Il processo collaborativo di sviluppo del software: Jazz e percorsi didattici di apprendimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il processo collaborativo di sviluppo del software: Jazz e percorsi didattici di apprendimento"

Transcript

1 Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Programmazione I Il processo collaborativo di sviluppo del software: Jazz e percorsi didattici di apprendimento Anno Accademico 2011/2012 Candidato: GRILLO ABELE Relatore: Prof. Paolo Maresca matr. N46/000774

2

3 Indice 1. Sviluppo cooperativo del software Introduzione Metodologie SCRUM Servizi e strumenti Piattaforma Jazz Rational Team Concert (RTC) Interfaccia Web-based Interfaccia Eclipse-based Rational Quality Manager (RQM) Rational Requirements Composer (RQM) Formazione degli studenti: e-learning L importanza del problema Sapere, fare, insegnare, diffondere Approccio ufficiale: materiale IBM Problematiche Approccio dinamico-visivo: le mappe Percorso di realizzazione Glossario e parole chiave Analisi comparativa Concetti Tempi di ricerca Tempi di apprendimento Considerazioni finali Conclusioni Sviluppi futuri Sitografia Bibliografia 38 Appendice 39 Intervista studente.39 Questionario di valutazione.41 III

4 IV

5 Capitolo 1 Sviluppo cooperativo del software 1.1 Introduzione Lo sviluppo del software è un argomento ormai di assoluta importanza nell informatica attuale: le richieste spasmodiche del mercato, l agguerrita concorrenza tra le case produttrici e il bisogno sempre più stringente di avere prodotti e materiale utilizzabile in tempi rapidi e in modo efficiente, spingono analisti ed ingegneri a ricercare le metodologie migliori per ottimizzare e personalizzare le numerose fasi che vanno dal lavoro commissionato dal cliente al rilascio della prima versione del software. Figura 1.1 Modello a cascata sequenziale dello sviluppo software Con il corso degli anni, l approccio basato su fasi sequenziali (Figura 1.1), senza ricicli per controllare meglio costi e tempi di lavoro, si è rivelato poco flessibile alle problematiche moderne 5

6 e troppo statico. L idea di fissare le cosiddette milestones alla fine di ogni passo e non poterle più modificare si scontra, infatti, pesantemente con la dinamicità dell idea di software: il prodotto di un processo di interscambio continuo, ricco e di confronto, tra cliente e team di sviluppo, un corpo plasmabile e modificabile in ogni momento del suo ciclo di vita in maniera sempre efficiente senza perdere di vista le funzionalità da seguire. Il concetto di base su cui poggia tutto lo sviluppo, infatti, è la condivisione di informazioni, dati e strumenti tra le persone dello stesso team di lavoro che, grazie alle ormai numerose tecnologie di comunicazione, possono interagire e confrontarsi anche da posizioni lontanissime tra loro, distanti migliaia di chilometri. Questo nuovo scenario rende la presenza di grandi sistemi di interazione all interno del processo di sviluppo software necessaria per poter realizzare nei migliori dei modi la cooperazione. Le operazioni di gestione e progettazione all interno del team diventano di importanza pari, e spesso anche superiore, alle effettive capacità tecniche di programmazione e creazione codice. Va così delineandosi un processo di sviluppo iterativo ed incrementale in cui i sottoprocessi di specifica, progettazione, testing e manutenzione viaggiano su binari paralleli. Questa tipologia di metodi viene definita agile o leggera in quanto punta ad adattarsi il più possibile ai cambiamenti dei requisiti utente. Questi ultimi, infatti, sono soggetti spesso ad una profonda evoluzione, dalla loro prima stesura all atto della commissione del lavoro fino alla sua conclusione, che non può essere predetta. L iterazione delle attività in parallelo renderà possibile il soddisfacimento delle richieste degli stakeholders: alla fine di ogni ciclo, infatti, gli artefatti realizzati dal team verranno discussi, analizzati e se necessario corretti per avere così nelle fasi successive un risultato ottimizzato alle loro esigenze. Trovando il giusto compromesso tra la tempistica delle fasi e la suddivisione del lavoro nei cicli, si potrà avere un prodotto finale efficiente, coerente al progetto iniziale ed in tempi molto più brevi rispetto all approccio sequenziale. Risulta evidente, infine, che la figura dello sviluppatore software cambia radicalmente rispetto all idea tradizionale: con lo sviluppo agile e cooperativo, esso dovrà essere competente anche e soprattutto in campi come il testing, l analisi e la progettazione, oltre che ad avere una necessaria predisposizione alla collaborazione ed al lavoro di gruppo Metodologie SCRUM Le prime metodologie agili hanno visto la luce tra la fine degli anni 80 e l inizio degli anni 90, ma è nell ultimo decennio che si è avuta una diffusione su ampia scala di questa tipologia di sviluppo software; in particolare, dopo la stipulazione del cosiddetto Manifesto agile che ha fissato i principi generali di tale approccio (2001). Da quel momento sono state presentate decine di metodologie agili come extreme Programming, Feature Driven Development, DSDM, Crystal e Lean Software Development che hanno trovato numerose applicazioni nell industria del software 6

7 mondiale. Quella, però, più utilizzata ad oggi resta la SCRUM ormai largamente alla base dei processi di sviluppo di aziende del calibro della IBM, Nokia, Google e Yahoo. Ideata e sviluppata da Ken Schwaber e Mike Beedle e distribuita da Advanced Development Methods, tale metodologia prende il nome dall omonimo termine utilizzato nel rugby: scrum, infatti, letteralmente vuol dire mischia ed in ambito sportivo indica il pacchetto di otto giocatori che si contrappone a quello avversario per conquistare il possesso della palla ovale. E chiara la metafora tra questa situazione di gioco e lo scenario agile, in particolare, tra lo scrum e il team di sviluppo che deve lavorare insieme in modo che tutti gli attori del progetto spingano nella stessa direzione, agendo come un'unica entità coordinata. Grazie infatti ad una serie di regole, metodi e ruoli ben prefissati, lo SCRUM si pone l obiettivo di sfruttare nella maniera più efficiente e corretta possibile le risorse strumentali ed umane a disposizione del team di lavoro per poter arrivare al risultato finale nella maniera più rapida e funzionale possibile. Il concetto alla base di questa metodologia è l iterazione: il processo di sviluppo infatti viene suddiviso in cicli scrupolosamente pianificati all atto dell analisi del lavoro (i cosiddetti Sprint) che permettono di giungere in maniera incrementale al rilascio del prodotto finale. Proprio questa natura dello SCRUM ha permesso il suo utilizzo non solo in ambito informatico, ma anche in molti altri settori dell industria. Al termine di ogni Sprint verrà controllato il lavoro fatto da ogni singolo membro del team e confrontato con i programmi prestabiliti in modo da poter in breve tempo adattare il lavoro futuro all evolversi in tempo reale dello sviluppo (Figura 1.2). Figura 1.2 L iterazione nello SCRUM Un punto fondamentale infatti è rappresentato dalle riunioni che scandiscono la fine di ogni iterazione e l inizio della successiva. A seconda del momento e dei problemi affrontati possono distinguersi varie tipologie di incontro: il Daily Scrum in cui si valutano i progressi e si stabilisce il lavoro fino al prossimo Daily; gli Sprint Review e gli Sprint Planning Review in cui si controlla l avanzamento verso il rilascio del prodotto e si organizza il prossimo Sprint; lo Sprint Retrospective in cui si studiano gli adattamenti da introdurre nel prossimo Sprint. Le 7

8 considerazioni fatte durante questi meeting vertono sull analisi di tre principali artefatti, che aiutano il team a tenere sempre un rapporto chiaro su ciò che è stato fatto e su ciò che va fatto. Il concetto di backlog svolge un ruolo considerevole all interno dello sviluppo come strumento essenziale per la gestione dei carichi di lavoro: il Product Backlog elenca per priorità tutti i requisiti del prodotto da realizzare; lo Sprint Backlog tiene traccia di ciò che si deve implementare durante un preciso Sprint. Per avere, invece, un sunto grafico del lavoro mancante al rilascio vengono utilizzati i cosiddetti Burn-Down Charts. L organizzazione all interno dello stesso team, invece, avviene affidando a ciascun membro un ruolo ben preciso che fissa univocamente le funzioni che gli spettano: il Product Owner ottimizza il lavoro del team ed assegna i compiti a tutti; lo Scrum Master risolve le problematiche affinché il programma di lavoro fissato nelle riunioni sia rispettato; il Team Member è colui che compie praticamente il lavoro assegnatogli. Una struttura così rigorosa e precisa (Figura 1.3), porta a vantaggi notevolissimi se confrontata con le vecchie metodologie. In primo luogo il rapporto tra cliente e team di sviluppo ne esce rafforzato e rinnovato: il primo può controllare il lavoro che finanzia giornalmente e scrupolosamente apprezzandone da subito, già dopo pochissimi giorni, l avanzamento e la qualità e potrà intervenire in ogni istante del processo indicandone modifiche da apportare e miglioramenti. Il cliente è il primo progettista e gestore del software ed effettuerà il primissimo testing ancor prima del rilascio del prodotto: risulta evidente l attenzione rivolta alla tempistica del tutto. Inoltre, grazie alle interazioni cicliche, ogni problematica viene subito identificata, isolata e risolta entro la fine dello Sprint e ciò rende il fallimento globale del sistema molto raro. Figura 1.3 Schema riassuntivo struttura SCRUM 8

9 1.2 Servizi e strumenti In un ambiente di sviluppo collaborativo del software la presenza di una infrastruttura di strumenti che permette la condivisione delle informazioni e dei dati risulta necessaria. La diffusione di Internet ormai in ogni angolo del pianeta ha certamente aiutato le metodologie agili e il loro concetto di cooperazione tra persone anche a migliaia di chilometri di distanza: non è un caso che questo tipo di sviluppo si è evoluto in maniera sostanziale soprattutto con la nascita e la crescita del Web e delle reti di calcolatori (inizi anni 90). Essendo numerose le attività di gestione e di controllo dell intero sistema, infatti, sono altrettanto numerosi i servizi che devono essere forniti dall insieme di strumenti utilizzati: Dovrà essere possibile gestire facilmente i membri all interno del team attraverso l utilizzo di ruoli che specificano in maniera precisa le mansioni di ciascuno e le proprie qualifiche. Ogni compito all interno dello sviluppo deve poter essere pianificato con chiarezza sia nel breve che nel lungo termine in modo da avere sempre ben fissato l obiettivo parziale e finale. La comunicazione nel team deve essere immediata, in tempo reale ed efficiente per poter permettere lo scambio di informazioni e la condivisione di prodotti. Tutto deve potersi svolgere in completa sicurezza e regolato attraverso diritti di accesso diversi per ogni ruolo di ogni membro. Data la ovvia concorrenza con cui si avrà accesso agli artefatti ed ai prodotti di ogni fase dello sviluppo, dovranno essere presenti sistemi di controllo di versione, i cosiddetti CVS (Concurrent Versioning Systems), che regolano e tengono traccia di ogni rilascio di ogni prodotto e che gestiscono e risolvono gli eventuali conflitti tra modifiche contemporanee dello stesso file. In questo modo è possibile tenere sempre una visione chiara dell evoluzione delle modifiche di uno specifico prodotto e poter quindi programmare al meglio gli sviluppi futuri. Dovranno essere gestiti, catalogati ed identificati tutti i tipi di bug che possono fare la loro comparsa durante una qualsiasi delle iterazioni. Ogni difetto deve essere memorizzato e descritto dettagliatamente per aiutare il team alla sua risoluzione anche in tempi successivi. Per un corretto bilanciamento dei carichi di lavoro da assegnare ad ogni membro e per una valida gestione delle attività da svolgere, si dovranno avere sempre a disposizione strumenti in grado di dare un idea immediata del lavoro svolto e da svolgere; grafici, tempi di sviluppo, percentuali di attività concluse e dati simili dovranno accompagnare gli sviluppatori durante tutto il processo in modo che abbiano sempre tutte le informazioni utili a portata di mano. 9

10 1.3 Piattaforma Jazz Il nuovo approccio collaborativo ed iterativo introdotto dalle metodologie agili, come ad esempio quella SCRUM, ha permesso un riutilizzo ottimizzato di tutto ciò che in ambito di sviluppo software era già stato ampiamente regolarizzato nei decenni precedenti: cambia ora il modo di svolgere quelle stesse attività in nome dell integrazione, della condivisione e della cooperazione. L approccio cosiddetto C/ALM (Collaborative Application Lifecycle Management) punta ad automatizzare tutte le operazioni di processo ripetitive e che non hanno necessità dell intervento diretto dell uomo, al fine di snellire considerevolmente la gestione delle attività che altrimenti crescerebbe in maniera esponenziale con l aumento del numero di membri nel team. Ciò permette in sostanza l impiego efficiente delle metodologie agili e su questi stessi concetti si basa la piattaforma Jazz: un infrastruttura solida, monolitica e soprattutto accentrante in grado di racchiudere in un unica architettura tutte le applicazioni e le attività automatizzate dello sviluppo software (platform) con la possibilità di operare in ingresso ed in uscita per integrazioni e condivisioni su ampissima scala attraverso l utilizzo della rete e delle interfacce definite dalla Jazz Integration Architecture (JIA), il tutto implementato sul sistema software Jazz Team Server che fornisce i primi servizi agli utenti. La piattaforma Jazz punta all innovazione dello sviluppo software e ad assumere una funzione d avanguardia per il futuro, il tutto open source e completamente gratuito: da qui il nome per richiamare lo stesso spirito che spinse la comunità afroamericana ad introdurre sonorità nuove e variegate negli Stati Uniti di inizio ventesimo secolo. Jazz introduce concetti chiari e ambiziosi: separa l implementazione degli strumenti dall accesso ai dati; condivide questi ultimi su database indipendenti usando protocolli Internet, non ammettendo quindi la presenza di tutti i dati in un unico luogo fisico; permette l accesso a qualsiasi informazione direttamente nel luogo in cui si risiede; utilizza strumenti progettati e realizzati in codice fruibile facilmente ed efficacemente dalla rete Web; supporta molteplici tecnologie client (Web-based, Eclipse-based, Visual Studio-based) permettendo così un uso vasto e semplificato delle proprie funzionalità; in tre semplici parole Jazz introduce un modello aperto, flessibile e distribuito. Con esso vengono poste le fondamenta per l integrazione di molti tipi di applicazioni lifecycle: oltre, infatti, al lato architetturale della piattaforma, Jazz introduce anche un ampio set di frameworks e toolkits che permettono un utilizzo più efficace, semplice ed armonico degli strumenti che andranno a lavorare in questo ambiente e di cui parleremo a breve. La prima applicazione che lavora sulla piattaforma è la Jazz Foundation che realizza i primi servizi riguardanti la gestione del server e la regolazione degli accessi ad esso attraverso un interfaccia web. E proprio attraverso questa prima application che l utente può visionare i dati effettivi del database condiviso ed il loro livello di memorizzazione e, da tale interfaccia, utilizzare lo specifico strumento da uno dei tipi di client accettato dall architettura. Inoltre è seguita la norma di realizzare ogni applicazione utilizzante Jazz con il framework Jazz Foundation Application SDK in 10

11 modo da rendere la variegatissima famiglia di tools esistenti più omogenea agli occhi dell utente (Figura 1.4). Figura 1.4 Piattaforma Jazz (da 1.4 Rational Team Concert (RTC) Tra le numerose applicazioni jazz-based in commercio, IBM Rational Team Concert è ormai quella maggiormente diffusa nel mondo dello sviluppo agile. Essa racchiude in un unico ambiente di lavoro i concetti principali delle metodologie agili puntando sulla semplificazione, gestione, ottimizzazione, visibilità e trasparenza delle attività C/ALM e dei processi finalizzati alla produzione del software. Inoltre completa le funzionalità di regolazione dell accesso ai dati già introdotte dalla Jazz Foundation con precise ed efficienti politiche di sicurezza che però non vanno ad appesantire oltremodo il complesso sistema. RTC introduce una serie di funzionalità che vanno a toccare tutti gli aspetti dello sviluppo software moderno: dal concetto di tempo reale nella collaborazione tra membri e nella valutazione dell avanzamento del processo, alla flessibilità dell utilizzo della piattaforma, dalla qualità del software all incremento della produttività globale. L utente che andrà ad agire in questo ambiente può facilmente andare a svolgere tutte queste attività grazie agli strumenti che mette a disposizione l RTC (Figura 1.5). Infatti è possibile creare i propri progetti collaborativi ex novo o utilizzare i vari modelli presenti nell ambiente e configurarli a seconda delle proprie esigenze; inoltre è possibile pianificare il lavoro (work items) e controllarlo attraverso degli specifici obiettivi dati ad ogni membro del team (task). I prodotti e le release parziali saranno poi condivisi su particolari spazi di lavoro 11

12 (repository) messi a disposizione dell intero team e su cui potranno realizzarsi facilmente analisi di ogni tipo e creare i primi report del lavoro svolto. Figura 1.5 Funzionalità del Rational Team Concert Le procedure per gestire il tutto sono lineari ed intuitive grazie alle varie viste grafiche disponibili in RTC che aiutano il cliente ad avere sempre chiara la sua posizione all interno del processo e ad agire di conseguenza: innanzitutto l utente dovrà scaricare una versione client del programma IBM specifica per l utilizzo che vuole farne (Visual Studio o Eclipse per esempio) ed installarla sul suo terminale. Dopo questa operazione dovrà registrarsi presso la community di Jazz in modo da poter accedere a tutte le funzionalità dell RTC. Avute tutte le credenziali e con la propria copia del programma già installata e pronta per l uso, l utente potrà aggregarsi ad un progetto già esistente, accettando uno specifico invito, o crearne uno nuovo per le proprie esigenze. In entrambi i casi potrà creare in poche mosse il proprio repository, che può essere pubblico, privato o ambito, per essere sempre aggiornato e sincronizzato in tempo reale con le modifiche apportate da qualsiasi membro del suo progetto a qualsiasi file. Grazie poi al gioco di viste e schermate del client RTC, lo stesso utente può addirittura modificare nella pratica il codice in formato java, o in qualunque altro formato di programmazione, nello stesso ambiente di sviluppo del software. La conferma della modifica viene ufficializzata dall operazione di check-in che avverte il team dell avvenuto salvataggio. Un ambiente così complesso, ma allo stesso tempo completo, può essere inevitabilmente soggetto a conflitti di vario genere, soprattutto in ambito di modifiche ai file: può capitare, infatti, che una modifica in locale da parte di un membro risulti all atto del check-in più vecchia di un altra effettuata da un altro membro. E possibile a questo punto seguire varie scelte sul da farsi, ma si preferisce attuare la cosiddetta unione delle modifiche, un accorgimento tanto semplice quanto funzionale. In caso di conflitti l RTC unirà, nel senso letterale del termine, la copia locale del file del membro con la copia presente nel repository pubblico del progetto in modo da non buttare via niente che potrebbe compromettere il lavoro futuro. Solo in un secondo momento, dall analisi di tale nuova risorsa, si deciderà se confermarla e quindi salvarla nello spazio di lavoro (commit) o scartarla. 12

13 Tra i vari client supportati dalla piattaforma Jazz, ad oggi, quello più utilizzato è quello basato su Eclipse, molto efficiente per operazioni di programmazione pura e progettazione, che così va ad accompagnarsi all altra interfaccia messa a disposizione degli utenti e spesso preferita per operazioni di project management e di valutazione del lavoro: la web-based Interfaccia Web-based L interfaccia Web-based nasce per venire incontro alle esigenze dell utente di gestire e controllare il proprio progetto. Con essa è possibile avere sempre una panoramica facile da visionare e semplice da utilizzare per avere ogni sezione del processo software sempre a portata di mano. Tramite essa si può accedere al Jazz Team Server attraverso il normale browser web presente sul proprio terminale senza dover installare del software aggiuntivo. Tale vista è rivolta soprattutto agli stakeholders, non interessati ai dettagli dell implementazione, ma che invece hanno tutte le intenzioni e gli interessi a seguire passo passo l evoluzione del proprio prodotto ed a verificare che le richieste siano di volta in volta seguite e soddisfatte. La pagina web principale di questo tipo di interfaccia permette all utente di inserire i propri dati per effettuare il login e poter così avere accesso al Jazz Team Server ed entrare nell area progetto di interesse. Si aprirà così una prima dashboard di progetto (Figura 1.6), un contenitore che presenterà informazioni globali riguardanti i singoli membri del team, i compiti a loro assegnati e lo stato d avanzamento del lavoro. Tutta la pagina sarà personalizzabile a seconda delle proprie esigenze: sarà possibile aggiungere o eliminare campi ed oggetti (widgets). Ogni componente presente sulla dashboard è il risultato di precise richieste query effettuate dall utente in cerca di un particolare aspetto riguardante il progetto: l interazione tra il visionatore e le informazioni è massima e, con essa, anche la snellezza delle procedure. Figura 1.6 Dashboard interfaccia web RTC 13

14 In alto alla dashboard un menù permette l accesso ad ulteriori viste di controllo in base ai permessi che si hanno per quel particolare progetto. Cliccando su Work Items sarà possibile osservare e gestire le attività del processo ed accedere a singoli elementi di lavoro attraverso specifiche richieste; oppure aggiungere nuovi items, catalogarli e completarli con file uml, grafici ed altro codice. Sempre dallo stesso menù è possibile visionare anche i piani (Plans) che regolano il lavoro assegnato, raccolgono informazioni su percentuali di sviluppo e stabiliscono collegamenti tra i singoli items. Nella sezione Report si potranno analizzare tutti i progressi del progetto. Si può tenere sotto controllo anche il repository comune contenente i dati e i prodotti realizzati nel corso delle attività attraverso la voce Source Control e gestirli invece nell area Build Interfaccia Eclipse-based L ambiente di sviluppo di programmazione Eclipse fornisce agli utenti vari plugin per poter lavorare con le funzionalità di Rational Team Concert direttamente al suo interno, unendo così le attività di realizzazione software con quelle di gestione e controllo. Il gioco di prospettive di questo client permette di lavorare su diversi livelli in base alle attività da svolgere. In questo modo è possibile configurare il proprio plugin Eclipse e i propri strumenti per ottimizzare il lavoro di particolari aspetti del processo come il testing, la progettazione, il debugging o l implementazione. Oltre alle viste e prospettive già intrinseche nell ambiente, il Rational Team Concert per Eclipse IDE ne introduce altre per gestire operazioni come il planning, l accesso in concorrenza ai repository condivisi, la gestione del server e molte altre (Figura 1.7). Figura 1.7 Prospettive in RTC per Eclipse IDE Dall interfaccia, infatti, è possibile scegliere tra varie schede procedendo da sinistra a destra: la Package Explorer mostra cartelle e sottocartelle caricate sul server e contenenti i files; la My Work tiene traccia dell avanzamento del lavoro personale; la Team Artifacts visualizza tutti i dati presenti sul server ed appartenenti a quel progetto attraverso i vari flussi a livelli; la Process 14

15 Templates mostra i vari modelli di processo utilizzabili dall ambiente per il proprio progetto; la Team Organization elenca tutti i membri costituenti il team di lavoro di quel progetto. Ogni vista, inoltre, presenterà ulteriori sottoschede (Problems, Javadoc, Declaration, Work Items, Team Advisor, Pending Changes, Builds, Repository Files, Change Explorer) contenenti altre informazioni sui singoli files, il codice, i componenti realizzati e bug riscontrati nel corso dello sviluppo. 1.5 Rational Quality Manager (RQM) IBM Rational Quality Manager permette la gestione facilitata delle fasi di testing e delle problematiche relative alla individuazione dei rischi durante la fase di sviluppo ed alle conseguenze che questi ultimi possono portare. RQM, come il già citato RTC, sfrutta le enormi potenzialità della piattaforma Jazz per realizzare un ambiente di lavoro per la creazione di report di controllo, gruppi di lavoro, piani di testing finalizzati ad un completo e continuo monitoraggio del processo software. E possibile provare le versioni demo e trial di durata 60 giorni, scaricandole direttamente dal sito ufficiale Jazz e così testare con le proprie mani le potenzialità di questo strumento che si integra ottimamente con gli altri tool della grande famiglia delle applicazioni jazz-based IBM Rational. Come prevedibile, l entità centrale di un istanza RQM è il test. Esso può riferirsi ad un particolare artifact o all intero progetto e dovrà, in entrambi i casi, essere superato bene dal software per far si che le proprietà di qualità e incorruttibilità del software siano rispettate a dovere. L organizzazione gerarchica dei test introdotta dall applicazione RQM, permette di agglomerare i singoli controlli in veri e propri piani di test spesso anche complessi ed incrociati tra loro, in modo da verificare ogni aspetto, anche il più nascosto, del prodotto che si sta realizzando. Sarà possibile, naturalmente, pianificare i testing durante tutto il corso della produzione o farli scorrere in cascata seguendo rapporti di ereditarietà di tipo padre-figlio. Di enorme importanza sarà gestire e valutare i risultati di tali test in modo da poter apportare modifiche giuste e coerenti al sistema. RQM valuta il risultato di un singolo test in base ad operazioni matematiche di media tra tre specifici valori: Verosimiglianza, Impatto e Impatto corrente. Nel conto finale del risultato di un intero piano di test entra in gioco anche la cosiddetta Gravity (tra 1 e 5), che definisce il peso in termini di importanza per il committente di quello specifico artifact: lo stesso rischio, e quindi lo stesso test, può avere, infatti, conseguenze diverse a seconda di cosa si sta analizzando. Negli ultimi tempi la IBM, in integrazione all RQM, ha introdotto la suite Worksoft Certify che punta ad ottimizzare le funzionalità già introdotte dallo strumento Rational e soprattutto ad automatizzare tutto il ciclo di vita del testing, così da velocizzare i tempi di valutazione dei rischi e di rilascio del software finale (si parla di un incremento fino al 60%) e ridurre notevolmente i costi. 15

16 1.6 Rational Requirements Composer (RRC) L applicazione jazz-based IBM Rational Requirements Composer fornisce numerose funzionalità per la gestione dei requisti di progetto. Grazie ad essa il team di sviluppo può definire, gestire e documentare ogni requisito ricavato dai vari confronti tra l analizzatore ed il committente. Come i precedenti strumenti Rational, anche l RRC sfrutta ampiamente il Web per realizzare e soddisfare le caratteristiche delle metodologie agili. Utilizza processi leggeri ed iterativi riducendo costi ed inutili rielaborazioni delle analisi delle specifiche. Rational Requirements Composer consente di gestire: I rapporti tra interlocutori molteplici (per esempio utenti, responsabili marketing, sponsor, legali, analizzatori, stakeholders) distribuiti in aree geografiche lontanissime tra loro attraverso la rete Internet. Il ciclo di vita dei requisiti che ora, grazie alla flessibilità del sistema, è più chiaro ed immediato; con questo approccio sarà possibile una maggiore collaborazione tra domanda e team e in tempi brevi si potranno fissare precisamente i requisiti. L intero processo software che risulta ottimizzato in ogni suo aspetto, dallo studio dei requisiti allo sviluppo codice, dalla gestione della qualità al testing, tutto in un ambiente integrato. 16

17 Capitolo 2 Formazione degli studenti: e-learning 2.1 L importanza del problema Con un panorama di strumenti così ampio ed articolato, di cui le tre applicazioni Rational appena viste rappresentano solo la punta dell iceberg, risulta di notevole importanza fornire allo studente, interessato a conoscere il mondo agile, una guida chiara per assimilare i concetti base ed una certa manualità con i tools. Come accennato anche in precedenza, lo sviluppo cooperativo del software è un argomento relativamente recente rispetto all evoluzione dello sviluppo del software, quindi non è stata formalizzata ancora una documentazione completa, in termini di manuali, libri o siti internet, in grado di trattarlo a dovere. Oltre a qualche articolo scientifico pubblicato in rete c è poco altro a riguardo e questo non aiuta lo studente alle prime armi a capire sia gli aspetti generali che quelli più dettagliati. In particolare tutta la parte tecnica del nuovo processo software, dalla piattaforma Jazz ai singoli strumenti di lavoro, è trattata essenzialmente solo dai siti ufficiali (come https://jazz.net) e in generale da materiale IBM, l azienda informatica che in prima persona si occupa dello sviluppo dell intera piattaforma e del rilascio periodico dei toolkits da applicare in questo ambiente. Essendo così ancora scarno il materiale da studiare ed analizzare, lo studente può trovarsi in chiara difficoltà nel ricercare i testi che possono essergli utili per una ricerca personale sull argomento. Quello che stiamo vivendo, in ambito di sviluppo informatico, è un periodo di transizione: è chiaro infatti ormai da tempo che lo sviluppo cooperativo assumerà sempre maggiori consensi con il passare del tempo e sarà sempre più adoperato nei vari settori industriali; dall altro lato, però, ci troviamo di fronte ad una documentazione la cui realizzazione è ancora in corso e che procede di 17

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Introduzione. Perché è stato scritto questo libro

Introduzione. Perché è stato scritto questo libro Introduzione Perché è stato scritto questo libro Sul mercato sono presenti molti libri introduttivi a Visual C# 2005, tuttavia l autore ha deciso di scrivere il presente volume perché è convinto che possa

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

Perché una technology agency.

Perché una technology agency. Perché una technology agency. Creatività Strategia UX design Seo WEB PROJECT Partner layer CMS abstract Un progetto web moderno è composto da elementi diversi come creatività, strategia e business che

Dettagli

Portale AOT Lab Guida all utilizzo

Portale AOT Lab Guida all utilizzo 2007 Progetto realizzato presso l Università degli Studi di Parma per i corsi di Sistemi Distribuiti e ad Agenti ( prof. A. Poggi ) e Sistemi Orientati ad Internet ( prof.ssa P. Turci ). longari@ce.unipr.it

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Avvertenze: 1) Questo NON è un manuale completo di Moodle. La guida è esplicitamente diretta a docenti poco esperti che devono cimentarsi per la prima volta

Dettagli

Eclipse e Jazz per lo sviluppo cooperativo e l e-learning

Eclipse e Jazz per lo sviluppo cooperativo e l e-learning Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Programmazione Eclipse e Jazz per lo sviluppo cooperativo e l e-learning Anno Accademico 2010/2011 Candidato: STEFANO

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Iscriversi a

Dettagli

Manuale Utente Amministrazione Trasparente GA

Manuale Utente Amministrazione Trasparente GA Manuale Utente GA IDENTIFICATIVO DOCUMENTO MU_AMMINISTRAZIONETRASPARENTE-GA_1.0 Versione 1.0 Data edizione 03.05.2013 1 Albo Pretorio On Line TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione

Dettagli

Bravo Manufacturing Overview del prodotto

Bravo Manufacturing Overview del prodotto Bravo Manufacturing Overview del prodotto Sommario Cos è Bravo Manufacturing?... 2 Architettura del sistema... 3 Funzionalità chiave del sistema... 4 Flusso di lavoro... 5 1. Rileva... 6 2. Analizza...

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

Realizzato su richiesta dell agenzia dinamica con poco tempo a disposizione. Dettagli dell interfaccia utente

Realizzato su richiesta dell agenzia dinamica con poco tempo a disposizione. Dettagli dell interfaccia utente Realizzato su richiesta dell agenzia dinamica con poco tempo a disposizione Dettagli dell interfaccia utente L interfaccia di Data Domus è omogenea, intuitiva e mostra solo il necessario per quel particolare

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP MASTER IN WEB DESIGN

È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP MASTER IN WEB DESIGN MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN WEB DESIGN CERTIFIED ASSOCIATE ABC FORMAZIONE PROFESSIONALE Viale degli Ammiragli,

Dettagli

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini San Severino Marche Paciaroni Sara e Zega Michela - 1 - Titolo Some news in Med. Lasciatevi travolgere dalle nuove tecnologie. Abstract Oggi sono molte le

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

La piattaforma. ischool: Didattica Online

La piattaforma. ischool: Didattica Online La piattaforma ischool: Didattica Online La piattaforma ischool: Didattica Online fornisce una serie di servizi online didattici ed extradidattici per gli utenti del liceo scientifico Arturo Tosi di Busto

Dettagli

EasySchool. - il modulo per la generazione automatica dell orario delle lezioni negli istituti scolastici - Powered by EasyStaff

EasySchool. - il modulo per la generazione automatica dell orario delle lezioni negli istituti scolastici - Powered by EasyStaff EasySchool - il modulo per la generazione automatica dell orario delle lezioni negli istituti scolastici - Powered by EasyStaff Pag. 1 La realizzazione dell orario delle lezioni rappresenta per ogni scuola

Dettagli

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti Studium.UniCT Tutorial Studenti v. 6 06/03/2014 Pagina 1 Sommario 1. COS È STUDIUM.UniCT... 3 2. COME ACCEDERE A STUDIUM.UniCT... 3 3. COME PERSONALIZZARE IL PROFILO...

Dettagli

MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013. AWI Assistenza Web Integrata (Service Desk On Line)

MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013. AWI Assistenza Web Integrata (Service Desk On Line) Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013 (Service Desk On Line) RTI : HP Enterprise Services

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

Il mondo del CRM: la gestione e la fidelizzazione del cliente

Il mondo del CRM: la gestione e la fidelizzazione del cliente Il mondo del CRM: la gestione e la fidelizzazione del cliente Il concetto di Customer relationship management (termine inglese spesso abbreviato in CRM) è legato al concetto di fidelizzazione dei clienti.

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

2. e i risultati che si vogliono conseguire

2. e i risultati che si vogliono conseguire L obiettivo di questo intervento consiste nel mostrare come trarre la massima efficienza nelle operazioni multi-canale di vendita e sincronizzazione online. Per efficienza si intende la migliore coniugazione

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net Una piattaforma LMS open-source: a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net I modelli di formazione in modalità e-learning richiedono necessariamente l utilizzo di una tecnologia per la

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM CONTENT MANAGEMENT SYSTEM P-2 PARLARE IN MULTICANALE Creare un portale complesso e ricco di informazioni continuamente aggiornate, disponibile su più canali (web, mobile, iphone, ipad) richiede competenze

Dettagli

Documentazione del Software Altairnet S.r.l.

Documentazione del Software Altairnet S.r.l. Documentazione del Software Altairnet S.r.l. Contenuti Introduzione... 2 Primi Passi... 3 Iscrizione, conferma dell account e primo accesso... 3 Acquisto del pacchetto Stabilimento... 3 Configurazione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI]

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] 2014 FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] Cosa è. Il portale Docebo è una piattaforma E-Learning e un Content Management System Open Source che La Fondazione Angelo Colocci ha deciso di

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Che cosa sono gli ebook

Che cosa sono gli ebook Che cosa sono gli ebook Per capire meglio che cosa sono gli ebook proviamo ad attivare una discussione preliminare sulle caratteristiche e i significati di questa nuova tecnologia del libro. Questo stesso

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario elettronico

Guida alla compilazione del questionario elettronico Sommario 1. Il questionario elettronico... 1 1.1 Prerequisiti... 1 1.2 Accesso al questionario elettronico... 2 1.2.1 Procedura di primo accesso per i rispondenti... 3 1.2.2 Procedura di cambio/recupero

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

Relazione Progetto. Restaurant Manager. Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015. Sara Sintoni Matteo Venditto

Relazione Progetto. Restaurant Manager. Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015. Sara Sintoni Matteo Venditto Relazione Progetto Restaurant Manager Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015 Autori: Daniele Rosetti Sara Sintoni Matteo Venditto Indice 1. Analisi 3 1.1 Requisiti... 3 1.2 Problema...

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Primi passi con Jamio Composer Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Comporre una nuova soluzione applicativa Jamio Composer è l ambiente di modellazione della piattaforma Jamio. Le soluzioni

Dettagli

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Premessa: La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

YO Y U O R U OP O E P R E A R T A O T R O G R D G O GESTIONE VOLANTINI

YO Y U O R U OP O E P R E A R T A O T R O G R D G O GESTIONE VOLANTINI YOUROPERATORGDO GESTIONE VOLANTINI YOUROPERATORGDO GESTIONE VOLANTINI Introduzione Più volte al mese milioni di volantini pubblicitari vengono distribuiti ai consumatori riportando le offerte e le promozioni

Dettagli

In particolare ITCube garantisce:

In particolare ITCube garantisce: InfoTecna ITCube Il merchandising, ossia la gestione dello stato dei prodotti all interno dei punti vendita della grande distribuzione, è una delle componenti fondamentali del Trade Marketing e per sua

Dettagli

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia INTERNET, uno strumento per la didattica della storia Internet e Storia Internet Internet è come la più grande rete mondiale ed anche detta rete delle reti che collega centinaia di milioni di computer.

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Presentazione piattaforma Csv

Presentazione piattaforma Csv Presentazione piattaforma Csv Il Csv di Rovigo ha preparato una piattaforma web con l obiettivo di fornire alle associazioni che lo richiedono la possibilità di creare e mantenere in modo semplice un sito

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS. www.imytech.it

MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS. www.imytech.it MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS www.imytech.it «NON È VERO CHE ABBIAMO POCO TEMPO, LA VERITÀ È CHE NE PERDIAMO MOLTO» Lucius Annaeus Seneca MIGLIORA LA PRODUZIONE CON WERMA SIGNALTECHNIK

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

Progetto di Formazione in rete. La qualità della professione docente.

Progetto di Formazione in rete. La qualità della professione docente. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI Progetto di Formazione in rete. La qualità della professione docente. ESERCITAZIONE PER L UTILIZZO DELLA WEB-INTRANET DI COLLABORAZIONE ASINCRONA SU RETE INTERNET Ing.

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets

Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets Anno Accademico : 2011-2012 Matricola Studente: De Guidi Enrico 156464 Titolo del Progetto: Let s go Data:04/09/12 Introduction: Let s go è un applicazione

Dettagli

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Gestire la complessità, adattarsi al cambiamento. Velocemente. Questa è la sfida quotidiana di ogni manager, sia in campo IT che in tutti

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico MANUALE MOODLE Gestione Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI UN CORSO MOODLE... 4 2. FORMATO DI UN CORSO MOODLE... 6 2.1. Impostazione del formato di un corso Moodle... 6 2.2.

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

Al termine del lavoro ad uno dei componenti del gruppo verrà affidato l incarico di relazionare a nome di tutto il gruppo.

Al termine del lavoro ad uno dei componenti del gruppo verrà affidato l incarico di relazionare a nome di tutto il gruppo. Pag. 1 di 5 6FRSR analizzare problemi complessi riguardanti la gestione di un sito interattivo proponendo soluzioni adeguate e facilmente utilizzabili da una utenza poco informatizzata. 2ELHWWLYL GD UDJJLXQJHUH

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Piattaforma di e-learning I.R.Fo.M

Piattaforma di e-learning I.R.Fo.M Piattaforma di e-learning I.R.Fo.M Manuale d'uso per l'utente Ver. 1.0 Maggio 2014 I.R.Fo.M. - Istituto di Ricerca e Formazione per il Mezzogiorno 1 Sommario 1. Introduzione...3 1.1 L'ambiente...3 1.2

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Riduzione effetto mosso Filtro Camera Raw Alterazione prospettica Dimensione immagine Mantieni dettagli (ingrandimento)

Riduzione effetto mosso Filtro Camera Raw Alterazione prospettica Dimensione immagine Mantieni dettagli (ingrandimento) Introduzione Presentare in poche righe un applicazione professionale come Photoshop non è semplice. La curiosità su questo programma e il suo utilizzo sono andati via via crescendo con gli anni, fino a

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli

Progettare un sito web

Progettare un sito web Progettare un sito web Fasi della progettazione La progettazione di un sito web dovrebbe passare attraverso 4 fasi differenti: 1. Raccolta e realizzazione dei contenuti e delle informazioni da pubblicare

Dettagli

Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ

Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ Teeled S.r.l. - Sede in Rapallo (GE), Corso Italia n.36/6 C.F. e P.IVA: 01931930992 - Capitale sociale: 10.000,00 - Iscritta presso la C.C.I.A.A. di Genova - R.E.A.446248

Dettagli

ECDL Base. Moduli compresi: Descrizione.

ECDL Base. Moduli compresi: Descrizione. ECDL Base Com'è facilmente deducibile anche dal nome, la certificazione ECDL Base attesta il livello essenziale di competenze informatiche e web del suo titolare, aggiornate alle funzionalità introdotte

Dettagli