L AMBIZIONE DELL EUROPA. Verso la Conferenza sul clima di Parigi 2015 e l Unione energetica europea.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AMBIZIONE DELL EUROPA. Verso la Conferenza sul clima di Parigi 2015 e l Unione energetica europea."

Transcript

1 L AMBIZIONE DELL EUROPA. Verso la Conferenza sul clima di Parigi 2015 e l Unione energetica europea. 1 >

2 INDICE Lead Author: DAVIDE TRIACCA Co-Author: ROBERTA CANCEDDA, JACOPO MANCA Unione Energetica e conferenza di Parigi: qui si gioca l interesse sovrano dell Europa e degli europei 2 Introduzione 4 La convenzione quadro sui cambiamenti climatici UNFCCC 5 Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile via Tacito, Roma tel fax La storia delle negoziazioni internazionali sul clima L accordo USA - Cina Lo scenario energetico globale Il posizionamento dell europa: Roadmap 2050 e Framework 2030 ( ). 15 EUROPEAN DEMOCARTIC PARTY Parti Démocrate Européen European Democratic Party Partito Democratico Europeo Rue de l Industrie, 4 - B Bruxelles tel fax The sole liability of this publication rests with the author and the European Parliament is not responsible for any use that may be made of the information contained therein. L Unione Energetica: le sfide e le opportunità per l integrazione del mercato energetico I cinque pilastri della strategia europea per l unione energetica Verso Parigi 2015 COP 21 Riferimenti bibliografici With the financial support of the European Parliament 2 > 1 >

3 UNIONE ENERGETICA E CONFERENZA DI PARIGI: QUI SI GIOCA L INTERESSE SOVRANO DELL EUROPA E DEGLI EUROPEI FRANCESCO RUTELLI Il Partito Democratico Europeo ha indicato nella sua Piattaforma la creazione di una Comunità Europea dell Energia come obiettivo prioritario. È un progetto decisivo per la ripresa delle ambizioni dell Europa, mai così depresse, e lontane dai cittadini, da decenni a questa parte. Eppure, dobbiamo ricordare la lezione dei Padri Fondatori dell Europa, che avviarono il processo di Unione nel 1951 con la costituzione della CECA (la Comunità Europea del Carbone e dell Acciaio) dopo la catastrofe della II Guerra Mondiale: sul controllo dell estrazione e lavorazione delle materie prime che avevano scatenato il riarmo e i conflitti del XX Secolo si volle costruire il primo terreno della pacifica integrazione politica ed economica tra i popoli europei. Oggi, sono altrettanto decisivi i terreni dell integrazione e dell autosufficienza energetica, della Crescita e del lavoro Verde, della leadership europea nella riduzione delle emissioni e le politiche per l adattamento rispetto ai cambiamenti climatici. Qui si misura una nuova, necessaria ambizione europea, anche perché la verifica dovrà essere fatta a Parigi, nel dicembre 2015, in una Conferenza sul Clima che si annuncia decisiva. Le novità attorno a noi sono cruciali. Si è aperta una nuova battaglia globale geopolitica, economica, finanziaria, industriale sul prezzo del barile di petrolio, diminuito di circa il 40% in soli 5 mesi. Lo storico accordo tra USA e Cina per ridurre le emissioni climalteranti apre certamente un percorso nuovo nel negoziato, anche se la partita non è chiusa, ed è di fatto impossibile che la comunità internazionale possa centrare l obiettivo del contenimento dell aumento della temperatura media globale sotto i 2 C a fine secolo. Le notizie dai fronti della ricerca e dell innovazione in campo energetico, tecnologico e ambientale sono un misto di incoraggiamenti e frustrazioni. L Europa ha grandi interessi in gioco, pur avendo minore peso. Lo si era visto al Vertice di Copenaghen (2009), su cui si erano appuntate aspettative enormi, e totalmente deluse, di una guida europea. L UE conta di meno sul piano delle emissioni globali: fortunatamente, perché siamo meno inefficienti e meno inquinanti. Conta di meno, perché purtroppo produce di meno: questa tendenza di un Europa de-industrializzata va rovesciata assolutamente (non dimentichiamo che il 40% delle emissioni cinesi sono legate alle produzioni per l export). L Europa conta poco sul piano politico-diplomatico: questa tendenza è in parte ineluttabile, visto lo spostamento dei pesi economici e demografici verso Oriente e i Paesi emergenti, ma la nascita di un Unione Energetica Europea può costituire una risposta storica di primaria importanza. Noi proponiamo una strategia politica europea, e siamo lieti che la Commissione Juncker abbia deciso di nominare un Commissario per l Unione Energetica, anche se aspettiamo con impazienza progetti e azioni concrete. Qui c è anche un possibile punto di incontro tra le esigenze del cittadino europeo, e quelle di un Unione politica che vuole recuperare il suo ruolo nel mondo. Perché il cittadino sa perfettamente quanto pesi la bolletta energetica (un disavanzo di 400 miliardi all anno) anche sulla bolletta domestica, e delle imprese. Si rende conto che la mancanza di una garanzia sugli approvvigionamenti dalle aree in conflitto (Russia/Ucraina, Iraq, Libia), di integrazione tra le produzioni e le reti di connessione infra-europee, di solidarietà tra le nostre 28 nazioni in caso di criticità maggiori, minaccia la sicurezza di tutti e di ciascuno. Inizia a capire che più posti di lavoro e maggiore creazione di attività imprenditoriali poggiano sui settori Green, sostenibili ed innovativi, delle nostre economie. Questo studio, realizzato dal Centro per un Futuro Sostenibile, riassume tutti i nodi principali di questi scenari, fondamentali per l avvenire dell Europa. Completare il Mercato interno dell energia; investire massicciamente nell integrazione dei network energetici; accrescere il peso delle rinnovabili nel mix energetico e dell efficienza nelle nostre capacità produttive, nelle trasformazioni urbane, nei trasporti: costruire davvero l Unione Energetica è un interesse sovrano dell Europa e dei cittadini europei. Dobbiamo arrivare all appuntamento di Parigi avendo centrato questo obiettivo. 2 > 3 >

4 INTRODUZIONE LA CONVENZIONE QUADRO SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI - UNFCCC La comprensione della propria storia è il primo elemento necessario alla scelta della visione di futuro a cui ispirarsi. Ventidue anni dopo la sottoscrizione della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici (United Nation Framework Convention on Climate Change UNFCCC), alla vigilia di quella che in molti indicano come l ultima possibilità di mantenere il cambiamento climatico globale entro limiti tollerabili, è doveroso interrogarsi sui risultati ottenuti e sui limiti ancora da valicare prima della Conferenza sul clima di Parigi COP 21. Dopo una breve disamina delle milestones fondamentali che hanno segnato la storia delle negoziazioni sul clima, il report analizza lo scenario energetico internazionale evidenziando come, in realtà, clima ed energia siano due facce della stessa medaglia. Le energie, infatti, sono responsabili di due terzi delle emissioni globali di gas serra e l 80% dell anidride carbonica che l umanità può ancora emettere prima di superare la soglia critica di 2 C di surriscaldamento globale (global carbon budget) dipende dagli investimenti energetici decisi ed avviati oggi. In questo scenario, l Unione Europea, che da sempre ambisce alla leadership delle negoziazioni internazionali sul clima, si dimostra ancora stretta nella morsa della propria questione energetica. La dipendenza delle importazioni di combustibile, la non più sostenibile bolletta energetica (400 miliardi di euro all anno) e la ridotta sicurezza degli approvvigionamenti spingono l Europa a riflettere sulle misure da intraprendere oggi. Se il nuovo Framework 2030 pone obiettivi troppo poco ambiziosi per contribuire realmente alla soluzione di queste criticità, senza inoltre stimolare efficacemente il processo ormai irreversibile di green growth che tuttavia stenta a divenire uno dei pilastri fondanti delle politiche comunitarie, la visione di una Unione Energetica europea offre prospettive certamente migliori, anche in termini di rinnovata leadership delle negoziazioni globali sul clima. Molte cose sono cambiate rispetto a Copenhagen 2009, all Europa spetta il vitale ruolo di stimolare e capitalizzare il rinnovato impulso nelle negoziazioni in vista della sua seconda occasione, nel 2015 a Parigi. Prodotta nel corso del Rio Earth Summit di Rio de Janeiro nel 1992, la United Nation Framework Convention on Climate Change (UNFCCC), oggi sottoscritta da 196 Paesi, rappresenta la cornice entro cui negoziare ed implementare accordi internazionali volti a contrastare il cambiamento climatico, definiti Protocolli, il più significativo dei quali è certamente il Protocollo di Kyoto. A due decenni dall entrata in vigore (nel 1994) della storica Convenzione, è legittimo interrogarsi se i nobili obiettivi sanciti all Art. 2 della Convenzione di stabilizzare le emissioni di gas serra nell atmosfera ad un livello tale da prevenire un influenza antropogenica pericolosa sul sistema climatico, da raggiungere in un lasso di tempo sufficiente per consentire agli ecosistemi di adattarsi naturalmente ai cambiamenti climatici e per consentire il radicamento di un modello di sviluppo economico sostenibile siano stati onorati. A tal proposito la Convenzione prevedeva la creazione di un processo graduale che avrebbe fornito, tramite la definizione di strumenti normativi di carattere vincolante e di meccanismi economico-finanziari, supporto ai Paesi sottoscrittori nell azione di mitigazione delle emissioni. Gli oneri e le opportunità legate alla lotta al cambiamento climatico sarebbero stati ripartiti in accordo con un principio di equità, secondo il quale i Paesi che storicamente hanno maggiormente contribuito alle emissioni di gas serra (Paesi Annex-I) avrebbero fornito risorse in favore dei Paesi in via di sviluppo che, pur essendo responsabili di quote notevolmente minori di emissioni globali, sono quelli più vulnerabili agli impatti del cambiamento climatico. L inevitabile mutazione dello scenario economico globale, ben ben rappresentata dalla crescita esponenziale delle emissioni dei Paesi BRICS 1 (considerati dalla Convenzione come in via di sviluppo ) e dal netto superamento delle emissioni cinesi rispetto a quelle statunitensi, insieme all errata percezione che le politiche climatiche avrebbero rappresentato un insieme di vincoli (e non di opportunità) in grado di minacciare le economie nazionali, 1 Paesi BRICS: Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa 4 > 5 >

5 ha contribuito alla sostanziale situazione di stallo nella quale le negoziazioni internazionali sulla lotta al cambiamento climatico sono ricadute in vista della conclusione, nel 2012, del primo Commitment Period del Protocollo di Kyoto. Figura 1 - EDGAR (Emission Database for Global Atmospheric Research), JRC (Joint Research Centre). IL PROTOCOLLO DI KYOTO Venne adottato nel 1997 in occasione della terza Conferenza (COP 3) tenutasi nell omonima città giapponese. Il Protocollo è un accordo legale che ha vincolato i Paesi industrializzati (Annex-I) a ridurre le proprie emissioni di gas serra a livello globale del 5,2% rispetto ai livelli del Il processo di entrata in vigore del Protocollo (possibile solo dopo la ratifica da parte di almeno 55 Parti della Convenzione che detenevano in totale almeno il 55% del totale di CO2 al 1990, art. 25) richiedette un lungo periodo di gestazione: le regole operative ed i meccanismi di funzionamento furono definiti 4 anni dopo Kyoto (COP 7, Marrakech), mentre la ratifica avvenne grazie alla firma della Russia nel 2005 (settimo anno dalla stipula). A seguito della ratifica, il primo periodo di impegni iniziò nel 2008 (ben 11 anni dopo l adozione). L estrema urgenza di una decisa azione climatica non consentirà un altrettanto esteso periodo di tempo utile alla reale entrata in funzione di un auspicato accordo globale da stipulare nel corso della COP 21 Parigi LA STORIA DELLE NEGOZIAZIONI INTERNAZIONALI SUL CLIMA Al fine di monitorare i passaggi d implementazione della Convenzione UNFCCC i Paesi Membri s impegnavano, in accordo con l art.7, ad incontrarsi annualmente in Conferenze delle Parti (Conference of Parties - COP) in cui assumere gradualmente tutte le decisioni necessarie all adozione di strumenti e politiche di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici. Al fine di offrire un panorama conoscitivo dello sviluppo storico delle politiche climatiche globali funzionale all impegno decisivo di Parigi 2015 COP21, è necessario evidenziare alcune milestones raggiunte nel corso delle COP: COP 3 (Kyoto, 1997): definizione del Protocollo di Kyoto, che renderà operativa la Convenzione, vincolando i paesi industrializzati a stabilizzare le emissioni di gas serra ad un valore inferiore del 5% rispetto ai livelli pre-industriali nel quadriennio (con differenti targets da paese a paese). COP 6-bis e COP 7 (Bonn e Marrakech, 2001): definizione di regole e procedure operative funzionali all implementazione dei meccanismi previsti nel Protocollo (emission trading, clean development mechanism, joint implementation act). COP 11 (Montreal, 2005): con la ratifica della Russia, il Protocollo di Kyoto entra in vigore. COP 13 (Bali, 2007): definizione della Road Map delle future azioni di lotta al cambiamento climatico (pianificazione del Bali Action Plan). COP 15 (Copenaghen, 2009): condivisione tra le Parti dell obbiettivo di mantenimento dell aumento della temperatura globale entro i 2 C rispetto ai livelli pre-industriali ed impegno al contributo finanziario crescente (30 MLD di dollari annui tra 2010 e 2012 e 100 MLD dal 2020) a supporto dei paesi in via di sviluppo. A causa della mancata intesa nell assemblea UN- FCCC, l accordo non è reso vincolante e le Parti condividono solo intenti. COP 18 (Doha, 2012): definizione delle tappe funzionali ad un futuro accordo universale sul clima e ad incrementare gli sforzi, dopo il 2020, di riduzione delle emissioni e di adozione di politiche di mitigazione e adattamento. Le Parti concordano un secondo Commitment Period del Protocollo di Kyoto della durata di otto anni (sino al 2020) al quale, tuttavia, visto 6 > 7 >

6 il ritiro tra gli altri di Russia, Canada e Giappone, aderiscono solo alcuni Paesi (tra cui l EU) rappresentanti solo il 15% delle emissioni globali. L ACCORDO USA - CINA Figura 2 - Linea del tempo delle COP dalla nascita della Convenzione ad oggi con le tappe principali e le decisioni adottate. LE COP DALLA PROSPETTIVA EUROPEA Sin dal Meeting di Rio del 1992, l Unione Europea ha cercato di qualificarsi come leader dell agenda globale della lotta al cambiamento climatico, promuovendo l adozione di importanti politiche climatiche ed energetiche. Non a caso, gli obiettivi di cui, negli ultimi 20 anni, si è fatta promotrice sono sempre stati contraddistinti dall ambizione e dalla ferma volontà di contribuire fattivamente alla salvaguardia della salute del pianeta e dell uomo. In sede di discussione del Protocollo di Kyoto l UE propose una riduzione del 15% delle emissioni globali (dato poi fissato al 5,2% globale ed all 8% per l Unione stessa) e nelle negoziazioni precedenti all entrata in vigore del Protocollo (dalla COP-6 bis del 2001 alla COP-11 del 2005) pose l accento sulla necessità di adottare regole chiare e trasparenti per il funzionamento dei meccanismi economici adottati (CDM, JI ed ET). In quella sede, anche a costo di accesi confronti con chi, come gli USA, richiedevano maggiore flessibilità d azione, il peso politico ed economico dell Europa fu determinante nel definire le regole di enforcement del Protocollo, prevedendo penalità nei casi di mancato rispetto dei limiti di emissione assegnati a ciascun paese. Il profilarsi della crisi economica da cui l UE ancora stenta a risollevarsi (che ha indebolito i già fragili equilibri tra gli Stati Membri per il timore di influenzare la competitività dei sistemi produttivi nazionali), unito alla crescita delle nuove potenze emissive mondiali hanno contribuito, in tempi più recenti, all evidente perdita di peso dell Europa nelle negoziazioni internazionali sul clima. Tale processo, facilitato dalla graduale riduzione di peso relativo delle emissioni europee di gas serra, passate dal 19% del totale mondiale nel 1990, all 11% nel 2013, sino al 4-5% previsto nel 2030, corre oggi il rischio di marginalizzare definitivamente il ruolo dell Unione. Un recente vivido esempio dell indebolimento della leadership europea è rappresentato dal sostanziale fallimento delle negoziazioni di Copenaghen nel 2009 (COP 15), durante le quali l offerta della UE di riduzione del 30% entro il 2020 delle proprie emissioni a fronte di un accordo internazionale legally binding, non fu sufficiente a promuovere l accordo. L accordo sottoscritto tra Cina ed USA l 11 Novembre 2014 rappresenta l intesa bilaterale di ridurre, su base volontaria, le emissioni di gas serra e rilanciare il negoziato internazionale in vista della COP 21 di Parigi e, sin da subito, ha sortito l effetto (certamente almeno mediatico) di dare nuovo stimolo ad un processo che, dalla COP di Copenaghen del 2009, aveva pericolosamente rallentato il suo funzionamento concentrandosi sulla discussione di obiettivi generici e regole in parte aleatorie. L intesa, con orizzonte temporale al 2025, impegna gli USA a ridurre le sue emissioni di gas serra di una percentuale del 26-28% rispetto ai livelli del 2005 (incrementando così il tasso delle riduzioni globali di CO2 dall 1,2% annuo nel al 2,3-2,8% nel ). La Cina, invece, ambisce a raggiungere il proprio livello massimo di emissioni di gas serra intorno al 2030 per poi avviare, da quell anno, un percorso di riduzione a cui affiancare l obiettivo del 20% di produzione da fonti alternative ( GW in più con impianti a fonti rinnovabili). L accordo, oltre che per la propria cristallina valenza politica rappresenta un opportunità difficilmente ripetibile nel percorso verso Parigi 2015: i due paesi, infatti, coprono da soli oltre il 40% delle emissioni globali di gas serra. A questo dato devono, in ottica di medio termine, aggiungersi importanti considerazioni inerenti allo stimolo impetuoso che le due potenze possono determinare negli investimenti low carbon globali, anche per il raggiungimento degli obiettivi di grid parity delle energie rinnovabili (parità di costo di generazione rispetto alle fonti tradizionali) e nella creazione di modelli di sviluppo maggiormente sostenibili. L accordo punta, altresì, a rafforzare le partnership già esistenti tra i due paesi, collaborando per progetti di efficienza energetica, CCS (Carbon Capture and Storage), commercio di green goods e smart grids. Pur rappresentando, come detto, un risultato certamente storico, l accordo presenta tuttavia alcuni limiti, rappresentati in primis dall essere un intesa di massima che, prima di divenire vincolante, dovrà essere approvata dal Senato USA, a maggioranza repubblicana. In secondo luogo, pur rimarcandone la giusta direzione, è necessario rilevare come l accordo sia quantitativamente poco ambizioso, perfino facilmente raggiungibile e, certamente, non sufficiente da solo a mantenere l incremento della temperatura globale al di sotto dei 2 C ritenuti critici in accordo con le stime dell ultimo Assessment Report dell IPCC (Impacts, Adaptation 8 > 9 >

7 and Vulnerability). L Unione Europea, in una nota congiunta del presidente Van Rompuy e del neo Presidente della Commissione Juncker, ha salutato l annuncio dell accordo come la risposta positiva all appello dei leader europei ad adottare impegni di abbattimento della CO2, vedendo i due Paesi come nuovi alleati con i quali concretizzare finalmente le proprie ambiziose strategie e gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Altrettanto rilevante è stato l annuncio, avvenuto quasi in contemporanea, nel quale il Presidente Obama ha dichiarato un contributo di 3 MLD di dollari per il Green Climate Fund (GCF), fondo internazionale delle Nazioni Unite a sostegno di quei paesi più vulnerabili agli effetti dei cambiamenti climatici. Il Fondo (previsto per un ammontare di 10 MLD di dollari annui) ne contiene attualmente 3 mobilitati da Germania, Sud Corea e Francia, mentre 1,5 sono stati annunciati dal Giappone. Gli Usa, che dal 2010 hanno già contribuito con circa 2,5 MLD di dollari alla lotta al cambiamento climatico, hanno palesato la propria volontà di contribuire a mobilitare entro il 2020 quasi 100 MLD di dollari tra aiuti pubblici ed investimenti privati. COP 20 LIMA (1-12 DICEMBRE 14) La COP20 ha rappresentato una tappa obbligata del percorso verso Parigi 2015 COP21, sede in cui è auspicata, e per certi versi prevista, la definizione di un nuovo accordo internazionale in grado di affrontare fattivamente il cambiamento climatico globale. In accordo con le previsioni della vigilia, le principali criticità affrontate durante i negoziati hanno riguardato le Intended Nationally Determined Contributions (INDCs), che rappresentano l impegno che gli stati intenderanno profondere in termini di obiettivi quantificabili di intensità energetica o di riduzione delle emissioni climalteranti. A tal proposito nessuna decisione specifica è stata assunta, se non l impegno dei singoli stati a presentare i propri piani nazionali entro Marzo (o fine settembre, in ultima istanza). In modo ancora più accentuato, il tema dell adattamento al cambiamento climatico, ha rimarcato le differenze tuttora sostanziali tra le posizioni dei paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo. Questi ultimi, in particolare, hanno chiesto che il meccanismo loss and damage (che prevede compensazioni economiche per paesi nei quali gli impatti del cambiamento climatico sono così forti da superare le capacità di adattamento) sia incluso nel futuro accordo globale, ottenendo tuttavia solamente un piano di lavoro biennale finalizzato allo studio del meccanismo. Nell ottica del percorso verso Parigi 2015 le Parti hanno raggiunto un intesa di massima sul testo (Lima Call for Climate Action), contenente gli elementi principali (e molte variabili) del futuro accordo globale di Parigi. Tuttavia, la stessa natura legale del futuro accordo di Parigi, definito nel testo come protocollo, altro strumento legale o accordo vincolante, risulta ancora da definire e la ratifica del Doha Amendment (misura transitoria di estensione sino al 2020 di molti elementi costitutivi del Protocollo di Kyoto) procede troppo lentamente. Sul fronte della Carbon Finance, infine, nonostante il recente aumento a 10 MLD di dollari delle dotazioni finanziarie del Green Climate Fund (il fondo globale finalizzato a fornire supporto finanziario ai paesi più vulnerabili al cambiamento climatico), Lima non ha rappresentato sostanziali passi in avanti demandando, al contrario, al futuro accordo di Parigi (tutt altro che scontato, è bene ricordarlo) sia la scelta delle modalità di approvvigionamento finanziario del fondo sia le modalità di utilizzo delle risorse disponibili. LO SCENARIO ENERGETICO GLOBALE I segnali che, da mesi, provengono dai principali player internazionali contribuiscono a raffigurare un futuro scenario energetico globale tutt altro che rassicurante. All ormai consolidata stabilità nella domanda di energia da parte dei paesi OECD, si contrappone il vigore con il quale crescono le esigenze energetiche dei paesi emergenti, tra i quali l India rappresenterà il principale acceleratore. La domanda di energia della Cina, in costante e forte aumento negli ultimi 25 anni, inizierà a stabilizzarsi intorno al 2030 e sarà soddisfatta in parte crescente dagli oltre 130 GW generati dalle centrali nucleari che il paese realizzerà entro il I prezzi del petrolio ai minimi, compresi tra i 60 e gli 80 dollari al barile (favoriti dalla recente decisione dell OPEC di lasciare invariati i ritmi di produzione), se da un lato stimolano in certa misura le economie e potenzialmente favoriscono una lieve ripresa dei consumi (specie in Europa), dall altro rischiano di porre a serio rischio la certezza dei futuri approvvigionamenti. Il ridotto prezzo della materia prima incide infatti, sui flussi di cassa attesi dai nuovi investimenti nel settore che, quindi, rischiano di essere procrastinati a tempo indeterminato non potendo garantire il soddisfacimento della crescente domanda globale di petrolio (stimata in 15 milioni di barili aggiuntivi al giorno entro il 2040). Le incertezze legate all approvvigionamento di gas dalla Russia, infine, insieme alla forte instabilità dell area irachena (da cui ci si attende una quota molto consistente delle future forniture di petrolio) contribuiscono a rendere urgente la necessità di un posizionamento strategico da parte, in particolare, dell Europa che, complice anche il decommissioning entro il 2040 di centrali nucleari in grado di produrre circa 20 GW del proprio fabbisogno energetico, rischia di aggravare la cronica questione energetica da cui è afflitta. 10 > 11 >

8 Figura 3 - Andamento nella produzione di petrolio da parte dei principali players. La figura evidenzia come gran parte della domanda addizionale di greggio entro il 2040 (+ 14 milioni di barili al giorno) debba essere soddisfatta da Iraq e altri paesi del medio oriente. In tal senso, il contributo positivo in termini di sicurezza degli approvvigionamenti fornito dalla rivoluzione dello shale gas statunitense è attenuato dall elevata incidenza dei costi di trasporto trans-oceanici del LNG (Liquified Natural Gas). Le stime di medio-lungo termine prevedono infatti che, nonostante entro il 2040 una quota più che doppia di gas sarà scambiata in forma liquida, questo avrà solo un marginale effetto positivo sui costi. La delicatezza del quadro d insieme è parzialmente mitigata dalle evidenze del rallentamento della domanda globale di carbone a fini energetici. Infatti, dopo il picco di consumo da parte dell Europa (raggiunto a metà degli anni 80) e degli Stati Uniti nel 2005 e in controtendenza rispetto alla forte crescita della domanda indiana, la Cina, prevalentemente spinta da ragioni ambientali e legate alla salute dei propri cittadini, ha fortemente ridotto la propria domanda di carbone che, entro il 2020 smetterà di crescere. La relazione tra futuro scenario energetico e andamento del riscaldamento globale resa evidente dal seguente grafico che mostra il rapporto tra global CO2 budget (il cui superamento produrrebbe un riscaldamento globale certamente superiore ai 2 C rispetto al livello pre-industriale, soglia definita critica dall IPCC) e low carbon investment mondiali. Oltre l 80% dei gas serra emessi tra oggi ed il 2040, infatti, è diretta conseguenza degli investimenti energetici avviati oggi. Figura 4 - Il grafico relaziona il global carbon budget con i low carbon investment. Lo scenario definito central scenario prevede che, in assenza di radicali incrementi degli investimenti, il global carbon budget sarà esaurito entro l anno 2040, rendendo vane le speranze di un innalzamento della temperatura globale inferiore ai 2 C. Affiché tale soglia di riscaldamento globale sia rispettata, sarà necessario quadruplicare gli attuali (scenario 2013 ) low carbon investment globali sino a quota 1,6 trilioni di dollari annui (scenario For 2 C target ). Fonte: IEA World Energy Outlook Sino ad ora l umanità ha già speso oltre il 50% del global carbon budget ed il mantenimento dell attuale ritmo insufficiente di investimento in tecnologie a basso consumo di carbonio (oggi quantificate in meno di 0,4 trilioni di dollari annuali) lo esaurirà entro il 2040 (Central Scenario, nella parte destra del grafico) costringendo le economie mondiali a confrontarsi con un innalzamento medio della temperatura globale ben superiore ai 2 C. Solo la decisione, da assumere oggi, di quadruplicare gli investimenti globali low carbon, che dovrebbero raggiungere gli 1,6 trilioni di dollari annui, consentirà di limitare il global warming entro la soglia critica dei 2 C. In ultima analisi, queste considerazioni non possono che sottolineare l urgenza di un accordo globale che, a Parigi, non solo faciliti una decisa transizione da politiche di mitigazione a politiche di adattamento (inevitabili visti gli scenari di innalzamento delle temperature), ma anche che sappia creare il necessario stimolo agli investimenti low carbon globali che, come discusso, rappresentano la chiave di volta della sfida climatica ed energetica planetaria. 12 > 13 >

9 DA POLITICHE DI MITIGAZIONE A POLITICHE DI ADATTAMENTO Sin dalla Convenzione UNFCCC l obiettivo principale delle politiche climatiche internazionali è stato quello di contrastare il riscaldamento globale. Tale obiettivo, definito di mitigazione del cambiamento climatico, è sino ad oggi stato perseguito, con risultati più o meno positivi, tramite la promozione di azioni di riduzione delle emissioni di gas climalteranti, di riforestazione (carbon sinks) e di sviluppo di fonti energetiche rinnovabili e altre soluzioni tecnologiche in grado, come nel caso degli impianti CCS, di catturare e stoccare anidride carbonica così da confinarla dall atmosfera. Le sempre più frequenti manifestazioni del cambiamento climatico, unite alle crescenti probabilità di superamento della soglia d innalzamento della temperatura globale di oltre 2 C rispetto ai livelli pre-industriali, tuttavia, hanno accresciuto la necessità di affiancare a quelle di mitigazione delle efficaci politiche di adattamento. Esse prevedono azioni e strategie volte a ridurre la vulnerabilità dei sistemi naturali e socio-economici e aumentare la loro resilienza di fronte agli inevitabili impatti del cambiamento climatico, soprattutto al fine di proteggere le popolazioni e gli ecosistemi più vulnerabili. Tra queste strategie, in particolare, spiccano quelle di uso efficiente delle risorse naturali, e di pianificazione e creazione di infrastrutture e modelli di comportamento in grado di resistere al crescente impatto del cambiamento climatico. IL POSIZIONAMENTO DELL EUROPA: ROADMAP 2050 E FRAMEWORK 2030 ( ). L incertezza del quadro energetico internazionale (caratterizzato dall ancora forte dipendenza dalle fonti fossili), unita agli effetti della crisi economica, ha avuto ripercussioni negative per gli stati membri dell Unione Europea, con un incremento del prezzo del combustibile che ha fatto lievitare la bolletta energetica europea a 400 MLD di euro nel In tale scenario, la competitività delle imprese europee è minata da un costo dell energia che pur essendo circa doppio rispetto a quello degli Stati Uniti, non è previsto in calo nemmeno nel medio-lungo termine. Figura 5 - Andamento nel medio-lungo periodo dei costi dell energia (in toe: tonnellate equivalenti di petrolio) per i consumatori delle principali aree geografiche mondiali. Fonte: IEA, World Energy Outlook Com.2014/015 final 14 > 15 >

10 Tale consapevolezza ha posto la chiara necessità di legare le politiche climatiche al perseguimento di un sistema energetico competitivo ed a prezzi ragionevoli, in grado di creare nuove opportunità di crescita ed occupazione e garantire gli Stati Membri in termini di sicurezza degli approvvigionamenti e stabilità del prezzo dei combustibili. Così, nel marzo , la Commissione ha deciso di ampliare il proprio orizzonte di riferimento al 2050 e di proporre una strategia climatica ed energetica di ampio respiro (battezzata in quell occasione Roadmap 2050 ). Questo documento, a seguito di un analisi del contesto attuale degli scenari futuri nella produzione di energia elettrica in assenza di interventi (sfide e problematiche), propone due macro-obiettivi che l Unione deve ambire a raggiungere entro il 2050 al fine di avere un sistema energetico sostenibile: Decarbonizzazione della produzione di energia elettrica con un ulteriore riduzione delle emissioni di gas serra variabile tra l 80 ed il 95% rispetto ai livelli del 90. Dato l orizzonte temporale e l ambizione dell intervento è necessario che questo obiettivo sia raggiunto in step graduali; in particolare, la Roadmap, propone una riduzione del 40% entro il 2030 e del 60% entro il 2040; Superamento delle barriere nazionali e creazione di un Mercato Unico per l energia elettrica ed il gas (discusso nel successivo capitolo) Proprio al fine di garantire la necessaria gradualità di allineamento all obiettivo ambizioso di abbattere quasi totalmente le proprie emissioni di gas serra, dopo un periodo di consultazione a metà del percorso del Pacchetto , la Commissione Europea ha redatto il Framework Nel Framework, visti gli incoraggianti risultati dei Paesi Membri in termini di allineamento con gli obiettivi del , sono previsti entro l anno 2030 risparmi energetici pari al 27%, l incremento al 27% della quota di produzione di energia da fonti rinnovabili e la riduzione delle emissioni di gas serra del 40% rispetto al A tali target quantitativi, inoltre, sono state affiancate politiche strutturali che prevedono l aumento degli investimenti energetici, la centralità dell energia elettrica nel soddisfacimento del fabbisogno energetico e la definizione di nuove politiche in settori complementari come i trasporti. Funzionale al perseguimento di questi obiettivi sarà anche una revisione dello schema degli EU-ETS, (il sistema Europeo di scambio di quote di emissione di anidride carbonica) con l obiettivo di correggere le criticità che ne hanno limitato l efficacia e stabilizzare il mercato delle emissioni. A tal proposito dal 2020 è prevista una modifica del tasso di riduzione del tetto annuale al 2,2%, per smaltire l eccesso di permessi e prevenire nuovi shock di mercato. L analisi dei target inclusi nel Framework 2030, tuttavia, svela come questi siano poco ambiziosi e, addirittura, facilmente raggiungibili nello scenario Business as Usual (BAU), vale a dire senza la necessità di politiche addizionali. In particolare, solo l obiettivo del 40% di riduzione delle emissioni risulta essere vincolante a livello nazionale, mentre quello relativo alla quota di energia da fonti rinnovabili è obbligatorio solo come valore aggregato (senza più obblighi per singolo paese, come previsto dal precedente Pacchetto ) e, addirittura, il target sull efficienza energetica lascia piena libertà ai Paesi Membri sulle misure funzionali a raggiungerlo. Sul fronte della governance politica, in maniera più promettente, gli sforzi si stanno concentrando sul superamento delle criticità derivanti dalla disarmonia tra politiche europee e nazionali su energia (e clima), oggi dominate dalle circostanze nazionali e dalla difficoltà degli Stati Membri di cedere sovranità su un tema tanto vitale per la competitività, la sicurezza. È da inquadrare in quest ottica la proposta di un sistema energetico comune ed integrato (tramite un equa ripartizione degli sforzi, degli obiettivi e degli investimenti tra Stati Membri) in grado di assicurare competitività economica, sicurezza energetica e decarbonizzazione e di garantire ai singoli Paesi flessibilità nell adozione delle politiche interne e nella definizione del mix energetico nazionale (diritto sancito dall Art. 194 del Treaty on the Functioning of the European Union). 3 Comunicazione COM 2011/112 4 Il Pacchetto prevede, entro il 2020, la riduzione del 20% delle emissioni di anidride carbonica, l aumento dell efficienza energetica del 20% e una quota del 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili. 16 > 17 >

11 L UNIONE ENERGETICA: LE SFIDE E LE OPPORTUNITÀ PER L INTEGRAZIONE DEL MERCATO ENERGETICO L Europa spende annualmente oltre 400 miliardi di Euro per la propria bolletta energetica, necessari a coprire la palesemente insostenibile dipendenza da fonti fossili extra-europee. Annualmente l Unione di 28 Paesi importa dall esterno il 66% del proprio fabbisogno di gas naturale, il 90% del petrolio e oltre il 40% del combustibile nucleare necessario al funzionamento delle proprie centrali. Tuttavia, anche nel medio periodo la dipendenza dalle importazioni di combustibili non è prevista in calo e, entro il 2035, circa l 80% del gas consumato in Europa proverrà da importazioni. A tal proposito, la gravissima instabilità politica medio orientale (regione da cui, anche oltre il 2035, continuerà a provenire larga parte degli approvvigionamenti di petrolio) e le difficoltà di interlocuzione con la Russia, aggravano la già fragile sicurezza degli approvvigionamenti energetici europei. Le ripercussioni dell importazione massiva di combustibile, inoltre, sono evidenti all industria europea che, da molti anni, vede la propria competitività ridursi a conseguenza del crescente costo dell elettricità (circa doppio rispetto a quello statunitense) e del gas (circa triplo rispetto agli Usa). A questo panorama, che da troppo tempo caratterizza la cossiddetta questione energetica europea, deve sommarsi la precisa collocazione che i principali player internazionali, valutando le proprie esigenze e le proprie risorse, hanno assunto in relazione alle sfide del futuro scenario energetico internazionale. L esigenza di un altrettanto netto posizionamento da parte dell Unione appare quindi evidente e improrogabile e, certamente, deve basarsi su una profonda modifica del sistema energetico europeo. Il progetto di Unione Energetica, più volte menzionato nelle Roadmaps delle Istituzioni comunitarie, rappresenta l obiettivo da raggiungere e da declinare in un percorso che include sia la modifica delle infrastrutture energetiche sia l armonizzazione dei mercati energetici nazionali. Oggi solo l 8% della capacità di generazione elettrica europea beneficia di interconnessioni trans-nazionali, la cui mancanza genera colli di bottiglia che aumentano i costi energetici europei e le emissioni di gas serra. Nonostante nell ultimo decennio quattro quinti degli investimenti complessivi europei in genera- zione elettrica abbiano riguardato le energie rinnovabili (di cui oltre il 60% in eolico e fotovoltaico), infatti, l insufficiente integrazione di queste fonti nella rete elettrica europea costringerà a realizzare nei prossimi 10 anni oltre 100 GW di capacità elettrica addizionale proveniente da combustibili fossili. La nota questione dell intermittenza delle fonti energetiche rinnovabili, infatti, richiede capacità elettrica di backup ottenibile principalmente da centrali a gas che, invece, potrebbero essere in gran parte evitate attraverso la maggiore integrazione delle reti elettriche nazionali prevista dall Unione Energetica. Tale integrazione produrrebbe risparmi complessivi stimati tra i 42 e i 70 miliardi di Euro all anno, che facilmente bilancerebbero i circa 200 miliardi di Euro che la Commissione ritiene necessari entro il 2020 per interconnettere le reti elettriche degli Stati Membri. Oltre a ridurre la bolletta energetica, con evidenti benefici per la competitività del comparto industriale europeo, nel medio periodo l Unione Energetica garantirebbe inoltre maggiore indipendenza dalle importazioni di combustibili. Tuttavia, nonostante le dichiarazioni del Presidente Junker, che ha inserito l Unione Energetica tra le priorità della nuova Commissione, solo 6 miliardi di euro sono stati stanziati per raggiungere il modesto obiettivo del 10% di interconnessione elettrica entro il L armonizzazione dei mercati nazionali dei 28 Paesi Membri, inoltre, produrrebbe effetti benefici in termini di allineamento dei prezzi dell energia (oggi fortemente differenziati) e allevierebbe le ripercussioni negative di tensioni internazionali come quelle recenti con la Russia. Se da un punto di vista tecnologico l Unione Energetica rappresenta un obiettivo certamente raggiungibile (con ulteriori benefici sul rafforzamento del know-how specifico da parte delle aziende europee), la volontà politica necessaria è ostacolata dalla strenua difesa adottata dai singoli Paesi nei confronti della propria sovranità nazionale. L Articolo 194 del Treaty on the Functioning of the European Union sancisce il diritto dei singoli Stati Membri di scegliere il proprio mix energetico, ma certamente non auspica la difesa di interessi nazionali e la mancanza di armonizzazione a cui da troppo tempo assistiamo con evidenti impatti negativi sulla spesa energetica, la competitività industriale e la sicurezza degli approvvigionamenti. Oltre a rappresentare un opportunità per l Europa, l Unione Energetica rappresenta anche un dovere. Globalmente le energie sono, infatti, responsabili di due terzi delle emissioni totali di gas serra e l umanità ha già 18 > 19 >

12 esaurito oltre il 50% del Global carbon Budget (la quota massima di anidride carbonica che può emettere prima di superare la soglia critica di 2 C di global warming). In assenza di politiche energetiche in forte discontinuità con il passato, entro il 2040 tale soglia sarà raggiunta e superata, costringendo le economie mondiali a confrontarsi con un pianeta diverso rispetto al passato. Se si considera che l 80% dei gas serra emessi entro il 2040 dipende da investimenti energetici decisi ed avviati oggi, appare evidente la responsabilità dell Europa di guidare il sostanziale cambiamento dello scenario energetico internazionale (da cui, peraltro, potrebbe trarre solo beneficio). L Unione Energetica, in questo senso, rappresenterebbe uno strumento formibadile non solo in grado di migliorare l economia del continente, ma anche capace di fornire un esempio replicabile di come accoppiare in modo efficace e su larga scala low carbon investment, crescita economica e salvaguardia dell ambiente e del clima mondiale. I CINQUE PILASTRI DELLA STRATEGIA EUROPEA PER L UNIONE ENERGETICA Il 17 Novembre, nel corso di un opening speech della Commissione Europea nell ambito della Conference on EU Energy Policy and Competitiveness, il Vice-Presidente per l Unione Energetica Maroš Šefcovic, ha illustrato i cinque pilastri su cui si basa la realizzazione dell Unione Energetica efficiente, qui schematicamente indicati: Sicurezza, solidarietà e fiducia: maggior cooperazione tra Paesi Membri confinanti e concertazione con gli organi sovranazionali prima dell adozione di riforme del sistema energetico nazionale. Diversificazione dei percorsi e delle forniture di gas, e realizzazione di nuovi hub. Completamento di un mercato interno competitivo: rafforzamento delle interconnessioni transnazionali delle reti elettriche e realizzazione di infrastrutture energetiche comuni. Riorientamento di fondi strutturali e programmi pubblico-privati al fine di favorire la realizzazione di investimenti in energie rinnovabili ed efficienza energetica. Riduzione della domanda di energia attraverso gli obiettivi di efficienza energetica inseriti nel Framework Decarbonizzazione dell energy mix: promozione di livelli più ambiziosi di riduzione delle emissioni di gas serra anche attraverso la negoziazione di un nuovo accordo internazionale sul clima. Facilitazione dello sviluppo di tecnologie low carbon volte a compensare l impatto delle importazioni di combustibili fossili e della ridotta sicurezza degli approvvigionamenti. Tecnologie: incremento degli investimenti in ricerca ed innovazione per la competitività e la green growth. 20 > 21 >

13 VERSO PARIGI 2015 COP 21 Lo scenario energetico e climatico globale, odierno e di medio-lungo periodo, è preoccupante. Esso è dominato da alcuni elementi: La necessità di ricorrere, anche oltre il 2040, al petrolio proveniente dalla instabile regione del medio-oriente (dall Iraq in particolare) per soddisfare la crescente domanda mondiale di energia; Gli incentivi ai combustibili fossili (stimati in oltre 550 mliliardi di dollari annuali) che ancora superano quelli rivolti alle energie rinnovabili; Il contributo solo marginale che lo shale gas americano produrrà nel calmierare i prezzi del gas in europa; I low carbon investment nel settore energetico fortemente insufficienti a contribuire significativamente alla lotta al cambiamento climatico; Le previsioni sull esaurimento del global carbon budget entro il 2040 (in assenza della moltiplicazione per quattro dei low carbon investment). La previsione di un rallentamento, dal 2020, della domanda di carbone rappresenta, forse, l elemento più positivo di un quadro altrimenti poco roseo. Se osservato dalla prospettiva dell Unione Europea, il panorama rischia di essere ulteriormente peggiore. Sulla base delle proprie esigenze e potenzialità, infatti, tutti i principali player internazionali hanno assunto una collocazione precisa per fronteggiare le sfide energetiche future. L Europa, al contrario, è ancora stretta nella morsa della ormai cronica questione energetica, dominata da elevatissimi costi energetici (che riducono la competitività delle industrie europee) e dall insostenibile dipendenda dalle importazioni di combustibili che, se sommata alla ridotta sicurezza degli approvvigionamenti, rappresenta un motivo di forte preoccupazione. In questo senso, il Framework 2030 (che ha stabilito target troppo poco am- biziosi che probabilmente saranno raggiunti nello scenario business-asusual, cioè senza necessità di politiche addizionali) non contribuirà significativamente né a ridurre la dipendenza energetica europea né a stimolare il processo ormai irreversibile di green growth che, tuttavia, stenta a divenire uno dei pilastri fondanti delle politiche comunitarie. Al contrario, attraverso il rafforzamento delle proprie infrastrutture energetiche (in particolare quelle trans-nazionali) e l armonizzazione dei mercati dei 28 Paesi Membri, l Unione Energetica, rappresenta lo strumento efficace attraverso il quale l Europa potrebbe migliorare la propria condizione. L Unione Energetica, infatti, favorirebbe l integrazione in rete delle energie rinnovabili, ridurrebbe significativamente il costo della bolletta energetica europea, diminuirebbe la dipendenza dalle importazioni di combustibile e ridurrebbe le emissioni di gas serra. L importanza dell Unione Energetica, inoltre, deve essere inquadrata nell urgenza di un azione climatica globale, che vede nella COP 21 di Parigi 2015 un opportunità difficilmente ripetibile. L Europa infatti, sin dalla Convenzione UNFCCC di Rio del 1992, ha incessantemente ambito al ruolo di leader delle negoziazioni internazionali sul cambiamento climatico e ha sempre contraddistinto la propria azione con il costante accoppiamento delle politiche energetiche con quelle climatiche. Complice la costante riduzione delle emissioni europee di gas serra (passate dal 19% del totale mondiale nel 1990, all 11% nel 2013, sino al 4-5% previsto nel 2030) l Europa non può più basare la sua leadership sul proprio peso quantitativo. Tale ruolo di guida deve, piuttosto, essere basato sulla capacità di creare e rendere universalmente replicabile un modello qualitativo di sviluppo sostenibile in grado di mobilitare ingenti low carbon investment e generare crescita e benessere mentre salvaguarda l ambiente e il clima. L Energy Union rappresenta certamente un elemento cardine di questo modello, in particolare se si considera che 80% dei gas serra emessi entro il 2040 dipende da investimenti energetici decisi ed avviati oggi. L importante momentum creato dall accordo (seppur non pienamente soddisfacente) tra Usa e Cina deve trovare sbocco in un piano operativo globale sul clima da sottoscrivere a Parigi nel L Europa, imparando dagli errori commessi a Copenhagen 2009 (COP 15), dovrà presentarsi a Parigi non solo con una robusta posizione univoca, ma anche forte di un efficace modello di sviluppo sostenibile che in quell occasione potrà rendere replicabile. 22 > 23 >

14 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI BATTISTI, DAVIDE, MISCHITELLI, TRIACCA (2013), Stuck in the middle. Can Europe still lead on climate change and benefit from green growth? A progress report on targets, Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile and European Democratic Party (PDE). BIELLO D. (12/11/2014), Everything you need to know about the U.S.-China Climate Change Agreement, Scientific American. European Climate Foundation (2013), From roadmaps to reality, a framework for power sector decarbonisation in Europe. EUROPEAN COMMISSION, European action on climate EUROPEAN COMMISSION (2014), A policy framework for climate and energy in the period from 2020 to 2030, EC COM (2014)/15 final, Brussels. EUROPEAN COMMISSION (2011), Energy Roadmap Impact assessment and scenario analysis, EC, Brussels. IEA (2014), World Energy Outlook 2014, Presentation to the press, OECD/IEA, Paris. IEA (2013), World Energy Outlook 2013, Presentation to the press, OECD/IEA, Paris. IEA (2014), Energy Outlook Investment Report 2014, Presentation to the press, OECD/IEA, Paris. IPCC (2014): Climate Change 2014: Impacts, Adaptation, and Vulnerability. Part A: Global and Sectoral Aspects. Contribution of Working Group II to the Fifth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change[Field, C.B., V.R. Barros, D.J. Dokken, K.J. Mach, M.D. Mastrandrea, T.E. Bilir,M. Chatterjee, K.L. Ebi, Y.O. Estrada, R.C. Genova, B. Girma, E.S. Kissel, A.N. Levy,S. MacCracken, P.R. Mastrandrea, and L.L.White (eds.)]. Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA. IPCC (2014), Climate Change 2014: Mitigation of Climate Change, Contribution of Working Group III to the Fifth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change [Edenhofer, O., R. Pichs-Madruga, Y. Sokona, E. Farahani, S. Kadner, K. Seyboth, A. Adler, I. Baum, S. Brunner, P. Eickemeier, B. Kriemann, J. Savolainen, S. Schlömer, C. von Stechow, T. Zwickel and J.C. Minx (eds.)], 2014, Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA. JOINT RESEARCH CENTRE, EDGAR: Emission Database for Global Atmospheric Research, OLIVER C. (13/11/2014), New EU Energy chief shifts focus to building common power market, The Financial Times. OLIVER J.G.J, JANSSENS-MAENHOUT G., MUNTEAN M. and PETERS JAHW (2013), Trends in global CO2 emissions; 2013 Report, The Hague: PBL Netherlands Environmental Assessment Agency; Ispra: Joint Research Centre. PERNIGOTTI D. (20/11/2014), Una speranza per il nuovo accordo sul clima. Sarà a Parigi l anno prossimo, La Stampa-Tuttogreen. PBL Netherlands Environmental Assessment Agency (2013), Trends in global CO2 emissions: 2013 Report UNFCCC, First steps to a safer future: Introducing The United Nations Framework Convention on Climate Change, UNFCCC, Making those first steps count: An Introduction to the Kyoto Protocol, UNFCCC, Session archive, atti delle Conferenze, 24 > 25 >

15

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI Risposta di Federacciai alla consultazione pubblica sulle misure strutturali per rafforzare il sistema ETS contenute nel Report della Commissione The state of the European carbon market in 2012 Register

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012

BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012 BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012 Comunicazione della Commissione europea del 6 giugno 2012: Renewable Energy: a major player in European energy market Argomenti affrontati 1. Integrare le energie rinnovabili

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo

2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo IN QUESTO NUMERO Speciale Copenhagen 2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo Sei punti per la competitività del settore siderurgico Assegnazione del 100% di quote gratuite ai settori carbon leakage

Dettagli

CAMBIARE STRADA. è POSSIBILE?

CAMBIARE STRADA. è POSSIBILE? CAMBIARE STRADA è POSSIBILE? CAMBIARE STRADA sembra ragionevole? che il modello di sviluppo attuale dei paesi industrializzati basato sul consumo sempre crescente di risorse energetiche possa mantenersi

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata?

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Considerazioni tratte dal Rapporto IEA World Energy Outlook del 2011 di A. Federico e E. Pettinao, Coordinamento Osservatorio CCS Lo scenario IEA

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030 IP/3/661 Bruxelles, 12 maggio 23 Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 23 Nel 23 il consumo mondiale di energia risulterà raddoppiato; tra le

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza

CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza A sorpresa è arrivata l intesa Usa-Cina

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Architettura è Energia Think different. Build different.

Architettura è Energia Think different. Build different. Architettura è Energia Think different. Build different. Klimahouse Toscana - Firenze, 28 marzo 2014 L opzione dell efficienza energetica per le politiche di green economy Andrea Barbabella Responsabile

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

Costi/Benefici delle FER Elettriche al 2030 calcolati alla luce delle esperienze dell ultimo quadriennio. Considerazioni conclusive

Costi/Benefici delle FER Elettriche al 2030 calcolati alla luce delle esperienze dell ultimo quadriennio. Considerazioni conclusive Costi/Benefici delle FER Elettriche al 2030 calcolati alla luce delle esperienze dell ultimo quadriennio Considerazioni conclusive Avvertenza Il documento riassume lo studio condotto dall Osservatorio

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La riconversione energetica in atto

La riconversione energetica in atto La riconversione energetica in atto Arturo Lorenzoni Treviso, 18 maggio 2011 Scoprire il nucleare L andamento della popolazione Fonte: C. Carraro La distribuzione della popolazione I consumi elettrici

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

UN PIANO B PER L ITALIA

UN PIANO B PER L ITALIA UN PIANO B PER L ITALIA Toni Federico Bomarzo 25 Aprile 2009 www.fondazionesvilupposostenibile.org LIVELLI DI POVERTA PROIEZIONE DEI LIVELLI DI POVERTA AL 2015 POPOLAZIONE MONDIALE AI DIVERSI LIVELLI DI

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Roma, 22 Novembre 2012 COMUNICATO STAMPA LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Ministro dell

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Come

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa

Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa v Secondo la stima della Fondazione, le emissioni dirette di gas serra in Italia nel 2012 sono pari a 465/470 MtCO2eq, 20 MtCO2eq in meno rispetto al 2011. v

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

FOTOVOLTAICO: DOVE SIAMO E DOVE ANDREMO

FOTOVOLTAICO: DOVE SIAMO E DOVE ANDREMO FOTOVOLTAICO: DOVE SIAMO E DOVE ANDREMO Giovanni Simoni Chairman Assosolare Fiorano - 24 Ottobre 2012 Fotovoltaico in Italia: dove siamo Impianti fotovoltaici installati: 450.000 Potenza Totale: 16.000

Dettagli

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA Proteggere il clima conviene L AZIONE Vincenzo Ferrara ENEA COSA FARE L obiettivo della azioni L obiettivo è la stabilizzazione delle concentrazioni atmosferiche dei gas serra ad un livello tale da prevenire

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale in Italia Francesco Gullì Alba, 27 gennaio 2011 Tre angoli di visuale Dinamica del prezzo del petrolio (accresciuta

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Audizione presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio,

Dettagli

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Paolo D Ermo - WEC Italia Energy Studies and Analysis Manager Ambiente e Società, 31 maggio 2011 World Energy Council

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Pacchetto Unione dell Energia

Pacchetto Unione dell Energia Pacchetto Unione dell Energia Audizione presso le Commissioni riunite del Senato 10ª (Attività produttive, commercio e turismo) e 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Aldo Chiarini Amministratore

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Pacchetto «Unione dell energia»

Pacchetto «Unione dell energia» Pacchetto «Unione dell energia» Audizione Eni 14 maggio 015 eni.com Energy Union: i 5 pilastri 1 Focus della presentazione Efficienza energetica DOMANDA ENERGETICA E ENERGY MIX Decarbonizzazione ENERGY

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

Industria del recupero e packaging chain

Industria del recupero e packaging chain Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo, 3 novembre 2004 Giancarlo Longhi Direttore Generale 1 Le positive conseguenze dell industria

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Sfruttare il territorio Le ragioni di una scelta energetica

Sfruttare il territorio Le ragioni di una scelta energetica Sfruttare il territorio Le ragioni di una scelta energetica SFISP Centro card. Urbani, Zelarino Venezia 17 marzo 2009 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza

Dettagli