MANUALE DI EDUCAZIONE STRADALE per le classi V della Scuola Primaria anno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI EDUCAZIONE STRADALE per le classi V della Scuola Primaria anno 2014"

Transcript

1 COMUNE DI VOBBIA (Provincia di Genova) Servizio di Polizia Locale MANUALE DI EDUCAZIONE STRADALE per le classi V della Scuola Primaria anno 2014 Loc. Capoluogo Vobbia (GE) Tel 010/ Fax 010/ P.E.C.:

2 INDICE Indice...Pag. 1 Educazione in Generale..Pag. 2 Composizione della strada..pag. 2 Chi circola sulla strada?....pag. 4 Segnaletica stradale.. Pag. 6 Segnali di pericolo...pag. 7 Segnali di prescrizione...pag. 10 Segnali di obbligo....pag. 12 Segnali di indicazione.....pag. 14 Semafori... Pag. 15 Segnali degli Agenti del traffico. Pag. 17 Segnaletica orizzontale.. Pag. 18 Norme di comportamento....pag. 21 La bicicletta...pag. 21 Il pedone....pag. 25 Soccorso animali feriti...pag. 28 A passeggio con il nostro cane....pag. 31 In conclusione.pag. 34 1

3 COMUNE DI VOBBIA Provincia di Genova Servizio di Polizia Locale Loc. Capoluogo Vobbia (GE) Tel 010/ Fax 010/ P.E.C.: EDUCAZIONE STRADALE EDUCAZIONE IN GENERALE Come già saprete, nella vita occorre rispettare le persone, gli animali, le proprietà altrui e tutto ciò che ci circonda. L educazione è la base del quieto vivere e della vita sociale con le altre persone. Come nella vita, anche sulla strada occorre rispettare tutti gli utenti presenti su di essa. Bisogna ricordare che la strada è un luogo molto pericoloso, pieno di pericoli ed insidie, e se non si rispettassero le regole sull educazione stradale, si rischierebbe di farsi molto male con estrema facilità. Proprio per evitare questa sgradevole situazione, occorre che tutti noi ci impegniamo a fare il possibile per evitare ogni situazione di pericolo che possa cagionare danno a se e agli altri. Questo manuale ha come scopo, il raggiungimento di questo obiettivo, in modo semplice e divertente, e così formare dei perfetti utenti della strada. COMPOSIZIONE DELLA STRADA La strada (o sede stradale) è una superficie, generalmente fatta di asfalto, destinata alla circolazione (movimento, sosta, fermata, arresto) di pedoni, veicoli ed animali ed è composta da più parti: Dalla carreggiata: parte di strada destinata al transito dei veicoli; essa è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata ed ai margini si trovano le strisce che ne segnano il limite (strisce di margine) ed eventualmente il marciapiede. Dalla corsia: parte della strada di larghezza idonea a permettere il transito di una sola fila di veicoli. La corsia, a sua volta, può essere di vari tipi; di marcia (destinata al transito di tutti i veicoli), riservata (destinata alla circolazione esclusiva di una o più categorie di veicoli come ad esempio autobus, taxi, ecc.), di emergenza (utilizzata per le soste di emergenza o transito di veicoli di soccorso ed, eccezionalmente, al movimento dei pedoni, nei casi in cui sia ammessa la circolazione degli stessi). Dalla banchina: è una parte della strada posta fuori dalla carreggiata, si trova oltre la linea bianca continua di margine, non consente il transito dei veicoli; normalmente destinata alla circolazione dei pedoni. 2

4 Dal marciapiede: parte della strada, esterna alla carreggiata, generalmente rialzata o altrimenti delimitata e protetta, destinata alla circolazione dei pedoni. Dall attraversamento pedonale: parte della carreggiata, delimitato da strisce bianche orizzontali parallele tra loro che collega due marciapiedi o due passaggi pedonali. I pedoni che transitano su di essa hanno la precedenza sui veicoli. Dall attraversamento ciclabile: parte della strada delimitato da due strisce parallele bianche e discontinue, destinata al passaggio di ciclisti, con diritto di precedenza sui veicoli. Dalla intersezione stradale: è il cosiddetto incrocio. È quel punto in cui si incrociano due o più strade. L intersezione a raso (normalissimo incrocio) può essere regolato da semaforo. Dal passaggio a livello: è l intersezione tra la strada ed una linea ferroviaria. Dalla pista ciclabile: è una parte di strada riservata alle biciclette, delimitata da due strisce di colore bianco e giallo. Dalla zona di preselezione: tratto di carreggiata, segnalato con strisce discontinue, ove è consentito il cambio di corsia affinché i veicoli possano incanalarsi nelle corsie specializzate prima di giungere in un incrocio. Dalla zona di attestamento: tratto di carreggiata, che si trova dopo una zona di preselezione ed immediatamente prima della linea di arresto, destinato all'accumulo dei veicoli in attesa di via libera. 3

5 CHI CIRCOLA SULLA STRADA? Gli utenti che circolano per le strade sono: i pedoni, animali e veicoli. I pedoni sono le persone che circolano sulla strada senza l utilizzo di alcun tipo di mezzo. Unico mezzo concesso per i pedoni, sono le carrozzine, anche con motore elettrico, utilizzate dai disabili nonché le macchine per uso di bambini, anche con motore elettrico, ma le cui caratteristiche costruttive non rientrino nella categoria dei veicoli. Gli animali sono tutti quegli esseri viventi dotati di moto e sensi. Sulla strada potremmo trovare gli animali domestici (come i cavalli, mucche, gatti, cani, ) o selvatici (come i cinghiali, cervi, lepri, ) od ancora i greggi (come i greggi di pecore). I veicoli sono tutte le macchine di qualsiasi specie che circolano sulla strada guidate dall uomo. Come già detto, non sono considerate macchine le carrozzine, anche con motore elettrico, utilizzate dai disabili nonché le macchine per uso di bambini, anche con motore elettrico, ma le cui caratteristiche costruttive non rientrino nella categoria di veicoli. I veicoli si classificano in varie categorie. Vediamo le più comuni: Veicoli a Braccia: sono trainati o spinti dall uomo a piedi (come la carriola) Veicoli a trazione animale: sono trainati da uno o più animali (come le carrozze) Ciclomotori: sono veicoli a 2, 3 o 4 ruote ed un motore con cilindrata non superiore a 50 cm cubici, possono raggiungere una velocità di 45 Km/h e possono essere guidati se si ha almeno 14 anni con patente di categoria AM 4

6 Motoveicoli: sono i veicoli con 2, 3, o 4 ruote con cilindrata superiore a 50 cm cubici. I motoveicoli più in uso sono i motocicli (come le vespe, o la moto del pilota Valentino Rossi). L età che occorre per poterli guidare, varia a secondo della potenza della moto. Autovetture: sono un tipo di autoveicolo destinato al trasporto delle persone, fino a 9 posti compreso il conducente (come l auto di papà). Autobus: sono un tipo di autoveicolo anch esso destinato al trasporto di persone che hanno più di 9 posti. Un tipo particolare di autobus è lo scuolabus di colore giallo. Autocarro: sono un tipo di autoveicolo destinato al trasporto di cose e non di persone. Non può portare più di 3 persone compreso il conducente 5

7 Bicicletta (detta velocipede): anche la bicicletta rientra nella grande categoria dei veicoli. Quindi, ricordate che quando guidate una bicicletta, state guidando un veicolo e dovrete rispettare le stesse norme previste. Le biciclette sono veicoli con due o più ruote funzionanti a forza esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare. SEGNALETICA STRADALE La segnaletica stradale è il sistema attraverso il quale gli utenti della strada vengono informati sui comportamenti da adottare per circolare in sicurezza. È vietato rimuovere, spostare o imbrattare la segnaletica stradale, inoltre spostarla può comportare pericolo grave per gli altri utenti della strada. La segnaletica stradale si suddivide in: a) segnali verticali: costituiti da cartelli indicanti un pericolo, prescrizione (precedenza, divieto, obbligo) o una indicazione; b) segnali orizzontali: segni dipinti sulla pavimentazione stradale; c) segnali luminosi: semafori (dette lanterne semaforiche); d) segnali complementari: questi sono segnali utili per integrare l altra segnaletica. Accanto ai segnali elencati qui sopra, si aggiungono anche i segnali degli agenti del traffico (od organi di Polizia Stradale), i quali indicano i comportamenti ai quali gli utenti si dovranno attenete in modo rigoroso. Fra i segnali stradali esiste una gerarchia: al vertice si trovano le segnalazioni degli agenti del traffico, le quali prevalgono su ogni tipo di segnale stradale (semaforo, verticale od orizzontale); poi le prescrizioni dei segnali semaforici che, ad 6

8 eccezione della luce lampeggiante gialla, prevalgono su quelle verticali ed orizzontali che regolano la precedenza (ma non sulle segnalazioni degli agenti del traffico); infine le prescrizioni dei segnali verticali prevalgono su quelle dei segnali orizzontali. Quindi, ogni volta che un Agente preposto alla direzione del traffico impartisce una segnalazione, occorre seguire la sua indicazione, sempre prestando la massima prudenza. I segnali verticali si dividono per forma e colore. Dunque, avremmo i triangolari a fondo bianco, bordo rosso e disegno nero ad indicare un pericolo; i rotondi a fondo bianco, bordo rosso e disegno nero ad indicare un divieto; i rotondi a fondo blu e disegno bianco ad indicare un obbligo ed in fine i quadrati o rettangolari per dare indicazioni. SEGNALI DI PERICOLO I segnali di pericolo, ci avvisano di un potenziale pericolo sulla strada e ci invitano a procedere la marcia con prudenza. Sono triangolari a fondo bianco, bordo rosso e disegno nero. Vediamo i più utili a noi: Strada deforme Segnala un tratto di strada deformata con pavimentazione pericolosa. Occorre prestare massima prudenza, ad esempio ci potrebbero essere delle buche. Dosso Presegnala un tratto di salita seguito da uno in discesa. È vietato il sorpasso nel tratto in salita, l inversione di marcia, la sosta e la fermata sia nei tratti in salita che in discesa. Cunetta Presegnala una discesa seguita da una salita. È necessario moderare la velocità per mantenere il controllo del veicolo 7

9 Curva pericolosa Presegnala un tratto di strada non rettilinea pericoloso. È vietato sorpassare, fare retromarcia, inversione di marcia, fermarsi e sostare. Passaggio a livello con e senza barriere Presegnala un attraversamento ferroviario posto a 150 m. il segnale è integrato con dei pannelli distanziometrici ogni 50 metri. Il primo a tre barre rosse, il secondo 2 e l ultimo una. Prestare massima prudenza arrivati all intersezione e controllare la segnalazione acustica e luminosa di colore rosso. Se lampeggia e/o suona fermarsi perché sta per transitare un treno. Strettoia Presegnala un restringimento della carreggiata su entrambi i lati per quella simmetrica o solo uno per l asimmetrica. Occorre moderare la velocità e facilitare l incrocio con gli altri veicoli provenienti dal lato opposto 8

10 Banchina pericolosa Presegnala un tratto di strada con banchina cedevole. Per evitare di cadere occorre moderare la velocità e non avvicinarsi troppo al margine destro della strada. Bambini Presegnala un tratto di strada frequentato da bambini. Si può trovare vicino alle scuole, parchi, giardini. Prestare particolare attenzione, non sorpassare i veicoli perché potrebbero attraversare improvvisamente i bambini. Dare a loro precedenza. Animali domestici o selvatici vaganti Presegnala la possibilità che possano attraversare la strada degli animali. Occorre fare attenzione e non spaventare gli animali se presenti sulla strada. Ricordare di portargli rispetto. Doppio senso di circolazione Indica che il tratto di strada è a doppio senso di circolazione, quindi si potranno incrociare veicoli provenienti dalla direzione opposta. 9

11 SEGNALI DI PRESCRIZIONE I segnali di prescrizione sono posti nel punto in cui ha inizio la prescrizione e possono essere ripetuti dopo ogni intersezione con l aggiunta del pannello integrativo CONTINUA. Al termine della prescrizione viene ripetuto lo stesso segnale con il pannello integrativo FINE, tranne nei casi in cui esiste uno specifico segnale di fine o quando la prescrizione finisce con l intersezione. Questi tipi di segnali, a loro volta si suddividono in tre gruppi: precedenza, divieto e obbligo. Senso unico Indica che la strada che si sta percorrendo è a senso unico, da seguire solamente nel senso della freccia. Ricordatevi che anche la bicicletta non può andare nel senso opposto in quanto è un veicolo Senso vietato Si trova al lato opposto del senso unico, e stabilisce che non si può imboccare quella strada in contromano. Dare precedenza e stop Si trovano in prossimità di un incrocio. Stabiliscono che la strada che si sta percorrendo deve dare precedenza ai veicoli che provengono dall altra parte dell incrocio. 10

12 Limite massimo di velocità Indica la velocità massima consentita Divieto di transito ai pedoni Vieta di percorrere la strada solamente ai pedoni, consentendo invece il transito a tutti gli altri veicoli (comprese le biciclette) Divieto di transito ai velocipedi Vieta il transito su quella strada solamente alle biciclette 11

13 SEGNALI DI OBBLIGO I segnali di obbligo sono un tipo particolare di segnale di prescrizione. Sono diretti a tutti gli utenti della strada ed impongono uno specifico comportamento. Direzione obbligatoria Posti prima di un incrocio obbligano il conducente a proseguire solo nella direzione consentita dalla freccia (dritto, destra o sinistra) Direzioni consentite Indicano le uniche direzioni consentite in prossimità ad un incrocio 12

14 Passaggio obbligatorio Obbligano il conducente a passare a destra o a sinistra di un ostacolo presente sulla sede stradale Percorso pedonale e fine Indica l inizio di un viale, area, percorso pedonale. Implica il divieto di transito per tutte le altre categorie di utenti della strada (anche biciclette). Quando vi è disegnata una barra rossa trasversale, indica la fine del percorso riservato ai pedoni Pista ciclabile e fine Indica l inizio o il proseguimento di un percorso, una corsia, una pista riservata alle biciclette. Quando vi è disegnata una barra rossa trasversale, indica la fine della pista ciclabile Pista ciclabile accanto a marciapiede Indica l inizio o il proseguimento di un percorso, una corsia, una pista riservata alle biciclette affiancata da marciapiede. Quando vi è disegnata una barra rossa trasversale, indica la fine della pista 13

15 Percorso pedonale e ciclabile Indica l inizio o il proseguimento di un percorso o viale riservato solo al transito di biciclette e pedoni SEGNALI DI INDICAZIONE Sono segnali che informano gli utenti della strada sulla corretta e sicura circolazione oltre ad indicare itinerari, località, servizi ed impianti. Vediamone solamente alcuni: Attraversamento pedonale Si trova in corrispondenza delle strisce pedonali Attraversamento ciclabile Segnala che una pista ciclabile attraversa la strada ed è abbinato alle strisce orizzontali relative Scuolabus Posto sul bordo di un marciapiede indica la fermata di un autobus per trasporto di scolari. Se collocato all esterno di un autobus, indica che lo stesso è destinato al trasporto di scolari. 14

16 SEMAFORI I semafori (o lanterne semaforiche) fanno parte della segnaletica luminosa ed hanno il compito di regolare l avanzamento dei veicoli in corrispondenza di un incrocio. Il messaggio è indicato dal colore della luce. Vediamo assieme i segnali che possiamo trovare con maggiore frequenza nelle nostre città: Lanterne semaforiche verticali normali: Luce verde: Luce gialla: Indica il via libera. Prima di partire, dopo che è scattata la luce verde del semaforo, il conducente (anche della bicicletta) deve attendere che i pedoni abbiano finito di attraversare la strada. Si può proseguire dritto, se si svolta a destra è obbligatorio dare precedenza ai pedoni che attraversano la strada. Se si svolta a sinistra è obbligo dare precedenza ai veicoli provenienti dal senso opposto ed hai pedoni che attraversano la strada La luce gialla fissa si accende appena si spegne il verde e si spegne prima che si accenda il rosso. Obbliga di fermarsi prima del punto di arresto. Obbliga chi ha già impegnato l incrocio di sgombrarlo al più presto. È possibile trovare la luce gialla lampeggiante quando le altre sono spente: è un segnale di pericolo generico. E consente il passaggio usando la massima prudenza. 15

17 Luce rosa: indica l obbligo di arrestarsi e non oltrepassare la striscia trasversale di arresto disegnata sulla strada. Lanterne semaforiche pedonali: Regola l attraversamento pedonale negli incroci. Il significato delle luci è lo stesso dei semafori veicolari appena spiegati. Lanterne semaforiche per biciclette: Semaforo riservato alle biciclette, si trova all uscita di una pista ciclabile e destinato a regolare l attraversamento della carreggiata dei soli ciclisti. Le luci hanno gi stessi colori e significato dei semafori verticali. 16

18 SEGNALAZIONI DEGLI AGENTI DEL TRAFFICO Quando vediamo un agente del traffico (poliziotto, vigile carabiniere,) occorre che prestiamo attenzione alle segnalazioni che fa. Ricordiamoci che le segnalazioni fatte dagli agenti del traffico, sostituiscono tutti gli altri segnali, persino il semaforo. Vediamo adesso alcune posizioni che l agente può compiere: L agente che si dispone di profilo con le braccia aperte (cioè se lo vediamo di lato): possiamo passare perché equivale al VERDE del semaforo L agente con braccio alzato verticalmente: ci dobbiamo fermare in condizioni di sicurezza, prima della linea di arresto, oppure sgombrare l incrocio se questo è già stato impegnato. Equivale al GIALLO del semaforo L agente che si dispone con braccia aperte nella nostra direzione: dobbiamo fermarci perché equivale al ROSSO del semaforo. L agente, una volta dato il segnale, può abbassare le braccia e rimanere in mezzo alla strada. L agente disposto con le braccia ad angolo retto: vieta di proseguire dritto ai veicoli che vengono di fronte, ferma anche i veicoli provenienti dalla sua destra e dalle spalle. Consente ai veicoli provenienti dalla sua sinistra di proseguire dritto, di svoltare a sinistra e a destra. 17

19 SEGNALETICA ORIZZONTALE I segnali orizzontali sono strisce, simboli ed latri segni tracciati sulla strada, essi servono per regolare la circolazione, fornire informazioni ed indicazioni utili per particolari comportamenti da seguire. Vediamo assieme quelli più frequenti: STRISCIA LONGITUDINALE CONTINUA DI MEZZERIA e CONTINUE DI MARGINE: Le strisce continue NON POSSONO essere oltrepassate STRISCIA LONGITUDINALE TRATTEGGIATA DI MEZZERIA e CONTINUE DI MARGINE: Le strisce tratteggiate POSSONO essere oltrepassate ESEMPIO DI SEGNALETICA SU INTERSEZIONE: notare la strada principale (le strisce tratteggiate POSSONO essere oltrepassate) DOPPIA STRISCIA CONTINUA DI MEZZERIA e CONTINUE DI MARGINE: non è consentito il superamento della doppia striscia continua di mezzeria CORSIE RISERVATE: due corsie per ogni senso di marcia + due corsie riservate ai velocipedi 18

20 STRISCIA TRASVERSALE D ARRESTO: indica il punto in cui bisogna fermarsi su un'intersezione STRISCIA TRASVERSALE DI DARE PRECEDENZA: indica il punto in cui bisogna fermarsi su un'intersezione per dare la precedenza (se la strada è libera non è necessario fermarsi) ATTRAVERSAMENTO PEDONALE: quando i pedoni attraversano la strada sopra questa zona hanno sempre la precedenza sui veicoli in marcia sulla strada. Ma assicuratevi sempre che i veicoli vi diano la precedenza FRECCIA DIREZIONALE: posta sulle corsie di canalizzazione 19

21 VELOCIPEDI: posto su una pista ciclabile RALLENTATORI OTTICI: indicano che si deve rallentare DOSSO ARTIFICIALE DI RALLENTAMENTO: costringe gli utenti a rallentare (è posto in punti pericolosi). È un manufatto in rilievo. Quindi andate piano per attraversarlo, perché, in bicicletta, preso ad alta velocità, potrebbe farvi cadere per perdita di aderenza 20

22 NORME DI COMPORTAMENTO LA BICICLETTA Come abbiamo già detto, anche le biciclette sono dei veicoli (il codice della strada le chiama con un nome particolare velocipede ) e come tali, devono rispettare tutte le norme, segnali e prescrizioni che sono previste per tutti gli altri veicoli. La bicicletta per circolare sulle strade in modo sicuro deve essere munita di: FRENI per la ruota anteriore e per la posteriore CAMPANELLO per le segnalazioni acustiche LUCI ANTERIORI (bianche) LUCI POSTERIORI (rosse) CATARINFRANGENTI A cosa servono le parti dell'equipaggiamento? - Gli pneumatici che circondano la ruota sono il sostegno per il telaio, e grazie alla camera d aria, ammortizzano lievemente dalle prosperità del terreno. - Puoi scegliere la direzione girando il manubrio, che è collegato alla ruota anteriore. - Con i pedali dai movimento alla catena, che fa girare le ruote. - I freni più comuni sono detti a pinza; si trovano sia sulla ruota anteriore che posteriore. Ti consiglio, per frenate improvvise, di utilizzare prima il freno posteriore, altrimenti potresti trovarti catapultato sull'asfalto! - Lo specchietto retrovisore non è obbligatorio, ma ti occorre per controllare chi ti segue, soprattutto quando devi operare dei cambi di direzione. - Il campanello è obbligatorio e lo utilizzi per segnalare un pericolo, o la tua presenza in caso di necessita non per fare festa! - Il fanale è obbligatorio solo se viaggi di notte - Il catarifrangente posteriore non ha luce propria, ma ti rende visibile di notte quando viene investito da un fascio luminoso. Ricordate che prima di mettersi in marcia è bene eseguire un piccolo check up (controllo) della bicicletta: 21

23 controllare lo stato di pneumatici e cerchioni, verificando l'usura del battistrada, la pressione della camera d'aria, la tensione dei raggi; controllare lo stato di efficienza dei freni; verificare il perfetto funzionamento dei dispositivi d'illuminazione (luci anteriori e posteriori) se l'uso avviene in caso di scarsa visibilità; infine, è conveniente tenere sempre un piccolo contenitore, magari sotto la sella, con l'occorrente per riparare un'eventuale foratura; Anzitutto, appena salite su una bicicletta, se avete meno di 14 anni, dovrete indossare un casco protettivo. Quando siete in bicicletta, dovrete procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in più di due; quando circolate fuori dai centri abitati dovete sempre procedere su unica fila, salvo che uno di voi sia minore di anni dieci, il quale dovrà procedere sulla destra dell'altro più grande. Comunque, dovrete sempre mantenere rigorosamente la destra, mentre quando dovrete svoltare a sinistra, vi dovete portare al centro della carreggiata e dare la precedenza ai veicoli che provengono dal lato opposto prima di completare la manovra. Ricordate che dovrete avere libero l'uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio con entrambe le mani, potrete togliere una mano, solamente quando farete le segnalazioni di cambio di direzione e comunque dovrete reggere il manubrio con l altra mano; dovrete essere in grado in ogni momento di vedere liberamente davanti e ai due lati. Non dovete andare senza mani sul manubrio. Le asperità della strada (buche, pietre, ) potrebbero far sobbalzare la ruota e farvi cadere NO È vietato trainare altri veicoli, o farsi trainare. Dovrete condurre il veicolo a mano quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo per i pedoni. In tal caso sarete considerati a tutti gli effetti dei pedoni. 22

24 E' vietato trasportare altre persone sul velocipede a meno che non sia appositamente costruito ed attrezzato come i cosiddetti tandem. E' consentito al conducente maggiorenne di trasportare un bambino fino a otto anni di età, opportunamente assicurato con seggiolino. Quando circolate fuori dai centri abitati di notte e, anche di giorno nelle gallerie, dovrete indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità. Inoltre, sempre nelle ore notturne o in caso di scarsa visibilità a causa delle condizioni atmosferiche, se le biciclette sono prive dei dispositivi di segnalazione visiva (le luci e i catarifrangenti), non possono essere utilizzate, ma solamente condotte a mano. Fate attenzione alle auto parcheggiate, i conducenti potrebbero aprire improvvisamente la portiera e voi potreste andarci a sbattere contro. Dovete sempre evitare improvvisi scarti, ovvero movimenti a zig-zag che potrebbero recare pericolo per se e gli altri. Dovrete segnalare tempestivamente, con il braccio, la manovra di svolta a sinistra, di svolta a destra e di fermata che intendete effettuare: la fermata la si segnala alzando il braccio verticalmente al proprio corpo la svolta a destra, tenendo teso il braccio destro la svolta a sinistra, la si segnala tendendo il braccio sinistro 23

25 E vietato trasportare oggetti che non siano solidamente assicurati, che sporgano lateralmente della bicicletta o dai lati oltre i cinquanta centimetri, oppure che impediscano o limitino la vostra visibilità. Entro questi limiti, è consentito il trasporto di animali purché custoditi in apposita gabbia o contenitore. Per sorpassare assicurati di non avere veicoli dietro di te Se devi girare a sinistra, sporgi il braccio sinistro per segnalare la manovra e inizia il sorpasso Tieniti almeno ad un metro di distanza da chi stai superando Effettua il sorpasso sempre sulla sinistra e non a destra 24

26 Chi ha la precedenza? occorre darla sempre: ai veicoli provenienti dalla propria destra; a tutti i veicoli se c'è per noi un segnale di STOP o di DARE PRECEDENZA; ai veicoli che circolano su rotaia; svoltando a sinistra, ai veicoli provenienti dalla direzione opposta; ai pedoni sugli attraversamenti pedonali; uscendo da un passo carrabile; inserendosi nel traffico, provenendo da sentieri, mulattiere e piste ciclabili; ai ciechi, riconoscibili dal bastone bianco; agli animali, se appaiono spaventati; Purtroppo, anche ai prepotenti che non rispettano il nostro diritto di precedenza IL PEDONE Anche il pedone è un utente della strada, e come tale deve rispettare le norme di comportamento sulla strada per evitare che incorra in eventuali pericoli per la propria sicurezza. Dunque, quando stiamo andando in giro per strada a piedi, dovremo circolare sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi destinati alla nostra circolazione; qualora questi manchino, siano occupati, interrotti o insufficienti, dovremmo camminare sul margine della carreggiata opposta al senso di marcia dei veicoli. Anche fuori dei centri abitati i pedoni hanno l'obbligo di circolare in senso opposto a quello di marcia dei veicoli se non vi è il marciapiede, mentre dovremmo camminare e sul margine destro rispetto alla direzione di marcia dei veicoli quando si tratti di carreggiata a senso unico di circolazione priva di marciapiede. Di notte, se dovessimo camminare sulla carreggiata di strade esterne ai centri abitati, prive di illuminazione pubblica, dovremmo camminare su unica fila, è bene indossare un giubbotto o delle bretelle retro flettenti e/o sarebbe buona norma utilizzare una torcia per illuminare la strada e segnalare la nostra presenza. 25

27 Ogni volta che dobbiamo attraversare la strada, dovremo farlo camminando sulle strisce pedonali (detti attraversamenti pedonali); nel caso in cui non esistano o distino più di 100 m da noi, dovremo attraversare con estrema attenzione, dando la precedenza ai veicoli e non attraversando diagonalmente rispetto la strada. Bisogna ricordare, che ogni volta che si attraversa una strada, occorre prestare sempre massima attenzione (anche se ci sono le strisce ed il semaforo), bisogna guardare prima alla propria sinistra, per vedere se sopraggiungono dei veicoli e poi a destra, e poi nuovamente a sinistra ed attraversare solamente se non vi sono veicoli o se essi si fermano per farci passare. Quando siamo in gruppo, non dobbiamo sostare o indugiare sulla carreggiata, sui marciapiedi, sulle banchine o presso gli attraversamenti pedonali, in quanto si causerebbe intralcio al transito normale degli altri pedoni. Quando siamo da una fermata dell autobus e vogliamo attraversare la strada, non dobbiamo farlo passando dalla parte anteriore dell autobus, ma da dietro. Le macchine per uso di bambini possono circolare nelle aree riservate ai pedoni, sempre se consentito dal Comune. Con le tavole da skateboard, pattini, monopattini ed altri strumenti che possano accelerare la propria andatura, non è consentito andare sulla carreggiata. Potete andare sul marciapiede se vi è spazio sufficiente, a moderata velocità e non rechiate pericolo nei confronti degli altri pedoni. 26

28 Mentre un ciclista potrà condurre la propria bicicletta sulla carreggiata e non sul marciapiede, in quanto è un veicolo. 27

29 SOCCORSO ANIMALI FERITI Gli animali, sono esseri viventi dotati di moto e sensi. Quindi, da un punto di vista biologico, anche l uomo appartiene a questa categoria. Ma nell uso corrente, utilizzando questo termine ci si riferisce a quegli animali che non hanno avuto uno sviluppo intellettivo avanzato come quello dell uomo. Secondo una teoria erronea (detta della ragione teorica), la differenza tra l uomo ed il resto degli animali risiederebbe nella ragione teorica e nella volontà, che è libera e capace di amare, in quanto proprie dell uomo. Ma chi ha avuto a che fare con gli animali, sa benissimo che una spiegazione del genere è del tutto errata, in quanto, anch essi hanno un pensiero, un sentimento e tanta capacità di amare e volerci bene. Quindi, unica differenza tra uomo ed il resto degli animali risiede solamente in un elemento quantitativo, dovuto a uno sviluppo intellettivo più avanzato da parte dell uomo, secondo le teorie evoluzionistiche, avvenuto prevalentemente per merito della presenza del pollice opponibile nella nostra anatomia umana. Proprio perché anche gli animali hanno una capacità di provare i sentimenti, tra cui il dolore, disperazione, solitudine, sofferenza, ansia, paura, noi, in quanto esseri umani di una società civilizzata e capaci di comprendere il sentimento ed il dolore degli altri esseri viventi che si trovano dinanzi a noi, abbiamo l obbligo di proteggerli e soccorrerli se ne dovessero avere bisogno. Dunque, quando vedremo un animale ferito per la strada, o in altro luogo, abbiamo l obbligo morale, ma anche giuridico, di soccorrerlo, anche semplicemente chiamando aiuto. In caso di animale ferito, potremmo chiamare il numero a pagamento attivo dal primo agosto 2013 e per ora funzionante solamente nelle seguenti Regioni: Liguria, Toscana, Marche, Campania, Basilicata, Piemonte, Sardegna, Emilia Romagna e Lombardia. 28

30 Ove non riusciste a contattare questo numero, nel territorio della Provincia di Genova, si può contattare il numero di Animal Assistance in Via della Libertà 2/a c.a.p Genova. Altrimenti contattate il 118 Per gli animali selvatici, sempre nell ambito della Provincia di Genova, potete contattare il numero oppure la Polizia Provinciale di Genova , questi ultimi si occupano prevalentemente delle specie cosiddette ungulati (cioè mammiferi che appoggiano il proprio peso corporeo sulla punta delle dita, che hanno perciò sviluppato le unghie a guisa di zoccoli per proteggersi dalla usura. Come i cinghiali, cervi, daini, ) Se invece dovessimo imbatterci in un animale abbandonato nell ambito del territorio dell Azienda Sanitaria 3 Genovese, dovremmo contattare la Croce Bianca Genovese Soccorso Animali al numero oppure oppure possiamo 29

31 chiamare la Polizia Locale del Comune in cui ci troviamo, i quali faranno intervenire gli organi competenti. RICORDATE CHE NOI ABBIAMO L OBBLIGO DI AIUTARE UN POVERO ANIMALE QUANDO NE HA BISOGNO AGLI ANIMALI, COME A CHIUNQUE, VA PORTATO SEMPRE E COMUNQUE IL MASSIMO RISPETTO, LO STESSO CHE PRETENDIAMO NOI DA PARTE DEGLI ALTRI 30

32 A PASSEGGIO CON IL NOSTRO CANE Passeggiare con il nostro cane è certamente una delle attività più belle e piacevoli che ci possano essere. Anche se non sempre lo sono a causa del brutto tempo o dell obbligo di raccogliere i loro bisognini. E' molto importante portare il nostro cane a passeggio, per tenerlo in forma sia fisicamente che mentalmente, ed anche per prendere confidenza con lui in ambiente non casalingo, maturando esperienza per prenderti cura del tuo amico al meglio. Bisogna ricordare che il padrone è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell'animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali o cose provocati dall'animale stesso. Chiunque, a qualsiasi titolo, accetti di detenere un cane non di sua proprietà ne assume la responsabilità per il relativo periodo. Quando portiamo a passeggio il nostro cane dovremo obbligatoriamente utilizzare un guinzaglio corto, lungo al massimo 1,5 metri, quando si trova nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico (ad eccezione per quelle zone dedicate ai cani segnalate dal Comune). 31

33 Dobbiamo anche portare sempre con noi la museruola rigida o morbida: questa va applicata se ci sono rischi per la sicurezza di persone o altri animali, ma anche su richiesta delle autorità (come ad esempio dei vari Agenti di Polizia). Dobbiamo anche obbligatoriamente avere con noi tutti gli strumenti necessari (paletta e sacchetto) per la raccolta dei bisognini dei nostri amici a quattro zampe. Ricordiamoci che ogni volta che il nostro cane fa il bisognino, dovremmo raccoglierlo con l apposita paletta e metterlo nel sacchetto. Ogni volta che passeggiamo sul ciglio della strada con il nostro cagnolino, è bene tenerlo dal lato esterno della strada e non dare troppo guinzaglio, in modo che noi ci poniamo tra lui e la strada, in questo modo si riuscirà a prevenire con maggiore possibilità un suo eventuale improvviso scatto in mezzo alla strada ed evitare un eventuale tragedia. 32

34 Fate in modo che abbia sempre indosso un collare con una medaglietta sulla quale ci sia inciso il suo nome ed il vostro numero di telefono. In questo modo, se dovreste smarrirlo, sarà più facile contattarvi da parte di chi lo trovasse. 33

35 IN CONCLUSIONE Ragazzi, ricordatevi che per andare per strada occorre giudizio, prudenza e responsabilità, è sufficiente anche un solo attimo di distrazione o incoscienza per far male a se e agli altri. Sappiate che gli Agenti di Polizia Stradale sono vostri amici e sono sempre pronti ad aiutarvi. sempre se fate i bravi! Esistono vari organi di Polizia Stradale preposti alla direzione del traffico, i più comuni sono: Polizia di Stato Polizia Locale (conosciuta come Polizia Municipale o Vigili) Arma dei Carabinieri Tanti saluti da Gabriele e Manuela Relatore: Ag. Gabriele Ricci 34

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA Non fa rumore Non inquina Occupa poco spazio La bicicletta ( velocipede per il codice della strada ) e le regole per circolare sulla strada La bicicletta e i dispositivi

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice.- Con l avvento della primavera, si incrementa l

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali 03001) Ciascuno dei pannelli integrativi n. 121 V01) indica la distanza tra il segnale di pericolo sotto

Dettagli

Manuale di educazione stradale per la scuola primaria

Manuale di educazione stradale per la scuola primaria Manuale di educazione stradale per la scuola primaria La Polizia Municipale e il Sindaco Daniele Ruscigno ti augurano buon lavoro nel percorso di Educazione Stradale. III Classe PRIMARIA PROCEDURE E SETTING

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI!

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! LA BICICLETTA non consuma non inquina non fa rumore non ingombra riduce il traffico rispetta l'ambiente è economica è veloce migliora la

Dettagli

Città di Imola. Polizia Municipale di Imola

Città di Imola. Polizia Municipale di Imola Città di Imola Polizia Municipale di Imola Introduzione Indice: Introduzione La bici ieri e oggi Evoluzione della bicicletta Come scegliere la bicicletta? Il ciclista le sue regole E vietato Cosa dice

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

L educazione stradale modulo

L educazione stradale modulo 7 L educazione stradale modulo L educazione stradale si pone l obiettivo di disciplinare la circolazione stradale nel rispetto della propria sicurezza, della sicurezza degli altri e dell ambiente Il nuovo

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

Cosa può fare un pedone il cui percorso è ostruito da una macchina parcheggiata sul marciapiede?

Cosa può fare un pedone il cui percorso è ostruito da una macchina parcheggiata sul marciapiede? Abbiamo chiesto all Ufficio Educazione Stradale della Polizia Locale di Milano di rispondere ad alcune domande su come il CODICE della STRADA (CdS) e il REGOLAMENTO di POLIZIA URBANA (RPU) regolamentano

Dettagli

supporto all insegnamento della segnaletica stradale per le terze, quarte e quinte elementari

supporto all insegnamento della segnaletica stradale per le terze, quarte e quinte elementari I SEGNALI STRADALI Consorzio di Polizia Municipale dell Isola supporto all insegnamento della segnaletica stradale per le terze, quarte e quinte elementari A cura del commissario aggiunto di P.L. Raffaele

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

F00400 Fig 4 Curva a destra. Doppia croce di S. Andrea. F01500 Fig 15 Discesa pericolosa. F02200 Fig 22 Strada sdrucciolevole

F00400 Fig 4 Curva a destra. Doppia croce di S. Andrea. F01500 Fig 15 Discesa pericolosa. F02200 Fig 22 Strada sdrucciolevole Il codice dei cartelli è composto da: la sigla che si trova sotto ogni figura, : es F00100 (sull è indicata la figura del C.d.S.). Una prima lettera che identifica il formato: R = ridotto, P = piccolo,

Dettagli

MANUALE DI PREPARAZIONE ALL ESAME, CON SCHEDE DI VERIFICA SUL RETRO,

MANUALE DI PREPARAZIONE ALL ESAME, CON SCHEDE DI VERIFICA SUL RETRO, MANUALE DI PREPARAZIONE ALL ESAME, CON SCHEDE DI VERIFICA SUL RETRO, PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI IDONEITA ALLA GUIDA DEI CICLOMOTORI Dedicato a Rita Baldini, un amica prematuramente scomparsa

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA MATERNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MORETTA

Dettagli

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA Questa brochure nasce con un obiettivo importante: fornire agli automobilisti e ai cittadini consigli utili

Dettagli

EDUCAZIONE STRADALE CARREGGIATA. marciapiedi. corsia corsia. riservata

EDUCAZIONE STRADALE CARREGGIATA. marciapiedi. corsia corsia. riservata EDUCAZIONE STRADALE L Educazione Stradale nella scuola secondaria di primo grado ha come oggetto la conoscenza dei principi della sicurezza stradale, nonché delle strade, della segnaletica, delle norme

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

La strada. maestra di vita

La strada. maestra di vita Scuola Secondaria di I grado Istituto Maria Ausiliatrice via Cardinal Ferrari, 7 Castellanza - VA La strada maestra di vita La circolazione sulla strada è diventata più difficile e pericolosa a causa del

Dettagli

QUIZ PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI

QUIZ PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI 1 CAPITOLO 1 - Segnali di pericolo 01001) Il segnale n. 1 V01) preavvisa un tratto di strada con pavimentazione irregolare V02) preavvisa un tratto di strada

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

BICI SICURA. www.liberalabici.it per non farsi investire usando la bicicletta. ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta

BICI SICURA. www.liberalabici.it per non farsi investire usando la bicicletta. ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta BICI SICURA ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta 11modi per non farsi investire usando la bicicletta Liberalabici Associazione Cicloecologista Conegliano INTRODUZIONE Questa piccola

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastruttur e Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Ufficio Mobilità Ciclabile

Dettagli

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastrutture Politiche per la Mobilità Ufficio Mobilità Ciclabile Via Emilia San Pietro, 12 - RE Orario: su appuntamento

Dettagli

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici A cura di: Sandro Nicoloso Cosa dice il codice della strada? Art. 189. Comportamento in caso di incidente

Dettagli

UN BELLA FILASTROCCA SUL SEMAFORO.

UN BELLA FILASTROCCA SUL SEMAFORO. UN BELLA FILASTROCCA SUL SEMAFORO. Il vigile urbano di Gianni rodari Chi è più forte del vigile urbano? Ferma i tram con una mano. Con un dito, calmo e sereno, tiene indietro un autotreno: cento motori

Dettagli

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE Massimo Valentini GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE 9 a EDIZIONE - NOVEMBRE 2005 ISBN 88-8482-142-8 EGAF EDIZIONI SRL - 47100 FORLÌ - VIA F. GUARINI 2 - TEL. 0543/473347 - FAX 0543/474133 - WWW.EGAF.IT LA

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Cycling with safety PRINCIPALI INCIDENTI IN BICICLETTA Quando esiste la pista ciclabile è obbligatorio utilizzarla. Se non utilizzi la pista ciclabile quando è presente, vi è una

Dettagli

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Fiab AdB Gruppo Cicloescursionistico Massa Lombarda Lugo - Ravenna INTRODUZIONE Questa piccola guida

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Ambiente Questa piccola guida vuole tentare una classificazione delle più frequenti situazioni di rischio

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta!

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! Premessa Premessa In auto Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! In bicicletta pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 15 pag. 21 pag. 23 In Italia, ogni anno,

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE Massimo Valentini GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE con quiz per argomento Per conseguire il certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori (patentino), redatto alla luce dei quiz ministeriali e aggiornato

Dettagli

GUIDA PER INSEGNANTI

GUIDA PER INSEGNANTI PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Mobilità e Trasporti CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE Classe II elementare COGNOME NOME CLASSE GUIDA PER INSEGNANTI DISEGNO LA MIA STRADA a cura di: Luciano

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

La sicurezza nel trasporto delle persone

La sicurezza nel trasporto delle persone TRASPORTO SANITARIO Obiettivi definire i principi della sicurezza della circolazione stradale; fornire cenni di segnaletica stradale; definire la velocità pericolosa e le regole di utilizzo dei sistemi

Dettagli

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista Le nostre regole d oro Si parte! Fatevi valere come ciclista. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine

Dettagli

per i piccoli Ma dove vai se le Regole non le sai? l educazione stradale il giusto comportamento da pedone e ciclista nei percorsi di tutti i giorni

per i piccoli Ma dove vai se le Regole non le sai? l educazione stradale il giusto comportamento da pedone e ciclista nei percorsi di tutti i giorni damica per i piccoli 2010-2011 Ma dove vai se le Regole non le sai? Comune di Montecatini Terme Polizia Municipale StradAmica Impariamo l educazione stradale il giusto comportamento da pedone e ciclista

Dettagli

GUIDA PER INSEGNANTI

GUIDA PER INSEGNANTI Assessorato alla Mobilità e Trasporti CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE II ciclo (classe IV a elementare) GUIDA PER INSEGNANTI a cura di: Luciano Marini, Daniele Masiero, Dino Sabbadin e Lucia

Dettagli

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW 1 novembre 2012 Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW Dal 1 novembre 2012, saranno introdotti alcuni cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW. Molti di questi cambiamenti sono semplicemente un

Dettagli

consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta

consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta BiciSicura Volume I consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente Settore Informazione e Qualità dell Ambiente Servizio

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

SPECIALE SULLA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

SPECIALE SULLA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE SPECIALE SULLA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE Le regole e la segnaletica per pedalare sicuri. Le sanzioni. Le tipologie dei velocipedi. La bicicletta elettrica. La bicicletta a pedalata assistita * di Giorgio

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare E-bike la bicicletta elettrica Un nuovo modo di pedalare 1 Indice Introduzione pag. 3 Tecnica e dotazione pag. 4 Norme di circolazione stradale pag. 7 La e-bike più adatta ad ogni esigenza pag. 7 Prima

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore?

Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore? a cura del Comando di Polizia Locale del Comune di Trasacco Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore? COS E UN VEICOLO? Per veicoli si intendono tutte le macchine di qualsiasi

Dettagli

SCHEDA 001. www.matematicamente.it. Patente auto. 1) In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva.

SCHEDA 001. www.matematicamente.it. Patente auto. 1) In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva. SCHEDA 001 1) In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva. 2) La strada rappresentata è composta da tre corsie per ogni senso di marcia. 3) Nella strada rappresentata le

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE Siamo alunni della classe III C della Scuola Secondaria Di Primo Grado. Questo progetto è stato realizzato al fine di arricchire le nostre competenze su alcuni ambiti riguardanti

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI BOLOGNA GRUPPO EDUCAZIONE STRADALE

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI BOLOGNA GRUPPO EDUCAZIONE STRADALE 4 Giorno: MODULO A - ELEMENTI DEL CICLOMOTORE E LORO USO - CASCO Scheda n. 1 Durante la marcia dei ciclomotori è sempre obbligatorio l'uso dei proiettori a luce anabbagliante 1) in ogni condizione di tempo

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- Art.152.- Segnalazione visiva e illuminazione

Dettagli

Cause incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione

Cause incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione Cause incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione Cause incidenti stradali Quasi tutti gli incidenti stradali derivano da errori umani come disattenzione, imprudenza, inosservanza

Dettagli

vigilandia impara la tua sicurezza giocando CORPO DI POLIZIA LOCALE DELLA CITTA DI PAVIA SCUOLABUS

vigilandia impara la tua sicurezza giocando CORPO DI POLIZIA LOCALE DELLA CITTA DI PAVIA SCUOLABUS vigilandia CORPO DI POLIZIA LOCALE DELLA CITTA DI PAVIA impara la tua sicurezza giocando SCUOLABUS Vigilandia impara la tua sicurezza giocando L educazione stradale in classe Un progetto didattico per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

INGOMBRO DELLA CARREGGIATA

INGOMBRO DELLA CARREGGIATA INGOMBRO DELLA CARREGGIATA Nel caso di ingombro della carreggiata per caduta accidentale del carico il conducente deve provvedere a rimuovere il carico, se possibile e deve presegnalare l'ostacolo mediante

Dettagli

1.08 Restringimento a destra (Incrocio difficile)

1.08 Restringimento a destra (Incrocio difficile) Segnali stradali I segnali e le demarcazioni dipinte o applicate sulla carreggiata (in bianco o in giallo) indicano ai conducenti delle prescrizioni d obbligo o di divieto, segnalano dei pericoli o delle

Dettagli

Codice della strada e bicicletta

Codice della strada e bicicletta Codice della strada e bicicletta a cura del Corpo Intercomunale di Polizia Locale Considerazioni I contenuti di questa pagina sono il frutto di un'operazione di 'copia e incolla' di tutte le parti del

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA Agenda Direttiva 6/2006 Effetto giroscopico La Matrice Scheda di guida Contributi Video dalla Spagna DIRETTIVA 2006/126/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Videocorso Guida Sicura

Videocorso Guida Sicura GUIDA SICURA Le tecniche di guida per limitare i rischi di chi lavora al volante Slide n. 1 Indice del corso La sicurezza comincia da noi Il guidatore Il veicolo Tecniche di guida Come si affronta una

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

DA http://www.vigileamico.it/ Scegli Edu-Stradale, Bicicletta, Regole Codice, Piste ciclabili, Buone senso, Caschetto, Guidare sicuri.

DA http://www.vigileamico.it/ Scegli Edu-Stradale, Bicicletta, Regole Codice, Piste ciclabili, Buone senso, Caschetto, Guidare sicuri. DA http://www.vigileamico.it/ Scegli Edu-Stradale, Bicicletta, Regole Codice, Piste ciclabili, Buone senso, Caschetto, Guidare sicuri. LA BICICLETTA Se devi circolare su strada, la tua bicicletta non è

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista.

Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista. Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista. Le nostre regole d'oro 1 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine della carreggiata. 2 3 4 5 6 7 8 9 Mai circolare sulle linee bianche. Tenersi

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

CLASSE QUARTA E QUINTA SCHEDA N 1

CLASSE QUARTA E QUINTA SCHEDA N 1 CLASSE QUARTA E QUINTA SCHEDA N 1 LA MAPPA DELLA CITTÀ DALLA CASA DI GERONIMO AL PARCO... Aiuta Geronimo a raggiungere il parco: traccia sulla mappa il percorso più veloce. Sulla mappa della tua città,

Dettagli

DISPENSA con GLOSSARIO DI

DISPENSA con GLOSSARIO DI Michela Cavallin DISPENSA con GLOSSARIO DI EDUCAZIONE STRADALE E ALLA CIVILE CONVIVENZA DEFINIZIONI REGOLE GLOSSARIO Il presente manuale è stato realizzato tenendo conto delle indicazioni contenute nel

Dettagli

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni Bicicletta Pedalare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni A tutta birra o in assoluto relax, per brevi tragitti o su lunghe distanze, per sport o nella vita quotidiana: la bicicletta diverte ed è sana.

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni Bicicletta Pedalare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni Brivido della velocità o confortevole rilassatezza, brevi tragitti o lunghe distanze, attrezzo sportivo o mezzo di spostamento: la bicicletta

Dettagli

Articolo Comma Descrizione violazione Punti

Articolo Comma Descrizione violazione Punti Articolo Comma Descrizione violazione Punti Punti neopatentati 141 8 non moderava la velocità in prossimità di intersezione, scuole, luoghi frequentati da fanciulli appositamente segnalati 141 8 Alla guida

Dettagli

I primi passi nella circolazione stradale

I primi passi nella circolazione stradale I primi passi nella circolazione stradale Sulla strada verso l indipendenza upi Ufficio prevenzione infortuni L esercizio è un buon maestro I bambini sono curiosi e vogliono scoprire il loro mondo, estendendo

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

CAPITOLO 1 11001) (FIG. 550)

CAPITOLO 1 11001) (FIG. 550) CAPITOLO 1 Definizioni stradali e di traffico; definizioni e classificazione dei veicoli; doveri del conducente nell uso della strada - convivenza civile ed uso responsabile della strada; riguardo verso

Dettagli

Codice di condotta. «Un cavallo senza cavaliere è sempre un cavallo. Un cavaliere senza cavallo è solo un uomo.»

Codice di condotta. «Un cavallo senza cavaliere è sempre un cavallo. Un cavaliere senza cavallo è solo un uomo.» «Un cavallo senza cavaliere è sempre un cavallo. Un cavaliere senza cavallo è solo un uomo.» Codice di condotta per cavalieri e conducenti di carrozze in campagna e nella circolazione stradale Con questi

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA PRIMARIA Classe 3 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO 3 Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA 13 di 19 1. LE NORME GENERALI PER LA CONDUZIONE L uso del carrello elevatore è consentito esclusivamente al personale autorizzato,

Dettagli

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni Bicicletta Pedalare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni Brivido della velocità o confortevole rilassatezza, brevi tragitti o lunghe distanze, per sport o nella vita quotidiana: la bicicletta diverte

Dettagli