore in contanti. 13. Venduta un auto aziendale; pagamento immediato con A/C. 14. Versate cauzioni per imballaggi a un fornitore. 15. Acquistate materie prime con pagamento in contanti. 16. Liquidate le imposte d esercizio. 17. Ottenuta sovvenzione bancaria. 18. Terminata la trasformazione di materie prime in prodotti finiti. 19. Versati oneri sociali all Inps. 20. Ricevuto un acconto da un cliente. 21. Acquistato un BTP con addebito in c/c. 22. Si riceve la parcella del commercialista. 23. Incassato risarcimento assicurativo. 24. Addebitate commissioni bancarie sul c/c. 25. Acquistato un PC: pagamento ½ a pronti e ½ a tre mesi. 26. Acquistato materiale di consumo; pagamento tramite Ri.Ba. 27. Sostenute in contanti spese di manutenzione e riparazione. 28. Pagamento onorario agli amministratori. 29. Concesso un prestito a un proprio dipendente. 30. Acquistato bollo per cambiali. 1

3 ESERCIZIO 2 Analizza le seguenti operazioni di gestione individuando le variazioni economiche / finanziarie generate. 1. Emessa fattura per ; pagamento in contanti. 2. Ottenuto un prestito bancario di. 3. Acquisto di arredamento per ; pagamento a mezzo banca. 4. Sostenute spese per servizi per ; pagamento ½ in contanti e ½ con pagherò a tre mesi. 5. Acquistate merci per ; regolamento con assegni circolari. 6. Rimborsata quota del mutuo per A scadenza viene pagata una cambiale di Sul c/c bancario la banca addebita interessi passivi per Incassata cambiale di Pagati a mezzo banca salari e stipendi per Liquidata IVA mensile per ; il pagamento avviene, entro i termini di legge, tramite contanti. 12. Pagato debito di tramite bonifico bancario. 13. Vendute merci per con pagamento a tre mesi con interessi di 300 ; a scadenza si incassa quanto dovuto tramite giroconto. 14. Vendute merci per , di cui sono stati regolati mediante un A/C, con pagherò e il resto a 60 gg con cambiali. 15. Pagato in contanti l affitto di un capannone per Riscosso in contanti un credito di Pagato con bonifico un premio assicurativo di Liquidate imposte per Concesso un prestito di a un proprio dipendente; il prestito, dopo un anno, viene regolarmente rimborsato. 20. Versati oneri sociali all Inps per Versata una cauzione per imballaggi per 600 ; gli imballaggi, dopo tre mesi, vengono regolarmente restituiti. 22. Pagato anticipatamente un debito di , ottenendo uno sconto di Pagata prima rata di 300 per l acquisto di un PC. 24. Acquistato bollo per cambiale per Accettato pagherò di 600 come saldo di una fattura emessa da un fornitore. 26. Versati sul c/c bancario. 27. Presentate cambiali allo sconto per complessivi ; la banca accredita un netto ricavo di Un cliente invia un acconto di Pagato canone di leasing di Ottenuto assegno circolare di

4 SITUAZIONE PATRIMONIALE al (data) ATTIVITA (IMPIEGHI) PASSIVITA (FINANZIAMENTI) e P.N. ATTIVO IMMOBILIZZATO IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Brevetti Software Marchi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Terreni e fabbricati Impianti e macchinari Attrezzature Altri beni (arredamento, automezzi, ) IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE Crediti a M/L termine (mutui attivi) DEBITI (PASSIVITA ) DEBITI A M/L TERMINE mutui passivi sovvenzioni DEBITI A BREVE TERMINE v/fornitori cambiali passive tributari v/istituti previdenziali diversi PATRIMONIO NETTO P.N. iniziale ATTIVO CIRCOLANTE RIMANENZE (COSTI SOSPESI) CREDITI + Apporti effettuati nell anno - Prelevamenti extragestione + Utile d esercizio / - Perdita d esercizio v/clienti cambiali attive diversi DISPONIBILITÀ LIQUIDE banca c/c assegni denaro in cassa TOTALE ATTIVITA TOTALE PASSIVITA E P.N. 3

5 ESERCIZIO 3 Redigere la situazione patrimoniale. Prestiti bancari Crediti diversi Debiti previdenziali Licenze Cambiali attive Impianti Macchinari Banca X c/c Debiti tributari Automezzi Terreni Denaro in cassa Prestiti concessi Software Sovvenzione bancaria Valori bollati Sapendo che il PN iniziale era di e che durante l esercizio si è conseguito un utile di , determina se sono stati effettuati Apporti o Prelevamenti extragestione. 4

6 ESERCIZIO 4 Redigere la situazione patrimoniale. Fabbricati Denaro in cassa Mutui attivi Marchi Cambiali attive Impianti Macchinari Banca X c/c Debiti tributari Arredamento Brevetti Sovvenzione bancaria Assegni Mutui passivi Crediti diversi Debiti v/altri È maggiore il capitale proprio o il capitale di terzi? Cosa puoi dedurre? 5

7 ESERCIZIO 5 Redigere la situazione economica. Salari e stipendi Commissioni bancarie Spese di trasporto Interessi passivi c/vendite Consulenze Fitti passivi Canoni di leasing Imposte Spese per utenze Fitti attivi Interessi attivi bancari c/acquisti Oneri sociali Premi assicurativi Individua i costi appartenenti alle seguenti categorie:! Costi del personale! Costi finanziari! Costi per servizi! Costi per il godimento di beni di terzi 6

8 ESERCIZIO 6 Redigere la situazione patrimoniale e la situazione economica. Impianti Mutuo passivo Brevetti c/vendite Denaro in cassa Automezzi Salari e stipendi Crediti v/altri Imposte c/acquisti Interessi passivi Fabbricati Premi assicurativi Debiti tributari Banca X c/c Sapendo che durante l esercizio l imprenditore ha prelevato per esigenze personali, calcola il PN iniziale. 7

9 ESERCIZIO 7 Redigere la situazione patrimoniale e la situazione economica. Spese per servizi Terreni Sovvenzione bancaria Licenze Assegni Debitori diversi Fitti attivi Computer Creditori diversi c/acquisti Banca x c/c c/vendite Mutui attivi Debiti v/istituti previdenziali Salari e stipendi Macchinari Oneri sociali Cambiali attive Sapendo che durante l esercizio l imprenditore ha apportato per esigenze personali, calcola il PN iniziale. 8

10 ESERCIZIO 8 Impianti Macchinari Mutuo bancario Fabbricati Creditori diversi Automezzi Banca X c/c ! Vendute merci per di cui ½ ancora da incassare.! Pagati in contanti canoni di leasing per ! Pagati salari e stipendi, tramite c/c bancario, per ! Acquistate merci per , di cui 3/5 ancora da pagare.! Rimborsata una quota del mutuo per ! Incassati crediti v/clienti per ; in pagamento si sono ricevute cambiali. 9

11 ESERCIZIO 9 Hardware Terreni Debiti previdenziali Cambiali attive Sovvenzioni bancarie Marchi Denaro in cassa Debiti tributari Impianti Creditori diversi Banca X c/c ! Vendute merci per 1. interamente incassati in contanti.! Acquistate merci per : 1/3 incassati in contanti, 1/3 incassati con cambiali, 1/3 ancora da incassare.! Versato un acconto di a un fornitore.! Pagati interamente i debiti tributari.! Sul c/c bancari sono addebitati interessi per ! Incassati fitti attivi per ; l incasso è avvenuto tramite bonifico.! Incassate con assegni cambiali attive per ; gli assegni sono successivamente versati sul c/c.! Liquidate imposte per ! Pagati, attraverso il c/c, salari e stipendi per.! Ottenuta una sovvenzione bancaria di. 10

12 ESERCIZIO 10 Macchinari Assegni Software Fabbricati Banca X c/c Mutuo bancario Crediti diversi Denaro in cassa ! Vendute merci per : 1/3 incassati in contanti, mentre il resto attraverso cambiali scadenti nell esercizio N+1.! Acquistato un macchinario per ; pagamento accettando tratta.! Sul c/c bancario sono maturati interessi attivi per 500.! Acquistate merci per interamente pagate con Ri.Ba.! Pagati salari e stipendi per ! Liquidate imposte per ! Incassati gli assegni.! Incassato il 60% dei crediti diversi e il 40% dei crediti v/clienti.! Pagata tramite bonifico bancaria una rata sul mutuo pari a ! Pagati dei debiti v/fornitori tramite giroconto bancario. 11

13 ESERCIZIO 11 Debiti tributari Brevetti Prestiti bancari Impianti Cambiali attive Debitori diversi Banca X c/c Terreni C/c postale Automezzi ! Vendute 230 quintali di merce a 10 /Kg; 2/3 del fatturato risulta ancora da incassare.! Acquisita automobile in leasing: sono stati pagati canoni bimestrali di a partire dal 1 marzo.! Acquistate merci per ; pagamento con cambiali che non risultano ancora scadute.! Tutte le cambiali attive sono state girate per pagare parte dei debiti v/fornitori.! Pagati di cambiali passive attraverso il c/c postale.! Ottenuto ulteriore prestito bancario di ; contestualmente si rimborsa una rata di ! Liquidate imposte per ! Pagati interessi sul mutuo per ! I debitori diversi pagano quanto dovuto tramite bonifico bancario.! Richiesto A/C di ; al 31 dicembre tale assegno risulta ancora in cassa.! Acquistato un terreno del valore di ! Pagato in contanti vettore per

14 ESERCIZIO 12 Fabbricati Crediti v/altri Impianti Denaro in cassa Debiti tributari Materiali di consumo Debiti previdenziali Mutui attivi Banca X c/c Mutui passivi ! Vendute merci per ; ½ del fatturato deve essere ancora incassata.! Ci viene rimborsato interamente il mutuo attivo.! Acquistate merci per ; pagamento tramite Ri.Ba.! Sostenuti in contanti spese per servizi per ! Pagati interamente i debiti previdenziali.! Acquistato un impianto del valore di ; pagamento tramite bonifico bancario.! Ci viene pagato in contanti l 80% dei crediti v/clienti.! Pagato premio assicurazione per ! Liquidate imposte di ! Pagato un fornitore per emettendo pagherò.! Ricevuta parcella notaio ; al 31 dicembre non risulta ancora saldata.! Rimborsata quota del mutuo per ! Sul c/c ci vengono addebitati interessi passivi per

15 ESERCIZIO 13 Arredamento Mutuo passivo Cambiali attive C/c postale Software Denaro in cassa Impianti Mutui attivi Debiti tributari Sovvenzione bancaria Creditori diversi ! Acquistate merci per pagamento ¼ in contanti e il resto con Ri.ba a 60 gg.! Rimborsata quota del mutuo di tramite c/c postale.! La Posta accredita interessi attivi per ! Ci viene rimborsata una quota del mutuo attivo di ! Pagati salari e stipendi per ! Emesse fatture per ; in pagamento si ricevono effetti.! Acquistate merci per ; pagamento con bonifico.! Liquidate imposte per ! Pagato in contanti canone di leasing di ! Saldati debiti v/fornitori per tramite emissione di A/B.! A saldo di un credito di , riceviamo un A/C che viene versato sul c/c postale.! Prelevati dal c/c postale , che vengono versati in cassa. 14

16 ESERCIZIO 14 Fabbricati Debiti previdenziali Mutui bancari Attrezzature Marchi Banca Sella c/c Debiti tributari Debitori diversi Sovvenzioni bancarie Denaro in cassa ! La banca addebita sul c/c, commissioni bancarie per 70.! Ottenuto un prestito bancario per.! Vendute merci per : pagamento 1/3 in contanti e 2/3 a 40 giorni.! Acquistate merci per : pagamento tramite giroconto e il residuo accettando tratta.! Acquistato un furgone per : pagamento con A/B.! Liquidate imposte per ! Ricevuto un fitto attivo di ! Ricevuta bolletta per riscaldamento di ! Concesso prestito di a un dipendente.! Pagati salari e stipendi per ! Pagati tramite assegno circolare i debiti verso l INPS.! Ricevuto un pagherò a saldo di un nostro credito di

17 ESERCIZIO 15 Crediti diversi Mutuo passivo Terreni Assegni Crediti tributari Brevetti Banca BPL c/c Sovvenzione bancaria Macchinari Debiti diversi ! Acquistato un macchinario per : pagamento girando A/B in portafoglio e il residuo tramite bonifico.! Rimborsato mutuo per.! Ricevuta parcella del commercialista per ! Saldato il 40% dei debiti diversi tramite giroconto bancario.! Pagati salari e stipendi per ! Vendute merci per : in pagamento riceviamo effetti.! Acquistate merci per : in pagamento giriamo effetti.! Pagato un fitto di in contanti.! Vendute merci per : pagamento a 3 mesi.! Liquidate imposte per ! La banca accredita interessi attivi per ! Rimborsata interamente la sovvenzione bancaria. 16

18 ESERCIZIO 16 Mutui attivi Impianti Mutui bancari Macchinari Cambiali attive Banca X c/c Denaro in cassa Debiti tributari Debiti diversi Licenze industriali ! Acquistate merci per : pagamento per 1/3 in contanti e il residuo dilazionato.! La banca addebita sul c/c interessi passivi per e commissioni per ! Pagati salari e stipendi per ! Liquidate imposte per ! Vendute merci per : pagamento ricevendo A/B e il residuo a 90 gg con Ri.Ba.! Incassati gli assegni.! Ricevute fatture di un vettore per ; pagamento in contanti.! Rimborsata quota del mutuo di.! Girata una cambiale di a saldo di un debito.! Versato un acconto di a un fornitore.! Acquistato bolli per cambiali per 500.! Pagati tutti i debiti verso l Erario. 17

19 ESERCIZIO 17 Arredamento Macchinari Mutuo bancario Impianti Debiti diversi Automezzi Posta c/c ! Vendute merci per ; in pagamento riceviamo per 1/3 cambiali attive e per il residuo RI.Ba. a tre mesi! Girate le cambiali a saldo di debiti v/fornitori! Liquidate imposte per ! Pagati salari e stipendi per.! L estratto conto evidenzia: interessi attivi 3.000, interessi passivi 5.000, commissioni bancarie 700.! Acquistato un nuovo automezzo per : in pagamento accettiamo una tratta di ed emettiamo un pagherò per la differenza.! Riceviamo le Ri.Ba. di cui al primo punto di questo esercizio.! Vendute merci per ; in pagamento riceviamo assegni.! Giriamo gli assegni per pagare delle cambiali in scadenza.! Ottenuta sovvenzione bancaria di ! Pagati fitti per ! Prelevati dal c/c , che vengono versati in cassa! Acquistati bolli per cambiali per 500.! Pagati in contanti i debiti tributari.! Rimborsata quota del mutuo bancario per 18

20 ESERCIZIO 18 Marchi Attrezzature Mutuo ipotecario Terreni Debiti diversi Automezzi BPL c/c Mutuo attivo ! Acquistate merci per ; in pagamento emettiamo per ¼ pagherò e per il residuo RI.Ba. a tre mesi! Pagati di debiti v/fornitori con emissione di A/C! Liquidate imposte per ! Pagati salari e stipendi per ! L estratto conto evidenzia: interessi attivi 5.000, interessi passivi 8.000, commissioni bancarie 400.! Vendute merci per : in pagamento emettiamo un tratta di pari importo.! La tratta viene girato a saldo di parte dei debiti v/fornitori.! Acquistato un terreno per ; pagamento con assegni.! Ricevuto un assegno di a saldo di un nostro credito; l assegno viene versato in banca! Concesso mutuo di a un nostro dipendente.! Ricevuta parcella del commercialista per ! Prelevati dal c/c 8.000, che vengono versati in cassa! Ricevuta fattura Telecom di 380 ; pagamento con bonifico! Pagati in contanti i debiti tributari.! Rimborsata quota del mutuo bancario per

21 CASO AZIENDALE L unità, che sarà costruita nel Complesso Industriale Portuario della città di Suape, prevede un investimento di R$ 3 miliardi La Fiat ha confermato l'installazione di un nuovo impianto nello Stato di Pernambuco, che sarà costruito nella città di Suape, e avrà una capacità di produzione di 200 mila veicoli l'anno. La notizia del nuovo impianto - il secondo stabilimento produttivo della casa automobilistica italiana in Brasile - è stata formalmente data martedì 14 dicembre, in occasione di un evento che ha visto il Presidente Lula, il Governatore dello Stato, Eduardo Campos, e i responsabili dell azienda nella città di Salgueiro, a 515 chilometri da Recife. L'investimento sarà pari a R$ 3 miliardi e prevede la costruzione, nel Complesso Industriale e Portuario di Suape, della fabbrica (4,4 millioni di metri quadrati di superficie), ma anche di un centro di ricerca e di sviluppo per nuovi prodotti e piattaforme, nonché di un centro per la formazione delle risorse umane che dovranno operare nella nuova unità così come nelle future aziende del comparto. La somma rientra nel piano di investimento di R$ 10 miliardi che il gruppo Fiat ha già approvato per il Brasile per il periodo I restanti R$ 7 miliardi saranno invece destinati a Minas Gerais: la casa automobilistica prevede infatti di incrementare la produzione dallo stabilimento di Betim di più di 150 mila veicoli all'anno, che si andranno a sommare alle 800 mila unità attualmente prodotte. Il nuovo impianto dovrebbe generare circa nuovi posti di lavoro diretti, con influenze positive anche sulle altre industrie e imprese. L'unità di Pernambuco produrrà nuovi modelli di automobili, sviluppati in Brasile e destinati ai consumatori brasiliani e dell America Latina. "Il progetto che sarà realizzata in Pernambuco ha affermato Sergio Marchionne, amministratore delegato del Gruppo Fiat rappresenta una tappa importante per il rafforzamento internazionale di Fiat. Il Brasile, dove entro il 2014 prevediamo di raggiungere un volume di vendite di oltre un milione di veicoli l'anno, è un Paese strategico per la nostra espansione. Il nostro gruppo intende inoltre contribuire allo sviluppo economico, tecnologico e industriale del Brasile, in cui operiamo da quasi 40 anni". "Con questa nuova operazione ha commentato Cledorvino Belini, presidente di Fiat Automóveis l azienda riafferma la propria fiducia nel Brasile con il più grande ciclo di investimento: R$ 10 miliardi. Siamo consapevoli dell'importanza di contribuire allo sviluppo regionale del Pernambuco e del Nord- Est, in quanto l'impianto sarà il fulcro di un nuovo polo industriale. La Fiat ha una storia di pionierismo e di successo in Minas Gerais, dove da decenni contribuisce allo sviluppo industriale, economico e sociale". ANALISI DEL CASO! Quali sono, a tuo avviso, i motivi per cui la FIAT ha delocalizzato in Brasile?! Quali gli effetti sull economia italiana e su quella brasiliana? Il governo italiano avrebbe potuto evitare / scoraggiare l operazione?! Individua le principali variazioni delle voci della SP e SE della Fiat- Italia e della Fiat- Brasile. 20

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download Download Impresa individuale esercente attività mercantile 1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo Nome del conto Natura 10 P Banche c.c Fondi liquidi 11 P c.c. postali Fondi liquidi 12 P

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA CORSO CONTABILITA GENERALE E DEL PERSONALE I.T.C PIAGGIA VIAREGGIO Non si può gestire un azienda e redigere il bilancio senza tenere una contabilità. La contabilitàgenerale

Dettagli

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia Esercizi di ingresso 1) Scritture in Partita Doppia 03/04 ACQUISTI DI MERCI 13.885,20 03/04 IVA A CREDITO 2.777,04 03/04 DEBITI V/FORNITORI 504,00 03/04 INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI 84,66 03/04 DEBITI

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

ITS MATTEI DECIMOMANNU A.S. 2014 2015 CLASSE III A. Liquidità Crediti Finanziamenti - Entrat e

ITS MATTEI DECIMOMANNU A.S. 2014 2015 CLASSE III A. Liquidità Crediti Finanziamenti - Entrat e Esercizio n. 01 Esamina sotto l aspetto economico e finanziario i seguenti fatti amministrativi della ditta Secci. Compila il prospetto inserendo gli importi nelle caselline. N. Operazioni Investi 1 Acquisto

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE I L PIANO DEI CONTI Il piano dei conti Il piano dei conti si articola in: CLASSI RAGGRUPPAMENTI CONTI DI MASTRO SOTTOCONTI 1ª posizione 2ª posizione 3ª e 4ª posizione Posizioni successive (non sviluppato)

Dettagli

COMPITO A Candidato matricola.

COMPITO A Candidato matricola. COMPITO A Candidato matricola. Si risponda sinteticamente alle seguenti domande e si risolva ordinatamente il punto 8. 1 a domanda Definire il concetto di soggetto giuridico con riferimento alle varie

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011 Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali La società D Alessio S.p.a. ha un Capitale sociale di 120.000, interamente versati in un conto corrente bancario. Nel corso

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali

MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali ATTIVO A) CREDITI VERSO ASSOCIATI PER VERSAMENTO QUOTE B) IMMOBILIZZAZIONI MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali I

Dettagli

Le operazioni accessorie

Le operazioni accessorie Albez edutainment production Le operazioni accessorie III Classe ITC 1 I servizi di riscossione Sono servizi svolti dalla banca per conto dell impresa e riguardano principalmente le disposizioni elettroniche

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

Introduzione alla contabilità

Introduzione alla contabilità Introduzione alla contabilità di Laura Mottini Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC I. Natura dei conti Indicare con una crocetta la natura dei seguenti conti. Conti COSTI DI IMPIANTO

Dettagli

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc.

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc. PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI Costi Ricavi Costi sospesi (CS)/ Ricavi sospesi Abbuoni attivi X Abbuoni passivi X Aggio di emissione X Ammortamento

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Premessa Chi gestisce la contabilità di un impresa lo fa perché alla fine di ogni anno di gestione ha bisogno di conoscere due cose fondamentali relative

Dettagli

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa. Le operazioni con le banche

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa. Le operazioni con le banche DISPENSA MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Dispensa Le operazioni con le banche ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Le operazioni con le banche

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Piano dei Conti 01 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI S 02 COSTI PLURIENNALI S 03 RIMANENZE S 05 CASSA S 06 BANCHE S 10 CLIENTI S 12 ERARIO C/I.V.A.

Piano dei Conti 01 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI S 02 COSTI PLURIENNALI S 03 RIMANENZE S 05 CASSA S 06 BANCHE S 10 CLIENTI S 12 ERARIO C/I.V.A. 20/01/2012 Pagina 1 di 5 01 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI S 0101 TERRENI S 0102 FABBRICATI CIVILI S 0104 COSTRUZIONI LEGGERE S 0105 IMPIANTI GENERICI S 0106 IMPIANTI SPECIFICI S 0107 MACCHINARI S 0108 ATTREZZATURE

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE 1 CORSO BASE DI CONTABILITA' BILANCIO e DIRITTO TRIBUTARIO 2011 1 MODULO REGOLE BASE DI CONTABILITA DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE PROGRAMMA La rilevazione

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 Piano dei conti ATTIVITA' CREDITI PER QUOTE ASSOCIATIVE DA INCASSARE Crediti per quote associative da incassare Crediti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

CIRCOLO ANSPI GIOVANNI PAOLO MAGGINI. Sede legale: Via Roma, 23 Botticino 25080 Brescia CF: 98159690175. Bilancio d esercizio 2013

CIRCOLO ANSPI GIOVANNI PAOLO MAGGINI. Sede legale: Via Roma, 23 Botticino 25080 Brescia CF: 98159690175. Bilancio d esercizio 2013 CIRCOLO ANSPI GIOVANNI PAOLO MAGGINI Sede legale: Via Roma, 23 Botticino 25080 Brescia Bilancio d esercizio 2013 STATO PATRIMONIALE AL RENDICONTO GESTIONALE AL RENDICONTO INCASSI/PAGAMENTI AL Sede legale:

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

Il capitale F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI

Il capitale F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Il capitale Lo svolgimento degli esercizi richiede le seguenti conoscenze: immobilizzazioni; disponibilità; liquidità; capitale netto; debiti di finanziamento; debiti

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio)

Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio) Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio) Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015 Equazione di bilancio (Destinazione) (Provenienza) 2 PREMESSA Per costituire e avviare un azienda

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

LA CONTABILITÀ GENERALE

LA CONTABILITÀ GENERALE LA CONTABILITÀ GENERALE OGGETTO: IL SISTEMA DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCOPO: 1) DETERMINAZIONE PERIODICA CAPITALE DI FUNZIONAMENTO E REDDITO 2) CONTROLLO CONTINUO MOVIMENTI FINANZIARI ED ECONOMICI STRUMENTO:

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE - ALER LODI - ANNO 2014

PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE - ALER LODI - ANNO 2014 PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE - ALER LODI - ANNO 2014 ELENCO VOCI CONTABILI 2013 2013 sp1 ATTIVO 63.654.073,00 60.522.723,00 10 CREDITI PER CAPITALE DI DOTAZIONE DELIBERATO DA VERSARE 10.01 Crediti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO AL 31 DICEMBRE 2014

STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO AL 31 DICEMBRE 2014 STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO AL 31 DICEMBRE 2014 41 STATO PATRIMONIALE 2014 ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI CON SEPARATA INDICAZIONE DELLA PARTE GIA' RICHIAMATA B) IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A.

Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A. S&A Strumenti 1/97 93 Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A. di MARIAERSILIA LISI RICATTI Da Relazione e bilancio al 31 dicembre 1995 pubblicati dalla, si riportano

Dettagli

Gli aspetti della gestione

Gli aspetti della gestione Esercitazioni svolte 2013 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 3 Gli aspetti della gestione Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca YMER - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO SPERIMENTALE Progetti MERCURIO e SIRIO

Dettagli