158 infosalute La spesa sanitaria di parte corrente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente"

Transcript

1 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a migliaia di euro (nel 2007= migliaia di euro; nel 2006= migliaia di euro). La spesa sanitaria corrente della Provincia autonoma di Trento è stata nello stesso anno pari a migliaia di euro (nel 2007= migliaia di euro; nel 2006 = migliaia di euro) con un incidenza dello 0,94% rispetto al totale nazionale (nel 2007=0,94%). Il dettaglio, per funzioni, della spesa sanitaria corrente dell anno 2008 è descritto dalla Tabella L analisi della composizione della spesa sanitaria di parte corrente provinciale e nazionale effettuata nella precedente Tabella, consente di evidenziare quali maggiori voci di costo: il personale che incide, a livello nazionale, complessivamente per il 33,00% (in Provincia di Trento per il 37,60%) la spesa farmaceutica che, a livello nazionale, ha raggiunto il 10,51% (in Provincia di Trento si assesta all 7,67%) l acquisto di beni e servizi che, a livello nazionale, incide complessivamente per il 12,18% (in Provincia di Trento per l 11,42%). Tab Spesa sanitaria di parte corrente, per funzioni Provincia autonoma di Trento e Italia Anno Importi in migliaia di euro Funzioni di spesa spesa P. A. Trento Italia incidenza% sul totale spesa incidenza% sul totale scostamento % acquisti di esercizio , ,18 0,76 manutenzione e riparazione , ,58 0,36 assistenza sanitaria di base , ,71 0,37 farmaceutica , ,51 2,84 specialistica da pubblico 0 0, ,03 0,03 specialistica da privato , ,65 2,21 riabilitativa da pubblico , ,08 0,06 riabilitativa da privato , ,76 1,61 integrativa da pubblico 0 0, ,01 0,01 integrativa da privato , ,65 0,25 ospedaliera da pubblico 0 0, ,26 0,26 ospedaliera da privato , ,14 2,98 altra assistenza , ,30 8, infosalute 08

2 Funzioni di spesa spesa P. A. Trento Italia incidenza% sul totale spesa incidenza% sul totale scostamento % altri servizi , ,10 1,21 godimento di beni di terzi , ,84 0,04 personale ruolo sanitario , ,52 1,97 personale ruolo professionale , ,13 0,03 personale ruolo tecnico , ,76 2,02 personale ruolo amministrativo , ,59 0,59 spese amministrative e generali , ,16 0,40 servizi appaltati , ,44 1,40 accantonamenti tipici , ,64 1,09 imposte e tasse , ,50 0,34 oneri finanziari 23 0, ,49 0,49 rimanenze , ,04 0,07 oneri straordinari , ,02 0,79 totale , ,00 Fonte: Elaborazione Servizio Economia e Programmazione PAT su dati forniti dal Ministero della Salute Direzione generale della Programmazione sanitaria, dei livelli essenziali di assistenza e dei principi etici di sistema e su dati del bilancio APSS anno Graf Spesa sanitaria di parte corrente. Provincia autonoma di Trento e Italia Anno % 35% 30% 25% TRENTO ITALIA 20% 15% 10% 5% 0% Acquisti di esercizio Servizi appaltati Assistenza sanitaria di base Farmaceutica Ospedaliera esterna Altro infosalute

3 Il Grafico 3.6.1,che confronta le incidenze percentuali delle diverse voci di spesa a livello nazionale e provinciale, evidenzia che i maggiori scostamenti fra la realtà provinciale e quella nazionale riguardano in termini negativi il personale e in termini positivi la spesa farmaceutica. La Tabella espone inoltre la distribuzione della spesa sanitaria tra le regioni italiane in valori assoluti e per abitante (rapportati alla popolazione del 2007) nonché gli scostamenti della spesa pro capite dalla media nazionale, riportando anche i dati relativi alla spesa sanitaria di parte corrente dell esercizio 2007 per un utile confronto. Tab Spesa sanitaria di parte corrente. Distribuzione tra le regioni italiane e spesa pro capite Anni 2007 e In migliaia di euro Regioni Spesa 2008 Spesa pro capite Scostamenti rispetto alla media nazionale assoluto % Spesa 2007 Variazione% spesa 2008 su 2007 Piemonte , ,35 Valle d Aosta , ,44 Lombardia , ,09 P. A. Bolzano , ,26 P. A. Trento , ,88 Veneto , ,21 Friuli V. G , ,47 Liguria , ,42 Emilia R , ,22 Toscana , ,01 Umbria , ,06 Marche , ,25 Lazio , ,26 Abruzzo , ,11 Molise , ,06 Campania , ,91 Puglia , ,32 Basilicata , ,57 Calabria , ,91 Sicilia , ,60 Sardegna , ,41 Totale , infosalute 08

4 Graf Spesa sanitaria di parte corrente. Distribuzione regionale degli scostamenti dalla media nazionale - Anno % 15% 25% 35% Provincia Autonoma Bolzano Valle d Aosta Molise Liguria Lazio Provincia Autonoma Trento Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Piemonte Toscana 15% 5% Abruzzo Veneto Umbria Puglia Basilicata Lombardia Sardegna Marche Campania Sicilia Calabria Il costo pro capite complessivo del Servizio sanitario provinciale è stato di euro 1.935, superiore dell 8,95% rispetto a quello nazionale (euro 1.776); detto scostamento risulta inferiore a quello dell anno precedente (pari a 9,52%). Il Grafico permette di cogliere immediatamente l entità dei fenomeni riportando, per ogni regione, lo scostamento in termini percentuali rispetto alla media nazionale. Dal grafico emerge che la Provincia di Trento occupa il 6 posto nella graduatoria delle regioni (come nel 2007) che registrano scostamenti della spesa superiori alla media nazionale, preceduta dalla Provincia Autonoma di Bolzano (+25,96%) e dalla Valle d Aosta (15,99%), ma anche da Molise (14,58%), Liguria (11,26%) e Lazio (10,02%). Il maggiore scostamento negativo si rileva in Calabria ( 5,41%) e in altre regioni meridionali quali Sicilia ( 5,19%) e Campania ( 5,07%). infosalute

5 Dalla disomogeneità di tali variazioni traspare una sostanziale diversità nella struttura e nella quantità dell offerta di servizi sanitari da parte delle diverse regioni, che può verosimilmente incidere anche sulla qualità delle prestazioni erogate. Nel dettaglio la seguente Tabella descrive il confronto, in termini di spesa pro capite, fra la Provincia autonoma di Trento e le Regioni del Nord Est (Provincia autonoma di Bolzano, Regione Veneto e Regione Friuli Venezia Giulia) costruendo una graduatoria, secondo un ordine decrescente, che evidenzia altresì le regioni che hanno fatto registrare il valore massimo e il valore minimo rispetto alla singola voce di costo. In particolare sono analizzate le seguenti voci di costo, così come specificate nei modelli ministeriali di rendicontazione della spesa (modello CE): acquisti di esercizio comprende l acquisto di prodotti sanitari e non sanitari, al netto dei materiali per la manutenzione dei beni strumentali; manutenzioni e riparazioni comprende il costo della manutenzione ordinaria esternalizzata per i beni mobili e immobili e le loro pertinenze, nonché quello dei materiali ed accessori necessari per la stessa; assistenza sanitaria di base comprende il costo per l erogazione di prestazioni di base, quindi il costo delle convenzioni con i medici di medicina generale, con i pediatri di libera scelta, con i medici di guardia medica, il costo dei consultori e di altre convenzioni di medicina di base; assistenza farmaceutica comprende le prestazioni di assistenza farmaceutica erogate attraverso le farmacie pubbliche e private in convenzione; assistenza specialistica comprende le prestazioni di specialistica ambulatoriale e di pronto soccorso non seguite da ricovero, acquistate da soggetti pubblici della regione (IRCCS, Policlinici universitari, etc) o da soggetti privati accreditati; assistenza riabilitativa riguarda gli interventi di riabilitazione a ciclo diurno e/o continuativo rivolti al recupero funzionale e sociale di soggetti portatori di disabilità fisiche o psichiche erogati da soggetti pubblici della regione (IRCCS, Policlinici universitari) o da strutture private accreditate; assistenza integrativa comprende l erogazione di prodotti dietetici per alimentazioni particolari, presidi sanitari e materiali per la medicazione, fornitura di protesi ed ausili tecnici da parte di soggetti pubblici e privati; assistenza ospedaliera si riferisce all acquisto di prestazioni di degenza ordinaria per acuti, day hospital e day surgery, riabilitazione e lungodegenza in regime di ricovero e ospedalizzazione domiciliare, da presidi ospedalieri a gestione diretta e da strutture private accreditate; altra assistenza ed altri servizi comprende il costo delle altre forme di assistenza, nonché alcune voci residuali. In particolare sono considerate nella voce altri servizi i servizi per assistenza termale, assistenza psichiatrica, assistenza agli anziani ed ai tossicodipendenti, rimborsi ad associazioni di volontariato ed altre forme di sussidio, consulenze sanitarie e tecnico-ammi- 162 infosalute 08

6 Tab Spesa sanitaria di parte corrente pro capite. Distribuzione tra le Regioni italiane e Confronto Anno 2008 Voci di costo Trento Bolzano Veneto Friuli VG ITALIA prima ultima Acquisti di esercizio posizione Toscana Calabria Manutenzione e riparazione posizione Bolzano Calabria Assistenza sanitaria di base posizione Molise Lombardia Assistenza farmaceutica posizione Calabria Bolzano Assistenza specialistica posizione Campania Bolzano Assistenza riabilitativa posizione Basilicata Emilia R. Assistenza integrativa posizione Bolzano Marche Assistenza ospedaliera posizione Lazio Val d Aosta Altri servizi posizione Bolzano Sicilia Godimento beni di terzi posizione V. d Aosta Molise totale posizione Bolzano Lombardia Spese amministrative gen posizione V. d Aosta Puglia Servizi appaltati posizione Friuli VG Sicilia nistrative, altri servizi quali trasporti per emergenza e il trasporto di organi e sangue, oneri per il personale borsista e tirocinante, le indennità per l attività di docenza svolta da personale dipendente o da docenti esterni nei corsi di aggiornamento e formazione continua; godimento beni di terzi comprende i fitti passivi, i canoni di noleggio e i canoni di leasing delle attrezzature tecniche e sanitarie, nonché tutte le altre forme di godimento di beni di terzi; personale riguarda tutti i costi del personale assunto a qualunque titolo, che svolga le mansioni ascrivibili allo specifico ruolo; infosalute

7 spese amministrative e generali comprendono le indennità e gli oneri sociali per i membri degli organi amministrativi (direttore generale, collegio sindacale etc.), le spese di assicurazione e le spese legali, nonché tutte le altre spese amministrative (postali, telefoniche, pubblicità, luce etc.); servizi appaltati riguarda servizio di lavanderia, servizio di pulizia, servizio mensa, riscaldamento, servizio elaborazione dati, trasporti non sanitari, smaltimento rifiuti, servizio di tesoreria e servizio di vigilanza. La graduatoria della spesa sanitaria complessiva pro capite evidenzia situazioni molto disomogenee dalle quali traspare una sostanziale diversità, nelle diverse regioni italiane, riguardo alla tipologia e quantità dell offerta di servizi sanitari. In particolare, va segnalato, con riferimento alla situazione della Provincia autonoma di Trento, che: è stata esclusa, fin dal 1995, dal riparto del Fondo sanitario nazionale e quindi finanzia con le risorse del proprio bilancio il Servizio sanitario provinciale ed esercita il proprio potere legislativo concorrente osservando i princìpi di riforma economico-sociale e i princìpi fondamentali dell ordinamento giuridico che derivano dalla normativa nazionale; assegna notevole importanza al settore sanitario e ciò è provato, dalla spesa pro capite fra le più elevate d Italia (euro nel 2007 ed euro nel 2008) con uno scostamento rispetto a quella nazionale mediamente di quasi 9 punti percentuali; la maggior spesa sanitaria deriva essenzialmente da: una forte dotazione di posti letto in RSA un maggior costo del personale dipendente e convenzionato derivante dalla contrattazione autonoma una certa complessità organizzativa dovuta al territorio di montagna; rispetto all anno 2007 si è registrato un incremento della spesa sanitaria pari al 3,88% (37,6 milioni di euro) derivante principalmente da: aumento del costo del personale (+4,93%) legato essenzialmente dall aumento del numero di personale in servizio: il personale è aumentato di 118,95 unità equivalenti, prevalentemente nell area del comparto; aumento della spesa per assistenza riabilitativa (205,89%) e integrativa (+24,65) aumento spesa per godimento di beni di terzi (+29,08%) aumento della spesa per servizi appaltati (25,81%) determinato da una molteplicità di cause. Al fine di un raccordo con i dati esposti in precedenza si rammenta che il modello LA (livelli di assistenza) riporta i dati di spesa al lordo sia delle entrate proprie derivanti dall autofinanziamento (per servizi resi a pagamento, per ticket, per rimborsi e recuperi etc.), sia di voci di spesa quali la mobilità sanitaria ed altri elementi tipici della contabilità economica che rappresentano costi non finanziari (ammor- 164 infosalute 08

8 tamenti, accantonamenti, variazione delle rimanenze, svalutazioni, sopravvenienze e insussistenze) ed al netto degli oneri per le attività libero professionali. Tab Raccordo con i dati relativi alla spesa sanitaria per Livello di Assistenza Anno In migliaia di euro Totale spesa sanitaria (mod. CE) Attività libero professionali Totale modello LA Ammortamenti e svalutazioni Mobilità sanitaria passiva Totale spesa sanitaria Particolarmente utile risulta anche l analisi della spesa complessiva secondo la suddivisione per livelli di assistenza. Il livello assistenza sanitaria collettiva in ambienti di vita e di lavoro ha assorbito nel corso dell anno 2008 una spesa di euro (nel 2007= nel 2006 = nel 2005 = ), articolata secondo quanto esposto nella Tabella Tab Spesa sanitaria di parte corrente. 1 Livello: Assistenza sanitaria collettiva in ambienti di vita e di lavoro Anno 2008 Beni Acquisti di servizi Macrovoci economiche Beni sanitari Beni non sanitari Prestazioni sanitarie Servizi sanitari per erogazione delle prestazioni Servizi non sanitari del ruolo sanitario del ruolo professionale del ruolo tecnico del ruolo amministrativo Ammortamenti Sopravvenienze/insussitenze Altri costi Totale Igiene e sanità pubblica Igiene degli alimenti e della nutrizione Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro Sanità pubblica veterinaria Attività di prevenzione rivolta alla persona Servizio Medico legale Totale infosalute

9 La spesa assorbita da questo livello d assistenza risulta pari al 3,09% della spesa sanitaria provinciale complessiva dell anno 2008 (nel 2007=3,12- nel 2006=3,23% nel 2005=3,47%). Il livello dell assistenza distrettuale ha assorbito nel 2008 una spesa di euro (nel 2007= nel 2006= nel 2005= ), articolata come evidenziato nella Tabella Tab Spesa sanitaria di parte corrente. 2 Livello: Assistenza distrettuale Anno 2008 Beni Acquisti di servizi Macrovoci economiche Beni sanitari Beni non sanitari Prestazioni sanitarie Servizi sanitari per erogazione delle prestazioni Servizi non sanitari del ruolo sanitario del ruolo professionale del ruolo tecnico del ruolo amministrativo Ammortamenti Sopravvenienze/insussitenze Altri costi Totale Guardia medica Medicina generale Medicina generica Pediatria di libera scelta Emergenza sanitaria Assistenza farmaceutica Farmacie convenzionate Altre forme di assistenza Assistenza integrativa Assistenza specialistica Attività clinica Attività di laboratorio Attività di diagnostica strumentale e per immagini Assistenza protesica Assistenza territoriale, ambulatoriale e domiciliare Assistenza programmata a domicilio Assistenza alle donne famiglie e coppie Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti continua > 166 infosalute 08

10 Assistenza agli anziani Assistenza ai malati terminali Assistenza alle persone affette da HIV Assistenza territoriale e semiresidenziale Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza alle persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza territoriale residenziale Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza alle persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza idrotermale Totale La spesa sanitaria assorbita da questo livello d assistenza risulta pari al 50,40% della spesa sanitaria provinciale complessiva dell anno 2008 (nel 2007=49,69 nel 2006=49,65 nel 2005= 49,04). Il livello dell assistenza ospedaliera ha assorbito nel 2008 una spesa di euro (nel 2007= nel 2006= nel 2005= ), articolata come evidenziato nella Tabella La spesa sanitaria assorbita da questo livello d assistenza risulta pari al 46,51% (nel 2007=47,19 nel 2006=47,12 nel 2005=47,50) della spesa sanitaria provinciale complessiva dell anno Il Grafico rappresenta la distribuzione percentuale della spesa corrente fra i 3 livelli di assistenza. infosalute

11 Tab Spesa sanitaria di parte corrente. 3 Livello: Assistenza ospedaliera (urgenzaemergenza inclusa) Anno 2008 Beni Acquisti di servizi Macrovoci economiche Beni sanitari Beni non sanitari Prestazioni sanitarie Servizi sanitari per erogazione delle prestazioni Servizi non sanitari del ruolo sanitario del ruolo professionale del ruolo tecnico del ruolo amministrativo Ammortamenti Sopravvenienze/insussitenze Altri costi Totale Attività di pronto soccorso Ass. ospedaliera per acuti in day hospital e day surgery in degenza ordinaria Interventi ospedalieri a domicilio Assistenza ospedaliera per lungodegenti Assistenza ospedaliera per riabilitazione Emocomponenti e servizi trasfusionali Trapianti organi e tessuti Totale Graf Spesa sanitaria di parte corrente, per Livelli di Assistenza Anno 2008 COLLETTIVA 3,09% OSPEDALIERA 46,51% DISTRETTUALE 50,40% 168 infosalute 08

12 La consistenza complessiva del personale - che l Azienda sanitaria ha utilizzato per garantire il funzionamento del Servizio sanitario provinciale, lo svolgimento delle attività e l erogazione delle relative prestazioni, nonchè per attivare nuovi servizi - si è attestata nell esercizio 2008, su unità equivalenti medie. Tab dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari. Unità equivalenti Anni personale regime tempo pieno personale regime tempo parziale personale unità equivalenti (dicembre) Graf dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, distinto per ruolo. Unità equivalenti Anni ruolo sanitario ruolo tecnico dirigenti sanitari ruolo amministrativo e altri infosalute

13 L incremento del numero di persone in servizio rispetto al 2007 (+ 193; 2,5%) è accompagnato da un aumento del ricorso all istituto del part time. Il Grafico descrive la consistenza delle risorse umane a disposizione dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, suddivise per ruolo 43, nel perido La Tabella e il Grafico descrivono la consistenza media delle risorse umane a disposizione dell Azienda provinciale per i servizi sanitari nel corso dell anno 2008 (media annuale) in termini d unità equivalenti di personale e relativo costo. Tab dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari. Unità equivalenti e Costo Anno 2008 QUALIFICA O MANSIONE UNITÀ EQUIVALENTI % COSTO % Direttore Medico 106,00 9, ,20 Dirigente Medico 834,41 76, ,01 Direttore Farmacista 3,00 0, ,37 Dirigente Farmacista 16,63 1, ,30 Direttore Veterinario 5,00 0, ,68 Dirigente Veterinario 38,75 3, ,24 Dirigente Biologo 23,42 2, ,84 Dirigente Chimico 2,00 0, ,17 Direttore Fisico 1,00 0, ,12 Dirigente Fisico 7,43 0, ,51 Direttore Psicologo 1,00 0, ,12 Dirigente Psicologo 48,00 4, ,41 Dirigente odontoiatra 0,33 0, ,03 Totale 1.086,96 15, ,76 Dirigente Ass. Infermieristica 1,00 0, ,06 Collab. Prof. Sanitario Esperto - Inferm 194,55 5, ,12 Collab. Prof. Sanitario - Pers. Inferm ,61 67, ,47 Oper. Prof. Sanitario Pers. Inferm. 165,50 4, ,46 Collab. Prof. Sanitario Esperto - Pers. Tec. Sanit. 25,52 0, ,97 Collab. Prof. Sanitario - Pers. Tec. Sanit. 350,48 10, ,75 continua > 43 A livello nazionale (per l intero SSN) il personale dipendente è costituito dal personale delle Aziende sanitarie locali, compreso quello degli Istituti di cura a gestione diretta, dal personale delle Aziende ospedaliere e dal personale delle Aziende ospedaliere integrate con l università. Nel 2007 tale personale ammonta a unità e risulta così ripartito: il 69,7% ruolo sanitario, il 18,3% ruolo tecnico, il 11,7% ruolo amministrativo e lo 0,2% ruolo professionale. Nell'ambito del ruolo sanitario, il personale medico è costituito da unità e quello infermieristico da unità; il rapporto fra infermieri e medici, a livello nazionale, si attesta sul valore di 2,5 infermieri per ogni medico. Nelle strutture di ricovero pubbliche ed equiparate operano medici e unità di personale infermieristico (non è compreso il personale universitario). 170 infosalute 08

14 QUALIFICA O MANSIONE UNITÀ EQUIVALENTI % COSTO % Collab. Prof. Sanitario Esperto Pers. Vigil. Ispez. 3,00 0, ,11 Collab. Prof. Sanitario Pers. Vigil. Ispez. 68,12 1, ,94 Collab. Prof. Sanitario Esperto - Pers. Riabilit. 18,42 0, ,65 Collab. Prof. Sanitario Pers. Riabilit. 286,43 8, ,40 Oper. Prof. Sanitario Pers. Riabilit. 3,19 0, ,07 Totale 3.431,83 47, ,51 Dirigente Ingegnere 11,00 0, ,33 Assistente Religioso 1,00 0, ,06 Giornalista 1,92 0, ,19 Dirigente Analista 4,75 0, ,94 Dirigente Statistico 1,50 0, ,25 Collab. Prof. Esperto Assistente Sociale 1,00 0, ,09 Collab. Prof. Assistente Sociale 14,85 0, ,97 Collaboratore Tecnico Prof. Esperto 9,53 0, ,72 Assistente Tecnico 50,91 2, ,19 Collaboratore Tecnico Prof. 33,45 1, ,47 Operatore Tecnico Specializzato 347,80 20, ,45 Operatore Tecnico 268,77 15, ,62 Operatore Tecnico Addetto All'assistenza 32,82 1, ,79 Operatore Socio Sanitario 699,95 40, ,92 Ausiliario Specializzato 259,82 14, ,03 Totale 1.739,07 24, ,76 Dirigente Amministrativo 21,92 2, ,34 Collab. Amministrativo Prof. Esperto 34,15 3, ,81 Collab. Amministrativo Prof. 109,15 12, ,10 Assistente Amministrativo 396,30 43, ,61 Coadiutore Amministrativo 331,61 36, ,23 Direttore 10,17 1, ,91 Totale 903,30 12, ,10 Altri 1,00 1, ,70 Pat 4 livello 0,88 1, ,57 Pat 7 livello 5,00 8, ,25 Pat 8 livello 2,00 3, ,21 Incarico Lib. Prof. - Medico 9,99 16, ,33 Incarico Lib. Prof. - Biologo 0,62 0, ,56 Incarico Lib. Prof. - Psicologo 0,18 0, ,37 Incarico Lib. Prof. - Pers. Inferm. 36,84 59, ,67 Incarico Lib. Prof. - Pers. Tec. Sanit. 1,24 1, ,97 Incarico Lib. Prof. - Pers. Con Funz. Di Riab. 0,99 1, ,61 continua > infosalute

15 QUALIFICA O MANSIONE UNITÀ EQUIVALENTI % COSTO % Incarico Lib. Prof. - Statistico 1,06 1, ,60 Incarico Lib. Prof. - Amministrativo 2,51 4, ,17 Totale 62,31 0, ,88 TOTALE GENERALE 7.223,47 100, ,00 Graf dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari: % Unità equivalenti e Costo Anno UNITÀ EQUIVALENTI COSTO Dirigenti Sanitari Ruolo Sanitario Ruolo Professionale e Tecnico Ruolo Amministrativo e Altro Graf dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, distinto per Ruolo e Sesso Anno 2008 MASCHI FEMMINE % 62 41% % % % % % Dirigenti medici e Veterinari 88 59% Altri dirigenti % sanitario % tecnico di assistenza % tecnicoamministrativo % Totale 172 infosalute 08

16 Graf dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, per Classe di età Anno MASCHI FEMMINE anni anni anni anni oltre 60 anni Fonte: elaborazione Servizio Economia e Programmazione sanitaria PAT su dati Sistema Informativo Direzionale APSS Graf dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, per Anzianità di servizio Anno MASCHI FEMMINE anni anni anni anni anni anni anni oltre 35 anni Fonte: elaborazione Servizio Economia e Programmazione sanitaria PAT su dati Sistema Informativo Direzionale APSS infosalute

17 Rispetto ai livelli d assistenza sanitaria, il personale è funzionalmente distribuito come rappresentato nella Tabella Tab dipendente dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, per livello di assistenza Anni u. e. % u. e. % u. e. % u. e. % Collettiva in ambienti di vita e di lavoro 307 4, , , ,2 Distrettuale , , , ,7 Ospedaliera , , , ,0 Attività di supporto 435 6, , , ,1 Totale , , , ,0 Fonte: elaborazione Servizio Economia e Programmazione sanitaria PAT, su dati dell Azienda sanitaria 174 infosalute 08

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

La sostenibilità economica

La sostenibilità economica La sostenibilità economica Il contenimento dei costi come sfida per l efficienza Il crescere dei bisogni legato all invecchiamento della popolazione, con la conseguente crescita in complessità e volumi

Dettagli

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita Indagine sulla procreazione medicalmente assistita L indagine relativa alla procreazione medicalmente assistita ha prodotto solo 96 risposte, che è la percentuale del 27% rispetto al totale di 351 dei

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ Servizio Gestione accentrata Finanza Sanità

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ Servizio Gestione accentrata Finanza Sanità NOTA ILLUSTRATIVA al Conto Economico preventivo consolidato 2013 Il conto economico è stato redatto in applicazione del D.Lgs 118/2011 utilizzando lo schema di bilancio così come da comunicazione ufficiale

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1. Ente Codice 000262435000000 ASL N. 6 DEL FRIULI OCCIDENTALE - PORDENONE (GESTIONE UNICA)

DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1. Ente Codice 000262435000000 ASL N. 6 DEL FRIULI OCCIDENTALE - PORDENONE (GESTIONE UNICA) DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000262435000000 Ente Descrizione ASL N. 6 DEL FRIULI OCCIDENTALE - PORDENONE (GESTIONE UNICA) Categoria Strutture sanitarie Sotto Categoria ASL Periodo

Dettagli

STRUTTURE SANITARIE - CODICI GESTIONALI INCASSI

STRUTTURE SANITARIE - CODICI GESTIONALI INCASSI INCASSI Allegato "A" DESCRIZIONE VOCI ENTRATE DERIVANTI DALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI E DALLA VENDITA DI BENI DI CONSUMO 1100 Compartecipazione alla spesa per prestazioni sanitarie (ticket) 11.351.328,12

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Ministero della Salute. Regione Toscana

Ministero della Salute. Regione Toscana Ministero della Salute Progetto SiVeAS Sistema di Valutazione della Performance della Sanita' Italiana Proposta primi indicatori Regione Toscana Fonte dati: Ministero e database SDO 2007-2008 A cura del

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) MAGGIO 2014 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE A.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) FEBBRAIO 2013 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia L aziendalizzazione della sanità in Italia è il titolo del Rapporto Oasi 2011, analisi annuale sul Sistema sanitario nazionale a cura

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali Friuli Venezia Giulia I dati di seguito presentati sono estrapolati da quelli

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

IL PERSONALE DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

IL PERSONALE DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO 1 IL PERSONALE DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Direzione Generale del Sistema informativo e statistico sanitario Direzione Generale delle Professioni sanitarie e delle Risorse Umane del SSN Analisi statistica

Dettagli

STRUTTURE SANITARIE - CODICI GESTIONALI INCASSI

STRUTTURE SANITARIE - CODICI GESTIONALI INCASSI INCASSI Allegato "A" DESCRIZIONE VOCI ENTRATE DERIVANTI DALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI E DALLA VENDITA DI BENI DI CONSUMO 1100 Compartecipazione alla spesa per prestazioni sanitarie (ticket) 10.991.738,42

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF

Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF Gli indicatori sono riferiti all anno 2008, pertanto la loro utilizzabilità al fine di simularne l impatto a seguito dell entrata

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute)

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) 2 Giovanni Serpelloni Introduzione L analisi qui presentata

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Distress emozionale Da un indagine effettuata dalla Societa Italiana di Psico - Oncologia (SIPO) su 1108 pazienti

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

Bilancio Economico Preventivo Anno 2014

Bilancio Economico Preventivo Anno 2014 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Preventivo Anno 2014 Nota Illustrativa Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli Azienda Sanitaria

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

Finanza Locale Monitor. Servizio Studi e Ricerche Dicembre 2013

Finanza Locale Monitor. Servizio Studi e Ricerche Dicembre 2013 Servizio Studi e Ricerche Executive Summary 2 Spesa sanitaria e costi della produzione dei sistemi sanitari regionali 4 Tendenze in aggregato 4 I costi della produzione nei bilanci degli Enti sanitari

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI I dati sono aggiornati a settembre 2014. 50 miliardi di euro 130 Le previsioni di spesa sanitaria pubblica 125 120 DEF NA DEF DEF 2012 NA DEF 2012 115 NA DEF 2013 Def 2014

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta Ostuni, 26/08/2005 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto La cataratta Paolo Spolaore Indicatori SISAV proposti per la cataratta e ricavabili dalle SDO Proporzione di soggetti

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 12 DEL 09/01/2015 O G G E T T O ESERCIZIO 2015 - APPLICAZIONE ISTITUTO

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

SCOPRI I PIANI SANITARI DEDICATI A FEDERDISTRIBUZIONE

SCOPRI I PIANI SANITARI DEDICATI A FEDERDISTRIBUZIONE PREVIASS II Cassa Interaziendale di Assistenza per le Aziende clienti del Gruppo Willis Italia S.p.A. L Assistenza Sanitaria Integrativa per la distribuzione moderna organizzata SCOPRI I PIANI SANITARI

Dettagli