altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere."

Transcript

1 ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter PAN Pan, un bambino che non voleva crescere, 3. ASCOLTO quando DELLA i STORIA bambini PETER della PAN scuola e ANALISI dell infanzia DEI PERSONAGGI non vedono : BUONI,CATTIVI l ora di 4. DRAMMATIZZAZIONE (LABORATORIO diventare TEATRALE) grandi? 5. Sovente RACCONTO li DELLA sentiamo STORIA dire CON con BURATTINI allegria la loro età quando compiono gli anni, 6. RIORDINARE IN SEQUENZA ALCUNE AZIONI DELLA STORIA CONSIDERANDO I CONCETTI: altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad PRIMA,POI,INFINE 7. INTERVISTA RELATIVA un età AL già RACCONTO superata DI PETER o vivono PAN timori sul futuro. 8. MEMORIZZAZIONE E il cambiamento DELLA e CANZONE i bambini, SONO si sa, UN BAMBINO sono conservatori; COME TE lo sconosciuto, 9. la ANALISI paura DEI di PERSONAGGI perdere qualcosa : PETER PAN, di WENDY certo E spaventa TRILLI (triste,arrabbiato,cosa e fa regredire fanno? a fasi Dove della vivono) 10. ANALISI crescita DEGLI che AMBIENTI:CASA sembravano DARLYNG sorpassate, E CIITA ma DI LONDRA poi il bambino riparte spinto 11. DISEGNARE GLI AMBIENTI :OGNI GRUPPO SEZIONE REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI dal desiderio di conoscere. AMBIENTI CASA DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN 12. Nella OSSERVARE fiaba PERSONAGGI, Peter Pan ED raffigura OGGETTI E la SUDDIVIDERLI scoperta del SECONDO mondo CRITERI che ogni DI APPARTENENZA,FORMA bambino fa E ricercando COLORE i propri desideri, vivendo avvenimenti e momenti fantasiosi. 13. E SUDDIVIDERE una fiaba completa: I PERSONAGGI si IN svolge CATEGORIE: in un BAMBINI mondo SPERDUTI,TRILLI,PETER fantastico l Isolachenonc è PAN,WENDY,MICHELE, E GIANNI (PER i personaggi CONTARE) sono quelli comuni del sogno di un bimbo 14. ASSOCIARE IL SIMBOLO NUMERICO AI DIVERSI OGGETTI APPARTENENTI AI PERSONAGGI (CAPPELLO (pirati, pellerossa, sirene, ecc.) e come ogni fiaba fa capire la divergenza DI PETER PAN,ALI DI TRILLI, ISOLA DEI BAMBINI,UNCINO,CANNOCCHIALE )) 15. DISEGNARE FORME fra il GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI bene e il male, fa acquisire i valori E universali. TORRE ) Gli effetti di una fiaba sono notevoli, i bambini rivivono nel personaggio principale le trepidazioni che già provano nella vita di tutti i giorni, e il lieto fine dona a loro certezza. Con l attività della fiaba i bambini ascolteranno, racconteranno, drammatizzeranno, giocheranno, disegneranno per imparare giocando. MEMORIZZA E RIPETE CANTI E FILASTROCCHE

2 RICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI MEMORIZZA E RIPETE CANTI E FILASTROCCHE ABILITA COMPETENZE UTILIZZA LA LINGUA ITALIANA APPREZZA LA PLURALITA LINGUISTICA E IL LINGUAGGIO POETICO RIASSUME UN RACCONTO RICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI MEMORIZZA E RIPETE CANTI E FILASTROCCHE CONOSCENZE STORIA DI PETER PAN RUOLO E CARATTERISTICHE DEI PERSONAGGI DELLA STORIA

3 COMPETENZE RAGGRUPPA E ORDINA SECONDO CRITERI DIVERSI CONFRONTA E VALUTA QUANTITA ABILITA CONFRONTA E CLASSIFICA IN BASE A CARATTERISTICHE PRINCIPALI, COLORE, FORMA ASSOCIA QUANTITA AL SIMBOLO NUMERICO RAGGRUPPA PER CONTARE CONOSCENZE CONCETTO D INSIEME RICONOSCIMENTO FORME NUMERI DA 1 A 5 ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 16. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? 17. DISEGNO DEI PERSONAGGI: PETER PAN 18. ASCOLTO DELLA STORIA PETER PAN e ANALISI DEI PERSONAGGI : BUONI,CATTIVI 19. DRAMMATIZZAZIONE (LABORATORIO TEATRALE)

4 20. RACCONTO DELLA STORIA CON BURATTINI 21. RIORDINARE IN SEQUENZA ALCUNE AZIONI DELLA STORIA CONSIDERANDO I CONCETTI: PRIMA,POI,INFINE 22. INTERVISTA RELATIVA AL RACCONTO DI PETER PAN 23. MEMORIZZAZIONE 1. CONOSCENZE DELLA PREGRESSE:CHI CANZONE SONO E PETER UN PAN BAMBINO? COME TE 24. ANALISI 2. DISEGNO DEI PERSONAGGI DEI PERSONAGGI: : PETER PETER PAN, WENDY PAN E TRILLI (triste,arrabbiato,cosa fanno? Dove vivono) 25. ANALISI 3. ASCOLTO DEGLI AMBIENTI:CASA DELLA STORIA DARLYNG PETER PAN E CIITA e ANALISI DI LONDRA DEI PERSONAGGI : BUONI,CATTIVI 26. DISEGNARE 4. DRAMMATIZZAZIONE GLI AMBIENTI :OGNI (LABORATORIO GRUPPO SEZIONE TEATRALE) REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI AMBIENTI 5. RACCONTO CASA DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO DELLA STORIA CON BURATTINI INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN 27. OSSERVARE 6. GIOCARE PERSONAGGI CON LE OMBRE ED OGGETTI E SUDDIVIDERLI SECONDO CRITERI DI APPARTENENZA,FORMA E COLORE 7. ORDINARE IN SEQUENZA ALCUNE AZIONI DEL RACCONTO SEGUENDO LO SCHEMA LOGICO 28. SUDDIVIDERE TEMPORALE: I PERSONAGGI PRIMA,POI,INFINE IN CATEGORIE: BAMBINI SPERDUTI,TRILLI,PETER PAN,WENDY,MICHELE E GIANNI (PER 8. INTERVISTA CONTARE) RELATIVA AL RACCONTO DI PETER PAN 29. ASSOCIARE 9. MEMORIZZAZIONE IL SIMBOLO NUMERICO DELLA CANZONE AI DIVERSI SONO OGGETTI UN BAMBINO APPARTENENTI COME TE AI PERSONAGGI (CAPPELLO DI PETER 10. ANALISI PAN DEI,ALI PERSONAGGI DI TRILLI, ISOLA : PETER DEI PAN, BAMBINI,UNCINO,CANNOCCHIALE )) WENDY E TRILLI (triste,arrabbiato,cosa fanno? Dove 30. DISEGNARE vivono) FORME GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI E TORRE ) 11. ANALISI DEGLI AMBIENTI:CASA DARLYNG E CIITA DI LONDRA MEMORIZZA 12. DISEGNARE E RIPETE CANTI GLI E FILASTROCCHE AMBIENTI :OGNI GRUPPO SEZIONE REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI AMBIENTI CASA DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN 13. OSSERVARE PERSONAGGI ED OGGETTI PER POI CLASSIFICARLI SECONDO LE LORO PRINCIPALI CARATTERISTICHE E I CRITERI DI FORMA E COLORE 14. SUDDIVIDERE I PERSONAGGI IN CATEGORIE: BAMBINI SPERDUTI,TRILLI,PETER PAN,WENDY,MICHELE E GIANNI (PER CONTARE) 15. ASSOCIARE IL SIMBOLO NUMERICO A PARTICOLARI OGGETTI LEGATI AI PERSONAGGI (CAPPELLO DI PETER PAN,ALI DI TRILLI, PIUME E TENDE INDIANI,UNCINO,CANNOCCHIALE) 16. DISEGNARE FORME GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI E TORRE )

5 1) CONOSCENZE PREGRESSE: CHI E PETER PAN DOMANDE STIMOLO AI BAMBINI PER APPURARE CONOSCENZE PREGRESSE RELATIVE AL CONTENUTO DELLA FIABA E ALLA FONTE DEL RACCONTO. OBIETTIVI Far riflettere sul personaggio di Peter Pan Far riflettere sul significato di FANTASIA Stimolare lo scambio di conoscenze Domanda n 1: Conoscete la storia di Peter Pan? La conoscete perché qualcuno ve l ha raccontata o perché avete visto in TV il cartone animato o il film? Domanda n 2: Quali sono le caratteristiche di Peter Pan? Domanda n 3: Perché secondo voi, Peter Pan non vuole crescere? Domanda n 4: Cosa ci permette di fare la fantasia?

6 2) DISEGNO DEI PERSONAGGI: PETER PAN ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 31. UTILIZZANDO CONOSCENZE LA PREGRESSE:CHI FANTASIA O LE E CONOSCENZE PETER PAN? GIA POSSEDUTE REALIZZAZIONE GRAFICA 32. DISEGNO DEI PERSONAGGI: PETER DELLA PAN FIGURA DI PETER PAN 33. ASCOLTO DELLA STORIA PETER PAN e ANALISI DEI PERSONAGGI : BUONI,CATTIVI 34. OBIETTIVI DRAMMATIZZAZIONE (LABORATORIO TEATRALE) 35. RACCONTO Disegnare DELLA rispettando STORIA CON una BURATTINI consegna 36. RIORDINARE Stimolare IN alla SEQUENZA discussione ALCUNE AZIONI DELLA STORIA CONSIDERANDO I CONCETTI: PRIMA,POI,INFINE Far osservare i minimi particolari 37. INTERVISTA Decidere RELATIVA autonomamente AL RACCONTO DI PETER PAN 38. MEMORIZZAZIONE Scrivere il proprio DELLA nome CANZONE SONO UN BAMBINO COME TE 39. ANALISI Contare DEI PERSONAGGI : PETER PAN, WENDY E TRILLI (triste,arrabbiato,cosa fanno? Dove vivono) 40. ANALISI Scrivere DEGLI numeri AMBIENTI:CASA DARLYNG E CIITA DI LONDRA 41. DISEGNARE Riflettere GLI sulle AMBIENTI quantità :OGNI GRUPPO SEZIONE REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI AMBIENTI CASA DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN * Consegna 42. OSSERVARE da rispettare PERSONAGGI per la realizzazione ED OGGETTI grafica: E SUDDIVIDERLI SECONDO CRITERI DI APPARTENENZA,FORMA E COLORE E UN BAMBINO (ha naso,bocca,occhi,mani,dita, braccia,gambe,piedi) 43. SUDDIVIDERE PUO VOLARE I PERSONAGGI MA NON HA IN CATEGORIE: LE ALI BAMBINI SPERDUTI,TRILLI,PETER PAN,WENDY,MICHELE E GIANNI (PER CONTARE) *Le 44. votazioni: ASSOCIARE IL SIMBOLO NUMERICO AI DIVERSI OGGETTI APPARTENENTI AI PERSONAGGI (CAPPELLO DI PETER Cosa PAN è una,ali votazione DI TRILLI?, ISOLA DEI BAMBINI,UNCINO,CANNOCCHIALE )) 45. DISEGNARE Come si FORME vota : GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI E TORRE ) *osservare i disegni realizzati presenti sul cartellone MEMORIZZA * esprimere E RIPETE il CANTI voto E scrivendo FILASTROCCHE il proprio nome nella colonna del Peter Pan completo come figura umana * contare i voti espressi e scrivere il totale *confrontare le quantità utilizzando i concetti DI PIU, DI MENO e ZERO Scheda individuale dell attività svolta

7 ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 46. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI 3) LA E STORIA PETER PAN DI? PETER PAN: 47. DISEGNO DEI PERSONAGGI: PETER PAN 48. ASCOLTO DELLA STORIA PETER ASCOLTO PAN e ANALISI dal DEI CD PERSONAGGI : BUONI,CATTIVI 49. DRAMMATIZZAZIONE (LABORATORIO TEATRALE) I BAMBINI ASCOLTANO LA FIABA DAL CD DELLA GUIDA DIDATTICA 50. RACCONTO DELLA STORIA CON RACCONTAMI BURATTINI UNA FIABA. 51. RIORDINARE IN SEQUENZA ALCUNE AZIONI DELLA STORIA CONSIDERANDO I CONCETTI: OBIETTIVI PRIMA,POI,INFINE 52. INTERVISTA Ascoltare RELATIVA in silenzio AL RACCONTO DI PETER PAN 53. MEMORIZZAZIONE Distinguere suoni DELLA e rumori CANZONE SONO UN BAMBINO COME TE 54. ANALISI Ricordare DEI PERSONAGGI le sequenze : della PETER narrazione PAN, WENDY E TRILLI (triste,arrabbiato,cosa fanno? Dove vivono) 55. ANALISI Trovare DEGLI differenze AMBIENTI:CASA e/o similitudini DARLYNG tra E CIITA testi differenti DI LONDRA 56. DISEGNARE Rispondere GLI a AMBIENTI domande :OGNI GRUPPO SEZIONE REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI AMBIENTI Formare CASA insiemi DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN 57. OSSERVARE PERSONAGGI ED OGGETTI E SUDDIVIDERLI SECONDO CRITERI DI APPARTENENZA,FORMA Ascolto E COLORE del racconto con particolare attenzione ai suoni e ai rumori 58. Intervista SUDDIVIDERE : I PERSONAGGI IN CATEGORIE: BAMBINI SPERDUTI,TRILLI,PETER PAN,WENDY,MICHELE E GIANNI (PER Quali CONTARE) rumori e quali suoni sono stati individuati? 59. ASSOCIARE Quali IL SIMBOLO azioni NUMERICO sono differenti AI DIVERSI o uguali OGGETTI alle APPARTENENTI scene che vengono AI PERSONAGGI svolte nel (CAPPELLO DI PETER PAN laboratorio,ali DI TRILLI teatrale?, ISOLA DEI BAMBINI,UNCINO,CANNOCCHIALE )) 60. Insiemi: DISEGNARE divisione FORME dei GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI personaggi in due categorie BUONI e E CATTIVI TORRE ) Attività di cartellonistica: MEMORIZZA E RIPETE CANTI E FILASTROCCHE sfondo rosso per la categoria dei CATTIVI (azioni che non si possono fare) sfondo verde per la categoria dei BUONI(azioni che si possono fare) Scheda individuale dell attività svolta.

8 ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 61. CONOSCENZE 4) LABORATORIO PREGRESSE:CHI E PETER TEATRALE PAN? CON GLI ESPERTI 62. DISEGNO DEI PERSONAGGI: PETER PAN ELENA ROMANO E FABIO FASSIO 63. ASCOLTO DELLA STORIA PETER PAN e ANALISI DEI PERSONAGGI : BUONI,CATTIVI 64. DRAMMATIZZAZIONE (LABORATORIO TEATRALE) 65. OBIETTIVI RACCONTO DELLA STORIA CON BURATTINI 66. RIORDINARE Acquisire IN le SEQUENZA prime competenze ALCUNE di AZIONI gestione DELLA della STORIA propria CONSIDERANDO emotività I CONCETTI: PRIMA,POI,INFINE Prendere coscienza delle proprie potenzialità espressive del corpo e della voce 67. INTERVISTA Favorire RELATIVA la capacità AL RACCONTO di concentrazione DI PETER sul PAN qui e ora, relativi alla presenza scenica 68. MEMORIZZAZIONE Memorizzare DELLA piccole CANZONE parti in rima SONO da UN recitare BAMBINO da solo COME o in TE gruppo 69. ANALISI Acquisire DEI PERSONAGGI la capacità : di PETER accompagnare PAN, WENDY l azione E TRILLI del (triste,arrabbiato,cosa recitare al gioco mimato, fanno? alla Dove musica, vivono) 70. ANALISI ai DEGLI suoni AMBIENTI:CASA DARLYNG E CIITA DI LONDRA 71. DISEGNARE GLI AMBIENTI :OGNI GRUPPO SEZIONE REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI AMBIENTI CASA DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN 72. OSSERVARE Giochi teatrali PERSONAGGI finalizzati ED OGGETTI alla conoscenza E SUDDIVIDERLI di sé SECONDO e alla CRITERI conoscenza DI APPARTENENZA,FORMA da parte del E formatore COLORE delle attitudini e del grado di consapevolezza acquisiti dai bambini. 73. SUDDIVIDERE Esercizi specifici I PERSONAGGI finalizzati IN CATEGORIE: alla valutazione BAMBINI delle SPERDUTI,TRILLI,PETER capacità creative, PAN,WENDY,MICHELE della libertà E GIANNI (PER CONTARE) espressiva e della propensione alla collaborazione finalizzata a un obiettivo comune. 74. ASSOCIARE IL SIMBOLO NUMERICO AI DIVERSI OGGETTI APPARTENENTI AI PERSONAGGI (CAPPELLO Esercizi propedeutici alla parte, individuazione e sperimentazione dei DI PETER PAN,ALI DI TRILLI, ISOLA DEI BAMBINI,UNCINO,CANNOCCHIALE )) caratteri congeniali ad ogni bambino attraverso giochi di ruolo. 75. DISEGNARE FORME GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI E TORRE ) Assegnazioni delle parti individuali e delle parti corali. MEMORIZZA Messa E RIPETE in scena: CANTI adattamento E FILASTROCCHE del testo, prove, consolidamento di percorsi scenici e acquisizione del senso del tempo, dello spazio, delle pause legate al testo da rappresentare.

9 ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 76. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? 5) LA STORIA DI PETER PAN: 77. DISEGNO DEI PERSONAGGI: PETER PAN 78. ASCOLTO DELLA STORIA SPETTACOLO PETER PAN e ANALISI DEI DEI BURATTINI PERSONAGGI : BUONI,CATTIVI 79. DRAMMATIZZAZIONE (LABORATORIO TEATRALE) ATTIVITA PER GRUPPI OMOGENEI DI ETA 80. RACCONTO E DELLA ULTIMA STORIA RAPPRESENTAZIONE CON BURATTINI DI RINFORZO A TUTTI GLI ALUNNI 81. RIORDINARE IN SEQUENZA ALCUNE AZIONI DELLA STORIA CONSIDERANDO I CONCETTI: OBIETTIVI PRIMA,POI,INFINE 82. INTERVISTA Osservare RELATIVA e ascoltare AL RACCONTO una rappresentazione DI PETER PAN 83. MEMORIZZAZIONE Riconoscere personaggi DELLA CANZONE SONO UN BAMBINO COME TE 84. ANALISI DEI PERSONAGGI : PETER PAN, WENDY E TRILLI (triste,arrabbiato,cosa fanno? Dove vivono) Associare oggetti ai diversi personaggi 85. ANALISI DEGLI AMBIENTI:CASA DARLYNG E CIITA DI LONDRA Partecipare attivamente 86. DISEGNARE GLI AMBIENTI :OGNI GRUPPO SEZIONE REALIZZA UNA SEQUENZA RELATIVA AI SEGUENTI Ripetere il vissuto AMBIENTI CASA DARLYND,GALEONE,ACCAMPAMENTO INDIANI E RIFUGIO DI PETER PAN 87. OSSERVARE PERSONAGGI ED OGGETTI E SUDDIVIDERLI SECONDO CRITERI DI APPARTENENZA,FORMA E DOMANDE: COLORE Come inizia il racconto? 88. SUDDIVIDERE Cosa I PERSONAGGI accade dopo? IN CATEGORIE: BAMBINI SPERDUTI,TRILLI,PETER PAN,WENDY,MICHELE E GIANNI (PER CONTARE) Quali azioni si succedono? 89. ASSOCIARE IL SIMBOLO NUMERICO AI DIVERSI OGGETTI APPARTENENTI AI PERSONAGGI (CAPPELLO Quali oggetti vengono utilizzati? A quale personaggio o ambiente appartengono? DI PETER PAN,ALI DI TRILLI, ISOLA DEI BAMBINI,UNCINO,CANNOCCHIALE )) ( città di Londra, galeone, accampamento, sirene, uncino,sveglia,coccodrillo ) 90. DISEGNARE FORME GEOMETRICHE(OROLOGIO,FINESTRE,TETTI E TORRE ) Interazione attiva: MEMORIZZA E RIPETE * CANTI ripetere E FILASTROCCHE insieme al narratore i nomi dei personaggi *imitare il volo di Peter Pan *imitare i gesti degli indiani *imitare l uncino

10 6) GIOCARE CON LA LUCE E IL BUIO ATTIVITA PER GRUPPI OMOGENEI DI ETA GIOCARE CON LE OMBRE DEL CORPO E CON OGGETTI RELATIVI ALLA STORIA DI PETER PAN INDOVINA COS È,INDOVINA CHI E? IL MIO PROFILO OBIETTIVI Percepire contrasti:luce-buio Percepire le forme delle ombre del corpo e degli oggetti Percepire differenze tra ombre Superare la paura del buio Per creare le ombre: stanza al buio dove, un telo bianco dove nascondersi, una fonte luminosa ( lampada) che lo illumina. Osservazione e denominazione degli oggetti in cartoncino e dei burattini utilizzati per narrare la storia di Peter Pan:il coccodrillo,trilli,spugna,capitan Uncino Dietro il telo vengono mostrati gli oggetti, il bambino in base alla loro forma deve riconoscerli e denominarli Distinguere le ombre dei compagni e descrivere i loro movimenti, le loro posizioni e notare le differenze tra loro(es. coda di cavallo,occhiali ) Disegno dell esperienza su cartoncino bianco e poi su quello nero per evidenziare il concetto di contrasto. A turno i bambini vengono chiamati a proiettare l ombra del loro profilo sul muro e l insegnante ne traccia il contorno che verrà colorato di nero.

11 7) RIORDINO SEQUENZE ORDINARE IN SEQUENZA ALCUNE AZIONI DEL RACCONTO SEGUENDO LO SCHEMA LOGICO TEMPORALE: PRIMA,POI,INFINE OBIETTIVI Comprendere la successione degli eventi Utilizzare il codice scritto Riconoscere la lateralità nello spazio foglio Inventare sequenze Osservazione delle immagini e riconoscimento della successione logico-temporale Ritaglio e incollatura negli spazi definiti delle immagini Riconoscere e ricopiare le parole PRIMA,POI,INFINE rispettando l ordine sequenziale Utilizzare il codice verbale per inventare sequenze logico-temporali legate alla

12 ATTIVITA DI RINFORZO ALLE ABILITA LOGICHE, MATEMATICHE, LINGUISTICHE E PREGRAFICHE. OBIETTIVI Rinforzare la percezione visiva Sviluppare la coordinazione visuomotoria Sviluppare la motricità fine Scheda uguale diverso : * le tende degli indiani * Le sirene * Il galeone Distinguere le immagini uguali e colorarle Distinguere l immagine diversa e provare a riprodurla graficamente

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Unità di apprendimento. Le feste

Unità di apprendimento. Le feste Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le feste A.S. 2012/13 CARNEVALE BISOGNO FORMATIVO Scoperta del carnevale come festa dell allegria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 Educare è come seminare: il frutto non è garantito e non è immediato, ma se non si semina è certo che non

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Abilita e competenze specifiche dei bambini di 4 anni: OBIETTIVI MINIMI CAMPO DI ESPERIENZA I DISCORSI E LE PAROLE. Saper ascoltare un breve racconto

Abilita e competenze specifiche dei bambini di 4 anni: OBIETTIVI MINIMI CAMPO DI ESPERIENZA I DISCORSI E LE PAROLE. Saper ascoltare un breve racconto Abilita e competenze specifiche dei bambini di 4 anni: OBIETTIVI MINIMI CAMPO DI ESPERIENZA I DISCORSI E LE PAROLE ABILITA' OBIETTIVO MINIMO ESEMPI DI ATTIVITA Concentrazione Comprensione linguistica Saper

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CAMPI D ESPERIENZA: IMMAGINI SUONI E COLORI (TEATRO) Padroneggiare gli strumenti Seguire spettacoli di vario Rappresentare situazioni attraverso necessari ad un utilizzo dei tipo(teatrali,musicali il gioco

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare MUSICA COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno : Osserva, esplora, descrive

Dettagli

Unità di apprendimento. Le stagioni

Unità di apprendimento. Le stagioni Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le stagioni A.S. 2012/13 AUTUNNO BISOGNO FORMATIVO Esplorare e conoscere la natura. OBBIETIVO

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA

CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Elenco di regole su cartelloni. Testi legati alla quotidianità. Testi

Dettagli

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE".

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE. D.D. STATALE Kennedy Scuola dell Infanzia Archimede Via Valgioie 72, Torino L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE". PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SETTEMBRE-OTTOBRE ACCOGLIENZA E INSERIMENTO 1 PERCORSO ACCOGLIENZA

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

LABORATORI POMERIDIANI PER I BAMBINI DI 5 ANNI

LABORATORI POMERIDIANI PER I BAMBINI DI 5 ANNI SCUOLA DELL INFANZIA STATALE MONUMENTO AI CADUTI CASSOLNOVO A. S. 2015-2016 LABORATORI POMERIDIANI PER I BAMBINI DI 5 ANNI Il laboratorio è una metodologia didattica che nasce, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014

Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014 SCUOLA DELL INFANZIA DI TAVULLIA NASCONDINO Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014 INTRODUZIONE MOTIVAZIONE Le insegnanti referenti del gruppo dei bambini di tre anni

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico:

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico: Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) (Estratto del Piano dell Offerta Formativa) Progetto didattico: FAVOLANDO UNA BOTTEGA FANTASTICA Anno scolastico 2015 2016 Settembre 2015 1 PREMESSA

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1 Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016 Pag. 1 I CAMPI D ESPERIENZA APPLICATI ALLE FIABE Al fine di favorire il percorso educativo di ogni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY PIANI DI STUDIO - SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO ANNO ( 3 anni di età ) CAMPI PERCORSI OPERATIVI DI LABORATORIO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI MUSICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DI MUSICA CLASSE PRIMA SONORI. Riconoscere la fonte sonora e la direzione. Sperimentare e discriminare l'alternanza suono-silenzio. Riconoscere e riprodurre alcuni suoni dell'ambiente circostante.

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AUTONOMO G. GALILEI Via della Libertà, 5-51018 PIEVE A NIEVOLE - Tel. 0572/80445 Fax 0572/950110 - E-mail: ptmm017001@istruzione.it C.F. 81003550472 - C.M. PTIC807009 - www.comprensivo-pieveanievole.it

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

O Dio, che ci inviti a condurre a te i nostri figli, perché vuoi incontrarti con loro, aiutaci in questa grande e sublime missione.

O Dio, che ci inviti a condurre a te i nostri figli, perché vuoi incontrarti con loro, aiutaci in questa grande e sublime missione. O Dio, che ci inviti a condurre a te i nostri figli, perché vuoi incontrarti con loro, aiutaci in questa grande e sublime missione. Rendici capaci di percorrere accanto a loro, con entusiasmo, il cammino

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA, LA TERRA E UN ELEMENTO QUASI MAGICO, DA SCAVARE, TRAVASARE, TRASPORTARE, MISCELARE E RAPPRESENTA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

STRATEGIE METODOLOGICHE. A livello generale si cercherà di creare per quanto possibile:

STRATEGIE METODOLOGICHE. A livello generale si cercherà di creare per quanto possibile: STRATEGIE METODOLOGICHE A livello generale si cercherà di creare per quanto possibile: Un clima relazionale positivo in cui i bambini siano accettati con i loro problemi, le loro potenzialità e le loro

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE "STELLA DEL MATTINO" PROGETTO PICCOLI. anno scolastico 2014/2015

SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE STELLA DEL MATTINO PROGETTO PICCOLI. anno scolastico 2014/2015 SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE "STELLA DEL MATTINO" PROGETTO PICCOLI anno scolastico 2014/2015 "FACCIAMO ESPERIENZA CON TITA" Durante questo anno scolastico la matita Tita, uscita da uno scatolone dove

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Galileo Galilei Pieve a Nievole SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI ISTITUTO ADEGUAMENTO AI NUOVI TRAGUARDI DI SVILUPPO ALLINEAMENTO ALLE COMPETENZE CHIAVE E AGLI ASSI CULTURALI

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bagnolo San Vito Mantova

Istituto Comprensivo di Bagnolo San Vito Mantova PROGRAMMAZIONE ANNUALE CAMPO: il sé e l altro Obiettivi espressi in termini di saper fare 1) si riordina gli indumenti 1 quad. Osservazione 2) indossa, allaccia e toglie semplici indumenti (tipo giubbino,

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Ascoltare, analizzare e rappresentare fenomeni sonori e linguaggi musicali - Classificare i fenomeni acustici in base ai concetti di silenzio, suono, rumore - Individuare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO - DIDATTICO

PROGETTO EDUCATIVO - DIDATTICO Scuola dell Infanzia Paritaria Istituto Sacro Cuore Via Solferino 16-28100 Novara Tel. 0321/623289 - Fax. 0321/331244 In internet: www.scuolesacrocuore.it - E mail: novara@scuolesacrocuore.it PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO COMPRENSIVO G. D ANNUNZIO SCUOLA DELL INFANZIA NAUSICAA A.S.2012-13 PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA MOTIVAZIONE Il progetto alimentazione, filo conduttore di quest anno scolastico, nasce dal desiderio

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO Usa la voce, il proprio corpo e oggetti vari,a partire da stimoli musicali, motori, ambientali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI. emozioni utilizzando il linguaggio del corpo

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI. emozioni utilizzando il linguaggio del corpo ETA : 3 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione grafica Ascoltare brani musicali Approccio all utilizzo dei diversi

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli