CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER IL SERVIZIO DI PULIZIE PRESSO LE DIVERSE STRUTTURE DELL ISTITUTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER IL SERVIZIO DI PULIZIE PRESSO LE DIVERSE STRUTTURE DELL ISTITUTO"

Transcript

1 FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto pubblico (D.M. 28/4/2006) C.F P. I.V.A V.le Golgi, Pavia Tel CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER IL SERVIZIO DI PULIZIE PRESSO LE DIVERSE STRUTTURE DELL ISTITUTO 1

2 Sommario ART. 1 OGGETTO E DURATA DELLA GARA pag. 4 ART. 2 DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI.. pag. 4 ART. 3 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO pag. 5 ART. 4 ALTRE OBBLIGAZIONI pag. 15 ART. 5 PRESTAZIONI ESCLUSE DALL OFFERTA pag. 15 ART. 6 PREZZO. pag. 16 ART. 7 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA PREVIDENZA SOCIALE OSSERVANZA DI NORMATIVA IN MATERIA DI CONTRATTI DI LAVORO ED ANTINFORTUNISTICA pag. 16 ART. 8 ATTREZZATURE TECNICHE.. pag. 17 ART. 9 CONTROLLI. pag. 17 ART. 10 ORGANIZZAZIONE DELLA DITTA AGGIUDICATARIA DEL SUO PERSONALE E DEL LAVORO....pag. 20 ART. 11 PRODOTTI CHIMICI pag. 20 ART. 12 OBBLIGO DELL AGGIUDICATARIA CIRCA I REQUISITI E GLI ADEMPIMENTI DEL PERSONALE pag. 21 ART. 13 VERIFICHE E CONTROLLI pag. 21 ART. 14 DOCUMENTI CHE FANNO PARTE DEL CONTRATTO pag. 22 ART. 15 DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO. pag. 22 ART. 16 PAGAMENTO... pag. 23 ART. 17 CONTESTAZIONI, INADEMPIENZE, PENALITA' E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO.. pag. 23 ART. 18 SUBENTRO pag. 25 ART. 19 SUBAPPALTO pag. 25 ART. 20 APERTURA E CHIUSURA DEI LOCALI pag. 26 ART. 21 GARANZIE PER DANNI A COSE E/O PERSONE ASSICURAZIONI pag. 26 ART. 22 ORARIO DI LAVORO.. pag. 27 ART. 23 SERVIZIO STRAORDINARIO ED URGENTE.. pag. 27 2

3 ART. 24 VARIAZIONI DELLE AREE TRATTATE pag. 27 ART. 25 PRESTAZIONI OBBLIGATORIE DELLA DITTA AGGIUDICATARIA..pag. 28 ART. 26 RESPONSABILITA DELLA DITTA AGGIUDICATARIA pag. 28 ART. 27 DISPOSIZIONI ANTIMAFIA pag. 28 ART. 28 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI.. pag. 29 ART. 29 CAUSE DI RISOLUZIONE DEL CONTRATTO.pag. 29 ART. 30 FALLIMENTO, SUCCESSIONI E CESSIONE DELLA DITTA AGGIUDICATARIA pag. 30 ART. 31 SCIOPERI.. pag. 30 ART. 32 SPESE DEL CONTRATTO...pag. 31 ART. 33 OSSERVANZA DEL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI E RIFERIMENTI ADALTRE NORME pag. 31 3

4 ART. 1 Oggetto e durata della gara La gara ha per oggetto la gestione del servizio di pulizie, da effettuarsi presso le varie Strutture dell Istituto Policlinico S. Matteo di Pavia (di seguito, per brevità, Istituto ) per complessivi mq ,46 comprensivi di vetrate, suddivisi in base alle superfici e tipologie di rischio riportate nell allegato A del presente Capitolato. Il contratto viene stipulato per la durata di 36 mesi con inizio della fornitura a far tempo dalla data riportata nella determinazione di esito del presente appalto e con facoltà di un eventuale proroga programmata di ulteriori 24 mesi, comunque, con possibilità di ulteriore prosecuzione da parte dell affidatario fino ad un massimo di 180 giorni nelle more dell avvio del nuovo appalto, senza che l impresa aggiudicataria possa pretendere alcunché. Peraltro, l Istituto si riserva la facoltà di interrompere il contratto al termine dei primi 12 mesi di servizio, a suo insindacabile giudizio e senza onere di qualsivoglia ragione, in ipotesi di servizio insoddisfacente giustificato pure da reclami e contestazioni scritte. Le Ditte concorrenti dovranno effettuare la visita di sopralluogo necessaria per provvedersi dei dati di informazione integrativi ad esse occorrenti per la compilazione dell offerta, come meglio precisato nell allegato disciplinare. ART. 2 Descrizione delle prestazioni Le condizioni e prestazioni dell appalto sono quelle di seguito indicate: ZONE A MINIMO RISCHIO dovrà essere garantito un intervento al giorno per 5 giorni alla settimana ZONE A BASSO RISCHIO dovrà essere garantito un intervento al giorno per 7 giorni alla settimana con ripasso, negli spazi comuni alberghieri, (corridoi, scale, atri d'ingresso interni ed esterni, ascensori e zone ristoro), oltre che locali o ambienti di servizio individuati nelle UU.OO./Servizi; ZONE A MEDIO RISCHIO degenze/ambulatori/day hospital/servizi: dovrà essere garantito un intervento con ripasso pomeridiano per 7 giorni alla settimana e due interventi presso i servizi igienici. Per quanto riguarda i servizi igienici dislocati nei padiglioni n 32, 2 e 29 e destinati al pubblico per complessivi 25/30mq, si prevedono 4 interventi al giorno per 7 giorni alla settimana più eventuale ripristino a richiesta del personale; ZONE AD ALTO RISCHIO dovranno essere garantiti n. 2 interventi completi al giorno per 7 giorni alla settimana; VETRATE INTERNE/ESTERNE, dovrà essere garantito un intervento ogni due mesi, ad eccezione delle zone classificate ad alto rischio, dove l intervento avrà cadenza mensile. Forma oggetto del servizio, la pulizia delle superfici riferite alle Strutture (Cliniche Reparti ed Uffici) riportate nell allegato A, secondo le modalità di frequenza previste per le diverse tipologie di rischio come riportato nelle relative schede allegate, che costituiscono l allegato B. 4

5 ART. 3 Caratteristiche generali del servizio Tutte le operazioni di pulizia oggetto del presente Capitolato, che dovranno essere eseguite ogni giorno con precisione sono considerate sotto i seguenti profili 1)Pulizie ordinarie Caratteristiche: interventi di carattere continuativo e routinario da fornire secondo frequenze e tipologie stabilite. Gli interventi di pulizia ordinaria prevedono la sanificazione e la disinfezione dove specificato, e con le frequenze indicate. 2)Pulizie periodiche Caratteristiche: interventi di carattere periodico e radicale da svolgere a cadenze prestabilite. Gli interventi di pulizia periodica prevedono la sanificazione e la disinfezione dove specificato, e con frequenze indicate. 3)Pulizie a chiamata Caratteristiche: si definiscono pulizie a chiamata quei trattamenti di pulizia da effettuarsi entro 60 minuti per improvvisa situazione di mutate condizioni igieniche dell ambiente, soprattutto di degenza, ambulatorio, sale visita a causa di spargimento di liquidi e/o materiale imbrattante su superfici limitate al di fuori delle pianificate pulizie ordinarie. 4) Pulizie straordinarie Caratteristiche: sono eventi imprevedibili non programmabili NORME GENERALI, PER LE PROCEDURE DA ADOTTARE PER LE ZONE A MINIMO ED A BASSO RISCHIO Le norme generali da osservare sono: 1. La concentrazione delle soluzioni (acqua + detergente) deve essere preparata secondo indicazioni del produttore (in etichetta) o secondo protocolli interni ( utilizzo di Sodio ipoclorito al 2,8% e Sodiodicloroisocianurato nella concentrazione prevista). 2. Preparare la quantità necessaria per l uso quotidiano. 3. Non effettuare miscele di prodotti, salvo che non siano espressamente disposte dalle Istruzioni o consigliate dal produttore (informazioni su etichette, su schede tecniche ecc.). 4. Non utilizzare prodotti tossici o corrosivi ed in particolare: - acido cloridrico (acido muriatico); - ammoniaca. 5. Utilizzare solo le metodologie ed i prodotti approvati dalla Dir. Medica di Presidio (codicecolore; metodo ad umido). 6. Al termine del servizio riporre i carrelli di servizio negli appositi locali o aree allo scopo individuate 7. Lavare accuratamente, dopo l uso, il carrello di servizio o le attrezzature. In particolare: - lavare ed asciugare i secchielli; - lavare i panni e stenderli dove possibile; - consegnare per il lavaggio in lavatrice: frange mop, tessuti-spugna ecc.; - chiudere il sacco dei rifiuti e trasportarlo al punto di raccolta, (secondo procedure); - provvedere al rifornimento del materiale necessario per il giorno successivo. 5

6 METODOLOGIA DELLE PRESTAZIONI DI IGIENE AMBIENTALE PER LE ZONE A MINIMO RISCHIO, INTERVENTI PER 5 GIORNI A SETTIMANA E PER LE ZONE A BASSO RISCHIO, INTERVENTI PER 7 GIORNI A SETTIMANA PRESTAZIONE Vuotatura e pulizia cestini e contenitori Scopatura ad umido Lavaggio manuale pavimenti Lavaggio manuale pavimenti servizi igienici e pareti lavabili Lavaggio meccanico pavimenti Spolveratura ad umido Sanificazione lavabi, bagni, docce DESCRIZIONE PROCEDURE L operatore munito di carrello multiuso provvede: - alla vuotatura dei cestini della carta ed altri contenitori. - alla sostituzione del sacchetto interno e, qualora necessario, con panno e prodotto detergente alla sanificazione del contenitore stesso. La scopatura ad umido viene effettuata utilizzando la scopa trapezoidale (lamello) e tessuto preumidificato. La garza o il tessuto sono sostituite ad ogni cambio di locale e per superfici superiori a 40/50 mq. La scopatura è effettuata partendo dai bordi del locale o del corridoio per poi agire sullo spazio centrale con movimento ad s ) avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto. Il lavaggio della pavimentazione è eseguito mediante l impiego di applicatore con appositi panni da sostituire ad ogni cambio di locale, o carrello duo-mop con fiocco (mop) in cotone, da sostituire ad ogni zona, avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto. Le soluzioni sono preparate con detergenti. Periodicamente si prevede l impiego di detergenti/disinfettanti. Il lavaggio dei pavimenti dei servizi igienici è effettuato mediante l impiego di applicatore o carrello duo-mop con fiocco (mop) avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto.. La sostituzione avviene come descritto in precedenza. Per quanto riguarda la pulizia e il lavaggio delle pareti lavabili,utilizzare panno dedicato da sostituire ad ogni cambio di locale Le soluzioni sono preparate con prodotti detergenti. Periodicamente con prodotti detergenti/disinfettanti. Per grandi superfici libere da ingombri, il lavaggio della pavimentazione può essere effettuato meccanicamente con impiego di lavasciuga. Per il lavaggio sono utilizzati prodotti detergenti. Il lavaggio meccanico all occorrenza è integrato dal lavaggio manuale per le aree non raggiungibili dalla lavasciuga. La spolveratura degli arredi viene effettuata con panno e prodotto detergente nebulizzato sul panno e passato su tutte le superfici da trattare. Ad utilizzo completato, il panno viene sostituito con un panno pulito. Anche per la spolveratura ad umido si applica il codice colore (panni differenti ad ogni zona da trattare). Al termine del servizio i panni utilizzati vengono lavati. Per la spolveratura ad umido vengono utilizzati: acqua o prodotti detergenti. Per la sanificazione e/o sanitizzazione dei lavabi, delle vasche, dei piatti doccia ivi compreso le cabine, le rubinetterie ed i rivestimenti delle pareti delle zone adiacenti, sono utilizzati prodotti detergenti (detergenti/disinfettanti periodicamente). La soluzione, in apposito contenitore, posto sul carrello di servizio viene distribuita con panni dello stesso colore. La soluzione è lasciata agire sulla superficie per alcuni minuti ed è sostituita ad ogni cambio di locale. Eventuali residui di sporco tenace sono prontamente rimossi con l ausilio di polvere abrasiva. Pulizia e rifornimento dei distributori di sapone, asciugamani e carta igienica dove prevista. 6

7 Sanificazione arredi Sanificazione zona wc e sanitari similari Disincrostazione sanitari Scopatura a secco Aspirazione caloriferi e lavaggio Deragnatura La sanificazione e/o sanitizzazione degli arredi viene effettuata con prodotti detergenti/disinfettanti. La soluzione è contenuta in apposito contenitore, applicando il metodo codice colore ; ossia contenitori e panni di uguale colore utilizzati per locali predestinati. I panni monouso vengono immersi nella soluzione e successivamente strizzati, avendo cura di sciacquare sovente il panno nella soluzione e di sostituirla ad ogni cambio di stanza. Sono trattate le superfici esterne di: - arredi (scrivanie, tavoli, sedie, poltrone, armadi, cassettiere, mensole, appendiabiti, supporti per fleboclisi paraventi, lettini(compresi supporti inferiori ed eventuali ausili ) apparecchiature monitor (escluse le tastiere) telefoni, ) avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto ecc.). - le maniglie delle porte e degli infissi e le superfici delle porte (maggiormente interessate all uso). - davanzali interni. La sanificazione e/o sanitizzazione della zona wc, bidè ecc. si attua con la seguente procedura: - far scorrere l acqua nella tazza wc, versare all interno cc. di detergente disinfettante, sfregare con lo scopino e lasciarlo immerso sino a fine pulizia. - preparare la soluzione detergente-disinfettante - con panni dedicati e a perdere immersi nella soluzione e ben strizzato lavare l esterno della tazza wc, l asse, il porta spazzolino, il bidè, e le parti adiacenti agli idrosanitari. - lasciare agire la soluzione per alcuni minuti. asciugare le parti cromate e l asse copri wc. L operazione periodica di disincrostazione consente la rimozione di depositi calcarei da rubinetterie e sanitari. Vengono utilizzati prodotti detergenti specifici forniti dal Serv. Economale. Al termine dell operazione quanto trattato viene risciacquato accuratamente. Tale prestazione viene tollerata solo nelle aree esterne. L aspirazione di caloriferi viene effettuata con aspiratore dotato di filtro ed asta telescopica. Il filtro viene pulito frequentemente e sostituito all occorrenza. In alternativa, la spolveratura dei caloriferi può essere effettuata con il metodo della Spolveratura ad umido. L operatore provvede a: - aspirare o spolverare ad umido, quando necessario; - lavare la superficie esterna, sciacquando il panno e sostituendo frequentemente la soluzione utilizzata, contenuta in un secchio. Ove necessario, vengono utilizzate spazzole morbide. Per il lavaggio sono utilizzati prodotti detergenti. Al termine dell operazione vengono eliminate eventuali gocciolature presenti su pavimenti e pareti. Per i caloriferi la prestazione viene effettuata nei periodi di non funzionamento. La eliminazione di ragnatele viene effettuata con aspiratore dotato di filtro e asta telescopica. Il filtro viene sostituito all occorrenza. In alternativa, può essere utilizzato un deragnatore avvolto da garza inumidita o monouso, montato su asta telescopica. 7

8 Lavaggio apparecchi di illuminazione e ventilatori a soffitto Lavaggio pareti lavabili Lavaggio soffitti Pulizia a fondo Ripasso pomeridiano solo per le zone a Basso rischio Lo smontaggio ed il rimontaggio degli apparecchi di illuminazione e dei ventilatori a soffitto, viene effettuato da personale della Rip. Tecnica. Il lavaggio delle parti smontate (diffusori ecc.) viene effettuato con soluzioni detergenti e panni ben strizzati. Le parti lavate sono successivamente sciacquate ed asciugate. Per il lavaggio delle pareti lavabili sono utilizzati prodotti detergenti. Le prese elettriche presenti sulle pareti sono coperte con nastro adesivo. La soluzione viene distribuita con panno o con altro mezzo idoneo. Dopo aver lasciato agire la soluzione, la parete viene asciugata preferibilmente con tergivetro collegato ad aspiraliquidi, oppure con tergivetro, panni o tessuti idonei. Ove necessario, sarà provveduto alla pulizia del pavimento, eliminando eventuali residui di lavorazione. Il lavaggio di soffitti lavabili viene effettuato con vello fissato su asta telescopica. Quanto utilizzato viene frequentemente risciacquato durante l operazione e strizzato opportunamente per prevenire gocciolature. Il soffitto, quando necessario, viene asciugato con panno avvolto su vello o su spugna oppure con tergivetro collegato ad aspiraliquidi. Al termine dell operazione vengono eliminate eventuali gocciolature presenti su pareti, arredi e pavimenti. Gli interventi di pulizia a fondo sono effettuati con le seguenti priorità: - trasporto mobili trasferibili all esterno. - aspirazione o spolveratura di soffitti, veneziane, corpi illuminanti, pareti, caloriferi, condizionatori, ecc.. - aspirazione pavimenti o scopatura ad umido. - lavaggio pareti lavabili, interruttori e pulsantiere, porte, divisori, davanzali interni, caloriferi, condizionatori, superfici esterne di corpi illuminanti (escluso smontaggio), vetri ed infissi. - lavaggio dei mobili non trasferibili (superficie esterna ed interna qualora libera da ingombri). - lavaggio di cappe di laboratori (libere da provette e da ogni altro presidio medico) e cappa posizionata presso il servizio Cucina nella zona destinata alla preparazione dei pasti dietetici. - lavaggio sanitari e trattamento disincrostante per eliminazione di formazioni calcaree. - lavaggio meccanico o manuale della pavimentazione. - lavaggio dei mobili trasferiti all esterno (superficie esterna) e loro collocazione nella originaria posizione. Per tutte le prestazioni sono utilizzabili prodotti detergenti nonché le metodologie di intervento proprie di ciascuna prestazione, descritte nel presente documento. Le soluzioni ed i materiali di consumo sono sostituiti ad ogni cambio di locale nonché all occorrenza. Negli spazzi comuni alberghieri (corridoi, scale, atri di ingresso interni ed esterni, ascensori e zone ristoro) e nei servizi igienici, oltre a quanto sopra riportato, dovrà essere garantito un ripasso pomeridiano costituito da scopatura ad umido, sanificazione e/o sanitizzazione wc vuotatura cestini e ripristino materiali, per quanto riguarda i servizi aperti ai visitatori ed i servizi ubicati presso le aule, il materiale di consumo (carta igienica, sapone e carta asciuga mani) è ha carico dell aggiudicataria, mentre per gli altri servizi verrà fornito dal servizio economato dell Istituto 8

9 DESCRIZIONE METODOLOGIE E PROCEDURE DI INTERVENTO PER LE ZONE A MEDIO RISCHIO ED ALTO RISCHIO PREMESSA. Le presenti norme si riferiscono alle Procedure descritte per le zone a MEDIO/ALTO RISCHIO. A tale proposito si raccomanda l adozione, da parte delle ditte offerenti, del metodo a codice-colore, ossia l impiego di contenitori ed accessori dello stesso colore dedicati alle zone individuate e distinte es.: zona servizi zona degenze Tavolo Operatorio - cucina NORME GENERALI. Le norme generali osservate, anche se non specificate per ciascuna prestazione, ove applicabili, sono: 1. Non utilizzare all interno delle aree a medio rischio: - scope di setole di crine o di materiale sintetico; - spazzoloni e panni per pavimenti. 2. Preparare le soluzioni con le dosi consigliate dal produttore, salvo che non sia diversamente specificato nelle Istruzioni o secondo procedure interne ( utilizzo di Sodio ipoclorito al 2,8% e Sodiodicloroisocianurato nella concentrazione prevista). 3. Preparare la quantità di soluzione necessaria per l uso quotidiano. 4. Non effettuare miscele di prodotti, salvo che non siano espressamente disposte dalle Istruzioni, o consigliate dal produttore (informazioni su etichette, schede tecniche ecc.). 5. Non utilizzare prodotti tossici o corrosivi ed in particolare: - acido cloridrico (acido muriatico); - ammoniaca. 6. Lasciare inumidite le superfici trattate per alcuni minuti. 7. Non asciugare alcuna superficie trattata con disinfettanti, escluso specchi o vetri. 8. Sciacquare ripetutamente i panni nella soluzione. 9. Rinnovare la soluzione ad ogni cambio di camera. 10. Eseguire la sanificazione dei pavimenti utilizzando materiale monouso ( usa e getta) dove previsto dalle procedure interne della Fondazione per le Aree ad Alto Rischio o, con soluzione pulita e con sostituzione del tessuto spugna, frangia (mop), ad ogni cambio camera e comunque ad ogni zona. 11. Asportare la polvere con metodo ad umido ossia con l impiego di panni inumiditi che, la dove le procedure interne alla Fondazione lo prevedano per le Aree ad Alto Rischio,deve essere monouso ( usa e getta); nel caso di aspirazione si raccomanda l utilizzo di aspirapolvere dotati di microfiltro. 12. Al termine del servizio riporre i carrelli negli appositi locali o aree di ricovero, ove esistenti. Se lasciati in luoghi accessibili a terzi evitare, ove possibile, di lasciare prodotti ed attrezzature incustodite. 13. Pulire accuratamente, dopo l uso, il carrello di servizio ed in particolare: - lavare ed asciugare i secchielli; - lavare i panni e stenderli dove possibile; - consegnare per il lavaggio in lavatrice, panni tessuto, frange mop. 14. Per le zone a Medio Rischio, l impegno dei disinfettanti è previsto almeno una volta al giorno. 15. Per le zone ad Alto Rischio, l impegno dei disinfettanti è previsto ad ogni intervento. 9

10 METODOLOGIE DELLE PRESTAZIONI DI IGIENE AMBIENTALE PER LE ZONE A MEDIO RISCHIO E AD ALTO RISCHIO PRESTAZIONE Camere di Degenza ordinaria e DH Vuotatura e pulizia cestini e contenitori Scopatura ad umido Scopatura a secco* Lavaggio manuale pavimenti Lavaggio manuale pavimenti servizi igienici e pareti lavabili DESCRIZIONE PROCEDURE Locali che prevedono diverse modalità di pulizia e diverse frequenze giornaliere e settimanali (area verde/rossa). Pulizie da effettuare a dimissione del paziente su richiesta del coordinatore Chiusura e allontanamento raccoglitori biancheria sporca, con ripristino di pronto utilizzo. Allontanamento dei rifiuti con ripristino di pronto utilizzo e pulizia dei contenitori. Detersione degli arredi e attrezzature non removibili come pure cassetti e interno armadi. Detersione delle superfici verticali. Allontanamento dall ambiente di tutti gli arredi a attrezzature, loro pulizia e disinfezione. Disinfezione delle superfici orizzontali. Riposizionamento degli arredi. L operatore munito di carrello multiuso provvede: - alla vuotatura dei cestini della carta. - alla sostituzione del sacchetto interno e, qualora necessario, con panno e prodotto detergente o detergente sanificante, alla sanificazione del cestino stesso. La scopatura ad umido viene effettuata utilizzando preferibilmente la scopa trapezoidale denominata lamello abbinata a garze monouso pretrattate avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto.. La garza monouso è sostituita ad ogni cambio locale e per superfici non superiori a 40/50 mq. La scopatura secco è effettuata partendo dai bordi del locale per poi agire sullo spazio centrale con movimento ad s. *Di norma, tale prestazione non viene effettuata nelle aree interne a medio e alto rischio. Viene tollerata solo ed esclusivamente nelle aree esterne e negli ingressi. Il lavaggio manuale della pavimentazione è effettuato con l impiego di soluzioni detergenti- disinfettanti. Utilizzando l applicatore, attraverso il quale la soluzione che fuoriesce direttamente da un serbatoio installato sull attrezzo è sempre pulita avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto.. Il panno spugna, invece, è sostituito ad ogni cambio di camera o comunque ad ogni 40/50 mq. Il lavaggio dei pavimenti dei servizi igienici è effettuato con l applicatore e con panni (tessuti spugna) sostituiti regolarmente ad ogni cambio locale avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto.. Le soluzioni sono preparate: con prodotti detergenti- disinfettanti quotidianamente almeno due volte al giorno. Per quanto riguarda la pulizia e il lavaggio delle pareti lavabili,utilizzare panno dedicato da sostituire ad ogni cambio di locale 10

11 Lavaggio meccanico pavimenti Sanificazione arredi Spolveratura ad umido Sanificazione lavabi, bagni, docce Per grandi superfici il lavaggio della pavimentazione può essere effettuato meccanicamente con impiego di lavasciuga. Il lavaggio meccanico è integrato dal lavaggio manuale per le aree non raggiungibili dalla lavasciuga. Il lavaggio meccanico può essere anche effettuato con monospazzola a lenta velocità. Successivamente le acque residue sono aspirate con aspiraliquidi. La sanificazione e/o sanitizzazione degli arredi viene effettuata: - per le aree ad alto rischio: con prodotti detergenti disinfettanti. La soluzione è contenuta in apposito contenitore, applicando il metodo codice colore ; ossia contenitori e panni di uguale colore utilizzati per locali predestinati. I panni monouso vengono immersi nella soluzione e successivamente strizzati, avendo cura di sciacquare sovente il panno nella soluzione e di sostituirla ad ogni cambio di stanza. Sono trattate le superfici esterne di: - arredi (scrivanie, tavoli, sedie, poltrone, armadi, comodini, letti di pazienti, telefoni, supporti per fleboclisi paraventi, lettini(compresi supporti inferiori ed eventuali ausili ) apparecchiature monitor (escluse le tastiere). Televisori, mensole e banconi, carrelli vuoti, appendiabiti, tavoli servitori ecc ) avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti e per quelli fissi ove possibile passarvi sotto. - le aree adiacenti i letti dei pazienti, le porte e gli interruttori. - le maniglie delle porte e degli infissi e le superfici delle porte (maggiormente interessate all uso). - davanzali interni. - eventuali punti luce sopra il letto. Nei blocchi operatori il mobilio su ruote viene trasferito in aree immediatamente adiacenti ove viene deterso/disinfettato. La spolveratura degli arredi viene effettuata con panno e prodotto detergente nebulizzato sul panno e passato su tutte le superfici da trattare avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti.. Ad utilizzo completato, il panno viene sostituito con un panno pulito. Anche per la spolveratura ad umido si applica il codice colore (panni differenti ad ogni zona da trattare). Al termine del servizio i panni utilizzati vengono lavati. Per la spolveratura ad umido vengono utilizzati: acqua o prodotti detergenti. Per al sanificazione dei lavabi, delle vasche, dei piatti doccia ivi compreso le cabine, le rubinetterie ed i rivestimenti delle pareti delle zone adiacenti, sono utilizzati prodotti detergenti disinfettanti. La soluzione, contenuta in apposito contenitore, posto sul carrello di servizio, è distribuita con panni dello stesso colore e viene lasciata agire sulla superficie per alcuni minuti. La soluzione è sostituita ad ogni cambio di locale. Eventuali residui di sporco tenace sono prontamente rimossi con l ausilio di polvere abrasiva e detergente. 11

12 Sanificazione zona wc e sanitari similari Disincrostazione sanitari Per la pulizia e sanificazione delle tazze wc, coperchi, bidè, contenitore e spazzola wc, pareti di separazione e rivestimenti adiacenti i sanitari sono utilizzati prodotti detergenti- disinfettanti. La soluzione è contenuta in apposito contenitore posto sul carrello e si utilizzano panni dello stesso colore, inumiditi nella soluzione. L intervento riguarda: - la parte interna della tazza wc, per la quale si provvede alla eliminazione di eventuali residui con la spazzola wc, a far defluire l acqua, ad immergere la spazzola nella tazza e a versare nella tazza cc. di prodotto puro, lasciandolo agire per alcuni minuti. - la pulizia esterna della tazza, compreso il coperchio, lasciando inumidite le superfici. - relative rubinetterie e le pareti di separazione. -i bidè, superficie interna ed esterna, relative rubinetterie, rivestimenti e pareti adiacenti. - il contenitore e la spazzola wc. Successivamente si provvede a sciacquare la tazza wc e ad asciugare l esterno della tazza wc e il coperchio. Tale intervento è previsto almeno due volte al giorno. Pulizia e rifornimento dei distributori di sapone, asciugamani e carta igienica dove prevista. L operazione periodica di disincrostazione consente la rimozione dei depositi calcarei da rubinetterie e sanitari. Vengono utilizzati prodotti detergenti specifici forniti dall Ufficio Economato. Al termine dell operazione, quanto trattato viene risciacquato ed asciugato accuratamente. Aspirazione caloriferi e lavaggio L aspirazione di caloriferi viene effettuata con aspiratore dotato di microfiltro ed asta telescopica. Il microfiltro viene sostituito all occorrenza ed almeno semestralmente. In alternativa, la spolveratura dei caloriferi può essere effettuata con il metodo della Sanificazione arredi. Per il lavaggio sono utilizzati: - per le aree ad alto rischio: prodotti detergenti disinfettanti. - per le aree a medio rischio: prodotti detergenti. Al termine dell operazione vengono eliminate eventuali gocciolature presenti su pavimenti e pareti. Per i caloriferi la prestazione viene effettuata nei periodi di non funzionamento. Deragnatura Lavaggio apparecchi illuminazione e ventilatori a soffitto La eliminazione di ragnatele viene effettuata con aspiratore dotato di microfiltro e asta telescopica. Il microfiltro viene sostituito all occorrenza ed almeno semestralmente. In alternativa può essere utilizzato un deragnatore avvolto da garza inumidita o monouso, montato su asta telescopica. Lo smontaggio ed il rimontaggio degli apparecchi di illuminazione e dei ventilatori a soffitto, viene effettuato dal personale della Rip. Tecnica.Il lavaggio delle parti smontate viene effettuato con soluzioni detergenti e disinfettanti, per le zone a medio e alto rischio. 12

13 Lavaggio pareti lavabili Sanificazione soffitti Spolveratura veneziane Spolveratura Apparecchi e corpi illuminati Lavaggio a fondo Per il lavaggio delle pareti lavabili sono utilizzati: - per le aree ad alto rischio: prodotti detergenti disinfettanti. - per le aree a medio rischio: prodotti detergenti. Le prese elettriche presenti sulle pareti sono coperte con nastro adesivo. La soluzione viene distribuita con panno o con un altro mezzo idoneo. Dopo aver lasciato agire la soluzione, la parete viene asciugata con panni o tessuti idonei. Ove necessario si provvede alla pulizia del pavimento. Per la sanificazione di soffitti lavabile sono utilizzati: prodotti detergenti-disinfettanti. La sanificazione di soffitti viene effettuata con vello fissato su asta telescopica, opportunamente impregnato di soluzione. Il vello viene frequentemente risciacquato durante l operazione e strizzato opportunamente per prevenire gocciolature. Il soffitto, quando necessario, viene asciugato con panno avvolto su vello. Al termine dell operazione vengono eliminate eventuali gocciolature presenti su pareti, arredi e pavimenti. La spolveratura delle tende alla veneziana viene effettuata con aspiratori dotati di microfiltro ed asta telescopica. In alternativa, la spolveratura potrà essere effettuata con il metodo della spolveratura ad umido. La spolveratura della superficie esterna di apparecchi e corpi illuminati viene effettuata con aspiratori dotati di microfiltro ed asta telescopica oppure con il metodo della sanificazione arredi. Qualora venga utilizzato l aspirapolvere il microfiltro viene sostituito all occorrenza ed almeno semestralmente. Il lavaggio a fondo dei pavimenti (trattati e non) viene effettuato con monospazzola, munita di piatto trattenitore e disco abrasivo oppure di spazzola in relazione al grado di sporco e al tipo di pavimentazione. Sono utilizzati prodotti detergenti o detergenti disinfettanti oppure disincrostanti. I liquidi residui sono raccolti mediante aspiraliquidi. Successivamente, il pavimento viene risciacquato manualmente oppure meccanicamente. 13

14 Pulizia a fondo Gli interventi di pulizia a fondo sono effettuati con le seguenti priorità: - trasporto arredi trasferibili all esterno - aspirazione o spolveratura di soffitti, veneziane, corpi illuminati, pareti, caloriferi, condizionatori, ventilatori fissi a soffitto o mobili ecc. - aspirazione pavimenti o scopatura ad umido - lavaggio pareti lavabili, interruttori e pulsantiere, porte, divisori, davanzali interni, caloriferi, condizionatori, superfici esterne di corpi illuminati (escluso smontaggio), vetri ed infissi - lavaggio degli arredi non trasferibili - lavaggio di cappe di laboratori (libere da provette e da ogni altro presidio medico) - lavaggio di sanitari e trattamento disincrostante per eliminazione di formazioni calcaree - lavaggio meccanico o manuale della pavimentazione - lavaggio dei mobili trasferiti all esterno e loro collocazione nella originaria posizione. Per tutte le prestazioni sono utilizzabili prodotti detergenti disinfettanti nonché le metodologie di intervento proprie di ciascuna prestazione, descritte in precedenza. Le soluzioni ed i materiali di consumo sono sostituiti ad ogni cambio di locale nonché all occorrenza. METODOLOGIE DELLE PRESTAZIONI DI IGIENE AMBIENTALE PER LA PULIZIA DEI VETRI PRESTAZIONE DESCRIZIONE PROCEDURE Lavaggio vetri Per il lavaggio di vetri sono utilizzati: prodotti detergenti - disinfettanti. La soluzione, contenuta in un secchio, viene distribuita sul vetro con il vello. Ad operazione ultimata vengono asciugati il vetro, con il tergivetro o con il tergivetro collegato ad aspiraliquidi, e le parti interessate dell infisso, con idoneo panno. Successivamente vengono eliminati dalla pavimentazione, da arredi da davanzali, eventuali residui di lavaggio. L operatore agisce in condizioni di sicurezza (impiego di DPI), avvalendosi, quando necessario, di aste telescopiche, con intervento su vetrate fisse ai piani alti, con adeguate attrezzature, senza spese aggiuntive. La pulizia delle vetrate, con le stesse frequenze, comprende pure la pulizia di tapparelle e veneziane, stipiti, davanzali, balconi e poggioli interni/esterni. 14

15 ART. 4 Altre obbligazioni Al termine del servizio, il personale della Ditta lascerà immediatamente i locali dell Istituto. La Ditta stessa comunicherà ai propri dipendenti il divieto di fornire a chicchessia, consigli, impressioni, notizie su medici, terapie od altro. Il personale è, comunque, tenuto a non rivelare notizie ed informazioni che, in occasione, o per causa del servizio ne venisse a conoscenza, come prescritto dalle vigenti disposizioni sulla privacy o penali. Nei confronti dei dipendenti della Ditta che non osservassero le norme impartite, verranno assunte le più severe sanzioni consentite. Ai dipendenti della Ditta appaltatrice è fatto divieto di aprire cassetti o armadi, maneggiare carte, disegni o altri documenti lasciati sui tavoli o scrivanie. Il dipendente consegnerà al proprio superiore ogni oggetto che risulti smarrito, rinvenuto nell espletamento del servizio, il quale tempestivamente provvederà alla consegna dello stesso alla Direzione dell Istituto. Nello svolgimento del servizio deve evitarsi qualsiasi intralcio o disturbo al normale andamento dell attività delle Strutture dell Istituto. L aggiudicataria si impegna altresì alla tempestiva sostituzione del personale assente per ferie, o altri motivi e ciò allo scopo di evitare disservizi nell espletamento delle pulizie. L'aggiudicataria dovrà garantire il rifornimento del materiale di consumo (carta igienica, sapone, carta asciugamani), a proprio carico, presso i servizi igienici riservati ai visitatori e presso i servizi igienici dell aula Camillo Golgi. L'aggiudicataria dovrà, inoltre, provvedere al servizio di ritiro rifiuti presso l Istituto, compresa la Clinica Intra Moenia ed al loro trasporto al punto di raccolta. Tale servizio comprenderà: il ritiro al punto di stoccaggio di tutti i rifiuti urbani e assimilabili, oltre a: cartone; plastica; vetro e rifiuti sanitari (halipack) già confezionati ed etichettati; il trasporto al punto di raccolta, nelle zone o contenitori indicati presso l'area ecologica dell'istituto, solo per la clinica Intra Moenia; per quanto riguarda le altre UU.OO., presso i punti di raccolta, individuati nei tratti sotterranei; il servizio dovrà essere effettuato sette giorni su sette e comunque nei giorni di attività presso la Struttura/zona di attività; il servizio di ritiro della biancheria sporca da tutte le UU.OO/zone di attività, nei punti di raccolta presso i tratti sotterranei oltre che il recupero dai tratti sotterranei della biancheria pulita da destinare alle varie UU.OO. Inoltre è richiesto il trasferimento sempre dai tratti sotterranei alle unita operative, del carrello vitto per il pranzo e per la cena ad orari stabiliti; lo stesso carrello sarà riportato nei sotterranei dopo la distribuzione del vitto ai degenti; è richiesto inoltre alle offerenti, il riordino, laddove è presente, del locale cucina; per riordino s intende: pulizia e sanificazione quotidiana del locale stesso ivi compresi gli arredi presenti, riassetto dello stovigliame dopo colazione, pranzo e cena dei degenti. L'aggiudicataria dovrà inoltre garantire il servizio di presidio presso la mensa aziendale: pulitura tavoli e sedie, di ogni postazione, a fine pasto, dalle alle (o altro orario comunicato dall Istituto) e relativo riordino vassoi e allontanamento rifiuti prodotti presso la sala mensa, dalla sala mensa al punto di raccolta nel tratto sotterraneo. ART. 5 Prestazioni escluse dall offerta Saranno a carico dell Istituto le spese di acqua ed elettricità necessarie al normale svolgimento di pulizia. 15

16 Sarà compito dell Istituto la fornitura del materiale per lo smaltimento dei rifiuti speciali ospedalieri. E posto a carico dell'aggiudicataria ogni obbligo discendente dalla normativa vigente in materia di sicurezza, di igiene e di medicina del lavoro. Verrà invece concordato l uso di adeguati ambienti nei quali verranno depositati i prodotti per il servizio di pulizia, nonché servizi e spogliatoi per i dipendenti dell aggiudicataria ed adeguato locale per la gestione tecnica ed amministrativa del servizio. ART. 6 Prezzo Il corrispettivo del servizio è dato dal prezzo al mq./mese per ciascuna delle tipologie di rischio ed è omnicomprensivo di tutte le componenti di remunerazione del servizio nel suo complesso (comprensivo, quindi, delle forniture necessarie e di quant altro occorrente). Nel caso di prestazioni straordinarie di cui al successivo art. 24, il corrispettivo è dato dal prezzo al metro quadro. Tali prezzi saranno commisurati a quelli risultanti in sede di aggiudicazione. Il costo per tipologia di servizio, fissato al momento dell'aggiudicazione, resterà fisso e invariato per tutta la durata del servizio, fatta salva la possibilità di revisione prezzi, secondo quanto stabilito dall'art. 115 del D. Lgs. N. 163/06. ART. 7 Obblighi della ditta aggiudicataria previdenza sociale - osservanza di normativa in materia di contratti di lavoro ed antinfortunistica. L'aggiudicataria è tenuta all esatta osservanza delle norme legislative e dei regolamenti vigenti in materia di prevenzione e tutela antinfortunistica e più precisamente di quanto disposto dal D. Lgs. n 626/94 e ss.mm.ii., con particolare riferimento al Piano di Sicurezza di cui all Art. 3 punto 1.6 dell unito disciplinare. L aggiudicataria si impegna altresì ad adeguarsi ad ogni successiva disposizione normativa che dovesse sopravvenire durante il corso di esecuzione del servizio anche a seguito della emanazione di nuove norme comunitarie/nazionali. L'aggiudicataria è tenuta al pagamento puntuale dei contratti messi a carico dei datori di lavoro, come assegni familiari, indennità di vario genere e quant altro, ivi compreso quanto disposto dalla Legge 123/07. La Ditta impiegherà, per l esecuzione dei lavori, personale proprio, inquadrato e retribuito in conformità alla legge ed ai contratti collettivi del settore. Pur tuttavia detto personale deve essere completamente sottoposto alla disciplina ed ai regolamenti di sicurezza dell'istituto. L'aggiudicataria dovrà eseguire i servizi con idonee attrezzature moderne ed efficienti, perfettamente rispondenti alle norme sulla prevenzione e sicurezza sul lavoro, nel rispetto delle procedure in uso presso l Istituto; impiegherà inoltre esclusivamente prodotti di prima qualità di facile uso, di odore non sgradevole ad azione rapida senza possibilità di alterare i materiali con cui vengono a contatto, atti a garantire il pieno rispetto delle norme igienico-organizzative e la salvaguardia degli ambienti. Tali prodotti pertanto non possono essere tossici od inquinanti per uomini e animali. L impiego degli attrezzi e delle macchine, la loro scelta e le caratteristiche tecniche, devono essere perfettamente compatibili con l attività dell Istituto, non rumorose, tecnicamente efficienti e mantenuti in perfetto stato di funzionamento e di pulizia. L aggiudicataria dovrà assumere la mano d opera secondo le norme di legge. E pertanto obbligo della stessa di corrispondere ai propri dipendenti, le retribuzioni ed i compensi non inferiori ai minimi stabiliti dai contratti di lavoro nazionali e locali e osservare nei riguardi degli stessi tutte le previdenze assicurative, assistenziali e sociali della Legge. Ai sensi dell art. 2 16

17 comma 3 del D.P.C.M. n. 117 del 13/3/1999, saranno considerate inammissibili le offerte che presentino un costo orario della mano d opera inferiore a quello previsto dalle vigenti tabelle ufficiali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. ART. 8 Attrezzature tecniche Per il servizio descritto l aggiudicataria è tenuta, a proprie cure e spese, a disporre l utilizzo di un adeguato numero di attrezzature tecniche, tra cui le seguenti: LAVASCIUGA; MONOSPAZZOLA; ASPIRALIQUIDI; MONOSPAZZOLA AD ALTA VELOCITA ; ASPIRATORI CON MICROFILTRO; ASPIRAPOLVERI SPALLABILI; BATTITAPPETO; IDROPULITRICE; LAVA SPAZZANTE (UOMO A BORDO per tratti sotterranei); ADEGUATI AUSILI PER PULIZIA VETRI. Tutte le macchine a funzionamento elettrico devono: essere collegate a un dispositivo tale da assicurare la perfetta messa a terra; avere bassi livelli di rumorosità visto l impiego nei reparti di degenza ( 65 db per macchine con uomo a terra e < di 80 db per macchine con uomo a bordo) avere un assorbimento di energia contenuto, comunque inferiore alla capacità delle prese di corrente. Prima dell inizio dei lavori è fatto obbligo alla Impresa aggiudicataria di fornire copia del certificato di conformità e scheda tecnica dettagliata dei macchinari che si intendono impiegare. Su tutta l attrezzatura di proprietà dell aggiudicataria, utilizzata all interno delle strutture dell Istituto, deve essere applicato un contrassegno indicante la ragione sociale della Ditta stessa. Le apparecchiature di cui sopra potranno essere sostituite con apparecchiature di miglior resa e meglio rispondenti alle esigenze dell Istituto. ART. 9 Controlli I Responsabili delle varie Strutture o servizi possono verificare l esecuzione delle singole operazioni di pulizia, contestando alla Ditta e segnalando contemporaneamente il fatto, al Settore Economato ed al S.I.T.R.A.; entrambe le suddette Strutture potranno controllare, tramite le persone preposte, ogni qualvolta lo riterranno opportuno, o su segnalazione dei responsabili degli Uffici, Settori, Strutture interessati, l esecuzione e le modalità dei lavori che, se non rispondenti alle esigenze dell Istituto, comporteranno l applicazione delle penali di cui ai successivi articoli. La Ditta appaltatrice si impegna a facilitare l esercizio di tale facoltà, fornendo tutte le informazioni richieste e favorendo gli interventi allo scopo. Il sistema di controllo di misurazione delle prestazioni verrà effettuato metodologicamente secondo la seguente architettura: LIVELLO DI SERVIZIO (LS) Il livello di efficacia del servizio verrà valutato dal monitoraggio del servizio di sanificazione erogato quotidianamente e servizio di sanificazione erogato a richiesta e con attività programmate 17

18 periodiche dove significato importante hanno i tempi di risposta per il ripristino e le scadenze previste per il monitoraggio e la sanificazione programmata. EFFICIENZA DEL SERVIZIO (ES) L efficienza della Ditta Appaltatrice è dimostrata dal rispetto pieno delle modalità e della tempistica di espletamento delle attività, relative ai vari servizi. MISURAZIONE DEL SERVIZIO RISPETTO AL CAPITOLATO Il controllo della rispondenza tra la pianificazione delle attività e della loro relativa effettuazione nei tempi e modalità previste oltre al riscontro del livello di soddisfazione del cliente/utente del servizio costituiscono i due parametri di controllo e di misurazione dell efficienza del servizio prestato dalla Ditta Appaltatrice. La misurazione si attuerà con i seguenti indicatori: scostamento tra contratto e prestazione resa da rilevare con i moduli di misurazione della Qualità erogata delle prestazioni e delle NC da parte dei coordinatori (IP); livello di soddisfazione (customer satisfaction) del cliente/utente (coordinatori e pazienti) misurabile: a caldo (c.s.c) ed a freddo (C.S.F); Il sistema di controllo (project control) per ogni servizio dovrà consentire la rilevazione dei dati da processare relativamente a: ecc); programma interventi (data programma, calendario interventi,ecc); report sugli interventi eseguiti (data della richiesta, data di esecuzione, descrizione, eventuali attività a richiesta effettuate (data di emissioni, data di risposta); pazienti); individuazione del cliente/utente interessato (metri quadri interessati, numero dei La rilevazione di quelle attività ed interventi che sono stati eseguiti non conformemente alle pianificazioni delle attività oppure non a regola d arte e quindi sottoposte a penali saranno calcolate con il calcolo dell indicatore di prestazione (IP) con la seguente formula: dove IP = 1n A - Ap / 1n A IP = indicatore della percentuale di scostamento delle attività dalle prescrizioni di Capitolato Ap = numero delle attività non conformi, e quindi sottoposte a penali, svolte nel periodo considerato A = numero complessivo delle attività svolte nel periodo considerato I controlli saranno effettuati settimanalmente oltre che a campione anche in periodi più ravvicinati. L indicatore di prestazione dovrà tendere a 1, ovverosia il 100% degli interventi dovrebbe rispondere alle modalità ed alle prescrizioni (tempistica, ecc) di Capitolato, e comunque non potrà 18

19 mai essere inferiore a 0.65, in caso contrario il Committente oltre alle penali applicate per i diversi interventi ed attività potrà, a suo insindacabile giudizio, comminare le ulteriori seguenti penali per ciascun servizio in appalto: PENALE DI SERVIZIO dove: IP = indicatore delle prestazioni canone = canone annuo del servizio per 0,65 < IP < 0,75 P = 0,05 x canone / t t = numero di periodizzazione del rilevamento ( 3 nel caso di scadenza quadrimestrale oppure 2 nel caso di scadenza semestrale) Qualora l indicatore IP di scostamento delle attività dalle prescrizioni di Capitolato risulti inferiore a 0,65 per un periodo non inferiore a 3 mesi il Committente potrà dichiarare risolto il contratto, ritenendo fin d ora la inadempienza, clausola risolutiva espressa ai sensi dell art del Codice Civile. MISURAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE/UTENTE La Fondazione misurerà il livello di soddisfacimento del cliente/utente dei diversi servizi. Il rilevamento avverrà a caldo raccogliendo in tempo reale sul posto, contestualmente all esecuzione delle attività e degli interventi, le opinioni e le osservazioni degli interessati presenti nell edificio ed a freddo ovvero sull intero servizio erogato quadrimestralmente. L indicatore di soddisfazione per ogni servizio sarà così determinato: IS = 1 A dove: A = RC / D IS = indice di soddisfazione del cliente/utente RC = numero di reclami e/o risposte negative espresse dal cliente/utente per mancato rispetto delle tempistiche fornite (poste a conoscenza del cliente/utente) nell esecuzione degli interventi e/o per inefficacia inefficienza delle prestazioni e del servizio nel suo complesso, pervenuti nel periodo considerato avvallati dalla direzione Economato D = numero di clienti/utenti coinvolti nell edificio o nell unità interessata che sono stati interpellati, comprendendovi anche coloro che non hanno voluto esprimere la loro opinione. L indice di soddisfazione dovrà tendere a 1, ovverosia il 100% dei clienti/utenti coinvolti dal servizio, dovrebbe giudicare soddisfacente il servizio interessato, e comunque non potrà mai essere inferiore a 0,60. In caso contrario il committente, oltre a chiedere alla Ditta Appaltatrice di predisporre una attenta analisi delle motivazioni che stanno alla base dell insoddisfazione espressa ed il piano delle misure 19

20 che intende adottare per il superamento delle deficienze, potrà a suo insindacabile giudizio comunicare una trattenuta dal canone del servizio, calcolata con la seguente formula: per 0,70 < IS < 0,80 per 0,60 < IS < 0,70 dove: canone = canone annuo del servizio trattenuta = 0,03 x canone / t trattenuta = 0,05 x canone / t t = numero di periodizzazione del rilevamento ( 3 nel caso di scadenza quadrimestrale oppure 2 nel caso di scadenza semestrale) IN CASO L INDICE DI SODDISFAZIONE INFERIORE A 0.60 SI VERIFICHI PER PIÙ DI 5 EVENTI (SINGOLI O RIFERENTISI A PERIODI) LA FONDAZIONE HA DIRITTO AL RECESSO DAL CONTRATTO. ART. 10 Organizzazione della ditta aggiudicataria del suo personale e del lavoro La Ditta che risulterà aggiudicataria del servizio, organizzerà i mezzi necessari allo stesso a sua cura e spese, assumendone la gestione, fornendo i materiali (compresi i materiali di consumo, i sacchetti in plastica per i cestini, i sacchetti grandi per la raccolta dei rifiuti, ecc.), la mano d opera, l organizzazione tecnica e manageriale. La Ditta si impegna ad eseguire a regola d arte e con scrupolo tutte le operazioni descritte nel presente Capitolato d Appalto. Il personale incaricato, regolarmente assunto alle dipendenze della Ditta, dovrà indossare la divisa con evidente marchio della Ditta stessa e sarà tenuto a mostrare, la tessera personale di riconoscimento, dotata di fotografia esposta sul camice di lavoro. Le spese per gli abiti di servizio, le tessere, i distintivi ed ogni altro affine o conseguente all organizzazione del personale sono a completo carico della Ditta aggiudicataria. ART. 11 Prodotti chimici Tutti i prodotti chimici utilizzati devono essere privi di formaldeide, nichel, cromo, cobalto, neomicina, etilendiammina ed in generale non dovrà trattarsi di prodotti classificati come pericolosi per l ambiente e danno si per l a salute secondo la Direttiva 1999/45/CE, recepita in Italia con il D. Lgs. N. 65/2003. I detergenti ed i disinfettanti devono essere usati ad esatta concentrazione e devono essere preparati di fresco. Dopo l uso tutto il materiale deve essere accuratamente lavato e asciugato. Non devono essere presenti bottiglie, barattoli o fustini anonimi, privi delle necessarie indicazioni e diciture. L Istituto si riserva la facoltà di effettuare prelievi a campione dei prodotti chimici e delle soluzioni pronte per l uso, per verificare le caratteristiche dei prodotti e l esatta percentuale di dosaggio delle soluzioni. L Istituto si riserva altresì di effettuare, tramite propri incaricati, controlli casuali sul grado di conoscenza da parte del personale dell Appaltatore del contenuto di bottiglie, barattoli e fustini. E vietato l uso di sostanze acide od eccessivamente alcaline e contenenti ammoniaca o coloranti, sui pavimenti di marmo, piastrelle, conglomerati; sulle superfici di grès si potranno usare detergenti 20

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Servizio di Pulizia e Sanificazione Ambienti degli Istituti Riuniti di Assistenza S. Giovanni Battista di Chieti CIG 52983798A9

CAPITOLATO TECNICO. Servizio di Pulizia e Sanificazione Ambienti degli Istituti Riuniti di Assistenza S. Giovanni Battista di Chieti CIG 52983798A9 CIG 529898A9 AREE AD ALTO GRADO DI DETERIORAMENTO RIEPILOGO PRESTAZIONI E FREQUENZE SUGGERITE PRELIMINARI svuotatura cestini e posacenere raccolta rifiuti PAVIMENTI scopatura ad umido aspirazione zerbini

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA Lavagna Sviluppo s.c.r.l. intende assegnare incarico, concludendo apposito contratto,

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali COMUNE di BUCCINASCO Provincia di Milano Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali Periodo 01.01.2008/31.12.2011 SOMMARIO Art. 1 - RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E SMALTIMENTO

Dettagli

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi:

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi: CAPITOLATO D APPALTO C.I.G. [04292471D4] SERVIZI DI PULIZIA LOCALI DEL CNR Istituto di Scienze dell Alimentazione Via Roma, 64 Avellino Si definiscono, nell ambito della superficie totale dell ISA, 3 aree

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere ALLEGATO A al Capitolato Speciale di Gara Servizio di pulizia e disinfezione giornaliera integrato da lavori periodici di pulizia a fondo. I centri servizio oggetto del presente appalto sono: Residenza

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164 DISCIPLINARE TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, STRADE E CORTILI DELLO STABILIMENTO MILITARE DEL MUNIZIONAMENTO TERRESTRE, BAIANO DI SPOLETO. ARTICOLO 1 Il servizio sarà atto

Dettagli

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni Allegato A COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni SEDE MUNICIPALE Uffici n. int. Giornaliero generale; 5 Servizi igienici n. intervento settimanale di pulizia e Atri lavaggio davanzali,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

Pulizia e Sanificazione Ambienti

Pulizia e Sanificazione Ambienti P-E03 Rev. 2 Pag. 1 di 8 SCOPO E APPLICABILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento descrive le modalità con le quali viene erogato il servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti presso Fondazione

Dettagli

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA ALLEGATO "B" 6 pagine NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA Le strutture assistenziali e relativi uffici, indicate all art. 1 del presente Capitolato d Appalto sono dislocate in tre edifici

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia e sanificazione da effettuarsi mediante prestazione d opera, di materiali, di mezzi ed attrezzature per la

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio riguarda la pulizia: A)-degli uffici comunitari ubicati a Tirano in Via Maurizio Quadrio, tutti dotati

Dettagli

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alberto Burri Trestina Città di Castello (PG) APPENDICE G Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19)

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19) ANNESSO 1.B SCHEDE CONTENENTI, PER CIASCUNA TIPOLGIA DI LOCALI, LE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE SVOLTE, LE RELATIVE PERIODICITA ED I GIORNI IN CUI I SERVIZI DEVONO ESSERE SVOLTI. (APPLICABILI PER GLI

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA DEFINIZIONI Aree a Basso Rischio (BR): uffici, segreterie, archivi, magazzini, servizi igienici corridoi e aree comuni. All interno

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA, PERIODICA E SANIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ASL AVELLINO CIG: 5508909F81

SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA, PERIODICA E SANIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ASL AVELLINO CIG: 5508909F81 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO Via degli Imbimbo 10/12 83100 Avellino www.aslavellino.it Dr.ssa Emilia Vozzella Dr.ssa Sabatina D Andrea ALLEGATO A) al Capitolato Speciale d Appalto

Dettagli

PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA DEFINIZIONI Aree a Basso Rischio (BR): sale d attesa, uffici, segreterie, archivi, scale, servizi igienici, corridoi e aree comuni.

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

Allegato B al Capitolato

Allegato B al Capitolato Allegato B al Capitolato ROSSO ARANCIONE 1 ARANCIONE 2 GIALLO Aree trapianto, alto isolamento, sale operatorie, presale, sala lavaggio antisettico mani e sale induzione risveglio, percorso pulito, corridoi

Dettagli

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE.

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. Indice: 1 TIPOLOGIA LOCALI E OPERAZIONI DI PULIZIA... 3 1.1 SERVIZI IGIENICI/SPOGLIATOI:...3 1.1.1 FORNITURE

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA nei Locali siti in Viale Causa 13 e Via Opera Pia 13 16145 GENOVA

Dettagli

ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AREE

ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AREE ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE DIFFERENZIAZIONE TIPOLOGIA RISCHIO TIPOLOGIA COLORE ZONA DESCRIZIONE SPAZI AMBIENTALI ESTERNI Grigio Pensiline, marciapiedi,

Dettagli

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue Gruppo di Lavoro CPSE- I DAIORT : Dr.ssa Liana Nanni CPSE-I DAIORT :

Dettagli

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 A ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI DELI UFFICI DI ÆUA ROA.P.A. Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate

Dettagli

SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO

SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO PROGETTO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI ART. 5, C. 5 LETT. D), ART. 94 D.LGS 163/2006 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria.

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

Schede di intervento pulizie

Schede di intervento pulizie CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO per l esecuzione del servizio di pulizie civili, facchinaggio, disinfestazione e derattizzazione presso il Gruppo IREN Lotto 2 - ALLEGATO 2 Schede di intervento pulizie Torino,

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO annuali trimestrali giornalieri MANSIONARIO GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO LE SEDI DELL CIG n. 707405BC. Le sedi indicate saranno oggetto delle attività

Dettagli

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale ALLEGATO A APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA DELLE SEDI DEL MIPAAF - CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - ELENCO SEDI E RELATIVE SUPERFICI (IN MQ) DISTINTE PER TIPOLOGIA DESCRIZIONE

Dettagli

1 - OGGETTO DELL APPALTO

1 - OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Appalto ha ad oggetto il servizio di noleggio di bagni chimici, occorrenti ad AMA S.p.A. durante eventi pubblici quali feste, manifestazioni culturali,

Dettagli

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE PRESIDI SPEDALIER LEVANTE AREE AD ALTISSIM RISCHI SETTRI DEGENZIALI CRITICI X: SETTRI DEGENZIALI CRITICI (TUTTE LE TERAPIE INTENSIVE, UNITÀ CRNARICA, NENATLGIA, NEFRLGIA, SALE VISITA E LCALI DIAGNSTICA

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT ATTO DI AFFIDAMENTO Art. 1 (Oggetto) Il presente affidamento ha per oggetto i servizi di ausiliariato, alberghieri di supporto e di sanificazione, nelle strutture della ASL BAT, al costo riportato nella

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE per l esecuzione del servizio di pulizia degli uffici comunali

CAPITOLATO SPECIALE per l esecuzione del servizio di pulizia degli uffici comunali CAPITOLATO SPECIALE per l esecuzione del servizio di pulizia degli uffici comunali UFFICIO ACQUISTI Via Roma n. 20-20094 CORSICO (MI) tel. 02 4480382 Fax 02 4480381 e-mail: acquisti@comune.corsico.mi.it

Dettagli

ART. 1 - MACCHINARI, ATTREZZATURE E MATERIALI DI CONSUMO

ART. 1 - MACCHINARI, ATTREZZATURE E MATERIALI DI CONSUMO SPECIFICHE TECNICHE E LAVORAZIONI PREVISTE PER L ESECUZIONE DELSERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO SITI NEL NUOVO COMPRENSORIO DI COMPETENZA DELLA STU

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

In riscontro alla richiesta di chiarimenti inoltrata in merito alla procedura concorsuale in argomento si comunica quanto segue:

In riscontro alla richiesta di chiarimenti inoltrata in merito alla procedura concorsuale in argomento si comunica quanto segue: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DOMESTICO ALBERGHIERO E SERVIZI DI SUPPORTO OCCORRENTE ALL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA PER IL PERIODO DI ANNI CINQUE. In riscontro alla

Dettagli

NIDI. 1.1 Elenco delle prestazioni e frequenza per ogni tipologia di struttura. - svuotatura cestini - GIORNALIERA

NIDI. 1.1 Elenco delle prestazioni e frequenza per ogni tipologia di struttura. - svuotatura cestini - GIORNALIERA SCHEDA TECNICA N. 1 SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE SUPERFICI INTERNE E DEGLI ESTERNI NON A VERDE DEI NIDI, DELLE SCUOLE DELL INFANZIA (COMPRESE LE SEZIONI PONTE E PRIMAVERA), DELLE

Dettagli

101 ISEUNI-PROFI. 1 dl di 1010 ISEUNIAS in 10 l d acqua. 1010 ISEUNIAS

101 ISEUNI-PROFI. 1 dl di 1010 ISEUNIAS in 10 l d acqua. 1010 ISEUNIAS 101 ISEUNI-PROFI Detergente universale a concentrazione industriale, con potere bagnante elevato, per la pulizia di tutte le superfici lavabili (idrofile). Particolarmente adatto per la pulizia professionale

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA Oggetto Il presente Allegato è strettamente connesso e strumentale all appalto per la fruizione di strutture immobiliari da adibire a

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n.

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n. Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDICE - 1 Definizione

Dettagli

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA A) PULIZIA GIORNALIERA ANALISI PREZZO N A1 - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti, comprese le scale, i servizi igienici con esclusione dei pavimenti dei locali cantinati e archivi. Costo mano

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 09 SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di

Dettagli

OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017

OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017 CIG 621616801D OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017 Modello 4) A) PALAZZO FOGLIA tipologia di intervento giornaliero/settimanale/mensile a

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO Pulitura, lavatura e disinfezione dei servizi igienici, dei lavabi, delle pareti, dei pavimenti, dei gabinetti di decenza e di ogni altro sanitario avendo cura che i condotti

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Aprile 2014 1 Sommario DEFINIZIONE DELLE AREE (NOTE)... 4 DEFINIZIONE DEI TRATTAMENTI (NOTE)... 5 SEZIONE 1 - OPERAZIONI

Dettagli

SERVIZIO PULIZIE SCHEDA UFFICI OPERAZIONI DA SVOLGERE

SERVIZIO PULIZIE SCHEDA UFFICI OPERAZIONI DA SVOLGERE SERVIZIO PULIZIE SCHEDA UFFICI OPERAZIONI DA SVOLGERE SEDE INDIRIZZO COMMESSA Asiago Via F.lli Rigoni Guido E Vasco, 19 600/09 Bassano Del Grappa Largo Parolini, 82/B 600/07 Bassano Del Grappa Via Dei

Dettagli

Giornaliero asportazione di residui e incrostazioni; lavaggio manuale accurato, con l ausilio di spazzole per la detersione successivo risciacquo

Giornaliero asportazione di residui e incrostazioni; lavaggio manuale accurato, con l ausilio di spazzole per la detersione successivo risciacquo Quarto, li 09 settembre 2014 Prot. n. Tit. Al Personale Collaboratore scolastico dell Istituto Comprensivo di Quarto Don Lorenzo Milani LORO SEDI e agli Operatori delle Ditte di Pulizia dell Istituto Comprensivo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI MARRADI PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI MARRADI PROVINCIA DI FIRENZE CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ARTICOLO 1 -_PREMESSA Il presente capitolato disciplina il servizio di pulizia degli uffici comunali nell osservanza delle norme contenuti

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura fino a 160 C possiede

Dettagli

Scheda tecnica per lo svolgimento del servizio di pulizia all interno della sede della Fondazione e in altri locali utilizzati in via occasionale.

Scheda tecnica per lo svolgimento del servizio di pulizia all interno della sede della Fondazione e in altri locali utilizzati in via occasionale. Allegato 7 Procedura per l affidamento dell appalto del servizio di pulizia di tutti i locali di svolgimento dell attività istituzionale della Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Opera di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI COMUNE DI GIOVINAZZO PROV. DI BARI SETTORE SERVIZI ALLA CITTA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI 1 ART. 1 DISCIPLINA PER IL SERVIZIO Il presente Capitolato disciplina

Dettagli

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO Comune di Calliano Provincia Autonoma di Trento Ufficio Tecnico CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO ART. 1 - OGGETTO E PREZZO DELL

Dettagli

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO APERTURA CANCELLO APERTURA EDIFICIO ISPEZIONE EDIFICIO FINE ATTIVITA SCOLASTICA ACCENSIONE LUCI REGISTRAZIONE ENTRATA DIPENDENTE DIVISA CARTELLINO CHIUSURA PORTE/FINESTRE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE 00185 ROMA - Viale Castro Pretorio, 105 - Tel. 06/49891 Fax 06/4457635 e-mail: bnc-rm@beniculturali.it CAPITOLATO TECNICO GARA

Dettagli

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì Allegato A al Capitolato d Appalto 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì - svuotatura, pulizia e sostituzione sacchetto cestini carta, contenitori per rifiuti differenziati,

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli

1. Oggetto dell affidamento

1. Oggetto dell affidamento CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA RISTRETTA PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI SERVIZI DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI UTILIZZATI DA TURIMO TORINO E PROVINCIA: LOTTO 2 1. Oggetto dell affidamento Il presente Capitolato

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER GESTIONE SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI ALCUNE STRUTTURE AZIENDALI E DI LAVAGGIO DELLE STOVIGLIE * * * * *

GARA A PROCEDURA APERTA PER GESTIONE SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI ALCUNE STRUTTURE AZIENDALI E DI LAVAGGIO DELLE STOVIGLIE * * * * * GARA A PROCEDURA APERTA PER GESTIONE SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI ALCUNE STRUTTURE AZIENDALI E DI LAVAGGIO DELLE STOVIGLIE * * * * * CAPITOLATO TECNICO-PRESTAZIONALE Art. 1 OPERAZIONI E FREQUENZE

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE Pag. 1 di 17 PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative

Dettagli