VENTI ANNI DI INNOVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VENTI ANNI DI INNOVAZIONE"

Transcript

1 1 VENTI ANNI DI INNOVAZIONE L esperienza del Master in management, innovazione e ingegneria dei servizi Riccardo Varaldo Pisa, 15 ottobre 2010

2 2 INTRODUZIONE:VENTI ANNI DI INNOVAZIONE PERSI PER L ITALIA? Nel 1990, quando fu varata la prima edizione del Master in Management dell'innovazione, in Italia di ricerca e di innovazione si parlava poco. Oggi se ne parla tanto, ma queste cose sono come allora in coda all'agenda delle priorità del Sistema Paese. La critica situazione delle finanze statali e il permanere di un sistema industriale poco ancorato alla conoscenza scientifica che considera la ricerca un costo e non un investimento - hanno inciso nel non consentire di aumentare le spese di ricerca e sviluppo (R&S) in modo tale da attivare un percorso di recupero del divario rispetto agli altri grandi paesi europei, per non parlare del Giappone e degli Stati Uniti (fig. 1). Cosa ancora più grave è che nel tempo non è neppure maturata la consapevolezza che nell era contemporanea in Italia senza ricerca: - la capacità innovativa risulta molto depotenziata con una forte penalizzazione del tasso di crescita e di internazionalizzazione dell'economia e delle imprese; - il processo di transizione ad un'economia basata sulla conoscenza, in atto a partire dagli anni '70, viene rallentato con un conseguente disallineamento dagli altri paesi industrializzati in fatto di trasformazioni e avanzamenti nella società, nel sistema produttivo e nel sistema universitario e della ricerca; - il modello di specializzazione produttiva rimane fermo ad una trama di prodotti, costituito in prevalenza da beni di consumo finale, dove si presenta critica la sfida competitiva con i nuovi paesi emergenti; - è difficile adattarsi appropriatamente ai processi della globalizzazione con imprese e una offerta di beni e servizi non in grado di sfruttare il crescente potenziale di domanda proveniente dai mercati emergenti; - non si compie quell'evoluzione della struttura dell'occupazione, tipica dei settori industriali e dei servizi tecnologicamente avanzati, che consente di attrarre e valorizzare il capitale umano con più elevate competenze ed una maggiore educazione formale, con conseguenti ricadute positive sul sistema dell istruzione superiore, deputato a prepararlo. Tutte queste debolezze e mancanze rivelano che il peso politico del sistema della ricerca e della formazione, e di riflesso del sistema universitario, è eccezionalmente debole nel nostro Paese. Di conseguenza molto modesta è la sua capacità di incidere sulle scelte di politica economica, mentre si trova a dover sempre subire la concorrenza di altre priorità e delle emergenze che via via costellano il panorama nazionale. D'altra parte, sul fronte della politica industriale l Italia è da sempre in difetto. Non sa andare oltre logiche di puri sussidi settoriali e interventi tampone che servono a coprire emergenze ma non a fornire spinte all innovazione. La conseguenza è che agli operatori di avanguardia mancano i riferimenti di contesto e gli indirizzi guida per guardare al futuro con cognizione di causa e

3 3 compiere appropriate scelte di investimento nell innovazione delle produzioni, con l apporto di nuove conoscenze tecnologiche e di nuove competenze. La politica dell innovazione di un Paese non può essere lasciata al caso, alla speranza che il mercato da solo faccia il miracolo; deve invece tener conto della reale situazione e dei punti di forza del Paese per poter individuare gli obiettivi a lunga scadenza su cui gli investitori e le imprese possono far convergere consapevolmente le proprie scelte. L'innovazione industriale, sostenuta da impegnativi investimenti in ricerca e tecnologia, deve inoltre trovare una sponda sul mercato interno, non solo per assicurarsi uno sbocco commerciale più sicuro, ma anche per dare una spinta alle imprese innovatrici e consentire di valorizzare al meglio tutto ciò che di creativo può provenire dai fornitori, dai clienti e dai consumatori finali. Una politica industriale orientata all innovazione deve guardare non solo al lato dell offerta ma anche al lato della domanda cercando di strutturare e cadenzare gli interventi secondo una logica di catena del valore che dalla ricerca arriva al mercato, passando per l ingegnerizzazione delle nuove idee e la loro industrializzazione. Altrimenti si rischia di avere invenzioni senza mercato oppure, viceversa, un mercato senza invenzioni. E questo a ben vedere il rischio a cui è da sempre esposto il nostro Paese, che da un lato disperde i frutti della ricerca, da un altro deve far ricorso ad importazioni dall estero quando scatta la domanda interna di nuovi beni prodotti altrove. La mancanza di una robusta politica industriale è uno dei fattori che oggi più pesa sul futuro della economia italiana e sulla tenuta competitiva del nostro apparato produttivo, in presenza di un quadro dell'economia mondiale che, nonostante alcuni sintomi di ripresa, rimane molto incerto. L Italia ha dimostrato finora di sapersi destreggiare nella crisi economica facendo appello alle sue collaudate doti di flessibilità e adattabilità, e ad innate capacità di arrangiarsi. Ma oggi sta segnando il passo in fatto di appropriabilità della ripresa, così come stanno facendo altri paesi industrializzati ed alcuni grandi paesi emergenti, in particolare la Cina, che hanno saputo reagire alla crisi con un lungimirante piano di stimolo dell economia, dotandolo di ingenti investimenti per la ricerca e l innovazione. In questi ultimi casi l ottica è quella che la crisi deve servire a trasformare l industria e non solo a conservare l esistente, come invece sta cercando di fare, per di più con scarsi risultati, l Italia. E comune sentimento che questa crisi sia destinata a produrre cambiamenti profondi e duraturi nel sistema delle infrastrutture, nei mezzi di trasporto, nelle fonti energetiche, nelle reti di comunicazione, nell organizzazione delle città e nei sistemi di cura della salute per effetto di forti spinte all innovazione sociale, con un impatto sugli stili di vita e le abitudini di consumo, che portano a far

4 4 crescere un senso comune della responsabilità sociale e della sostenibilità. Si profila così uno scenario ideologico-culturale, socio-economico e tecnologico sfidante dove l attività di ricerca è destinata a diventare una leva strategica per coltivare e sfruttare le nuove opportunità di business scaturite dal processo schumpeteriano di distruzione creatrice, dando spazio ad un ciclo di investimenti pubblici e privati fortemente orientato su settori innovativi a forte crescita. Di fronte ad una crisi economica strutturale come l attuale, l Italia sta accumulando un preoccupante ritardo rispetto agli altri grandi paesi industrializzati e ad alcuni dei paesi emergenti più dinamici perché soffre di una grave forma di miopia politica che impedisce di esprimere una comune visione del futuro e una guida a tutti gli attori dell ecosistema dell innovazione (istituzioni, grandi imprese, start-ups tecnologiche, banche, università e centri di ricerca) per far loro attivare i progetti di sviluppo e le aggregazioni di capitali pubblici e privati per metterli in opera, assicurando prospettive di ritorno degli investimenti in tempi ragionevoli. Quello che sta accadendo con le incertezze decisionali sul futuro della banda larga, delle grandi infrastrutture, dell energia nucleare, delle fonti rinnovabili, e con i ritardi nell adozione di riforme istituzionali chiave (giustizia, fisco, mercato del lavoro, università e così via) ben esprime e giustifica il senso di disagio di tutti coloro che vorrebbero poter guardare e lavorare per un futuro meno precario del Paese. I venti anni che ci separano dal 1990, anno di lancio del Master in Management dell Innovazione, sono stati quindi anni di rallentamento del processo di modernizzazione e di avanzamento del Paese, dovuto in particolare al mancato uso dell investimento in conoscenza, come nuova leva della crescita economica e sociale. Il che non ha consentito all Italia di mantenere un allineamento con gli altri Paesi industrializzati, che con più lungimiranza hanno capito quali erano i nuovi motori della crescita, costituiti dall accumulazione e dalla trasmissione di nuove conoscenze, tramite la ricerca e la formazione. La Scuola Superiore Sant Anna, così come le altre istituzioni universitarie, ha risentito del ritardo del processo di modernizzazione e di innovazione del Paese, ma è riuscita a muoversi in controtendenza, mettendo in atto nel corso del ventennio un proprio percorso di crescita, adottando una visione e quindi una policy per interpretare e governare in modo nuovo la missione universitaria. Se si considera che fino al 1987 la Scuola aveva una struttura di Collegio di eccellenza, ereditata dalla storia iniziata agli inizi degli anni 1930 come Spin-off della Scuola Normale Superiore dedicata al settore giuridico e medico, ben si capisce il senso e la dimensione del cambiamento vissuto per passare ad un modello vicino alle cosiddette research universities di stampo americano.

5 5 Alcuni dati servono a bene rappresentare questo fondamentale passaggio. Nel periodo le entrate proprie, derivanti per il 90% da progetti e commesse di ricerca, sono aumentate ad un tasso medio annuo del 18% facendo così salire la relativa incidenza sui finanziamenti pubblici ministeriali dal 30% all 85%. Oggi il budget annuale di ricerca è di 16 milioni di euro. La Scuola ha quindi spostato nettamente la sua missione verso la ricerca e per farlo ha cercato di rafforzare e qualificare la sua capacità di autofinanziamento ed il perimetro delle collaborazioni a livello nazionale e internazionale con università, enti e imprese. L'attività di alta formazione, dove si inserisce anche il Master di cui oggi festeggiamo il primo ventennale, ha seguito questo trend, per i suoi legami sinergici con la ricerca secondo il modello della research university. Questo indica il significato del ruolo che il suo varo ha avuto nella storia della Scuola come momento significativo nel suo processo di crescita che ha visto continuamente aumentare il peso dei post-graduate courses che oggi costituiscono più del 60% dell intero settore formativo, dove come attività tradizionale rimangano i corsi undergraduate per gli allievi ordinari, reclutati a livello nazionale ed inseriti alla Scuola dietro un severo esame di ammissione a forte carattere selettivo dell eccellenza. La decisione di dar vita ad un corso di Master ha assunto un particolare significato nel caso della Scuola che va oltre il dato di aprire una nuova filiera formativa. Il fatto è che l ambito di interesse, quello dell economia, della politica e del management dell innovazione ha fatto assumere al Master un significato di valenza strategica. Da un lato come una sorta di ponte interdisciplinare verso l ambito della ricerca scientifica e tecnologica già allora coltivata ad alti livelli da parte del settore di ingegneria della Scuola. Da un altro perché si voleva aprire una finestra sul nascente ramo scientifico dell economia e del management dell innovazione per contribuire alla formazione nel Paese di una cultura specialistica nel campo, da alimentare e diffondere tramite la formazione e la ricerca. A partire dagli anni 90, sulla scia dei crescenti sviluppi dell economia della conoscenza, i Master in Management dell Innovazione si sono diffusi celermente a livello europeo ed extraeuropeo. L Europa con 86 Master si colloca al primo posto della specifica graduatoria (fig. 2), seguita dagli Stati Uniti con 21 e dall East Asia con 13. Nella graduatoria per nazioni (fig. 3) l Italia con 14 Master occupa la terza posizione dopo la Gran Bretagna che ne conta 33 e gli Stati Uniti 18.

6 6 Nell insieme quindi risulta che l Europa e l Italia emergono in fatto di interesse per lo studio dell economia e del management dell innovazione, ma a questo non corrisponde un eguale primato nella pratica dell innovazione. Siamo di fronte ad un aspetto di quel fenomeno noto come paradosso europeo, per cui l Europa mentre per un verso riesce a mantenere un buon ranking in fatto di pubblicazioni scientifiche per un altro soffre di un progressivo declino come quota di brevetti, prodotti ed export-tecnologici e ricavi da licenze 1. Si tratta di un paradosso che colpisce in modo particolare il nostro Paese, con la conseguenza che per le imprese italiane più avanzate la via dell innovazione fondata sulla ricerca e la tecnologia è decisamente più irta di difficoltà. Ed è una via che per percorrerla con successo richiede un impegno di mezzi ed un livello di rischi decisamente superiore a quello dei concorrenti stranieri. Origini del Master: la convenzione tra la Scuola e l'iri Il Master in Management dell'innovazione ha mosso i primi passi grazie alla convenzione sottoscritta il 18 settembre 1990 tra la Scuola superiore Sant'Anna e l'istituto per la Ricostruzione Industriale IRI. La convenzione prevedeva l'assegnazione di borse biennali per lo svolgimento di programmi di formazione e di ricerca avanzata post-laurea. Alcune di queste borse erano destinate alle seguenti aree: - fattori imprenditoriali ed organizzativi di successo nei settori delle alte tecnologie; - economia e gestione dell'innovazione. L'architettura del corso di formazione avanzata in collaborazione con l'iri si ispirava nei punti cardine al modello dei corsi triennali di perfezionamento postlaurea (dottorato) della Scuola ma si poneva sostanzialmente come un nuovo modello di formazione avanzata. Nel caso specifico si è puntato a valorizzare massimamente l'esperienza della collaborazione tra la Scuola e il grande gruppo industriale. Il fatto che rappresentanti dell IRI fossero inseriti oltre che nella commissione giudicatrice anche nella commissione didattica ben indica il comune desiderio di realizzare una forte integrazione nel rendere l'impegnativo programma ispirato dalle visioni e dalle proposte del mondo delle imprese, ma ancorandolo ai valori e alle tradizioni educative e culturali proprie di una istituzione universitaria di 1 R. Varaldo, A. Di Minin, Il nuovo capitalismo imprenditoriale del Research in Italy, Roma, Occasional paper Finmeccanica, 2009

7 7 eccellenza. Era ben presente ad entrambi i partner di essere di fronte ad un progetto formativo che richiedeva un particolare impegno ideativo e progettuale atteso che il management dell innovazione agli inizi degli anni 90 in Italia era praticamente sconosciuto non solo in campo universitario ma anche nel mondo delle imprese. Per cercare di coprire questo deficit culturale e scientifico si è quindi organizzato alla Scuola un programma di seminari e di incontri con illustri docenti e ricercatori statunitensi, allo scopo di poter acquisire elementi e indirizzi per meglio progettare e costruire il nostro corso. Ricordo tra gli altri i professori David Teece University Of California Berkeley, Oliver E. Williamson della Wharton School di Filadeifia, premio Nobel 2009 e Samuel Rabino della Northeastern University di Boston. A distanza di Vent anni la capacità di lavorare insieme alle imprese, sperimentata per la prima volta con l IRI, rimane uno dei punti qualificanti del Master in Management, Innovazione e Ingegneria dei Servizi che include come proprio asset strategico un gruppo prestigioso di grandi imprese (fig. 4). Il Master in Management dell Innovazione: una importante novità per il sistema universitario italiano La Scuola Superiore Sant Anna con l'iniziativa del Master in Management dell'innovazione ha cercato in un certo senso di entrare in sintonia con le esigenze del mercato del lavoro qualificato, guardando in particolare alle imprese più avanzate e più pronte al cambiamento. Nel fare questo passo c'è stato di conforto il framework di un dibattito svolto in sede di Associazione ex allievi Sant'Anna tenutosi nella sede della Scuola poco tempo prima del varo del Master, il 29 ottobre 1988, con alcuni amici illustri come Sabino Cassese, Alfonso Desiata, Giuseppe Are, Emilio Rosini, Alberto Mazzoni, Marcello Claric, Eugenio Ripepe, Francesco D. Busnelli, oltre al sottoscritto. Con il varo nel 1990 del Master il primo nella storia delle Università italiane ed uno dei primi su scala europea - la Scuola ha compiuto una scelta istituzionalmente innovativa e coraggiosa rispetto alla tradizionale, predominante visione dell Università come di una "cittadella accademica" che non deve formare per il mercato del lavoro ma formare solo attitudini e capacità culturali e critiche per elevare il livello educativo della popolazione. Di fatto fino agli anni '90 le università italiane non offrivano nulla dopo la laurea mentre a quell'epoca in altri paesi nel campo della formazione indirizzata al mercato del lavoro era già operante e attiva una sorta di industria.

8 8 La Scuola è andata in controtendenza, ha compiuto una scelta sbagliata sul piano teorico ma appropriata sotto il profilo dell'attualità e delle istanze della società e dell economia. Ma lo ha fatto con la consapevolezza che per una istituzione universitaria di eccellenza, in linea di principio meno esposta al rischio di mettere in gioco la propria credibilità, era importante dare un buon esempio sul fronte della sperimentazione di un nuovo modo di intendere e praticare la tradizionale missione educativa dell'università. Le Università statali degli anni 90 in Italia erano pure, grandi e medie fabbriche di laureati. L'unico problema che si ponevano era la scarsa produttività del loro ciclo di produzione, con molti iscritti ai primi anni dei corsi (circa 250 mila immatricolati) e relativamente pochi laureati, (circa ) al termine del ciclo formativo, e con tanti abbandoni già a partire dal secondo anno. E l incubo per la scarsa quantità dei laureati era tale da far passare in seconda e terza linea la preoccupazione per la qualità dei laureati. La scarsa soddisfazione delle imprese e degli enti per il tipo di laureati forniti dalle università in Italia ha portato alla proliferazione di istituti privati e corsi per integrare la formazione data in sede universitaria o addirittura, da parte di alcune grandi imprese, alla costituzione di proprie Scuole di management. Non essendo stato capace di cogliere i sensi del cambiamento il mondo universitario italiano di fatto ha ceduto ad altri il ciclo della formazione postlaurea orientata al mondo del lavoro facendo proliferare un mercato formativo parallelo senza regole e talvolta poco qualificato. In questo quadro, appare in tutta evidenza l importanza dell iniziativa della Scuola nel cercare di portare un qualificato contributo per far recuperare al sistema universitario italiano un proprio ruolo nella modernizzazione degli studi tramite l introduzione di corsi di formazione orientata al mercato del lavoro qualificato post-laurea. Questo contributo si è sviluppato anche sul piano istituzionale essendo partita dal Sant Anna la proposta al Ministero dell Università, con deliberazione del Senato accademico del 13 aprile 1999, per il recepimento nell ordinamento degli studi universitari della possibilità di attivare corsi e di rilasciare titoli di Master Universitari. Questo recepimento è stato ufficializzato con il Decreto MIUR n. 509 del 3 novembre 1999 e successivamente confermato con Decreto MIUR n. 270 del 22 ottobre Un master diverso dai MBA (Master in Business Administration) Con il Master in Management dell Innovazione si è pensato e progettato un Master diverso dai più tradizionali e più conosciuti MBA, nati negli Stati Uniti, dove all'inizio degli anni '90 se ne contavano circa settecento.

9 9 In quel Paese già a partire dagli anni 80 si è incominciato a percepire, da parte di alcuni avveduti ambienti universitari e di esponenti illustri dell'industria, che: - i MBA erano troppo strettamente focalizzati su skills come la contabilità e la finanza; - mancavano corsi e prodotti formativi capaci di educare e preparare alla diagnosi di problemi aziendali complessi; - si sentiva l'esigenza di un salto culturale nei processi formativi per preparare i managers ad affrontare i loro compiti con approcci innovativi. I più accreditati editorialisti, esperti del sistema della formazione manageriale, imputavano queste carenze dei MBA al fatto che molte Business schools mantenevano la rigida struttura organizzativa di una grande azienda manifatturiera degli anni Si rilevava altresì che i docenti delle Business schools fossero spesso così isolati dall'ambiente esterno e dai cambiamenti nel mondo dell'economia reale e dell organizzazione delle imprese da essere lenti nella sfida del cambiamento e nel comprendere il bisogno di riformare sè stessi, e quindi rinnovare i contenuti dei propri corsi secondo un'ottica non strettamente circoscritta al proprio limitato sapere. Per questo, il mondo delle aziende era allora decisamente più avanti dell'università nel promuovere teams, processi cross-funzionali, e i project groups, cioè metodi organizzativi capaci di mettere insieme e far lavorare persone con profili educativi, competenze ed esperienze diverse. Alla Scuola non siamo andati alla ricerca di un rapporto biunivoco tra preparazione fornita dal Master e mestiere. Non abbiamo avuto la pretesa di porci la domanda "cosa faranno dopo, i nostri diplomati?". E non abbiamo voluto inculcare nella mente dei candidati che al Master si venisse per imparare un mestiere, una professione, quella di manager dell'innovazione. Ci siamo, d'altra parte, resi ben presto conto che per la gran parte delle imprese italiane, anche quelle di grandi dimensioni, era difficile entrare in sintonia con un prodotto formativo singolare come un "Master in Management dell'innovazione". Il recruiting da parte delle società di consulenza e delle imprese allora ed in parte ancora oggi avviene secondo schemi precostituiti e logiche di stretta integrazione e corrispondenza con la struttura organizzativa e il costrutto delle comunità professionali. Per cui era abbastanza comune che un'impresa non sapesse immaginare una collocazione organizzativa appropriata ad un laureato fornito di un Master in Management dell Innovazione. L approccio educativo nel nostro caso ha sempre cercato di premiare la preparazione culturale di base e interdisciplinare piuttosto che una formazione strettamente tecnicistica, attinente una specifica funzione aziendale. Ci siamo

10 10 adoperati per rispondere ad un'esigenza di professionalità evoluta piuttosto che a fornire formule e regole, cercando di creare un profilo di laureato capace di affrontare in modo creativo temi complessi come quelli che riportano al magmatico e indefinito campo dell'innovazione. Il MAINS trova un solido ancoraggio negli sviluppi dell analisi economica in connessione al ruolo assunto dalla scienza e dalla tecnologia come drivers della crescita, ma ha adottato un concetto di innovazione endogena al sistema economico, come campo di attività specifica delle imprese. In un economia knowledge-based la produttività e la dinamica economica e competitiva delle imprese sono determinate dagli avanzamenti tecnologici, in uno con l accumulazione di capitale umano e di capitale organizzativo, che determina il modo e la velocità con cui il progresso tecnologico e organizzativo fa crescere la produttività aziendale. Questo obiettivo oggi è largamente dipendente dalla valorizzazione delle competenze e delle capacità del capitale umano anche grazie ad un impiego intelligente delle ICT. La produttività del capitale digitale a sua volta tende ad essere influenzata dai cambiamenti organizzativi introdotti dalle imprese e questi implicano l impiego di risorse umane più qualificate. La triade costituita dal capitale digitale, dal capitale umano e dal capitale organizzativo tende quindi a costituire l elemento distintivo delle imprese più dinamiche e più capaci di esprimere, con una maggiore forza innovativa, anche una più elevata capacità di attrazione di talenti. Questa visione integrata e sistemica dell innovazione porta a dare rilevanza ai fattori imprenditoriali e organizzativi piuttosto che a parametri dimensionali e settoriali. Tentando una generalizzazione, pur nell estrema varietà dei casi, è lecito sostenere che nell economia contemporanea la capacità innovativa delle imprese non è indipendente da fattori settoriali e dimensionali, ma è frutto essenzialmente della qualità della strategia, della dotazione di capitale intellettuale e della capacità di acquisire, con un appropriata dotazione di risorse finanziarie e di capitale umano, le nuove conoscenze che via via si rendono necessarie per innovare prodotti, processi e servizi. Sono queste in sintesi le linee portanti su cui si basa il programma formativo e scientifico del Master e su cui il Master sta accumulando conoscenza ed esperienza, in stretta collaborazione con le imprese partner. Alla trasmissione ed alla valorizzazione dell esperienza e dell immagine collaborano con grande passione gli ex-allievi del Master organizzati nella loro Associazione l AMISA.

11 11 L'integrazione formazione-ricerca-sperimentazione L'inserimento del Master direttamente nell'alveo scientifico universitario è stata un'importante acquisizione nel panorama nazionale. Fino agli inizi degli anni 90 questo tipo di corsi ricadevano esclusivamente nell'ambito del sistema delle poche Business schools esistenti in Italia, tendenzialmente più vicine per rango e valori al mondo della pratica, e quindi più orientate alla preparazione di competenze funzionali già consolidate nella prassi. Nella Scuola, pur uscendo dai canoni tradizionali della istruzione universitaria, si è invece riprodotto il modello di formazione integrata alla e con la ricerca che è uno dei tratti caratterizzanti la sua missione di centro di formazione dell'eccellenza. Tutto ciò ha consentito da un lato di fertilizzare, sotto il profilo scientifico e culturale, il programma formativo del Master, da un altro di attivare uno specifico corpo di attività di ricerca che nel corso del tempo ha consentito alla Scuola di acquisire una sua specializzazione e reputazione nel campo dell'economia e del Management dell'innovazione a livello nazionale e internazionale. A questo risultato si è pervenuti nel tempo anche tramite l'istituzione negli anni 2000 di due programmi di dottorato destinati alla formazione di ricercatori specializzati nel campo dell'economia e del Management dell'innovazione. Il particolare impegno profuso nel rendere il programma formativo del Master sempre in linea con le nuove acquisizioni scientifiche è servito nel 2007 ad operare un estensione verso l ingegneria dei servizi, un nuovo campo di indagine e di formazione, presente in università statunitensi di élite, come l Università della California a Berkeley e il Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. Nel compiere questo passo che ha portato ad aggiornare la denominazione del corso in Master in Management, Innovazione e Ingegneria dei Servizi (MAINS) - si è tenuto conto del crescente ruolo che i servizi giocano nel sostanziare e rendere sostenibile in senso economico e organizzativo la capacità innovativa delle imprese di ogni tipo di settore. E questo soprattutto in connessione al processo di digitalizzazione della società e dell economia, che aumenta a dismisura le opportunità di networking intersettoriali e interaziendali, anche su scala internazionale. Su un piano diverso, ma comunque sempre in linea con la scelta di fare formazione con la ricerca e la sperimentazione, si inserisce la decisione assunta con le imprese partner nel 2007, al varo del MAINS, di affiancare al Master gli Innovation Labs. Con questa iniziativa si è pensato di rispondere all esigenza, sempre presente nella migliore formazione manageriale, di far contestualizzare e interiorizzare le conoscenze acquisite per farle maturare a

12 12 livello di capacità e competenze. Gli InnovLabs propongono uno spostamento dal tradizionale paradigma dell'education, intesa come puro trasferimento di determinate conoscenze, al paradigma del learning, coerente con una concezione di formazione partecipata entro cui l'allievo diventa protagonista del suo processo formativo, mettendo a frutto le proprie attitudini e conoscenze nell'affrontare argomenti e problemi concreti, suggeriti dalle imprese partner del Master e con un loro diretto, qualificato apporto nei lavori dei laboratori.

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE 2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE SDA Bocconi School of Management SDA Bocconi School of Management è nata nel 1971 dall Università Bocconi per essere una scuola di cultura manageriale d eccellenza

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

Con il patrocinio morale di:

Con il patrocinio morale di: dove siamo TReNo Dalla Stazione Termini, ogni ora (al 38 minuto) treno Roma Termini - Civitavecchia. Scendere alla stazione Roma Aurelia. Uscire dal sottopassaggio a via della Stazione Aurelia. A destra,

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

Università: Ricerca e Innovazione

Università: Ricerca e Innovazione 7 Intervento dal titolo Università: Ricerca e Innovazione A cura di Prof. Silverio Bolognani Prorettore con delega per la Ricerca dell Università di Padova 8 9 Premessa Si coglie l occasione di questo

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa?

Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa? Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa? Presentazione a cura di Alessandro Fraleoni Morgera - Presidente

Dettagli

Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna. Dino Pedreschi Università di Pisa. Roma, ISFOL, 7 luglio 2009

Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna. Dino Pedreschi Università di Pisa. Roma, ISFOL, 7 luglio 2009 Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna Dino Pedreschi Università di Pisa Roma, ISFOL, 7 luglio 2009 Il dottorato e la società della conoscenza Come può l Europa centrare gli obiettivi

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Regione Marche PATRIZIA SOPRANZI P.F. Innovazione Ricerca e Competitività dei Settori Produttivi Strategia

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

Il terzo ciclo e le Scuole di Dottorato Il paese vuole crescere (?)

Il terzo ciclo e le Scuole di Dottorato Il paese vuole crescere (?) Giornata di lavoro Camerino 1 febbraio 2007 Università Italiana, Università Europea La convergenza dei percorsi formativi da Bologna 1999 a Londra 2007 Il terzo ciclo e le Scuole di Dottorato Il paese

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico La formazione post lauream in Italia e le interrelazioni con le Imprese Università di Salerno, Aula Magna Campus di Fisciano, 4 Luglio 2014 Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Angelo Cognome Messina Ente/organizzazione di appartenenza STMicroelectronics s.r.l.

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Sede: Università degli Studi di Genova Scadenza iscrizioni: 7 ottobre 2011 Inizio corso: dicembre 2011 Scadenza richiesta voucher: 4 agosto 2011

Sede: Università degli Studi di Genova Scadenza iscrizioni: 7 ottobre 2011 Inizio corso: dicembre 2011 Scadenza richiesta voucher: 4 agosto 2011 Scadenza iscrizioni: 7 ottobre 2011 Inizio corso: dicembre 2011 Facoltà proponente: Facoltà di Scienze Politiche dell Università di Genova in collaborazione per testimonianze e tirocinii con: Agenzia delle

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Master di II livello in Management Agro-Alimentare

Master di II livello in Management Agro-Alimentare Master di II livello in Management Agro-Alimentare Dal 1984 valorizziamo talenti per l industria e la distribuzione alimentare XXXI Edizione 2014 2015 Con il patrocinio di Federalimentare (Federazione

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Presentazione esterna. (Obiettivo sviluppo nuove imprese tecnologiche)

Presentazione esterna. (Obiettivo sviluppo nuove imprese tecnologiche) Presentazione esterna (Obiettivo sviluppo nuove imprese tecnologiche) Summary 1/4! La Fondazione ricerca e imprenditorialità (d ora in avanti Fondazione R&I) prende le mosse dalla crescente consapevolezza

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MARKETING INTERNAZIONALE

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MARKETING INTERNAZIONALE MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MARKETING INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2010 2011 Regolamento ed ordinamento didattico Il Master di primo livello in Marketing del Commercio Internazionale, sarà

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Roma, 9 luglio 2014 S 3 : nuovo

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni per la valorizzazione della ricerca indipendente N. 1962. d iniziativa del deputato CAPUA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni per la valorizzazione della ricerca indipendente N. 1962. d iniziativa del deputato CAPUA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1962 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPUA Disposizioni per la valorizzazione della ricerca indipendente Presentata il 16 gennaio

Dettagli

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico STATUTO Art. 1 - Obiettivi e finalità della Scuola di Dottorato 1. La Scuola di Dottorato è una struttura dell Università degli Studi

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli