Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute"

Transcript

1 I TEMPI DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO ALLA LUCE DELLE RECENTI RIFORME T.V.B.FAMIGLIA Cisl MBL 25 giugno 2015 Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute 1

2 ALCUNI DATI NAZIONALI INTERESSANTI Negli ultimi anni si è purtroppo registrato un aumento delle donne occupate che, in corrispondenza di una gravidanza, hanno dovuto lasciare oppure hanno perso il proprio lavoro. Si è passati dal 18,4% del 2005 al 22,3% del La perdita dell occupazione a seguito della nascita di un figlio è un dato più evidente nelle aree del Mezzogiorno (29,8% nel 2012), dove i livelli occupazionali registrati sono già molto bassi. Si tratta per lo più di giovani (46,5% con meno di 24 anni e 32,2% tra anni), con basso livello di istruzione (30,8%), che lavorano alle dipendenze nel settore privato (24,6%), le straniere (36,6%). In Italia inoltre il 42,7% delle madri che lavorano ha dichiarato di avere problemi a conciliare gli impegni familiari con il lavoro. Una percentuale che cresce tra le lavoratrici a tempo pieno, in particolare tra coloro che svolgono un lavoro a turni e non beneficiano di strumenti di flessibilità oraria. 2 CISL Lombardia Milano, 23 Giugno

3 CONSEGUENZE Diminuzione della natalità: nel 2014 si sono registrate nascite in meno rispetto all anno precedente, con un incremento demografico dello 0,4 per mille - il più basso degli ultimi dieci anni, ben distante dalla media europea. Per quanto le strutture di assistenza all'infanzia siano aumentate del 22% tra dicembre 2008 e dicembre 2012, nel 2014 la domanda delle famiglie di servizi socio-educativi per l infanzia è diminuita, per la prima volta, a causa dei costi crescenti e dell impatto della crisi sui redditi delle famiglie. 3

4 GLI ANZIANI Non ci sono purtroppo da evidenziare progressi significativi in materia di assistenza a lungo termine, un'attività di particolare interesse in un paese con un notevole invecchiamento della popolazione. Le risorse destinate al Fondo nazionale per le non autosufficienze sono state leggermente aumentate nella legge di stabilità Negli ultimi anni i trasferimenti di denaro dai servizi sociali alle persone anziane non autosufficienti e ai disabili sono notevolmente aumentati, mentre i servizi forniti direttamente dai servizi sociali sono diminuiti: i fondi statali per il 2013 sono stati infatti notevolmente inferiori ai finanziamenti di alcuni anni fa (il 60% in meno che nel 2008). 4

5 Il sistema presenta così una forte prevalenza di programmi di erogazione di prestazioni in denaro rispetto ai servizi (il 45% della spesa globale per l'alt finanzia prestazioni in denaro, principalmente indennità di accompagnamento). Allo stesso tempo l'italia ha una copertura relativamente bassa per quanto riguarda l'assistenza in istituto (la più bassa di tutti i paesi OCSE) anche se nel periodo il numero di letti per l'assistenza a lungo termine è aumentato del 5,2%. Pertanto l'assistenza agli anziani e alle persone non autosufficienti continua a basarsi principalmente sull'assistenza informale, fornita da parenti sopra i cinquant'anni (per la maggior parte donne) e quando possibile da lavoratori immigrati, spesso con contratti irregolari. La frequenza dell'assistenza è relativamente elevata: il 74% dei prestatori di assistenza informale forniscono assistenza su base giornaliera. 5

6 CONGEDI IN NUMERI Complessivamente in Italia i congedi parentali richiesti sono l 89% delle madri contro una quota pari all 11% dei padri, partendo dal 7,5% del Sul totale italiano di congedi parentali, sono quelli richiesti dai papà lombardi che hanno così usufruito di un'opportunità offerta loro dalla legge 53 in vigore dall'anno 2000: il dato regionale assorbe ben il 17,3% del totale nazionale. 6

7 CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E JOBS ACT Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare e l 11 Giugno in via definitiva il decreto legislativo in materia di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, a norma dell articolo 1, commi 8 e 9 della legge n. 183 del Siamo in attesa a giorni della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il decreto appare come un attuazione parziale della delega, in quanto non affronta una serie di temi previsti. Le disposizioni si applicano in via sperimentale per il solo anno 2015, in attesa di ulteriori decreti attuativi del Jobs Act che individuino adeguata copertura finanziaria per gli anni a venire. 7

8 CONGEDI MATERNITA OBBLIGATORIA DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI PARTO O FLESSIBILMENTE 1 MESE PRIMA E 4 MESI DOPO IL PARTO). In caso di parto gemellare la durata del congedo di maternità non varia. Qualora il parto avvenga in data anticipata rispetto a quella presunta, i giorni non goduti di astensione obbligatoria prima del parto vengono aggiunti al periodo di astensione obbligatoria dopo il parto. La lavoratrice è tenuta a presentare, entro trenta giorni, il certificato attestante la data del parto. 8

9 Flessibilità del congedo obbligatorio di maternità in caso di parto prematuro e sospensione in caso di ricovero del neonato PARTO PREMATURO: con il Jobs Act le lavoratrici possono beneficiare dei giorni di astensione obbligatoria non goduti prima del parto nel periodo di congedo di maternità post partum sommandoli anche quando il totale dei due periodi superi il limite complessivo dei 5 mesi. 9 RICOVERO DEL NEONATO: con il Jobs Act le lavoratrici possono invece usufruire di una sospensione del congedo di maternità, da riprendere in parte o in tutto dalla data di dimissione del proprio bambino, ma solo dietro presentazione di idonea certificazione medica che attesti il buono stato di salute della madre-lavoratrice e la compatibilità con la ripresa dell attività lavorativa. Tale diritto può essere esercitato una sola volta per ogni figlio. (Art.2) La possibilità di rinviare e sospendere la maternità è estesa anche ai casi di congedo di maternità presa per adozioni e affidamenti. (Art. 4)

10 Per gli operatori è interessante notare: Nel periodo di ricovero del figlio la madre potrà beneficiare, oltre ai tre giorni di permesso retribuito per grave infermità (ex art.4 L.53/00), del congedo per malattia figlio senza limiti di tempo ma non retribuito (ex art.47 D.lgs 151/01). L obiettivo potrebbe quindi essere quello di prevedere comunque dei permessi retribuiti nei primi mesi di vita di un figlio da godere durante la sospensione del congedo di maternità. Un esempio di contrattazione di 1 livello che già prevedeva la sospensione del congedo di maternità in caso di ricovero del figlio si è avuta nel CCNL Scuola (Corte Costituzionale Sentenze n. 270 del 1999 e n.116 del 2011). 10

11 PROLUNGAMENTO DELL INDENNITA DI MATERNITA La lavoratrice ha diritto all indennità di maternità anche se durante il congedo interviene il licenziamento per giusta causa durante il periodo di maternità per colpa grave della lavoratrice (prima, il diritto all indennità era garantito solo in caso di cessazione attività o scadenza del contratto). 11

12 ANCORA MATERNITA OBBLIGATORIA TRATTAMENTO ECONOMICO: LAVORATRICE HA DIRITTO ALL 80% DELLA RETRIBUZIONE GIORNALIERA CALCOLATA SULLA PAGA IMMEDIATAMENTE PRIMA DEL CONGEDO. Indennità anticipata dal datore di lavoro in busta paga ma erogata dall INPS. DOMANDA DI MATERNITA : PRESENTATA INPS TELEMATICAMENTE ENTRO 30 GIORNI DAL PARTO. DIVIETO DI LICENZIAMENTO: VIGE DALL INIZIO DELLA GESTAZIONE FINO AL COMPIMENTO DEL 1 ANNO DI VITA DEL BAMBINO. DIRITTO ALLA CONSERVAZIONE POSTO DI LAVORO CON MEDESIME O EQUIVALENTI MANSIONI. DIMISSIONI VOLONTARIE: Sia la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro sia le dimissioni volontarie presentate dalla lavoratrice durante gestazione e fino ai primi TRE ANNI (non più 1 anno) di vita bambino vengono sospese fino a che non sono CONVALIDATE dal Servizio Ispettivo Ministero Lavoro e Politiche Sociali (Riforma Fornero). Le nuove disposizioni (art. 12) contemplano che in caso di dimissioni volontarie durante il periodo in cui vige il divieto di licenziamento (ovvero il primo anno di vita del bambino) sia la lavoratrice madre sia il lavoratore padre non sono tenuti al preavviso. 12

13 13 NOVITA Sono previste importanti novità (art 13). 1 - La prima prevede che in caso di adozione nazionale o Internazionale, alle lavoratrici iscritte alla Gestione Separata INPS, non iscritte ad altre forme di previdenza obbligatorie, sia corrisposta secondo le modalità previste da apposito decreto ministeriale un indennità di maternità per i cinque mesi successivi all ingresso del minore in famiglia. 2 - La seconda novità prevede invece che alle lavoratrici in esame e ai lavoratori che usufruiscano del congedo obbligatorio, sia garantito il diritto all automatismo della prestazione ovvero il riconoscimento del diritto all indennità di maternità anche in presenza di omesso versamento dei contributi dovuti da parte del committente. 3 - Nella logica di creare condizioni di pari opportunità tra madri lavoratrici l art. 20 dispone che alle madri libere professioniste sia concessa l indennità di maternità anche in caso di adozione e affidamento, sulla falsariga di quanto avviene per le lavoratrici dipendenti. L interessata dovrà presentare domanda al suo Ente di previdenza entro 180 giorni dall ingresso del minore in famiglia.

14 CONGEDO DI PATERNITA ASTENSIONE PADRE LAVORATORE: ENTRO 5 MESI DALLA NASCITA DEL FIGLIO IL PADRE HA L OBBLIGO DI ASTENERSI DAL LAVORO PER UN GIORNO, ANCHE DURANTE ASTENSIONE DELLA MADRE, retribuiti al 100% + ULTERIORE PERIODO DI DUE GIORNI FACOLTATIVI (non più fruibili dalla madre che anticipa termine finale del congedo), RETRIBUITI AL 100%. Non frazionabili a ore. 14 La fruizione, da parte del padre, del congedo facoltativo, di uno o due giorni, anche continuativi, è condizionata alla scelta della madre lavoratrice di non fruire di altrettanti giorni del proprio congedo di maternità, con conseguente anticipazione del termine finale di congedo post partum della madre per un numero di giorni pari al numero di giorni fruiti dal padre. Il congedo facoltativo è fruibile dal padre anche contemporaneamente all astensione della madre.

15 PATERNITA Il padre ha inoltre diritto all astensione nei tre mesi successivi al parto, in sostituzione della madre, in caso di: -morte della madre -grave infermità della madre -abbandono del figlio da parte della madre -affidamento esclusivo del bimbo al padre A seguito dell introduzione del decreto attuativo del Jobs Act tale diritto si è oggi esteso a tutte le categorie di lavoratori (non più solo dipendenti ma anche autonomi e liberi professionisti). Il lavoratore padre che intenda ricorrere a tale opzione deve presentare al datore di lavoro idonea documentazione, previa anche domanda all Inps (Art.5,15-19). 15

16 Congedo di paternità nei casi di adozione e affidamento per la permanenza all estero, in alternativa alla madre Si prevede altresì che il congedo di maternità non retribuito previsto per la lavoratrice madre nel periodo di permanenza all estero legata alle pratiche adottive spetti in alternativa anche al lavoratore padre, anche qualora la madre non sia lavoratrice. All Ente autorizzato che riceve l incarico di curare la procedura di adozione spetta il compito di certificare la durata della permanenza all estero del lavoratore. (Art. 6). 16

17 Estensione ai genitori adottivi e affidatari dell esenzione dell obbligo al lavoro notturno Andando ad integrare quanto già previsto in materia (art. 53 del T.U. 151/2001), si prevede (Art. 11) che tra le lavoratrici o lavoratori non obbligati a prestare lavoro notturno ci sia anche la lavoratrice madre adottiva o affidataria di un minore, nei primi tre anni dall ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il dodicesimo anno di età o, in alternativa ed alle stesse condizioni, il lavoratore padre adottivo o affidatario convivente con la stessa. 17

18 18 CONGEDO PARENTALE (EX ASTENSIONE FACOLTATIVA) DURATA ASTENSIONE LAVORO: 6 MESI PER CIASCUN GENITORE, 10 MESI COMPLESSIVI TRA I DUE GENITORI, AUMENTABILI A 11 MESI QUALORA PADRE LAVORATORE SI ASTENGA DAL LAVORO PER UN PERIODO SUPERIORE 3 MESI, DA GODERE ENTRO I PRIMI 12 ANNI DI VITA DEL FIGLIO (NON PIU 8 ANNI) (art.7). (In caso di parto gemellare tempi raddoppiati). Possono essere goduti contemporaneamente dai genitori in concomitanza ad ogni altro congedo o permesso per allattamento della madre. Viene stabilito con il Jobs Act che, indipendentemente dalla regolamentazione da parte della contrattazione collettiva, anche a livello aziendale, ciascun genitore può scegliere di fruire del congedo parentale su base oraria o giornaliera. Con riferimento alla base oraria, l utilizzo frazionato è consentito in misura pari alla metà dell orario medio giornaliero del periodo di paga quadrisettimanale o mensile immediatamente precedente a quello nel corso del quale ha inizio il congedo parentale (ad esempio 8 ore lavorative= 4 ore). Non è consentito cumulare la fruizione del congedo a ore con altri permessi o riposi. (Verranno estesi al pubblico impiego la possibilità di fruire dei congedi parentali Monza, 25 in giugno modo 2015 frazionato PER ORA NON AMMESSO).

19 PROBLEMA: MANCA MODULISTICA INPS PER FRUIRNE! Non è chiara la previsione contenuta nello schema di decreto che prevedeva la possibilità per i genitori di richiedere il part-time in alternativa al congedo parentale, per un periodo analogo, al termine del quale l orario sarebbe tornato a tempo pieno. GENITORI POSSONO RICHIEDERE ANTICIPAZIONE TFR (anzianità almeno 8 anni, richiedibile entro il 70% tfr maturato fino a quel momento). Il genitore è tenuto a preavvisare il datore di lavoro nei termini fissati dalla contrattazione collettiva e comunque con un preavviso che passa da 15 a 5 giorni e che in caso di fruizione oraria è di 2 giorni e l indicazione dell inizio e della fine del periodo di congedo. 19

20 CONGEDO PARENTALE FACOLTATIVO: TRATTAMENTO ECONOMICO TRATTAMENTO ECONOMICO: PORTATO ENTRO I PRIMI 6 ANNI ETA DEL FIGLIO (ART.9) (PRIMA ENTRO I PRIMI 3 ANNI), PER UN PERIODO MAX DI 6 MESI, INDENNIZZATO AL 30% DELLA RETRIBUZIONE MEDIA GIORNALIERA CONSIDERATA LA RETRIBUZIONE DEL MESE PRECEDENTE. Tale previsione interessa anche i casi di adozione o di affidamento, per i quali la possibilità descritta decorre dall'ingresso del minore in famiglia (Art.10). DAI 6 AGLI 8 ANNI ETA FIGLIO, SE I GENITORI NON HANNO FRUITO NEI PRIMI 6 ANNI, RETRIBUZIONE RICONOSCIUTA AL 30% SOLO SE REDDITO GENITORE RICHIEDENTE E INFERIORE A 2,5 VOLTE TRATTAM. MINIMO PENSIONE (CIRCA EURO). (Confermato dal Jobs Act art. 9) 20

21 RIPOSI E PERMESSI RIPOSI GIORNALIERI PER ALLATTAMENTO: FINO COMPIMENTO 1 ANNO DI VITA DEL BAMBINO, LAVORATRICI HANNO DIRITTO A DUE INTERRUZIONI GIORNALIERE PER 2 ORE COMPLESSIVE AL GIORNO SE ORARIO E DI ALMENO 6 ORE (SE INF. A 6 ORE, RIPOSO DI 1 ORA AL GIORNO). IN CASO PARTO GEMELLARE ORE DOPPIE. INDENNITA : 100% PAGA ORARIA E CALCOLATE ANCHE NELLA 13MA E FERIE. DOMANDA: AL DATORE DI LAVORO E ALL INPS Il padre ne ha diritto in ipotesi di: parto plurimo, situazione di single o vedovo, rinuncia della madre. Le ore di permesso di cui all art. 39 del D.Lgs. n. 151 del 2001 sono espressamente considerate ore lavorative agli effetti della durata e della retribuzione del lavoro. Pertanto, le ore fruite a tale titolo possono essere considerate nel computo delle ore lavorative richieste per l accesso al beneficio contrattuale dei buoni pasto. PERMESSI PER MALATTIA FIGLIO: DIRITTO DI ENTRAMBI I GENITORI - SE BIMBO HA MENO 3 ANNI: INTERA DURATA MALATTIA - SE BIMBO HA TRA 3 E 8 ANNI: LIMITE DI 5 GIORNI/ANNO PER CIASCUN GENITORE TRATTAMENTO ECONOMICO: I PERIODI NON SONO RETRIBUITI MA SONO COMPUTATI NELL ANZIANITA DI SERVIZIO, ESCLUSI GLI EFFETTI DI FERIE, 13MA E GRATIFICA NATALIZIA. Le disposizioni sul controllo della malattia (fasce di reperibilità) NON si applicano al periodo di congedo per malattia del figlio. 21

22 22 Congedi per eventi e cause particolari (Art. 4 L 53/ DPCM 278/2000) Ogni lavoratore ha diritto a TRE giorni, retribuiti al 100%, in ipotesi di grave infermità o decesso del coniuge o del convivente. Ciascun lavoratore può inoltre godere di DUE anni, anche frazionati, per gravi motivi familiari, la c. d. aspettativa, senza retribuzione e senza valenza sull anzianità, salvo riscatto. CONGEDO STRAORDINARIO PER FIGLI CON HANDICAP GRAVE (Art. 42 c.5 Dlgs 151/2001) Durata: fino a due anni anche frazionati. Non è più richiesto lo stato di gravità da almeno 5 anni per il diritto al riconoscimento del congedo. Spetta in alternativa al padre o alla madre. Ammesso il frazionamento fino alla giornata intera. NON AD ORE, necessaria la ripresa del lavoro tra un periodo assenza ed il successivo. Retribuzione: indennità pari all ultima retribuzione prima del congedo con valenza sull anzianità a differenza della c.d. aspettativa. Non si maturano ferie, 13ma e TFR. Requisiti: 1) persona per la quale si chiede il congedo straordinario deve essere in situazione di disabilità grave ai sensi dell art. 3 comma 3 della legge 104/92 riconosciuta dall apposita Commissione medica della ASL (art. 4, comma 1 L. 104/92); 2) mancanza di ricovero a tempo pieno (per le intere 24 ore ) del familiare in situazione di disabilità grave. Per ricovero a tempo pieno si intende quello, per le intere ventiquattro ore, presso strutture ospedaliere o simili, pubbliche o private, che assicurano assistenza sanitaria continuativa (circ. 155/2010).

23 23 ASSISTENZA LEGGE 104/1992 PER FIGLI CON HANDICAP IN CASO DI BAMBINI CON HANDICAP DI ETA INFERIORE AI 3 ANNI: DIRITTO AL PROLUNGAMENTO DELLA ASTENSIONE FACOLTATIVA PER UN PERIODO MASSIMO NON SUPERIORE A 36 MESI, IN MISURA CONTINUATIVA O FRAZIONATA. Tale diritto è fruibile fino AI 12 ANNI ETA DEL FIGLIO (NON PIU 8 ANNI). IL CONGEDO «PROLUNGATO» DECORRE DAL TERMINE DEL PERIODO DI CONGEDO PARENTALE ORDINARIO. TRATTAMENTO ECONOMICO: SI HA DIRITTO AD UN INDENNITA PARI AL 30% DELLA RETRIBUZIONE PER TUTTO IL PERIODO. PERMESSI GIORNALIERI/ MENSILI: IN ALTERNATIVA AL CONGEDO PROLUNGATO LA LAVORATRICE O, IN ALTERNATIVA, IL LAVORATORE PADRE HANNO DIRITTO A 2 ORE DI PERMESSO GIORNALIERO RETRIBUITO IN CASO DI O.D.L. PARI O SUPERIORE A 6 ORE FINO AL 3 ANNO DI ETA DEL FIGLIO OPPURE TRE GIORNI DI PERMESSO MENSILE (ANCHE FRAZIONABILI A ORE) TRATTAMENTO ECONOMICO: IN CASO DI PERMESSI GIORNALIERI SPETTA UN INDENNITA ECONOMICA PARI ALLA RETRIBUZIONE PERDUTA E SI MATURANO FERIE E 13MA. SIA IN UN CASO CHE NELL ALTRO TALI DIRITTI SPETTANO A CONDIZIONE CHE IL BAMBINO NON SIA RICOVERATO A TEMPO PIENO PRESSO UN ISTITUTO SPECIALIZZATO CHE NON RICHIEDA LA PRESENZA DEI GENITORI.

24 ED ANCORA BAMBINI CON HANDICAP DI ETA COMPRESA TRA I TRE E I DICIOTTO ANNI La madre, o in alternativa il padre, hanno diritto a TRE GIORNI DI PERMESSO MENSILI RETRIBUITI.UN GENITORE NE PUO GODERE ANCHE QUANDO L ALTRO GENITORE E IN ASTENSIONE FACOLTATIVA. E ANCHE POSSIBILE FRAZIONARE IN ORE I PERMESSI DI TRE GIORNI PURCHE NON SUPERINO LE 24 ORE MENSILI DI PERMESSO. I GIORNI DI PERMESSO NON UTILIZZATI NON FANNO CUMULO CON QUELLI DEL MESE SUCCESSIVO. DOMANDA INPS SU MODELLI PREDISPOSTI NON E PIU RICHIESTA CONDIZIONE DELLA CONVIVENZA O ASSISTENZA CONTINUATIVA ED ESCLUSIVA Congedo biennale e tre giorni mensili possono essere fruiti nello stesso mese e per lo stesso disabile ma non nelle stesse giornate. BAMBINI CON HANDICAP DI ETA SUPERIORE AI DICIOTTO ANNI La madre, o in alternativa il padre, hanno diritto a TRE GIORNI DI PERMESSO MENSILI RETRIBUITI. NON E PIU RICHIESTA PER I FIGLI, ANCHE MAGGIORENNI, LA CONDIZONE DELLA CONVIVENZA O DELL ASSISTENZA CONTINUATIVA ED ESCLUSIVA. 24

25 CONGEDO PER DONNE VITTIMA DI VIOLENZA 25 La nuova normativa introduce il congedo per le donne vittime di violenza di genere ed inserite in percorsi di protezione debitamente certificati, lavoratrici dipendenti o in collaborazione coordinata e continuativa. Si prevede la possibilità per le lavoratrici dipendenti di datore di lavoro pubblico o privato, con esclusione del lavoro domestico, nonché per le lavoratrici titolari di rapporti di collaborazione coordinata o continuativa di astenersi dal lavoro, per un massimo di tre mesi, per motivi legati a tali percorsi, garantendo loro la retribuzione al 100% e coperti da contribuzione figurativa. Il periodo concesso è computato ai fini dell anzianità di servizio, nonché ai fini della maturazione delle ferie, della tredicesima mensilità e del trattamento di fine rapporto. Può altresì essere fruito su base giornaliera o oraria nell arco di 3 anni secondo le modalità indicate nel contratto o, in assenza di regolamentazione, secondo le modalità già descritte nel caso della fruizione su base oraria del congedo parentale. Alle stesse lavoratrici è concesso anche il diritto di vedersi trasformare, su propria richiesta, il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, ove disponibile in organico, reversibile a richiesta.(art. 24).

26 Decreto legislativo in materia di Tutela e Conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro Il decreto appare come un attuazione parziale della delega, in quanto non affronta una serie di temi previsti. Le disposizioni si applicano in via sperimentale per il solo anno 2015, in attesa di ulteriori decreti attuativi del Jobs Act che individuino adeguata copertura finanziaria per gli anni a venire. 26

27 27 VOUCHER PER L INFANZIA In via sperimentale fino al 2015 la madre lavoratrice (dipendenti di amministrazioni pubbliche, dipendenti di privati datori di lavoro, iscritte alla gestione separata) ha la possibilità di richiedere, al termine del congedo di maternità ed entro gli 11 mesi successivi, in alternativa al congedo parentale: -voucher per l acquisto di servizi di baby-sitting; - un contributo per far fronte agli oneri dei servizi per l infanzia, pubblici o privati accreditati anche qualora il congedo parentale sia stato già usufruito in parte. La fruizione di uno dei due benefici comporta la riduzione (rinuncia) del congedo parentale della madre di un numero di mesi pari a quelli di contributo richiesto (mesi interi). MISURA: il voucher viene erogato dall INPS per un importo massimo di 600 euro mensili (riproporzionato in caso di lavoro part time) per la durata di massimo 6 mesi. La domanda va presentata all INPS per via telematica entro il 31 dicembre di ogni anno. La fruizione di uno dei due benefici comporta la riduzione (rinuncia) del congedo parentale della madre di un numero di mesi pari a quelli di contributo richiesto (mesi interi).

28 ASSEGNO A SOSTEGNO DELLA NATALITA (c.d. BONUS BEBE ) E possibile fin da ora presentare la domanda per l assegno a sostegno della natalità (c.d. bonus bebè) corrisposto quale contributo per il figlio nato tra il 1 gennaio 2015 e il 31 dicembre Tale contributo verrà erogato mensilmente dall INPS fino al compimento del terzo anno di vita del bambino (per i figli adottivi o in pre affidamento spetta fino al terzo anno di ingresso del bambino in famiglia). REQUISITI: viene riconosciuto ai nuclei famigliari che hanno una dichiarazione ISEE inferiore ai euro annui. L assegno corrisposto equivarrà a 80 mensili. Per i nuclei con una dichiarazione ISEE inferiore a euro annui, verrà erogato un assegno pari a 160 euro mensili. La domanda potrà essere presentata da cittadini italiani, europei o extra comunitari con regolare permesso di soggiorno e residenti in Italia con il figlio per il quale l assegno è richiesto. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: La domanda potrà essere presentata tramite il Patronato INAS oppure attraverso i sistema telematico o con il contact center integrato. La domanda va presentata entro 90 giorni dalla nascita del figlio. Per le nascite dal 01 gennaio 2015 al 27 aprile 2015 il termine ultimo per la domanda è il 27 luglio Per le domande presentate oltre tale termine l assegno spetta dalla data di presentazione della domanda. 28

29 Grazie per la Vostra attenzione a cura di Sportello Conciliazione CISL Monza,Brianza,Lecco 29

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani Come cambia la tutela della maternità e paternità Barbara Maiani I principi della legge delega Allo scopo di garantire adeguato sostegno alle alla genitorialità cure parentali, attraverso misure volte

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO.

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. . Prot. n 2110/22 Circolare N 11/AGOSTO 2015 AGOSTO 2015 A tutti i colleghi (*) IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. È stato pubblicato sulla

Dettagli

Decreto Legislativo 15 Giugno 2015, n.80, attuativo del Jobs Act: Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro

Decreto Legislativo 15 Giugno 2015, n.80, attuativo del Jobs Act: Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro Decreto Legislativo 15 Giugno 2015, n.80, attuativo del Jobs Act: Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro Entra in vigore il 25/06/2015, giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Maternità e conciliazione dei tempi di vita e lavoro:

Maternità e conciliazione dei tempi di vita e lavoro: Maternità e conciliazione dei tempi di vita e lavoro: novità derivanti dal Jobs Act Relatore/Referentin: Dr. Paola Baroldi Bozen/Bolzano, 10/11/2015 D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 DECRETO LEGISLATIVO 15

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

COMO. Prontuario Congedo Parentale LE NOVITA' DEL JOB ACT

COMO. Prontuario Congedo Parentale LE NOVITA' DEL JOB ACT COMO Prontuario Congedo Parentale LE NOVITA' DEL JOB ACT 2015 COMO Per Informazioni e delucidazioni contattare: Vincenzo Falanga - Segretario Generale UIL FPL COMO cell. 3208160615 e.mail : vincenzo.falanga@uilfplcomo.it

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

Associazione Crescere

Associazione Crescere Associazione Crescere Congedi, Permessi, Riposi Legge 8 Marzo 2000 n 53 DPCM 27 Luglio 2000 n 278 Legge 5 Febbraio 1992 n 104 T.U. 26 Marzo 2001 n 151 Dr. Matteo Naldi Congedi (Capo III e Capo IV Dlgs

Dettagli

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Oggetto

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro in attuazione dell art.

Schema di decreto legislativo recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro in attuazione dell art. Schema di decreto legislativo recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro in attuazione dell art.1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014 n. 183 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità FILLEA ARTICOLI DI LEGGE CONTROLLI PRENATALI Art. 14 L.151/2001 Sono previsti permessi retribuiti per l effettuazione di esami prenatali, accertamenti

Dettagli

Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015

Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015 Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015 Maternità, lavoro notturno e telelavoro: le novità del 2015 (D.Lgs. n. 80 del 15.06.2015) Gentile cliente, il legislatore con il D.Lgs. n. 80 del 15.06.2015 ha introdotto

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro)

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Prime note sul D.Lgs. 80/2015 (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Il decreto è stato pubblicato sulla G.U. n.144 del 24-6-2015 (Suppl. Ordinario n. 34) ed è efficace

Dettagli

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015 A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Il decreto legislativo 80/2015 «Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici che diventano genitori 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui diritti a tutela della

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

Mamma & Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli

Mamma & Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli Mamma & Papà al lavoro Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli Congedi per lavoratrici/lavoratori dipendenti Certificato di gravidanza Il certificato di gravidanza,

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità INSIEME PER I PROPRI FIGLI Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità 1 Dipartimento Pari Opportunità Testi: Flavia Castiglioni Illustrazioni: Andrea Sorice Impaginazione:

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

LE MISURE A TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA E GLI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LE OPPORTUNITA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO.

LE MISURE A TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA E GLI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LE OPPORTUNITA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO. LE MISURE A TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA E GLI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LE OPPORTUNITA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO. Relazione per Convegno Milano, 1 luglio 2015 ABSTRACT

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 5 13.01.2015 Bonus bebè 2015 e dichiarazione ISEE: chiarimenti sulla domanda La domanda di ammissione al bonus bebè 2015 può

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 151 del 26 MARZO 2001

DECRETO LEGISLATIVO 151 del 26 MARZO 2001 «COMPLESSI EQUILIBRI» La Conciliazione famiglie e lavoro in tutte le sue declinazioni Alleanza territoriale Sud-Est Asl MILANO 2 I CONGEDI PARENTALI E LE MISURE DI SOSTEGNO AL LAVORO E ALLA MATERNITÀ SABINA

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

GUIDA FISAC 2015.4. M/Paternità e Adozione CGIL FISAC

GUIDA FISAC 2015.4. M/Paternità e Adozione CGIL FISAC GUIDA FISAC M/Paternità e Adozione 2015.4 CGIL FISAC Maternità, paternità e adozione 2015.4 A cura di Claudia Stoppato 1 NOZIONI GENERALI 3 1.1 Adozione e affidamento 3 2 GRAVIDANZA 4 2.1 Comunicazione

Dettagli

Maternità Paternità e Congedi parentali

Maternità Paternità e Congedi parentali Maternità Paternità e Congedi parentali L applicazione nelle Aziende del settore Conciliazione tra tempi di vita e lavoro Indice Premessa 4 1 - Controlli prenatali 5 2 - Congedo di maternità o paternità:

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

Guida pratica. A cura della Segreteria di Gruppo. Maternità e PATERNITA. I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo

Guida pratica. A cura della Segreteria di Gruppo. Maternità e PATERNITA. I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo Guida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Maternità e PATERNITA I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo SOMMARIO GESTANTI: PERMESSI E DIRITTI... 4 Quando va comunicato lo

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MISURE PER LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183. RELAZIONE

Dettagli

LA TUTELA DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ

LA TUTELA DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ LA TUTELA DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ EDIZIONE 2013 FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI COORDINAMENTO DONNE INDICE PARTE GENERALE Definizioni... 3 Divieto di discriminazione... 4 Divieto di licenziamento...

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Roma, 17/07/2015 Circolare n. 139 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA L'INDENNITÀ DI MATERNITÀ CHE COS E E' un'indennità sostitutiva della retribuzione che viene pagata alle lavoratrici assenti dal servizio per gravidanza e puerperio. A CHI SPETTA A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE

Dettagli

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7 SOMMARIO Introduzione PAG. 3 DIRITTI DELLA MAMMA QUANDO E IN ATTESA Permessi per esami prenatali PAG. 5 Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6 Congedo di maternità PAG. 7 DIRITTI DEI GENITORI FINO AL

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 22 del 11 Febbraio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bonus 80 euro e bonus bebé: le agevolazioni riconosciute dalla legge di stabilità 2015 Gentile cliente, con la presente

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NOTA: In linea di principio sono applicabili integralmente le norme del Testo Unico (D.Legs. 151/2001) su maternità e paternità

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI 2007 Si riporta una breve traccia sui diritti della donna lavoratrice in caso di gravidanza e maternità (e dei conseguenti diritti

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI:

RIFERIMENTI NORMATIVI: VADEMECUM MATERNITA' Testo unico n 151 del 26 Marzo 2001 due sono gli istituti che intervengono sulla materia Inail e Inps. La gravidanza è un evento del tutto normale nella vita di una donna e non comporta,

Dettagli

Questo congedo, qualora non venga richiesto dalla madre, è riconosciuto, alle stesse condizioni,

Questo congedo, qualora non venga richiesto dalla madre, è riconosciuto, alle stesse condizioni, La Legge 53 del 2000 è intitolata Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi nelle città. E una legge che

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 22 dicembre 2012 Introduzione, in via sperimentale per gli anni 2013-2015, del congedo obbligatorio e del congedo facoltativo del padre, oltre a forme

Dettagli

Caro Papà. Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna

Caro Papà. Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna Caro Papà Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna Le Consigliere di Parità della Provincia di Ravenna Fato Luwanga Nuru e Gisella Casali Ufficio della Consigliera di Parità della

Dettagli

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n.

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n. Maternità e congedi L art.4, commi 24, 25 e 26 della legge 28 giugno 2012, n.92, introduce in via sperimentale, per gli anni 2013-2015, due istituti sostegno della genitorialità. 2 Maternità e congedi

Dettagli

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE Circolare dell INPS L'INPS, con la circolare n. 40 dello scorso 14 marzo (vedi in allegato il testo integrale), fornisce chiarimenti

Dettagli

L'indennità di maternità

L'indennità di maternità Home Page Torna alle Informazioni Torna ai Servizi Torna Indietro Torna indietro Voi siete qui: Home > Informazioni > I contributi > Contributi fig.. L'indennità di maternità E' un'indennità sostitutiva

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

Il 20% delle richieste di astensione facoltativa dal lavoro presentate dai padri italiani è stata registrata a Roma.

Il 20% delle richieste di astensione facoltativa dal lavoro presentate dai padri italiani è stata registrata a Roma. La Maternità La legge tutela la donna durante la maternità e garantisce il diritto del bambino a un'adeguata assistenza da parte dei genitori. I dati INPS evidenziano anche un crescente coinvolgimento

Dettagli

Indice. Congedo di maternità. Indennità di maternità

Indice. Congedo di maternità. Indennità di maternità Indice Congedo di maternità Rinvio e sospensione del congedo di maternità in caso di ricovero del neonato Esercizio del diritto Il congedo di maternità in caso di adozioni o affidamenti Adozione nazionale

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità.

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità. JOBS ACT - PUBBLICAZIONE IN GU DEI DECRETI LEGISLATIVI IN MATERIA DI "RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E DISCIPLINA DELLE MANSIONI " E "CONCILIAZIONE VITA LAVORO" Sono stati pubblicati nella Gazzetta

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Rientro al lavoro delle madri lavoratrici. I chiarimenti dell INPS sull erogazione del voucher Gentile cliente con la presente intendiamo informarla è stato pubblicato

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

VADEMECUM MATERNITA'

VADEMECUM MATERNITA' Testo unico n 151 del 26 Marzo 2001. Brescia, 31 maggio 2013 VADEMECUM MATERNITA' INDICE 1. PRIMA DEL PARTO Esami prenatali Sicurezza e salute sul luogo di lavoro Anticipazione del congedo di maternità

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

CLUB PREVIDENZA 12 MAGGIO 2015. Ilaria Fadda Area Relazioni Industriali Servizio Previdenziale Confindustria Genova.

CLUB PREVIDENZA 12 MAGGIO 2015. Ilaria Fadda Area Relazioni Industriali Servizio Previdenziale Confindustria Genova. CLUB PREVIDENZA 12 MAGGIO 2015. Ilaria Fadda Area Relazioni Industriali Servizio Previdenziale Confindustria Genova. 1) Recenti misure a sostegno della genitorialità: a) Legge di stabilità 2015. C.d. Bonus

Dettagli

Circolare N.98 del 13 Giugno 2013

Circolare N.98 del 13 Giugno 2013 Circolare N.98 del 13 Giugno 2013 Asili nido. Scade il 20 giugno 2013 l'accreditamento per ricevere l importo del bonus bebè spettante alle lavoratrici madri Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 17 Le Circolari della Fondazione Studi n. 17 del 21/07/2015 CONCILIAZIONE VITA - LAVORO E stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24 giugno 2015 il decreto legislativo

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE.

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. a cura di Libero Tassella, dalla Gilda di Napoli 12/11/2005 1. I Destinatari del congedo. La lavoratrice

Dettagli

Sebben che siamo. (Dis)Occupazione e maternità

Sebben che siamo. (Dis)Occupazione e maternità Sebben che siamo mamme (Dis)Occupazione e maternità ISCRITTI INPGI PER FASCE DI ETA' E PER SESSO - AL 31/12/2012 Classe Età Sesso Iscritti Gestione Sostitutiva dell'ago Iscritti Gestione Separata Iscritti

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80 Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE

Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE 1. Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE 1.1 Normativa e beneficiari La normativa: Il D.lgs 26 marzo 2001, n. 151, Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della

Dettagli

Soggetti interessati alla L. 104 /1992

Soggetti interessati alla L. 104 /1992 «COMPLESSI EQUILIBRI» La Conciliazione famiglie e lavoro in tutte le sue declinazioni Alleanza territoriale Sud Est Asl MILANO 2 Congedi e permessi per la cura dei portatori di handicap LEGGE 104/1992

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli