Conservare la diversità alpina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conservare la diversità alpina"

Transcript

1 Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi per un agricoltura di montagna capace di futuro Proposte di modifica relative alle proposte di legge sulla Politica agricola comune (PAC) per il periodo , presentate dalla Commissione UE in data

2 L Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi (in breve: Alleanza) è la federazione che unisce diverse associazioni di agricoltori e associazioni per la protezione della natura con lo scopo di conservare e promuovere l agricoltura di montagna e di conservare e ripristinare la biodiversità nelle Alpi e in altri territori di montagna dell Europa L Alleanza intende promuovere un agricoltura multifunzionale, contadina ed ecologica nel suo insieme. Il presente documento, tuttavia, si concentra sugli effetti delle proposte di legge sulla Politica agricola comune (PAC) europea, presentata dalla Commissione UE in data 12 ottobre 2011 L Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi raggruppa le seguenti organizzazioni: Arbeitsgemeinschaft bäuerliche Landwirtschaft Landesverband Baden-Württemberg (D) Arbeitsgemeinschaft bäuerliche Landwirtschaft Landesverband Bayern (D) Alpenschutzkommission CIPRA Deutschland (D) Bayerischer Landesverband der Landwirte im Nebenberuf (D) Bund Naturschutz in Bayern (D) Bundesverband der Regionalbewegung (D) Deutscher Alpenverein - DAV (D) Deutscher Verband für Landschaftspflege - DVL (D) EuroNatur Stiftung (D) Forum Pro Schwarzwaldbauern (D) Friends of the Earth Europe - FoEE (INT) Landesbund für Vogelschutz - LBV (D) Landesvereinigung für den Ökologischen Landbau in Bayern - LVÖ (D) NaturFreunde Deutschlands (D) Amici della natura (INT) Naturfreunde Österreich (A) Naturschutzbund Österreich (A) ÖBV - Via Campesina Austria (A) Schweisfurth-Stiftung (D) Umweltdachverband (A) Verein zum Schutz der Bergwelt - VzSB (D) Con il supporto tecnico di: ProNatura (CH) Sigle: A = Austria, D = Germania, CH = Svizzera, INT = Internazionale

3 Deutscher Verband für Landschaftspflege

4 La fienagione a Bonneval-sur-Arc in Francia. foto: Marie Kohler

5 Colofone: Questo documento di posizione è frutto del lavoro congiunto delle associazioni firmatarie. Il coordinamento è stato svolto dalla Fondazione EuroNatur. Radolfzell, luglio 2012 Il presente documento è nato nell ambito del progetto Ecologizzazione della politica agricola europea dopo il 2013 per un agricoltura sostenibile nelle Alpi, finanziato dalla MAVA Fondazione per la protezione della natura. Cofinanziatore è la Fondazione in memoria di Ludwig Raue. Editore: EuroNatur Foundation Konstanzer Str. 22 D Radolfzell am Bodensee Tel.: EuroNatur Foundation (editore) (2012): Conservare la diversità alpina. Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi per un agricoltura di montagna capace di futuro. Proposte di modifica relative alle proposte di legge sulla Politica agricola comune (PAC) per il periodo , presentate dalla Commissione UE in data Layout: Kerstin Sauer, EuroNatur Service GmbH Stampa: digitalcentrum by Working Hands GbR 100% Recyclingpapier Cyclus Print Foto di copertina del parco naturale di Weißbach Christine Klenovec: E molto intenso il lavoro manuale svolto dagli agricoltori di montagna durante la fienagione sull alpeggio Kallbrunnalm nel parco naturale austriaco Weißbach.

6 Paesaggio alpino nel parco naturale francese di Bauges. foto: Yann Kohler

7 Indice La Politica agricola europea e il futuro dell agricoltura di montagna Introduzione Obiettivi dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi Le richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in sintesi Valutazione e discussione delle proposte della Commissione Riassunto delle richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi Bibliografia (disponibile solo in inglese e in tedesco)

8 1. 1. La politica agricola comune UE e il futuro dell agricoltura di montagna Secondo l Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi (in breve: Alleanza), a partire dal 2014 la futura politica agricola comune (PAC) dell UE dovrebbe sostenere una forma di agricoltura di montagna volta al ripristino, alla valorizzazione e alla conservazione duratura dell eccezionale biodiversità e qualità delle risorse delle Alpi e di altri territori montani europei. Un agricoltura di montagna capace di futuro in tal senso richiede adeguamenti delle proposte legislative sulla politica agricola comune presentate dalla Commissione UE in data 12 ottobre Le valutazioni di massima della PAC e della sua importanza per l agricoltura di montagna e gli obiettivi dell Alleanza sono illustrati nel Capitolo 1. Il Capitolo 2 (pag. 16) contiene una breve spiegazione delle principali richieste dell Alleanza, riferite concretamente alle proposte di legge della Commissione UE, che peraltro vengono elencate in un catalogo di facile consultazione. Il Capitolo 3 comprende un esposizione dettagliata corredata di motivazione delle raccomandazioni dell Alleanza per l adattamento delle proposte della Commissione (vedi versione inglese o tedesca). foto: Parc national de la Vanoise - Christophe Gotti Nella zona cuscinetto del parco nazionale francese della Vanoise la conservazione del patrimonio culturale e naturale è in primo piano. 1 Proposta per la regolamentazione dei pagamenti diretti (REG PD), Proposta relativa al sostegno dello sviluppo rurale (REG FEASR), Proposta per un organizzazione comune di mercato (OCM unitaria). 8 Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

9 1. Introduzione Molto denaro Per che cosa? L Unione europea spende ogni anno più di 50 miliardi di Euro a sostegno dell agricoltura. Questa somma considerevole è giustificabile solamente se la distribuzione delle sovvenzioni risulta trasparente e intellegibile. La società chiede di conoscere la destinazione di questa somma e pretende, a ragione, che a fronte di ogni spesa debbano essere erogate prestazioni sociali che vadano oltre la semplice osservanza delle leggi in vigore ( public goods for public money ). In altri termini, se oltre alla produzione agro-alimentare sana, l agricoltura contribuisce alla protezione del suolo e dell acqua potabile, alla conservazione della biodiversità, alla cura del paesaggio, alla creazione di posti di lavoro o all attuazione di concept regionali innovativi finalizzati allo sviluppo rurale, essa ha diritto a vedersi adeguatamente remunerate queste particolari prestazioni. Se i mezzi a disposizione fossero utilizzati con coerenza in questo modo, l Europa potrebbe rapidamente avvicinarsi all obiettivo di un agricoltura multifunzionale e sostenibile. Ma le proposte legislative per la Politica agricola comune (PAC) presentate dalla Commissione UE in data 12 ottobre 2011 mantengono saldamente in vita il vecchio sistema dei pagamenti diretti legati alle superfici (1 pilastro) e alle misure per lo sviluppo rurale (FEASR, 2 pilastro),e non sono pertanto da considerarsi una riforma e men che meno un riorientamento della PAC. Un riorientamento verso un agricoltura sostenibile, multifunzionale avrebbe richiesto un radicale cambiamento del sistema di sostegno, e almeno uno spostamento sostanziale dei mezzi dal 1 al 2 pilastro. Le proposte invece non sono altro che un compromesso: nel primo pilastro ora vengono sistemate le cosiddette componenti greening, ma la maggior parte dei finanziamenti continua ad essere distribuito a pioggia (esclusivamente in base alla superficie), mentre per le misure del 2 pilastro (sviluppo rurale, protezione del clima, protezione della natura e tutela degli animali, ecc.) nella migliore delle ipotesi rimane lo status quo. L incentivazione dell agricoltura contadina e della tutela delle risorse continuano ad essere sottorappresentati. Questo non sarà sufficiente per compiere il passaggio verso un agricoltura compatibile con la natura, indicato come obiettivo 2, 3 dalla UE in altre sedi. 2 La Strategia Europa 2020 approvata dalla Commissione UE nel marzo 2010 annovera come uno dei tre più importanti obiettivi quello di promuovere un economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più ecologica e più competitiva. 3 La strategia UE per la biodiversità del mese di maggio 2011 assicurazione sulla vita e capitale naturale: una strategia UE per la biodiversità per il 2020 si propone come obiettivo per il 2020 di arrestare la perdita di biodiversità e il degrado dei servizi ecosistemici nell UE, ripristinarli, per quanto possibile, rafforzando il contributo dell UE alla prevenzione della perdita di biodiversità a livello mondiale. Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune Conservare la diversità alpina 9

10 1. L agricoltura di montagna scompare Gli agricoltori di montagna non si limitano alla produzione agro-alimentare, ma conservano e curano i prati e i pascoli montani, uno dei nostri più preziosi paesaggi culturali con un eccezionale diversità di specie faunistiche e floristiche rare e con un elevato valore turistico. L agricoltura in montagna è per lo più legata ad un elevato carico di lavoro e ad una scarsità di resa. A ciò si aggiunge il fatto che l attuale distribuzione delle sovvenzioni agricole UE, frutto di uno sviluppo storico, danneggia gli agricoltori di montagna in vario modo: nella maggior parte degli Stati membri, infatti, i pagamenti diretti destinati a prati e pascoli sono inferiori a quelli previsti per le superfici arabili. Si accoglie con favore la caduta delle referenze storiche per i pagamenti diretti a partire dal Nonostante le sovvenzioni speciali europee e nazionali, le aziende agricole di montagna dispongono in media di redditi sensibilmente inferiori a quelli dei loro colleghi al di fuori delle zone di montagna 4. L attuale sistema di incentivazione non è riuscito ad impedire né il progressivo abbandono dell agricoltura di montagna (nell arco alpino il 36% o fattorie in meno fra il 1980 e il , 6 ), né la costante rapida perdita di biodiversità tuttora in corso 7, 8. Soprattutto nell arco alpino, meno fattorie significa spesso l abbandono della gestione delle superfici particolarmente sfavorevoli con conseguente perdita di pregiati paesaggi culturali insieme alla sua elevata biodiversità, in particolare a livello di prati estensivi 9. L agricoltura di montagna è la spina dorsale delle regioni di montagna. Per conservarla c è bisogno di un sistema differenziato di incentivi basato sulla dichiarazione agricoltura di montagna 10 e sul Protocollo Agricoltura di montagna della Convenzione delle Alpi 11, che formulano come obiettivi importanti la sostenibilità e la multifunzionalità dell agricoltura di montagna. 4 Reddito medio annuo delle aziende agricole in Baviera: agricoltori di montagna poco meno di , aziende agricole in zone non svantag giate, poco meno di (Fonte: Bayerischer Agrarbericht 2010); Austria: agricoltori di montagna , agricoltori di montagna in zone particolarmente svantaggiate (BHK4) , aziende in zone non svantaggiate (Fonte: Grüner Bericht 2011); Svizzera: agricoltori di montagna SFR, agricoltori di fondo valle SFR (Fonte: Rapporto agricolo 2008 dell Ufficio federale di agricoltura UFAG). 5 Streifeneder, T. (2009): Die Agrarstrukturen in den Alpen und ihre Entwicklung unter Berücksichtigung ihrer Bestimmungsgründe, Tesi di laurea LMU Monaco di Baviera, dati dell allegato Tab. 3, pag Si constatano differenze regionali significative, in particolare fra le aree di lingua tedesca e quelle di lingua francese, italiana e slovena dell arco alpino. 7 7 In base a una ricerca del botanico inglese Jonathan Storkey, svolta con colleghi di 29 Paesi europei, la Germania, l Austria e la Svizzera presentano i tassi di perdita più elevati di vegetazione segetale in Europa. Storkey, J. et al. (2012): The impact of agricultural intensification and land use change on the European arable flora. Proceedings of Royal Society B. 8 48% di calo (riferito al numero complessivo) di 36 specie dell avifauna in habitat agricolo in 25 Paesi europei tra il 1980 e il 2009, Quelle: European Bird Census Council - EBCC, scaricabile dal sito 9 Con questo cambiamento delle strutture agricole, il tipo e l intensità dell utilizzo del paesaggio nell ambito della gestione dei prati sono drasticamente cambiati; il risultato è una netta polarizzazione: gestione estensiva e nel caso estremo dismissione nelle zone sfavorevoli ed intensificazione nelle zone favorevoli tramite maggiore frequenza di sfalcio, concimazione, semina di varietà di erbe più produttive, ecc.. In entrambi i casi si constatano effetti negativi sulla biodiversità., da Streifeneder, T. (2009), pag Dichiarazione agricoltura di montagna; decisione del 47 Comitato permanente della Convenzione delle Alpi del mese di ottobre Il Protocollo Agricoltura di montagna della Convenzione delle Alpi è stato sottoscritto dall UE il 20 dicembre 1994 e ratificato dalla UE il 27 giugno 2006; è entrato in vigore nell UE il 6 ottobre Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

11 1. La finalità del Protocollo Agricoltura di montagna della Convenzione delle Alpi (articolo 1, comma 1) Il presente Protocollo stabilisce misure a livello internazionale al fine di conservare e di incentivare l agricoltura di montagna adatta ai siti e compatibile con l ambiente, in modo che venga riconosciuto e garantito nel tempo il suo contributo sostanziale alla permanenza della popolazione e al mantenimento di attività economiche sostenibili, specie mediante la produzione di prodotti tipici di qualità, alla salvaguardia delle basi naturali della vita, alla prevenzione dei rischi naturali, alla conservazione della bellezza e del valore ricreativo del paesaggio naturale e rurale, nonché alla cultura nel territorio alpino. foto: Joachim Eigenthaler L agricoltura di montagna caratterizza la regione attorno al Massif du Mont Thabor nel sud della Francia. Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune Conservare la diversità alpina 11

12 1. Grande responsabilità degli Stati membri Il seguente documento si concentra sulla configurazione della riforma della PAC dell UE per gli anni La PAC determina le condizioni quadro per gli aiuti agricoli. Si fa tuttavia presente che gli Stati membri e le amministrazioni a livello regionale (p. es. i Länder in Austria e in Germania) hanno notevoli margini per l attuazione delle direttive di Bruxelles. Sfruttare appieno questo margine ai sensi degli obiettivi sopra indicati è una richiesta centrale alla politica degli Stati membri. Sarà infatti essenziale che gli Stati membri organizzino propri programmi di agricoltura della montagna tagliati su misura per le proprie zone montane 12. Inoltre, fino al 10% del limite superiore nazionale per i pagamenti diretti può essere spostato dal 1 al 2 pilastro 13 più i mezzi derivanti dalla riduzione e dal taglio dei pagamenti diretti. Questo margine di manovra è assolutamente necessario per rafforzare le misure del 2 pilastro dove si accumulano i vecchi e i nuovi compiti (fra cui protezione del clima, Natura 2000, Convenzione delle Alpi e suoi Protocolli 14 ), senza che sia previsto un aumento del fondo in dotazione. Gli aiuti accoppiati e la riserva nazionale offrono agli Stati membri ulteriori opportunità per incentivare l agricoltura di montagna all interno del 1 pilastro. Oltre ai fondi UE, gli Stati membri hanno a disposizione altri strumenti, ad esempio nei settori della ricerca, della formazione scolastica, dei posti di lavoro qualificati, della promozione delle economie regionali e dell approvvigionamento decentralizzato, della promozione di iniziative rurali della società civile e delle innovazioni. In breve: anche i governi degli Stati membri sono chiamati ad adempiere ai propri impegni presi ad esempio nell ambito della Convenzione delle Alpi e della Dichiarazione di Oberammergau 15. Usando le parole della Ministra tedesca Ilse Aigner: L agricoltura di montagna è irrinunciabile per la cultura e per la natura nell arco alpino. [ ] Non possiamo lasciare soli gli agricoltori di montagna! La Commissione indica questa possibilità espressamente nella motivazione della proposta relativa al regolamento FEASR, dove il paragrafo 3, dopo l elencazione delle priorità FEASR recita: Il regolamento contiene norme in materia di elaborazione, approvazione e revisione dei programmi ampiamente ricalcate su quelle esistenti e prevede la possibilità di presentare sottoprogrammi (ad esempio riguardo i giovani agricoltori, i piccoli agricoltori, le zone montane, le filiere corte) che beneficiano di aliquote di sostegno più elevate. 13 vedi articolo 14 della proposta di legge sul regolamento sui pagamenti diretti. 14 fra l altro Protocollo Protezione della natura e tutela del paesaggio della Convenzione delle Alpi, sottoscritto dall UE il 20 dicembre Dichiarazione di Oberammergau del 11 aprile 2011: Conservare e organizzare insieme l agricoltura montana! Sottoscritta da rappresentanti governativi di Slovenia, Austria, Germania, Italia, Francia e Svizzera. 16 Citazione di un discorso della Ministra tedesca per l alimentazione, l agricoltura e la tutela dei consumatori, Ilse Aigner, in occasione di una conferenza a Krün, in Alta Baviera il 10 luglio Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

13 1. foto: Naturpark Weißbach Christine Klenovec La staccionata del Pinzgau, un elemento tradizionale del paesaggio culturale sul alpeggio Litzlalm nel parco naturale austriaco di Weißbach. Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune Conservare la diversità alpina 13

14 1. Obiettivi dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura La politica agricola UE ha un ruolo essenziale in relazione alla promozione di un agricoltura di montagna capace di futuro nelle Alpi. Secondo l Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi, a partire dal 2014 la PAC deve: promuovere un agricoltura contadina sostenibile, salvaguardando la diversità e struttura naturale del paesaggio alpino per conservare il patrimonio naturale e culturale delle Alpi (art. 29, 30 e 32 REG PD e art. 21 e 22 REG FEASR); riconoscere il sovraccarico di lavoro per la gestione del paesaggio culturale alpino e diffe-renziare di conseguenza i finanziamenti (art. 11 e 25 REG PD e art. 32 REG FEASR); usare maggiormente i finanziamenti per gli obiettivi ambientali, per conservare la biodi-versità delle Alpi come base per l economia, la cultura e il tempo libero (art. 14 e 31 REG PD); conservare e promuovere i prati estensivi in quanto elemento tipico del paesaggio cultura-le alpino e creare incentivi per il ripristino e la conservazione di forme di utilizzo uniche e tipicamente alpine, come ad esempio gli alpeggi (art. 4, 9, 23, 25 e 31 REG PD); garantire la distribuzione equa e finalizzata dei finanziamenti UE (art. 20 e 22 REG PD); L anemone alpina (Pulsatilla alpina apiifolia) predilige i pascoli magri e i prati sassosi ad altitudini superiori delle Alpi occidentali. 14 Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

15 1. legare l uso dei finanziamenti pubblici al conseguimento di prestazioni particolari per la protezione del clima e della natura e per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità dell UE e promuovere una gestione prudenziale e con un uso efficiente delle risorse (art. 18, 29, 31 e REG FEASR); contribuire alla produzione regionale ed ecologica di prodotti alimentari sani e privi di or-ganismi geneticamente modificati e quindi allo sviluppo sostenibile dello spazio rurale (organizzazione comune di mercato OCM); promuovere il valore aggiunto dell agricoltura di montagna nelle Alpi tramite una com-mercializzazione mirata dei prodotti provenienti dall agricoltura contadina (marchio di protezione) (organizzazione comune di mercato OCM); promuovere un mercato del latte equo e sostenibile che sia orientato al mercato interno UE e che valorizzi le risorse naturali e la forza lavoro (organizzazione comune di mercato OCM). foto: Gunther Willinger - Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune Conservare la diversità alpina 15

16 2. 2. Le richieste dell Alleanza in sintesi Valutazione e discussione delle proposte della Commissione Le associazioni dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi avrebbero auspicato un riorientamento sostanziale della PAC. Le proposte di legge della Commissione invece rappresentano un compromesso le cui fondamenta difficilmente sono modificabili; si tratta perciò di apportare una critica costruttiva a queste proposte. In questo capitolo vengono brevemente elencati i principali punti criticati e le relative richieste. Più verde e più giusto? Nel corso della presentazione delle proposte di legge della Commissione, il Commissario europeo per l agricoltura Ciolos ha parlato di una PAC che doveva essere più verde e più giusta. Da ciò deriva il fatto che i pagamenti diretti sono condizionati al Greening e la loro distribuzione più uniforme. L Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi accoglie con favore questo approccio, ma in ampie sua parti nota l assenza di un applicazione coerente in strumenti e misure. Un vero Greening della PAC sarebbe raggiungibile in particolare rafforzando il 2 pilastro. Nei testi della legge mancano completamente gli indicatori elaborati dalla stessa UE (p.es. High Nature Value Farmland) e gli obiettivi per la sostenibilità (p. es. strategia della biodiversità). Mentre sarebbe urgente legare molte misure (p. es. promozione degli investimenti, giovani agricoltori, consulenza, gestione del modello regionale) a criteri di sostenibilità. La PAC dovrebbe finanziare maggiormente anche i progetti di ricerca e di formazione sull agricoltura multifunzionale. In generale l assegnazione di finanziamenti per la ricerca e la formazione dovrebbe essere condizionata a criteri di sostenibilità (p. es. protezione della biodiversità, rinuncia alle biotecnologie). Misure importanti in questo senso sono ad esempio le consulenze di sostenibilità a livello aziendale o i progetti di ricerca nell agricoltura ecologica. Una distribuzione più equa dei pagamenti diretti comprende l abolizione delle referenze storiche auspicata dalla Commissione e l introduzione di un modello unitario di premi aziendali un obiettivo giusto. Così come la riduzione progressiva e l introduzione di massimali per il premio unico legato alla superficie. Gli Stati membri dovrebbero avere la possibilità di distribuire fino al 50% del premio base in funzione di un impegno lavorativo standardizzato. Un ulteriore requisito qualitativo da introdurre per la conservazione del premio base devono essere i limiti massimi in termini di carico di bestiame e resa azoto. La proposta legislativa prevede diverse possibilità di incentivazione per gli erbai estensivi (programmi agro-ambientali, indennità compensativa, pagamenti accoppiati, riserva nazionale) tuttavia riteniamo che vi sia la necessità di ottimizzazioni in alcuni punti a livello di definizioni e prescrizioni. La protezione dei prati e pascoli permanenti dal dissodamento va di per se salutata, pur essendovi stata attribuita una data di riferimento devastante che, fino a tale scadenza condurrebbe a massicci dissodamenti degli erbai. La Commissione dovrebbe anche offrire degli incentivi per il ripristino dei prati e pascoli permanenti. Anche il 7% di superfici ecologiche privilegiate viene salutato con favore; tuttavia è necessario garantirne la funzione di interconnessione dei biotopi. 16 Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

17 2. Quanto è verde il Greening?! La componente di ecologizzazione del 1 pilastro può solamente imporre nuovi standard minimi che nelle regioni agricole intensive possono produrre attività aggiuntive. Solo il riconoscimento delle prestazioni ambientali e incentivi che vadano oltre questi standard minimi, soprattutto nelle aree con un elevato fabbisogno di tutela o di intervento come nelle zone montane, potrà determinare il raggiungimento degli obiettivi europei a livello ambientale e di sostenibilità. L Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi richiede una dotazione finanziaria minima dei fondi FEASR conformemente alle priorità definite nell articolo 5 del Regolamento FEASR. Il 50% dei fondi FEASR dovrebbe comunque essere riservato alle priorità 4 e 5 (ecosistemi, efficienza delle risorse e protezione del clima). Vi sono comprese le misure degli articoli FEASR da 29 a 35 (ambiente agricolo, agricoltura ecologica, Natura 2000 e Direttiva quadro sulle acque, indennità compensativa, tutela degli animali e protezione dei boschi). Anche la priorità 6 (inclusione sociale, riduzione della povertà, sviluppo delle zone rurali) e i programmi LEADER sono di particolare rilievo per l agricoltura di montagna e dovrebbero essere considerati in fase di allocazione dei fondi. L indennità compensativa indennizza le condizioni sfavorevoli del sito nelle zone svantaggiate per ragioni naturali, quali appunto le zone montane con le forti pendenze, le difficoltà di accesso e la brevità del periodo vegetativo. I fondi dovrebbero essere allocati in maniera differenziata sulla base del grado di difficoltà; per una distribuzione equa non è sufficiente definire come montane tutte le aree a partire da una certa altitudine (ad esempio 700 m sopra il livello del mare), trattandole quindi allo stesso modo a livello di incentivazione; si tratta invece di definire il grado di difficoltà per ogni singola azienda, come ad esempio nel modello austriaco del catasto dei masi di montagna. I testi di legge devono essere formulati in modo tale che gli Stati membri siano in grado di attuare modelli di incentivi differenziati di questo tipo, e che siano invitati a sviluppare modelli del genere. La protezione e la gestione delle aree Natura , nonché l attuazione della Direttiva quadro sulle acque (DQA) devono essere migliorate a fondo per raggiungere gli obiettivi a livello di biodiversità per il Tutti gli strumenti di finanziamento dell UE vi devono contribuire. Ma la garanzia di un buono stato di conservazione delle aree Natura- 2000, in quanto obiettivo europeo centrale, dovrebbe in gran parte derivare dalla PAC. Le attuali proposte di legge della Commissione non consentiranno un finanziamento adeguato delle aree Natura-2000 e della DQA. 17 Natura 2000 è l elemento centrale della politica europea sulla biodiversità, ma solo il 17 percento delle specie e degli habitat si trovano in uno stato di conservazione soddisfacente. Fonte: Commissione UE (2009): KOM(2009)358 definitiva, pag. 7 e Commissione UE (2011): Assicurazione sulla vita e capitale naturale: una strategia europea per la biodiversità per l anno Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune Conservare la diversità alpina 17

18 2. Gli Stati membri hanno il diritto di scegliere una ripartizione regionale per l allocazione dei premi base. Per configurare questi modelli regionali l Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi propone di chiedere preventivamente agli Stati membri una valutazione dell impatto ( impact assessment ), che renda trasparente gli effetti di diversi scenari. In caso contrario c è il rischio che l istituzione dei modelli regionali sia tale da non raggiungere gli obiettivi prefissati. Gli agricoltori pretendono a ragione di poter ricavare un reddito equo dalla vendita dei loro prodotti al mercato e dalla remunerazione delle prestazioni sociali da loro erogate. Si tratta di istituire strumenti di mercato efficaci per stabilizzare i prezzi ed evitarne le forti oscillazioni. E necessario sostenere la produzione e la commercializzazione di prodotti di qualità in quanto espressione della regionalità e della diversità dei territori rurali. Oltre a ciò l Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi chiede un divieto di pubblicità ingannevole, nonché la maggiore promozione di circuiti di distribuzione brevi, iniziative di vendita diretta e mercati degli agricoltori consolidati a livello regionale. Soprattutto per l agricoltura di montagna è necessario un marchio di protezione per i prodotti di montagna la cui produzione è all insegna della sostenibilità. La maggiore incentivazione di associazioni di produttori e il programma latte per le scuole previsti nelle proposte di legge vengono accolti con favore. Quest ultima iniziativa potrebbe sviluppare una maggiore efficacia stabilendo criteri di qualità elevata per il latte destinato alle scuole (latte biologico regionale o latte regionale da fieno). Nel complesso tutta la competitività delle aziende agricole deve essere migliorata per affrontare la posizione negoziale potentissima delle grandi catene di distribuzione. foto: Gunther Willinger - Stambecco alpino (Capra ibex). 18 Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

19 2. Misure di mercato L Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi chiede una politica agricola europea orientata al mercato interno i cui obiettivi siano una conservazione capillare dell agricoltura e un approvvigionamento della propria popolazione con prodotti alimentari di qualità e di pregio. La crisi del sistema finanziario dal 2008 in poi mostra in maniera drastica che i mercati essenzialmente non regolamentati non consentono di conseguire gli obiettivi dal punto di vista sociale. La crisi alimentare mondiale, infatti, si è sviluppata con molti parallelismi e in diversi modi legata a questo. L Alleanza è delusa del fatto che l obiettivo della stabilizzazione dei mercati, dichiarato nei Trattati europei 19, non è preso in considerazione nelle proposte di legge della Commissione. Il Parlamento europeo ha identificato il problema e, nella sua analisi Redditi equi per gli agricoltori: migliorare il funzionamento della filiera alimentare in Europa 20, evidenzia numerose carenze e ne desume delle richieste. In questo contesto, l Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi ribadisce la particolare importanza di un mercato del latte più equo per l agricoltura di montagna. Qui di seguito sono riportate alcune misure selezionate, atte a creare migliori condizioni quadro sul mercato del latte, ma anche in altri settori della produzione alimentare, e che possono contribuire all obiettivo della stabilizzazione del mercato: Con l ausilio di misure in grado di regolare l offerta, gli stessi produttori di latte devono essere in grado di reagire efficacemente ai cambiamenti della domanda. A questo fine, con lo European Milk Board (EMB), è già stato creato un ente europeo di monitoraggio. E però urgente conferire a questo ente le competenze per controllare il mercato. I limiti per l uso degli strumenti di stabilizzazione Regime di intervento e ammasso pri-vato devono tenere conto della relazione che c è fra sviluppo dei prezzi, costi e margini. Gli attuali limiti di intervento scattano a prezzi troppo bassi ed hanno pertanto già causato delle immense perdite di valore aggiunto per i produttori di latte. Lo schema volontario di contenimento della produzione di latte dietro risarcimento, pro-posto dalla Commissione UE. 19 Trattato di Lisbona. 20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C308E del , pag : Entrate eque per gli agricoltori: migliore funzionamento della filiera alimentare in Europa, Risoluzione del Parlamento europeo del 7 settembre 2010 sul tema Entrate eque per gli agricoltori: migliore funzionamento della filiera alimentare in Europa (2009/2072(INI)). Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune Conservare la diversità alpina 19

20 2. In caso di crisi gli aumenti decisi delle quote latte dovranno temporaneamente non essere assegnati alle singole aziende. Per rafforzare il potere contrattuale e disseminare il rischio, i produttori di latte dovrebbe-ro avere la possibilità di contrattare collettivamente i prezzi in più di un organizzazione di produttori, con quote chiaramente definite. Lo stesso vale per la possibilità di commercia-lizzare una parte dei quantitativi di latte attraverso un azienda a struttura cooperativa e l altra parte attraverso un associazione di produttori di latte ossia nella veste di singola a-zienda. Per poter influire sull equilibrio di mercato e per creare in tutta l Europa condizioni qua-dro di mercato pressoché simili, i criteri minimi proposti per la formulazione contrattuale fra produttori di latte e settore lattiero-caseario devono essere prescritti obbligatoriamente per tutti gli Stati membri. Introduzione di un marchio di protezione per prodotti provenienti dall agricoltura di mon-tagna. Il label dovrebbe garantire l informazione affidabile per il consumatore sulla pro-venienza geografica e, in combinazione con schemi di qualità quali agricoltura ecologica, la protezione dell ambiente, la protezione della natura, la tutela degli animali e gli aspetti sociali, contribuire ad aumentare il valore aggiunto nell agricoltura alpina. Divieto di dichiarazioni e pubblicità ingannevoli: le immagini e le denominazioni di pro-dotto sulle confezioni che suggeriscono una modalità produttiva diversa da quella effetti-vamente adottata, devono essere vietate (p. es. mucca al pascolo sul latte proveniente da stabulazione permanente). In relazione all agricoltura di montagna deve essere garantito che l uso dei termini montagna, alpe e alpeggio e tutte le altre denominazioni comprese le traduzioni siano utilizzabili solamente per le produzioni provenienti dalle zone montane (va definito un preciso catalogo dei criteri). Lo stesso dicasi per la pubblicità re-lativa a questi prodotti. Sostegno delle iniziative di vendita diretta/per conto proprio e dei mercati dei contadini a livello regionale: la creazione di valore aggiunto tramite i prodotti è possibile proprio nel-la regione alpina. Questi prodotti sono particolarmente apprezzati e desiderati dai consu-matori. Per stabilire propri circuiti di commercializzazione sono necessari finanziamenti statali perché gli investimenti necessari rappresenterebbero un aggravio eccessivo per gli agricoltori. 20 Conservare la diversità alpina Richieste dell Alleanza per l agricoltura e la protezione della natura nelle Alpi in merito alla Politica agricola comune

Cofinanziato dalla Commissione Europea

Cofinanziato dalla Commissione Europea Cofinanziato dalla Commissione Europea LA NUOVA PAC A partire da Gennaio 2015 Approccio più mirato e adattabile rispetto al passato Ampia scelta di regimi e misure facoltativi Possibilità di trasferimenti

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI

PAC 2020: LA CONTROPROPOSTA APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI ARGOMENTO Convergenza esterna Active farmers Flessibilità tra i pilastri NOVITÀ RISPETTO ALLA PROPOSTA UE

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

La Politica Agricola Comune verso il 2020

La Politica Agricola Comune verso il 2020 La Politica Agricola Comune verso il 2020 Senato della Repubblica Italiana audizione del 25 Marzo 2014 DG Agricoltura e Sviluppo Rurale Commissione UE Dr Innamorati Angelo Schema della presentazione 1.

Dettagli

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER CODICE MISURA: 133 TITOLO: Sostegno alle associazioni di produttori per attività di informazioni e promozione riguardo ai prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentari CONTRIBUTO: 200.000,00

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

SEZIONE 1 Introduzione

SEZIONE 1 Introduzione REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE QUADRO SINTETICO DEGLI ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AIUTI DI STATO A FINALITÀ REGIONALE 2014 2020 Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie,

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia I sostegni alle imprese agricole per la competitività e la diversificazione dei redditi Zola Predosa 29 ottobre 2011 Zola fa agricoltura

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

La nuova PAC - La posizione del Biologico Europeo

La nuova PAC - La posizione del Biologico Europeo La nuova PAC - La posizione del Biologico Europeo Marco Schlüter, IFOAM EU, Director Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali Perugia, 21

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening

La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening La PAC dopo il 2014: condizionalità e greening Patrizia Borsotto Agripiemonteform, 28 ottobre 2014 Presentazione Percorso storico della PAC Le tappe della nuova PAC Obiettivi della nuova PAC Strumento

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: attuazione. Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: attuazione. Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: le opportunità e lo stato di attuazione Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale 1 Le risorse Toscana: 962 milioni risorse

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE ProgrammazioneUnitaria2014-2020 Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE INCENTIVI IMPRESE Stato attuazione procedure Programmazione Unitaria COMPETITIVITA

Dettagli

Politica Agricola comune (2014-2020)

Politica Agricola comune (2014-2020) Politica Agricola comune (2014-2020) Obiettivo La politica agricola comune (PAC) è progettata per offrire una struttura moderna, sostenibile ed efficiente al settore agricolo in Europa. Essa mira a promuovere

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE L'ultima riforma della politica agricola comune (PAC) ha mantenuto la struttura a due pilastri di questa politica, e lo sviluppo rurale continua

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato La gestione del rischio Gregorio Rigotti Dipartimento Territorio, Agricoltura, Ambiente e Foreste Trento, 6 marzo 2014 Contenuti La

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Le priorità e le sfide da affrontare nella programmazione 2014-2020: il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Claudio Sacchetto Assessore all Agricoltura e foreste e alla caccia e pesca

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 La PAC e le donne La PAC non è una politica rosa L agricoltura è ancora

Dettagli

Misure forestali nei programmi di Sviluppo Rurale 2014-2020: proposta della Commissione e stato dei negoziati

Misure forestali nei programmi di Sviluppo Rurale 2014-2020: proposta della Commissione e stato dei negoziati Misure forestali nei programmi di Sviluppo Rurale 2014-2020: proposta della Commissione e stato dei negoziati Guido Castellano Directorate General for Agriculture and Rural Development European Commission

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020 dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 1) DOTAZIONE FINANZIARIA UE 95,3 MILIARDI EURO Italia 10,4 MILIARDI EURO + cofinanziamento

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.1.2014 SWD(2014) 29 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta di REGOLAMENTO DEL

Dettagli

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 ( s i n te s i d e l R e g o l a m e n to C E 1 9 7 4 / 0 6 e d e l l a D e l i b e r a G i u n

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

L evoluzione della produzione integrata in Piemonte

L evoluzione della produzione integrata in Piemonte L evoluzione della produzione integrata in Piemonte Giancarlo Bourlot Regione Piemonte, Settore Fitosanitario Laboratorio Agrochimico Regionale La produzione La situazione integrata europea in Piemonte

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria

Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria Implementazione nazionale. A che punto siamo? - 27 maggio accordo politico su importanti opzioni

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli