Verso un manifesto per le aree protette come Centri di Ricerca in Ecologia applicata alla Pianificazione, Gestione, Conservazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verso un manifesto per le aree protette come Centri di Ricerca in Ecologia applicata alla Pianificazione, Gestione, Conservazione"

Transcript

1 Verso un manifesto per le aree protette come Centri di Ricerca in Ecologia applicata alla Pianificazione, Gestione, Conservazione Corrado Battisti Provincia di Roma (Servizio Ambiente) Gianluca Forti Museo del fiore (Acquapendente, VT)

2 In Enti parco (e altri Enti territoriali) Naturalisti, Biologi, Agronomi, Forestali, Funzioni nel settore della ricerca di base: 1. Pianificazione (P)( territoriale ambientale (environmental/landscapelandscape planning) 2. Gestione (M)) di siti/specie (wildlife( wildlife/site management; Morrison, 2002) 3. Conservazione (C)) della biodiversità (tutti i livelli; Conservation) Tre mega-discipline con una specifica letteratura di riferimento e un arsenale concettuale (J. Wildl. Manag., J. Appl. Ecol., Conserv. Biol., Landsc. Urb. Plann.)

3 Specificità della ricerca applicata (P,M,C): problemi (pressioni), strategie (risposte), soluzioni operative (sito-specificit specificità; approccio site-based based) rispetto alla ricerca di base: domande/ipotesi, risposte, modelli esportabili (approccio model-based based, target-oriented oriented) (Lowe et al., 2009, J.Appl.Ecol.; Kroll,, 2007, J.Wildl. Manag.)

4 La scienza definisce le leggi del mondo fenomenologico Il management ambientale e la biologia della conservazione (discipline di crisi) lavorano alla definizione di specifici obiettivi raggiungibili attraverso opportune azioni (piani, progetti, misure) nel «mondo reale» (Kroll,, 2007). Wildlife managers e landscape planners hanno la possibilità di analizzare i problemi secondo un ampia varietà di prospettive (scientifiche, sociali, politiche, economiche). Essi operano all interno di una disciplina trasversale (una «trans-scienza»;; Miller, 1993) che analizza problemi complessi in merito ai quali la conoscenza è ancora scarsa. Kroll A.J., Integrating professional skills in wildlife student education. Journal of Wildlife Management, 71: Miller A., The role of analytical science in natural resource rce decision making. Journal of Environmental Management, 17:

5 Tre principali aspetti critici Consapevolezza. Tecnici e professionisti nell Ente Parco sono consapevoli del loro ruolo nel definire strategie locali di PMC? Formazione. Essere bravi naturalisti, biologi non significa automaticamente essere PMC managers: : corsi, master, studio!

6 Problema. Difficoltà degli enti parco a identificarsi in una struttura tecnico-scientifica forte 1. Personale formato su materie scientifiche di base, non applicative 2. Scarsa consapevolezza del ruolo attivo nel PMC (enfasi su amministrazione, controllo ordinario) Ruolo passivo verso ricercatori di base e professionisti esterni Errori nelle strategie di PMC (sottovalutazione del ruolo di storia, relazioni, eventi locali)

7 Esempi: specificità contesti (es., aree protette) Disturbi: evento discreto nel tempo e nello spazio che altera: : 1) struttura e funzione di componenti ecosistemiche in modo reversibile o irreversibile e, 2) la disponibilità di risorse, substrato e ambiente fisico (White e Picketts,, 1985). Threat analysis (Analisi delle minacce) Approccio con cui è possibile classificare, mappare, quantificare, ranking le minacce antropiche, definendo ordini di priorità finalizzati alla definizione di strategie per siti specifici, specie, comunità (IUCN, 2006; TNC, 2006; WWF, in progress)

8

9 CARATTERIZZAZIONE DELL EVENTO EVENTO REGIME (Sousa,, 1984) Ecologia del disturbo Disturbi naturali Regimi Componenti spaziali: Estensione areale (the( size of disturbed area), Pattern: : shape, connectivity, spatial distribution, closeness to undisturbed sites Componenti temporali: Frequenza Durata Predittività: : misura della varianza nei tempi medi di disturbo Turnover Componenti di magnitude: Intensità: misura della intensità assoluta dell evento evento di disturbo indipendentemente dall oggetto disturbato, Severità: misura del danno causato dall evento di disturbo

10 Ogni area protetta può fornire esempi di eventi, minacce, relazioni che possono essere inserite nelle strategie di PMC e divenire MODELLI Molte attività considerate ordinarie: schematizzabili e formalizzabili in forme tali da rientrare nei protocolli PMC

11 Perseguimento abusi - riconoscimento di questi come eventi - possibilità di analisi del fenomeno (non solo in senso amministrativo-procedurale procedurale-normativo) ) ma anche quantitativo e statistico Framework concettuali causa-effetto tra driving forces (agricoltura, attività venatoria, turismo), minacce, target (Stress idrico da piscicoltura; conflitti allevamento-carnivori) Strategie di controllo/eradicazione specie aliene (Salvinia( molesta al sink-hole Pozzo del Merro; ; monitoraggio della eventuale ricolonizzazione; ) Catene trofiche aliene a più livelli Percezione degli eventi di minaccia da parte di gruppi sociali differenti (Battisti et al., 2009; Biodiv. Conserv.) Definizione di indicatori di RE attraverso approccio expert- based (Amici & Battisti, 2009; Landsc.. Res.) Formalizzazione di Laboratori per la Biodiversità (MN Torre Flavia, Lago di Bolsena; ricerca/laboratorio_biodivers_html) Promozione progetti di rete (protocolli di Genetica della conservazione: Orchis palustris; ; Arduino et al. 1996; Pl. Syst. Evol.. 202: )

12 Il manifesto può essere visionato su e migliorato inviando commenti e suggerimenti a

Modelli e classificazioni di aree protette: i presupposti delle reti 57

Modelli e classificazioni di aree protette: i presupposti delle reti 57 Indice Renzo Moschini Le reti e i parchi 9 La svolta di uomini e parchi 10 Il ruolo controverso e nuovo del parco oggi 12 I parchi che parlano europeo 15 Calma piatta per le aree protette marine 18 Stato,

Dettagli

20-21 Febbraio 2008. WWF Standards: una proposta per la gestione efficace dei progetti di conservazione della biodiversità Con il patrocinio di

20-21 Febbraio 2008. WWF Standards: una proposta per la gestione efficace dei progetti di conservazione della biodiversità Con il patrocinio di 20-21 Febbraio 2008 Riserva Regionale Ripabianca di Jesi Fabrizio Bulgarini Ufficio Biodiversità WWF Italia f.bulgarini@wwf.it Molte battaglie sono state vinte, ma i processi globali che minacciano la

Dettagli

Un approccio partecipato per la promozione delle buone abitudini. L esperienza Umbra

Un approccio partecipato per la promozione delle buone abitudini. L esperienza Umbra Un approccio partecipato per la promozione delle buone abitudini alimentari i nella scuola primaria i Dll Dalla Sorveglianza Okkioall analisi li i di contesto secondo Green L esperienza Umbra Roma 20 febbraio

Dettagli

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI Pierluca GAGLIOPPA 1 Rossella GUADAGNO 2 SUNTO I territori agricoli e forestali hanno un indiscutibile valore per quanto producono in termini di biomasse

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010.

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010. Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette 17 marzo 2010 Lucia Naviglio 17.3.2010 naviglio.lucia@gmail.com 1 parchi ed energia Promozione

Dettagli

Gestione adattativa (Adaptive management)

Gestione adattativa (Adaptive management) Gestione adattativa (Adaptive management) La gestione adattiva viene definita come un processo di acquisizione sistematica e successiva applicazione di informazioni affidabili al fine di migliorare l efficacia

Dettagli

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MORETTI FRANCESCA VIA LAGASTRELLO 12, 42030 FRAZ. MISCOSO, COMUNE DI RAMISETO (RE) Telefono 0522892197-3467536674

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE E TECNOLOGIA

CURRICOLO SCIENZE E TECNOLOGIA 1 CURRICOLO SCIENZE E TECNOLOGIA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 Il bambino: Schema cognitivo Rileva le caratteristiche principali di oggetti e di situazioni; formula ipotesi; ricerca

Dettagli

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino Antonio Pusceddu Dipartimento di Scienze della Vita e dell

Dettagli

Ordinanza sui cicli di studio e i titoli delle scuole universitarie professionali

Ordinanza sui cicli di studio e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza sui cicli di studio e i titoli delle scuole universitarie professionali del... 2005 Il Dipartimento federale dell economia, visti gli articoli 7 capoverso 3 e 16 capoverso 3 della legge dell

Dettagli

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua PROVINCIA DI PRATO Ufficio Agenda 21 Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel.: 0574 534260 Fax: 0574 534329 E-mail: agenda21@provincia.prato.it Web: http:\\www.provincia.prato.it PTC 2008 Variante di adeguamento

Dettagli

Progetto Siamo tutti biodiversi percorso di autoformazione guidata: approfondimenti scientifici

Progetto Siamo tutti biodiversi percorso di autoformazione guidata: approfondimenti scientifici Progetto Siamo tutti biodiversi percorso di autoformazione guidata: approfondimenti scientifici Modulo 9: Le aree ad alta biodiversità (hotspot) 22 dicembre 2008 Il Progetto Tanzania Eastern Arc Mountains:

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini

MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini Sara Venturini,, Giorgio Fanciulli, Sara Costa, Paolo Povero AZIONE 6 AMP PORTOFINO - DISTAV Genova, 27 Marzo 2013 Sottoprogetto

Dettagli

Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità

Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità Information Workshop Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità Dal LIFE Natura a LIFE+ Informazioni utili per il bando 2009 - 1. Da LIFE Natura a LIFE+ 2. Natura e biodiversità

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 1 maggio 2009) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

Alcuni parchi nazionali sono in perdita economica. l Udzungwa Mountain National Park è in perdita economica

Alcuni parchi nazionali sono in perdita economica. l Udzungwa Mountain National Park è in perdita economica Udzungwa Mountain National Park Alcuni parchi nazionali sono in perdita economica l Udzungwa Mountain National Park è in perdita economica Il parco è grande 2.000 kmq. L area totale di foresta pluviale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE

TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

Introduzione alla Biodiversità. A cura di Clara Tattoni. e presentazione di alcuni casi di studio

Introduzione alla Biodiversità. A cura di Clara Tattoni. e presentazione di alcuni casi di studio Introduzione alla Biodiversità A cura di Clara Tattoni e presentazione di alcuni casi di studio 1 Che cos'è? 1985 W.G. Rosen diversità, varietà, delle forme viventi sulla terra Diversità di una POPOLAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 1 febbraio 2011) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali I servizi per la fruizione delle risorse ambientali Raffaello Cervigni Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 2004 Sommario La politica

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

Le specie aliene invasive: problemi e possibili soluzioni

Le specie aliene invasive: problemi e possibili soluzioni Le specie aliene invasive: problemi e possibili soluzioni ALIENO =?? NO! ALIENO = Elena Tricarico Dipartimento di Biologia, Università di Firenze elena.tricarico@unifi.it Le specie aliene invasive Un problema

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI Scienze integrate (Fisica) Scienze integrate (Chimica) Produzioni vegetali

Dettagli

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000 Accademia Italiana di Scienze Forestali - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Valutazione ambientale dei progetti di interventi selvicolturali e dei piani di gestione forestale AMATRICE -

Dettagli

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Roma, 26 novembre 2010 Auditorium ISPRA- Roma Sandro Boato ARPA Veneto La biodiversità nel Veneto LA DIVERSITA DEL PAESAGGIO

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna

Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna In generale, la valutazione di una rete di monitoraggio ambientale deve

Dettagli

Curriculum Vitae Walter Bianco

Curriculum Vitae Walter Bianco INFORMAZIONI PERSONALI Walter Bianco Strada Antica della Creusa 27/5, 10133, Torino, Italia 011-6612447 3472890373 walter.bianco@eurolabmobile.it Sesso M Data di nascita 06/10/1957 Nazionalità Italiana

Dettagli

Biodiversità e sviluppo sostenibile

Biodiversità e sviluppo sostenibile Biodiversità e sviluppo sostenibile R. Venanzoni, D. Gigante, M. Lorenzoni, E. Goretti, G. La Porta, F. Maneli Gruppo di Ricerca Biodiversity & Ecology Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA tra IL PARCO DEL DELTA DEL PO dell Emilia Romagna (ITALIA) e L AGENZIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIOSFERA DEL DANUBIO (ROMANIA) relativamente a cooperazione

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE 8.2 Cost of degradation 8.2.1 INFORMAZIONE UTILIZZATA Fonti di informazione I datasets su cui sono state effettuate le successive elaborazioni sono stati forniti da:

Dettagli

Sicurezza del Volo. Aeroclub dello Stretto Scuola di volo. Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS

Sicurezza del Volo. Aeroclub dello Stretto Scuola di volo. Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 23 febbraio 2013 ore 17.00LMT Speaker: C.Te

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA CROTONE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA CROTONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA VIA UGO FOSCOLO CROTONE ANNO SCOLASTICO 2011-2012 MATERIA DI INSEGNAMENTO : GEOGRAFIA CLASSE I SEZIONE C DOCENTE : SIMONETTA RIOLO INDIRIZZO : SCIENZE UMANE

Dettagli

BIOCOSTRUZIONI MARINE IN PUGLIA RTI CONISMA CNR

BIOCOSTRUZIONI MARINE IN PUGLIA RTI CONISMA CNR La sottoscritta Simonetta Fraschetti Cognome e Nome Fraschetti Simonetta Nata a Milano Il 19.08.1965 Codice fiscale FRSSNT65M59F205E Attuale posizione ricoperta Professore Associato in Ecologia Altre funzioni

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014

Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014 Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014 ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. n.150/2009 8.1 Scheda di analisi SWOT 2 OPPORTUNITÀ Valorizzare

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA

SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA Associazione tra i Comuni di Bolsena, Acquapendente, Bagnoregio, Cellere, Farnese, Gradoli, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera, Lubriano, Montefiascone, Valentano

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Sezione A proponente Numero univoco progetto: 291729731485 Anagrafica Promotore Codice univoco progetto 291729731485 Componenti totali

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC), NAZIONALE (SIN) E REGIONALE (SIR) DELLA RETE NATURA 2000 NELLA PROVINCIA DI CATANZARO

PIANO DI GESTIONE DEI SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC), NAZIONALE (SIN) E REGIONALE (SIR) DELLA RETE NATURA 2000 NELLA PROVINCIA DI CATANZARO REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AMBIENTE COMUNITA EUROPEA PROVINCIA DI CATANZARO POR CALABRIA 2000/2006 - RETE ECOLOGICA REGIONALE MISURA: 7.1 A) 1.10 A) PIANO DI GESTIONE DEI SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

Prof. Attilio MUCELLI

Prof. Attilio MUCELLI Prof. Attilio MUCELLI Dipartimento di Management e Organizzazione industriale Tel. 071 2207183 E-mail: a.mucelli@univpm.it Web page: http://www.econ.univpm.it/mucelli Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

MONITORAGGIO 2012 AREE PROTETTE E SITI NATURA 2000

MONITORAGGIO 2012 AREE PROTETTE E SITI NATURA 2000 RECEPIMENTO DELLA RETE ECOLOGICA ALL INTERNO DEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE MONITORAGGIO 2012 AREE PROTETTE E SITI NATURA 2000 Nell ambito delle attività del monitoraggio 2012, ISPRA ha inteso realizzare,

Dettagli

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto Autore Stefano Tasinazzo Foto Roberto Fiorentin Roberto Masin Bruno Pellegrini Filippo Prosser Stefano Tasinazzo Foto di copertina: Veronella - VR; S. Tasinazzo

Dettagli

Tabella 1. Definizione degli indicatori. Criteri di selezione

Tabella 1. Definizione degli indicatori. Criteri di selezione Il numero di indicatori che si possono stimare per monitorare una destinazione è potenzialmente molto ampio perché molteplici sono gli aspetti che richiederebbero un controllo costante e sistematico. E

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

TOPICS OBIETTIVI OBIETTIVI SPECIFICI. 1.A programmare e realizzare momenti di scambio di know how;

TOPICS OBIETTIVI OBIETTIVI SPECIFICI. 1.A programmare e realizzare momenti di scambio di know how; TOPICS Essendo i campi della gestione ambientale molteplici così come le esperienze innovative che vengono giornalmente messe a punto nei territori protetti, si è puntato a scambi di know how e best practices

Dettagli

LA CARTA DI NINFA LA BIODIVERSITA COME COMPONENTE ORGANICA DEI PROCESSI DI TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO

LA CARTA DI NINFA LA BIODIVERSITA COME COMPONENTE ORGANICA DEI PROCESSI DI TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO UNIONTURISMO ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE AZIENDE E DEGLI ENTI PUBBLICI E PRIVATI DI PROMOZIONE ED ACCOGLIENZA TURISTICA PRESIDENZA NAZIONALE LA CARTA DI NINFA LA BIODIVERSITA COME COMPONENTE ORGANICA

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni. DEL MONDO FISICO E.. Esplorare con curiosità attraverso i sensi. Manipolare materiali diversi. Sperimentare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14 Referente del progetto: Rigano Salvatrice Gruppo del progetto: Tosto Graziella, Cantarella

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO - MINEO

ISTITUTO COMPRENSIVO - MINEO CURRICOLO di GEOGRAFIA INDICATORI CLASSE PRIMA NELLO SPAZIO Riconoscere ed indicare la posizione di oggetti nello spazio vissuto rispetto a punti di riferimento. Utilizzare correttamente gli organizzatori

Dettagli

Programma Mare. Roma 6/12/2011

Programma Mare. Roma 6/12/2011 Roma 6/12/2011 Obiettivo del Progetto ISEA Realizzare interventi di sostegno alla corretta gestione delle AMP (ASPIM) rafforzando l efficienza e l efficacia nella gestione (e conservazione) della biodiversità,

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente:

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA Obiettivi della Scuola di Psicologia Clinica Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: Lo specialista in Psicologia

Dettagli

Dalla Biodiversità alla Luce Prof.ssa Flora Marino

Dalla Biodiversità alla Luce Prof.ssa Flora Marino Percorso didattico Dalla Biodiversità alla Luce Prof.ssa Flora Marino I Convegno di Education 2.0 Firenze, 23 aprile 2010 Il problema di partenza Il gruppo di lavoro del Presidio Territoriale ISS percorso

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi Indirizzo: Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi Indirizzo: Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi per l agricoltura e lo L indirizzo Servizi per l agricoltura e lo è un percorso di studi che fornisce competenze relative all assistenza tecnica

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La strategia e la gestione ambientale dott. Matteo Rossi Benevento, 12 febbraio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Perdita di biodiversità a livello globale, la situazione in Italia e definizione delle priorità nazionali per la ricerca

Perdita di biodiversità a livello globale, la situazione in Italia e definizione delle priorità nazionali per la ricerca Perdita di biodiversità a livello globale, la situazione in Italia e definizione delle priorità nazionali per la ricerca Stefano Focardi & Papik Genovesi Questa romantica immagine vuole dare il senso di

Dettagli

PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELL AMBIENTE EDEL TERRITORIO

PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELL AMBIENTE EDEL TERRITORIO ISTITUTO TECNICO AGRARIO EMILIO SERENI VIA PRENESTINA, ROMA PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELL AMBIENTE EDEL TERRITORIO CLASSE V B AT ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INSEGNANTE: SUSANNA MICOCCI ITP

Dettagli

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco)

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) Classificazione sulla base degli elementi di qualità fisico chimica: LTLeco 100 80 Percentuale 60 40 20 0 2008 2009 2010

Dettagli

QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE Attività di educazione ambientale Per insegnanti / docenti

QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE Attività di educazione ambientale Per insegnanti / docenti Pag. 1 di 6 Gentile Insegnante, Gentile Professore il Parco Regionale della Valle del Lambro svolge da ormai più di un decennio attività di educazione ambientale con le scuole. In questi anni le nostre

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

L'estensione dell'approccio "Atlante" all'adriatico nel progetto Adriplan Alessandro Sarretta, Andrea Barbanti (CNR-ISMAR)

L'estensione dell'approccio Atlante all'adriatico nel progetto Adriplan Alessandro Sarretta, Andrea Barbanti (CNR-ISMAR) L'estensione dell'approccio "Atlante" all'adriatico nel progetto Adriplan Alessandro Sarretta, Andrea Barbanti (CNR-ISMAR) L'Atlante della laguna di Venezia: l'interoperabilità dei dati per la gestione

Dettagli

TEMA GESTIONE DELLA RISORSA IDRICA

TEMA GESTIONE DELLA RISORSA IDRICA VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TEMA IPOTESI DI PROGRAMMA DI AZIONE EMERSA DURANTE GLI INCONTRI PUBBLICI DI DISCUSSIONE NOTA Alcune parti del programma indicate in rosso saranno completate a valle degli

Dettagli

LA CONTABILITA' AMBIENTALE IN EUROPA - EUROSTAT

LA CONTABILITA' AMBIENTALE IN EUROPA - EUROSTAT LA CONTABILITA' AMBIENTALE IN EUROPA - EUROSTAT Fin dalla pubblicazione del V Programma Comunitario d'azione a favore dell'ambiente è emerso subito l'orientamento dell'unione Europea verso modelli di crescita

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 4 ottobre 2005) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Arch. Enrico Gottero

Arch. Enrico Gottero INTERAZIONI TRA AGRICOLTURA E PAESAGGIO. Il ruolo dell agricoltura nella tutela e valorizzazione del paesaggio rurale Incontri pubblici per il nuovo PRG di Tortona IV forum: ambiente, paesaggio e cultura

Dettagli

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI FIRE SAFETY ENGINEERING E RISK MANAGEMENT: La protezione antincendio all interno di un disegno di risk management Bologna - 29 novembre 2003 Ing. Lucio Silvio Casati

Dettagli