Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto SEEMPubS al progetto DIMMER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto SEEMPubS al progetto DIMMER"

Transcript

1

2 101 *di Anna Osello **Daniele Dalmasso **Matteo Del Giudice ***David Erba ***Francesca Maria Ugliotti ****Edoardo Patti *****Sanaz Davardoust Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto SEEMPubS al progetto DIMMER Parole chiave: BIM, Interoperabilità, Augmented Reality, Virtual Reality. Abstract I temi della progettazione, della realizzazione e della gestione costituiscono i capisaldi del processo edilizio e la tendenza attuale, seppure in stato embrionale per quanto riguarda il territorio nazionale, è rappresentata dall applicazione di un approccio che preveda l analisi e la ricerca di tipo integrato tra competenze e settori differenti per conoscenze ed esperienza. Nell ambito del progetto SEEMPubS (Smart Energy Efficient Middleware for Public Spaces), conclusosi ad agosto del 2013, è stata analizzata, dal punto di vista teorico ed operativo, la possibilità di utilizzare un network di sensori per il monitoraggio dei consumi e di incrementare la consapevolezza relativa ai consumi energetici da parte degli utenti degli ambienti di studio e di lavoro. L evoluzione di tale progetto è rappresentata dall avvio del progetto DIMMER (District Information Modeling and Management for Energy Reduction) il 1 ottobre 2013, nel quale il livello di analisi viene esteso dall edificio (scala edilizia) al quartiere/distretto (scala urbana) ampliando contemporaneamente i settori di analisi. La grande mole di dati che deve essere gestita ed analizzata prevede, anche in questo caso, un ripensamento delle attività ordinariamente svolte in merito, adottando strumenti innovativi e procedure diverse per garantire un corretto flusso informativo e una ottimale gestione dei dati. In risposta a ciò è stata adottata la metodologia BIM (Building Information Modeling), per la rappresentazione e la modellazione dei casi studio, la gestione delle facilities e lo studio dell interoperabilità tra applicativi differenti, cercando di capire come gli strumenti disponibili e la sinergia tra le professionalità coinvolte possano costituire lo standard per la comunicazione del domani. INTRODUZIONE Da alcuni anni emerge, sempre con maggiore frequenza, la necessità di avere a disposizione particolari aggregazioni di informazioni. Nell era del Web 2.0 la quantità di dati e di informazioni disponibili ha subito un incremento esponenziale permettendo da un lato un facile accesso ad essi ma allo stesso tempo creando un elevato livello di confusione, favorito dalla ridondanza e da un carente sistema di verifica e di monitoraggio. Anche nell ambito del processo edilizio, che coinvolge progettazione, costruzione e gestione, la quantità di informazioni scambiate e condivise è considerevole; si evidenzia inoltre come nella fase di gestione del ciclo di vita di un immobile o di un quartiere entrino in gioco non solo informazioni legate *Professore associato presso il Dipartimento Ingegneria Strutturale, Edile, Geotecnica del Politecnico di Torino **Dottorando presso il Dipartimento Ingegneria Strutturale, Edile, Geotecnica del Politecnico di Torino ***Assegnista di ricerca presso il Dipartimento Ingegneria Strutturale, Edile, Geotecnica del Politecnico di Torino ****Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Automatica e Informatica del Politecnico di Torino *****Collaboratrice esterna presso il Politecnico di Torino

3 102 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust all aspetto edilizio ma tutta una serie di interazioni con gli altri aspetti della società civile, come ad esempio i trasporti, le locazioni, i servizi, la sicurezza, l intrattenimento, ecc. Al fine di gestire, in modo ottimale, questo complesso di attività e di azioni interdisciplinari, la scienza informatica viene in supporto permettendo alle diverse professionalità messe in gioco di poter disporre di strumenti utili ed innovativi che consentono da un lato di gestire il flusso informativo e dall altro di garantire un controllo ottimale sullo stesso. L attività condotta in merito al progetto SEEMPubS ha permesso di sperimentare nel concreto l interdisciplinarità tra professionalità, coinvolgendo aree scientifiche differenti. Come sarà descritto in modo più approfondito nel capitolo successivo, sono state condotte attività sperimentali per indagare come i diversi settori coinvolti nel progetto potessero trarre vantaggio da una collaborazione fattiva. Il settore edile è stato quindi messo in relazione con quello energetico con l obiettivo di integrare la modellazione di un edificio con le analisi illuminotecniche e termiche da svolgere su di esso. Allo stesso modo, sempre il settore edile è stato messo in relazione con quello gestionale (facility management) e quello informatico (creazione di un applicazione tablet per la manutenzione). Il progetto SEEMPubS ha quindi permesso, (e DIMMER permetterà), di sviluppare su casi studio reali le teorie esposte. Con l uso di applicativi disponibili in commercio o sviluppati ad hoc, si è cercato di capire come si svilupperà nei prossimi anni l attività di gestione delle informazioni, legate a vari ambiti quali quello energetico, manutentivo, impiantistico, ecc., sia in ambito edilizio che in ambito urbano. IL PROGETTO SEEMPubS Il progetto Smart Energy Efficient Middleware for Public Spaces (SEEMPubS) 1 è un progetto STREP (Small or medium-scale focused research project) della durata di 36 mesi (iniziato il 1 settembre 2010 e conclusosi il 31 agosto 2013), finanziato per 2,9 milioni di euro dalla Commissione Europea nell ambito del VII Programma Quadro. 2 L obiettivo del progetto era ridurre il consumo energetico e la produzione di anidride carbonica negli edifici esistenti (anche storici), attraverso il monitoraggio delle variabili fisiche (temperatura, umidità, illuminamento, presenza di persone, produzione di CO 2, ecc.) all interno degli ambienti selezionati come casi studio attraverso l utilizzo di tecnologie ICT (Information and Communication Technology) senza necessità di realizzare lavori edili. Il monitoraggio è stato reso possibile grazie alla predisposizione di un network integrato di sensori specifici e alla presenza del middleware 3 LinkSmart per la gestione dei sistemi embedded. 4 Il middleware ha svolto la funzione di traduttore dei diversi linguaggi di comunicazione utilizzati dai sensori installati, commercialmente realizzati da produttori diversi, consentendo quindi di monitorare, raccogliere e analizzare tutti i dati di volta in volta rilevati. Il dimostratore del progetto è stato individuato presso alcune sedi del campus del Politecnico di To Il Programma Quadro Europeo è il principale strumento dell Unione Europea per finanziare la Ricerca in Europa in un determinato periodo di tempo (5 anni). Il Programma eroga fondi alle università, agli istituti di ricerca e alle piccole e medie imprese che abbiano partecipato a un bando e che siano state valutate positivamente (http://cordis.europa.eu/home_it.html). Attualmente è in scadenza il 7 Programma Quadro ( ). 3 Un middleware rappresenta un insieme di programmi informatici o applicazioni il cui scopo è mettere in relazione dati che solitamente risultano essere indipendenti. Ad esempio i sensori per il monitoraggio energetico comunicano tra loro attraverso un proprio linguaggio informatico che, spesso, è creato o implementato dal produttore del sensore stesso. Il middleware svolge di conseguenza la funzione di traduttore permettendo a sensori diversi di comunicare tra loro. 4 Un sistema embedded è un sistema elettronico di elaborazione dotato di microprocessore, sviluppato per svolgere una specifica operazione o attività. I sistemi di sensori per la domotica come ad esempio i termostati o le centrali di controllo dei sistemi di intrusione rappresentano dei sistemi embedded in quanto rivolti alla gestione e al controllo di particolare operazioni.

4 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer 103 rino; in particolar modo sono state individuate 6 coppie di locali, nelle quali uno svolgeva il ruolo di ambiente di test mentre il secondo, simile per dimensione e tipologia, fungeva da locale di riferimento. La contrapposizione tra i locali all interno della coppia si è resa necessaria per poter definire con certezza i vantaggi legati al monitoraggio e verificare, sul lungo periodo, i risultati di risparmio energetico conseguiti. I locali sono stati individuati presso il Castello del Valentino, la sede Centrale di Corso Duca degli Abruzzi e la Cittadella Politecnica. La scelta di queste tre sedi si è dimostrata strategica in quanto presentano caratteristiche costruttive differenti e rappresentative del periodo in cui sono state edificate e di conseguenza racchiudono problematiche energetiche specifiche e diverse tra loro. Per l installazione dei sensori sono state necessarie scelte molto differenti tra ambiente e ambiente. Per la sede del Castello del Valentino, costruita nella prima metà del 1600 e caratterizzata dalla presenza di affreschi, stucchi e materiali di pregio, non erano ovviamente possibili lavori edilizi volti al risparmio energetico; di conseguenza la scelta è ricaduta sull installazione di sensori operanti in modalità wireless. Per le altre due sedi invece trattandosi di costruzioni moderne, si è scelto di intervenire in modalità wired. 5 Figura 1 Le sedi del dimostratore del progetto europeo SEEMPubS La fase iniziale del progetto, dopo la scelta dei locali del dimostratore, è consistita nella modellazione degli stessi attraverso l utilizzo di applicativi parametrici basati sulla metodologia BIM. Grazie a questa operazione sono stati creati modelli tridimensionali degli ambienti selezionati che sono stati successivamente utilizzati per le simulazioni di tipo energetico e per lo sviluppo di un applicazione Android rivolta alla gestione della manutenzione. L idea di partenza è stata quella di applicare il paradigma della metodologia BIM per cui un oggetto o un manufatto deve essere modellato una volta soltanto per poi essere utilizzato come supporto dalle altre discipline scientifiche attraverso opportune esportazioni e importazioni dei dati. Nella fase propedeutica alla modellazione c è stata un approfondita campagna di rilievo che costituisce sempre il punto di partenza fondamentale per una corretta implementazione delle informazioni; in particolare sono state rilevate le dimensioni geometriche degli ambienti ed è stata individuata la consistenza e la posizione degli impianti oltre che delle attrezzature presenti come gli apparati informatici. La modellazione è stata realizzata avvalendosi dell applicativo Revit Architecture 2011 e il ri- 5 Un sistema wired (letteralmente cablato) è un sistema elettronico il cui funzionamento è dipendente dalla presenza di un cavo per la trasmissione dei dati. Si differenzia dai sistemi wireless (letteralmente senza fili) il cui funzionamento non è legato alla presenza di cavi.

5 104 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust sultato ottenuto può essere classificato come modello bim e non come vero e proprio modello BIM. La differenzia è sostanziale e contraddistingue la metodologia in toto. Per BIM (Building Information Modeling) si intende un modello parametrico informativo, ossia un modello che non contiene esclusivamente informazioni di tipo grafico, ma raccoglie, nel proprio database interno, informazioni di varia natura tra cui informazioni sulle caratteristiche termiche dei materiali, o sui costi, o sulle caratteristiche di produzione o altro. Queste informazioni possono essere ampliate e scambiate di volta in volta dai singoli professionisti (interoperabilità) per le proprie aree di competenza. Il modello bim (building information model), invece, rappresenta semplicemente il modello tridimensionale geometrico senza l aggiunta di informazioni di nessun tipo; un modello bim quindi non è nient altro che un modello tridimensionale, tuttavia, rispetto a un classico modello 3D realizzato con strumenti CAD ha la peculiarità di poter essere implementato con informazioni aggiuntive, e di conseguenza può diventare un modello BIM. Era necessario avere a disposizione un modello tridimensionale per poter avviare le simulazione energetiche ed illuminotecniche e per questo il primo modello realizzato è classificabile come bim; come vedremo, però, con il proseguimento delle analisi e attraverso nuovi filoni di ricerca si è avuta l occasione di implementare i modelli tridimensionali dei locali analizzati e giungere quindi a un modello BIM più complesso in quanto arricchito con informazioni di tipo alfa numerico. Figura 2 Restituzione grafica del rilievo (CAD) e modellazione parametrica in ambiente BIM. Nelle immagini sono riportate le coppie di locali denominate DAUIN Labs I modelli parametrici hanno quindi costituito la base grafico-informativa di partenza per una serie di attività di ricerca complementari allo svolgimento del progetto SEEMPubS e nelle quali è stato possibile testare l interoperabilità tra software e tra database. Le attività di ricerca svolte hanno riguardato nello specifico i seguenti temi: Utilizzo del modello bim per simulazioni illuminotecniche Utilizzo del modello BIM per la gestione delle facilities Utilizzo del modello bim per la creazione di un app Android

6 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer 105 Il BIM per le simulazioni illuminotecniche Nell ambito delle analisi preliminari circa la possibilità di conseguire un risparmio energetico in termini di consumi elettrici, sono state svolte delle simulazioni tese a valutare la disponibilità di luce naturale presente nell ambiente per definire le migliori soluzioni tecnologiche per il controllo e la regolazione della luce artificiale in funzione di quella naturale. Solitamente una simulazione prevede la creazione di un modello 3D da utilizzare per i calcoli e gli illuminotecnici realizzavano da sé questo modello ottimizzandolo per le proprie esigenze. Nell ottica di cooperazione e interdisciplinarità descritta in precedenza è stata presa la decisione di integrare la fase di modellazione e di simulazione cercando di ottimizzare quest ultima. Queste le procedure adottate per poter trasferire il modello tridimensionale dall ambiente di progettazione agli applicativi di simulazione. Applicazione Come già detto in precedenza, la modellazione dei casi studio selezionati è avvenuta tramite l utilizzo di applicativi per la modellazione parametrica BIM (Revit Architecture 2011). Al fine di poter svolgere una corretta simulazione è stato indispensabile caratterizzare il modello con un alto livello di dettaglio, soprattutto per la parte geometrica. Tale caratterizzazione è avvenuta avvalendosi della logica interna dell applicativo parametrico che prevede la creazione gerarchica del modello utilizzando le tipologie di famiglia messe a disposizione e parametrizzando, di volta in volta, tutti gli elementi di cui si necessitava. Ciascun elemento costituente gli ambienti (muri, solai, serramenti, ecc.) è stato modellato in funzione del materiale superficiale. Tale strategia si è dimostrata vincente per le simulazioni illuminotecniche perché le stesse dipendono principalmente dalle caratteristiche superficiali (colore, rugosità, ecc.) dei materiali con i quali la luce viene a contatto. Anche per quanto riguarda la modellazione del contesto esterno all ambiente di studio, si è scelto di adottare una modellazione di dettaglio per garantire una corretta simulazione. Terminate queste operazioni è iniziata la fase di trasferimento del modello dall applicativo parametrico verso l applicativo utilizzato per la caratterizzazione illuminotecnica degli elementi, ossia Ecotect Analysis. 6 Sono state utilizzate tre diverse tipologie di esportazione (file.ifc, file.gbxml e file.fbx) al fine di comprendere quale di queste fornisse i migliori risultati in termini di esportazione. Le prime due esportazioni non hanno garantito il risultato sperato, in particolar modo il file.ifc presentava degli errori di importazione di alcuni elementi fondamentali per le simulazione come i montanti degli infissi, inoltre si è riscontrato uno spostamento relativo tra gli elementi importati rispetto al modello originario. L esportazione, e successiva importazione, tramite formato.gbxml ha presentato notevoli criticità tra le quali, la più importante, ha visto trasformare tutti i solidi in superfici. Il percorso corretto di esportazione è stato invece individuato con l utilizzo del formato.fbx. Il modello è esportato dall applicativo Revit Architecture, in formato.fbx, e successivamente importato all interno di un altro applicativo che svolge il ruolo di ponte ossia facilita il passaggio di informazioni; questo applicativo è stato individuato in 3dsMax. Attraverso una successiva esportazione, in formato.3ds, è stato infine possibile importare il modello tridimensionale all interno di Ecotect Analysis. Questo procedimento, pur se più lungo e macchinoso (e non propriamente logico nell ottica dell interoperabilità tra i software), ha permesso di preservare il modello nella sua totalità e non si sono verificate perdite di dati o di geometrie. Nell ambiente Ecotect Analysis il modello è stato integrato delle informazioni illuminotecniche, consistenti nella caratterizzazione delle diverse superfici costituenti, per poi essere successivamente 6

7 106 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust esportato verso i veri applicativi di simulazione illuminotecnica, individuati in Radiance e Daysim. L utilizzo dell applicativo ponte ha rappresentato l incontro e la condivisione delle conoscenze e delle informazioni tra aree ingegneristiche differenti, nell ottica di interdisciplinarità, e ha permesso di comprendere, ancora una volta, che la collaborazione e l integrazione della conoscenza ha impatti positivi sull ottenimento di risultati. Figura 3 Rappresentazione della procedura di export/import del modello tridimensionale dall applicativo parametrico verso gli applicativi di simulazione illuminotecnica Il BIM per la gestione delle facilities All interno del processo edilizio, l ambito della gestione è connotato da una particolare importanza, sia per la durata temporale che coinvolge il manufatto per una quota percentuale superiore al 70% del ciclo di vita, sia per il numero di attività, operazioni e figure professionali coinvolte. Il comparto della gestione inoltre rappresenta, principalmente in periodi di crisi, un settore importantissimo in quanto permette di raggiungere notevoli risparmi sia in termini di costi che di tempo. Nel 2010 il Politecnico di Torino, ha avviato un processo di acquisizione ed utilizzo di un applicativo CAFM (Computer Aided Facility Management) denominato ArchibusFM.7 Il software è strutturalmente 7

8 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer 107 costituito da un database alfanumerico che contiene tutte le informazioni e i dati che gli utenti abilitati inseriscono, e una base grafica, rappresentata da planimetrie CAD. Il funzionamento prevede il collegamento tra base grafica e base alfanumerica allo scopo di garantire una gestione costante e in tempo reale. L utilizzo dell applicativo è attualmente rivolto alla gestione degli spazi, delle pulizie e della manutenzione su richiesta. Parallelamente all utilizzo corrente da parte delle diverse aree e dipartimenti del Politecnico di Torino, è stata condotta un attività di ricerca che ha previsto di sostituire la base grafica CAD con il modello BIM. L obiettivo era quello di capire come gli applicativi di modellazione parametrica utilizzati dall ateneo potessero essere correttamente utilizzati per le attività di gestione delle facilities. Il tema si incentra perfettamente sulla necessità di avere a disposizione uno strumento univoco di rappresentazione grafica che garantisca, allo stesso tempo, la correttezza dei dati e l aggiornamento degli stessi. Applicazione La versione di Archibus attualmente in uso al Politecnico di Torino è la 18.2, che per la prima volta metteva a disposizione la possibilità di utilizzare l applicativo Revit 2009 per la gestione delle facilities tramite un apposito overlay ossia una implementazione dell applicativo originale. Per quanto riguarda la modellazione, e per dare un supporto alle attività di gestione messe in campo dall ateneo, è stato raggiunto un livello di dettaglio sufficiente per la parametrizzazione degli elementi edilizi. L obiettivo era infatti quello di fornire un modello in grado di supportare la gestione degli spazi, analizzandone i limiti e le opportunità, e di conseguenza era più importante avere a disposizione un modello corretto dal punto di vista della disposizione spaziale piuttosto che un modello contenente altre tipologie di informazioni. Da un punto di vista operativo, le attività di gestione dovrebbero essere svolte sin dalle fasi di progettazione e di conseguenza arrivare al termine della costruzione avendo a disposizione un modello parametrico (as-built 8 ) contenente tutte le informazioni necessarie. In questo caso però, trattandosi di un attività di ricerca si è deciso di creare un modello ad hoc. L overlay messo a disposizione consiste in un add-on ossia una serie di comandi aggiuntivi alla configurazione standard di programma. L overlay di Revit per Archibus permette infatti di visualizzare, nel menù dei comandi, una serie di pulsanti in grado di permettere lo scambio di informazioni tra il database alfanumerico e il modello tridimensionale. Terminata l implementazione del modello occorre eseguire un operazione fondamentale affinché la successiva gestione degli spazi possa avvenire nel modo corretto; questa operazione consiste nel posizionare l oggetto locale all interno dei locali che compongono il modello. L oggetto locale rappresenta una particolare istanza di Revit che viene utilizzato come computatore di particolari informazioni tra cui la superficie, il perimetro, il nome del locale, la categoria di appartenenza o altro. A ogni locale fisicamente modellato all interno di Revit è possibile associare un oggetto locale che si occuperà di raccogliere e visualizzare le informazioni descritte poc anzi. Sin qua si è lavorato esclusivamente all interno dell ambiente Revit sfruttando le potenzialità dell applicativo, di conseguenza gli utilizzatori principali sono rappresentati da quelle figure professionali, come architetti o ingegneri edili, il cui obiettivo principale è la progettazione edile e la rappresentazione dei dati ad essa collegata. Le successive operazioni invece permettono anche ad altre professionalità, come ad esempio gli ingegneri gestionali o i professionisti della gestione, di interagire con le informazioni contenute nel modello. 8 Un as-built (letteralmente come costruito) rappresenta l insieme degli elaborati progettuali aggiornati in base all effettiva esecuzione di un manufatto. Un as-built rappresenta quindi la rappresentazione di un edificio che più si avvicina alla realtà.

9 108 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust Terminate le operazioni di popolamento del modello con gli oggetti room è possibile utilizzare i comandi messi a disposizione dall overlay per collegare le informazioni contenute nel modello Revit con le informazioni contenute nel database Archibus. È possibile quindi aggiornare le informazioni sugli spazi come superficie, categorie e tipologia di locale, struttura di appartenenza, personale allocato, attrezzature associate, intervenendo sia all interno del programma Revit sia all interno dell applicativo Archibus. La procedura testata ha presentato però alcune problematiche, la prima fra tutte è stata l impossibilità di variare alcuni parametri contenuti nell overlay che hanno portato a un errore nel conteggio delle aree; essendo l overlay alla prima versione commercializzata, e pensata per il solo mercato statunitense, è stato impossibile impostare le unità di misura trasformandole da piedi quadri in metri quadri, e di conseguenza tutte le aree riportate all interno del database risultavano errate. La seconda grande problematica è consistita nel fatto che, sebbene fosse possibile effettuare i collegamenti tra base grafica e base alfanumerica, non si è potuta riscontrare la bi-direzionalità del flusso informativo. Infatti, interrogando il modello grafico di Revit, è possibile entrare direttamente all interno del database di Archibus mentre l operazione opposta non è fattibile; infatti navigando all interno dell applicativo CAFM non è possibile visualizzare il modello grafico. Sebbene il test non abbia fornito i risultati sperati, si è comunque verificata la possibilità offerta dall interazione tra i due applicativi rivolti ad aree professionali differenti ma intrinsecamente connesse e proceduralmente parallele. Il percorso analizzato è comunque potenzialmente valido fermo restando la risoluzione delle problematiche riscontrate. Per risolvere i problemi sopra descritti si è percorsa una via alternativa che non prevede l utilizzo dell applicativo Archibus ma ci si è limitati ad impiegare esclusivamente Revit in modalità stand alone. La strategia adottata ha previsto l utilizzo di un particolare comando messo a disposizione da Revit e denominato parametro condiviso. Un parametro condiviso è un particolare tipo di parametro completamente personalizzabile dall utente che lo crea. L utilizzo principale di questo tipo di parametro è rivolto essenzialmente alla creazione di tutte quelle caratteristiche non previste in modo standard dall applicativo. In merito alla gestione degli spazi sono stati quindi creati i parametri condivisi relativi alle caratteristiche associate a un locale come ad esempio la tipologia di locale o la struttura di appartenenza. La necessità di aggiornamento continuo delle informazioni, che ricordiamo essere alla base di una corretta gestione, anche in questo caso deve essere operato da più professionalità e ognuno per la sua area di competenza. Per venire incontro a questa esigenza si è quindi reso indispensabile fornire a tutti gli utenti coinvolti nel processo di aggiornamento un formato conosciuto e facile da utilizzare; tramite un processo di esportazione supportato dalla presenza dell applicativo Revit DBlink è stato esportato l intero database interno del modello parametrico in formato Excel. Interagendo con questo file, ogni utente può apportare le modifiche necessarie e successivamente reimportare il file Excel all interno del modello in modo da aggiornarlo dal punto di vista informativo. Rispetto al precedente percorso, in questo caso, si è riscontrata una perfetta bi-direzionalità mantenendo allo stesso tempo un forte controllo sulle informazioni modificate e sull utente che le ha apportate. Entrambe le procedure coinvolgono più figure operanti in ambiti differenti e cercano di favorire lo scambio di informazioni e l integrazione delle stesse.

10 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer 109 Figura 4 Rappresentazione delle procedure analizzate sull integrazione tra BIM e Facility Management Il BIM per la manutenzione tramite Android La complessità degli edifici, siano essi moderni o storici, si caratterizza per tutta una serie di problematiche intrinsecamente differenti per il periodo di costruzione e per la tecnologia utilizzata; tutte le tipologie di edifici devono inoltre raffrontarsi, in egual modo, con le attività manutentive che le interessano e anche in questo caso ogni tipologia di edificio presenta le sue criticità. Nell ambito del progetto SEEMPubS è stata sviluppata un applicazione Android rivolta principalmente a un uso manutentivo e che prevede l utilizzo della realtà virtuale e aumentata. La descrizione, dal punto di vista informatico, della creazione dell applicazione esula dalla presente trattazione, in questa sede ci si limiterà a descrivere quali sono stati i passaggi e le operazioni che hanno permesso di utilizzare il modello 3D all interno di un applicazione per tablet. Applicazione La prima operazione è consistita nel creare il modello tridimensionale e parametrico dell edificio attraverso strumenti di modellazione BIM, quindi dopo aver modellato la parte architettonica e strutturale si è proceduto a modellare la parte impiantistica inserendo elementi relativi alle parti meccaniche, elettriche e HVAC (Heating, Ventilation and Air Conditioning) in modo da poter utilizzare il modello non solo per le analisi e le simulazioni ma soprattutto, in questo caso, per la visualizzazione su tablet. Il modello è stato anche implementato con l introduzione dei modelli dei sensori installati nell ambito del progetto europeo o già presenti. Tali sensori riguardano il monitoraggio della temperatura, dell umidità, della concentrazione di CO2, della presenza di persone, ecc. Queste operazioni sono state svolte utilizzando Autodesk Revit e basandosi sugli as-built (se presenti) e sui rilievi/indagini effettuati.

11 110 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust Realizzata la modellazione in ambiente parametrico, il modello è stato esportato in 3dsMax 2013 utilizzando come formato di scambio sia l.fbx 9 (FilmBoX) sia il.dwg 10 (DraWinG) al fine di poter esportare il maggior numero di informazioni possibili di quelle inserite nel modello originale. Il formato FBX permette di esportare la geometrie del modello, mentre il formato.dwg permette di risolvere alcuni problemi legati alla complessità delle geometrie modellate, infatti con questo ultimo formato è possibile scegliere il tipo di solido da esportare e grazie all utilizzo delle geometrie ACIS 11 è stato possibile ridurre in modo considerevole il numero di poligoni che costituivano le superfici del modello. Tramite il formato.dwg sono state quindi esportate le geometrie dell edificio e degli impianti mentre con il formato.fbx sono stati esportati i modelli dei sensori. Le diverse esportazioni effettuate da Revit 2013 sono poi state assemblate all interno di 3dsMax 2013 in modo da ricreare il modello originale. Anche l operazione di importazione è stata svolta seguendo due modalità differenti: la prima è consistita nel collegare all ambiente 3dsMax i diversi file attraverso l utilizzo del comando Manage Links; la seconda prevedeva invece un importazione diretta dal file di origine. Utilizzando la prima procedura è possibile scegliere le modalità di riconoscimento degli elementi importati (tipo di materiale, tipo di elemento, identificativo dell elemento, ecc.), utilizzando invece la seconda procedura è possibile limitare il peso del file. Lo step successivo è consistito nell esportare il modello dall ambiente 3dsMax in due formati differenti, il formato.obj 12 (OBJect), utilizzato per esportare le geometrie, e il formato.mlt utilizzato per i materiali. L ultima operazione consiste infine nell importazione del modello e delle informazioni collegate all interno di Bonzai Engine 13 attraverso il quale si esporta poi il modello nel formato.jmf 14 (Java MultiFile). Questo ultimo formato di file è utilizzato dall applicazione Android per la visualizzazione e la navigazione. Infine, affinché questi modelli in formato.jmf, fossero disponibili per la navigazione su Tablet, sono stati caricati, tramite l applicazione BIM Manager appositamente creata dal gruppo di ricerca, all interno dello storage online denominato BIM Server. La funzione dello storage online è quello di garantire la fruibilità e l accessibilità al modello in qualsiasi momento e da qualsiasi tablet ne faccia richiesta. La navigabilità del modello avviene sia tramite la realtà virtuale che tramite la realtà aumentata. Attraverso la realtà virtuale è possibile accedere al modello in qualsiasi momento e quindi anche se non ci si trova in prossimità dell ambiente da interrogare, l applicazione permette di accedere al modello virtuale, messo a disposizione dello storage e, navigando attraverso di esso, interrogarlo. L interrogazione del modello consiste nel cliccare su un elemento, quale a esempio un sensore, e visualizzare le informazioni rilevate da quest ultimo e rielaborate in tempo reale dal middleware e da un Web Portal dedicato. Ad esempio è possibile cliccare su un sensore di rilevamento della temperatura e visualizzare l andamento di questa variabile nel breve e nel lungo periodo. L altra caratteristica sviluppata nell applicazione è stata quella di permettere la trasparenza degli elementi modellati dell edificio, in modo da garantire una corretta lettura delle diverse tipologie di elementi (architettonici, arredi, impianti, ecc.). La funzionalità risulta essere molto utile in tutti quei casi in cui occorre per esempio visualizzare la rete impiantistica nascosta all interno dei tramezzi interni

12 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer 111 L utilizzo, invece, della realtà aumentata è utile quando ci si trova in prossimità del locale che si intende interrogare. La procedura prevede la scansione di un apposito QR code che rimanda allo storage online e consente quindi la visualizzazione delle informazioni connesse all ambiente di interesse. Le informazioni che vengono visualizzate dall applicazione Android hanno origini eterogenee e vengono prelevate in tempo reale da database predisposti. In particolare le informazioni circa il monitoraggio effettuato dai sensori vengono prelevate da database appositamente creati per accoglierli, mentre le informazioni anagrafiche dei locali sono prelevate dal database Archibus utilizzato dall ateneo per la gestione degli spazi di cui si è detto prima. Figura 5 Rappresentazione delle procedure di esportazione del modello parametrico per l applicazione Android IL PROGETTO DIMMER L evoluzione del progetto SEEMPubS è rappresentato dal progetto DIMMER (District Information Modeling and Management for Energy Reduction) che intende estendere a livello di distretto urbano i concetti e le analisi condotte a livello di fabbricato. Il progetto vede la partecipazione di enti pubblici, centri di ricerca e partner industriali italiani, tedeschi, inglesi e svedesi. Il concetto di base del progetto è rappresentato dal fatto che oggi le tecnologie ICT sono diventate fondamentali per migliorare le funzionalità energetiche di una città. Sono state sviluppate tecnologie di monitoraggio e di controllo che sono andate di pari passo con le politiche di sensibilizzazione degli utenti al tema energetico come visto e analizzato nell ambito del progetto SEEMPubS. Dal punto di vista della diffusione e dell utilizzo di tali tecnologie si riscontra, però, ancora uno scarso utilizzo sia da parte delle famiglie (livello unità immobiliare) sia a livello di gestori di impianti (livello quartiere/città).

13 112 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust Le tecnologie ICT permettono di mettere a disposizione e accedere in tempo reale a informazioni sulle caratteristiche costruttive, ambientali e di consumo energetico di un edificio. Allo stesso modo, a livello urbano, è potenzialmente possibile accedere a informazioni su impianti di riscaldamento/raffrescamento, rete elettrica, ecc. L opportunità messa in campo dall ICT si riscontra poi nell utilizzo della tecnologia middleware, ossia dell interfaccia in grado di comprendere i diversi linguaggi di comunicazione dei sensori, tendenzialmente eterogenei, e tradurli in un unico linguaggio grazie ad un sistema decisionale centralizzato. Il connubio tra le tecnologie ICT e il Building Information Modeling, quindi, rappresenta, per questo progetto, la piattaforma ideale su quale costruire un organizzazione di tipo digitale che porterà al District Information Modeling (DIM). Il concetto di DIM, introdotto per la prima volta nell ambito del presente progetto, intende recepire la filosofia propria del BIM ed estenderla a livello di distretto urbano. Tale approccio permetterà quindi di andare ad analizzare le problematiche relative a questo ambito territoriale caratterizzato non solo dagli aspetti ingegneristici e scientifici tipici di un edificio, ma soprattutto fortemente influenzato dagli aspetti sociali con i quali ogni utente si trova ad interagire. L obiettivo finale del progetto è infatti rappresentato dalla creazione di un interfaccia web-oriented che raccolga sia informazioni di tipo edilizio legate al singolo edificio, e all insieme degli edifici analizzati dal punto di vista del distretto, sia di tipo energetico, anche in questo caso orientate ai diversi livelli di scala edilizia ed urbana. I vantaggi insiti nello sviluppo del progetto sono di varia natura e possono interessare diverse categorie e settori di lavoratori/professionisti; ad esempio i fornitori di vettori energetici potrebbero essere interessati ad accedere alla piattaforma informatica al fine di individuare potenziali nuovi clienti, oppure potrebbe essere utilizzata dai facility manager per accedere a informazioni aggregate che permettono una visione di insieme su tematiche specifiche. L utilizzo più avanzato della piattaforma si riscontra sugli edifici pubblici per i quali gli utenti possono, ad esempio, fornire dei feedback circa i servizi ricevuti o il comfort degli ambienti nei quali sono stati ospitati. La tecnologia messa a disposizione per l accesso alla piattaforma è rappresentata principalmente da un portale web. Tuttavia, per favorire l interazione con la stessa, ne viene incoraggiato l accesso anche tramite la realtà aumentata come ad esempio i QR Code. Il posizionamento dei QR Code è previsto nei pressi degli edifici del distretto urbano dei quali si vogliono diffondere le informazioni in modo tale che l utente che lo desidera possa, tramite uno smartphone o un tablet, visualizzare i dati a cui è interessato. Dal punto di vista operativo verrà creato il modello grafico del distretto mediante l utilizzo di applicativi parametrici BIM e nel cui database verranno inserite tutte le informazioni circa l aspetto architettonico, strutturale ed impiantistico degli edifici, sia pubblici che privati, selezionati come dimostratori. Il modello parametrico costituirà poi la base per lo sviluppo della piattaforma informativa, nella quale verranno inserite altre tipologie di informazioni legate, in questo caso, al livello del distretto urbano come ad esempio quelle inerenti le reti impiantistiche, i flussi di persone o le locazioni. La tecnologia middleware e la rete di sensori installati garantirà il monitoraggio, la raccolta, l analisi, l elaborazione e la diffusione delle informazioni. L obiettivo finale è dunque quello di creare un modello digitale parametrico informativo di gestione del distretto urbano che rappresenti e visualizzi l andamento dei consumi energetici raccogliendo i feedback inviati dagli utenti coinvolti e fornendo indicazioni circa le opportunità di risparmio energetico.

14 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer Figura 6 Rappresentazione schematica del concept del progetto DIMMER Figura 7 Rappresentazione schematica dei livelli di interazione coinvolti nel progetto DIMMER 113

15 114 Anna Osello, Daniele Dalmasso, Matteo Del Giudice, David Erba, Francesca Maria Ugliotti, Edoardo Patti e Sanaz Davardoust CONCLUSIONI Con il progetto SEEMPubS prima e il progetto DIMMER poi, si vuole portare l attenzione sul tema del risparmio energetico, coinvolgendo gli utenti attraverso un utilizzo differenziato delle tecnologie ICT. L utilizzo di tali tecnologie è ormai diventato indispensabile in tutti i settori ed entrambi i progetti hanno l obiettivo di dimostrare i vantaggi del loro utilizzo per il risparmio energetico. In entrambi i progetti risulta essere molto forte l utilizzo della metodologia BIM non solo per la rappresentazione del costruito, ma soprattutto per le simulazioni e la gestione dello stesso. In un ottica di integrazione delle informazioni e ottimizzazione del processo di gestione gli strumenti BIM offrono un valido aiuto. Restano tuttavia ancora da risolvere alcune problematiche come quelle messe in luce nel presente contributo. In particolare si evidenzia come l approccio utilizzato per l analisi dei formati di interscambio tra applicativi differenti sia un tema di fondamentale importanza per la definizione di processi interoperabili univoci e certi. 15 Una piena e fattiva collaborazione tra aree scientifiche differenti non può prescindere dal mettere a disposizione strumenti, tecnologie, formati di interscambio, perfettamente funzionanti al fine di non rallentare e soprattutto non svalutare le successive analisi e simulazioni. Una delle problematiche principali è infatti legata al trasferimento delle informazioni tra le diverse professionalità coinvolte. Nella trattazione dei casi studio, abbiamo visto che le figure professionali coinvolte sono molto numerose, sia per numero di utenze che per competenze; la presenza di un unico modello informativo offre indubbiamente un vantaggio impensabile fino a pochi anni fa. La criticità si riscontra tuttavia nel momento in cui il modello grafico deve essere trasferito tra applicativi diversi. In questo caso, sebbene siano stati messi a disposizione formati di interscambio quali il formato IFC o gbxml, non sempre questi operano nel modo corretto e nella maggior parte dei casi occorre ricercare dei passaggi alternativi, più macchinosi e dispendiosi in termini di tempo, per poter giungere al risultato sperato. L utilizzo dei formati internazionali di interscambio (IFC e gbxml) non è inoltre immediato e obbliga il professionista ad assumere spesso competenze informatiche avanzate per poter esportare un modello grafico nel modo corretto. Come si è potuto appurare durante lo svolgimento delle attività connesse al trasferimento del modello dall ambiente di progettazione all ambiente di simulazione illuminotecnica, il percorso ottimale individuato non è classificabile come standard ma rappresenta invece un procedimento individuato appositamente per rispondere all esigenza di disporre di un modello che mantenga tutte le caratteristiche e le informazioni inserite dal progettista. L utilizzo dei formati di interscambio, internazionalmente riconosciuti, ha invece presentato dei deficit di funzionamento, mentre al contrario, dovrebbero presentarsi come di facile utilizzo e immediata applicazione. Nonostante questa grande criticità si è comunque potuto dimostrare che è possibile integrare le competenze e favorire la cooperazione interdisciplinare permettendo uno scambio informativo corretto, aggiornato e funzionale. A dimostrarlo anche i risultati del progetto SEEMPubS, al quale si rimanda per ulteriori dettagli. 16 In particolare l utilizzo dell unico modello BIM creato per i casi studio è stato di notevole aiuto nel caso delle simulazioni illuminotecniche perché ha permesso di impostare nel modo più opportuno la rete di sensori installati per il monitoraggio delle variabili energetiche. 15 Nel libro BIM Handbook: A Guide to Building Information Modeling for Owners, Managers, Designers, Engineers and Contractors, pubblicato nel 2008, Eastman propone una serie di tabelle inerenti i differenti formati di interscambio dei dati tra applicativi diversi. Tuttavia non sempre i formati di scambio proposti si sono dimostrati effettivamente corretti sulla totalità dei dati scambiati. Le cause sono molteplici ma fra tutte si può evidenziare come la complessità del modello e l aggiornamento, ormai annuale, degli applicativi porti spesso a dover fare delle prove approfondite di interscambio testando, come nel nostro caso, nuovi formati. 16

16 Interoperabilità e interdisciplinarità dell informazione: l approccio BIM dal progetto Seempubs al progetto Dimmer 115 Allo stesso modo, il modello BIM ha costituito la base grafico-informativa, unitamente all applicativo di gestione delle facilities, per l applicazione tablet di supporto all attività manutentiva. Le analisi sin qui condotte rappresenteranno la base di partenza per il progetto DIMMER, (avvio ottobre 2013) nel quale l ambito di studio vedrà un estensione dell area di interesse, passando dalla scala edilizia (edifici) alla scala urbana (distretto). Bibliografia Anderl R., Mendgen R. (1996) Modelling with constraints: theoretical foundation and application, in Computer-Aided design, I. Horváth, K. Lee, V. Shapiro Booch G. (1993) Object-oriented analysis and design with applications, Boston MA, Addison-Wesley Chan A., Scott D., lam E. (2002) Framework of Success Criteria for Design/Build Project, in Journal of Management in Engineering, Makarand Hastak, P.E., Ph.D., M.ASCE, CCE, Purdue University Cigolini R., Valentini S., Villa A.N. (2005) Facility management e Global Service Integrato, in Facility Management Italia, Milano, Edicom Editore Day M. (2002) Intelligent Architectural Modeling, in AECMagazine Settembre 2002 Debella D., Ries R. (2006) Construction Delivery System: A Comparative Analysis of Their performance within School Districts, in Journal of Construction Engineering and Management, Virginia Tech, Jesus M. de la Garza Del Giudice M., Boido C., Dalmasso D., Osello A. (2012) BIM and Interoperability: a database to collect data errors and solutions, In: ework and ebusiness in Architecture, Engineering and Construction, ECPPM2012, Reykjavik, Taylor & Francis Group (GBR) Eastman C., Teicholz P., Sacks R., Liston K.(2008) BIM Handbook: A Guide to Building Information Modeling for Owners, Managers, Designers, Engineers and Contractors, Londra, John Wiley & Sons Inc. Eastman C. (1992) Modelling of buildings: Evolution and concept, Automation in Construction Journal Eastman C. (1999) Building Product Model: computer environments supporting design and construction, Boca Raton FL, CRC press Eastman C., Sacks R., Lee G. (2002) Strategies for realizing the benefits of 3D integrated modeling of building for the AEC industry, ISARC 19 th International Symposium on Automation and Robotics in Construction, Washington, NIST Goldstein H. (2001) 4D: Science Fiction or Virtual Reality, Engineering New Record Laakso M., Kiviniemi A. (2012) The IFC Standard - A Review of History, Development, and Standardization, Information Technology in Construction, in The Journal of Information Technology in Construction (ITcon) Vol. 17 Kiviniemi A. (2011) The Effects of Integrated BIM in Processes and Business Models, in Kocaturk T., Medjdoub B., Distributed Intelligence in Design, Chichester UK, Wiley Blackwell Kiviniemi A., Fischer M. (2009) Potential Obstacles to Use BIM in Architectural Design, in: Shen G., Brandon P.S., Baldwin A., Collaborative Construction Information Management, Oxon UK, Spon Press Jahn M., Pramudianto F., Al Akkad A. (2009) Hydra Middleware for Developing Pervasive Systems: a Case Study in the ehealth Domain in 1st International Workshop on Distributed Computing in Ambient Environments, Paderborn Germany, DiComAe Majumdar T., Fischer M., Schwegler B.R. (2006) Conceptual Design Review with Virtual Reality Mock-Up Model, Joint International conference on Computing and Decision Making in Civil and Building Engineering, Montreal, Canada. Osello A. (2012) Il futuro del disegno con il BIM per ingegneri e architetti, Palermo, Dario Flaccovio. Osello A., Acquaviva A., Aghemo C., Blaso L., Dalmasso D., Erba D., Gondre D., Jahn M., Savojat J., Spirito M., Tomasi, R., Virgone J., Macii E., Fracastoro G., Osello A., Patti E., Pellegrino A., Piumatti P. (2012), Energy saving in existing buildings by an intelligent use of interoperable ICTs, Springer Journal. Reinhart C.F. (2001) Daylight Availability and Manual Lighting Control in Office Buildings Simulation Studies and Analysis of Measurement, Ph.D. thesis, Technical University of Karlsruhe, Faculty of Architecture. Talamo C. (2001) Sistemi Informativi per i servizi del Facility Management: dalla teoria alla pratica in Facility Management Italia, Milano, Edicom Editore. Sitografia Sito del Progetto Europeo SEEMPubS, URL: <www.seempubs.polito.it> [data di accesso 25/09/2013] Sito del software Revit, URL: <http://www.autodesk.co.uk/products/autodesk-revit-family/overview> [data di accesso 25/09/2013] Sito del software 3dMAX, URL: <http://www.autodesk.co.uk/adsk/servlet/pc/index?siteid=452932&id= > [data di accesso 25/09/2013] Sito dell applicazione DBLink, URL: <http://wikihelp.autodesk.com/revit/enu/2013/help/00005-more_inf0/0001-subscrip1 /0096-Autodesk96> [data di accesso 25/09/2013] Sito famiglie BIM, URL: <http://www.nationalbimlibrary.com/ website> [data di accesso 25/09/2013] Sito progetto BLIS, URL: <http://www.blis-project.org/index2.html> [data di accesso 25/09/2013] Sito realtà virtuale ed aumentata, URL: <http://www.armedia.it/> [data di accesso 25/09/2013] Sito Building Smart, URL: <http://www.buildingsmart.org/> [data di accesso 25/09/2013

17

18

19

20

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base FORMARSI PER NON FERMARSI WEITERBILDUNG FÜR WEITERDENKER RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base Il processo di progettazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli