Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino"

Transcript

1 Studio di fattibilità Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino Studio di fattibilità Christian Cattaneo e Ennio Falabino Centro Sistemi Informativi Hanno collaborato: Gabriele Fattorini DAS - SSEAS Nicoletta Mariolini DAS - SSEAS Marco Treichler Conferenza dei SACD 5 marzo 2002 CSI - Servizi di Consulenza

2 pagina i Indice 1 Sintesi per la Direzione 1 2 Oggetto, obiettivi e benefici Obiettivi dello studio Oggetto del progetto futuro Obiettivi e benefici attesi dai progetti Vincoli per le scelte Attività svolte e responsabili dello studio 7 3 Situazione attuale Breve storia dei sistemi informativi SACD Descrizione della situazione attuale Costi di gestione del sistema attuale Diagnosi della situazione attuale / criticità e punti di forza Iniziative in corso 12 4 Modello di riferimento Descrizione della situazione prospettata Requisiti funzionali della banca dati ACD cantonale Requisiti funzionali del sistema informativo dei SACD 16 5 Soluzione prospettata per il sistema informativo dei SACD Alternative identificate Possibili strategie di realizzazione Strategia di realizzazione proposta e motivazioni Varianti d'integrazione della metodologia TI-DOCC Integrazione TI-DOCC proposta Integrazione dell'applicativo RAI-HC 25 6 Soluzione prospettata per la banca dati ACD cantonale Scenari identificati Scenario preferibile 28 7 Conclusioni 29

3 pagina ii 7.1 Definizione e organizzazione del progetto Piano di lavoro Rischi e contromisure Costi finali previsti Analisi costi e benefici Raccomandazione e punti d'attenzione finali 33

4 pagina iii Generalità Abbreviazioni AC Amministrazione cantonale A2000 Amministrazione 2000 ACD Assistenza e Cura a Domicilio ASSACD Associazione Svizzera Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio BD Banca dati C/S Client / Server CDP Comitato direttivo del progetto CP Capo progetto CSI Centro sistemi informativi DB Database DOS Dipartimento delle Opere Sociali GU Giorni uomo HW Hardware LACD Legge sull'assistenza e Cura a Domicilio RSAN Rete Sanitaria SACD Servizi di Assistenza e Cura a domicilio SSEAS Sezione del Sostegno ad Enti ed Attività Sociali UFAS Ufficio Federale Assicurazioni Sociali Parole chiave Dorothée Software gestionale sviluppato in DOS negli anni ottanta attualmente in uso presso i sei Servizi di assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino. Barman Sistemi di rilevamento delle prestazioni effettuate dagli operatori dei Servizi di assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino. InterRAI Gruppo che nasce all inizio degli anni 90 e ad oggi comprende oltre 30 ricercatori di 16 paesi interessati all assistenza continuativa all anziano. Cuore dell azione di interrai è lo sviluppo di strumenti di valutazione/gestione specifici per i diversi set assistenziali. RAI-HC Strumento utilizzato per la valutazione dei bisogni dell'utenza e per la pianificazione della strategia ottimale di assistenza, in funzione del piano individualizzato e della quantificazione del fabbisogno in termini di risorse. TI-DOCC e TI-DOCC MI Strumento multidimensionale di valutazione dei bisogni dell'utente e di coordinamento degli interventi di assistenza e cura a domicilio. La versione TI- DOCC MI è specifica per Maternità ed Infanzia.

5 pagina 1 1 Sintesi per la Direzione L entrata in vigore della legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) ha posto i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) e i Servizi d appoggio in un nuovo contesto, sia rispetto al tipo di dati da raccogliere e alla loro analisi, sia rispetto alla gestione del flusso di queste informazioni. La LACD prevede infatti che l ente sussidiato deve mettere a disposizione del Dipartimento i dati per l elaborazione della pianificazione e per le verifiche necessarie [DOCIC01]. Per centralizzare in modo ottimale i dati raccolti, è intenzione del Consiglio di Stato creare una banca dati ACD cantonale. Dotarsi di una banca dati ACD cantonale significa disporre di un supporto decisionale che faciliti il monitoraggio dell applicazione della legge e della pianificazione strategica dell ACD. A questo beneficio strategico si aggiungono benefici operativi quali la trasmissione di informazioni utili nel più breve periodo possibile, l elaborazione e l analisi di dati cantonali secondo procedure uniformi, nonché la razionalizzazione delle attività amministrative. Dal canto loro, invece, i SACD concentrano la loro attenzione e la loro preoccupazione sui limiti di funzionamento del sistema gestionale Dorothée, attualmente in uso presso tutte le sedi. Un primo bilancio della situazione mostra che l'attuale gestione dei dati rende impossibile l interazione tra i moduli esistenti e quelli in progettazione [DOCIC01]. Dopo aver preso atto sia dei problemi concettuali che di quelli tecnici i sei SACD sono fermamente intenzionati a trovare un programma sostitutivo al Dorothée. L'introduzione di un nuovo sistema informativo SACD, ambisce a portare i seguenti benefici: Maggiore soddisfazione del personale, grazie ad un miglioramento nell'impiego delle risorse; Razionalizzazione dei tempi, dell'impegno e dei costi consacrati ad attività amministrative; Diminuzione dello sforzo necessario per rispondere alle esigenze della SSEAS, dell'ufas e degli assicuratori malattia; La realizzazione dei sistemi informativi citati nei paragrafi precedenti fa riferimento a due progetti con esigenze diverse, ma strettamente e direttamente legati tra loro dal punto di vista del contenuto. Per questo motivo, l'obiettivo dello studio è fornire ai centri di responsabilità le informazioni necessarie per determinare come integrare e mettere in produzione la banca dati ACD cantonale, auspicata dal Consiglio di Stato, ed il nuovo sistema informativo SACD, prospettato dai sei Servizi del Cantone. La soluzione proposta consiste nell'avviare un unico progetto per l'introduzione di entrambi i sistemi informativi, prediligendo gli scenari esposti nei capitoli 5 e 6 del presente documento, che invitano:

6 pagina 2 per quanto riguarda il sistema informativo SACD, ad acquistare un pacchetto già presente sul mercato che disponga della funzionalità multimandante, auspicandone la totale integrazione del modulo TI-DOCC nell'applicativo. Inoltre ad avviare una riflessione sull'opportunità di utilizzare un server unico a livello cantonale; per quanto riguarda la banca dati ACD cantonale, ad installare gli applicativi della famiglia SPSS per elaborare la valutazione della LACD, accedendo direttamente alle informazioni presenti sui sistemi informativi SACD. La durata complessiva della fase operativa del progetto è stimata ad 8 mesi e dovrà iniziare prima del mese di maggio del 2002 per fare in modo che entrambi i sistemi informativi siano operativi a partire dall' , come auspicato dalla SSEAS e dai SACD. Il team di progetto proposto è composto da 8 persone, 7 appartenenti all'amministrazione cantonale e ai SACD ed una proveniente dall'esterno. Presentato in dettaglio nell'allegato 2, il costo dell'investimento previsto è stimato a Frs. 1'067'000.- (IVA esclusa). I costi ricorrenti sono invece dell'ordine del 10-15% rispetto ai costi d'investimento.

7 pagina 3 2 Oggetto, obiettivi e benefici 2.1 Obiettivi dello studio L entrata in vigore della legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) ha posto i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) e i Servizi d appoggio in un nuovo contesto sia rispetto al tipo di dati da raccogliere e alla loro analisi, sia rispetto alla gestione del flusso di queste informazioni. La LACD prevede infatti che l ente sussidiato deve mettere a disposizione del Dipartimento i dati per l elaborazione della pianificazione e per le verifiche necessarie (articolo. 28 capoverso 3) 1 [DOCIC01]. Per centralizzare in modo ottimale i dati raccolti, è intenzione del Consiglio di Stato creare una banca dati ACD cantonale. Dal canto loro, invece, i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) concentrano la loro attenzione e la loro preoccupazione sui limiti di funzionamento del sistema gestionale Dorothée, attualmente in uso presso tutte le sedi. Un primo bilancio della situazione mostra che l'attuale gestione dei dati rende impossibile l interazione tra i moduli esistenti e quelli in progettazione [DOCIC01]. Dopo aver preso atto sia dei problemi concettuali, legati alle esigenze di raccolta dati a livello cantonale, che di quelli tecnici, presentati in dettaglio nei capitoli seguenti, i sei SACD sono fermamente intenzionati a trovare un programma sostitutivo al Dorothée. L'auspicata realizzazione dei sistemi informativi citati nei paragrafi precedenti fa riferimento a due progetti con esigenze diverse, ma strettamente e direttamente legati tra loro dal punto di vista del contenuto. Per questo motivo, l'obiettivo dello studio è fornire ai centri di responsabilità le informazioni necessarie per determinare come integrare e mettere in produzione la banca dati ACD cantonale, auspicata dal Consiglio di Stato, ed il nuovo sistema informativo SACD, prospettato dai sei Servizi del Cantone. Mettendo a confronto soluzioni diverse e rimanendo focalizzato sugli obiettivi e i vantaggi strategici dei rispettivi progetti, il presente studio si prefigge di: 1 "La raccolta e la trasmissione di tali dati al Dipartimento delle opere sociali (DOS), e alla sua Sezione del sostegno a enti e attività sociali (SSEAS), sono finalizzate allo svolgimento di alcuni dei compiti che la LACD attribuisce al Consiglio di Stato, segnatamente: la preparazione di un rapporto di valutazione, entro quattro anni dall entrata in vigore della legge, dei risultati dell attività degli enti sussidiati e delle conseguenze sulle finanze comunali da sottoporre al Gran Consiglio (articolo 45); la valutazione, a intervalli regolari, dei risultati dell attività degli enti sussidiati, sia dal profilo sociosanitario che dal profilo economico (articolo 7 capoverso 1 lettera i)" [DocIC01].

8 pagina 4 spiegare se, in che modo e perché sono previsti benefici; verificare la fattibilità tecnica e organizzativa; chiarire la dimensione economica stimando i costi previsti; individuare i rischi e le rispettive contromisure da adottare; definire l'organizzazione e stilare un piano di massima del progetto. Elementi di carattere generale Il documento porta delle osservazioni organizzative che contemplano le modalità di intervento degli operatori dei SACD, basate su TI-DOCC, RAI-HC e su TI-DOCC-MI. Sono contemplate anche le questioni seguenti: se e come il sistema informativo SACD integrerà il lavoro già effettuato dalla SSEAS; se il software RAI-HC sarà integrato a partire dalla versione italiana modificata, la cui diffusione è gestita dall Università Sacro Cuore di Roma, o a partire dalla(e) versione(i) discussa nell'ambito dell'assasd adattate e tradotte per la Svizzera italiana; se è opportuno che i SACD inizino già a far utilizzare dal personale a scopi didattici e sperimentali, non quindi in modo generalizzato e sistematico il software oggi disponibile per TI- DOCC e RAI-HC, e ad effettuare la formazione prevista, così da preparare il personale ad un uso immediato del nuovo sistema appena sarà disponibile. Temi non considerati Ad eccezione del fattore compatibilità, lo studio non contempla il futuro ampliamento della banca dati ACD cantonale, affinché possano essere integrate le informazioni relative ai Servizi d appoggio e all erogazione di sussidi diretti per il mantenimento a domicilio. Concernente il progetto dell Associazione svizzera dei Servizi di assistenza e cura a domicilio, l'elaborazione di un modulo di quantificazione delle prestazioni in grado di integrarsi con gli strumenti di valutazione previsti, non è contemplata nello studio di fattibilità. Da rivedere: integrazione con BD nazionali non considerata. Viste le tempistiche, i progetti in questione sono stati considerati compatibilmente con il loro stato d'avanzamento. 2.2 Oggetto del progetto futuro La necessità di effettuare uno studio di fattibilità nasce dalla volontà di concretizzare gli obbiettivi progettuali contenuti nel "documento d'intenti comuni 2 ". Elaborato da un gruppo misto DOS- SACD 3, il "documento d'intenti comuni" tratta i progetti di seguito brevemente riassunti: Progetto SSEAS - Creazione di una banca dati ACD cantonale L elaborazione della valutazione sociosanitaria ed economica dell'acd e la necessità di effettuare le verifiche previste dalla LACD (articolo. 28 capoverso 3) presuppongono la raccolta di diversi tipi di dati, più precisamente: 2 Il mandato consisteva nel: sintetizzare le informazioni raccolte dagli attori interessati (DOS e SACD) relative all analisi e alla progettazione di nuovi sistemi informatici; elaborare uno schema di flussi che illustrasse una prima analisi dei bisogni dei diversi utilizzatori del sistema informatico [DOCIC01]. Il documento d'intenti comuni mostra la situazione attuale della raccolta dati in seno ai SACD e della loro trasmissione verso i Servizi dell amministrazione cantonale. Mette poi in luce i limiti che emergono dalla situazione attuale. Tramite uno schema di flussi, il documento illustra la situazione che gli attori coinvolti intendono raggiungere. A partire da perizie preliminari, sono infine presentate le tappe e i tempi necessari per realizzare l analisi e la progettazione del sistema informatico, integrando la riflessione del programma Dorothée" [DocIC01]. 3 I lavori del gruppo sono stati coordinati, alternandosi, da Enrico Conte (responsabile del servizio amministrativo del per il Sottoceneri) e da Gabriele Fattorini (responsabile dell'istanza di compensazione presso la SSEAS).

9 pagina 5 i dati relativi all utenza e alle sue caratteristiche; i dati relativi alle prestazioni erogate (tipo, volume, per figura professionale); i dati economico-finanziari; le statistiche del personale [DOCIC01]. Come indicato in precedenza, per centralizzare in modo ottimale i dati qui sopra elencati è quindi indispensabile creare una piattaforma comune nella quale andranno a confluire tutti i dati. Il progetto, finalizzato al disegno e alla messa in produzione e della banca dati ACD cantonale presso l'istanza di compensazione della SSEAS, costituisce il nocciolo dello studio 4. Progetto SACD - Sostituzione del sistema gestionale Dorothée I SACD intendono dotarsi di un nuovo sistema informativo che permetta di gestire in modo razionale ed efficace tutti i processi che avvengono all interno dei Servizi, tenuto conto delle esigenze dell AC, in particolare della SSEAS e del progetto Rete Sanitaria, nonché di altri interlocutori come l UFAS e gli Assicuratori malattia [DOCIC01]. Il sistema informativo, oltre a coprire tutte le funzionalità dell'applicativo Dorothée, integrerà due moduli aggiuntivi per la gestione della valutazione dei bisogni dell'utenza, originati dalle metodologie TI-DOCC e RAI-HC. Considerato il ruolo determinante dei sistemi informatici in uso presso i SACD nel processo di raccolta e di gestione dati, attorno al quale ruota la maggior parte delle attività legate al flusso d informazione, oltre alla scelta della banca dati ACD cantonale, si è ritenuto opportuno contemplare nello studio il nuovo sistema informativo dei SACD. Il progetto consta nello spegnere il sistema Dorothée e nel mettere in produzione, entro l' , il nuovo sistema informativo SACD. 2.3 Obiettivi e benefici attesi dai progetti Obiettivi In qualità di coordinatore cantonale delle attività di ACD, gli obiettivi primari della SSEAS in ambito prettamente informatico si concretizzano nella maniera seguente: Mettere in produzione una banca dati cantonale che consenta di elaborare una valutazione sociosanitaria ed economica dell'acd, aggiornata e alimentata periodicamente dalle informazioni raccolte e gestite in tempo reale dai singoli Servizi. Essa è finalizzata alla raccolta, all elaborazione e all analisi dei dati per svolgere compiti di vigilanza, di erogazione di sussidi, di pianificazione, di valutazione e di statistiche sociosanitarie. Implementare un supporto funzionale volto ad automatizzare la raccolta dati ed un flusso di informazioni disgregate basato su criteri uniformi ai sei SACD. In particolare di promuovere l'implementazione del TI-DOCC nei sei SACD; Mentre gli obiettivi dei sei SACD sono: Dotarsi di un sistema informativo dinamico, espandibile, di facile utilizzo per il personale e che consenta di colmare le lacune dell'attuale applicativo Dorothée; Predisporre un'assistenza adeguata e funzionale dei sistemi informativi; Garantire l'inserimento futuro di moduli contabili e/o l'adattamento di quelli attuali per l'applicazione della contabilità analitica in previsione dell'introduzione della nuova legge sui mandati di prestazione; 4 In questo ambito, è opportuno ricordare che la finalità del progetto non è altro che la definizione delle modalità di ripresa e il tipo di analisi dei dati occorrenti al lavoro operativo e alla valutazione e pianificazione [DocIC01].

10 pagina 6 Obiettivo comune ad ambedue gli attori è massimizzare l'integrazione e la compatibilità dei sistemi con la futura Rete Sanitaria cantonale. Benefici SSEAS Per i servizi dell amministrazione cantonale, DOS/DAS/SSEAS, dotarsi di una banca dati ACD cantonale significa disporre di un supporto decisionale che faciliti il monitoraggio dell applicazione della LACD e della pianificazione strategica dell ACD. A questo beneficio strategico si aggiungono benefici operativi quali la trasmissione di informazioni utili nel più breve periodo possibile, l elaborazione e l analisi di dati cantonali secondo procedure uniformi, nonché la razionalizzazione delle attività amministrative. Benefici SACD Per i SACD l'introduzione del nuovo sistema informativo ambisce a concretizzarsi nella misura seguente: Maggiore soddisfazione del personale, grazie ad un miglioramento nell'impiego delle risorse. La migliore pianificazione degli interventi del personale comporterà una riduzione dei tempi morti. Razionalizzazione dei tempi, dell'impegno e dei costi consacrati ad attività amministrative; Miglioramento della qualità del servizio e dei tempi d'attesa, grazie ad una visione d'insieme del decorso del singolo caso; Diminuzione dello sforzo necessario per rispondere alle esigenze della SSEAS, dell'ufas e degli assicuratori malattia; Consentire una miglior gestione del personale. 2.4 Vincoli per le scelte Oltre ad essere coerente con le strategie informatiche e gli standard dell'amministrazione Cantonale, le soluzioni proposte devono: rispettare i tempi di progettazione e di sviluppo auspicati dalla SSEAS e dai SACD. Si prevede di mettere in produzione entrambi i sistemi (sistema informativo dei SACD, e banca dati ACD cantonale) entro l'inizio di gennaio del 2003; garantire che in futuro nella banca dati ACD cantonale si possano integrare le informazioni relative ai Servizi d appoggio e all erogazione di sussidi diretti per il mantenimento a domicilio; consentire di raccogliere, uniformare e armonizzare i dati necessari alla pianificazione, alla valutazione e al monitoraggio 5 in forma disaggregata; assicurare che il nuovo sistema informativo SACD sia compatibile con gli odierni apparecchi di rilevamento Barman; contemplare la progressiva introduzione di nuovi strumenti per il rilevamento. Vincoli legati al progetto Rete Sanitaria Affinché i sistemi informativi, di cui SSEAS e SACD si doteranno, possano agevolmente comunicare con i sistemi di altri attori sanitari, le soluzioni proposte rispetteranno gli standard tecnici 6 e di contenuto 7 indicati nell'ambito del progetto Rete sanitaria di A2000, compatibilmente 5 Sarà infatti a partire dai contenuti disaggregati della banca dati ACD cantonale che si forniranno metodi uniformi per l elaborazione e l analisi dei dati sia a livello di SSEAS sia a livello cantonale (output per i SACD: p.e. analisi comparative/banchmarking, ecc.). 6 Gli standard tecnici concernono i sistemi di criptaggio, la struttura dei dati, le modalità di trasmissione dei dati, l'architettura della rete, il tipo di interfaccia dei dati, i tipi di rete e alcuni requisiti ergonomici. 7 Per quanto attiene ai contenuti si tratta del dizionario dei dati condivisi, delle procedure di gestione dei dati (diritti di iscrizione, modifica e cancellazione) e dei protocolli di sicurezza (chi ha diritto a vedere cosa, chi gestisce le autorizzazioni ).

11 pagina 7 con lo stato d'avanzamento. In particolare, sono considerate le modalità di comunicazione dei dati sugli utenti fra SACD e settori esterni (istituti anziani, ospedali, medici curanti, ecc.) 2.5 Attività svolte e responsabili dello studio Il gruppo di lavoro comprende collaboratori del CSI, della SSEAS, dei SACD come pure del progetto Rete Sanitaria. Lo studio di fattibilità è coordinato dal CSI. La Tabella 1 presenta le attività svolte e le responsabilità. Gruppo di lavoro Responsabilità e attività principali 8 DFE - CSI C. Cattaneo DOS - SSEAS N. Mariolini DFE - CSI E. Falabino DOS - SSEAS G. Fattorini SACD M. Treichler DOS - Rete Sanitaria M. Della Santa Responsabile dello studio di fattibilità. Coordinamento dei lavori e mantenimento del piano di lavoro; Supporto metodologico e formalizzazione il documento; Esame delle opzioni tecnico-organizzative e delle alternative di soluzione; Esame delle alternative prospettate (soluzione proposta) e responsabile delle soluzioni organizzative proposte. Aspetti operativi dell'organizzazione di progetto (conclusioni); Definizione e certificazione di obiettivi, benefici e requisiti funzionali del progetto SSEAS; Collaborazione a determinare il funzionamento attuale del servizio (stato attuale); Collaborazione a determinare le alternative di soluzione per quanto concerne gli aspetti organizzativi; Responsabile della soluzione tecnica proposta; Requisiti tecnici (modello di riferimento) della soluzione; Alternative tecniche prospettate (soluzione proposta) Collaborazione a determinare il funzionamento attuale del servizio (stato attuale); Collaborazione a determinare i requisiti funzionali (modello di riferimento) della soluzione; Collaborazione nell'elaborare i requisiti tecnici della soluzione; Collaborazione nell'elaborare le alternative di soluzione tecniche; Esame di problemi particolari (DB, sicurezza, SW sviluppo ) Certificazione di obiettivi, benefici e requisiti funzionali del progetto SACD; Collaborazione nell'esame di opzioni tecnico-organizzative e nell'elaborazione delle alternative considerate; Garante che le soluzione proposte nello studio rispettino le esigenze dei SACD. Garante che le soluzioni proposte nello studio rispettano gli attuali vincoli del progetto Rete Sanitaria. Tabella 1 8 Le parentesi rotonde fanno riferimento ai capitoli dello studio di fattibilità.

12 pagina 8 3 Situazione attuale 3.1 Breve storia dei sistemi informativi SACD 1998 Presso tutti i SACD è definitivamente in funzione a pieno regime il sistema gestionale Dorothée; 2000 Maggio: dopo pre-test e adeguata formazione, nella regione pilota di Mendrisio ha inizio l uso sistematico delle prime schede cartacee TI-DOCC e del RAI-HC, sia su supporto cartaceo che su supporto informatico (cf. allegato 10). Durante l estate, i SACD chiedono alla SSEAS di avviare una riflessione sulla sostituzione del Dorothée 9. Viene creato un gruppo di lavoro per elaborare il "Documento d'intenti comuni" [DOCIC01] Pubblicazione del documento di intenti comuni; A partire da gennaio, ha inizio l'attività di test dell'applicativo TI-DOCC presso il SACD della regione pilota di Mendrisio; Viene disdetto il contratto d'abbonamento con la ditta ID-Informatique per la manutenzione del software Dorothée 10 ; Pubblicazione di un capitolato d'oneri per la messa in produzione del nuovo applicativo gestionale per i SACD; Decisione di sospendere la scelta della ditta e di realizzare il presente studio. 3.2 Descrizione della situazione attuale La situazione attuale, legata al rilevamento ed al flusso di dati concernenti l intervento a domicilio, poggia sull attività dei singoli servizi ed è riassunta nella tabella seguente: ALVAD AVAD SCUDO MAGGIO MBC 3Valli ABAD SSEAS TOTALE 9 La riflessione viene avviata a causa dei suoi limiti, dovuti e all'insoddisfacente assistenza da parte del produttore-fornitore ID Informatique. 10 Fa eccezione l'abad che aveva disdetto il contratto di manutenzione nel corso del 2000.

13 pagina 9 Utenti 1'125 1' ' '926 Prestazioni '107 Personale operativo Personale dirigente e amministrativo Barman utilizzati Barman in magazzino di riserva Totale Barman Tabella 2 I processi Molteplici sono le attività che da vicino toccano i progetti di creazione della banca dati ACD cantonale e messa in produzione del sistema informativo SACD. Attualmente il rilevamento ed il flusso di informazioni può essere riassunto come segue: Rilevamento delle prestazioni offerte agli utenti dei SACD e la gestione delle attività amministrative che ne conseguono. Oggigiorno, la raccolta e la gestione dei dati in seno ad ogni singolo servizio sono effettuate utilizzando il sistema informatico Dorothée di rilevamento delle prestazioni. I dati relativi alle prestazioni erogate sono sistematicamente rilevati e immessi nel sistema attraverso l ausilio degli apparecchi barman. Partendo dalle informazioni immesse è possibile eseguire la fatturazione delle prestazioni agli utenti e agli assicuratori malattia, la gestione dei debitori. Gestione amministrativa dei SACD. Presso i tre Servizi del Sottoceneri i dati sono raccolti nel sistema centrale del servizio SCuDo di Lugano, mentre presso i Servizi del Sopraceneri le informazioni sono gestite in modo autonomo. Trasmissione dei dati dai SACD alla SSEAS Le informazioni trasmesse dai SACD servono alla SSEAS per il monitoraggio dell'applicazione della LACD e per la pianificazione strategica dell'acd. I dati concernenti le prestazioni non sono trasmessi regolarmente 11 e in modo pianificato alla SSEAS poiché la raccolta e la gestione dei dati in seno ai SACD sono centrate soprattutto attorno a questioni di carattere amministrativo. In sintesi, i dati forniti all amministrazione cantonale sono: o quelli economico-finanziari (preventivi e consuntivi); o accompagnati da alcune statistiche di attività (ore erogate, casi seguiti, ecc.) preparati interrogando il sistema Dorothée e successivamente rielaborati con altri applicativi. Elaborazione SSEAS ai fini pianificatori e di monitoraggio; Elaborazione SSEAS per attività di verifica (preventivi, consuntivi, situazioni intermedie); Elaborazione SSEAS per analisi statistiche; Ritorno di elaborazioni mirate dalla SSEAS ai SACD o altri attori; Per una descrizione dettagliata di questi processi, riferirsi all allegato 6 Rappresentazione dei processi aziendali 11 L'impossibilità di inviare regolarmente i dati concernenti le prestazioni erogate è legata al sistema Dorothée, in quanto non consente l'accesso e l'estrazione sistematica delle informazioni contenute nella banca dati proprietaria.

14 pagina 10 Prodotti, sistemi applicativi e tecnologie specifiche all'acd I SACD hanno un parco macchine aggiornato, ad eccezione dei Servizi di Locarno e delle 3Valli 12. In aggiunta ai software d'ufficio, tutti servizi dispongono degli applicativi e delle apparecchiature seguenti: L'applicativo Dorothée. Software gestionale attualmente in uso presso i sei SACD è stato sviluppato in DOS negli anni ottanta (cf. allegato 5). Gli apparecchi palmari Barman. Sistemi di rilevamento delle prestazioni effettuate dagli operatori dei SACD. Sono integrati con il sistema Dorothée Oltre agli applicativi ed alle apparecchiature citati, nella regione pilota sono stati sottoposti a dei test: l'applicativo RAI-HC, che implementa l'omonima metodologia di valutazione dei bisogni dell'utenza 13. La Pfizer Italia ha progettato l'informatizzazione dello strumento, che nella versione italiana prende il nome di VAOR-ADI. Gli applicativi TI-DOCC e TI-DOCC MI 14, che implementano l'omonima metodologia di valutazione dei bisogni e di coordinamento degli interventi, sviluppati dalla SSEAS. L'allegato 05 presenta in dettaglio l'assessment dei sistemi informativi dei SACD. 3.3 Costi di gestione del sistema attuale Costi di gestione del settore informatico dei SACD Riassunti nella tabella qui a fianco e presentati in dettaglio nell'allegato 5, i costi della gestione informatica dei sei SACD ammontano a circa 250'000 Frs all'anno, 40'000 in media per ogni servizio. I costi comprendono un monte ore di assistenza realizzata spesso telefonicamente. SACD ALVAD AVAD SCUDO MAGGIO MBC 3Valli ABAD Totale COSTO 42' ' ' ' ' ' ' ' Costi per la gestione e raccolta dei dati ACD in seno alla SSEAS L applicazione della LACD genera all interno della SSEAS diverse attività legate alla gestione della raccolta dati ACD, del loro flusso e della loro analisi. La Tabella 3 presenta la stima dei costi di gestione (salari e oneri sociali) rispetto alle categorie d attività SSEAS limitate ai soli SACD (alle quali si aggiungono quelle legate ai Servizi d appoggio e all erogazione di aiuti diretti). Attività Unità/anno a disposizione Unità/anno flusso e analisi COSTO 12 Più precisamente, presso il SACD delle 3Valli è attualmente in corso l'allineamento tecnologico del parco macchine. 13 Attualmente in uso in numerosi paesi (tra i quali troviamo USA, Inghilterra, Italia, Svizzera, Francia, Danimarca, Svezia, Spagna, Giappone, Norvegia, Canada, Australia e Olanda), il RAI Home Care è uno strumento che da la possibilità di disporre di un mezzo non solo per la valutazione dei bisogni, ma anche per la strategia ottimale in funzione del piano individualizzato di assistenza e della quantificazione del fabbisogno assistenziale in termini di risorse. 14 La versione TI-DOCC MI riguarda esclusivamente il settore della maternità ed infanzia.

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD)

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) 6.4.5.5 Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) (del 30 novembre 2010) A. Scopo B. Utenti IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 24 agosto 2010 n. 6390 del Consiglio

Dettagli

Mandati Programma nazionale di prevenzione e lotta alla povertà 2014 2018

Mandati Programma nazionale di prevenzione e lotta alla povertà 2014 2018 Sostegno alla prima infanzia P01.1 Sostegno alla prima infanzia Offerte e canali informativi Le offerte e i canali informativi in Svizzera sui temi gravidanza, parto, prima infanzia, sanità ed educazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO

PROGETTO ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO PROGETTO ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO INTERFACCIA ISTITUTO PER ANZIANI SACD PRINCIPI, CONTENUTI, MODALITÀ D APPLICAZIONE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE AMMISSIONI & DIMISSIONI RICOVERI TEMPORANEI O DEFINITIVI

Dettagli

Studio di fattibilità STUDI DI FATTIBILITÀ DI SISTEMI INFORMATIVI. Perché lo studio di fattibilità. Avvertenza. Tipi di progetto

Studio di fattibilità STUDI DI FATTIBILITÀ DI SISTEMI INFORMATIVI. Perché lo studio di fattibilità. Avvertenza. Tipi di progetto Studio di fattibilità STUDI DI FATTIBILITÀ DI SISTEMI INFORMATIVI Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre (con materiale di C. Batini, G. Lazzi e M. Mecella) attività

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90

MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90 MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90 RIGUARDANTE LA SOTTOSCRIZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO Onorevole Signor Presidente, Onorevoli Signori Consiglieri,

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

SEFRI, giugno 2014. Valutazione nazionale del Case Management Formazione professionale Capitolato d oneri

SEFRI, giugno 2014. Valutazione nazionale del Case Management Formazione professionale Capitolato d oneri SEFRI, giugno 2014 Valutazione nazionale del Case Management Formazione professionale Capitolato d oneri Indice 1 CONTESTO... 3 1.1 CONDIZIONI QUADRO... 3 1.2 CASE MANAGEMENT FORMAZIONE PROFESSIONALE...

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Il Presidente Decisione n. ADM-10-18 relativa all attuazione del programma del Fondo di cooperazione UAMI per progetti congiunti

Dettagli

Sintesi. Berna, 25 febbraio 2011

Sintesi. Berna, 25 febbraio 2011 Berna, 25 febbraio 2011 SwissDRG: protezione dei dati e segreto medico nell ambito della fatturazione delle prestazioni ospedaliere secondo il nuovo sistema di rimunerazione forfettaria Sintesi Con il

Dettagli

CONDIZIONI QUADRO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI E CONSENSO DELL UTENTE

CONDIZIONI QUADRO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI E CONSENSO DELL UTENTE CONDIZIONI QUADRO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI E CONSENSO DELL UTENTE Allo scopo di facilitare un rapporto trasparente tra l utenza ed il Servizio dell Associazione per l Assistenza e cura a domicilio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

Î ± ± 6952 R 26 agosto 2014 ISTITUZIONI / FINANZE E ECONOMIA

Î ± ± 6952 R 26 agosto 2014 ISTITUZIONI / FINANZE E ECONOMIA Î ± ± ²«³» ± ¼ Ü ³»² ± 6952 R 26 agosto 2014 ISTITUZIONI / FINANZE E ECONOMIA ݱ²½» ²» della Commissione della gestione e finanze sul messaggio 18 giugno 2014 concernente la richiesta di un credito d'investimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI

REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI Capo I Criteri e metodi per la valutazione dei Dirigenti Art.1 Criteri generali del

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

(Schema di decreto legislativo n. 54)

(Schema di decreto legislativo n. 54) Attuazione della direttiva 2011/24/UE in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera nonché della direttiva 2012/52/UE in materia di riconoscimento delle ricette mediche emesse in un altro Stato membro

Dettagli

Ricerca sui DRG o valutazione del finanziamento ospedaliero?

Ricerca sui DRG o valutazione del finanziamento ospedaliero? Documento di posizione del gruppo Helsana Ricerca sui DRG o valutazione del finanziamento ospedaliero? Il 21 dicembre 2007, le Camere federali hanno deciso una revisione della Legge sull'assicurazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

STATUTO AVAD. Associazione Valmaggese Casa Anziani, Invalidi Adulti e Aiuto Domiciliare * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

STATUTO AVAD. Associazione Valmaggese Casa Anziani, Invalidi Adulti e Aiuto Domiciliare * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO AVAD Associazione Valmaggese Casa Anziani, Invalidi Adulti e Aiuto Domiciliare * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 1. DENOMINAZIONE, SEDE, SCOPO E DURATA Art. 1 E costituita sotto

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

Applicazione: Sistema Orchestra

Applicazione: Sistema Orchestra Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni Progr_ne/Controllo Applicazione: Sistema Orchestra Amministrazione: Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Premessa Ad oggi le procedure di informatizzazione, con inserimento manuale dei dati di controllo degli impianti termici, regolate attraverso

Dettagli

Helvartis. Norme di qualità (Helvartis:2014)

Helvartis. Norme di qualità (Helvartis:2014) Helvartis. Norme di qualità (Helvartis:2014) 1. Introduzione 1.1 Generalità Le presenti norme definiscono i requisiti che le aziende di pratica commerciale devono obbligatoriamente soddisfare nel contesto

Dettagli

Ge.Co.Ti-WEB. Panoramica di Ge.Co.Ti. Web, funzionalità della soluzione, moduli, configurazione e descrizione dell applicazione.

Ge.Co.Ti-WEB. Panoramica di Ge.Co.Ti. Web, funzionalità della soluzione, moduli, configurazione e descrizione dell applicazione. Ge.Co.Ti-WEB Panoramica di Ge.Co.Ti. Web, funzionalità della soluzione, moduli, configurazione e descrizione dell applicazione. Ge.Co.Ti Web è un insieme di moduli gestionali integrati che supporta i processi

Dettagli

1511 mm 145 16 marzo 2011 / 263.10

1511 mm 145 16 marzo 2011 / 263.10 1511 mm 145 16 marzo 2011 / 263.10 Signor Cleto Ferrari e cofirmatari Deputati al Gran Consiglio Interrogazione 26 novembre 2010 n. 263.10 La legge sulla conservazione del territorio agricolo compie 20

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO FORNITURA DI SERVIZI DI PRESIDIO DEL CENTRO DI CALCOLO E MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali C.3. Apparecchiature elettriche e illuminazione privata C.3

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali C.3. Apparecchiature elettriche e illuminazione privata C.3 Apparecchiature elettriche e illuminazione privata 201 Situazione attuale (2008) I dati forniti dalle aziende di distribuzione dell elettricità consentono di stimare il consumo dovuto agli apparecchi elettrici

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE DIRETTIVA 18 dicembre 2003 Linee guida in materia di digitalizzazione dell'amministrazione per l'anno 2004. (in G.U.

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

G.A.R.C. 3.0 Gestione Automatica Recupero Crediti

G.A.R.C. 3.0 Gestione Automatica Recupero Crediti Pag. 1 di 29 IL RECUPERO DEL TEMPO E DELL EFFICIENZA RAPPRESENTA IL PRIMO PASSO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI... Pag. 2 di 29 SOMMARIO PRESENTAZIONE DI...3 CON G.A.R.C. FAI TRE BUCHE CON UN COLPO

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Convergenza 2007-2013

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO per l affidamento del servizio di analisi e progettazione del sistema di programmazione, di bilancio e controllo dell I.N.A.F. Pagina 1 di 10 INDICE DEI CONTENUTI ARTICOLI Pag. 1 Premessa...

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche

Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche Rapporto del gruppo di esperti «Ulteriore sviluppo della strategia in materia di mercati finanziari» Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche 6

Dettagli

1. Cosa è Swissdec? 2. 2. Quali sono le competenze di Swissdec? 2. 3. Quale utilità ha per me Swissdec? 2. 4. Cosa mi serve? 2

1. Cosa è Swissdec? 2. 2. Quali sono le competenze di Swissdec? 2. 3. Quale utilità ha per me Swissdec? 2. 4. Cosa mi serve? 2 per utenti Indice 1. Cosa è Swissdec? 2 2. Quali sono le competenze di Swissdec? 2 3. Quale utilità ha per me Swissdec? 2 4. Cosa mi serve? 2 5. Qual è il programma salariale adatto per la mia azienda?

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

Riconoscere le prestazioni di tutte le famiglie

Riconoscere le prestazioni di tutte le famiglie 1 INIZIATIVA DELLE CITTÀ SÌ ALLA SICUREZZA SOCIALE " Prospettiva - Politica familiare Riconoscere le prestazioni di tutte le famiglie Posizione 2 Informazioni Segretariato della COFF Ufficio federale delle

Dettagli

Come proteggiamo i tuoi Dati

Come proteggiamo i tuoi Dati Come proteggiamo i tuoi Dati Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 196/2003 La nostra Informativa sulla privacy ha l intento di descrivere in modo chiaro e trasparente le modalità di gestione del

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0 Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 5 SERVIZI 5.0 DESCRIZIONE In questo capitolo è descritta tutta la serie di attività di servizio che, pur non creando direttamente valore aggiunto sulla prestazione,

Dettagli

Ogni rifiuto prodotto, speciale o

Ogni rifiuto prodotto, speciale o Un esperienza positiva di tracciabilità dei rifiuti e di informazione ai cittadini Carlo Di Domenico, Domenico Cataldo Qualunque tipo di rifiuti durante la sua movimentazione deve obbligatoriamente essere

Dettagli

Rapporto d attività 2006

Rapporto d attività 2006 grussti - gruppo cantonale sullo sviluppo sostenibile 6500 Bellinzona - http://www.ti.ch/sviluppo-sostenibile contatto: Marcello Martinoni 091 825 38 85 consultati@ticino.com Rapporto d attività 2006 Programma

Dettagli

Linee guida per un contributo alla qualità nell insegnamento dell educazione fisica scolastica Fascicolo destinato ai docenti della scuola media

Linee guida per un contributo alla qualità nell insegnamento dell educazione fisica scolastica Fascicolo destinato ai docenti della scuola media Linee guida per un contributo alla qualità nell insegnamento dell educazione fisica scolastica Fascicolo destinato ai docenti della scuola media UFSPO 2532 Macolin Ufficio federale dello sport UFSPO Sommario

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

X Datore di lavoro pubblico

X Datore di lavoro pubblico AZIONE 3 - attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

Strutture concorrenziali e ripartizione dei compiti nel turismo grigionese

Strutture concorrenziali e ripartizione dei compiti nel turismo grigionese Amt für Wirtschaft und Tourismus Graubünden Uffizi per economia e turissem dal Grischun Ufficio dell economia e del turismo dei Grigioni Strutture concorrenziali e ripartizione dei compiti nel turismo

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT Indice 1. Introduzione... 1 2. Gli obiettivi del regolatore... 1 3. Aree informative e opzioni segnaletiche...

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali

Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali Indice 1. PREMESSA... 3 2. COSTI DI SVILUPPO... 3 3. COSTI DI ESERCIZIO... 4 4. CLASSIFICAZIONE DELLE

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli DECRETO N. 20 DEL 08/04/2014 OGGETTO: INCARICO DI AMMINISTRATORE DI RETE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL'ENTE E REFERENTE ICT TERRITORIALE PER L ATTUAZIONE DEL CAD CODICE AMMINISTRAZIONE DIGITALE" IL SINDACO

Dettagli

COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARIO E PARTECIPAZIONI

COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARIO E PARTECIPAZIONI COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARIO E PARTECIPAZIONI Area Coordinamento, Controllo Economico Finanziario e Partecipazioni Responsabile Centro di responsabilità 05067 - Servizio Finanziario Responsabile

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Coordinamento dei servizi di trasporto sussidiati in base alla Legge sull assistenza e cura a domicilio

Coordinamento dei servizi di trasporto sussidiati in base alla Legge sull assistenza e cura a domicilio UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA SCUOLA UNIVERSITARIA PROFESSIONALE Master in economia e gestione sanitaria e sociosanitaria Coordinamento dei servizi di trasporto sussidiati in base alla Legge sull

Dettagli

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale Votazione popolare federale del 18 maggio 2003 Domande e risposte «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte In generale Cosa chiede l iniziativa? Perché il Consiglio federale vuole mantenere il sistema

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Progetto «Novena»: Raccomandazioni dei Controlli delle finanze concernenti i progetti informatici di sviluppo

Progetto «Novena»: Raccomandazioni dei Controlli delle finanze concernenti i progetti informatici di sviluppo Progetto «Novena»: Raccomandazioni dei Controlli delle finanze concernenti i progetti informatici di sviluppo Conferenza svizzera dei Controlli delle finanze Gruppo di lavoro «Revisione informatica» Eugenio

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 Il Comune di Bologna si è dotato da molti anni di un sistema di pianificazione e controllo che è stato progressivamente perfezionato e ampliato,

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Raccomandazioni dei Controlli delle finanze concernenti i progetti informatici

Raccomandazioni dei Controlli delle finanze concernenti i progetti informatici Raccomandazioni dei Controlli delle finanze concernenti i progetti informatici Gruppo di lavoro IT Government Audit Questo gruppo è composto da revisori informatici delle amministrazioni pubbliche svizzere.

Dettagli

METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE DEI DATI E DOCUMENTI INDICATI DAL DECRETO LEGISLATIVO N.

METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE DEI DATI E DOCUMENTI INDICATI DAL DECRETO LEGISLATIVO N. METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE DEI DATI E DOCUMENTI INDICATI DAL DECRETO LEGISLATIVO N. 33/2013 1 Sommario 2 Metodologia Premessa Gli obblighi del D.Lgs n. 33/2013

Dettagli

Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015.

Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015. Decreto Ministeriale 14 maggio 2015 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015. (G.U. 3 agosto 2015, n. 178) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 CITTADINANZATTIVA Onlus Via Cereate, 6-00183 - Roma C.F.: 80436250585 P.I. : 02142701008 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 L Associazione Cittadinanzattiva Onlus predispone un bilancio

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Indagine sul finanziamento delle PMI in Svizzera. realizzata per la Segreteria di Stato dell economia (SECO)

Indagine sul finanziamento delle PMI in Svizzera. realizzata per la Segreteria di Stato dell economia (SECO) Indagine sul finanziamento delle PMI in Svizzera realizzata per la Segreteria di Stato dell economia (SECO) Maggio 200 Indice 2 Pagina 1. Descrittivo della ricerca 3 2. Profilo e modo di finanziamento

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

STR VISION - Professionisti

STR VISION - Professionisti STR VISION - Professionisti STR VISION dà inizio alla nuova era delle soluzioni per il mondo delle costruzioni. STR VISION nasce dalla ricerca e sviluppo di STR e coniuga l esperienza di oltre 30 anni

Dettagli

Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi

Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi 1 Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi (del 19 giugno 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Dipartimento della sanità e della socialità

Dettagli

Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1]

Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1] Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1] In un momento di grandi trasformazioni l'amministrazione Comunale ha avviato un processo di cambiamento dell'attuale modus

Dettagli

Legge federale sulla promozione della ricerca e dell innovazione

Legge federale sulla promozione della ricerca e dell innovazione Legge federale sulla promozione della ricerca e dell innovazione (LPRI) 420.1 del 14 dicembre 2012 (Stato 1 gennaio 2015) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 64 capoversi

Dettagli

Caso Utente San Paolo IMI: la Test Factory nasce dall'anno 2000. Giorgio Marras

Caso Utente San Paolo IMI: la Test Factory nasce dall'anno 2000. Giorgio Marras Caso Utente San Paolo IMI: la Test Factory nasce dall'anno 2000 Giorgio Marras 2 Titolo L'adeguamento del software per Anno 2000 e Euro ha richiesto un investimento rilevante da parte delle aziende. Alcune

Dettagli

Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze. Comunicato

Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze. Comunicato Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze Comunicato La Svizzera soffre, come altri paesi, di mancanza di personale qualificato. La diagnosi è chiara e

Dettagli

La trasparenza, la pubblicità e la pubblicità legale: le differenze

La trasparenza, la pubblicità e la pubblicità legale: le differenze La trasparenza, la pubblicità e la pubblicità legale: le differenze La legge n. 241/1990 nasce con la primaria finalità di garantire la trasparenza dell azione amministrativa, avente come effetto principale

Dettagli

La misurazione dei servizi di anagrafe e stato civile 1

La misurazione dei servizi di anagrafe e stato civile 1 La misurazione dei servizi di anagrafe e stato civile 1 Giovanni Valietti (Comune di Bergamo) Alberto Soncini (Comune di Modena) 1. Diario di una esperienza di successo Tra i tavoli di confronto attivi

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Biacco Sabrina ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Gli ERP sono delle soluzioni applicative in grado di coordinare l'insieme delle attività aziendali automatizzando

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS Osservazioni ANIGAS Roma 7 agosto 2009 1 Osservazioni Generali ANIGAS condivide

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione

Terzo ciclo di valutazione INOFFICIAL TRANSLATION / TRADUCTION INOFICIELLE Adozione: 19 giugno 2015 Pubblico Pubblicazione: 17 agosto 2015 Greco RC-III (2015) 6 Rapporto intermedio Terzo ciclo di valutazione Secondo rapporto intermedio

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

Aggiornamento sul nuovo Sistema Informativo INFN. CD 23 giugno 2006

Aggiornamento sul nuovo Sistema Informativo INFN. CD 23 giugno 2006 Aggiornamento sul nuovo Sistema Informativo INFN Breve storia 1999 Elaborazione progetto esecutivo (ditta ORIGIN) 2000 Gara per software ERP (Oracle+Byte+FileNET) 2001 Gara per realizzazione Sistema (BULL)

Dettagli

La costruzione di un Project Work

La costruzione di un Project Work CORSO DI ALTA FORMAZIONE Il lavoro sociale nei contesti della complessità: gli assistenti sociali verso nuovi saperi A.A 2007/2008 La costruzione di un Project Work Materiale didattico a cura di Dante

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011

FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 Brescia 8 Marzo 2012 FONDAZIONE NIKOLAJEWKA RELAZIONE AL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2011 La gestione 2011 si chiude con un avanzo dell esercizio di 223.404 euro con un ulteriore consolidamento della situazione

Dettagli

CLS Citiemme Lotus Suite

CLS Citiemme Lotus Suite CLS Il pacchetto CLS v1.0 () è stato sviluppato da CITIEMME Informatica con tecnologia Lotus Notes 6.5 per andare incontro ad una serie di fabbisogni aziendali. E' composto da una serie di moduli alcuni

Dettagli

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Autore_Franco Cellino, Italia _Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la fattibilità

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 979 / 2014 OGGETTO: CIG Z4A10039B2 - AVVIO SERVIZIO RILEVAZIONE

Dettagli

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino di Michela Crespi Branca e Luana Tozzini Paglia* L Ufficio del monitoraggio e dello sviluppo scolastico (UMSS) ha effettuato nell anno scolastico il censimento dei servizi pasti a mezzogiorno e dei doposcuola

Dettagli

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 Introduzione Il primo ottobre 2015 la normativa ISO/IEC 27001: 2005 verrà definitivamente sostituita dalla più recente versione del 2013: il periodo di

Dettagli

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE COMUNE DI CASNATE CON BERNATE RELAZIONE AGGIORNAMENTO MISURE CONTENIMENTO SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGG., L. 24.12.2007 N. 244 A) Premessa. L art. 2, commi 594 e segg. della legge

Dettagli