Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma"

Transcript

1 Metodi avanzati di tracciabilità a supporto delle normative Europee sulla etichettatura dei prodotti contenenti o derivati da OGM. Dai centri di ricerca ai laboratori di analisi Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma LA COESISTENZA TRA ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI E NON: UNA SFIDA POSSIBILE?

2 OGM e legislazione specifica L immissione sul mercato di prodotti OGM o consistenti di materiale derivato da piante transgeniche, ad esempio per coltivazione, importazione o processamento in prodotti industriali, è gestita dalla Direttiva 2001/18/EC L immissione sul mercato di OGM per alimenti e mangimi o prodotti alimentari che contengono, consistono di o sono prodotti da OGM è gestita dal Regolamento (EC)1829/2003 Se un prodotto alimentare contiene o consiste di OGM ci sono due possibilità: È soggetto solamente al Regolamento (EC) 1829/2003 per l autorizzazione al rilascio ambientale di OGM per l uso dell OGM nei prodotti alimentari È soggetto sia alla Direttiva 2001/18/EC che al Regolamento (EC) 1829/2003 I prodotti alimentari devono anche rispondere alle esigenze di tracciabilità e etichettatura, delineati nel Regolamento (EC) 1829/2003 e (EC) 1830/2003

3 Etichettatura I prodotti che consistono di OGM (o contengono OGM) devono essere etichettati I regolamenti 1829 e 1839/03 stabiliscono la soglia minima di tolleranza alla presenza di OGM pari a 0,9% per alimenti e mangimi che contengono OGM già autorizzati, se la presenza è accidentale o tecnicamente inevitabile La soglia è dello 0,5% per la presenza di OGM non autorizzati, in via transitoria In Italia la vigilanza sull osservanza delle norme si riferisce alla direttiva 2001/18 ed spetta all autorità nazionale competente (Ministero ambiente), a regioni e province autonome, a enti locali (attuazione D.lgs.224 dell )

4 Etichettatura negli USA In Europa la necessità di etichettatura subentra se nella preparazione dell alimento sono stati impiegati OGM, tenendo conto della soglia per la contaminazione ritenuta accidentale Negli USA l etichettatura è praticamente volontaria e si basa sulla sostanziale differenza dell alimento dalla sua controparte tradizionale, se causa preoccupazioni per i rischi alla salute

5 Scopo dell etichettatura Facilitare l adozione di scelte consapevoli e impedire che i consumatori siano tratti in inganno Informare sulle caratteristiche che rendono alimenti o mangimi diversi dalla versione tradizionale Promuovere la correttezza delle transazioni tra venditore e acquirente

6 Alcune definizioni Evento: è uno specifico evento di ricombinazione da cui è stata generata la pianta transgenica. E identificato da un abbreviazione (es. Bt11, MON 863) Costrutto genico:unità funzionale necessaria per il trasferimento e l espressione del gene di interesse Transgene: un gene preso da un organismo e trasferito in un diverso organismo mediante ingegneria genetica

7 Situazione in un evento specifico giunzione promotore giunzione enhancer terminatore transgene costrutto

8 Supporto all etichettatura Si basa sulla valutazione, qualitativa e quantitativa, della presenza di materiale di origine transgenica negli ingredienti e nelle componenti dell alimento Nel 2004 si è deciso che la concentrazione sia espressa come rapporto tra un bersaglio eventospecifico e un bersaglio di riferimento speciespecifico in termini di genoma aploide (Raccomandazione 2004/787/EC) Questo rapporto deve essere stabilito per ogni specie ed ogni gene Diversi progetti di ricerca si stanno occupando di chiarire e migliorare queste precisazioni (es. COETRA)

9 Specificità del metodo Attualmente il dibattito sull etichettatura in ambiente normativo e scientifico si riferisce alla specificità dei metodi analitici Per essere altamente specifico, il metodo deve avere come bersaglio una caratteristica unica dell evento in questione Se il bersaglio è basato sul COSTRUTTO o sul TRANSGENE rischia di dare risultati positivi anche per altri eventi transgenici: ad esempio, il caso del mais Bt10, non autorizzato, contenente lo stesso costrutto del mais autorizzato Bt11 La legislazione EC richiede perciò che il metodo abbia un bersaglio specifico per l EVENTO: in caso di inserzioni, si tratta delle GIUNZIONI tra costrutto e genoma del ricevente

10 Metodologie analitiche Secondo il Regolamento EC 882/2004 i metodi analitici per il controllo di alimenti e mangimi devono essere validati da laboratori specializzati (Community Reference Laboratory) Secondo i Regolamenti 1829/2003 e 641/2004, la validazione di metodi analitici per l analisi di OGM è richiesta per l autorizzazione di un alimento o mangime OGM nella UE: la ditta che chiede l autorizzazione deve sottoporre a validazione il metodo analitico corrispondente

11 Analisi di proteine Metodi particolarmente diffusi negli USA si basano su saggi immunocromatografici (lateral flow assay) per l analisi qualitativa. Il test può rispondere anche a 0,1% di OGM (1 seme su 1000)

12 Metodi per analisi di DNA Si basano sulla complementarietà delle eliche di DNA, in saggi di ibridazione o di amplificazione con PCR. Un prerequisito è una quantità minima del gene bersaglio e una conoscenza accurata della modificazione genetica. In tutti i casi il passaggio critico è l estrazione e purificazione del DNA dal campione. Southern blot PCR qualitativa PCR quantitativa all end-point (QC-PCR) PCR Real-time quantitativa

13 Laboratorio di riferimento Il sito Internet del CRL elenca lo stato di validazione dei dossier sui protocolli che sono stati sottoposti. Attualmente risultano validati metodi per circa 25 eventi specifici. Si riferiscono a mais, riso, barbabietola da zucchero, cotone.

14 Indici di prestazione Applicabilità a diversi materiali e concentrazioni Praticità, che comprende facilità di esecuzione ed efficacia, i costi e i tempi richiesti Specificità, essere evento-specifico Range dinamico di concentrazioni in cui vale la linearità, da 0,09 a 4,5% (soglia a 0,9%) Accuratezza, entro il 25% dal valore di riferimento Efficienza di amplificazione Coefficiente di correlazione, superiore a 0,98 Ripetibilità, su almeno 15 prove Limite di quantificazione, inferiore a 0,09% (soglia a 0,9%) Limite di rilevazione, inferiore a 0,045% (soglia a 0,9%) Robustezza, non essere influenzato da deviazioni nella procedura sperimentale

15 Estrazione del DNA La crescente severià del trattamento diminuisce la probabilità di recuperare DNA ad alto peso molecolare SEMI FARINA POLENTA CRACKER TACO TRATTAMENTO Meccanico Termico Chimico AMPLIFICAZIONE 133 bp 277 bp 485 bp 1105 bp 1578 bp 1956 bp / / / / / / / /

16

17 RealTime uniplex Mon1930 MON 810 plasmid std curve b Mean Ct Value a Per una quantificazione diretta dell evento OGM le metodologie di PCR Real-Time sono le uniche in grado di dare un risultato affidabile y = x R2 = a: Real-time PCR di diverse diluizioni del bersaglio; b: regressione lineare delle diluizioni. 2 3 log quantity 4 5 6

18 PCR Real Time duplex Dopo l ottimizzazione di primer e sonde si può eseguire la PCR RealTime con due bersagli contemporaneamente. Poichè il bersaglio corrispondente al gene endogeno di riferimento ha una concentrazione molto più elevata del bersaglio specifico, la sua amplificazione si ottiene precocemente.

19

20 PCR multiplex Si possono amplificare simultaneamente fino a 7 bersagli in una unica reazione. Due sono geni di controllo, zeina per mais e lectina per soia

21

22 Microarrays Due sonde diverse per ogni amplicone vengono utilizzate, una di circa 40 nt e una di 60. L efficienza di ibridazione cambia nei due casi. Tutte le sonde riconoscono il bersaglio corrispondente e il riconoscimento è specifico. Zeina e lectina sono i geni endogeni di riferimento per mais e soia rispettivamente

23

24

25 Un esempio di metodo validato PCR quantitativa in RealTime per la determinazione del contenuto relativo dell evento GA21 di mais. Il bersaglio specifico è un frammento di 112 bp della regione di giunzione tra costrutto e genoma vegetale Come gene endogeno di riferimento si usa adh1, amplificando un frammento di 70 bp Le reazioni vengono eseguite separatamente su 200 ng di DNA Il limite di quantificazione è pari a 0,1% Il limite di rilevabilità è pari a 0,1% Il range di concentrazioni per cui è stato validato va da 0,1 a 4,26% di contenuto GM

26 Il ruolo della ricerca La Commissione Europea e diversi enti nazionali e internazionali hanno finanziato diversi progetti di ricerca per lo studio di nuove strategie e approcci alla rilevazione degli OGM I risultati di tali progetti sono stati alla base di innovazioni in strumentazioni, progettazione di sonde, scelta di bersagli e hanno portato anche a importanti modificazioni legislative e normative

27 Progetti di ricerca conclusi PRIN2000: Tracciabilita' di frammenti di DNA e proteine lungo la filiera alimentare e mangimistica con metodi applicabili alla etichettatura volontaria (EC 1139/98) CNR Agenzia 2000: Applicazione della genomica e della proteomica alla qualita' alimentare: tracciabilita' di LMO (OGM) nei nuovi alimenti e nelle filiere agro-alimentari CE Framework V, Quality of Life and Management of Living Resources: Traceability of DNA fragments throughout the food chain by DNA/PNA technologies. Application to novel foods (DNA-TRACK) MURST Fondo speciale per lo sviluppo della ricerca di interesse strategico (FIST): Applicazioni della genomica e della proteomica alla determinazione della qualità, salubrità e sicurezza della produzione alimentare

28 Progetti attualmente in corso CE Framework VI, Food Quality and Safety: dal 2005 GM and non-gm supply chains: their CO-Existence and TRAceability (COETRA) CE Framework VI, Food Quality and Safety: dal 2006 Promoting European Traceability Excellence & Research (PETER) CE Framework VI, Food Quality and Safety: dal 2007 Integrated System for a Reliable Traceability of Food Supply Chains (TRACEBACK)

29 E in particolare Studio triennale di fattibilità sulla coesistenza di tre diverse filiere agroalimentari basate su un agricoltura con coltivazioni convenzionali, organiche e GM UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Consorzio Interuniversitario Nazionale Scienze Ambientali COOP-ITALIA-BOLOGNA

30 PRRIITT: dal 2005 Laboratorio Regionale per la Sicurezza e la Qualità degli Alimenti (SIQUAL) Un progetto finanziato dalla Regione EmiliaRomagna per un laboratorio che rappresenti un punto di riferimento per quanto riguarda la sicurezza e la qualità degli alimenti per imprese ed enti di controllo

31 Conclusioni Grazie agli sforzi della CE, l Europa è attualmente leader nella salvaguardia dei consumatori, con una legislazione basata sul principio di precauzione Negli anni recenti le tecniche per la rilevazione di OGM hanno subito un enorme progresso, grazie alle attività di ricerca e alla validazione di metodologie di analisi sempre più specifiche e affidabili

Il controllo analitico degli OGM

Il controllo analitico degli OGM Il controllo analitico degli OGM Problematiche analitico metodologiche nella tracciabilità degli OGM INDIVIDUAZIONE: l obiettivo è di determinare se un prodotto contiene OGM o no (non da notizie sul tipo

Dettagli

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE Villa Chiozza, Scodovacca di Cervignano,, 9 giugno 2008 De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione Servizio

Dettagli

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna)

Dettagli

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Ugo Marchesi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza Nazionale per la ricerca di OGM ugo.marchesi@izslt.it ORGANISMI

Dettagli

Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays. Francesco Gatto

Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays. Francesco Gatto Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays Francesco Gatto Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM IZS di Lazio e Toscana Roma 31 Ottobre 2007

Dettagli

Gli OGM nell alimentazione animale: stato dell arte e prospettive future

Gli OGM nell alimentazione animale: stato dell arte e prospettive future VI Convegno Nazionale degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali sull alimentazione animale I 10 anni del C.Re.A.A.: un passo verso il futuro Roma, 11 giugno 2013 Ministero della Salute ILARIA CIABATTI

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Valutazione dell incertezza di misura: esperienza di un laboratorio accreditato per gli OGM ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dettagli

Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010

Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010 Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010 ? FIT FOR PURPOSE SAMPLING T R A C E A B I L I T Y along Food and Feed Chain Whys and Wherefores of a reliable sampling Official control Legal disputes Coexistence Compliance

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

Il laboratorio ASL di Cremona nell ambito del sistema di controllo OGM in Regione Lombardia

Il laboratorio ASL di Cremona nell ambito del sistema di controllo OGM in Regione Lombardia Il laboratorio ASL di Cremona nell ambito del sistema di controllo OGM in Regione Lombardia 2 Workshop dei laboratori nazionali del controllo ufficiale OGM IZS LT, Roma, 1 dicembre 2010 Dott.ssa Cristina

Dettagli

XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V.

XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. SOCIETÀ ITALIANA DI DIAGNOSTICA DI LABORATORIO VETERINARIA XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. Genova Magazzini del Cotone 27-29 Ottobre 2010 VOLUME DEGLI ATTI 1 SCHEMA DI ACCREDITAMENTO FLESSIBILE APPLICATO

Dettagli

Ministero della Salute Relazione per la Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica in merito alle tematiche connesse all'impiego di OGM

Ministero della Salute Relazione per la Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica in merito alle tematiche connesse all'impiego di OGM Ministero della Salute Relazione per la Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica in merito alle tematiche connesse all'impiego di OGM Audizione del Dottor Giuseppe Ruocco Direttore generale

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE 25.6.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 166/9 REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2011 che fissa i metodi di campionamento e di analisi per i controlli ufficiali degli

Dettagli

Regole di Coesistenza: normativa e problematiche attuative

Regole di Coesistenza: normativa e problematiche attuative Regole di Coesistenza: normativa e problematiche attuative Roberta Onori Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Scurezza Alimentare Reparto OGM e xenobiotici di origine fungina Email: roberta.onori@iss.it

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2 + Polo Alimenti In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale degli Alimenti (ex DPR 14/7/95) per l anno 2010, riguardo agli OGM,

Dettagli

INDICE. Introduzione, di C. Grazia, R. Green, A. Hammoudi pag. 13

INDICE. Introduzione, di C. Grazia, R. Green, A. Hammoudi pag. 13 INDICE Introduzione, di C. Grazia, R. Green, A. Hammoudi pag. 13 1. II ruolo degli standard pubblici e privati nella regolazione dei mercati agroalimentari internazionali, di 5. Henson» 19 1.1. Introduzione»

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Alberto Lolini. Grosseto, 23 aprile 2015

Alberto Lolini. Grosseto, 23 aprile 2015 Alberto Lolini Grosseto, 23 aprile 2015 Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti 1 OGM : cosa sono? Definizione Il regolamento (CE) n.

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione SSOG Attività Laboratorio Oli e Grassi 3 Relatore Liliana Folegatti E-mail: liliana.folegatti@ssog.it Milano, 10 Febbraio 2012 LABORATORIO OLI GRASSI

Dettagli

Corso di Diritto alimentare Ferrara, 28/10/2013

Corso di Diritto alimentare Ferrara, 28/10/2013 Corso di Diritto alimentare Ferrara, 28/10/2013 OGM e Novelfoods Il quadro disciplinare nell UE OGM(Organismi geneticamente modificati): organismi viventi, vegetali o animali, che hanno subito variazioni

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria (IBBA) Tuesday, October

Dettagli

Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi

Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi Roma, 2 Workshop dei laboratori del controllo uffficiale di OGM 30 novembre 1-2 dicembre 2010 Le Agenzie

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

La normativa sulla etichettatura e tracciabilità degli alimenti derivanti da OGM a garanzia della corretta. Marina Miraglia

La normativa sulla etichettatura e tracciabilità degli alimenti derivanti da OGM a garanzia della corretta. Marina Miraglia La normativa sulla etichettatura e tracciabilità degli alimenti derivanti da OGM a garanzia della corretta informazione del consumatore Bologna 9 febbraio 2007 Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Metodi di analisi di OGM

Metodi di analisi di OGM Metodi di analisi di OGM Roberta Onori Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Quadro normativo Attività Pre-marketing Indag ini sulla esposizione

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

PCR (Polymerase Chain Reaction)

PCR (Polymerase Chain Reaction) PCR (Polymerase Chain Reaction) Metodo enzimatico estremamente rapido e semplice per produrre una quantità illimitata di copie della sequenza di un singolo gene Sometime a good idea comes to yow when you

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TRACCIABILITA, ETICHETTATURA: LINEE GUIDA PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TRACCIABILITA, ETICHETTATURA: LINEE GUIDA PER L INDUSTRIA ALIMENTARE ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TRACCIABILITA, ETICHETTATURA: LINEE GUIDA PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Roma, 11 marzo 2004 Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl 1 SOMMARIO A) FINALITÀ

Dettagli

COMITATO DI ACCREDITAMENTO

COMITATO DI ACCREDITAMENTO Via P.A. Saccardo,9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Requisiti minimi per la certificazione

Dettagli

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale Gruppo di Lavoro Tecnico Interregionale sul tema degli OGM istituito dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome WORKSHOP 20-21 febbraio 2008 Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione

Dettagli

La tecnica Real-Time PCR nelle analisi alimentari: Sicurezza e prevenzione delle frodi

La tecnica Real-Time PCR nelle analisi alimentari: Sicurezza e prevenzione delle frodi La tecnica Real-Time PCR nelle analisi alimentari: Sicurezza e prevenzione delle frodi -Dr. Matteo D Andrea- -Product Specialist PCR, R-Biopharm Italia- Scandali alimentari: Sempre maggiore attenzione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) REGOLAMENTO PARTICOLARE

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINOLOGIA... 2 3. RIFERIMENTI... 3 4. CONDIZIONI GENERALI... 4 4.1. PRODOTTI CERTIFICABILI... 4 4.2. DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Piergiovanni Piatti. NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle

Piergiovanni Piatti. NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle Piergiovanni Piatti NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle Impiego di tecniche biomolecolari per l analisi l degli alimenti e la tracciabilità

Dettagli

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Uno dei problemi inerenti lo sviluppo del progresso scientifico e tecnologico, che sarà di seguito affrontato per gli importanti risvolti che presenta per lo sviluppo

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for:

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: by: D. Capra S. Bianchini, M. Bonadonna CSI All in DNV GL Business Assurance

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Monitoraggio OGM delle sementi di mais in Italia: l'esperienza di dieci anni di attività Rita Zecchinelli, Elena Perri CRA-SCS Sede di Tavazzano -

Monitoraggio OGM delle sementi di mais in Italia: l'esperienza di dieci anni di attività Rita Zecchinelli, Elena Perri CRA-SCS Sede di Tavazzano - Monitoraggio OGM delle sementi di mais in Italia: l'esperienza di dieci anni di attività Rita Zecchinelli, Elena Perri CRA-SCS Sede di Tavazzano - Laboratorio 1 CONSIGLIO PER LA RICERCA E LA SPERIMENTAZIONE

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

Controllo dei campi di mais transgenici in Emilia- Romagna

Controllo dei campi di mais transgenici in Emilia- Romagna Controllo dei campi di mais transgenici in Emilia- Romagna I Prodotti nel mondo Nel mondo, alla fine dell anno 2002, erano in campo 60 milioni di ettari di piante modificate geneticamente, di cui 39 milioni

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

ABI-7700 User Bulletin #5

ABI-7700 User Bulletin #5 ABI-7700 User Bulletin #5 1. halogen tungsten lamp 2b. emission filters 3. intensifier 5. ccd detector 350,000 pixels 2a. excitation filters 4. sample plate www.biorad.com 3 Real-time qpcr - La fluorescenza

Dettagli

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti Background La storia (alcune date ed eventi significativi) La genetica moderna inizia nel 1865 con le leggi formulate da Mendel sull'ereditarietà dei caratteri genetici; nel 1943 il DNA viene riconosciuto

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 4 2.1 PRODUTTORE... 4 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 4 2.3 PIANO PER LA QUALITÀ DI PRODOTTO... 4 2.4 MATERIA PRIMA...

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: U.Marchesi Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.amaddeo BIOTECNOLOGIE

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in Il progresso tecnico in agricoltura le dimensioni del progresso tecnico in agricoltura gli effetti del progresso tecnico (il caso del progresso tecnico risparmiatore dei costi) la nuova rivoluzione tecnologica

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

Polo Alimenti INDICE INTRODUZIONE...4 CONTROLLI UFFICIALI 2013...4. Organismi geneticamente modificati... 5 ALIMENTI A BASE MAIS E SOIA... 5 RISO...

Polo Alimenti INDICE INTRODUZIONE...4 CONTROLLI UFFICIALI 2013...4. Organismi geneticamente modificati... 5 ALIMENTI A BASE MAIS E SOIA... 5 RISO... Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Rapporto Attività 2013 Organismi Geneticamente Modificati (OGM) in alimenti, Allergeni, Ovoprodotti, Caffè. Relazione a cura di Claudio Mosso,

Dettagli

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA METODI ALTERNATIVI PCR digitale per la rilevazione e quantificazione assoluta del DNA Roma, 25 settembre 2013 Giuseppina Buonincontro IZS PLV- S.S. Controllo Alimenti La prima generazione di PCR consente

Dettagli

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso: Biotecnologie genetiche vegetali (6 CFU) (5 CFU Lezioni + Laboratorio) Docente: Prof. Antonio Blanco email: antonio.blanco@uniba.it

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015 7 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute D.d.u.o. 4 febbraio 2015 - n. 774 Indirizzi per la realizzazione dei controlli ufficiali sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics

September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics artus CMV QS-RGQ Kit, Version 1 4503363 Check availability of new electronic labeling revisions at www.qiagen.com/products/artuscmvpcrkitce.aspx

Dettagli

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare Quantificazione di legionella pneumophila mediante metodo biomolecolare Laboratorio di Epidemiologia Genetica e Genomica di Sanità Pubblica Istituto di Igiene LABORATORIO DI EPIDEMIOLOGIA GENETICA: ATTIVITA

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

NORMATIVA OGM IN ALIMENTI, SEMENTI E COLTURE AGRARIE

NORMATIVA OGM IN ALIMENTI, SEMENTI E COLTURE AGRARIE NORMATIVA OGM IN ALIMENTI, SEMENTI E COLTURE AGRARIE Che cosa sono le piante transgeniche? Transgenesi indica il trasferimento di geni mediante la tecnologia del DNA ricombinante. Il gene viene trasferito

Dettagli

BIOLOGICO E OGM FREE

BIOLOGICO E OGM FREE BIOLOGICO E OGM FREE PROBLEMATICHE NELLA GESTIONE DELLE CONTAMINAZIONI ESPERIENZE A CONFRONTO E AGGIORNAMENTO NORMATIVO Bologna, 1 Aprile 2004 - LA CONVIVENZA CON GLI OGM: AGGIORNAMENTO NORMATIVE UE -

Dettagli

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE Federico Comellini Direzione Qualità Ispettore Carni VERONA 10 febbraio 2006 1 TUTTI I PRODOTTI A

Dettagli

T V A. Il processo analitico è costituito da tre fasi distinte: a) Estrazione - arricchimento b) Retrotrascrizione c) Amplificazione Real Time TM

T V A. Il processo analitico è costituito da tre fasi distinte: a) Estrazione - arricchimento b) Retrotrascrizione c) Amplificazione Real Time TM genedia DIVISIONE BIOMOLECOLARE DETERMINAZIONE QUANTITATIVA DI RNA HCV MEDIANTE HPA (HIGH PERFORMANCE AMPLIFICATION) T V A L HPA è un protocollo d amplificazione che coniuga le conoscenze acquisite con

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

CLASSE 4^I ANNO 2011/12

CLASSE 4^I ANNO 2011/12 CLASSE 4^I ANNO 2011/12 - CHI SIAMO - COSA SONO - APPLICAZIONI PRATICHE - VANTAGGI - DIBATTITO - ASPETTI NORMATIVI - CONSIGLI DI LETTURA - FONTI Andrea Gasperini Lorenzo Godoli Giacomo Gigliotti Filippo

Dettagli

Atti Parlamentari 6255 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 6255 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 6255 Camera dei Deputati POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Interrogazione a risposta in Commissione: LION. Al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali. Per sapere

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

TRADIZIONE E NUOVE TECNOLOGIE

TRADIZIONE E NUOVE TECNOLOGIE la classe 3^E del Liceo Scientifico L. Da Vinci presenta TRADIZIONE E NUOVE TECNOLOGIE VERSO GLI OGM anno scolastico 2005-2006 Nuovi geni e nuove proteine, organismi geneticamente modificati e piante transgeniche,

Dettagli

Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni?

Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni? Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni? a cura di Leonardo Magneschi Scuola Estiva di Orientamento Volterra 2007 Venerdì 29 giugno 2007 1 Introduzione all Ingegneria Genetica L ingeneria

Dettagli

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati)

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) a cura di: Arpav Area Tel. +39 0422 558515 Fax +39 0422 558516 e-mail: daptv@arpa.veneto.it

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 22 POS VIR 061 INT rev. 4 del 02/02/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): SOIA ROUNDUP READY/LECTINA

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 22 POS VIR 061 INT rev. 4 del 02/02/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): SOIA ROUNDUP READY/LECTINA BIOTECNOLOGIE pag 1 di Redatto: U.Marchesi Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.amaddeo BIOTECNOLOGIE pag di

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati pagina 1 di 5 Cavriglia,. Ottobre 2014 Al Presidente del Consiglio Comunale e Sindaco di Cavriglia Sig. Leonardo Degl Innocenti o Sanni All assessore con delega all ambiente Sig. Filippo Boni MOZIONE VOLTA

Dettagli

Report di validazione del metodo Real Time PCR per il rilevamento e la quantificazione del mais MON810 (MON-00810-6)

Report di validazione del metodo Real Time PCR per il rilevamento e la quantificazione del mais MON810 (MON-00810-6) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEDE CENTRALE - Via Appia Nuova, 1411-00178 Roma/Capannelle Tel. (06) 79099.1 (centralino) - Fax (06) 79340724

Dettagli

HPV & Cervico-carcinoma

HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV HPV ad alto rischio Età all infezione 80% 20% Fattori mmunologici Transitoria Infezione persistente Infezione da C. trachomatis Displasia basso grado CIN

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag 2

Dettagli

P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011

P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011 P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011 1) Premessa PIANO NAZIONALE SEMENTI BIOLOGICHE 1 II biennio Il secondo

Dettagli

Ogm e tecniche di controllo

Ogm e tecniche di controllo 28 marzo 2014, ore 15.00 Ogm e tecniche di controllo - Prof. Avv. Francesco Rossi Dal Pozzo - Università degli Studi di Milano - 1 Definizione e diffusione Ogm 1996-2013: da 1,7 milioni di ettari a 175

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

ERSA - Agenzia regionale per lo sviluppo rurale Servizio ricerca e sperimentazione 33056 Pozzuolo del Friuli

ERSA - Agenzia regionale per lo sviluppo rurale Servizio ricerca e sperimentazione 33056 Pozzuolo del Friuli ANALISI OGM SOYA Il progetto si proponeva di verificare le caratteristiche qualitative di diversi lotti di soya rispetto alla contaminazione accidentale da OGM per avere una valutazione indicativa della

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

Curriculum Vitae Michelangelo Vietina

Curriculum Vitae Michelangelo Vietina Informazioni personali MICHELANGELO VIETINA Centro Interdipartimentale SITEIA.PARMA Sicurezza Tecnologie Innovazione Agroalimentare Unità di Biologia Applicata www.siteia-parma.it ------------------------------------------------------------

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli

ERSA Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli- Venezia Giulia. Applicazioni delle biotecnologie in agricoltura: prospettive e problematiche

ERSA Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli- Venezia Giulia. Applicazioni delle biotecnologie in agricoltura: prospettive e problematiche ERSA Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli- Venezia Giulia Servizio Chimico-agrario e della Certificazione - Pozzuolo del Friuli (UD) Applicazioni delle biotecnologie in agricoltura: prospettive

Dettagli

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE Roma, 25 marzo 2003 Gruppo di lavoro misto CNBB-MIPAF: Protocolli tecnici per la sperimentazione in regime di sicurezza delle attività di ricerca e di sperimentazione riguardanti gli OGM in campo agricolo

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE Progetto di Ricerca PON 01_02400/2 dal titolo IDEN.Pr.E.P.T- Identificazione del prodotto e della sua provenienza territoriale CUP B38I3000540005 Avviso finalizzato alla formazione di elenchi da utilizzare

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli