VENTI ANNI DI INNOVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VENTI ANNI DI INNOVAZIONE"

Transcript

1 1 VENTI ANNI DI INNOVAZIONE L esperienza del Master in management, innovazione e ingegneria dei servizi Riccardo Varaldo Pisa, 15 ottobre 2010

2 2 INTRODUZIONE:VENTI ANNI DI INNOVAZIONE PERSI PER L ITALIA? Nel 1990, quando fu varata la prima edizione del Master in Management dell'innovazione, in Italia di ricerca e di innovazione si parlava poco. Oggi se ne parla tanto, ma queste cose sono come allora in coda all'agenda delle priorità del Sistema Paese. La critica situazione delle finanze statali e il permanere di un sistema industriale poco ancorato alla conoscenza scientifica che considera la ricerca un costo e non un investimento - hanno inciso nel non consentire di aumentare le spese di ricerca e sviluppo (R&S) in modo tale da attivare un percorso di recupero del divario rispetto agli altri grandi paesi europei, per non parlare del Giappone e degli Stati Uniti (fig. 1). Cosa ancora più grave è che nel tempo non è neppure maturata la consapevolezza che nell era contemporanea in Italia senza ricerca: - la capacità innovativa risulta molto depotenziata con una forte penalizzazione del tasso di crescita e di internazionalizzazione dell'economia e delle imprese; - il processo di transizione ad un'economia basata sulla conoscenza, in atto a partire dagli anni '70, viene rallentato con un conseguente disallineamento dagli altri paesi industrializzati in fatto di trasformazioni e avanzamenti nella società, nel sistema produttivo e nel sistema universitario e della ricerca; - il modello di specializzazione produttiva rimane fermo ad una trama di prodotti, costituito in prevalenza da beni di consumo finale, dove si presenta critica la sfida competitiva con i nuovi paesi emergenti; - è difficile adattarsi appropriatamente ai processi della globalizzazione con imprese e una offerta di beni e servizi non in grado di sfruttare il crescente potenziale di domanda proveniente dai mercati emergenti; - non si compie quell'evoluzione della struttura dell'occupazione, tipica dei settori industriali e dei servizi tecnologicamente avanzati, che consente di attrarre e valorizzare il capitale umano con più elevate competenze ed una maggiore educazione formale, con conseguenti ricadute positive sul sistema dell istruzione superiore, deputato a prepararlo. Tutte queste debolezze e mancanze rivelano che il peso politico del sistema della ricerca e della formazione, e di riflesso del sistema universitario, è eccezionalmente debole nel nostro Paese. Di conseguenza molto modesta è la sua capacità di incidere sulle scelte di politica economica, mentre si trova a dover sempre subire la concorrenza di altre priorità e delle emergenze che via via costellano il panorama nazionale. D'altra parte, sul fronte della politica industriale l Italia è da sempre in difetto. Non sa andare oltre logiche di puri sussidi settoriali e interventi tampone che servono a coprire emergenze ma non a fornire spinte all innovazione. La conseguenza è che agli operatori di avanguardia mancano i riferimenti di contesto e gli indirizzi guida per guardare al futuro con cognizione di causa e

3 3 compiere appropriate scelte di investimento nell innovazione delle produzioni, con l apporto di nuove conoscenze tecnologiche e di nuove competenze. La politica dell innovazione di un Paese non può essere lasciata al caso, alla speranza che il mercato da solo faccia il miracolo; deve invece tener conto della reale situazione e dei punti di forza del Paese per poter individuare gli obiettivi a lunga scadenza su cui gli investitori e le imprese possono far convergere consapevolmente le proprie scelte. L'innovazione industriale, sostenuta da impegnativi investimenti in ricerca e tecnologia, deve inoltre trovare una sponda sul mercato interno, non solo per assicurarsi uno sbocco commerciale più sicuro, ma anche per dare una spinta alle imprese innovatrici e consentire di valorizzare al meglio tutto ciò che di creativo può provenire dai fornitori, dai clienti e dai consumatori finali. Una politica industriale orientata all innovazione deve guardare non solo al lato dell offerta ma anche al lato della domanda cercando di strutturare e cadenzare gli interventi secondo una logica di catena del valore che dalla ricerca arriva al mercato, passando per l ingegnerizzazione delle nuove idee e la loro industrializzazione. Altrimenti si rischia di avere invenzioni senza mercato oppure, viceversa, un mercato senza invenzioni. E questo a ben vedere il rischio a cui è da sempre esposto il nostro Paese, che da un lato disperde i frutti della ricerca, da un altro deve far ricorso ad importazioni dall estero quando scatta la domanda interna di nuovi beni prodotti altrove. La mancanza di una robusta politica industriale è uno dei fattori che oggi più pesa sul futuro della economia italiana e sulla tenuta competitiva del nostro apparato produttivo, in presenza di un quadro dell'economia mondiale che, nonostante alcuni sintomi di ripresa, rimane molto incerto. L Italia ha dimostrato finora di sapersi destreggiare nella crisi economica facendo appello alle sue collaudate doti di flessibilità e adattabilità, e ad innate capacità di arrangiarsi. Ma oggi sta segnando il passo in fatto di appropriabilità della ripresa, così come stanno facendo altri paesi industrializzati ed alcuni grandi paesi emergenti, in particolare la Cina, che hanno saputo reagire alla crisi con un lungimirante piano di stimolo dell economia, dotandolo di ingenti investimenti per la ricerca e l innovazione. In questi ultimi casi l ottica è quella che la crisi deve servire a trasformare l industria e non solo a conservare l esistente, come invece sta cercando di fare, per di più con scarsi risultati, l Italia. E comune sentimento che questa crisi sia destinata a produrre cambiamenti profondi e duraturi nel sistema delle infrastrutture, nei mezzi di trasporto, nelle fonti energetiche, nelle reti di comunicazione, nell organizzazione delle città e nei sistemi di cura della salute per effetto di forti spinte all innovazione sociale, con un impatto sugli stili di vita e le abitudini di consumo, che portano a far

4 4 crescere un senso comune della responsabilità sociale e della sostenibilità. Si profila così uno scenario ideologico-culturale, socio-economico e tecnologico sfidante dove l attività di ricerca è destinata a diventare una leva strategica per coltivare e sfruttare le nuove opportunità di business scaturite dal processo schumpeteriano di distruzione creatrice, dando spazio ad un ciclo di investimenti pubblici e privati fortemente orientato su settori innovativi a forte crescita. Di fronte ad una crisi economica strutturale come l attuale, l Italia sta accumulando un preoccupante ritardo rispetto agli altri grandi paesi industrializzati e ad alcuni dei paesi emergenti più dinamici perché soffre di una grave forma di miopia politica che impedisce di esprimere una comune visione del futuro e una guida a tutti gli attori dell ecosistema dell innovazione (istituzioni, grandi imprese, start-ups tecnologiche, banche, università e centri di ricerca) per far loro attivare i progetti di sviluppo e le aggregazioni di capitali pubblici e privati per metterli in opera, assicurando prospettive di ritorno degli investimenti in tempi ragionevoli. Quello che sta accadendo con le incertezze decisionali sul futuro della banda larga, delle grandi infrastrutture, dell energia nucleare, delle fonti rinnovabili, e con i ritardi nell adozione di riforme istituzionali chiave (giustizia, fisco, mercato del lavoro, università e così via) ben esprime e giustifica il senso di disagio di tutti coloro che vorrebbero poter guardare e lavorare per un futuro meno precario del Paese. I venti anni che ci separano dal 1990, anno di lancio del Master in Management dell Innovazione, sono stati quindi anni di rallentamento del processo di modernizzazione e di avanzamento del Paese, dovuto in particolare al mancato uso dell investimento in conoscenza, come nuova leva della crescita economica e sociale. Il che non ha consentito all Italia di mantenere un allineamento con gli altri Paesi industrializzati, che con più lungimiranza hanno capito quali erano i nuovi motori della crescita, costituiti dall accumulazione e dalla trasmissione di nuove conoscenze, tramite la ricerca e la formazione. La Scuola Superiore Sant Anna, così come le altre istituzioni universitarie, ha risentito del ritardo del processo di modernizzazione e di innovazione del Paese, ma è riuscita a muoversi in controtendenza, mettendo in atto nel corso del ventennio un proprio percorso di crescita, adottando una visione e quindi una policy per interpretare e governare in modo nuovo la missione universitaria. Se si considera che fino al 1987 la Scuola aveva una struttura di Collegio di eccellenza, ereditata dalla storia iniziata agli inizi degli anni 1930 come Spin-off della Scuola Normale Superiore dedicata al settore giuridico e medico, ben si capisce il senso e la dimensione del cambiamento vissuto per passare ad un modello vicino alle cosiddette research universities di stampo americano.

5 5 Alcuni dati servono a bene rappresentare questo fondamentale passaggio. Nel periodo le entrate proprie, derivanti per il 90% da progetti e commesse di ricerca, sono aumentate ad un tasso medio annuo del 18% facendo così salire la relativa incidenza sui finanziamenti pubblici ministeriali dal 30% all 85%. Oggi il budget annuale di ricerca è di 16 milioni di euro. La Scuola ha quindi spostato nettamente la sua missione verso la ricerca e per farlo ha cercato di rafforzare e qualificare la sua capacità di autofinanziamento ed il perimetro delle collaborazioni a livello nazionale e internazionale con università, enti e imprese. L'attività di alta formazione, dove si inserisce anche il Master di cui oggi festeggiamo il primo ventennale, ha seguito questo trend, per i suoi legami sinergici con la ricerca secondo il modello della research university. Questo indica il significato del ruolo che il suo varo ha avuto nella storia della Scuola come momento significativo nel suo processo di crescita che ha visto continuamente aumentare il peso dei post-graduate courses che oggi costituiscono più del 60% dell intero settore formativo, dove come attività tradizionale rimangano i corsi undergraduate per gli allievi ordinari, reclutati a livello nazionale ed inseriti alla Scuola dietro un severo esame di ammissione a forte carattere selettivo dell eccellenza. La decisione di dar vita ad un corso di Master ha assunto un particolare significato nel caso della Scuola che va oltre il dato di aprire una nuova filiera formativa. Il fatto è che l ambito di interesse, quello dell economia, della politica e del management dell innovazione ha fatto assumere al Master un significato di valenza strategica. Da un lato come una sorta di ponte interdisciplinare verso l ambito della ricerca scientifica e tecnologica già allora coltivata ad alti livelli da parte del settore di ingegneria della Scuola. Da un altro perché si voleva aprire una finestra sul nascente ramo scientifico dell economia e del management dell innovazione per contribuire alla formazione nel Paese di una cultura specialistica nel campo, da alimentare e diffondere tramite la formazione e la ricerca. A partire dagli anni 90, sulla scia dei crescenti sviluppi dell economia della conoscenza, i Master in Management dell Innovazione si sono diffusi celermente a livello europeo ed extraeuropeo. L Europa con 86 Master si colloca al primo posto della specifica graduatoria (fig. 2), seguita dagli Stati Uniti con 21 e dall East Asia con 13. Nella graduatoria per nazioni (fig. 3) l Italia con 14 Master occupa la terza posizione dopo la Gran Bretagna che ne conta 33 e gli Stati Uniti 18.

6 6 Nell insieme quindi risulta che l Europa e l Italia emergono in fatto di interesse per lo studio dell economia e del management dell innovazione, ma a questo non corrisponde un eguale primato nella pratica dell innovazione. Siamo di fronte ad un aspetto di quel fenomeno noto come paradosso europeo, per cui l Europa mentre per un verso riesce a mantenere un buon ranking in fatto di pubblicazioni scientifiche per un altro soffre di un progressivo declino come quota di brevetti, prodotti ed export-tecnologici e ricavi da licenze 1. Si tratta di un paradosso che colpisce in modo particolare il nostro Paese, con la conseguenza che per le imprese italiane più avanzate la via dell innovazione fondata sulla ricerca e la tecnologia è decisamente più irta di difficoltà. Ed è una via che per percorrerla con successo richiede un impegno di mezzi ed un livello di rischi decisamente superiore a quello dei concorrenti stranieri. Origini del Master: la convenzione tra la Scuola e l'iri Il Master in Management dell'innovazione ha mosso i primi passi grazie alla convenzione sottoscritta il 18 settembre 1990 tra la Scuola superiore Sant'Anna e l'istituto per la Ricostruzione Industriale IRI. La convenzione prevedeva l'assegnazione di borse biennali per lo svolgimento di programmi di formazione e di ricerca avanzata post-laurea. Alcune di queste borse erano destinate alle seguenti aree: - fattori imprenditoriali ed organizzativi di successo nei settori delle alte tecnologie; - economia e gestione dell'innovazione. L'architettura del corso di formazione avanzata in collaborazione con l'iri si ispirava nei punti cardine al modello dei corsi triennali di perfezionamento postlaurea (dottorato) della Scuola ma si poneva sostanzialmente come un nuovo modello di formazione avanzata. Nel caso specifico si è puntato a valorizzare massimamente l'esperienza della collaborazione tra la Scuola e il grande gruppo industriale. Il fatto che rappresentanti dell IRI fossero inseriti oltre che nella commissione giudicatrice anche nella commissione didattica ben indica il comune desiderio di realizzare una forte integrazione nel rendere l'impegnativo programma ispirato dalle visioni e dalle proposte del mondo delle imprese, ma ancorandolo ai valori e alle tradizioni educative e culturali proprie di una istituzione universitaria di 1 R. Varaldo, A. Di Minin, Il nuovo capitalismo imprenditoriale del Research in Italy, Roma, Occasional paper Finmeccanica, 2009

7 7 eccellenza. Era ben presente ad entrambi i partner di essere di fronte ad un progetto formativo che richiedeva un particolare impegno ideativo e progettuale atteso che il management dell innovazione agli inizi degli anni 90 in Italia era praticamente sconosciuto non solo in campo universitario ma anche nel mondo delle imprese. Per cercare di coprire questo deficit culturale e scientifico si è quindi organizzato alla Scuola un programma di seminari e di incontri con illustri docenti e ricercatori statunitensi, allo scopo di poter acquisire elementi e indirizzi per meglio progettare e costruire il nostro corso. Ricordo tra gli altri i professori David Teece University Of California Berkeley, Oliver E. Williamson della Wharton School di Filadeifia, premio Nobel 2009 e Samuel Rabino della Northeastern University di Boston. A distanza di Vent anni la capacità di lavorare insieme alle imprese, sperimentata per la prima volta con l IRI, rimane uno dei punti qualificanti del Master in Management, Innovazione e Ingegneria dei Servizi che include come proprio asset strategico un gruppo prestigioso di grandi imprese (fig. 4). Il Master in Management dell Innovazione: una importante novità per il sistema universitario italiano La Scuola Superiore Sant Anna con l'iniziativa del Master in Management dell'innovazione ha cercato in un certo senso di entrare in sintonia con le esigenze del mercato del lavoro qualificato, guardando in particolare alle imprese più avanzate e più pronte al cambiamento. Nel fare questo passo c'è stato di conforto il framework di un dibattito svolto in sede di Associazione ex allievi Sant'Anna tenutosi nella sede della Scuola poco tempo prima del varo del Master, il 29 ottobre 1988, con alcuni amici illustri come Sabino Cassese, Alfonso Desiata, Giuseppe Are, Emilio Rosini, Alberto Mazzoni, Marcello Claric, Eugenio Ripepe, Francesco D. Busnelli, oltre al sottoscritto. Con il varo nel 1990 del Master il primo nella storia delle Università italiane ed uno dei primi su scala europea - la Scuola ha compiuto una scelta istituzionalmente innovativa e coraggiosa rispetto alla tradizionale, predominante visione dell Università come di una "cittadella accademica" che non deve formare per il mercato del lavoro ma formare solo attitudini e capacità culturali e critiche per elevare il livello educativo della popolazione. Di fatto fino agli anni '90 le università italiane non offrivano nulla dopo la laurea mentre a quell'epoca in altri paesi nel campo della formazione indirizzata al mercato del lavoro era già operante e attiva una sorta di industria.

8 8 La Scuola è andata in controtendenza, ha compiuto una scelta sbagliata sul piano teorico ma appropriata sotto il profilo dell'attualità e delle istanze della società e dell economia. Ma lo ha fatto con la consapevolezza che per una istituzione universitaria di eccellenza, in linea di principio meno esposta al rischio di mettere in gioco la propria credibilità, era importante dare un buon esempio sul fronte della sperimentazione di un nuovo modo di intendere e praticare la tradizionale missione educativa dell'università. Le Università statali degli anni 90 in Italia erano pure, grandi e medie fabbriche di laureati. L'unico problema che si ponevano era la scarsa produttività del loro ciclo di produzione, con molti iscritti ai primi anni dei corsi (circa 250 mila immatricolati) e relativamente pochi laureati, (circa ) al termine del ciclo formativo, e con tanti abbandoni già a partire dal secondo anno. E l incubo per la scarsa quantità dei laureati era tale da far passare in seconda e terza linea la preoccupazione per la qualità dei laureati. La scarsa soddisfazione delle imprese e degli enti per il tipo di laureati forniti dalle università in Italia ha portato alla proliferazione di istituti privati e corsi per integrare la formazione data in sede universitaria o addirittura, da parte di alcune grandi imprese, alla costituzione di proprie Scuole di management. Non essendo stato capace di cogliere i sensi del cambiamento il mondo universitario italiano di fatto ha ceduto ad altri il ciclo della formazione postlaurea orientata al mondo del lavoro facendo proliferare un mercato formativo parallelo senza regole e talvolta poco qualificato. In questo quadro, appare in tutta evidenza l importanza dell iniziativa della Scuola nel cercare di portare un qualificato contributo per far recuperare al sistema universitario italiano un proprio ruolo nella modernizzazione degli studi tramite l introduzione di corsi di formazione orientata al mercato del lavoro qualificato post-laurea. Questo contributo si è sviluppato anche sul piano istituzionale essendo partita dal Sant Anna la proposta al Ministero dell Università, con deliberazione del Senato accademico del 13 aprile 1999, per il recepimento nell ordinamento degli studi universitari della possibilità di attivare corsi e di rilasciare titoli di Master Universitari. Questo recepimento è stato ufficializzato con il Decreto MIUR n. 509 del 3 novembre 1999 e successivamente confermato con Decreto MIUR n. 270 del 22 ottobre Un master diverso dai MBA (Master in Business Administration) Con il Master in Management dell Innovazione si è pensato e progettato un Master diverso dai più tradizionali e più conosciuti MBA, nati negli Stati Uniti, dove all'inizio degli anni '90 se ne contavano circa settecento.

9 9 In quel Paese già a partire dagli anni 80 si è incominciato a percepire, da parte di alcuni avveduti ambienti universitari e di esponenti illustri dell'industria, che: - i MBA erano troppo strettamente focalizzati su skills come la contabilità e la finanza; - mancavano corsi e prodotti formativi capaci di educare e preparare alla diagnosi di problemi aziendali complessi; - si sentiva l'esigenza di un salto culturale nei processi formativi per preparare i managers ad affrontare i loro compiti con approcci innovativi. I più accreditati editorialisti, esperti del sistema della formazione manageriale, imputavano queste carenze dei MBA al fatto che molte Business schools mantenevano la rigida struttura organizzativa di una grande azienda manifatturiera degli anni Si rilevava altresì che i docenti delle Business schools fossero spesso così isolati dall'ambiente esterno e dai cambiamenti nel mondo dell'economia reale e dell organizzazione delle imprese da essere lenti nella sfida del cambiamento e nel comprendere il bisogno di riformare sè stessi, e quindi rinnovare i contenuti dei propri corsi secondo un'ottica non strettamente circoscritta al proprio limitato sapere. Per questo, il mondo delle aziende era allora decisamente più avanti dell'università nel promuovere teams, processi cross-funzionali, e i project groups, cioè metodi organizzativi capaci di mettere insieme e far lavorare persone con profili educativi, competenze ed esperienze diverse. Alla Scuola non siamo andati alla ricerca di un rapporto biunivoco tra preparazione fornita dal Master e mestiere. Non abbiamo avuto la pretesa di porci la domanda "cosa faranno dopo, i nostri diplomati?". E non abbiamo voluto inculcare nella mente dei candidati che al Master si venisse per imparare un mestiere, una professione, quella di manager dell'innovazione. Ci siamo, d'altra parte, resi ben presto conto che per la gran parte delle imprese italiane, anche quelle di grandi dimensioni, era difficile entrare in sintonia con un prodotto formativo singolare come un "Master in Management dell'innovazione". Il recruiting da parte delle società di consulenza e delle imprese allora ed in parte ancora oggi avviene secondo schemi precostituiti e logiche di stretta integrazione e corrispondenza con la struttura organizzativa e il costrutto delle comunità professionali. Per cui era abbastanza comune che un'impresa non sapesse immaginare una collocazione organizzativa appropriata ad un laureato fornito di un Master in Management dell Innovazione. L approccio educativo nel nostro caso ha sempre cercato di premiare la preparazione culturale di base e interdisciplinare piuttosto che una formazione strettamente tecnicistica, attinente una specifica funzione aziendale. Ci siamo

10 10 adoperati per rispondere ad un'esigenza di professionalità evoluta piuttosto che a fornire formule e regole, cercando di creare un profilo di laureato capace di affrontare in modo creativo temi complessi come quelli che riportano al magmatico e indefinito campo dell'innovazione. Il MAINS trova un solido ancoraggio negli sviluppi dell analisi economica in connessione al ruolo assunto dalla scienza e dalla tecnologia come drivers della crescita, ma ha adottato un concetto di innovazione endogena al sistema economico, come campo di attività specifica delle imprese. In un economia knowledge-based la produttività e la dinamica economica e competitiva delle imprese sono determinate dagli avanzamenti tecnologici, in uno con l accumulazione di capitale umano e di capitale organizzativo, che determina il modo e la velocità con cui il progresso tecnologico e organizzativo fa crescere la produttività aziendale. Questo obiettivo oggi è largamente dipendente dalla valorizzazione delle competenze e delle capacità del capitale umano anche grazie ad un impiego intelligente delle ICT. La produttività del capitale digitale a sua volta tende ad essere influenzata dai cambiamenti organizzativi introdotti dalle imprese e questi implicano l impiego di risorse umane più qualificate. La triade costituita dal capitale digitale, dal capitale umano e dal capitale organizzativo tende quindi a costituire l elemento distintivo delle imprese più dinamiche e più capaci di esprimere, con una maggiore forza innovativa, anche una più elevata capacità di attrazione di talenti. Questa visione integrata e sistemica dell innovazione porta a dare rilevanza ai fattori imprenditoriali e organizzativi piuttosto che a parametri dimensionali e settoriali. Tentando una generalizzazione, pur nell estrema varietà dei casi, è lecito sostenere che nell economia contemporanea la capacità innovativa delle imprese non è indipendente da fattori settoriali e dimensionali, ma è frutto essenzialmente della qualità della strategia, della dotazione di capitale intellettuale e della capacità di acquisire, con un appropriata dotazione di risorse finanziarie e di capitale umano, le nuove conoscenze che via via si rendono necessarie per innovare prodotti, processi e servizi. Sono queste in sintesi le linee portanti su cui si basa il programma formativo e scientifico del Master e su cui il Master sta accumulando conoscenza ed esperienza, in stretta collaborazione con le imprese partner. Alla trasmissione ed alla valorizzazione dell esperienza e dell immagine collaborano con grande passione gli ex-allievi del Master organizzati nella loro Associazione l AMISA.

11 11 L'integrazione formazione-ricerca-sperimentazione L'inserimento del Master direttamente nell'alveo scientifico universitario è stata un'importante acquisizione nel panorama nazionale. Fino agli inizi degli anni 90 questo tipo di corsi ricadevano esclusivamente nell'ambito del sistema delle poche Business schools esistenti in Italia, tendenzialmente più vicine per rango e valori al mondo della pratica, e quindi più orientate alla preparazione di competenze funzionali già consolidate nella prassi. Nella Scuola, pur uscendo dai canoni tradizionali della istruzione universitaria, si è invece riprodotto il modello di formazione integrata alla e con la ricerca che è uno dei tratti caratterizzanti la sua missione di centro di formazione dell'eccellenza. Tutto ciò ha consentito da un lato di fertilizzare, sotto il profilo scientifico e culturale, il programma formativo del Master, da un altro di attivare uno specifico corpo di attività di ricerca che nel corso del tempo ha consentito alla Scuola di acquisire una sua specializzazione e reputazione nel campo dell'economia e del Management dell'innovazione a livello nazionale e internazionale. A questo risultato si è pervenuti nel tempo anche tramite l'istituzione negli anni 2000 di due programmi di dottorato destinati alla formazione di ricercatori specializzati nel campo dell'economia e del Management dell'innovazione. Il particolare impegno profuso nel rendere il programma formativo del Master sempre in linea con le nuove acquisizioni scientifiche è servito nel 2007 ad operare un estensione verso l ingegneria dei servizi, un nuovo campo di indagine e di formazione, presente in università statunitensi di élite, come l Università della California a Berkeley e il Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. Nel compiere questo passo che ha portato ad aggiornare la denominazione del corso in Master in Management, Innovazione e Ingegneria dei Servizi (MAINS) - si è tenuto conto del crescente ruolo che i servizi giocano nel sostanziare e rendere sostenibile in senso economico e organizzativo la capacità innovativa delle imprese di ogni tipo di settore. E questo soprattutto in connessione al processo di digitalizzazione della società e dell economia, che aumenta a dismisura le opportunità di networking intersettoriali e interaziendali, anche su scala internazionale. Su un piano diverso, ma comunque sempre in linea con la scelta di fare formazione con la ricerca e la sperimentazione, si inserisce la decisione assunta con le imprese partner nel 2007, al varo del MAINS, di affiancare al Master gli Innovation Labs. Con questa iniziativa si è pensato di rispondere all esigenza, sempre presente nella migliore formazione manageriale, di far contestualizzare e interiorizzare le conoscenze acquisite per farle maturare a

12 12 livello di capacità e competenze. Gli InnovLabs propongono uno spostamento dal tradizionale paradigma dell'education, intesa come puro trasferimento di determinate conoscenze, al paradigma del learning, coerente con una concezione di formazione partecipata entro cui l'allievo diventa protagonista del suo processo formativo, mettendo a frutto le proprie attitudini e conoscenze nell'affrontare argomenti e problemi concreti, suggeriti dalle imprese partner del Master e con un loro diretto, qualificato apporto nei lavori dei laboratori.

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli