Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale 2005 37"

Transcript

1 LA RELAZIONE SOCIALE Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

2 La Relazione Sociale E la Relazione Sociale il cuore di questo documento. In questa sezione si è scelto di dedicare uno spazio più ampio a quelli che la Banca ha individuato come i principali Stakeholder ossia: Risorse Umane, Soci, Clienti e Territorio e Collettività. Difficile dare una priorità a queste categorie di Stakeholder aziendali in quanto solo un percorso in grado di soddisfare tutti questi interlocutori può garantire uno sviluppo sostenibile della Banca e dalla loro interazione dipendono i risultati economici della stessa. Tuttavia, se un ordine logico deve essere dato, si ritiene che: dalla soddisfazione, dalla competenza e dalla professionalità delle Risorse Umane trae origine la soddisfazione e la fidelizzazione della Clientela, da cui derivano i risultati reddituali dai quali trae origine la soddisfazione dei Soci e grazie a tutto questo la Banca riesce a rafforzarsi e a confermarsi nel proprio ruolo di supporto allo sviluppo del tessuto economico locale e di sostegno alla Collettività. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

3 Identificazione degli Stakeholder La Banca Popolare di Vicenza identifica con il termine Stakeholder tutti quei gruppi di individui, composti da persone, organizzazioni e comunità, che influiscono direttamente nelle attività dell impresa o che ne subiscono direttamente o indirettamente gli effetti. Nel suo percorso di gestione responsabile, BPVI interagisce e coinvolge tutti i suoi interlocutori, interni (Risorse Umane e Soci) ed esterni (Clienti, Fornitori, Pubblica Amministrazione, Collettività, Territorio e Ambiente) e, nei confronti di ciascuno di essi, si assume dei precisi impegni. Il presente Bilancio Sociale riporta le principali informazioni riguardanti i rapporti d interscambio tra la Banca Popolare di Vicenza e gli Stakeholder rappresentati in questa mappa. Ambiente Pubblica Amministrazione Territorio e Collettività Clienti Risorse Umane Fornitori Soci Risorse Umane: sono tutti coloro che intrattengono una relazione di subordinazione o di collaborazione. Le Risorse Umane sono il principale Stakeholder della Banca in quanto rappresentano BPVI all esterno e ne curano le relazioni con gli altri interlocutori. Soci: sono tutti coloro che, anche solo azionisti, sono portatori di interessi economici nei confronti della Banca. Sono costituiti da investitori, ma anche e soprattutto dai dipendenti e dai clienti ai quali la Banca presta grande attenzione in ogni sua decisione e nello svolgimento di ogni attività. Clienti: sono le aziende e i privati che scelgono di affidarsi ai servizi della nostra Banca. Territorio e Collettività: rappresenta la comunità locale con cui la Banca si relaziona, la scuola, le associazioni volontarie e il mondo accademico, e più in generale l intera società civile con cui ha o potrebbe avere relazioni di scambio. Fornitori: sono i fornitori di materie prime, macchinari, attrezzature, beni e servizi. Pubblica Amministrazione: è rappresentata dagli organi dello Stato, dalle Autonomie Locali e dagli enti pubblici quali ASL, INAIL, INPS, etc. Ambiente: è inteso sia come contesto territoriale nel quale l Azienda svolge la propria attività produttiva sia come contesto ecologico allargato potenzialmente influenzabile dalle attività della Banca. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

4 Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

5 LE RISORSE UMANE Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

6 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Le Risorse Umane: la determinante del successo imprenditoriale. i Vertici Aziendali delle Società del Gruppo si impegnano a far sì che ogni responsabile si comporti con equità nei confronti dei propri collaboratori, favorendone la crescita professionale e salvaguardandone la sicurezza e la salute sul lavoro in un clima di lavoro supportato dall impegno di tutti e ispirato a reciproca fiducia, lealtà, correttezza e rispetto della dignità di ciascuno... (Codice Etico del Gruppo BPVI) La Banca Popolare di Vicenza riconosce che per svolgere il proprio ruolo in maniera responsabile è indispensabile una diffusa legittimazione sociale, che si acquisisce solo con il rispetto di valori come l onestà, la correttezza nei comportamenti, il rispetto della dignità delle persone e la trasparenza nella comunicazione. È inoltre innegabile riconoscere come il miglioramento costante dei servizi, in primo luogo il rafforzamento della presenza sul territorio e dei risultati aziendali, sono resi possibili dalla competenza e disponibilità delle proprie Risorse Umane. In particolare, sono le Risorse Umane della nostra Rete che, quotidianamente a diretto e costante contatto con la Clientela, rappresentano la Banca e ne testimoniano, con i propri comportamenti, la qualità, la reputazione e la credibilità aziendale. Per tale motivo, le persone che lavorano nella Banca Popolare di Vicenza, sono considerate una preziosa risorsa e come tale valorizzate e tutelate attraverso il rispetto, il coinvolgimento, la motivazione, unite ad una continua ed adeguata formazione. Costante è l impegno della Banca per la crescita professionale ed umana dei propri Dipendenti e per garantirne la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro, nel rispetto dell integrità fisica e della dignità della persona. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

7 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Al 31 dicembre 2005 l organico della Banca conta risorse, con un incremento di 136 unità rispetto al dato di fine 2004 (+5,2%). Consistenza e composizione del personale donne uomini L analisi della distribuzione del personale per sesso conferma la costante crescita del personale femminile, che alla fine del 2005 ha superato il 36% dell organico complessivo della nostra Banca Composizione Variazione Composizione Variazione 2003 donne ,3% 60 6,3% ,9% 17 1,8% 930 uomini ,7% 76 4,5% ,1% 2 0,1% Totale ,0% 136 5,2% ,0% 19 0,7% Per quanto riguarda la ripartizione dell organico per area di impiego, Risorse sono impiegate presso la rete commerciale, pari al 70,3% del totale, 723 presso le strutture centrali (Direzione Generale, Laboratorio Fidi, Back Office Filiali), pari al 26,1%, 11 Risorse sono distaccate presso altre società del Gruppo e 90 risultano temporaneamente assenti dal sevizio per cause varie (complessivamente pari al 3,6%). L incremento delle Risorse rispetto al 2004 è legato soprattutto al potenziamento della Rete Commerciale, mentre la crescita dell organico delle Strutture Centrali (+49 Risorse) è legato, in particolare all assunzione di 31 dipendenti provenienti dalla partecipata Informatica Vicentina e Servizi Bancari S.p.A. a fronte di efficientamenti realizzati nelle predette società e/o del trasferimento di attività presso la nostra Banca. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

8 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Distribuzione del personale per area di impiego 2005 % 2004 % 2003 % Altro 3,6% Rete com.le ,3% ,2% ,7% Strutture centrali ,1% ,5% ,2% Direzione generale ,6% ,6% - - Laboratorio fidi 100 3,6% 103 3,9% - - Back Office Filiali 24 0,9% 27 1,0% - - Altro 101 3,6% 112 4,2% 80 3,1% Totale ,0% ,0% ,0% Strutture centrali 26,1% Rete com.le 70,3% Il personale direttivo (dirigenti e quadri direttivi) costituisce il 42,8% delle Risorse totali; in lieve diminuzione rispetto al 43,2% del I dirigenti salgono al 2,0% del totale del organico, in aumento rispetto all 1,8% dell anno precedente. Quasi il 20% del personale direttivo è costituito da donne, percentuale anche quest anno in aumento di circa un punto percentuale rispetto al 2004 e destinata ad un ulteriore aumento nei prossimi anni. quadri direttivi di 1 e 2 l. 19,7% quadri direttivi di 3 e 4 l. 21,1% dirigenti 2,0% impiegati 56,7% commessi ed ausiliari 0,5% Distribuzione del personale per qualifica 2005 variazione 2004 variazione 2003 variazione dirigenti ,7% ,0% ,1% quadri direttivi di 3 e 4 l ,9% ,2% ,5% quadri direttivi di 1 e 2 l ,7% 543 (4) (0,7%) 547 (12) (2,1%) impiegati ,8% (28) (1,8%) (33) (2,1%) commessi ed ausiliari ,0% 13 (3) (18,8%) ,7% Totale ,2% ,7% (14) (0,5%) Distribuzione dipendenti per qualifica e sesso dirigenti quadri impiegati altro Totale donne uomini Totale La distribuzione dei dipendenti per qualifica e sesso evidenzia nel personale direttivo una netta prevalenza della componente maschile (80%), anche se rispetto al precedente esercizio le donne hanno registrato una crescita di oltre 1 punto percentuale, passando dal 18,6% al 19,7%. Sostanzialmente analogo il peso dei due sessi tra gli impiegati. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

9 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Anche nel 2005 le persone assunte con un contratto a tempo indeterminato risultano essere la quasi totalità degli occupati (97,9%). Si evidenzia che nel corso dell esercizio non è stato fatto ricorso al contratto di formazione e lavoro. Le risorse umane part-time sono, a fine anno, 252. Distribuzione per qualifica, genere e tipologia contratto dirigenti quadri impiegati altro Totale 2005 Totale 2004 donne uomini donne uomini donne uomini donne uomini n % n % tempo determinato ,1% 74 2,8% contratto formazione lavoro ,0% 41 1,6% tempo indeterminato ,9% ,6% Totale ,0% ,0% Distribuzione del personale sul territorio n % n % n % Veneto ,9% ,0% ,4% Friuli Venezia Giulia ,8% ,3% ,6% Lombardia 161 5,8% 139 5,3% 142 5,4% Emilia Romagna 48 1,7% 47 1,8% 46 1,8% Piemonte 16 0,6% 14 0,5% 11 0,4% Liguria 30 1,1% 28 1,1% 31 1,2% Toscana 1 0,0% 1 0,0% 4 0,2% Sicilia 2 0,1% - 0,0% 1 0,0% Totale ,0% ,0% ,0% La distribuzione del personale, effettuata sulla base della residenza dell unità organizzativa di appartenenza, conferma il forte radicamento della Banca nelle regioni di insediamento storico, come il Veneto con il 75,9% e il Friuli Venezia Giulia con il 14,8%. L età media del personale aumenta leggermente, sia per gli uomini che per le donne, rispetto all anno precedente, raggiungendo in media i 40 anni. Tale valore risulta, comunque, ampiamente inferiore rispetto alla media di un ampio Età media del personale donne 36 anni e 9 mesi 36 anni e 5 mesi 35 anni e 5 mesi uomini 41 anni e 10 mesi 41 anni e 7 mesi 41 anni e 2 mesi Totale 40 anni 39 anni e 8 mesi 39 anni e 2 mesi panel di istituti creditizi italiani (42,2 anni), così come riportato su un recente Rapporto ABI sul mercato del lavoro nell industria finanziaria. Le donne, pur presentano un età media in costante aumento rispetto agli anni precedenti, sono in media più giovani di oltre 5 anni rispetto agli uomini. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

10 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Distribuzione del personale per fasce d'età fasce d'età donne uomini Totale donne uomini Totale 2003 Totale meno di ,0% 1 0,1% 1 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 4 0,2% ,7% 50 2,8% 97 3,5% 58 6,1% 40 2,4% 98 3,7% 131 5,0% ,3% 170 9,6% ,1% ,1% ,2% ,1% ,6% ,4% ,3% ,4% ,2% ,8% ,2% ,3% ,2% ,8% ,8% ,4% ,3% ,4% ,0% ,8% ,9% ,1% ,5% ,6% ,1% ,0% ,2% ,0% ,5% 67 7,1% ,7% ,9% ,8% ,7% ,7% 262 9,4% 30 3,2% ,9% 232 8,8% 233 8,9% ,6% 80 4,5% 86 3,1% 3 0,3% 66 3,9% 69 2,6% 54 2,1% oltre ,1% 3 0,2% 4 0,1% 1 0,1% 3 0,2% 4 0,2% 6 0,2% Totale ,0% ,0% ,0% ,0% ,0% ,0% ,0% Le fasce di età nelle quali il personale risulta più numeroso sono quelle tra i 31 e i 35 anni (20,4%) e tra i 36 e i 40 anni (18,8%). Le donne sono più numerose ed in costante aumento nella fascia di età tra i 31 e i 35 anni (27,4%), mentre gli uomini sono più numerosi nelle fasce tra i 41 ed i 45 anni (18,9%). In costante crescita sia per gli uomini che per le donne la fascia di età tra i 46 e i 50 anni. A livello di settore creditizio italiano, invece, si rileva una maggiore concentrazione del personale nella fascia di età compresa tra i 46 e i 50 anni (Fonte: Rapporto ABI già citato) meno di oltre 60 donne uomini Anzianità di servizio media del personale donne 11 anni e 4 mesi 11 anni e 1 mese 10 anni e 6 mesi uomini 13 anni e 7 mesi 13 anni e 8 mesi 13 anni e 8 mesi Totale 12 anni e 8 mesi 12 anni e 9 mesi 12 anni e 6 mesi L anzianità media di servizio, evidenzia il sostanziale mantenimento del valore medio rilevato nel 2004, collocandosi a 12 anni e 8 mesi. L andamento di questo valore è riconducibile alla componente maschile, mentre per le donne, si evidenzia una, seppur minima, riduzione nell anzianità di servizio pari a circa 3 mesi rispetto al valore del Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

11 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Distribuzione del personale per anzianità di servizio anni di servizio donne di cui dirigenti,q D3,QD4 uomini di cui dirigenti,q D3,QD4 Totale di cui dirigenti,q D3,QD4 donne di cui dirigenti,q D3,QD4 uomini di cui dirigenti,q D3,QD4 Totale di cui dirigenti,q D3,QD4 fino a da 6 a da 11 a da 16 a da 21 a da 26 a da oltre Totale fino a 5 da 6 a 10 da 11 a 15 da 16 a 20 da 21 a 25 da 26 a 30 da oltre 35 Analizzando la distribuzione del personale per fasce di anzianità di servizio, si conferma anche nel 2005 che la fascia fino a 5 anni sia quella che presenta la maggior concentrazione di Risorse Umane (907). donne uomini In costante aumento risulta il numero dei dipendenti laureati, che passano dal 26,9% del 2004 al 28,3% del Le donne laureate rappresentano il 30,8% del totale del personale femminile (in aumento di 1,9 p.p. rispetto al 2004) mentre gli uomini il 26,9% (in aumento di 1,1 p.p. rispetto al 2005). I dati presentati, confrontati con i risultati del Rapporto ABI già citato, mostrano un livello di scolarizzazione dell organico della nostra Banca superiore alla medie di settore (laureati 26,0 %, scuola media superiore 61,9 e scuola media inferiore 10,5%). Distribuzione del personale per sesso e scolarità Totale % Totale % Totale % laurea ,3% ,9% ,1% diploma di scuola media sup ,8% ,8% ,2% diploma di scuola media inf ,9% 113 4,3% 123 4,7% Totale ,0% ,0% ,0% Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

12 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Tipologia di laurea discipline economiche ,9% ,2% ,6% giurisprudenza ,1% 84 11,8% 80 12,2% scienze politiche ,7% ,9% 96 14,6% discipline umanistiche 36 4,6% 32 4,5% 32 4,9% ingegneria, matematica, informatica 49 6,2% 39 5,5% 32 4,9% altro 4 0,5% 8 1,1% 6 0,9% Totale ,0% ,0% ,0% Titolo di studio Scuola Media Superiore istituti tecnici commerciali ,8% ,4% ,5% licei ,7% ,1% ,0% periti 99 5,3% 108 6,0% 115 6,3% altro 156 8,3% 136 7,5% 78 4,2% Totale ,0% ,0% ,0% Il 59,9% dei laureati ha conseguito una laurea in discipline economiche, il 13,1% in giurisprudenza (in crescita di 1,3 p.p.) e il 15,7% in scienze politiche, mentre per quanto riguarda la tipologia di diploma, il 75,8% dei dipendenti ha un diploma conseguito presso istituti tecnico commerciali, mentre l 10,7% presso licei. Turnover assunzioni cessazioni Totale (14) Al 31 dicembre 2005 l organico della nostra Banca mostra un incremento di 136 unità rispetto al 2004 (+5,2%) per effetto delle 239 assunzioni, a fronte delle 103 cessazioni avvenute nel corso dell anno. Il significativo incremento delle assunzioni, così come già indicato all inizio del presente capitolo, è legato al processo di rafforzamento della Rete Commerciale e anche all assunzione di risorse umane provenienti da alcune società del Gruppo a seguito di efficientamenti realizzati nelle predette società e/o del trasferimento di attività presso la nostra Banca. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

13 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Assunzioni n % n % n % contratto formazione lavoro - 0,0% 2 1,1% 34 14,2% tempo determinato 68 28,5% 61 34,9% 30 12,6% tempo indeterminato 93 38,9% 57 32,6% 81 33,9% Totale uomini ,4% ,6% ,7% contratto formazione lavoro - 0,0% 1 0,6% 20 8,4% tempo determinato 38 15,9% 38 21,7% 20 8,4% tempo indeterminato 40 16,7% 16 9,1% 54 22,6% Totale donne 78 32,6% 55 31,4% 94 39,3% Totale ,0% ,0% ,0% Le 239 assunzioni del 2005 sono state effettuate per il 55,6% a tempo indeterminato (93 uomini e 40 donne) per il 44,4% a tempo determinato (68 uomini e 38 donne) mentre non si è fatto uso delle altre tipologie contrattuali tempo determin. tempo indeterm. tempo determin. 44,4% tempo indeterm. 55,6% donne uomini Stage Destinazione Numero Durata media (Settimane) Numero stagisti assunti Centro servizi Filiale Totale Nel corso del 2005 sono stati inseriti con Progetti formativi e di tirocinio 26 stagisti, provenienti dalle principali istituzioni universitarie, fra le quali: l Università di Verona, Padova, Venezia-Cà Foscari, Università Bocconi e da Master Cuoa e Istud. Il contratto a tempo determinato e gli stage sono strumenti che consentono di selezionare risorse qualificate e motivate che mostrano un identità culturale coerente con i principi sui quali la nostra azienda fonda la propria operatività. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

14 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Per quanto riguarda le 103 cessazioni avvenute nel corso del 2005, queste sono dovute per il 68,0% a dimissioni volontarie e per il 20,3% a Motivi di cessazione dimissioni 70 68,0% 60 38,5% 45 17,8% pensionamento 21 20,4% 16 10,3% 34 13,4% cessione ramo d azienda - 0,0% 3 1,9% 79 31,2% altro 12 11,7% 77 49,4% 95 37,5% Totale ,0% ,0% ,0% pensionamento. Nella categoria altro sono inclusi i dipendenti il cui contratto a tempo determinato è scaduto entro la fine dell anno e il personale che ha aderito al Fondo di Solidarietà per il sostegno del reddito dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del Personale del Credito. Politiche di inserimento e reclutamento Il processo di selezione è stato ridisegnato e affinato al fine di migliorare ulteriormente gli standard qualitativi già raggiunti in passato, sia per quanto riguarda la selezione esterna sia per quella interna volta a garantire l ottimale copertura delle posizioni vacanti e la scelta dei colleghi meritevoli di essere inseriti in percorsi formativi e di carriera accelerati. Sono stati a tal fine ridefiniti i parametri di valutazione, in coerenza con i profili di ruolo presenti in azienda. A partire da febbraio 2006, in particolare, sono stati definiti due iter specifici a seconda che il candidato disponga o meno di professionalità specifiche, utilizzando la modulistica e i parametri di valutazione definiti nel corso del In particolare, per rendere ancor più chiaro e trasparente il metodo di selezione dei neo assunti, si è provveduto a strutturare con società esterne un processo completo articolato in test attitudinali, valutazioni, questionari della personalità e colloqui di feed-back. Il giudizio definitivo sull idoneità complessiva viene, comunque, garantito ed effettuato dalla Direzione Risorse Umane tramite un colloquio finale. Con riferimento ai giovani neoassunti, è proseguita l attenzione dedicata al progetto di inserimento in azienda già iniziato nel 2003 attraverso la responsabilizzazione dei capi intermedi sul territorio relativamente alla crescita professionale dei colleghi loro affidati. Lo scorso esercizio sono pervenuti oltre 9 mila curricula, mentre i colloqui avviati con candidati neo assunti sono stati circa 250 al pari dei colloqui fatti per la ricerca di specifiche professionalità. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

15 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Impiego di persone appartenenti a categorie protette nel 2005 Alla fine del 2005 l organico della Banca presenta complessivamente 126 risorse umane appartenenti a categorie protette e con disabilità. Consapevole della rilevanza sociale di questo aspetto, la Banca Popolare di Vicenza ha stipulato una convenzione con il Centro per Numero Disabili (di cui art.3 L68/99) 82 Orfani-vedove-profughi 44 Totale 126 l impiego della provincia di Vicenza. Tale accordo prevede nei prossimi anni l inserimento di 69 nuove risorse umane appartenenti a tali categorie. In particolare nel corso del 2005, in attuazione dell accordo stipulato, si è proceduto all inserimento di 9 persone. Destinazione di primo inserimento, disabili e categorie protette nel 2005 Nella tabella a fianco si evidenzia la destinazione di primo inserimento delle 9 persone assunte durante il Numero Strutture centrali 3 Rete 6 Totale 9 Valorizzare le nostre persone: la formazione La nostra Banca cura costantemente la formazione di tutto il personale dipendente, dedicando particolare attenzione ai neoassunti e alle risorse umane che vengono chiamate a svolgere un nuovo incarico. Periodicamente sono elaborati e predisposti i programmi formativi e di aggiornamento professionale del personale, considerando lo specifico livello professionale. Il forte impegno della Banca sul fronte della formazione è testimoniato dall incremento di oltre giorni uomo registrato alla fine del 2005 rispetto all anno precedente (+26%). In particolare, nel corso dell esercizio appena passato, l attività di formazione è stata indirizzata allo sviluppo delle competenze e delle capacità individuali, in linea con i ruoli ricoperti, nelle aree tecnico-procedurale, commerciale e comportamentale. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

16 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Di seguito vengono presentate due tabelle riassuntive contenenti i risultati dell attività formativa svolta nell ultimo anno dalla nostra Banca e le aree tematiche oggetto di attività formativa Dinamica della formazione gg. Uomo Variazione gg. Uomo Direzione Generale ,2% 820 Laboratorio Fidi ,5% 314 Back Office Filiali ,0% 12 Rete Commerciale ,5% Altro - - 0,0% - Totale ,0% Formazione (gg/uomo) Formazione interna commerciale tecnica manageriale di inserimento (CFL) e neo assunti autoformazione Formazione esterna tecnico operativa professionale manageriale Totale Per far fronte efficacemente alle nuove esigenze formative legate all iniziativa Patti Chiari e alla necessità di migliorare la qualità e l efficacia della complessiva attività di formazione, recentemente è stata effettuata una riorganizzazione dell ufficio ed una rivisitazione dei processi di formazione. In particolare, per far fronte alle specifiche esigenze dei ruoli della rete commerciale, gli interventi formativi sono stati organizzati nei due processi di seguito riportati: la formazione d ingresso indirizzata al personale neo assunto ed alle risorse umane che assumono nuovi incarichi, finalizzata a far acquisire ai destinatari le conoscenze di base funzionali alla nuova posizione di lavoro; la formazione permanente intesa come percorso di verifica ed aggiornamento per tutti i ruoli della rete commerciale con lo scopo di aggiornare e rielaborare le conoscenze di base acquisite con la formazione d ingresso e accrescere le competenze legate al ruolo. Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

17 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Per i dipendenti della Direzione Generale, in relazione alle attività svolte, è stato effettuato l aggiornamento professionale sulle diverse tematiche specialistiche con la partecipazione a corsi di formazione presso società esterne. Inoltre, con l obiettivo di sottolineare lo stretto collegamento tra la struttura centrale e la Rete di Vendita, è stato esteso alle risorse umane delle aree professionali il modulo formativo La gestione della relazione con il cliente interno già erogato, con una prima edizione pilota, nello scorso mese di dicembre. Per i dirigenti viene proposto un percorso di formazione permanente strutturato con: interventi di aggiornamento professionale: seminari su tematiche di cultura aziendale e bancaria con taglio strategico e di largo respiro; moduli strutturati per lo sviluppo delle competenze manageriali su tematiche legate al ruolo e alle responsabilità dei manager. Valorizzare le nostre persone: percorsi di carriera BPVI conferma la sua particolare attenzione alla crescita professionale delle proprie persone, favorendo lo sviluppo delle competenze dei talenti e offrendo le più ampie opportunità per la loro realizzazione all interno della propria struttura. La banca prevede l utilizzo di strumenti per la valutazione annuale delle risorse idonei a garantire: una valutazione oggettiva delle prestazioni personali, sulla base del raffronto tra i risultati conseguiti e dimostrati e gli obiettivi preventivamente concordati; un dialogo aperto e trasparente tra valutato e valutatore; una valutazione delle prospettive individuali, sulla base delle aspirazioni e delle esigenze formative emerse ed espresse dal valutato. Costantemente, BPVI persegue criteri di valutazione delle proprie persone, volti a premiare la professionalità, l intraprendenza, l impegno, la correttezza e la disponibilità, evitando discriminazioni e favoritismi. Nel corso del 2005 sono avvenute 9 promozioni a dirigente (8 uomini e 1 donna) e 35 a quadro (17 uomini e 18 donne). Il riassetto organizzativo della Banca ha, inoltre, reso necessario il trasferimento di 78 persone (174 nel 2004), che, in un ottica di valorizzazione del capitale umano, hanno avuto nuove opportunità di crescita professionale. Promozioni e trasferimenti per qualifica dirigenti quadri impiegati Totale 2005 Totale 2004 donne uomini donne uomini donne uomini donne uomini donne uomini promossi* trasferiti** Totale * entrati nel nuovo inquadramento da inquadramenti inferiori ** si considerano i trasferimenti da/verso altra provincia Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

18 La Relazione Sociale Le Risorse Umane Nel corso del 2005 sono stati confermati 38 contratti di formazione e lavoro e 142 a tempo determinato, dimostrando la grande attenzione e fiducia che la Banca ripone nelle proprie persone. Trasformazioni di contratto quadri impiegati Totale 2005 Totale 2004 donne uomini donne uomini donne uomini donne uomini CFL confermati tempo determinato confermati da part time a full time da full time a part time Totale Sistema di remunerazione e incentivazioni Il sistema retributivo stabilito dal CCNL è integrato da elementi che premiano la crescita professionale e di responsabilità delle risorse umane. Nella nostra Banca è da tempo in essere un sistema d incentivazione volto a stimolare con riconoscimenti economici il contributo dato dai dipendenti al raggiungimento di traguardi non solo economici. Nel corso del 2005 è stata svolta un attività di revisione del sistema incentivante della Rete e della Direzione Generale per renderlo maggiormente coerente con gli obiettivi di budget e per garantire una maggiore attenzione da parte dei gestori sugli aspetti qualitativi, in particolare quelli riferiti alla gestione del credito. In particolare il sistema incentivante per l esercizio 2005 prevede : per la Rete, degli obiettivi definiti sulla base di indicatori di redditività governati dai diversi ruoli professionali. Sono, inoltre, stati previsti alcuni parametri di penalizzazione e maggiorazione dei premi per stimolare gli interessati a focalizzare l attenzione su aspetti ritenuti particolarmente rilevanti, ovvero direttamente correlati alle rispettive posizioni di lavoro; per le strutture centrali, obiettivi quali/quantitativi e valutazioni delle prestazioni cui è correlata l assegnazione dei premi annuali. Infine, è proseguito il processo di revisione retributiva delle figure professionali strategiche per la Banca, tra le quali i ruoli di Direttore di Filiale Capozona e di Consulente Imprese. Relazioni sindacali Nel corso del 2005, il confronto con le organizzazioni sindacali ha consentito di raggiungere importanti risultati sia a livello aziendale sia a livello di Gruppo. In particolare presso la nostra Banca sono stati raggiunti una serie di accordi, tra i quali si segnalano per la loro rilevanza: il piano formativo rivolto ai Consulenti Imprese; Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

19 La Relazione Sociale Le Risorse Umane il trattamento da riservare al personale della società Sevizi Bancari destinatario dell opzione di rientro presso la Banca Popolare di Vicenza che ha deciso di rinunciare ad avvalersi di tale facoltà; la revisione del sistema delle agibilità sindacali, che ha portato alla sottoscrizione di una specifica intesa che ha consentito alla nostra Banca di ridurre sensibilmente le spese precedentemente sostenute; l erogazione, nel corso del 2006, del premio aziendale relativo all esercizio 2005; l attivazione, per gli esercizi 2006 e 2007, del Fondo di Solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale del Credito per agevolare l esodo su base volontaria dei dipendenti prossimi alla maturazione dei requisiti pensionistici. Assenze dal servizio in giorni lavorativi donne uomini Totale donne uomini Totale maternità e cura dei figli congedo non retribuito permessi retribuiti per funz. pub donazione sangue permessi sindacali sciopero malattia altro Totale Per quanto riguarda i motivi di assenza si evidenzia che il 43% è dovuto a maternità, il 41% a malattie ed infortuni, l 8% a motivi sindacali e lo 0,4% a scioperi (quest ultima casistica nel 2004 rappresentava l 8% del totale delle assenze dal servizio a causa del rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale). Complessivamente l incidenza delle assenze dal lavoro si è mantenuta pressoché costante alla luce del complessivo aumento delle risorse impiegate. Il 2005 mostra un evoluzione positiva nel rapporto fra le ore lavorate e il totale delle ore di lavoro passando dall 81,1% del 2004 all 82,5% del 2005, segnando un inversione di tendenza rispetto al precedente esercizio. Ore di assenza ore lavorate assenze per sciopero assenze per ferie, riposi, festività assenze per maternità assenze per malattie, infortunio ore di lavoro incidenza percentuale ore lavorate su ore di lavoro 82,5% 81,1% 81,5% Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

20 La Relazione Sociale Le Risorse Umane L ambiente di lavoro: salute e sicurezza Numero e durata degli infortuni Gli infortuni sul lavoro, fra i lavoratori impiegati in Banca Popolare di Vicenza, presentano storicamente livelli minimi, sia in termini assoluti che negli indici di frequenza e di gravità. Per l esercizio 2005 l analisi dei dati, conferma la positiva tendenza, registrando un ulteriore contrazione sia nei valori assoluti che negli indici di infortunio. Infortuni sul luogo di lavoro Durata media assenze per infortunio (giorni) 11,75 18,86 6,13 Indice di frequenza di infortunio Numero di infortuni (esclusi infortuni in itinere) x / ore lavorate (*) Indice 0,96 3,47 2,05 (*) Numero di infortuni per ogni milione di ore lavorate Indice di gravità di infortunio Giorni di assenza (esclusi infortuni in itinere) x / ore lavorate (**) Indice 0,01 0,07 0,01 (**) Numero di giornate perse per infortunio per ogni mille ore lavorate Igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro (D.Lgs. 626/94 e successive modifiche ed integrazioni) A seguito delle modifiche e integrazioni apportate dal legislatore al decreto 626/94 (decreto 195/03) attinenti alle capacità e ai requisiti professionali richiesti agli addetti ed ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione dei lavoratori, ed in considerazione della necessità di uniformare le strutture SPP (Servizio Prevenzione e Protezione) delle Partecipate, nel marzo 2005 è stata deliberata dal Consiglio di Amministrazione l esternalizzazione del Servizio e della Funzione di Responsabile del servizio per la prevenzione e la protezione alla società COM Metodi, specializzata nel settore sicurezza e salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro e già operativa nel settore bancario con altri importanti Gruppi Bancari italiani. In collaborazione con la società COM Metodi, sono quindi proseguite le attività inerenti l espletamento degli obblighi derivanti dall applicazione del decreto legislativo sopra citato che si concretizzano, principalmente, nella valutazione dei rischi. Il Servizio di Prevenzione e Protezione, completata la valutazione dei rischi, ha quindi svolto, tra le altre, le seguenti attività: analisi della situazione dell intero impianto 626 ed individuazione /pianificazione dei necessari interventi di miglioramento, a livello di Gruppo, con successiva presentazione del piano di azione al Consiglio di Amministrazione; formalizzazione del documento di Governance a livello di Gruppo (linee guida, standard operativi, ecc.); monitoraggio ambientale dei siti risultati più a rischio (19 siti monitorati); Banca Popolare di Vicenza Bilancio Sociale

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli