Mantova, città universitaria a misura di studente. Comune Universitario proponente/capofila: Comune di Mantova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mantova, città universitaria a misura di studente. Comune Universitario proponente/capofila: Comune di Mantova"

Transcript

1 ALLEGATO E PROGETTO ESECUTIVO Mantova, città universitaria a misura di studente Comune Universitario proponente/capofila: Comune di Mantova

2 1. DATI PROGETTO Nome del Progetto: Mantova, città universitaria a misura di studente Comune Universitario proponente: Comune di Mantova Altri Comuni coinvolti: Curtatone, Porto Mantovano, Rodigo, Sabbioneta, San Giorgio, Virgilio. Partner: Fondazione Università di Mantova, Politecnico di Milano, Università degli studi di Brescia, Università degli studi di Pavia, Camera di Commercio di Mantova, Provincia di Mantova. Responsabile del progetto: Dott.ssa Irma Pagliari Importo totale progetto: ,00 Finanziamento richiesto: ,00 pari al 68,61 % del totale Co-finanziamento locale: ,00 pari al 31,39 % del totale 2. FINALITA, CONTESTO E OBIETTIVI SPECIFICI L Università è presente a Mantova dal Il primo corso di studio avviato è il diploma universitario in Ingegneria dell Ambiente e delle Risorse, promosso dall Università degli Studi di Pavia, Facoltà di Ingegneria. A questo si aggiungono, nel corso degli anni, il diploma universitario in Edilizia del Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, e quindi il diploma universitario in Ingegneria Informatica promosso dall Università degli Studi di Pavia, Facoltà di Ingegneria e il corso di laurea quinquennale in Architettura UE del Politecnico di Milano. La crescita del Sistema Universitario Mantovano è accompagnata dall introduzione dei nuovi corsi di laurea triennale e dall ampliamento dell offerta formativa post diploma e post laurea. Entra, infine, nel Sistema Universitario Mantovano anche l Università degli Studi di Brescia con il Polo socio-sanitario della Lombardia orientale. La volontà da un lato di coniugare l eccellenza di grandi Università di tradizione e l appartenenza a una specifica area territoriale e, dall altro, di garantire la qualità dell offerta didattica grazie al coordinamento del Sistema Universitario Mantova in una città a misura d uomo che intende offrire sempre più servizi personalizzati, strutture accoglienti e rapporti diretti studenti-docenti, ha richiesto la costituzione da parte delle istituzioni locali, tra cui il Comune di Mantova, della Fondazione Università di Mantova che deve collaborare con le istituzioni stesse per: - coordinare il rapporto e la collaborazione con le singole università sul territorio; 2

3 - promuovere un offerta formativa mirata e articolata, vicina alle esigenze di specializzazione stimolate dal mondo produttivo, pubblico e privato; - realizzare attività di orientamento agli studenti delle scuole superiori e favorire una più incisiva e omogenea politica locale di diritto allo studio (residenze, borse di studio, prestiti agevolati); - curare la logistica, lo sviluppo e l adeguamento delle strutture universitarie (aule, laboratori, biblioteche) e la realizzazione del Campus di Mantova, un unico plesso funzionale dove sono riunite tutte le attività universitarie; - promuovere l interazione con le Università straniere. All interno di tale contesto, il progetto del Comune di Mantova e dei numerosi partner territoriali coinvolti ha come finalità generale la definizione e l attivazione di servizi replicabili nel tempo che favoriscano sempre più la sinergia e l integrazione delle Università presenti a Mantova verso il consolidamento di un reale Polo/Sistema Universitario Mantovano, e dall altro rispecchino le peculiarità, l identità e le specificità locali che, anche grazie al come dimostra il recentissimo inserimento nella Lista del Patrimonio Mondiale dell UNESCO, si basano su una dimensione a misura d uomo e su una pervasiva realtà culturale. L insieme dei servizi e delle linee d azione finalizzati al consolidamento del polo universitario mantovano, puntando a far diventare Mantova una Città universitaria a misura di studente, hanno origine dai seguenti obiettivi specifici: - promuovere l integrazione interuniversitaria per un Sistema Universitario Mantovano omogeneo e sinergico, sia sul fronte dei servizi delle Università presenti che su quello della partecipazione studentesca (anche sul fronte dello sport e del tempo libero); - promuovere e supportare le dinamiche organizzative e aggregative degli studenti appartenenti ai diversi orientamenti di studio; - favorire la crescita e condivisione dell identità del Campus mantovano, agevolando la presenza degli studenti all interno del campus stesso, con il miglioramento dei servizi, il loro potenziamento per le situazioni di svantaggio e la loro messa a disposizione a titolo gratuito; - mettere a disposizione luoghi condivisi interfacoltà, attrezzati con le più avanzate tecnologie; - promuovere la realtà culturale del territorio mantovano, agevolandone l accesso agli studenti che popolano il campus universitario mantovano; 3

4 - incentivare la partecipazione attiva degli studenti alla crescita culturale e identitaria della città; - agevolare la crescita del livello di internazionalizzazione del campus mantovano, puntando ad orientare, accogliere e assistere la presenza di studenti stranieri; - potenziare modelli di promozione della mobilità internazionale dei giovani studenti. 3. AMBITI DI INTERVENTO E LINEE DI AZIONE AMBITO A - CITTADINANZA STUDENTESCA Linea azione ID_0 La consulta studentesca del SUM (Sistema Universitario Mantovano) La linea d azione è finalizzata al potenziamento dell integrazione tra le Università presenti a Mantova, da concretizzare a partire dagli studenti che le popolano. Attraverso un processo di costituzione di una consulta interuniversitaria, s intende supportare le dinamiche organizzative e aggregative degli studenti dei diversi orientamenti di studio, in modo tale da potenziare un identità unitaria del Campus mantovano e da definire un interlocutore rappresentativo e organizzato che possa portare i bisogni e le istanze degli studenti mantovani all interno dei diversi contesti. Al fine di promuovere un processo di appartenenza al SUM che integri sempre più gli studenti in un identità condivisa, si procederà ad attivare una CARD multiuso da distribuire a tutti gli studenti che potranno utilizzarla per i diversi servizi previsti dall interno progetto. Attraverso l attivazione di almeno 6 borse lavoro per la realizzazione di un periodo di 150 ore, si coinvolgeranno studenti delle tre Università in un azione di orientamento e aggregazione prima interna alle singole strutture e poi indirizzata a un unica consulta di Sistema. Dopo la prima fase di mappatura delle singole realtà in termini di partecipazione, di bisogni e istanze, si procederà alla loro integrazione sia dal punto di vista degli obiettivi che della struttura organizzativa in grado di perseguirli nel tempo. Parallelamente, si procederà all attivazione della CARD multiuso da distribuire a tutti gli studenti per l accesso ai servizi. Connessioni funzionali con altre linee di azione: integrazione con tutte le altre linee d azione in quanto la futura consulta studentesca del sistema universitario mantovano sarà chiamata ad interagire all interno delle diverse azioni, portando le istanze e il potenziale degli studenti. Risorse strumentali/attrezzature: per garantire la massima diffusione dell azione e la sua continuità nel tempo verrà favorito l utilizzo dell ICT e delle tecnologie web, mettendo a disposizione appositi strumenti informatici e spazi virtuali di condivisione e partecipazione. Prodotti/interventi previsti: costituzione di una consulta studentesca interuniversitaria e predisposizione di uno spazio web di partecipazione. Partner coinvolti: Comune di Mantova, Fondazione Università di Mantova, Politecnico di Milano, Università di Brescia e Università di Pavia. Costo presunto: ,00 di cui 4.500,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova e ,00 di finanziamento certo della Fondazione Università di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento.) AMBITO B - PROBLEMA ALLOGGI Linea azione ID_1 Mantova, una città in cui vivere La linea d azione è finalizzata ad agevolare la presenza permanenza degli studenti all interno del campus mantovano, potenziando le opportunità di alloggio e le dinamiche competitive domanda-offerta. Oltre le opportunità di alloggio agevolato, tra cui il bando promosso dal Comune ) (dai comuni partner?) per posti alloggio in locazione temporanea, e l utilizzo di luoghi rivolti ai giovani (ostello di Rodigo), sarà potenziata una 4

5 crescita qualitativa e quantitativa dell offerta di residenzialità che possa rispondere a tutte le esigenze e alle diverse disponibilità economiche. Da segnalare l imminente avvio di un investimento strutturale che permetterà di aprire un alloggio dedicato agli studenti mantovani (studentato e ostello), a cui attraverso il progetto potranno essere collegati servizi accessori utili a un efficiente ed efficace gestione. L azione si articola principalmente in tre fasi: costruzione della piattaforma tecnologica web idonea da un lato a raccogliere e a promuovere la domanda e l offerta di residenzialità studentesca e, dall altro, a garantire i servizi accessori alla prossima apertura dello studentato cittadino, start up del servizio e attivazione di un azione promozionale del servizio all interno della realtà studentesca e sul territorio. Connessioni funzionali con altre linee di azione: oltre ad integrarsi con l azione 0 di coinvolgimento degli studenti, si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza (disabili e stranieri) e indirettamente con tutte le azioni di servizio per una vita attiva della città. modo integrato sul sito di servizio agli studenti generato dal progetto. Prodotti/interventi previsti: piattaforma per la domanda/offerta di alloggi per studenti. realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta e le Università per la diffusione verso gli studenti. Costo presunto: ,00 di cui 5.000,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova e ,00 di finanziamento certo della Fondazione Università di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento.) AMBITO C - SPAZI E STRUTTURE PER LO STUDIO Linea azione ID_2 Mantova, una città aperta allo studio La linea d azione è finalizzata a mettere a disposizione luoghi condivisi inter-facoltà, attrezzati con le più avanzate tecnologie, al fine di superare i limiti temporali di apertura delle singole sedi universitarie. La concomitante apertura di uno spazio dedicato ai giovani (Santagnese10) da parte del Comune di Mantova, della Provincia e della Camera di Commercio garantirà l accesso agevolato e governato a luoghi per lo studio e l utilizzo dei servizi web per la ricerca e l approfondimento. Integrazione con SBZ? Si prevede in particolare l apertura serale dello spazio Santagnese10, da realizzare attraverso la collaborazione attiva degli studenti, ove saranno messi a disposizioni luoghi per lo studio e dotazioni hardware e di rete per la ricerca. Si prevede la apertura speciale serale della biblioteca di Porto Mantovano, attrezzata con sala studio e attrezzature per la lettura di e-book. L azione si articola principalmente in tre fasi: analisi dei bisogni (logistica e dotazione) e individuazione dei possibili servizi attivabili, strutturazione dei servizi (tempi di apertura, dotazione, procedure, ), attivazione e sperimentazione dei servizi. Connessioni funzionali con altre linee di azione: oltre ad integrarsi con l azione 0 di coinvolgimento degli studenti, si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza (disabili e stranieri) e indirettamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva della città. Risorse strumentali/attrezzature: l azione sarà supportata da tecnologie ICT presenti nello spazio da aprire agli studenti (la sede individuata è attrezzata con le più avanzate tecnologie: banda larga, strumenti e software funzionali alla didattica e alla fruizione dei servizi universitari) e da tecnologie web funzionali a promuovere e a governare i servizi (es. procedura di prenotazione degli spazi e della strumentazione). Prodotti/interventi previsti: progettazione, apertura e gestione di uno spazio interuniversitario per studio e ricerca. realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta e le Università per la diffusione verso gli studenti. Costo presunto: ,00 di cui 9.500,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento). 5

6 AMBITO D - INTERVENTI NEL CAMPO DEI TRASPORTI, DELLA CULTURA, DELLO SPORT Linea azione ID_3 Mantova, un patrimonio da scoprire La linea d azione è finalizzata a promuovere la realtà culturale del territorio mantovano (Mantova e Sabbioneta patrimonio Unesco, Distretto Culturale delle Regge dei Gonzaga, Distretto Culturale dell Oltrepò, ), agevolando l accesso agli studenti che popolano il campus universitario mantovano. L azione intende strutturare una promozione continua degli eventi culturali e la parallela definizione delle agevolazioni d accesso per gli studenti del Sistema Universitario Mantovano. Il coinvolgimento attivo dell Amministrazione provinciale, che coordina la Rete Museale Mantovana e raccoglie l offerta turistico-culturale del territorio, permetterà di ampliare il raggio d azione e garantire la massima adesione a scala provinciale. L azione si articola principalmente in cinque fasi: analisi dell offerta culturale (luoghi, eventi, organizzazioni, ) attraverso il coinvolgimento delle istituzioni locali, analisi delle potenziali agevolazioni di fruizioni (canali preferenziali, procedure di prenotazione) e di accesso (titolo gratuito e prezzi agevolati), pubblicazione dell offerta culturale per gli studenti, costruzione delle procedure di partecipazione alla vita culturale e promozione dell iniziativa. Connessioni funzionali con altre linee di azione: oltre ad integrarsi con l azione 0 di coinvolgimento degli studenti, si collega direttamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva della città. modo integrato sul sito di servizio agli studenti, generato dal progetto per la raccolta, la promozione e la prenotazione dell offerta culturale rivolta agli studenti. Prodotti/interventi previsti: progettazione, apertura e gestione di uno spazio web dell offerta culturale. Partner coinvolti: Comune di Mantova e la Provincia di Mantova per gli aspetti realizzativi, Fondazione Università di Mantova per il coinvolgimento della Consulta e le Università per la diffusione verso gli studenti. i Comuni partner per l identificazione di luoghi culturali e le iniziative convenzionabili sul territorio (musei, zone archeologiche, monumenti, eventi e spettacoli) Costo presunto: ,00 di cui 5.000,00 di finanziamento certo del Comune di (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento). Linea azione ID_4 Mantova, una città da progettare La linea d azione è finalizzata a incentivare la partecipazione attiva degli studenti alla crescita culturale e identitaria della città al fine di garantire da un lato alla città il punto di vista e le competenze degli studenti che la popolano e, dall altro, agli studenti di sentirsi motore e cuore della città che li ospita. Al fine di integrare le tre università e quindi i loro studenti in tale processo di partecipazione, si prevede l attivazione di un concorso di idee multidisciplinare su uno spazio della città, finalizzato a studiarlo dal punto di vista degli spazi (Facoltà di Architettura del Politecnico), delle dotazioni ambientali e tecnologiche (Facoltà di Ingegneria dell Università di Pavia) e dell integrazione sociale (Facoltà di Medicina Educatori professionali dell Università di Brescia). La gestione dell azione come evento partecipato consente di trasformarlo in un importante momento di fruizione culturale attiva da parte degli studenti, integrata con la precedente linea d azione. L azione si articola principalmente in quattro fasi: individuazione dello spazio cittadino idoneo all attivazione del concorso di idee, strutturazione del concorso, promozione e coinvolgimento degli studenti, realizzazione e promozione dei risultati. Connessioni funzionali con altre linee di azione: oltre ad integrarsi con l azione 0 di coinvolgimento degli studenti, si collega direttamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva della città. Risorse strumentali/attrezzature: l azione sarà supportata da tecnologie ICT utili alla promozione dell iniziativa, al coinvolgimento degli studenti (candidature via web) e alla presentazione dei risultati. Prodotti/interventi previsti: concorso di idee interuniversitario Partner coinvolti: Comune di Mantova per gli aspetti realizzativi, Fondazione Università di Mantova il per gli 6

7 aspetti realizzativi e per coinvolgimento della Consulta e le Università per il coinvolgimento attivo degli studenti. Costo presunto: ,00 Linea azione ID_5 Mantova, una città per studenti in movimento La linea d azione è finalizzata a promuovere l integrazione interuniversitaria, sfruttando lo sport come canale di coinvolgimento degli studenti delle tre Università presenti a Mantova. Con il coinvolgimento del Centro Universitario Sportivo (C.U.S.) Mantova e delle associazioni degli studenti, si intende organizzare un evento interuniversitario denominato "MOVING PEOPLE", fondato sull'idea che l'esperienza dello sport rappresenti per lo studente universitario un'opportunità di aggregazione sociale oltre che di impegno, di formazione e di cultura. Collegandosi con il progetto Sport-Salute-Svago proposto dal Politecnico di Milano Polo territoriale di Mantova, si intende promuovere oltre allo sport, la salute, le attività culturali e lo svago facilitando l accesso degli universitari alle numerose iniziative offerte dal territorio mantovano. L opportunità puntuale dell evento permetterà infatti di costruire una mappa delle opportunità offerte dal territorio da offrire in modo continuativo agli studenti del campus mantovano. L azione si articola principalmente in tre fasi: predisposizione della piattaforma di raccolta dell offerta rivolta agli studenti, progettazione, promozione e realizzazione dell evento di lancio del servizio. Connessioni funzionali con altre linee di azione: oltre ad integrarsi con l azione 0 di coinvolgimento degli studenti, si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza (disabili e stranieri) e indirettamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva della città. modo integrato sul sito di servizio, per la raccolta, la promozione e la prenotazione dell offerta rivolta agli studenti sul fronte Sport-Salute-Svago. Prodotti/interventi previsti: progettazione, apertura e gestione di uno spazio web dell offerta sul fronte Sport- Salute-Svago ed evento di lancio MOVING PEOPLE. realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta, Politecnico di Milano per l organizzazione dell evento e le Università in generale per la diffusione verso gli studenti, i Comuni partner per l identificazione di luoghi di svago convenzionabili sul territorio (piscine, centri sportivi, palestre ) Costo presunto: ,00 AMBITO E - SERVIZI IN RETE PER GLI STUDENTI Linea azione ID_6 Mantova, una città per studenti in rete La linea d azione è finalizzata ad agevolare la presenza degli studenti a Mantova, migliorando e rendendo sempre più disponibili a titolo gratuito i servizi. L'Assessorato all Informatizzazione del Comune di Mantova intende promuovere anche per gli studenti iscritti presso le sedi mantovane il Free WiFi che permetterà di navigare gratuitamente in Internet. Sarà quindi possibile connettersi a Internet tramite pc portatili, palmari e cellulari dotati di scheda wireless, senza apportarvi modifiche o installare software particolari. La definizione della convenzione rivolta agli studenti e delle procedure per l attivazione consentirà di promuovere un servizio immediatamente attivabile e fruibile. Tutti i Comuni partner dove il servizio è già attivo lo renderanno free per gli studenti universitari. L azione si articola principalmente in tre fasi: definizione delle modalità di accesso gratuito alla rete wifi comunale, pubblicazione e promozione del servizio e costruzione delle modalità di attivazione del servizio da parte degli studenti. Connessioni funzionali con altre linee di azione: l azione si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza (disabili e stranieri) e indirettamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva della città. modo integrato sul sito rivolto agli studenti, per la promozione e l attivazione del servizio. Prodotti/interventi previsti: servizio per l accesso gratuito alla rete wifi comunale. 7

8 realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta, le Università per la diffusione verso gli studenti. i Comuni partner per l identificazione di luoghi wi-fi free sul loro territorio Costo presunto: ,00 di cui 4.500,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova e 7.000,00 di finanziamento certo della Fondazione Università di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento). AMBITO F - SERVIZI RIVOLTI ALLE STUDENTESSE-MADRI Linea azione ID_7 Mantova, una città per le pari opportunità La linea d azione è finalizzata ad agevolare la presenza degli studenti a Mantova, attraverso l attivazione di servizi finalizzati a rendere il Sistema Universitario Mantova sempre più accessibile agli studenti che palesano specifiche difficoltà. Con la presente azione s intende in particolare mettere in rete, agevolandone ove possibile l accesso e la fruizione, i servizi di assistenza alla cura temporanea dei bambini, includendo nel portale web l accesso (verifica e prenotazione) dei servizi offerti dai baby parking, dalle tate famigliari e da baby sitter. Attraverso l accesso agevolato e supportato a tali servizi, le studentesse madri potranno affrontare al meglio le scadenze e l articolazione temporale del percorso di studi universitario. Soggetti beneficiari: tutte le studentesse madri delle sedi mantovane delle tre Università coinvolte. L azione si articola principalmente in tre fasi: analisi dei bisogni e individuazione dei possibili servizi attivabili, strutturazione dei servizi (contenuti, procedure di prenotazione/segnalazione, ), attivazione e sperimentazione dei servizi. Connessioni funzionali con altre linee di azione: l azione si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza e indirettamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva dell Università e della città. modo integrato sul sito rivolto agli studenti, per la promozione e l attivazione del presente servizio. Prodotti/interventi previsti: progettazione, apertura e gestione di uno spazio web con i servizi per le ragazze madri. realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta, le Università per la diffusione verso gli studenti. i Comuni partner per l identificazione di servizi simili sul territorio Costo presunto: 9.500,00 di cui 4.500,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento). AMBITO G -SERVIZI RIVOLTI AGLI STUDENTI DISABILI Linea azione ID_8 Mantova, una città accessibile La linea d azione è finalizzata ad agevolare la presenza degli studenti a Mantova, attraverso l attivazione di servizi finalizzati a rendere il Sistema Universitario Mantova sempre più accessibile agli studenti svantaggiati. Partendo da un precedente progetto che ha permesso al Comune di Mantova di mappare e georeferenziare i luoghi e i servizi accessibili della città, si procederà con la messa in rete dell informazione al fine di agevolare i potenziali studenti disabili interessati al polo mantovano. Si prevede, inoltre, il coinvolgimento delle tre Università presenti a Mantova al fine di mettere in rete e strutturare i servizi che le singole strutture attivano internamente. Soggetti beneficiari: tutti gli studenti, attuali e potenziali, delle sedi mantovane delle tre Università coinvolte. L azione si articola principalmente in tre fasi: analisi dei bisogni e individuazione dei possibili servizi attivabili, strutturazione dei servizi (contenuti, modalità di implementazione, sinergie tra Università), attivazione e sperimentazione dei servizi. Connessioni funzionali con altre linee di azione: l azione si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza e indirettamente a tutte le azioni di servizio per una vita attiva dell Università e della città. modo integrato sul sito rivolto agli studenti, per la promozione e l attivazione del presente servizio. Prodotti/interventi previsti: progettazione, apertura e gestione di uno spazio web con i servizi per gli studenti disabili. 8

9 realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta le Università per la definizione dei contenuti e la diffusione verso gli studenti. Costo presunto: ,00 di cui 4.500,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova e 7.000,00 di finanziamento certo della Fondazione Università di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento). AMBITO H - ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI Linea azione ID_9 Mantova, un polo culturale internazionale La linea d azione è finalizzata ad agevolare la crescita del livello di internazionalizzazione del campus mantovano, puntando ad orientare, accogliere e assistere la presenza di studenti stranieri. La linea d azione prevede la traduzione dei servizi contenuti nella piattaforma per il Sistema Universitario Mantova in lingua inglese con il coinvolgimento degli studenti stranieri attualmente presenti, al fine di verificare con loro eventuali bisogni aggiuntivi da soddisfare con l inserimento di ulteriori servizi. Parallelamente si prevede l attivazione di una verifica diretta con le tre Università per accorpare i modelli di coinvolgimento degli studenti stranieri e strutturare nuove modalità di promozione del Campus mantovano all estero. Il coinvolgimento del Centro Linguistico d Ateneo e del Centro Interculturale della Provincia di Mantova permetterà inoltre di modellizzare e sperimentare un servizio di assistenza allo studio della lingua italiana che potrà essere promosso nei confronti sia degli studenti presenti presso il polo che di quelli futuri. Attraverso la partnership con il centro Santagnese10, si struttureranno infine modelli di promozione della mobilità internazionale dei giovani finalizzati a favorire Mantova e la sua Università. Soggetti beneficiari: tutti gli studenti stranieri delle sedi mantovane delle tre Università coinvolte e i potenziali interessati all estero. L azione si articola principalmente in tre fasi: definizione delle modalità di accesso gratuito alla rete wifi comunale, pubblicazione e promozione del servizio e costruzione delle modalità di attivazione del servizio da parte degli studenti. Connessioni funzionali con altre linee di azione: l azione si collega direttamente a tutte le azioni riguardanti l accoglienza e la vita attiva della città. Risorse strumentali/attrezzature: l azione sarà supportata da tecnologie ICT web dedicate, connesse alla traduzione delle pagine di servizio, e dalla messa in rete delle opportunità per gli studenti stranieri. Prodotti/interventi previsti: progettazione, apertura e gestione di uno spazio web con i servizi per gli studenti stranieri; traduzione di tutti i servizi in inglese; azione promozionale della mobilità internazionale studentesca. realizzativi e per il coinvolgimento della Consulta le Università per la diffusione verso gli studenti. Costo presunto: ,00 di cui ,00 di finanziamento certo del Comune di Mantova (nessun rischio da rilevare per il cofinanziamento). 4. BREVE DESCRIZIONE E RUOLO DEI PARTNER ALL INTERNO DEL PROGETTO Il Comune di Mantova (ente proponente e capofila dell iniziativa), la Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova sono i soci fondatori della Fondazione Università di Mantova che dal 1992 (prima come Consorzio Universitario Mantovano) promuove e sostiene la presenza dell Università a Mantova. I tre enti, assieme alla Fondazione Università di Mantova, finanziano la presenza delle Università a Mantova e coordinano la crescita del Sistema Universitario Mantovano. Il ruolo dei soci fondatori e della Fondazione è quindi quello di accrescere i servizi del Campus mantovano, mettendo a disposizione le risorse e indirizzando gli sforzi delle strutture parallele create dagli stessi enti a supporto delle politiche giovanili del territorio e 9

10 nello specifico il nuovo spazio Santagnese10, sede dello Sportello Giovani e soggetto coordinatore delle varie iniziative in programma. I quattro enti operano direttamente nello sviluppo del progetto coordinandone le attività e promuovendo l integrazione dei servizi che a vario titolo saranno promossi a livello istituzionale anche per il corpo studentesco mantovano (orientamento, intercultura, pari opportunità, cultura, sport e tempo libero, ). Il Politecnico di Milano, l Università degli Studi di Brescia e l Università degli Studi di Pavia coniugano a Mantova i valori propri dell appartenenza al sistema delle grandi Università di tradizione e il valore aggiunto dell appartenenza a un area specifica capace di esprimere i propri obiettivi e di perseguirli con i necessari livelli di impegno. Le tre Università metteranno a disposizione le proprie competenze e strutture per condividere e potenziare sinergicamente i servizi rivolti agli studenti. Le Università procederanno inoltre al coinvolgimento diretto (condivisione con le consulte e borse lavoro 150 ore) e indiretto (promozione e fruizione dei servizi) degli studenti per accrescere l efficacia di ogni singola linea d azione. Si occuperanno congiuntamente della realizzazione del concorso di idee + coinvolgimento azienda diritto allo studio I Comuni di Curtatone, Porto Mantovano, Rodigo, Sabbioneta, San Giorgio, Virgilio sono coinvolti in quanto luoghi di residenzialità degli studenti e di offerta culturale propria dell identità mantovana e saranno parte attiva della cabina di regia del progetto per la attivazione dei servizi e delle convenzioni necessarie al loro funzionamento. 5. RISULTATI ATTESI ID Linea di azione Risultati attesi / Indicatori La consulta studentesca Costituzione di una consulta partecipata dalle tre Università. 0 del Sistema Univers. Partecipazione attiva alla consulta / associazione interuniversitaria di almeno il 30% degli studenti. Mantovano Mantova, una città in cui Predisposizione di una piattaforma per la raccolta della domanda e dell offerta e per la prenotazione dei luoghi 1 vivere adibiti agli studenti. Mantova, una città aperta Apertura di uno spazio dedicato agli studenti presso Santagnese. 2 allo studio Partecipazione del luogo e utilizzo dei servizi da parte almeno il 20% degli studenti. Mantova, un patrimonio da Predisposizione di un luogo di pubblicazione dell offerta culturale agevolata rivolta agli studenti. 3 scoprire Attivazione dell accesso agevolato per gli studenti per almeno il 50% dell offerta culturale mantovana. Mantova, una città da Attivazione di un concorso di idee indirizzato agli studenti delle tre Università coinvolte. 4 progettare Raccolta di almeno 100 progetti predisposti dagli studenti per la città. Mantova, una città per Predisposizione di un luogo di pubblicazione dell offerta rivolta agli studenti sul fronte Sport-Salute-Svago. 5 studenti in movimento Realizzazione di un evento in grado di coinvolgere almeno il 20% degli studenti mantovani. Mantova, una città per Attivazione di un servizio di accesso gratuito alla rete per gli studenti mantovani. 6 studenti in rete Utilizzo del servizio gratuito da parte di almeno il 40% degli studenti. Mantova, una città per le Predisposizione di un luogo di pubblicazione dei servizi per le ragazze madri. 7 pari opportunità Raccolta di almeno tre tipologie di servizi rivolti alle ragazze madri. Mantova, una città 8 accessibile Predisposizione di un luogo di pubblicazione e condivisione dei luoghi accessibili. Intervento su almeno una barriera architettonica presente all interno del campus mantovano. 9 Mantova, un polo culturale Attivazione di almeno 200 contatti produttivi con studenti stranieri. internazionale Attivazione di almeno un progetto di mobilità/scambio internazionale. 10

11 6. CRONOPROGRAMMA ATTIVITA ID Linea di azione M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7 M8 M9 M10 M11 M12 M13 M14 M15 0 La consulta studentesca del Sistema Univers. Mantovano 1 Mantova, una città in cui vivere 2 Mantova, una città aperta allo studio 3 Mantova, un patrimonio da scoprire 4 Mantova, una città da progettare 5 Mantova, una città per studenti in movimento 6 Mantova, una città per studenti in rete 7 Mantova, una città per le pari opportunità 8 Mantova, una città accessibile 9 Mantova, un polo culturale internazionale Luogo e data Timbro e Firma (Per il Comune Universitario proponente/ capofila) 11

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Risorse umane Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Regione: MOLISE Provincia: CAMPOBASSO Le opere previste nel progetto generale riguardano

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 L Università degli Studi dell Aquila Il job placement dell Università Di antiche tradizioni, il nostro Ateneo trae origine dal cinquecentesco Aquilanum Collegium

Dettagli

Allegato C SCHEDA PROGETTO Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno dello sviluppo di attività e servizi offerti nei PAAS

Allegato C SCHEDA PROGETTO Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno dello sviluppo di attività e servizi offerti nei PAAS Allegato C SCHEDA PROGETTO Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno dello sviluppo di attività e servizi offerti nei PAAS Titolo del Progetto Acronimo del progetto: Area di intervento:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Roma, 18 dicembre 2009 Prot. A00DPPR n 1656/U All att.ne dei Dirigenti Scolastici degli istituti secondari di II grado statali e p.c. al al al ai Capo Del Dipartimento per l Istruzione Direttore Generale

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. DLG/2013/284

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. DLG/2013/284 COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. DLG/2013/284 O G G E T T O Approvazione bozza protocollo d intesa tra CUR, Conservatorio Venezze, Comune di Rovigo, Provincia di Rovigo

Dettagli

BANDO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

BANDO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE CITTA DI OMEGNA BANDO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Scheda di sintesi dei progetti e dei posti disponibili TITOLO PROGETTO : UN PARCO EUROPEO SEDE DI SERVIZIO ENTE PARCO NAZIONALE VAL GRANDE Vogogna 2 Parchi

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

AVVISO. L INPS ricerca e seleziona tramite accreditamento. Master Executive Professionalizzanti

AVVISO. L INPS ricerca e seleziona tramite accreditamento. Master Executive Professionalizzanti AVVISO Nell ambito delle iniziative Homo Sapiens Sapiens, azioni in favore della formazione universitaria e post universitaria, quale strumento di aggiornamento professionale per i pubblici dipendenti

Dettagli

Avviso Master J. Definizione di Master Master universitario di I o II Livello, attivato ai sensi dell'articolo 3, punto 9 del decreto MIUR 270/2004.

Avviso Master J. Definizione di Master Master universitario di I o II Livello, attivato ai sensi dell'articolo 3, punto 9 del decreto MIUR 270/2004. Avviso Master J Allegato 1 Requisiti minimi per l accreditamento Iniziative Accademiche ad elevata occupabilità in favore dei giovani figli e orfani di iscritti e di pensionati dell INPS - Gestione Ex

Dettagli

AVVISO. INPS - Gestione Dipendenti Pubblici. ricerca e seleziona, per il loro accreditamento

AVVISO. INPS - Gestione Dipendenti Pubblici. ricerca e seleziona, per il loro accreditamento Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Nell ambito delle iniziative Homo Sapiens Sapiens, azioni in favore della formazione universitaria, post universitaria e professionale, quale strumento di inserimento

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

Premessa: Patto per l Universita. Urbino Wireless Campus. Premessa: Come usare l incontro. Premessa: Scopo dell incontro. UWiC: Gli Obiettivi

Premessa: Patto per l Universita. Urbino Wireless Campus. Premessa: Come usare l incontro. Premessa: Scopo dell incontro. UWiC: Gli Obiettivi Premessa: Patto per l Universita Urbino Wireless Campus Alessandro Bogliolo Coordinatore del progetto UWiC alessandro.bogliolo@uniurb.it Stato di realizzazione del progetto UWiC Estensione della rete senza

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

COLLEGIO UNIVERSITARIO DI BRESCIA 1 BANDO DI AMMISSIONE PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014

COLLEGIO UNIVERSITARIO DI BRESCIA 1 BANDO DI AMMISSIONE PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 COLLEGIO UNIVERSITARIO DI BRESCIA 1 BANDO DI AMMISSIONE PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Introduzione Il Collegio Universitario di Brescia si propone come Centro di eccellenza per la formazione dei migliori

Dettagli

CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANZIO III Via Machiavelli s.n.c. tel.06/9873212 - Fax 06/9873540 rmic8c700e@istruzione.it

Dettagli

Indicare il/i Partner Responsabili di tali attività. Compilare un rigo per ciascuna attività e per ciascun Teatro proposto.

Indicare il/i Partner Responsabili di tali attività. Compilare un rigo per ciascuna attività e per ciascun Teatro proposto. ALLEGATO C - PIANO DI PROMOZIONE DEL PUBBLICO ATTIVITÀ GENERALI: La Rete dovrà supportare il TPP nei rapporti con i Comuni, la Siae (disbrigo pratiche e biglietteria) e con le compagnie ospiti (accoglienza

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI CARTA DEI SERVIZI INTRODUZIONE Nel quadro, ampio e articolato, dei servizi e delle attività realizzate e promosse dal Villaggio del Ragazzo, il punto di riferimento è rappresentato dalla mission perseguita

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI ALLEGATO 2B CONVENZIONE TRIENNALE PER GLI ESERCIZI 2006-2008 LEGGE REGIONALE N. 26/1996 ART. 26 RAPPORTI TRA LA REGIONE E LE UNIVERSITA DELLA SARDEGNA PIANO DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

LINGUE E CULTURE MODERNE

LINGUE E CULTURE MODERNE CORSO DI LAUREA TRIENNALE LINGUE E CULTURE MODERNE Classe di Laurea L 11 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, POLITICHE E DELLE LINGUE MODERNE PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.ssa Benedetta Papasogli

Dettagli

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto Progetto di Cooperazione interregionale Sardegna - Veneto 2 PECULIARITA DELL AZIONE Prima esperienza in Italia di sperimentazione del principio di integrazione

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Percorsi di accoglienza in Casentino

Percorsi di accoglienza in Casentino Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Percorsi di accoglienza in Casentino Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei

Dettagli

Il progetto partecipa a

Il progetto partecipa a Il progetto partecipa a Fondazione Masaccio Con il patrocinio di 3D ArcheoLab La cultura non è proprietà di persone, di classi, di singoli paesi; è di tutti. Giulio Carlo Argan, 1986 Il progetto intende

Dettagli

Premessa: Descrizione del progetto:

Premessa: Descrizione del progetto: I MEDIATORI DELLA CULTURA PROGETTO DI UNA BANCA DEL TEMPO PER LA FORMAZIONE DI GIOVANI MEDIATORI CHE SI IMPEGNINO PER INCREMENTARE E DIVERSIFICARE LA FRUIZIONE DELL OFFERTA CULTURALE TORINESE, FINALIZZATA

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso.

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso. U.S.R. DECRETO N. 4009 lo Statuto di Ateneo; il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.); il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; il Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei Corsi

Dettagli

Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo

Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo Altre associazione partecipanti: Adiconsum Lombardia, Cittadinanzattiva Lombardia, Confconsumatori Lombardia, Movimento

Dettagli

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14.

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14. Comune di Nave CONTRIBUTI ALLE IMPRESE/ENTI/ASSOCIAZIONI AGGIORNAMENTO TERZO AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2014 Consulta l archivio completo sul sito del Comune: http://www.comune.nave.bs.it nella home page in

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011

FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 Brescia 8 Marzo 2012 FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 La gestione 2011 si chiude con un avanzo dell esercizio di 223.404 euro con un ulteriore consolidamento della situazione

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 3 a CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna

I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna L accesso ai servizi online 14 Aprile 2011 Sommario Accesso ai servizi

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI"

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI" Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva

Dettagli

STATO AVANZAMENTO LAVORI

STATO AVANZAMENTO LAVORI ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) aggregazione di comuni denominata GRANDE MANTOVA ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) AGGREGAZIONE DI COMUNI CITTA DI CURTATONE PORTO MANTOVANO

Dettagli

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Prof. Carmelo La Porta Al Dirigente Scolastico Liceo Scientifico E. Fermi RAGUSA RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Gli interventi effettuati

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Esperienza residenzialità: progetto sperimentale per la maturazione artistica di giovani talenti in ambito espressivo musicale : le caratteristiche

Esperienza residenzialità: progetto sperimentale per la maturazione artistica di giovani talenti in ambito espressivo musicale : le caratteristiche Esperienza residenzialità: progetto sperimentale per la maturazione artistica di giovani talenti in ambito espressivo musicale : le caratteristiche L Iniziativa è stata definita nell ambito del Protocollo

Dettagli

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Daniela Oliva - IRS Bologna, 30 Giugno 2015 Una storia che inizia da lontano donne e lavoro 2007 - Analisi e

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

Fondazione Italia Cina

Fondazione Italia Cina Fondazione Italia Cina Una volta colte, le opportunità si moltiplicano Sun Tzu L OPPORTUNITÀ CINA Sin dall apertura agli investimenti esteri alla fine degli anni settanta, la Cina è cresciuta ad un tasso

Dettagli

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita Milano 16 Dicembre 2014 A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita 31 marzo 2014 5 maggio 2014 4 giugno 2014 Sottoscrizione accordo per la valorizzazione

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

l attenzione alla disabilità: una questione di civiltà

l attenzione alla disabilità: una questione di civiltà l attenzione alla disabilità: una questione di civiltà Guido Maria Grasso missione aumentare il livello di consapevolezza di tutte le componenti dell università (soprattutto docenti) in modo che il rendimento

Dettagli

6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA

6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA 6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA L attività edilizia dell Università dell Insubria è attualmente molto intensa e di notevole impegno economico in entrambe le sedi di Varese e Como. La realizzazione di questi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Si è riunita oggi la Cabina di Regia per l attuazione del Piano di azione per l occupabilità dei

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Percorso formativo in: Ingegneria gestionale. Corso di laurea triennale in: Corso di laurea magistrale in:

Percorso formativo in: Ingegneria gestionale. Corso di laurea triennale in: Corso di laurea magistrale in: Percorso formativo in: Ingegneria gestionale Corso di laurea triennale in: Ingegneria gestionale Corso di laurea magistrale in: Ingegneria gestionale CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA GESTIONALE

Dettagli

I nostri orizzonti vanno al di là di ogni schermo

I nostri orizzonti vanno al di là di ogni schermo I nostri orizzonti vanno al di là di ogni schermo La rete regionale al servizio dell internazionalizzazione LombardiaPoint (Punti Operativi per l Internazionalizzazione) è la rete degli sportelli regionali

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi Progetto didattico per accesso ai fondi!1 TITOLO Laboratori mobili per l apprendimento. DESCRIZIONE Grazie a questo progetto sarà possibile trasformare l ambiente di apprendimento e potenziare, grazie

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

Incubatore di Startup a Roma Tre

Incubatore di Startup a Roma Tre Incubatore di Startup a Roma Tre Il mondo del Sapere che diventa anche luogo dello Sviluppo Autore: LUG Roma Tre Revisori: Studenti d'ingegneria Studenti alla Terza Dipartimento di Ingegneria 1 Perché

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Linee Guida. per la stipula di una convenzione per il servizio di connettività internet mobile

Linee Guida. per la stipula di una convenzione per il servizio di connettività internet mobile Linee Guida per la stipula di una convenzione per il servizio di connettività internet mobile 1 Sommario 1. Premessa 2. La connessione ad internet nelle residenze universitarie: problemi e possibili soluzioni

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Area E Sito internet

Area E Sito internet W Sito internet ebarea E ( Bilancio Sociale 2007 2012 r Sezione 3. Risultati per Aree di attività r Area E. Sito internet 115 Sito internet Presentazione La Fondazione, da decenni impegnata nella promozione

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani 2012

Progetto giovani, oggi e domani 2012 Comune di Ceresole d'alba Comune di Pocapaglia Comune di Sanfrè Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Baldissero d'alba Ceresole d Alba Pocapaglia Sanfrè Sommariva

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

CLAN - Cultural Local Area Network. Un progetto pilota per il sistema urbano Asti Città Museo

CLAN - Cultural Local Area Network. Un progetto pilota per il sistema urbano Asti Città Museo Città di Asti CLAN - Cultural Local Area Network Un progetto pilota per il sistema urbano Asti Città Museo Genova, 18 giugno 2015 Presenta: Michela Rota, Politecnico di Torino Città di Asti CLAN - Cultural

Dettagli

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità REGOLAMENTO Introduzione I Giochi della Gioventù (GdG) sono promossi dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e sono organizzati dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni)

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione AIESEC Italia Che cos è AIESEC? Nata nel 1948, AIESEC è una piattaforma che mira allo sviluppo della leadership nei giovani, offrendo loro l opportunità di partecipare a stage internazionali con l obiettivo

Dettagli

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA 1.1 Attività di recupero e sostegno In ottemperanza con le i disposizioni ministeriali e proseguendo sulla linea da anni

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli