A.I.C. ITALIA. Meeting dei PRESIDENTI EUROPEI riunione di Settembre Nitra, Slovakia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.I.C. ITALIA. Meeting dei PRESIDENTI EUROPEI riunione di Settembre 2014 - Nitra, Slovakia"

Transcript

1 A.I.C. ITALIA Meeting dei PRESIDENTI EUROPEI riunione di Settembre Nitra, Slovakia

2 Siamo tutti su quella barca

3 Dall inizio del 2014 ad agosto persone sono morte attraversando il mare.

4 persone arrivate via mare fino ad Agosto 2014.

5 Persone arrivate in Italia Nel 2014, l'arrivo degli immigrati è raddoppiato rispetto all'anno prima. Nel 2013 erano circa 60 mila, mentre nel 2014, fino ad oggi, sono stati circa Finora quest anno persone sono morte nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere l'europa, dei quali a partire dall'inizio di giugno. La maggior parte di essi proviene dall Eritrea (29%) e la Siria (18%) e spesso continuano il loro viaggio verso altri paesi europei. Sono le stime dell'ufficio dell'alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Le cifre che danno il senso di una "situazione drammatica", di fronte alla quale serve secondo l'unhcr "un'azione urgente e concertata a livello europeo che coinvolga il rafforzamento delle operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo." L'organizzazione ha espresso "apprezzamento" per l'operazione italiana Mare Nostrum ", che ha salvato migliaia di vite" e traccia un bilancio: circa arrivi via mare in Europa, di cui in Italia (24 agosto), tra cui almeno 14 mila minori, dei quali non accompagnati. Questi numeri evidenziano, ancora una volta, la necessità di offrire soluzioni concrete al fine di impedire ai rifugiati di intraprendere queste traversate marittime pericolose.

6 Immigrazione illegale e irregolare Gli stranieri che non hanno un regolare visto d'ingresso o un permesso di soggiorno vengono rimossi : - Gli stranieri entrati in Italia senza regolare visto d'ingresso sono immigrati clandestini e vengono trasferiti in CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA E ASSISTENZA -Gli stranieri che hanno perso le condizioni necessarie per rimanere in Italia sono immigrati irregolari. SECONDO LE NORME IN VIGORE, IMMIGRATI CLANDESTINI DEVONO ESSERE RIMOSSI Non possono essere espulsi immediatamente se: occorre prestare loro soccorso occorre compiere accertamenti sulla loro identità o nazionalità occorre preparare i documenti per il viaggio non è disponibile un mezzo di trasporto idoneo devono essere trattenuti, previo provvedimento del questore convalidato dal magistrato, presso appositi centri di permanenza temporanea e assistenza per il tempo strettamente necessario per la loro identificazione ed espulsione.

7 Lo stato di rifugiato La Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati del 1951, definisce il rifugiato come una persona che temendo a ragione di essere perseguitata per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadina e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure che, non avendo una cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di siffatti avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra. e proibisce che il rifugiato o il richiedente asilo sia espulso o respinto - in alcun modo verso le frontiere dei luoghi ove la sua vita o la sua libertà sarebbero minacciate a causa della sua razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o delle sue opinioni politiche Ciò si riferisce principalmente al paese dal quale l individuo è fuggito, ma comprende anche ogni altro territorio dove egli [o ella] si trovi di fronte ad una simile minaccia. Un richiedente asilo è un individuo che è in cerca di protezione internazionale e sulla cui domanda non è stata ancora presa una decisione finale da parte del paese nel quale essa è stata inoltrata. Non ogni richiedente asilo sarà, al termine della procedura, riconosciuto come rifugiato, ma ogni rifugiato è, inizialmente, un richiedente asilo; esso è trasferito nel Centro di temporanea accoglienza e assistenza.

8 Centri di temporanea accoglienza e assistenza I Centri di temporanea assistenza e accoglienza sono strutture, dove il capo locale della polizia (Questore) trasferisce temporaneamente i migranti illegali nei seguenti casi: quando non è possibile procedere con l allontanamento mediante espulsione alla di frontiera; quando è necessario procedere con l'assistenza dello straniero, destinatario di una misura di allontanamento quando è necessario procedere con ulteriori controlli sulla sua identità o la nazionalità quando è necessario acquisire i documenti necessari per il viaggio. quando altri mezzi di trasporto non sono temporaneamente disponibili. IL PROVVEDIMENTO DEL CAPO DELLA POLIZIA DEVE ESSERE CONFERMATO DAL GIUDICE COMPETENTE NEI CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA E ASSISTENZA (CTSA), le attività di assistenza a favore dei migranti clandestini, che devono essere rimossi, sono effettuate nel pieno rispetto della loro dignità, garantendo anche la corrispondenza libera con l'esterno, mediante il telefono. I Centri hanno lo scopo di evitare la dispersione degli immigrati irregolari sul territorio e di consentire alle autorità competenti di svolgere le procedure necessarie ai fini della espulsione. Il tempo massimo per il soggiorno degli stranieri nei centri è di 60 giorni nel loro complesso.

9 minori sono giunti in Italia nei primi otto mesi del 2014, di cui sono non accompagnati, separati dalla loro famiglia

10 Minori La maggior parte dei minori stranieri non accompagnati sbarcati in Italia dal 1 gennaio al 31 maggio 2014 è di origine siriana: su un totale di (oltre il 72%). L'età media è di 5 anni. Inoltre, sempre per mare, sono arrivati sulle nostre coste altri 364 bambini siriani non accompagnati, separati dalle loro famiglie, che sono in aggiunta ad altri bambini e adolescenti stranieri che, per fuggire da conflitti, dittature, violenza, povertà estrema e fame, hanno affrontato da soli il viaggio. Soprattutto maschi e provenienti da Eritrea (1.709), Somalia (679) ed Egitto (516). I dati sono pubblicati da Save the Children. Alcuni di questi bambini vengono accolti nelle comunità educative gestite da Vincenziani

11 Operazione Mare nostrum»

12 Rotte migranti

13 Operazione Mare Nostrum L'operazione militare e la situazione umanitaria nel sud del Mediterraneo chiamata Mare Nostrum è iniziata il 18 ottobre 2013 per affrontare lo stato di emergenza umanitaria in corso nel Canale di Sicilia, grazie all'eccezionale afflusso di migranti. L'operazione consiste nel rafforzamento del controllo dei flussi già attivo, nella missione Vigilanza Costante, che la Marina ha attivato dal 2004 sia con una nave che attraversa, in modo permanente, lo Stretto di Sicilia che con velivoli da pattugliamento marittimo. Operazione Mare Nostrum ha quindi una duplice missione: garantire la sicurezza della vita in mare; assicurare alla giustizia tutti coloro che traggono profitto dal traffico illegale di migranti. Il dispositivo vede il personale dipendente e le navi e gli aeromobili della Marina, Aeronautica, e tutti gli organi dello Stato, che in vari modi, contribuiscono al controllo dei flussi migratori via mare. Nel Mare Nostrum sono anche impegnate Croce Rossa, Caritas e altre organizzazioni importanti per la ricezione di persone.

14 Salvare i migranti

15 Prendersi cura dei migranti

16 Fornire cure mediche

17 Dove va l'europa? L'Europa è rappresentata da Frontex, l'agenzia europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne dell'ue. operativa dal 2005, Il commissario UE per gli affari interni, Cecilia Malmstroem, a conclusione della riunione tenutasi a Roma il 27 agosto, a cui hanno partecipato le autorità italiane impegnate in Mare Nostrum, ha detto: "dei 28 Stati membri, solo 10 sono coloro che accettano rifugiati '. E ha aggiunto: 'nel nome dell'europa ringrazio l'italia per il lavoro immenso svolto: i vostri uomini hanno salvato decine di migliaia di vite ". La Commissione europea si impegna, entro novembre, per rafforzare la sua presenza nel Mediterraneo e in Italia per aiutare a gestire i flussi migratori; la Commissione cercherà di convincere gli altri Stati membri dell'ue al fine di impegnare più uomini e mezzi a disposizione di Frontex in modo che l'agenzia possa operare in modo più sistematico, in collaborazione con l'italia, per il pattugliamento del Mediterraneo, in particolare sulle rotte che dalle coste libiche trasportano barconi di disperati verso l'italia. Questa nuova operazione è denominata 'Frontex plus'.

18 Un esempio di accoglienza La Chiesa di Palermo offre quello che ha di più caro e prezioso per accogliere centinaia di migranti, che portano sul corpo e nell anima i segni della paura, del dolore, del naufragio. Nella parrocchia di San Giovanni Maria Vianney Curato d Ars, a Falsomiele, don Sergio Mattaliano e i volontari hanno svuotato l aula liturgica dalle panche e l hanno riempita di letti, così come il salone e le stanze del piano terra: 225 ragazzi africani hanno trovato rifugio sotto le braccia del crocifisso. Lo stesso ha fatto don Maurizio Francoforte con 25 giovani migranti nella sede storica del Centro Padre Nostro, a Brancaccio, fondato dal beato don Pino Puglisi. La chiesa è la casa degli uomini.

19 La Chiesa di Dio

20 e dell uomo

21 A.I.C. ITALIA I gruppi di Volontariato Vincenziano operano in prima linea per fronteggiare il dramma degli immigrati, dalle regioni di frontiera come Sicilia, Calabria, Puglia, all Italia intera. L A.I.C. collabora anche con la Caritas e con altre associazioni del territorio, in rete, per gestire l accoglienza dei migranti. Il lavoro dell A.I.C. Italia si sviluppa in servizi strutturati e continuativi rivolti alle nuove povertà ed attenti ai bisogni ed alle emergenze del territorio, i servizi presenti sono Centri di accoglienza e Centri di ascolto; essi offrono: _ Assistenza (risposta a bisogni di prima necessità: viveri e vestiario) _ Accoglienza e ascolto, gestione delle problematiche; _ Attività di integrazione (inserimento lavorativo, integrazione scolastica, socializzazione, corsi di lingua) _Assistenza sociale e mediazione linguistica e culturale I servizi sono destinati a minori, adulti e famiglie di immigrati e persone in difficoltà. Accanto a questi si implementano progetti che mirano all accoglienza e all integrazione degli immigrati.

22 G.V.V. Puglia Punto di accoglienza Il Punto di accoglienza è una struttura per immigrati presso il Centro Sociale delle Figlie della Carità. Gli immigrati possono usufruire del servizio docce ogni lunedì e venerdì dalle ore 15 alle ore 17 ed utilizzare i computer collegati alla rete internet. La struttura dispone inoltre di un soggiorno dove gli ospiti possono intrattenersi fra loro o con i volontari. Gli spazi sono a disposizione anche per le numerose badanti operanti a Brindisi, le quali, il giovedì e la domenica, giornate nelle quali solitamente sono libere, possono sostare presso la struttura e usufruire della cucina per preparare piatti tipici delle loro terre di origine, o imparare a cucinare pietanze italiane. Il servizio docce è gestito direttamente dalle Figlie della Carità, in collaborazione con il Volontariato Vincenziano e con la Caritas. Il servizio è gratuito e comprende un doccia-schiuma e un asciugamani a perdere. L iniziativa è stata fortemente voluta dalle Figlie della Carità di San Vincenzo de Paoli in collaborazione con il Volontariato Vincenziano e con la Caritas diocesana.

23 Centro d Ascolto- G.V.V. Torino Il Centro ascolto, a carattere prevalentemente territoriale, svolge servizio di ascolto, orientamento, informazione e costruzione di reti per il sostegno di singole persone o famiglie. Il Centro ha inoltre due importanti attività: sostegno a coloro che, dopo essere stati ospiti delle accoglienze, sono in semiautonomia e hanno quindi ancora necessità di un riferimento ben definito. dal 1999 si propone di togliere dai campi nomadi i rifugiati con i figli piccoli o problemi sanitari, per ospitarli in appartamenti di edilizia convenzionata gestiti dai GVV, in collaborazione con l'ufficio Stranieri e Nomadi del Comune di Torino. Obiettivi: -dare alle persone in difficoltà un luogo dove poter esporre i propri problemi. - promuovere e sostenere il percorso di autonomia

24 G.V.V. SICILIA ARAGONA Nella città di Aragona la presenza di stranieri è molto diffusa. Accanto a famiglie di pregressa immigrazione, provenienti dall area magrebina e dall est europeo (Romania), molti sono giunti da poco in seguito alle guerre e alle crisi dei paesi africani. Il Volontariato Vincenziano, da tempo radicato sul territorio, ha risposto ai bisogni di prima necessità, di accoglienza e di integrazione sia della popolazione locale con gravi disagi, che nei confronti degli stranieri fornendo assistenza, viveri, indumenti, ospitalità presso famiglie e supporto alla ricerca di lavoro e quant altro. Il Servizio principale è La mensa della solidarietà per poveri, senza fissa dimora e immigrati, il Volontariato Vincenziano si pone come una comunità carica di amore verso il prossimo. I G.V.V. di Aragona implementa le seguenti attività: Laboratori di lingua italiana, musica, sport, attività manipolative per ragazzi; In quest ultimo laboratorio è stata realizzata dai ragazzi una barca in ferro e cartapesta, con le bandiere dei paesi di provenienza, collocata poi in un palazzo pubblico per farla conoscere ai cittadini. I laboratori sono occasione di socializzazione e integrazione tra i ragazzi del territorio e gli immigrati.

25 Il Tavolo della Solidarietà

26 G.V.V. SICILIA ARAGONA Il Progetto «Parliamone volontariamente» promuove il dialogo interculturale, al fine di superare i pregiudizi e rafforzare la capacità di convivenza, valorizzando le diverse identità. Obiettivi: Aumentare l integrazione scolastica dei minori immigrati e residenti; Incentivare la collaborazione con le famiglie e la partecipazione alla vita sociale; Incrementare le conoscenze informatiche; Diffondere la cultura dell accoglienza; Destinatari: bambini e ragazzi di diversa nazionalità che vivono condizioni di povertà ed emarginazione. Le principali attività sono le seguenti: laboratori di accoglienza, integrazione e socializzazione; corso di lingua italiana orale e scritta; percorsi di cittadinanza attiva; alfabetizzazione informatica e Internet; laboratorio di ceramica.

27 G.V.V. LIGURIA Progetto Gruppo migranti Il Gruppo migranti, in collaborazione con Centro servizi al volontariato di Genova, è nato nel 2013 a seguito della prima emergenza migranti a Genova. I GVV con altre Associazioni hanno creato un servizio continuativo per accogliere chi arriva a Genova nella condizione di migrante e non ha conoscenza della città. Per questo è nato l'opuscolo Guida per il migrante: un primo aiuto al tuo arrivo a Genova, tradotto in spagnolo, arabo, inglese e francese. Suddiviso per argomenti, esso dà informazioni su uffici per richieste di permessi di soggiorno o di asilo, informazioni relative a mense, distribuzione vestiario, servizi docce, esso è stato distribuito nelle parrocchie, negli uffici pubblici, negli ambulatori medici e luoghi di aggregazione degli stranieri. Il lavoro di ricerca è stato svolto in collaborazione tra le Associazioni, ci sono stati incontri durante i quali le associazioni hanno avviato un lavoro di rete per intervenire in modo più efficace sul territorio. Il Gruppo migranti si riunisce ogni mese per individuare le problematiche più urgenti legate agli immigrati nella città, scambiare informazioni circa le nuove normative e studiare metodi per migliorare i servizi sul territorio.

28 G.V.V. CALABRIA- «CASA SHALOM» A Lametia Terme vi è la casa di accoglienza per persone senza fissa dimora, Casa Shalom. La struttura è stata donata dal Comune, è composta da tre stanze più i servizi e può ospitare 6 persone, ma spesso si lavora accogliendo le emergenze e offrendo qualche letto in più. Gli ospiti provengono soprattutto dal Senegal e dal Marocco, sono in attesa del permesso di soggiorno o alla ricerca di lavoro, collaborano alla pulizia dei locali e possono usufruire della struttura solo per 15 giorni. I volontari vincenziani si occupano del cambio e del lavaggio della biancheria, della distribuzione di indumenti e della pulizia degli ambienti. La casa apre alle ore 19 e ogni sera i volontari accolgono gli ospiti e tengono un registro delle presenze. Al fine di offrire un pasto caldo i volontari ed il sacerdote della comunità hanno coinvolto molte famiglie, che, con grande generosità e solidarietà, a turno preparano la cena. Il servizio è sostenuto dalle donazioni e offerte raccolte con l iniziativa Il fiore che non marcisce attiva da venti anni. Il gruppo, per poter svolgere bene il servizio, ha svolto una formazione specifica.

29 G.V.V. CALABRIA- «LE QUERCE DI MAMRE» Le querce di mamre è un progetto della Caritas diocesana di Lamezia Terme in rete con il Volontariato Vincenziano, attivo da Maggio 2014, consiste in una struttura operante in una zona caratterizzata da una scarsità di offerta di servizi sociali alla persona. Destinatari del progetto sono: IMMIGRATI E SENZA FISSA DIMORA GIOVANI ADOLESCENTI (12-18 ANNI) ANZIANI ( ANNI) Il progetto realizza azioni sociali volte ai cittadini del quartiere, al fine di educare alla cittadinanza attiva e favorire azioni solidali dal basso. La struttura delle querce di mamre offre un servizio di dormitorio con 10 posti letto per migranti e persone senza fissa dimora, un servizio di animazione sociale e segretariato sociale, volto al rafforzamento delle rete locale dei servizi alla persona, un centro di aggregazione e di ascolto, un luogo di riferimento per i cittadini in cui trovare accoglienza e contrastare l esclusione e l emarginazione. La struttura va a rafforzare l azione del Volontariato Vincenziano e, operando in sinergia nell identificazione e soddisfacimento dei bisogni sociali, si coordina con le attività di raccolte di vestiario, alimenti, e beni di necessità da distribuire ai beneficiari.

30 ABBIAMO BISOGNO DI LAVORARE INSIEME L A.I.C. Europa deve intervenire in maniera efficace per fronteggiare le nuove povertà, prima tra tutte l immigrazione, sia nell organizzare l accoglienza che nel progettare interventi a lungo termine per favorire l integrazione delle persone. L A.I.C. Europa deve porsi come obiettivo la crescita comune di una mentalità europea, investire risorse ed energie in questa direzione attraverso: formazione comune per studiare bisogni e povertà diffusi in Europa conoscenza e messa in rete di strategie e metodologie di intervento scambio di esperienze tra gruppi dei vari stati europei costruzione di una piattaforma condivisa di formazione, scambio e programmazione di interventi creazione di buone pratiche che diventino modelli di intervento replicabili in altri paesi. I fondi strutturali europei destinati ai paesi per il periodo prevedono un incremento di risorse per il welfare, per l innovazione sociale e i percorsi di inclusione, questa può essere una grande occasione per avviare un nuovo cammino di crescita comune in cui obiettivi, strumenti e saperi si mescolano nel rispetto delle proprie diversità e generano ad una nuova ricchezza.

31 Cardinal Carlo Maria Martini "L'Europa che sogno è l'europa, non solo dei mercati e dei paesi, delle regioni, dei comuni, è un Europa dei popoli e dei cittadini, uomini e donne, capaci di conciliare e riconciliare l'europa, l'europa dello spirito, costruita su solidi principi morali e, quindi, in grado di offrire a tutti e ad ognuno autentici spazi di libertà, solidarietà, giustizia e pace. Si deve constatare che l'orizzonte di eternità in cui l'utilità sociale si misura prima di tutto col rispetto al bene comune, alla solidarietà, di lunga durata. Abbiamo bisogno di tornare a una rigorosa professionalità in politica dandosi da fare perché la barca su cui siamo non affondi nel clima generale di disapprovazione e di accuse.

32 Grazie.

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari La traversata del Mar Mediterraneo è la strada più mortale del mondo : così afferma l Agenzia Onu per i rifugiati, comunicando il bilancio record di 3.419

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Riferimenti e numeri utili CARITAS

Riferimenti e numeri utili CARITAS Riferimenti e numeri utili CARITAS Sito parrocchiale di Zola Predosa SS Nicolò e Agata : www.parrocchiadizola.org Centro per le famiglie di Casalecchio di Reno 051/6133039 Associazione famigliare Le querce

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari Relatore Simonetta Piras Comune di Cagliari[Soft Break]Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari La complessità della società attuale, le

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

La povertà letta dalla Caritas a Livorno

La povertà letta dalla Caritas a Livorno La povertà letta dalla Caritas a Livorno I semestre 2015 Dati raccolti dalla rete di Centri di Ascolto Caritas A cura di Osservatorio Diocesano delle Povertà e delle Risorse POVERTA' ALIMENTARE Area/centro

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA' AIUTO A MIGRANTI E RIFUGIATI A VENTIMGLIA novembre 2015

RELAZIONE ATTIVITA' AIUTO A MIGRANTI E RIFUGIATI A VENTIMGLIA novembre 2015 Organizzazione di Volontariato CARITAS INTEMELIA Onlus RELAZIONE ATTIVITA' AIUTO A MIGRANTI E RIFUGIATI A VENTIMGLIA novembre 2015 A partire dal mese di maggio 2015, con l intensificarsi dei flussi migratori

Dettagli

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti Il Centro di ascolto della Caritas diocesana è il luogo privilegiato (perché consegnato dalla tradizione e confermato dall esperienza) in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito del

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 A seguito di incontri ed intese programmatiche tra l Assessorato al Welfare del

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org Onlus www.progettoaccoglienza.org La Associazione Progetto Accoglienza opera a Borgo San Lorenzo (FI) dal 1992 e offre risposte alle problematiche legate al fenomeno migratorio attraverso l accompagnamento

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Gennaio 2014 Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Diamo qui una descrizione sintetica del progetto,

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Fundatia Bucurestii Noi

Fundatia Bucurestii Noi RAPPORTO DI ATTIVITÀ Fundatia Bucurestii Noi Una casa, una famiglia, tanti progetti! 2 [RAPPORTO DI ATTIVITÀ - FUNDATIA BUCURESTII NOI] INDICE FUNDATIA BUCURESTII NOI:... 4 Chi siamo:... 4 Mission:...

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3 PROPOSTA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE PER FRONTEGGIARE IL FLUSSO STRAORDINARIO DI CITTADINI EXTRACOMUNITARI, ADULTI, FAMIGLIE E MINORI

Dettagli

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO GLOSSARIO Convenzione di Ginevra La Convenzione di Ginevra sullo Statuto

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti

Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti Questionario Questo questionario fa parte della ricerca sul tema dei rifugiati, richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria a Bologna e provincia che Cospe (Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi

Dettagli

Casa di accoglienza femminile Sagrini CARTA DEI SERVIZI

Casa di accoglienza femminile Sagrini CARTA DEI SERVIZI Casa di accoglienza femminile Sagrini FINALITA E CARATTERISTICHE DEI SERVIZI: - Garanzia di soluzione anche temporanee a bisogni di alloggio, vitto e tutela; - Contenimento dei tempi di accoglienza. NORME

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014.

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. Colleghi, il ruolo che mi è stato affidato, di coordinatore del Gruppo di lavoro sull immigrazione della Calre, nel 2013, rappresenta un compito molto delicato

Dettagli

Il sistema di protezione per richiedenti protezione internazionale e rifugiati politici in Provincia di Torino

Il sistema di protezione per richiedenti protezione internazionale e rifugiati politici in Provincia di Torino Prefettura di Torino Ufficio Territoriale di Governo Il sistema di protezione per richiedenti protezione internazionale e rifugiati politici in Provincia di Torino a cura di Donatella Giunti 27 Il rifugiato

Dettagli

4 delle cooperative sociali sono impegnate nell attività di accoglienza dei richiedenti asilo

4 delle cooperative sociali sono impegnate nell attività di accoglienza dei richiedenti asilo 9Cooperative di cui 7 sociali e 2 di produzione e lavoro 4 delle cooperative sociali sono impegnate nell attività di accoglienza dei richiedenti asilo 1 cooperativa esterna al Consorzio collabora in associazione

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora Comune di Cagliari Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora SIMONETTA PIRAS "Politiche integrate per i senza tetto e progetti pilota nei processi di inclusione

Dettagli

Progetto Di tutti i colori 3

Progetto Di tutti i colori 3 Progetto Di tutti i colori 3 Sintesi Area di intervento Assistenza immigrati, profughi Regioni in cui è attivo il progetto - Calabria - Lombardia - Puglia - Veneto Descrizione Il contesto settoriale in

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI si SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL IDENTIFICAZIONE L Italia paese che si protende geograficamente nel Mare Nostrum è la nuova frontiera dei flussi migratori provenienti dai paesi

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva Centro di servizi per il volontariato del Lazio Presidente Paola Capoleva Più punti di vista Più punti di vista esistono in un popolo, dai quali esaminare il mondo che tutti ospita in eguale misura e a

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

NOTA CONFERENZA UNIFICATA EMERGENZA FLUSSI NON PROGRAMMATI - DOCUMENTO DI INDIRIZZO. 16 aprile 2014

NOTA CONFERENZA UNIFICATA EMERGENZA FLUSSI NON PROGRAMMATI - DOCUMENTO DI INDIRIZZO. 16 aprile 2014 NOTA CONFERENZA UNIFICATA EMERGENZA FLUSSI NON PROGRAMMATI - DOCUMENTO DI INDIRIZZO 16 aprile 2014 La situazione in corso, da ultimo rappresentata al Tavolo di coordinamento nazionale presso il Ministero

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Nota Stampa GRUPPO FS ITALIANE: L IMPEGNO NEL SOCIALE

Nota Stampa GRUPPO FS ITALIANE: L IMPEGNO NEL SOCIALE Nota Stampa GRUPPO FS ITALIANE: L IMPEGNO NEL SOCIALE Reggio Calabria, 21 marzo 2015 Politiche di sostegno e programmazione per iniziative sociali in aree ferroviarie, con la collaborazione di Associazioni

Dettagli

indigenti: lo straordinario

indigenti: lo straordinario Bambini, famiglie e indigenti: lo straordinario lavoro della Caritas di S.Croce Santa Croce è un paese ad alto tasso di immigrazione (25%), per cui la crisi economica che ha investito il nostro paese rende

Dettagli

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari FONDAZIONE ISMU INIZIATIVE E STUDI SULLA MULTIETNICITÀ di Giorgia Papavero Febbraio 2015 1 di Giorgia Papavero La traversata del Mar Mediterraneo è la strada più mortale del mondo : così afferma l Agenzia

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si èspostata in un paese diverso da quello di residenza abituale e che vive in quel paese

Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si èspostata in un paese diverso da quello di residenza abituale e che vive in quel paese Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si èspostata in un paese diverso da quello di residenza abituale

Dettagli

Bergamo, 20 aprile 2011

Bergamo, 20 aprile 2011 Progetto NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito Az. 3.1.2. co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Bando Annualità 2009 az. 3.1.2. Fase 3. Attività informative su RVA

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO PRAESIDIUM IX

DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO PRAESIDIUM IX UNIONE EUROPEA DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO PRAESIDIUM IX 2014 SCHEDA PROGETTUALE DELLE ATTIVITA SVOLTE DA ALTO

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali La nostra identità si basa sulla coerenza con il progetto fondamentale di San Vincenzo

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

Nell ambito del Progetto Praesidium, Save the Children ha il compito di monitorare le procedure e gli standard di accoglienza dei minori non

Nell ambito del Progetto Praesidium, Save the Children ha il compito di monitorare le procedure e gli standard di accoglienza dei minori non Nell ambito del Progetto Praesidium, Save the Children ha il compito di monitorare le procedure e gli standard di accoglienza dei minori non accompagnati e dei nuclei familiari con minori nei Centri per

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO SEMINARIO PROGETTAZIONE SOCIO - PASTORALE 16-17 giugno 2011 c/o Domus Pacis Torre Rossa Park Hotel VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO 1. Presentazione della diocesi 2. Quali progetti e perché?? 3. Quale il

Dettagli

SEZIONE 2 Diocesi di Rimini in cifre Struttura e servizi Caritas

SEZIONE 2 Diocesi di Rimini in cifre Struttura e servizi Caritas 15 SEZIONE 2 Diocesi di Rimini in cifre Struttura e servizi Caritas LA DIOCESI DI RIMINI IN CIFRE (Fonte: Diocesi di Rimini: Annuario Diocesano ed. 2006) Superficie: 781 Kmq Regioni: Emilia Romagna e Marche

Dettagli

impegno è la risposta!

impegno è la risposta! Se l abbandono è una emergenza il mio impegno è la risposta! ESTATE 2014 campo di VOLONTARIATO in marocco un campo in cui piantare il seme della speranza Il Marocco e il dramma dell abbandono Ad oggi non

Dettagli

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi Rete donna rete donna rete donna rete carta dei servizi 2016 Carta dei servizi 2016 Indice Indice INTRODUZIONE P. 04 CARITAS DIOCESANA VERONESE ASSOCIAZIONE ONLUS SAN BENEDETTO P. 06 CENTRO DIOCESANO AIUTO

Dettagli

Emporio amico di man in man

Emporio amico di man in man Emporio amico di man in man Uno spazio alternativo del riuso solidale L emporio è un luogo in cui è possibile trovare e prendere degli oggetti usati, come abiti e utensili per la casa, con un offerta libera.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE ENTE 1 ) Ente proponente il progetto: CINFORMI - PAT 2) Codice di iscrizione all albo e classe:_

Dettagli

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE Il 2015 potrebbe essere un anno record per le migrazioni forzate in tutto il mondo Secondo l'ultimo rapporto "Global Trends" dell'unhcr sono quasi 60 milioni le persone costrette

Dettagli

Centro Missionario Diocesano di Trento. Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA

Centro Missionario Diocesano di Trento. Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA Centro Missionario Diocesano di Trento Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA NOTIZIE SULL IMMIGRAZIONE viaggio della speranza L aiuto che diamo ai bambini del

Dettagli

C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA)

C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA) C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA) Il Centro di Prima Accoglienza o comunemente chiamato Dormitorio Pubblico è situato nel Centro Storico di Napoli, in Via de Blasiis -10. Le Suore delle Poverelle arrivano

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

OGGETTO: Direttiva sui minori stranieri non accompagnati richiedenti Asilo

OGGETTO: Direttiva sui minori stranieri non accompagnati richiedenti Asilo Ministro dell'interno Ministro della Giustizia Roma, 7 marzo 2007 OGGETTO: Direttiva sui minori stranieri non accompagnati richiedenti Asilo Vista la Convenzione di Ginevra relativa allo statuto dei rifugiati

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

Il progetto Praesidium

Il progetto Praesidium Il progetto Praesidium Marzo 2006 - Febbraio 2010 Strengthening of reception capacity in respect of migration flows reaching the island of Lampedusa Progetto inizialmente co/finanziato dalla Commissione

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

rassegna stampa A cura di Ida Palisi Ufficio stampa Gesco 081 7872037 int. 220 ufficio.stampa@gescosociale.it

rassegna stampa A cura di Ida Palisi Ufficio stampa Gesco 081 7872037 int. 220 ufficio.stampa@gescosociale.it A cura di Ida Palisi Ufficio stampa Gesco 081 7872037 int. 220 ufficio.stampa@gescosociale.it INAUGURAZIONE Martedì 10 maggio 2011 Napoli, Via De Blasiis, 7 Comunicato stampa Apre a Napoli Farepiù, agenzia

Dettagli

LA NOSTRA MISSIONE, LA NOSTRA IDENTITÀ

LA NOSTRA MISSIONE, LA NOSTRA IDENTITÀ 0. LA NOSTRA MISSIONE, LA NOSTRA IDENTITÀ Una vita al servizio della comunità L Antoniano è l amore di Dio all opera. Realizziamo la nostra testimonianza francescana attraverso opere di carità, azioni

Dettagli

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE Dialogos - Voci di solidarietà : i vincitori del 2006 Monte Paschi Asset Management Sgr, la società di gestione del risparmio del Gruppo MPS, ha scelto di intraprendere

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI Intercultura è una ONLUS, associazione di volontariato ed ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85. E presente in 147 città italiane ed in 65

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

Relazione attività esercizio 20

Relazione attività esercizio 20 Gruppi di Volontariato Vincenziano AIC Italia Gruppo di.. Regione.. Relazione attività esercizio 20 C.F. proprio.. Regionale.. 1 In verità, vi dico: tutte le volte che avete fatto ciò a uno dei più piccoli

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55 SCHEDA PROGETTO _55 PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto X Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Breve presentazione (mission, identità, attività,

Dettagli

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani Esclusione sociale Osservatorio Diocesano Caritas Nonostante la provincia di Prato continui a caratterizzarsi come una delle prime dieci province italiane per depositi bancari pro capite (12.503, secondi

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

PUNTI LUCE Settembre 2015

PUNTI LUCE Settembre 2015 PUNTI LUCE Settembre 2015 ILLUMINIAMO IL FUTURO DEI BAMBINI CHI SIAMO Save the Children è la più importante organizzazione internazionale indipendente, dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo

Dettagli

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in un paese diverso da quello di residenza abituale

Dettagli

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Se si guarda l andamento degli arrivi dei minori nel 2008 (2201 in totale), sia accompagnati che non, per mese, si nota come questi siano passati dai 174

Dettagli

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE Il 2012 è stato un anno in cui abbiamo registrato una situazione sostanzialmente immutata nelle richieste di aiuto e nelle erogazioni di servizi. Diversi fenomeni

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli