Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino"

Transcript

1 Studio di fattibilità Sistemi informativi per l'assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino Studio di fattibilità Christian Cattaneo e Ennio Falabino Centro Sistemi Informativi Hanno collaborato: Gabriele Fattorini DAS - SSEAS Nicoletta Mariolini DAS - SSEAS Marco Treichler Conferenza dei SACD 5 marzo 2002 CSI - Servizi di Consulenza

2 pagina i Indice 1 Sintesi per la Direzione 1 2 Oggetto, obiettivi e benefici Obiettivi dello studio Oggetto del progetto futuro Obiettivi e benefici attesi dai progetti Vincoli per le scelte Attività svolte e responsabili dello studio 7 3 Situazione attuale Breve storia dei sistemi informativi SACD Descrizione della situazione attuale Costi di gestione del sistema attuale Diagnosi della situazione attuale / criticità e punti di forza Iniziative in corso 12 4 Modello di riferimento Descrizione della situazione prospettata Requisiti funzionali della banca dati ACD cantonale Requisiti funzionali del sistema informativo dei SACD 16 5 Soluzione prospettata per il sistema informativo dei SACD Alternative identificate Possibili strategie di realizzazione Strategia di realizzazione proposta e motivazioni Varianti d'integrazione della metodologia TI-DOCC Integrazione TI-DOCC proposta Integrazione dell'applicativo RAI-HC 25 6 Soluzione prospettata per la banca dati ACD cantonale Scenari identificati Scenario preferibile 28 7 Conclusioni 29

3 pagina ii 7.1 Definizione e organizzazione del progetto Piano di lavoro Rischi e contromisure Costi finali previsti Analisi costi e benefici Raccomandazione e punti d'attenzione finali 33

4 pagina iii Generalità Abbreviazioni AC Amministrazione cantonale A2000 Amministrazione 2000 ACD Assistenza e Cura a Domicilio ASSACD Associazione Svizzera Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio BD Banca dati C/S Client / Server CDP Comitato direttivo del progetto CP Capo progetto CSI Centro sistemi informativi DB Database DOS Dipartimento delle Opere Sociali GU Giorni uomo HW Hardware LACD Legge sull'assistenza e Cura a Domicilio RSAN Rete Sanitaria SACD Servizi di Assistenza e Cura a domicilio SSEAS Sezione del Sostegno ad Enti ed Attività Sociali UFAS Ufficio Federale Assicurazioni Sociali Parole chiave Dorothée Software gestionale sviluppato in DOS negli anni ottanta attualmente in uso presso i sei Servizi di assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino. Barman Sistemi di rilevamento delle prestazioni effettuate dagli operatori dei Servizi di assistenza e cura a domicilio del Cantone Ticino. InterRAI Gruppo che nasce all inizio degli anni 90 e ad oggi comprende oltre 30 ricercatori di 16 paesi interessati all assistenza continuativa all anziano. Cuore dell azione di interrai è lo sviluppo di strumenti di valutazione/gestione specifici per i diversi set assistenziali. RAI-HC Strumento utilizzato per la valutazione dei bisogni dell'utenza e per la pianificazione della strategia ottimale di assistenza, in funzione del piano individualizzato e della quantificazione del fabbisogno in termini di risorse. TI-DOCC e TI-DOCC MI Strumento multidimensionale di valutazione dei bisogni dell'utente e di coordinamento degli interventi di assistenza e cura a domicilio. La versione TI- DOCC MI è specifica per Maternità ed Infanzia.

5 pagina 1 1 Sintesi per la Direzione L entrata in vigore della legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) ha posto i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) e i Servizi d appoggio in un nuovo contesto, sia rispetto al tipo di dati da raccogliere e alla loro analisi, sia rispetto alla gestione del flusso di queste informazioni. La LACD prevede infatti che l ente sussidiato deve mettere a disposizione del Dipartimento i dati per l elaborazione della pianificazione e per le verifiche necessarie [DOCIC01]. Per centralizzare in modo ottimale i dati raccolti, è intenzione del Consiglio di Stato creare una banca dati ACD cantonale. Dotarsi di una banca dati ACD cantonale significa disporre di un supporto decisionale che faciliti il monitoraggio dell applicazione della legge e della pianificazione strategica dell ACD. A questo beneficio strategico si aggiungono benefici operativi quali la trasmissione di informazioni utili nel più breve periodo possibile, l elaborazione e l analisi di dati cantonali secondo procedure uniformi, nonché la razionalizzazione delle attività amministrative. Dal canto loro, invece, i SACD concentrano la loro attenzione e la loro preoccupazione sui limiti di funzionamento del sistema gestionale Dorothée, attualmente in uso presso tutte le sedi. Un primo bilancio della situazione mostra che l'attuale gestione dei dati rende impossibile l interazione tra i moduli esistenti e quelli in progettazione [DOCIC01]. Dopo aver preso atto sia dei problemi concettuali che di quelli tecnici i sei SACD sono fermamente intenzionati a trovare un programma sostitutivo al Dorothée. L'introduzione di un nuovo sistema informativo SACD, ambisce a portare i seguenti benefici: Maggiore soddisfazione del personale, grazie ad un miglioramento nell'impiego delle risorse; Razionalizzazione dei tempi, dell'impegno e dei costi consacrati ad attività amministrative; Diminuzione dello sforzo necessario per rispondere alle esigenze della SSEAS, dell'ufas e degli assicuratori malattia; La realizzazione dei sistemi informativi citati nei paragrafi precedenti fa riferimento a due progetti con esigenze diverse, ma strettamente e direttamente legati tra loro dal punto di vista del contenuto. Per questo motivo, l'obiettivo dello studio è fornire ai centri di responsabilità le informazioni necessarie per determinare come integrare e mettere in produzione la banca dati ACD cantonale, auspicata dal Consiglio di Stato, ed il nuovo sistema informativo SACD, prospettato dai sei Servizi del Cantone. La soluzione proposta consiste nell'avviare un unico progetto per l'introduzione di entrambi i sistemi informativi, prediligendo gli scenari esposti nei capitoli 5 e 6 del presente documento, che invitano:

6 pagina 2 per quanto riguarda il sistema informativo SACD, ad acquistare un pacchetto già presente sul mercato che disponga della funzionalità multimandante, auspicandone la totale integrazione del modulo TI-DOCC nell'applicativo. Inoltre ad avviare una riflessione sull'opportunità di utilizzare un server unico a livello cantonale; per quanto riguarda la banca dati ACD cantonale, ad installare gli applicativi della famiglia SPSS per elaborare la valutazione della LACD, accedendo direttamente alle informazioni presenti sui sistemi informativi SACD. La durata complessiva della fase operativa del progetto è stimata ad 8 mesi e dovrà iniziare prima del mese di maggio del 2002 per fare in modo che entrambi i sistemi informativi siano operativi a partire dall' , come auspicato dalla SSEAS e dai SACD. Il team di progetto proposto è composto da 8 persone, 7 appartenenti all'amministrazione cantonale e ai SACD ed una proveniente dall'esterno. Presentato in dettaglio nell'allegato 2, il costo dell'investimento previsto è stimato a Frs. 1'067'000.- (IVA esclusa). I costi ricorrenti sono invece dell'ordine del 10-15% rispetto ai costi d'investimento.

7 pagina 3 2 Oggetto, obiettivi e benefici 2.1 Obiettivi dello studio L entrata in vigore della legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) ha posto i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) e i Servizi d appoggio in un nuovo contesto sia rispetto al tipo di dati da raccogliere e alla loro analisi, sia rispetto alla gestione del flusso di queste informazioni. La LACD prevede infatti che l ente sussidiato deve mettere a disposizione del Dipartimento i dati per l elaborazione della pianificazione e per le verifiche necessarie (articolo. 28 capoverso 3) 1 [DOCIC01]. Per centralizzare in modo ottimale i dati raccolti, è intenzione del Consiglio di Stato creare una banca dati ACD cantonale. Dal canto loro, invece, i Servizi di Assistenza e Cura a Domicilio (SACD) concentrano la loro attenzione e la loro preoccupazione sui limiti di funzionamento del sistema gestionale Dorothée, attualmente in uso presso tutte le sedi. Un primo bilancio della situazione mostra che l'attuale gestione dei dati rende impossibile l interazione tra i moduli esistenti e quelli in progettazione [DOCIC01]. Dopo aver preso atto sia dei problemi concettuali, legati alle esigenze di raccolta dati a livello cantonale, che di quelli tecnici, presentati in dettaglio nei capitoli seguenti, i sei SACD sono fermamente intenzionati a trovare un programma sostitutivo al Dorothée. L'auspicata realizzazione dei sistemi informativi citati nei paragrafi precedenti fa riferimento a due progetti con esigenze diverse, ma strettamente e direttamente legati tra loro dal punto di vista del contenuto. Per questo motivo, l'obiettivo dello studio è fornire ai centri di responsabilità le informazioni necessarie per determinare come integrare e mettere in produzione la banca dati ACD cantonale, auspicata dal Consiglio di Stato, ed il nuovo sistema informativo SACD, prospettato dai sei Servizi del Cantone. Mettendo a confronto soluzioni diverse e rimanendo focalizzato sugli obiettivi e i vantaggi strategici dei rispettivi progetti, il presente studio si prefigge di: 1 "La raccolta e la trasmissione di tali dati al Dipartimento delle opere sociali (DOS), e alla sua Sezione del sostegno a enti e attività sociali (SSEAS), sono finalizzate allo svolgimento di alcuni dei compiti che la LACD attribuisce al Consiglio di Stato, segnatamente: la preparazione di un rapporto di valutazione, entro quattro anni dall entrata in vigore della legge, dei risultati dell attività degli enti sussidiati e delle conseguenze sulle finanze comunali da sottoporre al Gran Consiglio (articolo 45); la valutazione, a intervalli regolari, dei risultati dell attività degli enti sussidiati, sia dal profilo sociosanitario che dal profilo economico (articolo 7 capoverso 1 lettera i)" [DocIC01].

8 pagina 4 spiegare se, in che modo e perché sono previsti benefici; verificare la fattibilità tecnica e organizzativa; chiarire la dimensione economica stimando i costi previsti; individuare i rischi e le rispettive contromisure da adottare; definire l'organizzazione e stilare un piano di massima del progetto. Elementi di carattere generale Il documento porta delle osservazioni organizzative che contemplano le modalità di intervento degli operatori dei SACD, basate su TI-DOCC, RAI-HC e su TI-DOCC-MI. Sono contemplate anche le questioni seguenti: se e come il sistema informativo SACD integrerà il lavoro già effettuato dalla SSEAS; se il software RAI-HC sarà integrato a partire dalla versione italiana modificata, la cui diffusione è gestita dall Università Sacro Cuore di Roma, o a partire dalla(e) versione(i) discussa nell'ambito dell'assasd adattate e tradotte per la Svizzera italiana; se è opportuno che i SACD inizino già a far utilizzare dal personale a scopi didattici e sperimentali, non quindi in modo generalizzato e sistematico il software oggi disponibile per TI- DOCC e RAI-HC, e ad effettuare la formazione prevista, così da preparare il personale ad un uso immediato del nuovo sistema appena sarà disponibile. Temi non considerati Ad eccezione del fattore compatibilità, lo studio non contempla il futuro ampliamento della banca dati ACD cantonale, affinché possano essere integrate le informazioni relative ai Servizi d appoggio e all erogazione di sussidi diretti per il mantenimento a domicilio. Concernente il progetto dell Associazione svizzera dei Servizi di assistenza e cura a domicilio, l'elaborazione di un modulo di quantificazione delle prestazioni in grado di integrarsi con gli strumenti di valutazione previsti, non è contemplata nello studio di fattibilità. Da rivedere: integrazione con BD nazionali non considerata. Viste le tempistiche, i progetti in questione sono stati considerati compatibilmente con il loro stato d'avanzamento. 2.2 Oggetto del progetto futuro La necessità di effettuare uno studio di fattibilità nasce dalla volontà di concretizzare gli obbiettivi progettuali contenuti nel "documento d'intenti comuni 2 ". Elaborato da un gruppo misto DOS- SACD 3, il "documento d'intenti comuni" tratta i progetti di seguito brevemente riassunti: Progetto SSEAS - Creazione di una banca dati ACD cantonale L elaborazione della valutazione sociosanitaria ed economica dell'acd e la necessità di effettuare le verifiche previste dalla LACD (articolo. 28 capoverso 3) presuppongono la raccolta di diversi tipi di dati, più precisamente: 2 Il mandato consisteva nel: sintetizzare le informazioni raccolte dagli attori interessati (DOS e SACD) relative all analisi e alla progettazione di nuovi sistemi informatici; elaborare uno schema di flussi che illustrasse una prima analisi dei bisogni dei diversi utilizzatori del sistema informatico [DOCIC01]. Il documento d'intenti comuni mostra la situazione attuale della raccolta dati in seno ai SACD e della loro trasmissione verso i Servizi dell amministrazione cantonale. Mette poi in luce i limiti che emergono dalla situazione attuale. Tramite uno schema di flussi, il documento illustra la situazione che gli attori coinvolti intendono raggiungere. A partire da perizie preliminari, sono infine presentate le tappe e i tempi necessari per realizzare l analisi e la progettazione del sistema informatico, integrando la riflessione del programma Dorothée" [DocIC01]. 3 I lavori del gruppo sono stati coordinati, alternandosi, da Enrico Conte (responsabile del servizio amministrativo del per il Sottoceneri) e da Gabriele Fattorini (responsabile dell'istanza di compensazione presso la SSEAS).

9 pagina 5 i dati relativi all utenza e alle sue caratteristiche; i dati relativi alle prestazioni erogate (tipo, volume, per figura professionale); i dati economico-finanziari; le statistiche del personale [DOCIC01]. Come indicato in precedenza, per centralizzare in modo ottimale i dati qui sopra elencati è quindi indispensabile creare una piattaforma comune nella quale andranno a confluire tutti i dati. Il progetto, finalizzato al disegno e alla messa in produzione e della banca dati ACD cantonale presso l'istanza di compensazione della SSEAS, costituisce il nocciolo dello studio 4. Progetto SACD - Sostituzione del sistema gestionale Dorothée I SACD intendono dotarsi di un nuovo sistema informativo che permetta di gestire in modo razionale ed efficace tutti i processi che avvengono all interno dei Servizi, tenuto conto delle esigenze dell AC, in particolare della SSEAS e del progetto Rete Sanitaria, nonché di altri interlocutori come l UFAS e gli Assicuratori malattia [DOCIC01]. Il sistema informativo, oltre a coprire tutte le funzionalità dell'applicativo Dorothée, integrerà due moduli aggiuntivi per la gestione della valutazione dei bisogni dell'utenza, originati dalle metodologie TI-DOCC e RAI-HC. Considerato il ruolo determinante dei sistemi informatici in uso presso i SACD nel processo di raccolta e di gestione dati, attorno al quale ruota la maggior parte delle attività legate al flusso d informazione, oltre alla scelta della banca dati ACD cantonale, si è ritenuto opportuno contemplare nello studio il nuovo sistema informativo dei SACD. Il progetto consta nello spegnere il sistema Dorothée e nel mettere in produzione, entro l' , il nuovo sistema informativo SACD. 2.3 Obiettivi e benefici attesi dai progetti Obiettivi In qualità di coordinatore cantonale delle attività di ACD, gli obiettivi primari della SSEAS in ambito prettamente informatico si concretizzano nella maniera seguente: Mettere in produzione una banca dati cantonale che consenta di elaborare una valutazione sociosanitaria ed economica dell'acd, aggiornata e alimentata periodicamente dalle informazioni raccolte e gestite in tempo reale dai singoli Servizi. Essa è finalizzata alla raccolta, all elaborazione e all analisi dei dati per svolgere compiti di vigilanza, di erogazione di sussidi, di pianificazione, di valutazione e di statistiche sociosanitarie. Implementare un supporto funzionale volto ad automatizzare la raccolta dati ed un flusso di informazioni disgregate basato su criteri uniformi ai sei SACD. In particolare di promuovere l'implementazione del TI-DOCC nei sei SACD; Mentre gli obiettivi dei sei SACD sono: Dotarsi di un sistema informativo dinamico, espandibile, di facile utilizzo per il personale e che consenta di colmare le lacune dell'attuale applicativo Dorothée; Predisporre un'assistenza adeguata e funzionale dei sistemi informativi; Garantire l'inserimento futuro di moduli contabili e/o l'adattamento di quelli attuali per l'applicazione della contabilità analitica in previsione dell'introduzione della nuova legge sui mandati di prestazione; 4 In questo ambito, è opportuno ricordare che la finalità del progetto non è altro che la definizione delle modalità di ripresa e il tipo di analisi dei dati occorrenti al lavoro operativo e alla valutazione e pianificazione [DocIC01].

10 pagina 6 Obiettivo comune ad ambedue gli attori è massimizzare l'integrazione e la compatibilità dei sistemi con la futura Rete Sanitaria cantonale. Benefici SSEAS Per i servizi dell amministrazione cantonale, DOS/DAS/SSEAS, dotarsi di una banca dati ACD cantonale significa disporre di un supporto decisionale che faciliti il monitoraggio dell applicazione della LACD e della pianificazione strategica dell ACD. A questo beneficio strategico si aggiungono benefici operativi quali la trasmissione di informazioni utili nel più breve periodo possibile, l elaborazione e l analisi di dati cantonali secondo procedure uniformi, nonché la razionalizzazione delle attività amministrative. Benefici SACD Per i SACD l'introduzione del nuovo sistema informativo ambisce a concretizzarsi nella misura seguente: Maggiore soddisfazione del personale, grazie ad un miglioramento nell'impiego delle risorse. La migliore pianificazione degli interventi del personale comporterà una riduzione dei tempi morti. Razionalizzazione dei tempi, dell'impegno e dei costi consacrati ad attività amministrative; Miglioramento della qualità del servizio e dei tempi d'attesa, grazie ad una visione d'insieme del decorso del singolo caso; Diminuzione dello sforzo necessario per rispondere alle esigenze della SSEAS, dell'ufas e degli assicuratori malattia; Consentire una miglior gestione del personale. 2.4 Vincoli per le scelte Oltre ad essere coerente con le strategie informatiche e gli standard dell'amministrazione Cantonale, le soluzioni proposte devono: rispettare i tempi di progettazione e di sviluppo auspicati dalla SSEAS e dai SACD. Si prevede di mettere in produzione entrambi i sistemi (sistema informativo dei SACD, e banca dati ACD cantonale) entro l'inizio di gennaio del 2003; garantire che in futuro nella banca dati ACD cantonale si possano integrare le informazioni relative ai Servizi d appoggio e all erogazione di sussidi diretti per il mantenimento a domicilio; consentire di raccogliere, uniformare e armonizzare i dati necessari alla pianificazione, alla valutazione e al monitoraggio 5 in forma disaggregata; assicurare che il nuovo sistema informativo SACD sia compatibile con gli odierni apparecchi di rilevamento Barman; contemplare la progressiva introduzione di nuovi strumenti per il rilevamento. Vincoli legati al progetto Rete Sanitaria Affinché i sistemi informativi, di cui SSEAS e SACD si doteranno, possano agevolmente comunicare con i sistemi di altri attori sanitari, le soluzioni proposte rispetteranno gli standard tecnici 6 e di contenuto 7 indicati nell'ambito del progetto Rete sanitaria di A2000, compatibilmente 5 Sarà infatti a partire dai contenuti disaggregati della banca dati ACD cantonale che si forniranno metodi uniformi per l elaborazione e l analisi dei dati sia a livello di SSEAS sia a livello cantonale (output per i SACD: p.e. analisi comparative/banchmarking, ecc.). 6 Gli standard tecnici concernono i sistemi di criptaggio, la struttura dei dati, le modalità di trasmissione dei dati, l'architettura della rete, il tipo di interfaccia dei dati, i tipi di rete e alcuni requisiti ergonomici. 7 Per quanto attiene ai contenuti si tratta del dizionario dei dati condivisi, delle procedure di gestione dei dati (diritti di iscrizione, modifica e cancellazione) e dei protocolli di sicurezza (chi ha diritto a vedere cosa, chi gestisce le autorizzazioni ).

11 pagina 7 con lo stato d'avanzamento. In particolare, sono considerate le modalità di comunicazione dei dati sugli utenti fra SACD e settori esterni (istituti anziani, ospedali, medici curanti, ecc.) 2.5 Attività svolte e responsabili dello studio Il gruppo di lavoro comprende collaboratori del CSI, della SSEAS, dei SACD come pure del progetto Rete Sanitaria. Lo studio di fattibilità è coordinato dal CSI. La Tabella 1 presenta le attività svolte e le responsabilità. Gruppo di lavoro Responsabilità e attività principali 8 DFE - CSI C. Cattaneo DOS - SSEAS N. Mariolini DFE - CSI E. Falabino DOS - SSEAS G. Fattorini SACD M. Treichler DOS - Rete Sanitaria M. Della Santa Responsabile dello studio di fattibilità. Coordinamento dei lavori e mantenimento del piano di lavoro; Supporto metodologico e formalizzazione il documento; Esame delle opzioni tecnico-organizzative e delle alternative di soluzione; Esame delle alternative prospettate (soluzione proposta) e responsabile delle soluzioni organizzative proposte. Aspetti operativi dell'organizzazione di progetto (conclusioni); Definizione e certificazione di obiettivi, benefici e requisiti funzionali del progetto SSEAS; Collaborazione a determinare il funzionamento attuale del servizio (stato attuale); Collaborazione a determinare le alternative di soluzione per quanto concerne gli aspetti organizzativi; Responsabile della soluzione tecnica proposta; Requisiti tecnici (modello di riferimento) della soluzione; Alternative tecniche prospettate (soluzione proposta) Collaborazione a determinare il funzionamento attuale del servizio (stato attuale); Collaborazione a determinare i requisiti funzionali (modello di riferimento) della soluzione; Collaborazione nell'elaborare i requisiti tecnici della soluzione; Collaborazione nell'elaborare le alternative di soluzione tecniche; Esame di problemi particolari (DB, sicurezza, SW sviluppo ) Certificazione di obiettivi, benefici e requisiti funzionali del progetto SACD; Collaborazione nell'esame di opzioni tecnico-organizzative e nell'elaborazione delle alternative considerate; Garante che le soluzione proposte nello studio rispettino le esigenze dei SACD. Garante che le soluzioni proposte nello studio rispettano gli attuali vincoli del progetto Rete Sanitaria. Tabella 1 8 Le parentesi rotonde fanno riferimento ai capitoli dello studio di fattibilità.

12 pagina 8 3 Situazione attuale 3.1 Breve storia dei sistemi informativi SACD 1998 Presso tutti i SACD è definitivamente in funzione a pieno regime il sistema gestionale Dorothée; 2000 Maggio: dopo pre-test e adeguata formazione, nella regione pilota di Mendrisio ha inizio l uso sistematico delle prime schede cartacee TI-DOCC e del RAI-HC, sia su supporto cartaceo che su supporto informatico (cf. allegato 10). Durante l estate, i SACD chiedono alla SSEAS di avviare una riflessione sulla sostituzione del Dorothée 9. Viene creato un gruppo di lavoro per elaborare il "Documento d'intenti comuni" [DOCIC01] Pubblicazione del documento di intenti comuni; A partire da gennaio, ha inizio l'attività di test dell'applicativo TI-DOCC presso il SACD della regione pilota di Mendrisio; Viene disdetto il contratto d'abbonamento con la ditta ID-Informatique per la manutenzione del software Dorothée 10 ; Pubblicazione di un capitolato d'oneri per la messa in produzione del nuovo applicativo gestionale per i SACD; Decisione di sospendere la scelta della ditta e di realizzare il presente studio. 3.2 Descrizione della situazione attuale La situazione attuale, legata al rilevamento ed al flusso di dati concernenti l intervento a domicilio, poggia sull attività dei singoli servizi ed è riassunta nella tabella seguente: ALVAD AVAD SCUDO MAGGIO MBC 3Valli ABAD SSEAS TOTALE 9 La riflessione viene avviata a causa dei suoi limiti, dovuti e all'insoddisfacente assistenza da parte del produttore-fornitore ID Informatique. 10 Fa eccezione l'abad che aveva disdetto il contratto di manutenzione nel corso del 2000.

13 pagina 9 Utenti 1'125 1' ' '926 Prestazioni '107 Personale operativo Personale dirigente e amministrativo Barman utilizzati Barman in magazzino di riserva Totale Barman Tabella 2 I processi Molteplici sono le attività che da vicino toccano i progetti di creazione della banca dati ACD cantonale e messa in produzione del sistema informativo SACD. Attualmente il rilevamento ed il flusso di informazioni può essere riassunto come segue: Rilevamento delle prestazioni offerte agli utenti dei SACD e la gestione delle attività amministrative che ne conseguono. Oggigiorno, la raccolta e la gestione dei dati in seno ad ogni singolo servizio sono effettuate utilizzando il sistema informatico Dorothée di rilevamento delle prestazioni. I dati relativi alle prestazioni erogate sono sistematicamente rilevati e immessi nel sistema attraverso l ausilio degli apparecchi barman. Partendo dalle informazioni immesse è possibile eseguire la fatturazione delle prestazioni agli utenti e agli assicuratori malattia, la gestione dei debitori. Gestione amministrativa dei SACD. Presso i tre Servizi del Sottoceneri i dati sono raccolti nel sistema centrale del servizio SCuDo di Lugano, mentre presso i Servizi del Sopraceneri le informazioni sono gestite in modo autonomo. Trasmissione dei dati dai SACD alla SSEAS Le informazioni trasmesse dai SACD servono alla SSEAS per il monitoraggio dell'applicazione della LACD e per la pianificazione strategica dell'acd. I dati concernenti le prestazioni non sono trasmessi regolarmente 11 e in modo pianificato alla SSEAS poiché la raccolta e la gestione dei dati in seno ai SACD sono centrate soprattutto attorno a questioni di carattere amministrativo. In sintesi, i dati forniti all amministrazione cantonale sono: o quelli economico-finanziari (preventivi e consuntivi); o accompagnati da alcune statistiche di attività (ore erogate, casi seguiti, ecc.) preparati interrogando il sistema Dorothée e successivamente rielaborati con altri applicativi. Elaborazione SSEAS ai fini pianificatori e di monitoraggio; Elaborazione SSEAS per attività di verifica (preventivi, consuntivi, situazioni intermedie); Elaborazione SSEAS per analisi statistiche; Ritorno di elaborazioni mirate dalla SSEAS ai SACD o altri attori; Per una descrizione dettagliata di questi processi, riferirsi all allegato 6 Rappresentazione dei processi aziendali 11 L'impossibilità di inviare regolarmente i dati concernenti le prestazioni erogate è legata al sistema Dorothée, in quanto non consente l'accesso e l'estrazione sistematica delle informazioni contenute nella banca dati proprietaria.

14 pagina 10 Prodotti, sistemi applicativi e tecnologie specifiche all'acd I SACD hanno un parco macchine aggiornato, ad eccezione dei Servizi di Locarno e delle 3Valli 12. In aggiunta ai software d'ufficio, tutti servizi dispongono degli applicativi e delle apparecchiature seguenti: L'applicativo Dorothée. Software gestionale attualmente in uso presso i sei SACD è stato sviluppato in DOS negli anni ottanta (cf. allegato 5). Gli apparecchi palmari Barman. Sistemi di rilevamento delle prestazioni effettuate dagli operatori dei SACD. Sono integrati con il sistema Dorothée Oltre agli applicativi ed alle apparecchiature citati, nella regione pilota sono stati sottoposti a dei test: l'applicativo RAI-HC, che implementa l'omonima metodologia di valutazione dei bisogni dell'utenza 13. La Pfizer Italia ha progettato l'informatizzazione dello strumento, che nella versione italiana prende il nome di VAOR-ADI. Gli applicativi TI-DOCC e TI-DOCC MI 14, che implementano l'omonima metodologia di valutazione dei bisogni e di coordinamento degli interventi, sviluppati dalla SSEAS. L'allegato 05 presenta in dettaglio l'assessment dei sistemi informativi dei SACD. 3.3 Costi di gestione del sistema attuale Costi di gestione del settore informatico dei SACD Riassunti nella tabella qui a fianco e presentati in dettaglio nell'allegato 5, i costi della gestione informatica dei sei SACD ammontano a circa 250'000 Frs all'anno, 40'000 in media per ogni servizio. I costi comprendono un monte ore di assistenza realizzata spesso telefonicamente. SACD ALVAD AVAD SCUDO MAGGIO MBC 3Valli ABAD Totale COSTO 42' ' ' ' ' ' ' ' Costi per la gestione e raccolta dei dati ACD in seno alla SSEAS L applicazione della LACD genera all interno della SSEAS diverse attività legate alla gestione della raccolta dati ACD, del loro flusso e della loro analisi. La Tabella 3 presenta la stima dei costi di gestione (salari e oneri sociali) rispetto alle categorie d attività SSEAS limitate ai soli SACD (alle quali si aggiungono quelle legate ai Servizi d appoggio e all erogazione di aiuti diretti). Attività Unità/anno a disposizione Unità/anno flusso e analisi COSTO 12 Più precisamente, presso il SACD delle 3Valli è attualmente in corso l'allineamento tecnologico del parco macchine. 13 Attualmente in uso in numerosi paesi (tra i quali troviamo USA, Inghilterra, Italia, Svizzera, Francia, Danimarca, Svezia, Spagna, Giappone, Norvegia, Canada, Australia e Olanda), il RAI Home Care è uno strumento che da la possibilità di disporre di un mezzo non solo per la valutazione dei bisogni, ma anche per la strategia ottimale in funzione del piano individualizzato di assistenza e della quantificazione del fabbisogno assistenziale in termini di risorse. 14 La versione TI-DOCC MI riguarda esclusivamente il settore della maternità ed infanzia.

PROGETTO ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO

PROGETTO ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO PROGETTO ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO INTERFACCIA ISTITUTO PER ANZIANI SACD PRINCIPI, CONTENUTI, MODALITÀ D APPLICAZIONE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE AMMISSIONI & DIMISSIONI RICOVERI TEMPORANEI O DEFINITIVI

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

Mandati Programma nazionale di prevenzione e lotta alla povertà 2014 2018

Mandati Programma nazionale di prevenzione e lotta alla povertà 2014 2018 Sostegno alla prima infanzia P01.1 Sostegno alla prima infanzia Offerte e canali informativi Le offerte e i canali informativi in Svizzera sui temi gravidanza, parto, prima infanzia, sanità ed educazione

Dettagli

X Datore di lavoro pubblico

X Datore di lavoro pubblico AZIONE 3 - attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD)

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) 6.4.5.5 Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) (del 30 novembre 2010) A. Scopo B. Utenti IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 24 agosto 2010 n. 6390 del Consiglio

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali C.3. Apparecchiature elettriche e illuminazione privata C.3

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali C.3. Apparecchiature elettriche e illuminazione privata C.3 Apparecchiature elettriche e illuminazione privata 201 Situazione attuale (2008) I dati forniti dalle aziende di distribuzione dell elettricità consentono di stimare il consumo dovuto agli apparecchi elettrici

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO FORNITURA DI SERVIZI DI PRESIDIO DEL CENTRO DI CALCOLO E MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Stato della pianificazione a marzo 2013

Stato della pianificazione a marzo 2013 Dipartimento federale delle finanze DFF Organo direzione informatica della Confederazione Strategia TIC 2012 2015 della Confederazione Allegato B: Piano direttore Stato della pianificazione a marzo 2013

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 Il Comune di Bologna si è dotato da molti anni di un sistema di pianificazione e controllo che è stato progressivamente perfezionato e ampliato,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990)

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) 5.1.4.3 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 15 novembre 1989 n. 3528 del Consiglio di Stato, d e c

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995)

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995) Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del ottobre 995) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE DEL TICINO visti il messaggio

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Il Dirigente. Visto l art. 3 della Legge Regionale 17 marzo 2000, n. 26 e successive modifiche ed integrazioni;

Il Dirigente. Visto l art. 3 della Legge Regionale 17 marzo 2000, n. 26 e successive modifiche ed integrazioni; Oggetto: Rilevazione preliminare dei piani di investimento degli OPC su aree della Regione Toscana non servite da banda larga, per il Progetto Banda larga nelle aree rurali della Toscana ( Notifica alla

Dettagli

STATUTO AVAD. Associazione Valmaggese Casa Anziani, Invalidi Adulti e Aiuto Domiciliare * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

STATUTO AVAD. Associazione Valmaggese Casa Anziani, Invalidi Adulti e Aiuto Domiciliare * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO AVAD Associazione Valmaggese Casa Anziani, Invalidi Adulti e Aiuto Domiciliare * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 1. DENOMINAZIONE, SEDE, SCOPO E DURATA Art. 1 E costituita sotto

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0 Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 5 SERVIZI 5.0 DESCRIZIONE In questo capitolo è descritta tutta la serie di attività di servizio che, pur non creando direttamente valore aggiunto sulla prestazione,

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

2. e i risultati che si vogliono conseguire

2. e i risultati che si vogliono conseguire L obiettivo di questo intervento consiste nel mostrare come trarre la massima efficienza nelle operazioni multi-canale di vendita e sincronizzazione online. Per efficienza si intende la migliore coniugazione

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Applicazione: Sistema Orchestra

Applicazione: Sistema Orchestra Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni Progr_ne/Controllo Applicazione: Sistema Orchestra Amministrazione: Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

La trasparenza, la pubblicità e la pubblicità legale: le differenze

La trasparenza, la pubblicità e la pubblicità legale: le differenze La trasparenza, la pubblicità e la pubblicità legale: le differenze La legge n. 241/1990 nasce con la primaria finalità di garantire la trasparenza dell azione amministrativa, avente come effetto principale

Dettagli

Profilo B o E? Un aiuto per scegliere

Profilo B o E? Un aiuto per scegliere Impiegata/impiegato di commercio AFC Profilo B o E? Un aiuto per scegliere Premessa Questo documento è uno strumento di aiuto per le persone che partecipano al processo decisionale delle persone in formazione

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

fornitura onnicomprensiva chiavi in mano pagando

fornitura onnicomprensiva chiavi in mano pagando DEDALO on-demand la nuova formula di fornitura del WMS di sipe: fornitura onnicomprensiva chiavi in mano pagando un tanto al collo carlo nicoletti DEDALO on-demand perché NO? 1. le motivazioni di mercato

Dettagli

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA REGIONE ABRUZZO L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. Per "vita indipendente", nell'ambito delle presenti linee-guida, si intende

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 8 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 2.1) Pubblicazione delle domande presentate allo Sportello Unico Specifica dei Requisiti Utente Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI REV. REDAZIONE

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Investing f or Growth

Investing f or Growth Investing for Growth Open Business Solution Software integrato e modulare per la gestione aziendale, OB One permette di soddisfare in maniera semplice ed intuitiva tutte le esigenze contabili, amministrative

Dettagli

OGGETTO: Convenzione fornitura siti internet

OGGETTO: Convenzione fornitura siti internet Cliente Ordine degli Avvocati di Trento Largo Pigarelli, 1 38100 Trento (TN) OGGETTO: Convenzione fornitura siti internet A seguito della Vostra richiesta ci pregiamo sottoporvi la nostra migliore offerta

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

P16 Fornire consulenze ed effettuare studi e ricerche ad hoc

P16 Fornire consulenze ed effettuare studi e ricerche ad hoc Procedura P16 Fornire consulenze ed effettuare studi e ricerche ad hoc Responsabile processo: Strutture interessate: Dirigente Unità complessa studi, documentazione e biblioteca Tutte Edizione 2 Ridefinizione

Dettagli

COSTI E CONSUMI SOTTO CONTROLLO

COSTI E CONSUMI SOTTO CONTROLLO Energia Elettrica Traffico Telefonico Carburanti Gas COSTI E CONSUMI SOTTO CONTROLLO COME NASCE ELETTRAWEB è un programma interamente progettato e implementato da Uno Informatica in grado di acquisire

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Provincia di Reggio Emilia

Provincia di Reggio Emilia Allegato 1) Provincia di Reggio Emilia Attuazione per l'anno educativo 2011/12 del programma provinciale degli interventi per il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti ai bambini

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione.

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. NOI CON VIi VOi Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. Una campagna dell Assicurazione contro la disoccupazione in collaborazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013)

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) La guida è stata realizzata con l obiettivo di facilitare la compilazione della domanda di ammissione alle agevolazioni

Dettagli

Servizi offerti dal sito

Servizi offerti dal sito Roma In Catering rispetta la privacy degli utenti dei suoi servizi on line ed assicura che il trattamento dei dati raccolti avverrà nel pieno rispetto del D.Lgs. numero 196/03 (Codice in materia di protezione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Didattica di Santa Teresa di Riva Via Francesco Crispi, 495 98028 S. TERESA DI RIVA (ME) Tel. e Fax: 0942/791410 e-mail: meee06000t@istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 17 dicembre 2008 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare (GU n. 6 del 9-1-2009 ) IL MINISTRO

Dettagli

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS Osservazioni ANIGAS Roma 7 agosto 2009 1 Osservazioni Generali ANIGAS condivide

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGETTAZIONE ESECUTIVA. C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani

PROGETTAZIONE ESECUTIVA. C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani PROGETTAZIONE ESECUTIVA PROGETTO: C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani P.O. FESR PUGLIA 2007-2013 Asse III Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l attrattività territoriale

Dettagli

6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI

6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI 6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 25 gennaio 2010 presentata da Lorenzo Quadri Incentivi alla rottamazione da riconsiderare Signor Presidente, signore e signori

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

La costruzione di un Project Work

La costruzione di un Project Work CORSO DI ALTA FORMAZIONE Il lavoro sociale nei contesti della complessità: gli assistenti sociali verso nuovi saperi A.A 2007/2008 La costruzione di un Project Work Materiale didattico a cura di Dante

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 17 luglio 2014 Allegato E PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PREMESSA II presente documento

Dettagli

COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO. Triennio 2013/2015

COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO. Triennio 2013/2015 COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione (art. 2 comma 594 L. 244/07) Triennio 2013/2015 Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Lo strumento. di Business Intelligence alla portata di tutti

Lo strumento. di Business Intelligence alla portata di tutti B USINESS I NTELLIGENCE Lo strumento di Business Intelligence alla portata di tutti Modulo INFOREADER INFOREADER è il modulo di INFOBUSINESS che consente di abilitare la postazione di lavoro alla visualizzazione

Dettagli

Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarl Fabio Luca Renato Giancarl Marino Massimo Raffaele Floriano Ermanno Raffaele n. _112

Dettagli

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE SERVIZI DI INFRASTRUTTURA Vista d'insieme Questo documento definisce la visione d insieme del nuovo Sistema Informativo Lavoro ed è teso ad illustrare le caratteristiche

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Legge concernente l aggiornamento dei docenti del 19 giugno 1990; modifica

Legge concernente l aggiornamento dei docenti del 19 giugno 1990; modifica 1 Foglio ufficiale 16/2014 Venerdì 27 febbraio 1776 LA SEGRETERIA DEL GRAN CONSIGLIO, visto il regolamento sulle deleghe del 24 agosto 1994, ordina la pubblicazione della presente legge nel Foglio ufficiale

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si...

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si... Page 1 of 5 Atto suddiviso in articoli Stampa Indietro Conferenza Unificata ACCORDO 25 maggio 2011 Accordo, ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le regioni,

Dettagli

COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARIO E PARTECIPAZIONI

COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARIO E PARTECIPAZIONI COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARIO E PARTECIPAZIONI Area Coordinamento, Controllo Economico Finanziario e Partecipazioni Responsabile Centro di responsabilità 05067 - Servizio Finanziario Responsabile

Dettagli

ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE

ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 Pag. 1 di 6 In data 16 GENNAIO 2013 alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro per la firma dell Accordo Integrativo Regionale per la Medicina Generale, tra l Assessore

Dettagli

Caso Utente San Paolo IMI: la Test Factory nasce dall'anno 2000. Giorgio Marras

Caso Utente San Paolo IMI: la Test Factory nasce dall'anno 2000. Giorgio Marras Caso Utente San Paolo IMI: la Test Factory nasce dall'anno 2000 Giorgio Marras 2 Titolo L'adeguamento del software per Anno 2000 e Euro ha richiesto un investimento rilevante da parte delle aziende. Alcune

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

OGGETTO: CONVENZIONE FORNITURA SITI INTERNET

OGGETTO: CONVENZIONE FORNITURA SITI INTERNET Cliente Ordine degli Avvocati di Trento Largo Pigarelli, 1 38100 Trento (TN) OGGETTO: CONVENZIONE FORNITURA SITI INTERNET A seguito della Vostra richiesta ci pregiamo sottoporvi la nostra migliore offerta

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DI DATA 19.06.2014 OGGETTO: Approvazione del progetto definitivo per la realizzazione del centro raccolta materiali a servizio dei Comuni di Roncone, Lardaro,

Dettagli

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Redatto dalla Commissione per l elettronica, l informatica e la telematica

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli