REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 N. R.G. 644/2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Sassari in composizione monocratica, in persona del dott. Silvio Lampus, ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili (RGACC) con il n. 644/2012, proposta da SGARELLA ANTONIO e VITIELLO GIUSEPPA residenti in Sassari e qui domiciliati elettivamente presso la cancelleria del Tribunale; rappresentati dall avvocato Giuseppe Carlo Satta in virtù di procura speciale in margine alla citazione ATTORI CONTRO BANCA di CREDITO SARDO SPA, in persona del suo legale rappresentante pro tempore; con sede in Cagliari e domiciliata elettivamente in Sassari presso l avvocato Filippo Bassu, dal quale è rappresentata in virtù di procura speciale in margine alla comparsa di costituzione e risposta CONVENUTA All udienza del 14 novembre 2013 la causa è stata tenuta in decisione, assegnandosi i termini del 13 gennaio 2014 per il deposito delle comparse conclusionali e del 3 febbraio 2014 per il deposito delle memorie di replica. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con citazione 2 febbraio 2012 Antonio Sgarella e Giuseppa Vitiello (quest ultima nella sola veste di fideiussore) hanno convenuto in giudizio di fronte a questo Tribunale la Banca di Credito Sardo SpA, esponendo che il primo era titolare, dall anno 1996, di un rapporto di conto corrente bancario, avente il n. 0235/ , in cui erano stati addebitati interessi ultralegali ed usurari. Svolta ampia premessa in diritto, in ordine alla illegittimità degli addebiti operati sul conto dalla Banca, in particolare per nullità, per difetto di forma scritta, della pattuizione (ed invalidità del relativo addebito in conto) di interessi ultralegali per applicazione di usurari, capitalizzazione trimestrale degli interessi e della commissione di affidamento e di massimo scoperto, hanno concluso chiedendo che il Tribunale voglia accertare non dovute le somme per interessi, se risulti applicato un tasso superiore a quello soglia; accertare che è comunque dovuto il solo interesse legale ovvero quello di giustizia, per mancanza di valida pattuizione sugli interessi convenzionali; accertare che non sono dovute le somme addebitate per anatocismo, per nullità della clausola di addebito trimestrale degli interessi; accertare che sono illegittime le clausole sulla pagina 1 di 7

2 commissione di massimo scoperto, di affidamento, e per la istruttoria della pratica di fido, accertare quindi il saldo del conto corrente al momento della domanda, con condanna della Banca al pagamento dell eventuale importo attivo del conto, e/o alla ripetizione delle somme indebitamente pagate. La Banca di Credito Sardo SPA, costituitasi per l udienza del 30 maggio 2012 con comparsa depositata il 9 maggio 2012, ha formulato (per quanto ancora rileva) le seguenti difese: 1. difetto di legittimazione attiva di parte attrice in relazione alla domanda di condanna della Banca alla restituzione di somme indebitamente percepite, tenuto conto che le linee di credito non erano state revocate, che il conto corrente era ancora in essere, e non era possibile configurare come pagamento alcuna delle rimesse; 2. prescrizione decennale del diritto, atteso che i versamenti in conto avevano natura solutoria; 3. contrarietà a buona fede e correttezza del comportamento di parte attrice; 4. applicabilità dell istituto della soluti retentio, stante l omessa contestazione degli interessi in ipotesi indebitamente corrisposti; 5. applicabilità della capitalizzazione trimestrale degli interessi a condizioni di reciprocità dopo la delibera CICR 7 febbraio 2000 (in GU 22 maggio 2000); 6. insussistenza dell avvenuto superamento del tasso soglia previsto dalla normativa anti usura; 7. inconsistenza della deduzione in punto di illegittima applicazione della commissione di massimo scoperto e delle altre commissioni (disponibilità fondi, introdotta dal D L n. 185/2008) e diritti di istruttoria per la pratica del fido. Sulla base di tali premesse ha concluso per il rigetto della domanda. La causa è stata istruita mediante produzione di documenti e consulenza tecnica e quindi tenuta in decisione, assegnandosi i termini per il deposito delle comparse conclusionali e delle memorie di replica (sia le une che le altre sono state depositate da entrambe le parti). MOTIVI DELLA DECISIONE 1. E fondata l eccezione di parte convenuta (che non concerne peraltro né la legittimazione ad causam, né l interesse ad agire di parte attrice, ma l esistenza del diritto) con cui si contesta che, prima della risoluzione del rapporto di conto corrente bancario, il correntista, che non abbia neppure receduto, possa domandare, mentre dunque il rapporto di conto corrente è ancora in essere, la condanna della Banca al pagamento di somme indebitamente appostate sul conto, come invece espressamente, con la conclusione n. 6, ha fatto parte attrice, che ha specificatamente chiesto la pagina 2 di 7

3 condanna della Banca al pagamento, indicando quale titolo del proprio credito la ripetizione di somme indebitamente pagate alla Banca. 2. Deve concordarsi pienamente con i rilievi formulati, in proposito, da parte convenuta. 3. In particolare va escluso che il provvedimento interlocutorio della locale Corte d Appello menzionato da parte attrice, che peraltro parte attrice si è guardata dal produrre, dopo averlo appunto ricordato, ma che è ben noto al giudicante, abbia attinenza con la vicenda in esame, concernendo l ambito dell attività istruttoria in consimili giudizi, in ipotesi di produzioni documentali inadeguate e di allegazione carente: questione, nella specie, positivamente risolta essendosi dato ingresso alla consulenza tecnica. 4. Ad ogni buon conto, in punto di insussistenza del diritto alla ripetizione prima della fine del rapporto, è sufficiente richiamare, oltre a Cass. SS. UU. n /2010) la recente pronunzia della Cassazione civile, sez. III, in data 15/01/2013, n. 798, secondo cui l'annotazione in conto di una posta di interessi (o di commissione massimo scoperto) illegittimamente addebitati dalla banca al correntista comporta un incremento del debito dello stesso correntista, o una riduzione del credito di cui egli ancora dispone, ma in nessun modo si risolve in un pagamento, nel senso che non vi corrisponde alcuna attività solutoria in favore della banca; con la conseguenza che il correntista potrà agire per far dichiarare la nullità del titolo su cui quell'addebito si basa, allo scopo eventualmente di recuperare una maggiore disponibilità di credito, nei limiti del fido accordatogli, ma non potrà agire per la ripetizione di un pagamento che, in quanto tale, da parte sua non ha ancora avuto luogo. Di pagamento, nella descritta situazione, potrà dunque parlarsi soltanto dopo che, conclusosi il rapporto di apertura di credito in conto corrente, la banca abbia esatto dal correntista la restituzione del saldo finale, nel computo del quale risultino compresi interessi non dovuti e, perciò, da restituire se corrisposti dal cliente all'atto della chiusura del conto. 5. Tanto comporta che l esito del presente giudizio non potrà mai essere quello, in definitiva auspicato da parte attrice, di condanna della convenuta al pagamento di alcunché, ma anche che le domande, rispetto alle quali sono formulate le conclusioni ai punti da 1 a 5 (citazione pag. 19), debbano essere comunque esaminate. 6. Corollario di tale affermazione è che nessuna prescrizione è maturata, in quanto il diritto alla ripetizione non è neppure ancora sorto, nascendo solo quando il rapporto di conto corrente ha termine, e decorrendo da tal data il termine prescrizionale. 7. In punto di applicazione dell interesse usurario si osserva che l ausiliare ha proceduto ad una doppia verifica (sulla scorta dei quesiti formulati dal giudice, secondo le proposte di entrambe le parti: si veda, per comodità di consultazione la pag. 5 della pagina 3 di 7

4 relazione, dove sono in nota riportati i due quesiti, ai nn. 2 e 3 della nota in carattere corsivo). 8. Deve ritenersi corretto il quesito, nei termini formulati da parte attrice e non sono invece condivisibili, o meglio non si attagliano al caso concreto, le osservazioni (pur astrattamente plausibili) formulate dalla Banca. 9. E ben vero (come osserva il Ct di parte convenuta: vedasi in particolare allegati alla relazione CTU pag. 8) con argomentazioni puntualmente riprese dalla difesa di BCS, che la normativa anti usura fornisce l indicazione delle componenti di cui si deve tenere conto per verificare l onerosità del capitale prestato, ma non fornisce indicazioni di tipo tecnico matematico per il calcolo del TEG. 10. Orbene, a tale generale rilievo non si è in concreto accompagnata alcuna puntuale censura circa il metodo di calcolo impiegato dal CTU, e tutte le ulteriori osservazioni sia del tecnico che del legale di parte convenuta (pur essendo, specie se isolatamente considerate, in sé perfettamente plausibili e da condividere) non si attagliano al problema proprio della presente vicenda, rispetto al quale solo il quesito, come suggerito da parte attrice, e la relativa articolata risposta dell ausiliare del giudice appaiono utili al fine di far conoscere la verità e di individuare se il tasso soglia sia stato o meno superato, e dunque se la doglianza di parte attrice sia o meno fondata. 11. Deve al riguardo rammentarsi la pur ovvia considerazione, che sembra invece essere sfuggita alla Banca convenuta, secondo cui, nella specie, non si è di fronte ad un tasso di interesse determinato una volta per tutte al momento della pattuizione, come accade per finanziamenti, mutui e così via, ma ad una serie di tassi di interesse applicati, trimestre per trimestre, in ragione della esposizione debitoria del correntista in quel determinato periodo. 12. Il richiamo a Cass. n. 603/2013 non appare pertanto corretto, perché, in tale decisione, il principio di diritto riportato da parte convenuta si attaglia (a ragione) ad una ipotesi del tutto differente, quella cioè di un finanziamento, in relazione al quale il tasso sia stato concordato prima della entrata in vigore della legge n. 108/1996 ed applicato per periodi successivi. 13. Nel caso del conto corrente (tanto se, come, nella specie, anteriore alla legge n. 108/1996, quanto successivo) è del tutto irrilevante quale sia stato il tasso di interesse, passivo per il correntista, concordato in origine fra le parti (e valevole solo per il periodo iniziale del rapporto), essendo il tasso di interesse convenzionale salve ipotesi tanto eccezionali da essere quasi solo scolastiche non fisso ma variabile, su unilaterale decisione della Banca (art. 118 del D. lgs n. 01/09/1993 n. 385, G.U. 30/09/1993 n. 230), ed occorrendo esclusivamente verificare, trimestre per trimestre, o comunque periodo per periodo, al momento cioè dell addebito degli pagina 4 di 7

5 interessi al correntista, se, in relazione a quel singolo periodo, il tasso di interesse sia o meno superiore al tasso soglia fissato dalla legge anti usura (per il periodo, ovviamente, posteriore alla entrata in vigore di tale legge). 14. Ciò detto, è evidente che le doglianze dell Istituto rispetto all operato del ausiliare si rivelano prive di consistenza: il CTU infatti non ha affatto applicato proprie formule, né inserito valori difformi rispetto a quelli indicati negli estratti conto, ma ha semplicemente individuato il tasso di interesse effettivamente applicato, trimestre per trimestre, al rapporto (utilizzando esclusivamente dati tratti dagli estratti conto e cioè da documenti che provengono tutti dalla Banca) inserendo nel calcolo del tasso tutte le voci di costo collegate alla utilizzazione del credito (da confrontare con i tassi del Ministero del Tesoro come determinati trimestralmente ai sensi del art. 2 della legge n. 108/1996 e cioè rilevando il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese). 15. Giova a questo punto rilevare, in particolare, che non solo il ricalcolo (o meglio la individuazione) del TEG deve essere effettuata con l inserimento di tutte le commissioni, compresa la CMS, ma, soprattutto, che il TEG deve essere rideterminato tenendo conto dei saldi effettivi, e non di quelli apparenti. 16. Se il saldo debitore effettivo è inferiore a quello apparente il tasso di interesse applicato, ove calcolato sulla base di quest ultimo, sembra inferiore al tasso soglia, ma è effettivamente superiore, perché il debito reale del correntista non è quello che appare dalle scritture, ma è appunto inferiore: in termini molto semplici, se il debito vero è di 50 e non di 100, ma la Banca, avendo in precedenza conteggiato competenze non dovutele, lo indica in 100, ove chieda 5 come interesse, non sta applicando il tasso del 5% (su 100 saldo apparente) ma quello del 105 (su 50 effettivamente dovuti). 17. E stato riscontrato, da parte dell ausiliare, il superamento del tasso soglia in relazione a sette trimestri (vedasi relazione pag. 6), solo in applicazione della rideterminazione del tasso sulla base delle indicazioni del correntista, mentre nessun superamento vi è stato seguendo le indicazioni suggerite dalla Banca (si vedano sempre le note a pag. 5 della relazione di CTU). 18. In relazione a tutti i periodi in cui il tasso soglia è stato superato, deve escludersi l addebito di interessi ed oneri di ogni tipo, a mente dell art. 4 della legge n. 108/ Nel caso in cui il saldo apparente non sia individuabile alla stregua degli estratti conto, perché mancanti e non prodotti in giudizio neppure dalla Banca, il saldo da cui partire non può che essere il cd. saldo zero, in quanto si ignorano i dati contabili, per fatto ascrivibile ad entrambe le parti processuali (nessuna delle quali, sebbene parte pagina 5 di 7

6 anche del rapporto sostanziale, è stata tanto diligente dal conservare i documenti propri di un rapporto tuttora in essere). 20. In ordine agli interessi convenzionali, per i periodi per i quali essi debbono essere conteggiati (esclusi cioè i trimestri nei quali quelli convenzionali hanno superato la soglia dell usura) deve osservarsi quanto segue: sebbene possa (ed anzi debba), astrattamente, essere ritenuta valida la capitalizzazione convenzionale trimestrale degli interessi passivi, purché sia dimostrato che detta convenzione, in concreto, vi è stata e purché a condizione di reciprocità, per i periodi posteriori alla entrata in vigore della delibera CICR del 9 febbraio 2000 (e cioè a partire dal terzo trimestre 2000), deve escludersi che gli interessi convenzionali siano mai stati nella specie concordati per iscritto fra le parti, in presenza di specifica contestazione di parte attrice in punto di esistenza di un accordo scritto sugli interessi, non potendosi fare riferimento agli interessi cd uso piazza o similari: conseguentemente gli interessi dovuti sono solo quelli legali e ogni forma di capitalizzazione è in concreto da escludere, perché nulla è mai stato concordato per iscritto. 21. Discorso sostanzialmente identico deve essere fatto in ordine alla commissione di massimo scoperto (CMS) e alle altre commissioni diverse dagli interessi legali: si osserva che esse (tutte astrattamente concordabili) non possono essere nella specie applicata al rapporto, in quanto non risultano pattuite, in concreto. 22. Manca infatti (ed era evidentemente onere della Banca che le invoca e le ha sempre applicate, dimostrare l esistenza del titolo convenzionale e cioè della pattuizione scritta che le giustifica: pattuizione scritta necessaria già a mente della legge n e quindi del successivo TUB) la prova che la CMS e le altre commissioni sono state espressamente stabilite fra le parti, ed in che misura. 23. Tanto premesso, deve in definitiva ritenersi che il ricalcolo corretto del saldo sia quello secondo cui il credito del correntista è da determinare partendo da un saldo zero, escludendo qualunque interesse per i trimestri in cui sono stati applicati i tassi soglia, per il solo periodo controverso, che è quello ricompreso fra il 1 gennaio 2002 ed il 31 dicembre 2009, ed applicando comunque, per i restanti periodi, elusivamente gli interessi legali, senza capitalizzazione alcuna, e senza commissione alcuna. 24. Le spese del giudizio, tenuto conto che la convenuta è sostanzialmente soccombente, anche se la domanda di ripetizione non può essere accolta, sono da porre a carico della Banca convenuta e da liquidare come Fase Compenso Fase di studio 3.250,00 Fase introduttiva 1.650,00 pagina 6 di 7

7 Fase istruttoria 3.250,00 Fase decisoria 4.050,00 Compenso tabellare ex art. 11: ,00 Le spese di consulenza tecnica, in via provvisoria poste a carico della convenuta, sono da porre, anche in via definitiva, a carico della Banca. PER QUESTI MOTIVI definitivamente pronunziando, ogni avversa e contraria istanza, eccezione e deduzione respinta: a) rigetta la domanda di ripetizione di indebito, come formulata al punto 6 delle conclusioni attoree; b) accoglie la domanda di accertamento, e dichiara che, in relazione al conto corrente per cui è causa, per i seguenti trimestri: IV 2002, IV 2003, III 2004, I 2005, IV 2005, II 2007, III 2007 è stato superato il tasso soglia di cui alla legge n. 108/1996; c) dichiara applicabile al rapporto, per i restanti trimestri, il tasso di interesse legale e non dovute le somme versate in eccedenza, come determinate dal CTU, limitatamente al periodo 1 gennaio dicembre 2009; d) dichiara non dovute le somme addebitate per anatocismo; e) dichiara non dovute le somme per commissione di massimo scoperto; f) condanna la Banca di Credito Sardo SpA alla rifusione delle spese del presente giudizio, che liquida in favore di parte attrice, in per compensi, 460,63 per spese vive. Sassari li 4 febbraio aprile 2014 IL GIUDICE Dott. Silvio Lampus pagina 7 di 7

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta. www.ifa-nordest.it

Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta. www.ifa-nordest.it Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta www.ifa-nordest.it Anatocismo Interessi ultralegali Commissioni di massimo scoperto Usura bancaria Di cosa si tratta? Anatocismo: Costituisce il criterio di

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Anatocismo Interessi ultralegali Commissione di massimo scoperto ARGOMENTI Usura bancaria Costituisce il criterio di calcolo degli interessi applicato dalle

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra N RG 64615/2013 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n rg 64615/2013 BEMA CERAMICHE SRL DEBORAH BETTI CONSUELO BETTI STEFANO BETTI PIERA PELUCCHI tra BANCA POPOLARE DI

Dettagli

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE Il contenzioso bancario alla luce delle recenti novità normative e della sentenza della Corte Costituzionale n. 78/2012 Il quesito per il C.T.U. RELATORE:

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Avv. Alessandro Leproux Prof. Avv. Andrea Gemma Prof. Avv. Gustavo Olivieri Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

L ANATOCISMO. (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

L ANATOCISMO. (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili L ANATOCISMO (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Materia: tecnica professionale Mercoledì 02/03/2016 Docente: Dott.ssa Simona

Dettagli

Software di ricalcolo del conto corrente bancario Conto giusto

Software di ricalcolo del conto corrente bancario Conto giusto Software di ricalcolo del conto corrente bancario Conto giusto Formulazione criteri e algoritmi di calcolo: Dott. Roberto Marcelli, Antonio Giulio Pastore e Amedeo Valente Elaborazione informatica: Ing.

Dettagli

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) INTESTARIO CONTO...XXX BANCA...YYY NUMERO C.C...123456 TIPOLOGIA CONTO...ORDINARIO DATA APERTURA CONTO/PRIMO ESTRATTO DISPONIBILE...01/01/2004 DATA CHIUSURA/ULTIMO

Dettagli

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E ) INTESTARIO CONTO...XXX BANCA...YYY NUMERO C.C...123456 TIPOLOGIA CONTO...ORDINARIO DATA APERTURA CONTO/PRIMO ESTRATTO DISPONIBILE...01/01/2004 DATA CHI/ULTIMO ESTRATTO

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - S E N T E N Z A

IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - S E N T E N Z A Sent. n. REPUBBLICA ITALIANA In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - in composizione monocratica nella persona del Giudice Unico Dott. Valentino Lenoci, ha pronunziato

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

L attività del consulente tecnico

L attività del consulente tecnico II Giornata Il contenzioso con le banche: rilievi pratici e giurisprudenziali L attività del consulente tecnico 1) Il ruolo del consulente tecnico: differenza tra CTP e CTU del Tribunale. 2) CTP: stretta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO N. R.G. 3872/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di PALERMO Sezione Quinta Civile / Sezione specializzata in materia di Imprese Il Tribunale, nella persona del Giudice

Dettagli

IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO

IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO L ANATOCISMO È la produzione di interessi da interessi appositamente capitalizzati Nella gestione del conto corrente quando la Banca, liquidando le competenze trimestrali,

Dettagli

IL QUESITO IN TEMA DI CONTO CORRENTE BANCARIO 1

IL QUESITO IN TEMA DI CONTO CORRENTE BANCARIO 1 IL QUESITO IN TEMA DI CONTO CORRENTE BANCARIO 1 di LUCIANO M. QUATTROCCHIO - BIANCA M. OMEGNA Il Consulente Tecnico d Ufficio, acquisita la documentazione presente agli atti del giudizio e soltanto con

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI 1 GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI Per l illustrazione delle opzioni di ricalcolo ex Cass. SU 24418/10 si veda l apposita guida Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012 N. R.G. 4586/2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di PRATO Unica CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Maria Novella Legnaioli ha pronunciato la seguente

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato da

Dettagli

Contenzioso Bancario

Contenzioso Bancario Contenzioso Bancario Convegno GAM 26 novembre 2014 Dott.ssa Barbara Cardia studiobarbaracardia@gmail.com Corso Stati Uniti 53, Torino Anatocismo nei rapporti bancari Anatocismo: produzione di interessi

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Monza Sezione Terza Sezione Il Tribunale, nella persona del giudice unico Dott. Giovanni Battista Nardecchia ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Napoli Sezione civile II

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Napoli Sezione civile II Negli ultimi anni, con l aggravarsi della crisi economica deflagrata nel 2008, il contenzioso cliente banca è cresciuto a dismisura e (a parte le contestazioni relative ai prodotti derivati) le doglianze

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Avv. Maria Elisabetta

Dettagli

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario intervento a cura del Rag. Alberto Leggi INTRODUZIONE Da qualche tempo cercavo sulla rete qualche sito che fosse di ausilio ai consulenti

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Pagina 1 di 6 Cassazione Civile CONTRATTI BANCARI - INGIUNZIONE (PROCEDIMENTO PER) Cass. civ. Sez. I, Sent., 11-01-2013, n. 603 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

Sentenza n. 1311/2016 pubbl. il 01/02/2016 RG n. 44107/2014 Repert. n. 947/2016 del 01/02/2016

Sentenza n. 1311/2016 pubbl. il 01/02/2016 RG n. 44107/2014 Repert. n. 947/2016 del 01/02/2016 N. R.G. 44107/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Francesco Matteo Ferrari ha pronunciato

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CROTONE, SEZ. CIVILE. nella persona del Giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CROTONE, SEZ. CIVILE. nella persona del Giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CROTONE, SEZ. CIVILE nella persona del Giudice Dott. Michele Sessa ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Avv. Lanfranco Biasiucci Dipartimento Bancario Finanziario Contenzioso: presente e futuro Conto Corrente e finanziamenti operativi (fidi, aperture

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10

I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10 1 I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10 Guida all impostazione dei criteri in Conto Giusto Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti o possibili migliorie del software si prega

Dettagli

TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004

TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004 TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004 omissis SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione ritualmente notificato Verdi Ivan Carlo evocava in giudizio la Banca Popolare del Materano S.p.a., in persona

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente REPUBBLICA ITALIANA 104/2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

Decisione N. 535 del 26 gennaio 2015

Decisione N. 535 del 26 gennaio 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Dr. Giovanni Battista Frescura *

Dr. Giovanni Battista Frescura * Dr. Giovanni Battista Frescura * Centro servizi peritali (immobili e contratti bancari) Valdagno (VI) Via Bellini 6,Tel/fax 0445.412545, Email csvaldagno@assimai.it P.iva 022225740246 - N. rea 216490 Illustrazione

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice Unico del Tribunale di Bari, Quarta sezione civile, GOT Dott. Savino Gambatesa, ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta

Dettagli

Il ruolo del CTU nelle cause per Anatocismo bancario sui conti correnti.

Il ruolo del CTU nelle cause per Anatocismo bancario sui conti correnti. Il ruolo del CTU nelle cause per Anatocismo bancario sui conti correnti. Relatore: Dott. Luca Burani Roma, 24 Giugno 2009 1 Temi di discussione Individuazione somme non dovute Ricalcolo estratto conto

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo)

USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo) USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo) Se vuoi acquistare questo interessantissimo ebook clicca qui SCHEDA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Diego Corapi Prof. Avv Marco Marinaro Membro designato dalla Banca

Dettagli

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE CONTENUTO DEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE L'art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.), impone la forma scritta del contratto di conto corrente Inoltre ai commi

Dettagli

CONTENZIOSO BANCARIO. ANATOCISMO E USURA: Percorso per l avvio della procedura di rimborso

CONTENZIOSO BANCARIO. ANATOCISMO E USURA: Percorso per l avvio della procedura di rimborso CONTENZIOSO BANCARIO ANATOCISMO E USURA: Percorso per l avvio della procedura di rimborso Premessa: cosa deve sapere il tuo cliente Comprendere come l obiettivo prioritario non è far causa alle banche,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Decisione N. 941 del 18 febbraio 2014

Decisione N. 941 del 18 febbraio 2014 COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato da Associazione

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom Anatocismo e Usura Bancaria Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom 1 ANATOCISMO USURA RILEVAZIONI CONTABILI ERRATE COSTI OCCULTI INDETERMINATEZZA DELLE CONDIZIONI CONTI CORRENTI MUTUI LEASING DERIVATI

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti PERIZIA TECNICA - USURA OGGETTIVA Mutuatario : Banca: Notaio: Stipula: 19/01/2006 Repertorio:

Dettagli

TRIBUNALE DI PESCARA

TRIBUNALE DI PESCARA TRIBUNALE DI PESCARA RITO MONOCRATICO (artt. 50 ter, 281 quinquies c.p.c.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice del Tribunale di Pescara, Dott. Marco Bortone, ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI TREVISO

TRIBUNALE ORDINARIO DI TREVISO TRIBUNALE ORDINARIO DI TREVISO Sezione Terza Civile Ex Sezione Distaccata di Castelfranco Veneto REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, in persona del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI NOLA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI NOLA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI NOLA In composizione monocratica, in persona del giudice, dott. Eduardo Savarese, ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura NO ALLA DOPPIA SOMMATORIA Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura 12/06/2014 Tribunale di Torino - Ordinanza 10 giugno 2014 n. 759 In un contratto di finanziamento, ai fini del superamento

Dettagli

Contenzioso in materia di credito bancario: aspetti probatori (CTU, ordine di esibizione e prova testimoniale) e tecnico-contabili.

Contenzioso in materia di credito bancario: aspetti probatori (CTU, ordine di esibizione e prova testimoniale) e tecnico-contabili. Contenzioso in materia di credito bancario: aspetti probatori (CTU, ordine di esibizione e prova testimoniale) e tecnico-contabili. Relatore: Dott. Alfredo Montefusco Commercialista in Benevento alfredomontefusco@virgilio.it

Dettagli

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da Egr. Sig. Tommaso Bortolomiol, come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da diversi Tribunali Italiani in materia di ripetibilità di quanto addebitato

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

Decisione N. 2210 del 10 aprile 2014

Decisione N. 2210 del 10 aprile 2014 COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) CONTE Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) ROCCO DI TORREPADULA Membro designato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

BANCA POPOLARE di VERONA S.p.A., con sede in Verona, rappresentata e difesa dall'avv. XY mandato in atti,

BANCA POPOLARE di VERONA S.p.A., con sede in Verona, rappresentata e difesa dall'avv. XY mandato in atti, TRIBUNALE DI PARMA REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Parma, seconda sezione civile, in persona del Giudice Unico Dott. Renato MARI, ha pronunziato la seguente SENTENZA N.

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISSETTA. Sezione Lavoro SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISSETTA. Sezione Lavoro SENTENZA Pubblicata in GIUS 18/2000, p. 2133 e ss. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CALTANISSETTA Sent. Civ. N. 475/00 Reg. Gen. 1886/99 Cronologico 3133 TRIBUNALE DI CALTANISSETTA Sezione

Dettagli

TRIBUNALE DI PERUGIA. I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI PERUGIA. I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. È nulla la clausola che impone la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi all interno di un contratto di conto corrente bancario stipulato prima dell entrata in vigore del d.lgs

Dettagli

Decisione N. 2276 del 14 aprile 2014

Decisione N. 2276 del 14 aprile 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato da

Dettagli