Business Process Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Process Management"

Transcript

1 Business Process Management I fondamenti delle organizzazioni a processi 1

2 INDICE Definizione di Processo e di Business Process Management I benefici indotti dal Business Process Management Introduzione ai processi Il passaggio dalle strutture organizzative funzionali a quelle per processi Classificazione dei processi Framework processi standard 2 2

3 DEFINIZIONE DI PROCESSO 3

4 INTRODUZIONE Quando di parla di Business Process Management le reazioni delle aziende sono queste: AZIENDA I processi non sono un mio problema, perché la mia azienda è troppo piccola non ha bisogno di queste cose moderne E POI COSTANO TROPPO!!! ORGANIZZAZIONE in ogni azienda, sono presenti processi anche non formalizzati non è un problema di dimensione aziendale ma di complessità del business di riferimento le nostre aziende non sono in grado di imporre la velocità del business. E vero il contrario quanto costano le inefficenze, gli sprechi e la non conoscenza dei fenomeni aziendali 4

5 DEFINIZIONE Il termine processo non ha un significato univoco ma dipende dall ambito di utilizzo. SISTEMI E FISICA Un processo è il complesso di trasformazioni o di trasferimenti di materia, di energia e di informazioni realizzato in un corpo fisico, mente umana/artificiale, o in un impianto. Dal punto di vista sistemico, un processo è ogni cambiamento nel sistema ovvero una trasformazione che a partire da uno o più input restituisce uno o più output INGEGNERIA INDUSTRIALE Nell ingegneria dei processi industriali sono chiamati processi di produzione industriale quei procedimenti attraverso i quali avviene la trasformazione di una materia grezza o di un pezzo da lavorare, tramite utensili o fludi, in semilavorato o prodotto finito. Il termine si può anche riferire ai processi di fabbricazione dove si utilizzano componenti e non materie prime per giungere attraverso un certo numero di operazioni prestabilite alla realizzazione del manufatto. Fonte Wikipedia 5

6 DEFINIZIONE PROCESSI AZIENDALI (o business process) è un insieme di attività interrelate, svolte all'interno dell'azienda, che creano valore trasformando delle risorse (input del processo) in un prodotto (output del processo) destinato ad un soggetto interno o esterno all'azienda (cliente). Il processo è teso al raggiungimento di un obiettivo aziendale, determinato in sede di pianificazione se questa è presente. Tanto le risorse quanto il prodotto possono essere beni, servizi o informazioni oppure una combinazione di questi elementi. La trasformazione dell'input in output può essere eseguita con l'impiego di lavoro umano, di macchine o di entrambi. Nelle aziende dotate di un sistema di gestione della qualità, in accordo alla norma ISO 9001, i processi aziendali devono essere misurabili e monitorabili nel tempo mediante l'utilizzo di indicatori di prestazione chiave. Fonte Wikipedia 6

7 DEFINIZIONE Secondo ISO i Processi sono: un insieme di attività correlate o interagenti che trasformano elementi in ingresso in elementi in uscita Nota 1 - Gli elementi in entrata in un processo provengono generalmente dagli elementi in uscita da altri processi Nota 2 - I processi di un'organizzazione sono di regola pianificati ed eseguiti in condizioni controllate al fine di aggiungere valore. 7 7

8 DEFINIZIONE Business Process Management Qual è la relazione tra il significato di Processo e il Business Process Management 8

9 DEFINIZIONE Business Process Management Business Si riferisce ad individui che interagendo fra loro, forniscono valore ai clienti e un ritorno agli investimenti effettuati. Business Process Il processo è un insieme definito di attività o comportamenti eseguiti da esseri umani o macchine per raggiungere uno o più obiettivi Il processo è composto da un insieme di compiti o attività correlate, per risolvere un problema particolare. Business Process Management Approccio disciplinato per individuare, progettare, eseguire, documentare, misurare, monitorare e controllare sia processi automatizzati che non automatizzati. Definizione di processi coerenti con gli obiettivi strategici di un'organizzazione Definizione dei processi di: miglioramento, innovazione e gestione dei rapporti end-to-end che creano valore e consentono ad un'organizzazione di raggiungere i suoi obiettivi di business con più agilità. Consente alle imprese di allineare i propri processi di business alla strategia aziendale orientando le attività del singolo all obiettivo comune. 9

10 DEFINIZIONE Business Process Management 10

11 LO SCHEMA ORGANIZZATIVO PER PROCESSI Business Process Management La gestione per processi è una modalità organizzativa che privilegia l aggregazione determinata da un obiettivo rispetto all organizzazione tradizionale basata sulle funzioni. Il valore viene generato attraverso Un sistema di aggregazione rispetto all Apporto determinato dal singolo. PROCESSO FUNZIONE1 FUNZIONE2 FUNZIONE3 FUNZIONE4 ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) AGGREGAZIONE PER OBIETTIVO ATTIVITA (C) Attivita (c) ATTIVITA (C) ATTIVITA (C) ATTIVITA (D) AGGREGAZIONE PER FUNZIONE 12

12 UN ESEMPIO DI CICLO DI VITA DI UN PROCESSO-composizione musicale 13

13 I BENEFICI DEL BPM Risparmio di denaro fare le cose meglio con processi ottimizzati Controllo dei processi divergenti Controllo dei processi paralleli Costruire nuovi processi più veloci Riduzione degli errori /reclami Riduzione dei costi di formazione Riduzione delle richieste di supporto Sapere cosa si sta facendo (giusto o sbagliato) attraverso una visione, in tempo reale Gestione controllata del Make-Buy-Partnership Coerenza con la politica della direzione Flusso di informazioni di qualità migliore Maggiore capacità previsionale Gestione dell adattamento alle regole del business 14

14 INTRODUZIONE AI PROCESSI 15

15 Azienda per processi Azienda tradizionale INTRODUZIONE AI PROCESSI i processi come modalità oganizzativa Le aziende oggi sono ad un bivio, devono decidere da quale parte del sistema organizzativo vogliono stare. caos attività Presa di coscienza del cambiamento prassi processi procedure progetti 16

16 PRESA DI COSCIENZA DEL CAMBIAMENTO Grandi cambiamenti devono iniziare al top tutti devono essere coinvolti cambiamento efficace richiede un obiettivo e la conoscenza del processo corrente. Il cambiamento è continuo Il cambiamento non sarà mantenuto senza sforzo e «periodico rinforzo» Il miglioramento è continuo 17

17 INTRODUZIONE AI PROCESSI Dalle Prassi ai Processi Tutte le organizzazioni, a prescindere dalle dimensioni o dal settore di appartenenza, operano mediante Processi. Questi possono essere informali (prassi) o formali Un Processo (organizzativo) è quel insieme di attività svolte dall organizzazione per raggiungere uno dei propri scopi. Ad esempio: Operare un paziente Preparare un passaporto Arrestare un ladro Progettare un radar Costruire una nave

18 INTRODUZIONE AI PROCESSI dai processi alle procedure Processi o procedure? Processo: il cosa di una trasformazione Cosa ottengo da cosa e con quale obiettivo? Procedura: il come di una certa attività Come realizzo una certa cosa? La procedura descrive in modo (più) preciso: Le regole da seguire per svolgere determinate operazioni Le sequenze di attività e di decisioni Gli eventi che innescano una certa attività o decisione All interno di processi possono essere identificate procedure 19

19 INTRODUZIONE AI PROCESSI dalle procedure ai Progetti Come si nota un qualunque processo è un compito descrivibile con un verbo (generico) e un nome (specifico) I Processi possono essere continuativi ovvero ripetersi nel tempo o esaurirsi in un arco di tempo limitato Nel secondo caso si chiamano, più propriamente, Progetti La rapida variazione delle situazioni al contorno sta imponendo alle aziende di ricorrere sempre meno a una gestione per Processi continuativi e sempre di più alla gestione per Progetti Nel seguito useremo solo la parola Processi 20

20 INTRODUZIONE AI PROCESSI Processi di Business I Processi svolti dalle aziende commerciali prendono ovviamente il nome di Processi di Business: insieme di attività con il compito di Creare Valore (per i Clienti) tramite un ben definito tipo di Prodotto (bene e/o servizio) Un Processo di Business è quindi identificato dal suo output: Progettare Prodotto A Gestire Manutenzione cliente B. 21

21 INTRODUZIONE AI PROCESSI Processi e creazione del valore La Creazione di Valore per i clienti è l unico motivo che giustifica l esistenza di ogni azienda e, quindi, dei suoi Processi Un cliente senza un azienda campa benissimo un azienda senza un cliente no! 22

22 INTRODUZIONE AI PROCESSI Processi e creazione del valore Sono solo Processi sempre migliori che permettono di: offrire ai clienti prodotti e servizi più rapidamente dei concorrenti rispondere immediatamente alle mutate esigenze del mercato soddisfare al meglio le specifiche richieste dei clienti diminuire i costi ridurre gli investimenti aumentare la soddisfazione dei dipendenti

23 INTRODUZIONE AI PROCESSI Processi e formalizzazione dei prodotti Oggigiorno è pensabile produrre in modo corretto un prodotto industriale senza formalizzarlo? Ovvero senza disporre del disegno, delle caratteristiche, della distinta base/ricetta, etc? È allora pensabile oggigiorno far funzionare in modo corretto un azienda senza conoscere formalmente com è fatta? Ovvero quali siano disegni, caratteristiche, distinte, etc. dei suoi Processi? 24

24 UN NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO- DALLE FUNZIONI AI PROCESSI I modelli organizzativi aziendali, nel corso degli ultimi 50 anni sono notevolmente cambiati. La progressiva evoluzione ha portato sempre più al centro l uomo e l organizzazione rispetto alle attività. L obiettivo dell analisi di processo risiede nella necessità di mappare le interazioni tra le risorse ottimizzandone il comportamento organizzativo e i costi di gestione

25 MODELLI ORGANIZZATIVI la realtà quotidiana Questa è la fotografia della tua Azienda oggi? Allora stai lavorando in modalità PUSH. I tuoi processi aziendali sono governati daoutlook ed Excel? La tua scrivania è piena di documenti da visionare, approvare e condividere con i colleghi? Hai post-it sparsi qua e là con note di cruciale importanza? Se un collaboratore è assente sei in grado di trovare le informazioni che ti occorrono? Puoi mandare avanti il processo o tutto si blocca? Ma cosa vuol dire lavorare in modalità PUSH? Le persone devono spingere il processo per farlo funzionare: mandare , verificare la ricezione, sollecitare feedback, rielaborare contenuti per richiesta approvazione, tampinare interlocutore per sbloccare la pratica tanto TEMPO, tanta FATICA e COSTI che si possono risparmiare!! Come? Con il BPM Business Process Management, che ridisegna i tuoi processi aziendali in modalità PULL, cioè garantendo in modo automatico che la giusta informazione arrivi all interlocutore più adatto, nel momento opportuno e nella modalità corretta. Con un investimento relativamente ridotto in tecnologie e risorse, è possibile raggiungere enormi risultati in termini di efficienza dei processi, produttività, controllo e agilità delle attività 26

26 MODELLI ORGANIZZATIVI struttura funzionale Si ricerca l efficienza attraverso la competenza specialistica rispetto alle risorse da trattare ed alle attività specifiche da svolgere; ha le seguenti caratteristiche: Le caratteristiche positive sono: privilegiare obiettivi di efficienza tramite competenza specialistica, riduzione dei costi di struttura; realizzazione di economie di scala; formazione specialistica dei dipendenti; centralizza il controllo; accentra la responsabilità di profitto; consente facilmente il controllo dei costi delle funzioni; consente una gestione rapida delle eccezioni operative del sistema di comunicazioni e decisionale tramite la gerarchia; consente una buona flessibilità operativa con gamma prodotti/mercati limitata; CENTRO ELABORAZIONE DATI DIREZIONE COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE CLIENTI DISTRIBUZIONE VEINDITE ITALIA VENDITE ESTERO PROGETTAZIONE DIREZIONE GENERALE DIREZIONE TECNICA TECNOLOGIE E IMPIANTI STABILIMENTO (A) REP.1 REP.2 REP.. PRODUZIONE STABILIMENTO (B) Essa presenta i seguenti svantaggi: lo sviluppo dimensionale porta ad un appesantimento del coordinamento e la tendenza alla burocratizzazione; non si favorisce l innovazione perché si tende ad evitare la diversificazione; non si sviluppano competenze manageriali integrate; non si riesce a gestire situazioni di instabilità. REP.1 REP.2 REP DIREZIONE AMMINISTRATIVA CONTABILITA PERSONALE CONTABILITA INDUSTRIALE FINANZA ACQUISTI 27 27

27 MODELLI ORGANIZZATIVI struttura per prodotto Quando cresce l esigenza di spostare l attenzione dalle funzioni ai prodotti; è corretto parlare di struttura divisionale quando alle unità si assegna una responsabilità di profitto; restano centralizzate solo la gestione delle risorse comuni a più divisioni;. Le caratteristiche positive sono: consente lo sviluppo dimensionale; consente autonomia decisionale e di comportamento, adeguate ai singoli mercati di riferimento; garantisce l attenzione del management sui singoli prodotti; consente il decentramento delle responsabilità di profitto; favorisce lo sviluppo di quadri direttivi con capacità globali. Presenta i seguenti svantaggi: al crescere delle dimensioni ogni divisione presenta gli svantaggi delle strutture funzionali; se cresce il numero di divisioni cresce il carico direttivo di coordinamento; conflitti nelle divisioni tra innovazione e stabilità; conflitti sulla distribuzione delle risorse tra le divisioni; duplicazione di risorse specialistiche; possono venire a mancare dirigenti con sufficienti capacità direzionali. DIREZIONE ABBIGLIAMENTO DIREZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE VENDITE DIREZIONE MARKETING DIREZIONE PRODUZIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE DIREZIONE PERSONALE SERVIZI LEGALI DIREZIONE GENERALE DIREZIONE TESSUTI DIREZIONE FINANZA SERVIZIO RELAZIONI SINDACALI ACQUISTI 28 28

28 MODELLI ORGANIZZATIVI - processi sono SEQUENZE DI ATTIVITA fra loro interdipendenti e finalizzati all ottenimento di un OUTPUT (di valore) Si attiva sulla base di un certo input (bene, informazione) apporta delle trasformazioni che dovrebbero aggiungere valore utilizzando risorse sia tecniche che umane Possono essere formalizzati o non formalizzati nella struttura organizzativa e coesistere con le funzioni PROCESSO FUNZIONE1 FUNZIONE2 FUNZIONE3 FUNZIONE4 ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) ATTIVITA (A) ATTIVITA (B) Attraversano i confini funzionali o giuridici delle entità organizzative (INTERFUNZIONALITA ed INTERAZIENDALITA DEI PROCESSI) AGGREGAZIONE PER OBIETTIVO ATTIVITA (C) ATTIVITA (D) Attivita (c) ATTIVITA (C) ATTIVITA (C) AGGREGAZIONE PER FUNZIONE 29 29

29 MODELLI ORGANIZZATIVI gli attori del processo Capo Funzione Capo Funzione Capo Funzione PROCESS SPONSOR PROCESSO PROCESS WORKER PROCESS OWNER 30

30 VALUTAZIONE AREA OPERATIVA LO SCHEMA ORGANIZZATIVO PER PROCESSI PROCESSI PROGETTI COMPETENZE PRESTAZIONI ATTUALI E FUTURE costi, tempi, qualità EFFICIENZA EFFICACIA RISULTATI AZIENDALI redditività, quota di mercato,.. SODDISFAZIONE DEI CLIENTI 31

31 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL PROCESSO VINCOLI Istruzioni Procedure Regole e prassi INPUT Materi Informazioni O richieste del cliente ATTIVITA ATTIVITA ATTIVITA OUTPUT Prodotto o servizio dato ad un cliente RISORSE Umane Materiali Tecniche immateriali 33 33

32 DAI PROCESSI ALLE PROCEDURE PROCEDURA INPUT ATTIVITA ATTIVITA ATTIVITA OUTPUT INSIEME DELLE ATTIVITA CHE CREANO VALORE LE PROCEDURE non sono burocrazia ma un insieme di regole che stabiliscono le modalità di svolgimento delle attività volte a favorire la conversione di certi input in output. Riguardano solitamente attività ripetitive o che si svolgono a scadenze prestabilite Per condizioni non normali ma prevedibili sono indicate le relative azioni di gestione delle eccezioni 34 34

33 DALLA FUNZIONE AL PROCESSO Classificazione delle differenze organizzative tra struttura funzionale e per processo Struttura funzionale I dipendenti sono il problema I dipendenti devono operare Fare il loro lavoro Capire quello che fanno Gestire le persone Cambiare i dipendenti C è sempre qualcuno migliore Motivare i dipendenti Gestire i dipendenti Non credere a nessuno Chi ha fatto qualcosa di sbagliato? Correggere gli errori I risultati economici a breve influenzano le decisioni Struttura per processo Il processo è il problema I collaboratori hanno bisogni sociali Fanno in modo che le cose vengano portate a termine Consapevoli del contributo del proprio lavoro al processo Gestire il processo Cambiare i processi Il processo può sempre essere migliorato Superare gli ostacoli Sviluppare le persone Cooperare per raggiungere obiettivi comuni Che cosa ha permesso che ci fosse un errore Far diminuire le variazioni Orientamento al cliente 35 35

34 PRINCIPI GUIDA DELLA GESTIONE PER PROCESSI 1. DIFFONDERE LA CULTURA DI PROCESSO 2. ATTIVARE CATENE INTERNE DI CLIENTI E FORNITORI 3. INDIVIDUARE IL PROCESS OWNER 4. BILANCIARE LE LOGICHE PULL E PUSH 5. DECENTRARE I PROCESSI DI SUPPORTO E LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 6. USO OTTIMALE DELLE ICT 7. RICOMPORRE LE ATTIVITA FRAMMENTATE 8. DELEGA DELLE DECISIONI 9. ORGANIZZAZIONE SNELLA 36

35 1. DIFFONDERE LA CULTURA DI PROCESSO EVITARE CHE I PROCESSI VENGANO OSCURATI DALL ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE STIMOLARNE LA PERCEZIONE ANALISI SISTEMATICHE E PERIODICHE INTRODURRE OBIETTIVI DI PROCESSO MISURARE QUALITA, TEMPI E COSTI ALLINEARE I SISTEMI DI INCENTIVAZIONE PROGETTARE I MIGLIORAMENTI IN UN OTTICA DI PROCESSSO Capo Funzione 37

36 2. ATTIVARE CATENE INTERNE DI CLIENTI E FORNITORI FUNZIONI A VALLE COME CLIENTI ABITUDINE ALLA FLESSIBILITA E RAPIDITA DI RISPOSTA ALLE ESIGENZE LAVORARE PER IL CLIENTE E NON PER LA FUNZIONE EVITARE CHE PROCESSI DIVERSI INTERFERISCANO, ANCHE RINUNCIANDO AD ECONOMIE DI SCALA COINVOLGERE I FORNITORI ESTERNI CON UNA LOGICA DI PARTNERSHIP 38

37 3. INDIVIDUARE IL PROCESS OWNER RUOLO IMPORTANTE NON INTRODURRE FIGURE AGGIUNTIVE CRITICITA ORGANIZZATIVA FINALITA : PRESIDIO DI PRESTAZIONI E CONTINUITA OPERATIVA RESPONSABILITA NEI CONFRONTI DEL CLIENTE MIGLIORAMENTO CONTINUO PROCESS OWNER 39

38 ESEMPI DI PROCESS OWNER PROJECT MANAGER SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI/SERVIZI INNOVAZIONI ORGANIZZATIVE GESTORE DI COMMESSA GESTIONE ORDINE CLIENTE PRODUZIONE E ASSEMBLAGGIO CASE MANAGER SERVIZIO AL CLIENTE ASSISTENZA TECNICA GESTIONE DEI RECLAMI PROCESS OWNER 40

39 4. BILANCIAMENTO PULL/PUSH LOGICA PULL (processi tirati dalla domanda): PROCESSI DI DELIVERY JUST-IN-TIME ASSEMBLAGGIO SU ORDINE PROCESSI DI SUPPORTO LOGICA PUSH (processi spinti dalle strategie): INNOVAZIONE PROCESSI PRIMARI LONTANI DAL CLIENTE 41

40 5. DECENTRARE I PROCESSI DI SUPPORTO E LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI VANTAGGI DELLA PMI: PROCESSI DI SUPPORTO SVOLTI DIRETTAMENTE DA CHI SI OCCUPA DEI PROCESSI PRIMARI RAPIDA CIRCOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI MALATTIE DI CRESCITA: ACCENTRAMENTO DEI PROCESSI DI SUPPORTO BUROCRATIZZAZIONE INACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI LE AZIONI DI BPR SI PONGONO ESPLICITAMENTE COME RIMEDI 42

41 CENTRALIZZAZIONE PROCESSI DI SUPPORTO SVOLTI CENTRALMENTE DA STAFF SPECIALIZZATI TENDENZA ALL ORGANIZZAZIONE SECONDO LOGICHE INTERNE E NON DI SERVIZIO PRODUZIONE DI OUTPUT NON RICHIESTI PEGGIORAMENTO DI QUALITA, TEMPI E COSTI BUROCRATIZZAZIONE PROCEDURE STANDARDIZZATE RAZIONALIZZAZIONE ECONOMIE DI SCALA TRASPARENZA SPINTA ALLA CENTRALIZZAZIONE REGOLE CREANO NECESSITA DI NUOVE REGOLE DERESPONSABILIZZAZIONE DEGLI STAFF RISPETTO AGLI OBIETTIVI REALI INACCESSIBILITA DELL INFORMAZIONE AUMENTA COSTI DI COORDINAMENTO E PROBLEM SOLVING INFORMAZIONE COME STATUS INFORMAZIONE COME POTERE DI LIMITARE AZIONI ALTRUI DIFESE ORIZZONTALI E VERTICALI NASCONDE DEBOLEZZE DI FONDO: SCARSE COMPETENZE,INCAPACITA DI LEADERSHIP DIPENDENTE DA:COMPORTAMENTI - CULTURA AZIENDALE 43

42 RIMEDI GESTIRE L INFORMAZIONE NEI PROCESSI PRIMARI SCORPORARE LE ATTIVITA PIU CRITICHE DAI PROCESSI DI SUPPORTO SVOLTI DAGLI ENTI DI STAFF INCENTIVAZIONE DELLA LOGICA DI SERVIZIO OUTSOURCING DEI PROCESSI DI SUPPORTO 44

43 6. IL CONTRIBUTO DELLE ICT SISTEMI WORKFLOW SISTEMI ERP CONTESTI AD ALTA INTENSITA INFORMATIVA SUPPORTO AL LAVORO DI GRUPPO FLESSIBILITA, APERTURA, INTERCONNETTIVITA DIFFICOLTA E RISCHI: TEMPI E COSTI DI ADATTAMENTO MANUTENZIONE ONEROSA LOGICHE GESTIONALI ED ORGANIZZATIVE STANDARDIZZATE 45

44 7. RICOMPOSIZIONE DELLE ATTIVITA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI RIDUZIONE DELLA SPECIALIZZAZIONE ORIZZONTALE E VERTICALE DUE DIMENSIONI: ORIZZONTALE (JOB ENLARGEMENT): ALLARGAMENTO DELLE MANSIONI E FIGURE POLIVALENTI VERTICALE (JOB ENRICHMENT): RICOMPOSIZIONE DI ATTIVITA ESECUTIVE E DECISIONALI BENEFICI: RIDUZIONE TEMPI FLESSIBILITA MOTIVAZIONE E PROFESSIONALITA 46

45 IL LAVORO DI SQUADRA RIDUCE LA NECESSITA DI INTEGRAZIONE DEI PROCESSI EVITA PROCEDURE STANDARDIZZATE DI COORDINAMENTO MIGLIORE QUALITA DEL LAVORO TEAM PERMANENTI: MIGLIORAMENTO CONTINUO DI PROCESSI STABILI E RIPETITIVI (PRODUZIONE E LOGISTICA) TEAM TEMPORANEI: INNOVAZIONE E SVILUPPO PRODOTTI CRITICITA ORGANIZZATIVE 47

46 BASSO 8. DELEGA DECISIONALE LA GESTIONE PER PROCESSI RICHIEDE UN AMPLIAMENTO DELLE DELEGHE EMPOWERMENT RIDUZIONE DEI LIVELLI DI MANAGEMENT VELOCITA DEI PROCESSI DECISIONALI FLESSIBILITA INDISPENSABILE NELLA LOGICA PULL DELEGA AL MIGLIORE ESECUZIONE DIRETTA EVITARE O RINVIARE DELEGA (APPRENDIMENTO) BASSO ALTO LIVELLO DI IMPORTANZA 48

47 9. ORGANIZZAZIONE SNELLA APPIATTIMENTO DELLA STRUTTURA DA AMPIEZZA DEL CONTROLLO (5-10 PERSONE) AD AMPIEZZA DEL SUPPORTO (20 PERSONE) RIDUZIONE DEL NUMERO DI MANAGER RIDUZIONE DEGLI ENTI DI STAFF COMUNICAZIONE E COORDINAMENTO ORIZZONTALE AVVICINAMENTO DEL VERTICE AI PROCESSI DEFINIRE ACCURATAMENTE IL LIMITE FOCUS SULLE RISORSE UMANE ORGANIZZAZIONE A PIRAMIDE ORGANIZZAZIONE PIATTA 49

48 LE REGOLE DEL CAMBIAMENTO 1. Ogni processo è una unità organizzativa autonoma e coordinata con il resto dell azienda caratterizzata da: clienti, fornitori, risorse da consumare e creazione di valore 2. i processi sono trasversali all organizzazione. Nelle organizzazioni funzionali (orizzontale) si agisce per gerarchia riportando verticalmente al proprio capi. Nell organizzazioni per processi (orizzontale) si riporta direttamente al responsabile del processo (Process Owner) di cui si fa parte. 3. il proprietario di processo è responsabile di tutto il processo e non di una singola attività ha, dunque, una visione di insieme che gli permette di ottimizzarlo. 4. i compiti delle persone che collaborano all interno di un processo sono noti a tutti i colleghi, c è una condivisione degli impegni e delle conoscenze in senso collaborativo. 5. l organizzazione per processi fa in modo che ogni struttura sia in grado di autocontrollarsi senza appoggiarsi a supervisori collegati ai livelli gerarchici funzionali 6. si lavora per rispettare obiettivi ben definiti e ben chiari a tutti 7. la comunicazione avviene dal vertice verso la base ma anche dalla base verso il vertice 8. SI focalizza la performance dell intera organizzazione 9. i risultati raggiunti sono documentati e vengono periodicamente monitorati, confrontandoli con obiettivi di miglioramento sempre in evoluzione 10. le attività devono essere pianificate e progettate orientando tutti all obiettivo comune indipendentemente dalle singole visioni. 11. le informazioni devono circolare velocemente creando un ritorno informativo capace di generare vantaggio. 12. si privilegia il team sul singolo ottimizzando i comportamenti ed eliminando le ridondanze. 13. i manager non sono Comandanti ma Allenatori. L obiettivo è il miglioramento costantemente delle performance della propria squadra. 14. si cerca di minimizzare gli errori cercando, parallelamente, di diminuire la varianza dei processi. 50

49 COSA SERVE PER CAMBIARE 1. Definizione chiara e misurabile della mission e degli obiettivi generali dell azienda. 2. Forte sponsorizzazione del modello organizzativo da parte dell Alta Direzione verificando la disponibilità ad investire le risorse economiche e tecniche necessarie al cambiamento. 3. Disponibilità del personale al cambiamento che comporta un nuovo modello organizzativo favorendo la responsabilità e l imprenditività di ognuno. 4. Favorire la cultura del lavoro di squadra. Affinchè sia efficace devono sussistere le seguenti condizioni: Presenza di un primus inter pares come elemento di democrazie e responsabilità in un ambito di reciproco rispetto, le figure coinvolte devono avere la preparazione necessaria allo svolgimento di quanto assegnato, devono essere disposti positivamente al cambiamento. 51

50 CLASSIFICAZIONE DEI PROCESSI 52

51 CLASSIFICAZIONE GENERALE 53

52 CLASSIFICAZIONE PER OBIETTIVO Processi strategici Un azienda può scegliere di rapportarsi con il cliente solo in tre modi: Innovazione di prodotto (soddisfarne dei bisogni che gli altri non possono soddisfare) rapporto di lungo termine. Intimità (conoscerne in dettaglio le esigenze per servirlo al meglio) rapporto di medio termine. Eccellenza operativa (eccellere in tutte le dimensioni: costi, tempi,...) rapporto di breve termine. Processi critici o competitivi processi con cui l organizzazione compete sul mercato e con i quali mira a superare la concorrenza (es. fidelizzazione del cliente, elaborazione strategie, individuazione delle esigenze del cliente) Alcuni (pochi) Processi fanno si che il Cliente scelga un azienda piuttosto che un altra. Questi Processi che differenziano l offerta di Valore (al cliente) sono ovviamente critici. Tali Processi devono essere scelti a priori (in fase strategica), messi in atto, seguiti e curati in modo particolare 54

53 CLASSIFICAZIONE PER OBIETTIVO Processi di innovazione e trasformazione processi che forniscono le capacità richieste per il futuro (es. Innovazione prodotti/servizi, investimenti strategici) Processi operativi processi che realizzano i prodotti/servizi dell organizzazione (es. gestione marketing e vendite, produzione/erogazione servizi, gestione della logistica) Processi di supporto processi che aggiungono efficienza ed efficacia ai processi operativi (es. gestione risorse umane, gestione finanza e amministrazione, gestione servizi IT)43 55

54 CLASSIFICAZIONE PER IMPORTANZA Processi primari o operativi Il compito dei Processi Operativi è: Creare Valore (per i clienti) Processi secondari o di controllo I Processi operativi sono però soggetti a disturbi È necessario allora tenerli sotto controllo ovvero fare in modo che, malgrado i disturbi, svolgano con continuità ed in modo corretto il loro compito. 56

55 CLASSIFICAZIONE PROCESSI -operativi I Processi operativi sono quindi i veri e propri Processi di business Sono svolti per soddisfare i clienti (customer satisfaction) ma devono anche, in un trade off continuo, rapportarsi con gli altri stakeholders (creando valore anche per loro = stakeholders satisfaction = efficacia) consumando poche risorse (efficienza) Gli Stakeholders sono i portatori di interesse nei confronti dell azienda e, quindi, dei suoi processi In ordine di importanza sono: Clienti (sono gli unici che pagano) Personale (in azienda svolgono il ruolo centrale) Proprietari (Shareholders) Pubblica Amministrazione Fornitori

56 CLASSIFICAZIONE PROCESSI -controllo La domanda è: i processi di controllo creano Valore? Ovviamente, per definizione, no! E, quindi, come fare? È ovvio: ridurli al minimo (magari eliminarli) senza pregiudicare il Valore per i clienti! Ovvero progettare dei Processi Operativi che abbiano scarsa necessità di essere controllati (robust design) Questo aspetto è realizzabile, fra l altro : delegando il controllo alle persone che operano nell ambito dei Processi (Empowerment) facendole opportunamente crescere e creando un clima aziendale favorevole attivando un adeguato sistema informativo che in tempo reale faccia il punto della situazione ed eventualmente intervenga tramite attività di workflow 58 58

57 FRAMEWORK PROCESSI STANDARD Non esiste, un INSIEME DI PROCESSI Standard, accettato a livello internazionali. Ogni ente di normalizzazione, propone il suo. Molti nell ambito dei Sistemi Qualità, basandosi sulla catena del valore di Porter, distinguono tre processi principali: Operativi (progettazione, produzione, ) Di supporto (gestione tecnologie, gestione marketing, ) Direzionali (controllo, analisi economico-finanziarie, analisi competitive, ) 59 59

58 PROCESSI STANDARD catena del valore di Porter Logistica in entrata Attività operative Logistica in uscita Marketing e vendite Servizi Approvvigionamenti Sviluppo delle Tecnologie Gestione delle Risorse Attività infrastrutturali 60 60

59 PROCESSI STANDARD catena del valore di Porter La catena del Valore di Porter prende in esame solo i processi interni alle aziende È ovvia la necessità, per quanto detto sull unitarietà dei Processi, di prendere in esame anche i processi esterni che si svolgono fra più aziende in quanto il risultato, in ottica della Customer Satisfaction, dipende non solo dai singoli ma anche dal sistema Uno dei più noti framework dove sono indicati i principali processi interni, secondo lo schema di Porter, è APQC(American Productivity & Quality Center), sviluppato da APQC s International Benchmarking Clearinghouse 61 61

60 PROCESSI STANDARD mappatura APCQ Per noi i Processi (operativi) interni sono sei suddivisi in due macro Processi: 1. Progettazione e sviluppo delle relazioni con i clienti (si faccia riferimento ad APQC) Progetto/sviluppo strategia Progetto/sviluppo prodotti Progetto/sviluppo delle altre relazioni Progetto/sviluppo del sistema di produzione/fornitura 2. Gestione delle relazioni con i clienti Gestione delle informazioni dall ordine alla consegna Gestione della produzione Gestione del pre / post vendita e delle altre relazioni Se il Processo è realizzato da più aziende diverse, per riuscire a coordinarne il comportamento in relazione al Flusso del Valore, è necessaria una elevata trasparenza e una gestione pull dell intero processo Questi aspetti, oggi giorno centrali, sono conosciuti come SCM (Supply Chain Management) 62 62

61 PROCESSI STANDARD mappatura APCQ 1. Comprensione dei mercati e dei consumatori 2. Sviluppo vision e strategia 3. Sviluppo prodotti e servizi 8. Gestione informazioni 9. Sviluppo/gestione risorse umane 10. Gestione risorse fisiche e finanziarie 4. Marketing e vendite 5. Produzione e consegna (imprese manifatturiere) 6. Produzione e consegna (servizi) 7. Fatturazione e servizi al cliente 11. Realizzazione di programmi per la tutela ambientale 12. Gestione relazioni esterne 13. Gestione miglioramento e cambiamento 63

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI Cos è un processo aziendale Processo come trasformazione (dal verbo procedere ) Processo aziendale: insieme di attività interdipendenti finalizzate a un obiettivo

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità.

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità. Esempio 3: approfondimento gestione per processi Nell ambito di un organizzazione, l adozione di un sistema di processi, unitamente alla loro identificazione, interazione e gestione, è chiamata approccio

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

Gestione per processi: utilità e sfide. Ettore Bolisani DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Università di Padova

Gestione per processi: utilità e sfide. Ettore Bolisani DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Università di Padova Gestione per processi: utilità e sfide Ettore Bolisani DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Università di Padova 1 Ingegneria industriale Ingegneria gestionale Didattica: KNOWLEDGE

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

INTRODUZIONE AI PROCESSI AZIENDALI

INTRODUZIONE AI PROCESSI AZIENDALI INTRODUZIONE AI PROCESSI AZIENDALI di Silvia Davoli Introduzione Gli studi della letteratura economico-aziendale di questi ultimi anni si sono rivolti in particolare alla visione dell impresa per processi.

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Nicola NANTE Giuseppe SPATARO CONFIGURAZIONE ORGANIZZATIVA ORGANIZZAZIONE PARAMETRI DELL ORGANIZZAZIONE FATTORI DI CONTINGENZA PROGETTAZIONE DELLA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t Governance delle istituzioni no profit gestione interna e adempimenti amministrativi gestionali codice etico Art. 1 Il presente Codice disciplina i rapporti tra la Regione Piemonte e le Istituzioni no

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 2 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

SAFETY & QUALITY FORUM 2010. Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 10-137 FQ001 Rev.0

SAFETY & QUALITY FORUM 2010. Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 10-137 FQ001 Rev.0 SAFETY & QUALITY FORUM 2010 1 Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 2 Le Tappe: 1987-1994 2000-2008 Le Tappe: 1987-1994 2000-2008 OGGETTO 1987 Sistema Qualità FORNITORE/ ORGANIZZAZIONE

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010 Federico Di Palma Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia Tel: 0382-985796 - Fax:0382-985373 email:federico.dipalma@unipv.it

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile ovvero come qualche strumento tecnico può aiutare la gestione, ma solo se restiamo umani Traccia del contributo progetto e lavoro per progetti progetto e servizio

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Governo dei contratti ICT

Governo dei contratti ICT Governo dei contratti ICT Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere per governare, misurare per gestire Roma, aprile

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Gestione delle relazioni con il Cliente

Gestione delle relazioni con il Cliente Customer Relationship Management Cos è il Customer Relationship Management? Proviamo a tradurlo in italiano, sarà più facile da capire Gestione lle relazioni con il Cliente Ma perché è diventato così importante

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto Tecniche Di Project Management Le Architetture Organizzative di progetto 1 La struttura organizzativa E la configurazione degli organi aziendali e degli insiemi di compiti e di responsabilità loro assegnati

Dettagli

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ 1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ Il controllo di gestione: tecniche e finalità 1. Premessa 1.1. 1.1. PREMESSA I sistemi di programmazione e controllo iniziarono a svilupparsi nel diciannovesimo

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Nell attuale economia globalizzata e altamente competitiva l impresa customer oriented è chiamata a fornire prodotti/servizi atti a soddisfare

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Si sente spesso parlare di Performance per identificare

Si sente spesso parlare di Performance per identificare Il Performance Management a supporto del miglioramento organizzativo di Roberto Bugatti e Marco Tottoli 1 Si sente spesso parlare di Performance per identificare concetti simili ma di fatto diversi tra

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali 1) Illustrare le variabili che descrivono i caratteri dell ambiente in cui operano le imprese industriali 2) Con riferimento alla

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Il Knowledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione. Mariano Corso Knowledge Box 2005, 23 Novembre 2005

Il Knowledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione. Mariano Corso Knowledge Box 2005, 23 Novembre 2005 Il Knowledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione Mariano Corso Knowledge Box 2005, 23 Novembre 2005 Agenda Le attività della School of Management sul management dell ICT Il

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO

CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO Consulenza direzionale Formazione Temporary Management Efficienza Organizzativa Due Diligence Equity Value Reporting e mappatura dei processi aziendali Cost Accountig Project Management Supply Chain Management

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli