Alle studentesse, agli studenti. e alle loro famiglie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alle studentesse, agli studenti. e alle loro famiglie"

Transcript

1

2

3 Alle studentesse, agli studenti e alle loro famiglie D ialogo e trasparenza sono elementi indispensabili per raggiungere l obiettivo stare bene a scuola e si fondano sulla conoscenza, da parte di tutti, delle regole che governano lo stare insieme. Il presente fascicolo ha lo scopo di mettere a disposizione di studentesse e studenti e delle loro famiglie quell insieme di informazioni e di norme che tutti siamo tenuti a conoscere ed è corredato da alcuni moduli che dovranno essere restituiti alla scuola compilati e firmati. Credo che anche questo fascicolo, insieme a tutte le altre iniziative che l Istituto realizza, possa essere uno strumento prezioso per il percorso che state per intraprendere. Ivrea, 15 maggio 2010 Dott.ssa Loredana Carrain Dirigente Scolastico

4

5 CONSENSO ALL UTILIZZO DI INTERNET E DEI LABORATORI E ALLA PUBBLICAZIONE DI LAVORI O FOTOGRAFIE DEGLI ALUNNI SUL SITO DELL ISTITUTO Il sottoscritto/a responsabile del/la minore della classe della sezione tecnica: (barrare la sezione frequentata) Costr. Ambiente e Territorio Amministr. Finanza e Marketing Turismo della sezione professionale: Servizi Commerciali preso atto delle regole stabilite dall'istituto per un uso accettabile e responsabile di Internet e dei laboratori, consente al proprio figlio/a di utilizzare tale accesso a Scuola. E' al corrente che la Scuola ha preso tutte le precauzioni per garantire che gli/le alunni/e non abbiano l accesso a materiale non adeguato e facciano un uso corretto della rete. Prende atto che la scuola non può essere responsabile dell'uso improprio della rete per la natura o per il contenuto del materiale reperito su Internet. Inoltre è a conoscenza del fatto che la violazione o il dolo accertati e consapevoli verranno contabilizzati, e saranno fatti risarcire dai responsabili sia i danni materiali, sia le ore perse a ripristinare il sistema e a renderlo nuovamente operante ed affidabile. Prende infine atto che per lo stesso motivo possono essere applicate sanzioni disciplinari di tipo didattico con provvedimento del Consiglio di Classe, nonché può avvenire la denuncia all autorità giudiziaria per reati o azioni civili che causano danni. Inoltre ACCONSENTE NON ACCONSENTE che i lavori del/la proprio/a figlio/a siano eventualmente pubblicati sul sito della Scuola, e che ne siano pubblicate le fotografie, secondo le regole stabilite (senza l indicazione del nome per intero). Data firma SOMMARIO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA... 6 POF PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA... 8 L OFFERTA FORMATIVA... 9 PERCORSI FORMATIVI ante riforma Gelmini PERCORSI FORMATIVI post riforma Gelmini LA DIDATTICA STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO DI ISTITUTO NORME DI COMPORTAMENTO PER LE USCITE DIDATTICHE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DI ISTITUTO IN MERITO ALLE TIC INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DICHIARAZIONI Sito web: 5

6 PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA L I.I.S. G. CENA è una comunità educativa e di apprendimento che basa la propria azione formativa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, sul rispetto delle persone e delle cose, sull educazione alla democrazia, alla tolleranza e alla pace, sul valore della solidarietà nei rapporti interpersonali e si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi nei confronti degli alunni: favorire lo sviluppo di una personalità autonoma, critica e responsabile contribuire allo sviluppo di una coscienza civica garantire una preparazione tecnico professionale aggiornata e improntata alla flessibilità fornire gli strumenti per riuscire ad orientarsi in una realtà in continua trasformazione e saper attivare processi di auto-apprendimento La ferma convinzione che, la collaborazione e la condivisione della responsabilità educativa con le famiglie (ciascuno con le proprie specificità) consentano di raggiungere in modo più efficace le finalità educative che ci si è proposti, induce il Dirigente Scolastico e i docenti dell Istituto a sollecitare il fattivo contributo dei responsabili dei minori sia nella fase di definizione del progetto educativo sia nella fase attuativa. A tal fine, questi ultimi stipulano con i genitori dei minori che si iscrivono all Istituto G. CE- NA, il seguente Patto educativo di corresponsabilità che impegna il Dirigente Scolastico e i docenti dell Istituto a: svolgere l attività didattica ed educativa al fine di realizzare gli obiettivi indicati nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto adottare iniziative per il recupero e il sostegno degli apprendimenti tendenti al successo scolastico individuare i diversi stili cognitivi degli alunni ed utilizzare strategie didattiche diversificate utilizzare criteri di valutazione trasparenti che tendano a sviluppare nei ragazzi processi di autovalutazione volti ad individuare i loro punti di forza e di debolezza al fine di migliorare il loro rendimento offrire proposte formative aggiuntive e integrative instaurare un rapporto collaborativo con le famiglie basato sul dialogo e il confronto nonché sulla condivisione dei problemi e delle soluzioni sollecitare la partecipazione attiva delle famiglie alla vita della comunità scolastica mediante la loro rappresentanza negli organi collegiali esigere il rispetto del Regolamento di Istituto ed in particolare delle disposizioni relative alla disciplina, alla puntualità, all uso del telefono cellulare, del videotelefono, del lettore mp3 e simili apparecchiature, nonché quelle relative all utilizzo di un abbigliamento consono all ambiente scolastico accogliere gli studenti in strutture salubri, sicure e dotate di una adeguata strumentazione tecnologica impegna le famiglie a: instaurare un rapporto collaborativo con il Dirigente Scolastico e i docenti basato sul dialogo e il confronto, sulla condivisione dei problemi e delle soluzioni seguire il percorso formativo dei minori ed incoraggiarli a raggiungere gli obiettivi CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il sottoscritto/a alunno/a Genitore responsabile del/la minore della classe della sezione tecnica: (barrare la sezione frequentata) Costr. Ambiente e Territorio Amministr. Finanza e Marketing Turismo della sezione professionale: Servizi Commerciali ESPRIME IL CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Data firma

7 DICHIARAZIONE DI IMPEGNO AD OSSERVARE IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Il sottoscritto/a genitore / tutore dell alunno / a della classe della sezione tecnica: (barrare la sezione frequentata) Costr. Ambiente e Territorio Amministr. Finanza e Marketing Turismo della sezione professionale: Servizi Commerciali DICHIARA di aver ricevuto una copia del Patto Educativo di Corresponsabilità e di impegnarsi ad osservarlo In fede Data firma Il sottoscritto/a alunno /a della classe della sezione tecnica: (barrare la sezione frequentata) Costr. Ambiente e Territorio Amministr. Finanza e Marketing Turismo della sezione professionale: Servizi Commerciali DICHIARA di aver ricevuto una copia del Patto Educativo di Corresponsabilità e di impegnarsi ad osservarlo In fede Data firma formativi e didattici stabiliti ricorrendo, qualora sia necessario, alla frequenza delle attività di recupero organizzate dall Istituto comunicare tempestivamente ai docenti eventuali difficoltà di apprendimento e/o disagi relazionali in modo tale da poter definire e perseguire delle strategie atte a superarli collaborare fattivamente con il personale dell I.I.S. G. CENA al rispetto delle disposizioni contenute nel Regolamento di Istituto contribuire a far rispettare ai ragazzi l orario di ingresso a scuola e limitare le uscite e le entrate fuori orario ai casi di effettiva necessità giustificare puntualmente le assenze sul libretto personale dello studente e firmare quotidianamente le comunicazioni scuola- famiglia sensibilizzare il ragazzo a utilizzare un abbigliamento consono all ambiente scolastico risarcire gli eventuali danni arrecati a seguito di un uso improprio o scorretto degli arredi, dei servizi e delle attrezzature risarcire, in concorso con gli altri utilizzatori, il danno causato da atti vandalici ai beni mobili e immobili, qualora non dovesse essere identificato il responsabile del fatto. E inoltre necessario che anche gli alunni contribuiscano con il loro comportamento a raggiungere gli obiettivi prefissati e si impegnino a: instaurare un rapporto collaborativo con il Dirigente Scolastico, i docenti e i compagni basato sul dialogo e il confronto, sulla condivisione dei problemi e delle soluzioni frequentare regolarmente l attività didattica e le eventuali attività di recupero adempiere con impegno le consegne da svolgere a casa comunicare tempestivamente ai docenti eventuali difficoltà di apprendimento e/o disagi relazionali in modo tale da poter definire e perseguire delle strategie atte a superarli tenere un comportamento corretto e improntato al rispetto reciproco osservare le disposizioni contenute nel Regolamento di Istituto rispettare l orario di ingresso a scuola e limitare le uscite e le entrate fuori orario ai casi di effettiva necessità giustificare puntualmente le assenze sul libretto personale dello studente trascrivere puntualmente i comunicati sul libretto personale e farli firmare ai responsabili indossare un abbigliamento consono all ambiente scolastico utilizzare correttamente le strutture e i beni dell Istituto in modo tale da poterne garantire un uso prolungato nel tempo risarcire gli eventuali danni arrecati a seguito di un uso improprio o scorretto degli arredi, dei servizi e delle attrezzature risarcire, in concorso con gli altri utilizzatori, il danno causato da atti vandalici ai beni mobili e immobili, qualora non dovesse essere identificato il responsabile del fatto Il presente patto costituisce un impegno per tutte le parti coinvolte. Sito web: 7

8 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO Il P.O.F. relativo agli anni scolastici 2010/2011 sarà pubblicato nel sito internet d istituto non appena approvato dagli organi collegiali. L Istituto di Istruzione Superiore Giovanni Cena di Ivrea si propone di formare cittadini autonomi, critici, responsabili futuri professionisti in grado sia di affrontare le sfide di una realtà economica in continua trasformazione, sia di proseguire gli studi. In un contesto socio-economico caratterizzato da forti processi innovativi, l'istituto presenta una offerta formativa diversificata e al passo con i tempi indirizzata prevalentemente al settore terziario e riferita a servizi amministrativi, commerciali, turistici, dell'edilizia e del territorio, articolata in: corsi per il conseguimento di diplomi di 8 Ragioniere e Perito Commerciale IGEA Ragioniere e Perito Commerciale MERCURIO Geometra (Progetto Cinque) Tecnico della Gestione Aziendale Tecnico dei Servizi Turistici corsi per il conseguimento di diplomi di qualifica di Operatore della Gestione Aziendale Operatore dell Impresa Turistica Il numero e la varietà degli indirizzi di studio, la capacità progettuale nel campo dell innovazione didattica, l impegno nel settore sia dell integrazione e della prevenzione del disagio, sia della dispersione scolastica, l esperienza maturata in campo informatico e multimediale, sostenuta dal complesso di laboratori e dotazioni, nonché l offerta di percorsi formativi integrati con la formazione professionale, collocano l Istituto Cena tra i primi poli scolastici in Canavese, richiamando una popolazione scolastica da circa un centinaio di Comuni RICEVUTA DI AVVENUTA CONSEGNA DOCUMENTAZIONE Il sottoscritto/a responsabile del/la minore della classe della sezione tecnica: (barrare la sezione frequentata) Costr. Ambiente e Territorio Amministr. Finanza e Marketing Turismo della sezione professionale: Servizi Commerciali di aver ricevuto una copia di: DICHIARA P.O.F. Statuto delle studentesse e degli studenti Regolamento di Istituto Norme di comportamento da rispettare durante le uscite didattiche e i viaggi di istruzione Regolamento di Istituto in merito alla sicurezza informatica e all uso consapevole delle TIC Informativa in materia di sicurezza all interno della scuola Informativa relativa al trattamento dei dati personali e di averne preso atto. In fede Data firma

9 L OFFERTA FORMATIVA L Offerta Formativa dell Istituto di Istruzione Superiore Cena persegue come linea strategica di fondo l orientamento al servizio, che si concretizza in scelte didattiche e organizzative caratterizzate da: attenzione all'utenza / apertura al territorio Attenzione all'utenza Gli studenti e i loro bisogni nonché la qualità del servizio offerto sono il punto di riferimento principale, fin dall accoglienza in Istituto, per tutte le decisioni didattiche e organizzative. L'Istituto è impegnato a creare un ambiente formativo stimolante che si estrinsechi in un miglioramento dei risultati attraverso linee di azione mirate a: successo scolastico mediante: LE DICHIARAZIONI CHE SEGUONO DEVONO ESSERE COMPILATE SIA DA UN GENITORE/TUTORE DELL ALUNNO/A, SIA DALL ALUNNO STESSO organizzazione modulare e flessibile della didattica forte azione di sostegno e di recupero a partire da un impianto progettuale annuale progetti sperimentali di innovazione curriculare realizzati con Agenzie Formative esterne attività mirate all ampliamento dell offerta formativa, quali la Patente Europea del Computer (ECDL), la Patente di Guida dei Ciclomotori, la Certificazione Esterna Europea delle Lingue Straniere, Stage Linguistici all estero, specifiche Aree di Progetto esperienze di alternanza scuola-lavoro disegno tecnico con sistemi CAD approfondimenti tematici delle discipline di indirizzo tenuti da esperti in forma di conferenze, seminari e corsi le attività sportive promosse dal Centro Sportivo Scolastico uscite e visite didattiche, viaggi d istruzione utilizzo sistematico e mirato di proiezioni, spettacoli, Internet e risorse multimediali ampio ricorso alla didattica in laboratorio orientamento mediante: progetti di proposte formative che, a partire dalla conoscenza di sé, stimolino negli studenti delle differenti classi interessi e svelino attitudini personali, in funzione dell eventuale riorientamento interno e/o esterno e in appoggio all orientamento in uscita per le classi terminali appropriati tirocini formativi aziendali o in studi professionali per gli alunni del triennio e i neo diplomati. Sito web: 9

10 scambi culturali in Italia e all estero esperienze dirette nella realizzazione di servizi congressuali ed eventi per gli alunni della sezione professionale indirizzo turistico integrazione mediante: progetti personalizzati destinati agli allievi in situazione di disagio o affetti da patologie iniziative volte al recupero dello svantaggio e della dispersione scolastica iniziative di inserimento di allievi stranieri realizzate mediante l attivazione di appositi corsi di lingua italiana iniziative di inserimento di allievi stranieri che partecipano a scambi culturali ( con associazioni quali Intercultura ) iniziative di inserimento di ragazzi provenienti da altre scuole superiori o scuole professionali con appositi progetti passerella formazione ragionata delle classi prime prevenzione del disagio mediante: un ambiente formativo accogliente e motivante una relazione educativa improntata al dialogo e alla trasparenza caratterizzata da un contratto formativo comportamentale di classe stipulato fra il Consiglio e il gruppo-classe e dalla presenza di figure di supporto quali il docente coordinatore, il docente tutor e uno psicologo specialista della età evolutiva attività sportive in curricolo ed extracurricolo, compresi i campionati studenteschi attività di educazione alla cittadinanza, alla pace, alla solidarietà ed alla interculturalità collaborazione con le famiglie mediante: un attività integrativa dell azione educativa familiare costituita da momenti di informazione e riflessione e attività di prevenzione su: tabagismo, tossicodipendenze, sessualità, alimentazione, educazione stradale ecc. condotta attraverso interventi di esperti del settore, medici specialisti e psicologo, affinché gli alunni vivano il difficile periodo adolescenziale in modo più sereno e cosciente proposte di eventuali incontri collegiali e individuali con le famiglie ed uno sportello di ascolto per i genitori interessati (a cura dello psicologo consulente dell'istituto) Apertura al territorio L istituto Cena segue con attenzione l evoluzione e le trasformazioni dell attività economica e produttiva del territorio per adeguare la propria offerta ai nuovi bisogni formativi e per garantire, alle imprese, le risorse umane con le competenze necessarie, e, ai diplomati di tutti gli indirizzi, una preparazione professionale e trasversale adeguata 10 Sito web: 75

11 ad un efficace ed efficiente inserimento nel mondo del lavoro. Interlocutori privilegiati e costanti per conoscere e rispondere ai bisogni formativi del territorio sono: le aziende, le istituzioni, le associazioni di settore e di categoria, gli albi professionali e le rappresentanze sindacali gli studi professionali per la realizzazione dei progetti di alternanza scuola-lavoro le Agenzie Formative per la progettazione e realizzazione di percorsi formativi di innovazione curriculare, integrati e post diploma l università, in particolare per la progettazione e realizzazione di corsi IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore) le altre scuole, sia medie inferiori per facilitare le scelte degli studenti, sia superiori per progettare percorsi passerella per il passaggio ad altro indirizzo e per la realizzazione di iniziative in rete gli Enti Locali, amministrazioni pubbliche (Tribunale, Agenzia delle Entrate, Centri Servizi per l impiego, ecc.), associazioni culturali (Intercultura, ecc.) L Istituto si propone anche come motore culturale sia verso il territorio, con l organizzazione aperta al pubblico di conferenze, seminari ed incontri su temi di interesse generale e settoriale, sia verso l Università offrendo la propria disponibilità a stipulare convenzioni al fine di accogliere persone che desiderano svolgere tirocini formativi e di orientamento (quale la convenzione di tirocinio e formazione stipulata con l Università Cà Foscari di Venezia) Sito web: 11

12 PERCORSI FORMATIVI ante riforma Gelmini relativi alle classi seconde, terze, quarte e quinte a. s Presso l'istituto "Cena" si conseguono Diplomi di Istituto Tecnico e Diplomi e Qualifiche di Istituto Professionale in sei diversi indirizzi, caratterizzati dai seguenti profili professionali e percorsi formativi. Diploma di Geometra Progetto Cinque Il corso di studi per geometri prepara persone dotate di capacità grafiche progettuali relative ai settori del rilievo e delle costruzioni, con concrete conoscenze inerenti l organizzazione e la gestione del territorio ed in possesso di buone conoscenze economico-giuridiche-co-amministrative, capacità linguistico espressive e logico matematiche in grado di utilizzare strumenti tecnologici informatici. PER CONTATTI Istituto di Istruzione Superiore Giovanni CENA via Dora Baltea, Ivrea (TO) La loro formazione consente: l'immediato inserimento nel mondo del lavoro ad un livello di grado intermedio non soltanto nei vari rami del settore edilizio, ma anche in enti, in aziende e nella pubblica amministrazione l'esercizio della libera professione, previo un biennio di tirocinio, seguito dall'esame di Stato di abilitazione professionale l accesso a corsi post-diploma e a corsi di laurea di qualsiasi indirizzo. COMPETENZE PROFESSIONALI progettare, trasformare o migliorare opere di edilizia civile nell'ambito delle proprie competenze professionali assumere responsabilità dirigenziali e gestionali di cantieri effettuare rilievi e curarne la restituzione cartografica, utilizzando sistemi tradizionali ed informatizzati redigere ed utilizzare la cartografia territoriale di tipo topografico e tematico partecipare alla progettazione di infrastrutture come strade, ponti, impianti e reti tecnologiche occuparsi della manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili anche complessi valutare immobili civili e rurali ed effettuare accertamenti e stime catastali interpretare ed utilizzare la legislazione inerente i propri campi di attività operare a supporto di professionisti, quali ingegneri, architetti e notai utilizzare strumenti tradizionali ed informatici nell esecuzione di calcoli e nella redazione di grafici, disegni tecnici e di progetto Telefono Fax Sito web La Segreteria è aperta al pubblico tutti i giorni dalle ore 10,00 alle ore 12,00 Il Dirigente Scolastico ed i suoi Collaboratori ricevono tutte le mattine su appuntamento

13 alle predette finalità, quali il nome, il cognome, il luogo e la data di nascita, l'indirizzo. Tali dati potranno essere successivamente trattati esclusivamente per le predette finalità. In nessun caso i dati potranno essere comunicati a soggetti privati senza il preventivo consenso scritto dell'interessato. A scopo meramente esemplificativo si informa che tale eventualità potrà riguardare la comunicazione di dati a compagnie di assicurazione con cui l'istituto abbia stipulato contratti relativi agli alunni; agenzie di viaggio e/o strutture alberghiere e/o enti gestori degli accessi ai musei, gallerie e/o monumenti, in occasione di visite guidate e viaggi di istruzione; enti certificatori di competenze linguistiche o informatiche. Al soggetto interessato sono riconosciuti il diritto di accesso ai dati personali e gli altri diritti definiti dall'art. 7 del D.Lgs 196/2003. COMPETENZE TRASVERSALI diagnosticare le proprie competenze e attitudini, diagnosticare problemi comunicare,lavorare in gruppo, negoziare, potenziare l'auto-apprendimento, affrontare e risolvere problemi, sviluppare soluzioni creative Il diploma di Geometra Progetto Cinque ha la stessa validità legale di quello di ordinamento, ma è più completo e consono alle esigenze professionali attuali. QUADRO ORARIO QUINQUENNIO: DISCIPLINE DI STUDIO ANNO Religione Lingua e lettere italiane Storia Lingua straniera Diritto ed economia Matematica e informatica Fisica e laboratorio Geografia, scienze e laboratorio Chimica e laboratorio Disegno e progettazione Costruzioni Impianti Topografia e fotogrammetria Geopedologia, economia ed estimo Educazione fisica Totale ore settimanali Sito web: 13

14 Diploma di Ragioniere Il corso di studi per ragionieri prepara esperti in problemi di economia aziendale che, oltre ad essere dotati di una buona cultura generale accompagnata da capacità linguistico espressive e logico interpretative, possiedono conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile. In particolare, sono in grado di analizzare i rapporti fra l'azienda e l'ambiente in cui operano, per proporre soluzioni a problemi specifici, e di comunicare in lingua straniera utilizzando appropriati linguaggi tecnico-commerciali. La loro formazione consente: l inserimento nel mondo del lavoro ad un livello di grado intermedio nei settori bancario, assicurativo, industriale, commerciale, pubblico, informatico, turistico l accesso a corsi post-diploma e a corsi di laurea COMPETENZE PROFESSIONALI cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali per adeguarvisi, controllarli o suggerire modifiche effettuare scelte ricercando ed assumendo le informazioni opportune analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere e valutare l efficacia delle soluzioni adottate elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali leggere, redigere ed interpretare testi a carattere economico, giuridico, informatico e documenti aziendali, anche in lingua straniera COMPETENZE TRASVERSALI diagnosticare le proprie competenze e attitudini, diagnosticare problemi, comunicare, lavorare in gruppo, negoziare, potenziare l'auto-apprendimento, affrontare e risolvere problemi, sviluppare soluzioni creative INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE DEGLI ALUNNI E AGLI ALUNNI RELATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ex art. 13 D.Lgs. 196/03 L'Istituto di Istruzione Superiore Giovanni CENA di Ivrea, in relazione alle finalità istituzionali dell'istruzione della formazione e ad ogni attività ad esse strumentale, raccoglie, registra, elabora, conserva e custodisce dati personali identificativi relativi agli alunni iscritti e alle rispettive famiglie. Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini dello svolgimento dell'attività istituzionale e un eventuale rifiuto non consentirà la formalizzazione dell'iscrizione stessa. Il trattamento dei dati potrà riguardare anche dati sensibili e/o giudiziari, qualora ciò fosse indispensabile per svolgere attività istituzionali che non possano essere adempiute mediante acquisizione di dati anonimi o dati personali di natura diversa. In particolare, nell'ambito dei dati idonei a rivelare lo stato di salute, il trattamento potrà essere relativo all'adempimento di specifici obblighi o per eseguire specifici compiti previsti dalla normativa vigente in materia di tutela delle persone portatrici di handicap, di igiene e profilassi sanitaria della popolazione, di tutela della salute o per adempiere ad obblighi derivanti da contratti di assicurazione finalizzati alla copertura dei rischi per infortuni degli alunni. I dati personali forniti sono trattati sia attraverso i sistemi informatizzati, sia mediante archivi cartacei. In applicazione del D.Lgs 196/2003, i dati personali sono trattati in modo lecito, secondo corretta adozione di idonee misure di protezione relativamente: - all'ambiente in cui vengono custoditi - al sistema adottato per elaborarli - ai soggetti incaricati del trattamento Titolare del trattamento dei dati è il Dirigente Scolastico Professoressa Loredana CARRAIN, quale rappresentante legale dell'istituto. Responsabile del trattamento dei dati è il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi Signora Mattea ELLI. Incaricati del trattamento dei dati sono il personale addetto all'ufficio di Segreteria e i Docenti. I dati possono essere comunicati a soggetti pubblici in relazione ad attività previste da norme di legge o di regolamento o comunque quando la comunicazione sia necessaria per lo svolgimento di compiti istituzionali dell'istituto o dei soggetti pubblici che ne facciano richiesta. Al fine di agevolare l'orientamento, la formazione e l'inserimento professionale, anche all'estero, l'istituto, su richiesta degli interessati, comunica o diffonde, anche a privati e per via telematica, dati relativi agli esiti scolastici (intermedi e finali) degli studenti e altri dati personali diversi da quelli sensibili o giudiziari, pertinenti in relazione 14 Sito web: 71

15 IIS Giovanni CENA via Dora Baltea, 3 IVREA favorire il deflusso ordinato dal piano vietare l'uso delle scale, degli ascensori e dei percorsi non di sicurezza al termine dell evacuazione del piano, dirigersi verso l'area di raccolta esterna. In caso di evacuazione gli STUDENTI sono tenuti a: interrompere tutte le attività lasciare gli oggetti personali dove si trovano mantenere la calma, non spingersi, non correre, non urlare e seguire le procedure stabilite e le istruzioni del docente. Gli Apri-fila devono seguire il docente nella via di fuga stabilita, guidando i compagni alla propria area di raccolta. I Chiudi - fila hanno il compito di verificare da ultimi la completa assenza di compagni nella classe evacuata e di chiudere la porta (una porta chiusa è segnale di classe vuota). uscire ordinatamente incolonnandosi dietro gli apri - fila seguire le via di fuga indicate non usare mai l'ascensore raggiungere l'area di raccolta assegnata In caso di evacuazione per incendio ricordarsi inoltre di camminare chinati e respirare tramite un fazzoletto, preferibilmente bagnato, nel caso vi sia presenza di fumo lungo il percorso di fuga. Se i corridoi e le via di fuga non sono percorribili o sono invasi dal fumo, non uscire dalla classe, sigillare ogni fessura della porta. Segnalare la propria presenza dalle finestre. QUADRO ORARIO BIENNIO (comune ai due indirizzi): DISCIPLINE DI STUDIO ANNO 1 2 Religione 1 1 Lingua e lettere italiane 5 5 Storia 2 2 Prima lingua straniera 3 3 Seconda lingua straniera 4 4 Matematica e informatica 5 5 Scienza della materia 4 4 Scienza della natura 3 3 Diritto ed economia 2 2 Trattamento testi e dati 3 3 Economia aziendale 2 2 Educazione fisica 2 2 Totale ore settimanali QUADRO ORARIO TRIENNI: RAGIONIERE IGEA RAGIONIERE MERCURIO DISCIPLINE DI STUDIO ANNO ANNO DISCIPLINE DI STUDIO Religione Religione Lingua e lettere italiane Lingua e lettere italiane Storia Storia Prima lingua straniera Lingua straniera inglese Seconda lingua straniera Matematica e informatica Matematica Geografia economica Informatica Diritto Diritto Econ. Pol. e sc. delle finanze Econ. Pol. e sc. delle finanze Economia aziendale Economia aziendale Educazione fisica Educazione fisica Totale ore settimanali Totale ore settimanali Sito web: 15

16 Il ragioniere IGEA studia nel corso del triennio due lingue straniere francese ed inglese, geografia economica ed acquisisce le seguenti competenze : comunicare efficacemente in francese e in inglese con particolare riferimento all utilizzo del linguaggio tecnico-commerciale comprendere i fenomeni socio-economici nella loro valenza geografica. Il ragioniere IGEA progetto G.E.L. (giuridico economico linguistico) si caratterizza per un potenziamento dello studio dell inglese e del francese mediante una intensificazione oraria di un ora per ciascuna lingua alla settimana (avvalendosi delle possibilità offerte dall art. 3 comma 2 D. I. N 234 del 26/6/2000 e del D.P.R. 8/3/1999 N 275), per l intervento di conversatori madre-lingua e per lo svolgimento di parti del programma di economia aziendale, di diritto e di economia politica direttamente in lingua straniera. Gli iscritti al corso partecipano inoltre a scambi culturali e ad esperienze di alternanza scuola-lavoro ed acquisiscono le seguenti competenze: comunicare efficacemente in francese e in inglese con particolare riferimento all utilizzo del linguaggio tecnico-economico-commerciale comprendere i fenomeni economico-commerciali mediante esperienze dirette Il ragioniere MERCURIO studia nel corso del triennio l inglese e l informatica ed acquisisce le seguenti competenze: comunicare efficacemente in inglese con particolare riferimento all utilizzo del linguaggio tecnico-commerciale-informatico codificare in almeno un linguaggio di programmazione operare con archivi, utilizzare pacchetti (Office) e usare reti (Internet) OBBLIGHI DELLO STUDENTE Ciascuno studente deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di studio su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione ed alle istruzioni e ai mezzi forniti dalla scuola. In particolare lo studente: a) osserva le disposizioni e le istruzioni impartite dal Dirigente Scolastico, dai docenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; b) utilizza correttamente i macchinari, le apparecchiature e le attrezzature scolastiche, gli utensili, le sostanze e i dispositivi di sicurezza; c) utilizza in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a disposizione; d) segnala immediatamente al Dirigente Scolastico, al docente o al preposto le deficienze dei mezzi e dispositivi di cui alle lettere b) e c), nonché le altre eventuali condizioni di pericolo di cui viene a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle sue competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone immediata notizia al Dirigente Scolastico; e) non rimuove o modifica senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza, di segnalazione e di controllo; f) non compie di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di sua competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri studenti. PROCEDURE DA SEGUIRE IN CASO DI EVACUAZIONE Il diploma di Ragioniere Igea, il diploma di Ragioniere Igea progetto GEL e il diploma di Ragioniere Mercurio si differenziano per le competenze descritte, ma hanno la stessa validità legale. In caso di evacuazione il PERSONALE DOCENTE è tenuto a: contribuire a mantenere la calma in tutta la classe all ordine di evacuazione dell edificio, fare uscire ordinatamente gli studenti: lo studente "apri - fila" assume la sua funzione, segue il docente dirigendosi verso le uscite di emergenza predisposte. Lo studente "chiudi - fila" assume la sua funzione: esce per ultimo dalla classe e chiude la porta dopo avere verificato la completa assenza di compagni. Gli alunni diversamente abili sono assistiti dall alunno appositamente designato per ciascuno di loro prendere il registro delle presenze, recarsi con gli alunni all'area di raccolta e fare l'appello per verificare che tutti gli studenti siano presenti nel luogo di raccolta. In caso di evacuazione il PERSONALE NON DOCENTE è tenuto a: togliere la tensione elettrica al piano agendo sull interruttore 16 Sito web: 69

17 INFORMATIVA AGLI STUDENTI IN MATERIA DI SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA (art. 21 D. Leg.vo 626/94) INTRODUZIONE Il Decreto Legislativo n. 626 del 19 settembre 1994 e le successive modifiche e integrazioni, recependo le direttive 89/391/CEE e seguenti sulla sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro, hanno introdotto una serie di obblighi per i Dirigenti degli istituti scolastici, per i lavoratori e gli studenti. Tutti gli utenti della scuola devono essere informati e formati sui problemi della sicurezza. Il Dirigente Scolastico è tenuto a provvedere alla formazione degli utenti i quali, a loro volta, sono tenuti a seguire le direttive di formazione predisposte. Agli effetti delle disposizioni di Legge si intendono per: - Datore di lavoro: qualsiasi persona fisica o giuridica o soggetto pubblico che abbia la responsabilità dell'impresa; nella scuola statale il datore di lavoro è il Dirigente Scolastico; - Responsabile del servizio di prevenzione e protezione: persona designata dal datore di lavoro in possesso di attitudini e capacità adeguate; - Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: persona, o persone, elette o designate per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e sicurezza durante il lavoro. Il Dirigente Scolastico organizza il servizio di prevenzione e protezione o incarica persone o servizi esterni alla scuola, secondo le regole stabilite dalla Legge. Il Dirigente Scolastico designa a tal fine una o più persone, tra cui il responsabile del servizio di sicurezza, previa consultazione del rappresentante della sicurezza. Salvo quanto previsto dal comma 2, il Dirigente Scolastico può avvalersi di persone esterne alla scuola in possesso delle conoscenze professionali necessarie per integrare l'azione di prevenzione e protezione. Qualora il Dirigente Scolastico ricorra a persone o servizi esterni egli non è per questo liberato dalla propria responsabilità in materia. Diplomi di Qualifica professionale Biennio Economico Aziendale Turistico comune per tutti + Monoennio Operatore Gestione Aziendale (L indirizzo ha inizio al terzo anno ) Monoennio Operatore Impresa Turistica (L indirizzo ha inizio al terzo anno ) I titolari di qualifica professionale possiedono una cultura di base ed una preparazione professionale che consentono loro adeguate competenze nello svolgimento di mansioni esecutive dei lavori di ufficio, anche con margini di autonomia operativa, con prestazioni che assicurano il funzionamento efficiente degli uffici e delle agenzie. Redigono la corrispondenza ordinaria anche in inglese ed in francese, gestiscono il protocollo, l archivio, compilano i documenti, eseguono e rielaborano le rilevazioni contabili, quelle di gestione aziendale e di videoscrittura con lo strumento informatico. COMPETENZE PROFESSIONALI: svolgere i lavori esecutivi all interno di un ufficio gestire operativamente le tecniche utilizzate nell azienda coadiuvare professionisti e manager nello svolgimento della loro attività comunicare efficacemente con il linguaggio specifico del settore anche in inglese ed in francese utilizzare lo strumento informatico COMPETENZE TRASVERSALI: diagnosticare le proprie competenze ed attitudini portare a termine autonomamente compiti affidati comunicare lavorare in gruppo potenziare l auto-apprendimento cogliere, nelle sue grandi linee, la centralità di un messaggio o di un problema Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione svolge attività di ausilio al Dirigente Scolastico per la valutazione dei rischi, proponendo le misure di prevenzione adeguate ai rischi riscontrati, scegliendo gli strumenti di tutela idonei alla sicurezza interna Sito web: 17

18 QUADRO ORARIO BIENNIO PROFESSIONALE (comune ai due indirizzi): DISCIPLINE DI STUDIO QUADRO ORARIO MONOENNI: ANNO 1 2 Religione 1 1 Italiano 5 5 Storia 2 2 Lingua straniera francese 3 3 Lingua straniera inglese 4 4 Matematica e informatica 4 4 Scienza della terra 3 3 Diritto ed economia 2 2 Trattamento testi e dati 5 4 Economia aziendale 5 6 Educazione fisica 2 2 Totale ore settimanali OPERATORE GESTIONE AZIENDALE anno OPERATORE IMPRESA TURISTICA anno DISCIPLINE DI STUDIO 3 DISCIPLINE DI STUDIO 3 Religione 1 Religione 1 Italiano 3 Italiano 3 Storia 2 Storia 2 Lingua straniera francese 3 Lingua straniera francese 4 Lingua straniera inglese 3 Lingua straniera inglese 5 Matematica e informatica 3 Matematica e informatica 2 Diritto ed economia 4 Diritto ed economia 2 Trattamento testi e dati 2 Trattamento testi e dati 2 Economia aziendale 7 Tecnica turistica 7 Informatica gestionale 3 Storia dell arte 3 Geografia economica 3 Geografia economica e turistica 3 Educazione fisica 2 Educazione fisica 2 Il laboratorio può essere utilizzato da docenti; dal personale A.T.A.; da classi o gruppi di alunni con la presenza, il controllo o l assistenza di almeno un docente; da personale esterno che segue corsi approvati, ospitati o gestiti dall Istituto. Il docente compila il modulo di laboratorio indicando l orario, la classe o il gruppo-classe e per la durata dell attività è responsabile di tutti i materiali presenti. Al termine dell attività il docente e il personale tecnico di laboratorio si accertano della situazione del materiale, di eventuali anomalie o mancanze; accertano inoltre che, quando necessario, siano spente tutte le apparecchiature, nonché l interruttore generale; che l aula sia lasciata in condizione adeguata per ricevere un altra classe; che l uscita degli alunni dal laboratorio avvenga ordinatamente. I laboratori sono dotati di materiale hardware, software, manuali, testi, riviste da utilizzare per scopi didattici, che sono inventariati in un elenco consultabile. I CD contenenti software di proprietà dell Istituto non possono essere portati al di fuori dello stesso né copiati per motivi personale, ad eccezione dei software Freeware e Opensource. I testi, i supporti magnetici e ottici, i piccoli accessori non installati sono custoditi in appositi armadi da docenti consegnatari. I docenti possono richiederli in prestito per scopi esclusivamente didattici. Ogni spostamento di materiali, macchine o parti di esse (es. mouse, tastiere, monitor, ecc.) da un laboratorio all altro deve essere autorizzato dal Dirigente Scolastico. I docenti, gli alunni e tutto il personale scolastico devono avere la massima cura delle attrezzature e delle dotazioni utilizzate. È vietato l uso di floppy disk, CD R o RW, DVD, memorie portatili ed atri supporti magnetici personali, se non consentiti dall insegnante, previo controllo con software antivirus. Il personale tecnico di laboratorio, almeno uno per laboratorio, svolge le proprie mansioni di collaborazione e assistenza nei laboratori al fine di garantire l efficienza dei locali e delle attrezzature e lo svolgimento regolare delle attività didattiche. Nel caso si verifichino guasti o anomalie alle attrezzature durante le attività, si deve tempestivamente avvertire il docente presente o il personale tecnico di laboratorio i quali interverranno o annoteranno l anomalia. La sistemazione dei materiali presenti nei laboratori e delle dotazioni personali deve essere tale da non ostacolare l uscita veloce in caso di emergenza. Totale ore settimanali 36 Totale ore settimanali Sito web: 67

19 Disposizioni per gli alunni L accesso ai laboratori è possibile solo in presenza di un insegnante e/o di un tecnico. Tale accesso, in orario extra curriculare, è subordinato all autorizzazione rilasciata dal Dirigente Scolastico su richiesta scritta debitamente firmata dall interessato/i. E' necessario registrare sempre l utilizzo del PC compilando il modulo di ogni computer. E' necessario salvare sempre i propri lavori (file) in cartelle personali e/o di classe. E' cura di chi mantiene il corretto funzionamento delle macchine, cancellare file di lavoro non inseriti nelle cartelle personali. La rete va usata solo per scopi didattici e non per scopi personali. Per scaricare documenti da Internet occorre sempre il permesso del docente. Bisogna rispettare le leggi sui diritti di autore. È vietato inviare in rete fotografie identificative personali, di parenti, amici o conoscenti. Occorre riferire agli insegnanti l eventuale ricezione di offensive. L invio e la ricezione degli allegati di posta sono soggetti all'autorizzazione dell insegnante. È vietato installare software non autorizzati. Qualora si portino a scuola cd, floppy disk o qualsiasi altro tipo di memoria portatile personali bisogna sottoporli al controllo antivirus prima di ogni utilizzo. Nei laboratori è assolutamente vietato consumare alimenti e/o bevande. CONDIVISIONE DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento verrà illustrato agli allievi dai Docenti Coordinatori di classe. Le regole fondamentali del Regolamento saranno esposte in ogni laboratorio. All atto dell iscrizione viene fatto firmare dal genitore/tutore dell allievo un documento che attesta l esistenza del regolamento, la possibilità di consultarlo e le responsabilità dell allievo circa l'utilizzo delle risorse dei Laboratori. La scuola, inoltre, deve chiedere ai genitori degli studenti minori di 18 anni di età il consenso all uso di Internet per il loro figlio e per la eventuale pubblicazione dei suoi lavori e della sue fotografie. REGOLAMENTO GENERALE SULL'USO DEI LABORATORI DOTATI DI ATTREZZATURE INFORMATICHE E MULTIMEDIALI I laboratori informatici e le tecnologie didattiche informatiche e multimediali sono uno strumento di formazione regolamentato a disposizione di tutti i docenti, del personale A.T.A. e degli allievi dell Istituto. L utilizzo dei laboratori, al di fuori dell orario curriculare, avviene mediante prenotazione, da effettuarsi a cura dell insegnante, su apposito registro in possesso degli Aiutanti Tecnici. I laboratori e le attrezzature sono utilizzati per scopi didattici, e per le finalità formative dell Istituto e di auto-formazione. L operatore della gestione aziendale studia nel corso del monoennio di qualifica l economia aziendale, l informatica gestionale e la geografia economica ed acquisisce le seguenti competenze specifiche: saper utilizzare metodi, strumenti e tecniche contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali operare con archivi, utilizzare pacchetti (Office) e usare reti (Internet) L operatore di impresa turistica studia nel corso del monoennio di qualifica la tecnica turistica, la storia dell arte e la geografia economico turistica e potenzia le conoscenze in inglese ed in francese acquisendo le seguenti competenze specifiche: saper gestire operativamente le tecniche utilizzate nell azienda turistica padroneggiare il linguaggio del settore, esprimendosi adeguatamente in lingua straniera DIPLOMI DI ISTITUTO PROFESSIONALE Diploma di Tecnico della Gestione Aziendale Diploma di Tecnico dei Servizi Turistici Il Tecnico della Gestione Aziendale, in possesso di un adeguata cultura di base e di abilità logico-espressive, si presenta come elemento attivo e consapevole nel sistema aziendale. Egli può operare in aziende di varia natura e dimensione sia in ambito industriale che di servizi e si inserisce nella funzione amministrativa aziendale, specificamente in quella del controllo di gestione, di pianificazione e di finanza. La polivalenza e la flessibilità della sua preparazione offrono la garanzia di adeguamento alle esigenze del mondo del lavoro e di aderenza alla dinamica di riconversione lavorativa. COMPETENZE TECNICO- PROFESSIONALI utilizzare appropriatamente tecniche, strumenti e metodi del settore aziendale effettuare scelte documentate padroneggiare i linguaggi settoriali nella comunicazione e nella produzione di testi, anche in lingua straniera padroneggiare lo strumento informatico COMPETENZE TRASVERSALI saper comunicare con persone collocate a livelli gerarchici diversi possedere autonomia di giudizio diagnosticare, affrontare e risolvere problemi avere una visione interdisciplinare delle conoscenze 66 Sito web: 19

20 QUADRO ORARIO tecnico della gestione aziendale DISCIPLINE DI STUDIO ANNO 4 5 Religione 1 1 Italiano 4 4 Storia 2 2 Lingua straniera francese o Informatica 3 3 Lingua straniera inglese 3 3 Matematica 3 3 Diritto ed economia 3 4 Economia aziendale 7 8 Geografia 2 - Educazione fisica 2 2 Terza Area* 6 6 Totale ore settimanali Sono permesse solo chat a scopi didattici e sempre con la supervisione dell insegnante. La scuola può utilizzare liste di indirizzi di utenti selezionati per il reperimento di materiale didattico. Gli studenti possono iscriversi a forum, newsgroup o mailing list che hanno obiettivi e contenuti didattici. A fronte di violazioni delle regole suddette la scuola, su valutazione dei docenti responsabili e del Dirigente Scolastico, si assume il diritto di impedire l accesso dell utente a internet per un certo periodo di tempo, rapportato alla gravità. Sito web della scuola. L unico sottoscrittore di contratti con gestori di servizio è il Dirigente Scolastico, in quanto legale rappresentante dell Istituto. La gestione del sito web dell Istituto è affidata, in parte, a personale interno alla scuola retribuito per il lavoro svolto con le risorse finanziarie dell Istituto e, in parte, a personale esperto esterno. * Gli alunni delle classi quarte e quinte frequentano per un giorno alla settimana i corsi della cosiddetta TERZA AREA presso un centro di formazione professionale con l obiettivo di approfondire le competenze dei singoli ambiti, aziendale e/o aziendale turistico, per la durata complessiva di seicento ore (svolte nel corso del biennio) comprensive di stage simulato e di stage aziendale effettuati al termine delle lezioni del quarto anno. Il Tecnico dei Servizi Turistici è in grado di confrontarsi con i processi innovativi in atto nel settore e possiede quindi, accanto ad una adeguata cultura di base, spirito di iniziativa, capacità di recepire e affrontare il cambiamento, doti di concretezza, di disponibilità e di interesse a comprendere le richieste e le esigenze provenienti dal mondo esterno. La polivalenza e la flessibilità della sua preparazione offrono la garanzia di adeguamento alle esigenze del mondo del lavoro e di aderenza alla dinamica di riconversione lavorativa. COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI utilizzare appropriatamente tecniche, strumenti e metodi del settore turistico effettuare scelte documentate padroneggiare i linguaggi settoriali nella comunicazione e nella produzione di testi, anche in lingua straniera utilizzare lo strumento informatico 20 Sito web: 65

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Oggetto: D.lgs 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informativa all interessato.

Oggetto: D.lgs 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informativa all interessato. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL FRIULI-VENEZIA GIULIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVEREDO IN PIANO Comuni di Roveredo in Piano e San Quirino

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli