ESERCITO. attualità COMPAGNIA DELLA CIRCOLAZIONE 1/1: «PER NOI NESSUNA VETTA È TROPPO ALTA!»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCITO. attualità COMPAGNIA DELLA CIRCOLAZIONE 1/1: «PER NOI NESSUNA VETTA È TROPPO ALTA!»"

Transcript

1 RIVISTA DELLA BRIGATA LOGISTICA 1 ESERCITO attualità COMPAGNIA DELLA CIRCOLAZIONE 1/1: «PER NOI NESSUNA VETTA È TROPPO ALTA!» 12 LA NOSTRA FANFARA DI BRIGATA: UN EMOZIONE PER LE ORECCHIE E ANCHE PER GLI OCCHI 16 BAT MOB OSP 75 GIORNO E NOTTE IN IMPIEGO 22 BAT LOG SAN 81 LE CREME E LE POMATE SONO SEMPRE DEI BUONI RIMEDI

2 2 Sommario dicembre Editoriale 4 Nell ambito del servizio del bat osp 5 ha avuto luogo il campo di vacanza Swisscor per bambini disagiati provenienti dall Europa sudorientale. Per molti di questi bambini si è realizzato un sogno. 6 Noi del bat log 101: «sappiamo fare di tutto!» 7 L officina di riparazione: un azienda a disposizione di tutto il battaglione 8 CR bat mob log 5: Impiego in condizioni di caldo torrido 10 Intervista con il ten col SMG Thomas Scheibler,cdt bat osp 2 12 Ritratto della fanfara militare della br log: Un emozione per le orecchie e anche per gli occhi! A1 Esercito: fiducia e indice di gradimento in forte crescita A2 Nuova minaccia? Nuova risposta! A4 Protezione dello spazio aereo svizzero dopo il 2010 A6 NEO Network Enabled Operations A8 Dai banchi di scuola all impiego con la SWISSCOY A10 Sgombero dei proiettili sul ghiacciaio di Lauteraar A12 Collaborazione ottimale fra gli organi militari e quelli civili della BLEs A14 AMBA CENTRO A15 Tempi di reazione ancora minori grazie a STINGER ALERT A16 Noi consideriamo le persone degli ospiti A18 Condizioni di servizio ottimali: successo garantito ai campionati europei A19 Una professione sicura A20 Sempre disponibili per un colloquio A21 Proscioglimento dall obbligo di prestare servizio militare: Non conta solo l età A22 Servizio militare durante la gravidanza A gustose ricette militari tutte da provare A24 Giornate dell esercito 13 CR cp circol 1/1: Il «Tour de Suisse» è sempre un avvenimento 14 Ritratto della cp mob interv log 104: Sempre pronti! / Ricetta 16 CR bat mob osp 75: Impiego in scala 1:1 24 ore su La burotica per posti di comando delle Grandi Unità 18 CR bat mob log 52: litri di benzina e 240 tonnellate di munizione 19 Intervista al maggiore Marcel Allemann, capo impiego del bat mob log Ufficiali di riserva della br log 1 rimettono l uniforme 22 CR bat log san 81: Siate dei vincitori! Impressum ESERCITO attualità la rivista per i militari della brigata logistica 1 Viene pubblicata due volte all anno Editore: Cdt br log 1 e capo dell esercito Cdo br log 1, Worblentalstrasse 36, 3063 Ittigen Redazione: Magg Thomas Caduff, ufficiale giornalista/ caporedattore Gruppo comunicazione della br log 1 e Comunicazione Difesa Layout e produzione: Base della comunicazione Difesa, Centro dei media elettronici (CME) Icobulle Imprimeurs SA, Bulle Cambiamento d indirizzo: Per i mil incorporati: solo per scritto presso il caposezione del luogo di domicilio.per gli altri: per scritto presso il cdo br log 1 Copyright: DDPS, Difesa Internet: Immagine di copertina: Soldati della compagnia della circolazione 1/1 (cp circol 1/1) durante una sosta sul Passo della Furka in occasione del «Tour de Suisse» (Foto: sdt Manuel Affolter, cp circol 1/1)

3 ESERCITO attualità Editoriale 3 Editoriale Impiego e istruzione La priorità per tutte le Grandi Unità del nostro esercito è di realizzare la prontezza di base delle formazioni a loro subordinate, indipendentemente dai rispettivi compiti specifici. La prontezza di base descrive lo stato dell esercito che deve essere raggiunto e mantenuto in tempo di pace; essa concerne gli ambiti del personale, della condotta e dell istruzione. Parallelamente alla realizzazione della prontezza di base in materia d istruzione, sussistono altri compiti connessi agli impieghi attuali del nostro esercito,i quali devono essere adempiti. Qual è la situazione a livello della logistica? I battaglioni della logistica e i battaglioni mobili della logistica devono essere in grado di garantire alle formazioni dell esercito appoggio logistico in qualsiasi situazione, sia esso nell ambito della difesa, della sicurezza del territorio o degli impieghi sussidiari. A tale scopo occorre preparare, fornire, ritirare e immagazzinare munizioni, generi di sussistenza, carburanti, materiale del genio e per la costruzione di ostacoli. Lo stesso discorso vale per i principali sistemi d arma quali carri armati, obici blindati, veicoli cingolati blindati e non, come pure per il materiale di trasmissione. Tutto ciò deve anche andare a vantaggio dei servizi d istruzione nelle scuole reclute e nei corsi di ripetizione. In seno alla Base logistica dell esercito (BLEs), i centri logistici dell ambito aziendale Sistemi e materiale nonché i battaglioni (mobili) della logistica devono lavorare di comune accordo in modo che la BLEs sia in grado di fornire appoggio alle truppe delle Forze terrestri e delle Forze aeree a seconda delle rispettive esigenze. Questa collaborazione quotidiana tra l ambito civile e quello militare richiede nuovi processi di lavoro che a loro volta necessitano di tempi d adeguamento. Anche se è lunga e difficile da percorrere, siamo sulla buona strada. Non lasciamoci quindi scoraggiare in alcun caso! Brigadiere Daniel Roubaty, Comandante della brigata logistica 1

4 4 Swisscor Camp 2006 a Glaubenberg/OW: «la Svizzera accoglie con cuore» Un CR con testa, braccia e cuore! Nell ambito del servizio del battaglione Un obiettivo ben definito d ospedale 5 (bat osp 5) ha avuto luogo il Tra gli obiettivi del campo di vacanza rientrava campo di vacanza Swisscor per bambini anche il sostegno medico per i bambini, volto a disagiati provenienti dall Europa sudorientale. Sotto l egida della fondazione Swisto reso possibile grazie ai medici militari e ai migliorare le loro condizioni di salute. Ciò è stascor e grazie al sostegno della Croce Rossa Svizzera (CRS) un sogno di molti d entrata (VSE) i piccoli pazienti sono stati sotto- diversi esterni presenti. Dopo la visita sanitaria bambini è diventato realtà. posti a cure dentarie, e sono state fornite loro o adattate le protesi necessarie. Tutto ciò si è svolto in secondo piano. Per i bambini il campo ha Sdt Ueli Rickenbach, dist med bat osp 5 rappresentato soprattutto una nuova eserienza a I contatti per la preparazione del CR 2006 si contatto con altri bambini. sono fatti frenetici ben prima dell'inizio del corso. In nome della fondazione Swisscor, 86 b Una sfida notevole ambini dell Europa sudorientale sono stati scelti L organizzazione del CR 2006 si è rivelata piuttosto complessa, dal momento che inglobava per trascorrere un campo di vacanza in Svizzera. I partecipanti provenivano da Albania, Kosovo, Bosnia Erzegovina, Serbia, Montenegro e tare responsabile del normale andamento del due strutture parallele: uno stato maggiore mili- Macedonia. In prevalenza si trattava di portatori CR (cucine, materiale, veicoli e servizio interno) di handicap fisici e mentali, orfani e bambini cresciuti in contesti di grande povertà. stato maggiore, competente per l organizzazione e una formazione Swisscor dotata di un proprio Un buon team: molte attenzioni per un giovane audioleso. del soggiorno dei bambini. Il compito di quest ultima consisteva nel proporre eventi ed escursioni a scadenza regolare, nel gestire il campo e nella preparazione mediatica delle attività. Il personale impiegato per tali compiti è stato reclutato tra i circa 400 militari del bat osp 5. Molti di loro si sono impegnati per assicurare il benessere dei bambini durante gli spostamenti e hanno avuto modo di prestare assistenza e cure nell'ambito di una situazione reale. La migliore ricompensa? Il sorriso di un bambino Durante il campo, ai bambini sono state offerte grandi emozioni. La festa d apertura resterà certamente impressa nella memoria di tutti. Oltre ai pagliacci che hanno aiutato i bambini a superare la loro timidezza, una dozzina di soldati del team responsabile dell organizzazione degli eventi ha intrattenuto i giovani ospiti con canti popolari svizzeri. Ha poi fatto seguito la presentazione delle nazioni rappresentate, compresa una dimostrazione delle rispettive culture. Nei giorni successivi si sono svolte delle cacce al tesoro sul Glaubenberg/OW,degli atelier artigianali nonché dei corsi di lingue e sulla geografia svizzera. Le numerose escursioni in interessanti località turistiche quali lo zoo di Goldau/SZ, la fabbrica di vetri di Hergiswil/NW, il Pilatus, il museo a cielo aperto del Ballenberg BE, e in particolare la gita sul Lago dei Quattro Cantoni con il battello a vapore hanno entusiasmato sia i bambini sia i militari. Tali escursioni sono state rese possibili grazie alla fondazione Swisscor. L obiettivo era accontentare sia i bambini disabili, sia quelli normodotati. La più grande ricompensa per i militari è stata senza dubbio il sorriso dei bambini ogni qual volta un evento poteva aver luogo con grande soddisfazione di tutti. Solo il tempo non si è sempre mostrato clemente. A tale proposito si è trattato di fare in modo che le condizioni meteo non pregiudicassero l impressione complessiva del campo!

5 ESERCITO attualità Dai battaglioni 5 Cosa porteranno con sé i bambini? Innanzi tutto il ricordo delle due settimane (tre per i militari) trascorse sul Glaubenberg/OW. Ci si chiede infatti cosa resta dopo un esperienza di questo genere. La giornata delle porte aperte che ha avuto luogo verso la fine del campo di vacanza ha fornito alcune risposte in merito. L ex consigliere federale Adolf Ogi, padrino spirituale del campo, si è espresso in questi termini: «Qui sono riunite sei nazioni che solo sei anni fa erano in guerra tra di loro. Tra qualche anno i bambini diventeranno dei modelli per i rispettivi Stati e porteranno nel loro paese lo spirito di pace.» Alcuni altri testimoni confermano la tesi di Adolf Ogi: «È stato stupefacente osservare come nel corso delle due settimane le barriere tra i bambini di diversi paesi siano cadute.» Ciò ha trovato conferma anche nelle inchieste condotte dallo «Swisscor daily», il quotidiano rivolto a tutti i partecipanti; i bambini hanno infatti detto di aver trovato nuovi amici provenienti da altri paesi e di apprezzare molto il contatto reciproco. Foto di gruppo a Beckenried/NW davanti ad un fantastico scenario. (Foto: dist med bat osp 5) Cosa porteranno con sé i soldati e i quadri? Il CR del bat osp 5 di quest anno ha rappresentato per i militari presenti un esperienza nuova e inimmaginabile. Ha richiesto un grande sforzo da parte di tutti. Chi ha messo la propria prestazione a totale disposizione del campo di vacanza è stato ricompensato con esperienze indimenticabili, al di fuori della quotidianità e sicuramente si è guadagnato il ringraziamento dei bambini, dei loro accompagnatori e dei responsabili della fondazione Swisscor, espresso in questi termini da André Liaudat, presidente della fondazione: «Desidero ringraziare vivamente il bat osp 5 per l ottima collaborazione e il bellissimo clima a cui avete contribuito. Il lavoro che avete svolto è stato sensazionale!» Controllo odontoiatrico. Di ritorno dal viaggio con i miei accompagnatori. Per tutti è stato fantastico. Cosa c è di più bello del sorriso di un bambino?

6 6 CR bat log 101 «Noi del bat log 101 sappiamo fare di tutto!» È difficile trov are dei compiti che gli uomini e le donne del battaglione della logistica 101 (bat log 101) non siano in grado di svolgere. Durante l ultimo CR il battaglione ha nuov a- mente dato prov a delle sue capacità universali. Sdt Thomas Stadelmann, cp SM log 101 Qui occorre personale specializzato! Il sgt Flavio Loberti e il sdt Alexander Möri della compagnia di rifornimento 101/1 (cp rif 101/1) hanno eseguito lavori di manutenzione all impianto d illuminazione dell aerodromo di Emmen/LU. I due elettricisti hanno controllato l impianto elettrico e hanno eseguito un controllo di funzionamento. In seguito hanno sostituito le guarnizioni di gomma delle cassette elettriche e, dopo averle sigillate con del nastro isolante, ne hanno verificato l ermeticita. Fresare sotto la canicola Già da lontano si sentiva il rumore della fresatrice. Il sdt Patrick Blatter e il sdt Patrick Rusch hanno eliminato i residui di gomma dalle demarcazioni della pista per consentirne il rifacimento. Sulla pista non c era alcuna possibilità di ripararsi all ombra. Quindi, oltre alle protezioni auricolari, erano d obbligo anche tanta acqua e crema solare! Sgomberare,caricare e trasportare in due turni di lavoro Nell ambito dell esercizio d impiego «INFERNO», la sezione della cp rif 101/2 condotta dal ten Ralph Hinden ha sgomberato vecchio arsenale nella zona di Malters/LU. Con tenacia e impegno, i mil hanno caricato sugli autocarri tonnellate di materiale (circa 700 palette) da distribuire in tutta la Svizzera. Per portare a termine il compito in tempo utile sono stati istituiti due turni di lavoro (il primo dalle alle e il secondo dalle alle 20.00). Malgrado si trattasse di un lavoro duro e faticoso, gli uomini hanno svolto il compito con piacere. Durante le operazioni di carico i militari hanno dato prova di un notevole spirito di gruppo. Il sgt Flavio Loberti e il sdt Alexander Möri durante i lavori. Si dovevano sigillare le cassette elettriche. L illuminazione della pista è di nuovo pronta per l impiego. Rumore, polvere e canicola: non si trattava certo di un lavoro facile. La fresatrice viene avviata per mezzo di una manovella. La necessità aguzza l ingegno. Carico dalla rampa... oppure con l elevatore. Tra gli addetti alle operazioni di carico regna il buon umore. (Foto: sdt Adrian Mattli, cp SM log 101)

7 ESERCITO attualità Dai battaglioni 7 L officina di riparazione: un azienda di servizi a disposizione dell intero battaglione Seguendo i cartelli indicatori siamo arrivati davanti all officina di riparazione del battaglione. Quattro uomini affidati al sgt Simon Kunz erano addetti alla riparazione di danni di piccola e grande entità sui veicoli dell intero battaglione. Magg Rinaldo Wyder, SM bat log 101 «Senza veicoli perfettamente funzionanti, il battaglione non è in grado di eseguire i suoi compiti», ci dice il sgt Simon Kunz. Poi prosegue orgoglioso: «Il nostro compito è di garantire la mobilità del battaglione 24 ore su 24 e durante tutti i giorni del CR!» In officina oppure come servizio di soccorso stradale Nell officina sono stati eseguiti lavori di manutenzione e riparazioni su tutti i veicoli. Sono stati stilati dei rapporti sullo stato dei veicoli per informare i responsabili del Centro logistico riguardo allo stato dei veicoli. Quest informazione è la base per consentire il riutilizzo dei veicoli da parte della truppa successiva. Al momento della nostra visita, due uomini erano fuori officina per un intervento di soccorso stradale mobile. Una specie di soccorso stradale del TCS per la truppa, per così dire. Un veicolo della compagnia di trasporto 101/3 (cp trsp 101/3) non si avviava più a causa della batteria scarica. Il conducente aveva parcheggiato il veicolo con le luci accese: una cosa da poco per i due meccanici. Il sdt Patrick Lenzin sta riparando un Duro. (Foto: sdt Adrian Mattli, cp SM log 101) Il veicolo officina, equipaggiato con tutte le apparecchiature e gli attrezzi principali,può essere impiegato ovunque. Il rimorchio dispone addirittura di un proprio generatore di corrente. Prima il dovere, poi il piacere Sono le 15.15, ancora poche manipolazioni, poi tutti al ristorante a vedere la partita. Prima, però, bisogna terminare il lavoro. Quel giorno si disputava la partita di Campionato del mondo tra la Svizzera e il Togo, un incontro che la squadra addetta alle riparazioni non voleva assolutamente mancare. Il sgt Simon Kunz illustra il piano d'impiego all'ufficiale manutenzione (uff man), cap Stefan Marti.

8 8 CR bat mob log 51 Impiego in condizioni di caldo torrido scorso anno la presa della bandiera ha avuto luogo alla fine di novembre sul lago di Zugo in una fredda giornata con neve e nebbia. Qualcuno dei presenti si è sicuramente ricordato di quella gelida giornata invernale mentre ammirava il soleggiato paesaggio di Gantrisch... Dal punto di vista musicale, la presa della bandiera è stata accompagnata dalla fanfara militare dell Oberland bernese. Erano presenti solo pochi ospiti, la maggior parte dei quali era costituita da escursionisti di passaggio. Impiego logistico (manutenzione) presso il Centro logistico Grolley.(Foto: I ten Thomas Werren, SM bat mob log 51) Nel mese di luglio il battaglione mobile di creare le migliori condizioni per un inizio di CR della logistica 51 (bat mob log 51) ha all insegna della tranquillità e dell ordine. assolto il suo CR nella regione di Rubigen/BE e Konolfingen/BE. Oltre all istruzione nell uso dell arma, il CR era incen- stato maggiore del battaglione era stazionato a Il bat mob log 51 comprende tre compagnie.lo trato essenzialmente sull adempimento Riggisberg/BE mentre le compagnie erano ubicate a Rubigen/BE, Worb/BE, Konolfingen/BE e dei compiti logistici. Münsingen/BE. In tutti questi Comuni i militari I ten Thomas W erren, SM bat mob log 51 sono stati ricevuti e accolti con cordialità. Luglio 2006, il sole è caldissimo. Per la maggior Presa della bandiera con panorama parte delle persone iniziavano le meritate vacanze estive, ma non per i militari del bat mob log costituito un momento saliente del CR. In condi- Già il primo giorno la presa dello stendardo ha 51. Infatti il grosso del battaglione è entrato in zioni di tempo straordinarie e davanti ad un servizio il 10 luglio 2006 per svolgere il CR di meraviglioso panorama sul lago di Thun e sul quest anno. I quadri avevano già dovuto iniziare Gantrisch,il cdt bat si è annunciato al brigadiere Daniel Roubaty (cdt br log 1) e in seguito ha il loro CQ il mercoledì della settimana precedente. Sotto la direzione del cdt bat, ten col Marcel rivolto alcune parole al battaglione. La differenza rispetto alla presa dello stendardo dello scor- Derungs, gli ufficiali e i sottufficiali hanno lavorato con molta sollecitudine e applicazione al fine so anno non poteva essere più evidente. Lo La 1a settimana di CR Nei primi tre giorni di CR l obiettivo era quello di aggiornare il livello d istruzione dei militari per quanto concerne l arma personale, l ambito NBC come pure il servizio sanitario. Un ulteriore punto principale era rappresentato dall istruzione di reparto.in tal caso si poteva chiaramente percepire l istruzione professionale impartita durante il CQ. I quadri applicavano i criteri fissati nel CQ in modo mirato e con grande impegno. Nell ambito dell istruzione di reparto, la massima priorità era riservata agli esercizi di gruppo e di sezione. Parallelamente all istruzione, la pianificazione e, a partire da giovedì, l adempimento dei compiti logistici erano di primaria importanza. Lo spostamento del PC bat rappresentava una sfida Nel quadro dell esercizio di stato maggiore di quest anno è stato possibile acquisire conoscenze essenziali. Il tema principale dell esercizio era lo spostamento del PC bat. Inoltre doveva ulteriormente essere assicurata la condotta degli impieghi logistici in corso e doveva essere mantenuto il collegamento con gli altri corpi di truppa. Si doveva prestare la massima attenzione a questi due punti soprattutto durante l effettivo spostamento del PC bat. Grazie a lavori di preparatione precisi, e allo straordinario appoggio fornito dalla compagnia di stato maggiore,lo spostamento è stato effettuato con pieno suc-

9 ESERCITO attualità Dai battaglioni 9 Discussione della situazione dopo lo spostamento del PC bat. Picchetto d onore. Presa della bandiera sul Gurnigel/BE. cesso. Grazie anche alla serietà con cui era stato elaborato il concetto di trasmissione, è stato possibile applicarlo direttamente e ha permesso allo SM bat di disporre di una grande flessibilità e di un collegamento costante con gli organi subordinati e superiori. C è molto da fare! Nell ambito degli impieghi logistici vi era un elevato numero di compiti e quindi molto lavoro. Nonostante talvolta alcuni di questi lavori non fossero molto interessanti, le persone si sono dimostrate sempre motivate e hanno assolto i loro impieghi in modo rapido e professionale. I compiti logistici erano molto variati e comprendevano le riparazioni a veicoli e blindati, la preparazione di materiale CR a favore di altre truppe, i trasferimenti di munizioni e di altri beni di rifornimento nonché gli effettivi mandati di trasporto. La zona d impiego nella quale dovevano essere svolti i compiti logistici comprendeva l intero territorio svizzero. Sono stati assolti 115 impieghi logistici, con piena soddisfazione dei relativi committenti. 15 di questi impieghi erano mandati di trasporto effettivi. Soltanto per questi sono stati percorsi complessivamente chilometri. Complessivamente il bat mob log 51 ha svolto mandati per un totale di chilometri percorsi. Per l adempimento di tutti i 115 mandati, sono stati impiegati oltre 300 uomini che hanno prestato in totale ore/uomo. Nel complesso, anche per quanto concerne i compiti logistici può essere tracciato un bilancio molto positivo. La giusta miscela Per il cdt bat, insieme ai cdt cp, la sfida era quella di trovare un equilibrio tra gli impieghi logistici e l istruzione. Dal momento che da giovedì della prima settimana a mercoledì della terza settimana la maggior parte della truppa avrebbe svolto il suo impiego, i cdt cp erano costretti a pianificare e svolgere l istruzione in modo molto dettagliato. Con un notevole sforzo, è stato possibile trovare delle soluzioni che hanno consentito di assolvere, oltre ai diversi compiti, anche l istruzione incentrata essenzialmente sull'istruzione di reparto. Consegna della bandiera in condizioni metereologiche favorevoli Il giorno della consegna della bandiera è arrivata la pioggia. Ma proprio nel momento opportuno e all ultimo minuto, il sole si è fatto largo tra le nuvole regalando a tutti i presenti sul Gurnigel/BE uno straordinario panorama sul lago di Thun. I numerosi ospiti avranno pensato che si trattava di un effetto speciale richiesto dal comandante. Anche uno dei comandanti di compagnia aveva immaginato che il sole avrebbe di nuovo brillato durante la consegna della bandiera. La sua truppa aveva infatti restituito l intero equipaggiamento impermeabile già nella giornata precedente. Istruzione alla perquisizione e all arresto di persone.

10 10 Intervista al ten col SMG Thomas Scheibler, cdt bat osp 2 «L esercito è sulla buona strada» Un esercito di professionisti perderebbe il contatto con la popolazione. Osservazioni riguardo al terzo CR del battaglione d ospedale 2 (bat osp 2) che ha avuto luogo dal 12 al 30 giugno 2006 sotto il comando del ten col SMG Thomas Scheibler. Sdt V alentin Casella, cp SM osp 2 ESERCITO attualità: Ten col Scheibler, come vede l esercito di oggi? Nel 2004 l esercito ha vissuto la riforma più importante della sua storia. Il passaggio a Esercito XXI si è svolto senza grosse difficoltà. L istruzione è stata fortemente professionalizzata. In vari settori, per esempio nel servizio sanitario o nella condotta, i militari possono oggi farsi certificare le loro conoscenze e questi certificati vengono riconosciuti anche in ambito civile. Questo è sicuramente un incentivo per i giovani. Oggigiorno l esercito è un elemento moderno e credibile della nostra difesa nazionale. Nell attuale fase di transizione, i soldati non si sentono un po persi durante i CR? Non credo. Il CR serve per rinfrescare le conoscenze dei soldati e, soprattutto, per evitare la perdita di «know-how». I soldati sanitari, per esempio, hanno acquisito conoscenze tecniche molto specifiche durante la SR, e queste devono essere mantenute. Cosa si aspetta dai soldati durante il CR? Mi aspetto da loro che osservino le norme comportamentali fondamentali, quali il rispetto e la cortesia. Inoltre devono saper accantonare gli interessi personali affinché possano essere raggiunti gli obiettivi del corso. Si riferisce ad avvenimenti quali l esercizio «VENTO 06»? Esattamente. L obiettivo del bat osp 2 è di installare e gestire un centro operatorio protetto (COP) in una situazione di difesa. Durante l esercizio viene anche testata la capacità di condotta dello SM bat. Non sarebbe tutto più semplice se avessimo un esercito di professionisti? Ah, ecco la domanda capestro (ride)! Per la Svizzera, il sistema di milizia è molto importante. Riferendomi al bat osp 2 le illustro la situazione con un esempio che mi riguarda. L istruzione è estremamente specifica e senza la milizia, il battaglione non esisterebbe più. Con il sistema attuale possiamo approfittare dell esperienza di ogni singolo soldato, che tra l altro svolge le stesse attività nella vita civile. Un esercito di professionisti non rispetterebbe la tradizione secondo cui ogni cittadino svizzero deve servire il proprio Paese, cosicché perderebbe il contatto con la popolazione. Approfittiamo delle esperienze di ogni singolo soldato e abbiamo anche allenato la collaborazione con le Forze aeree. In generale, come si è svolto il CR 2006? Gli elementi centrali del corso erano l istruzione nell ambito della difesa nucleare, biologica e chimica (NBC), il tiro e una ripetizione del Basic Life Support (BLS). Ci siamo anche concessi un paio di giorni d istruzione speciale come preparazione in vista dell esercizio d impiego «VENTO 06». Nonostante la carenza di materiale e di quadri ognuno si è preparato in modo ottimale per l esercizio. Il risultato finale, ovvero l installazione e la gestione di un centro operatorio protetto (COP), ha dimostrato che occorre ancora migliorare l istruzione tecnica. Da questi risultati desumo gli obiettivi per il prossimo CR, previsto nell ottobre La persona Il ten col SMG Thomas Scheibler è nato il 2 ottobre Di formazione ingegnere meccanico diplomato, lavora come ufficiale di professione dal In questa funzione è impiegato come capo delle operazioni (S3) in seno alla Formazione d addestramento della logistica 2 (FOA log 2). È coniugato e vive con la sua famiglia a Kerzers/FR. Un esercizio del genere presuppone una preparazione onerosa e mezzi notevoli? Naturalmente. Quando abbiamo ricevuto il compito dalla brigata, abbiamo iniziato con le attività di condotta che ci hanno permesso di portare a termine la pianificazione conclusasi con la data d ordine ai comandanti di compagnia. Durante questo processo siamo anche riusciti a istruire dei membri dello stato maggiore, in particolare coloro che non avevano mai lavorato con i nuovi regolamenti di condotta.

11 ESERCITO attualità Dai battaglioni 11 Abbiamo anche esercitato la collaborazione con le Forze aeree. «Traiamo profitto dall esperienza di ogni singolo soldato.» «Con un esercito di professionisti il radicamento nella popolazione andrebbe perso.» (Foto: sdt Marc Ducrest, cp osp 2/1)

12 12 Ritratto della fanfara militare della br log 1 Un emozione per le orecchie e anche per gli occhi! In giugno la fanfara militare della brigata logistica 1 (br log 1) ha assolto il suo CR della durata di tre settimane. Oltre alla quindicina tra concerti in piazza ed appuntamenti quali prese e rese della bandiera erano in programma anche tre concerti in sala: uno a Gossau/SG, uno a Oensingen/SO e uno a Spiez/BE. Il pubblico non finiva più di stupirsi. Sotto la direzione del ten Thomas Biasotto (fanfara militare) e del sgt capo Marcel Keller (tamburini), i 75 trombettisti e percussionisti e i 9 tamburini si sono prodigati in una brillante esibizione dall inizio alla fine. Magg Thomas Caduff, SM br log 1 La fanfara militare della br log 1 non è subordinata al nostro comandante di brigata bensì al Centro di competenza della musica militare ad Aarau che tra le altre cose pianifica gli impieghi delle 16 fanfare militari delle brigate sull arco di tutto l anno. Noi quadri e soldati, ma anche il brigadiere Daniel Roubaty, possiamo essere fieri della «nostra» fanfara. Essa è anche un eccellente ambasciatore presso la popolazione civile. Concorrenza di «Re calcio» I concerti in sala non hanno registrato il tutto esaurito come l anno scorso. Alcuni appassionati di musica militare sono infatti rimasti a casa per seguire il campionato mondiale di calcio. La sera del 21 giugno 2006 si disputava la partita Argentina contro Olanda. Non c è quindi da meravigliarsi se nella Fürstenlandsaal di Gossau/SG rimanevano delle sedie libere. Comunque, le donne e gli uomini della fanfara militare non si sono lasciati impressionare. I dirigenti Thomas Biasotto e Marcel Keller li hanno stimolati a dare il meglio di sé: dall Inno nazionale fino all ultimo pezzo. Il pubblico sorprendentemente giovane e naturalmente anche i famigliari, raggianti di gioia, non finivano più di applaudire, ciò che di riflesso, ha incrementato ulteriormente la motivazione dei musicisti. Come ringraziamento la fanfara ha concesso due bis dopodichè, soddisfatto della serata, il pubblico ha preso la via di casa. Un mestiere tutt altro che tranquillo Diana alle 6, poi partenza alla volta di Lugano per una presa della bandiera, il pomeriggio di nuovo a bordo con destinazione Ginevra, la sera un concerto in sala a San Gallo. Oppure suona- Grande concentrazione re per gli ospiti del Governo nazionale a Berna. Ogni concerto richiede la massima concentrazione, guai a sbagliare una nota. Logicamente, tutti questi trombettisti, percussionisti e tamburini, che tra l altro provengono da professioni diverse, sono impegnati anche nelle rispettive società di musica civili. Non parliamo poi dei due dirigenti che, si sarebbe portati a credere, sono nati con la bacchetta in mano. Il ten Thomas Biasotto, capo di fanfara, ringrazia per gli applausi (Foto: magg Thomas Caduff, SM br log 1)

13 ESERCITO attualità Sviluppo dell esercito A1 Sondaggio eseguito dal PF di Zurigo Esercito: fiducia e indice di gradimento in forte crescita La fiducia della popolazione nei confronti dell esercito è considerevolmente aumentata tra il 2005 e il L esercito beneficia anche in larga misura di un accresciuto indice di gradimento. Questi sono i risultati del sondaggio 2006 che verte sulla sicurezza, rilevati dal Politecnico federale di Zurigo. Philippe Zahno, Capo Comunicazione Difesa al 75% del L esercito uscito dalla riforma 95 aveva anche subito un crollo dell indice di gradimento nei sondaggi del 1996 ed erano stati necessari quattro anni per risalire al 73%. Esercito XXI consegue un risultato sensibilmente migliore passando al 75% in due anni. Gli sforzi volti ad assicurare una migliore comunicazione, ma soprattutto le prestazioni dell esercito sono all origine di questa evoluzione significativa. preferenza per un esercito di professionisti. I soldati in ferma continuata e l idea di un loro eventuale impiego all estero incontrano grande favore. Lo studio mostra infine l esistenza di un grande consenso verso un servizio d interesse generale per gli uomini. Questo sondaggio conferma le diverse osservazioni fatte a partire da inizio La popolarità del nuovo esercito è considerevole. Il professor Karl W. Haltiner ha presentato le principali osservazioni effettuate nei mesi di gennaio e febbraio scorsi presso 1200 persone delle tre regioni linguistiche. La domanda dell utilità dell esercito è stata posta regolarmente a partire dal Nel 2006 l esercito ha ottenuto il miglior risultato da 10 anni a questa parte. La percentuale delle persone che accettano l esercito è passata dal 65% dell anno scorso Il PF di Zurigo ha effettuato ulteriori verifiche. L aiuto in caso di catastrofe rappresenta quindi una missione centrale, seguita dalla difesa che perde però terreno. Le missioni di sostegno alla polizia acquistano rilevanza. Il sostegno agli impieghi all estero perde qualche punto percentuale, ma resta maggioritario. Aumenta il gradimento nei confronti dell esercito di milizia, benché i giovani adulti ammettano di dare la Per concludere la cifra più degna di nota: l 81% degli intervistati vuole un esercito ben equipaggiato e ben istruito. È il miglior risultato mai registrato dal PF di Zurigo da quando effettua i sondaggi! L indice di gradimento dell Esercito svizzero dal 2004 è passato dal 59 al 75 percento (1786) 84 (652) 86 (666) 88 (676) 90 (686) 91 (1005) 92 (1003) 93 (1003) 94 (827) 95 (795) 96 (821) 97 (1014) 98 (1000) 99/I (1201) 99/II (1009) 00 (1202) 01 (1235) 02 (1201) 03/I (1202) 03/II (1002) 04/I (1200) 04/II (803) 05 (1200) 06 (1200) Media 20 a 29enni

14 A 2 La fase di sviluppo 08/11 dal mio punto di vista Nuova minaccia? Nuova risposta! dei crediti, la difesa nazionale presenta quale unico ambito una riduzione nominale durante tale periodo. Nel 2005, la quota delle spese per la difesa nazionale rispetto al prodotto interno lordo (PIL) ammontava all 1.0 percento (1995: 1.6 percento). Ciò rappresenta un valore nettamente inferiore al livello internazionale. Francia, Italia e Germania per esempio investono somme chiaramente maggiori anche proporzionalmente nella difesa nazionale. E secondo me investono a giusto titolo. La fine della Guerra fredda non può infatti essere equiparata a una diminuzione della minaccia. La minaccia ha solo mutato volto, non è tuttavia diminuita, bensì è diventata meno prevedibile. O detto in altre parole: al posto delle bombe atomiche dei Paesi orientali oggigiorno temiamo gli attacchi alle nostre stazioni ferroviarie. Al posto delle armi biologiche e chimiche del patto di Varsavia oggi temiamo il facile accesso a tale know-how e l aumentata disponibilità ad impiegare tali mezzi. Le riposte a questi nuovi pericoli esistenziali non possono perciò corrispondere a quelle dei tempi della Guerra fredda. Solo un esercito sufficientemente grande e radicato nella popolazione può far fronte a un attacco o un epidemia con forse migliaia di vittime e successive difficoltà di approvvigionamento, saccheggi e atti di giustizia personale. Cdt C Christophe Keckeis, capo dell esercito Con la fine della Guerra fredda il pericolo di una guerra tradizionale nel vecchio mondo è notevolmente diminuito. Molti eserciti europei hanno reagito a tale sviluppo adeguando le proprie strutture alle esigenze attuali. La riduzione degli elementi della difesa nazionale nel senso classico del termine contro un avversario convenzionale rappresenta un punto comune di tutte le riforme intraprese. Il nemico che intende conquistare i Paesi dell Europa occidentale con divisioni di carri armati, artiglieria e attacchi aerei non si presta più come schema per la pianificazione delle forze armate. La protezione del Paese e della popolazione oggigiorno deve essere concepita diversamente rispetto a vent anni fa. Anche le nuove condizioni quadro a livello sociale sono elementi che caratterizzano le strutture dell esercito. L affermazione secondo cui l Esercito svizzero stia seguendo una nuova via soltanto a seguito della mancanza dei mezzi finanziari non corrisponde alla realtà. Sta di fatto che l Esercito svizzero fornisce il maggiore contributo al risanamento del bilancio dello Stato. Se dal 1995 tutti i compiti civili della Confederazione hanno registrato un aumento in parte anche considerevole L effettivo dell esercito non viene perciò messo in discussione nell ambito della fase di sviluppo 08/11. A mio parere, le richieste di ridimensionare ulteriormente l esercito vanno chiaramente respinte. Quanti soldati sarebbero necessari per provvedere alla sicurezza in una situazione di crisi eccezionale, p. es. a Zurigo per la durata di tre mesi, 24 ore su 24, quindi in tre turni? Basterebbero soldati? O sarebbero tropo pochi se si tiene Risposta a una nuova situazione di minaccia La fase di sviluppo 08/11 è la risposta dell Esercito svizzero alla nuova situazione di minaccia nel vecchio mondo. Molti eserciti propongono soluzioni simili. I mezzi per una difesa nazionale nel senso classico del termine contro un avversario militare corrispondente al nemico ipotetico della Guerra fredda vengono ridimensionati. Questo tipo di combattimento viene sviluppato da un nucleo dell esercito. Nel caso in cui la vecchia minaccia dovesse riemergere, da questo nucleo dovrebbe formarsi un esercito ai sensi del modello previgente. Allo stesso tempo l esercito viene rafforzato per il combattimento contro un avversario non militare. La fanteria e la protezione militare contro le catastrofi vengono potenziate, mentre l artiglieria, la DCA e i blindati vengono ridotti. Il numero di soldati per impieghi volti a promuovere la pace all estero viene raddoppiato, fino a raggiungere un numero di 500 uomini. L effettivo totale di militari rimane invariato. I compiti dell esercito mantengono la loro validità. L esercito di milizia e la neutralità non vengono messi in discussione. La fase di sviluppo 08/11 non rappresenta perciò una riforma, bensì un ulteriore sviluppo necessario dell esercito. (dif)

15 ESERCITO attualità Sviluppo dell esercito A 3 Il Consiglio nazionale dice no In data 3 ottobre 2006, il Consiglio nazionale ha respinto la nuova organizzazione dell esercito (fase di sviluppo 08/11) con 101 voti contrari e 73 favorevoli. Soprattuto i socialisti e i verdi nonché l UDC si sono opposti alla ristrutturazione dell esercito. Mentre i primi temono un intromissione rafforzata dell esercito nella sicurezza interna, l UDC critica l aumento nell ambito della fanteria a spese delle armi pesanti. Come prossima tappa è prevista la votazione sulla fase di sviluppo 08/11 in seno al Consiglio degli Stati. gamma di tali impieghi è enorme e spazia dalla direzione del traffico fino alla riconquista di regioni o quartieri occupati nei quali lo Stato ha temporaneamente perso il controllo. Probabilmente, i soldati dovranno spesso muoversi tra la popolazione civile e saranno in grado di distinguere tra amico e nemico soltanto nel momento in cui saranno aggrediti. Occorre perciò prestare la massima attenzione all istruzione e all equipaggiamento di questi fanti. Sono sicuro che tali realistici requisiti sapranno motivare e convincere i soldati. presente che in occasione del World Economic Forum ne sono stati impiegati 4000? E che cosa succederebbe con le altre città, gli altri agglomerati, le installazioni per la distribuzione della corrente elettrica, le vie di comunicazione,icentri di distribuzione e tutti gli altri oggetti d importanza nazionale? Ritenete che stia esagerando? Invece no. L ordine e la calma non sono dei dati di fatto. La nostra società è diventata più fragile sotto vari aspetti. I problemi globali non si fermano alle nostre frontiere. Cosa bisognerebbe intraprendere se le organizzazioni civili quali polizia, sanità e pompieri in occasione di un avvenimento di media portata dovessero essere sollecitati eccessivamente già dopo 24 ore? È opportuno tenere pronto il nostro esercito di milizia per il caso di emergenza. Ed è anche il caso di organizzare il nostro esercito in modo da poter reagire appropriatamente a eventuali pericoli. Per un simile impiego in una Svizzera sempre più periferica e urbana occorre un numero maggiore di fanti e meno soldati d artiglieria o di difesa contraerea. Anche i carri armati dovranno presto assumere una nuova funzione, poiché le grandi battaglie di carri armati non rientrano in un possibile scenario. In quanto caposaldo ben equipaggiato e consolidato, il carro armato svolgerà tuttavia un ruolo importante anche nei conflitti futuri. I soldati devono essere in grado di svolgere molteplici operazioni in zone edificate. La Non condivido l opinione secondo la quale l esercito si faccia avanti negli ambiti della sicurezza interna. Sta di fatto che oggigiorno 700 soldati svolgono quotidianamente un impiego a favore della sicurezza interna. Trattandosi di impieghi formulati dalla politica non è tuttavia opportuno parlare di un imporsi dell esercito. La politica affida i compiti, l esercito li svolge. Qualora la Confederazione e i Cantoni dovessero trovare un altra soluzione sarò sicuramente l ultima persona a opporsi. È invece un dato di fatto che l esercito sarà sempre impiegato in occasione d importanti manifestazioni (come p.es. WEF, EURO 08, vertici politici ecc.). Il nostro Paese è troppo piccolo per poter mettere a disposizione le riserve di polizia necessarie per un tale evento. È un ulteriore dato di fatto che il 75 percento dei cittadini svizzeri appoggia l impiego dell esercito svizzero a favore della sicurezza interna (rapporto UNIVOX Difesa/Sicurezza 2006). L esercito di milizia offre la possibilità a ogni cittadino svizzero di partecipare a tutte le responsabilità in materia di sicurezza nel nostro Paese. Secondo me questa è un idea molto sana e degna di essere appoggiata. Attraverso la fase di sviluppo 08/11 questa idea viene ulteriormente promossa. Ne sono convinto.

16 A4 Pianificazione dei progetti di servizio di polizia aerea e guerra aerea Protezione dello spazio aereo svizzero dopo il 2010 Nel 2010 il ciclo di vita operativo dei 54 aerei da combattimento Tiger delle Forze aeree svizzere giungerà al termine. La loro uscita di scena comporta delle lacune nello spazio aereo svizzero che non possono essere colmate facendo capo unicamente ai rimanenti 33 F/A-18. Verrà dunque allestita una pianificazione dei progetti per quanto riguarda gli aerei da combattimento necessari per mantenere le capacità in materia di servizio di polizia aerea e di guerra aerea al fine di mostrare come si può f ar fronte a questo deficit. Vi presentiamo una panoramica sullo stato attuale delle cose. Divisionario Jakob Baumann, capo dello Stato maggiore di pianificazione dell esercito Salvaguardia della sovranità sullo spazio aereo La salvaguardia della sovranità sullo spazio aereo (servizio di polizia aerea) e la difesa aerea costituiscono due compiti fondamentali delle Forze aeree. Per garantire il servizio di polizia aerea sono necessari velivoli con prestazioni operative sufficienti, tempi di reazione brevi e capacità di resistenza. Il servizio di polizia aerea viene svolto in qualsiasi situazione. Si tratta nella fattispecie di garantire la sicurezza generale nello spazio aereo, di individuare eventuali movimenti aerei contrari al diritto internazionale nonché di salvaguardare la neutralità. Il servizio di polizia aerea costituisce però anche una premessa determinante per la protezione contro gli attacchi terroristici con mezzi aerei, per es. nell ambito di manifestazioni internazionali, visite diplomatiche, conferenze come il WEF o importanti manifestazioni quali EURO 08. Negli scorsi anni, il numero di questi impieghi è costantemente aumentato. Il Consiglio federale ha la facoltà di limitare ulteriormente il traffico aereo. Queste misure implicano una maggiore presenza in aria e, di conseguenza, anche un maggior fabbisogno di velivoli e di piloti. Fabbisogno futuro Conformemente alle decisioni del Consiglio federale per quanto riguarda l ulteriore sviluppo dell esercito, le Forze aeree «dovranno tenersi pronte anche in futuro per impieghi che coprono l intera gamma di compiti dell esercito». L evoluzione della situazione in materia di politica di sicurezza implicherà una presenza adeguata di mezzi aerei dell esercito. Per il servizio di polizia aerea e per poter mantenere o ripristinare il nucleo di potenziamento della guerra aerea, la Svizzera ha bisogno di una dotazione minima di aerei da combattimento di ultima generazione che possono essere impiegati sia contro obiettivi aerei sia contro obiettivi terrestri. Con la messa fuori servizio dei velivoli Hunter e Mirage, le Forze aeree svizzere hanno perso le due competenze di combattimento terrestre ed esplorazione aerea tattica. Queste competenze vanno tuttavia ripristinate se vogliamo mantenere la competenza fondamentale «guerra aerea». Flotta notevolmente più ridotta Dalla fine della Guerra fredda, il numero di aerei da combattimento è stato ridotto da circa 300 a 87 velivoli. Oggi conta ancora 33 F/A-18 C/D Hornet e 54 F-5 E/F Tiger. Questi aerei consentono di assicurare il servizio di polizia aerea, il mantenimento di una parte del compito fondamentale di guerra aerea e l istruzione delle giovani leve. I Tiger contribuiscono al mantenimento della capacità di resistenza e all istruzione dei piloti. Tuttavia soggiacciono a determinati limiti per quanto riguarda i voli notturni e i voli in caso di condizioni meteorologiche avverse. Attorno al 2010 i Tiger,che allora avranno più di trent anni, giungeranno al termine del loro ciclo di vita operativo. La flotta risulterebbe quindi ridotta a 33 velivoli, contro i 300 del Disponendo di soli 33 aerei da combattimento,non è più possibile garantire la necessaria capacità di resistenza per assicu- rare il servizio di polizia aerea e ripristinare le competenze di combattimento terrestre ed esplorazione aerea tattica. Primi accertamenti Nel 2004 il capo dello Stato maggiore di pianificazione dell esercito ha allacciato contatti informali con i costruttori dei tipi di aerei che potrebbero entrare in considerazione. Si tratta nella fattispecie delle ditte Dassault (Francia: Rafale), EADS (cooperazione tra Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna: Euroflighter), Boeing (USA: F/A-18 E/F) e Saab (Svezia: Gripen). Nell ambito della pianificazione degli investimenti, oltre alla possibilità di acquistare un aereo da combattimento nuovo di fabbrica, sono state prese in considerazione anche le varianti che prevedono l acquisto di velivoli d occasione o il noleggio. Prossime tappe Secondo quanto riportato nel Messaggio del Consiglio federale concernente il Programma d armamento 2006 e nel Piano master 06 per lo sviluppo delle forze armate e dell azienda, dopo il 2010 le Forze aeree avranno bisogno di nuovi mezzi o di mezzi supplementari per poter garantire la capacità di resistenza e di potenziamento anche in futuro. Attualmente si sta allestendo una pianificazione dei progetti per lanciare un progetto d acquisto nel Inoltre vengono eseguiti modelli di calcolo per poter dare indicazioni più precise riguardo al numero di velivoli necessari nonché per poter allestire una prima stima dei costi d esercizio. In seguito si prevede di richiedere, nell ambito del budget «Progettazione, collaudo e preparazione dell acquisto (PCP) 2008» i mezzi finanziari necessari per eseguire la valutazione, cosicché sia possibile effettuare l acquisto nell ambito del Programma d armamento Di conseguenza ci sarebbe la possibilità di introdurre un nuovo aereo da combattimento in sostituzione del F-5 a decorrere dal 2013.

17 ESERCITO attualità Sviluppo dell esercito A5 Boeing F/A-18E/F Dassault Rafale EADS Eurofighter Saab Gripen (Foto: Schweizer Luftwaffe)

18 A 6 Una soluzione che consente una condotta moderna delle operazioni NEO Network Enabled Operations Lo sviluppo della tecnologia dell informazione e della comunicazione implica anche nuove soluzioni nella condotta delle operazioni militari. NEO è un concetto svizzero che si prefigge di ricav are v antaggi da queste nuove possibilità. Così facendo è possibile approfittare dei v antaggi derivanti dall interazione di mezzi militari nell intera gamma degli impieghi del nostro esercito. Alain Vuitel, capo Dottrina militare, Stato maggiore di pianificazione dell esercito Va da sé che queste nuove possibilità si ripercuotano anche su altri ambiti della società, tra l altro sulla sicurezza e sull impiego di mezzi militari. Gli sforzi principali in tal senso si concentrano sulla costituzione di una rete che, attraverso un infrastruttura telematica e servizi specifici, comprenda le seguenti componenti: sensori per la raccolta di dati e di informazioni, decisori che valutano e comprendono lo sviluppo della situazione e definiscono gli obiettivi perseguiti nonché effettori che agiscono direttamente sulla situazione e la gestiscono in sintonia con gli obiettivi fissati. «Vedere» significa disporre di informazioni chiave relative a una determinata situazione in tempo pressoché reale. «Individuare» significa valutare le informazioni raccolte per farsi un immagine del possibile sviluppo della situazione con maggiore efficacia e rapidità. «Decidere» significa trarre vantaggio dalla comprensione della situazione grazie alla superiorità acquisita, al fine di formulare più rapidamente gli obiettivi perseguiti e, in funzione degli stessi, collocare i mezzi disponibili in modo più adeguato. «Agire» significa trasformare gli obiettivi fissati in effetti tangibili e precisi con un dispendio minimo di mezzi. Il ritmo di operazioni condotte in questa maniera si parla di condotta delle operazioni in rete (NEO) viene sensibilmente accelerato. Perciò il tempo diventa un fattore rilevante ai fini del successo. In effetti si tratta di individuare più rapidamente i rischi e le opportunità di una determinata situazione nonché di agire in modo più rapido ed efficiente concentrando al meglio le forze. La velocizzazione della presa di decisioni comporta un vantaggio considerevole per l intera gamma di possibili impieghi dell esercito. In caso di catastrofe, sulla base di mezzi civili o militari già impiegati o disponibili, è possibile crearsi più rapidamente un immagine integrale della situazione, in modo che le priorità per il proseguimento degli impieghi d aiuto possano essere determinate in modo più celere. Così facendo il tempo di reazione si riduce notevolmente. Grazie alla condotta delle operazioni in rete è possibile reagire a eventuali cambiamenti della situazione immediatamente e in modo flessibile. In generale vale il principio secondo cui la connessione in rete di attori civili e militari nell ambito della sicurezza contribuisce essenzialmente a un incremento qualitativo della loro collaborazione. Attuazione concreta Volendo approfittare dei vantaggi della condotta delle operazioni in rete, è indispensabile una piattaforma tecnologica confacente. Quest ultima è chiamata C4ISTAR 1 e comprende i seguenti elementi. Vantaggi e sfide della connessione in rete La connessione in rete di tutte queste componenti contribuisce a orientare tutte le attività a un azione unitaria, intesa a raggiungere gli obiettivi definiti. Una tale rete consente di «vedere» una determinata situazione in modo più completo, di «individuare» prima cause ed effetti, di «decidere» più velocemente e quindi di «agire» più rapidamente e con maggiore efficienza. La condotta delle operazioni in rete comporta numerosi vantaggi: accelerazione del ritmo di condotta; concentrazione facilitata delle forze sull obiettivo; economia delle forze; flessibilità nell impiego e aumento della libertà d azione.

19 ESERCITO attualità Sviluppo dell esercito A 7 Un infrastruttura telematica che collega in modo trasparente e sicuro effettori, sistemi di condotta e servizi mediante diverse reti 2 e nel contempo garantisce i collegamenti con i sistemi partner. Sensori che raccolgono informazioni. Questi costituiscono il cuore tecnologico di ISTAR. Idecisori che sulla base delle informazioni raccolte e in sintonia con la loro valutazione della situazione definiscono gli obiettivi da raggiungere e impiegano gli effettori per conseguire l effetto auspicato. Nella loro attività i decisori vengono coadiuvati da sistemi di condotta, dal cosiddetto FIS 3.Perciò FIS costituisce la base tecnologica di C4I. Effettori che agiscono sulla situazione secondo obiettivi definiti. Questo compito viene assunto da diversi sistemi d arma e apparecchi. Servizi che fondono i dati dei sensori, mettendo a disposizione dei decisori e degli effettori un ausilio decisionale. L architettura complessiva serve a produrre l effetto auspicato a tempo debito, in modo preciso e coordinato, al fine di raggiungere gli obiettivi definiti. 1 C4ISTAR: acronimo in uso a livello internazionale che sta per Command, Control, Communication, Computer, Intelligence, Surveillance, Taget Acquisition and Reconnaissance. 2 Viene fatta la distinzione tra reti commerciali, a prova di crisi e militari. 3 FIS: acronimo che sta per sistema d informazione di condotta (Führungsinformationssystem)

20 A 8 Una nuova esperienza Dai banchi di scuola all impiego con la SWISSCOY Da aprile 2006 l appuntato Nicole Kundert (27) presta servizio all estero in Kosovo, in qualità di militare del 14 contingente SWISSKOY. All inizio di ottobre la sangallese rientrerà in Svizzera. A pochi giorni dal suo ritorno alla vita civile le chiediamo di raccontarci come ha vissuto gli ultimi sei mesi. Gian Carlí Stäubli, Fabienne Egli, team uff stampa e info SWISSCOY 15 Team uff stampa e info: Nicole Kundert, in cosa consiste il suo compito durante l impiego e quali sono le sue principali attività? Nicole Kundert: «Il mio ruolo qui è quello di assistente del responsabile per la consulenza giuridica e la condotta del personale. In particolare mi occupo di fornire appoggio amministrativo nell ambito della condotta del personale, come ad esempio allestire certificati di lavoro e «Bisogna essere consapevoli che gli interessi e i desideri personali devono passare in secondo piano. Si tratta di un impiego militare.» Nicole Kundert, una delle undici donne del contingente SWISSCOY tra 191 soldati. qualificazioni nonché redigere il piano delle vacanze. In assenza del mio superiore, fungo da sua sostituta. Assieme a un team di reclutamento proveniente dalla Svizzera e alla consulente giuridica organizziamo e svolgiamo i colloqui di reclutamento per i LOT (Liaison and Observation Teams) in Bosnia Erzegovina con le persone interessate del contingente SWISSCOY. Infatti, anche all interno del 14 contingente siamo riusciti a prolungare i contratti di alcune persone che intendono rimanere per altri sei mesi, nella misura in cui si siano distinte per il loro impegno personale. Rappresentiamo quindi l interfaccia nelle questioni in materia di diritto del personale rispetto al Centro di competenza per gli impieghi all estero di promovimento della pace dell esercito svizzero SWISSINT a Stans NW.» Qual è stata per lei la principale esperienza positiva negli ultimi sei mesi? «Grazie al fatto che ci troviamo a condividere le stesse esperienze, lavoriamo e viviamo in uno spazio ristretto per ben sei mesi, abbiamo imparato a conoscerci reciprocamente, ognuno con le proprie caratteristiche. Non è possibile infatti nascondersi dietro una maschera per un così lungo periodo. Con il tempo sono nati dei solidi rapporti d amicizia che sicuramente verranno mantenuti anche dopo la fine dell impiego.» In che modo ha potuto trarre vantaggio personale dall impiego e quale insegnamento ne ha tratto?

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Impiego & compito I Processo di selezione & requisiti I Istruzione I Attività lavorative I Contatto Il distaccamento

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento degli emolumenti IUFFP) del 17 febbraio 2011 (Stato 1

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Edizione ottobre 2008 Processi più semplici grazie ad una perfetta pianificazione Una precisa pianificazione preventiva consente da un lato un

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli