Il Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood CL.AN e le prospettive italiane ed europee

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood CL.AN e le prospettive italiane ed europee"

Transcript

1 Il Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood CL.AN e le prospettive italiane ed europee Dr. Daniele Rossi Presidente Cluster Agrifood AD Federalimentare Servizi Presidente Piattaforma Tecnologica Food for Life

2 L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera ECCELLENZA che primeggia sul piano della QUALITÀ, della SICUREZZA ALIMENTARE, dell INNOVAZIONE TECNOLOGICA d avanguardia, della SOSTENIBILITÀ, della BIODIVERSITA e del RISPETTO DELLA TRADIZIONE.

3 L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA: OUTLOOK 2013 L Industria alimentare italiana che Federalimentare rappresenta in Confindustria, attraverso le sue 19 Associazioni di categoria aderenti ed aggregate è uno dei pilastri dell economia nazionale ed è al centro della prima filiera economica del Paese insieme ad Agricoltura, Indotto e Distribuzione. Prevalenza significativa di PMI: aziende totali (se si considerano anche quelle con 1-2 addetti) di cui: con più di 9 addetti; con più di 19 addetti. Compra e trasforma il 72% delle materie prime agricole nazionali. Ambasciatrice del Made in Italy nel mondo: quasi l 80% dell export agroalimentare italiano è rappresentato da prestigiosi marchi industriali e DOP/IGP. Fonte: Elaborazioni e Stime Centro Studi Federalimentare su dati Istat

4 L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA: BILANCIO e PREVISIONI FATTURATO 127 miliardi di euro (+2,4%) 130 miliardi di euro (+2,4%) 132 miliardi di euro (+1,5%) PRODUZIONE* (quantità) -1,3% -0,9% -0,7% NUMERO IMPRESE INDUSTRIALI (con oltre 9 addetti) (con oltre 9 addetti) (con oltre 9 addetti) NUMERO ADDETTI ESPORTAZIONI 23,1 miliardi di euro (+10,0%) 24,7 miliardi di euro (+6,9%) 26,2 miliardi di euro (+5,8%) IMPORTAZIONI 18,5 miliardi di euro (+10,8%) SALDO 4,6 miliardi di euro (+7,0%) 18,6 miliardi di euro (+0,5%) 6,1 miliardi di euro (+32,6%) 19,4 miliardi di euro (+4,1%) 6,8 miliardi di euro (+11,5%) TOTALE CONSUMI ALIMENTARI 208 miliardi di euro (Variaz. Reale -2,0%) 208 miliardi di euro (Variaz. Reale -3%) 207 miliardi di euro (Variaz. Reale - 4%) POSIZIONE ALL INTERNO DELL INDUSTRIA MANIFATTURIERA ITALIANA 2 posto (12%) dopo settore metalmeccanico 2 posto (13%) dopo settore metalmeccanico 2 posto (13%) dopo settore metalmeccanico

5 FATTURATO PER PRODOTTO 2012 VALORI IN MLD 18% 8% 9% 1% COMPOSIZIONE DELL'OCCUPAZIONE DIRETTA 64% Commerciale; 20% Amministrazione e Finanza; 8% INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA Fonte: Elaborazioni e Stime Centro Studi Federalimentare Logistica e Magazzino; 10% Controllo e gestione qualità e sicurezza; 16% Produzione; 46%

6 EXPORT 2013 : I Principali Paesi Milioni di Euro EXPORT 2013 COMPOSIZIONE PER PRODOTTO Oli e Grassi; 7,3 Carni preparate; 5,3 Vini, Mosti, Aceto; 20,9 Primi Paesi di destinazione: 1. Germania 2. Francia 3. Usa 4. Regno Unito 5. Svizzera 6. Austria 7. Paesi Bassi 8. Spagna 9. Belgio 10. Giappone Altre Ind. Alimentari 11,3% Trasfor. Ortaggi; 7,6 I PRIMI 5 SETTORI Pasta; 8,3 Lattiero- Caseario; 9,1 Dolciario; 12,1 1. Vini, mosti, aceto: 21% 2. Dolciario: 12,1% 3. Lattiero-caseario: 9,1% 4. Pasta: 8,3% 5. Trasformaz. frutta e ortaggi: 7.6% TOT Exp 2013: 26 Mld Fonte: Elaborazione e *Stime Centro Studi Federalimentare

7 oltre il 2% del fatturato in analisi e controllo di qualità e sicurezza, l 1,6% in ricerca e sviluppo formale ed informale di prodotti e processi innovativi, oltre il 4% in nuovi impianti, automazione, ICT e logistica, PER UN TOTALE DI QUASI 10 MLD DI EURO ANNUI!

8 INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA PUNTI DI FORZA V/S PUNTI DI DEBOLEZZA PUNTI DI FORZA Ampia gamma di prodotti di alta qualità; Prodotti DOP al Top dei mercati internazionali; Stretti legami con il territorio e con il patrimonio culturale italiano; Alti standard di sicurezza; Capacità di abbinare tradizione e cosante innovazione di processo e di prodotto; Settore con doti anticicliche e calmieratrici. PUNTI DI DEBOLEZZA Settore polverizzato e poco capitalizzato; Innovazione insufficiente (soprattutto tra le PMI); Alti costi legati anche alla logistica e ai servizi (trasporti, energia, infrastrutture); Bassa crescita dell export vs Paesi competitor europei come Germania e Francia; Contraffazione (stima 6 Mld ) e imitazione (stima 54 Mld ), soprattutto vs mercati ricchi ed esigenti; Assenza catene distributive italiane nel mondo.

9 OSTACOLI LEGATI ALLA FORMAZIONE/DI NATURA CULTURALE CAPITALE SOCIALE ASSENZA DI INFORMAZIONI ASSENZA DI CONOSCENZE/COMPETENZE COSTI ELEVATI SE CONFRONTATI ALLE RISORSE DISPONIBILI RISORSE LIMITATE VINCOLI TEMPORA OSTACOLI DI NATURA GIURIDICA MANCANZA DI DINAMISMO VERSO I CLIENTI Fonte: SMEs TASK FORCE 2008

10 RICERCA, INNOVAZIONE & FORMAZIONE La promozione della cultura dell innovazione e della ricerca è la chiave di volta per la competitività e l affermazione dei nostri prodotti in Italia e all estero. Il Made in Italy alimentare del futuro deve passare attraverso la specializzazione, la ricerca e il progresso tecnologico per affermarsi, domani, come un nuovo classico nel quale s impone la nostra capacità, tutta italiana, di elaborare cultura e conoscenza, innovazione e tradizione. E essenziale che siano varate misure per lo sviluppo che facciano leva su ricerca e innovazione e provvedimenti volti a razionalizzare fondi pubblici e risorse private in settori considerati strategici, come l agroalimentare. L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA INVESTE IN R&I: oltre il 2% del fatturato in analisi e controllo di qualità e sicurezza, l 1,6% in ricerca e sviluppo formale ed informale di prodotti e processi innovativi, oltre il 4% in nuovi impianti, automazione, ICT e logistica, PER UN TOTALE DI QUASI 10 MLD DI EURO ANNUI!

11 CL.uster A.grifood N.azionale FOOD KIC 2016

12 CL.USTER A.GRIFOOD N.AZIONALE CL.A.N. Il 2 ottobre 2013 Federalimentare e Aster, assieme ai 24 soggetti componenti l Organo di Coordinamento e Gestione, tra cui Barilla, Ferrero, Inalca, Granarolo e Confindustria Umbria, hanno costituito l Associazione CL.USTER A.GRIFOOD N.AZIONALE CL.A.N. di cui è Presidente il dott. Daniele Rossi, AD di Federalimentare Servizi e Vicepresidente il Prof. Dario Braga, Prorettore dell Università di Bologna. Il CLUSTER rappresenta la coerente evoluzione di un importante percorso condiviso tra i principali attori nazionali nell intera filiera agroalimentare, della ricerca scientifica ed industriale, delle attività produttive, e delle istituzioni territoriali delle aree vocate

13 CL.USTER A.GRIFOOD N.AZIONALE CL.A.N. Difesa e incremento della competitività del sistema economico nazionale afferente alla filiera agroalimentare includendo tutte le sue componenti, dalla produzione agricola, alla trasformazione, ai settori industriali correlati (confezionamento, logistica, etc.) fino alla distribuzione e al consumo, attraverso lo stimolo dell innovazione, l accesso e la valorizzazione dei risultati delle attività di ricerca scientifica e tecnologica, la collaborazione tra enti di ricerca, imprese, istituzioni ed amministrazione pubblica Per costituire un riferimento nazionale sui temi dell agroalimentare Per collaborare agli orientamenti strategici nazionali sul tema Agrifood Per integrare le vocazioni territoriali nelle dimensioni nazionali e internazionali Per migliorare le possibilità di partecipazione ai complessi progetti internazionali Per condividere conoscenza, strumenti e opportunità di collaborazione Per affrontare con maggiori possibilità di successo le sfide globali

14 Un ambiente collaborativo e inclusivo Una opportunità di approccio strategico alla produzione intelligente nel food Una possibilità concreta di relazione permanente con le migliori competenze ed esperienze nazionali Un moltiplicatore di opportunità Un investimento per il futuro IL CLUSTER AGRIFOOD E CL.USTER A.GRIFOOD N.AZIONALE CL.A.N. - CALENDAR 12 Aprile 2013: prima riunione Organo di Coordinamento e Gestione; 2 Ottobre 2013: riunione Organo di Coordinamento e Gestione, costituzione e nomina degli organi; 11 Ottobre 2013: MIUR, firma dei provvedimenti di ammissione alle agevolazioni; 22 Ottobre 2013: riunione della Presidenza; 13 Novembre 2013: riunione gruppo di lavoro Pianificazione; 2 Dicembre 2013: riunione Organo di Coordinamento e Gestione; 17 Gennaio 2014: MIUR, firma dei decreti di concessione delle agevolazioni; 28 Gennaio 2014: riunione della Presidenza; 11 Febbraio 2014: riunione Organo di Coordinamento e Gestione; 4 Giugno 2014: Convegno Cluster Tecnologici: una risorsa Nazionale per l innovazione; 20 Giugno 2014: Assemblea CL.uster A.grifood N.azionale (Roma); Gennaio Giugno 2014: Roadshow regionali per S3.

15 IL CLUSTER AGRIFOOD A LIVELLO INTERNAZIONALE - sarà catalizzatore delle opportunità offerte da programmi co-finanziati dai fondi nazionali ed europei (specie all interno di Horizon 2020) - fornirà un contributo rilevante alle Piattaforme Tecnologiche Nazionali ed Europee (aggiornamento delle Agende Strategiche di ricerca e innovazione ), alle JPI e alla KIC Foodbest - supporterà la collaborazione ricerca-impresa attraverso la progettazione europea - attiverà scambi di dottorati e ricercatori a livello europeo e internazionale - estenderà le relazioni internazionali (collegamento con i Paesi sviluppati e con Paesi emergenti) - faciliterà il potenziamento delle infrastrutture di ricerca da dedicare al settore alimentare

16 IL CLUSTER AGRIFOOD COMPRENDE Il Piano di Sviluppo Strategico della durata di 5 anni 3 Progetti di Ricerca Industriale (comprensivi di attività di Sviluppo Sperimentale e di Formazione) della durata di 3 anni Le Lettere di Intenti delle Regioni di riferimento del Cluster CL.A.N. STRATEGIA PROGETTUALE I progetti del Cluster Agrifood costituiranno un precedente che, in coerenza con un Piano strategico di forte indirizzo industriale e territoriale, potrà: generare numerosi sotto-progetti ai quali parteciperanno anche altri soggetti non presenti nel nucleo originario potenziare ogni futura sinergia tra le attività progettuali presentati nell ambito della domanda di agevolazione di cui all Avviso 257/Ric/2012 del MIUR e possibili finanziamenti UE su azioni complementari volte a valorizzare le attività proposte

17 I TRE PROGETTI AMMESSI AL FINANZIAMENTO Le attività finanziate riguardano la Ricerca Industriale estesa ad attività di Sviluppo Sperimentale e la Formazione PARTNERSHIP n 45 Imprese (Grandi e PMI) del settore agroalimentare (7 in RER) n 6 Università, Enti di ricerca e organismi ricerca (1 in RER) n 2 Parchi scientifici e tecnologici n 1 Distretto Tecnologico SAFE&SMART - Nuove tecnologie abilitanti per la food safety e l'integritá delle filiere agro-alimentari in uno scenario globale di cui Ricerca; Formazione Durata: 36 mesi SO.FI.A. - Sostenibilità della filiera agroalimentare italiana di cui Ricerca; Formazione Durata: 36 mesi PROS.IT - PROmozione della Salute del consumatore: valorizzazione nutrizionale dei prodotti agroalimentari della tradizione italiana - 36 mesi di cui Ricerca; Formazione Durata: 36 mesi

18 LE REGIONI COINVOLTE Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Veneto Regioni che hanno presentato la lettera di intenti/regioni i cui territori sono coinvolti nelle attività progettuali Regioni che hanno già deliberato

19 GOVERNANCE E MANAGEMENT Struttura di Governance del Cluster Assemblea dei Soggetti aderenti Presidente Vice-Presidente (Federalimentare - Aster) Organo di Coordinamento e Gestione MIUR REGIONI Comitato Tecnico Scientifico Progetto 1 Progetto 2 Progetto 3

20 Membri dell' ODCG (1/2) ORGANO DI COORDINAMENTO E GESTIONE - OdCG - 1. Federalimentare Servizi s.r.l. (Coordinatore) 2. Aster S. Cons. P. A. (Coordinatore) 3. Fondazione Parco Tecnologico Padano in qualità di mandataria della ATS - Cluster Alta Tecnologia Agrofood - Regione Lombardia 4. Tecnogranda S.p.A. Cluster Piemonte Regione Piemonte 5. Distretto Tecnologico per l Innovazione Agroindustriale della Regione Molise, S. C. A R. L. - M.I.N.A Regione Molise 6. DA.Re Distretto Agroalimentare Regionale Puglia, S.C.R.L. - Regione Puglia 7. Distretto Tecnologico AgroBio e Pesca eco-compatibile della Sicilia, Consorzio per l innovazione tecnologica, Sicilia Agrobio e Pesca Ecocompatibile S.C. A R. L. Agrobiopesca Regione Sicilia 8. Consorzio di Ricerca per l'innovazione Tecnologica, la Qualità e la Sicurezza degli Alimenti dell Abruzzo, S. C. R. L. ITQSA Regione Abruzzo 9. Terre regionali toscane - Regione Toscana 10. 3A - Parco Tecnologico Agroalimentare dell'umbria Soc. cons. a r.l. - Regione Umbria

21 Membri dell' ODCG (2/2) 11. Agenzia Regionale Sardegna Ricerche Regione Sardegna 12. Polo di Ricerca e Innovazione TICASS Tecnologie Innovative per il Controllo Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile Regione Liguria 13. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile ENEA 14. Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR 15. Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura - CRA 16. Istituto Superiore di Sanità 17. Alma Mater Studiorum Universita di Bologna 18. Barilla G. e R. Fratelli 19. Soremartec Italia S.r.l. 20. Granarolo S.p.A 21. Inalca S.p.A. 22. Agenzia per la Promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE 23. Tecnoalimenti S.c.p.A. 24. Confindustria Umbria 25. Università La Sapienza Roma 26. Confagricoltura

22 ROADSHOW REGIONALE Il Cluster Agrifood ha già avviato il road show nelle Regioni italiane al fine di condividere le future linee strategiche ed il finanziamento di possibili azioni collaterali da implementare a livello regionale. Regioni coinvolte: Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Piemonte, Campania, Toscana, Sardegna, Basilicata, provincia di Trento, Sicilia, Veneto, Puglia, Marche, Liguria, Lombardia Planned Calabria, Abruzzo, Friuli V.G.

23 CONNESSIONI CON ALTRI CLUSTER

24 CL.USTER A.GRIFOOD N.AZIONALE CL.A.N. Campagna adesioni L adesione all Associazione (art.5 comma 5 dello Statuto), riservata solo agli Enti, e non alle persone fisiche, prevede il versamento di una quota di iscrizione (300 euro una tantum) ed un contributo di esercizio annuale per il 2014 (500 euro). Per aderire all Associazione è stato predisposto un apposito form on line da compilare al seguente link: https://docs.google.com/forms/d/1o9_o0aw060u7yalepyulrbx4anyolf4rfn pseo2mvec/viewform disponibile anche sul sito

25 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto SAFE&SMART Nuove tecnologie abilitanti per la food safety e l'integritá delle filiere agroalimentari in uno scenario globale (1/4) Ob 1.1 Studio e ricerca di metodologie e dispositivi innovativi per l individuazione di contaminanti chimici e biologici, allergeni e sostanze naturali antinutrizionali in alimenti processati e non Att ) Messa a punto di immunosaggi (FPIA e multiplex dipstick) per la determinazione di micotossine in cereali e prodotti derivati Att ) Sviluppo di metodi analitici per la determinazione multivalente di allergeni nelle filiere della frutta secca e del latte Att ) Sviluppo di metodiche LC-MS/MS per la determinazione simultanea di micotossine e sostanze antinutrizionali Att ) Studio di sistemi diagnostici innovativi non-distruttivi per l identificazione e quantificazione di contaminanti in diverse filiere Att ) Studio finalizzato allo sviluppo di dispositivi per la determinazione simultanea di microrganismi patogeni in matrici alimentari (latte, carne e formaggio) basati su tecnologie RT-PCR Ob 1.2 Studi e ricerche per la validazione metrologica e l implementazione nelle diverse filiere Att ) validazione metrologica dei dispositivi e delle metodologie innovative con realizzazione di nuovi materiali di riferimento Att ) Caratterizzazione e valutazione dell applicabilità alle diverse filiere dei sistemi diagnostici innovativi non-distruttivi Att ) Valutazione dell applicabilità della tecnologia DNA Bar Code per la certificazione di ingredienti e per la tracciabilità dei prodotti

26 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto SAFE&SMART Nuove tecnologie abilitanti per la food safety e l'integritá delle filiere agroalimentari in uno scenario globale (2/4) Ob 1.3 Sviluppo di piattaforme e dispositivi prototipali di sistemi diagnostici innovativi Att ) Design delle sonde biologiche per il riconoscimento dei patogeni e studio del saggio diagnostico per dispositivi biosensoristici on-line e POC Att ) Studio del sistema di detection per piattaforme e dispositivi biosensoristici on-line e POC (point of care) Att ) Sviluppo di sistemi sensoristici e/o integrati con le nanotecnologie per la determinazione di micotossine, antibiotici, allergeni, patogeni Att ) Sviluppo di un sistema sensoristico miniaturizzato per l identificazione di muffe e lieviti in prodotti lattiero-caseari Ob 2.1 Sviluppo di metodologie per qualificare l agroecosistema di produzione primaria in relazione al rischio di trasferimento di contaminanti ambientali alla catena alimentare Att ) Definizione dei parametri di qualità delle produzioni (in relazione alla minor presenza di contaminanti) da utilizzare nell ambito di valutazioni LCA e per la valorizzazione delle produzioni Att ) Sviluppo di strategie di ottimizzazione nell utilizzo del territorio, stabilendo attitudini territoriali e valutando i fattori che incidono sul contenuto di contaminanti/antinutrienti nei prodotti

27 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto SAFE&SMART Nuove tecnologie abilitanti per la food safety e l'integritá delle filiere agroalimentari in uno scenario globale (3/4) Ob 2.2 Applicazione della ricerca genomica e molecolare sulle piante e sugli organismi ad esse associati Att ) Tecnologie molecolari per l identificazione ed il trasferimento di fattori di resistenza a stress biotici Att ) Nuove strategie di controllo di patogeni e insetti basate sull uso di antagonisti naturali e loro molecole/geni Att ) Metodi metabolomici e trascrittomici per l identificazione di sostanze ad azione biopesticida e/o antinutrizionale in matrici vegetali Ob 2.3 interventi per ridurre la contaminazione di materie prime e prodotti lungo la fiera e analisi di rischio Att ) Caratterizzazione delle comunità microbiche, studi di biocompetizione molecolare, identificazione e utilizzo di nuovi starter e di sostanze naturali bioattive Att ) Selezione ed individuazione di materie prime con ridotto profilo allergenico ed identificazione mediante tecniche proteomiche del trattamento tecnologico in grado di produrre un prodotto ipoallergenico (filiera della frutta secca) Att ) Analisi del rischio della produzione cerealicola (dal campo al prodotto finito) per la presenza di micotossine e contaminanti ambientali, con individuazione di interventi per minimizzare tale rischio

28 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto SAFE&SMART Nuove tecnologie abilitanti per la food safety e l'integritá delle filiere agroalimentari in uno scenario globale (4/4) Ob 2.4 Sviluppo di una piattaforma informativa basata su architettura service oriented, multicanale e multidevice orientata all integrità delle filiere agroalimentari. Att ) Studio del modello funzionale e della architettura della piattaforma informativa nell ambito dei processi di filiera Att ) Studio dell architettura del sistema di gestione dell integrità di filiera Att ) Sviluppo della piattaforma prototipale e validazione funzionale. Att ) Studio per l integrazione dei dispositivi e sistemi lungo la filiera orientati alla smart chain Ob.3.1 Nuovi materiali e tecnologie per lo sviluppo di imballaggi ad elevate caratteristiche funzionali Att ) Studio di film polimerici e biofilm inhibition da prodotti naturali per il packaging alimentare ad attività antimicrobiche e di tecnologie di attivazione con sorgenti UV Att ) Studio di nuovi materiali e processi di trasformazione di imballaggi alimentari ad elevate caratteristiche funzionali Att ) Sviluppo di packaging attivi in grado di migliorare la conservabilità dei prodotti mantenendone la qualità Att ) Studio per l'integrazione di tecnologie per lo sviluppo di imballaggi attivabili da sorgenti UV collocate direttamente all interno dei sistemi di refrigerazione, con valutazione degli effetti sulla popolazione microbica e sulla qualità degli alimenti

29 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto SO.FI.A. - Sostenibilità della filiera agroalimentare italiana (1/2) OR.1 Interventi genomici per la sostenibilità della coltivazione del frumento OR.2 Precision farming e certificazione energeticoambientale per le filiere cerealicola e vitivinicola OR.3 Rete intelligente di tecnologie per il recupero e la valorizzazione dei sottoprodotti da carni bovine Attività Attività 1.1 (RI): Interventi genomici per migliorare la sostenibilità del frumento Attività 1.2 (SS): - Sviluppo di nuove varietà con tolleranza alla fusariosi Attività 2.1 (RI): Studio e e messa a punto delle tecnologie del sistema di monitoraggio e Data Base Attività 2.2 (SS): - Applicazione del sistema di monitoraggio Attività 2.3 (RI): - Sistema integrato di supporto alle decisioni Attività 2.4 (RI): - Certificazione di Qualità e Tracciabilità nei sistemi agroalimentari Attività 3.1 (RI): Studio e messa a punto delle soluzioni tecnologiche Attività 3.2 (SS): Sviluppo e applicazione

30 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto SO.FI.A. - Sostenibilità della filiera agroalimentare italiana (2/2) OR 4 - Recupero di sottoprodotti e biomolecole dell'industria lattiero-casearia OR.5 Metodi innovativi di gestione sostenibile, trasformazione e conservazione degli alimenti Attività Attività 4.1 (RI): Separazione delle frazioni proteiche e del lattosio dalla scotta mediante applicazione di tecnologie di membrana Attività 4.2 (SS): Sviluppo di nuovi processi per la produzione di costituenti bioattivi ad elevato valore funzionale e per la produzione biologica di carrier energetici Attività 5.1 (RI): Studio e sviluppo di soluzioni innovative per: i) refrigerazione, packaging e controllo delle contaminazioni microbiche; ii) processi produttivi sostenibili Attività 5.2 (SS): Applicazione di soluzioni innovative per: i) refrigerazione, packaging e controllo delle contaminazioni microbiche; ii) processi produttivi sostenibili

31 Risultati Attesi Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto PROS.IT PROmozione della Salute del consumatore: valorizzazione nutrizionale dei prodotti agroalimentari della tradizione Italiana (1/3) OR.1 Valorizzazione nutrizionale della produzione primaria OR.2 Isolamento e caratterizzazione di composti bioattivi alimentari OR.4 Sviluppo di alimenti funzionali per la valorizzazione della produzione del territorio OR.5 Validazione in vivo degli effetti benefici di prototipi di alimenti funzionali OR.3 Isolamento e caratterizzazione di probiotici

32 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto PROS.IT PROmozione della Salute del consumatore: valorizzazione nutrizionale dei prodotti agroalimentari della tradizione Italiana (2/3) Attività OR.1 Valorizzazione nutrizionale della produzione primaria OR.2 Isolamento e caratterizzazione composti bioattivi OR.3 Isolamento e caratterizzazione di probiotici Attività 1.1 Valorizzazione nutrizionale di farine per alimentazione umana Attività 1.2 Valorizzazione nutrizionale di farine per alimentazione animale Attività 1.3 Sperimentazione per l innovazione delle caratteristiche nutritive del latte e dei prodotti lattiero caseari Attività 1.4 Sperimentazione per la biofortificazione iodica della dieta Attività 1.5 Sperimentazione per la produzione di molluschi ad alto valore dietetico-nutrizionale allevati lungo la costa adriatica Attività 2.1 Ricerca per l innovazione e sperimentazione di nuovi bioattivi da matrici vegetali Attività 2.2 Impiego di ingredienti bioattivi innovativi e migliorati nell industria alimentare Attività 3.1 Studio di nuove formulazione probiotiche a base di ceppi microbici isolati da latte materno Attività 3.2 Caratterizzazione di next generation probiotics

33 Cluster Tecnologico Nazionale Agrifood Progetto PROS.IT PROmozione della Salute del consumatore: valorizzazione nutrizionale dei prodotti agroalimentari della tradizione Italiana (3/3) Attività OR.4 Sviluppo di alimenti funzionali per la valorizzazione della produzione del territorio OR.5 Validazione in vivo degli effetti benefici di prototipi di alimenti funzionali Attività 4.1 Valorizzazione nutrizionale dell olio di oliva Attività 4.2 Valorizzazione nutrizionale di alimenti a base di olio di oliva Attività 4.3 Sviluppo di alimenti funzionali a base di probiotici Attività 4.4 Sviluppo di nuovi alimenti funzionali derivati da cereali Attività 4.5 Sviluppo di prodotti alimentari vegetali funzionali a lunga conservazione Attività 4.6 Sviluppo di nuovi prodotti stagionati a base di carne ad alta digeribilità e basso contenuto in grassi e sale Attività 5.1 Studio in vivo degli effetti benefici di prototipi di alimenti funzionali arricchiti in probiotici Attività 5.2 Studio in vivo degli effetti benefici di prototipi di alimenti funzionali arricchiti in composti bioattivi

34 Horizon Topics Societal Challenge 2 "Food Security, Sustainable Agriculture and Forestry, Marine and Maritime and Inland Water Research and The Bioeconomy" TOPIC High quality stable and fresh foods, ready to eat, with ingredients, structure, and packaging extending 1 shelf life and reducing waste The food-human axis: effect of ingredients, processing and way of consumption on food safety and 2 human wellbeing, unlocking new mechanisms for adding functionality and value to existing and new food products Systems against food frauds, promoting food safety, food integrity, and sustainable transportation and 3 logistics 4 Re-evaluation of conventional technologies for sustainability and waste reduction Identification of markers of varieties used in the production of DOP and IGP, with the particular 5 attention to European alcoholic beverages 6 Resource efficiency in food processing Valorisation of genetic resources and technological improvements to increase the functional and 7 nutraceutical value of vegetable products and processed foods 8 Innovation supporting knowledge transfer tools & networks to SMEs 9 Innovative technology solutions for the Food Factory of the Future Organic food consumption and human health: vegetables proteins (leguminous plants), sustainability 10 and efficiency of the supply chain 11 New processed meat for meeting the requirements of healthier diet. 12 Innovative ingredients for fermented food products and related technologies (bakery, beverage etc) 13 Consumer response to food price instability: from raw materials to retailers supply Blue Mediterranean growth: Improving warm marine aquaculture by means of sustainable fish farming 14 and valuable products and by-products, also with innovative and sustainable protein and fat sources 15 New micro technologies and business models for reduction of barriers of food supply

35 GRAZIE PER L ATTENZIONE! per info:

Il Cluster Tecnologico Nazionale AgrifoodCL.ANe le prospettive italiane ed europee

Il Cluster Tecnologico Nazionale AgrifoodCL.ANe le prospettive italiane ed europee Il Cluster Tecnologico Nazionale AgrifoodCL.ANe le prospettive italiane ed europee Presidente Cluster Agrifood: Dr. Daniele Rossi AD Federalimentare Servizi Presidente Piattaforma Tecnologica Food for

Dettagli

Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera TRADIZIONE.

Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera TRADIZIONE. Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera ECCELLENZA che primeggia sul piano della QUALITÀ, della SICUREZZA ALIMENTARE, dell INNOVAZIONE TECNOLOGICA d avanguardia, di della SOSTENIBILITÀ,

Dettagli

Smart Specialisation Strategy: valorizzare le aree di specializzazione territoriale

Smart Specialisation Strategy: valorizzare le aree di specializzazione territoriale Smart Specialisation Strategy: valorizzare le aree di specializzazione territoriale Bernardino D Auria, Invitalia 27 novembre 2014 Il Progetto S3 a supporto delle politiche di ricerca e innovazione Il

Dettagli

M. Cristina Di Domizio

M. Cristina Di Domizio BioEconomy between Food & NoFood: the Italian Way Stato dell arte, traiettorie di sviluppo ed opportunità per l Italia 26 maggio Sala Auditorium della Cascina Triulza Expo 2015 Nome relatore M. Cristina

Dettagli

Tendenze nei consumi alimentari e composizione dell offerta. Daniele Rossi Direttore Generale Federalimentare

Tendenze nei consumi alimentari e composizione dell offerta. Daniele Rossi Direttore Generale Federalimentare Tendenze nei consumi alimentari e composizione dell offerta Roma, 15 maggio 2009 Daniele Rossi Direttore Generale Federalimentare 1 INDUSTRIA ALIMENTARE EUROPEA DATI DI BASE Fonte: Dati e stime CIAA per

Dettagli

L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA

L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA DANIELE ROSSI Direttore Generale 18 marzo 2013 L Industria Alimentare Italiana Stime 2012 FATTURATO 130 MILIARDI. E il 2 settore manufatturiero in Italia: insieme

Dettagli

Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR-ISPA www.ispa.cnr.it. Direttore: Antonio Logrieco

Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR-ISPA www.ispa.cnr.it. Direttore: Antonio Logrieco Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR-ISPA www.ispa.cnr.it Direttore: Antonio Logrieco La ricerca e l innovazione rappresentano il volano per la crescita ecosostenibile del nostro territorio

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia SOMMARIO 1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo 2. Evoluzione della struttura dell Industria molitoria italiana 3. L approvvigionamento

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Tradizionale e Innovativo: nell Agroalimentare si può? L esperienza del Cluster Agroalimentare Nazionale (CLAN)

Tradizionale e Innovativo: nell Agroalimentare si può? L esperienza del Cluster Agroalimentare Nazionale (CLAN) Tradizionale e Innovativo: nell Agroalimentare si può? L esperienza del Cluster Agroalimentare Nazionale (CLAN) Dr. Daniele Rossi AD Federalimentare Servizi Presidente Piattaforma Tecnologica Food for

Dettagli

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno CNA Rovigo - 16-17 Maggio 2004 Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Assemblea

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI Leda Bologni ASTER Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura CINECA 22 aprile 2015 AGENDA L iniziativa CTN I cluster costituiti Le attività di sistema I progetti di R&S

Dettagli

RTD and Innovation. Italian context. Marco Mangiantini ALPS IRC Manager

RTD and Innovation. Italian context. Marco Mangiantini ALPS IRC Manager . Marco Mangiantini ALPS IRC Manager Fattori di crescita del territorio Capacità di innovare Capacità di assorbire innovazione Capacità di coordinamento territoriale Sistema ricerca pubblico Sistema di

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

Giuseppe Martini Ricerca scientifica nel campo della salute umana come leva per lo sviluppo del territorio

Giuseppe Martini Ricerca scientifica nel campo della salute umana come leva per lo sviluppo del territorio i La Città della Salute e della Ricerca Sesto San Giovanni 27 novembre 2015 Giuseppe Martini Ricerca scientifica nel campo della salute umana come leva per lo sviluppo del territorio i distretti industriali

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Cluster tecnologico Alisei. ALISEI Advanced Life Sciences in Italy

Cluster tecnologico Alisei. ALISEI Advanced Life Sciences in Italy Cluster Alisei Cluster tecnologico Alisei ALISEI Advanced Life Sciences in Italy Cluster tecnologico nazionale Scienze della Vita Promuove interazioni nel settore della salute Tessuto produ:vo Sistema

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo Indagini di clima Metodologia Panel Ismea Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo I Panel Ismea Ismea conduce sistematicamente delle indagini congiunturali e tendenziali

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

Il contributo dei CTN alla realizzazione degli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva dell Italia

Il contributo dei CTN alla realizzazione degli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva dell Italia I Cluster Tecnologici Nazionali a supporto della strategia nazionale per la Ricerca e Innovazione Il contributo dei CTN alla realizzazione degli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

Dettagli

Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano

Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano Viviamo in un mondo globalizzato, e questa è una informazione acquisita, ma vi è ancora poca consapevolezza su ciò che in realtà globalizzazione

Dettagli

Modelli di innovazione in Puglia: il Distretto Tecnologico Agroalimentare

Modelli di innovazione in Puglia: il Distretto Tecnologico Agroalimentare Modelli di innovazione in Puglia: il Distretto Tecnologico Agroalimentare Francesca Volpe Project Manager Agrifood Innovation Day Bari, 26 ottobre 2012 L innovazione in un territorio Presenza di settori

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Il Progetto di Confindustria per competere in rete Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su programmi/progetti Superamento del localismo distrettuale

Dettagli

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ 10 Novembre 2015 Verona Dott.ssa Margherita Marin Dott. Giuseppe Guido Stefenello DI COSA PARLIAMO: 1. COS È IL CONTRATTO DI RETE: PRINCIPALI CARATTERISTICHE

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

I prodotti biologici e la filiera corta

I prodotti biologici e la filiera corta Regione Siciliana Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l agricoltura Istituto Nazionale di Economia Agraria I prodotti

Dettagli

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM CONVEGNO AREE INDUSTRIALI E POLITICHE DI PIANO 30 gennaio 2014 Roma Università Roma Tre Dipartimento di Architettura Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile

Dettagli

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE:

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: Australia, Brasile, Canada, Cina e Hong Kong, Corea

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria INDICE DELLE ATTIVITA PER AMBITO OMOGENEO (AO) AO: Studi sull impresa Osservatorio sulla responsabilità sociale delle imprese agroalimentari Farm Accountancy cost estimation and Policy analysis La filiera

Dettagli

Il Cluster SPRING e la promozione della Chimica da biomasse in Italia

Il Cluster SPRING e la promozione della Chimica da biomasse in Italia Il Cluster SPRING e la promozione della Chimica da biomasse in Italia Rimini, 6 novembre 2014 Vittorio Maglia Consiglio Direttivo SPRING e Federchimica La Chimica da Biomasse Crescente costo delle materie

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare

Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare Dipartimento Scienze Bio-Agroalimentari Direttore: Francesco Loreto e-mail: direttore.disba@cnr.it

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

Ricerca e Innovazione

Ricerca e Innovazione Ricerca e Innovazione Sinergie fra Smart Specialization Strategy e Horizon2020 Roma 9 Luglio 2014 Cluster Tecnologici Nazionali Aggregazioni organizzate di imprese, università e altre istituzioni pubbliche

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S.

Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo nel vostro futuro Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S. Università di Foggia Il progetto

Dettagli

Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione Piemonte

Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione Piemonte Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione Piemonte TRAIETTORIE e Linee di Sviluppo Anno IV Traiettoria Linee di Sviluppo Nome esteso Acronimo Nome esteso Acronimo TRA1.TRACK-CHAIN Tracciabilità,

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Cagliari, 4-5-11-12 novembre 2013

CORSO DI FORMAZIONE Cagliari, 4-5-11-12 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE Cagliari, 4-5-11-12 novembre 2013 ORIZZONTE 2020 IL NUOVO PROGRAMMA QUADRO DI FINANZIAMENTO PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE E COSME 2014 2020 IL NUOVO PROGRAMMA QUADRO PER LA COMPETITIVITA

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... (Prov. ) il.. e residente in... (Prov ) Via /P.zza... n... CAP..., C.F... P.IVA.., e-mail...

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... (Prov. ) il.. e residente in... (Prov ) Via /P.zza... n... CAP..., C.F... P.IVA.., e-mail... Allegato A AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA LONG LIST di collaboratori da impegnare in attività didattiche nell ambito del percorso di Istruzione Tecnica Superiore per: Tecnico per il controllo,

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali. Enrico Perticone, 9 giugno 2014. Copyright riservato.

Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali. Enrico Perticone, 9 giugno 2014. Copyright riservato. 1 I primi dieci esportatori mondiali di merci Valori in miliardi di USD, fonte: elaborazione su dati OMC e ICE. Valori 2012 Var.% 2011-2012 Paesi posizione 2012 2011 2010 2009 2003 2.049 7,9 Cina 1 1 1

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

L Università di Palermo per EXPO 2015. Ettore Barone Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali

L Università di Palermo per EXPO 2015. Ettore Barone Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali L L Università di Palermo per EXPO 2015 Ettore Barone Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali STRESS TEST (20 destinatari)..un possibile esempio di innovazione di processo e di prodotto da offrire come

Dettagli

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato >> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato IMPIANTI FOTOVOLTAICI Tecnologie attuali e nuovi modelli Bari 11 Dicembre 2007 ore 15,30 1 >> Fotovoltaico: situazione attuale

Dettagli

Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni

Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni Luigi Gallo Invitalia Napoli, Febbraio 2013 Il lavoro di mappatura delle

Dettagli

Programma Integrato Innovazione Automotive e Metalmeccanica. Raffaele Trivilino 12 marzo 2014

Programma Integrato Innovazione Automotive e Metalmeccanica. Raffaele Trivilino 12 marzo 2014 Programma Integrato Innovazione Automotive e Metalmeccanica Raffaele Trivilino 12 marzo 2014 LA FILIERA AUTOMOTIVE IN ABRUZZO E costituita da gruppo di imprese globalizzate, sia GI che PMI, operanti nel

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

Le Reti di Ricerca e le Piattaforme Tecnologiche

Le Reti di Ricerca e le Piattaforme Tecnologiche Le Reti di Ricerca e le Piattaforme Tecnologiche Mauro Gamboni Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento di Scienze Bio-agroalimentari A.7.3.1 - A.7.4.1 Il Ministero delle politiche agricole alimentari

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI Scheda di Presentazione della bozza dell Avviso AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI SmartPuglia 2020 è un percorso promosso dalla Regione Puglia, avviato in vista del prossimo ciclo di programmazione

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE AGRICOLO Cremona, 2 Dicembre 2013 Paolo Bonardi, EURODESK Bruxelles Politica Agricola Comune 2014-2020 L accordo politico

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

1 Forum Food & Made in Italy Un viaggio nell impresa del gusto

1 Forum Food & Made in Italy Un viaggio nell impresa del gusto 1 Forum Food & Made in Italy Un viaggio nell impresa del gusto Paolo Gibello 10 dicembre 2013 Alcuni dati dell Agroalimentare 2 Food & Agriculture Dati generali del settore Agroalimentare in Italia 204,3

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

INCONTRO ANNUALE 2010

INCONTRO ANNUALE 2010 Cagliari,14-15 ottobre 2010 INCONTRO ANNUALE 2010 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR La ricerca nei POR 1 Presentazione 1. Attività di ricerca delle imprese

Dettagli

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 1 1 Euler Hermes: Overview del Gruppo 2 Lo scenario economico: le insolvenze aziendali 3 La Partnership Euler Hermes Crédit Agricole 4 Le nostre offerte di prodotti

Dettagli

Belgrado, 29 Aprile 2014

Belgrado, 29 Aprile 2014 CONFERENZA SULLA PIATTAFORMA DI COLLABORAZIONE ITALIANA- SERBA NELLE TECNOLOGIE DEL MANIFATTURIERO AVANZATO Belgrado, 29 Aprile 2014 LE NUOVE TECNOLOGIE COME LEVA STRATEGICA PER LA COMPETITIVITA AZIENDALE

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I 3 PILASTRI DELLE PROPOSTE EUROPEE

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Nuove tecnologie per il Made in Italy

Nuove tecnologie per il Made in Italy ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY LA FILIERA AGROALIMENTARE: RISORSA PER LO SVILUPPO DELLA LOMBARDIA ITS ISTITUTO TECNICO SUPERIORE CORSO PER TECNICI SUPERIORI PER

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

Bologna, 21 ottobre 2014

Bologna, 21 ottobre 2014 HORIZON 2020 PER LE IMPRESE I servizi a supporto della partecipazione delle imprese in Emilia-Romagna Marlene Mastrolia ASTER, Sportello APRE Emilia-Romagna Bologna, 21 ottobre 2014 I REFERENTI NAZIONALI

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

COLTIVANDO LA CRESCITA

COLTIVANDO LA CRESCITA COLTIVANDO LA CRESCITA Agroindustria e agricoltura: imprese, dimensione, export I punti di forza Dall agricoltore all imprenditore agricolo Le criticità L agenda per il futuro Daniele Marini Università

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

Gli strumenti finanziari a supporto della filiera agroalimentare

Gli strumenti finanziari a supporto della filiera agroalimentare Gli strumenti finanziari a supporto della filiera agroalimentare "Bioeconomy and the Italian agrifood matrix" Gli strumenti di politica industriale per la filiera agroalimentare Stefano Barrese, Responsabile

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Distretti tecnologici: CARATTERISTICHE

Distretti tecnologici: CARATTERISTICHE Distretti tecnologici: CARATTERISTICHE Progetto proposto dalla regione, strutturato e sostenuto da opportuni studi e analisi di base Coerenza con le Linee Guida del Governo in materia di Politica Scientifica

Dettagli

MOLISEINNOVAZIONE S.C.p.A Parco Scientifico e Tecnologico del Molise per: I molisani nel mondo

MOLISEINNOVAZIONE S.C.p.A Parco Scientifico e Tecnologico del Molise per: I molisani nel mondo MOLISEINNOVAZIONE S.C.p.A Parco Scientifico e Tecnologico del Molise per: I molisani nel mondo Coordinatore Tecnico Gestore Dr. Marco Molino MOLISEINNOVAZIONE è una società consortile, a prevalente capitale

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno La pubblicità in cifre 2006 totale anno PARTE 1 I MACRO INDICATORI ECONOMICI La crescita del prodotto interno lordo Dati a prezzi costanti 1995; variazioni percentuali medie annue. paesi 1994 1995 1996

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Gentilissimi, Per eventuali necessità di chiarimenti o approfondimenti potete contattare ADM (tel. 02 777212367 info@adm-distribuzione.it).

Gentilissimi, Per eventuali necessità di chiarimenti o approfondimenti potete contattare ADM (tel. 02 777212367 info@adm-distribuzione.it). Gentilissimi, abbiamo il piacere di segnalarvi la ricerca LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA - FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA sviluppata da Nomisma per ADM, l Associazione

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli