REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI"

Transcript

1 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. Art.2. Le componenti della comunità scolastica cooperano con assunzione di responsabilità individuale e collettiva, con atteggiamenti improntati alla correttezza, alla trasparenza, all'efficacia e all'efficienza finalizzati alla realizzazione del POF e al miglioramento del servizio. Art.3. Studenti e docenti stipulano un vero e proprio contratto formativo. Viene rifiutata ogni violenza psicologica e fisica, pensieri e giudizi sono liberi, le opinioni sono rispettose e pluraliste, aggiornamento e qualificazione sono incoraggiati per docenti e personale ATA. Art.4. Il presente Regolamento recepisce altresì lo strumento formale che impone ai genitori e agli studenti (contestualmente all iscrizione) la sottoscrizione di un patto di corresponsabilità, che richiama sia le responsabilità educative delle famiglie sia il dovere dello studente di impegnarsi nella costruzione del proprio percorso di istruzione e formazione. CAPO II : VIGILANZA SUGLI ALUNNI Art.5. La vigilanza sugli studenti spetta ai docenti e al personale ATA nel rispetto dei propri compiti. Durante l'intervallo è necessaria una attenta presenza del personale ausiliario e turni di vigilanza per i docenti. Art.6. Lo studente non può lasciare l'edificio scolastico senza l'autorizzazione della Presidenza. Art.7. Il controllo sugli alunni da parte di tutto il personale della scuola deve consistere prevalentemente nel vigilare sul loro comportamento, esercitando con autorità una costante azione educativa. Art.8. In caso di assenza prolungata la famiglia viene avvertita. CAPO III : COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI E ATTIVITA' SCOLASTICA Art.9. Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti di tutto il personale della scuola, dei docenti, del personale ATA e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi. L ambiente scolastico, le strutture, i sussidi didattici vanno utilizzati correttamente, in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola e consentire di mantenere l Istituto più accogliente. Art.10. Gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente i corsi ed a partecipare a tutte le attività organizzate dalla scuola. Art.11. Durante l orario di apertura della scuola è consentito, compatibilmente con la disponibilità di spazi e di personale, a tutte le componenti scolastiche di utilizzare gli spazi per attività di formazione.

2 Art.12. Sono favoriti lo sviluppo ed il consolidamento del Comitato Studentesco e dei Genitori, così come è favorita la costituzione di altri gruppi od associazioni, riferiti alle finalità proprie dell istituto. La convocazione degli organi collegiali (dai Consigli di Classe al Consiglio d'istituto) è tesa a favorire la partecipazione, la discussione e la documentazione. Art.13. I Consigli di Classe si articolano in sessione chiusa (per soli docenti) e aperta (a tutti i genitori e gli studenti o ai soli rappresentanti). I rappresentanti dei genitori e degli studenti hanno un rapporto privilegiato con il Coordinatore e il Tutor di Classe. CAPO IV: REGOLAMENTAZIONE RITARDI, USCITE, ASSENZE, GIUSTIFICAZIONI Art.14. L'ingresso degli alunni, dei corsi diurni, in Istituto può avvenire a partire dalle ore 7,45. Per gli alunni che abitano fuori Milano o per gravi motivi di trasporto, documentati, può essere consentito l ingresso posticipato rispetto all orario di inizio delle lezioni o l uscita anticipata. Gli studenti interessati dovranno presentare domanda scritta, firmata dal genitore se minorenni, corredata dalla necessaria documentazione all inizio dell anno scolastico. Per i corsi diurni: le lezioni iniziano alle ore 8,00 e terminano alle ore 14,00 dal lunedì al venerdì, ad eccezione dei rientri che terminano alle ore 16,00. Per i corsi serali: le lezioni iniziano alle 18,10 e terminano alle 22,40. Il Sabato la scuola è chiusa. L ammissione in classe alla seconda ora viene effettuata dall insegnante presente in aula all ora di ingresso che segnalerà sul registro di classe l ammissione e l eventuale giustificazione. L uscita anticipata dell ultima ora di lezione verrà autorizzata dall insegnante. Il ritardo deve essere giustificato sul libretto non oltre il giorno successivo. Art.15. Durante la lezione gli alunni possono allontanarsi dall'aula uno alla volta, per giustificati motivi, col consenso dell'insegnante. In caso di malessere, gli studenti devono avvertire il docente dell ora presente in aula con il suo permesso possono recarsi presso il centralino,il quale avvertirà la famiglia. Lo studente uscirà dalla scuola accompagnato dal genitore/tutore. In nessun caso lo studente deve contattare autonomamente la famiglia. Art.16. Non sono ammesse entrate oltre le ore 8.55 e uscite prima dell ultima ora, salvo casi eccezionali documentati da opportuna certificazione o giustificati dalla presenza dei genitori. Saranno tollerati fino a 5 ritardi nel primo periodo (trimestre) e fino a 6 nel secondo (pentamestre). Un numero di ritardi eccessivo, senza adeguate motivazioni, farà scattare i provvedimenti disciplinari previsti.

3 I ritardi debitamente giustificati (visite mediche, impegni sportivi, cause di forza maggiore, mezzi di trasporto, ecc ) non saranno conteggiati. Art.17. Le assenze vanno giustificate il primo giorno di rientro a scuola con la presentazione del libretto delle giustificazioni all insegnante della prima ora. La mancata giustificazione entro il secondo giorno della riammissione in classe determina una sanzione disciplinare. Ritardi ed assenze concorreranno alla valutazione del comportamento. Art. 18. Gli alunni del diurno devono avere sempre con sé il libretto personale per le comunicazioni alle famiglie e le giustificazioni delle assenze. Art.19. Il Coordinatore di Classe controlla periodicamente le assenze e i ritardi e assume i provvedimenti opportuni. Art.20. I controlli e gli avvisi alla famiglia valgono anche per gli studenti maggiorenni, con formale autorizzazione degli stessi; va rispettata un'evidente specificità per gli studenti del corso serale. Art.21. L'esonero per l'attività di Educazione fisica può essere permanente o temporaneo, ma non esonera lo studente dalla presenza in palestra. CAPO V : USO DEGLI SPAZI Art.22. I membri della comunità scolastica hanno diritto alla massima accessibilità ai locali e alle attrezzature scolastiche in un'ottica di programmazione e non di casualità. Art.23.Tutti coloro che utilizzano la struttura scolastica sono impegnati alla conservazione e al buon utilizzo della struttura medesima e delle relative dotazioni. Art.24. In tutti i locali scolastici viene affisso il piano di evacuazione che viene periodicamente sperimentato. Art.25. Sono autorizzati materiali di informazione, propaganda e pubblicità purché firmati, rispettosi della Costituzione e presentati alla Presidenza per la controfirma. Art.26. Il cortile interno dell'istituto potrà essere utilizzato dagli studenti come parcheggio biciclette, ciclomotori e motocicli. Il parcheggio delle automobili è riservato alle persone autorizzate. CAPO VI : LABORATORI E OFFICINE Art.27. Per l accesso e l utilizzo dei laboratori si fa riferimento ai regolamenti specifici. Art.28. Anche studenti e genitori possono fare proposte d acquisto possono pervenire purché consegnate all ufficio tecnico. CAPO VII : PALESTRA E ATTIVITA' SPORTIVE Fino a quando non sarà disponibile una Palestra d Istituto gli allievi si dovranno adeguare alle regole previste dalle strutture usate. CAPO VIII : BIBLIOTECA D'ISTITUTO E SUSSIDI DIDATTICI

4 L attività di Biblioteca è sospesa fino alla consegna della nuova sede CAPO IX : UFFICI - BAR Art.29. La sala stampa, riservata al personale, ha un addetto con orario prestabilito, sia per il diurno che per il serale. Gli alunni hanno a disposizione una fotocopiatrice. Art.30. La gestione delle diverse manutenzioni è competenza dell'ufficio tecnico. Art.31. Il bar costituisce un servizio essenziale dotato di apposito regolamento. I prezzi vengono opportunamente esposti. Le condizioni igieniche e ambientali vanno preservate. È prevista una Commissione Bar del Consiglio di Istituto. CAPO X : COMUNICAZIONE DOCENTI - STUDENTI - GENITORI Art.32. I genitori hanno il diritto-dovere di avere informazioni personali (anche tramite Registro elettronico) sul comportamento e sul profitto del figlio direttamente dagli insegnanti e in particolare dal Coordinatore e dal Tutor di Classe. Ai genitori rappresentanti di classe verranno consegnati, previa autorizzazione, i numeri telefonici e gli indirizzi della classe. Art.33. Nel corso dell anno scolastico i docenti del diurno riceveranno le famiglie due pomeriggi secondo il piano delle attività deliberato dal Collegio docenti. Art.34. I genitori hanno diritto di accedere a tutti i documenti attinenti l'attività didattica e possono averne copia in base alla legge sulla trasparenza. CAPO XI : PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Art.35. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educative e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica. Essi sono riassunti nella tabella che costituisce parte integrante del presente regolamento. Tutti i provvedimenti disciplinari devono essere solo registrati sul registro di classe dall insegnante, mentre su un modulo a parte indirizzato al coordinatore e alla famiglia si dettaglia il tipo di infrazione commesso dallo studente e la sanzione richiesta. Art.36. Lo studente potrà esporre le sue ragioni prima del provvedimento disciplinare verbalmente o per iscritto. Art.37. La famiglia viene avvertita del comportamento a rischio e verrà convocata in caso di sospensione, anche nel caso di studenti maggiorenni purché abbiano dato il consenso all informazione. Art.38. Le sanzioni sono generalmente temporanee e ispirate al principio della riparazione del danno, per quanto possibile, dunque le sanzioni, su richiesta della famiglia, possono essere convertibili in attività a favore della comunità scolastica. Art.39. Contro le sanzioni è ammesso ricorso, entro 15 giorni, ad un organo di garanzia appositamente costituito annualmente.

5 Art.40. Chiunque danneggi, asporti o distrugga volontariamente le attrezzature scolastiche è tenuto al risarcimento materiale del danno, fermo restando le eventuali responsabilità disciplinari. Nel caso di danni o vandalismi attribuibili ad una classe si cercheranno i responsabili. Se questi non verranno identificati il risarcimento del danno verrà richiesto alla classe distribuendo la spesa tra gli studenti presenti. Analoga procedura vale per danni non imputabili ad una singola classe ma a più classi. Art.41. E vietato fumare all interno dell edificio scolastico, anche con le sigarette elettroniche. CAPO XII : RECLAMI Art.42. I reclami devono essere presentati al Dirigente Scolastico utilizzando l apposito modulo (Scheda qualità n 39) e devono contenere generalità e reperibilità del proponente. Il Dirigente Scolastico, dopo opportuna indagine, risponde per scritto non oltre 15 giorni, attivandosi perché le cause vengano rimosse. Annualmente il Dirigente Scolastico relaziona al Consiglio d'istituto su tipologia e risposte ai reclami. Per quanto non previsto nel presente regolamento si rimanda alla circolare n 105 del 16 aprile Letto e approvato nel C.d.I. Milano,_23/10/2012

6 ALLEGATO AL REGOLAMENTO Provvedimenti disciplinari tabella allegata al Regolamento d Istituto aggiornato in data 23 ottobre 2012 ADDEBITI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI ORGANO COMPETENTE 1. Entrate alla 2 ora immotivate Dopo avere superato il numero massimo di ritardi (5 nel primo periodo e 6 nel secondo) non si potrà più entrare fuori orario Coordinatore di classe 2. Uscite non consentite nel cambio dell ora Rientro in classe in ritardo dopo gli intervalli a) Ammonizione annotata sul Registro di classe b) Alla 3 ammonizione: 2 gg. di sospensione. a) Docente b) 3. Uso inappropriato di Internet a) Ammonizione scritta b) Alla 2 ammonizione: 2 gg. di sospensione a)docente b) 4. Danni patrimoniali alle strutture, agli strumenti e ai sussidi didattici, dovuti a comportamenti negligenti Sospensione da 3 a 5 gg. e risarcimento del danno 5. Inosservanze delle disposizioni organizzative, dettate dal regolamento scolastico e delle attività didattiche, anche all esterno a) Ammonizione annotata sul Registro di classe e Comunicazione scritta alla famiglia b) Dopo 3 ammonizioni: 2 gg. di sospensione a) Docente b) 6. Intemperanze verbali e fisiche; comportamenti irriguardosi e lesivi della dignità e personalità dei componenti della comunità scolastica Sospensione da 5 a 10 gg. 7. Nel caso che i comportamenti costituiscano pericolo per l incolumità dei componenti della comunità scolastica Sospensione dalle lezioni da un minimo di 15 gg. fino all'eventuale anno scolastico Consiglio d Istituto

7 8. Comportamenti tesi a limitare la libertà di espressione o l accesso ai locali scolastici Allontanamento dall Istituto e 5 in condotta Consiglio d Istituto 9. Uso del cellulare non autorizzato Sospensione di 1 gg. 10.Divieto di fumare Sospensione di 5 giorni Segnalazione alla ASL per le relative sanzioni N.B. Per le sanzioni di cui ai numeri 1, 2, 3, 4 il si riserva, dopo opportuna valutazione,di offrire allo studente la possibilità di convertire le sanzioni comminate in attività a favore della comunità scolastica e predisposte dal Consiglio stesso. Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso, da parte degli studenti e delle famiglie, entro 15 gg. dalla comunicazione della loro irrogazione, all Organo di Garanzia interno e/o USR.

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11 20151 MILANO C.F. 80122590151 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Il presente regolamento di Disciplina è stato

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda

Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda REGOLAMENTO DI ISTITUTO INDICE ART. 1 FINALITA ART. 2 TEMPI 1. Orario di ingresso 2. Ritardi 3. Uscite anticipate 4. Uscite temporanee dall aula 5. Variazioni orario giornaliero 6. Assenze alunni ART.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO A. DE CAROLIS ACQUAVIVA PICENA e MONSAMPOLO DEL TRONTO TEL 0735/764431 FAX 0735/769252 www.iscdecarolis.gov.it e-mail: apic80800a@istruzione.it posta certificata: apic80800a@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO

REGOLAMENTO D'ISTITUTO SCUOLA MEDIA STATALE CARLO PORTA AD ORIENTAMENTO MUSICALE Via Moisè Loria, 37 20144 MILANO - Tel. / fax 02 4224553 Cod. mecc. MIMM06900E - Codice fiscale 80171490156 e-mail: smcporta@tin.it - http://www.scuolacarloporta.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Delibera del 29 novembre 2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Allegato al regolamento di Istituto INTERVENTI EDUCATIVI e SANZIONI Art.1 - Premesse Compito preminente della scuola è educare e formare,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione. Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.it Circolare n. 83 Bologna, 09.11.2015 - A tutti gli Studenti e i

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA II presente Regolamento intende individuare ai sensi del

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Galileo Ferraris REGOLAMENTO INTERNO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO Parte I - Alunni ART. 1 FINALITA Il fine della scuola è quello di favorire la formazione e lo sviluppo delle attitudini dei giovani

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 -

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia Appendice F Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia PREMESSA L istituzione scolastica risulta luogo di crescita civile, culturale e di valorizzazione della persona quando vengono coinvolti

Dettagli

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GONNESA Via Dettori, 10-09010 Gonnesa -CI Tel. e Fax 0781/45018 Codice Fiscale 90016590920- cod. meccanografico CAIC81400E e-mail caic81400e@istruzione.it CAIC81400E@Pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

ai docenti al personale ATA

ai docenti al personale ATA Carate Brianza, 11 settembre 2015 Circolare interna n. 16 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2015-2016 1. FORME DI COMUNICAZIONE Tutte

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO CLASSICO B. MARZOLLA - BRINDISI Sede Centrale: Via Nardelli, 2 - Tel./Fax 0831516102 - C.F. 80006060745 - e-mail: liceocla@liceoclassicomarzolla.it LICEO

Dettagli

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.)

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Premessa Il rispetto di norme, regole e principi garantisce la civile convivenza e contribuisce a valorizzare, attraverso il dialogo ed il

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO del Liceo Classico e Classico Europeo Marco Foscarini in Venezia

REGOLAMENTO D ISTITUTO del Liceo Classico e Classico Europeo Marco Foscarini in Venezia CONVITTO NAZIONALE MARCO FOSCARINI SCUOLE ANNESSE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1 gr. ISTRUZIONE 2 gr. CLASSICO ED EUROPEO CANNAREGIO FOND.TA S. CATERINA 4941 4942 30131 VENEZIA tel. 0415221970 fax.0415239698

Dettagli

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato;

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato; REGOLAMENTO D ISTITUTO (in fase di revisione) Il presente regolamento è stato deliberato dal Consiglio di Istituto ed è vincolante per tutte le componenti scolastiche; contiene le regole perché il complesso

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ALLEGATO N 7 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 VIA APPIANI, 15 21100 VARESE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Scuola Secondaria di Primo Grado S. Pellico Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n 249 del

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV)

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) REGOLAMENTO di DISCIPLINA (Approvato dal consiglio d Istituto del 12/7/2012) anno scolastico 2011-2012 via Stadio, 2/a tel. 0422

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO La Commissione per la stesura del Regolamento di disciplina e del Regolamento d'istituto, votata dal Collegio dei Docenti del 10.12.2002 e composta

Dettagli

Centro Territoriale Permanente per l Educazione Degli Adulti c/o Istituto Comprensivo Statale Pietro Vanni Viterbo

Centro Territoriale Permanente per l Educazione Degli Adulti c/o Istituto Comprensivo Statale Pietro Vanni Viterbo M.I.U.R. - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Centro Territoriale Permanente per l Educazione Degli Adulti c/o Istituto Comprensivo Statale Pietro Vanni Viterbo MODULO A DOMANDA DI ISCRIZIONE AI

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834 Estratto del Regolamento d Istituto TITOLO VI ALUNNI PREMESSA Lo Statuto degli Studenti, entrato in vigore col DPR 24/06/1998 n.249, introduce importanti garanzie riguardanti la vita all'interno della

Dettagli

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) 1 LE NORME Per una civile convivenza, ogni società (quindi anche quella scolastica) deve avere delle regole. Esistono

Dettagli

CONVITTO PER SORDI DI ROMA

CONVITTO PER SORDI DI ROMA CONVITTO PER SORDI DI ROMA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 00166 ROMA - Vico lo del Casale Lumbroso, 129 06/66180021 fax 06/66180297 RMVC060009@istruzione.it

Dettagli

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011 Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente Anno Formativo 2010-2011 La famiglia deve comunicare al C.F.P. il suo indirizzo e il suo numero telefonico, e un

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 9 Via di Sotto 56-65125 PESCARA - Tel. 085-413255 e-mail : peic 83700v@istruzione.it REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli

Dettagli

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta:

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta: Il voto di condotta, espresso in sede di scrutinio intermedio e finale, si riferisce all insieme dei comportamenti tenuti dall allievo nel periodo di permanenza nella sede scolastica e durante le attività

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono.

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono. Carate Brianza, 13 settembre 2013 Comunicazione interna n. 15 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2013-2014 1. COLLOQUI DOCENTI GENITORI

Dettagli

Doveri e Diritti 1. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l ambiente scolastico e averne cura come

Doveri e Diritti 1. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l ambiente scolastico e averne cura come REGOLAMENTO DI ISTITUTO Delibera del C.I. del 18/04/2013 Rev. 1 del 25/11/2013 PREMESSA La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1) appendice B P.O.F. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Leonardo da Vinci Con Sezioni associate : Liceo Scientifico e Classico Via Leonardo da Vinci - 08045 Lanusei (OG) 0782/42624 42156 Fax 0782/480198 - Cod.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Palermo, 12 ottobre 2006 I. PRINCIPI ISPIRATORI Il Regolamento scolastico ha come orizzonte globale il Progetto Educativo Pastorale Salesiano (PEPS),

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

VADEMECUM PER GLI STUDENTI E LE FAMIGLIE ANNO SCOLASTICO 2011-2012

VADEMECUM PER GLI STUDENTI E LE FAMIGLIE ANNO SCOLASTICO 2011-2012 VADEMECUM PER GLI STUDENTI E LE FAMIGLIE ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Minorenni : Maggiorenni : Giustificazioni di assenze per un periodo inferiore a 5 giorni - Si presenta il libretto firmato da un genitore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA - Tel. 0773/620905 - fax 0773/629059- ltic846006@istruzione.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MANCANZE DISCIPLINARI E CORRISPONDENTI SANZIONI Mancanze disciplinari Doveri

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. Grandis C U N E O Istituto Professionale Statale Commerciale, Socio-Sanitario,Meccanico, Elettrico, Elettronico Istituto Tecnico per il Turismo Sezione Associata I.P.S.S.C.T.

Dettagli

Iscrizione e frequenza (art. 1-6) Comportamenti e disciplina (art. 7-27

Iscrizione e frequenza (art. 1-6) Comportamenti e disciplina (art. 7-27 REGOLAMENTO D ISTITUTO 2013 Iscrizione e frequenza (art. 1-6) Comportamenti e disciplina (art. 7-27 Art.1 ISCRIZIONE DEGLI ALUNNI Le iscrizioni all Istituto, il cui periodo e le cui modalità sono determinate

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA ISO 9001/2000 Certificato n 9175.ISDM Sedi associate I.P.S.I.A."LEONARDO DA VINCI" Via Novara, 113 20013 MAGENTA (MI) tel.

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

Regolamento d Istituto

Regolamento d Istituto Regolamento d Istituto Vista la Delibera del Consiglio d Istituto; Vista la nota 31 luglio 2008 prot n. 3602/P0 Visti i D. P. R. n. 249 del 24/671998 e D. P. R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI 1. Validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni 2. Ingressi posticipati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LICEO

REGOLAMENTO DEL LICEO REGOLAMENTO DEL LICEO Indice generale: 0. RIFERIMENTI NORMATIVI 1. PERSONALE DOCENTE 2. PERSONALE A.T.A. 3. ALUNNE E ALUNNI 4. GENITORI DELLE ALUNNE E DEGLI ALUNNI 5. ENTI E ORGANIZZAZIONI ESTERNE 6. CONTRATTAZIONE

Dettagli

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento CAPO V ALUNNI Art. 8 Norme di comportamento 1. Gli alunni sono tenuti ad avere, nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, di tutto il personale e dei compagni, un atteggiamento rispettoso della

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDANTI LA VITA SCOLASTICA

DISPOSIZIONI RIGUARDANTI LA VITA SCOLASTICA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AMBROGIO FUSINIERI VICENZA E- mail: protocollo@itcfusinieri.it - sito web: www.itcfusinieri.eu Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. (0444) 563544 - Fax (0444) 962574 DISPOSIZIONI

Dettagli

codice fiscale 80123470157 - codice meccanografico: diurno MITF09000E - serale MITF09050X

codice fiscale 80123470157 - codice meccanografico: diurno MITF09000E - serale MITF09050X stituto ecnico ndustriale Statale con Liceo Scientifico ecnologico GOVNN GOG Viale Liguria, 21 20143 Milano el. 02/89400450 Fax 02/89406707 http://www.itisgiorgimilano.it - e-mail: itisgiorgi@tin.it UN

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO Delibera del Consiglio d Istituto n. 1/54 del 08/09/2014

REGOLAMENTO D ISTITUTO Delibera del Consiglio d Istituto n. 1/54 del 08/09/2014 REGOLAMENTO D ISTITUTO Delibera del Consiglio d Istituto n. 1/54 del 08/09/2014 Generalità Il presente regolamento ha il suo fondamento nello "Statuto delle Studentesse e degli Studenti" (D.P.R.n.249 del

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PRINCIPESSA MARIA PIA. Regolamento d Istituto Gestione dell unità scolastica : regolamento e servizi

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PRINCIPESSA MARIA PIA. Regolamento d Istituto Gestione dell unità scolastica : regolamento e servizi ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PRINCIPESSA MARIA PIA Regolamento d Istituto Gestione dell unità scolastica : regolamento e servizi Regolamento d Istituto Gestione dell unità scolastica : regolamento e

Dettagli

Regolamento servizio di trasporto scolastico

Regolamento servizio di trasporto scolastico COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona Regolamento servizio di trasporto scolastico Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 4.5.2007 Indice: Art. 1 Finalità e criteri generali Art. 2 Organizzazione

Dettagli

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9 I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano Allegato n 9 Regolamento delle visite guidate, visite aziendali, stages, viaggi di istruzione, gemellaggi e scambi culturali o connessi allo svolgimento di attività sportive

Dettagli

Regolamento disciplinare d istituto

Regolamento disciplinare d istituto Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Istruzione Superiore Marconi - Lussu Regolamento disciplinare d istituto PREMESSA Art. 1 Il comportamento di tutti i membri della comunità

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER IL TURISMO Antonio BORDONI DI PAVIA REGOLAMENTO D ISTITUTO INDICE Premessa Art. 01 : Norme generali di comportamento all interno dell istituto Art. 02 : Diritti

Dettagli

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE MANCATA GIUSTIFICAZIONE DEL RITARDO (PER ALMENO TRE VOLTE ) MANCATA GIUSTIFICAZIONE DELL ASSENZA (PER ALMENO TRE VOLTE)

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Caratteri e finalità Il presente Regolamento recepisce il principio generale sancito dall art. 1 1 del DPR 249/98 : la scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo

Dettagli

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria Circolare n. 7 Gorizia, 19.09.2012 Destinatari: tutte le classi Oggetto: Disposizioni urgenti in materia di assenze, giustificazioni, ritardi, entrate e uscite fuori orario Per una ordinata gestione delle

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI Dalmine (Bg) REGOLAMENTO INTERNO D ISTITUTO

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI Dalmine (Bg) REGOLAMENTO INTERNO D ISTITUTO Directory/file: Data emissione: 30/06/15 Rev: 1 Ed.: 1 Pag.: 1 di 6 REGOLAMENTO INTERNO D ISTITUTO Capitolo 1 Principi informatori Pag. 1 Capitolo 2 Attività didattica Pag. 2 Capitolo 3 Comportamento nella

Dettagli

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA PREMESSA La famiglia è il luogo dove i fondamentali valori morali vengono meglio assimilati

Dettagli