EFFICIENTAMENTO ENERGETICO INDUSTRIALE: IMPIANTO DI CO- TRIGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFICIENTAMENTO ENERGETICO INDUSTRIALE: IMPIANTO DI CO- TRIGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE"

Transcript

1 MONFALCONE 02 settembre 2014 Mario Gargano Sales Area Nord-Est Fonti Rinnovabili EFFICIENTAMENTO ENERGETICO INDUSTRIALE: IMPIANTO DI CO- TRIGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

2 Storia CPL CONCORDIA è un gruppo cooperativo fondato nel 1899 che opera in Italia e all estero.

3 Chi siamo E un gruppo cooperativo che opera in Italia e all estero con 1800 dipendenti, 67 società e 17 sedi.

4 Dati finanziari I dati sono relativi al Bilancio Preconsuntivo 2013

5 Soluzioni GAS Reti Distribuzione Stoccaggio GPL Odorizzazione Protezione catodica Stazioni di rifornimento Cabine e gruppi riduzione Telecontrollo cabine e consumi Telecontrollo reti Fatturazione Servizi di contact center Convertitori di volumi Contatori gas Software gas GNL FOTOVOLTAICO Impianti fotovoltaici Telecontrollo impianti ENERGIA Energy Management Facility Management Gestione Calore Building Automation Pubblica illuminazione Teleriscaldamento Pronto intervento elettrico Smart city Convenzioni CONSIP Telecontrollo consumi energetici Software energia COGENERAZIONE Cogenerazione a metano Trigenerazione Service post vendita Moduli di cogenerazione Assorbitori a bromuro di litio BIOGAS E BIOMASSE Cogenerazione da biogas Trattamento rifiuti Service post vendita Moduli di cogenerazione ACQUA Costruzione reti Gestione reti Pronto intervento acqua Telecontrollo impianti idrici Software acqua OIL&GAS SERVICE Manutenzione macchine rotanti Costruzione impianti

6 Soluzioni COGENERAZIONE > Cogenerazione a metano > Trigenerazione > Service post vendita > Moduli di cogenerazione > Assorbitori a bromuro di litio

7 COGENERAZIONE La cogenerazione è la generazione simultanea in un unico processo di energia termica ed elettrica. La cogenerazione utilizza sistemi di generazione tradizionali dove l energia termica prodotta viene recuperata e riutilizzata per usi diversi dalla generazione elettrica (ad es. usi industriali, teleriscaldamento, etc ). ENERGIA ELETTRICA CH4 PERDITE ENERGIA TERMICA

8 VANTAGGI La cogenerazione permette di risparmiare energia fino al 30% e assicura benefici oggettivi, misurabili e quantificabili. Su tale principio guida si basa anche la trigenerazione, cioè la produzione simultanea di energia termica, elettrica e frigorifera da un'unica fonte energetica. Cogenerazione e trigenerazione rientrano nelle scelte strategiche delle aziende che vedono nell'efficienza energetica un'opportunità essenziale per ridurre i costi ed aumentare la loro competitività. VANTAGGI AMBIENTALI Altrettanto significativi sono i vantaggi a livello di impatto ambientale, in quanto vengono ridotte drasticamente le emissioni di CO2 grazie al minor consumo di combustibile fossile. Ecco perché la cogenerazione rientra a pieno titolo nella politica energetica sostenibile, in sintonia con gli obiettivi dell'unione Europea del " " e con le altre disposizioni comunitarie per la salvaguardia ambientale.

9 La C.A.R. COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Per il riconoscimento della condizione di Alto Rendimento (CAR) delle unità di cogenerazione, bisogna fare riferimento ai criteri stabiliti dal D.M. 4 agosto 2011, validi a partire dal 1 gennaio rendimento globale 75% tutta l energia prodotta e recuperata dal cogeneratore viene classificata come CAR e valorizzata coi CB (certificati Bianchi) rendimento globale < 75% solo una quota parte di energia prodotta e recuperata dal cogeneratore viene classificata come CAR e valorizzata coi CB (Certificati Bianchi)

10 La C.A.R. T.E.P. Si tratta di un sistema di incentivazione legato agli interventi di efficienza energetica che introducono risparmi in termini di tep (tonnellate equivalenti di petrolio) e che permettono il rispetto da parte dello stato italiano degli impegni nei confronti della Comunità Europea 1 tep = 1 TEE [Titolo di Efficienza Energetica o cosiddetto «Certificato Bianco»]

11 Prefattibilità > Esigenza di energia E.E. > Esigenza di energia Termica Acqua Calda Vapore > Esigenza Frigorifera ( 7-12 c ) > Studio di Fattibilità Dimensionamento Piano economico finanziario > Benefici Economici

12 DATI INPUT PER DIMENSIONAMENTO IMPIANTO (ESEMPIO IMPIANTO LANDINI) SITUAZIONE PRE COGENERAZIONE Fabbisogno E.E kwhe euro Gas metano mc euro DIMENSIONAMENTO Motore Jenbacher 1063kW Ore Funzionamento Impianto: al 100% E.E. prodotta dal motore: kwh Acqua calda prodotta dal motore: kwh Vapore prodotto dal motore: kwh

13 LANDINI s.p.a. TRIGENERAZIONE >

14 RISULTATI PRODOTTI DALLA COGENERAZIONE La Cogenerazione permetterà di: Ridurre la spesa per E.E. e quindi il prelievo dalla rete nazionale; Ridurre l emissione di CO2; Ottenimento dei Certificati Bianchi; Defiscalizzazione Gas Metano; Avere un impianto efficiente e dimensionato per l esigenza aziendale; Avere un impianto monitorato 24h/24h; Avere un servizio dedicato di Manutenzione Full Service; Rientrare mediamente dell investimento in poco più di tre anni.

15 DECRETO-LEGGE 24 giugno 2014, n Per i sistemi efficienti di utenza, di cui al comma 1 dell'articolo 10 del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, e successive modificazioni, entrati in esercizio dopo il 31 dicembre 2014, i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema di cui al comma 1, limitatamente alle parti variabili, si applicano sull'energia elettrica consumata e non prelevata dalla rete, in misura pari al 5 per cento dei corrispondenti importi unitari dovuti sull'energia prelevata dalla rete.

16 ITER AUTORIZZATIVO - PRATICA PROVINCIA: serve per ottenere l'autorizzazione Unica di realizzazione ed esercizio dell'impianto; tale richiesta andrà in conferenza di servizi e la tempistica di completamento indicativamente potrebbe essere di 6-8 mesi dalla presentazione. - PRATICA ENEL: consente la stipula del contratto di connessione alla rete dell'impianto di produzione di energia elettrica; tale pratica dovrebbe essere espletata in circa 2-3 mesi. - PRATICA VVFF (Vigili del fuoco): richiesta del parere di conformità sul progetto dell'impianto ed emissione dei CPI (certificati previdenziali incendi) da parte dei vigili del fuoco, circa 2 mesi. - PRATICA UTF (Ufficio tecnico di finanza): serve per richiedere la licenza di officina elettrica di produzione e di vendita; deve essere svolta durante le fasi di installazione della macchina ed espletata prima del collaudo dell'impianto, circa 3 mesi; - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA : pratica per l'ottenimento di autorizzazioni e concessione di licenze edilizie.

17 PRINCIPALI SETTORI INDUSTRIALI COGENERABILI ALIMENTARE METALLURGICO BEVERAGE SERVIZI OSPEDALIERI LATTIERO CASEARIO SERVIZI AMBIENTALI CHIMICO FARMACEUTICO CARTIERE PLASTICA SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CERAMICA E LATERIZI TELERISCALDAMENTO TESSILE SETTORE AGRICOLO

18 PRINCIPALI REALIZZAZIONI AEROPORTO PISA - Pisa POLICLINICO DI MODENA - Modena LANDINI SPA Castelnovo Sotto(RE) LAMBORGHINI Sant Agata Bolognese(BO) CERAMICHE NUOVA RIWAL Roteglia(RE) EUROVO Occhiobello (RO) ANGELINI FARMACEUTICA - Ancona POLICLINICO MILANO - Milano TELECOM ITALIA Padova; Bologna; Milano; COPTIP Modena ALPLA ITALIA Tortona CERAMICHE ATLAS CONCORDE s.p.a. Casalgrande(RE) STABILIMENTO HONDA Bankok (Thailandia)

19 PRINCIPALI REALIZZAZIONI TELERISCALDAMENTO ULTIMO TRIENNIO AGESP ENERGIA SRL - Busto Arstizio (MI) EDF PLSKA SP.Z.O.O. - Polonia VIGNOLA ENERGIA - Vignola (MO) UDINE IREN Torino

20 Grazie.

21 I Certificati Bianchi come strumento per il raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico

22 CHI SIAMO Eng Team & Partners SpA è una società di ingegneria ed ESCo (Energy Service Company) accreditata dal 2005 presso l AEEG (Autorità per l Energia Elettrica e il Gas), il GSE (Gestore Servizi Energetici) e operatore del mercato dei titoli di efficienza energetica presso il GME (Gestore dei Mercati Energetici). La società si occupa di progettazione e consulenza in ambito civile e industriale e propone servizi rivolti a privati ed enti pubblici con lo scopo di diffondere la cultura del risparmio energetico.

23 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI I certificati bianchi, ovvero i Titoli di Efficienza Energetica (TEE), sono un meccanismo di promozione dell efficienza energetica negli usi finali. Nato in Italia con il DM , col Decreto si sono posti i seguenti obiettivi di risparmio I Certificati Bianchi concorrono al conseguimento entro il 2020 degli obiettivi della direttiva europea 2009/28/CE del riduzione del 20% dei consumi di energia primaria mediante aumento dell efficienza riduzione del 20% delle emissioni di gas climalteranti aumento al 20% della quota di fonti rinnovabili nella copertura dei consumi finali di energia

24 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI I TEE incentivano: il miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali... il contenimento delle perdite di energia... la diffusione di fonti rinnovabili... COME? tramite l adozione di tecnologie all avanguardia, più efficienti dello standard vigente sul mercato I TEE non incentivano: la semplice sostituzione di impianti giunti a fine vita la correzione di errori di progettazione L adeguamento alla normativa

25 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI I TEE certificano il risparmio conseguito, espresso in TEP (Tonnellata Equivalente di Petrolio) sui consumi di energia elettrica, gas o di altro combustibile fossile, a seguito di interventi di risparmio energetico. 1 TEP = 11627,907 kwh (energia da combustibili fossili) = kcal 1 TEP = 5347 kwh (energia elettrica) Equivalenze Gasolio 1 t = 1,08 tep Olio combustibile 1 t = 0,98 tep GPL 1 t = 1,10 tep Benzina 1 t = 1,20 tep Legna da ardere 1 t = 0,45 tep Gas naturale 1000 Nm3 = 0,82 tep

26 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI QUANTO VALE n.1 TEE? Il valore del TEE è variabile, in funzione delle quotazioni raggiunte nel mercato gestito del GME. Negli ultimi anni ha assunto un valore medio pari a 100 /TEE. Nell ultimo anno il valore medio è stato di 110 /TEE, con punte massime di 149 /TEE nel mese di febbraio 2014 I certificati bianchi vengono emessi per 5-8 anni consecutivi. Esempio di equivalenze : Gasolio 1 t = 1,08 tep, Olio combustibile 1 t = 0,98 tep, GPL 1 t = 1,10 tep, Benzina 1 t = 1,20 tep, Legna da ardere 1 t = 0,45 tep, Gas naturale 1000 Nm3 = 0,82 tep

27 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI ESISTONO TRE CRITERI PER RICHIEDERE I TEE al GSE Standard ( 20 TEP/a) metodo di calcolo preimpostato dal GSE, non richiedono misurazioni Analitico ( 40 TEP/a) metodo di calcolo preimpostato dal GSE, richiedono misurazioni in continuo Consuntivo o a progetto ( 60 TEP/a) metodo di calcolo individuato dal proponente e soggetto ad approvazione da parte del GSE, richiede misurazioni in continuo

28 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI I TEE VANNO PREVISTI PRIMA DI INTERVENIRE!!! Tempistiche interventi Standard e Analitici (RVC) I TEE devono essere richiesti tramite presentazione di Richiesta di Verifica e Certificazione dei Risparmi (RVC) entro 180 giorni dalla data di avvio del progetto (raggiungimento della soglia minima di TEP prevista) La data di avvio del progetto standard può distare al massimo 12 mesi dalla data di attivazione dell intervento La data di avvio del progetto analitico può distare al massimo 24 mesi dalla data di attivazione dell intervento Tempistiche interventi a Consuntivo (PPPPM+RVC) Il programma di misura (PdM) deve iniziare entro 24 mesi dalla Proposta di Progetto e di Programma di Misura (PPPM)

29 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI Tempistiche interventi Standard e Analitici

30 COSA SONO I CERTIFICATI BIANCHI Tempistiche interventi a consuntivo L intervento non è stato ancora realizzato: L intervento è in corso di realizzazione:

31 INTERVENTI AMMISSIBILI Tipo: Standard (20 TEP) Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri Isolamento di pareti e coperture Installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria Installazionediregolatoridiflussoluminosoperlampadeavaporidimercurioelampadea vapori di sodio ad alta pressione negli impianti adibiti ad illuminazione esterna Installazione di motori elettrici ad alta efficienza Rifasamento distribuito di motori elettrici Installazione gruppi di continuità statici (UPS) ad alta efficienza

32 INTERVENTI AMMISSIBILI Tipo: Analitici (40 TEP) Applicazione nel settore civile di piccoli sistemi di cogenerazione per la climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria Applicazione nel settore civile di sistemi di teleriscaldamento per la climatizzazione ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria Installazione di sistemi centralizzati per la climatizzazione invernale e/o estiva di edifici ad uso civile Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori elettrici operanti su sistemi di pompaggio con potenza inferiore ai 22 kw Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori operanti sui sistemi di ventilazione Installazione VSD o inverter su compressori di potenza >11 kw Gruppi frigo industriali condensati ad aria o acqua

33 INTERVENTI AMMISSIBILI Tipo: Consuntivo (60 TEP) Per gli interventi di efficientamento energetico, per i quali non sono disponibili schede tecniche di valutazione standardizzata o analitica, è possibile proporre una valutazione denominata a consuntivo. La proposta a consuntivo comprende degli interventi eterogenei per metodo di valutazione, da realizzarsi presso un unico cliente, per i quali è possibile presentare una proposta di progetto e programma di misura (PPPM) attraverso la quale si presenta un metodo di quantificazione dei risparmi energetici conseguibili (almeno 60 TEP). Afferisce a questo metodo la maggior parte degli interventi proponibili in ambito industriale, i quali sono per loro natura difficilmente standardizzabili.

34 ESEMPIO PRATICO 1 Interventi standard Sostituzione di motori elettrici a più alta efficienza (IE3) In complesso industriale sono stati sostituiti 8 motori elettrici di potenza compresa tra 30 e 110 kw

35 ESEMPIO PRATICO 2 Interventi standard Sostituzione di motori elettrici a più alta efficienza (IE3) + rifasamento distribuito In complesso industriale sono stati sostituiti circa 150 motori elettrici di potenza compresa tra 1,1 e 37 kw ed eseguito rifasamento distribuito

36 ESEMPIO PRATICO 3 Interventi analitici Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori elettrici operanti sui sistemi di ventilazione. In complesso industriale sono stati installati degli inverter in motori elettrici operanti su sistemi di ventilazione. CODICE IDENTIFICATIVO MACCHINA Data inserzione inverter Ore di funzionamento annuali Potenza elettrica assorbita in regolazione con serranda di regolazione [kw] Potenza elettrica assorbita in regolazione con inverter [kw] TEP 1 26/03/ ,5 8,21 11, /12/ ,6 5, /11/ ,53 11, /06/ ,61 9,9976 TEE TOTALI 368,00

37 ESEMPIO PRATICO 4 Interventi analitici Installazione compressore con regolatore di frequenza (inverter) In complesso industriale è stato sostituito compressore on-off da 110kW con compressore VSD da 75 kw. Risultato Il sistema di misura ( en.elettr + portata aria ) ha rilevato una diminuzione del consumo specifico energia del 30% Ottenimento 44 TEE/a, pari a circa 4400 /a di incentivo Payback < 3 anni

38 ESEMPIO PRATICO 5 Interventi consuntivo Sostituzione forni trattamento termico In complesso industriale sono stati installati 2 forni ad alta efficienza in luogo di forni standard per trattamenti termici su acciai. Utilizzo bruciatori a recupero termico Alto livello di coibentazione Risultato : Raddoppio produttività Ottenimento 250 TEE/a, pari a circa /a di incentivo Diminuzione (misurata) del 30% di consumo specifico combustibile (Nm³ CH4 /t) Drastica diminuzione dispersioni termiche in ambiente lavorativo Tempo di rientro dell investimento iniziale < 2 anni

39 ESEMPIO PRATICO 6 Interventi consuntivo Sostituzione illuminazione interna complesso industriale In complesso industriale sono stati eseguiti vari interventi all interno di un progetto TEE a consuntivo. Uno di questi prevedeva la sostituzione di circa : 190 lampade (scarica a ioduri metallici) con 130 lampade a LED. Diminuzione potenza installata: da 65 e 29 kw ( -56%) Diminuzione consumi energetici rilevati: da a /anno Diminuzione costi di manutenzione : -50% Costo dell intervento: TEE ottenuti su intervento : 17 Payback < 2,5 anni

40 GRAZIE PER L ATTENZONE Eng Team & Partners S.p.a 4, Via Del Maglio Pordenone PN Tel : Mail :

41 Friuli Innovazione - CEEM Lead partner -Let s Go Green- Remida-Mer Projects Monfalcone, 2 nd September 2014

42 CEEM: Central Environmental and Energy Management As a Kit for Survival CEEM is a EU project conceived by Friuli Innovazione and funded by the European Regional Development Funds under the Central Europe Operative Program. Central Europe is a target area for the EU, because it is not very homogeneous in terms of economic and environmental performances. CEEM is one of the initiatives of the priority Sustainable Growth For A More Resource Efficient, Greener And More Competitive Economy (Europe 2020 strategy). CEEM duration: November November CEEM budget: EUR. 2

43 Ceem Partnership ITALY SLOVENIA AUSTRIA HUNGARY CZECH REPUBLIC Friuli Innovazione Friuli Venezia Giulia Autonomous Region Bruno Kessler Foundation Spirit Slovenia Jozef Stefan Institute Golea Local Energy Agency Nova Gorica Cleaner Production Center Austria Ltd. Styrian Business Promotion Agency Bay Zoltán Nonprofit Ltd. for Applied Research NORRIA North Hungarian Regional Innovation Agency Centre for Community Organizing Middle Moravia Institute of social innovations

44 The project idea Central Europe: great basin of traditional industrial companies which are potential heavy polluters\ energy consumers\transportation issues: strong negative impact on Central Europe environment and competitiveness. Lack of a common system to evaluate the eco-energy performance of companies and to get a useful ranking for benchmarking regions and for an exchange of good practices thus 4

45 CEEM Objectives Main goal: increasing and improving the environmental responsibility & performance of companies of the addressed Central Europe area Promote ecoefficient production processes in CE companies Foster environmental awareness CE in companies Promote the economic and social advantage of clean production Eco Energy Efficiency Management Tool development (3EMT) Pilot action involving a sample of 500 companies in the CE area Specific dissemination activities and the sensitization of citizens 5

46 Ceem Project Idea Offering Central Europe companies operative methods and ICT tools to match jointly environmental needs and to develop a common, Comparative system for the selfassessment and evaluation of ecoenergy performance. = 6

47 The 3EMTool It s an easy, user-friendly ICT tool, accessible through the CEEM website as an, tool for companies to let them: 1.Self-assess their green performance (questionnaire); 2. Benchmark with the other Central European companies; 3. Get a customized Assessment Report of their EE performance; 4. Receive help and assistance from the of eco-energy experts sorted per geographic area, useful links and documents; links to the Country ECO Points. 7

48 The 3EMTool The tool is available from CEEM website where companies will enter they eco energy data 8

49 The 3EMT Tool in the online software which will analyze and elaborate these Eco Energy Data. 9

50 The Experts SMEs are supported by trained CEEM Eco Energy Experts available on the website page in: -Preparation of the documents for the questionnaire; -Analysis of the Benchmark report; -Implementation of measures of energy efficiency; 10

51 Ceem Pilot Action Each company receives a Self-Assessment Report on energy-efficiency figuring out the weak points and potentials for improvement on energy management of each company. 50 Italian companies will also receive direct assistance by eco energy experts to put into practice Self Assessment findings, realizing effective energy savings and improving the overall eco performance of the company. 11

52 The Report The Report has 4 main benchmark categories with individual scores: Energy effectiveness; Future and innovation; Sustainability; Quality and management aspects. The company results are benchmarked with: National competitors: companies participating in the survey with the same NACE code and of the same country as the considered company European competitors: companies participating in the survey with the same NACE code from Austria, Czech Republic, Hungary, Italy, Slovenia All the companies participating in the survey. In each category and group the company achieved a Performance Indicator PI. 12

53 CEEM Case Studies The measures of energy efficiency suggested by the experts and those implemented by the companies will be reported into the CEEM Case Studies. The Case Studies are the link with the Policy Level of CEEM. But more importantly the way to measure CEEM project efficiency in suggesting and applying to greener production patterns for CE companies. 13

54 CEEM Policy level CEEM case studies 1 Eco point per country 5 territorial laboratories will be set up as permanent Transnation al Strategy Document regional policy meeting point for companies and policy makers 14

55 Policy level Proposals arising from each territorial lab will flow into a Transnational Laboratory as permanent Policy Forum on Eco Energy Efficiency. The Transnational Lab will produce a Transnational Strategy on energy environment and industrial policy, collecting lessons and best practices from CEEM experience and taking to policy making level. 15

56 Beneficiaries Enterprises: with 3EMT they will reach a direct improvement of their eco-efficiency and reduction of costs as an integral part of their innovation management process. Consultants & intermediary organizations: fundamental to spread and increase the knowledge about the 3EMT technology and let SMEs of Central Europe be aware of the advantages of using it. Public Authorities as policy makers the program area. Environmental research institutions: to disseminate the knowledge of the 3EMT new tool for environmental and energy efficiency assessment. Investors: can exploit the 3EMT platform to identify key technology trends and innovations driving sustainable development. European citizens: all of us! 16

57 THANK YOU FOR YOU ATTENTION! Fabio Romano Ceem Project Tel Fax

58 www. m e r p r o j e c t. eu

59 La tecnologia a tetto verde e i suoi impieghi in ottica di efficientamento energetico e di sostenibilità ambientale Monfalcone, 02 settembre 2014

60 Indice argomenti: Introduzione (concetti generali e definizioni); Prestazioni «energetiche» del sistema a tetto verde; Altre prestazioni del sistema a tetto verde; Applicazioni sul nuovo (con esempi); Applicazioni sull esistente (con esempi); Aspetti normativi generali (nazionali e regionali); Sgravi e incentivi all uso del sistema a tetto verde; Avvertenze finali.

61 Introduzione - 1 IL RISPARMIO ENERGETICO può essere definito come: - dal punto di vista concettuale, come l attitudine all uso consapevole e responsabile delle risorse energetiche a disposizione; - Dal punto di vista operativo, come l insieme di azioni finalizzate alla riduzione dell energia utilizzata per compiere una serie di azioni. Esso può essere ottenuto mediante: - interventi di tipo ATTIVO, tendenti ad ottimizzare gli apporti energetici che vengono forniti dall esterno (installazione di impianti più efficienti, ricorso a fonti rinnovabili, ecc.); - interventi di tipo PASSIVO, tendenti invece ad aumentare il grado di passività (e quindi della conducibilità e dell inerzia termica) dell edificio (realizzazione di cappotti o altri sistemi di isolamento, scelta di serramenti di ultima generazione, scelta dell orientamento dell edificio, gestione dei flussi d aria, ecc.).

62 INTERVENTI DI TIPO ATTIVO: Introduzione - 2 Installazione pannelli fotovoltaici Installazione pannelli solari Installazione sonde geotermiche Installazione impianti più efficienti

63 INTERVENTI DI TIPO PASSIVO: Introduzione - 3 Realizzazione cappotto termico Installazione serramenti di ultima generazione Realizzazione coperture a verde pensile

64 Introduzione - 4 LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE può essere definita come: - dal punto di vista concettuale, come l insieme delle azioni tese ad evitare l utilizzo di risorse naturali in quantità superiore alla capacità di rigenerazione dell ambiente e della reintegrazione delle risorse stesse; - dal punto di vista operativo, come l insieme di azioni finalizzate alla riduzione della quantità di risorse consumate, alla riduzione degli effetti negativi derivanti dall utilizzo delle risorse e al reintegro delle risorse stesse. Esso può essere ottenuto mediante: - interventi tesi alla riduzione del carico inquinante prodotto, dalla rinaturalizzazione dell ambiente, dalla riduzione degli effetti perturbanti del clima (quali l effetto «isola di calore», ecc.), dall utilizzo di materiali naturali e di facile smaltimento a fine vita, dalla riduzione della sigillazione dei suoli, dalla creazione di isole verdi in grado di consentire alla flora e alla fauna di spostarsi (effetti sulla tutela della biodiversità, ecc.), e così via.

65 Introduzione - 5 IL VERDE PENSILE: COS È? Replicare la natura in copertura Vegetazione Substrato Telo filtrante Elemento di drenaggio accumulo ed aerazione Protezione meccanica Impermeabilizzazione antiradice Supporto

66 Introduzione - 6 IL VERDE PENSILE: COS È? Il tetto verde è un SISTEMA MULTIPRESTAZIONALE caratterizzato dalle seguenti proprietà: LEGGERO BASSO SPESSORE RIDUCE I COSTI DI MANUTENZIONE CONTROLLO SUI MATERIALI DURATA ELEVATA ACCESSORI AD HOC PRESTAZIONI CERTE IRRIGAZIONE RIDOTTA QUALITA AGRONOMICHE ELEVATE ABBINAMENTO CON SISTEMI ANTICADUTA

67 Introduzione 7 IL VERDE PENSILE: TIPOLOGIE Esistono sostanzialmente due tipologie di tetto verde, a seconda della fruibilità e delle funzioni che si vuole assegnare ad esso. LE COPERTURE A VERDE PENSILE ESTENSIVO sono soluzioni a verde pensile a bassa manutenzione fruibili solo per la manutenzione. Si possono adottare soluzioni formali che prevedono l uso di essenze perenni, aromatiche o composite; LE COPERTURE A VERDE PENSILE INTENSIVO sono sistemi per coperture a verde pensile fruibili con dimensionamento delle stratificazioni e bilanciamento del rapporto aria/acqua nei vari strati atti a consentire un equilibrato sviluppo a vegetazione erbacea, arbustiva ed arborea con limite di sviluppo in altezza in funzione dello spessore totale del sistema.

68 Introduzione - 8 IL VERDE PENSILE: TIPOLOGIE ESTENSIVO non fruibili INTENSIVO fruibili

69 Introduzione - 9 IL VERDE PENSILE: COME RICONOSCERLO? CONSEGUENZE PER IL COMMITTENTE Inefficienza dello strato impermeabile Carico eccessivo del substrato Se gli va bene: Riduzione della fruibilità Pozzanghere Fango Maggiore irrigazione Oneri per il diserbo Oneri per l arieggiamento del terreno Costi strutturali maggiori Se gli va male: Rimozione totale Terreno con caratteristiche ignote e probabilmente non idonee Permeabilità insufficiente

70 Introduzione - 10 IL VERDE PENSILE: COME RICONOSCERLO? NORMA UNI Progettazione, esecuzione, manutenzione delle coperture a verde E un codice di pratica Definisce la regola dell arte Definisce quali sono gli strati primari E una norma prestazionale Definisce i parametri per il collaudo e la manutenzione

71 Introduzione - 11 IL VERDE PENSILE: COME È FATTO? Devono avere tutti i requisiti richiesti dalle norme vigenti La UNI non specifica i valori minimi ma definisce quali prestazioni devono essere dichiarate dal fornitore Elemento di tenuta Membrane impermeabilizzanti bituminose/sintetiche Elemento di protezione dell azione delle radici Nella quasi totalità dei casi la funzione di protezione all azione delle radici è integrata nell elemento di tenuta all acqua Elemento di protezione meccanica Deve proteggere l elemento di tenuta Geotessili/Tappettini in gomma Elemento drenante/accumulo idrico Capacità drenante rispetto alle acque meteoriche o dovute all irrigazione Aggregati granulari/elementi prefabbricati In alcuni casi svolge anche la funzione di accumulo idrico Determinare la portata idraulica richiesta allo strato drenante

72 Introduzione - 12 IL VERDE PENSILE: COME È FATTO? Elemento filtrante Evitare il passaggio di particelle fini dallo strato colturale verso l elemento di drenaggio Permeabile all acqua Aggregati granulari/geosintetici Strato colturale Controllo della capacità agronomica Spessore in funzione della vegetazione/copertura/contesto climatico e strategia di irrigazione Strato di vegetazione Tipo, collocazione e densità Integrazione delle specie vegetali con lo strato colturale e delle strategie di irrigazione La scelta deve essere definita in base al contesto climatico/territoriale

73 Prestazioni «energetiche» - 1 RISPARMIO ENERGETICO E SFASAMENTO TERMICO Per quanto riguarda l isolamento termico, il verde pensile offre ottime performance nel periodo estivo, riducendo il fabbisogno energetico di climatizzazione. Da ricerche svolte da Università italiane risulta che già con spessori di circa cm di substrato si ottiene un beneficio sensibile. In pratica una copertura a verde pensile svolge due funzioni: abbatte le temperature in corrispondenza della membrana impermeabile ed induce uno sfasamento dei picchi di temperatura tra l esterno e la membrana impermeabile.

74 Prestazioni «energetiche» - 2 ISOLAMENTO TERMICO AGGIUNTIVO I giardini pensili rappresentano un fattore di isolamento termico aggiuntivo sulle coperture, in funzione dei materiali adottati e dello spessore della stratificazione raggiunto, diminuendo la dispersione termica verso l'esterno in inverno portando benefici nel riscaldamento invernale. Oggi si è in grado di determinare la resistenza termica dei diversi sistemi per differenti contenuti idrici nel substrato e per diversi rapporti substrato/compattazione

75 Altre prestazioni - 1 DESIGILLAZIONE DEI SUOLI E REGIMENTAZIONE DELLE ACQUE In conseguenza alla sempre crescente impermeabilizzazione delle superfici, causata dall'edificazione (strade, piazze, parcheggi, edifici), l'acqua piovana non viene più smaltita attraverso un processo naturale di filtrazione e alimentazione delle falde, ma viene rapidamente convogliata nei sistemi artificiali di smaltimento con evidenti ripercussioni sull'equilibrio idrico. Le coperture a verde consentono di ridurre i picchi di corrivazione grazie alla ritenzione idrica ed al ritardo dei deflussi sgravando il carico sulle reti di canalizzazione e raccolta delle acque meteoriche. Il verde pensile è cioè in grado di trattenere una parte delle precipitazioni rallentando il deflusso delle acque meteoriche verso i sistemi di smaltimento e i corsi d acqua.

76 Altre prestazioni - 3 DESIGILLAZIONE DEI SUOLI E REGIMENTAZIONE DELLE ACQUE... drenaggio...

77 Altre prestazioni - 8 DIMINUZIONE COSTI DI MANUTENZIONE Su una copertura a verde raramente le temperature massime estive superano i 25-30, contro gli oltre 50 di una copertura tradizionale. Oltre alla protezione dagli sbalzi termici, la copertura a verde fornisce poi protezione contro i danni conseguenti agli eventi atmosferici. Come conseguenza è stato verificato un consistente aumento della vita media degli strati di impermeabilizzazione sottostanti. AUMENTO DEL VALORE DEGLI IMMOBILI I giardini pensili, sia in considerazione dell aumento delle superfici fruibili che determinano che per le loro caratteristiche di eco-compatibilità e sostenibilità energetica, hanno in molti casi determinato un aumento del valore degli immobili.

78 Altre prestazioni - 9 MITIGAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE L utilizzo di coperture a verde costituisce di per sé un importante mitigazione dell impatto ambientale di ogni nuovo intervento, e ciò sia dal punto di vista più squisitamente «ambientale» (riduzione dell inquinamento, ecc.), ma anche dal punto di vista paesaggistico. ISOLA DI CALORE Le temperature dell aria nelle zone urbane sono di norma superiori a quelle della campagna circostante. Questo fenomeno che ha come conseguenza la formazione di un ambiente completamente diverso rispetto alla regione in cui è ubicato viene detto isola di calore urbano. Le coperture a verde contribuiscono alla riduzione di questo fenomeno.

79 Altre prestazioni - 10 TRATTENIMENTO DELLE POLVERI Le coperture a verde ostacolano il libero movimento delle polveri sospese sia in conseguenza della capacità delle piante di filtrare e di assorbire in parte polveri e particolati che del minore accumulo e riflessione del calore, con riduzione del movimento delle particelle per moti convettivi localizzati. TUTELA DELLE BIODIVERSITÀ I giardini pensili non calpestabili possono essere utilizzati per ricreare sui tetti habitat in pericolo tutelando il patrimonio faunistico e floristico. Una distribuzione diffusa delle coperture di questo tipo può assolvere anche la funzione di ponte naturale attraverso aree urbanizzate.

80 Altre prestazioni - 11 INTEGRAZIONE E INTERAZIONE CON ALTRI SISTEMI: GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI E noto che i conduttori elettrici riducono il loro rendimento a temperature troppo elevate. Il calcolo delle prestazioni dei sistemi fotovoltaici si basa su modelli di misurazione con parametri fissi standard detti STC (Standard Test Conditions). La temperatura di esercizio calcolata secondo gli STC è fissata in 25 C. Una copertura a verde consente di mantenere la temperatura del tetto sotto i C riducendo così le perdite di efficienza dei pannelli fotovoltaici. Sulle coperture tradizionali essa può raggiungere temperature nettamente superiori, con notevoli perdite in termini di efficienza. Per maggiori informazioni si veda: Manfred Köhler Università del Brandeburgo, Marco Schmidt Università di Berlino, Michael Laar Università di Colonia, Ulrike Wachsmann Stefan Krauter

81 Altre prestazioni - 12 INTEGRAZIONE E INTERAZIONE CON ALTRI SISTEMI: GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

82 INTERVENTI SU EDIFICI «NUOVI» Applicazioni sul nuovo - 1 Nel caso di realizzazione ex-novo di edifici residenziali, palazzine per uffici, capannoni e piastre commerciali (specie di notevole dimensione), parcheggi multipiano, e così via, può essere valutata l opportunità di realizzare una copertura a verde, e ciò sia in ottica delle sue funzioni di risparmio energetico che delle altre prestazioni viste prima. Molti comuni stanno poi introducendo importanti incentivi per promuovere la diffusione di questo sistema tecnologico, in particolar modo per la sua capacità di regimentazione delle acque.

83 Applicazioni sul nuovo - 2 La tecnologia delle coperture a verde può essere utilmente sfruttata in combinazione con altre tecniche costruttive innovative, eco-sostenibili e orientate al risparmio energetico. In particolare, si pensi alle strutture in legno (sistemi a telaio o con strutture in X-lam), che già per propria natura forniscono prestazioni energetiche di alta fascia, all installazione di pannelli fotovoltaici, e così via; Le strutture verranno calcolate ad hoc; A seconda delle scelte progettuali, si potranno definire gli spessori di substrato e, di conseguenza, le tipologie di essenze.

84 Applicazioni sul nuovo - 3 ESEMPIO 1: parcheggio comunale a Monterosso (SP)

85 Applicazioni sul nuovo - 4 ESEMPIO 2: Parcheggio Vanvitelli Fano (PU)

86 Applicazioni sul nuovo - 5 ESEMPIO 3: Scuola inglese privata - Padova

87 Applicazioni sul nuovo - 6 ESEMPIO 4: Piazza Alba Riccione complesso commerciale e parcheggio interrato

88 Applicazioni sul nuovo - 7 ESEMPIO 5: Università di Gorizia

89 Applicazioni sul nuovo - 8 ESEMPIO 6: Palazzina uffici - Area Ex Ecorecuperi CSIM - Monfalcone GO

90 Applicazioni sul nuovo - 9 ESEMPIO 6:

91 Applicazioni sul nuovo - 10 ESEMPIO 6:

92 Applicazioni sull esistente - 1 INTERVENTI SU STRUTTURE ESISTENTI. Fatte salve le premesse di cui alla successiva slide, le coperture a verde possono essere usate anche per la riqualificazione di strutture esistenti, così da migliorarne le prestazioni generali ed energetiche e per aumentare le condizioni di comfort degli utilizzatori degli immobili interessati dall intervento. In caso di necessità di interventi importanti sulle coperture e sule impermeabilizzazioni, la scelta di utilizzare questo sistema tecnologico può dare poi la possibilità di usufruire di incentivi e sgravi (quando previsti dalle norme e dai regolamenti locali).

93 Applicazioni sull esistente - 2 È POSSIBILE INSTALLARE UN TETTO VERDE SU DI UN EDIFICIO ESISTENTE? SÌ, MA NON SEMPRE E NON DOVUNQUE! Nel caso di interventi su edifici esistenti, l applicazione è possibile, fatte salve alcune verifiche preliminari. Va innanzitutto verificata la capacità portante delle strutture esistenti e va effettuata una verifica (anche rispetto al sisma) del sistema con i nuovi carichi. Bisogna infatti considerare che il pacchetto assorbe e trattiene l acqua piovana, così che, oltre al suo peso proprio, nel calcolo bisogna considerare anche quello della quantità d acqua in regime di piena saturazione.

94 Applicazioni sull esistente - 3 ESEMPIO 1: DREAMHOUSE Rotterdam (Studio Claus en Kaan Architecten)

95 Applicazioni sull esistente - 4 ESEMPIO 2: GAVI Alessandria Cantina La Raia

96 Applicazioni sull esistente - 5 ESEMPIO 3: Stoccarda Germania Stabilimento industriale

97 Aspetti normativi generali - 1 A livello nazionale, oltre ai dettami della legge 192/05 ed al relativo regolamento, di cui parleremo poi, in questa sede può essere utile ricordare soprattutto due provvedimenti: La già citata norma UNI 11235, recante Istruzioni per la progettazione, l esecuzione, il controllo e la manutenzione di coperture verdi, emanata nel 2007, che definisce i requisiti prestazionali di ogni singolo elemento componente il pacchetto tecnologico, nonché i criteri di calcolo riguardanti la composizione degli strati primari (portante, di tenuta, di protezione dall azione delle radici, drenanti, filtranti, di accumulo idrico, strati colturali e di vegetazione, ecc.) e di quelli secondari (strato di barriera a vapore, strato termoisolante, strato di pendenza, di protezione, di zavorramento, strato antierosione, impianti di irrigazione, ecc.), indicando gli spessori minimi da utilizzare in base al tipo di vegetazione; La deliberazione n 1/2014 del Comitato per lo Sviluppo del Verde Pubblico, pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 13 maggio Il comitato, chiamato a deliberare in materia di ammissibilità agli sgravi fiscali del 65% per il risparmio energetico, ha ritenuto che le coperture a verde rientrino senz altro tra gli altri interventi che legittimano a fruire di tali misure.

98 Aspetti normativi generali - 2 Sempre a livello nazionale, con il DPR 59/09 è stato ufficialmente riconosciuto il contributo delle coperture a verde al fine del rispetto dei parametri di legge relativi al risparmio energetico. DPR 02/04/2009 n.59 Regolamento recante attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b) del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia pubblicato sulla GU n. 132 DEL testo in vigore dal 25 giugno estratti riguardanti le coperture a verde - ART. 2 - (Definizioni) Comma 5): Coperture a verde, si intendono le coperture continue dotate di un sistema che utilizza specie vegetali in grado di adattarsi e svilupparsi nelle condizioni ambientali caratteristiche della copertura di un edificio. Tali coperture sono realizzate tramite un sistema strutturale che prevede in particolare uno strato colturale opportuno sul quale radificano associazioni di specie vegetali, con minimi interventi di manutenzione, coperture a verde estensivo, o con interventi di manutenzione media e alta, coperture a verde intensivo. ART. 4 - (Criteri generali e requisiti delle prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti) Comma 18):... il progettista, al fine di limitare i fabbisogni energetici per la climatizzazione estiva e di contenere la temperatura interna degli ambienti... Lettera c): utilizza al meglio le condizioni ambientali esterne e le caratteristiche distributive degli spazi per favorire la ventilazione naturale dell edificio; nel caso che il ricorso a tale ventilazione non sia efficace, può prevedere l impiego di sistemi di ventilazione meccanica nel rispetto del comma 13 dell articolo 5 decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n Gli effetti positivi che si ottengono con il rispetto dei valori di massa superficiale o trasmittanza termica periodica delle pareti opache previsti alla lettera b), possono essere raggiunti, in alternativa, con l utilizzo di tecniche e materiali, anche innovativi, ovvero coperture a verde, che permettano di contenere le oscillazioni della temperatura degli ambienti in funzione dell andamento dell irraggiamento solare. In tale caso deve essere prodotta una adeguata documentazione e certificazione delle tecnologie e dei materiali che ne attesti l equivalenza con le predette disposizioni.

99 Aspetti normativi generali - 3 A livello regionale, la normativa di riferimento per l edilizia sostenibile e la certificazione energetica e la valutazione di sostenibilità ambientale degli edifici è la Legge Regionale 18 agosto 2005 n 23, recante «Disposizioni in materia di edilizia sostenibile». Essa, in particolare, introduce la certificazione VEA che, a regime, sostituirà le certificazioni nazionali. Il protocollo VEA si compone di numerose schede, tese a valutare la «qualità» del costruito. All interno di tali schede è stato inserito anche l utilizzo o meno di tecnologie a verde pensile, anche se riferito soprattutto alla sua funzione di regimentazione delle acque.

100 Sgravi e incentivi - 1 ESEMPI DI INCENTIVAZIONE ADOTTATI DA VARI COMUNI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il Comune di Sacile (PN), facendo proprie molte delle schede del Protocollo ITACA e nell ottica del rispetto delle previsioni di cui alla Legge Regionale 23/2005 «Disposizioni in materia di edilizia sostenibile», ha introdotto le coperture a verde nel proprio Regolamento Energetico. Ad esso si fa infatti riferimento al capitolo 5.6 «Permeabilità dei suoli» e, soprattutto, nel successivo capitolo 5.7 «Coperture a verde». Il Comune di Sacile «adotta le linee guida Verde pensile: prestazioni di sistema e valore ecologico (ISPRA, 2012) e ne suggerisce l applicazione.» Il Regolamento prevede poi che «nelle aree industriali e artigianali, per il calcolo della superficie di standard a verde è possibile computare fino al 10% la superficie delle coperture realizzate col sistema a verde pensile».

101 Sgravi e incentivi - 2 Il Comune di Tavagnacco (UD), ha invece introdotto il concetto di «tetto giardino» nel proprio Regolamento Edilizio, dove si prevede che: «Nelle nuove costruzioni nelle zone D e H è incentivata la realizzazione di tetti giardino (praticabili o non praticabili), con lo scopo di ridurre gli effetti dovuti all insolazione estiva delle superfici orizzontali e di compensazione ecologica ( recupero di superfici verdi in quota ). Incentivi: non determina aumento di cubatura, Sul e altezze, la costruzione di: 1) manufatti strettamente necessari per l accesso al tetto a giardino; 2) locali abitabili purché connessi alla fruibilità del verde pensile, seppur anche parzialmente, che non costituiscano autonome unita immobiliari, fino a coprire al massimo il 50% della copertura (Q): tali locali dovranno rispondere a caratteristiche di elevata qualità formale. Per la manutenzione deve essere comunque garantito l accesso alla copertura. Il tetto giardino dovrà coprire almeno il 50% della copertura (Q).»

102 Sgravi e incentivi - 3 GRADISCA D ISONZO (GO) riduzione contributo costruzione e bonus urbanistici NTA - Art. 4 - Definizioni NTA Art. 21 Z.t.o. C3: Zone a impianto articolato NTA - Art. 36 Z.t.o. D2.1 : Ex PIP ed aree di nuova individuazione

103 Sgravi e incentivi - 4 ROMANS D ISONZO (GO) riduzione contributo costruzione e bonus urbanistici NTA - Art Definizioni NTA Art. 19 Z.t.o. C NTA - Artt Z.t.o. D.2; D.3/A; H2.1; H2.2

104 Avvertenze finali - 1 Come dovrebbe avvenire per tutte le cose, quando programmate l installazione di una copertura a verde affidatevi a progettisti ed applicatori specializzati. L improvvisazione è sempre l anticamera di problemi e costi non preventivati di gestione e manutenzione.

105 Grazie a tutti per l attenzione. Arrivederci! STUDIO 3in Studio di Architettura ed Urbanistica arch. Irene La Rosa, ing. Davide Rigonat via Battisti, Gradisca d Isonzo (GO) tel./fax: 0481/93241 P.IVA

La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica

La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica Indipendenza Energetica e Decarbonizzazione Il ruolo della Cogenerazione nel raggiungimento degli obiettivi 2020 per l Italia Opportunità ed ostacoli La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

Efficienza in sanità Ing. Nicola Morgese - 10 maggio 2013

Efficienza in sanità Ing. Nicola Morgese - 10 maggio 2013 Efficienza in sanità Ing. Nicola Morgese - 10 maggio 2013 MILANO, 10 maggio 2013 FIRE - Federazione Italiana uso Razionale dell'energia POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Le risposte applicative

Dettagli

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) CAMPAGNA COMUNE EFFICIENTE www.carolloimpianti.it/teecomune Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company noi siamo ESCo La società F.lli

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Illuminazione Pubblica: Piani della Luce, Energia, Sostenibilità e un caso Pilota Lumière Ruolo delle ESCO nel Percorso Lumière Smart City

Illuminazione Pubblica: Piani della Luce, Energia, Sostenibilità e un caso Pilota Lumière Ruolo delle ESCO nel Percorso Lumière Smart City Illuminazione Pubblica: Piani della Luce, Energia, Sostenibilità e un caso Pilota Lumière Ruolo delle ESCO nel Percorso Lumière Smart City 11 Aprile 2014 Ing. Angelo Guerrieri Sales Area Manager Nord Est

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Costruire con sole, vento, acqua

Costruire con sole, vento, acqua Costruire con sole, vento, acqua Il progetto D.A.R.E. BIO per un architettura sostenibile a Cecina La certificazione energetica degli edifici Roberto Bianco Cecina - 4 maggio 2006 DIRETTIVA EUROPEA SUL

Dettagli

f o green ro so o lar EcoroofEc

f o green ro so o lar EcoroofEc Ecoroof solar green La copertura di un edificio rappresenta uno degli elementi piu significativi della sua configurazione e funzionamento. Inoltre circa il 25% delle dispersioni totale di energia di un

Dettagli

REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE

REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE CODIS srl Italy - Catania C.so delle Province 38 tel. 095 383945 www.codis.it Le Nanotecnologie sono tecniche che consentono

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli

VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R.

VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R. VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R. Relatore Ing. Massimo Lazzarini massimo.lazzarini@ecomenergia.it Contenuti Detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia Detrazione fiscale Riqualificazione

Dettagli

Guida ai Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi. Luglio 2013 - Confidenziale

Guida ai Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi. Luglio 2013 - Confidenziale Guida ai Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi Luglio 2013 - Confidenziale Cosa sono i titoli di efficienza energetica I TEE sono un meccanismo di incentivazione introdotto in Italia a

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

LE NOVITA NEL SISTEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI TEE

LE NOVITA NEL SISTEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI TEE LE NOVITA NEL SISTEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI TEE 22.02.2013 Rupert Rosanelli Legale rappresentante SYNECO srl Offerta: consulenza - progettazione - servizi Team interdisciplinare CONSULTING Team TECNICO

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

PFF GROUP SRL CHI SIAMO

PFF GROUP SRL CHI SIAMO CHI SIAMO PFF srl, è un azienda giovane e dinamica dedicata alla progettazione, sviluppo e realizzazione di tutti i sistemi ed impianti da fonte di energia rinnovabile studiati per il risparmio energetico.

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO R.A.M.E. LE ESCO E L EFFICIENZA L ENERGETICA FERMO 24 Marzo 2006 Teatro dell Aquila Ing. Simone Capriotti Ing. Maurizio Croce Ing. Giacomo Detto In collaborazione

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI Energia e Ambiente UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI uroshunt propone soluzioni avanzate nel campo della produzione di energia, del riscaldamento e del raffreddamento. uroshunt, in partnership

Dettagli

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA nuovo S istema di C limatizzazione di edifici artigianali in ambito urbano basato sulle fonti Energetiche Rinnovabili PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA www.progettoscer.it Il progetto

Dettagli

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1 Normativa, vincoli e strategie per l efficienza energetica: la diagnosi energetica/audit energetico, strumento strategico per conseguire il potenziale di efficienza energetica Villa Contarini, Piazzola

Dettagli

L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia. verso una progettazione in classe A

L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia. verso una progettazione in classe A L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia verso una progettazione in classe A Trasporto su strada EUROPA Entro 2020 Caldaie (funzione solo riscaldamento) Acqua calda

Dettagli

Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015

Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015 Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015 Agenda 1- Il Gruppo CertiNergy e CertiNergia 2- Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica

Dettagli

Le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), una opportunità

Le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), una opportunità Le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), una opportunità di sviluppo e un contributo al raggiungimento degli obiettivi del piano energetico Federico Fileni (Ecuba S.r.l.) Mirandola - 22 luglio

Dettagli

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Negli edifici di vecchia concezione un elemento particolarmente sentito è l isolamento termico. Una soluzione minimamente invasiva è il così detto "cappotto di un edificio",

Dettagli

Il percorso dell efficienza di CSE

Il percorso dell efficienza di CSE Il percorso dell efficienza di CSE Consulenza, Ottenimento TEE, Sistemi di gestione, Studi di fattibilità Cremona, 8 maggio 2013 I partner di Edison in Efficienza Energetica: CSE CSE è una società di consulenza

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE 02 IL SISTEMA DEDICATO ALL ENERGY MANAGEMENT CHE RIDUCE COSTI E CONSUMI Gestione intelligente delle informazioni energetiche degli

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Regione VENETO Comune di ROVIGO PROGETTO PER LA NUOVA COSTRUZIONE DI 6 EDIFICI RESIDENZIALI PER COMPLESSIVE 8 UNITA ABITATIVE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Proprietà:

Dettagli

INCENTIVI: Titoli di Efficienza Energetica, Conto Termico, altri strumenti finanziari

INCENTIVI: Titoli di Efficienza Energetica, Conto Termico, altri strumenti finanziari INCENTIVI: Titoli di Efficienza Energetica, Conto Termico, altri strumenti finanziari Strumenti di incentivazione a favore delle P.A. Ing. Francesco Pradella Direttiva 2012/27/UE Formulare obiettivo nazionale

Dettagli

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding INVITO VI ASPETTIAMO AL NOSTRO STAND Siamo presenti alla Fiera internazionale della sostenibilità Padiglione 6 stand 6/b CONVEGNI ed EVENTI sabato 18 maggio 16.00 17.00 Sala 3 (padiglione 6) CONFERENZA

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 10 febbraio 2010, n. 10. Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto 2005 n. 192.

REGOLAMENTO REGIONALE 10 febbraio 2010, n. 10. Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto 2005 n. 192. 30 REGOLAMENTO REGIONALE 10 febbraio 2010, n. 10 Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto 2005 n. 192. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi

Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi Progetti di ristrutturazione energetica con impianti di Cogenerazione e Trigenerazione ad alto rendimento di Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi STUDIO

Dettagli

L efficienza energetica nella sanità in Italia. Un caso di eccellenza: l Azienda Ospedaliera di Perugia.

L efficienza energetica nella sanità in Italia. Un caso di eccellenza: l Azienda Ospedaliera di Perugia. L efficienza energetica nella sanità in Italia. Un caso di eccellenza: l Azienda Ospedaliera di Perugia. Il nostro mondo sta cambiando 2 2N. 2 Nel 2050, la popolazione mondiale sarà di 9.1 miliardi di

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team - Seminario tecnico ABB-SMA Il punto sulla direttiva IPPC, 27 Novembre 2013 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate Isolamento Estivo Isolamento Estivo Abitare sostenibile implica un isolamento ottimale dal caldo e dal freddo, in grado di ridurre i consumi, far risparmiare denaro agli abitanti ed energia alla casa.

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE PROGETTO STEEEP WORKSHOP: COME GESTIRE I CONSUMI ENERGETICI IN MODO EFFICIENTE: LO STRUMENTO DELLA CONTABILITA ENERGETICA PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE

Dettagli

Università degli studi di Roma «Sapienza»

Università degli studi di Roma «Sapienza» Università degli studi di Roma «Sapienza» Facoltà di Architettura Laurea triennale in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali A.A. 2012/2013 L infrastruttura verde nella pianificazione: use cases

Dettagli

Architettura sostenibile e recupero energetico degli edifici

Architettura sostenibile e recupero energetico degli edifici 1 MODULO Architettura sostenibile e recupero energetico degli edifici LEZIONI: DAL 12 NOVEMBRE 2015 AL 18 DICEMBRE 2015 ESAME: 7 GENNAIO 2016 Fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie per una progettazione

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI PROVINCIA DI VENEZIA SERVIZIO GEOLOGICO E TUTELA DEL TERRITORIO, GEOTERMIA AUDITORIUM PROVINCIA DI VENEZIA Convegno: Energie rinnovabili per la climatizzazione L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA

Dettagli

Risparmio Energetico

Risparmio Energetico Comune di Portogruaro Provincia di Venezia Il Regolamento sul Risparmio Energetico Il Regolamento è un allegato al Regolamento Edilizio Comunale e si compone di una parte normativa-regolamentare e di 5

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Normativa di riferimento Decreti ministeriali del 24 Aprile 2001 (elettrico e termico) Decreti ministeriali del 20 Luglio 2004 (elettrico e termico)

Dettagli

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA La centrale tecnologica trigenerativa del Nuovo Ospedale di Udine Paolo Maltese Siram SpA Direttore Parternariato Pubblico Privato 1 L OPERA E

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

Diagnosi energetica degli edifici

Diagnosi energetica degli edifici Diagnosi energetica degli edifici Che fare? Consigli preliminari Prima di qualsiasi intervento rivolto a migliorare l edificio si consiglia di compiere una diagnosi completa delle prestazioni energetiche

Dettagli

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Ottimizzare la gestione dell energia: soluzioni tecnologiche per le aziende Ivano Olivetti - Ricercatore ENEA Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Vicenza 01 febbraio

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team Italia, Febbraio 2012 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

MAY 2014 FOT MAINTENANCE AND MANAGEMENT. Gli edifici rappresentano circa il 40% del fabbisogno energetico dell Unione Europea.

MAY 2014 FOT MAINTENANCE AND MANAGEMENT. Gli edifici rappresentano circa il 40% del fabbisogno energetico dell Unione Europea. afte R FINAL REPORT MAY 2014 Il progetto Gli edifici rappresentano circa il 40% del fabbisogno energetico dell Unione Europea. Negli ultimi cinque anni, gli operatori dell edilizia sociale hanno svolto

Dettagli

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Seminario Strumenti finanziari ed incentivi a supporto del risparmio energetico Incentivi statali la Finanziaria 2007 La Finanziaria 2007 ha introdotto

Dettagli

The pilot project in Riolo Terme; Overview and discussion about current regulations; Main needs of stakeholders concerning RES

The pilot project in Riolo Terme; Overview and discussion about current regulations; Main needs of stakeholders concerning RES The pilot project in Riolo Terme; Overview and discussion about current regulations; Main needs of stakeholders concerning RES Giovanni Santarato Università di Ferrara Riolo Terme, 26 Giugno 2012 Project

Dettagli

Latina 23 Giugno 2014

Latina 23 Giugno 2014 Latina 23 Giugno 2014 ORDINE DEGLI INGEGNERI DI LATINA Cogenerazione: incentivi e normative: opportunità, vincoli, stato dell arte e sviluppi del settore UN PROGRAMMA COMPLETO Viessmann Werke UN PROGRAMMA

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA L offerta di E.ON Energia Titoli di Efficienza energetica: COSA SONO Definizione I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), detti anche Certificati Bianchi attestano il risparmio

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Pasquale Monti Responsabile Efficienza Energetica Rozzano(MI) 21 Febbraio 2013 Enel.si srl Unità Sviluppo ed Efficienza Energetica

Dettagli

LE COPERTURE VENTILATE

LE COPERTURE VENTILATE ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi LE COPERTURE VENTILATE PREMESSA La copertura si configura come un sistema edilizio complesso, finalizzato a fornire determinate

Dettagli

Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO

Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO Ing. Roberto Udali ForGreen S.p.A. ForGreen e il progetto GBE Factory Il GBE Factory- Green Blue Energy Factory rientra nel programma della

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici Bolzano 28.03.2015 sulla strada dell efficienza energetica Molti concetti! Energia sostenibile Energy Management Aziendale

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti ex Art.5 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A.

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti ex Art.5 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. CIRCOLARE n. 07/10 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4 40131 Bologna Tel. 051 6347139 - Fax 051

Dettagli

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Gennaio 2014 L'Organizzazione Federchimica è la Federazione Nazionale dell Industria Chimica,

Dettagli

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it 19 giugno 2013 Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group Il trend dei consumi Gli obiettivi stabiliti dalla SEN per l efficienza energetica: - 24% sui consumi primari (-20 Mtep); -

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

CHI SIAMO. Finalità. I Soci

CHI SIAMO. Finalità. I Soci CHI SIAMO AIVEP - Associazione Italiana Verde Pensile - è nata a Bolzano nel 1997 per: aggregare tutti coloro che operano professionalmente e scientificamente nel settore del verde pensile o sono interessati

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Luca Zanella - ABB Energy Efficiency Country Team Manager 6a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie - 14 Maggio 2013 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit al supporto

Dettagli

IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA

IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA RATIONAL ENERGY SOLUTIONS IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA Strategie, procedure, esperienze IL GRUPPO SBS Una realtà industriale leader per tecnologie e competenze 100 milioni di fatturato, 240 addetti,

Dettagli

La normativa italiana sull efficienza energetica degli edifici e focus sugli edifici ad energia quasi zero (NZEBs)

La normativa italiana sull efficienza energetica degli edifici e focus sugli edifici ad energia quasi zero (NZEBs) La normativa italiana sull efficienza energetica degli edifici e focus sugli edifici ad energia quasi zero (NZEBs) ing. Antonio Visentin Fondazione Fenice Onlus FENICE Green Energy Park Perché la normativa

Dettagli

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Caso studio : DOMUS SOLIS Sito web : http://www.construction21.eu/italia/ DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Tipologia di progetto : Nuova costruzione Tipo di edificio : Condominio di altezza

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Risparmio Energetico: Strumento per la competitività

Risparmio Energetico: Strumento per la competitività Risparmio Energetico: Strumento per la competitività Profilo AGESI (Associazione Imprese di Facility Management e Energia) rappresenta, a livello nazionale, comunitario ed internazionale, le imprese operanti

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

Aeroporti di Puglia S.p.A.

Aeroporti di Puglia S.p.A. Aeroporti di Puglia S.p.A. Interventi di Efficientamento energetico del Sistema Aeroportuale: La Nuova Centrale di trigenerazione a biomassa Forum Internazionale Lo Sviluppo della Smart City nell area

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010 RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010 Procedure di controllo tecnico amministrativo ai fini della verifica della giusta spesa energetica e della corretta conduzione

Dettagli

ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Sulla base delle diverse finalità e tenuto conto delle esperienze acquisite di diagnosi, certificazione, progettazione

Dettagli

Progetti di Efficientamento Energetico. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Progetti di Efficientamento Energetico. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Progetti di Efficientamento Energetico perché l'energia più economica è quella che non si consuma Dove conviene sviluppare investimenti in efficienza energetica Fonte: Politecnico Milano - Enel Progetti

Dettagli

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica Energia del futuro: l efficienza nei sistemi energetici del territorio 17-18 maggio 2014 Hotel Splendid Baveno, via Sempione 12 Procedure di base finalizzate all efficienza energetica prof. Marco Carlo

Dettagli

PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P.

PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P. PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P. Project financing sugli edifici pubblici per il miglioramento dell'efficienza energetica e la produzione di energia da fonti rinnovabili negli edifici scolastici Marco

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: LR 22/2009 interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare l sicurezza degli

Dettagli

EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB. Prof. Giuliano Dall O (Politecnico di Milano) Ing. Elisa Bruni (SACERT)

EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB. Prof. Giuliano Dall O (Politecnico di Milano) Ing. Elisa Bruni (SACERT) EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB AGOMENTI TRATTATI La Direttiva europea 31/2010 e gli edifici a energia quasi zero Elementi che caratterizzano le metodologie esistenti per gli edifici ZEB

Dettagli

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione Oggetto Interventi su edifici esistenti finalizzati al conseguimento di un predefinito valore limite del fabbisogno di energia primaria annuo Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti

Dettagli

1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione energetica degli edifici: diagnosi e certificazione 3. La diagnosi elettrica

1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione energetica degli edifici: diagnosi e certificazione 3. La diagnosi elettrica ESCo E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Dott.sa Francesca Gaburro Dott.sa Monica Porcari Università degli Studi di Parma, 10 novembre 2010 INDICE 1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione

Dettagli