Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino"

Transcript

1 Studio di fattibilità Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino Studio di fattibilità Christian Cattaneo e Ennio Falabino Centro Sistemi Informativi Hanno collaborato: Gabriele Fattorini DAS - SSEAS Nicoletta Mariolini DAS - SSEAS Marco Treichler Conferenza dei SACD 5 marzo 2002 CSI - Servizi di Consulenza

2 pagina i Indice 1 Sintesi per la Direzione 1 2 Oggetto, obiettivi e benefici Obiettivi dello studio Oggetto del progetto futuro Obiettivi e benefici attesi dai progetti Vincoli per le scelte Attività svolte e responsabili dello studio 7 3 Situazione attuale Breve storia dei sistemi informativi SACD Descrizione della situazione attuale Costi di gestione del sistema attuale Diagnosi della situazione attuale / criticità e punti di forza Iniziative in corso 12 4 Modello di riferimento Descrizione della situazione prospettata Requisiti funzionali della banca dati ACD cantonale Requisiti funzionali del sistema informativo dei SACD 16 5 Soluzione prospettata per il sistema informativo dei SACD Alternative identificate Possibili strategie di realizzazione Strategia di realizzazione proposta e motivazioni Varianti d'integrazione della metodologia TI-DOCC Integrazione TI-DOCC proposta Integrazione dell'applicativo RAI-HC 25 6 Soluzione prospettata per la banca dati ACD cantonale Scenari identificati Scenario preferibile 28 7 Conclusioni 29

3 pagina ii 7.1 Definizione e organizzazione del progetto Piano di lavoro Rischi e contromisure Costi finali previsti Analisi costi e benefici Raccomandazione e punti d'attenzione finali 33

4 pagina iii Generalità Abbreviazioni AC Amministrazione cantonale A2000 Amministrazione 2000 ACD Assistenza e Cura a Domicilio ASSACD Associazione Svizzera Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio BD Banca dati C/S Client / Server CDP Comitato direttivo del progetto CP Capo progetto CSI Centro sistemi informativi DB Database DOS Dipartimento delle Opere Sociali GU Giorni uomo HW Hardware LACD Legge sull'assistenza e Cura a Domicilio RSAN Rete Sanitaria SACD Servizi di Assistenza e Cura a domicilio SSEAS Sezione del Sostegno ad Enti ed Attività Sociali UFAS Ufficio Federale Assicurazioni Sociali Parole chiave Dorothée Software gestionale sviluppato in DOS negli anni ottanta attualmente in uso presso i sei Servizi di assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino. Barman Sistemi di rilevamento delle prestazioni effettuate dagli operatori dei Servizi di assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino. InterRAI Gruppo che nasce all inizio degli anni 90 e ad oggi comprende oltre 30 ricercatori di 16 paesi interessati all assistenza continuativa all anziano. Cuore dell azione di interrai è lo sviluppo di strumenti di valutazione/gestione specifici per i diversi set assistenziali. RAI-HC Strumento utilizzato per la valutazione dei bisogni dell'utenza e per la pianificazione della strategia ottimale di assistenza, in funzione del piano individualizzato e della quantificazione del fabbisogno in termini di risorse. TI-DOCC e TI-DOCC MI Strumento multidimensionale di valutazione dei bisogni dell'utente e di coordinamento degli interventi di assistenza e cura a domicilio. La versione TI- DOCC MI è specifica per Maternità ed Infanzia.

5 pagina 1 1 Sintesi per la Direzione L entrata in vigore della legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) ha posto i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) e i Servizi d appoggio in un nuovo contesto, sia rispetto al tipo di dati da raccogliere e alla loro analisi, sia rispetto alla gestione del flusso di queste informazioni. La LACD prevede infatti che l ente sussidiato deve mettere a disposizione del Dipartimento i dati per l elaborazione della pianificazione e per le verifiche necessarie [DOCIC01]. Per centralizzare in modo ottimale i dati raccolti, è intenzione del Consiglio di Stato creare una banca dati ACD cantonale. Dotarsi di una banca dati ACD cantonale significa disporre di un supporto decisionale che faciliti il monitoraggio dell applicazione della legge e della pianificazione strategica dell ACD. A questo beneficio strategico si aggiungono benefici operativi quali la trasmissione di informazioni utili nel più breve periodo possibile, l elaborazione e l analisi di dati cantonali secondo procedure uniformi, nonché la razionalizzazione delle attività amministrative. Dal canto loro, invece, i SACD concentrano la loro attenzione e la loro preoccupazione sui limiti di funzionamento del sistema gestionale Dorothée, attualmente in uso presso tutte le sedi. Un primo bilancio della situazione mostra che l'attuale gestione dei dati rende impossibile l interazione tra i moduli esistenti e quelli in progettazione [DOCIC01]. Dopo aver preso atto sia dei problemi concettuali che di quelli tecnici i sei SACD sono fermamente intenzionati a trovare un programma sostitutivo al Dorothée. L'introduzione di un nuovo sistema informativo SACD, ambisce a portare i seguenti benefici: Maggiore soddisfazione del personale, grazie ad un miglioramento nell'impiego delle risorse; Razionalizzazione dei tempi, dell'impegno e dei costi consacrati ad attività amministrative; Diminuzione dello sforzo necessario per rispondere alle esigenze della SSEAS, dell'ufas e degli assicuratori malattia; La realizzazione dei sistemi informativi citati nei paragrafi precedenti fa riferimento a due progetti con esigenze diverse, ma strettamente e direttamente legati tra loro dal punto di vista del contenuto. Per questo motivo, l'obiettivo dello studio è fornire ai centri di responsabilità le informazioni necessarie per determinare come integrare e mettere in produzione la banca dati ACD cantonale, auspicata dal Consiglio di Stato, ed il nuovo sistema informativo SACD, prospettato dai sei Servizi del Cantone. La soluzione proposta consiste nell'avviare un unico progetto per l'introduzione di entrambi i sistemi informativi, prediligendo gli scenari esposti nei capitoli 5 e 6 del presente documento, che invitano:

6 pagina 2 per quanto riguarda il sistema informativo SACD, ad acquistare un pacchetto già presente sul mercato che disponga della funzionalità multimandante, auspicandone la totale integrazione del modulo TI-DOCC nell'applicativo. Inoltre ad avviare una riflessione sull'opportunità di utilizzare un server unico a livello cantonale; per quanto riguarda la banca dati ACD cantonale, ad installare gli applicativi della famiglia SPSS per elaborare la valutazione della LACD, accedendo direttamente alle informazioni presenti sui sistemi informativi SACD. La durata complessiva della fase operativa del progetto è stimata ad 8 mesi e dovrà iniziare prima del mese di maggio del 2002 per fare in modo che entrambi i sistemi informativi siano operativi a partire dall' , come auspicato dalla SSEAS e dai SACD. Il team di progetto proposto è composto da 8 persone, 7 appartenenti all'amministrazione cantonale e ai SACD ed una proveniente dall'esterno. Presentato in dettaglio nell'allegato 2, il costo dell'investimento previsto è stimato a Frs. 1'067'000.- (IVA esclusa). I costi ricorrenti sono invece dell'ordine del 10-15% rispetto ai costi d'investimento.

7 pagina 3 2 Oggetto, obiettivi e benefici 2.1 Obiettivi dello studio L entrata in vigore della legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) ha posto i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) e i Servizi d appoggio in un nuovo contesto sia rispetto al tipo di dati da raccogliere e alla loro analisi, sia rispetto alla gestione del flusso di queste informazioni. La LACD prevede infatti che l ente sussidiato deve mettere a disposizione del Dipartimento i dati per l elaborazione della pianificazione e per le verifiche necessarie (articolo. 28 capoverso 3) 1 [DOCIC01]. Per centralizzare in modo ottimale i dati raccolti, è intenzione del Consiglio di Stato creare una banca dati ACD cantonale. Dal canto loro, invece, i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) concentrano la loro attenzione e la loro preoccupazione sui limiti di funzionamento del sistema gestionale Dorothée, attualmente in uso presso tutte le sedi. Un primo bilancio della situazione mostra che l'attuale gestione dei dati rende impossibile l interazione tra i moduli esistenti e quelli in progettazione [DOCIC01]. Dopo aver preso atto sia dei problemi concettuali, legati alle esigenze di raccolta dati a livello cantonale, che di quelli tecnici, presentati in dettaglio nei capitoli seguenti, i sei SACD sono fermamente intenzionati a trovare un programma sostitutivo al Dorothée. L'auspicata realizzazione dei sistemi informativi citati nei paragrafi precedenti fa riferimento a due progetti con esigenze diverse, ma strettamente e direttamente legati tra loro dal punto di vista del contenuto. Per questo motivo, l'obiettivo dello studio è fornire ai centri di responsabilità le informazioni necessarie per determinare come integrare e mettere in produzione la banca dati ACD cantonale, auspicata dal Consiglio di Stato, ed il nuovo sistema informativo SACD, prospettato dai sei Servizi del Cantone. Mettendo a confronto soluzioni diverse e rimanendo focalizzato sugli obiettivi e i vantaggi strategici dei rispettivi progetti, il presente studio si prefigge di: 1 "La raccolta e la trasmissione di tali dati al Dipartimento delle opere sociali (DOS), e alla sua Sezione del sostegno a enti e attività sociali (SSEAS), sono finalizzate allo svolgimento di alcuni dei compiti che la LACD attribuisce al Consiglio di Stato, segnatamente: la preparazione di un rapporto di valutazione, entro quattro anni dall entrata in vigore della legge, dei risultati dell attività degli enti sussidiati e delle conseguenze sulle finanze comunali da sottoporre al Gran Consiglio (articolo 45); la valutazione, a intervalli regolari, dei risultati dell attività degli enti sussidiati, sia dal profilo sociosanitario che dal profilo economico (articolo 7 capoverso 1 lettera i)" [DocIC01].

8 pagina 4 spiegare se, in che modo e perché sono previsti benefici; verificare la fattibilità tecnica e organizzativa; chiarire la dimensione economica stimando i costi previsti; individuare i rischi e le rispettive contromisure da adottare; definire l'organizzazione e stilare un piano di massima del progetto. Elementi di carattere generale Il documento porta delle osservazioni organizzative che contemplano le modalità di intervento degli operatori dei SACD, basate su TI-DOCC, RAI-HC e su TI-DOCC-MI. Sono contemplate anche le questioni seguenti: se e come il sistema informativo SACD integrerà il lavoro già effettuato dalla SSEAS; se il software RAI-HC sarà integrato a partire dalla versione italiana modificata, la cui diffusione è gestita dall Università Sacro Cuore di Roma, o a partire dalla(e) versione(i) discussa nell'ambito dell'assasd adattate e tradotte per la Svizzera italiana; se è opportuno che i SACD inizino già a far utilizzare dal personale a scopi didattici e sperimentali, non quindi in modo generalizzato e sistematico il software oggi disponibile per TI- DOCC e RAI-HC, e ad effettuare la formazione prevista, così da preparare il personale ad un uso immediato del nuovo sistema appena sarà disponibile. Temi non considerati Ad eccezione del fattore compatibilità, lo studio non contempla il futuro ampliamento della banca dati ACD cantonale, affinché possano essere integrate le informazioni relative ai Servizi d appoggio e all erogazione di sussidi diretti per il mantenimento a domicilio. Concernente il progetto dell Associazione svizzera dei Servizi di assistenza e cura a domicilio, l'elaborazione di un modulo di quantificazione delle prestazioni in grado di integrarsi con gli strumenti di valutazione previsti, non è contemplata nello studio di fattibilità. Da rivedere: integrazione con BD nazionali non considerata. Viste le tempistiche, i progetti in questione sono stati considerati compatibilmente con il loro stato d'avanzamento. 2.2 Oggetto del progetto futuro La necessità di effettuare uno studio di fattibilità nasce dalla volontà di concretizzare gli obbiettivi progettuali contenuti nel "documento d'intenti comuni 2 ". Elaborato da un gruppo misto DOS- SACD 3, il "documento d'intenti comuni" tratta i progetti di seguito brevemente riassunti: Progetto SSEAS - Creazione di una banca dati ACD cantonale L elaborazione della valutazione sociosanitaria ed economica dell'acd e la necessità di effettuare le verifiche previste dalla LACD (articolo. 28 capoverso 3) presuppongono la raccolta di diversi tipi di dati, più precisamente: 2 Il mandato consisteva nel: sintetizzare le informazioni raccolte dagli attori interessati (DOS e SACD) relative all analisi e alla progettazione di nuovi sistemi informatici; elaborare uno schema di flussi che illustrasse una prima analisi dei bisogni dei diversi utilizzatori del sistema informatico [DOCIC01]. Il documento d'intenti comuni mostra la situazione attuale della raccolta dati in seno ai SACD e della loro trasmissione verso i Servizi dell amministrazione cantonale. Mette poi in luce i limiti che emergono dalla situazione attuale. Tramite uno schema di flussi, il documento illustra la situazione che gli attori coinvolti intendono raggiungere. A partire da perizie preliminari, sono infine presentate le tappe e i tempi necessari per realizzare l analisi e la progettazione del sistema informatico, integrando la riflessione del programma Dorothée" [DocIC01]. 3 I lavori del gruppo sono stati coordinati, alternandosi, da Enrico Conte (responsabile del servizio amministrativo del per il Sottoceneri) e da Gabriele Fattorini (responsabile dell'istanza di compensazione presso la SSEAS).

9 pagina 5 i dati relativi all utenza e alle sue caratteristiche; i dati relativi alle prestazioni erogate (tipo, volume, per figura professionale); i dati economico-finanziari; le statistiche del personale [DOCIC01]. Come indicato in precedenza, per centralizzare in modo ottimale i dati qui sopra elencati è quindi indispensabile creare una piattaforma comune nella quale andranno a confluire tutti i dati. Il progetto, finalizzato al disegno e alla messa in produzione e della banca dati ACD cantonale presso l'istanza di compensazione della SSEAS, costituisce il nocciolo dello studio 4. Progetto SACD - Sostituzione del sistema gestionale Dorothée I SACD intendono dotarsi di un nuovo sistema informativo che permetta di gestire in modo razionale ed efficace tutti i processi che avvengono all interno dei Servizi, tenuto conto delle esigenze dell AC, in particolare della SSEAS e del progetto Rete Sanitaria, nonché di altri interlocutori come l UFAS e gli Assicuratori malattia [DOCIC01]. Il sistema informativo, oltre a coprire tutte le funzionalità dell'applicativo Dorothée, integrerà due moduli aggiuntivi per la gestione della valutazione dei bisogni dell'utenza, originati dalle metodologie TI-DOCC e RAI-HC. Considerato il ruolo determinante dei sistemi informatici in uso presso i SACD nel processo di raccolta e di gestione dati, attorno al quale ruota la maggior parte delle attività legate al flusso d informazione, oltre alla scelta della banca dati ACD cantonale, si è ritenuto opportuno contemplare nello studio il nuovo sistema informativo dei SACD. Il progetto consta nello spegnere il sistema Dorothée e nel mettere in produzione, entro l' , il nuovo sistema informativo SACD. 2.3 Obiettivi e benefici attesi dai progetti Obiettivi In qualità di coordinatore cantonale delle attività di ACD, gli obiettivi primari della SSEAS in ambito prettamente informatico si concretizzano nella maniera seguente: Mettere in produzione una banca dati cantonale che consenta di elaborare una valutazione sociosanitaria ed economica dell'acd, aggiornata e alimentata periodicamente dalle informazioni raccolte e gestite in tempo reale dai singoli Servizi. Essa è finalizzata alla raccolta, all elaborazione e all analisi dei dati per svolgere compiti di vigilanza, di erogazione di sussidi, di pianificazione, di valutazione e di statistiche sociosanitarie. Implementare un supporto funzionale volto ad automatizzare la raccolta dati ed un flusso di informazioni disgregate basato su criteri uniformi ai sei SACD. In particolare di promuovere l'implementazione del TI-DOCC nei sei SACD; Mentre gli obiettivi dei sei SACD sono: Dotarsi di un sistema informativo dinamico, espandibile, di facile utilizzo per il personale e che consenta di colmare le lacune dell'attuale applicativo Dorothée; Predisporre un'assistenza adeguata e funzionale dei sistemi informativi; Garantire l'inserimento futuro di moduli contabili e/o l'adattamento di quelli attuali per l'applicazione della contabilità analitica in previsione dell'introduzione della nuova legge sui mandati di prestazione; 4 In questo ambito, è opportuno ricordare che la finalità del progetto non è altro che la definizione delle modalità di ripresa e il tipo di analisi dei dati occorrenti al lavoro operativo e alla valutazione e pianificazione [DocIC01].

10 pagina 6 Obiettivo comune ad ambedue gli attori è massimizzare l'integrazione e la compatibilità dei sistemi con la futura Rete Sanitaria cantonale. Benefici SSEAS Per i servizi dell amministrazione cantonale, DOS/DAS/SSEAS, dotarsi di una banca dati ACD cantonale significa disporre di un supporto decisionale che faciliti il monitoraggio dell applicazione della LACD e della pianificazione strategica dell ACD. A questo beneficio strategico si aggiungono benefici operativi quali la trasmissione di informazioni utili nel più breve periodo possibile, l elaborazione e l analisi di dati cantonali secondo procedure uniformi, nonché la razionalizzazione delle attività amministrative. Benefici SACD Per i SACD l'introduzione del nuovo sistema informativo ambisce a concretizzarsi nella misura seguente: Maggiore soddisfazione del personale, grazie ad un miglioramento nell'impiego delle risorse. La migliore pianificazione degli interventi del personale comporterà una riduzione dei tempi morti. Razionalizzazione dei tempi, dell'impegno e dei costi consacrati ad attività amministrative; Miglioramento della qualità del servizio e dei tempi d'attesa, grazie ad una visione d'insieme del decorso del singolo caso; Diminuzione dello sforzo necessario per rispondere alle esigenze della SSEAS, dell'ufas e degli assicuratori malattia; Consentire una miglior gestione del personale. 2.4 Vincoli per le scelte Oltre ad essere coerente con le strategie informatiche e gli standard dell'amministrazione Cantonale, le soluzioni proposte devono: rispettare i tempi di progettazione e di sviluppo auspicati dalla SSEAS e dai SACD. Si prevede di mettere in produzione entrambi i sistemi (sistema informativo dei SACD, e banca dati ACD cantonale) entro l'inizio di gennaio del 2003; garantire che in futuro nella banca dati ACD cantonale si possano integrare le informazioni relative ai Servizi d appoggio e all erogazione di sussidi diretti per il mantenimento a domicilio; consentire di raccogliere, uniformare e armonizzare i dati necessari alla pianificazione, alla valutazione e al monitoraggio 5 in forma disaggregata; assicurare che il nuovo sistema informativo SACD sia compatibile con gli odierni apparecchi di rilevamento Barman; contemplare la progressiva introduzione di nuovi strumenti per il rilevamento. Vincoli legati al progetto Rete Sanitaria Affinché i sistemi informativi, di cui SSEAS e SACD si doteranno, possano agevolmente comunicare con i sistemi di altri attori sanitari, le soluzioni proposte rispetteranno gli standard tecnici 6 e di contenuto 7 indicati nell'ambito del progetto Rete sanitaria di A2000, compatibilmente 5 Sarà infatti a partire dai contenuti disaggregati della banca dati ACD cantonale che si forniranno metodi uniformi per l elaborazione e l analisi dei dati sia a livello di SSEAS sia a livello cantonale (output per i SACD: p.e. analisi comparative/banchmarking, ecc.). 6 Gli standard tecnici concernono i sistemi di criptaggio, la struttura dei dati, le modalità di trasmissione dei dati, l'architettura della rete, il tipo di interfaccia dei dati, i tipi di rete e alcuni requisiti ergonomici. 7 Per quanto attiene ai contenuti si tratta del dizionario dei dati condivisi, delle procedure di gestione dei dati (diritti di iscrizione, modifica e cancellazione) e dei protocolli di sicurezza (chi ha diritto a vedere cosa, chi gestisce le autorizzazioni ).

11 pagina 7 con lo stato d'avanzamento. In particolare, sono considerate le modalità di comunicazione dei dati sugli utenti fra SACD e settori esterni (istituti anziani, ospedali, medici curanti, ecc.) 2.5 Attività svolte e responsabili dello studio Il gruppo di lavoro comprende collaboratori del CSI, della SSEAS, dei SACD come pure del progetto Rete Sanitaria. Lo studio di fattibilità è coordinato dal CSI. La Tabella 1 presenta le attività svolte e le responsabilità. Gruppo di lavoro Responsabilità e attività principali 8 DFE - CSI C. Cattaneo DOS - SSEAS N. Mariolini DFE - CSI E. Falabino DOS - SSEAS G. Fattorini SACD M. Treichler DOS - Rete Sanitaria M. Della Santa Responsabile dello studio di fattibilità. Coordinamento dei lavori e mantenimento del piano di lavoro; Supporto metodologico e formalizzazione il documento; Esame delle opzioni tecnico-organizzative e delle alternative di soluzione; Esame delle alternative prospettate (soluzione proposta) e responsabile delle soluzioni organizzative proposte. Aspetti operativi dell'organizzazione di progetto (conclusioni); Definizione e certificazione di obiettivi, benefici e requisiti funzionali del progetto SSEAS; Collaborazione a determinare il funzionamento attuale del servizio (stato attuale); Collaborazione a determinare le alternative di soluzione per quanto concerne gli aspetti organizzativi; Responsabile della soluzione tecnica proposta; Requisiti tecnici (modello di riferimento) della soluzione; Alternative tecniche prospettate (soluzione proposta) Collaborazione a determinare il funzionamento attuale del servizio (stato attuale); Collaborazione a determinare i requisiti funzionali (modello di riferimento) della soluzione; Collaborazione nell'elaborare i requisiti tecnici della soluzione; Collaborazione nell'elaborare le alternative di soluzione tecniche; Esame di problemi particolari (DB, sicurezza, SW sviluppo ) Certificazione di obiettivi, benefici e requisiti funzionali del progetto SACD; Collaborazione nell'esame di opzioni tecnico-organizzative e nell'elaborazione delle alternative considerate; Garante che le soluzione proposte nello studio rispettino le esigenze dei SACD. Garante che le soluzioni proposte nello studio rispettano gli attuali vincoli del progetto Rete Sanitaria. Tabella 1 8 Le parentesi rotonde fanno riferimento ai capitoli dello studio di fattibilità.

12 pagina 8 3 Situazione attuale 3.1 Breve storia dei sistemi informativi SACD 1998 Presso tutti i SACD è definitivamente in funzione a pieno regime il sistema gestionale Dorothée; 2000 Maggio: dopo pre-test e adeguata formazione, nella regione pilota di Mendrisio ha inizio l uso sistematico delle prime schede cartacee TI-DOCC e del RAI-HC, sia su supporto cartaceo che su supporto informatico (cf. allegato 10). Durante l estate, i SACD chiedono alla SSEAS di avviare una riflessione sulla sostituzione del Dorothée 9. Viene creato un gruppo di lavoro per elaborare il "Documento d'intenti comuni" [DOCIC01] Pubblicazione del documento di intenti comuni; A partire da gennaio, ha inizio l'attività di test dell'applicativo TI-DOCC presso il SACD della regione pilota di Mendrisio; Viene disdetto il contratto d'abbonamento con la ditta ID-Informatique per la manutenzione del software Dorothée 10 ; Pubblicazione di un capitolato d'oneri per la messa in produzione del nuovo applicativo gestionale per i SACD; Decisione di sospendere la scelta della ditta e di realizzare il presente studio. 3.2 Descrizione della situazione attuale La situazione attuale, legata al rilevamento ed al flusso di dati concernenti l intervento a domicilio, poggia sull attività dei singoli servizi ed è riassunta nella tabella seguente: ALVAD AVAD SCUDO MAGGIO MBC 3Valli ABAD SSEAS TOTALE 9 La riflessione viene avviata a causa dei suoi limiti, dovuti e all'insoddisfacente assistenza da parte del produttore-fornitore ID Informatique. 10 Fa eccezione l'abad che aveva disdetto il contratto di manutenzione nel corso del 2000.

13 pagina 9 Utenti 1'125 1' ' '926 Prestazioni '107 Personale operativo Personale dirigente e amministrativo Barman utilizzati Barman in magazzino di riserva Totale Barman Tabella 2 I processi Molteplici sono le attività che da vicino toccano i progetti di creazione della banca dati ACD cantonale e messa in produzione del sistema informativo SACD. Attualmente il rilevamento ed il flusso di informazioni può essere riassunto come segue: Rilevamento delle prestazioni offerte agli utenti dei SACD e la gestione delle attività amministrative che ne conseguono. Oggigiorno, la raccolta e la gestione dei dati in seno ad ogni singolo servizio sono effettuate utilizzando il sistema informatico Dorothée di rilevamento delle prestazioni. I dati relativi alle prestazioni erogate sono sistematicamente rilevati e immessi nel sistema attraverso l ausilio degli apparecchi barman. Partendo dalle informazioni immesse è possibile eseguire la fatturazione delle prestazioni agli utenti e agli assicuratori malattia, la gestione dei debitori. Gestione amministrativa dei SACD. Presso i tre Servizi del Sottoceneri i dati sono raccolti nel sistema centrale del servizio SCuDo di Lugano, mentre presso i Servizi del Sopraceneri le informazioni sono gestite in modo autonomo. Trasmissione dei dati dai SACD alla SSEAS Le informazioni trasmesse dai SACD servono alla SSEAS per il monitoraggio dell'applicazione della LACD e per la pianificazione strategica dell'acd. I dati concernenti le prestazioni non sono trasmessi regolarmente 11 e in modo pianificato alla SSEAS poiché la raccolta e la gestione dei dati in seno ai SACD sono centrate soprattutto attorno a questioni di carattere amministrativo. In sintesi, i dati forniti all amministrazione cantonale sono: o quelli economico-finanziari (preventivi e consuntivi); o accompagnati da alcune statistiche di attività (ore erogate, casi seguiti, ecc.) preparati interrogando il sistema Dorothée e successivamente rielaborati con altri applicativi. Elaborazione SSEAS ai fini pianificatori e di monitoraggio; Elaborazione SSEAS per attività di verifica (preventivi, consuntivi, situazioni intermedie); Elaborazione SSEAS per analisi statistiche; Ritorno di elaborazioni mirate dalla SSEAS ai SACD o altri attori; Per una descrizione dettagliata di questi processi, riferirsi all allegato 6 Rappresentazione dei processi aziendali 11 L'impossibilità di inviare regolarmente i dati concernenti le prestazioni erogate è legata al sistema Dorothée, in quanto non consente l'accesso e l'estrazione sistematica delle informazioni contenute nella banca dati proprietaria.

14 pagina 10 Prodotti, sistemi applicativi e tecnologie specifiche all'acd I SACD hanno un parco macchine aggiornato, ad eccezione dei Servizi di Locarno e delle 3Valli 12. In aggiunta ai software d'ufficio, tutti servizi dispongono degli applicativi e delle apparecchiature seguenti: L'applicativo Dorothée. Software gestionale attualmente in uso presso i sei SACD è stato sviluppato in DOS negli anni ottanta (cf. allegato 5). Gli apparecchi palmari Barman. Sistemi di rilevamento delle prestazioni effettuate dagli operatori dei SACD. Sono integrati con il sistema Dorothée Oltre agli applicativi ed alle apparecchiature citati, nella regione pilota sono stati sottoposti a dei test: l'applicativo RAI-HC, che implementa l'omonima metodologia di valutazione dei bisogni dell'utenza 13. La Pfizer Italia ha progettato l'informatizzazione dello strumento, che nella versione italiana prende il nome di VAOR-ADI. Gli applicativi TI-DOCC e TI-DOCC MI 14, che implementano l'omonima metodologia di valutazione dei bisogni e di coordinamento degli interventi, sviluppati dalla SSEAS. L'allegato 05 presenta in dettaglio l'assessment dei sistemi informativi dei SACD. 3.3 Costi di gestione del sistema attuale Costi di gestione del settore informatico dei SACD Riassunti nella tabella qui a fianco e presentati in dettaglio nell'allegato 5, i costi della gestione informatica dei sei SACD ammontano a circa 250'000 Frs all'anno, 40'000 in media per ogni servizio. I costi comprendono un monte ore di assistenza realizzata spesso telefonicamente. SACD ALVAD AVAD SCUDO MAGGIO MBC 3Valli ABAD Totale COSTO 42' ' ' ' ' ' ' ' Costi per la gestione e raccolta dei dati ACD in seno alla SSEAS L applicazione della LACD genera all interno della SSEAS diverse attività legate alla gestione della raccolta dati ACD, del loro flusso e della loro analisi. La Tabella 3 presenta la stima dei costi di gestione (salari e oneri sociali) rispetto alle categorie d attività SSEAS limitate ai soli SACD (alle quali si aggiungono quelle legate ai Servizi d appoggio e all erogazione di aiuti diretti). Attività Unità/anno a disposizione Unità/anno flusso e analisi COSTO 12 Più precisamente, presso il SACD delle 3Valli è attualmente in corso l'allineamento tecnologico del parco macchine. 13 Attualmente in uso in numerosi paesi (tra i quali troviamo USA, Inghilterra, Italia, Svizzera, Francia, Danimarca, Svezia, Spagna, Giappone, Norvegia, Canada, Australia e Olanda), il RAI Home Care è uno strumento che da la possibilità di disporre di un mezzo non solo per la valutazione dei bisogni, ma anche per la strategia ottimale in funzione del piano individualizzato di assistenza e della quantificazione del fabbisogno assistenziale in termini di risorse. 14 La versione TI-DOCC MI riguarda esclusivamente il settore della maternità ed infanzia.

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Per facilitare la lettura del testo, si è scelto di non utilizzare esplicitamente la formulazione

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4. Roma, Dipartimento

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4. Roma, Dipartimento Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4 Q0AP-0397498-2011 PU-QDAP-iaOO-21/10/2011-0397498-2011 Roma, Ai Sigg. Vice Capi del Dipartimento Ai Sigg. Direttori Generali Al Sig. Direttore dell'ls.s.pe.

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Progetto Il progetto nazionale Il progetto regionale Gli obiettivi La gestione del progetto Le macrofasi del progetto Punti di criticità e problemi aperti

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento è adottato in attuazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1 1 LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 29 #LR-ER-2004-29# NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R.

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli