Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Provinciale di Napoli CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI PROGETTO SICUREZZA E LEGALITÀ Strumenti operativi per prevenire e contrastare efficacemente il racket e l usura, liberare le imprese da tutti i condizionamenti criminali e promuovere la cultura della legalità Progetto realizzato da CONFESERCENTI PROVINCIALE DI NAPOLI e finanziato da CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI

2 La pubblicazione è stata realizzata nell ambito del progetto Sicurezza e Legalità finanziato dalla Camera di Commercio di Napoli. I contenuti della stessa non possono essere manipolati nè riprodotti con alcun mezzo senza la previa autorizzazione della CCIAA di Napoli e della Confesercenti Provinciale di Napoli.

3 Vincere la sfida della legalità conviene. A condizione di non sentirsi mai soli. Non pagare il pizzo e non cedere alle altre forme di illegalità è innanzitutto un dovere morale, ma è anche una scelta economica per non distrarre risorse che servono allo sviluppo aziendale. I fenomeni estorsivi rappresentano non più un primato delle regioni meridionali, ma una drammatica realtà in tutto il Paese. Secondo recenti statistiche oltre il 40 per cento delle imprese del Sud e campane in particolare, impegnano più del 2 per cento per proteggersi da furti, rapine ed estorsioni. E ancora: secondo il Censis, senza i costi della criminalità, la ricchezza prodotta dalle regioni meridionali nel solo ventennio dal 1980 al 2000, avrebbe consentito di azzerare il divario con le aree più sviluppate del nostro Paese. Ecco che combattere l illegalità e i fenomeni estorsivi è anche un opportunità economica. Alla base di queste premesse c è innanzitutto l impegno a tutto campo al fianco delle associazioni imprenditoriali, della Camera di Commercio di Napoli. E su questa scia si inserisce l iniziativa dell amministrazione comunale partenopea che ha istituito degli appositi elenchi per gli affidamenti di lavori, servizi e fornitore per gli operatori economici che denunciano fenomeni di racket. Un meccanismo premiale che punta ad incoraggiare gli imprenditori e i professionisti che scelgono di non subire intimidazioni criminali e denunciare i fenomeni estorsivi, ma anche e soprattutto un segnale forte che l ente camerale sente di dover rilanciare insieme a tutte le iniziative messe in campo per contrastare l avanzata della criminalità nelle attività economiche. Maurizio Maddaloni Presidente della Camera di Commercio di Napoli

4 La pubblicazione che la Confesercenti ha realizzato, anche grazie al contributo della Camera di Commercio di Napoli, intende rappresentare un compendio utile a favorire una maggiore diffusione della conoscenza condivisa della recente delibera antiracket del Comune di Napoli e a divulgare ancora maggiormente il recente codice etico adottato dalla Confesercenti provinciale di Napoli. Questi due importanti documenti è necessario che siano resi noti e siano messi al centro del dibattito e del confronto nel mondo delle imprese e tra questo mondo e quello delle istituzioni locali. La delibera antiracket del Comune di Napoli è moto importante e si pone come ulteriore strumento a favore di quegli imprenditori che si sono ribellati ai ricatti estorsivi e che hanno collaborato con la magistratura e le forze dell ordine. Favorire le vittime del racket che decidono di liberarsi dai loro aguzzini va nella direzione che la nostra associazione ha auspicato da tempo e la creazione di vere e proprie white list di imprenditori e commercianti a cui offrire opportunità di lavoro è un modo onesto e concreto di esprimere una forma di risarcimento collettivo a quanti, fatti oggetto di richieste estorsive, vincono la paura denunciando e, collaborando con le forze dell ordine e la magistratura, fanno prevalere il coraggio e la dignità affermando la propria libertà, quella delle loro aziende e dell intera città. Il Codice Etico che la Giunta provinciale della Confesercenti di Napoli ha approvato alla unanimità rappresenta un importante passo in avanti della nostra organizzazione di categoria nella direzione di una maggiore chiarezza e fermezza nell impegno che oltre venti anni la Confesercenti conduce per arginare tutti i condizionamenti esterni che le mafie esercitano sulle imprese sane per limitarne la libertà e assoggettarle ad un sistema illegale e parassitario che danneggia non solo le piccole e medie imprese ma tutta al società civile. Siamo orgogliosi di poter dire che a Napoli la Confesercenti, con la collaborazione di SOS IMPRESA NAPOLI, si è dotata di un codice etico tra i più avanzati e chiari nell affermazione dell obbligo della denuncia per tutti i reati e soprattutto per il racket e l usura. Abbiamo dedicato questa importante determinazione alla memoria di Libero Grassi che a Palermo venti anni fa lanciò per primo il segnale di allarme con il suo deciso e chiaro rifiuto di subire il pizzo. Proprio quest anno ricorre il ventennale del suo sacrificio che non è stato vano perché sul suo esempio e sulla sua morte in tutto il Paese è cresciuto un movimento forte di liberazione dalle mafie e dal racket che deve ancora fare tanto cammino ma che sicuramente tanto cammino sta già facendo insieme al vasto movimento antiracket che oggi si riconosce anche intorno alle grandi organizzazioni nazionali come SOS IMPRESA e la RETE PER LA LEGALITÀ. Vincenzo Schiavo Presidente Confesercenti Napoli

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29 La delibera antiracket del Comune di Napoli è il primo atto forte e concreto di questa Amministrazione Comunale a favore della cultura della denuncia e della collaborazione nell ambito del reato di racket e della limitazione della libertà di impresa da parte della criminalità organizzata. L iniziativa del Comune di Napoli di creare un elenco di operatori economici che, avendo denunciato il racket e collaborato con le forze dell ordine, vengono agevolate nell assegnazione di appalti e commesse è una iniziativa molto importante e sicuramente utile a favorire l aumento delle denunce. Il principio ispiratore della delibera è quello di contribuire a difendere la libertà di impresa troppo spesso minacciata nella nostra città e nella nostra provincia. SOS IMPRESA sia a livello nazionale che a livello locale da anni auspica un provvedimento a favore delle vittime del racket anche sotto questo profilo. Ringrazio quindi il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris e l Assessore alla lotta al racket e all usura Giuseppe Narducci per aver promosso questa iniziativa che auspico venga immediatamente ripresa anche da tutti gli altri comuni della provincia di Napoli. Tutte le Amministrazioni Comunali della nostra provincia devono assumere un ruolo forte ed efficace su questi temi per aiutare le imprese a liberarsi dal racket e dall usura anche nell interesse di tutti i cittadini e le persone perbene che non vogliono rassegnarsi ad una vita all ombra di tante Gomorre Tecla Magliacano Presidente SOS IMPRESA NAPOLI

30

CONSUMO CRITICO ANTIRACKET

CONSUMO CRITICO ANTIRACKET FAI LA DIFFERENZA CONTRASTA IL PIZZO E PROMUOVI LA LEGALITÀ CON IL CONSUMO CRITICO www.antiracket.it CITTADINI/CONSUMATORI E IMPRENDITORI/ COMMERCIANTI SIAMO GLI ATTORI DI QUESTO CAMBIAMENTO. IL PIENO

Dettagli

CONVENZIONE. nato a Napoli l 8 gennaio 1976 domiciliato per la carica. presso la casa comunale di Melito di Napoli d intesa con l ANCI Campania.

CONVENZIONE. nato a Napoli l 8 gennaio 1976 domiciliato per la carica. presso la casa comunale di Melito di Napoli d intesa con l ANCI Campania. CONVENZIONE TRA Il Comune di Melito di Napoli in persona del legale rappresentante p.t., Avv. Venanzio Carpentieri, nato a Napoli l 8 gennaio 1976 domiciliato per la carica presso la casa comunale di Melito

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

gli altri: CHI? I movimenti di opposizione al fenomeno mafioso

gli altri: CHI? I movimenti di opposizione al fenomeno mafioso 4) la mafia: CHI? gli altri: CHI? I movimenti di opposizione al fenomeno mafioso I movimenti di opposizione Ci sono sempre stati (es. Movimenti di lotta contadina in Sicilia nei primi anni del 900, singoli

Dettagli

Indagine Confcommercio GfK Eurisko sui fenomeni criminali

Indagine Confcommercio GfK Eurisko sui fenomeni criminali Indagine Confcommercio GfK Eurisko sui fenomeni criminali e 25 novembre 2015 Premessa e obiettivi Da alcuni anni CONFCOMMERCIO realizza, con il supporto di GfK Eurisko, un indagine sulla criminalità che

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE. ATTIVITA' della COFILE ANTIUSURA BANCARIA FROSINONE. indirizzata. PREFETTURA di FROSINONE

AUTOCERTIFICAZIONE. ATTIVITA' della COFILE ANTIUSURA BANCARIA FROSINONE. indirizzata. PREFETTURA di FROSINONE AUTOCERTIFICAZIONE ATTIVITA' della COFILE ANTIUSURA BANCARIA FROSINONE indirizzata PREFETTURA di FROSINONE Settembre 2013 BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ SVOLTA dalla COFILE e AMBITO TERRITORIALE DI OPERATIVITÀ

Dettagli

RASSEGNA STAMPA REGIONALE

RASSEGNA STAMPA REGIONALE Il volto economico delle mafie. Focus sul nord est 15 aprile 2015, ore 9.00-16.00, Vicenza RASSEGNA STAMPA REGIONALE La Prima Pagina 13 aprile 2015 Vicenza, il volto economico delle mafie Focus sul Nord

Dettagli

Indagine Confcommercio GfK Eurisko sui fenomeni criminali

Indagine Confcommercio GfK Eurisko sui fenomeni criminali Indagine Confcommercio GfK Eurisko sui fenomeni criminali 26 novembre 201 Premessa e obiettivi Nel 2007 Confcommercio ha realizzato, con il supporto di GfK Eurisko, un indagine sulla criminalità che colpisce

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 25 del 25.02.2013 OGGETTO : Partecipazione Avviso Pubblico Prevenzione e Contrasto ai Reati di Usura

Dettagli

ENTI PROMOTORI Solidaria società coop.va sociale Onlus (capofila) Libera Palermo SOS Impresa Palermo Comitato Addiopizzo PRESENTAZIONE

ENTI PROMOTORI Solidaria società coop.va sociale Onlus (capofila) Libera Palermo SOS Impresa Palermo Comitato Addiopizzo PRESENTAZIONE ENTI PROMOTORI Solidaria società coop.va sociale Onlus (capofila) Libera Palermo SOS Impresa Palermo Comitato Addiopizzo PRESENTAZIONE Il 10 gennaio 1991, sulle pagine del Giornale di Sicilia, venne pubblicato

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DI RIUNIONE DELLA GIUNTA CAMERALE SEDUTA N. 15 DEL 06.11.2012

ESTRATTO DAL VERBALE DI RIUNIONE DELLA GIUNTA CAMERALE SEDUTA N. 15 DEL 06.11.2012 ESTRATTO DAL VERBALE DI RIUNIONE DELLA GIUNTA CAMERALE SEDUTA N. 15 DEL 06.11.2012 Nell anno 2012, il giorno 6 del mese di novembre alle ore 10.00, nella sede di Piazza Bovio si è riunita la Giunta della

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ANNUALE ALLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET ED ANTIUSURA DI CUI ALL ART.13 DELLA LEGGE N.44/99 CON SEDE LEGALE ED OPERANTI

Dettagli

Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11. Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17

Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11. Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17 Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11 Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17 1. Le ragioni di un programma di ricerca 17 2. Le differenti

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE: Carmen Patrizia MURATORE Avente ad oggetto: INTERVENTI IN MATERIA DI USURA.

Dettagli

DENUNCIA IL RACKET. TI CONVIENE.

DENUNCIA IL RACKET. TI CONVIENE. DENUNCIA IL RACKET. TI CONVIENE. CON NOI SEI FONDO DI PIÙ FORTE SOLIDARIETÀ CONTRO DI LORO L ESTORSIONE cara amica, caro amico se hai subito o subisci le minacce alla tua libertˆ dõimpresa, con le richieste

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento

8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale,

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 385 Approvazione dei criteri e modalità per l'utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell'usura,

Dettagli

Deliberazione originale del Consiglio Comunale

Deliberazione originale del Consiglio Comunale Deliberazione originale del Consiglio Comunale N. 40 del Reg. Data 27 novembre 2014 OGGETTO: Approvazione ordine del giorno ad oggetto Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 178 IN SEDUTA DEL 23/8/2013 OGGETTO ADESIONE ALLA "CAMPAGNA 365 GIORNI NO" ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Nell anno duemilatredici addì 23 del mese di agosto alle

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. (con i poteri del Consiglio comunale- art. 42 del T.u.ee.ll. approvato con D.Lgs. n.

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. (con i poteri del Consiglio comunale- art. 42 del T.u.ee.ll. approvato con D.Lgs. n. COMUNE DI CASAVATORE Provincia di Napoli DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO (con i poteri del Consiglio comunale- art. 42 del T.u.ee.ll. approvato con D.Lgs. n. 267 del 2000) ORIGINALE N. 68 DEL

Dettagli

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie Non è un corteo come gli altri perché a partecipare sono i familiari delle vittime della mafia, una mafia che è come la peste che si espande come un cancro per tutto il Paese. Per combatterla non basta

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ANTIRACKET MESAGNE

STATUTO ASSOCIAZIONE ANTIRACKET MESAGNE STATUTO ASSOCIAZIONE ANTIRACKET MESAGNE Associazione per lo sviluppo del territorio e la tutela dei cittadini, delle imprese e di ogni ente o associazione di persone da ogni forma di attacco criminoso,

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

A. Principi di Condotta

A. Principi di Condotta Introduzione Il Gruppo Oerlikon (di seguito denominato Oerlikon ) detiene una posizione unica di leader mondiale nella fornitura di tecnologie, prodotti e servizi all avanguardia. I nostri prodotti e le

Dettagli

Libera Reggio Calabria, Senza mafie stiamo tutti meglio IL RISVEGLIO DI REGGIO CALABRIA

Libera Reggio Calabria, Senza mafie stiamo tutti meglio IL RISVEGLIO DI REGGIO CALABRIA IL RISVEGLIO DI REGGIO CALABRIA Senza mafie stiamo tutti meglio intervista con Mimmo Nasone di Gianni Di Santo Una città che vuole reagire al potere della ndrangheta: con i giovani, le associazioni, i

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

Sede legale/operativa dal Feb. 2006 : Sant'Agata Li Battiati Sede operativa dal Nov. 2008: Palagonia

Sede legale/operativa dal Feb. 2006 : Sant'Agata Li Battiati Sede operativa dal Nov. 2008: Palagonia Sede legale/operativa dal Feb. 2006 : Sant'Agata Li Battiati Sede operativa dal Nov. 2008: Palagonia La missione Sviluppare e sostenere un piano di attivita di contrasto al RACKET, all USURA e all ILLEGALITA

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Ravenna SERATA CONFESERCENTI 2015 10 NOVEMBRE. Intervento di Roberto Manzoni Presidente Provinciale Confesercenti

Ravenna SERATA CONFESERCENTI 2015 10 NOVEMBRE. Intervento di Roberto Manzoni Presidente Provinciale Confesercenti SERATA CONFESERCENTI 2015 10 NOVEMBRE Intervento di Roberto Manzoni Presidente Provinciale Confesercenti Grazie a tutte e tutti voi per essere qui con noi alla nostra tradizionale serata che quest anno

Dettagli

Avv. Salvatore Forello Avv. Salvatore Caradonna Dott. Valerio D Antoni

Avv. Salvatore Forello Avv. Salvatore Caradonna Dott. Valerio D Antoni STUDIO LEGALE Avv. Salvatore Forello Avv. Salvatore Caradonna Dott. Valerio D Antoni Via della Libertà n.197-palermo Tel.091-305978 / Fax 091-7303171 Parere pro-veritate La questione giuridica in esame

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

PREFETTURA DI ROMA COMUNICATO STAMPA CONFERENZA PERMANENTE 15 DICEMBRE 2010 SESSIONI : IMMIGRAZIONE BULLISMO TUTELA E DELLA SICUREZZA DEL LAVORO.

PREFETTURA DI ROMA COMUNICATO STAMPA CONFERENZA PERMANENTE 15 DICEMBRE 2010 SESSIONI : IMMIGRAZIONE BULLISMO TUTELA E DELLA SICUREZZA DEL LAVORO. PREFETTURA DI ROMA COMUNICATO STAMPA CONFERENZA PERMANENTE 15 DICEMBRE 2010 SESSIONI : IMMIGRAZIONE BULLISMO TUTELA E DELLA SICUREZZA DEL LAVORO. Si è svolta presso la Sala Di Liegro della Provincia di

Dettagli

Nuove norme in materia di interventi regionali per la prevenzione e la lotta al fenomeno di usura e di estorsione.

Nuove norme in materia di interventi regionali per la prevenzione e la lotta al fenomeno di usura e di estorsione. Legge Regionale 26 giugno 2015 n. 21 Nuove norme in materia di interventi regionali per la prevenzione e la lotta al fenomeno di usura e di estorsione. (Basilicata, BUR 1 luglio 2015, n. 23) IL CONSIGLIO

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

UNIONE EUROPEA - Fondo Sociale Europeo REGIONE SICILIANA - Dip. Reg.le della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali

UNIONE EUROPEA - Fondo Sociale Europeo REGIONE SICILIANA - Dip. Reg.le della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali IMPRESA POSSIBILE UNIONE EUROPEA - Fondo Sociale Europeo REGIONE SICILIANA - Dip. Reg.le della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali POR SICILIA 2000/2006 ASSE 3 - SOTTOMISURA 3.21

Dettagli

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO 1 CODICE ETICO INDICE 2 - INTRODUZIONE E DESTINATARI. - VALORI. - PRINCIPI FONDAMENTALI. - RAPPORTI CON: Personale e collaboratori; Terzi. - SANZIONI DISCIPLINARI. INTRODUZIONE E DESTINATARI. TEMA RICERCA

Dettagli

PON Sicurezza & PON Legalità

PON Sicurezza & PON Legalità PON Sicurezza & PON Legalità Confronto tra i programmi per la legalità nella precedente e nell attuale programmazione dei Fondi Comunitari Parte I Il PON "Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza"2007-2013

Dettagli

LAVORARE IN PARTNERSHIP: IKEA LUGLIO 2013 Vincitrice del Premio Leader Europeo 2012!

LAVORARE IN PARTNERSHIP: IKEA LUGLIO 2013 Vincitrice del Premio Leader Europeo 2012! LAVORARE IN PARTNERSHIP: IKEA LUGLIO 2013 Vincitrice del Premio Leader Europeo 2012! NASCITA E STORIA DEL GRUPPO Fondata nel 1943 dall industriale svedese Ingvar Kamprad, IKEA aprì il suo primo punto vendita

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

UN ALTRO VIAGGIO E POSSIBILE

UN ALTRO VIAGGIO E POSSIBILE 2013/16 DEMETRA ONLUS CAMPAGNA INTERNAZIONALE UN ALTRO VIAGGIO E POSSIBILE Nasce per Contrastare lo sfruttamento sessuale dei minori a fini commerciali nei viaggi e nel turismo con riguardo ai prossimi

Dettagli

- Allegato COMUNICATO STAMPA -

- Allegato COMUNICATO STAMPA - - Allegato COMUNICATO STAMPA - DATI 1^ Ricerca sulla percezione della sicurezza quanto ad EXPO2015, intitolata "EXPO2015: Sicurezza, Continuità, Vigilanza e Tutela dell'esposizione Universale I primi risultati

Dettagli

PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Supporto alle attività di prevenzione della corruzione negli enti pubblici PREMESSA Fino agli anni 90 la corruzione era ancora

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

DOCUMENTO POLITICO XVI CONGRESSO PROVINCIALE DELLA FILLEA CGIL DI FROSINONE

DOCUMENTO POLITICO XVI CONGRESSO PROVINCIALE DELLA FILLEA CGIL DI FROSINONE DOCUMENTO POLITICO XVI CONGRESSO PROVINCIALE DELLA FILLEA CGIL DI FROSINONE Il congresso provinciale di Frosinone, svoltosi il 10 dicembre 2005, esprime piena condivisione e apprezzamento sulle posizioni

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

ESPONI LA LOCANDINIA DEGLI INTENTI

ESPONI LA LOCANDINIA DEGLI INTENTI Progetto Grafico: ESPONI LA LOCANDINIA DEGLI INTENTI Roberto Helg Presidente Confcommercio Palermo Da tempo l economia siciliana è in grave difficoltà e, come se ciò non bastasse, il nostro sistema produttivo

Dettagli

Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Definizione di vittima della criminalità)

Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Definizione di vittima della criminalità) Legge regionale 16 ottobre 2008, n. 31 Interventi regionali in materia di sostegno alle vittime della criminalità e in materia di usura. (BUR n. 20 del 16 ottobre 2008, supplemento straordinario n. 1 del

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

STATI GENERALI PER LA SICUREZZA STRADALE 2015 E' TEMPO DI AGIRE. LOTTA ALLA VIOLENZA STRADALE

STATI GENERALI PER LA SICUREZZA STRADALE 2015 E' TEMPO DI AGIRE. LOTTA ALLA VIOLENZA STRADALE " LA FONDAZIONE LUIGI GUCCIONE SOSTIENE IL DECENNIO DI AZIONE PER LA SICUREZZA STRADALE 2011-2020" FLG E COMPONENTE DELLA FEDERAZIONE EUROPEA VITTIME DELLA STRADA E DELL ALLEANZA GLOBALE DELLE ONG PER

Dettagli

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 225 25 novembre 2015 Immediatamente Eseguibile

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 225 25 novembre 2015 Immediatamente Eseguibile Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 225 25 novembre 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Collaborazione tra il Comune di Cremona e l'associazione Incontro

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA CALTANISSETTA Ufficio Comunicazione istituzionale RASSEGNA STAMPA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA CALTANISSETTA Ufficio Comunicazione istituzionale RASSEGNA STAMPA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA CALTANISSETTA Ufficio Comunicazione istituzionale RASSEGNA STAMPA Speciale sulla Firma Protocollo "Le Camere di Commercio contro la criminalità

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

Rassegna Stampa Pon Sicurezza 19 25 novembre 2012

Rassegna Stampa Pon Sicurezza 19 25 novembre 2012 Rassegna Stampa Pon Sicurezza 19 25 novembre 2012 Agenzie Stampa ADNKRONOS Data 19-11-2012 Pagina Foglio RAI2: IN PRIMA TV IL CARTONE DEDICATO A DON PUGLISI Roma, 19 nov. - (Adnkronos) - 'La missione di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO IN MATERIA DI TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO IN MATERIA DI TURISMO PROVINCIA DI LECCE CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LECCE CONFCOMMERCIO CONFESERCENTI ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ORGANIZZAZIONI SINDACALI PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro Venerdì 17 aprile, è venuta nella nostra scuola signora Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro, uno dei tre uomini di scorta che viaggiavano nella

Dettagli

Durante gli anni della crisi, infatti, si è registrata un impennata di reati, dai furti alle truffe.

Durante gli anni della crisi, infatti, si è registrata un impennata di reati, dai furti alle truffe. Care amiche, cari amici. Innanzitutto voglio ringraziare i nostri illustri ospiti e voi tutti per aver voluto partecipare a questo convegno. Un appuntamento che ci sta particolarmente a cuore, perché relativo

Dettagli

Le mafie a Milano e nel Nord: aspetti sociali ed economici

Le mafie a Milano e nel Nord: aspetti sociali ed economici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO AULA MAGNA Le mafie a Milano e nel Nord: aspetti sociali ed economici Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Milano, 11 marzo 2011 La criminalità

Dettagli

RESTART ANTIMAFIA LE MAFIE SULLA MIA CITTÀ SFIDA REDAZIONALE PER PROMUOVERE IL PROTAGONISMO DELLE NUOVE GENERAZIONI NEL CONTRASTO ALLE MAFIE

RESTART ANTIMAFIA LE MAFIE SULLA MIA CITTÀ SFIDA REDAZIONALE PER PROMUOVERE IL PROTAGONISMO DELLE NUOVE GENERAZIONI NEL CONTRASTO ALLE MAFIE RESTART ANTIMAFIA LE MAFIE SULLA MIA CITTÀ SFIDA REDAZIONALE PER PROMUOVERE IL PROTAGONISMO DELLE NUOVE GENERAZIONI NEL CONTRASTO ALLE MAFIE 1. SOGGETTO PROMOTORE Il promotore della sfida redazionale Restart

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2264 PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del deputato PISICCHIO Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione, nonché

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) LEGGE REGIONE MARCHE 11 NOVEMBRE 2008, N. 32 Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) Art. 3 (Istituzione del Forum permanente) Art. 4 (Iniziative di prevenzione) Art. 5 (Informazione) Art. 6

Dettagli

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013 ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA Reggio Calabria, 2 aprile 2013 DOVE OPERANO LE MAFIE IN ITALIA L INDICE DI PRESENZA MAFIOSA Per conoscere come le organizzazioni mafiose si distribuiscono sul territorio italiano

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 26 novembre 2014 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis,

Dettagli

GUIDA ANTIRACKET ED ANTIUSURA

GUIDA ANTIRACKET ED ANTIUSURA GUIDA ANTIRACKET ED ANTIUSURA La Camera di Commercio di Enna interpreta nel senso più ampio possibile il proprio ruolo di agente di sviluppo del territorio e quindi ritiene di dovere agire anche in campi

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Proposta di legge. Titolo: Strumenti di prevenzione dell usura ed educazione all uso consapevole del denaro

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Proposta di legge. Titolo: Strumenti di prevenzione dell usura ed educazione all uso consapevole del denaro RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Proposta di legge Titolo: Strumenti di prevenzione dell usura ed educazione all uso consapevole del denaro I. Analisi della compatibilità con l ordinamento costituzionale, statutario

Dettagli

un quartiere per la legalità

un quartiere per la legalità Il progetto di Terre di mezzo QUARTIERE ISOLA VIALE MURILLO VIALE RENATO SERRA CORSO SEMPIONE VIALE ELVEZIA VIA EDOARDO JENNER VIA VALTELLINA BASTIONI DI PORTA VENEZIA 3 CORSO BUENOS AIRES ZONA VIA MARGHERA,

Dettagli

Ipotesi di collaborazione con le ONP. Campagna di raccolta fondi straordinaria in occasione del ventennale di Libera

Ipotesi di collaborazione con le ONP. Campagna di raccolta fondi straordinaria in occasione del ventennale di Libera Ipotesi di collaborazione con le ONP Campagna di raccolta fondi straordinaria in occasione del ventennale di Libera La campagna /1 Titolo Campagna E tu... di che pasta sei? Periodo Campagna Da giugno a

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Prevenire la corruzione

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Giugno 2012 IL RIUTILIZZO DEI BENI CONFISCATI: UN PERCORSO DI RISCATTO CIVILE Vogliamo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI

PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI - 1 - PREMESSA L art. 15 della legge 7 marzo 1996, n. 108, recante Disposizioni in materia di

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Blaise Pascal ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal" P.le Macrelli, 100-47521 Cesena (FC) Tel. +39 054722792 Fax +39 054724141 Cod.fisc. 81008100406 - Cod.Mecc. FOTF010008 www.ittcesena.gov.it fotf010008@istruzione.it

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi stampa chiudi PUBBLICITA' E DECORO URBANO Cartelloni abusivi mai rimossi: i comitati per il decoro denunciano sindaco e assessore «Omissione d'atti d'ufficio» e «collocamento pericoloso di cose» i reati

Dettagli

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli