LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16"

Transcript

1 1

2 2

3 3

4 LEGENDA ISOLATO 1. pag. 4 ISOLATO 2. pag. 7 ISOLATO 3. pag. 10 ISOLATO 4. pag. 13 ISOLATO 5. pag. 16 4

5 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 01 CATEGORIE D'INTERVENTO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' EDILIZIE Unità 1. Edificio di notevole valore architettonico che conserva integre le peculiarità dell'edilizia rurale tradizionale, caratterizzata da murature in sasso faccia a vista intonacate a raso pietra, strutture lignee ben evidenziate per il tetto ed ampie aperture ricavate all'interno della muratura. Per un eventuale recupero si potrà valutare l'opportunità di modificare il tetto nella porzione verso valle, accentuandone la forma a timpano, estesa a tutto il fronte della facciata, ripristinando però le strutture lignee principali ed il manto di copertura in cotto. Eventuali ballatoi esterni potranno essere realizzati se contenuti nei vuoti ricavati all'interno della muratura, facendo in modo di mantenere le grandi aperture finestrate dai contorni in granito. Le pertinenze dovranno mantenere la destinazione d uso attuale, cioè ad orto, realizzando eventuali muretti di contenimento delle scarpate in pietra. E da escludere qualsiasi sopraelevazione del fabbricato. Si potrà valutare l opportunità di inserire depositi per attrezzi di modeste dimensioni nelle pertinenze fra gli edifici 1 e 2, che potranno essere realizzati in legno, possibilmente aggregati alle unità specificate, come evidenziato negli schemi grafici. Categoria d'intervento: RISANAMENTO Unità 2. Edificio in condizioni statiche precarie, soprattutto per quanto riguarda la parte a sud, in ampliamento al corpo principale, costituita da un porticato con volta in piano, pilastrature in granito e sovrastrutture in legno. Le strutture lignee, che costituiscono l orditura principale del porticato risultano intonacate con la tecnica della malta in paglia e dovrebbero essere ristrutturate demolendo il cantinellato per lasciare a vista l intelaiatura principale in legno e libero il porticato soprastante. Per tale unità è da escludere la sopraelevazione. In fase di risanamento potrà essere effettuata l'intonacatura delle murature a raso pietra con sostituzione delle strutture lignee principali del tetto e di tutte le parti lignee in condizioni irrecuperabili, non modificando però la forma e la tipologia esistente; è da mantenere inoltre il ballatoio in legno, 5

6 presente nella parte alta dell edificio avente il tetto sporgente in prossimità delle murature centrali. Categoria d'intervento: RISANAMENTO Unità 3 e 4. Gli edifici accostati 3 e 4 presentano le stesse caratteristiche architettoniche, risultano completati da un punto di vista planivolumetrico e non necessitano di ulteriori sopraelevazioni o modifiche della forma originaria. L'edificio n. 4 appare di recente ristrutturazione e già concluso dal punto di vista formale; mentre per l'edificio accanto, che appare in uno stato di conservazione precario, andranno effettuati interventi di risanamento tendenti a recuperare la tipologia dell edificio n. 4. Le pareti andranno intonacate a raso pietra, facendo attenzione a non rovinare il dipinto esistente nella parte sud-est dell'edificio, che andrà mantenuto; sarà possibile realizzare ballatoi in legno nella parte alta dell unità. Categoria d'intervento: Unità 3 RISANAMENTO Categoria d'intervento: Unità 4 RISTRUTTURAZIONE Unità 5. Edificio a destinazione rurale, al quale potrà essere variata la destinazione d uso in residenziale con interventi di riqualificazione formale delle facciate e inserimento di aperture finestrate dai contorni in legno come gli esistenti incassati nella muratura. Nella parte bassa dovrebbero essere ripristinati i contorni in granito come gli esistenti. Nella parte ad est vi è un volume accostato che può essere considerato come un ampliamento in quella direzione purché venga mantenuto l'allineamento lungo la strada e la larghezza dell'edificio esistente. La sopraelevazione può essere effettuata fino a raggiungere l'altezza dell'edificio esistente. Eventuali ballatoi andranno realizzati nella parte alta e prospicienti la strada. Le pertinenze degli edifici 2, 3, 4 e 5 dovranno essere mantenute allo stato attuale sia come destinazione d'uso sia come conformazione paesaggistica e nel caso di realizzazione di muretti di contenimento dovranno essere realizzati in sassi intonacati a raso pietra. 6

7 Unità 6. Edificio già concluso dal punto di vista planivolumetrico e architettonico, in quanto di recente ristrutturazione, per il quale si dovrà trovare la destinazione d'uso più compatibile. Le pertinenze sono rappresentate da orti i quali, nel caso di ristrutturazioni, dovranno essere definiti con murature di sostegno in pietra a terrazzamenti. Il gruppo degli edifici 6, 11, 10 e 9 è contornato da tutta una serie di percorsi pubblici, così come fra gli edifici n. 2 e 3, che dovranno essere mantenuti a gradonate in pietra come gli esistenti con pianerottoli pavimentati con lastre in pietra o acciottolato. Unità 7. Edificio già concluso da un punto di vista architettonico formale, di recente ristrutturazione e che non necessita di ulteriori approfondimenti. Le pertinenze dovranno essere mantenute ad orto e definite da muretti in pietra a faccia a vista, così come appaiono in alcuni esempi limitrofi. Unità Gli edifici 11, 10, 9 e 8 rappresentano un unico blocco edilizio, con una conformazione del tetto notevolmente articolata, per i quali non vi è la necessità di ulteriori approfondimenti in quanto già conclusi da un punto di vista tipologico e architettonico. Per tali unità è da escludere qualsiasi futura sopraelevazione. Per quanto riguarda le sistemazioni delle pertinenze si dovranno realizzare dei muretti in pietra oltre a recinzioni in legno ad elementi verticali e orizzontali. Categoria d'intervento: Unità 8, 9, 10 e 11 RISTRUTTURAZIONE 7

8 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 02 CATEGORIE D'INTERVENTO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' EDILIZIE Unità 1. Edificio già completo dal punto di vista planivolumetrico e architettonico in quanto di recente ristrutturazione. Presenta aperture finestrate rettangolari dai contorni in granito e scuretti in legno ben evidenziati. Non necessita di ulteriori interventi in quanto già concluso da un punto di vista architettonico e formale. Le pertinenze ad orto dovranno essere mantenute con la stessa destinazione d'uso. Si potranno prevedere eventuali muretti di contenimento in sasso intonacati a raso pietra come quelli esistenti sulle aree indicate. E da evitare qualsiasi sopraelevazione. Unità Gli edifici 3, 2, 4 e 5 rappresentano un'unica unità edilizia già in fase di ristrutturazione. La parte verso valle merita degli interventi di ristrutturazione dal punto di vista architettonico che comprendono l eventuale demolizione dei poggioli in cemento e la sostituzione con poggioli in legno così come appare nel fronte est dell'edificio. Le sopraelevazioni sono da evitare in quanto l'edificio appare già concluso dal punto di vista planivolumetrico e formale. L'edificio è concluso per quanto riguarda la forma e la struttura del tetto. Le pertinenze sono da mantenere con la destinazione d'uso attuale e con i muretti che definiscono i terrazzamenti in pietra e recinzioni in legno. Un possibile intervento potrà essere effettuato nel deposito attrezzi esistente ad ovest dell'edificio n. 3 che attualmente appare in precarie condizioni e che dovrebbe essere ristrutturato mediante la ridefinizione del tetto a due falde, evitando comunque la sopraelevazione. Categoria d'intervento: Unità 2, 3 e 4 RISTRUTTURAZIONE 8

9 Unità 5 E una baracca adibita a legnaia che potrà essere demolita e ricostruita con l impiego di strutture lignee e con un eventuale modesto ampliamento in altezza, necessario per garantire una corretta pendenza del tetto. Categoria d'intervento: DEMOLIZIONE - RICOSTRUZIONE Unità 6 Edificio già concluso da un punto di vista planivolumetrico e formale, consentito un modesto ampliamento funzionale sul retro dell edificio e una sopraelevazione. Le pertinenze dovranno essere mantenute ad orto con muretti di contenimento delle scarpate e terrazzamenti in pietra, mentre per quanto riguarda le recinzioni, è da evitare qualsiasi tipo di cinta metallica, a favore di una palizzata in legno come evidenziato negli schemi grafici allegati al piano. Unità 7 Edificio già concluso da un punto di vista tipologico e formale. A monte di tale unità esistono delle baracche adibite a legnaie che nel caso di ristrutturazione dovranno mantenere le caratteristiche stabilite negli schemi tipologici allegati al piano del centro storico, conservando le modeste dimensioni adatte allo scopo per cui sono sorte. Unità 8 Edificio già concluso da un punto di vista architettonico formale. Le pertinenze dovranno essere mantenute con la destinazione d'uso originaria. Un discorso a parte va fatto per le murature esistenti in cemento armato che in caso di ristrutturazione dovranno essere realizzate in cemento ma con rivestimento in pietra. Le recinzioni dovranno essere realizzate in legno. 9

10 Unità 9 Edificio di nessun valore storico, costruito nel 1970 circa, realizzato in cemento armato ed avente il primo piano in blocchi di cemento. Per tale unità non è possibile alcuna modificazione volumetrica in quanto è prospiciente la strada, ma necessita di una riqualificazione architettonica con riproposizione delle aperture finestrate rettangolari con contorni in pietra e individuazione di ballatoi sui fronti più soleggiati. 10

11 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 03 CATEGORIE D'INTERVENTO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' EDILIZIE Unità 1-2 e 3 Gli edifici 1 e 2 appaiono già conclusi dal punto di vista planivolumetrico, ma necessitano comunque di ulteriori interventi di miglioramento sotto il profilo architettonico soprattutto per quanto riguarda le aperture finestrate che dovranno essere realizzate di forma rettangolare con eliminazione delle tapparelle e loro sostituzione con scuretti in legno. Nel fronte verso valle si dovrà intervenire demolendo i poggioli in cemento di larghezza insufficiente e in precarie condizioni, sostituendoli con ballatoi da realizzarsi in legno, ciò vale anche per le strutture portanti ed il parapetto di contenimento. L'edificio n. 3, esistente a valle dei due edifici precedentemente descritti, è adibito a baracca e necessita di un miglioramento architettonico mediante ricostruzione di un tetto a due falde, al posto di quello attuale, piano e ricoperto in lamiera. Sono consentite modeste sopraelevazioni atte a garantire un uso a deposito del sottotetto. Il tetto dovrà essere a due falde con pendenze eventualmente accentuate per adeguarsi alle pendenze medie delle costruzioni limitrofe. Le pertinenze sono da mantenere a destinazione d'uso attuale, cioè ad orti ed eventuali muri di contenimento dovranno essere realizzati in pietra a faccia a vista con recinzioni in legno. I percorsi pedonali a lato degli edifici 1 e 2 dovranno essere riqualificati con gradonate in pietra o ad acciotolato così come per i pianerottoli. Categoria d'intervento: Unità 1 e 2 RISTRUTTURAZIONE Categoria d'intervento: Unità 3 DEMOLIZIONE - RICOSTRUZIONE 11

12 Unità 4 Edificio di interesse storico perduto in quanto realizzato completamente in cemento armato compreso i poggioli; necessita di una riqualificazione formale soprattutto dei poggioli che dovranno essere realizzati in legno nel caso di sostituzione. Si dovrà inoltre provvedere alla realizzazione di aperture finestrate rettangolari con contorni in pietra e scuretti in legno. Potranno essere realizzati dei tamponamenti dei porticati a piano terra in quanto non hanno alcun valore dal punto di vista architettonico e quindi potranno essere recuperati come garage o depositi. Unità 5 Edificio in precarie condizioni statiche, realizzato con struttura muraria in sassi e con una parte in legno nelle zone alte della costruzione. Tale unità dovrà essere oggetto di un consolidamento statico e di una ristrutturazione che non comporti variazioni planivolumetriche. Nel caso di rimozione delle parti lignee dell'edificio, se fossero irrecuperabili, dovranno essere rifatte con le stesse caratteristiche architettoniche e appoggiate sulla muratura senza variazioni di altezza o volume. Le aperture dovranno essere rettangolari con contorni in pietra e scuretti in legno. Categoria d'intervento: RISANAMENTO Unità 6 Per tale edificio si prevede la possibilità di realizzare una sopraelevazione fino all allineamento con la gronda dell'edificio n. 4, e l eventuale realizzazione di ballatoi verso valle o verso ovest. Lo spazio esistente attorno alla fontana dell'isolato n. 3 dovrà essere riproposto con fioriere e acciottolato o lastre di pietra locale, questo per caratterizzare la pertinenza della fontana stessa. Unità 7 L'edifico nella parte a monte, appare parzialmente ristrutturato e comunque meritevole di riqualificazione architettonica mediante la realizzazione di aperture finestrate rettangolari con contorni in pietra e scuretti in legno e ripristino delle parti alte dell'edificio con evidenziazione delle strutture lignee principali. E da escludere qualsiasi sopraelevazione o modifica volumetrica. 12

13 L'edificio nella parte a valle risulta in condizioni statiche precarie e necessita di un consolidamento oltre che di una riqualificazione architettonica, con mantenimento del porticato libero a piano terra e ridefinizione formale delle facciate verso valle. Si potranno realizzare eventuali ballatoi esterni in legno. La parte alta del tetto potrà essere ristrutturata mantenendo a vista le strutture lignee principali. Unità 8-9 Edifici in buone condizioni statiche che potranno essere sopraelevati solo di 1,00-1,50 metri sopra l'imposta dell'ultimo solaio, per garantire un uso a deposito del sottotetto. Vanno evitate variazioni formali per quanto riguarda le falde di copertura. L'intonaco esterno dovrà essere al civile e si prevedono aperture finestrate rettangolari con contorni in pietra e scuretti in legno. Per l unità n 9 è ammesso anche un modesto ampliamento laterale per consentire una più corretta rifunzionalizzazione dell intero organismo edilizio. Le pertinenze dovranno essere pavimentate in lastre di pietra locale o acciottolato. I terrazzamenti dovranno essere realizzati con muratura in pietra faccia a vista con recinzioni in legno. Categoria d'intervento: Unità 8 RISANAMENTO Categoria d'intervento: Unità 9 RISTRUTTURAZIONE Unità 10 Edificio di recente ristrutturazione, a due piani, con destinazione d'uso abitativa, di mediocre valore storico, ma già concluso dal punto di vista architettonico formale. 13

14 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 04 CATEGORIE D'INTERVENTO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' EDILIZIE Unità 1. Edificio di notevole imponenza dal punto di vista volumetrico e architettonico, sebbene caratterizzato da un impianto di notevole semplicità. E' una costruzione realizzata in sasso intonacato raso pietra, che andrebbe mantenuta, ed è caratterizzata dalla presenza di finestre rettangolari con i contorni in granito, gli scuretti in legno e un poggiolino sagomato in granito con ringhiera in ferro battuto da conservare integralmente. La parte alta è alterata dalla presenza di un grande poggiolo che si estende su tutta la facciata e che nel caso di risanamento dovrebbe essere ridotto, contenuto fino allo sviluppo delle finestre. Per tale costruzione è da escludere qualsiasi tipo di sopraelevazione, e si dovrà mantenere la configurazione tetto a quattro falde. La parte originaria del tetto ad est dell edificio potrà essere rifatta purché uguale a quella esistente nella parte ovest dell'unità, nel rispetto dei materiali e delle sporgenze esistenti. Si dovrà evitare qualsiasi sporgenza nella parte bassa delle facciate. Categoria d'intervento: RISANAMENTO Unità 2 Edificio già concluso da un punto di vista planimetrico anche se di ridotte dimensioni rispetto all'edificio adiacente. Potrà essere sopraelevato al massimo di un piano mantenendone la perimetrazione attuale. La conformazione del tetto dovrà essere mantenuta a due falde. 14

15 Le pertinenze dovranno mantenere la destinazione d'uso originaria; i muretti di contenimento dei terrazzamenti dovranno essere realizzati in pietra con recinzioni in legno. Unità 3 Edificio molto articolato dal punto di vista planivolumetrico che mantiene intatte le caratteristiche architettoniche originarie e la sua destinazione d'uso a carattere agricolo. E caratterizzato da parti in muratura realizzata in pietra intonacata a raso sasso, e parti, come il volume verso valle, realizzate completamente in legno compresa la struttura portante verticale ed orizzontale. L'edificio è caratterizzato dalla presenza di un portico che dovrebbe essere mantenuto libero nel caso di risanamento dell'edificio, con mantenimento delle strutture lignee principali a vista e pavimentazioni del porticato da realizzarsi in acciottolato come quelle esistenti. Tutte le pertinenze degli edifici n. 4 e 3 andranno realizzate in acciottolato. Si dovrà escludere qualsiasi tipo di sopraelevazione della porzione 4 e 3, in quanto provocherebbe una notevole diminuzione del soleggiamento delle pertinenze sia pubbliche che private. Eventuali aperture, nel caso di ristrutturazione, dovranno essere di forma rettangolare con contorni in pietra e scuretti in legno. Categoria d'intervento: RISANAMENTO Unità 4 Edificio in buone condizioni statiche per la muratura realizzata in sasso intonacata a raso pietra; sono invece irrecuperabili le membrature in legno superiori e del tetto, che potranno essere sostituite con strutture lignee aventi capriata a vista in corrispondenza dei timpani. E comunque da escludere qualsiasi sopraelevazione. La facciata verso valle potrà essere recuperata mantenendo le grandi aperture ritagliate nella muratura in pietra opportunamente risagomate con evidenziazione delle strutture lignee principali e possibilità di realizzare ballatoi in legno esterni, limitati però in lunghezza alle aperture ritagliate nella muratura. Andranno mantenute le destinazioni d'uso originarie delle pertinenze destinate ad orti e a percorsi pedonali. Eventuali mura per orti o terrazzamenti dovranno essere realizzate con muretti in pietra e recinzioni in legno. Unità 5 15

16 Deposito di modeste dimensioni che potrebbe essere sopraelevato di un metro circa, per ottenere l'altezza utile di 2,20 m. mantenendo sempre la forma del tetto a due falde con struttura lignea in evidenza. Le pertinenze dovranno essere mantenute con la destinazione d uso attuale. Unità 6 e 7 Gli edifici 6 e 7 sono completi da un punto di vista planivolumetrico e necessitano di riqualificazione formale delle facciate, in particolare per l'edificio 7 che presenta finestrature dai contorni in pietra in condizioni precarie. La facciata necessiterebbe comunque una riformulazione con riproposizione di aperture finestrate rettangolari con contorni in pietra e scuretti in legno. Data la diversa posizionatura dei solai fra i due edifici accostati sarebbe opportuno evitare qualsiasi tipo di sporgenza (ballatoi), che metta in evidenza la differenza di quota. Nel caso di ristrutturazione dell'edificio n. 7 si potrà allineare i solai con quelli dell'edificio n. 6, rendendo possibile l'inserimento di poggioli verso valle, nella parete più soleggiata, come le strutture portanti e i parapetti in legno, a bacchette verticali in maniera da non appesantire ulteriormente il suddetto fronte. Le pertinenze dovranno mantenere la destinazione d'uso originaria con recinzioni da realizzarsi in legno e muretti di contenimento in pietra. E consentito un modesto ampliamento sul retro nel caso di rifunzionalizzazione dell edificio. Categoria d'intervento: Unità 6 e 7 RISTRUTTURAZIONE Unità 8 Edificio di culto da assoggettare a restauro. Categoria d'intervento: RESTAURO 16

17 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 05 CATEGORIE D'INTERVENTO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' EDILIZIE Unità 1. Edificio di notevole valore architettonico che dovrà mantenere le peculiarità architettoniche originarie caratterizzate da muratura in sasso intonacata a raso pietra, aperture ritagliate nella muratura in corrispondenza delle parti alte dell'edificio, aventi contorni in pietra e scuretti in legno, tetto completamente in legno. Tali caratteristiche dovranno essere mantenute, così come la forma e la configurazione attuale della copertura. Vi è la possibilità di realizzare dei ballatoi in corrispondenza del fronte est e sud-ovest da concretizzarsi in legno con parapetti a bacchette verticali. Le pertinenze dovranno essere mantenute allo stato attuale con muretti in pietra e recinzioni in legno. Categoria d'intervento: RISANAMENTO Unità 2 Edificio di importanza architettonica con forma rettangolare, costituito da muratura in sasso intonacata a raso pietra ed aperture finestrate ritagliate nella muratura in corrispondenza delle parti alte dell'edificio, che dovranno essere mantenute con eventuali tamponamenti applicati all interno delle stesse. E meritevole di riqualificazione formale con realizzazione di aperture finestrate rettangolari con contorni in pietra. importanza architettonica. E consentita una modesta sopraelevazione per garantire un uso più razionale del sottotetto; tale sopraelevazione potrebbe raggiungere fino un massimo di un metro e venti di altezza. Andrà comunque mantenuta la parte alta in legno con strutture a vista e tetto a due falde. Le facciate andranno rintonacate raso pietra. Unità 3 17

18 Edificio già concluso dal punto di vista planivolumetrico e formale; è comunque da escludere qualsiasi tipo di sopraelevazione. Unità 4 Edificio destinato a deposito realizzato completamente in legno. In caso di ristrutturazione le murature dovranno essere realizzate con pareti portanti in sasso intonacata a raso pietra e struttura lignea del tetto a vista. Si esclude la sopraelevazione. Le pertinenze andranno mantenute con destinazione d'uso attuale e i muri di confine e di terrazzamento andranno realizzati in pietra con recinzioni di legno. I percorsi pedonali pubblici andranno riqualificati mediante gradonate in pietra e pavimentazione in acciottolato o lastricato. Unità 5 Di buon valore architettonico, l edificio conserva le caratteristiche tipologico formali e di destinazione d'uso agricolo originarie: murature in sassi di granito con intonaco a raso pietra, evidenziazione della struttura lignea principale del tetto impostata e staccata dalla muratura principale; aperture ritagliate nella muratura con evidenziazione della struttura lignea principale. In caso di ristrutturazione tali peculiarità dovranno essere mantenute. Nella parte a monte dell'edificio esiste una baracca accostata che potrà essere ridefinita formalmente e volumetricamente ampliandola per garantire un più corretto uso come deposito legna, ecc. L'ampliamento sarà da valutare in fase di presentazione del progetto e dovrà essere realizzato con prolungamento della falda del tetto del corpo principale. Il fronte verso valle ha notevole valore, in quanto evidenzia la struttura soprattutto per quanto riguarda la muratura principale realizzata in pietra con intonaco raso sasso. Dato il buon grado di conservazione della struttura muraria essa dovrà essere mantenuta con intonaco originario e conformazione delle aperture ritagliate nella muratura invariate, evidenziando le strutture lignee. Potrà essere ripristinato il ballatoio in legno parzialmente demolito, che dovrà essere ricostruito completamente in legno come le strutture portanti e il parapetto a bacchette verticali. Le aperture dovranno avere contorni in granito. Le pertinenze dovranno mantenere l'uso originario con muri esistenti o rifatti in pietra. Categoria d'intervento: RISANAMENTO 18

19 19

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 Comprensorio C8 - Giudicarie N. particella ed. o fond..132 Comune Amministrativo Bocenago Data rilievo 21/06/07 Comune Catastale

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 CINO località Torchi N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 ANALISI ESISTENTE STATO DI CONSERVAZIONE CONSISTENZA GRADO DI UTILIZZAZIONE GRADO DI INTERESSE AMBIENTALE E PAESAGGISTICO

Dettagli

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY Q Scheda N : 1 COMUNE DI ETROUBLES Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: pessimo Stato del fabbricato: originario Tipo

Dettagli

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO.

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO. Provincia autonoma di Trento Servizio urbanistica e tutela del paesaggio. Incarico speciale di supporto in materia di paesaggio Legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 - articolo 4. Contributi per gli interventi

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 ELEMENTI RICORRENTI

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 ELEMENTI RICORRENTI A.2 APERTURE, CONTORNI, ANTE D OSCURO, SERRAMENTI ESTERNI E INFERRIATE Tipologia 1 ELEMENTI RICORRENTI Le aperture finestrate, porte e portoni d ingresso esistenti sono in generale prive di contorni sia

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 54 Centro Storico Nobile - Via Roma Identificativo catastale 1228 fg. n. 4 Piani fuori terra n. 1 Residenziale Edifico isolato con a padiglione, manto di in tegole

Dettagli

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS B Scheda N : COMUNE DI ETROUBLES 1 Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: ottimo Stato del fabbricato: ristrutturato

Dettagli

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo.

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. 1 Descrizione morfologica e tipologica Villa de Bellat è posizionata all interno di una vasta area agricola, situata in destra

Dettagli

MODALITA' DI INTERVENTO IN CENTRO STORICO

MODALITA' DI INTERVENTO IN CENTRO STORICO MODALITA' DI INTERVENTO IN CENTRO STORICO Premessa Il presente allegato contiene un elenco di indicazioni di massima da rispettare nei vari interventi previsti in centro storico. Le indicazioni sotto riportate

Dettagli

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO * Definiscono gli interventi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che nel rispetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 34 Centro Storico Nobile Via Roma Identificativo catastale Mappale n.1142 fg. n. 4 Piani fuori terra n.3 Residenziale piano terra altri piani Grado di intervento Edificio

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE

PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE APPENDICE 1 NORME PER LA CONSERVAZIONE E IL RECUPERO FUNZIONALE E STRUTTURALE DEGLI EDIFICI Aprile 2013 Responsabile del Piano: Dott.Ing.

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

ANALISI E DISCIPLINA PER GLI INTERVENTI DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO, CORTI RURALI E AREE MONUMENTALI Identificativo 19

ANALISI E DISCIPLINA PER GLI INTERVENTI DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO, CORTI RURALI E AREE MONUMENTALI Identificativo 19 CASCINA NUOVA Identificativo 19 Identificativo catastale Mappale n.735 fg. n. 3 Piani fuori terra n.2 Edificio isolato con parte a doppia falda e parte a falda unica. Si prescrive in caso di intervento

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO

PIANO PARTICOLAREGGIATO COMUNE DI ILLASIMIUS Provincia di Cagliari PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO DI PRIMA ED ANTICA FORMAZIONE Allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n del Elaborato Norme Tecniche per Unità Edilizia

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004.

ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004. ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004. DATA E PROT. RILASCIO OGGETTO 27.05.2010 prot. n. 6016 Posa di tubo di derivazione

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

COMUNE DI DORSINO COMUNITA DELLE GIUDICARIE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

COMUNE DI DORSINO COMUNITA DELLE GIUDICARIE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI DORSINO COMUNITA DELLE GIUDICARIE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO VARIANTE 2009 AL P.R.G. (Art. 33 L.P. 4 marzo 2008 n. 1) NOVEMBRE 2009 NORME DI ATTUAZIONE: CENTRI STORICI > parte seconda < Aggiornamento:

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO TETTO DESCRIZIONE Negli edifici montani la copertura è l elemento costruttivo che più di altri segna e caratterizza il paesaggio. La struttura portante del tetto è in legno con schema a trave di colmo,

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA

COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA Per costruzioni accessorie a servizio della residenza si intendono quei manufatti pertinenziali che, per caratteristiche tecniche e dimensionali, sono destinate a

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

R1- RESTAURO. Oltre alle operazioni di manutenzione ordinaria sono possibili i seguenti interventi :

R1- RESTAURO. Oltre alle operazioni di manutenzione ordinaria sono possibili i seguenti interventi : Premessa Lo scopo di questo manuale è quello di fornire all'amministrazione Comunale un supporto di valutazione per la salvaguardia del proprio patrimonio edilizio e di limitazione nella realizzazione

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE RIFERIMENTO TAV. 1.1.1 sc. 1/5000 EDIFICIO N. 1 DESTINAZIONE D USO: residenza strutture agricolo produttive ORIGINARIA: residenza strutture agricolo

Dettagli

Nelle zone "A.0" del P.R.G. sono consentite le seguenti destinazioni d'uso degli edifici e delle aree:

Nelle zone A.0 del P.R.G. sono consentite le seguenti destinazioni d'uso degli edifici e delle aree: Art. 11 - Zone residenziali A.0 Le zone A.0 sono caratterizzate, nello stato di fatto e ove presenti: - dalla centralità rispetto agli aggregati urbani; - dalla presenza prevalente di tipologie edilizie

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Scheda n. 10 Casa Speranza

Scheda n. 10 Casa Speranza Scheda n. 10 Casa Speranza Ubicazione: I fabbricati sono inseriti, dal Piano Strutturale vigente del Comune di Collesalvetti nel Sottosistema Rurale con prevalente funzione rurale, U.T.O.E. n. 14 Colline

Dettagli

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI COMUNE DI BOCENAGO PIANO REGOLATORE GENERALE ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI ALLEGATO AI CRITERI DI TUTELA PAESAGGISTICO-AMBIENTALE INDICE: Premessa...2 Tetto...3 Tettoie esterne per ingresso...6

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI MONCLASSICO (Provincia di Trento) PIANO REGOLATORE GENERALE Variante 2008 Norme di attuazione - Parte II ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI TRENTO dott. ing. SERGIO GUERRI ISCRIZIONE ALBO

Dettagli

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo)

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo) DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI 24030 ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) / VIA G. FALCONE, 1 / TEL./ FAX 035/540020 E-MAIL: crnarch@tiscalinet.it / COD. FISC. : RTN CSR 35D11 A216P / PARTITA IVA 00041690165

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa COMUNE DI LONGARE PROVINCIA DI VICENZA PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SCHEDE NORMATIVE Committente: Donadello

Dettagli

ESTRATTO DI MAPPA sc.1/2000 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA. MAPPALI n. 340-341-343-346-348-349/350 C.T.

ESTRATTO DI MAPPA sc.1/2000 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA. MAPPALI n. 340-341-343-346-348-349/350 C.T. ESTRATTO DI MAPPA sc.1/2000 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA C.T. F 54 MAPPALI n. 340-341-343-346-348-349/350 P.d.L. VILLAGGIO DEI FIORI Area in proprietà (lotti ancora da edificare) COMUNE DI PIAZZOLA SUL

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO

ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO COMUNE DI GALLIO PROVINCIA DI VICENZA 2003 Variante per i centri storici del Capoluogo e della frazione di Stoccareddo ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO 7. BALCONI E TERRAZZI I balconi

Dettagli

COMUNE DI MONGUZZO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) ELABORATO: C3** DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI NEL CENTRO STORICO E NELLE CORTI RURALI

COMUNE DI MONGUZZO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) ELABORATO: C3** DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI NEL CENTRO STORICO E NELLE CORTI RURALI COMUNE DI MONGUZZO PROVINCIA DI COMO c.a.p. 22040 tel. 031650211 telefax 031617312 codice fiscale partita iva 00564160133 PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) ELABORATO: C3** DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A)

Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A) Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A) Queste zone sono costituite dalle parti del territorio comunale interessate da agglomerati

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

VERONA COMUNE DI. VALEGGIO s/m TERRITORIALE LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000. Archistudio di Marisa Fantin e Irene Pangrazi architetti associati

VERONA COMUNE DI. VALEGGIO s/m TERRITORIALE LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000. Archistudio di Marisa Fantin e Irene Pangrazi architetti associati INQUADRAMENTO PROVINCIA DI TERRITORIALE VERONA COMUNE DI VALEGGIO s/m LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000 PROVINCIA DI COMUNE DI INQUADRAMENTO TERRITORIALE VERONA VALEGGIO s/m LOCALITA CAPOLUOGO Mappa Catastale

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI NOGAROLE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI NOGAROLE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI NOGAROLE PROVINCIA DI VICENZA SUSSIDIO OPERATIVO PER GLI INTERVENTI NEGLI ANNESSI RUSTICI IN ZONA A ( art. 18, comma 5 e 6, delle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. vigente) ART. 1 - PRONTUARIO

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

Provincia di Sondrio COMUNE DI TOVO DI SANT AGATA

Provincia di Sondrio COMUNE DI TOVO DI SANT AGATA CS1 Provincia di Sondrio b) ELABORATI DEL DOCUMENTO DI PIANO CENTRO STORICO - Schedatura degli edifici e modalità di intervento CS1 REV. 01 - AGOSTO 2013 ing. Giovanni Bordoni Galleria Campello, 4 23100

Dettagli

COMUNE DI MONTECAROTTO

COMUNE DI MONTECAROTTO Ufficio Tecnico Allegato A REGOLAMENTO PERTINENZE Montecarotto, li 24.06.2010 IL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO COMUNALE Geom. Maurizio Novelli PREMESSA La installazione di piccoli manufatti a servizio

Dettagli

1^ Adozione: Delibera del Commissario ad acta n.01 dd. 17/07/2009 Parere della CUP: Verbale di deliberazione n.10/2010 dd.

1^ Adozione: Delibera del Commissario ad acta n.01 dd. 17/07/2009 Parere della CUP: Verbale di deliberazione n.10/2010 dd. 2013 Allegato 6 COMUNE DI LEDRO Frazione Tiarno di Sotto Provincia di Trento P.R.G. Tiarno di Sotto VARIANTE N. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE MANUFATTI DI INTERESSE STORICO adozione definitiva 1^ Adozione:

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

ART. 16 - NORME DI PROTEZIONE ACUSTICA... 31 16.1 Fasce di pertinenza acustica delle strade... 31 16.2 Valutazione previsionale e di impatto

ART. 16 - NORME DI PROTEZIONE ACUSTICA... 31 16.1 Fasce di pertinenza acustica delle strade... 31 16.2 Valutazione previsionale e di impatto INDICE ART. 1 - DESCRIZIONI GENERALI... 3 ART. 2 - ZONE TERRITORIALI OMOGENEE... 4 ART. 3 - ZONE DI CONSERVAZIONE - CENTRO STORICO... 5 3.1 Aree di antico insediamento... 5 3.2 Centro storico e insediamenti

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004.

ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004. ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004. DATA E PROT. RILASCIO OGGETTO 27.05.2010 prot. n. 6016 Posa di tubo di derivazione

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO

COMUNE DI SANT ANTIOCO - COMUNE DI SANT ANTIOCO Norme di attuazione del centro matrice PPR - Sardegna ARCH. ANGELO MARONGIU & ING. FRANCO MARTIS R.d. P. Arch. Giovanna Manunza (uff. urbanistica) NORMATIVA INTEGRATIVA per le

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI VARIANTE N 7

PIANO DEGLI INTERVENTI VARIANTE N 7 COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova P.I. Elaborato NORME TECNICHE OPERATIVE PIANO DEGLI INTERVENTI VARIANTE N 7 MODIFICHE N.T.O. Il Sindaco Dottor Giuseppe Pan Progettisti architetto Damiano Scapin

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

ALLEGATO B ALLE NORME DI ATTUAZIONE...2

ALLEGATO B ALLE NORME DI ATTUAZIONE...2 ALLEGATO B ALLE NORME DI ATTUAZIONE...2 RUSTICI DA RILEVARE E SCHEDARE IN ZONA AV, IN ZONA E IMPROPRIA E RUSTICI SCHEDATI IN ZONA C1/4 - LOCALITA POSTAUTA DI COSTALTA...2 ARTICOLO 1 - AMMISSIBILITÀ DEGLI

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEGLI INTERVENTI Art.31 L.457/1978 Allegato L.R. 31/2002 IDENTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI Titolo abilitativo Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA' Il presente Piano Attuativo è riferito ad un'area condotta dal signor Dindalini Alessandro il quale è titolare dell Az. Agr. Dindalini Alessandro

Dettagli

L'indice di sfruttamento massimo nei comparti A e B è lo 0.7 per tutti i lotti edificabili. Non è prescritto un indice di occupazione.

L'indice di sfruttamento massimo nei comparti A e B è lo 0.7 per tutti i lotti edificabili. Non è prescritto un indice di occupazione. INDICE ART. 1 OBIETTIVI...1 ART. 2 PERIMETRO...1 ART. 3 COMPARTI DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO...1 ART. 3 BIS LOTTI E TIPI EDILIZI...1 ART. 4 INDICI...1 ART. 4 BIS NORME PARTICOLARI PER LA ZONA R2PS...1

Dettagli

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate -

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate - D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - presentate - N. d'ordine Servizio Oggetto Contenuto Soggetto Presentatore Estremi di presentzione

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO. Premessa

ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO. Premessa ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO Premessa 1 Per tutti gli edifici della zona urbana centrale storica indicati all'art.10 delle presenti norme e per gli edifici caratterizzanti il tessuto storico

Dettagli

via Gramsci-via Einaudi

via Gramsci-via Einaudi COMUNE DI TRENTO PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA DELL'INTERVENTO: Nuova Residenza via Gramsci-via Einaudi p.ed. 2212/1, C.C. di Trento Premessa L intervento in progetto riguarda la costruzione

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI MONCLASSICO (Provincia di Trento) PIANO REGOLATORE GENERALE Variante 2008 Norme di attuazione - Parte II ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI TRENTO dott. ing. SERGIO GUERRI ISCRIZIONE ALBO

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE...2

ALLEGATO A ALLE NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE...2 ALLEGATO A ALLE NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE...2 METODOLOGIE E TECNICHE DI INTERVENTO PER GLI EDIFICI ESISTENTI DI PARTICOLARE VALORE AMBIENTALE ED ARCHITETTONICO...2 ARTICOLO 1 - INTERVENTI SUL PATRIMONIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

LOTTO 11: Edificio di civile abitazione in via Macerata n. 13, Castelfidardo (AN)

LOTTO 11: Edificio di civile abitazione in via Macerata n. 13, Castelfidardo (AN) V = 450 x 20 = 9.000 Euro ed il valore totale del lotto a 110.400 Euro, per cui il valore della quota di proprietà sarà, arrotondato pari a: V = 55.000 Euro Divisibilità Le unità non sono divisibili LOTTO

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI FORI DESCRIZIONE Nella composizione delle facciate delle architetture tradizionali sono presenti differenti tipi di aperture: - i grandi fori per accedere e arieggiare il sottotetto - le feritoie e le

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo

Dettagli

INTERVENTI ESEGUITI IN AMBITO A0 INTERVENTI EDILIZI

INTERVENTI ESEGUITI IN AMBITO A0 INTERVENTI EDILIZI RELAZIONE TECNICA Il Comune di Zoppola è dotato di Piano Regolatore Comunale adeguato alla L.R.52/91, adottato con Delibera del Consiglio Comunale n 63 del 25.09.1998 ed approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

SERVIZIO TERRITORIO ELENCO SCIA PRESENTATE DAL 01/01/2015 AL 30/06/2015

SERVIZIO TERRITORIO ELENCO SCIA PRESENTATE DAL 01/01/2015 AL 30/06/2015 SERVIZIO TERRITORIO ELENCO SCIA PRESENTATE DAL 01/01/2015 AL 30/06/2015 SETTORE TECNICO OGGETTO Manutenzione straordinaria appartamento Realizzazione pensilina a protezione facciata presso fabbricato Rifacimento

Dettagli

NON UTILIZZATA O IN ABBANDONO PROGETTO: MODIFICA DESTINAZIONE D'USO: AMMESSA NON AMMESSA

NON UTILIZZATA O IN ABBANDONO PROGETTO: MODIFICA DESTINAZIONE D'USO: AMMESSA NON AMMESSA DIRETTIVE E PRESCRIZIONI DI VARIANTE N.SCHEDA 1 RILIEVO: STATO DI FATTO SUPERFICIE MQ 210 DESTINAZIONE D'USO ATTUALE VOLUME MC 1269 AGRICOLA PIANI FUORI TERRA N. 2+1 RESIDENZIALE VANI N. ALTRO ABITANTI

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 0 Pagina 9 di 16 di una nuova rete lungo il tratto di via San Giuseppe prospiciente la lottizzazione. Rete Gas Metano La rete di distribuzione del Gas metano verrà realizzata secondo le prescrizioni espresse

Dettagli