1) Ubaldo Musco, nato a Roma (RM) il 04/09/1952, ivi residente in via dei Dauni n. 1 C.F.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Ubaldo Musco, nato a Roma (RM) il 04/09/1952, ivi residente in via dei Dauni n. 1 C.F."

Transcript

1 Repertorio n.. Raccolta n.. CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquattordici, il giorno... del mese di... = con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra i Signori/le Signore: 1) Ubaldo Musco, nato a Roma (RM) il 04/09/1952, ivi residente in via dei Dauni n. 1 C.F. MSCBLD52P04H501S e domiciliato, per ragione della carica, ove appresso, il quale interviene al presente atto, nella sua qualità di Presidente, in rappresentanza legale della societa' "Akros Consulting srl", con sede in Cosenza (CS), Corso Luigi Fera 190, costituita in Italia il 23 settembre 2013, capitale sociale Euro ,00 (diecimila virgola zero zero), iscritta al n. CS del Repertorio Economico Amministrativo presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Cosenza, codice fiscale e numero di iscrizione presso il Registro Imprese di Cosenza n , indirizzo posta certificata avente, in sintesi, per oggetto sociale le seguenti attività in Italia e all'estero: servizi reali e servizi di consulenza alle Imprese ed agli Enti Pubblici, anche finanziaria agevolativa, il project management & control ed in genere lavori connessi al rilievo, la pianificazione, l'informatizzazione della gestione del territorio ed il ripristino e la tutela dell'ambiente, il management di reti ed aggregazioni di imprese, la consulenza per l'informatizzazione ed il change management delle Imprese e degli Enti Pubblici, lo studio, la progettazione, la realizzazione e manutenzione di banche dati cartografiche, geografiche, topografiche ed ambientali e di sistemi informativi anche territoriali in ambiente GIS e RDBMS, la progettazione e realizzazione di siti web e applicazioni per sistemi mobili, anche in forma multimediale elettronica ed in forma di realtà virtuale in 3D, la progettazione di sistemi per la sicurezza e per l'efficientamento energetico, il facility management e la due diligence; 2)......, nato a... (..) il../../19.., residente in... via n.... C.F.... e domiciliato, per ragione della carica, ove appresso, il quale interviene al presente atto, nella sua qualità di..., in rappresentanza legale della società " spa/srl/snc/sas/s.s./ditte individuali", con sede in... (..), via n.., costituita in Italia il../../..., capitale sociale Euro...,00 (... virgola zero zero), iscritta al n.... del Repertorio Economico Amministrativo presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato

2 ed Agricoltura di..., codice fiscale e numero di iscrizione presso il Registro Imprese di... n...., indirizzo posta certificata..., avente, in sintesi, per oggetto sociale le seguenti attività in Italia e all'estero:...; 3) Il/La signor/a..., nato/a a. il, residente a..., alla via.., (C.F./P.IVA:..), iscritto all'ordine professionale di... con numero... in data..., indirizzo posta certificata..., esercente la professione di...; d'ora in avanti definite anche collettivamente e individualmente come Partner e nel loro insieme indicate come Parti o come Aderenti; quelle Parti che sono Societa' sono indicate nel loro complesso come Imprese Retiste; quelle Parti che sono Professionisti iscritti all'albo professionale sono indicati nel loro insieme come Professionisti Retisti; premesso che: le suddette Imprese ed i suddetti Professionisti intendono accrescere, facendo squadra, la loro capacità competitiva di offerta e di innovazione e la loro produttività 1, fornendo ai Clienti della Rete di Imprese, nella piena collaborazione, attività di studio, analisi, progettazione e implementazione di progetti e servizi multidisciplinari integrati, di natura e contenuti differenti; le suddette Imprese ed i suddetti Professionisti hanno concordemente individuato nel Contratto di Rete di cui all art. 3, commi 4-ter, 4-quater, 4-quinquies, della L. n. 33 del 9/4/2009, così come modificato dal D.L. n. 78 del 31/5/2010, convertito in L.n. 122 del 30/7/2010, modificata ed integrata dal D.L. n. 179/2012 convertito in L.n. 221/2012., la forma di aggregazione più flessibile ed innovativa e più idonea al conseguimento dei loro obiettivi comuni, capace di aumentare la competitività di tutte le Parti senza costringerle a rinunciare alla propria identità e autonomia; le Imprese Retiste ed i Professionisti Retisti hanno concordemente deciso di costituire una 1 Secondo l attuale formulazione dell articolo 3, comma 4- ter, del decreto legge n. 5 del 2009, con il contratto di rete più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato.

3 Rete di Imprese Contratto senza autonoma soggettività giuridica e fiscale 2, aperta solo ai professionisti e alle società individuali e famigliari che non abbiano un rapporto di consulenza e/o collaborazione continuativo e prevalente con un'impresa Terza ed alle micro-imprese come definite ai sensi dell'allegato I al Regolamento (C.E.) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto ; con la circolare n. 4/E del 15 febbraio 2011 è stato chiarito che l adesione al contratto di rete non comporta l estinzione, né la modificazione della soggettività tributaria delle imprese e dei professionisti che aderiscono all accordo in questione, né l attribuzione di soggettività tributaria alla rete risultante dal contratto stesso. Tanto premesso e ritenuto, forma parte integrante e sostanziale della presente scrittura fra le soprascritte Parti che convengono e stipulano quanto segue: ART. 1 Obiettivi, Programma di Rete e termini di collaborazione Le Imprese ed i Professionisti, rappresentati come sopra scritto, convengono di stipulare un "Contratto di Rete d Imprese" senza che questa assuma soggettività giuridica e tributaria, di cui ai riferimenti di legge alle premesse, per lo svolgimento delle attività di studio, analisi, progettazione e implementazione di progetti e servizi multidisciplinari integrati nelle seguenti macro aree applicative: 1. Area Territorio, Energia e Ambiente e più specificatamente: la consulenza per la predisposizione di banche dati territoriali e la progettazione di data base cartografici, topografici, territoriali e ambientali in genere, i rilievi cartografici e territoriali rivolti alla predisposizione di catasti stradali, infrastrutturali, del sottosuolo, agricoli e immobiliari in genere, la predisposizione di banche dati sismiche, geologiche ed idrogeologiche, i servizi catastali e agronomici, la consulenza per la progettazione urbanistica e la redazione dei Piani Strategici e per la predisposizione dei piani di Protezione Civile, dei Piani di Trasporto e di Mobilità. 2. Area Industriale e Civile e più specificatamente: la consulenza ed il supporto per la progettazione e la direzione lavori, per la verifica sismica degli immobili e delle infrastrutture viarie e ferroviarie, la certificazione energetica e la certificazione per la prevenzione degli 2 L assenza di un autonoma soggettività giuridica e conseguentemente come chiarito dalla Agenzia delle Entrate nei citati documenti di prassi fiscale delle reti di impresa comporta che gli atti posti in essere in esecuzione del programma di rete producano i loro effetti direttamente nelle sfere giuridico- soggettive dei partecipanti alla rete. 3 La definizione di Micro Impresa, ai sensi dell allegato I al Regolamento (C E) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europe a L.214 del 9 agosto 2008, dice che all'interno della categoria delle PMI, si definisce micro- impresa un'impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.

4 incendi, il supporto per la progettazione di opere antismiche ed idrauliche; la valutazione dell'inquinamento acustico ed elettromagnetico e il supporto per la progettazione di interventi di risanamento acustico ed elettromagnetico, la richiesta e la gestione delle autorizzazioni edilizie, la sicurezza dei cantieri, la due diligence ed il facility management. 3. Area Information & Comunication Technologies e più specificatamente la consulenza, la progettazione, lo sviluppo e la fornitura di servizi e sistemi informativi rivolti: alla gestione del territorio e dell'ambiente, alla dematerializzazione di archivi documentali, al database management, alla realizzazione di portali WEB, APP e sistemi mobili, alla business intelligence, al document & office automation & management, al CAD, al BIM, al Facility Management, ai C.R.M. (Customer or Citizen Relationship Management) e ai Sistemi Informativi Multimediali. 4. Area Servizi Trasversali e più specificatamente la fornitura di servizi relativi: alla grafica, alla pubblicità, alla commercializzazione di prodotti e sistemi, all'assistenza applicativa, al marketing, alla consulenza per l'internazionalizzazione delle imprese, al project financing ed al project management & control. ogni Partner in base al proprio oggetto sociale, alla propria professionalità, specializzazione ed esperienza. Si costituisce in poche parole, attraverso la forma di Rete di Imprese, quello che si definisce un Cloud Professionale, cioè un'aggregazione di soggetti, Imprese e Professionisti, che collaborano tra loro, anche remotamente, ognuno secondo le proprie specificità, in modo coordinato su opportunità progettuali che saranno da essi generate e che, di volta in volta, dovranno essere meglio definite, all'interno di specifici accordi contrattuali redatti in forma di scrittura privata. In occasione di una nuova opportunità di business collaborativo, proposta da uno o più Partner, sarà compito della Direzione Operativa (vedi ART. 4 seguente), insieme al Partner proponente, individuare il Team dei Partner coinvolti ed insieme ad essi formalizzare e sottoscrivere una Scheda di Progetto, in base al modello standard riportato in Allegato 1, che avrà valore di scrittura privata tra essi e che, specificatamente per ogni opportunità progettuale e/o attività di commessa, dovrà definire: finalità, ruoli, compiti ed obblighi reciproci assunti, modalità e criteri di svolgimento delle prestazioni, cronoprogramma delle attività, compensi, condizioni e termini vari. Il Cloud Professionale è e dovrà sempre essere un occasione per i Partner per individuare, progettare, realizzare e proporre nelle macro aree applicative di cui sopra: processi, metodi, servizi, soluzioni e sistemi integrati, innovativi e ad alto contenuto tecnologico, in modo che gli stessi possano essere sempre più competitivi, collaborando tra loro e con Società e Soggetti Terzi per

5 studiare ed implementare sempre nuove soluzioni al passo con i tempi. Nessun Partner della Rete, pur nelle diversità esistenti, sottolineate dalle reciproche specificità e ruoli, sarà esentato dal proporre ai propri Clienti e agli eventuali prospect i servizi della Rete e a fungere da potenziale commerciale della Rete. Un altro obiettivo importante di questa Rete di Imprese è quello di creare delle sinergie tra i Partner in modo da ridurre quei costi generali e di gestione che, se affrontati da soli, assumono un peso più rilevante come ad esempio: spese per una sede comune o per servizi di segreteria, spese eventuali per azioni legali, marketing e promozione dell immagine e dei marchi e così via. I Partner si assumono l'impegno di collaborare alla pubblicità ed al marketing della Rete di Imprese nelle varie forme che saranno preventivate nel Programma annuale della Rete redatto dalla Direzione Operativa (vedi ART. 4). Il Cloud Professionale sotto forma di Rete di Imprese o, quando necessario, di Associazione Temporanea di Imprese (ATI) o di Associazione Temporanea di Scopo (ATS) permette alle Parti di: iscriversi ad Albi Fornitori, partecipare a bandi di finanziamenti pubblici e privati, partecipare a gare ed appalti pubblici, unendo forze, risorse, requisiti, referenze, titoli e risultati operativi ed economici. In sintesi la Rete di Imprese ha come obiettivi strategici quelli: 1. di acquisire e realizzare commesse di servizi e forniture di progetti applicativi nelle quattro macro aree applicative sopra elencate; 2. di ampliare il numero e la tipologia di risorse professionali disponibili per rispondere in modo più efficace alle esigenze dei Clienti; 3. di aumentare la competitività commerciale attraverso la loro collaborazione, lo scambio di know-how, lo sviluppo/integrazione delle specializzazioni e la qualificazione degli Aderenti alla Rete, la complementarietà delle loro esperienze e specializzazioni e la loro reciproca spinta innovativa; 4. di sviluppare e di ampliare l'offerta dei servizi e dei progetti integrati proponibili, acquisendo nuovi clienti nazionali e/o esteri e condividendo, almeno con i membri dei vari Team di Progetto che si andranno a costituire a fronte delle diverse opportunità progettuali, sia le informazioni possedute sui Clienti della Rete, sia la strategia commerciale da attuare, individuando nuove opportunità di mercato e riducendo, nei limiti del possibile, i costi da sostenere; 5. di migliorare e di sviluppare il modello organizzativo di Rete, con particolare riferimento: ai processi di attività, agli aspetti collaborativi, comunicativi e di coordinamento, ai contenuti informativi ed all'aspetto grafico delle pagine WEB dedicate alla Rete, ai servizi forniti ai Committenti, alla qualità dei prodotti e servizi realizzati ed al contenimento dei costi;

6 6. di ottenere un abbattimento dei costi comuni di gestione e di logistica; 7. di utilizzare, in comune, piattaforme telematiche, hardware e software; 8. di fornire, tramite le strutture e le risorse della Rete, servizi di assistenza e manutenzione condivisi; 9. di affidare, concordemente, a Partner specializzati o a professionisti esterni servizi trasversali di: commercializzazione, project management, project control, marketing, amministrazione e recupero crediti; 10. di formare un gruppo di acquisto, acquisendo maggior potere contrattuale nei confronti dei fornitori; 11. di iscriversi ad albi fornitori, partecipare ad appalti di lavori, gare di servizi e/o finanziamenti pubblici e privati altrimenti non accessibili. ART. 2 Nome, Capofila e domiciliazione della Rete La Rete è denominata: "Akros Cloud" dal nome della Società Akros Consulting s.r.l. che, concordemente, è nominata Soggetto Capofila o Mandataria della Rete di Imprese. La Rete ha sedi operative presso le sedi delle Imprese e presso gli studi dei Professionisti contraenti e con deliberazione dell Assemblea degli Aderenti, potrà essere individuata e istituita, all'interno del piano annuale della rete, una propria sede principale e di rappresentanza, condivisa, all'interno del territorio del Comune di Roma o dei Comuni vicini. ART. 3 Pubblicità della Rete Le Imprese Retiste si impegnano a dare pubblicità del Contratto di Rete mediante la sua iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato (C.C.I.A.A.) nella sezione provinciale in cui sono iscritte. I Professionisti Retisti si impegnano a dare pubblicità del contratto mediante la comunicazione al loro ordine di appartenenza. L'efficacia di questa scrittura e del Contratto di Rete che ne deriva inizierà a decorrere da quando è stata eseguita l ultima delle iscrizioni prescritte a carico di tutti i Partner sottoscrittori. La pubblicità ha natura costitutiva, poiché senza di essa il contratto non ha alcuna efficacia, non solo nei confronti dei terzi, ma anche nell ambito dei rapporti interni tra le Parti stesse, persino nel caso di nuove adesioni o di recessi. L'impegno di pubblicizzazione presso la propria sezione provinciale della C.C.I.A.A., per le Imprese Retiste, o presso l'ordine provinciale di appartenenza, per i Professionisti Retisti, vale anche in occasione dell'adesione di ogni nuovo Partner (ART. 8) o del recesso, esclusione o trasferimento di uno esistente (ART. 9). Le Parti accettano di pubblicizzare l'akros Cloud e la loro adesione nel portale della Rete, nei loro

7 siti istituzionali e sui principali Social Network, collaborando ognuno per la propria parte e per la propria competenza, in modo volontario, alla grafica, alla redazione dei contenuti, allo sviluppo dei loro componenti informatici, all'assistenza agli utenti. ART. 4 Organi Comuni e Direzione Operativa Le Parti, rappresentate come detto, istituiscono quali Organi Comuni della Rete di Imprese a cui sarà affidata la gestione del Contratto di Rete: 1. l'impresa Capofila della Rete o Rappresentante di Rete, individuata nella Akros Consulting s.r.l., che ha la rappresentanza negoziale delle Imprese e dei Professionisti Retisti ed agisce in qualità di mandatario collettivo di tutte le Parti aderenti al presente Contratto, nelle trattative di procedura negoziata o nelle gare con le Pubbliche Amministrazioni e gli Enti Pubblici e Privati, nelle trattative con gli altri soggetti economici e sociali siano essi Imprese, Associazioni di Categoria, Istituti di Credito, nella gestione degli eventuali contributi pubblici e privati a cui accederà la Rete attraverso la partecipazione a bandi di finanziamento e/o procedure di gara, nonché nelle procedure inerenti ad interventi di garanzia per l'accesso al credito. Le Parti conferiscono mandato speciale collettivo gratuito, irrevocabile e relativa procura al Rappresentante di Rete in caso di accesso della Rete a contributi pubblici a seguito di approvazione di uno specifico progetto e nel caso di partecipazione e aggiudicazione di una procedura di gara, affinché, nella persona del suo legale rappresentante, possa compiere per se e per le mandanti ogni atto utile e necessario alla realizzazione del sopracitato progetto, entro i limiti e le condizioni da esso previste. È pertanto unico referente nella tenuta dei rapporti con l'ente Finanziatore e/o Appaltante. In particolare il Rappresentante di Rete è autorizzato: a stipulare, in nome e per conto delle Parti, con ogni più ampio potere e con promesse di rato e di valido fin da ora, tutti gli atti consequenziali connessi alla realizzazione del Contratto di Rete; a rappresentare, anche in sede processuale, le Parti, nei confronti di chiunque, per tutte le operazioni e gli atti di qualsiasi natura dipendenti dal suddetto incarico, fino all'estinzione di ogni rapporto; a raccogliere, anche in via preventiva, le quote di partecipazione dei Partner alle Spese Comuni (ART. 5); a fatturare ed incassare preventivamente in nome e per conto di tutti i Partner, gli importi derivanti dalle attività della Rete, esonerando il Cliente da qualsiasi responsabilità

8 per il versamento di quanto dovuto ai Partner Contraenti, in ragione ognuno dell'impegno profuso e delle quote assegnate nell'ambito degli accordi sottoscritti con le Schede di Business, ART. 1 e Allegato 1; a incassare i contributi dovuti in nome e per conto di tutti i Partner della Rete a fronte dell'adesione ad un progetto di finanziamento o all'aggiudicazione di una procedura di gara, esonerando l'ente Finanziatore/Appaltante da qualsiasi responsabilità per i versamenti dei relativi contributi/importi dovuti in quota parte da inoltrare ai Partner Contraenti, in ragione della percentuale di partecipazione alle spese sostenute per la realizzazione del progetto; a proporre alle decisioni dell'assemblea degli Aderenti le nuove Adesioni o le Esclusioni dalla Rete. Il Rappresentante di Rete agisce con la diligenza del mandatario e le sue determinazioni vincolano tutte le Parti. L'Impresa Capofila, nella diligenza che deve alle altre Parti, si obbliga a girare ai Partner le quote degli introiti derivanti dalle attività della Rete e da Lei incassati preventivamente, secondo le spettanze, i termini ed i modi concordati in sede degli accordi sottoscritti con le Schede di Progetto, ART.1 e Allegato 1. In caso di recesso o esclusione dell'impresa Capofila, sarà nominato dall'assemblea degli Aderenti un Rappresentante di Rete Straordinario che erediterà dalla prima ogni compito, ruolo, autorizzazione e delega ad essa riconosciuto, fino al completamento di tutte le attività di fornitura in essere alla data di recesso/esclusione, in modo tale da condurre il Contratto di Rete alla sua conclusione il più indennemente possibile per i suoi Partner. 2. l'assemblea dei Partner o degli Aderenti è formata da tutti i soggetti firmatari di questo Contratto o da loro delegati e si deve riunire, in seduta ordinaria, almeno una volta l'anno entro e non oltre i primi trenta giorni solari dell'inizio di ogni anno di gestione. Ogni Aderente o Partner ha diritto ad un solo voto ed ha la possibilità, società o professionista che sia, di avere un solo membro dell'assemblea e di nominare con delega scritta, in sua assenza, un solo delegato alla partecipazione all'assemblea dei Partner. Un membro dell'assemblea potrà ricevere delega da più di un Partner, ma fino ad un massimo di 3 (tre) ammesse. L'Assemblea è convocata dalla Impresa Capofila con avviso personale, da inviare a mezzo posta elettronica certificata, contenente l'ora, il giorno, il luogo e l'elenco delle materie da trattare, almeno 7 (sette) giorni prima di quello fissato per l'adunanza. Con almeno i 2/3 (due/terzi) delle imprese Aderenti direttamente presenti o rappresentate; l'assemblea si intende comunque validamente costituita e può deliberare su tutti gli argomenti sui quali, a maggioranza o all unanimità, l Assemblea stessa stabilisca di

9 deliberare. Delle deliberazioni dell'assemblea è redatto verbale a cura del Segretario all uopo nominato. I verbali sono trascritti a cura del Segretario in apposito libro depositato presso la Impresa Capofila e gli aderenti possono prenderne conoscenza anche in forma digitale nell'area riservata del portale di Rete. Gli Aderenti possono adottare, non in sede di Assemblea, le loro decisioni anche a mezzo di consultazione scritta, il testo scritto della stessa, dal quale risulti con chiarezza il relativo argomento, è predisposto da uno degli Aderenti. Esso viene sottoposto, a ciascun Aderente, con comunicazione a mezzo posta elettronica certificata, inviata a tutti gli Aderenti. Sarà del pari considerata effettuata la comunicazione ove il messaggio di posta elettronica certificata risulti regolarmente recapitato. L'Aderente interpellato, se lo ritiene, presta il suo consenso per iscritto, sottoscrivendo con firma elettronica il testo predisposto e rinviandolo sempre tramite posta elettronica certificata a tutti gli Aderenti. La decisione si perfeziona validamente quando tutti gli Aderenti siano stati interpellati e almeno una maggioranza dei due/terzi (2/3) dei Partner abbiano espresso e comunicato il proprio consenso alla decisione proposta. Il Presidente deve informare senza indugio tutti gli Aderenti delle decisioni adottate. La documentazione relativa deve essere conservata tra gli atti della Rete. L'Assemblea degli Aderenti: a) nomina di volta in volta il Presidente e il Segretario dell'assemblea; b) elegge annualmente, in occasione della seduta ordinaria, la Direzione Operativa della Rete; c) delibera sull'ammissione di nuovi Partner e sui recessi ed esclusioni dalla Rete, compresa la decadenza e/o esclusione del Rappresentante di Rete o Impresa Capofila; d) elegge, in caso di esclusione e/o di recesso dell'impresa Capofila, il Rappresentante di Rete Straordinario per la conclusione di tutte le attività ordinarie che dovranno condurre alla conclusione del Contratto di Rete; e) approva, in sede di seduta ordinaria, il rendiconto annuale tecnico ed economico dell'anno precedente, predisposto dalla Direzione Operativa e presentato dal Rappresentante di Rete; f) approva gli eventuali regolamenti interni e approva eventuali modifiche e/o integrazioni al presente Contratto o al Programma di Rete; g) delibera, in via preventiva, su eventuali compensi da riconoscere ai membri della Direzione Operativa; h) delibera, in sede di seduta ordinaria, annualmente sul piano annuale delle spese comuni, in termini di budget preventivo e di voci prevalenti di spesa, che saranno sostenute nel corso

10 dell'anno e ripartite secondo le quote stabilite all' ART. 5; i) delibera sulle altre materie ad essa rimesse dal presente atto o che la Direzione Operativa ritenga di sottoporre alla sua attenzione. L'Assemblea delibera validamente con il voto a maggioranza, 50% + 1 (cinquanta percento più uno) di tutti gli Aderenti, salvo che per le decisioni di cui ai punti c), d), e) ed f) precedenti per cui si richiede la maggioranza qualificata dei 2/3 (due terzi) degli Aderenti. La Direzione Operativa della Rete è costituita da 3 (tre) o 5 (cinque) membri, detti anche Manager di Rete, di cui 1 (uno) nominato dalla Impresa Capofila ed i rimanenti eletti dall'assemblea degli Aderenti. L'Impresa Capofila non avrà diritto di voto nella nomina dei membri elettivi, né potrà candidarli. I Manager di Rete dureranno in carica 1 (uno) anno. I membri elettivi, dovranno essere scelti dall'assemblea all'interno di una lista di candidati, interni e/o esterni alla Rete proposti da almeno 2 (due) Partner; risulteranno eletti i primi 2 o 4 più votati secondo la graduatoria stilata sulla base dei voti ricevuti da tutti i candidati prescelti. Nei periodi di vacanza che andranno dal termine di ogni anno di gestione della Rete (ART.6) fino alla riunione dell'assemblea che la rielegge, la Direzione Operativa rimarrà assegnata ai Manager di Rete uscenti. Alla Direzione Operativa sono assegnati i seguenti compiti: a) definizione, progettazione e redazione del Programma Annuale della Rete e del relativo piano annuale di budget (spese ed introiti); b) monitoraggio e gestione amministrativo e tecnica di tutte le fasi di vita della Rete; c) coordinamento dei componenti della Rete sia in attività progettuali, Team di progetto, che in attività di interesse comune di tipo trasversale; d) audit e assessment organizzativi della Rete finalizzati ad individuare i ruoli, gli obblighi, i punti di forza, di debolezza e le criticità legate al processo di aggregazione; e) audit relativo all'attuazione del Programma di Rete e del piano annuale di budget e individuazione delle eventuali azioni correttive da apportare: nell'organizzazione o nei processi operativi o nei prodotti e progetti da realizzare attraverso l'attuazione del Programma di Rete; f) individuazione dei Team di Progetto in occasione di ogni nuova opportunità di business collaborativo in Rete, e, insieme ai rappresentanti legali dei Partner facenti parte dei vari Team, formalizzare e sottoscrivere le specifiche Schede di Progetto di cui all'art. 1 precedente ed all'allegato 1; g) gestione dei partner e dei fornitori esterni alla Rete e collaudo delle forniture; h) gestione amministrativa e contabile della Rete di Imprese, includendo la gestione e l'addebitamento delle spese comuni della Rete ai singoli Partner e la definizione degli

11 importi di fatturazione dei singoli Partner. ART. 5 Fondo Comune e Spese Comuni Le Parti istituiscono un Fondo Comune destinato alla copertura delle Spese necessarie per la realizzazione del programma comune di Rete. Le Parti, rappresentate come detto, decidono che le Spese Comuni della Rete di Imprese che l'assemblea avrà deciso, in via preventiva, di effettuare annualmente saranno divise tra tutti i Partner della Rete in parti proporzionali alle quote percentuali sotto riportate. Akros Consulting S.r.l. per una percentuale pari a..,..% (... per cento); Società B... per una percentuale pari a..,..% (... per cento); Professionista C... per una percentuale pari a..,..% (... per cento); Per alcuni tipi di Spese Comuni che saranno effettuate solo nell'interesse di alcuni Partner, come ratificate dall'assemblea degli Aderenti, queste potranno essere ripartite secondo tabelle percentuali diverse dalla ripartizione sopra riportata. La sola adesione dei Partner all' Akros Cloud non da diritto ad alcuna forma di indennizzo, di rimborso e/o di risarcimento da parte della Rete. Nessun compenso è riconosciuto, inoltre, al Rappresentante di Rete ed ai membri dell'assemblea degli Aderenti solo per il ruolo associativo che essi ricoprono. Ai soli membri della Direzione Operativa o Manager di Rete potrà essere riconosciuto un compenso annuale così come deliberato annualmente dall'assemblea degli Aderenti in sede di approvazione del piano annuale previsionale delle Spese Comuni. Sono da considerare, a tutti gli effetti, spese comuni anche quelle di pubblicizzazione e di promozione della Rete di Imprese, considerando per esse anche: la definizione e la redazione dei contenuti, la progettazione e la realizzazione dei componenti grafici e funzionali delle pagine WEB e degli spazi dei Social Networks dedicati alla Rete che potrebbero però, con l'assenso e la collaborazione di tutti, essere forniti dai Partner in modo solidale e gratuito. Tutte le spese derivanti dai Servizi Trasversali forniti dagli Aderenti, appartenenti alla quarta macro area applicativa, non fanno parte delle Spese Comuni e dovranno essere ogni volta valorizzate e compensate all'interno delle Schede di Progetto, delle offerte e delle commesse operative della Rete. Le Spese Comuni dovranno essere versate al Soggetto Capofila, che è autorizzato a raccoglierle preventivamente, attraverso bonifici bancari, secondo i tempi ed i modi che saranno decisi dall'assemblea degli Aderenti in sede di approvazione del piano annuale di budget.

12 ART. 6 Durata della Rete La durata del presente contratto è di anni 3 (tre) a decorrere dalla data odierna. Ad ogni scadenza del contratto, per i Partner Aderenti che intendono continuare le attività di Rete e non avranno trasmesso al Capofila o Responsabile di Rete regolare disdetta da comunicarsi entro due mesi dalla scadenza naturale del medesimo, quest'ultimo si rinnoverà automaticamente per un uguale periodo. Il Contratto di Rete si articolerà in tre esercizi annuali che partono dalla data odierna di sottoscrizione della presente scrittura privata e dai suoi successivi anniversari. ART. 7 Codice Etico I Partner della Rete si obbligano esplicitamente al seguente Codice Etico di Comportamento: a) Privilegio: considerare gli altri Partner della Rete come interlocutori e collaboratori privilegiati nel momento in cui si presenti loro un'opportunità di business che richieda professionalità, know-how ed esperienze che trovino corrispondenza e soddisfazione nelle Imprese Retiste e/o nei Professionisti Retisti; b) Priorità: dare pari priorità, opportunità, dignità ed importanza nelle proprie attività professionali o nelle attività della propria impresa a tutti gli impegni e/o commesse derivanti dalla Rete rispetto agli impegni e/o alle commesse acquisite direttamente e nella piena indipendenza; c) Concorrenzialità: applicare alle commesse derivanti dalla rete i prezzi o le tariffe migliori applicate sul momento alle forniture ed alle commesse acquisite direttamente; d) Trasparenza: effettuare interventi e acquisire una commessa solo dove tutti i Partner coinvolti siano stati opportunamente informati e risultino evidenti, in base alle conoscenze attuali, la convenienza economica ed i vantaggi ad essa altrimenti riconducibili, tenuto conto di tutti i costi economici derivanti dall'intervento, dal valore del progetto e dai rischi economici e finanziari che ne derivano; e) Riservatezza: considerare tutta la documentazione e le informazioni fornite da un Partner ad un altro come a carattere riservato e confidenziale, senza possibilità di utilizzarle, per scopi diversi da quelli della Rete, fatta salva la diversa preventiva autorizzazione scritta del Partner che le ha fornite; ciascuno dei Partner dovrà aver cura di applicare le opportune misure per mantenere circoscritte le informazioni e le documentazioni ottenute nella sede delle attività collaborative della Rete di Imprese; f) Onestà: non favorire nelle attività della Rete pratiche di corruzione, favori illegittimi, comportamenti collusivi, sollecitazioni, dirette e/o attraverso terzi, per ottenere vantaggi personali e di carriera per sé, per la Rete nel suo complesso o per Terzi.

13 ART. 8 Nuove adesioni Al Contratto di Rete potranno aderire nuovi partner operanti in settori di specializzazioni attinenti le quattro macro aree di attività di cui all'art.1 e solo se in grado di concorrere alla realizzazione del Programma di Rete ed aventi le caratteristiche di cui alle premesse. La valutazione di tali requisiti è demandata al Responsabile di Rete, cui deve essere presentata la domanda di adesione e che sottoporrà tale decisione all'assemblea degli Aderenti. L'ammissione di nuovi Partner al Contratto di Rete dovrà essere approvata da una maggioranza qualificata pari ai 2/3 (due terzi) degli Aderenti riuniti in Assemblea o tramite decisione presa attraverso consultazione scritta e comporterà l'accettazione da parte dei nuovi di tutte le norme del presente Atto, di quelle dell'eventuale regolamento e delle altre eventuali convenzioni complementari. Le nuove adesioni alla Rete sono soggette a obbligo di pubblicità per tutti i Partner presso le sedi provinciali di iscrizione alla C.C.I.A.A. o all'ordine professionale di appartenenza. ART. 9 Risoluzione, Recesso, Esclusione, Trasferibilità della partecipazione alla Rete In caso di modifica di qualunque clausola del presente Contratto, il Partner dissenziente potrà recedere dandone preavviso di almeno 30 (trenta) giorni al Responsabile di Rete a mezzo posta elettronica certificata. In caso di disaccordo con le decisioni del Responsabile di Rete, il Partner dissenziente può recedere anticipatamente dal presente contratto con preavviso di almeno 60 (sessanta) giorni da inviare a mezzo posta elettronica certificata al Responsabile di Rete stesso. I Partner potranno recedere dal Contratto di Rete nei casi di scioglimento della rispettiva società o di cessazione definitiva dell'attività di impresa e/o dell'attività professionale relativa ai servizi di interesse della Rete. In caso di recesso dalla Rete, i Partner recedenti hanno la responsabilità di portare a termine, con ogni sforzo e nel miglior modo possibile, gli impegni presi in fase di sottoscrizione degli accordi progettuali definiti nelle Schede di Progetto, senza apportare alcun danno ai propri Partner. Potrà essere escluso dal Contratto di Rete, per decisione del Responsabile di Rete, approvata con deliberazione a maggioranza dei 2/3 (due terzi) dall Assemblea degli Aderenti, il Partner che avesse violato, ripetutamente e gravemente, il Codice Etico (ART. 7), gli obblighi tutti assunti nel contratto, comprese le inadempienze derivanti dagli impegni relativi agli anticipi delle Spese Comuni, e ciò senza pregiudizio di ogni altra azione di danni a suo carico. E' inoltre esclusa di diritto l'impresa Retista che sia dichiarata fallita o che sia ammessa alla procedura di concordato preventivo, di liquidazione coatta o di amministrazione controllata. È, infine, escluso automaticamente il Partner sottoscrittore o quello che avrà presentato,

14 successivamente, domanda di adesione che non avrà registrato regolarmente tale accordo entro il termine di 30 giorni solari trascorsi dalla sua sottoscrizione. In caso di esclusione dalla Rete, il Rappresentante di Rete deciderà, insieme ai Manager di Rete, se potrà e/o dovrà essere il Partner escluso o un suo sostituto nominato all'uopo a portare a termine, con ogni sforzo e nel miglior modo possibile e senza apportare alcun danno ai Partner, gli impegni presi dal primo in sede degli accordi definiti nell'ambito delle Schede di Progetto sottoscritte e se riconoscere o meno ad esso, anche solo parzialmente, i compensi concordati. L'esclusione decisa per giusta causa a maggioranza dei 2/3 (due terzi) da parte dell'assemblea degli Aderenti o il recesso dell'impresa Capofila determineranno automaticamente la risoluzione del Contratto di Rete stesso e la cessazione di tutte le nuove attività della Rete di Imprese, salvo per quelle attività che risultino alla data in corso e che dovranno essere condotte a termine sotto la gestione di un Rappresentante di Rete Straordinario, scelto tra i Partner e all'uopo nominato dall'assemblea degli Aderenti. In caso di esclusione e/o di recesso non saranno restituiti a nessuno gli apporti alle Spese Comuni già versati. Il Contratto di Rete può essere risolto dagli Aderenti per mutuo dissenso. La partecipazione alla Rete è trasferibile solo unitamente all'impresa o al suo ramo concretamente interessato alle attività che il presente contratto disciplina, rientrando il presente contratto nella disciplina dell'art del Codice Civile, escludendo il caso che tale trasferimento comporti la perdita dei requisiti di cui alle premesse. I recessi, le esclusioni, i trasferimenti avvenuti ed, infine, la risoluzione del Contratto di Rete sono tutti soggetti a obbligo di pubblicità per tutti i Partner presso le sedi provinciali di iscrizione alla C.C.I.A.A. o all'ordine professionale. ART. 10 Controversie Per tutte le controversie fra gli Aderenti o fra un Aderente e la Rete derivanti o connesse con il presente contratto, incluse quelle concernenti l'esistenza, la validità, la cessazione del contratto stesso, valgono le norme del Codice Civile e sarà competente il Foro di Roma. ART. 11 Modifiche e Scioglimento del Contratto di Rete Il presente Contratto potrà essere modificato solo per iscritto con il consenso di una maggioranza qualificata pari ai 2/3 (due terzi) degli Aderenti. Addivenendosi in qualsiasi tempo e per qualsiasi causa allo scioglimento del Contratto, l'assemblea determinerà le modalità di scioglimento e assegnerà al Rappresentante di Rete la responsabilità della

15 gestione dei Partner per la conduzione a termine dei contratti da loro assunti in funzione della loro partecipazione alla Rete. ART. 12 Spese dell'atto Le spese di registrazione del presente atto e conseguenti cedono a carico di tutti gli aderenti in parti proporzionali alle quote percentuali di cui all'art.5 precedente. Letta, approvata dalle Parti che la ritengono conforme alla loro volontà, la presente scrittura privata viene dalle stesse sottoscritta in...,via... oggi Firmato Ubaldo Musco

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli