cpl concordia Data management gas Bari 19 Ottobre 2011 Relatore: Ing. Giuseppe Bandini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cpl concordia Data management gas Bari 19 Ottobre 2011 Relatore: Ing. Giuseppe Bandini"

Transcript

1 cpl concordia Bari 19 Ottobre 2011 Data management gas Relatore: Ing. Giuseppe Bandini

2 Data management gas Con riferimento alle reti dati degli Smart Meters Bari 19 Ottobre Data management gas

3 IL GAS NATURALE Dal trasportatore al distributore Il gas naturale è costituito da idrocarburi gassosi che si trovano nel sottosuolo da dove fuoriescono spontaneamente o sono estratti mediante perforazioni. I gas naturali hanno origine da formazioni geologiche e sono legati ai giacimenti di petrolio o di carbon coke. Come tutti i combustibili anche il gas naturale è utilizzato dall'uomo per la produzione di calore e di energia. In determinate condizioni ambientali ed in presenza di ossigeno il gas può bruciare ad alta temperatura con un elevato potere calorifico.

4 IL GAS NATURALE Dal trasportatore al distributore Il metanodotto è l infrastruttura di trasporto del gas naturale (metano). I Metanodotti Sono composti da un sistema di tubature in grado di congiungere il luogo diproduzionedelgasconilluogodiconsumo.

5 IL GAS NATURALE Dal trasportatore al distributore I metanodotti sono anche conosciuti in forma più generale come gasdotti. Il gas naturale viene pompato sotto pressione nelle pipeline del gasdotto. Giunto alla fine del gasdotto il gas naturale è introdotto nella rete distributiva fino a giungere alla porta degli utenti finali (case, industrie, centrali termoelettriche).

6 IL GAS NATURALE Dal trasportatore al distributore Le cabine di riduzione e misura (impianti REMI) rappresentano i punti di consegna del gas naturale da parte della società di trasporto (SNAM Rete Gas S.p.A.) alla società di distribuzione. Sono quindi i punti fisici di uscita dalla rete di trasporto nazionale e di entrata nella rete di distribuzione locale, tramite la quale il gas viene distribuito agli utenti finali.

7 ATTIVITA TECNICHE PRODUTTIVE LEGATE AL GAS METANO (CANALIZZATO) ESTRAZIONE TRASPORTO STOCCAGGIO DISTRIBUZIONE FORNITURA AGLI UTENTI FINALI

8 ATTIVITA TECNICHE PRODUTTIVE LEGATE AL GAS METANO (CANALIZZATO) ESTRAZIONE Il metano è un prodotto della decomposizione di materiale organico, si trova in Natura comunemente allo stato fossile, assieme al petrolio, al carbone o da solo in giacimenti di gas naturale. Viene estratto con un procedimento simile a quello del petrolio: una volta estratto, viene immesso nei gasdotti o liquefatto per essere trasportato. TRASPORTO Il trasporto tradizionale del gas naturale avviene tramite una rete di gasdotti ad alta e media pressione e a largo diametro, le cosiddette pipeline, che varcano il territorio di diversi paesi o le tratte di mare che li separano.

9 ATTIVITA TECNICHE PRODUTTIVE LEGATE AL GAS METANO (CANALIZZATO) STOCCAGGIO Questa fase prevede la conservazione di scorte del gas in grandi serbatoi, generalmente giacimenti esauriti, per far fronte alla differenza di esigenze tra fornitura e consumo, la cui fluttuazione ha un andamento stagionale. Si divide in fase di iniezione (tra Aprile ed Ottobre) e fase di erogazione(tra Novembre e Marzo)

10 ATTIVITA TECNICHE PRODUTTIVE LEGATE AL GAS METANO (CANALIZZATO) DISTRIBUZIONE L attività di distribuzione consiste nell immissione del gas dal metanodotto italiano alle varie reti di gasdotti regionali e locali, a partire dai punti di consegna fino ai punti di distribuzione presso i clienti finali, famiglie ed imprese. Rientrano fra i compiti della società di distribuzione anche la manutenzione e la gestione della rete fisica con gli oneri che ne derivano.

11 ATTIVITA TECNICHE PRODUTTIVE LEGATE AL GAS METANO (CANALIZZATO) FORNITURA AGLI UTENTI FINALI L ultima fase della filiera di trasporto del gas consiste nell attività commerciale di vendita agli utenti finali, privati e pubblici. Si tratta di fatto dell'attività commerciale che a valle remunera tutte le altre attività sottostanti. All attività di vendita è quindi legata la misurazione dei consumi di gas.

12 SOGGETTI/AZIENDE INTERESSATE O COINVOLTE FORNITORE (ENI, SHELL, E.ON ecc) TRASPORTATORE (SNAM) DISTRIBUTORE (AMGAS di Bari, ecc.) VENDITORI

13 SOGGETTI/AZIENDE INTERESSATE O COINVOLTE ENI Azienda creata dallo Stato Italiano come ente pubblico nel 1953, diventa società per azioni nel Attiva nel campo del petrolio, del gas naturale e della petrolchimica, è il fornitore italiano di gas naturale e la quinta più grande azienda petrolifera al mondo. Altri fornitori presenti sono: Shell, E.ON, ecc

14 SOGGETTI/AZIENDE INTERESSATE O COINVOLTE SNAM L azienda nata nel 1941 con l obiettivo di costruire metanodotti, è il principale trasportatore italiano di gas, dove opera con una rete di condutture lunga complessivamente km, nonché detentore dei due punti di rigassificazione del GNL. La rete italiana è composta di 5 punti di accesso dalla produzione estera e più di 60 punti di ingresso della produzione nazionale.

15 SOGGETTI/AZIENDE INTERESSATE O COINVOLTE DISTRIBUTORE (AMGAS di Bari, Italgas S.p.A., Guppo Hera, ecc) Il trasporto finale del gas avviene in regime di concessione alle società autorizzate, che si occupano della gestione delle condutture fino al punto finale di consegna. Amgas ad esempio è una di queste società, nata nel 1964 per municipalizzare la distribuzione del gas nel comune di Bari.

16 SOGGETTI/AZIENDE INTERESSATE O COINVOLTE VENDITORI Il1Gennaio2003ilDecretoLetta(D.Lgs.164/2000)hasancitola separazione tra le società uniche di distribuzione e vendita in società di distribuzione e società di vendita. Da tale data quindi vengono differenziati gli shipper, attivi nel trasporto fino al punto di consegna finale, ed i venditori, ovvero le società che si occupano della commercializzazione, del marketing e dei rapporti col cliente finale, unitamente alle attività di supporto post-vendita.

17 PROCESSI TECNICI AMMINISTRATIVI CONTABILI CONTROLLO RETE (Pressione, temperatura, qualità del gas ecc) ALLOCAZIONE VETTORIAMENTO BILANCIO ENERGETICO FATTURAZIONE AI CLIENTI FINALI

18 PROCESSI TECNICI AMMINISTRATIVI CONTABILI CONTROLLO RETE (Pressione, temperatura, qualità del gas) Procedura tecnica attuata dal distributore, in osservanza alle disposizioni dell autorità con delibera 120/2008, atta al monitoraggio di tutti quei parametri indicati dalla legge, con il fine di effettuare controlli sulla sicurezza e sulla qualità del gas trasportato.

19 PROCESSI TECNICI AMMINISTRATIVI CONTABILI ALLOCAZIONE Procedura amministrativa messa in atto mensilmente dal distributore, con lo scopo di confrontare, sulla base delle letture rilevate sui PDR, la quantità di gas effettivamente erogato dalle cabine con la quantità ottenuta dalla ripartizione per venditori.

20 PROCESSI TECNICI AMMINISTRATIVI CONTABILI VETTORIAMENTO Voce del ricavo del distributore fatturato ai venditori, ottenuto applicando le tariffe di distribuzione ai consumi rilevati attraverso le letture delle utenze afferenti ai singoli venditori, o attraverso stime qualora questo dato non sia presente. La tariffa di vettoriamento rappresenta la componente del prezzo finale del gas metano a copertura del costo per il trasporto sulle reti locali.

21 PROCESSI TECNICI AMMINISTRATIVI CONTABILI BILANCIO ENERGETICO Procedura consistente nel confronto tra gas immesso in rete mensilmente o annualmente e quanto fatturato come vettoriamento, effettuato per il monitoraggio tra consumi reali e la fatturazione (che può invece basarsi su stime).

22 PROCESSI TECNICI AMMINISTRATIVI CONTABILI FATTURAZIONE AI CLIENTI FINALI I venditori si occupano di fatturare ai clienti finali i costi sostenuti derivanti dal consumo del gas e dall esercizio delle loro attività di vendita e di assistenza, raccogliendo così anche i dati delle letture da fornire al distributore.

23 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Pressione Temperatura QualitàdelGas Portata Volumi

24 La Normativa di riferimento: IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE DELIBERA ENTE INTERESSATO OGGETTO Delibera ARG/gas 120/08 Delibera ARG/gas 155/08 Delibera ARG/gas 184/09 Distributori Distributori Trasportatori e Distributori REGOLAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE DIRETTIVE PER LA MESSA IN SERVIZIO DEI GRUPPI DI MISURA DEL GAS CON FUNZIONI DITELELETTURA E TELEGESTIONE, PER I PUNTI DI RICONSEGNA DELLE RETIDI DISTRIBUZIONE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA SULLE RETI DEL TRASPORTO DEL GAS NATURALE, ARTICOLATO NELLE ATTIVITA DI METERING E DI METER READING.

25 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE TRASPORTATORE DISTRIBUTORE REMI GdM GRF GdM SNAM Delibera ARG/gas 184/09 Regolazione tariffe per il Servizio di misura nel trasporto Gas Naturale REMI Delibera ARG/gas 120/08 Sicurezza, continuità e qualità del servizio di distribuzione GRF GRF GdM Delibera ARG/gas 155/08 Obblighi sulla telelettura e telegestione

26 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Il Gas naturale arriva direttamente dai metanodotti Snam rete gas e successivamente viene sottoposto ai trattamenti di: Riduzione(con o senza preriscaldo) Misura Odorizzazione Il gas viene poi distribuito ai clienti attraverso la rete di distribuzione.

27 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Lungo le condotte sono collocati gli impianti necessari all interconnessione delle stesse nonché al controllo ed alla gestione dei flussi di gas, nel rispetto delle esigenze operative e di sicurezza richieste dalle normative. In particolare, sono presenti: impianti di regolazione della pressione e/o della portata; impianti di riduzione.

28 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Oltre ai metanodotti la rete di trasporto include le centrali di compressione, gli impianti di regolazione, riduzione, intercettazione, miscelazione e misura, nonché gli altri impianti ausiliari necessari al trasporto ed al dispacciamento di gas. Ai fini tariffari e della prenotazione di capacità viene adottata una ripartizione della rete in Rete Nazionale di Gasdotti( RN ) e Rete di Trasporto Regionale ( RR ); il servizio di trasporto è tuttavia da intendersi come un servizio integrato a partire dai PuntidiEntratanellaRNefinoaiPuntidiRiconsegna.

29 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE La cabina REMI ha lo scopo di permettere il collegamento fisico tra il metanodotto di alimentazione e la rete del cliente. La cabina REMI effettua una prima decompressione del gas naturale dal livello di pressione del metanodotto Snam alla media pressione. La cabina di secondo salto, ha un funzionamento simile alla cabina di primo salto: porta il gas naturale dal livello di media pressione alla bassa pressione, rendendo possibile la sua immissione nella rete locale ed alimentare i centri urbani.

30 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Pressione Le condotte per il trasporto e la distribuzione di gas naturale sono classificate in 7 specie, in relazione alla differente pressione massima di esercizio. In particolare: Specie 1a 2a 3 4a 5a 6a 7a Pmax esercizio (bar rel.) >24 24 P > P > 5 5 P > 1,5 1,5 P > 0,5 0,5 P > 0,04 < 0,04

31 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Le apparecchiature installate nelle cabine Remi sono utilizzate per svolgere i seguenti processi: preriscaldo del gas; riduzione e regolazione del gas; misura del gas; odorizzazione del gas; telecontrollo dei parametri di funzionamento dell impianto(ove esistente).

32 Sinottico di una Cabina REMI IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE

33 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Processo di preriscaldo. Nelle cabine Remi il gas naturale in uscita dalla rete di trasporto nazionale a pressioni variabili di bar viene immesso nelle rete di distribuzione con Pmax 5 bar (condotte di 4^ specie). Al fine di preservare il regolare funzionamento delle apparecchiature di riduzione e regolazione durante il processo di decompressione del gas, il gas naturale stesso viene prima filtrato (mediante filtri a cartuccia) e successivamente preriscaldato attraverso una sezione dell impianto che include lo scambiatore di calore, il circuito di preriscaldo ad acqua e le caldaie per produzione dell acqua calda.

34 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Processo di riduzione e regolazione del gas. Ogni cabina Remi è formata da una sezione di impianto dedicata alla decompressione e regolazione del gas consegnato dal trasportatore, dove il gas medesimo viene decompresso e regolato fino al raggiungimento di valori di pressione prestabiliti, tali da garantire il regolare esercizio nelle condotte esercite in 4^ e 5^ specie, secondo la classificazione del Decreto Ministero Sviluppo Economico 17 aprile Il gas naturale in uscita dalle cabine remi viene immesso nelle condotte di media pressione a valori di pressione che variano da 1,5-5 bar, in relazione alla esigenze dell impianto di distribuzione.

35 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Processo di misura del gas Il gas naturale transitato nella cabine Remi viene misurato mediante apparecchiature di misura che, in relazione al sistema adottato, possono essere sinteticamente definite di tipo venturimetrico o volumetrico. Le apparecchiature componenti ilsistemadimisurasonodinorma: diaframma di misura per i sistema di misura con tronco venturimetrico o contatori gas con emettitore di impulsi per le cabine Remi con sistema di misura volumetrica; trasduttore di pressione, termoresistenza PT-100 e trasduttore delta P(0-200 mbar) per le Remi di tipo venturimetrico;

36 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Processo di misura del gas sistema di misura tipo pneumatico di emergenza per la rilevazione dei dati inerenti la pressione, temperatura e delta P, in grado di garantire la quantificazione del gas transitato in caso di guasto del calcolatore elettronico; correttore elettronico di volume per l elaborazione e quantificazione in tempo reale del gas transitato, in relazione ai valori di pressione, temperatura, delta P o numero impulsi trasmessi da trasduttori, contatori gas ecc.

37 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Processo di odorizzazione del gas Ogni cabina Remi è dotato di un impianto di odorizzazione del gasditipoalambimentooiniezione,alfinediottemperarealle normative di riferimento relative all odorizzazione del gas naturale distribuito. Il processo di odorizzazione è svolto attraverso verifiche periodiche del volume di odorizzante immesso nella rete di distribuzione ed analisi atte alla verifica dell effettivo grado di odorizzazione presente nel gas in ogni punto della rete medesima.

38 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Ogni stazione REMI (Riduzione e Misura del Gas) è quindi dotata di una catena di misura cosiddetta fiscale del gas, che normalmente è composta dalle seguenti apparecchiature: contatore trasduttori di: pressione di monte delta di pressione (di bassa e di alta) temperatura del gas contatore di processo con schede di telelettura

39 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Ogni stazione REMI (Riduzione e Misura del Gas) è quindi dotata di una catena di misura cosiddetta fiscale del gas, che normalmente è composta dalle seguenti apparecchiature: contatore trasduttori di: pressione di monte delta di pressione (di bassa e di alta) temperatura del gas contatore di processo con schede di telelettura

40 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Dal trasportatore al Distributore SNAM provvede al termine di ciascun giorno gas (che termina alle del mattino) alla telelettura presso il centro predisposto di tutte le cabine facenti capo a quel centro. Le cabine che sono sempre alimentate e i modem sempre attivi. Le cabine trasmettono i dati tramite Modem (linea PSTN, o SIMGSM). I dati Teleletti (standard m3) riguardano l ultimo giorno GAS completo e sono composti da: Valore complessivo giornaliero(standard m3) Trace di 15 Minuti Il valore complessivo giornaliero deve coincidere con la Somma dei Trace

41 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Dal trasportatore al Distributore Verbale di misura: documento prodotto mensilmente da SNAM Rete Gas, riportante i dati di misura validati e relativi ad un impianto REMI. Contenuti: Le informazioni principali contenute nei verbali di misura sono: Volume e PCS. Il dettaglio di tali informazioni sarà conforme con quanto reso disponibile dal relativo impianto di misura (dato mensile o giornaliero). Formato e trasmissione dei dati: I dati sono messi a disposizione su file in formato testo(txt) e vengono in alternativa resi disponibili su portale web, inviati tramite o altri supporti informatici. SNAM Rete Gas non è responsabile né della gestione/manutenzione dell impianto, né della misura da esso rilevata: ha un ruolo limitato a raccolta, elaborazione ed inoltro dei dati.

42 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Dal trasportatore al Distributore-Definizioni AOP: (Area Omogenea di Prelievo) è la porzione di rete di trasporto per la quale il valore del PCS medio mensile del gas naturale riconsegnato sia uguale per tutti i punti di riconsegna e presenti, rispetto ai valori del PCS medio mensile del gas naturale delle AOP adiacenti, una differenza non superioreal ±2%; PCS o POTERE CALORIFERO SUPERIORE: Quantità di calore misurata in Kcal prodotto tramite la combustione completa, a pressione costante, di uno Smc di gas in aria anidra alla pressione di 1atm e alla temperatura di 15 C, quando tutta l'acqua formata dalla combustione è condensata allo stato liquido. PCI o POTERE CALORIFERO INFERIORE: Quantità di calore misurata in Kcal prodotto tramite la combustione completa, a pressione costante, di uno Smc di gas in aria anidra alla pressione di 1atm e alla temperatura di 15 C, quando tutta l'acqua formata dalla combustione è condensata allo stato di vapore.

43 Dal trasportatore al Distributore- IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Dato giornaliero.

44 IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE Dal trasportatore al Distributore- Qualità del gas All interno della cabina il gascromatografo fornisce le composizioni e i parametri chimico-fisici del gas.

45 Dal trasportatore al Distributore IL GAS NATURALE I DATI DA GESTIRE CORRETTORE

46 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Punto di Consegna dell impianto di distribuzione I punti di consegna dell impianto di distribuzione(cabine Remi) sono destinati alla decompressione e misura del gas naturale consegnato dall impresa di trasporto.

47 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE La linea di Distribuzione Il gas naturale consegnato dal trasportatore e decompresso nei punti di consegna, viene immesso nelle condotte di media pressione (4^, 5^ specie) e convogliato presso le cabine di riduzione finale (GRF). Presso i GRF il gas naturale viene ulteriormente decompresso e convogliato nelle condotte di bassa pressione esercite in 7^ specie (pressione inferiore a 0,04 bar) per l alimentazione diretta nei punti di riconsegna presso i clienti finali. I GRF sono collocati in punti strategici dell impianto di distribuzione al fine di garantire una pressione di fornitura del gas presso i punti di riconsegna noninferiorea18mbar. In taluni casi la fornitura gas al cliente finale avviene direttamente dalle condotte di media pressione con l installazione di gruppi di riduzione dedicati esclusivamente alla medesima fornitura.

48 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Derivazione d utenza. Le derivazioni d utenza sono il complesso di tubazioni, dispositivi ed elementi accessori che consentono di fornire il gas al Cliente finale; l impianto di derivazione di utenza o allacciamento ha inizio dall organo di presa (compreso) installato sulla tubazione principale e si estende fino al gruppo di misura (escluso) e comprende l eventuale gruppo di riduzione della pressione; in assenza del gruppo di misura, l impianto di derivazione di utenza o allacciamento si estende fino all organo di intercettazione terminale (incluso) della derivazione stessa.

49 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Gruppi di misura Il gruppo di misura è la parte dell impianto di alimentazione del Cliente finale, che serve per l intercettazione, per la misura del gas e per il collegamento all impianto del Cliente finale. Il gruppo di misura comprende un eventuale correttore dei volumi misurati.

50 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE GdM PUNTO DI CONSEGNA GRF GdM SNAM REMI GRF GdM REMI GRF PUNTO DI RICONSEGNA

51 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Delibera ARG/gas 155/08 La Delibera 155/08 rende obbligatoria, secondo una pianificazione temporale graduale, la messa in servizio, per tutti i punti di riconsegna delle reti di distribuzione del gas naturale, di gruppi di misura caratterizzati dai requisiti funzionali minimi individuati per classe di appartenenza e con funzioni di telelettura e telegestione. Quindi il GDM non più costituito solo da Contatore.

52 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Delibera ARG/gas 155/08 La 155/08 introduce il concetto di GdM (Gruppo di Misura) composto dai seguenti apparati: Contatore Correttore(Pressione e Temperatura) Logging (memorizzazione dei dati) e Telelettura del dato

53 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Esempio di GdM Correzione Logging Telelettura: Tali sistemi sono predisposti per il risveglio giornaliero del modem e l invio dei dati (a salvaguardia della batteria) Contatore pre-esistente + Sensore di Pressione e di Temperatura Modem GSM con Antenna Alimentazione abatteria

54 IL GAS NATURALE MISURA DEL GAS NELLA DISTRIBUZIONE Frequenza di lettura La frequenza di invio dei dati giornaliera è stata studiata in mododagarantirelafrequenzanecessariadiinviodeidatieil mantenimento della batteria che alimenta il dispositivo. I dati che vengono inviati sono relativi al giorno gas precedente che termina alle del mattino.

55 Metering & Billing

56 Reti degli Smart Meters Riferimenti Normativi: La specifica tecnica UNI/TS definisce l architettura del sistema di telelettura per i gruppi di misura delle reti di trasporto e distribuzione del gas introducendo prescrizioni relative alle funzioni minime che devono essere svolte dai dispositivi che lo compongono La Delibera 155/08 rende obbligatoria, secondo una pianificazione temporale graduale, la messa in servizio, per tutti i punti di riconsegna delle reti di distribuzione del gas naturale, di gruppi di misura caratterizzati dai requisiti funzionali minimi individuati per classe di appartenenza

57 Architettura del sistema

58 Definizioni 1/2 Dispositivo domestico: dispositivo abilitato ad operare nel sistema di telelettura attraverso il monitor dei consumi gas dell utenza con relativa quantificazione economica GdM: gruppo di misura (parte dell impianto di alimentazione del cliente finale che serve per l intercettazione, la misura del gas e il collegamento all impianto interno del cliente) Ripetitore: dispositivo del sistema che estende la lunghezza fisica della rete senza modificare il protocollo di trasmissione Traslatore: dispositivo del sistema che opera una trasformazione del protocollo di comunicazione

59 Definizioni 2/2 Concentratore: dispositivo periferico intelligente destinato alla raccolta dei dati di prelievo, loro elaborazione e ritrasmissione al SAC SAC (Sistema di Accesso Centrale): modulo funzionale che si occupa della gestione della rete e dell accesso ai dispositivi di campo, realizzando l interfaccia di comunicazione tra i centri e igdm Centro: svolgono le attività di configurazione dei GdM e ricevono i dati di consumo e diagnostici da essi; per comunicare coi GdM usano i SAC.

60 Configurazioni Centri gerarchici: solo un centro (SAC) è abilitato a gestire la rete, quindi leggere e configurare i GdM, mentre gli altri centri hanno accesso solo attraverso il SAC Centri non gerarchici: tutti i centri autorizzati possono avere accesso ai GdM(multiaccesso)

61 Comunicazione tra dispositivi I GdM possono essere gestiti: direttamente dal SAC con protocolli punto-punto PP4 dai centri attraverso concentratori I concentratori comunicano: con i GdM mediante comunicazione wireless con protocollo punto multiplo PM1 con il SAC mediante protocolli punto-punto PP3 La comunicazione tra tutti i componenti deve avvenire garantendo un elevata protezione dei dati trasmessi: modalità crittografata secondo standard AES 128

62 Profili di protocollo 1/2 Profilo punto-multi punto PM1: possono essere utilizzati per la comunicazione tra i GdM di classe A, A1 e A2 e i dispositivi Concentratori Profilo punto-multi punto PM2: raccoglie tutti i protocolli che sono impiegati per la comunicazione tra GdM e Concentratore e sono integrativi all'impiego di quelli previsti in PM1 (definisce quindi mezzi trasmissivi e protocolli per la comunicazione tra traslatori) Profilo punto-punto PP3: possono essere utilizzati per la comunicazione tra i dispositivi Concentratori ed i SAC

63 Profili di protocollo 2/2 Profilo punto-punto PP4: permettono la comunicazione tra GdMeSACinmododiretto,tramiteiseguentimezzifisici: rete telefonica PSTN retegsm Dati retegsm SMS reti TCP/IP con indirizzo IP statico o dinamico(per esempio GPRS) protocolli CTE, CTR, DLMS, COSEM Profilo punto-punto PP5: permettono la comunicazione punto punto tra i SAC e i centri di altri gestori, che a qualsiasi titolo vengono autorizzati a interagire con i GdM

64 Servizi del sistema di Telelettura Il sistema di telelettura deve assicurare supporto a: Sincronizzazione Rilevazione e segnalazione frode Capacità multi tariffaria dinamica Gestione della fornitura Informazioni al consumatore Aggiornamento software Misura e profili di carico Gestione e manutenzione infrastruttura Rilevazione anomalie Gestione della sicurezza

65 Servizi - Sincronizzazione La sincronizzazione è l insieme dei servizi che permettono di disporre in tutti i componenti di una base di riferimento dei tempi sincronizzata: il disallineamento tra gli orologi del concentratore e del SAC deve essere contenuto entro 10 secondi il disallineamento tra gli orologi del ripetitore e del concentratore deve essere contenuto entro 2 secondi il disallineamento tra gli orologi del concentratore e del GdM deve essere contenuto entro 2 secondi per i GdM gestiti direttamente dal SAC, il disallineamento tra SACeGdMdeveesseremantenutoentro60secondi

66 Servizi - Rilevazione e segnalazione frode Ogni apparato della rete deve essere in grado di rilevare tentativi di frode, rilevando le seguenti condizioni: Interruzione alimentazione Disconnessione di uno o più moduli fisici Tentativo di configurazione/modifica non autorizzato Tentativo di accesso con chiavi alterate Applicazione di campi esterni Accesso alle parti elettroniche e registrando l allarme nel registro eventi con data e ora della rilevazione e codice standard della condizione

67 Servizi - Capacità multi tariffaria dinamica Il servizio deve permettere la configurazione di un nuovo programma tariffario nel GdM, permettendo così: l elaborazione dei consumi gas su fasce tariffarie articolate la configurazione e riconfigurazione dei programmi anche da remoto

68 Servizi Gestione della fornitura Il servizio deve permettere la chiusura e l abilitazione all apertura della valvola dei GdM che ne sono dotati, ovvero al ripristino della fornitura nel GdM. La chiusura/apertura della valvola deve dar luogo ad un evento che il GdM registra nel proprio registro eventi.

69 Servizi Informazioni al consumatore Insieme dei servizi che permettono di comunicare con dispositivi del cliente finale per fornire informazioni utili al risparmio energetico Tali dati vengono visualizzati sul display elettronico del GdM: il servizio è attivato dal GdM quando richiesto dall utente e deve visualizzare i dati entro un tempo non maggiore ai 3 secondi.

70 Servizi Aggiornamento software Il servizio deve permettere l aggiornamentodel softwaredi tutti i componenti del sistema anche da remoto Il SAC attiva il servizio quando necessario su: GdM Ripetitore/traslatore Concentratore

71 Servizi Misura e profili di carico Insieme dei servizi che permettono: la misuradelle quantità di gas erogate relativa computazione in registri organizzati (profili di carico) relativa trasmissione al centro di pertinenza Tale servizio consente di registrare nel database del SAC i dati elaborati dal GDM, relativamente a: Lettura registri tariffari Lettura curve di carico

72 Servizi Gestione e manutenzione infrastruttura Insieme dei servizi che consentono di rilevare variazioni significative per il funzionamento del sistema, per poter così attivare soluzioni automatiche o manuali per ripristinare le condizioni ottimali di funzionamento

73 Servizi Rilevazione anomalie Insieme dei servizi destinati alla rilevazione di anomalie funzionali degli apparati e la loro segnalazione ai centri di pertinenza: tutti gli apparati devono prevedere una funzione diagnostica che verifica l attendibilità della propria base dei dati Se l apparato evidenzia che un dato elaborato/registrato è in attendibile e non può essere recuperato il valore corretto, tale condizione deve essere segnalata in modo che il dato non venga utilizzato

74 Servizi - Gestione della sicurezza Insieme dei servizi destinati a configurare le funzioni preposte a garantire la sicurezza e la riservatezza delle comunicazioni e l accesso alle informazioni memorizzate nei dispositivi della rete da parte di personale non autorizzato Le comunicazioni tra gli apparati di sistema devono essere assoggettate a crittografia: algoritmo AES con chiave a 128 bit bilanciata

75 Classi di GdM I GdM che operano nel sistema di telelettura sono distinti in classi in relazione al campo di applicazione, alle funzioni che devono espletare ed ai dati che elaborano GdM con contatore >G40 si suddividono in: Classe A Classe B Classe C GdM con contatore G10<=GdM<=G40 corrispondono alla classe A1 GdM con contatore <G10 corrispondono alla classe A2

76 Moduli funzionali di un GdM I GdM sono costituiti dai seguenti moduli funzionali: Il contatore realizza la misura del gas (attraverso qualsiasi tecnica) MISURA CONVERSIONE DEI VOLUMI Il correttore attraverso appositi sensori rileva pressione e temperatura Fase di registrazione di tutti dati necessari e utili alla telelettura) REGISTRAZIONE DEI DATI COMUNICAZIONE Comunicazione vera e propria della telelettura dal GdM verso il Centro

77 Rilevazione e registrazione dati

78 Dati essenziali I volumi di gas erogati in ogni singolo intervallo temporale (orario/giornaliero/mensile) devono essere registrati mediante totalizzatori che si azzerano allo scadere del medesimo, riportando le frazioni decimali all intervallo successivo I GdM devono permettere la misura del gas prelevato e la registrazione di tale misura in almeno 4 registri totalizzatori incrementali separati (1 assoluto + 3 di fascia) non modificabili e che si azzerano solo al raggiungimento del loro massimo valore I registri di fascia si abilitano alternativamente in un massimo di 5 intervalli temporali giornalieri secondo il programma tariffario impostato

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID)

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) HM 10 16 25 Hybrid Meter Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) SMART GAS METER HM series G10 G16 G25 HyMeter è un contatore per uso commerciale a tecnologia ibrida. Combina le caratteristiche

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 40/11 Possibile revisione degli obblighi di messa in servizio dei gruppi di misura previsti dall allegato a alla deliberazione dell Autorità ARG/gas 155/08 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 06

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Valido dall 1 gennaio 2015 Versione modificata con le deliberazioni

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

Il Process Engineering Manual: uno strumento di sussidio pratico alle attività dell ingegnere. Ing. Luigi Ciampitti Coordinatore GdL PEM, AIDIC

Il Process Engineering Manual: uno strumento di sussidio pratico alle attività dell ingegnere. Ing. Luigi Ciampitti Coordinatore GdL PEM, AIDIC Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Il Process Engineering Manual: uno strumento di sussidio pratico alle attività dell ingegnere Ing. Luigi Ciampitti Coordinatore GdL PEM, AIDIC 1.0 I MANUALI

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE Pagina. M 1 Cronotermostati M 3 Termostati.. M 4 Centraline climatiche M 4 Orologi M 6 Accessori abbinabili a centraline Climatiche e termoregolatori M 7 M 01

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli