Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari"

Transcript

1 Sicurezza alimentare Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari

2 Indice Introduzione 3 1. La sicurezza inizia al momento dell acquisto 4 2. La dispensa moderna: il vostro frigorifero 6 3. Si può mangiare o è da buttare? Ce lo dice la data 8 4. Guida pratica alla conservazione 10 Pane e prodotti da forno 11 Pasta, riso e cereali 12 Uova 13 Pollame 14 Pesce 15 Carne e salumi 16 Formaggio 18 Latte e latticini 19 Frutta 20 Funghi 21 Verdura e patate 22 Noci e semi 24 Piatti pronti 25 Conserve 26 Confetture e gelatine Tenere in caldo ma non per troppo tempo! E se rimangono degli avanzi? La pulizia è un imperativo assoluto Piccoli organismi molto potenti Insetti e parassiti 38 Sicurezza alimentare: dal supermercato alla tavola La vostra alimentazione ci sta particolarmente a cuore, perché la distribuzione di generi alimentari rappresenta la nostra attività fondamentale. Da Coop trovate la più grande scelta di prodotti in tutte le categorie di prezzo e per le più svariate esigenze. La qualità è il valore centrale di tutti i nostri generi alimentari. Curiamo con attenzione questo aspetto lungo tutta la catena merceologica: dal produttore, alla lavorazione, al trasporto, fino al supermercato Coop. Una grande attenzione è rivolta soprattutto all igiene nel lavoro con i generi alimentari. Nelle dichiarazioni dei prodotti, Coop va addirittura oltre a quanto richiesto dalla legge. Sulle nostre confezioni trovate informazioni sulle caratteristiche del prodotto e utili notizie supplementari quali ad esempio le indicazioni per chi soffre di un allergia. Inoltre potete trovate importanti informazioni sulle modalità di cottura oppure consigli sulla conservazione e il consumo sicuro degli alimenti. Il nostro compito è quello di offrirvi generi alimentari di prima qualità. Con questo opuscolo intendiamo proporvi utili consigli su come conservare, trattare e consumare a casa i generi alimentari acquistati. Vi troverete importanti regole di base per la loro corretta conservazione e preparazione. Vi auguriamo buon divertimento nell acquistare i prodotti, nel cucinarli e naturalmente nel gustarli in tutta tranquillità! Buon appetito! Silvio Raggini Responsabile Centro Qualità 2 3

3 1. La sicurezza inizia al momento dell acquisto La sicurezza alimentare inizia già al momento dell acquisto: Tutto ciò che in negozio si trova nei frigoriferi deve essere conservato in frigorifero anche a casa. Gli alimenti da refrigerare vanno acquistati alla fine della spesa. Occorre portarli subito a casa e riporli immediatamente nel frigorifero. Gli alimenti surgelati vanno collocati per ultimi nel carrello della spesa e per il trasporto fino a casa è preferibile utilizzare una borsa frigo. In questo modo si evita che gli alimenti si scongelino. Temperatura e proliferazione dei germi Nessuna crescita ulteriore, i germi muoiono Crescita lenta Crescita molto rapida Crescita rapida Crescita lenta 15 Crescita praticamente bloccata, ma i germi non muoiono C 5

4 2. La dispensa moderna: il vostro frigorifero La temperatura ideale all interno del frigorifero è compresa fra +2 e +5 C. A queste temperature la maggior parte dei batteri si riproduce molto lentamente. Molti frigoriferi sono dotati di settori con temperature diverse. Per determinati alimenti vi sono scomparti particolarmente adatti. La temperatura interna va verificata regolarmente con un termometro separato. Formaggio, piatti preparati (coperti) +8 C Uova, burro +10 C Latticini come yogurt, quark, panna +5 C Dressing, salse, confetture, tubetti +8 C Carne, prodotti di carne, pesce +2 C Frutta e verdura +10 C Bevande +10 C 7

5 3. Si può mangiare o è da buttare? Ce lo dice la data Con la data minima di conservabilità il produttore garantisce che gli alimenti possano essere consumati almeno fino a quella data se le condizioni di conservazione sono adeguate. Quando la data minima di conservabilità è scaduta si consiglia di esaminare attentamente l aspetto, l odore e il sapore del prodotto. Va osservato che la data minima di conservabilità vale soltanto per i prodotti ancora nella loro confezione originale e soltanto se sono state rispettate le condizioni di conservazione specificate. Dopo aver aperto la confezione, l ossigeno, l umidità e i microrganismi vengono a contatto con l alimento e ne determinano e accelerano il processo di deterioramento. A differenza della data minima di conservabilità, la data di consumo indica, nei prodotti freschi, il termine ultimo entro il quale l alimento deve essere effettivamente consumato. La data di consumo è obbligatoria per gli alimenti facilmente deperibili o igienicamente critici come ad esempio il pollame fresco o la carne macinata. Gli alimenti con data di consumo scaduta vanno buttati nei rifiuti. La durata di conservazione viene definita dal produttore, il quale garantisce la perfetta qualità del suo prodotto fino alla data indicata. Su alcune confezioni, oltre alla data di conservazione vengono fornite indicazioni relative alle condizioni di conservazione che hanno il seguente significato: conservare in congelatore conservare nel congelatore ad almeno 18 C conservare in frigo conservare a una temperatura tra +2 e +5 C conservare in un luogo fresco conservare a una temperatura max. di +15 C, non in frigorifero conservare a temperatura conservare a temperature comprese fra +18 e +22 C ambiente conservare in un luogo asciutto conservare al riparo dalla luce conservare in un luogo asciutto con un umidità dell aria max. del 70% proteggere dalla luce diretta conservare in un luogo umido conservare a temperature comprese fra +6 e +15 C e fresco e un umidità dell aria compresa fra il 70 e il 90% 9

6 4. Guida pratica alla conservazione Pane e prodotti da forno Il pane va conservato in un luogo asciutto, aerato e non troppo caldo. Il modo migliore per conservarlo è quello di riporlo con la parte tagliata verso il basso in una cassetta o in un contenitore per il pane. Il pane ammuffito non è più adatto per essere consumato e pertanto va buttato. I prodotti ammuffiti non devono essere usati in nessun caso come cibo per animali perché le sostanze tossiche della muffa (micotossine) sono dannose anche per la salute degli animali. Pane bianco cassetta portapane, lato 1 2 giorni Pane misto di frumento tagliato verso il basso 3 giorni Pane misto di segale 5 7 giorni Pane per toast ben chiuso nella confezione 7 giorni, rispettare la data di originale consumo Prodotti da forno in frigorifero, nella confezione rispettare la data di consumo refrigerati originale Pane, panini, fondi per in congelatore a 18 C, 1 3 mesi torte, congelati in casa ben chiusi per evitare una 2 3 mesi scottatura da freddo Torte, crostate di frutta, in frigorifero, coperti 1 2 giorni, rispettare la data dolci con ripieno di di consumo panna Dolci secchi, ad es. ben confezionati, in un luogo 1 2 settimane, rispettare la torte lievitate asciutto data di consumo 11

7 Pasta, riso e cereali Pasta, riso e cereali devono essere conservati in un luogo asciutto e all interno di barattoli o contenitori chiusi, protetti dalla luce, dagli odori e dai parassiti. Se si notano impurità o la formazione di grumi significa che questi prodotti sono stati infestati dai parassiti. Farina in luogo asciutto, in recipienti almeno 1 anno, ermetici rispettare la data minima di conservabilità Cornflakes, cereali per in luogo asciutto, in recipienti almeno 1 anno, la prima colazione, ermetici rispettare la data minima müesli di conservabilità Riso, pasta in luogo asciutto, in recipienti almeno 1 anno, ermetici rispettare la data minima di conservabilità Pasta cotta in frigorifero, coperti. 1 2 giorni Riso cotto Attenzione: coprire soltanto quando 1 2 giorni il prodotto si è raffreddato. Uova Le uova vanno conservate in frigorifero. Per preparare delle pietanze che non vengono cotte, come ad esempio il tiramisù o la maionese, utilizzate soltanto uova fresche (non anteriori ai 15 giorni dalla data di deposizione). Le pietanze preparate con uova crude vanno riposte subito in frigorifero dove si conservano per un massimo di 24 ore. Le uova sode, invece, possono essere conservate più a lungo se non vengono raffreddate in acqua. L acqua del rubinetto è potabile, tuttavia non è completamente priva di germi. Poiché l interno dell uovo si ritira raffreddandosi, l acqua viene risucchiata all intero dell uovo attraverso il guscio. In questo modo anche i germi penetrano all interno dell uovo, che normalmente è sterile, e possono moltiplicarsi. Inoltre, raffreddare le uova in acqua non ne facilita la sgusciatura. Le uova sode colorate industrialmente sono conservabili a temperatura ambiente per diverse settimane. Dopo la colorazione viene applicata una vernice protettiva che impedisce l ingresso dei batteri e allunga così i tempi di conservabilità. Uova, crude in frigorifero rispettare la data minima di conservabilità Pietanze preparate a in frigorifero, coperte massimo 1 giorno freddo con uova crude Uova sode cotte in casa - non raffreddate in acqua fuori dal frigorifero 1 mese - raffreddate in acqua fuori dal frigorifero 2 3 giorni - raffreddate in acqua in frigorifero 1 2 settimane Uova colorate fuori dal frigorifero rispettare la data minima industrialmente di conservabilità Uova colorate in casa, non fuori dal frigorifero 1 mese raffreddate in acqua 12 13

8 Pollame Sul pollame fresco confezionato è sempre riportata la data di consumo poiché si tratta di un prodotto facilmente deperibile. Consumare la carne sempre prima della data di consumo indicata, per evitare qualsiasi rischio per la salute. Lasciate scongelare il pollame surgelato nel frigorifero in un recipiente coperto. Rimuovete a tal fine la confezione e ponete il pollame o le sue parti in un recipiente, preferibilmente con un colino, affinché il sugo della carne possa sgocciolare. Eliminate il liquido che si è formato durante lo scongelamento, evitando il contatto con alimenti che non vengono più riscaldati. Pulite con acqua calda e detersivo per stoviglie tutti gli utensili che sono venuti a contatto con il pollame. Lavatevi bene le mani con acqua calda e sapone. Per la preparazione, prevedete tempi di cottura sufficientemente lunghi e una temperatura interna compresa fra 70 e 80 C. Il pollame può considerarsi cotto a puntino quando forandolo con una forchetta fuoriesce un sugo incolore. Il pollame scongelato deve essere preparato nell arco di una giornata e possibilmente consumato sempre nella stessa giornata. Per la Fondue Chinoise e per la cottura alla griglia, assicuratevi che il pollo crudo o il suo sugo non vengano a contatto con i contorni, con le salse o con il pollo già cotto. Usate piatti separati per la carne cruda. Pollame fresco venduto in frigorifero al banco, crudo 1 2 giorni Pollame fresco, in frigorifero rispettare la data di consumo confezionato, crudo Pollame cotto In frigorifero, coperto 2 3 giorni Insalata di pollame In frigorifero, coperta 2 3 giorni Pollame congelato in congelatore a 18 C, 4 6 mesi in casa ben chiuso per evitare una scottatura da freddo Pesce Il pesce è fra quegli alimenti che deperiscono molto facilmente e pertanto deve essere consumato preferibilmente lo stesso giorno in cui viene acquistato. Il pesce congelato può essere lavorato senza venire prima scongelato. Per impanarlo, si consiglia di farlo scongelare leggermente prima nel frigorifero. Per il pesce fresco confezionato va osservata la data di consumo indicata sulla confezione. Dopo aver aperto la confezione, il pesce deve essere preparato subito. Pesce fresco venduto in frigorifero il giorno dell acquisto al banco Pesce fresco in frigorifero rispettare la data di consumo confezionato Pesce affumicato in frigorifero 1 2 giorni venduto al banco Pesce affumicato in frigorifero rispettare la data di consumo confezionato Pesce surgelato in congelatore a 18 C attenersi alle indicazioni riportate sulla confezione Pesce fresco congelato in congelatore a 18 C, 2 6 mesi in casa ben chiuso per evitare una scottatura da freddo 14 15

9 Carne e salumi All interno del frigorifero la carne e i salumi dovrebbero essere conservati nella sezione più fredda, generalmente sulla lastra di vetro che si trova sopra lo scomparto per la frutta e la verdura. La carne fresca sotto vuoto può essere conservata nella confezione originale almeno fino alla data indicata. Una volta aperta la confezione, la carne va consumata rapidamente. Scongelate la carne congelata preferibilmente in un recipiente coperto all interno del frigorifero e cucinatela il giorno stesso. Assicuratevi che durante la preparazione la carne non sgoccioli su altri alimenti. Il prosciutto cotto e gli affettati, come ad esempio la salsiccia di Lione, deperiscono facilmente e pertanto vanno conservati in frigorifero nella loro confezione. I salumi crudi stagionati, come il salame o il prosciutto crudo in tranci, possono essere conservati fuori dal frigorifero in un luogo fresco e aerato. I salumi deperiti o ammuffiti vanno buttati nei rifiuti poiché possono contenere sostanze metaboliche tossiche. Carne macinata cruda, in frigorifero il giorno dell acquisto venduta al banco Carne macinata cruda, in frigorifero rispettare la data di consumo confezionata Carne macinata cotta a in frigorifero, coperta 2 3 giorni puntino Carne macinata cruda, in congelatore a 18 C, 1 3 mesi congelata in casa ben chiuso per evitare una scottatura da freddo Carne cruda (a fette o in in frigorifero 2 3 giorni, rispettare la data tranci) di consumo Gulasch, spiedini, in frigorifero fino a 1 giorno, rispettare la spezzatino, ecc., crudi data di consumo Carne arrostita in frigorifero, coperta 2 3 giorni Carne di manzo in congelatore a 18 C, 6 10 mesi congelata in casa ben chiuso per evitare una scottatura da freddo Carne di maiale in congelatore a 18 C, 4 6 mesi congelata in casa ben chiuso per evitare una scottatura da freddo Affettati come prosciutto in frigorifero, confezionati cotto, salsiccia di Lione 1 3 giorni, rispettare la data di consumo Salumi crudi stagionati in frigorifero, confezionati 10 giorni, rispettare la data affettati come salami, di consumo prosciutto crudo Salumi stagionati e luogo fresco ( C) diverse settimane, rispettare prosciutto crudo in tranci e aerato la data di consumo Insaccati, come wienerli, in frigorifero, confezionati 10 giorni, rispettare la data schüblig, ecc. di consumo Salumi, confezionati in frigorifero rispettare la data di consumo 16 17

10 Formaggio Il formaggio è un alimento molto delicato che, se conservato in modo errato, perde le proprie qualità e deperisce velocemente. Nel frigorifero il formaggio va sempre conservato in una confezione per evitare che diventi secco. Non rimuovete la crosta dal formaggio in tranci poiché lo protegge dalla muffa. Il formaggio a crosta fiorita si conserva meglio se avvolto in una pellicola o se conservato in un barattolo provviste. In tal modo le culture di muffa non possono propagarsi liberamente sugli altri formaggi. Il consumo o l eliminazione delle muffe dipendono dal tipo di formaggio. Nei formaggi a crosta fiorita, come il camembert o il roquefort, le muffe utilizzate per la loro stagionatura sono assolutamente innocue per la salute e i formaggi possono essere consumati anche se la muffa ricopre completamente le superfici di taglio. Nei formaggi a pasta dura come l Emmentaler la superficie ammuffita dovrebbe essere rimossa ampiamente. Assicuratevi che la muffa non sia penetrata all interno del formaggio. Se quest ultimo è interamente ricoperto da una muffa verde, occorre assolutamente buttarlo via. Anche il formaggio fresco, il formaggio a pasta semidura e quello a fette, se ammuffiti, devono essere immediatamente buttati nei rifiuti. Il formaggio non sempre si presta a essere congelato. Formaggi a pasta molle, a pasta semidura e a pasta dura perdono sapore se congelati. Inoltre, la pasta assume spesso una consistenza granulosa e secca. Latte e latticini Il latte e i latticini pastorizzati vanno sempre conservati in frigorifero. Per i prodotti non aperti vale la data di conservazione; una volta aperti, i prodotti possono essere conservati ancora per un periodo che va da 1 a 3 giorni. Il latte e i latticini UHT possono essere conservati fuori dal frigorifero rispettando la data minima di conservabilità, a condizione che la confezione sia chiusa. Una volta aperte, le confezioni del latte UHT vanno conservate assolutamente nel frigorifero e consumate entro 2 o 3 giorni. Latte pastorizzato, in frigorifero rispettare la data minima in confezione chiusa di conservabilità Latte pastorizzato, in frigorifero 1 3 giorni in confezione aperta Latte UHT, in a temperatura ambiente rispettare la data minima confezione chiusa di conservabilità Latte UHT, in in frigorifero 2 3 giorni confezione aperta Yogurt, quark, crème in frigorifero rispettare la data di consumo fraîche, in confezione chiusa Yogurt, quark, crème in frigorifero 3 4 giorni fraîche, in confezione aperta Formaggio a pasta molle in frigorifero, confezionato 8 10 giorni (Camembert, Limburger) Formaggio a pasta semi- in frigorifero, confezionato 8 10 giorni dura, in tranci (Tilsiter, Raclette) Formaggio a pasta dura, in frigorifero, confezionato 3 settimane in tranci (Emmentaler) Formaggi a fette in frigorifero, confezionati 7 giorni Formaggio fresco, in frigorifero, coperto 3-4 giorni confezione aperta 18 19

11 Frutta La maggior parte della frutta può essere conservata in un luogo fresco e buio, preferibilmente nello scomparto per la frutta e la verdura del frigorifero, in cantina o in una dispensa fresca. Tuttavia, non tutti i frutti possono essere conservati assieme ad altri. Alcuni tipi di frutta emettono infatti il gas di etilene, molto diffuso in natura, che accelera la maturazione degli altri frutti riducendone così la conservabilità. I kiwi, ad esempio, diventano molli se tenuti accanto alle mele. Si consiglia pertanto di conservare i frutti sensibili all etilene separati da quelli che emettono questo tipo di gas. Non conservare questi frutti Mele, albicocche, avocado, banane, pere, peschenoci, pesche, susine... assieme a questi altri frutti. Kiwi, meloni Il frigorifero non è il luogo ideale per conservare indistintamente qualsiasi tipo di frutto. Molti frutti sono infatti sensibili al freddo e vanno conservati nella dispensa, in cucina o in un portafrutta. Frutti sensibili al freddo Ananas, avocado, banane, banane da cuocere, mango, meloni, papaia, agrumi Frutti conservabili in frigorifero Mele, albicocche, pere, frutta a bacche (fragole, lamponi, ecc.), fichi, ciliegie, kiwi, peschenoci, susine, pesche, uva, prugne Funghi I funghi sono spesso sporchi e devono pertanto essere puliti prima di essere cucinati. Il metodo più semplice è quello di pulirli con un piccolo pennello da cucina o tenerli brevemente sotto l acqua corrente. Le spugnole possono avere all interno un po di terra o sassolini che è possibile eliminare tagliando a metà il fungo. I funghi secchi vengono tenuti alcune ore a mollo in acqua a temperatura ambiente prima di essere lavorati. I funghi surgelati possono essere tagliati più facilmente quando sono parzialmente ma non del tutto scongelati. Buttate nei rifiuti i funghi commestibili che sono ammuffiti, infestati da insetti oppure che sono stati conservati troppo a lungo o sono deteriorati. I funghi freschi si riconoscono per il loro tipico odore e la loro superficie liscia, priva di ammaccature. Non devono essere acquosi né aver assunto una colorazione grigiastra. I funghi hanno un alto contenuto di acqua e devono pertanto essere conservati sempre al fresco, senza essere coperti. In frigorifero possono essere conservati per circa due giorni. Tuttavia i funghi sprigionano il massimo sapore quando vengono lavorati subito dopo essere stati acquistati. Frutta a bacche in frigorifero, scomparto 1 2 giorni (fragole, lamponi) della frutta e verdura Frutta a nocciolo in frigorifero, scomparto 2 3 giorni (albicocche, peschenoci) della frutta e verdura Agrumi (arance, limoni) fuori dal frigorifero 8 10 giorni Frutta tropicale (ananas, fuori dal frigorifero banane) pochi giorni Mele possibilmente a meno di +5 C 3 5 mesi Pere luogo buio e aerato 1 3 mesi 20 21

12 Verdura e patate La maggior parte delle varietà di ortaggi va conservata in un luogo fresco e buio, preferibilmente in frigorifero, nello scomparto per la frutta e la verdura, o in una dispensa fresca. La presenza di luce e di elevate temperature accelera e rafforza nei vegetali il processo metabolico. Questo significa che la verdura avvizzisce più rapidamente, perdendo parte del suo contenuto di vitamine. La verdura conservata troppo a lungo rischia di marcire o di sviluppare muffe. La verdura andata a male non è più commestibile. Lavate e pulite la verdura sempre separatamente da altri alimenti come la carne, il pollame o i piatti a base di uova fresche. Come per la frutta, anche alcune verdure emettono il gas di etilene oppure sono sensibili a questo gas. Ad esempio il cavolo bianco diventa giallo se viene conservato assieme alle mele. Fra tutti gli ortaggi, i pomodori sono quelli che rilasciano la maggior quantità di etilene. Pertanto non conservate mai i pomodori assieme ad altre verdure sensibili all etilene. Verdure sensibili all etilene Cavolfiori, broccoli, cetrioli, patate, porri, peperoni, cavoli di Bruxelles, spinaci Alcune verdure, se conservate a temperature troppo basse, vengono danneggiate dal freddo. La verdura sensibile al freddo deve perciò essere conservata nella dispensa o in cantina. Insalata mista in buste, in frigorifero, scomparto della rispettare la data di preparata frutta e verdura consumo Verdure a foglie (insalate, in frigorifero, scomparto della pochi giorni spinaci) frutta e verdura Verdura a frutti (peperoni, al buio e al fresco, fuori dal pochi giorni cetrioli) frigorifero Radici (carote, cavoli rapa) in frigorifero, scomparto della fino a 8 giorni frutta e verdura Cavoli (porri, barbabietole in frigorifero, scomparto della 3 4 mesi rosse) frutta e verdura Verdura, cotta in frigorifero 1 2 giorni Verdura congelata in casa in congelatore a 18 C, ben 6 12 mesi chiusa Verdura surgelata nel congelatore a 18 C, rispettare la data minima di conservabilità Patate lesse (con buccia) in frigorifero 2 3 giorni Patate novelle Al fresco e al riparo dalla luce consumare presto Patate estive o invernali Al fresco e al riparo dalla luce 6 8 mesi Da non conservare in frigorifero Melanzane, cetrioli, fagiolini, patate, zucche, peperoni, pomodori, zucchine Da conservare in frigorifero Insalate a foglia, cavolfiori, broccoli, carote, cavolo bianco,ravanelli, cavoli di Bruxelles, barbabietole rosse, sedani, asparagi, cipolle Quasi tutte le verdure possono essere congelate. Per mantenere a lungo il loro colore, il loro gusto e le loro vitamine, si consiglia di sbollentare la verdura prima di congelarla, ad esempio immergendola da 1 a 3 minuti in acqua bollente e quindi raffreddandola con acqua molto fredda. A casa estraete le patate dai sacchetti di plastica e conservatele in un luogo aerato, buio e fresco. Sulle patate non conservate al riparo dalla luce si creano dei punti verdi, in cui si concentra la solanina, una sostanza vegetale velenosa che può provocare fenomeni di intossicazione. Pertanto si consiglia di eliminare tali punti verdi

13 Noci e semi Le noci e molti semi, come ad es. i semi di girasole e i pistacchi, sono molto ricchi di grassi. Se vengono conservati troppo a lungo, possono assumere un sapore rancido o ammuffire. Le noci e i semi ammuffiti non devono essere consumati in nessun caso. Le muffe producono delle sostanze velenose, come ad es. le aflatossine, che possono provocare disturbi alla salute. Conservare le noci e i semi in un lungo buio, fresco e asciutto nella loro confezione originale o in contenitori chiusi. Piatti pronti I prodotti pronti in vendita sono stati sottoposti a diverse fasi di lavorazione. La loro durata di conservazione dipende dal tipo di lavorazione e può essere dedotta dalla data minima di conservabilità riportata sulla confezione chiusa originale. Una volta aperti, i prodotti dovrebbero essere consumati subito. Per la preparazione dei piatti pronti, seguire assolutamente le indicazioni per la cottura (tempi e temperature) riportate sulla confezione, in particolare quelle relative alla preparazione nel forno a microonde. Noci di ogni genere luogo buio e asciutto, a meno rispettare la data minima di Pietanze pronte in frigorifero rispettare la data di consumo di +20 C conservabilità refrigerate come panini, Semi (pistacchi, semi luogo buio e asciutto, a meno rispettare la data minima di insalate, paste ripiene, di girasole di +20 C conservabilità pizze fresche Pizze, snack, prodotti nel congelatore rispettare la data minima di surgelati conservabilità 24 25

14 Conserve Le conserve in scatola generalmente possono essere consumate anche dopo che è scaduta la data minima di conservabilità riportata sulla confezione. Tuttavia il colore, il gusto e il contenuto nutritivo del prodotto possono essere compromessi. Le confezioni di conserve con il coperchio o il fondo bombati non vanno mai aperte. Queste confezioni possono rivelarsi rischiose per la salute, pertanto buttatele nei rifiuti senza aprirle. Una volta aperti, gli inscatolati devono essere consumati rapidamente. Gli avanzi non vanno mai conservati nella confezione stessa, ma devono essere versati in recipienti di vetro oppure di materiale sintetico e tenuti in frigorifero. Conserve aperte dopo il travaso, in frigorifero 2 3 giorni Conserve chiuse luogo asciutto, possibilmente 1 anno, a meno di +20 C rispettare la data minima di conservabilità Conserve fresche, dopo il travaso, in frigorifero 1 2 giorni aperte Confetture e gelatine La conservabilità delle confetture o delle gelatine a base di frutta dipende dalla quantità di zucchero aggiunto. La confettura composta da frutta e zucchero in proporzioni uguali si conserva anche per più di un anno se è chiusa. Le confetture realizzate con una percentuale inferiore di zucchero, con sostanze sostitutive dello zucchero o edulcoranti generalmente possono essere conservate per un periodo inferiore. Rispettare la data minima di conservabilità riportata sulla confezione. Indipendentemente dal contenuto di zucchero, le confetture e le gelatine aperte vanno conservate in frigorifero. Se in superficie si forma della muffa, si consiglia di buttare via l intero contenuto. Confetture, gelatine, luogo asciutto, possibilmente 1 anno fatte in casa, chiuse a meno di +20 C, al buio Confetture, gelatine, in frigorifero consumare entro fatte in casa, aperte 3 4 settimane Confetture, gelatine, luogo asciutto, possibilmente 1 anno e oltre, rispettare chiuse a meno di +20 C, al buio la data minima di conservabilità Confetture, gelatine, in frigorifero consumare entro aperte 3 4 settimane 26 27

15 5. Tenere in caldo ma non per troppo tempo! Tenere a lungo in caldo gli alimenti ne compromette il gusto e il contenuto di vitamine. Le pietanze non devono perciò essere tenute in caldo per più di 30 minuti. Si consiglia di farle raffreddare, di conservarle in frigorifero e poi di riscaldarle quando devono essere consumate. Da un punto di vista igienico la temperatura per tenere in caldo gli alimenti deve essere almeno di 70 C. A queste temperature i microrganismi non possono più riprodursi. I neonati e i bambini piccoli sono particolarmente sensibili: i biberon e i prodotti omogeneizzati non devono essere tenuti in caldo per molto tempo né venire riscaldati una seconda volta. A temperatura ambiente, i microrganismi si riproducono a dismisura in brevissimo tempo. Dopo 1 minuto Dopo 30 minuti Dopo 60 minuti Dopo 90 minuti Dopo 120 minuti 29

16 6. E se rimangono degli avanzi? Le pietanze e le bevande calde che non vengono consumate subito devono essere conservate in frigorifero, in un recipiente coperto, dopo essere state rapidamente raffreddate. Se non è possibile consumare gli avanzi il giorno successivo, si consiglia di congelarli. Le pietanze scongelate non devono essere congelate una seconda volta. Le pietanze a base di funghi possono essere riscaldate una seconda volta senza problemi a condizione che nel frattempo siano state conservate in frigorifero e che vengano riscaldate correttamente prima di essere consumate. A causa del loro elevato contenuto di acqua e proteine, i funghi costituiscono un terreno fertile per la riproduzione di determinati germi. Per motivi di sicurezza, i neonati e i bambini piccoli non devono consumare pietanze riscaldate a base di funghi, poiché il loro sistema immunitario non si è ancora completamente consolidato. 31

17 7. La pulizia è un imperativo assoluto Durante i lavori in cucina, i microrganismi possono diffondersi per tutta la stanza, partendo dal pavimento e dai piani di lavoro fino a raggiungere i taglieri, le posate, gli utensili da cucina e le pietanze pronte. La migliore protezione è costituita da un attenta pulizia. Igiene personale Prima di cucinare, dopo aver toccato la carne cruda o essersi recati alla toilette, lavarsi le mani e le unghie con acqua calda e sapone. Si consiglia di togliersi gli anelli e i bracciali in modo da consentire all acqua e al sapone di rimuovere bene i microrganismi nascosti. Per asciugarsi le mani, utilizzare un asciugamano pulito. Coprire accuratamente le ferite aperte eventualmente presenti sulle mani. Strofinacci e stracci per la pulizia Gli strofinacci e gli stracci per la pulizia vanno sostituiti regolarmente: ogni giorno se usati in modo intensivo, e comunque ogni 3 giorni. Gli stracci, le spazzole e le spugne vanno puliti dopo ogni uso con acqua calda e lasciati asciugare appesi, Assorbire il sugo della carne, del pesce e del pollame crudo con un panno usa e getta o con carta da cucina Taglieri e coltelli I taglieri e i coltelli, dopo ogni uso, vanno lavati in lavastoviglie oppure vanno puliti accuratamente con acqua calda e detersivo per stoviglie. Lavorare la carne e il pollame crudo su una base separata (tagliere o piatto). Attrezzi e macchine da cucina Dopo ogni utilizzo, gli attrezzi e gli apparecchi da cucina vanno lavati in lavastoviglie oppure vanno puliti accuratamente con acqua calda e detersivo per stoviglie e lasciati essiccare all aria oppure asciugati con uno strofinaccio pulito o con della carta da cucina. Nelle macchine da cucina, rimuovere la lama dopo ogni uso e pulirla con acqua calda e detersivo per stoviglie. 33

18 8. Piccoli organismi molto potenti I microrganismi si trovano ovunque: nell aria, in acqua e per terra. Sono presenti sulla pelle e nell intestino, dove sono utili alla digestione. Secondo alcune stime, sulla terra vivrebbero tipi di batteri, dei quali solo circa 2000 sono stati individuati con precisione. Fra i microorganismi presenti in cucina e negli alimenti figurano i batteri, i fermenti e le muffe. Alcuni di essi sono molto utili e vengono impiegati appositamente per produrre alimenti, come ad esempio i batteri dell acido lattico, che servono a produrre lo yogurt, i lieviti, usati per il pane, o le muffe, per i formaggi a pasta molle. Altri microorganismi invece sono nocivi, provocano il deperimento degli alimenti e possono addirittura causare malattie nell uomo. Attraverso un trattamento igienicamente corretto degli alimenti è possibile tuttavia impedire la trasmissione e la riproduzione di tali batteri patogeni. 35

19 I più importanti agenti patogeni Agente Periodo Sintomi Modalità di patogeno d incubazione propagazione Salmonelle 5 72 ore Dissenteria, dolori Carne, pollame, uova e addominali, febbre, loro prodotti nausea, brividi di febbre Staphylococcus 1 6 ore Forte nausea, collasso, Carne e prodotti a base di aureus disidratazione, carne, pollame, latte, uova, dissenteria formaggi, gelati, ripieni alla crema, insalate contenenti maionese Bacillus cereus 8 16 ore Dissenteria, dolori Pietanze pronte da addominali consumare conservate fuori dal frigorifero Clostridium 8 24 ore Dolori addominali, Carne e pollame perfringes dissenteria, flatulenza Campylobacter 3 5 giorn Febbre, dissenteria, Pollame e altre carni non jejuni dolori addominali sufficientemente cotte, acqua potabile contaminata Listerie da alcuni giorni Febbre, spossatezza, Formaggio di latte crudo, fino a diverse mal di testa, nausea carne e prodotti della settimane carne crudi, pollame Escherichia coli 3 9 giorni Nausea, dissenteria, Carne di manzo non dolori sufficientemente cotta, latte crudo Che cosa fare in caso di malessere? Se accusate nausea, vomito, diarrea, febbre o crampi, può trattarsi di un intossicazione alimentare. Tuttavia non è semplice fare una diagnosi. Ad esempio, tra il momento dell infezione e la comparsa dei primi sintomi potrebbero passare diversi giorni o settimane. Questo spazio temporale viene definito in termini tecnici come periodo d incubazione. Inoltre, i sintomi possono essere molto diversi a seconda dell agente patogeno. Chiamare un medico è necessario se i sintomi sono molto forti o se l interessato è un bambino, una donna incinta o una persona anziana. Se sussiste il sospetto che un prodotto Coop sia la causa di un intossicazione alimentare, si prega di contattare telefonicamente il Servizio consumatori Coop (telefono ). Si prega di annotare l esatta denominazione dell articolo, la data e, se possibile, il codice della partita. Questi dati sono necessari per verificare l eventuale causa dei disturbi gastrici sulla base di campioni di rintracciabilità

20 9. Insetti e parassiti Attenzione ai parassiti domestici Per evitare un infestazione da parassiti indesiderati, controllare regolarmente le provviste per verificare la presenza di tarme, acari o coleotteri. Gli insetti possono infestare praticamente tutte le provviste secche come le noci, la pasta, il riso, la farina o la frutta secca. Il calore e l umidità ne favoriscono la diffusione. Perciò le provviste dovrebbero essere conservate in un luogo fresco e asciutto, in contenitori a chiusura ermetica. Le infestazioni da parassiti sono senz altro un problema ma non bisogna farsi prendere dal panico. Intervenendo correttamente è possibile eliminare l infestazione quasi sempre senza ricorrere ad agenti chimici. Una volta accertata la presenza di parassiti, procedere nel modo seguente. Buttare via i prodotti infestati poiché sono contaminati e quindi non adatti al consumo. Pulire l armadio della dispensa e lo spazio circostante preferibilmente con l aspirapolvere, prestando attenzione in particolare agli angoli e alle fessure. Poiché i parassiti amano l umidità, non è consigliabile eseguire una pulizia a umido. Rimuovere la carta che ricopre l armadio e utilizzarne della nuova per rivestire gli scaffali dopo la pulizia. Gli alimenti contaminati, il sacchetto dell aspirapolvere e la carta da rivestimento rimossa vanno buttati nel sacco dei rifiuti. Quest ultimo va chiuso bene e sistemato subito all esterno perché i parassiti si diffondono con molta facilità. Se questi interventi non sono sufficienti, nel supermercato Coop troverete degli appositi prodotti contro i parassiti. Nei casi più disperati, il laboratorio cantonale può fornire indirizzi di disinfestatori. Si prega di non inviare prodotti infestati al Servizio consumatori Coop. I parassiti riescono a fuoriuscire anche dal pacco più perfetto e possono diffondersi anche nell ufficio postale, nei vagoni ferroviari e negli altri mezzi di trasporto. Per questo motivo comunicare telefonicamente al Servizio consumatori Coop (tel ) di quale prodotto si tratta e dove è stato acquistato. Può essere utile inviare anche una fotografia. 39

freschezza Come conservare gli alimenti più a lungo

freschezza Come conservare gli alimenti più a lungo freschezza Come conservare gli alimenti più a lungo 5 Freschezza: dal negozio alla tavola 30 Tenere in caldo ma non troppo! 6 Sicurezza fin dall acquisto 32 Quando restano degli avanzi... 8 Il frigo: la

Dettagli

Tabella di conservazione delle verdure

Tabella di conservazione delle verdure Prodotto Asparagi Broccoletti Broccoli Carciofi Carote Cavolfiori Metodo di conservazione Non lavarli prima di conservarli. Lavarli per cucinarli. Avvolgerli in tovaglioli di carta e riporli in un sacchetto

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu,

ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu, 2 Spesso la TV e i giornali ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu, ma abbiamo mai pensato che anche la preparazione domestica dei cibi, dall acquisto

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

Guida pratica alla perfetta conservazione degli alimenti.

Guida pratica alla perfetta conservazione degli alimenti. total no frost di lg più freschezza più salute Guida pratica alla perfetta conservazione degli alimenti. più sicurezza Uno sguardo alle etichette. Pagina 4 più freschezza Dentro il frigorifero. Pagina

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti

Le malattie trasmesse da alimenti Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta!

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! 2 sai davvero difenderti da germi e batteri? Non pensare alla mozzarella blu o al pollo alla diossina: i pericoli di intossicazioni e tossinfezioni derivano

Dettagli

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE TEMPORANEA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ERDISU DI TRIESTE (CIG N. 3218525AD7). ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE

Dettagli

Prevenzione & Salute. La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim.

Prevenzione & Salute. La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 4 Argomento IL MIO FRIGO Tutti gli alimenti hanno il loro tallone d achille: la deperibilità. Chi prima, chi dopo, per tutti

Dettagli

per la sicurezza alimentare in ambito domestico a cura delle Aziende USL della Toscana

per la sicurezza alimentare in ambito domestico a cura delle Aziende USL della Toscana Campagna per la sicurezza alimentare in ambito domestico a cura delle Aziende USL della Toscana 2 Salute e sicurezza Negli ultimi anni, nei Paesi dell Unione Europea gli episodi di Tossinfezioni alimentari,

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni La prevenzione in ambiente domestico NOVARA, 29 settembre 2012 BORGOMANERO, 13 ottobre 2012 Dott.ssa Silvana Pitrolo SIAN ASL NO Ricadute sulla

Dettagli

Capitolo 3 Come conservare i cibi in casa

Capitolo 3 Come conservare i cibi in casa Capitolo 3 Come conservare i cibi in casa La corretta conservazione dei prodotti alimentari non è responsabilità esclusiva del produttore o del punto vendita (negozio o supermercato) ma dipende anche dai

Dettagli

Cibo sicuro in famiglia

Cibo sicuro in famiglia DOSSIER 18 DOSSIER Cibo sicuro in famiglia Per tutti coloro che pensano, preparano e consumano il cibo a casa di Maria Rita Fontana, Giuseppe Valluzzi, Carla Alessi, Sabrina Severi Ogni anno sono numerosi

Dettagli

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI Unità 3 La Conservazione degli Alimenti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sul modo di conservare gli alimenti nuove parole relative ai prodotti alimentari a usare

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

Allegato N.3. Limiti di Contaminazione Microbica

Allegato N.3. Limiti di Contaminazione Microbica COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N.3 Limiti di Contaminazione Microbica TABELLA A CARNI BOVINE CRUDE ALIMENTO Tagli di carne refrigerata

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione SANA 14 settembre 2015 Dott.ssa M.Chiara Venturini tecnologo alimentare ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI DELL EMILIA ROMAGNA

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO Schweizerischer Bauernverband Union Suisse des Paysans Unione Svizzera dei Contadini Uniun purila Svizra Laurstrasse 10 5201 Brugg AGORA Association des groupements et organisations romands de l'agriculture

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni LC 1

Menù espresso per 14 giorni LC 1 Menù espresso per 14 giorni LC 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

Acquisto, trasporto e conservazione degli alimenti

Acquisto, trasporto e conservazione degli alimenti Autunno 2008 Pagina 1 / 10 Indice: Acquisto, trasporto e conservazione degli alimenti P. 2 Perché un foglio di istruzioni per l acquisto, il trasporto e la conservazione degli alimenti? P. 2 A cosa si

Dettagli

BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA

BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA Testi a cura di: Chiara Musella, Stefano Peirone, Alessandro Testa, Giuseppe Sattanino, Valentina Marotta, Francesca Piovesan, Bartolomeo Griglio. Introduzione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA ALLEGATO N. 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA DISPOSIZIONI PER LA PREPARAZIONE DEL PASTO E GRAMMATURE

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute La sicurezza degli alimenti Luigi Cazzola Dip. Prevenzione ULSS 2 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI POPOLARI SICURE Feltre, 11 giugno 2014 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Maggio 2012 Questo documento è organizzato in base ai capitoli del corso online di sicurezza alimentare ServSafe. Indica le differenze tra il contenuto del

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SOMMARIO 1 - Stoccaggio delle derrate 2 - Tecnologie di manipolazione e di cottura 3 - Operazioni

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio)

AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio) AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio) La classe si è recata al mercato delle erbe per vedere gli ortaggi della stagione invernale. Gli ortaggi sono venduti dagli stessi produttori. Oltre agli

Dettagli

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE IL RICETTARIO PREMESSA Strumento utile per chi si occupa di alimentazione all'interno di strutture residenziali per anziani. Contiene ricette proposte ed elaborate da cuochi che lavorano in alcune case

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI SUL SOTTOVUOTO

INFORMAZIONI UTILI SUL SOTTOVUOTO INFORMAZIONI UTILI SUL SOTTOVUOTO informazioni sul sottovuoto PERCHÈ CONFEZIONARE SOTTOVUOTO? Cos'è e come si ottiene il sottovuoto Il sottovuoto si ottiene tramite un'azione meccanica che permette la

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

ALIMENTAZIONE ALIMENTI

ALIMENTAZIONE ALIMENTI ALIMENTAZIONE ALIMENTI 1 Cos è un alimento zink.to/alimento Prodotti alimentari (classificazione) Facciamo la pasta fresca Facciamo una confettura 2 Prodotti alimentari (classificazione) Derivati dai cereali:

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino.

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. La collaborazione inizia all'imbarco, l'equipaggio sarà infatti chiamato

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

Consigli dietetici dopo un trapianto renale

Consigli dietetici dopo un trapianto renale Consigli dietetici dopo un trapianto renale Uno dei benefici dopo il trapianto renale è che puoi seguire una dieta più variata. Potassio Se il trapianto ha successo, le limitazioni del potassio non servono

Dettagli

Contatto igienico con gli alimenti

Contatto igienico con gli alimenti Autunno 2008 Pagina 1 / 7 Indice: Contatto igienico con gli alimenti P. 2 I microorganismi sono ovunque P. 2 Le intossicazioni alimentari sono frequenti P. 2 Principali fonti di pericolo P. 2 Le intossicazioni

Dettagli

Gravidanza e corretta alimentazione. Food safety during pregnancy

Gravidanza e corretta alimentazione. Food safety during pregnancy Gravidanza e corretta alimentazione Food safety during pregnancy Cosa mangiare Una dieta sana Il modo migliore per soddisfare le esigenze alimentari vostre e del bambino è mangiare un ampia varietà di

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni ND

Menù espresso per 14 giorni ND Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone per mantenerti sazio tutto

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO F MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Allegato F Modalità operative per la gestione del servizio 1 1 Indicazioni relative all approvvigionamento e alla preparazione dei pasti 1.1 Approvvigionamento

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

Giorno 1. 1 BLOCCO MERENDA 1 yogurt magro (125g)

Giorno 1. 1 BLOCCO MERENDA 1 yogurt magro (125g) Giorno 1 60 (40)g. di prosciutto cotto 2 (l) sottilette light 2 fette da toast di pane di soia 1 (-) pesca 6 olive 3 (-) mandorle 90 g di petto di pollo cotto alla griglia ½ limone 130g di pomodori 450g

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

L applicazione nella pratica delle nuove direttive ha presentato, soprattutto per le aziende di piccole dimensioni, notevoli difficoltá.

L applicazione nella pratica delle nuove direttive ha presentato, soprattutto per le aziende di piccole dimensioni, notevoli difficoltá. Il Piano HACCP GUIDA PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE (ai sensi dell art. 3, del D.P.P. n. 18 del 12-5-2003) 02 Premessa Chi addenta una mela non desidera solo

Dettagli

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa.

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa. Dieta Atkins 1 Dieta Atkins: ecco tutto quello che c è da sapere. Dal menu, alla descrizione delle 4 fasi. Dalla versione per vegetariani, fino alla Dieta Atkins in versione Pdf La dieta Atkins è una dieta

Dettagli

TEMPO CONSERVAZIONE. DEI PRODOTTI CRUDI DOPO L'APERTURA DELLE CONFEZIONI E/O LAVORAZIONE (a temperatura positiva 4 C)

TEMPO CONSERVAZIONE. DEI PRODOTTI CRUDI DOPO L'APERTURA DELLE CONFEZIONI E/O LAVORAZIONE (a temperatura positiva 4 C) DOPO L'APERTURA DELLE CONFEZIONI E/O LAVORAZIONE Latte UHT Panna Burro Margarina Prodotti di latteria Formaggi freschi (crescenza, ricotta) Formaggi cremosi (taleggio, gorgonzola, caprini, robiola) Formaggi

Dettagli

ESERCITAZIONI PER TRATTAMENTO DIETETICO NEL DIABETE DI TIPO I IL CALCOLO dei CARBOIDRATI. De Michieli Franco

ESERCITAZIONI PER TRATTAMENTO DIETETICO NEL DIABETE DI TIPO I IL CALCOLO dei CARBOIDRATI. De Michieli Franco ESERCITAZIONI PER TRATTAMENTO DIETETICO NEL DIABETE DI TIPO I IL CALCOLO dei CARBOIDRATI De Michieli Franco COS E IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI E la tecnica che permette l acquisizione da parte del paziente

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

Brainfood: come nutrirsi per dare il meglio di sé

Brainfood: come nutrirsi per dare il meglio di sé Brainfood: come nutrirsi per dare il meglio di sé In collaborazione con Corinne Spahr Consulente alimentare dipl. SUP Mangiare bene non ci rende più intelligenti di quanto già non siamo, ma scegliere bene

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

AFFILIAZIONE FOURCHETTE VERTE SENIOR

AFFILIAZIONE FOURCHETTE VERTE SENIOR AFFILIAZIONE FOURCHETTE VERTE SENIOR PARTE SPECIFICA Contenuti Parte specifica: affiliazione Fourchette verte senior pagine 1 Cos è l affiliazione Fourchette verte senior? 2 2 Criteri richiesti per l affiliazione

Dettagli

programmi alimentari Dieta del supermetabolismo

programmi alimentari Dieta del supermetabolismo programmi alimentari Dieta del supermetabolismo programmi alimentari suggeriti prima settimana lunedì ora ora ora ora ora Pasta al ragù con verdure e funghi Insalata di cetriolo e mandarino Pane tostato

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO Regione Friuli Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2 - TEL 0432 553974-553253

Dettagli

IL MIO GRANDE MASO FORMAZIONE PROFESSIONALE 22. La verdura VERDURA

IL MIO GRANDE MASO FORMAZIONE PROFESSIONALE 22. La verdura VERDURA I MI GRND MS FRMZIN PRFSSIN 22 1 a verdura a paprica a carota Il carciofo insalata Il broccolo a verza Il cetriolo o zucchino Il porro a rapa Il cavolino di Bruxelles a patata VRDUR I MI GRND MS FRMZIN

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA!

I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA! I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA! LA LINEA DELLA MIGROS SENZA LATTOSIO NÉ LATTE Senza lattosio Senza latte I PRODOTTI DELLA MIGROS PER PERSONE ALLERGICHE, PER NON DOVER RINUNCIARE A NULLA ANCHE IN CASO D INTOLLERANZE.

Dettagli

Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica

Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica Di seguito, troverete i nuovi piani pasto per il ottenere successo. Ognuno di questi piani pasto è stato appositamente studiato numero preciso di

Dettagli

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

Menù equilibrato invernale 1

Menù equilibrato invernale 1 Menù equilibrato invernale 1 Frullato di banane e cachi (pg 209*) (leggermente scaldato) Orzo con latte di soia e miele Manciata di uvetta con semi di girasole tostati Spaghetti alla cinese (pg 268*) Insalata

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

MENU NIDO CENTO (dicembre 2013) Menù A MERCOLEDI. Pasta al ragù vegetale. Formaggi misti + Purè di legumi. Pane/Pane integr Frutta

MENU NIDO CENTO (dicembre 2013) Menù A MERCOLEDI. Pasta al ragù vegetale. Formaggi misti + Purè di legumi. Pane/Pane integr Frutta Menù A ORE 9,30: frutta di stagione (cruda, cotta, spremuta, frullata, in macedonia) + un po di latte. Riso in crema di piselli Insalata di riso (E). Pasta al pesto. Pasta al ragù vegetale. Passato di

Dettagli

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia 12 1 I COPERCHI SMARTY PATATE AL FORNO Facili da usare Non sporcano Sono sicuri Riducono le dosi dei condimenti Pulite bene le patate e tagliatele a tocchetti. Accendete il fornello a fuoco medio. Coprite

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

! " $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # "

!  $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # ! " $ % &' ( ) * * +,, -'./.'''..'' " , 1! " 2 ( 2 3 $ 4 4! 1 5.6 7 $ 2 $ 8, + " + $ + + La piramide alimentare del celiaco 9 + : / Verdure tal quali o conservate sott olio o sott aceto o surgelate Frutta

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE RISTORAZIONE GRAMMATURE A CRUDO (al netto degli scarti) TIPO PIATTO Materna Elementare Media Tortellini o Ravioli 60g 80g 100g Gnocchi di patate 120g

Dettagli