Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano?"

Transcript

1 Argomnti Abolizion dl contributo di ricarica nlla tlfonia mobil: i consumatori ci guadagnano? Maria Rosa Battaggion, Nicoltta Corrochr, Lornzo Zirulia L liminazion dl contributo di ricarica sull cart prpagat nlla tlfonia mobil potrbb non raggiungr gli fftti sprati in trmini di trasparnza, più in gnral, di bnssr di consumatori. In un sttor così concntrato, sarbbro auspicabili intrvnti strutturali a favor di una maggior concorrnza, piuttosto ch limitazioni alla struttura di przzi. Introduzion Il Dcrto Lgg prsntato dal Govrno il 25 gnnaio 2007 (il cosiddtto scondo Dcrto sull Libralizzazioni ) ha liminato il contributo di ricarica sull cart prpagat nlla tlfonia mobil, contributo ch rapprsntava un onr aggiuntivo risptto al valor dl traffico tlfonico acquistato. La ragion conomica sottostant tal provvdimnto è riconducibil alla ncssità di favorir la trasparnza dll tariff, pr qusta via, la concorrnza fra l imprs. In tal modo, i consumatori sarbbro in grado di dtrminar mglio i costi ffttivamnt sostnuti, di consgunza, di ffttuar confronti tra l divrs offrt prsnti sul mrcato. In qusto lavoro, ci proponiamo di analizzar nl dttaglio l motivazioni ch hanno portato all liminazion dl contributo di ricarica di saminar gli fftti di tal provvdimnto sul bnssr di consumatori. L liminazion dl contributo di ricarica: l motivazioni 102 Il 7 giugno 2006, l AGCM l AGCOM hanno avviato un indagin conoscitiva congiunta sui srvizi di tlfonia con ricarica dl crdito. L iniziativa è sguita a sgnalazioni ricvut da associazioni di consumatori singoli utnti, in particolar, a una lttra inviata dalla Dirzion Gnral Concorrnza dlla Commision uropa. Il coinvolgimnto dll du Autorità è stato richisto dal fatto ch risultavano rilvanti sia i profili concorrnziali (pr i quali è comptnt l AGCM) sia i profili rgolamntari (pr i quali è comptnt l AGCOM). Maria Rosa Battaggion Profssor associato Univrsità di Brgamo CESPRI Nicoltta Corrochr Lcturr Univrsità Bocconi CESPRI Lornzo Zirulia Ricrcator Univrsità di Bologna CESPRI numro 2/2007 Argomnti Mrcato

2 L conclusioni dll indagin (disponibili all indirizzo hanno sollvato qustioni rilvanti sia dal punto di vista concorrnzial sia dal punto di vista rgolamntar. Da un lato, sotto il profilo concorrnzial, si sostnva ch il contributo di ricarica potss favorir la collusion. Fissar una part dl przzo indipndnt dai piani tariffari immdiatamnt ossrvabil dai concorrnti avrbb ridotto, almno parzialmnt, i costi di coordinamnto lgati alla complssità dll tariff. A supporto di qusta tsi, nll indagin si è sottolinato ch, mntr i przzi mdi al minuto sono diminuiti nl corso dgli anni, il contributo di ricarica è rimasto costant prssoché ugual fra gli opratori, consntndo una sacca di rdditività immun dalla prssion concorrnzial. Pr quanto riguarda i profili rgolamntari, l Autorità si sono concntrat prvalntmnt su du argomntazioni: l una rlativa al problma dlla trasparnza, l altra al problma dlla rgrssività. La prima tsi ra ch la prsnza di un contributo di ricarica rndss più difficil il computo dl costo ffttivo dll tlfonat, riducndo la trasparnza, quindi, complicando il confronto fra l offrt di divrsi opratori. A qusto proposito, l AGCOM sarbb potuta intrvnir sulla bas dll articolo 71 dl Codic dll Comunicazioni Elttronich, ch l assgna splicitamnt il compito di assicurar informazioni trasparnti aggiornat in mrito ai przzi all tariff. La sconda tsi, invc, ra ch foss possibil un intrvnto volto a liminar la struttura rgrssiva dl contributo, ossia il fatto ch l incidnza dl contributo diminuiss al crscr dl taglio dlla ricarica. Su qusto punto, sarbb stato possibil un intrvnto, sulla bas dll articolo 2 dlla Lgg 481 dl 1995 sulla concorrnza la rgolazion di srvizi di pubblica utilità, ch fa rifrimnto all obbligo di prstar il srvizio in condizioni di uguaglianza. Succssivamnt alla pubblicazion dll indagin conoscitiva, l AGCOM ha dciso il 13 dicmbr 2006 di intraprndr una consultazion pubblica, con l obittivo di dtrminar possibili intrvnti rgolamntari rlativi agli fftti di rgrssività scarsa trasparnza dlla tariffa. Il tsto dlla consultazion, pubblicato dall Autorità il 10 gnnaio 2007, proponva tr possibili intrvnti: 1) l liminazion dl contributo di ricarica, in modo da garantir la trasparnza; 2) una rimodulazion dl contributo di ricarica in modo da liminar la struttura rgrssiva; 3) la cosistnza dll du soluzioni prcdnti. Al contmpo, l AGCM ha dciso di non intrvnir. Il 14 gnnaio 2007, in un intrvista a Il Sol 24 or, il Prsidnt dll Antitrust Catricalà ha dichiarato: «Nlla tlfonia mobil l socità si fanno concorrnza [...]. Quindi non c è dominanza collttiva sul sttor ch giustificass l intrvnto dll Antitrust. Tuttavia, insim all Autorità dll Comunicazioni, abbiamo promosso un indagin conoscitiva da cui è mrso ch il costo fisso dlla ricarica non è trasparnt non è proporzional. Prtanto l Authority probabilmnt prndrà un provvdimnto pr vitar un costo fisso dlla ricarica ch vada oltr il rcupro dll sps amministrativ.» numro 2/2007 Argomnti Mrcato 103

3 104 Oltr al fatto ch la dichiarazion di Catricalà è, pr quanto riguarda gli asptti concorrnziali, in contraddizion con il tsto dll indagin conoscitiva condotta dalla sua stssa Autorità, si dv ossrvar ch la collusion ra il motivo addotto da più parti (in particolar dall associazioni di consumatori) pr giustificar un intrvnto, nonché, a nostro parr, qullo più mritvol di un ultrior approfondimnto. Fissar una part dl przzo indipndnt dai piani tariffari immdiatamnt ossrvabil dai concorrnti ridurrbb, almno parzialmnt, i costi di coordinamnto lgati alla complssità dll tariff. A supporto di qusta tsi, nll indagin si sottolinava ch, mntr i przzi mdi al minuto rano diminuiti, il contributo di ricarica ra rimasto costant prssoché ugual fra opratori, consntndo una sacca di rdditività immun dalla prssion concorrnzial. L Autorità sostnva, quindi, ch l sistnza dl contributo di ricarica potss favorir la collusion. Pur concordando ch la part fissa dl przzo possa favorir comportamnti collusivi, tuttavia ritniamo ch non si dbba scludr ch l imprs l abbiano introdotta con altri obittivi (pr maggiori dttagli in mrito si vda Battaggion t al., 2006). La lttratura ha mostrato infatti ch, in un contsto in cui l imprs hanno potr di mrcato, l tariff compost da una part fissa (contributo di ricarica) da una variabil (przzo minutario) consntono di aumntar i profitti, ma sono compatibili con un quilibrio non collusivo (Stol, 2003). Il 9 gnnaio 2007 è arrivato l annuncio dl Ministro dllo Sviluppo Economico Brsani su un suo possibil intrvnto volto all liminazion dl contributo di ricarica, ch ha addotto com motivazioni pr l intrvnto da part dl Govrno l qustioni dlla trasparnza dlla rgrssività. Notiamo, a tal proposito, com la sola qustion dlla rgrssività non potss giustificar l liminazion dl contributo, ma potss smplicmnt portar a stabilir la proporzionalità dl contributo risptto al taglio acquistato. La vicnda si è conclusa (almno pr ora) con il Dcrto Lgg prsntato dal Govrno il 25 gnnaio 2007 (il cosiddtto Dcrto sull Libralizzazioni ). All articolo 1, comma 1, il dcrto, pubblicato sulla Gazztta Ufficial dll 1 fbbraio, rcita com sgu: «Al fin di favorir la concorrnza la trasparnza dll tariff, di garantir ai consumatori finali un adguato livllo di conoscnza sugli ffttivi costi dl srvizio, nonché di facilitar il confronto tra l offrt prsnti sul mrcato, è vitata, da part dgli opratori dlla tlfonia mobil, l applicazion di costi fissi di contributi pr la ricarica di cart prpagat, anch via bancomat o in forma tlmatica, aggiuntivi risptto al costo dl traffico tlfonico richisto, nonché la prvision di trmini tmporali massimi di utilizzo dl traffico acquistato [...]. Gli opratori adguano la propria offrta commrcial all prdtt disposizioni ntro il trmin di trnta giorni dalla data di ntrata in vigor dl prsnt dcrto.» Il contributo di ricarica è stato, quindi, liminato pr favorir la trasparnza dll tariff, pr qusta via, la concorrnza fra l imprs, con un provvdi- numro 2/2007 Argomnti Mrcato

4 mnto in vigor dal 5 marzo Rinviando alla szion succssiva un giudizio sul mrito dl provvdimnto (val a dir sulla sua fficacia nl favorir la trasparnza), non possiamo non intrrogarci sull opportunità di un intrvnto dl Govrno in concomitanza con una consultazion pubblica da part dll AGCOM, attuato, tra l altro, pr mzzo di un dcrto lgg ch implica l urgnza dl provvdimnto stsso. L liminazion dl contributo di ricarica: gli fftti Il provvdimnto dl govrno può ssr giudicato sotto du punti di vista. Il primo riguarda l obittivo dichiarato nl tsto dl dcrto (ossia la trasparnza), il scondo gli fftti ch consguono dirttamnt dall liminazion di una dll componnti di przzo utilizzat fino a ora. Risptto all argomntazioni dll Autorità, il provvdimnto annulla pr dfinizion la rgrssività - obittivo praltro non indicato nl comma 1 - ma non migliora, a nostro avviso, la trasparnza di przzi. In mrito al problma dlla trasparnza dll tariff, da un punto di vista lgislativo la normativa di rifrimnto è il Dcrto Lgislativo n. 259/2003 in matria di comunicazioni lttronich. L art. 13, comma 6, punto d), mnziona splicitamnt ngli obittivi ni principi dll attività di rgolamntazion qullo di «promuovr la diffusion di informazioni chiar, in particolar garantndo la trasparnza dll tariff dll condizioni di uso di srvizi di comunicazion lttronica accssibili al pubblico». Inoltr l art. 46, in rlazion all obbligo di trasparnza, ribadisc il ruolo dll Autorità nll imporr «obblighi di trasparnza [...] prscrivndo agli opratori di rndr pubblich dtrminat informazioni [...] i przzi». In qusto snso, ci prm sottolinar ch il problma dlla trasparnza tariffaria è primariamnt lgato a un oggttiva difficoltà, pr il consumator, di calcolar il przzo mdio al minuto piuttosto ch al contributo di ricarica. In rifrimnto a ciò, si noti ch fra il 1992 il 2005 sono stati introdotti in Italia un total di 280 piani tariffari fra prpagat abbonamnti. TIM Vodafon sono l imprs più attiv, rispttivamnt con 12 7,1 nuovi piani tariffari all anno, mntr Wind ha introdotto 5,6 piani tariffari all anno H3G n ha introdotti 6,3 (Corrochr Zirulia, 2006). Oltr al numro lvato di piani tariffari prsnti sul mrcato, è opportuno sottolinar ch qusti sono composti di molti lmnti: przzo al minuto spsso diffrnziato pr oprator, ara gografica, orario; mccanismo di tariffazion a scatti o a scondi; scatto alla risposta; mccanismi di autoricarica; przzo dgli SMS. Prtanto divnta strmamnt difficil pr il consumator dtrminar il costo ffttivo dll tlfonat, nonché confrontar i divrsi piani tariffari di un oprator o di opratori concorrnti. Data tal complssità, l abolizion dl contributo di ricarica stsso non giova s non in misura molto marginal alla trasparnza di przzi. numro 2/2007 Argomnti Mrcato 105

5 Risptto all obittivo di migliorar la trasparnza, ci appar potnzialmnt più fficac il provvdimnto contnuto ni commi 2 4 dl dcrto: comma 2: «L offrta dll tariff di diffrnti opratori dlla tlfonia dv vidnziar tutt l voci ch compongono l ffttivo costo dl traffico tlfonico, al fin di consntir ai singoli consumatori un adguato confronto.» comma 4: «L Autorità pr l Garanzi nll Comunicazioni stabilisc l modalità attuativ dll disposizioni di cui al comma 2 applica l rlativ sanzioni.» È chiaro, dunqu, ch l fficacia di qusto provvdimnto dipndrà dall concrt modalità attuativ adottat dall AGCOM. Prima di discutr dgli fftti dirtti dl provvdimnto, è ncssario ricordar qui alcun carattristich dl sttor. Pr quanto riguarda l carattristich dlla domanda, s è vro ch in quasi tutti i pasi uropi la prcntual di utnti di cart prpagat è suprior risptto alla prcntual di sottoscrittori di abbonamnti, l Italia è il pas in cui qusto gap è maggior d è l unico in cui la prcntual di cart prpagat è suprior al 90%. Ciò suggrisc ch il sgmnto dll cart prpagat nl nostro pas costituisc il mrcato principal pr l imprs. Con rifrimnto all stratgi dll imprs, invc, si noti ch un important font di diffrnziazion in qusto sttor ( di consgunza, di potr di mrcato) è data dall sistnza di switching cost, ovvro costi lgati al cambiamnto dll oprator /o dl piano tariffario. In passato, gli switching cost sono stati principalmnt associati alla mancanza di numbr portability fra opratori, ch tuttavia è stata introdotta in anni rcnti in molti Pasi (in Italia nl 2002). Nonostant qusto, è chiaro ch l introduzion dlla numbr portability ha ridotto, ma non liminato, gli switching cost 1. Oltr ad altri costi di natura sogna (quali pr smpio qulli lgati alla natural inrzia di consumatori), nl sttor risultano particolarmnt rilvanti gli switching cost crati artificialmnt dall imprs (switching cost ndogni). Pr smpio, la trmination-basd pric discrimination (scondo cui il przzo dlla tlfonata varia con l oprator dl dstinatario dlla chiamata) opzioni com You&M di Vodafon Tim Tribù di TIM inducono fftti di rt al livllo local, poiché pr un consumator divnta convnint adottar lo stsso oprator di propri contatti abituali. La prcntual di qusti piani tariffari sul total è aumntata dal 10,7% nl priodo al 48,15% nl binnio In qusto caso, cambiar oprator, in assnza di coordinamnto fra consumatori appartnnti allo stsso ntwork social, può ssr particolarmnt costoso. Ancora più splicito è il tntativo di crar costi alla mobilità attravrso mccanismi di autoricarica dl crdito, divntati particolarmnt popolari ngli anni rcnti (la prcntual di piani tariffari ch offrono qusto tipo di srvizio è passata dal 7,1% nl priodo al 44,5% nl priodo ) Si vda pr smpio Grzybowski (2004) pr il Rgno Unito, L t al. (2005) pr la Cora dl Sud. numro 2/2007 Argomnti Mrcato

6 Qusti mccanismi nlla sostanza ricalcano, pr smpio, i frqunt flyr program dll compagni ar l tssr fdltà dlla grand distribuzion. In qusto caso, gli switching cost risultano aumntati proprio pr qugli utnti ch sono più prziosi pr gli opratori (gli utnti ad alto traffico). Un vidnza indirtta a sostgno dll sistnza dgli switching cost è data dall offrt particolarmnt convninti ch l imprs propongono ai clinti dgli altri opratori. Dal momnto ch il livllo di concorrnza, in sguito all intrvnto sull abolizion di contributi di ricarica, è rimasto invariato ch l imprs continuano a godr di un crto potr di mrcato, la loro stratgia ottimal non sarà qulla di diminuir i przzi sulla part variabil, ma vicvrsa qulla di aumntarli al fin di rcuprar (almno in part) la prdita di rdditività sulla part fissa. Tal comportamnto è ragionvol in una situazion di informazion asimmtrica, laddov i consumatori non sono comunqu in grado di calcolar con sattzza il costo minutario, quindi, hanno una limitata capacità di ragir, più o mno vlocmnt, a incrmnti di przzo dl proprio oprator, spostandosi vrso un altro gstor. Considrando, inoltr, il ruolo important dgli switching cost, anch nll ipotsi ch il consumator sia in grado di ossrvar l aumnto di przzo ch gli è stato praticato, non è dtto ch al ntto di costi di trasfrimnto la sua stratgia ottimal sia qulla di cambiar gstor. Qusto è confrmato dall ossrvazion mpirica scondo la qual in Italia il churn rat (prcntual di utnti di un imprsa ch passano a un altra imprsa in un dato priodo di tmpo) è uno di più bassi d Europa (15% contro una mdia uropa intorno al 20%). Vin, quindi, mno anch la minaccia di dcurtazion dlla domanda, associata a un incrmnto di przzi. Inoltr, in un rgim di libro mrcato, un aumnto di przzi, di pr sé, non può giustificar un intrvnto dll Authority, a mno ch non si configuri una pratica collusiva, risptto alla qual tocchrbb all AGCM intrvnir. È difficil prvdr qual sia l fftto ntto sul bnssr di consumatori. Su qusto punto la lttratura conomica non dà rispost crt (Armstrong Vickrs, 2001). A nostro avviso, il provvdimnto potrbb ridurr il sovrappiù 2 di consumatori, in quanto, stimolando gli opratori ad aumntar la part variabil dlla tariffa, si potrbbro controbilanciar gli fftti positivi dll liminazion dlla part fissa. Si considri ch, fino a ora, l condizioni di mrcato hanno prmsso all imprs di mantnr la part variabil rlativamnt bassa di appropriarsi dl sovrappiù di consumatori attravrso la part fissa. Con l liminazion dl contributo di ricarica, si impdisc all imprs di utilizzar una dll possibili componnti di przzo: qusto potrbb spingr gli opratori a utilizzar l altr componnti, tra l quali la part variabil dlla tariffa, in modo più aggrssivo. In ogni caso, l cifr ch sono circolat riguardo ai risparmi pr i consumatori, ch ipotizzano un invarianza dll offrt commrciali dgli opratori, ci appaiono ccssivamnt ottimistich. 2 Il sovrappiù di consumatori è la diffrnza fra quanto i consumatori pagano pr il srvizio quanto sarbbro al massimo disposti a pagar. numro 2/2007 Argomnti Mrcato 107

7 Oltr ai piani tariffari, è ragionvol aspttarsi variazioni consistnti nlla disponibilità dll ricarich, sia in trmini di tagli di ricarica disponibili, sia in trmini di capillarità dlla distribuzion, anch in qusto caso con un fftto ngativo sul bnssr di consumatori. Innanzitutto, con l liminazion dl contributo di ricarica, è plausibil ch si vrifichi una riduzion sul numro di tagli di ricarica. L offrta si è ampliata notvolmnt ngli ultimi anni, soprattutto con l introduzion di tagli di importo ridotto, inizialmnt non offrti dai gstori. Attualmnt i tagli di ricarica variano da 4 uro (la più bassa ricarica proposta da Wind) a 255 (la più alta ricarica proposta da TIM, Vodafon Wind) sono sostanzialmnt simili fra l imprs. Si noti, inoltr, ch fra i 26 tagli di ricarica disponibili, 7 sono sotto i 30 uro. L ampliamnto dll offrta di tagli di ricarica è stato dtrminato dalla crscnt diffusion di srvizi di tlfonia mobil dall ntrata di nicchi di consumatori con più bassa disponibilità a pagar (giovani anziani). L vidnza mpirica a disposizion, riportata nll indagin AGCM-AGCOM, mostra ch, nl 2005, i tagli di minor importo - fino a 20 uro - hanno costituito oltr il 70% dll ricarich ffttuat circa il 48% dl valor complssivo di ricavi dgli opratori drivanti dal contributo di ricarica (Tab. 1). Tab. 1 Distribuzion di tagli di ricarica pr volum valor TAGLI DI RICARICA % volum % valor % volum % valor % volum % valor Fino a 20 uro 61,4 33,4 68,6 40,7 71,8 48,2 Da 21 a 50 uro 32,1 54,7 26,2 48,3 24,8 45,4 Oltr 50 uro 6,6 11,8 5,2 11 3,4 6,3 108 L offrta di cart prpagat comporta pr l imprs un consistnt flusso di ricavi, ma anch alcuni costi di gstion (intrni d strni). I ricavi sono tanto più lvati, quanto più alto è il taglio dlla ricarica. Attravrso il contributo di ricarica, l imprs di fatto guadagnavano una prcntual aggiuntiva sul crdito acquistato dall utnt: data la rgrssività dl contributo, tal prcntual ra maggior sui tagli di ricarica piccoli. Eliminato il contributo di ricarica, è ragionvol ipotizzar ch, a parità di altr condizioni, pr l imprs non sia più vantaggioso offrir tagli di ricarica bassi qusto potrbb dannggiar qull catgori di consumatori con una minor disponibilità a pagar, ch sono tipicamnt soggtti a vincoli di liquidità. Ovviamnt, va anch tnuto conto dl fatto ch l vntual liminazion di tagli di ricarica d importo infrior portrbb alcuni consumatori a rinunciar all acquisto stsso dl srvizio, con un danno pr l imprs. In ogni caso, una modifica ni tagli di ricarich offrt ci appar probabil. In scondo luogo, è opportuno ricordar ch la struttura di costi dl crdito prpagato pr gli opratori comprnd non solamnt costi intrni (costi oprativi, ammortamnti su invstimnti costo dl capital invstito), ma anch componnti di costo strno, ch coincidono con l commissioni prcpit dai soggtti numro 2/2007 Argomnti Mrcato

8 ch consntono l attività di ricarica, ovvro i titolari di ATM POS (banch, post italian d srcizi commrciali) i distributori di scratch card (dicol, tabaccai cc.). Qust commissioni comprndono una part fissa una variabil pr i primi (rispttivamnt 0,35 uro 1,15%), mntr solo una part variabil pr i scondi (intorno al 3% dll importo dlla ricarica). L vidnza mpirica a disposizion (AGCM-AGCOM, 2006) mostra ch i mzzi più diffusi prsso il pubblico sono il pagamnto tramit scratch card POS, ch rapprsntano il 90% dll ricarich ffttuat il 76% di ricavi. Esistono importanti diffrnz ni canali distributivi utilizzati a sconda dl taglio dlla ricarica: POS scratch card, infatti, sono molto comuni pr gli importi più bassi, mntr l ATM risulta ssr il canal prvalnt pr i tagli oltr i 50 uro (65% dll transazioni). Il ruolo di Intrnt, invc, appar ancora marginal (1,5% di ricavi totali). Con rifrimnto all commissioni unitari dal lato di distributori, è intrssant confrontar il rapporto fra il contributo riconosciuto agli srcnti (banch, tabaccai, dicolanti) il taglio di ricarica fra i divrsi canali distributivi. Esistono importanti diffrnz in mrito all commissioni rcpit dai divrsi soggtti ch rogano il srvizio, in particolar, ossrviamo com pr l ricarich non infriori a 20 uro - qull ch, pr quanto dtto sopra, con maggior probabilità sopravvivranno nl mrcato - sia più convnint pr l imprs sfruttar maggiormnt il circuito bancario invc ch l dicol o i tabaccai (Tab. 2). Qusto potrbb comportar una riduzion nlla capillarità dl sistma distributivo, a danno dgli utnti finali. Tab. 2 Contributo riconosciuto agli srcnti pr taglio di ricarica (uro) Tagli di ricarica Circuito bancomat/atm 0,41 0,47 0,58 0,93 Tabaccai 0-0,5 0, ,5 2,5-3 Edicolanti 0-0,5 0-0,5 0, Conclusioni Com è stato prcdntmnt argomntato, l intrvnto dl Govrno volto all abolizion di costi di ricarica sull cart prpagat pon divrsi dubbi sia sull opportunità dll intrvnto stsso, sia sulla sua fficacia pr il bnssr di consumatori. Ci prm sottolinar, ancora una volta, ch, s l obittivo è qullo dlla tutla di consumatori, ciò ch conta è il sovrappiù complssivo ch l imprs sono in grado di strarr ai consumatori. In qust ottica, l intrvnto dl lgislator dovrbb concntrarsi sulla tariffa complssiva, cioè comprnsiva di part fissa part variabil, non smplicmnt sulla singola componnt fissa. Intrvnndo dirttamnt sulla forma contrattual sottrando all imprs una variabil stratgica di controllo (il contributo di ricarica), si rischia numro 2/2007 Argomnti Mrcato 109

9 di gnrar un comportamnto più aggrssivo sull unica lva stratgica rimasta, la part variabil, con il risultato di provocar un aumnto di przzi pr i consumatori. In un sttor com la tlfonia mobil, l imprs hanno numros componnti tariffari a disposizion, al di là dl contributo di ricarica, com pr smpio lo scatto alla risposta, il przzo minutario, il mccanismo di tariffazion a scatti o a scondi. A qusto riguardo, l indagin conoscitiva ha ossrvato com, includndo il contributo di ricarica, l andamnto di przzi italiani sia sostanzialmnt allinato con il rsto d Europa (AGCM-AGCOM, 2006). L prim razioni da part di gstori smbrano confrmar i nostri timori: pr smpio, Vodafon Wind, non a caso gli opratori con la più alta prcntual di cart prpagat risptto agli abbonamnti, hanno introdotto nuovi piani tariffari più costosi accompagnati da campagn pubblicitari volt a incntivar i consumatori a passar all nuov tariff. In gnral, in un sttor concntrato com qullo dlla tlfonia mobil in Italia, con quattro imprs di cui du controllano l 80% dl mrcato, è chiaro ch qualsiasi limitazion alla struttura di przzi risulta ssr una misura poco incisiva, risptto a intrvnti strutturali ch favoriscano una maggior concorrnza, com sarbb pr smpio l aprtura dl mrcato ai cosiddtti opratori di tlfonia mobil virtual. Tali intrvnti consntirbbro anch di ridurr il rischio di potnziali comportamnti collusivi, trascurati dai rcnti provvdimnti, ma sicuramnt rilvanti pr il bnssr di consumatori. Rifrimnti Bibliografici 110 AGCM-AGCOM (2006), Indagin conoscitiva sui contributi di ricarica ni srvizi di tlfonia mobil a crdito prpagato. Armstrong, M., Vickrs, J., Comptitiv pric discrimination RAND Journal of Economics, vol (4). Battaggion M.R., Corrochr N., Zirulia L., Tlfonia mobil costi di ricarica: un di battito aprto, Economia Politica Industrial, vol Corrochr N., Zirulia L., Innovation and Comptition in th Mobil Communications Srvic Industry. Papr prsntato alla SPRU 40 Annivrsary Confrnc Brighton, Sttmbr Grzybowski L., Estimating switching costs in th mobil tlcommunication industry in th UK. Mimo L J., Kim Y., L J., Park Y., (2005) Estimating th xtnt of potntial comptition in th Koran mobil tlcommunications markt: switching costs and numbr portability, Intrnational Journal of Industrial Organization, di prossima pubblicazion. Motta M., Polo M., Economia Politica dlla Concorrnza, Il Mulino, Bologna Stol L., (2003) Pric Discrimination and Imprfct Comptition, Handbook of Industrial Organization, di prossima pubblicazion. numro 2/2007 Argomnti Mrcato

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie Consumatori in cifr L impatto dll libralizzazioni sull conomia dll famigli Michl Cavuoti Marco Pirani Uno dgli asptti pr i quali si è fino a ora cotraddistinto il scondo Govrno Prodi è qullo dl rilancio

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi Politica nrgtica costi in bolltta Giorgio Ragazzi Il przzo dll nrgia lttrica in Italia è uno di più alti d Europa. Tra i vari motivi, in qusto articolo ci si soffrma in particolar sugli Onri gnrali di

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini Libralizzazion dl commrcio: fors ci siamo? Luca Pllgrini Pr la gran part dlla attività commrciali la libralizzazion è finalmnt arrivata. Ma rsta ancora qualch ara di protzion ingiustificata in alcuni comparti

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane La lunga crisi di consumi dll famigli italian Fdl D Novllis La fas di bassa crscita di consumi in Italia ch si è prodotta dall inizio dl dcnnio dipnd dalla mancata crscita dl rddito dll famigli. Qusta

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

I limiti della pubblicità televisiva

I limiti della pubblicità televisiva Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico Argomnti Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nl mrcato lttrico britannico Pt Moory Il Big Switch ralizzato da Which? - organizzazion di consumatori ingls - è la dimostrazion ch un gruppo d acquisto

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni Tassar i rdditi o i consumi? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Divrs ragioni sono stat avanzat a favor di uno spostamnto dll imposizion dal rddito al consumo, in particolar vrso l Iva: la possibilità di

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008 Consumatori in cifr Il przzo dl ptrolio di carburanti tra maggio sttmbr 2008 Marco Bulfon Introduzion 142 Nl corso dll ultimo anno i przzi intrnazionali di molt matri prim hanno subìto un comportamnto

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT APPROFONDIMENTO MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fas IT G2 CAM - 017 Futuro Rmoto Approfondimnto LIQUIDAZIONI E VERSAMENTI IVA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LIQUIDAZIONE

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente Rsponsabilità dl postggiator diritti dll utnt Danil Monsi Qusto articolo tratta dlla qualificazion giuridica dl contratto atipico di postggio dlla sua assimilabilità al contratto di dposito. La rsponsabilità

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Class action e danno antitrust: il caso traghetti

Class action e danno antitrust: il caso traghetti Argomnti Class action danno antitrust: il caso traghtti Giorgio Affrni L azion di class promossa da Altroconsumo contro l compagni di traghtti pr il sosptto cartllo sull rott pr la Sardgna offr l occasion

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March

La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March La concorrnza nl sttor Rc auto Annalisa Rocchitti March Vngono saminati du asptti dl sttor Rc auto: l andamnto di prmi l introduzion dl sistma d indnnizzo dirtto. I dati sui prmi indicano ch in Italia

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012 Comitato Tcnico Scintifico Attività 2012 fdback sul 2011 Roma, 15 fbbraio 2012 Fdback 2011 ITS national rports ITS Commit mting 15.12.2011 Stakholdrs platform ITSAdvisoryGroup Lgg comunitaria i 2011 2

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto

Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto Gli fftti dll obbligo a contrarr nl mrcato Rc auto Luigi Buzzacchi Michl Siri In qusto lavoro discutiamo il ruolo dll obbligo a contrarr pr l compagni assicurativ dl ramo Rc auto. S n riconoscono gli fftti

Dettagli

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis La ricchzza dll famigli: confronto intrnazional 1 Riccardo D Bonis L articolo confronta la ricchzza dll famigli italian con qulla di altri si Pasi industrializzati. L famigli italian occupano una posizion

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo Il Codic di dontologia in tma di crditi al consumo Fabio Picciolini La rfrnza crditizia riguarda tutti i cittadini l imprs poiché, a front di ogni richista di aprtura di un rapporto crditizio, gli opratori

Dettagli

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti?

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti? L famigli italian: mno risparmio più dbiti? Giorgio Gobbi Silvia Magri 1 Tra il 2000 il 2007 il crdito concsso da banch socità finanziari alla famigli italian è quasi raddoppiato, in prsnza dlla modsta

Dettagli

Politiche fiscali per la famiglia

Politiche fiscali per la famiglia Politich fiscali pr la famiglia Tatiana Onta Lo Stato social fonda l su radici nlla Costituzion: infatti, compito dllo Stato è il sostgno alla famiglia alla matrnità, 1 utilizzando l ntrat gnrat da un

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW PREMESSA 1. La spnding rviw, ch trova appoggio su numros sprinz intrnazionali, è una procdura di govrno lgata all dcisioni, alla gstion al controllo dlla spsa pubblica ch

Dettagli

Come riusciremo a ridurre le emissioni di gas serra nel settore dei trasporti. Angelo Martino e Davide Fiorello

Come riusciremo a ridurre le emissioni di gas serra nel settore dei trasporti. Angelo Martino e Davide Fiorello Argomnti Com riuscirmo a ridurr l missioni di gas srra nl sttor di trasporti Anglo Martino David Fiorllo Uno dgli ambiziosi obittivi dl Libro bianco sui trasporti dll Union uropa prvd la riduzion dl 60%

Dettagli

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino Utnti rgionalizzazion di trasporti Marco Ponti Antonio Laurino S si ccttua, in part, il sttor autostradal, la rgionalizzazion di trasporti pubblici locali è stata quasi insistnt, prché a tutti gli stakholdr,

Dettagli

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1 Argomnti Trrmoti: intrvnto pubblico /o assicurazion privata 1 Luigi Buzzacchi Marcllo Pagnini 2 La prassi italiana basata su intrvnti x post da part dllo Stato nl caso di catastrofi naturali prsnta asptti

Dettagli

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia La pubblicità comparativa in Italia: molti numri poca ironia Antonio Aillo In Italia, la pubblicità comparativa si è contraddistinta soprattutto pr i suoi noiosi confronti tabllari, fondati su numri dati

Dettagli

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO.

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pag. 1/10 REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pr form azion/ addst ram nt o cont inui si intnd la attività di addstramnto, vrbal / o pratico,

Dettagli

Comunicazione periodica agli iscritti per l anno 2012

Comunicazione periodica agli iscritti per l anno 2012 Comunicazion priodica agli iscritti pr l anno 2012 La prsnt comunicazion, rdatta dal Fondo pnsion PREVIMODA scondo lo Schma prdisposto dalla COVIP, vin trasmssa ai soggtti ch risultano iscritti al 31 dicmbr

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

Multiproprietà: recepite le nuove regole

Multiproprietà: recepite le nuove regole Argomnti Multiproprità: rcpit l nuov rgol Valntina Apruzzi L introduzion di principi comunitari nl nostro ordinamnto mdiant il D.Lgs. n. 79/2011 mira a colmar l lacun dlla prcdnt normativa in matria di

Dettagli

Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto

Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto Barbara Baggi Lornzo Zucchi La conoscnza dll assicurazion pr la rsponsabilità civil dgli autovicoli prsnta luci ombr. Grazi a un inchista statistica di Altroconsumo

Dettagli

Detrazione fiscale e risparmio energetico

Detrazione fiscale e risparmio energetico Consumatori in cifr Dtrazion fiscal risparmio nrgtico Giampaolo Valntini I risultati L dtrazioni fiscali dl 55%, 1 in vigor dal gnnaio 2007, hanno costituito il più gnroso sistma di incntivi mai msso in

Dettagli

Le problematiche processuali dell azione collettiva. Giulio Cataldi

Le problematiche processuali dell azione collettiva. Giulio Cataldi L problmatich procssuali dll azion collttiva Giulio Cataldi Un lungo dibattito parlamntar ch ha attravrsato du lgislatur, intrssando a più riprs anch la dottrina, è stato alla fin bruscamnt intrrotto dalla

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Contesto. I dettagli del testo in votazione. Comunicato stampa

Contesto. I dettagli del testo in votazione. Comunicato stampa Dipartimnto fdral dll ambint, di trasporti, dll nrgia dll comunicazioni DATEC Sgrtria gnral SG-DATEC Srvizio stampa Argomntario Risanamnto dlla gallria autostradal dl San Gottardo: posizion dl Consiglio

Dettagli

Tassazione degli strumenti e delle rendite finanziarie: effetti sui comportamenti dei risparmiatori. Riccardo Campi

Tassazione degli strumenti e delle rendite finanziarie: effetti sui comportamenti dei risparmiatori. Riccardo Campi Tassazion dgli strumnti dll rndit finanziari: fftti sui comportamnti di risparmiatori Riccardo Campi La tutla dl risparmio è ssnzial pr fornir all conomia l risors ncssari alla crscita l accsso al crdito

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

Sepa sta per Single euro payments area

Sepa sta per Single euro payments area I consumatori gli strumnti di pagamnto: nuov opportunità Anna Vizzari Spa sta pr Singl uro paymnts ara: ara unica uropa di pagamnti. Dopo il passaggio dfinitivo alla monta unica nl 2002, la Spa intnd offrir

Dettagli

Tariffe di terminazione mobile: tra lobbying e regolazione. Marco Pierani

Tariffe di terminazione mobile: tra lobbying e regolazione. Marco Pierani Tariff di trminazion mobil: tra lobbying rgolazion Marco Pirani Prmssa La storia ch mi apprsto a raccontar dimostra, ov v n foss ancora bisogno, com nl Bl Pas siamo tutti favorvoli alla concorrnza all

Dettagli

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE 1 -LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI BASE - MERCATI FINANZIARI E ASPETTATIVE DUE DEFINIZIONI PER IL TASSO DI INTERESSE Il tasso di intrss in trmini di monta è chiamato tasso di intrss nominal (i). Il tasso di

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi I rifiuti vanno gstiti, non rimossi Antonio Massarutto La gstion di rifiuti è un attività smpr più complssa costosa. Essa coinvolg i produttori di bni, i consumatori gli addtti alla rimozion smaltimnto

Dettagli

Pratiche commerciali scorrette: dagli utonti ai consumatori 1. Marco Pierani

Pratiche commerciali scorrette: dagli utonti ai consumatori 1. Marco Pierani Argomnti Pratich commrciali scorrtt: dagli utonti ai consumatori 1 Marco Pirani L analisi dll dcisioni in matria di pratich commrciali scorrtt dimostra com qusto strumnto di drivazion comunitaria abbia

Dettagli

Servizio post-vendita: il caso degli elettrodomenstici

Servizio post-vendita: il caso degli elettrodomenstici Srvizio post-vndita: il caso dgli lttrodomnstici Nicola Saccani L offrta di srvizi contstual alla vndita post-vndita, in molti sttori di bni di consumo durvol, è divntato un fattor diffrnziant d un arma

Dettagli

In breve. Segnalazioni. Dall Italia. a cura di Luisa Crisigiovanni

In breve. Segnalazioni. Dall Italia. a cura di Luisa Crisigiovanni Sgnalazioni In brv a cura di Luisa Crisigiovanni Dall Italia Luisa Crisigiovanni Altroconsumo Associazion Indipndnt di Consumatori Canon Rai - Garant pr la Protzion di Dati Prsonali Il Garant pr la Protzion

Dettagli

Il costo di cittadinanza

Il costo di cittadinanza Il costo di cittadinanza Brnardo Pizztti La rinnovata attnzion di opinion pubblica Parlamnto al sttor di srvizi pubblici locali non può ssr limitata ai soli asptti di organizzazion di srvizi, ma dv ssr

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento COMUNE DI PALERMO Ara dll Politich di Sviluppo Fondi Strutturali Palazzo Calltti - Piazza Marìna, n.46-90133 PALERMO Tl.0917406363 Sito inlrnt h h h.comun.!alrmo it c.a.p. 90133 c.f. 80016350821 Al Sig.

Dettagli