Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse Roma luglio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2011. Roma luglio 2013"

Transcript

1 Fon.Coop Conto Formativo saldo risorse 2011 Roma luglio 2013

2 Istituzione del Conto formativo di Gruppo (CFG); Eliminazione della scheda F descrizione del piano - introduzione di una nuova scheda di specifiche al preventivo con il dettaglio dei costi; Prolungamento del termine al 31/12/2013 per la presentazione di piani aggregati di imprese sotto soglia; Nuove percentuali per le voci del preventivo; Introduzione di parametri di costo relativi alla Fad; Introduzione di parametri di costo per le spese di trasferta, vitto e alloggio all estero. 2

3 Il Conto Formativo è il canale di finanziamento destinato alle grandi e medie imprese; Il Conto Formativo consente un accesso facilitato e rapido alle risorse accantonate; Il Conto Formativo restituisce fino al 70% dei versamenti annuali dello 0,30%. 3

4 Possono essere beneficiare di un piano a valere sul Conto formativo: le imprese SOPRASOGLIA : tutte le imprese aderenti a Fon.Coop che hanno una disponibilità annua pari o superiore ad 5.000; le imprese SOTTOSOGLIA : tutte le imprese aderenti a Fon.Coop che hanno una disponibilità inferiore ad annue; tali imprese possono presentare un piano in Conto Formativo solo in aggregazione con altre imprese fino al raggiungimento della soglia di di disponibilità entro il 31 dicembre 2013; le imprese SOTTOSOGLIA ma che hanno un saldo degli anni precedenti maggiore di zero possono presentare, un piano formativo entro il 31 dicembre 2013, anche singolarmente purché utilizzino interamente le risorse a loro disposizione. E possibile verificare la disponibilità aziendale sul sito alla sezione Verifica Disponibilità ed Adesione. 4

5 Si ricorda che: la disponibilità annuale (o RPA - Risorse per i Piani Aziendali) di ciascuna impresa aderente a Fon.Coop, è calcolata sommando i versamenti 0,30% in un dato anno, al netto degli impieghi previsti dal Fondo. il Saldo: risorse complessive che possono essere utilizzate dall impresa per i piani formativi aziendali di un determinato anno. Per es.: per le imprese aderenti dall anno 2011 il saldo è composto dalle risorse derivanti dalla sola disponibilità dell annualità 2011; per le imprese già aderenti da più anni il saldo è costituito dalla disponibilità dell annualità 2011 sommata alle disponibilità eventualmente non utilizzate o utilizzate in parte delle annualità precedenti. le imprese sopra soglia che non risultano più aderenti possono riaderire entro il 31 dicembre 2013 per utilizzare le proprie risorse in Conto Formativo; le risorse attualmente disponibili sul Conto Formativo sono comprensive delle risorse di competenza del 2011; le aziende con disponibilità relativa all annualità 2007 e/o 2009 possono ancora usufruire di tali risorse fino al 31/12/2013. Si precisa che il Regolamento per la gestione del Conto formativo stabilisce che i contributi richiesti saranno prelevati a partire dalla prima disponibilità cumulata. E per questo motivo che, per non perdere l annualità 2009, devono essere utilizzate anche le eventuali risorse dell annualità 2008 entro il 31/12/2013. Al termine di tale scadenza il Fondo provvederà a decurtare dal saldo dell impresa la disponibilità 2007 e/2009 non utilizzata. 5

6 Le imprese in Conto Formativo che hanno una disponibilità pari o superiore ad possono richiedere un anticipo fino ad un massimo del 90% della RPA calcolata sugli acconti INPS effettivamente incassati dal Fondo. Le imprese che risultano avere una disponibilità sotto soglia e che non risultino più aderenti a Fon.Coop possono utilizzare la propria disponibilità in aggregazione con altre imprese entro il termine del 31 dicembre 2013 e comunque solo dopo aver reiterato l adesione. A partire dal 6 luglio 2012 tutte le imprese (sia sopra soglia che sotto soglia) ad esclusione delle sole neoaderenti che risultano beneficiarie di un contributo a valere sull Avviso del Fondo di Rotazione, perderanno le RPA di tre anni (presenti o future). 6

7 Possono utilizzare le risorse del Conto Formativo di Gruppo (CFG) solo le imprese capogruppo che ne sono titolari a favore di una o più imprese che hanno espressamente manifestato la volontà di aderire al Conto Formativo di Gruppo. La presentazione dei piani in questa modalità sarà resa possibile solo dopo la ricezione da parte del Fondo della documentazione di attivazione come richiesta nel Regolamento della Gestione del Conto Formativo e dopo che Fon.Coop ne abbia verificato la rispondenza e abbia provveduto all attivazione del CFG. Dopo l attivazione formale da parte di Fon.Coop del Conto Formativo di Gruppo sarà possibile presentare i piani. La capogruppo potrà verificare il saldo del Conto Formativo di Gruppo accedendo al sito nella sezione verifica adesione e disponibilità. 7

8 Il PREVENTIVO GENERALE di un piano formativo aziendale: deve prevedere non meno del 80% dei costi nel totale dell Area A ; deve prevedere non meno del 60% dei costi per la voce A.2; Conto Formativo saldo risorse 2011 deve prevedere che la voce A3 Direzione non superi il 10% del costo totale del piano; può prevedere fino al 35% del costo totale del piano per attività propedeutiche, in itinere e finali non formative (voce A1, A2.6 e A2.9), escluso il costo dei lavoratori in formazione e dei voucher. Esclusivamente per i piani solo voucher il PREVENTIVO GENERALE il preventivo deve prevedere: non meno dell 80 % dei costi nel totale dell area A; che la percentuale della voce A2.7 Voucher formativi individuali sia almeno il 65% del costo totale del piano. Nei piani che prevedono la modalità formativa Fad, si specifica che i costi della realizzazione della piattaforma e-learning non sono comunque finanziabili dal Fondo. Per quanto riguarda i learning object Fon.Coop regolamenta solo le Sequenze tutoriali (WBT); sarà riconosciuto un costo massimo di per ogni ora di prodotto originale realizzato (si adotta una stima di 40 pagine per ora, contando anche quelle che contengono test); il soggetto beneficiario ne avrà il pieno utilizzo e potrà liberamente riutilizzarli al suo interno. I costi possono essere imputati nella voce A2.4 del preventivo generale del piano. 8

9 Si ricorda che per i piani formativi aziendali sul Conto Formativo: non è previsto un parametro di costo ora allievo. i contributi erogati non sono oggetto di applicazione della normativa sugli Aiuti di Stato alla formazione pertanto non è richiesta ai soggetti beneficiari alcuna documentazione relativa agli Aiuti di Stato. l eventuale costo dei lavoratori in formazione imputato nel preventivo è escluso dal contributo concedibile e costituisce esclusivamente cofinanziamento privato a carico del soggetto beneficiario. Indicazione di parametri di costo orari suddivisi per tipologia di costo: Docenza: massimale di costo 300,00/ora (il costo è da intendersi comprensivo d IVA) per soggetti di ogni grado del sistema universitario/scolastico e dirigenti di ricerca, esperti di settore senior e professionisti con esperienza professionale quinquennale nel profilo oggetto della docenza; massimale di costo 200,00/ora (il costo è da intendersi comprensivo d IVA) per ricercatori universitari, professionisti con esperienza almeno triennale nel settore/materia oggetto della docenza; massimale di costo 100,00/ora per assistenti con competenza professionale nel settore, esperti junior impegnati in attività proprie del settore. Attività di Tutoraggio: massimale di costo 80,00/ora si intendono i soggetti di supporto alla formazione e alla gestione d aula e di attività formative con altra modalità di erogazione. 9

10 Altre attività: Per tutte le altre figure chiamate a svolgere le altre attività previste nel Piano, ad esempio coordinamento, amministrazione, monitoraggio, il corrispettivo dovrà essere comprovato da un profilo professionale coerente con l attività svolta. I rimborsi per viaggi, vitto e alloggi, direttamente connessi allo svolgimento dell attività devono essere dettagliati e comunque non superiori alla regolamentazione contenuta all interno del contratto in uso del soggetto presentatore. I rimborsi per viaggi, vitto e alloggi direttamente connesse allo svolgimento dell attività formative che si svolgano all estero, devono essere dettagliati e comunque non superiori alla regolamentazione contenuta all interno del Contratto in uso dal soggetto attuatore e comunque secondo quanto di seguito specificato: Viaggio aereo classe economy; Trasporti locali con mezzi pubblici salvo che l uso dell autoveicolo risulti più economico; Vitto: si applicano le disposizioni previste dai regolamenti interni dei soggetti beneficiari e comunque entro un limite massimo di 45,00 a pasto; Costo alloggio: si applicano le disposizioni previste dai regolamenti interni dei soggetti beneficiari e comunque entro un limite massimo di 150,00 per notte.. Si specifica che nel caso di presentazione del piano direttamente da parte delle imprese beneficiarie (singola impresa, società capogruppo, consorzio, ATI di imprese, gruppo paritetico cooperativo) non ricorre il limite del 30% sull importo delle attività delegate ma è richiesto, nel caso nel piano siano previsti soggetti terzi delegati, che i costi delle voci di costo A3.1 e B1.1 del preventivo di spesa siano almeno il 5% del valore del costo del piano formativo (contributo richiesto + cofinanziamento). Si ricorda inoltre che: In fase di rendicontazione dovrà essere presentato un prospetto analitico delle voci di costo. La documentazione relativa è scaricabile dal sito di Fon.Coop nella sezione dedicata. 10

11 Le attività finanziate sul Conto Formativo sono le seguenti: ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE esempi: ricerca, analisi dei fabbisogni, orientamento, selezione dei partecipanti, bilancio di competenze, formazione formatori, ecc. ATTIVITÀ FORMATIVE esempi: corsi in presenza, sostegno all utenza svantaggiata, action learning, stage, e-learning, FAD on line e off line; formazione esperienziale, simulazioni (analisi dei casi, business game, team work, etc.), voucher, apprendimento organizzativo. ATTIVITÀ IN ITINERE E FINALI NON FORMATIVE esempi: certificazione delle competenze, monitoraggio in itinere, attività di valutazione, ecc. Sono inoltre ammesse quali modalità formative: a. SEMINARI intesi come attività destinata ad un numero ristretto di persone e finalizzata all aggiornamento o perfezionamento (minimo 8 ore a partecipante); b. AFFIANCAMENTO, TRAINING ON THE JOB e il COACHING, massimo 35% delle ore di formazione previste per ciascun partecipante. Ciascun partecipante deve usufruire di almeno 16 ore di formazione. Nei casi dei seminari le ore minime sono 8. Per la formazione obbligatoria per legge le ore minime sono 4, tutte le attività relative a salute e sicurezza nei luoghi di lavoro devono rispettare la normativa vigente. 11

12 I piani in Conto Formativo finanziano anche voucher formativi individuali. Il voucher è un buono formativo che consente al singolo lavoratore di partecipare ad uno specifico percorso erogato da un organismo di formazione: accreditato presso la Regione di competenza; accreditato presso Fon.Coop; certificato UNI EN ISO 9001:2000 settore EA 37; che sia Università o Istituto di Ricerca ad essa direttamente collegato. Per il voucher non è previsto un limite massimo o minimo di ore. Nell ambito dello stesso piano non possono essere richiesti più di 5 voucher aventi ad oggetto lo stesso percorso formativo da realizzarsi contemporaneamente. Si ricorda che il soggetto erogatore del voucher non può essere il soggetto proponente del piano 12

13 Presentatori e attuatori per i piani dell Avviso Conto Formativo saldo risorse 2011 Possono presentare domanda di contributo e realizzare i piani formativi per propri soci lavoratori/lavoratrici e lavoratori/lavoratrici: le imprese aderenti a Fon.Coop; i consorzi d imprese aderenti a Fon.Coop esclusivamente per propri, - e per quelli delle imprese associate aderenti; le società capogruppo aderenti a Fon.Coop esclusivamente per propri - e per quelli delle società controllate e/o partecipate aderenti; la capogruppo di un gruppo cooperativo paritetico per propri lavoratori/lavoratrici e soci lavoratori/lavoratrici e lavoratori/lavoratrici e soci lavoratori/lavoratrici delle imprese associate aderenti a Fon.Coop; l impresa titolare di un Conto Formativo di Gruppo per propri lavoratori/lavoratrici e soci lavoratori/lavoratrici e lavoratori/lavoratrici e soci lavoratori/lavoratrici delle imprese facenti parte del Gruppo aderenti a Fon.Coop; l A.T.I. o A.T.S. di più imprese (anche da costituire formalmente dopo l eventuale approvazione del contributo) aderenti a Fon.Coop per propri; gli Enti o società di formazione, anche in A.T.I. o A.T.S. fra di loro, incaricati da imprese aderenti a Fon.Coop. Gli Enti o società di formazione attuatori debbono essere accreditati presso la Regione di competenza per le attività previste dal piano o presso Fon.Coop. 13

14 Destinatari della formazione: soci lavoratori/lavoratrici; lavoratori/lavoratrici, comprendenti dipendenti a qualsiasi titolo e apprendisti; collaboratori a progetto. E auspicabile che sia rispettato il principio delle pari opportunità compatibilmente con l organico delle imprese beneficiarie. 14

15 Ciascun piano formativo, deve prevedere il consenso delle organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori (accordo sindacale). L accordo deve prevedere le firme: del rappresentante legale di ciascuna azienda beneficiaria o suo delegato (per la delega ad altro soggetto consultare il testo dell Avviso al cap. 6.1); di tutte e tre le organizzazioni sindacali dei lavoratori afferenti a Cgil, Cisl e Uil. PER I SOLI PIANI PLURIAZIENDALI Qualora i lavoratori destinatari della formazione siano presenti: - in più province, l accordo deve essere sottoscritto dalle rappresentanze sindacali regionali del settore di appartenenza; - in più regioni, l accordo deve essere sottoscritto dalle rappresentanze sindacali del settore di appartenenza di ciascuna regione coinvolta o dalle organizzazioni sindacali nazionali del settore di appartenenza; - in settori diversi, l accordo deve essere sottoscritto dalle rappresentanze provinciale o regionale del settore prevalente per numero di lavoratori destinatari della formazione; - in settori diversi e più regioni, l accordo deve essere sottoscritto dalla rappresentanza nazionale del settore prevalente per numero di lavoratori destinatari della formazione. PER TUTTI I PIANI. In caso l accordo sia sottoscritto da un delegato nominato dal legale rappresentante dell impresa beneficiaria, tale delega dovrà essere redatta, a pena di inammissibilità, secondo il fac simile disponibile sul sito del Fondo e inserita nella documentazione da presentare. PER I PIANI PLURIAZIENDALI. E obbligatorio indicare nel testo dell accordo, a pena di inammissibilità, tutte le imprese coinvolte nel piano. PER I PIANI IN CFG. L accordo può essere sottoscritto dalla capogruppo purché si riportino tutte le imprese beneficiarie del piano. 15

16 In caso di assenza di una o più organizzazioni sindacali in azienda, l impresa può rivolgersi direttamente all organizzazione sindacale settoriale/territoriale competente mancante, e richiedere la firma. In caso di assenza di una o più organizzazioni sindacali in azienda, il legale rappresentante o suo delegato potrà avvalersi della procedura di silenzio-assenso, ovvero dovrà inviare il testo dell accordo e una sintesi del piano alle Organizzazioni Sindacali settoriali/territoriali di riferimento, richiedendo il relativo consenso, con raccomandata con avviso di ricevimento inviata almeno 15 giorni prima della spedizione del plico. Il consenso si intende acquisito se entro 10 giorni dal ricevimento del testo dell accordo non sia stata inviata, da alcuna organizzazione sindacale, una risposta negativa all impresa richiedente e in copia al Fondo. 16

17 La procedura di presentazione del piano formativo prevede le seguenti fasi: 1. Inserimento dei dati nel sistema on line; 2. Validazione del piano formativo; 3. Stampa e sottoscrizione della documentazione emessa dal sistema on line; 4. Invio della documentazione con raccomandata A/R. Il Conto formativo è a sportello continuo, per le domande presentate il Fondo si impegna a comunicare a mezzo fax al soggetto proponente l esito dell istruttoria, di norma, entro 30 giorni lavorativi dal ricevimento della domanda di contributo. 17

18 La documentazione da produrre nel plico ai termini di cui al precedente capitolo è la seguente: domanda di contributo direttamente emessa dal sistema on line e firmata dal legale rappresentante del soggetto presentatore, resa ex D.P.R n. 445 e accompagnata da una copia del documento di identità valido del soggetto che rende la dichiarazione stessa; dichiarazione per ogni impresa beneficiaria direttamente emessa dal sistema on line e firmata dal legale rappresentante dell impresa beneficiaria; accordo di concertazione sottoscritto dalle parti sociali con le modalità previste dalle Linee Guida; formulario di presentazione del piano direttamente emesso dal sistema on line e debitamente compilato comprensivo della scheda specifiche al preventivo; limitatamente ai piani che prevedono il coinvolgimento di soggetti terzi delegati o partner la scheda L - autorizzazione al trattamento dei dati- direttamente emessa dal sistema on line, sottoscritta dal legale rappresentante di ciascun soggetto coinvolto; limitatamente ai piani presentati da soggetti mandatari di A.T.I./A.T.S., Dichiarazione costituenda ATI/ATS direttamente emessa dal sistema on line, resa ex D.P.R n. 445, sottoscritta da ciascun soggetto componente l A.T.I./A.T.S., accompagnata da una copia del documento di identità valido dei soggetti che rendono la dichiarazione stessa. 18

19 I piani in Conto Formativo sono sottoposti al solo esame di ammissibilità e di conformità. Fon.Coop si riserva di ridurre il contributo richiesto sulla base della valutazione tecnica di uno o più elementi. Nel caso di piani monoaziendali se a seguito della fase di verifica dell ammissibilità e conformità il Fondo dovesse operare una decurtazione del contributo richiesto e quindi l importo approvato risulta essere inferiore all importo presentato la differenza sarà conservata e attribuita nuovamente al conto formativo dell impresa. E facoltà del Fondo richiedere ai proponenti integrazioni, specifiche e/o correzioni di errori materiali riguardo la documentazione inviata. Si ricorda che nell attesa dell approvazione formale di un piano formativo è possibile attivare la procedura di inizio sotto responsabilità nel rispetto di quanto stabilito dal Manuale di gestione. La documentazione per l attivazione dell inizio sotto responsabilità è disponibile sul sito internet nella sezione Gestione Piani. 19

20 Obblighi del soggetto ammesso al contributo E fatto obbligo al soggetto attuatore di: rispettare quanto previsto, per le attività di progettazione, gestione e rendicontazione, dal Manuale di Gestione Conto formativo 2011 pubblicato sul sito iniziare le attività previste dal piano, previa sottoscrizione e spedizione della Convenzione, entro e non oltre il 30esimo giorno dalla data di ricezione della comunicazione di approvazione del contributo ricevuta a mezzo fax; in caso di avvio delle attività prima della pubblicazione delle graduatorie di rispettare le specifiche procedure previste dal manuale di gestione per l avvio sotto responsabilità; di realizzare il piano formativo nei tempi previsti dal presente Avviso; di realizzare il piano nelle modalità approvate dal Fondo ed indicate nel formulario di presentazione; di rispettare il preventivo economico presentato e approvato salvo quanto diversamente disposto nel Manuale di gestione Conto formativo 2011 ; di inviare il rendiconto finale dei piani entro e non oltre 12 mesi dalla data di avvio attività. È fatto obbligo all impresa beneficiaria di rimanere aderente al Fondo per il tempo di realizzazione e rendicontazione del piano. Nell accettare il contributo il soggetto attuatore si impegna incondizionatamente a sottoporsi ai controlli in itinere ed ex post disposti dal Fondo. Si impegna inoltre a fornire i dati di monitoraggio in itinere del piano ogni qual volta ne sia richiesto dal Fondo o dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. 20

21 Eventuali chiarimenti e informazioni relative presentazione di un piano a valere sul Conto formativo possono essere richiesti al seguente indirizzo di posta elettronica: Inoltre per tutte le problematiche inerenti l'uso della piattaforma è disponibile un help desk informatico al numero è attivo nei seguenti orari: lunedì/venerdì 10,00 13,00 e 15,00 17,00 E' possibile inoltre inviare una mail a: 21

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2013. Roma Marzo 2015

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2013. Roma Marzo 2015 Fon.Coop Conto Formativo saldo risorse 2013 Roma Marzo 2015 Restituzione alle imprese dell 80% del versato al netto delle quote di competenza di Fon.Coop a partire da Gennaio 2015; Registrazione sulla

Dettagli

Fon.Coop. Avviso 20 del 18 gennaio 2013. Piani formativi aziendali concordati tematici e voucher a sportello -FONDO DI ROTAZIONE - Roma febbraio 2013

Fon.Coop. Avviso 20 del 18 gennaio 2013. Piani formativi aziendali concordati tematici e voucher a sportello -FONDO DI ROTAZIONE - Roma febbraio 2013 Fon.Coop Avviso 20 del 18 gennaio 2013 Piani formativi aziendali concordati -FONDO DI ROTAZIONE - Roma febbraio 2013 Le novità dell Avviso 20 rispetto ai precedenti Avvisi: Percorsi su specifiche tematiche

Dettagli

Fon.Coop. Il Conto Formativo 2009. Roma Gennaio 2011

Fon.Coop. Il Conto Formativo 2009. Roma Gennaio 2011 Fon.Coop Il Conto Formativo 2009 Roma Gennaio 2011 Il Canale di finanziamento Conto Formativo Il Conto Formativo è il canale di finanziamento destinato alle grandi e medie imprese Il Conto Formativo consente

Dettagli

Linee guida Conto Formativo saldo 2011 Pagina 1 di 15

Linee guida Conto Formativo saldo 2011 Pagina 1 di 15 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DI PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A VALERE SUL CONTO FORMATIVO SALDO RISORSE 2011 del 10 APRILE 2013 aggiornate al 23 luglio 2013 Linee guida Conto Formativo saldo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DI PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A VALERE SUL CONTO FORMATIVO SALDO RISORSE 2013 del 9 Marzo 2015

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DI PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A VALERE SUL CONTO FORMATIVO SALDO RISORSE 2013 del 9 Marzo 2015 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DI PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A VALERE SUL CONTO FORMATIVO SALDO RISORSE 2013 del 9 Marzo 2015 Linee guida Conto Formativo -saldo 2013 Pagina 1 di 16 Indice 1

Dettagli

Fon.Coop. Avviso N. 26 del 2015 Piani Formativi Aziendali Concordati STANDARD FONDO DI ROTAZIONE. Roma marzo 2015

Fon.Coop. Avviso N. 26 del 2015 Piani Formativi Aziendali Concordati STANDARD FONDO DI ROTAZIONE. Roma marzo 2015 Fon.Coop Avviso N. 26 del 2015 Piani Formativi Aziendali Concordati STANDARD Roma marzo 2015 NOVITA : Presentazione tramite la nuova piattaforma GIFCOOP : tutte le imprese aderenti e tutti gli Enti di

Dettagli

AVVISO N. 24 DEL 20 maggio 2014 SMART PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A SPORTELLO FONDO DI ROTAZIONE

AVVISO N. 24 DEL 20 maggio 2014 SMART PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A SPORTELLO FONDO DI ROTAZIONE AVVISO N. 24 DEL 20 maggio 2014 SMART PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI A SPORTELLO FONDO DI ROTAZIONE Avviso 24 del 20/05/2014 Pagina 1 di 17 Indice dell Avviso 1. Finalità dell Avviso... 3 2. Oggetto

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 LINEE GUIDA DEL 1 MARZO 2010 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati AVVISO N.11 del 6 MAGGIO 2009 PIANI PER INTERVENTI FORMATIVI DI SOSTEGNO A IMPRESE E LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Dettagli

AVVISO N. 26 DEL 04/03/2015 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI STANDARD FONDO DI ROTAZIONE

AVVISO N. 26 DEL 04/03/2015 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI STANDARD FONDO DI ROTAZIONE AVVISO N. 26 DEL 04/03/2015 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI STANDARD FONDO DI ROTAZIONE Avviso 26 del 04/03/2015 Piani Standard Pagina 1 di 15 Indice dell Avviso 1. Finalità dell Avviso... 3 2. Oggetto

Dettagli

N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012

N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012 N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo:

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo: AVVISO 01/2014 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse e Finanziamenti... 4 4. Destinatari... 5 5. Presentatori e Attuatori... 5 6. Durata delle attività... 6 7. Accordo sindacale...

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

Procedure per la presentazione del Rendiconto

Procedure per la presentazione del Rendiconto Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle Imprese Cooperative Procedure per la presentazione del Rendiconto - Gennaio 2013 - FON.COOP 0 Documenti per la presentazione

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART Proposta Piano Formativo Avviso n. 29 del 17/03/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo PROGETTI SPECIALI AVVISO 5/12Ter Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo AVVISO PROGETTI SPECIALI 5/12Ter FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 11 marzo 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

INTERPROFESSIONALE per qualsiasi tipo di lavoratore, compresi i dirigenti e gli operai agricoli.

INTERPROFESSIONALE per qualsiasi tipo di lavoratore, compresi i dirigenti e gli operai agricoli. FONDO FORMAZIONE ITALIA Breve guida per i PROPONENTI La presente guida è stata elaborata con l intento di illustrare sinteticamente il modello organizzativo adottato da FondItalia, con particolare riferimento

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Si tratta di una breve guida contenente indicazioni operative per la presentazione e la progettazione di Progetti formativi a valere sullo Sportello

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP Riferito esclusivamente ai piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2012 Fon.Coop Manuale di gestione piani Conto Formativo

Dettagli

AZIENDE UNIONE COMMERCIO INDUSTRIA.

AZIENDE UNIONE COMMERCIO INDUSTRIA. GUIDA CONTO AZIENDE UNIONE COMMERCIO INDUSTRIA La presente guida è stata elaborata con l intento di illustrare sinteticamente il modello organizzativo adottato da FondItalia, con particolare riferimento

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Agosto 2012 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei Piani

Dettagli

Avviso 4/2013. Corsi Professionalizzanti e Master

Avviso 4/2013. Corsi Professionalizzanti e Master Avviso 4/2013 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

complessivamente pari ad Euro 400.000,00.

complessivamente pari ad Euro 400.000,00. Faq Che cosa è un Avviso? Risposta L'Avviso è lo strumento attraverso il quale Fonservizi mette a disposizione delle imprese aderenti al Fondo contributi per realizzare Piani formativi (Aziendali e/o Individuali)

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14. Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi

PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14. Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14 Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi AVVISO PROGETTI SPECIALI 1/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP Riferito esclusivamente ai piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2013 Aggiornato al 22 giugno 2015 Fon.Coop Manuale

Dettagli

Fonditalia. Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua. www.fonditalia.org

Fonditalia. Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua. www.fonditalia.org Fonditalia Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua www.fonditalia.org Che cos è un Fondo Interprofessionale Un Fondo Interprofessionale è un organismo paritetico, costituito

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO Proposta Piano Formativo Avviso n. 32 del 13/10/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP Riferito esclusivamente ai piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo 2006

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP Riferito esclusivamente ai piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo 2006 MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP Riferito esclusivamente ai piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo 2006 Fon.Coop Manuale di gestione piani Conto Formativo

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi VOUCHER RISORSE FON.COOP

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi VOUCHER RISORSE FON.COOP AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi VOUCHER RISORSE FON.COOP DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE Riferito esclusivamente alle attività formative integrate di formazione continua tra Regione Lombardia e Fon.Coop a valere sull Avviso 19-12 dicembre 2012 Fon.Coop

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE DEI DIRIGENTI DEL SETTORE DEL TERZIARIO AVVISO 2/10 DEL 1 FEBBRAIO 2010 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DI PIANI DI FORMAZIONE CONTINUA PER

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 di Fondimpresa Formazione PMI con corsi a catalogo 1 1 Finalità Il

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/10 INVITO A PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1.

Dettagli

Avviso n. 2/2013 - Internazionalizzazione Sostegno alla formazione per l internazionalizzazione delle PMI aderenti.

Avviso n. 2/2013 - Internazionalizzazione Sostegno alla formazione per l internazionalizzazione delle PMI aderenti. Avviso n. 2/2013 - Internazionalizzazione Sostegno alla formazione per l internazionalizzazione delle PMI aderenti. Avviso n. 2/2013 Internazionalizzazione 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/2013

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/2013 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/2013 1. Premessa Fondoprofessioni, Fondo Paritetico Interprofessionale

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del settore del terziario

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del settore del terziario Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del settore del terziario Modalità di accesso al finanziamento di Piani formativi e voucher per interventi di formazione continua

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Settembre 2014 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 1/06 di FON- DIR.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 1/06 di FON- DIR. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 17 maggio 2006

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale 24 marzo 2015 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Il presente documento riporta le informazioni che saranno richieste nel formulario on line. Sezione 1 - Dati sintetici del Piano Formativo 1.1 TITOLO DEL PIANO

Dettagli

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/2008 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale dirigenti Avviso 1/08 di FONDIR.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale dirigenti Avviso 1/08 di FONDIR. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 aprile 2008

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi AVVISO N. 20 DEL 18 gennaio 2013 Piani formativi aziendali concordati tematici e voucher a sportello FONDO DI ROTAZIONE Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi DENOMINAZIONE

Dettagli

Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI

Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa è un associazione

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 01/06

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 01/06 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 01/06 1. PREMESSA Fondoprofessioni, Fondo Paritetico Interprofessionale

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 3/14 di Forte per il settore logistica, spedizione e trasporto.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 3/14 di Forte per il settore logistica, spedizione e trasporto. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556- fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 luglio

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli

AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo

AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo 1.

Dettagli

AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti

AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Piani e Progetti Aziendali, Settoriali,

Dettagli

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009 Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali Milano, 5 febbraio 2009 Premessa Riferimenti normativi: Regione Lombardia -DDUO n. 15169 del 22/12/2008; Approvazione

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi VOUCHER RISORSE REGIONE LOMBARDIA

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi VOUCHER RISORSE REGIONE LOMBARDIA AVVISO N. X del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi VOUCHER RISORSE REGIONE LOMBARDIA DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE

Dettagli

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO 1. PREMESSA Con il presente avviso il CESV Centro Servizi per il Volontariato -, di seguito Centro,

Dettagli

Bando per la selezione e il finanziamento di programmi di stage ed esperienze formative in alternanza in contesti lavorativi internazionali

Bando per la selezione e il finanziamento di programmi di stage ed esperienze formative in alternanza in contesti lavorativi internazionali INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Bando per la selezione

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR preposti alla formazione del personale docente per il Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico

Dettagli

> finanziamenti servizi consulman: finanziamenti per la formazione

> finanziamenti servizi consulman: finanziamenti per la formazione > finanziamenti servizi consulman: finanziamenti per la formazione Il Gruppo Consulman progetta piani formativi e interventi di assistenza tecnica volti alla richiesta di finanziamento per Aziende, Enti

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori.

Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori. Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori. Avviso n. 4/2013 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 (Decreto ministeriale 19.06.2014 e 07.07.2014) Premessa Con il decreto

Dettagli

AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici

AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici AVVISO DI SISTEMA 2/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione

Dettagli

1. Premessa. 2. Attività finanziabili

1. Premessa. 2. Attività finanziabili AVVISO 01/2015 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse... 5 4. Finanziamenti... 5 5. Destinatari... 8 6. Presentatori... 8 7. Attuatori... 9 8. Durata delle attività... 9 9. Accordo

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza

AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza Premessa Fondolavoro Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP MANUALE DI GESTIONE ATTIVITA FINANZIATE DA FON.COOP Riferito esclusivamente ai piani formativi aziendali concordati a valere sul Fondo di Rotazione Avviso 27 del 04/03/2015 aggiornato al 28/05/2015 Fon.Coop

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO Sviluppo

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti Allegato A) DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L EROGAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (All. B DELLA DGR 609 DEL 12.7.2012). Premessa Al fine di regolare

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTE DA STUDENTI CHE STANNO TERMINANDO CON SUCCESSO PERCORSI DI IFP PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL

Dettagli