CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara"

Transcript

1 CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Docenti: Dott. Carlo Sardara

2 LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Quadro normativo

3 La natura giuridica dell impresa farmacia Decreto Liberalizzazioni 24 Gennaio 2012 n. 1 DL 95/2012 Legge di conversione Decreto Liberalizzazioni 24 marzo 2012 n 27. D.Lgs. 3 ottobre 2009, n. 153 D.L. 201/2011 D.L. 223/2006 D.Lgs. 24 aprile 2006 n. 219 D.Lgs. 8 luglio 2003 n. 277 D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 Legge 8 novembre 1991, n. 362 D.Lgs. 8 agosto 1991 n. 258 Legge 2 aprile 1968, n. 475

4 L impresa farmacia Come si acquisisce l AUTORIZZAZIONE REGIONALE? Art. 1 L'autorizzazione ad aprire una farmacia è rilasciata con provvedimento definitivo dell'autorità sanitaria competente per territorio. L. 27/2012 Parametro età: L età massima per la direzione della farmacia è 65 anni (età pensionabile) tale limite inizierà a decorrere dal 1 gennaio 2015 L età > 65 si ha la nomina a direttore ma non si rimane titolare

5 ACQUISIZIONE AUTORIZZAZIONE CONCORSO ACQUISTO SUCCESSIONE 5

6 IL CONCORSO Art. 11 DL 1/2012 convertito in L. 27/ Al fine di favorire l accesso alla titolarita delle farmacie da parte di un piu ampio numero di aspiranti, aventi i requisiti di legge, garantendo al contempo una piu capillare presenza sul territorio del servizio farmaceutico, il secondo e il terzo comma dell articolo 1 della legge 2 aprile 1968, n. 475, e successive modificazioni sono sostituiti dai seguenti: Il numero delle autorizzazioni e stabilito in modo che vi sia una farmacia ogni 3000 abitanti. La popolazione eccedente, rispetto al parametro di cui al secondo comma, consente l apertura di una ulteriore farmacia, qualora sia superiore a 500 abitanti; nei comuni fino a abitanti, l ulteriore farmacia puo essere autorizzata soltanto qualora la popolazione eccedente rispetto al parametro sia superiore a 1500 abitanti. 6

7 Quando viene bandito un concorso? Secondo le disposizioni della Legge 27/2012 per bandire un concorso il Comune di deve basare su un superato il quale viene bandito un concorso : concorso il Comune di deve basare su un parametro unico, una farmacia ogni abitanti. Quindi la popolazione eccedente per permettere l apertura l di una nuova sede è del 50% (1651 abitanti) a discrezione dei comuni. 7

8 L acquisto di una farmacia Art. 7 L. 362/ La gestione delle farmacie private èriservata ai farmacisti iscritti all'albo della provincia in cui ha sede la farmacia. 8. Il trasferimento della titolarità dell'esercizio di farmacia privata 8. Il dell'esercizio di farmacia privata è consentito dopo che siano decorsi tre anni dal rilascio dell'autorizzazione da parte dell'autorità competente, salvo quanto previsto ai commi 9 e 10. 8

9 L acquisto di una farmacia Art. 13 L. 362/1991 Trasferimento di farmacia 1. Il settimo comma dell'art. 12 della legge 2 aprile 1968, n. 475, 4 come modificato dall'art. 6 della legge 22 dicembre 1984, n. 892, è sostituito dal seguente: "Al farmacista che abbia trasferito la propria farmacia èconsentito, per una volta soltanto nella vita, ed entro due anni dal trasferimento, to, di acquistare un'altra farmacia senza dovere superare il concorso per p l'assegnazione di cui al quarto comma. 9

10 L acquisto di una farmacia Art. 13 L. 362/1991 Al farmacista che abbia trasferito la titolarità della propria farmacia senza acquistarne un'altra entro due anni dal trasferimento, è consentito, per una sola volta nella vita, l'acquisto di una farmacia qualora abbia svolto attività professionale certificata dall'autorità sanitaria competente per territorio, per almeno 6 mesi durante l'anno precedente l'acquisto, ovvero abbia conseguito l'idoneità in un concorso a sedi farmaceutiche effettuato nei due anni anteriori". 10

11 SUCCESSIONE Termini : sei mesi dalla presentazione della dichiarazione di successione Decreto Liberalizzazioni 24 gennaio 2012 n. 1, art Al comma 9 dell articolo 7 della legge 8 novembre 1991, n. 362 e successive modificazioni, sono 362 e successive modificazioni, le parole due anni sono sostituite dalle parole sei mesi. Nello specifico viene definito che : il termine di sei mesi fissato per gli eredi per acquistare la titolarità,, ovvero cedere la farmacia, decorra non più dall acquisto acquisto ma dalla dichiarazione di successione, che deve essere effettuata entro un anno dalla morte del de cuius. 11

12 La successione della farmacia Decreto Liberalizzazioni 24 gennaio 2012 n. 1, art. 11 E stabilito che l avente l causa, qualora non sia in possesso dei requisiti richiesti entro sei mesi dalla morte del de cuius, deve comunque cedere la quota di partecipazione. 12

13 La successione della farmacia Per Farmacie ditta individuale il termine di sei mesi riguarda : Erede in possesso dell idoneità: passaggio diretto della farmacia o della quota societaria. Erede non in possesso dell idoneità; Per le società il termine di sei mesi riguarda i soci i quali devono: conseguire l idoneità o per cedere la farmacia o la quota societaria ** Per i soci senza i requisiti agli stessi è consentito nominare un gestore provvisorio quale direttore della farmacia Nessun erede: vacanza della farmacia 13

14 LE TIPOLOGIE D D IMPRESA PER LA GESTIONE DI UNA FARMACIA

15 Attraverso quali tipologie d impresa d è possibile gestire una farmacia? Ai sensi dell art. 7, comma 1, legge 362/1991, la titolarità delle farmacie private può essere gestita: Ditta individuale : singoli farmacisti iscritti all albo con i requisiti di idoneità, Società : - società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice) costituite tra farmacisti iscritti all albo con i requisiti di idoneità; - società cooperative a responsabilità limitata costituite tra farmacisti iscritti all albo con i requisiti di idoneità. - Le società di capitali non possono essere titolari di farmacia. 15

16 Art. 7 Titolarità e gestione della farmacia Legge 362/ La titolarita' dell'esercizio della farmacia privata e' riservata a persone fisiche, in conformita' alle disposizioni vigenti, a societa' di persone ed a societa' cooperative a responsabilita' limitata che gestiscano farmacie anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge. 2. Le societa' di cui al comma 1 hanno come oggetto esclusivo la gestione di una farmacia. Sono soci della societa' farmacisti iscritti all'albo della provincia in cui ha sede la societa', in possesso del requisito dell'idoneita' previsto dall'articolo 12 della legge 2 aprile 1968, n. 475, e successive modificazioni. 16

17 LE SOCIETA s.n.c. s.a.s. SOCIETA IN NOME COLLETTIVO Soci illimitatamente responsabili Soci amministratori SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE Soci accomandatari : illimitatamente responsabili Soci accomandanti : responsabilità limitata 17

18 Il limite di titolarità di una società di farmacisti Ogni società di farmacisti non può essere titolare di più di quattro farmacie.

19 Le società di farmacisti possono essere titolari di farmacie ovunque sul territorio italiano? Le farmacie gestite da una società devono essere tutte ubicate all interno della provincia nella quale la società ha sede legale. 19

20 Ciascuna società di farmacisti da quanti soci può/deve essere partecipata? L art. 7, al comma 3 della legge 362/1991 prevede che: la direzione della farmacia gestita da una società sia affidata ad uno dei soci, e al successivo comma 4 bis, che ogni società possa essere titolare dell esercizio di quattro farmacie ubicate nella stessa Provincia. Il Ministero della Salute con nota n del 2008 ha affermato che le società di farmacisti non possono avere un numero di soci inferiore al numero di farmacie gestite dalla società medesima, in modo da consentire la preposizione, a ciascuna farmacia, di un direttore che sia anche socio della società. 20

21 Le società di farmacisti possono essere titolari di altre attività e/o esercizi commerciali? Secondo la dottrina le società di farmacisti devono avere per oggetto esclusivo la gestione di una farmacia. Di conseguenza tale tipo di società non può essere titolare, ad esempio, di una parafarmacia, ovvero di altri esercizi commerciali o di altre attività imprenditoriali. Tuttavia, il Codice dei medicinali ad uso umano, ha in parte derogato la norma sull esclusivit esclusività dell oggetto sociale, stabilendo che le società di farmacisti possono svolgere attività di distribuzione. 21

22 Il socio può detenere quote in diverse società di farmacisti? Prima dell entrata in vigore della Legge n. 248/06, il farmacista, socio di una società di farmacisti, non poteva avere partecipazioni in altre società proprietaria di farmacie. Successivamente, la legge sopra citata ha consentito al socio di acquisire quote anche in altre società di farmacisti titolari di farmacia, senza alcun limite quantitativo o territoriale. 22

23 L incompatibilità della partecipazione: Il socio in possesso di una partecipazione non può : a) Svolgere una qualsiasi attività esplicata nel settore della produzione, intermediazione informazione scientifica del farmaco; b) Ricoprire la posizione di titolare, gestore provvisorio, direttore o collaboratore di altra farmacia; c) Svolgere qualsiasi rapporto di lavoro pubblico e privato. 23

24 Il socio che ricopre il ruolo di direttore o collaboratore di una farmacia può avere partecipazioni in altre società di farmacisti? la partecipazione alle società ( ) è incompatibile con la posizione di titolare, gestore provvisorio, direttore o collaboratore di altra farmacia. L analisi di tale norma può essere svolta attraverso quanto esplicato dal Ministero: Secondo la tesi maggioritaria della dottrina l art. l 8, comma 1, lett. b) della Legge 362/1991 vieta al socio di società di farmacisti di ricoprire la carica di direttore o collaboratore re di altra farmacia a titolarità individuale o comunque di farmacia diversa da quella o da quelle di cui risulta titolare la società o le società di cui è socio. Conseguentemente il farmacista socio che ricopra la carica a di direttore o collaboratore di farmacia può possedere partecipazioni anche in altre società di farmacisti. 24

Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 "Norme concernenti il servizio i farmaceutico" " n.475. "Norme di riordino del settore farmaceutico"

Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 Norme concernenti il servizio i farmaceutico  n.475. Norme di riordino del settore farmaceutico ORDINAMENTO DELLA FARMACIA Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 "Norme concernenti il servizio i farmaceutico" " n.475 L.8.11.1991 1991 n.362 "Norme di riordino del settore farmaceutico" L.248 /2006 (Bersani)

Dettagli

Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968)

Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968) Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968) Art. 1 L'autorizzazione ad aprire una farmacia è rilasciata con provvedimento

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

PUBBLICATA ALL'ALBO ON-LINE IL

PUBBLICATA ALL'ALBO ON-LINE IL Deliberazione n. Farmacia Sede n. 02 del Comune di Lissone: autorizzazione al trasferimento di Titolarità dalla "Farmacia Pozzi" del Dott. Brambilla Giuseppe, impresa individuale, alla Società "Farmacia

Dettagli

OGGETTO: BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ASSEGNAZIONE AUTORIZZAZIONE PER L'AUTOSERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE.

OGGETTO: BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ASSEGNAZIONE AUTORIZZAZIONE PER L'AUTOSERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE. Prot. n. 15521 del 21/05/2015 OGGETTO: BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ASSEGNAZIONE AUTORIZZAZIONE PER L'AUTOSERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE. 1. NUMERO AUTORIZZAZIONI DA ASSEGNARE Il presente bando

Dettagli

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il

Dettagli

ULTERIORI INTERVENTI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA PENSIONISTICA. ( sesta salvaguardia ) Art. 1

ULTERIORI INTERVENTI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA PENSIONISTICA. ( sesta salvaguardia ) Art. 1 25giu14 ULTERIORI INTERVENTI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA PENSIONISTICA ( sesta salvaguardia ) Ampliamento da 36 a 48 mesi dall entrata in vigore del d.l. 201/2011 del periodo di maturazione dei previgenti

Dettagli

Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012

Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012 Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012 Aggiornamento 8 agosto 2012 Carlo Ranaudo 1 Rapporto Farmacie -Popolazione Legge 475/68 e

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Legislazione Farmaceutica ed Autorizzazioni in Farmacia 4 14 214 244 284 294 324 334 354 494 504 1128 1224 1624 1694 1704

Dettagli

001,260. Deliberazione n. Seduta del

001,260. Deliberazione n. Seduta del 001,260 ASL Monza e Brianza Deliberazione n 479 Seduta del 28LUG2015 Farmacia Sede n. 4 del Comune di Monza. Trasferimento di Titolarità dalla Società "Farmacia Americana S.n.c del Dott. Alberto Siccardi

Dettagli

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2).

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). D.Lgs. 21 aprile 2000, n. 185 (1). Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 6

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE Servizio associato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Drezzo, Faloppio, Gironico, Lurate Caccivio, Olgiate Comasco, Oltrona

Dettagli

P08 -AS-Esercizio dell'attività di noleggio con conducente - Rev.2-8.7.2013

P08 -AS-Esercizio dell'attività di noleggio con conducente - Rev.2-8.7.2013 P08 -AS-Esercizio dell'attività di noleggio con conducente - Rev.2-8.7.2013 Definizione La normativa nazionale vigente (legge 15 gennaio 1992, n. 21) definisce autoservizi pubblici non di linea quelli

Dettagli

Circolare - 23/05/2012 - Prot. n. 0012374 - Professione di autotrasportatore su strada per trasporto persone

Circolare - 23/05/2012 - Prot. n. 0012374 - Professione di autotrasportatore su strada per trasporto persone Circolare - 23/05/2012 - Prot. n. 0012374 - Professione di autotrasportatore su strada per trasporto persone OGGETTO: Chiarimenti. Professione di trasportatore su strada per il trasporto di persone. Accesso

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI INDICE DELLE SCHEDE 1) LIMITI NUMERICI - PROSSIME SCADENZE (art. 14, comma 32, d.l. 78/2010) 1.1) INTERVENTO SOSTITUTIVO DEL PREFETTO (art. 16, comma 28, d.l.

Dettagli

MODELLO 2 FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL POSSESSO DEI REQUISITI. DI CUI AGLI ARTT. 38, 39 e 40 del D.LGS. N. 163/2006

MODELLO 2 FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL POSSESSO DEI REQUISITI. DI CUI AGLI ARTT. 38, 39 e 40 del D.LGS. N. 163/2006 MODELLO 2 FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTT. 38, 39 e 40 del D.LGS. N. 163/2006 (ex artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000) Spett.le Fondazione Teatro alla Scala

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE

Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE RIFORMA CRISPI (1888): centralizzazione delle funzioni di vigilanza e d'autorizzazione in materia, riaffermazione del principio del

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Titolo I Modificazioni alla legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 (Riordino del servizio sanitario regionale)

REGIONE LIGURIA. Titolo I Modificazioni alla legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 (Riordino del servizio sanitario regionale) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 27 dicembre 2011, n. 36 Ulteriori disposizioni di razionalizzazione del Servizio Sanitario Regionale e in materia di servizi sociali e di cooperazione internazionale. (GU

Dettagli

FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 DL, RSPP, Lavoratori

FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 DL, RSPP, Lavoratori FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 DL, RSPP, Lavoratori Corso Prima Esonerati prima Aggiornamento Normativa RSPP Datore di 16 ore rischio basso 1.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0008376.27-07-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE Cagliari, 27/07/2015 VISTO il testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

Modulo " ALLEGATO B" DICHIARAZIONE UNICA (IN CARTA SEMPLICE)

Modulo  ALLEGATO B DICHIARAZIONE UNICA (IN CARTA SEMPLICE) Modulo " ALLEGATO B" DICHIARAZIONE UNICA (IN CARTA SEMPLICE) Al Comune di Sant Antioco Comando Polizia Municipale Sant Antioco Oggetto: Procedura aperta per l'affidamento del servizio gestione parcheggi

Dettagli

Attività e sbocchi occupazionali del farmacista

Attività e sbocchi occupazionali del farmacista Attività e sbocchi occupazionali del farmacista Costituiscono sbocchi occupazionali per i farmacisti le attività connesse al possesso della laurea in Farmacia o in CTF e, ove occorra, all'abilitazione

Dettagli

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali Servizi alla Comunità Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani, 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249515 Email: servizi.comunita@cna.it Sede di Bruxelles Ufficio Europeo ISB 36-38 Rue Joseph II Tel + 322

Dettagli

Oggetto: Attività di catering/banqueting - Attività di somministrazione di alimenti e bevande - Richiesta parere.

Oggetto: Attività di catering/banqueting - Attività di somministrazione di alimenti e bevande - Richiesta parere. MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO RISOLUZIONE 10 APRILE 2015, N.50481 ATTIVITÀ DI CUOCO A DOMICILIO - HOME RESTAURANT - RICHIESTA PARERE Allegato Ministero sviluppo economico risoluzione 12 giugno 2013,

Dettagli

Forma giuridica dell impresa

Forma giuridica dell impresa Forma giuridica dell impresa Quando una impresa si costituisce deve affrontare il problema di quale forma giuridica scegliere: Impresa individuale Società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) Società di capitali

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIURAOODRSA Prot. n 13674 Cagliari, 27/08/2013 IL VICEDIRETTORE VISTO il testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione approvato con il decreto legislativo del 16 aprile 1994, n 297

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche che giuridiche) in conformità all'art. 18 lettera 4 dello

Dettagli

proposta di delibera delibera

proposta di delibera delibera Relazione degli amministratori di Nice S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125-ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n. 11971 del

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO BANDO COMUNALE DI CONCORSO PUBBLICO PER SOLI TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N.2 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA (NCC) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Sistema Socio Sanitario PUBBLICATA ALL'ALBO ON-LINE IL - h MAG. 2016 DELIBERAZIONE N. DEL 21 APR 2016 OGGETTO: Autorizzazione vendita on line di medicinali senza obbligo di prescrizione medica alla "Farmacia

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale.

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Tale raccolta, da impiegare esclusivamente per il conseguimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N.

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. Senato Accademico 28 aprile 2016 Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 Decreto Rettorale 759-2016 del 6 maggio 2016 Pubblicazione all Albo di Ateneo n. 128 del 9 maggio 2016 - Prot. 40568 Ufficio

Dettagli

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218)

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) La comunicazione antimafia consiste nell'attestazione della sussistenza o meno di una delle cause

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO R E N D E N O T O

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO R E N D E N O T O BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DI N. 1 AUTORIZZAZIONE PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA FINO AD UN MASSIMO DI 9 POSTI, COMPRESO QUELLO DEL CONDUCENTE.

Dettagli

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività:

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (L. 122 del 5.2.1992 modificata con L. 224/2012) MAGGIO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 17 novembre 1997, n. 398. Modifica alla disciplina del concorso per uditore giudiziario e norme sulle scuole di specializzazione per le professioni legali, a norma dell'articolo 17, commi 113 e

Dettagli

2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività

2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività 2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività E.C.M. Educazione Continua in Medicina 17 giugno 2013 ore 20:00 Provider e Segreteria Organizzativa Con il contributo

Dettagli

Codice Fiscale TEL FAX

Codice Fiscale TEL FAX AREA COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Timbro Protocollo MOD. 303 ESERCIZI PUBBLICI Servizio Attività economiche e di servizio SUAP Pianificazione Commerciale COMPILARE

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012 ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012 INFORMAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DI NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI DI UNICREDIT S.P.A. UniCredit S.p.A. - Sede Sociale: Via Alessandro Specchi 16-00186 Roma - Direzione

Dettagli

Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari.

Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari. TITOLO I Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari. Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare Art 4. Partecipazione al capitale

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino Piazza Cavour 1 - C.A.P. 10068 Tel. 011 9807107 Fax Segreteria: 011 9807441 www.comune.villafrancapiemonte.to.it email: info@comune.villafrancapiemonte.to.it

Dettagli

Oggetto: Segnalazione certificata di inizio attività Attività professionale di tinto lavanderia

Oggetto: Segnalazione certificata di inizio attività Attività professionale di tinto lavanderia ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di Oggetto: Segnalazione certificata di inizio attività Attività professionale di tinto lavanderia In caso di attività

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Impresa Individuale. Società semplice Ss

Impresa Individuale. Società semplice Ss Impresa Individuale Solo il titolare I principali adempimenti amministrativi, da eseguire certificata PEC (non obbligatoria per l impresa Sono contenuti e riguardano principalmente: e L attuale sistema

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO Servizio Attività Economiche Largo della Repubblica 12 48022 Lugo Tel. 0545 38541 Fax 0545 38371 I.D. 87461 sportellounico@unione.labassaromagna.it Allegato alla Determina n. 1333 del 01/12/2011 UNIONE

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

ritenuto di dover provvedere in merito trasmesso in copia all Assessore Regionale al Welfare;

ritenuto di dover provvedere in merito trasmesso in copia all Assessore Regionale al Welfare; 13865 ritenuto di dover provvedere in merito DETERMINA 1. di prendere atto di quanto espresso in narrativa, che qui si intende integralmente riportato; 2. di concedere il nulla osta all iscrizione nel

Dettagli

Circolare INPS 2 marzo 2001 n. 49 L. 14 dicembre 2000, n. 385. Nuove norme in materia di integrazione al trattamento minimo. 1.

Circolare INPS 2 marzo 2001 n. 49 L. 14 dicembre 2000, n. 385. Nuove norme in materia di integrazione al trattamento minimo. 1. Circolare INPS 2 marzo 2001 n. 49 L. 14 dicembre 2000, n. 385. Nuove norme in materia di integrazione al trattamento minimo. Emanata dall'istituto nazionale della previdenza sociale, Direzione centrale

Dettagli

I NUOVI CERTIFICATI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE

I NUOVI CERTIFICATI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE I NUOVI CERTIFICATI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE Ottobre 2014 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV3 IST/CERT/1 1 1. Premessa I CERTIFICATI

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SCHEMA DI

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SCHEMA DI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SCHEMA DI Regolamento di disciplina dei requisiti patrimoniali e di indipendenza delle società di consulenza finanziaria, nonché dei requisiti di professionalità, onorabilità

Dettagli

MODULO A DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... dell'impresa...

MODULO A DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... dell'impresa... MODULO A DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE dell'impresa... con sede in... Codice fiscale...

Dettagli

TABELLA ALIQUOTE IN VIGORE... 8 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE... 9

TABELLA ALIQUOTE IN VIGORE... 8 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE... 9 MAGGIO 2007 RTRABACE IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI EVOLUZIONE - TABELLE - TERMINI EVOLUZIONE NORMATIVA... 1 TABELLA ALIQUOTE (A)... 3 TABELLA ALIQUOTE (B)... 5 TABELLA ALIQUOTE (C)... 7 TABELLA

Dettagli

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2).

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2). L. 15-7-2002 n. 145 Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 luglio 2002, n. 172.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 12 del 09/05/2011 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE)

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 12 del 09/05/2011 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE) COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 12 del 09/05/2011 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale».

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale». L. 8 novembre 1991, n. 381 Disciplina delle cooperative sociali 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI LA TASSAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA ALLA LUCE DELLA DELEGA FISCALE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Il Disegno di legge sulla concorrenza licenziato dal Consiglio

Dettagli

PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO E PER IL PROGRESSO ECONOMICO BANDO DI CONCORSO ANNO 2014

PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO E PER IL PROGRESSO ECONOMICO BANDO DI CONCORSO ANNO 2014 PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO E PER IL PROGRESSO ECONOMICO LXIII (63 a ) edizione BANDO DI CONCORSO ANNO 2014 Scadenza: 30 giugno 2015 Per informazioni: via San Francesco da Paola 24, 10123 Torino

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani Staff Gare e Contratti Via Osorio n. 22 91100 Trapani

Provincia Regionale di Trapani Staff Gare e Contratti Via Osorio n. 22 91100 Trapani Modello istanza di iscrizione Albo imprese di fiducia Provincia Regionale di Trapani Staff Gare e Contratti Via Osorio n. 22 91100 Trapani Oggetto: Iscrizione all Albo delle Imprese di Fiducia per l affidamento

Dettagli

Trasferimenti mortis causa di partecipazioni in Società di persone: il caso dell erede minore di età

Trasferimenti mortis causa di partecipazioni in Società di persone: il caso dell erede minore di età Focus di pratica professionale di Francesco Facchini e Luigi Scappini Trasferimenti mortis causa di partecipazioni in Società di persone: il caso dell erede minore di età Lo scopo della presente trattazione

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA AGEVOLAZIONI PRIMA CASA (Norme a aliquote nel tempo) 1) NORMATIVA IN VIGORE: 1A) Trasferimenti a titolo oneroso 1B) Trasferimenti a titolo gratuito 2) TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO EVOLUZIONE NORMATIVA

Dettagli

Al Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA.

Al Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA. Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate

Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate Mi si chiede di rispondere, secondo verità, al seguente QUESITO: se sia legittimo costituire una società tra professionisti, ai sensi dell

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER CONCESSIONE IMPIANTO SPORTIVO TENNIS - CIG 6215019BEA

PROCEDURA APERTA PER CONCESSIONE IMPIANTO SPORTIVO TENNIS - CIG 6215019BEA Modello Istanza Al Consorzio Villa Reale e Parco di Monza Viale Mirabellino, 2 20900 Monza PROCEDURA APERTA PER CONCESSIONE IMPIANTO SPORTIVO TENNIS - CIG 6215019BEA Il sottoscritto nato a il residente

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

AO ORDINE MAURIZIANO DI TORINO. Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte. Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino

AO ORDINE MAURIZIANO DI TORINO. Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte. Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino CONFERIMENTO DELLA POSIZIONE DI COORDINATORE SANITARIO E DI ASSISTENTE SOCIALE CRITERI GENERALI (art. 10 c.8

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: Art.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: Art. LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014) Vigente al:

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA MODULO A PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA (da presentare, in carta libera, da parte delle Società singole, Consorzi e Consorziate,

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

Rifer. determ. n. 223/2010 Ferrara, 7 Aprile 2010

Rifer. determ. n. 223/2010 Ferrara, 7 Aprile 2010 Arcispedale S. Anna Direzione Giuridica ed Economica delle Risorse Umane Ufficio Concorsi e Pianta Organica Il Responsabile: Avv. Marina TAGLIATI Rifer. determ. n. 223/2010 Ferrara, 7 Aprile 2010 IG/ig--

Dettagli

Conferenza Nazionale sui dispositivi medici ROMA 7-8 Giugno 2007

Conferenza Nazionale sui dispositivi medici ROMA 7-8 Giugno 2007 Conferenza Nazionale sui dispositivi medici ROMA 7-8 Giugno 2007 La pubblicità dei dispositivi medici: Novità normative e prospettive Valentina Fossa Direzione generale dei Farmaci e dispositivi medici

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio IV - Promozione della Concorrenza Risoluzione del 15.09.2008 prot. n.0024368 OGGETTO : Decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE S O M M A R I O Art. 1 - Disciplina del servizio Art. 2 - Determinazione del numero degli autoveicoli da adibire al servizio

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI COMANDO POLIZIA MUNICIPALE TEL. 081.2386211/246-FAX 081.7116056 BANDO DI CONCORSO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N 20 (VENTI) AUTORIZZAZIONI PER IL NOLEGGIO

Dettagli

(Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool)

(Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool) Art. 53. (Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool) 1. L'articolo 14 della legge 30 marzo 2001, n. 125, e' sostituito dal seguente: «Art. 14. - (Vendita

Dettagli

Avvertenze per i singoli riquadri

Avvertenze per i singoli riquadri MODULO INTERCALARE S Elenco dei soci e degli altri titolari di diritti su azioni o quote sociali - Pubblicità delle società soggette all'altrui attività di direzione e coordinamento AVVERTENZE GENERALI

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter

Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter del Decreto Legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI INTEGRAZIONI AI PIANI DI ATTRIBUZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI INTEGRAZIONI AI PIANI DI ATTRIBUZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI INTEGRAZIONI AI PIANI DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI IN ESSERE RIVOLTI A DIPENDENTI DEL GRUPPO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ART. 2 Programmazione

ART. 2 Programmazione REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE DELL UNIVERSITA

Dettagli

Deliberazione n. 51 Adunanza del 18 maggio 2011

Deliberazione n. 51 Adunanza del 18 maggio 2011 Deliberazione n. 51 Adunanza del 18 maggio 2011 VISF/GE/10/48517 Oggetto: verifica configurazione della società Seprio Patrimonio Servizi s.r.l. quale società in house del Comune di Tradate (VA) - verifica

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIA STRUTTURA DI VENDITA (da mq. 1501 a mq. 2.500) >> CENTRO COMMERCIALE

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli