Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011)"

Transcript

1 Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci ) Indice 1 Premessa 1 Definizioni 2 Sostenitore 2 Volontario 2 Socio 2 Settore 2 Gruppo di Lavoro 2 Gruppo Locale 2 Sede 2 Procedura Operativa 3 Organigramma 3 Coordinatori 3 Coordinatore BnD Italia 3 Coordinatore BnD Internazionale 3 Coordinatore Raccolta e Allocazione Fondi 3 Coordinatore Ufficio Progetti 4 Incarichi 4 Figure coinvolte in attività di Cooperazione Internazionale 4 Responsabile di Progetto 4 Responsabile di Settore 4 Referente Locale 5 Figure coinvolte in attività sul territorio nazionale 5 Responsabile Regionale 5 Gruppi di promozione 6 Gruppi di formazione 6 Responsabile nazionale eventi 6 Responsabile mercatini 6 Responsabile stampa 6 Figure coinvolte in attività non cooperative all estero 6 Ufficio Progetti 6 Fondi dell Organizzazione 6 Pianificazione strategica annuale 6 Spedizioni 7 Documenti ufficiali 7

2 Premessa: Il Regolamento Interno è stilato nel rispetto degli scopi, dei principi e delle disposizioni contenute nello Statuto dell ONG Bambini nel Deserto ONLUS (di seguito denominata organizzazione o BnD). Definizioni Sostenitore E un soggetto fisico che attraverso un contributo, anche in ragione all acquisto di materiale (etnico, promozionale, Bomboniere Solidali), fa un offerta di carattere economico documentabile (ricevuta o versamento bancario) all organizzazione e riceve la Tessera Sostenitore per l anno in corso. Volontario E un soggetto fisico disponibile ad adoperarsi secondo le proprie inclinazioni, capacità e tempo a disposizione per i fini statutari dell organizzazione: 1. Condivide gli scopi e le modalità di lavoro dell organizzazione, dello Statuto e del presente Regolamento Interno. 2. Ha mostrato interesse e collaborazione fattiva e possibilmente continuativa alle attività dell organizzazione. I dati personali dei Volontari operanti nel territorio sono conservati nel database dell organizzazione e sono inseriti e mantenuti aggiornati dal Responsabile Regionale che ha cura di indicare la data d inizio delle attività di ogni volontario per poter, dopo 12 mesi presentarlo eventualmente, al Consiglio Direttivo e richiedere il suo passaggio al ruolo di Socio. Socio E un soggetto fisico disponibile ad operare all interno dell organizzazione secondo le proprie inclinazioni, capacità e tempo a disposizione che: 1. Condividere gli scopi e le modalità di lavoro dell organizzazione, dello Statuto e del presente Regolamento Interno. 2. Ha dimostrato interesse e collaborazione attiva e continuativa alle attività dell organizzazione per tutto l'anno precedente alla sua candidatura. I dati personali dei Soci sono contenuti nel database dell organizzazione. Settore Un settore è un team di esperti in uno degli ambiti di intervento progettuale di BnD. Le modalità di interazione tra il Settore e gli organi dell organizzazione sono dettagliate nella relativa Procedura Operativa. Il Settore fa capo all Ufficio Progetti. Gruppo di Lavoro Un Gruppo di Lavoro è un team di Soci o Volontari impegnati attivamente in un attività della vita associativa non progettuale. Il Gruppo di Lavoro fa capo al Coordinatore BnD Italia ed è rappresentato da un incaricato individuato dal Consiglio Direttivo. Gruppo Locale Un Gruppo Locale è un insieme di Soci e di Volontari che si riuniscono localmente per le attività statutarie dell Organizzazione. Nell eventualità che questo Gruppo Locale disponga di uno spazio fisico ove riunirsi verrà costituita una Sede che potrà essere Operativa o Legale. Sede Spazio fisico presso il quale i Soci e i Volontari di BnD si riuniscono per le attività statutarie dell organizzazione. La Sede può essere Legale: quando è riconosciuta dal Comune, Provincia e Regione ove questa si trova e dunque dovrà dotarsi delle figure necessarie al suo riconoscimento. In alternativa la Sede potrà essere Operativa qualora mancassero la disponibilità o

3 l interesse a costituire una Sede Legale. L accreditamento come Sede Legale è da preferirsi vista l opportunità di partecipazione ai bandi locali. Gli spazi in cui si creeranno le Sedi (Legali o Operative) possono essere affittati, acquistati o messi a disposizione gratuitamente; sarà regolato da un contratto di vendita o di affitto o da un documento all uopo creato per la libera destinazione d uso qualora fosse fornito gratuitamente. La costituzione di una Sede dovrà essere approvata dal Consiglio Direttivo. 1. Le Sedi di BnD sono aperte a tutti i Volontari dell organizzazione e su invito anche a persone esterne. 2. Gli spazi associativi possono essere utilizzati solo ed esclusivamente per le attività istituzionali dell organizzazione. 3. I costi di gestione delle Sedi sono a carico dell organizzazione. 4. Il Responsabile Regionale presenta all inizio dell anno un preventivo di spesa annuale per la gestione della Sede stessa, in tempo utile per poter includere tali costi nel bilancio preventivo annuale dell organizzazione approvato dall Assemblea Ordinaria. Procedura Operativa Una Procedura Operativa è un documento che regolamenta in modo dettagliato l attività dei Gruppi ed Organi dell Organizzazione. L approvazione e la modifica di ogni Procedura Operativa è delegata al Consiglio Direttivo. I Soci possono proporre al Consiglio Direttivo modifiche da apportare alle Procedure Operative. La lista delle Procedure Operative approvate è disponibile nell area riservata del forum. Organigramma Coordinatori Le attività più complesse dell organizzazione sono svolte da Organismi che si interfacciano con il Consiglio Direttivo attraverso delle figure dette Coordinatori. La carica di Coordinatore è conferita dal Consiglio Direttivo, ha durata triennale e può essere rinnovata. Coordinatore BnD Italia Viene nominato dal Consiglio Direttivo tra i Soci dell organizzazione e resta in carica fino alla conclusione del mandato del Consiglio Direttivo che lo ha incaricato. Ha l incarico di coordinare le attività e affidare a sua volta incarichi a Soci o Volontari dell organizzazione nei seguenti ambiti: 1. Supervisione nella gestione delle Sedi italiane. 2. Supervisione nella gestione dei Gruppi Locali italiani. 3. Coordinamento delle attività dei Gruppi di Lavoro. 4. Provvede alla nomina di collaboratori attivi in ambito nazionale e per gli ambiti di sua competenza. 5. Promuove e regola la costituzione delle Sedi e dei Gruppi Locali in Italia. 6. Ha autonomia economica, fissata nel budget annuale, per le spese relative agli ambiti di sua competenza. Coordinatore BnD Internazionale Viene nominato dal Consiglio Direttivo tra i Soci dell organizzazione e resta in carica fino alla conclusione del mandato del Consiglio Direttivo che lo ha incaricato. Ha l incarico di coordinare le attività e affidare a sua volta incarichi a Soci o Volontari dell organizzazione nei seguenti settori: 1. Supervisione nella gestione delle Sedi esterne al territorio italiano. 2. Supervisione nella gestione dei Gruppi Locali esterni al territorio italiano. 3. Provvede alla nomina di collaboratori attivi in ambito internazionale. 4. Promuove e regola la costituzione delle Sedi e dei Gruppi Locali esterni al territorio italiano. 5. Ha autonomia economica, fissata nel budget annuale, per le spese relative al settore di sua competenza.

4 Coordinatore Raccolta e Allocazione Fondi Viene nominato dal Consiglio Direttivo tra i Soci dell Organizzazione e resta in carica fino alla conclusione del mandato del Consiglio Direttivo che lo ha incaricato. Il Coordinatore Raccolta e Allocazione Fondi: 1. Si dota del personale (Soci e Volontari) necessario per la costituzione di un equipe di lavoro, di cui è responsabile, con il compito di sviluppare attività e campagne di raccolta fondi. 2. Sviluppa insieme alla sua equipe attività e campagne di fundraising nel rispetto dello Statuto e del presente Regolamento Generale. 3. Individua quali fondi assegnare a un progetto sulla base delle priorità riscontrate dall Ufficio Progetti, della provenienza dei fondi e delle specificità dei finanziatori. 4. Ha autonomia economica per la realizzazione delle attività e campagne di raccolta fondi nella misura fissata dal budget assegnato annualmente e corretto trimestralmente. 5. L incarico ha durata pari a quella del Consiglio Direttivo che lo ha nominato. 6. L incarico può essere revocato dal Consiglio Direttivo in qualsiasi momento. Coordinatore Ufficio Progetti Viene nominato dal Consiglio Direttivo tra i Soci dell organizzazione e resta in carica fino alla conclusione del mandato del Consiglio Direttivo che lo ha incaricato. 1. Coordina il lavoro dell Ufficio Progetti. 3. Periodicamente fornisce al Consiglio Direttivo un rapporto sulle attività dell Ufficio Progetti. 4. Riceve dal Responsabile Raccolta e Assegnazione Fondi un report sullo stato dei possibili finanziamenti in corso al fine di poter pianificare le attività dell Ufficio Progetti. Incarichi (Italia) Tutti gli incarichi elencati hanno durata triennale e possono essere rinnovati applicando le stesse disposizioni previste per la prima nomina. Un incaricato si dota del personale (Soci e Volontari) necessario per la costituzione di un equipe di lavoro, di cui è responsabile. Tutti gli incarichi potranno essere revocati in qualsiasi momento dal Consiglio Direttivo che ne darà comunicazione via mail al diretto interessato e pubblicamente sul Forum. Il Consiglio Direttivo revoca un incarico qualora l incaricato abbia un comportamento contrario a quanto stabilito nello Statuto, nei Regolamenti Interni e nelle delibere degli organi associativi, oppure qualora si riscontri un comportamento lesivo degli interessi e dell immagine dell organizzazione. L incaricato può impugnare la delibera di revoca appellandosi all Assemblea dei Soci attraverso il Comitato di Sorveglianza. Figure coinvolte in attività di Cooperazione Internazionale fanno capo al Consiglio Direttivo, attraverso la gerarchia identificata nell organigramma. Gli incarichi per le attività nel campo della Cooperazione Internazionale sono stabiliti dal Consiglio Direttivo su eventuale indicazione dell Ufficio Progetti e successivamente comunicati a tutti i Soci attraverso un documento sul forum dell organizzazione. Le modalità di redazione e approvazione dei progetti sono indicate nella Procedura Progetti, le modalità di organizzazione del Settore sono indicate nella Procedura Settori. Responsabile di Progetto Il Responsabile di Progetto è un Socio incaricato dall Ufficio Progetti di seguire un progetto. 1. Il Responsabile di Progetto redige i moduli necessari alla presentazione di un progetto secondo quanto indicato nella Procedura Operativa relativa. 2. È il responsabile della contabilità di progetto. 3. Documenta in forma scritta le comunicazioni intrattenute con il Referente Locale. Responsabile di Settore Viene nominato dal Consiglio Direttivo tra i Soci dell Organizzazione e resta in carica fino alla conclusione del mandato del Consiglio Direttivo che lo ha incaricato.

5 Il Responsabile di Settore: 1. É un Socio specializzato attraverso un percorso formativo accademico o lavorativo in un settore specifico applicabile a uno dei campi d intervento dell organizzazione. 2. Periodicamente e in maniera concordata riferisce dell andamento del settore da lui seguito al Coordinatore Ufficio Progetti. 3. Può dotarsi di collaboratori che potranno essere Soci o Volontari, costituendo così il Settore. La formazione del Settore deve essere comunicata al Coordinatore dell Ufficio Progetti. 4. Deve elaborare un organigramma per descrivere le attività dei suoi collaboratori e un piano d intervento. 5. Individua un elemento del suo settore che affianchi i Responsabili di Progetto per progetti che rendano necessario un supporto tecnico, come dettagliato nelle Procedure Operative relative a Progetti e Spedizioni. Referente Locale Il Referente Locale è una persona residente nel paese d intervento, incaricato di redigere le proposte di progetto o di seguire le opere in corso di realizzazione per conto di BnD. Questi può essere incaricato dall Ufficio Progetti autonomamente o su indicazione del Responsabile di Progetto. Retribuzione del Referente Locale La scelta del tipo di retribuzione compete al Responsabile di Progetto, che identificherà caso per caso il metodo da seguire, in base ai seguenti principi generali: 1. Il tipo e l importo della retribuzione devono essere coerenti con la situazione economica del paese d intervento e ad altri interventi analoghi sul territorio. 2. Le spese sostenute dal Referente Locale sono risarcite a parte ma contabilizzate nel progetto. 3. Su parere dei redattori del progetto può essere previsto un benefit da corrispondere a lavori ultimati. Tutte le voci precedenti devono essere incluse nel modulo di budget del progetto. Retribuzione continuativa del Referente Locale Per il Referenti Locali che operano in modo continuativo al monitoraggio di un progetto può essere prevista una retribuzione non forfettaria ma basata sul numero effettivo di giorni di lavoro svolti, stimando una paga del corrispettivo di 7 euro al giorno circa. Figure coinvolte in attività sul territorio nazionale Fanno capo al Consiglio Direttivo attraverso la figura del Coordinatore BnD Italia. Gli incarichi per le attività sul territorio italiano sono individuati dal Coordinatore BnD Italia, che dopo il nullaosta del Consiglio Direttivo ne darà comunicazione a tutti i Soci attraverso comunicazione sul Forum dell organizzazione. Sono di seguito illustrate le figure strutturali già attivate all interno dell Organizzazione. Il Coordinatore BnD Italia, secondo le necessità riscontrate ed agendo nell ottica di un razionale impiego delle risorse umane, può individuare altre figure di cui si ravveda necessità e il socio o volontario più idoneo a ricoprire l incarico. Responsabile Regionale Il Responsabile Regionale è un Socio eletto tra e dai Soci di un Gruppo Locale regionale. Il suo incarico deve essere ratificato dal Consiglio Direttivo e resta in carico fino alla conclusione del mandato del Consiglio Direttivo che ha confermato la sua nomina. 1. Il Responsabile Regionale è responsabile delle attività organizzate nell'ambito locale e ne risponde al Coordinatore BnD Italia. 2. Il Responsabile Regionale potrà organizzare eventi nella propria area sulla base della Procedura Eventi e Mercatini previa segnalazione e nulla osta da parte del Coordinatore BnD Italia.

6 3. Il Responsabile Regionale deve fornire periodicamente al Coordinatore BnD Italia un rapporto delle attività locali (eventi, riunioni, ecc.). 4. Il Responsabile Regionale ha la responsabilità della tenuta contabile delle spese sostenute per la gestione delle attività locali. 5. In caso di necessità il Consiglio Direttivo può nominare un Responsabile Regionale pro tempore. 6. I Soci e/o Volontari che operano nel territorio della Sede devono fare riferimento al Responsabile Regionale. Gruppi di promozione Si tratta di gruppi di Volontari e Soci che si prefiggono come obiettivo quello di promuovere, con iniziative sul territorio e all estero, l immagine di BnD. La loro costituzione deve essere notificata al Consiglio Direttivo attraverso il Coordinatore BnD Italia. Identificano un loro responsabile che si interfaccia con il Consiglio Direttivo tramite la figura del Coordinatore BnD Italia. Coordinatore BnD Italia Responsabili Regionali Gruppi di promozione (Editoria, Biker, 4x4...) Gruppi di formazione Responsabile nazionale eventi Responsabile mercatini Responsabile stampa (Hammada, comunicati) Gruppi di formazione Si tratta di gruppi di Volontari e Soci che si prefiggono come obiettivo quello di migliorare la formazione dei Soci e Volontari su temi di Cooperazione Internazionale e Team Building. Il Consiglio Direttivo incarica, su indicazione del Coordinatore BnD Italia, un Responsabile che faccia le veci di referente del gruppo. Responsabile nazionale eventi Coordina l organizzazione di eventi di interesse nazionale, in accordo con la Procedura Eventi. Si occupa altresì del coordinamento delle iniziative locali su segnalazione dei Responsabili Regionali. È incaricato dal Consiglio Direttivo su indicazione del Coordinatore BnD Italia. Responsabile mercatini Coordina la gestione del materiale etnico e promozionale da distribuire ai Gruppi Locali per l organizzazione di mercatini. È incaricato dal Consiglio Direttivo su indicazione del Coordinatore BnD Italia. Responsabile Stampa Coordina il personale coinvolto nella redazione di comunicati stampa, rapporti con le agenzie di stampa e stesura di articoli e notiziari. Le linee guida di queste attività sono contenute nella Procedura Stampa. È incaricato dal Consiglio Direttivo su indicazione del Coordinatore BnD Italia. Figure coinvolte in attività esterne alla Cooperazione internazionale all estero Gli incarichi per le attività al di fuori del territorio italiano e non relativi ad attività di Cooperazione Internazionale, saranno individuati dal Coordinatore BnD Internazionale, che dopo il nullaosta del Consiglio Direttivo ne darà comunicazione a tutti i Soci attraverso comunicazione sul Forum dell organizzazione. Ufficio Progetti L Ufficio Progetti è l organo incaricato della valutazione tecnica dei progetti e deve fornire il nullaosta di un progetto. L Ufficio Progetti è composto da 7 membri individuati dal Consiglio Direttivo. Fondi Tutti i fondi raccolti a beneficio dell organizzazione devono essere versati nel conto corrente di Bambini nel Deserto presso l istituto Monte dei Paschi di Siena, Agenzia di Modena. 1. I fondi raccolti in seguito alla restituzione di crediti dalle Cooperative costituite da BnD possono essere conservati presso istituti di credito locali. 2. Nessuno può trattenere i fondi destinati all organizzazione e/o destinarli a specifiche attività/progetti salvo indicazioni diverse dal Consiglio Direttivo.

7 Pianificazione strategica annuale Il Consiglio Direttivo, sulla base di adeguati strumenti di gestione economico, finanziaria, organizzativa, con cadenza annuale e coerentemente con il programma strategico triennale, elabora il Piano Strategico contenente le linee guida e gli obiettivi di gestione dell organizzazione. In particolare individua: 1. le aree che necessitano sviluppo e crescita o rafforzamento; 2. definisce le priorità d intervento rispetto ai Paesi e ai settori di intervento; 3. budget massimo di spesa per ciascun settore o percentuale di ripartizione del budget; 4. stima dei fondi a disposizione dell organizzazione. Sulla base del piano di intervento comunicato dal Consiglio Direttivo ciascun settore definisce il proprio Piano di Azione e lo trasmette attraverso il Responsabile di Settore al Consiglio Direttivo. I dettagli relativi sono contenuti nella Procedura Operativa di Pianificazione Strategica. Spedizioni L esigenza di compiere una Spedizione nasce dalla necessità di iniziare o proseguire un progetto e di esplorare nuove zone per progetti futuri. Il Modulo Presentazione Spedizione deve essere presentato al Consiglio Direttivo, che approva la Spedizione ed identifica un Responsabile della Spedizione. È necessario organizzare un incontro con tutti i partecipanti magari coinvolgendo altri elementi dell organizzazione che hanno avuto precedentemente modo di partecipare a una spedizione nella stessa area. Tutte le decisioni prese durante la spedizione devono essere discusse e condivise, comunque prese tenendo in prima considerazione la sicurezza. In quanto tale, il Responsabile guiderà il gruppo verso decisioni che salvaguardino la sicurezza di tutti. Le persone che prendono parte a una Spedizione di BnD dovranno essere ricercate all interno dell organizzazione tra i Soci e i Volontari. Qualora non vi fossero Soci o Volontari disponibili a prendere parte al viaggio il RP-RS si coordinerà con il CRP nell individuare eventuali altri partecipanti. Il rimborso delle spese di viaggio è previsto esclusivamente per le seguenti figure: 1. Responsabile di Progetto. 2. Tecnico di Settore (un elemento per settore per i settori di intervento per i quali sia strettamente necessaria la presenza di un tecnico). 3. Persona identificata dal Consiglio Direttivo per il compimento di una specifica missione. Eccezioni a queste linee guida sono possibili ma richiedono motivazione esaustiva. I dettagli relativi all organizzazione delle spedizioni sono contenuti nella Procedura Operativa Spedizioni. Documenti ufficiali Solo il Legale Rappresentante dell Organizzazione ha la facoltà di firmare documenti ufficiali (progetti, convenzioni, accordi, ecc.) che impegnino/obblighino l organizzazione a svolgere qualsiasi tipo di attività, specie se a titolo oneroso. Sono fatti salvi i casi in cui un Socio dell Organizzazione è a ciò delegato, per iscritto, dal Legale Rappresentante o dal Consiglio Direttivo. Personale Retribuito Premesso che lo Statuto dell'organizzazione prevede che le spese di Gestione non possono essere superiori al 25% del totale delle spese; Premesso che gli incarichi retribuiti al di fuori del costo di programmi e progetti per i PVS rientrano fra le spese di gestione; Premesso che il dotarsi di personale retribuito è stato deliberato e approvato a partire dall Assemblea dei Soci del 2007.

8 1. BnD ricorre a personale retribuito solo ed esclusivamente quando un determinato obiettivo o attività non possa essere realizzato in forma volontaria, tenuto conto delle contingenti esigenze di professionalità, esperienza, disponibilità di tempo; 2. Il personale per svolgere una qualsiasi attività per la quale è prevista o prevedibile una retribuzione è ricercato prima tra i Soci/Volontari e solo dopo verso l'esterno dell'organizzazione; 3. Compatibilmente con i tempi e le possibilità contingenti delle attività da svolgere (a titolo di esempio, scadenze di bandi, scadenze di rendicontazione, scadenze di legge, necessità di requisiti particolari di professionalità, ecc...), si cercherà di vagliare più candidature possibili di Soci/Volontari e si cercherà di valorizzare più Soci/Volontari possibili. 4. Il Consiglio Direttivo garantisce il rispetto dei principi di questo regolamento, coordinando le attività dei diversi Responsabili di Progetto e/o Settore, nell'ambito delle rispettive competenze. 5. Il Consiglio Direttivo rende conto con specifico dettaglio nella relazione sulle attività dell'anno precedente all'assemblea dei soci, degli incarichi retribuiti affidati. 6. Unitamente ai documenti da presentare all assemblea dei soci in occasione dell approvazione del bilancio dell organizzazione, saranno messi a disposizione dei soci i resoconti presentati a consuntivo dalle persone che hanno ricevuto da BnD un incarico retribuito. Per dare attuazione al presente regolamento, il Consiglio Direttivo coadiuvato dai Responsabili di Settore e di Sede cercherà di potenziare gli strumenti comunicativi e di raccolta informazioni sulle competenze e sulle disponibilità di tempo lavoro dei Soci e dei Volontari, per ogni Sede e per ogni settore di attività di BnD.

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata.

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata. Comune di Ornago Provincia di Milano Via Santuario 6 20060 ORNAGO c.f. 05827280156 p.iva 00806390969 tel. 039-628631 - fax 039-6011094 www.comuneornago.it Regolamento per la presentazione ed il finanziamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA)

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento di FONDIMPRESA, Fondo paritetico interprofessionale nazionale per

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Statuto dell Associazione Genitori dell Istituto Statale Comprensivo G. Lanfranco Dammi La Mano

Statuto dell Associazione Genitori dell Istituto Statale Comprensivo G. Lanfranco Dammi La Mano Statuto dell Associazione Genitori dell Istituto Statale Comprensivo G. Lanfranco Dammi La Mano Ai sensi degli Art. 36 e Art. 37 del Codice Civile, nel rispetto della Legge 383/2000, del D.P.R. 416 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF PREMESSA Il Presente Regolamento si applica a tutti i soci e deve essere accettato contestualmente alla richiesta di associazione; L accettazione

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI TITOLO I DENOMINAZIONE DURATA - SCOPI SOCIALI FINALITA MARCHIO Articolo 1 Costituzione - Sede - Durata E' costituita una Associazione senza fini di lucro denominata

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 ARTICOLO 3

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 ARTICOLO 3 FORUM PER I DIRITTI DEI BAMBINI DI CHERNOBYL PIEMONTE 1 - ONLUS VIA PIETRO COSSA, 293/19C - 10151 TORINO TEL/FAX 011/4553066 CELLULARE 347/8735080 e-mail: fdbc_p1@inrete.it sito: www.chernobylpiemonte1.it

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO

AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO 1 2 AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO Art. 1 - Definizione e Sede

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

STATUTO dell'associazione

STATUTO dell'associazione TARA DEWA TARA DEWA STATUTO dell'associazione Associazione Tara Dewa Onlus - sede legale: vicolo Marconi n.18-31020 Carità di Villorba (TV) - Italia CF/IVA: 94115830260 Mail: info@taradewa.org Web: www.taradewa.org

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DI DIFESA IN GIUDIZIO (CIVILE E PENALE) IN

CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DI DIFESA IN GIUDIZIO (CIVILE E PENALE) IN CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DI DIFESA IN GIUDIZIO (CIVILE E PENALE) IN AMBITO DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICO - SANITARIA DELLE AUSL DI RAVENNA, FORLI, CESENA

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012)

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) Visto il comma 1 dell art. 22 di cui al CAPO IV G.I.S. GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO,

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Associazione Casa della Città Leopolda Piazza Guerrazzi 56125 Pisa Tel. 050.21531 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Titolo primo: i principi generali Art. 1 1. L Associazione Casa della

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

Regolamento ANPAS Servizio Civile

Regolamento ANPAS Servizio Civile Regolamento ANPAS Servizio Civile Approvato dal Consiglio Nazionale ANPAS il 22 novembre 2003 e successivamente modificato nelle date 1 aprile 2006 e 12 aprile 2008 Premessa La realizzazione di una struttura

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK Art. 1. Costituzione e denominazione È costituita l Associazione culturale musicale senza scopo di lucro denominata: Amici del rock. L Associazione

Dettagli

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO VISTO l art. 15 della Legge 7 agosto 1990, n. 241 che prevede per le Amministrazioni Pubbliche la possibilità di concludere tra loro accordi

Dettagli

REGOLAMENTO. (a completamento di quanto indicato nello statuto associativo) ITALA Motore di Impresa 1 - FINALITA DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO. (a completamento di quanto indicato nello statuto associativo) ITALA Motore di Impresa 1 - FINALITA DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO (a completamento di quanto indicato nello statuto associativo) 1 - FINALITA DEL REGOLAMENTO 1.1 Il presente regolamento si propone di organizzare l operatività di ITALA MOTORE D IMPRESA nell

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL DISTRETTO DI PROTEZIONE CIVILE VR5 DELLE VALLI (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 13 del 18.02.2013) 2 PREMESSA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

STATUTO. Coordinamento FREE

STATUTO. Coordinamento FREE STATUTO Coordinamento FREE Articolo 1 Denominazione e sede E' costituito Il Coordinamento delle FREE - Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica - è un Associazione che coordina Associazioni e Enti attivi

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 17 maggio 2008

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 17 maggio 2008 STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Approvato dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 17 maggio 2008 DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1 E' costituita l'associazione "COOPERAZIONE INTERNAZIONALE",

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S.

STATUTO DI ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S. STATUTO DI ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S. Art.1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita, ai sensi della Legge 266/91, l Associazione denominata Gruppo di Solidarietà Internazionale Amici di Joaquim

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) Federazione Logopedisti Italiani F.L.I.

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) Federazione Logopedisti Italiani F.L.I. 2015 REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) www.fli.it info@fli.it visto l art. 5 comma e) dello Statuto F.L.I. che definisce tra gli scopi della federazione.. promuovere la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI ART. 1 Istituzione È istituito presso l'università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 47 dello

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI UNIVERSITARI DI DISCIPLINE IGIENISTICHE

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI UNIVERSITARI DI DISCIPLINE IGIENISTICHE REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI UNIVERSITARI DI DISCIPLINE IGIENISTICHE REGOLAMENTO APPROVATO DALL ASSEMBLEA GENERALE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI A CAGLIARI IL 4 OTTOBRE 2012 E RATIFICATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a

Dettagli

STATUTO SOCIALE ONLUS MARIANNA. È stata costituita, con riferimento agli articoli 2 e 18 della Costituzione Italiana, agli

STATUTO SOCIALE ONLUS MARIANNA. È stata costituita, con riferimento agli articoli 2 e 18 della Costituzione Italiana, agli STATUTO SOCIALE ONLUS MARIANNA ART. 1 - DENOMINAZIONE È stata costituita, con riferimento agli articoli 2 e 18 della Costituzione Italiana, agli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile e alle indicazioni

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE L ISOLA CHE C E

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE L ISOLA CHE C E STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE L ISOLA CHE C E Il presente Statuto sostituisce a tutti gli effetti quello sinora vigente registrato il 25 marzo 2011 presso l Agenzia delle Entrate di Padova;

Dettagli

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore:

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: - RE DONATELLA, nata ad Arezzo il10/04/1970 e residente a M.Montemarciano

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita tra i sottoscriventi una libera associazione di volontariato avente la seguente denominazione: Associazione

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE «UNA STRADA» approvato dall Assemblea Straordinaria del 2015

STATUTO ASSOCIAZIONE «UNA STRADA» approvato dall Assemblea Straordinaria del 2015 STATUTO ASSOCIAZIONE «UNA STRADA» approvato dall Assemblea Straordinaria del 2015 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "R.E TE. IMPRESE ITALIA"

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "R.E TE. IMPRESE ITALIA" Articolo 1. Denominazione e sede. Ad iniziativa delle Organizzazioni fondatrici è costituita l Associazione "R.E TE. IMPRESE ITALIA", nel seguito denominata

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Statuto associativo di Libera Uscita

Statuto associativo di Libera Uscita Statuto associativo di Libera Uscita Articolo 1 Denominazione, natura, sede 1. È costituita l Associazione nazionale di volontariato denominata Libera Uscita che si riconosce in quanto previsto dalla L.

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

ANPAS Pubbliche Assistenze Toscane Regolamento Formazione Perché iniziare un regolamento, che si presenta principalmente come strumento tecnico per disciplinare una serie di attività, con la parola Etica?

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

Statuto Associazione EX _TRA Via Sopranzi, 26 21049 Tradate(VA)

Statuto Associazione EX _TRA Via Sopranzi, 26 21049 Tradate(VA) Statuto Associazione EX _TRA Via Sopranzi, 26 21049 Tradate(VA) PARTE GENERALE Art. 1. E costituita la Associazione EX_TRA con sede presso l Istituto PAVONI Scuola Media Paolo VI in Tradate via Sopranzi,26.

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA Art. 1 - Premesse Il Comune di Amaroni promuove un bando per l assegnazione di due borse di studio denominato Maestra Gina, grazie a Venanzio

Dettagli

REGOLAMENTO. Categorie di Soci I soci si distinguono in fondatori e ordinari (Art.4 dello Statuto).

REGOLAMENTO. Categorie di Soci I soci si distinguono in fondatori e ordinari (Art.4 dello Statuto). Il seguente Regolamento, redatto ai sensi dell art.18 dello Statuto, deliberato dal Consiglio Direttivo e dall assemblea ordinaria dei soci del giorno 18 aprile dell anno 2008, fissa i limiti, i principi

Dettagli

STATUTO Della Associazione ANTIGONE ONLUS

STATUTO Della Associazione ANTIGONE ONLUS STATUTO Della Associazione ANTIGONE ONLUS Art.1 Denominazione E' costituita a Roma l'associazione nazionale "ANTIGONE ONLUS". L'Associazione non ha fini di lucro, è indipendente e non collegata ad alcun

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 È costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile un associazione culturale

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI.

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. STATUTO Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. 2) Il Comitato non ha fini di lucro. 3) La sede è in Torino, Corso

Dettagli